9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine"

Transcript

1 CONOSCERE COMUNICARE CRESCERE 9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi (2/211/2010) Progetto realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. 1

2 L equilibrio che un impresa mantiene all interno di un mercato è frutto di un meccanismo delicato. La capacità di essere concorrenziali, di competere con altre aziende sullo stesso territorio, di saper innovare e affermarsi sul mercato sono infatti abilità generate da fattori diversi, a volte lontani, non sempre facilmente conciliabili e spesso impegnativi in termini di risorse umane e costi finanziari. La Direzione d impresa ha il compito di armonizzare queste voci diverse, coordinandole come farebbe un direttore con gli elementi di un orchestra, in modo da rendere ogni singolo strumento parte dell insieme. Ogni impresa, quindi, piccola, media o grande che sia, è chiamata dal territorio a suonare la propria sinfonia operando al meglio nel proprio settore di riferimento. La gestione e comunicazione della conoscenza sono due elementi fondamentali di questo grande ensemble e, come ogni strumento musicale va opportunamente accordato e collocato nel posto che gli appartiene nell orchestra, così la comunicazione e la conoscenza vanno impiegate al meglio delle loro potenzialità. Anch esse vanno dunque curate, mantenute, sviluppate e fatte suonare con azioni e investimenti adeguati e mirati. Il progetto FSE Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi 1 (n. 2/211/2010), realizzato da EURAC e TIS sul territorio altoatesino, ha identificato alcune strategie che permettono all azienda di migliorare la gestione delle proprie risorse, ottimizzare lo scambio di informazioni interno ed esterno, migliorare la gestione del bilinguismo e del plurilinguismo, nonché di individuare gli strumenti adatti a situarsi in modo concorrenziale sul mercato. Si tratta di strategie che non ricorrono necessariamente a misure costose e complesse, ma puntano alla razionalizzazione del patrimonio che l impresa già possiede. Il consiglio base è infatti cercare di ottimizzare sfruttando al meglio il potenziale esistente. 1 Il progetto è stato realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. 2

3 1. Comunicare internamente: per sfruttare meglio le competenze esistenti In un azienda è molto importante essere a conoscenza delle competenze linguistiche, traduttive e comunicative dello staff. Arrangiarsi con il proprio livello di conoscenza della seconda lingua o di altre lingue a lungo termine può infatti risultare controproducente per l azienda stessa. In tal senso è importante verificare quali competenze siano già presenti ed eventualmente valutare come aiutare i propri collaboratori a mantenerle e migliorarle. A titolo di esempio, per lo staff neoassunto si potrebbero prevedere introduzioni alla lingua e terminologia specialistica dell azienda, che accompagnino l acquisizione di informazioni sulle attività e i processi aziendali, eventualmente nelle due o più lingue in cui i collaboratori si troveranno ad utilizzare la terminologia. Così si facilita il processo di integrazione del personale nuovo. Si può inoltre favorire un aggiornamento continuo per mantenere e consolidare le competenze linguistiche esistenti. Ciò può avvenire sia in maniera formale, cioè con corsi mirati, sia in maniera informale e sfruttando risorse esistenti, ossia sostenendo, ad esempio, la comunicazione tra colleghi di lingua diversa facendo loro condividere l ufficio, oppure incoraggiando la creazione di tandem linguistici, cioè conversazioni informali tra due persone di madrelingua diversa che usano alternativamente la lingua altrui. 3

4 2. Comunicare verso l esterno: per posizionarsi meglio sul mercato Comunicare in maniera precisa ed efficace può rivelarsi una strategia vantaggiosa e molto competitiva. Una comunicazione aziendale ben concepita può infatti rafforzare l immagine dell azienda e la sua posizione di mercato. Una comunicazione non curata e poco sistematica può invece comportare ripercussioni negative sull immagine dell azienda, se non addirittura costi aggiuntivi. Ad esempio, gli errori di traduzione possono essere concausa di incomprensioni ed errate interpretazioni e portare a ritardi nelle attività, ripetute necessità di chiarimenti e persino a richieste di risarcimento. È quindi consigliabile formare in modo continuo il personale che traduce, prevedendo interventi formativi mirati a fornire le basi pratiche e teoriche relative all attività traduttiva a chiunque in azienda si trovi ad affrontare, anche solo saltuariamente, questo tipo di attività. L utilità della formazione si può massimizzare incentrandone il contenuto sulle lingue utilizzate in azienda, sulla propria terminologia settoriale e sulle tipologia testuali più frequenti. È utile anche ottimizzare lo scambio e il lavoro di gruppo prevedendo la revisione reciproca di testi e traduzioni (quattro occhi vedono meglio di due!). In tal senso l Alto Adige ha un notevole vantaggio rispetto ad altri territori: almeno per le lingue ufficiali della Provincia è spesso possibile sottoporre i testi prodotti o tradotti alla revisione di una persona madrelingua. È una strategia che merita di essere perseguita in maniera molto più sistematica di quanto non accada attualmente. In generale, favorire consapevolezza e attenzione alle differenze culturali per comunicare meglio con i diversi mercati è un punto di forza: un testo tedesco per l Alto Adige sarà diverso da un testo tedesco per la Germania, un testo inglese per la Gran Bretagna sarà diverso da un testo in inglese per la Cina. Si tratta di uno degli aspetti base di cui tiene conto una buona traduzione e basta poco per far sì che chiunque debba redigere dei testi in azienda si ricordi questo aspetto fondamentale di una strategia comunicativa mirata ed efficace. Una buona politica in materia di gestione delle risorse linguistiche consiste anche nell assumere, ove possibile, staff proveniente dai mercati di destinazione dell azienda, cioè di persone che portino con sé le necessarie competenze linguistiche e culturali a sostegno delle attività aziendali. Infine, anche accogliere in tirocinio studenti o laureati di lingua straniera oppure che posseggano una formazione in traduzione può presentare notevoli vantaggi per l azienda. Esistono dei programmi specifici per questo tipo di cooperazione con il mondo universitario. Ad esempio, le università italiane prevedono dei tirocini curricolari obbligatori presso le aziende, mentre il Programma europeo Leonardo da Vinci 2 copre le spese (es. vitto, alloggio, assicurazione) degli studenti stranieri che lavorano in azienda per tutta la durata del tirocinio. Questa forma di collaborazione permette alle aziende di 2 4

5 avviare una cooperazione con le università e con il mondo della ricerca, nonché di acquisire - almeno temporaneamente - delle competenze linguistiche o traduttive specifiche in azienda. Infine, attraverso un tirocinio si possono individuare potenziali candidati all assunzione valutandone da vicino le abilità e le competenze tecniche e relazionali. 5

6 3. Comunicare tramite un traduttore professionista: come ottimizzare la collaborazione Se l azienda si avvale dei servizi di traduttori, siano essi personale interno o professionisti esterni, è consigliabile seguire alcuni accorgimenti al fine di ottimizzare tempi e costi delle traduzioni e assicurare continuità, qualità e coerenza ai propri testi: è necessario richiedere il servizio per tempo; alle traduzioni urgenti affidate a professionisti esterni e ad agenzie di traduzione può essere applicato un sovrapprezzo; pianificare per tempo consente quindi di risparmiare; è importante preavvisare i traduttori che sarà inviata una traduzione urgente in modo da consentire loro di riservare del tempo per stilare la traduzione e, se necessario, di trovare dei colleghi a cui assegnare delle parti affinché si riesca a rispettare le scadenze; è molto utile specificare il quadro in cui i traduttori devono operare, indicando quindi non solo la lingua in cui il testo deve essere tradotto e la data di consegna, ma anche quali sono i destinatari e qual è lo scopo delle traduzioni; così si consente ai traduttori di utilizzare lo stile e il registro più adatti alle circostanze; specificare ai traduttori se sarà utilizzato solo il testo tradotto o anche l originale è un metodo per ottimizzare il loro lavoro; si può infatti pregarli di correggere refusi e fare presenti eventuali incongruenze nel testo originale che dovrebbero comunque studiare bene per produrre la traduzione; in questo modo si può migliorare anche il testo originale grazie al processo di traduzione; sarebbe opportuno consegnare ai traduttori tutta la documentazione di riferimento affinché possano stilare una traduzione coerente e corretta in meno tempo; l etica professionale impone comunque ai traduttori di trattare i documenti con la massima riservatezza; indicare una persona di contatto in azienda può essere utile per chiarire eventuali dubbi o incongruenze nel testo, così si può giungere a una traduzione di qualità in minor tempo, migliorando al contempo anche il testo di partenza, se le incomprensioni dovessero essere dovute alle formulazioni presenti nell originale; è consigliabile prevedere un feedback ai traduttori, ad esempio dopo un incarico importante, segnalando eventuali preferenze terminologiche e di stile o eventuali errori; ciò consente di migliorare e velocizzare le traduzioni future; evitare di cambiare traduttore ogni volta che si renda necessaria una traduzione: instaurare rapporti duraturi con gli stessi traduttori consente loro di acquisire nel tempo una profonda conoscenza dello stile comunicativo, della terminologia e degli obiettivi aziendali, implementandoli al meglio nelle traduzioni future. 6

7 4. Comunicare in maniera precisa e corretta: la terminologia aziendale La terminologia aziendale è parte integrante dell identità aziendale: una terminologia chiara, corretta e coerente è la base di una comunicazione aziendale efficace sia verso l esterno sia al proprio interno. Il cliente identifica infatti i termini con il brand della società e con i relativi prodotti. Correttezza e coerenza evitano sprechi e perdite di tempo (riferiti a costi diretti e indiretti), malintesi con clienti/fornitori e possibili conseguenze giuridiche. Gestire bene la terminologia aziendale facilita e velocizza la redazione di testi e la loro traduzione. La terminologia riguarda tutti: coinvolge ogni reparto, da quello amministrativo a quello commerciale. Per tale motivo è importante che essa sia liberamente a disposizione di tutti al fine di garantire coerenza in qualsiasi circostanza e in qualsiasi tipo di testo. È quindi consigliabile creare glossari, ad es. sotto forma di semplici liste di termini a due o più colonne con corrispondenze uno a uno tra un termine e i suoi traducenti oppure di liste più elaborate contenenti anche informazioni aggiuntive (es. definizioni, note d uso, termine preferito), a seconda delle esigenze dell azienda. Per fare ciò non è strettamente necessario avvalersi, almeno fino a un certo volume di dati, di software dedicati. Può essere sufficiente uno strumento di uso comune, come ad esempio MS Excel. È opportuno tenere presente che l impegno iniziale, in termini di risorse temporali, umane e finanziarie, non è da sottovalutare. Tuttavia, alcuni studi (D. Gust 2007:34) stimano che l investimento si ripaghi in massimo un anno, se non in minor tempo, se il volume di terminologia da gestire è contenuto. 7

8 5. Cooperare con altre imprese e le università: il gruppo di lavoro Le imprese sono immerse in una realtà sempre più complessa, in cui le informazioni giungono numerose e in forma disaggregata. L impresa deve gestire tutti questi input dall esterno e talvolta non dispone delle risorse necessarie, né in termini finanziari né di competenze. Il gruppo di lavoro con le altre imprese e le università rappresenta lo strumento per garantirsi conoscenze che rispondano al bisogno di continuo aggiornamento dal mondo esterno, pur contenendo i costi. Indispensabili premesse sono: la scelta dei componenti del gruppo, che deve avvenire per competenza, e la definizione di obiettivi condivisi. Infatti, in virtù del lavoro di squadra dei singoli componenti del gruppo, è possibile: individuare e selezionare, in brevissimo tempo, le informazioni più utili; disporre di informazioni e competenze non solo commerciali, bensì anche scientifiche; trattare più apertamente le tematiche concordate, senza cadere nella trappola della riservatezza costituta dal segreto aziendale o dai brevetti; approfondire gli argomenti e quindi rispondere ai bisogni di conoscenza individuali; elaborare in modo condiviso possibili proposte e potenziali sviluppi. Quelli elencati sono solo alcuni dei vantaggi che questo strumento consente di ottenere. La conoscenza delle persone che formano il gruppo di lavoro costituisce una rete che può offrire informazioni preziose ben al di là alle tematiche definite dall obiettivo del gruppo. Nel caso in cui l impresa partecipi ad altri gruppi di lavoro si crea gradualmente una rete di contatti che la lega strettamente al proprio territorio, fornendole così informazioni sui bisogni che emergono a livello locale e che sono indispensabili per uno sviluppo mirato dei propri prodotti e servizi. 8

9 6. Condividere le proprie conoscenze: il knowledge sharing Oggi la conoscenza è largamente diffusa e distribuita nel mondo, ad esempio grazie ad internet. Questa diffusione rappresenta un notevole vantaggio per le imprese. Ma come può un impresa raccogliere nel minor tempo possibile tutte le conoscenze utili allo sviluppo dei propri prodotti e servizi? Alcune si affidano a supporti tecnologici, altre all open innovation. Tuttavia, il risultato offerto da questi strumenti può essere costoso o complesso, tanto che non di rado le imprese ripiegano su altre soluzioni per raccogliere e diffondere informazioni al proprio interno, come le riunioni, gli incontri informali e i gruppi di lavoro. Questi metodi sono però ormai percepiti come insufficienti dalle imprese: serve qualcosa di più. Condividere le conoscenze dell impresa rappresenta la strategia che più di ogni altra permette di mettere insieme, scambiare e incrementare le informazioni e le competenze del proprio personale. Una maggiore condivisione fa sì che ogni collaboratore si prenda carico delle scelte dell impresa e si impegni a realizzarle. Per l impresa significa: mettere a diposizione molte più informazioni; oltre ai compiti e le attività che ognuno, per contratto, è chiamato a svolgere e alle informazioni sugli impianti e le attrezzature necessarie per garantire l esecuzione dei lavori, vanno condivise anche tutte quelle informazioni che possono servire ai collaboratori per far accrescere le proprie conoscenze, diventando così in grado di fornire un contributo allo sviluppo dei prodotti/servizi dell impresa; far partecipare i collaboratori alle decisioni aziendali, raccogliendo dal proprio personale tutti gli input necessari; condividere le decisioni finali, affinché nessuno possa dissociarsi dalle decisioni prese e contribuisca in seguito al raggiungimento dell obiettivo prefissato. 9

10 7. Adottare nuovi modelli organizzativi: i modelli espliciti I modelli organizzativi utilizzati dalle aziende in maniera implicita sembrano essere viziati dalla ricerca dell efficienza assoluta, che si presenta in termini di rispetto delle regole e delle scadenze. Questa ricerca dell efficienza ha come conseguenza l attribuzione di responsabilità al singolo piuttosto che alla squadra e di ricerca dello sbaglio fatto dal singolo piuttosto che dell errore nel processo. Ne consegue una modalità organizzativa di tipo gerarchico o funzionale, in cui la leadership e l autorità sono riconosciute a determinati ruoli o funzioni aziendali sui quali ricade tutta la responsabilità. Anche strumenti come il gruppo di lavoro vengono utilizzati con un approccio sostanzialmente gerarchico: il gruppo di lavoro è finalizzato al raggiungimento di risultati specifici e di durata certa, le dinamiche di gruppo si perdono nelle abituali relazioni uno a uno tra i membri del gruppo e tutte le interazioni sono incentrate sul controllo che tutto si svolga secondo le direttive. Sono infatti ancora rare le imprese altoatesine, tranne quelle di grandi dimensioni, che utilizzano modelli organizzativi che funzionano per progetto, nelle quali cioè il cliente e/o il prodotto costituiscono il progetto gestito da un gruppo. Si propone dunque l adozione di modelli organizzativi espliciti (esterni all azienda) che si fondino non soltanto sul controllo delle prestazioni e sulla verifica dei tempi e delle strategie, bensì sull efficienza conseguita nella gestione delle risorse umane. Le imprese sono quindi chiamate a passare da modelli organizzativi gerarchici e funzionali a modelli per progetto. La caratteristica essenziale dei modelli organizzativi espliciti è la responsabilità condivisa rispetto al piano imprenditoriale (adesione al progetto imprenditoriale). Ciò significa favorire il lavoro di squadra, in cui i ruoli coinvolti si muovono sapendo anticipare le necessità che possono emergere e sentendosi responsabili della gestione dell assetto organizzativo. 10

11 8. Orientare l azienda alla comunità d imprese: la business community La conoscenza d impresa viene normalmente generata sulla base di indicazioni trasferite dai vertici ai ruoli aziendali. È inoltre fortemente ancorata sia allo sviluppo dei prodotti già esistenti, sia alla creazione di nuovi prodotti della stessa linea. Nel processo di generazione della conoscenza le imprese non sempre si richiamano all appartenenza ad una comunità di imprese oppure ad un territorio specifico (con i suoi cittadini), captandone le relative esigenze. In particolare, le modalità gerarchiche e fondate sull individuo costituiscono l antitesi di processi molto più generativi quali le reti, la flessibilità e l innovazione organizzativa. L impresa dovrebbe dunque mirare a riferirsi alla comunità di imprese di cui fa parte, sintonizzandosi sulle esigenze del mercato, ma anche su quelle del proprio territorio. Ciò significa riuscire a collocare l azienda non solo in una filiera di mercato, ma in una filiera delle esigenze e dei bisogni del territorio. In sintesi, il rapporto con il territorio permette di appartenere a una filiera della conoscenza che si suddivide su due livelli: la filiera di mercato (orizzontale), che permette di ricevere e condividere input esterni da imprese, università, centri di ricerca e la filiera di comunità (verticale, integrata con il territorio), che consente di ricevere e condividere input dai luoghi in cui l impresa opera. La filiera di comunità genera costantemente nuove domande e bisogni, che da un lato favoriscono i processi di innovazione e dall altro lato generano valore e benessere per il territorio in cui sono inserite. 11

12 9. Maturare e crescere continuamente: ricerca e sviluppo di conoscenza Le imprese ricevono input dall esterno e li elaborano al proprio interno per poi sviluppare i propri prodotti/servizi (innovazione incrementale). L aspetto critico di questa modalità è che, se da un lato lo sviluppo di conoscenza avviene nel miglioramento continuo dei dettagli del prodotto, dall altro lato comporta costi elevati sia di sviluppo del prodotto che del suo posizionamento nel mercato. La strategia proposta è l istituzione di processi di creazione dei prodotti fondati sulla ricerca e lo sviluppo continuo di conoscenza e di teoria, che siano in grado di configurare realtà nuove e conoscenze trasferibili nel tempo. Ciò significa, prendendo a riferimento le imprese più tecnologiche, che gli input sia esterni sia interni modificano continuamente i riferimenti teorici dell impresa, permettendo in tal modo di migliorare il proprio prodotto o servizio. Per applicare questa strategia è dunque necessario staccarsi dall aspetto materiale e concreto dei prodotti e servizi per prendere in considerazione le teorie che consentono di realizzarli. 12

13 Contatti Per informazioni e approfondimenti contattare: Istituto di Comunicazione Specialistica e Plurilinguismo EURAC research Viale Druso 1 I Bolzano Tel Fax TIS Innovation Park via Siemens 19 I Bolzano Tel Fax Data di pubblicazione 31 luglio 2013 Autori Elena Chiocchetti, Roberto Farina, Natascia Ralli, Lorenzo Zanasi Revisori Marika Borsetto, Isabella Stanizzi 13

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Dobrý den! Guten Tag! Hola! Bonjour! Hej! Hello! Shalom! Un mondo più comprensibile

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE

COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COLLABOR@ ORGANIZZA RIUNIONI ON-LINE DA QUALUNQUE PC RECUPERA IL TUO TEMPO TAGLIA I COSTI DEI TUOI SPOSTAMENTI RISPETTA L AMBIENTE COSA E QUANDO SERVE PERCHE USARLO E un servizio di Cloud Computing dedicato

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli