Indice. Introduzione. CAPITOLO PRIMO La Direttiva di primo e di secondo livello - Le definizioni -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione. CAPITOLO PRIMO La Direttiva di primo e di secondo livello - Le definizioni -"

Transcript

1 Indice Introduzione (L. Zitiello) CAPITOLO PRIMO La Direttiva di primo e di secondo livello - Le definizioni - Le esenzioni obbligatorie e facoltative (I. Porchia - P. Spatola) 1. La Direttiva di primo livello (Titolo I - artt. 1-4) 1.1. La procedura Lamfalussy Cenni generali sulla procedura Lamfalussy 1.2. La MIFID come esempio di applicazione della procedura Lamfalussy 2. Il recepimento della MIFID in Italia 3. I principi (consideranda) 3.1. Panoramica dei motivi per la riforma della Direttiva ISD 3.2. I principi quadro della Direttiva I 4. Ambito di applicazione (art. 1) 5. Esenzioni obbligatorie (art. 2) ed esenzioni facoltative (art. 3) 6. Definizioni (art. 4) CAPITOLO SECONDO Gli strumenti finanziari, gli strumenti finanziari derivati ed i valori mobiliari (A. Rancati) 1. La Direttiva n. 1993/22/CEE e la nozione di strumenti finanziari nel TUF 2. La Direttiva n. 2004/39/CE e l evoluzione della nozione di strumenti finanziari 3. Gli indici di finanziarietà dei contratti derivati su merci 4. Requisiti per l ammissione alla negoziazione degli strumenti finanziari derivati 5. La Bozza di Decreto per l attuazione della Direttiva I

2 MIFID CAPITOLO TERZO Il procedimento di autorizzazione (L. Mazzuoccolo - L. Valsecchi) 1. Condizioni per l autorizzazione e l esercizio delle attività applicabili alle imprese di investimento in base alla Direttiva n. 2004/39/CE 1.1. L ambito di applicazione L ambito di applicazione soggettivo L ambito di applicazione oggettivo 1.2. L autorizzazione ed i requisiti per il suo ottenimento 1.3. Procedure per la concessione dell autorizzazione 1.4. Revoca dell autorizzazione 2. L autorizzazione ai servizi di investimento secondo l attuale ordinamento italiano 2.1. Le SIM 2.2. Le banche 2.3. Le SGR 2.4. Gli intermediari ex art. 107 del TUB 3. L evoluzione normativa interna in base alla Direttiva I 3.1. Le autorità di vigilanza 3.2. Il procedimento di autorizzazione CAPITOLO QUARTO Direzione ed azionariato (B. Musco Carbonaro) 1. Persone che dirigono l attività 2. Azionisti e soci con partecipazioni qualificate 3. Dotazione iniziale 4. Adesione ad un sistema di indennizzo 62 CAPITOLO QUINTO Requisiti di organizzazione, gestione del rischio, audit interno, responsabilità dell alta dirigenza e trattamento dei reclami (A. Papaniaros) Requisiti di organizzazione 2. Requisiti generali di organizzazione 2.1. Fattore umano-organizzativo 2.2. Fattore tecnologico-organizzativo 2.3. Controlli 2.4. Principio di proporzionalità 3. Adempimento degli obblighi - Audit interno - Gestione del rischio 3.1. Adempimento degli obblighi 3.2. Audit interno 3.3. Gestione del rischio 4. Trattamento dei reclami 5. Responsabilità dell alta dirigenza

3 Indice CAPITOLO SESTO Le operazioni personali e l esternalizzazione (L. D Ostuni) 1. Le operazioni personali e la disciplina vigente 2. La disciplina delle operazioni personali ai sensi della Direttiva n. 2006/73/CE del 10 agosto 2006: aspetti soggettivi ed oggettivi 3. Disciplina delle operazioni personali: le misure che le imprese sono tenute ad adottare 4. L esternalizzazione 4.1. Ambito di applicazione 4.2. La disciplina dell esternalizzazione 4.3. La disciplina vigente in materia di delega di servizi di investimento e le novità introdotte dalla MIFID 4.4. La disciplina vigente in materia di esternalizzazione di funzioni aziendali e le novità introdotte dalla MIFID 105 CAPITOLO SETTIMO Il deposito della liquidità e degli strumenti finanziari e l utilizzo degli strumenti finanziari della clientela (F. Mocci) La Direttiva n. 2004/39/CE del 21 aprile Separazione patrimoniale e requisiti organizzativi 1.2. I principi dettati dalla Direttiva I 2. La Direttiva n. 2006/73/CE del 10 agosto La salvaguardia delle attività della clientela 2.2. Il subdeposito degli strumenti finanziari della clientela 2.3. Il deposito della liquidità 2.4. L utilizzo degli strumenti finanziari della clientela da parte delle imprese di investimento 2.5. Le relazioni dei revisori 2.6. Le informazioni alla clientela e i rendiconti periodici 3. L impatto delle Direttive I e II sul nostro ordinamento 3.1. La separazione patrimoniale nel diritto italiano dei mercati finanziari 3.2. Disposizioni generali: il problema dell individuazione dei beni 3.3. Il subdeposito degli strumenti finanziari e della liquidità della clientela nel Regolamento di Banca d Italia del 4 agosto L utilizzo degli strumenti finanziari della clientela e i controlli interni 3.5. Le novità introdotte dalla MIFID e i progetti di attuazione in Italia CAPITOLO OTTAVO Il conflitto di interessi (L. Bonzanini - N. Ravasio) 1. Premessa - Cenni introduttivi - Quadro normativo attuale 2. I conflitti di interesse nella MIFID 3. I conflitti di interesse nel quadro normativo nazionale in corso di evoluzione

4 MIFID 141 CAPITOLO NONO I sistemi multilaterali di negoziazione (C. Asciano - N. Ravasio) Premessa - Quadro normativo attuale 2. I sistemi multilaterali di negoziazione nella Direttiva n. 2004/39/CE del 21 aprile La Bozza di Decreto di recepimento della Direttiva I CAPITOLO DECIMO Gli inducements (L. Mariani) 1. Premessa 2. Gli inducement nella Direttiva I e II 3. Incentivi e molteplicità di soggetti coinvolti 4. Incentivi negli artt. 21 e 26 della Direttiva II 5. Accordi di retrocessioni commissionali (soft e hard commissions) nella prassi operativa 6. Posizione della Consob, di Banca d Italia e dell Isvap 7. Conclusioni CAPITOLO UNDICESIMO Le informazioni fornite ai clienti (L. Frumento) 1. La normativa vigente 1.1. Premessa 1.2. La l. n. 1/1991 e la Direttiva ISD 1.3. L art. 21 del TUF e gli obblighi di trasparenza 1.4. Il Regolamento Intermediari 2. Le novità introdotte dalla Direttiva I 2.1. La ratio della disciplina 2.2. L obbligo di fornire informazioni corrette, chiare e non fuorvianti 2.3. Obblighi generali di informazioni nei confronti dei clienti Le informazioni che devono essere fornite ai clienti I mezzi attraverso i quali devono essere fornite le informazioni 2.4. La Legge Delega e la Bozza di Decreto in recepimento della MIFID 189 CAPITOLO DODICESIMO Le valutazioni di adeguatezza e di appropriatezza (D. Spreafico) La normativa vigente 1.1. La normativa vigente ante MIFID: Direttiva n. 1993/22/CEE e TUF Premessa La Direttiva ISD Il TUF e le norme di comportamento: l art Il Regolamento Consob n /98

5 Indice L adeguatezza nell interpretazione della Consob Ratio della disciplina attuale 2. Le novità introdotte dalla Direttiva 2.1. Premessa. Dalla Direttiva ISD alla Direttiva I 2.2. Presupposti della disciplina 2.3. Adeguatezza (suitability) Ambito di applicazione Dati richiesti e valutazione di adeguatezza Giudizio di non adeguatezza o rifiuto del cliente di fornire le informazioni richieste Il test di adeguatezza 2.4. Appropriatezza (appropriateness) Ambito di applicazione L obbligo di verificare se il prodotto o servizio, proposto o chiesto, sia appropriato La valutazione di appropriatezza Informazioni da chiedere al cliente Giudizio di non appropriatezza o rifiuto del cliente di fornire le informazioni richieste 2.5. Disposizioni comuni per la valutazione dell adeguatezza e dell appropriatezza 2.6. Il giudizio di adeguatezza (suitability) posto a confronto con quello di appropriatezza (appropriateness) 2.7. Esenzione dall obbligo di verificare l appropriatezza: execution only (rinvio) 3. Adeguamento al nuovo regime 3.1. Premessa. La riforma del risparmio e il decreto correttivo 3.2. Lo Schema di Decreto legislativo per il recepimento della Direttiva I 3.3. Confronto con le prescrizioni della normativa vigente 3.4. Spunti operativi Gap analysis su adeguatezza e appropriatezza 3.5. Impatto sugli intermediari: semplificazione o eccessiva personalizzazione? CAPITOLO TREDICESIMO I servizi di execution only (U. Caracino - F. Ferroli) 1. La definizione e l inquadramento generale 2. L ambito oggettivo della disciplina. La nozione di strumento finanziario non complesso 3. L elemento soggettivo della disciplina. Il requisito dell iniziativa del cliente 4. L informativa al cliente sulla non applicazione della know your customer rule 5. Il rispetto della normativa in materia di conflitto di interessi

6 MIFID Gli obblighi informativi verso il cliente e la best execution rule nell operatività dei servizi di execution only 7. L impatto della nuova regolamentazione comunitaria sulle imprese di investimento che prestano servizi di execution only CAPITOLO QUATTORDICESIMO Il contratto e gli obblighi di comunicazione al cliente (F. Antico) 1. Normativa vigente 1.1. Premessa 1.2. La Direttiva n. 1993/22/CEE 1.3. Il Decreto Eurosim e la regolamentazione attuativa 1.4. Il Regolamento n / Il TUF e la regolamentazione attuativa 1.6. L attestazione registrazione e rendicontazione nell interpretazione della Consob 2. Le Direttive 2.1. Le disposizioni oggetto di commento 2.2. Il contratto 2.3. Comunicazioni ai clienti 2.4. Registrazioni ai clienti 2.5. Conservazioni delle registrazioni 3. Conclusioni sul futuro della MIFID CAPITOLO QUINDICESIMO La best execution (A. Pepe) 1. La normativa di riferimento 2. La disciplina relativa alla migliore esecuzione degli ordini antecedente alle Direttive I e II 3. La nuova disciplina della best execution secondo le Direttive I e II 3.1. Abolizione del principio di concentrazione delle negoziazioni sui mercati regolamentati 3.2. Il principio di best execution: definizione, ambito oggettivo e soggettivo di applicazione 3.3. Adempimenti a carico dell intermediario per assolvere all obbligo di best execution Definizione delle misure organizzative e della strategia di esecuzione Ottenimento del consenso da parte del cliente Controllo e revisione della strategia di esecuzione 4. Prova dell adempimento 5. La catena di esecuzione dell ordine 6. Conclusioni

7 Indice CAPITOLO SEDICESIMO Le regole per la gestione degli ordini (M. Rizzo) 1. Premessa 2. Ambito di applicazione 3. I tratti salienti 4. I singoli criteri per la gestione degli ordini: aggregazione ed assegnazione 5. Una riflessione di sintesi CAPITOLO DICIASSETTESIMO Gli agenti collegati (L. Zitiello) 1. Gli agenti collegati - Breve profilo storico dalla Direttiva ISD ad oggi 2. Gli agenti collegati nella Direttiva MIFID 3. La definizione di agente collegato 4. Le attività tipiche degli agenti collegati 5. Il regime della responsabilità - Il monomandato 6. Il registro degli agenti collegati - L impresa di investimento che opera in libera prestazione di servizi o con stabile organizzazione avvalendosi di agenti collegati CAPITOLO DICIOTTESIMO La classificazione della clientela (F. Civale) 1. Il principio di graduazione della tutela 2. La nuova classificazione della clientela 3. Clienti al dettaglio 4. Clienti professionali 5. Controparti qualificate 6. Le regole di condotta applicabili alle tre distinte categorie di investitori 7. Il regime transitorio 8. Il recepimento del legislatore italiano 317 CAPITOLO DICIANNOVESIMO Gli obblighi di comunicazione all autorità competente (A. Verna) Premessa 2. Obbligo di conservazione dei dati di tutte le operazioni concluse 3. Obbligo di comunicazione delle operazioni concluse 3.1. Soggetti interessati 3.2. Strumenti finanziari ed operazioni interessate 3.3. Contenuto delle comunicazioni 3.4. Tempi di comunicazione 3.5. Canali di comunicazione 3.6. Autorità destinatarie della comunicazione 4. Determinazione del mercato più pertinente in termini di liquidità

8 MIFID CAPITOLO VENTESIMO La trasparenza pre trading (M. Barni - A. Portalupi) 1. Ambito di applicazione market trasparency 2. Il concetto di trasparenza e i driver che la alimentano 3. Trasparenza pre negoziazione per i mercati regolamentati e i sistemi multilaterali di negoziazione 3.1. Obblighi di trasparenza pre negoziazione (art. 17 Regolamento) 3.2. Deroghe basate sul modello di mercato e sul tipo di ordine o di operazione (art. 18 Regolamento) 3.3. Riferimenti ad un operazione concordata (art. 19 Regolamento) 4. Modalità di pubblicazione delle informazioni di pre trade trasparency 4.1. Pubblicazione e accessibilità dei dati relativi alla trasparenza pre negoziazione (art. 29 Regolamento) 4.2. Accessibilità al pubblico delle informazioni pre negoziazione (art. 30 Regolamento) 4.3. Pubblicazione degli ordini dei clienti con limite di prezzo (art. 31 Regolamento) 4.4. Procedure per rendere pubbliche le informazioni (art. 32 Regolamento) 5. Consolidamento delle informazioni 6. Calcoli e stime per le azioni ammesse alla negoziazione su un mercato regolamentato e pubblicazione dei risultati ottenuti (art. 33 e 34 Regolamento) 7. Conclusioni CAPITOLO VENTUNESIMO La trasparenza post trading (A. Verna) 1. Premessa 2. Informazioni obbligatorie 3. Formato dei dati 4. Tempi di pubblicazione 5. Possibilità di differire la pubblicazione delle informazioni 6. Accessibilità delle informazioni e canali di pubblicazione 7. Dati pubblicati dalle autorità pertinenti 8. Trasparenza post trade per le negoziazioni su strumenti finanziari diversi dalle azioni 361 CAPITOLO VENTIDUESIMO L internalizzazione sistematica e la negoziazione in conto proprio (A. Doro Tempestini) La definizione di negoziazione in conto proprio con l avvento della Direttiva n. 2004/39/CE 2. Il nuovo contesto di mercato in cui agisce il negoziatore in conto proprio 2.1. Le trading venues e l eliminazione dell obbligo di concentrazione

9 Indice La concorrenza dei mercati e la disponibilità delle informazioni 3. Gli obblighi del negoziatore in conto proprio 3.1. La trasparenza delle informazioni 3.2. Aggregazione e assegnazione degli ordini 3.3. La best execution, ovvero l obbligo di eseguire l ordine del cliente alle migliori condizioni possibili 4. L internalizzatore sistematico: negoziatore in conto proprio e sede di esecuzione degli ordini 4.1. Definizione di internalizzatore sistematico (IS) 4.2. Gli obblighi dell internalizzatore sistematico 5. Alcuni aspetti problematici rilevati prima facie in relazione alla normativa sulla negoziazione in conto proprio e sull internalizzazione 383 CAPITOLO VENTITREESIMO L ammissione alla negoziazione degli strumenti finanziari (S. Andrioli) Premessa 2. Le disposizioni di primo e di secondo livello 3. Il Regolamento 3.1. Valori mobiliari 3.2. Quote di un organismo di investimento collettivo 3.3. Strumenti derivati 4. Sospensione e ritiro di strumenti dalla negoziazione 5. La Bozza di Decreto legislativo CAPITOLO VENTIQUATTRESIMO La libera prestazione di servizi e la stabile organizzazione (F. Coco) Osservazioni generali 2. Analisi e commento del contenuto degli artt. 31 e La libera prestazione dei servizi e lo stabilimento di una succursale 2.2. La cd. zona grigia 3. Le procedure di notifica 3.1. La procedura per la libera prestazione di servizi 3.2. La procedura per lo stabilimento di una succursale 4. La competenza dello Stato membro ospitante sulle regole di condotta 4.1. Il luogo della prestazione del servizio di investimento 4.2. Le norme di condotta e i requisiti organizzativi 4.3. Il secondo comma del paragrafo 7 dell art L impatto della Direttiva I 5.1. La Direttiva I e la Direttiva ISD 5.2. L impatto della Direttiva I sul TUF 6. Il regime transitorio

10 MIFID 404 CAPITOLO VENTICINQUESIMO I mercati regolamentati (A. Zunino de Pignier) Premessa 2. Autorizzazione e legge applicabile 3. Obblighi inerenti alla gestione del mercato regolamentato 4. Obblighi riguardanti le persone che esercitano un influenza significativa sulla gestione del mercato regolamentato 5. Requisiti di organizzazione 6. Accesso ai mercati regolamentati 7. Controllo dell ottemperanza alle regole dei mercati regolamentati ed altri obblighi di legge 8. Disposizioni riguardanti gli accordi di controparte centrale e di compensazione e di regolamento 9. Elenco dei mercati regolamentati CAPITOLO VENTISEIESIMO La consulenza in materia di investimenti (L. Zitiello) 1. Excursus storico: dalla l. n. 1/1991 al TUF 2. Il percorso storico della definizione di consulenza finanziaria in Italia 3. La consulenza finanziaria come servizio accessorio e la disciplina applicabile 4. La cd. consulenza strumentale 5. La consulenza nella MIFID 5.1. La consulenza come servizio di investimento 5.2. La consulenza in materia di investimento: ambito oggettivo - profili di criticità 5.3. Le ulteriori caratteristiche della consulenza: le esenzioni 5.4. La disciplina comunitaria della consulenza in materia di investimenti: lacune e critiche 6. Il regime di adeguatezza patrimoniale ed il regime di vigilanza 7. Il conflitto di interessi nel servizio di consulenza 8. Le norme di comportamento: informativa ed adeguatezza 9. La Legge Delega 10. La Bozza di Decreto Il servizio di consulenza in materia di investimenti come servizio di investimento I soggetti abilitati Il rapporto con il cliente e la forma del contratto 467 CAPITOLO VENTISETTESIMO I servizi accessori - La ricerca in materia di investimenti (G. L. Greco) La disciplina vigente 2. I servizi accessori nelle Direttive I e II: definizione

11 Indice La locazione di cassette di sicurezza e la custodia ed amministrazione di strumenti finanziari 2.2. La consulenza in materia di investimenti e la ricerca in materia di investimenti e analisi finanziaria 2.3. I servizi connessi con l assunzione a fermo 2.4. I servizi collegati a strumenti derivati 3. Iservizi accessori nelle Direttive I e II: la riserva 4. I servizi accessori nelle Direttive I e II: l accessorietà 5. I servizi accessori nelle Direttive I e II: le regole di comportamento 5.1. I conflitti di interesse 5.2. La disciplina degli incentivi 5.3. Le informazioni tra impresa e cliente 5.4. Le informazioni sulla tipologia di clientela 5.5. Gli obblighi informativi pre-contrattuali 5.6. L accordo con il cliente 6. Le regole specifiche di comportamento nella prestazione del servizio di consulenza agli investimenti 7. Le regole specifiche di comportamento nella prestazione del servizio di ricerca in materia di investimenti 8. Le regole di comportamento nella prestazione dei servizi accessori da parte di soggetti non abilitati 9. Conclusioni sulle regole di comportamento nella prestazione dei servizi accessori 10. I servizi accessori nelle Direttive I e II: clienti professionali 11. I servizi accessori nelle Direttive I e II: conclusioni CAPITOLO VENTOTTESIMO Le disposizioni finali (R. Mariani) 503 CAPITOLO VENTINOVESIMO L attuazione e la diretta applicabilità della Direttiva I (F. Malerba) Tempi di attuazione 2. Disposizioni transitorie 3. Diretta applicabilità della Direttiva I Abbreviazioni Appendice normativa Direttiva n. 1993/22/CEE del 10 maggio 1993, relativa ai servizi di investimento nel settore dei valori mobiliari

12 MIFID Direttiva n. 2004/39/CE del 21 aprile 2004 relativa ai mercati degli strumenti finanziari Direttiva n. 2006/31/CE del 5 aprile 2006 che modifica la Direttiva n. 2004/39/CE del 21 aprile 2004 relativa ai mercati degli strumenti finanziari per quanto riguarda talune scadenze Direttiva n. 2006/73/CE della Commissione del 10 agosto 2006 recante modalità di esecuzione della Direttiva n. 2004/39/CE del Parlamento e del Consiglio per quanto riguarda i requisiti di organizzazione e le condizioni di esercizio dell attività delle imprese di investimento e le funzioni di taluni termini ai fini della direttiva Direttiva n. 1993/6/CEE del 15 marzo 1993 relativa all adeguatezza patrimoniale delle imprese di investimento e degli enti creditizi Direttiva n. 2006/49/CE del 14 giugno 2006 relativa all adeguatezza patrimoniale delle imprese di investimento e degli enti creditizi Regolamento (CE) n della Commissione del 10 agosto 2006 recante modalità di esecuzione della Direttiva n. 2004/39/CE del Parlamento e del Consiglio per quanto riguarda gli obblighi in materia di registrazione per le imprese di investimento, la comunicazione delle operazioni, la trasparenza del mercato, l ammissione degli strumenti finanziari alla negoziazione e le definizioni di taluni termini ai fini della direttiva Art. 9 bis della l. 18 aprile 2005, n. 62, così come introdotto dalla l. 6 febbraio 2007, n. 13 Relazione allo schema di decreto legislativo in attuazione della delega di cui all 9 bis della l. 18 aprile 2005, n. 62 Schema di decreto legislativo in attuazione della delega di cui all 9 bis della l. 18 aprile 2005, n. 62 Ringraziamenti

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii

Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE. L'evoluzione strutturale e normativa. Prefazione di Roberto Caparvi. FrancoAngeii Maria Crìstina Quirici IL MERCATO MOBILIARE L'evoluzione strutturale e normativa Prefazione di Roberto Caparvi FrancoAngeii INDICE Prefazione di Roberto Caparvi pag. XIII I. La disciplina del mercato mobiliare

Dettagli

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento SOMMARIO Presentazione... Introduzione... Indice autori... VII XIII XV CAPITOLO 1 Introduzione al quadro normativo dopo la direttiva MiFID 1. Preambolo... 3 2. Il quadro normativo anteriore al novembre

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione alla II edizione... Pag. XXI Presentazione alla I edizione...» XXV TOMO PRIMO. Parte Prima PROFILI GENERALI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione alla II edizione... Pag. XXI Presentazione alla I edizione...» XXV TOMO PRIMO. Parte Prima PROFILI GENERALI Presentazione alla II edizione... Pag. XXI Presentazione alla I edizione...» XXV TOMO PRIMO Parte Prima PROFILI GENERALI capitolo primo FONTI NORMATIVE Francesco Capriglione 1. Le fonti di normazione primaria:

Dettagli

MiFID TUF Regolamento Emittenti

MiFID TUF Regolamento Emittenti La responsabilità dell'intermediario finanziario nelle negoziazioni e nelle gestioni patrimoniali a partire dall'arresto delle Sezioni Unite (19 dicembre 2007, n. 26725) e alla luce della normativa MiFID

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

Sezione Prima L IMPRESA NEL SETTORE DELLE ASSICURAZIONI

Sezione Prima L IMPRESA NEL SETTORE DELLE ASSICURAZIONI INDICE GENERALE L AUTORE... PRESENTAZIONE Ermanno Cappa... PREFAZIONE... ABBREVIAZIONI E ACRONIMI... XVII XIX XXI XXIII Parte Prima LA DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ ASSICURATIVA Sezione Prima L IMPRESA NEL

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID http://www.sinedi.com ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata

Dettagli

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti Indice Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione. Le fonti 1 1.2. Le fonti comunitarie

Dettagli

4. I nuovi mercati ufficiali

4. I nuovi mercati ufficiali 4. I nuovi mercati ufficiali (Ilaria Rega) 4.1 I nuovi mercati ufficiali Il filosofo e giurista Gian Battista Vico quando affermò: Paion traversie e sono opportunità non poteva immaginare quanto, qualche

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I MERCATI REGOLAMENTATI SOMMARIO: 1. I mercati regolamentati. - 2. La disciplina dei mercati regolamentati: abrogazione dell obbligo di concentrazione delle negoziazioni. - 3. Registrazione

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

DIRETTIVA MiFID. Cosa cambia per gli intermediari, per i mercati, per gli investitori. Elisa Dellarosa Comitato Studio MiFID Federazione Nazionale Bcc

DIRETTIVA MiFID. Cosa cambia per gli intermediari, per i mercati, per gli investitori. Elisa Dellarosa Comitato Studio MiFID Federazione Nazionale Bcc DIRETTIVA MiFID Cosa cambia per gli intermediari, per i mercati, per gli investitori Elisa Dellarosa Comitato Studio MiFID Federazione Nazionale Bcc QUADRO NORMATIVO MiFID Markets in Financial Instruments

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID

1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID 3 1. INTRODUZIONE SULLA DIRETTIVA MIFID 1. Un breve riassunto delle prescrizioni della direttiva La Direttiva n. 2004/39/CE sui Mercati di Strumenti Finanziari (qui di seguito, Direttiva MiFID, dall acronimo

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO PARTE PRIMA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NEL TESTO UNICO BANCARIO 1.1. Le origini della normativa del Titolo V t.u. bancario sui «Soggetti operanti

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Parte Prima IL RAPPORTO DI LAVORO

Parte Prima IL RAPPORTO DI LAVORO INDICE - SOMMARIO Presentazione di Tiziano Treu... Pag. vii Parte Prima IL RAPPORTO DI LAVORO Capitolo Primo IL CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO 1. La subordinazione... Pag. 3 2. Le teorie tradizionali

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi

Le riforme delle strutture delle sedi di negoziazione: profili evolutivi Scuola di Economia e Management DISAG- Dipartimento di Studi aziendali e Giuridici Corso di Diritto Europeo della Banca e della Finanza (EGIF) Prof.ssa Antonella Brozzetti a.a. 2015-2016 Le riforme delle

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa... Notizie sugli autori... pag. XVII XXI Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI «COSTITUZIONALI», POTERI PUBBLICI E FONTI NORMATIVE IN TEMA DI MERCATI FINANZIARI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

INDICE. Prefazione... Introduzione...

INDICE. Prefazione... Introduzione... Prefazione... Introduzione... V IX CAPITOLO I I SERVIZI E LE ATTIVITAv DI INVESTIMENTO 1.1. Servizi ed attività di investimento, strumenti finanziari e prodotti finanziari..... 2 1.2. Servizi accessori....

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 6 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 8 3.

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE. Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione...

Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE. Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione... Indice Generale PARTE PRIMA STRUTTURA DEI MERCATI FINANZIARI E MODALITÀ OPERATIVE Introduzione... Pag. 7 Piano della trattazione...» 9 Sezione I Struttura e organizzazione dei mercati degli strumenti finanziari

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di laurea triennale in Statistica Economia e Finanza Tesi di laurea ANALISI DELLA DIRETTIVA MiFID: IL CASO DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini CDA DEL 28 gennaio 2015 INDICE IMPOSTAZIONE METODOLOGICA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA MiFID POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. Premessa...3 2. Criteri Di Classificazione Statica Della Clientela...5 2.1. Controparti Qualificate...5

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011

LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 CORPORATE LAW ALERT NOVEMBRE 2011 LA PROPOSTA DI REVISIONE DELLA DIRETTIVA MIFID (LA CD. MIFID II) Il corpus normativo che regola i mercati finanziari all interno dell Unione Europea, meglio conosciuto

Dettagli

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi

Indice. Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi Presentazione XI Capitolo 1 La securities industry in Italia: profili introduttivi 1.1. Articolazione del capitolo 1 1.2. Alcune definizioni preliminari 2 1.2.1. Premessa 2 1.2.2. Valori mobiliari, strumenti

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/2009 ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A.

La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail. 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. La Best Execution nel Mercato Obbligazionario: un caso pratico per il segmento retail Milano, 27 marzo 2007 Alessandro Zignani 3 2 1 MiFID! Direttore Generale TLX S.p.A. 1 Agenda 1. Il mercato obbligazionario

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento Pierluigi Angelini Responsabile Settore Finanza - ABI 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006 Milano, Palazzo

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini. ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di trasmissione degli ordini. ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvata con delibera del CdA n. 439 del 23 ottobre 2009 revisionata con delibere CdA: n. 556

Dettagli

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento

7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 7. La vigilanza sull esercizio dei servizi di investimento 163 3) se non siano vincolati a proporre esclusivamente i contratti di una o più imprese di assicurazione e non forniscano consulenze fondate

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Policy sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli Ordini

Policy sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli Ordini Policy sulla Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli Ordini \ VIBANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI S.PIETRO IN VINCIO SOCIETA COOPERATIVA SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE: 51100 PONTELUNGO (PT)

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Settembre 2015 Indice PREMESSA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di

Dettagli

La regolamentazione del mercato mobiliare 1

La regolamentazione del mercato mobiliare 1 La regolamentazione del mercato mobiliare 1 TUIF d. lgs n 58 del 1998 Nasce accorpando tutte le leggi in materia di intermediazione finanziaria Ha recepito la direttiva 1993/22/CE sui servizi d investimento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Le nuove regole di Best Execution della Mifid

Le nuove regole di Best Execution della Mifid Le nuove regole di Best Execution della Mifid TLX s.p.a. Agosto 2006 Pag. 1 Mifid: le nuove regole di Best Execution (B.E.) Agenda: Principi e obiettivi della Mifid: la centralità delle nuove regole di

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Tipo: Normativa Pagina: 1/18 POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Oggetto Redatto da Validato da Approvazione Data approvazione Policy di Classificazione della clientela della Banca Alpi Marittime

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio 1.1.1 I contrasti

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA IN AMBITO SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano

Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano Adempimenti MiFID Strategia di Trasmissione degli ordini Della Banca di Credito Cooperativo di Barbarano Romano Delibera CDA 31/10/2007 1 Aggiornamento del 9/04/2008 2 Aggiornamento del 29/10/2008 PREMESSA

Dettagli