CSCW e Groupware. Terminologia (1) CSCW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CSCW e Groupware. Terminologia (1) CSCW"

Transcript

1 CSCW e Groupware Terminologia (1) CSCW computer-supported t cooperative work Disciplina scientifica che studia il lavoro di gruppo e cerca di scoprire come la tecnologia può essere di aiuto Termine prevalentemente accademico usato per la prima volta nel 1984 per un workshop organizzato da Irene Greif (MIT) e David Cashman (DEC) Groupware aka collabtive software Sistemi basati su computer che offrono supporto a gruppi di persone impegnate in un compito (od obiettivo) comune e che forniscono un interfaccia a un ambiente condiviso Termine prevalentemente industriale introdotto nel 1982 da Johnson-Lentz e ampliato da Ellis et al. nel 1991 e da Grudin nel

2 Terminologia (2) Gruppo Insieme di persone impegnate in un compito (od obiettivo) comune Dimensione Da poche unità fino a decine di persone Composizione Intradipartimentale Interdipartimentale Interaziendale Comunità Insieme di persone che condividono un interesse Multidisciplinarietà nel CSCW Informatica Telecomunicazioni Organizzazione aziendale Sociologia Psicologia task people organization technology 2

3 Domini di applicazione del CSCW Sil Sviluppo software Molte informazioni già disponibili in formato elettronico Persone già familiari con tecnologie ICT Formazione Supporto per formazione in presenza Formazione a distanza Ricerca scientifica Il web nacque come applicazione per la collabzione di fisici Anche il grid computing è stato t ideato per la collabzione di gruppi di ricerca Telelavoro Management Progettazione di prodotti industriali Medicina Classificazione 3C basso Grado di interazione tra i componenti del gruppo Comunicazione Scambio di informazioni tra i componenti del gruppo Collabzione (in realtà Condivisione) Generazione e utilizzo di informazioni condivise Possibilità di lavre contempneamente a parti differenti di uno stesso oggetto Notifica dei cambiamenti apportati Coordinamento Assegnazione di compiti ai componenti del gruppo Decisioni basate sul consenso del gruppo La conoscenza delle attività svolte e delle decisioni prese evita conflitti e ridondanze alto 3

4 Classificazione spazio-tempo 2x2 (prendendo da DeSanctis & Gallupe, 1987) Classificazione dei groupware in base a: quando i partecipanti lavno, alla stessa o meno dove i partecipanti lavno, nello stesso o meno Nomi comuni per gli assi: tempo: sincrono/asincrono spazio: co-situato/remoto stessa diversa stesso diverso La matrice tempo/spazio stesso diverso stessa conversazione faccia a faccia telefono diversa post-it lettera 4

5 Classificazione applicazioni (1) Borghoff & Schlichter, 2000 Sistemi di messaggistica , liste di distribuzione Secondo (Borghoff & Schlichter, 2000) newsgroup e web forum sono classificabili come non-real-time computer conferencing Sono spesso integrati in altre applicazioni di groupware Editor multiutente Sia asincroni (es. wiki) che sincroni Sistemi di supporto alle decisioni di gruppo (GDSS) Nati per rendere più efficaci le riunioni faccia a faccia Anche noti come: Group support systems (GSS) EMS (Electronic meeting rooms) Classificazione applicazioni (2) Borghoff & Schlichter, 2000 Computer conferencing Non-real-time computer conferencing Interazione asincrona Es. newsgroups, web-based discussion forum Questa sotto-categoria non è presente nella classificazione originale di (Ellis et al. 1991) Real-time computer conferencing Anche nota come Data conferencing (solo dati) Interazione sincrona Teleconferencing Audio/video Desktop conferencing Combinazione di RT computer conf. e teleconf. + application sharing 5

6 Classificazione applicazioni (3) Borghoff & Schlichter, 2000 Shared information spaces Comunicazione implicita e asincrona tramite condivisione di documenti Basati su database: Lotus Notes Basati sul web: BSCW Agenti intelligenti Programmi che svolgono funzioni al di partecipanti umani Es. Ruoli specializzati in conferenze (scriba o moderatore) Es. giocatore in multiplayer games Sistemi di coordinamento Sistemi di gestione calendari e schedulazione Workflow management systems (WFMS) Classificazione per funzione Il lavoro cooperativo coinvolge: i partecipanti che stanno lavndo i manufatti su cui lavno Comprensione Comunicazione Partecipanti P P diretta Manufatti di lavoro A Controllo e feedback 6

7 Quali interazioni supporta uno strumento? - comunicazione i mediata dal computer comunicazione diretta tra i partecipanti sistemi di supporto alle decisioni e alle riunioni comprensione comune applicazioni e manufatti condivisi controllo e feedback con Comprensione gli oggetti di lavoro condivisi sistemi di supporto alle decisioni e alle riunioni comprensione comune Partecipanti P Manufatti di lavoro Comunicazione diretta A P Controllo e feedback comunicazione mediata dal computer comunicazione diretta tra i partecipanti applicazioni e manufatti condivisi controllo e feedback con gli oggetti di lavoro condivisi Riferimenti C. A. Ellis, S. J. Gibbs, G. L. Rein. Groupware: some issues and experiences. Comm. ACM 34, 1 (Jan. 1991), J. Grudin. CSCW: History and Focus. IEEE Computer 27, 5 (May 1994), M. Borghoff, J.H. Schlichter. Computer-Supported Cooperative Work. Springer, 2000, ISBN A. Dix, J. Finlay, G. Abowd, R. Beale. Interazione uomo-macchina. ISBN: McGraw- Hill Libri Italia 7

Introduzione: Fondamenti

Introduzione: Fondamenti Introduzione: Fondamenti CSCW, groupware, software sociale. Multidisciplinarietà nel CSCW. Domini di applicazione del CSCW. Classificazione 3C di Ellis et al. Matrice tempo/spazio. Classificazione software

Dettagli

Gestione della supply chain e commercio collaborativo

Gestione della supply chain e commercio collaborativo Gestione della supply chain e commercio collaborativo Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it La supply chain

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

Le tecnologie informatiche per la collaborazione

Le tecnologie informatiche per la collaborazione II incontro scientifico di facoltà 13 giugno 2007 Le tecnologie informatiche per la collaborazione Marco Colombetti Microstoria del computer Le tre ere del calcolatore elettronico digitale: 1945 1960:

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Gestione della conoscenza Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Automazione del lavoro d ufficio Chiunque può avvalersi di un computer allo scopo di snellire ed ottimizzare il proprio lavoro Voler fare

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa SISTEMI PER L INTEGRAZIONE E PER L ORGANIZZAZIONE DEL GROUPWARE INDICE

Dettagli

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing Scheda Informativa Verizon Net Conferncing Net Conferencing 1.1 Informazioni generali sul Servizio Grazie a Net Conferencing Verizon e alle potenzialità di Internet, potrete condividere la vostra presentazione

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Verona A.A. 2005-06. Comunicazione ed interazione

Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Verona A.A. 2005-06. Comunicazione ed interazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Verona A.A. 2005-06 Comunicazione ed interazione Groupware http://www.solardecathlon.upm.es/index.php?lang=en&module=main&page=1 1 Introduzione Groupware (GW):

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

Master in Computer Game Dev. Interaction Design

Master in Computer Game Dev. Interaction Design Master in Computer Game Dev Interaction Design Il Docente Umberto Castellani (PhD) Ricercatore del Dipartimento di Informatica Università di Verona VIPS (Vision, Image Processing & Sound) (http://vips.sci.univr.it)

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

Parla, Secure Cloud Email

Parla, Secure Cloud Email Parla, Secure Cloud Email Posta elettronica sicura, Calendario, Contatti, Attività, condivisione di file e Note tra i dispositivi Parla con messaggistica istantanea sicura integrata con differenti livelli

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Una breve introduzione. Strumenti IT per la gestione della conoscenza

Una breve introduzione. Strumenti IT per la gestione della conoscenza Una breve introduzione Strumenti IT per la gestione della conoscenza Dati, informazioni e conoscenza I dati sono fatti oggettivi che descrivono eventi o situazioni, ma che non ne forniscono alcuna interpretazione

Dettagli

GROUPWARE. Cos è il Groupware Architetture di Groupware Tipologie di Groupware Conseguenze del Groupware Trends Prodotti. www.vincenzocalabro.

GROUPWARE. Cos è il Groupware Architetture di Groupware Tipologie di Groupware Conseguenze del Groupware Trends Prodotti. www.vincenzocalabro. GROUPWARE Cos è il Groupware Architetture di Groupware Tipologie di Groupware Conseguenze del Groupware Trends Prodotti www.vincenzocalabro.it 1 Definizione di Groupware Caratteristiche delle architetture

Dettagli

OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0

OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0 OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0 OBIETTIVI DELL INTEGRAZIONE INTEGRAZIONE: INTERAZIONE DI UOMINI, PROCESSI E TECNOLOGIE CON L OBIETTIVO DI CREARE UN

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Il Software di Collaborazione diventa tanto più potente quante più persone lo utilizzano. Cosa proponiamo

Il Software di Collaborazione diventa tanto più potente quante più persone lo utilizzano. Cosa proponiamo Il Software di Collaborazione o Groupware è una famiglia di tecnologie informatiche pensate per facilitare e rendere più efficace il lavoro cooperativo da parte di gruppi di persone semplificando lo scambio

Dettagli

soluzioni Open Source a confronto elearning e lavoro collaborativo: e nel lavoro in team Open Source Lab USI Riccardo Mazza 4 Giugno 2008

soluzioni Open Source a confronto elearning e lavoro collaborativo: e nel lavoro in team Open Source Lab USI Riccardo Mazza 4 Giugno 2008 elearning e lavoro collaborativo: soluzioni Open Source a confronto Seminario Il software Open Source nell elearning e nel lavoro in team Open Source Lab USI 4 Giugno 2008 Riccardo Mazza Definizioni elearning:

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

Gli strumenti web 2.0 per la didattica

Gli strumenti web 2.0 per la didattica Gli strumenti web 2.0 per la didattica Simona Azzali, Daniela Casiraghi - Politecnico di Milano strumenti Web 2.0 2 1 Organizzazione di riunioni Organizzazione di sondaggi strumenti Web 2.0 3 1.1 Organizzazione

Dettagli

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Organizzazione dei Sistemi Informativi e outsourcing Insieme di strumenti automatici, manuali, procedure, risorse umane, flussi informativi,

Dettagli

Applicazioni Web e Strumenti di supporto alla cooperazione e per la gestione dei contenuti. Come cooperano i gruppi? Tassonomia Spazio-Tempo

Applicazioni Web e Strumenti di supporto alla cooperazione e per la gestione dei contenuti. Come cooperano i gruppi? Tassonomia Spazio-Tempo Applicazioni Web e Strumenti di supporto alla cooperazione e per la gestione dei contenuti Marco Loregian loregian@disco.unimib unimib.itit Corso di Internet e Nuove Tecnologie Sistemi di supporto alla

Dettagli

IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing

IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing IT-Connect Specto La Piattaforma di Knowledge Sharing www.itconnectitalia.it IT-Connect We Solve IT Piattaforma di Collaboration La soluzione di egovernance per la gestione integrata della conoscenza ITC

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

La posta elettronica in cloud

La posta elettronica in cloud La posta elettronica in cloud www.kinetica.it Cosa significa avere la posta elettronica in cloud? I tuoi archivi di posta non sono residenti su un computer o un server della tua rete, ma su un server di

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi)

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Glossario Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Con adaptive learning ( apprendimento adattivo ) si intende un metodo che utilizza il computer come strumento interattivo per adattare

Dettagli

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda Partner nell Organizzazione della Tua Azienda la potenza della rete, la competenza Spider 4 Web: molto più di un software web-based, un vero e proprio partner nell organizzazione aziendale, che segue il

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Online Collaboration. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Online Collaboration. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Online Collaboration Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard Modulo 7 Collaborazione in rete. Il syllabus descrive, attraverso i risultati

Dettagli

airis consulting Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@airisconsulting.it web: www.airisconsulting.

airis consulting Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@airisconsulting.it web: www.airisconsulting. Via Domenichino, 19-20149 - Milano Tel: 02.43986313 - Fax: 02.43917414 e-mail: info@.it web: www..it Chi siamo AIRIS CONSULTING è una Società di Consulenza di Direzione nata per rispondere al bisogno delle

Dettagli

Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia...Collaboriamo!

Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia...Collaboriamo! Comunichiamo?.. anzi.. Gennaro Panagia - IBM Italia Infrastructure Access Services Leader, IBM Italia..Collaboriamo! IBM Global Technology Services I processi decisionali delle organizzazioni sono fatti

Dettagli

WYS. WATCH YOUR SYSTEMS in any condition

WYS. WATCH YOUR SYSTEMS in any condition WYS WATCH YOUR SYSTEMS in any condition WYS WATCH YOUR SYSTEMS La soluzione WYS: prodotto esclusivo e team di esperienza. V-ision, il team di Interlinea che cura la parte Information Technology, è dotato

Dettagli

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie Il MANAGER e la COMUNICAZIONE Strategie, metodi e nuove tecnologie Manuale per sviluppare le competenze individuali e facilitare il flusso comunicativo all interno e all esterno dell organizzazione Indice

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza

Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A6_1 V1.5 Applicazioni Intranet e gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN

1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN 1 - CODICE PROGETTO 1.2.1 - REALIZZAZIONE LAN 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del Lavoro definisce quale Area 1: organizzazione

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

IEEE Computer Society Italy Chapter. @ Universita di S. Marino Settembre 2008

IEEE Computer Society Italy Chapter. @ Universita di S. Marino Settembre 2008 IEEE Computer Society Italy Chapter @ Universita di S. Marino Settembre 2008 Cos e l IEEE Fondata nel 1884, l IEEE è una organizzazione no-profit con oltre 370.000 soci in 150 nazioni del mondo. L appartenenza

Dettagli

LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO

LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO LA COLLABORAZIONE AL SERVIZIO DELLA CENTRALITÀ DEL DIPENDENTE NELL ENTE PUBBLICO Maggio 2011 Vincenzo Carnovale Unified Communications Solution Sales Microsoft Italia C ERA UNA VOLTA Le persone usavano

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI PASQUALE D'ANDRETI. Nome

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI PASQUALE D'ANDRETI. Nome F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE D'ANDRETI Telefono +39-0776-2993348 Fax +39-0776-299-3908 E-mail dandreti@unicas.it Nazionalità

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

Progettare un Content Management System con le mappe mentali

Progettare un Content Management System con le mappe mentali Progettare un Content Management System con le mappe mentali Ing. Alberto Scocco, Pubblicato su VoiceComm News, n. 4 2002, Ed. ITER Milano Le mappe mentali per il knowledge management in un CMS Un Content

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi Convegno Il benessere organizzativo: esperienze e buone prassi nella gestione dello stress lavoro correlato in Italia Valutazione del rischio stress lavoro-correlato: le migliori prassi Carlo Bisio Psicologo

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem

VMware. Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem VMware Gestione dello shutdown con UPS MetaSystem La struttura informatica di una azienda Se ad esempio consideriamo la struttura di una rete aziendale, i servizi offerti agli utenti possono essere numerosi:

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Finsiel. Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it

GRUPPO TELECOM ITALIA. Finsiel. Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it 1 GRUPPO TELECOM ITALIA Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it 2 Automazione dei processi 3 I Processi produttivi (1) Qualsiasi processo produttivo industriale è basato

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

ECDL. Giovanni Franza

ECDL. Giovanni Franza Giovanni Franza Lo scenario Necessità di conoscenze di informatica applicata Riferimento il saper fare, in maniera informata. Fattore di crescita professionale per la persona. Utilità per l'interlocutore

Dettagli

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS 1 DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunicazione Interna) Bruno Cocchi / (Direzione

Dettagli

e-health: cartella clinica elettronica

e-health: cartella clinica elettronica Obiettivi di Piano 2010 e-health: cartella clinica elettronica Dr. Raffaele Di Lorenzo Centro Regionale di Neurogenetica Lamezia Terme 15 giugno 2013 Cartella Clinica Elettronica Cartella Clinica Elettronica

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Terminologia e Comunicazione

Terminologia e Comunicazione Terminologia e Comunicazione al Parlamento Europeo, tra le istituzioni dell UE e con il mondo esterno Presentazione di Rodolfo Maslias "Comunicare Europa" Università degli Studi di Salerno Novembre 2014

Dettagli

Enterprise Social Networking: Il "collante" per una giusta strategia web. Ma l'integrazione è la chiave di tutto.

Enterprise Social Networking: Il collante per una giusta strategia web. Ma l'integrazione è la chiave di tutto. Enterprise Social Networking: Il "collante" per una giusta strategia web Ma l'integrazione è la chiave di tutto. di Thomas Christel Settembre 2011 1 Nel business, i social network non possono essere slegati

Dettagli

Relatore: Giuseppe Polimeni Sales & Marketing Manager

Relatore: Giuseppe Polimeni Sales & Marketing Manager Forum PA Maggio 27 th, 2015 Relatore: Giuseppe Polimeni Sales & Marketing Manager CORPORATE COUNSELS SEGMENTAZIONE ATTIVITA Invio elettronico degli atti Gestione delle scadenze Indipendentemente dal settore

Dettagli

Documentazione e biblioteche per la PA in rete

Documentazione e biblioteche per la PA in rete Documentazione biblioteche e diffusione dei risultati dei progetti Documentazione e biblioteche per la PA in rete Knowledge organization on the Web ISKO-IWA meeting, 5/9/08 Università degli studi di Napoli

Dettagli

La velocità di un applicazione nativa unita alla condivisione dei dati in tempo reale via web

La velocità di un applicazione nativa unita alla condivisione dei dati in tempo reale via web BusinessLab easy management solution Non si contano più gli applicativi gestionali in commercio. L esperienza mostra, però, come nessun gestionale soddisfi perfettamente le esigenze dell azienda che lo

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Introduzione Introduzione ai sistemi

Dettagli

Il web 2.0 - Definizione

Il web 2.0 - Definizione Web 2.0 e promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - Definizione - E quella parte

Dettagli

VIDEO CONFERENZE NETMEETING

VIDEO CONFERENZE NETMEETING VIDEO CONFERENZE Come prima cosa dobbiamo distinguere che esistono due grande categorie di "canali comunicativi: Non Real Time: che operano in modalità asincrona come la posta elettronica, il web, i newsgroup

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

Informazioni. OpenScape Web Collaboration

Informazioni. OpenScape Web Collaboration Informazioni OpenScape Web Collaboration OpenScape Web Collaboration è una soluzione per conferenze Web scalabile, sicura ed estremamente affidabile per aziende di qualsiasi dimensione. Communication for

Dettagli

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti. Accoglienza, presentazione del corso e delle metodologie on line adottate. 6

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti. Accoglienza, presentazione del corso e delle metodologie on line adottate. 6 Master Utilizzare e gestire ambienti di apprendimento on line Coordinatore del Master: Dott. Giovanni Biondi (pro tempore) Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti 1 - L insegnante, la multimedialità

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing

ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing ShareGrid Una piattaforma di calcolo condivisa per Grid Computing Distributed Computing Systems Group Università del Piemonte Orientale http://dcs.di.unipmn.it sharegrid.admin@topix.it Cos è ShareGrid

Dettagli

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www..it 1 Company Darts Engineering è pmi di consulenza, progettazione e system integration in ambito ICT, che

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

PARTICIPARY NETWORK AND DATABASES. Livio Chiarullo FOR ENVIRONMENTAL RESEARCH AND ASSESSMENT. www.feempandora.it

PARTICIPARY NETWORK AND DATABASES. Livio Chiarullo FOR ENVIRONMENTAL RESEARCH AND ASSESSMENT. www.feempandora.it PARTICIPARY NETWORK AND DATABASES FOR ENVIRONMENTAL RESEARCH AND ASSESSMENT www.feempandora.it Livio Chiarullo INDICE DELLA PRESENTAZIONE QUADRO TEORICO DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DEL PROGETTO I FOCUS GROUP

Dettagli

Una storia di successo: Alpitel

Una storia di successo: Alpitel Una storia di successo: Alpitel La suite applicativa People Talent conquista l'azienda italiana, leader nello sviluppo e nella realizzazione di reti ed impianti per le telecomunicazioni. L esigenza La

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

Gli strumenti Wiki per Inemar e gli inventari emissioni

Gli strumenti Wiki per Inemar e gli inventari emissioni Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR Gli strumenti Wiki per Inemar e gli inventari emissioni Federico Antognazza ARPA Lombardia f.antognazza@arpalombardia.it

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Ernesto Damiani Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Universita di Milano Polo di Crema damiani@dti.unimi.it http://olaf.crema.unimi.it 1 Sommario Sistemi

Dettagli

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus

PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Area Lotus Pag. 1 di 9 PRESENTAZIONE Taurus Informatica S.r.l. Sommario...2 IL MONDO LOTUS...2 LA NOSTRA ESPERIENZA...4 Formazione...4 Sviluppo e Sistemi...4 LA NOSTRA PROPOSTA...8 Area formazione...8 Area sviluppo...8

Dettagli

Contesto. fattore critico per lo sviluppo delle imprese, dei mercati e, più ampiamente, dei paesi

Contesto. fattore critico per lo sviluppo delle imprese, dei mercati e, più ampiamente, dei paesi INNOVATION TOPIC Contesto All'interno della Bocconi Alumni Association è stata rilevata la necessità di affiancare all organizzazione territoriale dei Team focalizzati su temi specifici Il tema Innovazione

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

Tecnologie Web per lo sviluppo software. Stefano Parmesan WebValley 2010 Transacqua (TN) Italy

Tecnologie Web per lo sviluppo software. Stefano Parmesan WebValley 2010 Transacqua (TN) Italy Tecnologie Web per lo sviluppo software Stefano Parmesan WebValley 2010 Transacqua (TN) Italy 1 Tecnologie Web per lo sviluppo software Grande fermento nel Web: Pubblicazione e Informazione (blog, wiki,...);

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli