Guida alla SEPA - Single Euro Payments Area. Ver. 3.2 del 10 ottobre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla SEPA - Single Euro Payments Area. Ver. 3.2 del 10 ottobre 2013"

Transcript

1 Guida alla SEPA - Single Euro Payments Area Ver. 3.2 del 10 ottobre

2 Agenda Introduzione alla SEPA e alla PSD End Date 1/2/2014 SCT - Funzionamento SDD - Funzionamento Migrazione R.I.D. a SDD 2

3 Area SEPA - Single Euro Payments Area L'area unica dei pagamenti in euro nasce nel 2008 su iniziativa della Commissione Europea, con l obiettivo di sviluppare un mercato domestico europeo e oggi comprende 33 Paesi: 17 sono Paesi U.E. che adottano l euro: (Italia, Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Austria, Finlandia, Irlanda, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Slovacchia, Slovenia, Cipro, Malta, Estonia). 11 sono Paesi U.E. che non adottano l euro all'interno e tuttavia effettuano pagamenti in euro: (Regno Unito, Svezia, Danimarca, Lettonia, Lituania, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Bulgaria, Romania, Croazia). 5 sono Paesi dell'efta (Svizzera, Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Principato di Monaco). 3

4 PSD - Payment Services Directive è la Direttiva UE del 2007, recepita nel 2010 in Italia da specifico decreto DLGS 11/2010, che uniforma le norme giuridiche relative ai servizi di incasso e pagamento per tutti i Paesi UE, al fine di facilitare i consumatori e le Aziende; essa definisce: regole standard obblighi tutele trasparenza La Direttiva ha introdotto la classificazione della clientela in: Consumatori (persone fisiche) Consumatori-Microimpresa (fatturato annuo o totale di bilancio inferiore o uguale a 2 mln. di Euro e numero di dipendenti inferiore a 10) Non consumatori 4

5 Sistemi di pagamento SEPA SCT SEPA CREDIT TRANSFER dal 2/2008 Sostituirà i bonifici italia (ordini permanenti inclusi) Le principali caratteristiche sono: l accredito dell importo per intero ovvero senza diminuzioni per addebito di commissioni; l identificazione del beneficiario è il codice IBAN; l impossibilità di specificare una data valuta per il beneficiario o una valuta antergata; nessun limite di importo; disponibilità al massimo di 140 caratteri per la causale del pagamento. SDD SEPA DIRECT DEBIT dal 11/2009 Sostituirà i R.I.D. Rapporti Interbancari Diretti Le principali caratteristiche sono: scambio Mandato tra Creditore e Debitore incasso unico o ricorrente 5 MONETICA Carte di pagamento: Debito, Credito, Prepagate, Aziendali P.O.S. Point of Sale E-commerce (unico servizio che lancia la vostra Azienda a livello internazionale)

6 Agenda Introduzione alla SEPA e alla PSD End Date 1/2/2014 SCT - Funzionamento SDD - Funzionamento Migrazione R.I.D. a SDD 6

7 End Date 1/2 L 94/22 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea REGOLAMENTO (UE) N. 260/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 14 marzo febbraio 2014 L Europa adotta gli strumenti di pagamento SEPA (Raggiungibilità completa entro il 31 ottobre 2016) I servizi di pagamento domestici saranno dismessi e sostituiti dagli equivalenti servizi di pagamento paneuropei. Il processo è irreversibile. Le Banche, le Aziende e i privati di tutti gli Stati aderenti alla SEPA saranno interessati al cambiamento e dovranno modificare i loro comportamenti. Nelle relazioni commerciali utilizzeranno i pagamenti SEPA; per questa ragione è indispensabile conoscere il loro funzionamento. Grossa opportunità per le Aziende che con la semplificazione della contabilità avranno minori costi: per esempio gli SDD potranno sostituire le Lastschriften (Germania), le LCR (Francia), le IEF (Spagna) e i R.I.D. (Italia). 7

8 End Date 2/2 Bonifici Italia Sepa Credit Transfer - SCT R.I.D. Sepa Direct Debit - SDD XML ISO Nuovi standard di colloquio tra Azienda e Banche. Le specifiche tecniche sono pubblicate sul sito: IBAN identificativo unico del conto di pagamento. TERMINI CODICE BIC (Bank Identifier Code) non più necessario da: 1/2/2014 Italia 1/2/2016 altri Stati SEPA SERVIZIO DI CONVERSIONE - Le Aziende che impartiscono gli ordini mediante flussi telematici potranno usufruire dei servizi di conversione messi a disposizione delle Banche, fino al 1 febbraio 2016 utilizzando le specifiche tecniche opportunamente aggiornate: Bonifici: Record 16 IBAN Ordinante R.I.D. : Record 16 inserimento Creditor Identifier Record 17 IBAN Debitore tipo sequenza (one-off first recurrent last) data sottoscrizione Mandato 8

9 Servizi di pagamento fuori ambito SEPA Sono esclusi dalla SEPA i seguenti servizi: RI.BA. Ricevute Bancarie M.AV. Mediante Avviso RAV Riscossione Mediante Avviso BOLLETTINI BANCARI FRECCIA BOLLETTINI POSTALI F24 E F23 B.I.R. Bonifici Importo Rilevante bonifici urgenti nazionali BOE Bonifici Esteri di importo rilevante / urgenti per e da Paesi aderenti a Target 2. ASSEGNI CAMBIALI R.I.D. FINANZIARI - es. versamento quote di fondi d investimento (fino al 1/2/16). R.I.D. IMPORTO FISSO (fino al 1/2/16). SAN MARINO: al momento non ha ancora aderito alla SEPA. Se non aderirà alla SEPA entro il 1/2/14 non sarà più possibile utilizzare gli strumenti di pagamento SEPA. 9

10 Agenda Introduzione alla SEPA e alla PSD End Date 1/2/2014 SCT - Funzionamento SDD - Funzionamento Migrazione R.I.D. a SDD 10

11 Il servizio SCT 1/3 Il servizio SCT al pari dei bonifici consente il trasferimento di somme di denaro in Euro dall ordinante al beneficiario. IBAN: obbligatorio indicare il codice IBAN del beneficiario. BIC: dal 1/2/14 non richiesto per gli SCT in Italia dal 1/2/16 non richiesto per gli SCT trasfrontalieri IMPORTO: non ci sono limitazioni precedentemente era ,00 BIR: continuano ad essere utilizzati per gestire operazioni domestiche di importo elevato o per gestire operazioni che richiedono tempistiche di esecuzione particolarmente stringenti (bonifici urgenti). Poiché il servizio SCT non ha limiti di importo la Banca dell Ordinante può decidere se effettuare un BIR o un SCT. CAUSALI: sono dismessi i codici delle causali ABI alcuni codici possono essere trascodificati in: 27 (accredito per emolumenti), modificato in: SALA Salary Payment PENS Pension Payment 79 (giroconto) modificato in INTC Intra Company Payment ZH (rimborso titoli e/o fondi comuni) modificato in SECU Securities ZX (oneri deducibili o detrazioni d imposta) viene mantenuta la stessa codifica ZX La descrizione (remittance information) può avere massimo 140 caratteri non strutturata oppure strutturata: a) EACT European Association of Corporate Treasures b) ISO

12 Il servizio SCT 2/3 TEMPI DI ESECUZIONE: verso beneficiario stessa banca: D+0 verso beneficiario altra banca allo sportello: D+2 verso beneficiario altra banca da canali telematici (internet banking, internet corporate banking, phone banking e ATM): D+1 disposizioni urgenti (Same Day ): D+0 CONTO TERZI: è possibile tramite il servizio SCT pagare per conto di una terza persona non intestataria del conto di addebito; in questo caso nel messaggio di pagamento è necessario inserire sia le generalità dell ordinante effettivo che quelle del titolare del conto. CRO Codice Riferimento Operazione: Il CRO dell SCT può avere una lunghezza massima di 35 caratteri. Per quanto attiene la lunghezza del CRO dei bonifici SCT è: 16 caratteri se SCT è veicolato verso banche estere 30 caratteri se SCT è veicolato verso banche italiane Per i bonifici SCT accreditati e provenienti da altre Banche SEPA il CRO può avere diverse lunghezze, a scelta di ogni Banca. C.B.I. CORPORATE BANKING INTERBANCARIO - MULTIBANCA: ESITO ORDINANTE: deve essere espressamente richiesto dall Ordinante nel messaggio CBI. ESITO BENEFICIARIO: deve essere espressamente richiesto dall Ordinante nel messaggio CBI ed è valido solo per i beneficiari aderenti al CBI infatti occorre indicare il CUC Codice Univoco CBI. SERVIZIO DI CONVERSIONE: Le Banche metteranno a disposizione tale servizio fino al 1/2/

13 Il servizio SCT 3/3 RIFIUTO (Reject): La Banca dell Ordinante può non accettare la disposizione di pagamento prima della data di regolamento per es. per mancanza di dati essenziali. STORNO (Return): La Banca del Beneficiario deve effettuarlo entro 3 gg lavorativi dalla data di regolamento e prevede i seguenti motivi: Conto bloccato Conto chiuso IBAN invalido o numero conto inesistente BIC non corretto Beneficiario defunto Richiesta del beneficiario SCT vietato su tipo conto (es. conto di deposito) Pagamento duplicato Formato invalido del file di comunicazione Campo causale non valorizzato RICHIAMO (Recall): L Ordinante può richiamare, tramite la propria Banca, un SCT entro 10 gg lavorativi dall esecuzione per i seguenti motivi: Bonifico doppio Errore tecnico Pagamento fraudolento La Banca del Beneficiario entro 10 giorni deve inviare un messaggio di accettazione o rifiuto della richiesta. In caso di accettazione la Banca verifica: La presenza di fondi sufficienti nel conto L assenza di un precedente storno dell operazione Gli accordi contrattuali con il titolare del conto per la preventiva richiesta di autorizzazione. La Banca del Beneficiario può chiedere commissioni per l attività svolta. 13

14 Agenda Introduzione alla SEPA e alla PSD End Date 1/2/2014 SCT - Funzionamento SDD - Funzionamento Migrazione R.I.D. a SDD 14

15 Il servizio SDD Il servizio SDD consente al Creditore di inviare disposizioni di incasso singole (one-off) o ricorrenti (first recurrent - last) in euro a valere su conti di debitori, a condizione che entrambi i soggetti dispongano di un conto corrente presso una Banca operante nella Single Euro Payments Area (*) aderente allo schema SDD. Presupposto del servizio è la sottoscrizione da parte del Debitore dell autorizzazione all addebito in conto (Mandato), da effettuare direttamente ed esclusivamente con il Creditore il quale ha la responsabilità di raccogliere e conservare il Mandato per tutta la durata del rapporto con il Debitore, senza che le Banche ne abbiano traccia e ne detengano la gestione. (*) SEPA: Single Euro Payments Area. L area unica dei pagamenti in euro è l insieme dei Paesi aderenti al processo di integrazione dei servizi di pagamento in euro secondo regole e standard definiti dai Rulebook emanati dall EPC (European Payments Council). 15

16 Tipi di SDD SDD - CORE Utilizzabile indistintamente nei confronti di qualsiasi tipo di debitori: consumatori consumatori-microimpresa (fatturato annuo o totale di bilancio inferiore o uguale a 2 mln. di Euro e numero di dipendenti inferiore a 10) non consumatori SDD - B2B Riservato esclusivamente alle Aziende che hanno solo debitori: consumatori-microimpresa non consumatori La classificazione della clientela è quella che risulta dall anagrafe della Banca del Debitore. In caso di rapporti tra aziende (B2B) è necessario verificare preventivamente la classificazione corretta per evitare storni tecnici. 16

17 Esempio Mandato SDD Core Informazioni obbligatorie: Denominazione SEPA Direct Debit Mandate Riferimento univoco del mandato (deve essere unico in combinazione con il codice identificativo del Creditore senza il business code) Identificativo del Creditore Nominativo del Creditore Indirizzo, Cap, Città del Creditore Testo dell autorizzazione all addebito Nome del Debitore Indirizzo, Cap, Città del Debitore Codice SWIFT BIC IBAN (necessario rispetto al R.I.D.) Tipo incasso (one-off first recurrent last) Luogo, data e firma del Debitore In rosso i dati obbligatori da compilare a cura del Creditore In blu i dati facoltativi da compilare a cura del Creditore 17 Il Mandato è standardizzato nel contenuto ma non nel layout.

18 Esempio Mandato SDD B2B Informazioni obbligatorie: Denominazione SEPA Business to Business Direct Debit Mandate Riferimento univoco del mandato (deve essere unico in combinazione con il codice identificativo del Creditore senza il business code) Identificativo del Creditore Nominativo del Creditore Indirizzo, Cap, Città del Creditore Testo dell autorizzazione all addebito Nome del Debitore Indirizzo, Cap, Città del Debitore Codice SWIFT BIC IBAN (necessario rispetto al R.I.D.) Tipo incasso (one-off first recurrent last) Luogo, data e firma del Debitore In rosso i dati obbligatori da compilare a cura del Creditore In blu i dati facoltativi da compilare a cura del Creditore 18 Il Mandato è standardizzato nel contenuto ma non nel layout.

19 SDD operatività del Debitore 1/2 Sottoscrivere il contratto: Il Debitore, in occasione dell apertura del conto corrente, o successivamente, deve sottoscrivere il contratto SDD con la propria Banca specificando eventuali clausole limitative: SDD Core: il Debitore può scegliere tra le seguenti opzioni: Non accetta alcun addebito - la Banca rifiuta ogni richiesta di addebito SDD pervenuta Accetta qualsiasi addebito - la Banca accetta qualsiasi richiesta di addebito SDD Core senza effettuare nessun controllo ulteriore Accetta addebiti disposti da determinati beneficiari (White List) la Banca accetta solo richieste di addebito provenienti dal Creditore indicato, senza effettuare ulteriori controlli Accetta addebiti relativi ad uno specifico mandato - la Banca accetta solo richieste di addebito relative allo specifico Mandato indicato dal Debitore Rifiuta addebiti disposti da determinati beneficiari e/o determinati mandati (Black List) - la Banca rifiuta solo richieste di addebito provenienti dal Creditore indicato o relative al Mandato indicato dal Debitore Indicare un importo massimo di addebito - la Banca rifiuta gli addebiti con importo superiore SDD B2B il Debitore può scegliere tra le seguenti opzioni: Non accetta alcun addebito Accetta addebiti disposti da determinati beneficiari e relativi mandati attraverso la segnalazione obbligatoria alla propria Banca degli identificativi dei beneficiari e dei Mandati (Obbligo in capo al Debitore) 19

20 SDD operatività del Debitore 2/2 Addebito e commissioni: Gli SDD sono addebitate nella data di scadenza (D) a meno di impossibilità (conto bloccato, mancanza fondi, diniego). Le commissioni sono applicate secondo gli accordi con la Banca. Revocare il singolo addebito (Refusal): Il Debitore di un SDD Core o B2B può richiedere alla propria Banca la revoca del singolo addebito entro il giorno precedente la scadenza (D-1) Richiedere il rimborso per operazioni autorizzate (Refund): Il Debitore (consumatore, non consumatore o micro-impresa) del servizio SDD Core entro 8 settimane dalla data di addebito può richiedere lo storno dell addebito alla propria Banca. Per il servizio SDD B2B non è prevista (esclusa) tale facoltà. Richiedere il rimborso per operazioni NON autorizzate: Il Debitore, a prescindere dalla classificazione, entro 13 mesi dalla data di addebito ha diritto di chiedere il rimborso di un addebito: SDD CORE - non autorizzato SDD B2B - (incasso SDD duplicato o errato). Richiedere la variazione della classificazione della clientela: La normativa PSD prevede la revoca automatica dei mandati SDD B2B eventualmente sottoscritti dal Debitore. La Banca provvede ad inviare una comunicazione che riepiloga i mandati SDD B2B revocati automaticamente a seguito della variazione della classificazione. 20

21 Come attivare il servizio incasso SDD Per attivare il servizio SDD l Azienda deve sottoscrivere il contratto SDD - INCASSI COMMERCIALI (Core e/o B2B) con la Banca ed indicare il rapporto di conto corrente sul quale regolare accrediti ed addebiti (in caso di storni o insoluti del debitore). Nello stesso contratto è presente il Codice identificativo azienda (Creditor Identifier - max 35 crts) che è necessario indicare nei Mandati e negli incassi SDD. Per l Italia la lunghezza del codice è di 23 caratteri secondo questa struttura: Posizioni 1-2 = il codice ISO del paese, per Italia IT Posizioni 3-4 = check digit calcolato secondo ISO 7064 Mod Posizioni 5-7 = Business Code del Creditore, o se non usato con ZZZ Posizioni 8-23 = Codice Fiscale/P. IVA (con 0 riempitivi a sinistra) Esempio di calcolo del Creditor Identifier: IT59ZZZ Prendere la Partita IVA + codice paese + 00 in fondo: IT 00 Si sostituiscono le lettere (IT valgono 18 e 29) con i numeri secondo la seguente tabella : A = 10 - B = 11 - C = 12 - D = 13 - E = 14 - F = 15 - G = 16 - H = 17 - I = 18 - J = 19 - K = 20 - L = 21 - M = 22 - N = 23 - O = 24 - P = 25 - Q = 26 - R = 27 - S = 28 - T = 29 - U = 30 - V = 31 - W = 32 - X = 33 - Y = 34 - Z = 35 e si ottiene Il numero risultante si divide per 97 = , Prendere la parte intera della divisione e si moltiplica per 97 = Prendere il numero iniziale e sottrarre il numero ottenuto nel passo precedente = 39 Da 98 si sottrae il risultato ottenuto al punto precedente = è il check digit (che infatti corrisponde a quello dell esempio) 21

22 SDD operatività del Creditore 1/5 Gestire il Mandato: Il Creditore ha la responsabilità di raccogliere il mandato all addebito sottoscritto dal Debitore, assicurarsi che sia completo e corretto per quanto riguarda le informazioni obbligatorie da fornire e conservare il mandato stesso. Modello Mandato SDD CORE Modello Mandato SDD B2B Informazioni obbligatorie: Denominazione SEPA Direct Debit Mandate ( + Business-to-Business) Riferimento univoco del mandato (deve essere unico in combinazione con il codice identificativo del Creditore senza il business code) Identificativo del Creditore Nominativo del Creditore Indirizzo, Cap, Città del Creditore Testo dell autorizzazione all addebito Nome del Debitore Indirizzo, Cap, Città del Debitore SWIFT BIC IBAN (necessario rispetto al R.I.D.) Tipo incasso (one-off first recurrent last) Luogo, data e firma del Debitore Validità del mandato (obbligo in capo al Creditore): Se il Creditore non presenta alcun incasso per un periodo di 36 mesi dalla data dell ultimo addebito deve cancellare il Mandato e non può più presentare ulteriori incassi SDD. Deve necessariamente raccogliere un nuovo Mandato se vuole richiedere un incasso SDD. Archiviazione del Mandato (obbligo in capo al Creditore): Il Creditore è responsabile dell archiviazione del Mandato e delle successive modifiche e deve essere conservato nel rispetto dei termini di legge anche dopo la sua cessazione. Revoche dei Mandati: Il Debitore può revocare il Mandato precedentemente sottoscritto. 22

23 SDD operatività del Creditore 2/5 Come si conferisce il Mandato SEPA (B2B): N.B. : Lo schema non ha indicato un iter specifico lasciando libertà di accordo tra Azienda e Banca 1. il Creditore invia ai Debitore tre Mandati SEPA precompilati (uno per il Debitore, uno per la Banca del Debitore e uno per il Creditore). 2. Il Debitore completa tutti e tre i Mandati SEPA nelle parti mancanti ed inserisce anche la data e il luogo di sottoscrizione e li sottoscrive. 3. Il Debitore trattiene per il suo archivio un Mandato SEPA (originale per il Debitore). 4. Il Debitore si reca nella sua Banca con gli altri due Mandati SEPA. 5. La Banca del Debitore: trattiene uno dei Mandati SEPA sottoscritto dal Debitore (originale per Banca) registra nei propri archivi il Mandato timbra per ricevuta il Mandato per il Creditore e lo riconsegna al Debitore. 6. Il Mandato timbrato dalla Banca deve essere spedito all indirizzo del Creditore. 7. Il Creditore ricevuto il Mandato effettua le verifiche e lo archivia in un luogo sicuro per eventuali necessità future. 23

24 SDD operatività del Creditore 3/5 Avvisare il Debitore: il Creditore deve avvisare il Debitore almeno 14 giorni di calendario prima della data di scadenza dell addebito, oppure nei diversi termini temporali concordati con il Debitore stesso, comunicandogli la data di scadenza e l importo dell addebito. Presentare le richieste di incasso: il Creditore deve inviare le richieste di incasso alla propria Banca utilizzando i canali attivati entro i tempi previsti: Tipologia schema SDD CORE SDD B2B 1 collocamento D 10 (sportello) (first / one-off) D 7 (telematico) Collocamenti successivi (recurrent / last) D 7 (sportello) D 4 (telematico) D 6 (sportello) D 3 (telematico) La descrizione della causale può avere massimo 140 caratteri (non strutturato). Nel caso in cui il Creditore non presenti alla Banca le disposizioni nei tempi sopra indicati o comunque nel caso in cui le disposizioni contengano date di scadenza che non è possibile rispettare, la Banca provvede a spostare la data di scadenza alla prima data utile successiva, salvo diversa indicazione del Creditore. 24

25 SDD operatività del Creditore 4/5 Gestire le disposizioni di incasso rifiutate: La Banca del Creditore può rifiutare le disposizioni di incasso nei seguenti casi: Non raggiungibilità della Banca del Debitore; Disposizioni incomplete o formalmente non corrette (es. mancanza IBAN/BIC, mancanza di altri dati essenziali); Disposizioni scadute, qualora il Creditore non abbia autorizzato la sua Banca a posticiparne la scadenza. Gestire gli eventuali storni (Reject): Gli incassi SDD per i quali viene rilevata, una situazione non corretta vengono automaticamente stornati dalla Banca del Debitore, con le relative causali di storno: SDD CORE: entro 5 giorni lavorativi dalla scadenza. SDD B2B: entro 2 giorni lavorativi dalla scadenza. Rientrano tra gli storni le seguenti casistiche: Conto corrente estinto; Conto corrente non trovato; Conto corrente errato (IBAN filiale inesistente); Informazioni del Mandato del Debitore mancanti o errate; Operazione non consentita sul conto corrente (ad es. il Debitore ha espressamente dichiarato di non volere addebiti da quel determinato Creditore o relativamente ad un determinato Mandato); Addebito SDD B2B disposto a valere sul conto corrente di un Debitore classificato come Consumatore. 25

26 SDD operatività del Creditore 5/5 Gestire gli insoluti (Return): Gli incassi insoluti vengono addebitati al Creditore entro: SDD CORE: Data scadenza D+3 su filiali Banca e D+6 su altre Banche SDD B2B: Data scadenza D+2 se su filiali Banca e D+3 su altre Banche Accredito e commissioni: L accredito avviene nella data di scadenza della disposizione con pari valuta di accredito. Se la data di scadenza cade in un giorno festivo si considera come data di scadenza il primo giorno lavorativo successivo. Le commissioni sono applicate secondo gli accordi con la Banca. Richiamo: il Creditore può richiamare un incasso entro 7 giorni precedenti alla data di scadenza (D 7) sottoscrivendo il modello Richiesta revoca beneficiario. Proroga: Il Creditore può richiedere alla Banca la proroga della data di scadenza delle disposizioni già presentate ma non ancora inviate nell interbancario. La proroga della scadenza è permessa fino a 7 giorni precedenti alla data di scadenza (D 7) sottoscrivendo il modello Richiesta proroga creditore. Rimborso (Reversal): Il Creditore, a fronte di un errato addebito, entro 5 giorni lavorativi dall addebito può rimborsare totalmente il Debitore. 26

27 Procedura ricerca per la determinazione di operazioni errate SDD B2B Premessa: La Banca del Debitore deve confrontare le informazioni presenti nei Mandati ricevuti dal Debitore con quelle presenti negli incassi. Casi eccezionali di attivazione della procedura: azione fraudolenta del Creditore o dei suoi dipendenti comportamento errato del Creditore o dei suoi dipendenti errori materiali del Creditore o dei suoi dipendenti qualsiasi azione erronea del Creditore o dei suoi dipendenti incasso duplicato 1) Il Debitore richiede il rimborso (max 13 mesi) 2) La Banca del Debitore attiva la procedura di richiesta (4 gg lav.) 3) La Banca del Creditore effettua le ricerche: senza contattare il Creditore (3 gg lav.) coinvolgendo il Creditore (10 gg lav) 4) Se contattato il Creditore effettua le ricerche (7 gg lav) 5) La Banca del Debitore riceve la risposta entro 20 giorni lavorativi con la: proposta di risoluzione della richiesta di rimborso informazioni che dimostrano la corretta esecuzione dell incasso E facoltà della Banca del Debitore contattare SMC Scheme Management Committee se: la Banca del Creditore non ha risposto entro 20 gg lav. le informazioni sono insufficienti 6) Se il Creditore non concorda può gestire la controversia al di fuori dello schema SEPA 27

28 Procedura rimborso per Mandato non autorizzato 1/2 SDD CORE a) Il Debitore richiede il rimborso b) La Banca del Debitore accetta o rifiuta la richiesta di rimborso e richiede copia del Mandato alla Banca del Creditore c) La Banca del Creditore gira la richiesta al Creditore d) Il Creditore esegue le ricerche e risponde alla richiesta e) La Banca del Creditore gira le informazioni alla Banca del Debitore f) La Banca del Debitore decide in merito al reclamo e, se necessario, chiede il rimborso g) La Banca del Creditore addebita l importo del rimborso nel conto del Creditore h) Il Creditore può aprire una disputa col Debitore Casi previsti: 1) La Banca del Debitore deve confrontare il Mandato ricevuto e tutti gli altri documenti relativi alle modifiche del Mandato con i dati presenti nell incasso: Codice identificativo dello schema Codice mandato Identificativo del Creditore Nome Creditore IBAN Debitore Nome Debitore BIC Banca del Debitore Tipo transazione (one-off o ricorrente) Data sottoscrizione del Mandato Firma del Mandato 2) Validità del mandato al momento dell addebito non cancellato dal Debitore o dal Creditore 3) Mandato modificato da una delle parti. 4) Il Mandato non deve essere scaduto ANNULLAMENTO se nessun addebito per 36 mesi (obbligo in capo al Creditore) 28

29 Procedura rimborso per mandato non autorizzato 2/2 SDD CORE Il Creditore entro 7 giorni lavorativi può: accettare la richiesta di rimborso contestare il reclamo per il caso 1) e 2) inviando copia del Mandato contestare il reclamo per il caso 3) e 4) fornendo alla propria Banca informazioni aggiuntive La Banca del Debitore entro 4 giorni lavorativi deve decidere se accettare o meno la richiesta di rimborso per Mandato non autorizzato: a) accetta se il Creditore acconsente al rimborso b) accetta dopo il confronto previsto per il caso 1) confronto informazioni Mandato con quelle dell incasso c) rifiuta il reclamo - DECISIONE DEFINITIVA. d) la Banca del Debitore non riceve alcuna risposta. Dopo 30 gg di calendario decide sulla base delle evidenze presentate dal Debitore e) la Banca del Debitore, dopo le verifiche, non da seguito al reclamo e informa il Debitore fornendo allo stesso tutti gli elementi di prova ricevuti dal Creditore 29

30 SEDA (Sepa Electronic Database Alignement) La nuova funzione è facoltativa e si attiva con la sottoscrizione di apposito contratto con la Banca di Allineamento, (obbligatoria per le Banche ITALIANE in qualità di Banca del Debitore) si integrerà al SEPA Direct Debit (sotto forma di AOS - Additional Optional Services - di comunità valido solo per le Banche aderenti al SEDA) consentendo parimenti alla attuale funzione RID l allineamento elettronico archivi preventivo tra Creditore e Banca domiciliataria: Richiesta di domiciliazione di un nuovo Mandato ; Richiesta di modifica del Mandato; Segnalazione di cancellazione del Mandato; Risposta alla richiesta di allineamento, modifica e cancellazione del Mandato. Il servizio prevede due modalità di adesione: SEDAC (base) = Richieste ad iniziativa del Creditore/Beneficiario - obbligatoria per le Banche italiane in qualità di Banca del Debitore SEDAD (avanzato) = Richieste ad iniziativa della Banca del Debitore - facoltativa per le Banche italiane Le specifiche tecniche - con decorrenza 14/10/13 sono disponibili sul sito CODICE FISCALE sottoscrittore del Mandato - OBBLIGATORIO N.B. Utilizzare i modelli dei Mandati proposti dall ABI. CONDIZIONI SEDA: Il Creditore deve corrispondere una commissione a tutte le Banche dei propri Debitori ed è calcolata applicando la commissione unitaria, stabilita da ciascuna Banca, per il numero dei mandati attivi nel trimestre di fatturazione (v. tabella presente sul sito: E possibile derogare tale condizione con accordi bilaterali Creditore / Banca. L addebito viene effettuato nel conto del Creditore con un SDD. Il Creditore inoltre deve corrispondere le commissioni all unica Banca di allineamento. CAMBIO CONTO: Il servizio SEDA NON prevede la trasferibilità dei Mandati attivi su un conto presso altra Banca. In caso di cambio Banca, il Debitore deve comunicare e sottoscrivere un nuovo Mandato ADEGUARE IL CONTRATTO 30

31 Agenda Introduzione alla SEPA e alla PSD End Date 1/2/2014 SCT - Funzionamento SDD - Funzionamento Migrazione R.I.D. a SDD 31

32 SDD migrazione servizio RID - iter operativo Validità autorizzazione RID: L'autorizzazione R.I.D. sottoscritta dal Debitore vale anche per l'addebito diretto SEPA e dovrà essere conservata anche in futuro. dal 1/9/13 le Banche non accetteranno più gli incassi RID con scadenza successiva al 1/2/14. controllare che le coordinate d azienda non abbiano caratteri speciali negli SDD sono utilizzati solo caratteri latini. In caso affermativo modificare il valore ed inviare un messaggio di Allineamento Archivi RID Avvisare i Debitori: Almeno 30 giorni prima del passaggio al SDD e comunque entro il 31/12/2013 dando la possibilità al debitore di non accettare la nuova forma di pagamento. Aggiornare le coordinate IBAN del debitore : Per l'addebito diretto SEPA, l'iban è un codice necessario per poter effettuare il pagamento e per questo motivo è molto importante, che ogni variazione di coordinate IBAN venga comunicata dal debitore. Per aggiornare le coordinate IBAN utilizzare il servizio Allineamento archivi RID messaggio Utilizzare il modello del Mandato appropriato: Mandato Core: se l azienda creditrice presentava RID Ordinari. Mandato B2B: se l azienda creditrice presentava RID Veloci. Inserire le coordinate d azienda come riferimento del Mandato : Nella prima presentazione dell addebito diretto SEPA deve essere indicato nel campo "Riferimento mandato" il codice utente dell autorizzazione R.I.D. (codice SIA, tipo codice e numero utente) allineandolo a sinistra oppure a destra con blank. N.B. Le clausole limitative presenti nelle autorizzazioni R.I.D. non sono più valide per gli addebiti diretti SEPA (primo/ultimo pagamento, numero massimo e importo massimo pagamenti) Aggiornare, se necessario, i contratti con la clientela - per esempio: Introdurre la nuova modalità di pagamento tramite SDD Impegno del Debitore a comunicare eventuali cambi di IBAN Inserire modalità ( , portale, SMS) e tempi (meno di 14 giorni) per avvisare i Debitori Adeguare i sistemi informativi / gestionali (ERP): I sistemi informativi / gestionali devono essere adeguati alle nuove specifiche tecniche XML ISO per poter gestire le presentazioni degli addebiti diretti SEPA. Addestrare il personale 32

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti

Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base per gli addebiti diretti e SEPA per gli addebiti Schema SEPA per gli addebiti diretti Beneficiari Come riscuotere elettronicamente i crediti in euro SEPA di base e SEPA per gli addebiti diretti B2B (SEPA Core e B2B Direct Debit) per beneficiari di pagamenti

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento Versione 1.0, 16 febbraio 2010 Indice 1 Premessa... 7 1.1 Contenuti di

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti

Package di Conto Corrente Conto Genius First Non Residenti LG00000NEW.bmp Foglio Informativo n. CC90 Aggiornamento n. 035 Data ultimo aggiornamento 01.10.2014 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Il futuro dei pagamenti in Europa.

Il futuro dei pagamenti in Europa. Il futuro dei pagamenti in Europa. Single Euro Payments Area (SEPA). Estonia Latvia Russia Lithuania UK France Contenuti Poland Germany Czech Republic Austria Slovakia Ukraine Hungary Slovenia Romania

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6

FISCALI. con il cd. decreto «salva Italia» (D.L. 6 Guida ai NOVITÀ CIRCOLAZIONE del CONTANTE: LIMITAZIONI NAZIONALI e COMUNITARIE Analisi della circolazione del contante alla luce degli interventi chiarificatori offerti dal Mef, dall Agenzia delle Entrate,

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE

CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE CambioConto COME CAMBIARE CONTO CORRENTE Caro lettore, le banche che aderiscono a PattiChiari, al fine di agevolare la mobilità della clientela, oltre ad aver aderito assieme a tutte le banche italiane

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*)

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*) CONDIZIONI ECONOMICHE CONTO WEBANK BUSINESS Le condizioni presenti in questo documento sono quelle standard del conto. Ogni eventuale deroga migliorativa è indicata nella documentazione contrattuale da

Dettagli

Sistema di compensazione BI-COMP

Sistema di compensazione BI-COMP Sistema di compensazione BI-COMP Guida per gli operatori Febbraio 2014 I N D I C E SEZIONE A IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP CAPITOLO I - IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE BI-COMP... 9 1.LINEAMENTI GENERALI...

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI

GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI GUIDA OPERATIVA AI SERVIZI I Servizi via internet e tramite cellulare le permettono di operare in modo semplice e diretto con la Banca, dovunque lei sia, a qualsiasi ora del giorno, scegliendo di volta

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08

FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 FOGLIO INFORMATIVO Edizione 2 del 23/12/08 CONTO CORRENTE di CORRISPONDENZA Sez. I Informazioni sulla Banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Soc. Coop. per azioni Sede legate:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE

SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE SPECIFICHE ATTUATIVE DEI CODICI IDENTIFICATIVI DI VERSAMENTO, RIVERSAMENTO E RENDICONTAZIONE Allegato A alle "Linee guida per l'effettuazione dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CONTO CORRENTE MyUnipol Offerto a Consumatori Adatto ai seguenti Profili di utilizzo : Giovani, Famiglie

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Foglio informativo - conto corrente offerto

Foglio informativo - conto corrente offerto Foglio informativo - conto corrente offerto ai consumatori MEDIOLANUM FREEDOM più E SERVIZI CONNESSI Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca Mediolanum - Società per Azioni.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche

Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Proposta di adesione al servizio Telemaco per l accesso alla consultazione ed alla trasmissione di pratiche Il/la sottoscritto/a Cognome e Nome Codice Fiscale Partita IVA Data di nascita Comune di nascita

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Si informa la spettabile clientela che, a seguito dell emanazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (cd. decreto Monti ) cambiano alcune disposizioni circa l utilizzo

Dettagli

A-CONTI CORRENTI e ALTRI SERVIZI

A-CONTI CORRENTI e ALTRI SERVIZI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) A-CONTI CORRENTI e ALTRI SERVIZI PROMOZIONI RISERVATE A SPECIFICI DESTINATARI e/o per PERIODI LIMITATI FOGLIO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Foglio informativo n. 272/027. Carta Prepagata. Carta Superflash.

Foglio informativo n. 272/027. Carta Prepagata. Carta Superflash. Foglio informativo n. 272/027. Carta Prepagata. Carta Superflash. Informazioni sulla Banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Uso del conto NETELLER

Uso del conto NETELLER Uso del conto NETELLER Grazie per l'interesse dimostrato nel nostro conto NETELLER. Questa guida contiene le istruzioni relative alle funzioni più utili e più utilizzate del conto NETELLER. Abbiamo cercato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO A PREMI PIU CREDEM PIU VINCI

REGOLAMENTO CONCORSO A PREMI PIU CREDEM PIU VINCI CREDITO EMILIANO SPA Capogruppo del Gruppo bancario Credito Emiliano - Credem - Capitale versato euro 332.392.107 - Codice Fiscale e Registro Imprese di Reggio Emilia 01806740153 - P. IVA 00766790356 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli