To link to this article:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250003709434930"

Transcript

1 This article was downloaded by: [ ] On: 04 September 2015, At: 01:08 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: Registered office: 5 Howick Place, London, SW1P 1WG Bolletino di zoologia Publication details, including instructions for authors and subscription information: Ricerche faunistiche in Africa Orientale Edoardo Zavattari Published online: 14 Sep To cite this article: Edoardo Zavattari (1937) Ricerche faunistiche in Africa Orientale, Bolletino di zoologia, 8:1, , DOI: / To link to this article: PLEASE SCROLL DOWN FOR ARTICLE Taylor & Francis makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in the publications on our platform. However, Taylor & Francis, our agents, and our licensors make no representations or warranties whatsoever as to the accuracy, completeness, or suitability for any purpose of the Content. Any opinions and views expressed in this publication are the opinions and views of the authors, and are not the views of or endorsed by Taylor & Francis. The accuracy of the Content should not be relied upon and should be independently verified with primary sources of information. Taylor and Francis shall not be liable for any losses, actions, claims, proceedings, demands, costs, expenses, damages, and other liabilities whatsoever or howsoever caused arising directly or indirectly in connection with, in relation to or arising out of the use of the Content. This article may be used for research, teaching, and private study purposes. Any substantial or systematic reproduction, redistribution, reselling, loan, sub-licensing, systematic supply, or distribution in any form to anyone is

2 expressly forbidden. Terms & Conditions of access and use can be found at

3 EIIOARDC) ZAVATTARI Ricerche faunistiche in Africa Orientale. LA min esposizione snr.2 necessariamente frnmmentnrin e incompleia : frammentaria perchit la rnateria'delln quale devo trnttare it nncorn a110 stnto fluido, deve essere nncorn plasmnta in un tutto organic0 e sistemico, tale da offrire una visione sufficientemente precisa di quello che e i1 quadro zoogeogrnfico dell' Impero itnlinno d' Etiopia ; incompletn perch6 il tempo ineluttnbilmente breve che mi e qui concesso, non mi permette di procedere ad una rivistn, anche oltremodo sommnria, dei risultnti cohseguiti dnlle varie spedizioni che si sono susseguite in quel vasto paese, dalle piu antiche di J. BRUCE ( ), di H. SALT ( ) e. di E. RUPPEL ( ), Iino alln mia recentissima nel territorio dei Borana, conchiusasi appenn due mesi or sono. E poichd non mi e ancorn pnssibile offrire unn sintesi sufficientemente precisa dei risultnti ragiiunti nell' ultima min esplornzione, giacchi: gli ingentissimi materiali rnccoiti, nffidati ni singoli spccinlisti, sono tuttora a110 studio c quindi mancnndo dei dati nnnlitici non sono in grndo di discutere con compiutezza e sicurezza i fatti constntnti e le conclusioni che sc ne possono trarre, cosl mi lidterb a prospettare alcuni degli nspetti piu essenziali di quelli che sono gli imprescindibili cnpisaldi che debbono essere posti come premessa per ogni ulteriore ricerca ; mi limiterb, in base alln mia ormai lunga esperienza di biologo nfricanistn, ad esporre quelle che io ritengo essere le direttive che dovrnnno guidnre ogni ricerca futurn. I1 primo problema che ci si presenta come punto di partenza per ogni ulteriore indngine e per ogni conclusione qenerale 6 il seguente: quale e lo stato attunle delle nostre conoscenze sulla fauna dell' A. 0. I.? A questo quesito ha gi& risposto il collega

4 248 E. Zavattari PAKISI nelfa relazione da lui lettn a Firenze nell'aprile scorso, a1 Terzo Congrrsso di Studi Coloniali. Risposta piuttosto sconfortante, che ci mostra in maniera ben chinra quanto scarse siano le nostre conoscenze, qunli enormi lacune si debbano ancora colmnre prima di poter discutere su elementi un poco sicuri ; ch6 infatti, se per i vertebrati, soprattutto mammiferi e uccelli, possediaino notizie abbnstanza complete e gi.? sufficientemente elaborate, per gli invertebrati manca qualsiasi studio d'insieme, pur esistendo, specialmente per gli insetti, un numero molto considerevole di pubblicazioni parziali. Per cui ritengo che, come premessa, occorrerebbe procedere ad un inventario organic0 di tutto quadto 6 stato gih pubblicato; penso cio6 che sarebbe sommamente utile, per non dire indispensabile, che si potesse giungere a disporre di uno studio simile a quello da me pubblicato alcuni anni or sono sulla fauna dclla Libia. Non intendo con questa esemplificazione fare 1' apologia del mio Prodromo della Fauna della Libia s che io per primo, e lo scrissi anche nella prefazione, riconosco non essere perfetto, tuttavin credo di poter affermnre che esso rappresenta un'opera talc da costituire una base golidissima per qualunque studio sulla fauna della nostra colonin mediterranea. Praticamente, e salvo qualche eventuale omissione e qualche rettifica di nomenclatura, che gli specialisti dei singoli gruppi, ed essi soltanto, sono in grado di poter aggiornare, posso dire cht in quel volume 15 rnccolto tutto quanto a tutto il 1932.era conosciuto sulla fauna della Libia e quindi chi si occupa di problemi faunistici libici e nordafricani pub in quel volume trovare gli elenchi sisternatici, la distribuzione geografica delle specie, la bibliografia completa, la discussione del problema zoogeografico generale ; pub insomma avere interamente sott'occhi tutte le nostre conoscenze faunistiche su quel paese. Ora, ritengo che per 1'Impero d'etiopia occorrerebbe compilare un'opera simile, e poiche non e possibile che un solo autore possa accingersi ad un tanlo vasto lavoro, cosl sarebbe da raccomandare ai singoli specialisti che, ciascuno per il proprio gruppo, compilasse un elenco completo di tutte le specie note, con alcune tabelle sulla lor0 distribuzione, in modo da poter disporre di un quadro prrciso. E poiche nel redigere simili elenchi occorre che vengano seguite alcune direttive generali ed uniformi, cosi direi che come area da considerarsi si debba intendere tutto il nostro Impero d'etiopia entro ai suoi attuali confini politici, pih le due Somalie : francese e., britannica. Geograficamente e faunisticamente, infatti, questi due territori fanno

5 Ricerche faunistiche in Africa Orientale 249 parte integrante dell Africa Orientale e non Si pub assolutnrncnte prescindere da quanto su di quelli Z: gia noto. E, in second0 1 ~ ~ ~ direi che gli elenchi dovrebbero essere compilati come quclli del mio Prodromo, e cioe ad ogni nome sperifico dovrebbero seguire tutte, e solamente, le indicazioni bibliografiche che si riferiscono allyafrica Orientale, e percib tralasciando quelle che riguardano altri paesi, dovrebbero seguire tutte le localith e le date di cattura, il nome del raccoglitore e 1 autore $a cui Z: desunta la citazione; in tal mod0 il quadro sarebbe completo, non solo, ma offrirebbe a110 studioso la possibilith di un ulteriore controllo, conoscendosi con precisione a quale autore ci si deve rifare. Provveduto cosi nlla visione retrospettiva di quanto 6 stato gih fatto, orcorre pensare alle modalit3 con le quali si debbono condurre le ricerche future. E anche a questo proposito Z: indispensabile procedere con ordine e con metodo ; vale a dire, e indisperisabile che le missioni e le ricerche vengano coordinate, armonizzate, sia nei metodi, sia nei iini,, sia nella loro ripartizione. Esiste un Ufficio Studi a1 hlinistero dell Africa Italiana, oggi retto da un competentissimo e valentissimo africanista : S. E. ROSSETTI; esiste un Centro Studi per le missioni nell A. 0. I. presso la R. Accadernia d Italia, presieduto da S. E. DE STEFANI; occor.re quindi che tutte le ini- ziative facciano capo a quei due centri, tra di loro collegati, i quali potranno cosl disciplinare, coordinare le varie iniziative ; potranno soprattutto indicare quali sono i territori ancora meno noti, quali soao i campi d indagine sui quali si dcve particolarmente insistere nelle ricerche ; potranno altresi fare giustizia di certi progetti, spesso ipertrofici e fantastici, che non di rado vengono elnborati dai troppo numerosi africanisti da tavolino che esistono in Italia, che senza aver visto mai UII lembo d Africa, propongono ricerche che non hanno che scarsissima importanza, o che ammantati della veste di pionieri dell nutarchia dell Irnpero, ritengono di dover affrontare problemi apparentemente essenziali e che praticarnente non hanno, per contro, che un ben scarso valore. Parole, queste mie, forsc un poco dure, ma che devono essere pur pronunciate, giacche troppe volte ho sentito avanzare proposte che c 6 da domandarsi se chi le progetta 6 a conoscenza della renlth dclle cosc. hla non basta solo definire le aree in cui Ie missioni dovranno compiersi e far giustizia dei progetti fantastici, ma occorre anche ben hare i compiti degli studiosi. E qui si cntra nel terzo dei capisaldi che io ritengo debbano cssere posti, Vale a dire, occorre

6 250 E. Zavattari che gli studiosi che saranno incaricati di eseguire le ricerche riel- 1 Impero, siano non dei puri zoologi raccoglitori, ma biologi, siano cioe persone che non viaggiano con i paraocchi, che non vedono che il proprio gruppo, che vanno in visibilio per un esemplare raro o per una specie nuova, che hnnno come unico scopo quello di riunire una ricca raccolta, senza preoccuparsi in quale ambiente, in quali condizioni tali raccolte sono state compiute. Devono, in. somina, questi studiosi avere la visione panorarnica di tutto I insieme del quadro biologico, devono avere una preparazione che permetta loro di inquadrarsi nell ambiente, che siano in grado di mettere in relazione: condizioni fisiche, floristiche, faunistiche e antropiche, che sappiano che cib che oxorre e la conoscenza complessiva del paese. I1 riconoscimento delle specie dal punto di vista tassonomico e compito dei tassonomisti, per i quali non it necessario viaggiare per poter redigere un, anche eccellente, catalog0 di specie ; lo studioso che deve svolgere una missione in Africa non deve essere di questa scuola, perche per tr questo non c e bisogno di andare sul posto. Chiunque e laggiu, pub raccogliere e inviare materiale in Italia, ma questo non si chiama cornpiere ricerche scientilirhe, ma semplicemente fare il collezionista. Percib occorre che lo stutiioso, che mdrh nell Impero, abbia una coltura vasta e completa e soprattutto una mente larga c gli occhi bene aperti ; non deve essere unilaterale, ne tantomeno deve avere in dispregio questo o quel capitol0 della biologia ; deve saper cogliere le interrelazioni che legano i viventi Ira di loro e con lo ambiente lisico circostante, deve ricordarsi che lo studio biologico di un territorio non viene fatto solo per un line puramente dotrrinale, ma anche, ed essenzialmente, per i suoi inliniti riflessi pratici; deve tener presente che nello studio biologico non deve dimenticarsi che esiste anche 1 uomo e che perch tutto quanto ha relazione con la vita delle popolazioni deve essere tenuto nel massimo conto, e quindi deve osskrvilre tutti quegli organismi che come attorl o vetlori di malattia dell uomo, del bestiame, delle piante, che come elementi basilari per 1 economia delle genti, influiscono grandementc nel definire, modellare, permettere la vita dell uomo. Su questa fondamentale necessita non si insistera mai abbastanza ; e dil anni che io,vado cib affermando e che il collega SCOR- TECCI ha ribadito nella sua relazione Considerazioni sulle ricerche zoologiche nel territorio dell Impero Italian0 B letta nell ultimo Congresso di Studi Coloniali a Firenze; e il metodo che da anni

7 Ricerche faunistiche in Africa Orientale 25 1 ho applicato nei miei viaggi, ormai numerosi, nei pib differenti paesi; i: il metodo che ha seguito con eccellenti risultati nelle sue ricerche compiute in Sahara e in. Somalia, lo SCORTECCI, che i: fra i nostri giovani zoologi viaggiatori il pi0 valente e il pih competetite; 1: il metodo che la mia larga pratica di africanista mi ha dimostrato come il migliore, come 1 unico che possa dare risultati veramente proficui e sicuri. Finalmente, ad un ultimo complesso di questioni, in veritj scottanti, dwo ancora accennare; quello cioe dello studio dei materiali raccolti, della loro conservazione e della pubblicazione dei risultati. La prima questione si innesta su quella pih generale degli studi sistematici in Italia. E una questione annosa, pih volte dibmuta, ma seinpre purtroppo all ordine del giorno. In Itnlia i siitematici sono in numero ttoppo esiguo, non sono assolutamente sufticienti per lo studio di tutti i gruppi nnimali. So per esperienza ie grandi diflicolta che ho incontrato per far studiare le raccolte da me riunite durante i miei viaggi. E questo il portato della poca considerazione che nell ambiente universitario italiano si ha per la Zoologia sistematica; questo perch2 si 6 rimasti ad una concezione della sistematica arretrata di almeno cinquant anni ; vale a dire, oggi ancora si ritiene che fare della sistem.itica significhi fare solo della tassonomia, della museologia. Errore gravissimo e che mostra la mancata conoscenza di quella rhe e la realtb ; la sistematica, come oggi la si deve intendere, e una scienza com?lessa e difficile, e la sisternatica biologica, cioi: ;I dire, & lo studio di un gruppo di ariimali non solnmente tiissonomico, ma morfologico, etologico, ecologico, biologic0 ; insomma I? tassonomia ne e soltanto uno degii aspetti, iridispensabile certamente, giacche occorre prima assegnare un nome all oggetto di cui si tratta, ma non 6 il solo, ne a questo ci si deve arrestare; si va oltre, molto oltre, si fa quello che & lo studio complessivo e allora ecco che la sistematica assurge a quella ctie e la sua Vera funzione e acquista il suo vero contenuto e yuindi C una scienzn viva, se non forse piir viva, come!o sono tutte quelle cosj dette scienzc biologiche sperimentali, e quindi i: una scienza che gli zoologi universitari debbono studiare e non da essa rifuggere come un fnrdello pesante, inutile e superato. Su questo insisto vivamente ; questo voglio che sia ben compreso e che non si fraintenda il rnio pensiero ; occorre che la zoologia sistematica, non la pura tnssonomia, rifiorisca in Italia ; in questo mod0 anche le raccolte che verranno riunite nell Impero

8 252 E. Zavatkri potranno essere studiate negli Istituti di Zoologia universitari, che riprenderanno cosi per intero la loro funzione, non Sob di Istituti di ricerca, ma anche di vivaio per quei giovani che laureati4 nelle noslre scuole si avviano all insegnan-ento nelle scuole medie e che iniziati alla sistematica potranno poi con protitto continuare nel loro studio, mentre non potranno mai per le diflicolta bibliogrnfiche e strumentali, a tutti ben note, dedicarsi a quella cosi dettn Zoologia sperimentale, che oggi da molti in Italia e ritenuta come I unica Vera zoologia e che,dell;i zoologia non k invece che un capitolo, forse neppure cosl ricco di strabilianti risultati, come ancorn molti ritengono sia. La conservazione dei materiali raccolti e un altra questione molto complessa e rnolto spinosa alla quale accenno soltanto, perch6 la sua risoluzione si inquadra nel pih grande problema della creazione di un rnuseo nazionale, o almeno di un museo che possa accogliere degnamente il patrimonio di raccolte zoologiche oggi frazionato in cento musei a scapito dello studio e della possibilita della loro conservazione e conoscenza. Per cib che riguarda infirle la pubblicazione dei risultati delle ricerche fdunistiche nell Impero, dirb che a questo proposito occorrerebbe una organizzazione clie ancora ci manca. Sfortunatamente oggi molti risultati vengono pubblicati frammentariamente, in mofteplici riviste, spesso anche poco note e di non facile consultazione, e certo sarebbe utile che si potessero riunire questi studi in una unica o poche riviste. 10 spero di potere, nel prossimo anno, iniziare la pubblicazione di una Rivista di Biologia Coloniale, nella qualr sarb molto lieto di accogliere i lavori che riguardano le rim cerche zoologiche e biologiche coinpiute nell Impero ; con questo non Sara risoluto integralmente il grosso problema, ma nulla di meno Sara fatto un primo passo, Sara avviata una soluzione che potrj in seguito diverlire completa e integrale. Questi sono i capisaldi che ritengo debbario essere tenuti presenti per I organizzazione dello studio biologico e faunistico del nostro Impero d Etiopia ; capisaldi che, come ho ripetutamentc scritto in pih occasioni e ancora ho detto or ora, sonadedotti dalla rnia lunga esperienza di biologo africanista, dalla mia conoscenza delle condizioni sotto le quali si conducono oggi in Italia gli studi zoologici e faunhtici, sono ispirati soprattutto da quel grgnde arnore (e dodici viaggi coinpiuti in Africa in tutte le stagioni e in tutti i climi, in tutti i territori, dall Oceano Atlantic0 all Oceano Indian0

9 Ricerche faunistiche ill Africa Orientale 253 e dall' infuocato Sahara alla soffocante foresta congolese, ne sono la prova migliore) che ho per gli studi di biologia tropicale, per gli studi zoologi, che non solo si fanno fra quattro pareti, curvi su di un tavolino, fra una montagna di libri, la macchinetta e il microscopio, ma si fanno soprattutto in aperta carnpagna, viaggiando e vedendo quanto la natura spontanenmente ci offre, cercando di essere il pit possibile vicini alla renlth, cercando di alterare il meno possibile quelle che sono le reali interdipendenze fra i variorganismi, e non gig sforzandosi solo a sperimentare in condizioni per lo pib in antitesi con qiielle reali, convinti di raggiungere attraverso a quell,? via tortuosa la risoluzione di problemi che possono essere invece chiariti attraverso ad una osservazione larga, profonda, cornplcta, spoglia soprattutto e innanzitutto di ogni aprioristno e di ogni prevenzione, che sono, questi ultimi, i pih temibili nemici per un fecondo e sicuro procedere della ricercn scientifica.

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 14 August 2015, At: 03:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Bolletino di zoologia

Bolletino di zoologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 07 July 2015, At: 12:45 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata,

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata, This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 06 July 2015, At: 17:39 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 10 July 2015, At: 08:21 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N.

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N. This article was downloaded by: [178.63.86.16] On: 15 August 215, At: 13:53 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 172954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 05 July 2015, At: 08:06 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

La provincia di Milano

La provincia di Milano La provincia di Milano Siena, maggio 2014 Area Research & IR Provincia di Milano: dati socio economici 1/2 Milano DATI SOCIO-ECONOMICI 2014 Var. % 13-14 Var. % 14-15 Var. % 15-16 Milano Italia Milano Italia

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Primo e ScholarRank: la differenza c è e si vede

Primo e ScholarRank: la differenza c è e si vede Primo e ScholarRank: la differenza c è e si vede Laura Salmi, Sales Account and Marketing Manager Ex Libris Italy ITALE 2012, ICTP-Trieste 30 marzo 12 1 Copyright Statement and Disclaimer All of the information

Dettagli

Dal Barile alla Lampadina:

Dal Barile alla Lampadina: CICLO SEMINARIALE Dal Barile alla Lampadina: un Viaggio Attraverso i Fondamentali dei Mercati Energetici Approfondimenti Elisa Scarpa Responsabile Market Analysis & Forecasting Edison trading S.P.A. The

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015. FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION

Dettagli

Sommario. Azienda in America Modulo 4 Lezione 6. Richiesta del codice fiscale societario e personale

Sommario. Azienda in America Modulo 4 Lezione 6. Richiesta del codice fiscale societario e personale Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

In che modo ripagherà l investimento di tempo e di denaro che è stato necessario per crearla e per gestirla?

In che modo ripagherà l investimento di tempo e di denaro che è stato necessario per crearla e per gestirla? Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION

Dettagli

LOA. Registro Italiano Navale (RINA) Anno costr.

LOA. Registro Italiano Navale (RINA) Anno costr. Dati principali Cantiere Benetti LOA 33.70 m Modello 35 m Larghezza max. 6.26 m Tipo Motor Yacht Classificazione Registro Italiano Navale (RINA) Anno costr. 1968 Costruzione Materiale coperta: Acciaio,

Dettagli

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato MED Programme Progetto MedStrategy Strategia Integrata per lo Sviluppo Sostenibile delle Aree Rurali del Mediterraneo Project reference no.: 2G-MED09-282 C4 CMPNENTE PARTECIPAZINE: Visione Comune Strategica

Dettagli

The Best Practices Book Version: 2.5

The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book (2.5) This work is licensed under the Attribution-Share Alike 3.0 Unported license (http://creativecommons.org/ licenses/by-sa/3.0/). You are

Dettagli

Incontro con la comunità finanziaria Milano, 19 novembre 2008

Incontro con la comunità finanziaria Milano, 19 novembre 2008 Incontro con la comunità finanziaria Milano, 19 novembre 2008 Disclaimer This document has been prepared by ErgyCapital solely for information purposes and for use in presentations of the Group s strategies

Dettagli

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php? The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?channel=papers ISLL - ITALIAN SOCIETY FOR LAW AND LITERATURE ISSN 2035-553X Submitting a Contribution

Dettagli

Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname. Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8.

Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname. Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8. Pino radiata Accoya Specifiche di classificazione del legname Denominazioni e definizioni di qualità per il pino radiata Accoya Versione 8.2 Radiata Pino Accoya Classificazione del Legname Rough Surfaced

Dettagli

Think Sustainability The millennials view

Think Sustainability The millennials view www.pwc.com/it Think Sustainability The millennials view Crafting the future of fashion Summit CNMI Il nostro focus Cosa pensano i millennials* 3 160 interviste Che cosa dice la rete 85 000 conversazioni

Dettagli

In che modo ripagherà l investimento di tempo e di denaro che è stato necessario per crearla e per gestirla?

In che modo ripagherà l investimento di tempo e di denaro che è stato necessario per crearla e per gestirla? Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

Cordiali Saluti. Risposte:

Cordiali Saluti. Risposte: From: MIA - Associazione Italiana Miastenia Onlus [cristina.vatteroni@telecomitalia.it] Sent: mercredi 30 janvier 2008 18:47 To: SANCO RAREDISEASES CONSULTATION Cc: Associazione Mia Subject: Rare Diseases

Dettagli

Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento

Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento Il programma di lavoro ad un anno dal suo insediamento Roma, 14 febbraio 1952. Relazione dattiloscritta, con correzioni a mano di Elio Toaff, in cui il rabbino capo accetta l incarico e fa una stima degli

Dettagli

Presidente, dir. Costa Germano Tel 041497508 cell.3294240119 VENEZIA ITALY.

Presidente, dir. Costa Germano Tel 041497508 cell.3294240119 VENEZIA ITALY. Per la Commissione Europea Direzione Generale salute e Tutela dei consumatori Unita C/2 Informazione sanitaria L 2920 Lussemburgo VENEZIA 27/05/2006 Associazione Familiari delle Sofferenze Mentali- Ambito

Dettagli

Area Sistemi Sicurezza Informatica

Area Sistemi Sicurezza Informatica InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Note sull installazione di CardOS API 2.2.1 Funzione emittente 70500 Area Sistemi Sicurezza Informatica NOTE su

Dettagli

Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010

Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010 Zurigo, 10 novembre 2010 Swiss Life con una solida raccolta premi nei primi nove mesi del 2010 Nei primi nove mesi del 2010 il gruppo Swiss Life ha incassato premi pari a 15,9 miliardi di franchi, registrando

Dettagli

Intervento del Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Prof. Stefania Giannini in occasione del Consiglio informale Ricerca

Intervento del Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Prof. Stefania Giannini in occasione del Consiglio informale Ricerca Intervento del Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca Prof. Stefania Giannini in occasione del Consiglio informale Ricerca Atene, 13 maggio 2014 Un partenariato per la ricerca e l innovazione nell

Dettagli

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity Network for Tuning Standards and Quality of Education Programmes in Speech and Language Therapy/Logopaedics across

Dettagli

Maggio 2006. Girolamo Digilio* Osservazioni sul Libro verde

Maggio 2006. Girolamo Digilio* Osservazioni sul Libro verde Girolamo Digilio* Maggio 2006 Osservazioni sul Libro verde Il Libro verde sulla salute mentale in Europa è una importante iniziativa ai fini della elaborazione di una strategia globale su scala comunitaria

Dettagli

Data: Altre informazioni: 15.06.2015 w w w.sw isssalary.ch. copyright 1998-2015 Swisssalary Ltd.

Data: Altre informazioni: 15.06.2015 w w w.sw isssalary.ch. copyright 1998-2015 Swisssalary Ltd. IncaMail Data: Altre informazioni: 15.06.2015 w w w.sw isssalary.ch copyright 1998-2015 Swisssalary Ltd. IncaMail 2015 SwissSalary Ltd. All rights reserved. No parts of this work may be reproduced in any

Dettagli

CINA POTENZIALITÀ E LIMITI

CINA POTENZIALITÀ E LIMITI IL SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO IN CINA Fermo, 17 Marzo 2014 CINA POTENZIALITÀ E LIMITI DELL e-commerce NEL SETTORE DELL AGROALIMENTARE Avv. Federica Monti Studio M&G Professionals Ph. D. Diritto Cinese

Dettagli

Monte Titoli. L evoluzione dei protocolli di comunicazione. Milano, 24 Settembre 2012. Andrea Zenesini IT Manger

Monte Titoli. L evoluzione dei protocolli di comunicazione. Milano, 24 Settembre 2012. Andrea Zenesini IT Manger Monte Titoli L evoluzione dei protocolli di comunicazione Milano, 24 Settembre 2012 Andrea Zenesini IT Manger Evoluzione della connettività Perché l abbandono del protocollo LU6.2? Standard obsoleto Compatibilità

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review

Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Ministero dell Economia e delle Finanze Sala del Parlamentino Commissione Tecnica per la Finanza Pubblica Avvio del progetto di Spending Review Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Tommaso

Dettagli

COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO

COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO COMUNITA TERAPEUTICA IL FARO Ristrutturazione per danni provocati dal sisma e adeguamento nuove normative Presentazione al 31.10.2010 STATO DI FATTO PRIMA DEL SISMA DI APRILE 2009 CRITICITA CRITICITA Spazi

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

La casa dei fantasmi di Emanuele Stefanori e Michela Guida A simplified book for learners of Italian from OnlineItalianClub.com

La casa dei fantasmi di Emanuele Stefanori e Michela Guida A simplified book for learners of Italian from OnlineItalianClub.com 1 La casa dei fantasmi di Emanuele Stefanori e Michela Guida A simplified book for learners of Italian, published by OnlineItalianClub.com Level B1/B2 (Upper-intermediate) OnlineItalianClub.com 2015 Cover

Dettagli

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015

Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015 Progetto Strategico ICT per Expo Milano 2015 Ecosistema Digitale E015. Assolombarda, 17 marzo 2014 FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES

Dettagli

Azienda in America Modulo 4 Lezione 2 Le parole chiave del business negli USA parte 2

Azienda in America Modulo 4 Lezione 2 Le parole chiave del business negli USA parte 2 Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

COLONIE ITALIANE 3931) 24 3932) 24 3930) 24. Cat. E 18.750+ Cat. E 15.000+ Cat. E 15.000. Molto bella. Eccezionale, BC 3935) 25 E 3.000. Cat. E 9.

COLONIE ITALIANE 3931) 24 3932) 24 3930) 24. Cat. E 18.750+ Cat. E 15.000+ Cat. E 15.000. Molto bella. Eccezionale, BC 3935) 25 E 3.000. Cat. E 9. 3930) 24 Cat. E 18.750+ 3931) 24 Cat. E 15.000+ 3932) 24 Cat. E 15.000 Eccezionale, BC Eccezionale, BC E 9.000 Molto bello E 7.500 3935) 25 Cat. E 9.500+ 3933) 25 Cat. E 12.000 3934) 25 Cat. E 12.000 Molto

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Non esiste un tipo di struttura aziendale che sia migliore a priori e la scelta dipende da come voi intendete condurre il vostro business.

Non esiste un tipo di struttura aziendale che sia migliore a priori e la scelta dipende da come voi intendete condurre il vostro business. Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo)

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo) QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE DEL GRAFOLOGO NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA

Dettagli

Novità ver 18-20 Modulo Circolazione. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Novità ver 18-20 Modulo Circolazione. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Novità ver 18-20 Modulo Circolazione EXLIBRIS ITALY Copyright Statement All of the information and material inclusive of text, images, logos, product names is either the property of, or used with permission

Dettagli

Visto E2 Modulo 2 - Lezione 1 Le parole chiave dell immigrazione negli USA parte 1

Visto E2 Modulo 2 - Lezione 1 Le parole chiave dell immigrazione negli USA parte 1 Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

Management mobilità aziendale Schindler Elettronica S.A. Marzio Corda, gruppo di lavoro «Mobilità sostenibile»

Management mobilità aziendale Schindler Elettronica S.A. Marzio Corda, gruppo di lavoro «Mobilità sostenibile» Management mobilità aziendale Schindler Elettronica S.A. Marzio Corda, gruppo di lavoro «Mobilità sostenibile» Situazione iniziale La sede di Locarno della Schindler Elettronica S.A. conta 450 collaboratori.

Dettagli

Italian Journal Of Legal Medicine

Italian Journal Of Legal Medicine Versione On Line: ISSN 2281-8987 Italian Journal Of Legal Medicine Volume 1, Number 1. December 2012 Editore: Centro Medico Legale SRL - Sede Legale: Viale Brigata Bisagno 14/21 sc D 16121 GENOVA C.F./P.IVA/n.

Dettagli

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Versione 2.0 18/03/2015 London Stock Exchange Group 18/03/2015 Page 1 Summary Riconciliazione X-TRM e T2S per DCP 1. Saldi iniziali ed operazioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA MARLISCO

RASSEGNA STAMPA MARLISCO RASSEGNA STAMPA MARLISCO Aprile 2014 The views and opinions expressed in this publication reflect the authors view and the European Union is not liable for any use that may be made of the information contained

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Vomero Vincenzo Data di nascita 22/06/1947. Dirigente Beni Culturali e Ambientali

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Vomero Vincenzo Data di nascita 22/06/1947. Dirigente Beni Culturali e Ambientali INFORMAZIONI PERSONALI Nome Vomero Vincenzo Data di nascita 22/06/1947 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Beni Culturali e Ambientali COMUNE DI ROMA Dirigente

Dettagli

L indice FTSE AIM Italia Luca Filippa FTSE, Managing Director Southern Europe. Osservatorio IR TOP su AIM Italia

L indice FTSE AIM Italia Luca Filippa FTSE, Managing Director Southern Europe. Osservatorio IR TOP su AIM Italia L indice FTSE AIM Italia Luca Filippa FTSE, Managing Director Southern Europe Osservatorio IR TOP su AIM Italia Società quotate, risultati e investitori Milano, Palazzo Mezzanotte, 30 luglio 2015 ftserussell.com

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

IBM Green Data Center

IBM Green Data Center IBM Green Data Center Mauro Bonfanti Director of Tivoli Software Italy www.ibm.com/green Milano, 17/02/2009 Partiamo da qui... L efficienza Energetica è una issue globale con impatti significativi oggi

Dettagli

Un'indagine conoscitiva

Un'indagine conoscitiva Un'indagine conoscitiva Annalisa Santini* - Marcello Pedone** 1. Premessa Il confronto con gli altri paesi dell area Europea e mondiale ci ha portato a riconoscere il valore universale della cultura matematica

Dettagli

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Normativa interna Residenza persone fisiche art.2 co.2 TUIR Persone che per la maggior parte del periodo

Dettagli

Buon pomeriggio. Grazie per questo invito. E un piacere doppio essere qui a questa tavola rotonda ed in questa splendida città. Tra le cose che vorrei portare alla vostra attenzione, vorrei innanzitutto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

Gli strumenti finanziari ed assicurativi a disposizione delle imprese italiane

Gli strumenti finanziari ed assicurativi a disposizione delle imprese italiane Gli strumenti finanziari ed assicurativi a disposizione delle imprese italiane La nuova era nelle relazioni commerciali tra Italia e Iran - CCII Brescia, 12 Novembre 2015 1 Sosteniamo la competitività

Dettagli

Business Structures for doing business in the England and Wales

Business Structures for doing business in the England and Wales Business Structures for doing business in the England and Wales The material for this presentation has been designed as an integral part of the above presentation solely for the benefit of the people attending.

Dettagli

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Mobilità in Erasmus+ - Sostegno Linguistico Online: Dimostrazione

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series HYDRAULIC COMPONENTS HYDROSTATIC TRANSMISSIONS GEARBOXES - ACCESSORIES Via M.L. King, 6-41122 MODENA (ITALY) Tel: +39 059 415 711 Fax: +39 059 415 729 / 059 415 730 INTERNET: http://www.hansatmp.it E-MAIL:

Dettagli

Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane. Raffaele Cordiner Relazioni Internazionali

Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane. Raffaele Cordiner Relazioni Internazionali Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane Raffaele Cordiner Relazioni Internazionali ICC Seminar ITALY-IRAN Roma, 28 Ottobre 2015 1 Sosteniamo la competitività delle

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia.

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. eka 1 L Etiopia è forse il più antico stato africano. E riuscito a restare indipendente durante tutto il periodo coloniale, fatta eccezione per l occupazione

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Laboratorio di Termodinamica

Laboratorio di Termodinamica Anno Accademico 2003-2004 Prof. Claudio Luci Laboratorio di Termodinamica http://www.roma1.infn.it/people/luci/corso_labotermo.html Introduzione al corso Richiami di termologia Termometri Calorimetria

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività

Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività Piero LACORAZZA Noi abbiamo voluto sostenere la prima fiera mediterranea a Venosa e promuovere il convegno al quale parteciperà non solo l assessore alle Attività Produttive, ma anche il dirigente dell

Dettagli

Roma, 20 gennaio 2012. A: tutti i soggetti valutati della VQR 2004-2010. Oggetto: Trasmissione dei prodotti in PDF ai fini della valutazione

Roma, 20 gennaio 2012. A: tutti i soggetti valutati della VQR 2004-2010. Oggetto: Trasmissione dei prodotti in PDF ai fini della valutazione Roma, 20 gennaio 2012 A: tutti i soggetti valutati della VQR 2004-2010 Oggetto: Trasmissione dei prodotti in PDF ai fini della valutazione Gentile collega, come ben sai l ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO Pag. 1 di 18 SISTEMA DI GESTIONE (specifica tecnica) The ILO shall accept no responsibility for any inaccuracy, errors or omissions or for the consequences arising from the use of the Text. L ILO non si

Dettagli

Una proposta: l associazione delle scuole

Una proposta: l associazione delle scuole Una proposta: l associazione delle scuole Risultati di un sondaggio fra i dirigenti presentazione a cura di ARNALDO FERRARI NASI responsabile del Dipartimento Ricerche de La Fabbrica - Milano 28 L unione

Dettagli

Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe

Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe Vision Potential Deployment Roadmap Strategic Research Agenda Sintesi conclusiva Sintesi conclusiva L energia solare termica è una fonte

Dettagli

Quali tecnologie per collaborare? Il caso dell'ecosistema E015 e una proposta per la sharing economy

Quali tecnologie per collaborare? Il caso dell'ecosistema E015 e una proposta per la sharing economy Quali tecnologie per collaborare? Il caso dell'ecosistema E015 e una proposta per la sharing economy E015 Digital Ecosystem copyright CEFRIEL 2015 All rights reserved Milano, Italy 1 This presentation

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE PROPOSAL FORM FOR THE INSURANCE OF THE PROFESSIONAL INDEMNITY

MODULO PROPOSTA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE PROPOSAL FORM FOR THE INSURANCE OF THE PROFESSIONAL INDEMNITY Rappresentante Generale per l Italia dei Lloyd s di Londra Enrico Bertagna Direzione Generale e Sede Legale: 20121 Milano, Corso Garibaldi, 86 - Tel. 02 6378881 - Fax 02 63788850 Indirizzo telegrafico

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Lettere di restituzione della caparra

Lettere di restituzione della caparra Lettere di restituzione della caparra Lettera di restituzione dell intera caparra, poichè la proprietà non presenta danno alcuno Vi ringraziamo per aver scelto il nostro appartamento per le vostre vacanze.

Dettagli

NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA

NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA NORME DEL CODICE DEONTOLOGICO SUL DISCLOSURE CODE EFPIA 1 Omissis 5. LA TRASPARENZA DEI TRASFERIMENTI DI VALORE TRA LE INDUSTRIE FARMACEUTICHE, GLI OPERATORI SANITARI E LE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Obbligo

Dettagli

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001

SENZA PAROLE. Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 SENZA PAROLE Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Agente di viaggio. Vedo che ha deciso per la Transiberiana. Ottima scelta. Un viaggio difficile, ma che le darà enormi soddisfazioni. Cliente. Mi preoccupa

Dettagli

T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida?

T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? www.pwc.com/it T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? L indagine ABI e PwC 2 T2S: Gli operatori Italiani sono pronti ad affrontare la nuova sfida? Metodologia 5 Executive

Dettagli

Rischi associati alla gestione del portafoglio

Rischi associati alla gestione del portafoglio Rischi associati alla gestione del portafoglio L approccio italiano e straniero Lorenzo Oliviero Page 1 Axpo Italia SpA E la potenzialità che un azione o un attività scelta porti a una perdita o ad un

Dettagli

Kit di aggiornamento del software Integrity R1.2 per Integrity R1.1. Prodotto: Integrity R1.1. Data: 21 novembre 2013 FCO: 200 01 502 035

Kit di aggiornamento del software Integrity R1.2 per Integrity R1.1. Prodotto: Integrity R1.1. Data: 21 novembre 2013 FCO: 200 01 502 035 Kit di aggiornamento del software Integrity R1.2 per Integrity R1.1 Prodotto: Integrity R1.1 Data: 21 novembre 2013 FCO: 200 01 502 035 Il presente Avviso ha lo scopo di notificare un importante problema

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Quale tipo di società scegliere parte 3

Quale tipo di società scegliere parte 3 Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

CIE_CSP GUIDA INSTALLAZIONE. Versione 1.0

CIE_CSP GUIDA INSTALLAZIONE. Versione 1.0 CIE_CSP GUIDA INSTALLAZIONE Versione 1.0 Data Preparazione 31.10.2001 Nota sul manuale Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso e non rappresentano obbligo

Dettagli

FAIV garantisce la continuità dei propri servizi con CA ARCserve Backup

FAIV garantisce la continuità dei propri servizi con CA ARCserve Backup CUSTOMER SUCCESS STORY FAIV garantisce la continuità dei propri servizi con CA ARCserve Backup PROFILO CLIENTE Azienda: FAIV (Federazione Artigiani Imprenditori Vicentini). Settore: servizi alle piccole

Dettagli

1+1 = tre di Antonino Saggio

1+1 = tre di Antonino Saggio 1+1 = tre di Antonino Saggio prefazione a Giovanni Bartolozzi Giovanni D Ambrosio Mancosu editore, Roma 2008 pp. 7-10 Nel 1998 partecipai insieme all architetto Luigi Pellegrin ad una presentazione del

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane. Riccardo Vianello Simoli Responsabile Veneto

Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane. Riccardo Vianello Simoli Responsabile Veneto Gli strumenti finanziari e assicurativi a disposizione dell imprese italiane Riccardo Vianello Simoli Responsabile Veneto Seminario di preparazione alla Missione Imprenditoriale in Iran Confindustria -

Dettagli

I giovani e l alfabetizzazione finanziaria

I giovani e l alfabetizzazione finanziaria I giovani e l alfabetizzazione finanziaria Milano 23 Maggio 2014 Area Research & IR L importanza dell alfabetizzazione finanziaria La recente crisi finanziaria, la crescita delle forme di previdenza complementare

Dettagli

www.lrqa.it certicazione@lr.org Improving performance, reducing risk

www.lrqa.it certicazione@lr.org Improving performance, reducing risk www.lrqa.it certicazione@lr.org Improving performance, reducing risk Ad ottobre 2015, le norme ISO 9001:2008 ed ISO 14001:2004 evolveranno. Gli obiettivi della revisione: integrare le nuove sfide delle

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

STILI DI LAVORO IN GRUPPO

STILI DI LAVORO IN GRUPPO TEST DI PARKER STILI DI LAVORO IN GRUPPO SCOPO Il Questionario sui membri del gruppo vi aiuterà ad individuare il vostro stile come membro del gruppo. I risultati vi permetteranno di valutare i vostri

Dettagli

Corso Azienda - Modulo 4 - Lezione 5 Che cos è un business model Pag. 1/7

Corso Azienda - Modulo 4 - Lezione 5 Che cos è un business model Pag. 1/7 Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli