9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine"

Transcript

1 CONOSCERE COMUNICARE CRESCERE 9 strategie di knowledge management per le imprese altoatesine Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi (2/211/2010) Progetto realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. 1

2 L equilibrio che un impresa mantiene all interno di un mercato è frutto di un meccanismo delicato. La capacità di essere concorrenziali, di competere con altre aziende sullo stesso territorio, di saper innovare e affermarsi sul mercato sono infatti abilità generate da fattori diversi, a volte lontani, non sempre facilmente conciliabili e spesso impegnativi in termini di risorse umane e costi finanziari. La Direzione d impresa ha il compito di armonizzare queste voci diverse, coordinandole come farebbe un direttore con gli elementi di un orchestra, in modo da rendere ogni singolo strumento parte dell insieme. Ogni impresa, quindi, piccola, media o grande che sia, è chiamata dal territorio a suonare la propria sinfonia operando al meglio nel proprio settore di riferimento. La gestione e comunicazione della conoscenza sono due elementi fondamentali di questo grande ensemble e, come ogni strumento musicale va opportunamente accordato e collocato nel posto che gli appartiene nell orchestra, così la comunicazione e la conoscenza vanno impiegate al meglio delle loro potenzialità. Anch esse vanno dunque curate, mantenute, sviluppate e fatte suonare con azioni e investimenti adeguati e mirati. Il progetto FSE Comunicazione d impresa: verso nuovi orizzonti competitivi 1 (n. 2/211/2010), realizzato da EURAC e TIS sul territorio altoatesino, ha identificato alcune strategie che permettono all azienda di migliorare la gestione delle proprie risorse, ottimizzare lo scambio di informazioni interno ed esterno, migliorare la gestione del bilinguismo e del plurilinguismo, nonché di individuare gli strumenti adatti a situarsi in modo concorrenziale sul mercato. Si tratta di strategie che non ricorrono necessariamente a misure costose e complesse, ma puntano alla razionalizzazione del patrimonio che l impresa già possiede. Il consiglio base è infatti cercare di ottimizzare sfruttando al meglio il potenziale esistente. 1 Il progetto è stato realizzato grazie al finanziamento dell Unione Europea - Fondo Sociale Europeo, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Provincia autonoma di Bolzano. 2

3 1. Comunicare internamente: per sfruttare meglio le competenze esistenti In un azienda è molto importante essere a conoscenza delle competenze linguistiche, traduttive e comunicative dello staff. Arrangiarsi con il proprio livello di conoscenza della seconda lingua o di altre lingue a lungo termine può infatti risultare controproducente per l azienda stessa. In tal senso è importante verificare quali competenze siano già presenti ed eventualmente valutare come aiutare i propri collaboratori a mantenerle e migliorarle. A titolo di esempio, per lo staff neoassunto si potrebbero prevedere introduzioni alla lingua e terminologia specialistica dell azienda, che accompagnino l acquisizione di informazioni sulle attività e i processi aziendali, eventualmente nelle due o più lingue in cui i collaboratori si troveranno ad utilizzare la terminologia. Così si facilita il processo di integrazione del personale nuovo. Si può inoltre favorire un aggiornamento continuo per mantenere e consolidare le competenze linguistiche esistenti. Ciò può avvenire sia in maniera formale, cioè con corsi mirati, sia in maniera informale e sfruttando risorse esistenti, ossia sostenendo, ad esempio, la comunicazione tra colleghi di lingua diversa facendo loro condividere l ufficio, oppure incoraggiando la creazione di tandem linguistici, cioè conversazioni informali tra due persone di madrelingua diversa che usano alternativamente la lingua altrui. 3

4 2. Comunicare verso l esterno: per posizionarsi meglio sul mercato Comunicare in maniera precisa ed efficace può rivelarsi una strategia vantaggiosa e molto competitiva. Una comunicazione aziendale ben concepita può infatti rafforzare l immagine dell azienda e la sua posizione di mercato. Una comunicazione non curata e poco sistematica può invece comportare ripercussioni negative sull immagine dell azienda, se non addirittura costi aggiuntivi. Ad esempio, gli errori di traduzione possono essere concausa di incomprensioni ed errate interpretazioni e portare a ritardi nelle attività, ripetute necessità di chiarimenti e persino a richieste di risarcimento. È quindi consigliabile formare in modo continuo il personale che traduce, prevedendo interventi formativi mirati a fornire le basi pratiche e teoriche relative all attività traduttiva a chiunque in azienda si trovi ad affrontare, anche solo saltuariamente, questo tipo di attività. L utilità della formazione si può massimizzare incentrandone il contenuto sulle lingue utilizzate in azienda, sulla propria terminologia settoriale e sulle tipologia testuali più frequenti. È utile anche ottimizzare lo scambio e il lavoro di gruppo prevedendo la revisione reciproca di testi e traduzioni (quattro occhi vedono meglio di due!). In tal senso l Alto Adige ha un notevole vantaggio rispetto ad altri territori: almeno per le lingue ufficiali della Provincia è spesso possibile sottoporre i testi prodotti o tradotti alla revisione di una persona madrelingua. È una strategia che merita di essere perseguita in maniera molto più sistematica di quanto non accada attualmente. In generale, favorire consapevolezza e attenzione alle differenze culturali per comunicare meglio con i diversi mercati è un punto di forza: un testo tedesco per l Alto Adige sarà diverso da un testo tedesco per la Germania, un testo inglese per la Gran Bretagna sarà diverso da un testo in inglese per la Cina. Si tratta di uno degli aspetti base di cui tiene conto una buona traduzione e basta poco per far sì che chiunque debba redigere dei testi in azienda si ricordi questo aspetto fondamentale di una strategia comunicativa mirata ed efficace. Una buona politica in materia di gestione delle risorse linguistiche consiste anche nell assumere, ove possibile, staff proveniente dai mercati di destinazione dell azienda, cioè di persone che portino con sé le necessarie competenze linguistiche e culturali a sostegno delle attività aziendali. Infine, anche accogliere in tirocinio studenti o laureati di lingua straniera oppure che posseggano una formazione in traduzione può presentare notevoli vantaggi per l azienda. Esistono dei programmi specifici per questo tipo di cooperazione con il mondo universitario. Ad esempio, le università italiane prevedono dei tirocini curricolari obbligatori presso le aziende, mentre il Programma europeo Leonardo da Vinci 2 copre le spese (es. vitto, alloggio, assicurazione) degli studenti stranieri che lavorano in azienda per tutta la durata del tirocinio. Questa forma di collaborazione permette alle aziende di 2 4

5 avviare una cooperazione con le università e con il mondo della ricerca, nonché di acquisire - almeno temporaneamente - delle competenze linguistiche o traduttive specifiche in azienda. Infine, attraverso un tirocinio si possono individuare potenziali candidati all assunzione valutandone da vicino le abilità e le competenze tecniche e relazionali. 5

6 3. Comunicare tramite un traduttore professionista: come ottimizzare la collaborazione Se l azienda si avvale dei servizi di traduttori, siano essi personale interno o professionisti esterni, è consigliabile seguire alcuni accorgimenti al fine di ottimizzare tempi e costi delle traduzioni e assicurare continuità, qualità e coerenza ai propri testi: è necessario richiedere il servizio per tempo; alle traduzioni urgenti affidate a professionisti esterni e ad agenzie di traduzione può essere applicato un sovrapprezzo; pianificare per tempo consente quindi di risparmiare; è importante preavvisare i traduttori che sarà inviata una traduzione urgente in modo da consentire loro di riservare del tempo per stilare la traduzione e, se necessario, di trovare dei colleghi a cui assegnare delle parti affinché si riesca a rispettare le scadenze; è molto utile specificare il quadro in cui i traduttori devono operare, indicando quindi non solo la lingua in cui il testo deve essere tradotto e la data di consegna, ma anche quali sono i destinatari e qual è lo scopo delle traduzioni; così si consente ai traduttori di utilizzare lo stile e il registro più adatti alle circostanze; specificare ai traduttori se sarà utilizzato solo il testo tradotto o anche l originale è un metodo per ottimizzare il loro lavoro; si può infatti pregarli di correggere refusi e fare presenti eventuali incongruenze nel testo originale che dovrebbero comunque studiare bene per produrre la traduzione; in questo modo si può migliorare anche il testo originale grazie al processo di traduzione; sarebbe opportuno consegnare ai traduttori tutta la documentazione di riferimento affinché possano stilare una traduzione coerente e corretta in meno tempo; l etica professionale impone comunque ai traduttori di trattare i documenti con la massima riservatezza; indicare una persona di contatto in azienda può essere utile per chiarire eventuali dubbi o incongruenze nel testo, così si può giungere a una traduzione di qualità in minor tempo, migliorando al contempo anche il testo di partenza, se le incomprensioni dovessero essere dovute alle formulazioni presenti nell originale; è consigliabile prevedere un feedback ai traduttori, ad esempio dopo un incarico importante, segnalando eventuali preferenze terminologiche e di stile o eventuali errori; ciò consente di migliorare e velocizzare le traduzioni future; evitare di cambiare traduttore ogni volta che si renda necessaria una traduzione: instaurare rapporti duraturi con gli stessi traduttori consente loro di acquisire nel tempo una profonda conoscenza dello stile comunicativo, della terminologia e degli obiettivi aziendali, implementandoli al meglio nelle traduzioni future. 6

7 4. Comunicare in maniera precisa e corretta: la terminologia aziendale La terminologia aziendale è parte integrante dell identità aziendale: una terminologia chiara, corretta e coerente è la base di una comunicazione aziendale efficace sia verso l esterno sia al proprio interno. Il cliente identifica infatti i termini con il brand della società e con i relativi prodotti. Correttezza e coerenza evitano sprechi e perdite di tempo (riferiti a costi diretti e indiretti), malintesi con clienti/fornitori e possibili conseguenze giuridiche. Gestire bene la terminologia aziendale facilita e velocizza la redazione di testi e la loro traduzione. La terminologia riguarda tutti: coinvolge ogni reparto, da quello amministrativo a quello commerciale. Per tale motivo è importante che essa sia liberamente a disposizione di tutti al fine di garantire coerenza in qualsiasi circostanza e in qualsiasi tipo di testo. È quindi consigliabile creare glossari, ad es. sotto forma di semplici liste di termini a due o più colonne con corrispondenze uno a uno tra un termine e i suoi traducenti oppure di liste più elaborate contenenti anche informazioni aggiuntive (es. definizioni, note d uso, termine preferito), a seconda delle esigenze dell azienda. Per fare ciò non è strettamente necessario avvalersi, almeno fino a un certo volume di dati, di software dedicati. Può essere sufficiente uno strumento di uso comune, come ad esempio MS Excel. È opportuno tenere presente che l impegno iniziale, in termini di risorse temporali, umane e finanziarie, non è da sottovalutare. Tuttavia, alcuni studi (D. Gust 2007:34) stimano che l investimento si ripaghi in massimo un anno, se non in minor tempo, se il volume di terminologia da gestire è contenuto. 7

8 5. Cooperare con altre imprese e le università: il gruppo di lavoro Le imprese sono immerse in una realtà sempre più complessa, in cui le informazioni giungono numerose e in forma disaggregata. L impresa deve gestire tutti questi input dall esterno e talvolta non dispone delle risorse necessarie, né in termini finanziari né di competenze. Il gruppo di lavoro con le altre imprese e le università rappresenta lo strumento per garantirsi conoscenze che rispondano al bisogno di continuo aggiornamento dal mondo esterno, pur contenendo i costi. Indispensabili premesse sono: la scelta dei componenti del gruppo, che deve avvenire per competenza, e la definizione di obiettivi condivisi. Infatti, in virtù del lavoro di squadra dei singoli componenti del gruppo, è possibile: individuare e selezionare, in brevissimo tempo, le informazioni più utili; disporre di informazioni e competenze non solo commerciali, bensì anche scientifiche; trattare più apertamente le tematiche concordate, senza cadere nella trappola della riservatezza costituta dal segreto aziendale o dai brevetti; approfondire gli argomenti e quindi rispondere ai bisogni di conoscenza individuali; elaborare in modo condiviso possibili proposte e potenziali sviluppi. Quelli elencati sono solo alcuni dei vantaggi che questo strumento consente di ottenere. La conoscenza delle persone che formano il gruppo di lavoro costituisce una rete che può offrire informazioni preziose ben al di là alle tematiche definite dall obiettivo del gruppo. Nel caso in cui l impresa partecipi ad altri gruppi di lavoro si crea gradualmente una rete di contatti che la lega strettamente al proprio territorio, fornendole così informazioni sui bisogni che emergono a livello locale e che sono indispensabili per uno sviluppo mirato dei propri prodotti e servizi. 8

9 6. Condividere le proprie conoscenze: il knowledge sharing Oggi la conoscenza è largamente diffusa e distribuita nel mondo, ad esempio grazie ad internet. Questa diffusione rappresenta un notevole vantaggio per le imprese. Ma come può un impresa raccogliere nel minor tempo possibile tutte le conoscenze utili allo sviluppo dei propri prodotti e servizi? Alcune si affidano a supporti tecnologici, altre all open innovation. Tuttavia, il risultato offerto da questi strumenti può essere costoso o complesso, tanto che non di rado le imprese ripiegano su altre soluzioni per raccogliere e diffondere informazioni al proprio interno, come le riunioni, gli incontri informali e i gruppi di lavoro. Questi metodi sono però ormai percepiti come insufficienti dalle imprese: serve qualcosa di più. Condividere le conoscenze dell impresa rappresenta la strategia che più di ogni altra permette di mettere insieme, scambiare e incrementare le informazioni e le competenze del proprio personale. Una maggiore condivisione fa sì che ogni collaboratore si prenda carico delle scelte dell impresa e si impegni a realizzarle. Per l impresa significa: mettere a diposizione molte più informazioni; oltre ai compiti e le attività che ognuno, per contratto, è chiamato a svolgere e alle informazioni sugli impianti e le attrezzature necessarie per garantire l esecuzione dei lavori, vanno condivise anche tutte quelle informazioni che possono servire ai collaboratori per far accrescere le proprie conoscenze, diventando così in grado di fornire un contributo allo sviluppo dei prodotti/servizi dell impresa; far partecipare i collaboratori alle decisioni aziendali, raccogliendo dal proprio personale tutti gli input necessari; condividere le decisioni finali, affinché nessuno possa dissociarsi dalle decisioni prese e contribuisca in seguito al raggiungimento dell obiettivo prefissato. 9

10 7. Adottare nuovi modelli organizzativi: i modelli espliciti I modelli organizzativi utilizzati dalle aziende in maniera implicita sembrano essere viziati dalla ricerca dell efficienza assoluta, che si presenta in termini di rispetto delle regole e delle scadenze. Questa ricerca dell efficienza ha come conseguenza l attribuzione di responsabilità al singolo piuttosto che alla squadra e di ricerca dello sbaglio fatto dal singolo piuttosto che dell errore nel processo. Ne consegue una modalità organizzativa di tipo gerarchico o funzionale, in cui la leadership e l autorità sono riconosciute a determinati ruoli o funzioni aziendali sui quali ricade tutta la responsabilità. Anche strumenti come il gruppo di lavoro vengono utilizzati con un approccio sostanzialmente gerarchico: il gruppo di lavoro è finalizzato al raggiungimento di risultati specifici e di durata certa, le dinamiche di gruppo si perdono nelle abituali relazioni uno a uno tra i membri del gruppo e tutte le interazioni sono incentrate sul controllo che tutto si svolga secondo le direttive. Sono infatti ancora rare le imprese altoatesine, tranne quelle di grandi dimensioni, che utilizzano modelli organizzativi che funzionano per progetto, nelle quali cioè il cliente e/o il prodotto costituiscono il progetto gestito da un gruppo. Si propone dunque l adozione di modelli organizzativi espliciti (esterni all azienda) che si fondino non soltanto sul controllo delle prestazioni e sulla verifica dei tempi e delle strategie, bensì sull efficienza conseguita nella gestione delle risorse umane. Le imprese sono quindi chiamate a passare da modelli organizzativi gerarchici e funzionali a modelli per progetto. La caratteristica essenziale dei modelli organizzativi espliciti è la responsabilità condivisa rispetto al piano imprenditoriale (adesione al progetto imprenditoriale). Ciò significa favorire il lavoro di squadra, in cui i ruoli coinvolti si muovono sapendo anticipare le necessità che possono emergere e sentendosi responsabili della gestione dell assetto organizzativo. 10

11 8. Orientare l azienda alla comunità d imprese: la business community La conoscenza d impresa viene normalmente generata sulla base di indicazioni trasferite dai vertici ai ruoli aziendali. È inoltre fortemente ancorata sia allo sviluppo dei prodotti già esistenti, sia alla creazione di nuovi prodotti della stessa linea. Nel processo di generazione della conoscenza le imprese non sempre si richiamano all appartenenza ad una comunità di imprese oppure ad un territorio specifico (con i suoi cittadini), captandone le relative esigenze. In particolare, le modalità gerarchiche e fondate sull individuo costituiscono l antitesi di processi molto più generativi quali le reti, la flessibilità e l innovazione organizzativa. L impresa dovrebbe dunque mirare a riferirsi alla comunità di imprese di cui fa parte, sintonizzandosi sulle esigenze del mercato, ma anche su quelle del proprio territorio. Ciò significa riuscire a collocare l azienda non solo in una filiera di mercato, ma in una filiera delle esigenze e dei bisogni del territorio. In sintesi, il rapporto con il territorio permette di appartenere a una filiera della conoscenza che si suddivide su due livelli: la filiera di mercato (orizzontale), che permette di ricevere e condividere input esterni da imprese, università, centri di ricerca e la filiera di comunità (verticale, integrata con il territorio), che consente di ricevere e condividere input dai luoghi in cui l impresa opera. La filiera di comunità genera costantemente nuove domande e bisogni, che da un lato favoriscono i processi di innovazione e dall altro lato generano valore e benessere per il territorio in cui sono inserite. 11

12 9. Maturare e crescere continuamente: ricerca e sviluppo di conoscenza Le imprese ricevono input dall esterno e li elaborano al proprio interno per poi sviluppare i propri prodotti/servizi (innovazione incrementale). L aspetto critico di questa modalità è che, se da un lato lo sviluppo di conoscenza avviene nel miglioramento continuo dei dettagli del prodotto, dall altro lato comporta costi elevati sia di sviluppo del prodotto che del suo posizionamento nel mercato. La strategia proposta è l istituzione di processi di creazione dei prodotti fondati sulla ricerca e lo sviluppo continuo di conoscenza e di teoria, che siano in grado di configurare realtà nuove e conoscenze trasferibili nel tempo. Ciò significa, prendendo a riferimento le imprese più tecnologiche, che gli input sia esterni sia interni modificano continuamente i riferimenti teorici dell impresa, permettendo in tal modo di migliorare il proprio prodotto o servizio. Per applicare questa strategia è dunque necessario staccarsi dall aspetto materiale e concreto dei prodotti e servizi per prendere in considerazione le teorie che consentono di realizzarli. 12

13 Contatti Per informazioni e approfondimenti contattare: Istituto di Comunicazione Specialistica e Plurilinguismo EURAC research Viale Druso 1 I Bolzano Tel Fax TIS Innovation Park via Siemens 19 I Bolzano Tel Fax Data di pubblicazione 31 luglio 2013 Autori Elena Chiocchetti, Roberto Farina, Natascia Ralli, Lorenzo Zanasi Revisori Marika Borsetto, Isabella Stanizzi 13

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali Premessa Con. Solida ed Euricse condividono un approccio e un metodo per la realizzazione ed

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Il progetto di riordino dell istruzione tecnica intende rilanciare a pieno titolo gli Istituti Tecnici quale migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

Istituto scolastico beneficiario:

Istituto scolastico beneficiario: FORMULARIO DEL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO - 10^ edizione triennio 2012-2015 autorizzato con D.D.G. AOODRPU Prot. n. 795 del 29/01/2013 (consegna entro il 30/09/2013 rosa.derosa@istruzione.it;

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Procedura Gestione delle Risorse Umane

Procedura Gestione delle Risorse Umane Pag. 1 di 7 Procedura Gestione delle Risorse Umane Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 23.09.2015 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITÀ...2 4. PROCESSO

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE Mission La nostra mission sono due Mission: l Azienda e la Persona. Artemis opera sul mercato per individuare i professionisti più idonei a gestire i processi di cambiamento e di

Dettagli

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE E EXECUTIVE SEARCH. (definita RSP)

RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE E EXECUTIVE SEARCH. (definita RSP) RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE E EXECUTIVE SEARCH (definita RSP) Cos è? E una attività di natura consulenziale per fornire supporto e servizi professionali, svolta in modalità organizzata in nome e/o

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli