OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino"

Transcript

1 OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino

2 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia deputato: alla ricezione delle pratiche edilizie o di ogni altro atto di assenso comunque denominato in materia di attività edilizia; a fornire informazioni sulle materie di cui sopra, previa predisposizione di un archivio informatico contenente i necessari elementi normativi, che consenta a chiunque vi abbia interesse l accesso gratuito, anche in via telematica, alle informazioni sugli adempimenti necessari per lo svolgimento delle procedure, all elenco delle domande presentate, allo stato del loro iter procedurale, e a tutte le possibili informazioni utili disponibili; all adozione dei provvedimenti in tema di accesso ai documenti amministrativi in favore di chiunque vi abbia interesse (articolo 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241); al rilascio di certificazioni attestanti le prescrizioni normative e le determinazioni a carattere urbanistico, paesaggistico - ambientale, edilizio; alla cura dei rapporti tra l amministrazione comunale, il privato e le altre amministrazioni chiamate a pronunciarsi. Lo sportello unico costituisce il punto di incontro tra cittadino e struttura; è la sede ove si deposita la domanda, dove si ritirano atti e provvedimenti; ove si forniscono e si ottengono chiarimenti, si integrano documentazioni, si controlla lo stato della pratica, si discutono le questioni attinenti al procedimento nel rispetto degli obblighi di trasparenza e in termini di reciproca leale collaborazione; lo sportello unico è altresì il protocollo di entrata della struttura unica. Occorre pertanto che gli Enti prevedano, accanto alle misure di tipo organizzativo, l adozione di idonei strumenti informatici di supporto ad una gestione del procedimento autorizzatorio rinnovata e sottoposta a vincoli di trasparenza, controllo e fruibilità. OPENSUE offre un supporto concreto ed efficace al Comune per la gestione delle pratiche edilizie. La soluzione integra, all interno di un Workflow Management System basato su piattaforma WEB, un insieme di servizi a supporto dei tecnici coinvolti nella gestione delle pratiche edilizie, consentendo di fornire contestualmente un servizio efficiente e trasparente all utente finale (il cittadino). Con OpenSUE la pratica viene gestita senza ausilio di alcun supporto cartaceo, snellendo l interazione tra gli attori coinvolti nel procedimento che comunicano attraverso il WEB pareri, risposte, comunicazioni, etc. Utilizzando OpenSUE si apprezzano i seguenti principali benefici: Semplificazione della gestione di ogni singola pratica Monitoraggio delle scadenze previste dalla legge Disponibilità di un archivio elettronico consultabile attraverso ricerche anche avanzate e personalizzate Elaborazione immediata dei dati economici attinenti ad ogni singola pratica Gestione dei dati catastali e TARSU degli immobili Gestione delle rateizzazioni dei pagamenti degli oneri da parte del cittadino Produzione in tempo reale di tutta la documentazione necessaria (Reportistica, Comunicazioni, Relazioni, Provvedimenti) Consultazione in tempo reale dello stato di una pratica Pubblicazione su internet con accesso autenticato delle informazioni riguardanti le pratiche del cittadino Gestione e monitoraggio dei carichi di lavoro

3 3 COME FUNZIONA OPENSUE OPENSUE è una piattaforma per la gestione del procedimento (workflow) configurata appositamente per gestire i processi di lavoro che si dipartono dalla sportello unico. In questo senso, oltre a gestire il front end dello sportello e l interazione con il cittadino, lo scadenziario, il recovery delle pratiche, della documentazione, etc. è configurato per gestire l iter di lavoro all interno degli uffici comunali e degli Enti terzi. Il prodotto, completamente fruibile via WEB, è un Workflow Mangement System e permette di gestire le operazioni di assegnazione e smistamento della documentazione sulla base di un flusso di attività logicamente connesse (preconfigurato sul sistema) in cui vengono indicati: i partecipanti, le attività da eseguire, le istruzioni operative, i tempi di esecuzione, le azioni di controllo, chi fa - cosa fa - come lo fa - quando lo fa. ORGANIGRAMMA All installazione del prodotto si configura sul sistema l Organigramma dell ente, definendo Uffici, Ruoli, Persone, Gruppi di lavoro e Autorizzazioni sulle attività del procedimento. All interno dell Organigramma possono essere configurate anche strutture esterne al Comune (ad es. Ufficio competente della ASL, Vigili del Fuoco, Ufficio Sismico della Regione, etc.) le quali avranno, attraverso WEB, un accesso al sistema per le attività di propria competenza. AGENDA ATTIVITA Sulle proprie postazioni di lavoro, gli utenti definiti all interno dell Organigramma hanno a disposizione una workarea con una Agenda elettronica su cui il sistema smista le singole attività alle persone preposte (partecipanti). Le attività sono smistate alle singole persone in base all ITER del procedimento definito all interno del sistema. Al click di una singola attività all interno dell Agenda il Sistema presenta un Help che suggerisce all utente le operazioni da eseguire.

4 4 ATTIVITÀ GESTITE E SUPPORTATE DA OPENSUE: Con OPENSUE l utente ha a disposizione un sistema condiviso predisposto per gestire tutte le fasi di una pratica edilizia: Ricezione elettronica dell istanza del cittadino Istruttoria Inoltro della pratica all ufficio di competenza Richiesta dei pareri Adozione del provvedimento autorizzatorio Fasi successive al rilascio del permesso di costruire Controllo dei tempi di lavorazione con allarmi Monitoraggio della pratica (in quale ufficio si trova, per quale adempimento, tempo trascorso dall accettazione, documenti allegati) Compilazione automatica dei documenti (comunicazioni, provvedimenti, convocazioni, etc.) Firma digitale dei documenti Gestione dei pagamenti con rateizzazione Reportistica per Agenzia Entrate e ISTAT Reportistica sulle pratiche (concluse, in corso, etc.) Ricerche per nome, tipologia, data, stato di lavorazione, responsabile, etc ISTRUTTORIA/ACCETTAZIONE Al momento dell accettazione, il sistema consente di verificare la completezza della documentazione presentata attrverso una check list di controllo. Il sistema consente inoltre il caricamento sul sistema anche dei seguenti dati inerenti la pratica: - Dati catastali con controllo di asservimento disponibile - Classificazione TARSU

5 5 NOMINA RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Il sistema consente la nomina del responsabile del procedimento nei 15 giorni successivi all accettazione. RICHIESTA PARERI Il sistema consente di inviare elettronicamente agli uffici/enti preposti la richiesta di parere, allegando tutta la documentazione elettronica relativa alla pratica. CONVOCAZIONE CONFERENZA DEI SERVIZI Il sistema consente di inviare elettronicamente la convocazione alla Conferenza dei Servizi ai responsabili preposti ad esprimere i pareri.

6 INTEGRAZIONE CON IL SISTEMA CARTOGRAFICO COMUNALE OPENSUE può essere facilmente integrato con il Sistema Cartografico in uso presso il Comune, per la registrazione delle particelle asservite dal procedimento con idividuazione anche grafica degli asservimenti totali e parziali. 6

7 7 VERIFICA AUTOMATICA ASSERVIMENTI PRESENTI Il sistema permette di verificare in automatico se la particella interessata è libera da asservimenti RICHIESTA INTEGRAZIONE DOCUMENTALE Il sistema consente di monitorare i tempi entro i quali è possibile richiedere una integrazione documentale al cittadino. Consente inoltre di autocomporre parzialmente la richiesta da inviare al cittadino. PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO Il sistema autocompone la relazione relativa alla proposta di provvedimento con i dati della pratica.

8 8 CALCOLO AUTOMATICO DEGLI ONERI OPENSUE consente di calcolare automaticamente oneri di urbanizzazione e costi di costruzione prelevando automaticamente le tariffe di calcolo dal database delle aliquote vigenti per il Comune, precedentemente configurate. AVVISO DI RILASCIO E PUBBLICAZIONE ALL ALBO Il sistema controlla lo stato dei pagamenti prima dell emissione del permesso di costruire, autocompone il porvvedimento finale e consente la pubblicazione all albo dell avviso di rilascio.

9 9 GESTIONE RATEIZZAZIONE E SCADENZIARIO PAGAMENTI Il sistema gestisce la rateizzazione dei pagamenti e genera in autocomposizione la richiesta di adempimenti da inviare al cittadino con il calcolo e la rateizzazione degli oneri, e delle polizze fideiussorie. OPENSUE per ogni pratica effettua il monitoraggio delle scadenze dei pagamenti e ad ogni rata in scadenza avvisa l utente con messaggi di warning, consentendo la generazione automatica degli avvisi da inviare al cittadino. GESTIONE DELLE FASI SUCCESSIVE AL RILASCIO DEL PERMESSO OPENSUE non si limita a gestire la sola fase autorizzatoria della pratica, ma supporta tutte le fasi successive sino alla chiusura definitiva: Registrazione inizio lavori Registrazione fine lavori Gestione dei depositi previsti dal DPR comprende la autocomposizione della ricevuta da cosnsegnare al cittadino e la trasmissione degli atti all Ufficio Tecnico Regionale Gestione delle proroghe di inizio e fine lavori Gestione sospensione dei lavori e decadenza permesso Gestione richiesta Certificato Agibilità RICERCHE E REPORTISTICA Uno dei vantagi più significativi che deriva dalla gestione di OPENSUE è la disponibilità di un archivio elettronico completo di tutti i dati relativi alle pratiche e completamente interrogabile in base alla specifica esigenza dell operatore. Con OPENSUE è possibile effettuare ricerche personalizzate con aggregazione di dati diversi e produrre report utili alla normale attività laovrativa. RICERCA AVANZATA LISTA PRATICHE

10 10 REPORT STATO INCASSO ONERI REPORT DIRITTI

11 BUSINESS CONSOLE La Business Console è un tool messo a disposizione da OPENSUE che supporta l Ufficio Tecnico nella elaborazione di statistiche sui carichi di lavoro, sulle tempistiche medie di lavorazione delle pratiche, sulle previsioni economiche annue. 11

12 12 PRIVACY OPENSUE è conforme alle disposizioni dettate dall'art. 34 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 normativa sulla privacy. Potenza - Via della Tecnica n Tel Fax Pisa - Via Gramsci n. 12 Tel Fax Cerignola (FG) - Viale di Levante n. 125 Tel Fax

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI PASTORANO Provincia di Caserta

COMUNE DI PASTORANO Provincia di Caserta COMUNE DI PASTORANO Provincia di Caserta Via L. Caracciolo n. 6-81050 Pastorano (CE) - Tel.: 0823-879021 - Fax: 0823-879335 - C.F. e P. I.V.A.: 02703380614 Sito internet: http://www.pastorano.gov.it SPORTELLO

Dettagli

3.4 PROGRAMMA 08: URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. DIRIGENTE SETTORE TECNICO

3.4 PROGRAMMA 08: URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. DIRIGENTE SETTORE TECNICO 3.4 PROGRAMMA 08: URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO N. 0 EVENTUALI PROGETTI NEL PROGRAMMA RESPONSABILE SIG. DIRIGENTE SETTORE TECNICO 3.4.1. Descrizione del programma URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale Edilizio

Sistema Informativo Territoriale Edilizio Sistema Informativo Territoriale Edilizio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Sistema Integrato Territoriale Edilizio Sportello unico per l edilizia - Ufficio tecnico La problematica riguardante la normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Sportello Unico digitale per L Edilizia (Sud-E)

Sportello Unico digitale per L Edilizia (Sud-E) Sportello Unico digitale per L Edilizia (Sud-E) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Invio telematico delle pratiche edilizie Il servizio gestisce l iter della pratica edilizia in tutte le fasi, dall'istruttoria al

Dettagli

del 09/07/2010), autorizzazioni, comunicazioni varie, nulla osta, pareri preventivi, segnalazioni di abusi e relative sanatorie, accer-

del 09/07/2010), autorizzazioni, comunicazioni varie, nulla osta, pareri preventivi, segnalazioni di abusi e relative sanatorie, accer- Gestione di tutti i procedimenti per lo Sportello Unico dell Edilizia (S.U.E.) personalizzabili in base alle varie normative statali e regionali. Gestione di ogni Strumento Urbanistico e di tutti i Piani

Dettagli

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento

Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 18 del 09.08.2012. Art. 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI PERMESSO DI RICERCA DELLE ACQUE MINERALI, DI SORGENTE E TERMALI. attribuite ai Comuni dalla l.r. 27 Luglio 2004, n.38 Approvato con deliberazione

Dettagli

Si.Re. Informatica S.r.l. Via Gavi, n. 26-15067 Novi Ligure (AL)- Telefono 0143 329507 Fax 0143 314412

Si.Re. Informatica S.r.l. Via Gavi, n. 26-15067 Novi Ligure (AL)- Telefono 0143 329507 Fax 0143 314412 Si.Re. Informatica S.r.l. Via Gavi, n. 26-15067 Novi Ligure (AL)- Telefono 0143 329507 Fax 0143 314412 ARCHI versione 7 Gestione dell edilizia privata Gestione Sportello Unico Edilizia Consulenze Procedure

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 MUDE Piemonte Adempimenti per i Comuni STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 Aggiornamento casella di posta elettronica per comunicazioni 3 3.3; 3.3.1;

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO AREA URBANISTICA E AMBIENTE

COMUNE DI BRACCIANO AREA URBANISTICA E AMBIENTE COMUNE DI BRACCIANO AREA URBANISTICA E AMBIENTE Tariffe diritti segreteria istruttoria pratiche edilizie certificazioni accesso atti Deliberazione della Giunta Comunale numero 333 del 12 / 08 / 2014 Certificato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A R E G O L A M E N T O D I O R G A N I Z Z A Z I O N E E F U N Z I O N A M E N T O D E L L O S P O

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve (Approvato con Deliberazione della Giunta n. 8 del 30/12/2010) (Modificato con Deliberazioni della

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE (Artt. 119 e 123 della l.r. 21/1/2015, n. 1) Protocollo n. del. Pratica n.

PERMESSO DI COSTRUIRE (Artt. 119 e 123 della l.r. 21/1/2015, n. 1) Protocollo n. del. Pratica n. Allegato_B_istanza_PERMESSO PERMESSO DI COSTRUIRE (Artt. 119 e 123 della l.r. 21/1/2015, n. 1) Protocollo n. Comune di del Provincia di Pratica n. (Spazio protocollo informatico) Al Responsabile/Dirigente

Dettagli

MANUALE D USO. Versione 1.4

MANUALE D USO. Versione 1.4 MANUALE D USO EDILGIS SUAP Versione 1.4 Il software EdilGis@SUAP è stato realizzato per una completa gestione dei procedimenti, degli endoprocedimenti e delle fasi procedimentali riguardanti le Pratiche

Dettagli

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE

SOFTWARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO SPORTELLO UNICO SPECIFICA DEI REQUISITI UTENTE Pag. 1 di 8 SOFTWARE A SUPPORTO DELLA (VERS. 2.1) Pubblicazione delle domande presentate allo Sportello Unico Specifica dei Requisiti Utente Codice Identificativo VERIFICHE ED APPROVAZIONI REV. REDAZIONE

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi

SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Carta di Qualità dei Servizi SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE Carta di Qualità dei Servizi Presentazione del servizio 1. Presentazione generale Il SUE (Sportello Unico per l'edilizia) - art. 5 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico

Dettagli

COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE

COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE L INFORMATIZZAZIONE DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI IL MODELLO DI GESTIONE DEL TERRITORIO E LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI PUBBLICI ATTRAVERSO LA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia

LEGGE REGIONALE N.15 30 LUGLIO 2013 Semplificazione della disciplina edilizia N.15 30 LUGLIO 2013 Analisi delle principali novità e prime indicazioni operative Ravenna, 26 settembre 2013 Sala D Attorre Art 1 Principi generali In coerenza con il titolo V costituzione e con i principi

Dettagli

Comune di Monserrato

Comune di Monserrato Comune di Monserrato Assessorato alle attività produttive Tutto quello che devi sapere sullo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) Cos è E un nuovo sistema per semplificare e snellire le procedure

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE

LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA DELLE PRATICHE AL SUAP DELL UNIONE APPENNINO BOLOGNESE (Provincia di Bologna) CASTEL D AIANO CASTEL DI CASIO CASTIGLIONE DEI PEPOLI GAGGIO MONTANO GRIZZANA MORANDI MARZABOTTO MONZUNO SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO VERGATO LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE TELEMATICA

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo Front Office e Back Office Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Indice 1. Configurazione Software 1.1 Configurazione della PEC in OpenSUAP 2. Front Office OpenSUAP 2.1 Utilizzo Front

Dettagli

PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO DEL PROCEDIMENTO UNICO DECRETO DI AUTORIZZAZIONE N 5611/EC/2013 DEL 25/11/2013 IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO SUAP

PROVVEDIMENTO CONCLUSIVO DEL PROCEDIMENTO UNICO DECRETO DI AUTORIZZAZIONE N 5611/EC/2013 DEL 25/11/2013 IL RESPONSABILE DELLO SPORTELLO SUAP CITTÁ DI MONSELICE P.zza San Marco, 1 35043 Monselice (PD) Tel. (0429) 786911 Fax (0429) 73092 monselice.pd@cert.ip-veneto.net Codice Fiscale 00654440288 GESTIONE PROMOZIONE DEL TERRITORIO SERVIZI TECNICI

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti Uno strumento per la semplificazione M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti un sistema per la Pubblica Amministrazione una risorsa per le Imprese 19 aprile 2011 Videoconferenza di presentazione INDICE

Dettagli

I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE V6.2 LC

I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE I PROGETTI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE V6.2 LC V6.2 LC Provincia di Roma SIDG Sistema Informativo Deliberazioni Giunta (RIUSO ) SID Sistema Informativo Determinazioni (RIUSO) SIL Sistema Informativo Liquidazioni ((RIUSO) DOCUMENTI CONTABILE (RIUSO

Dettagli

Il progetto BresciaGov della Provincia di Brescia

Il progetto BresciaGov della Provincia di Brescia T Il progetto BresciaGov della Provincia di Brescia Popolazione interessata / ambito territoriale coperto: 1.242.923 abitanti (185 Comuni aderenti al progetto) Ambito Progetto: e-government Settore: Innovazione

Dettagli

Forum Pa 2012. Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30

Forum Pa 2012. Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30 Tribunale per i Minorenni di Napoli Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Forum Pa 2012 Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30 Servizi all

Dettagli

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione.

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Il silenzio dell Amministrazione potrebbe essere la spia di un mal funzionamento della stessa, alla luce della

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia Tempio REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO Provincia Olbia Tempio REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI REGOLAMENTO GESTIONE SEGNALAZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI INDICE Art. 1 Finalità e obiettivi Art. 2 Definizioni Art. 3 Ambito di applicazione Art. 4 Procedura organizzativa per la gestione delle segnalazioni,

Dettagli

La digitalizzazione delle richieste di finanziamento: il caso Coopfidi. Samir Derbal, Responsabile ICT Coopfidi Roma, 11 giugno 2015

La digitalizzazione delle richieste di finanziamento: il caso Coopfidi. Samir Derbal, Responsabile ICT Coopfidi Roma, 11 giugno 2015 La digitalizzazione delle richieste di finanziamento: il caso Coopfidi Samir Derbal, Responsabile ICT Coopfidi Roma, 11 giugno 2015 L azienda Coopfidi opera per facilitare l accesso al credito delle imprese

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO TRA l Istituto Regionale per le Ville Venete (IRVV) rappresentato dal Direttore

Dettagli

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori)

Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Attività di edilizia libera (Comunicazione Inizio Lavori) Descrizione del procedimento e riferimenti normativi Le attività di edilizia libera sono individuate all art. 6 D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380. Ai

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Forum Pa 2012. Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30

Forum Pa 2012. Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30 Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Forum Pa 2012 Seminario 17 Maggio 2012 ore 15.30-17.30 Servizi all utenza e sportelli polifunzionali

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI DOMUS DE MARIA PROVINCIA DI CAGLIARI AREA TECNICA AL SEGRETARIO COMUNALE SEDE OGGETTO: PROCEDIMENTI AREA TECNICA Dal regolamento di organizzazione degli uffici e servizi approvato dalla Giunta

Dettagli

MUDEC -Modello Unico Digitale per l Edilizia e il Catasto (Cret@) a cura di Domenico Modaffari

MUDEC -Modello Unico Digitale per l Edilizia e il Catasto (Cret@) a cura di Domenico Modaffari PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario La semplificazione delle procedure per le

Dettagli

Professional Solutions

Professional Solutions Console Telematici Cassetto Fiscale Catasto Immobili Console Telematici Gli obiettivi La finalità è quella di supportare l utente in tutte le fasi della gestione dei flussi telematici che sono diventati

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 27 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014. Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi

La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014. Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi La Semplificazione delle Procedure Amministrative LISTINO 2014 Serietà, competenza e professionalità caratterizzano i nostri servizi APM SERVICES SRL 20144 Milano, Via Savona n. 2/A Tel. 02 86453881 r.a

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Modello di gestione del territorio

Modello di gestione del territorio www.paesit.eu Modello di gestione del territorio L informatizzazione per la pubblica amministrazione e per il privato - DATABASE GEOGRAFICI - APPLICATIVI SOFTWARE - SERVIZI WEB - CONFERENZE TELEMATICHE

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2

Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2 Implementazione di strutture di servizio all impresa nei rapporti con i SUAP: Progetto Semplifica 2 1 Scenario di riferimento La riforma della disciplina degli Sportelli Unici per le attività produttive

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 21 del 05-03-2012 Oggetto:Aggiornamento dei diritti di segreteria da applicarsi alle pratiche edilizie e di

Dettagli

Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 18 dd. 27.01.2014

Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 18 dd. 27.01.2014 Edilizia Privata Edilizia Privata Gestione degli atti abilitativi (concessioni edilizie, permessi di costruire, autorizzazioni paesaggistiche, agibilità edilizia, ecc.) Controllo della segnalazione di

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014

Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014 Incontro pubblico Schio, 25 febbraio 2014 Diamoci una mano Presentazione del progetto sperimentale di innovazione delle procedure edilizie. Comune di Schio L evoluzione della sperimentazione 2013 L'Unità

Dettagli

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA AREA: USO ASSETTO TERRIT. UFFICIO: URBANISTICA Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 05-08-14 N.75 O G G E T T O APPROVAZIONE

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI...

INDICE CAPO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 DEFINIZIONI... 4 ART. 3 - PRINCIPI GENERALI... COMUNE V I B O N A T I PROVINCIA SALERNO R E G O L A M E N TO DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE ( AGGIORNATO ALLA LEGGE 69/2009 E S.M. APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 38 DEL29.12.2010)

Dettagli

www.suap.info Sommario

www.suap.info Sommario SwG-SUAP SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE www.suap.info Sommario L ARCHITETTURA DEL SISTEMA LE FUNZIONALITA EVOLUZIONI PREVISTE AREA UTENTI

Dettagli

GEDECO. Gestione Demanio Comunale

GEDECO. Gestione Demanio Comunale GEDECO Gestione Demanio Comunale Il modulo GEDECO gestisce le occupazioni che insistono su area demaniale marittima e specchi acquei per i quali si applicano le disposizioni previste dalla Legge 27.12.2006,

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo- Obiettivo Convergenza 2007-2013 Asse E - Capacità istituzionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Richiesta Contributo alla Ricostruzione Domanda ed Istruttoria Comunale. 6 settembre 2012

Richiesta Contributo alla Ricostruzione Domanda ed Istruttoria Comunale. 6 settembre 2012 COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE SISTEMA INFORMATIVO PER LA RICOSTRUZIONE Ordinanza n. 23 del 14 agosto 2012 Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 e s.m.i. Richiesta Contributo alla Ricostruzione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380)

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Bollo COMUNE DI PADOVA Settore Edilizia Privata Via Frà Paolo Sarpi, 2 - Padova Tel. 0498204707 - Fax 0498204645 DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/200 n. 380) Domanda n / RICHIEDENTE Il sottoscritto

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 Lo Studio K S.r.l. offre un prodotto in grado di soddisfare con estrema flessibilità quanto previsto dal quadro normativo vigente in materia di Protocollo

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

3.1 Iscrizione ABF..4

3.1 Iscrizione ABF..4 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Abbreviazioni e definizioni.3 3. Corpo della procedura..3 3.1 Iscrizione ABF..4 3.2 Ufficio preposto alla gestione dei reclami....4 3.3 Gestione operativa reclami

Dettagli

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a)

Procedimenti (art 9, lett. a)) Livello di rischio (art. 5, lett. a) (art 9, lett. a)) (art. 5, lett. a) SCHEDA N. 1: APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto

Dettagli

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Capo I Finalità e definizioni Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1)

La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1) www.globogis.it La gestione geografica dei procedimenti nell ente (SOLO1) Modulo base Sessione1 Introduzione SOLO1: la filosofia, l interfaccia ed il soggettario Argomenti Logistica e contenuti del corso

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo)

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo) Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila Piano delle Performance 2014 (preventivo) In caso l Amministrazione o la Direzione Generale assegni obiettivi in corso d anno

Dettagli

************************************************ CONVENZIONE

************************************************ CONVENZIONE Spettabile POSTE ITALIANE S.P.A. Commerciale Imprese e P.A. Area Territoriale Lombardia Alla c.a. dott Dario Chiarin. OGGETTO: Servizio Bene Comune Pacchetto Integrato - offerto da Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA)

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) AMBITO DI APPLICAZIONE DEL DPR 160/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 20/03/2013 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI SULL ESERCIZIO

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI

AREA AFFARI GENERALI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI ITER DELIBERE/DETERMINE/ORDINANZE VISUAL. DELIBERE, DETERMINE E ORDINANZE VIA WEB PROTOCOLLO ARCHIVIAZIONE OTTICA DEI DOCUMENTI ARCHIVIAZIONE SOSTITUTIVA ARCHIVIATORE GLOBALE INTEROPERABILITÀ PROTOCOLLO

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA

OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO SERVIZI COMMERCIALI Denominazione della figura OPERATORE AI SERVIZI DI IMPRESA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4. Impiegati

Dettagli

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro

OBIETTIVI PRIMARI. Il Modello Organizzativo dell Ufficio Associato. Comunità Montana Partenio Vallo Di Lauro Progetto di Gestione Associata di Servizi Comunali IL MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UFFICIO ASSOCIATO Pag. 1 OBIETTIVI PRIMARI Un modello ottimale deve raggiungere il miglior equilibrio possibile tra gli

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di

josh Archive! il software per Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di josh Archive! il software per l Archiviazione Documentale josh Archive! per una completa gestione dei processi di Archiviazione Documentale e Conservazione Sostitutiva Cos è josh Archive! Dalla scansione

Dettagli

C U B E A Z I E N D A P R O D O T T I P E R L E I M P R E S E S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E A Z I E N D A L E

C U B E A Z I E N D A P R O D O T T I P E R L E I M P R E S E S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E A Z I E N D A L E C U B E A Z I E N D A P R O D O T T I P E R L E I M P R E S E S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E A Z I E N D A L E I N D I C E 5 S O L U Z I O N E 7 A C H I È O R I E N T A T A 9 P E R C H

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli