e-leadership Acquisizione delle competenze di e-leadership Favorire la trasformazione digitale dell'europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e-leadership Acquisizione delle competenze di e-leadership Favorire la trasformazione digitale dell'europa www.eskills-guide.eu"

Transcript

1 e-leadership Acquisizione delle competenze di e-leadership Favorire la trasformazione digitale dell'europa

2 e-leadership

3 Disclaimer Né la Commissione Europea né qualsiasi altra persona che agisce per conto della Commissione è da ritenersi responsabile per l'uso che potrebbe essere fatto delle seguenti informazioni. I punti di vista espressi sono quelli degli autori e non riflettono necessariamente quelli della Commissione Europea. Niente nella presente brochure implica o esprime una qualsivoglia garanzia. I risultati devono essere utilizzati solo come linee guida nell'ambito di una strategia globale. Commissione Europea, La riproduzione è autorizzata a patto che venga citata la fonte. Imprint La presente brochure è stata preparata da empirica Gesellschaft für Kommunikations- und Technologieforschung mbh per conto della Commissione Europea, Direzione generale GROW del mercato interno, dell'industria, dell'imprenditoria e delle PMI. Si tratta di una pubblicazione dell'iniziativa europea sulla e-leadership in base al contratto di servizio "European Guidelines and Quality Labels for new Curricula Fostering e-leadership Skills (www.eskills-guide.eu) Editori Editori: Simon Robinson, Werner B. Korte, Tobias Hüsing, empirica GmbH Design & Layout: Printed in Germany 03

4 04 e-leadership

5 Premessa Se l'europa deve competere, crescere e generare posti di lavoro, deve affrontare la grave carenza attuale di persone capaci di guidare l'innovazione necessaria per capitalizzare i progressi nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT). La crescita economica per creare posti di lavoro richiede che le opportunità d'innovazione vengano identificate e sfruttate in modo efficace. Ciò a sua volta richiede buone capacità di e-leadership. Queste sono le capacità che possono portare verso modelli di business per l'organizzazione del personale e cogliere le opportunità d'innovazione, facendo il miglior uso delle ICT e fornendo valore alle rispettive organizzazioni. La strategia UE per le competenze digitali è un componente chiave dell'impulso ad aumentare la competitività, la produttività e l'occupabilità della forza lavoro affrontando le esigenze di competenze digitali dell'industria europea. Questa contribuisce a migliorare le condizioni di base per l'innovazione la crescita e per i nuovi lavori digitali. E garantisce che le conoscenze, le abilità, le competenze e l'inventiva della forza lavoro europea soddisfino i più elevati standard globali e che siano regolarmente aggiornate grazie ad un processo di apprendimento permanente efficace. Nel 2013, la Commissione Europea ha lanciato la "Grand Coalition for Digital Jobs" per intensificare e accelerare i propri sforzi volti a colmare la mancanza di competenze digitali. Nell'ambito della strategia sulle competenze digitali, lo sviluppo delle competenze di leadership digitali ha beneficiato del lancio da parte della Commissione di un'iniziativa dedicata. Questa nuova iniziativa è stata accolta di buon grado dalle parti interessate leader. Ha avuto inizio nel 2013 con particolare attenzione sulle grandi aziende ed è stata allargata nel 2014 anche alle piccole e medie imprese, alle gazzelle e alle start-up. Sarà sostenuta e ampliata progressivamente negli anni a venire. Risultati molto interessanti e promettenti sono stati raggiunti finora e molte parti interessate stanno invitando la Commissione Europea e gli Stati Membri ad aumentare il proprio sostegno allo sviluppo delle competenze di e-leadership In particolare, la relazione dell'"european Policy Forum on Digital Entrepreneurship" (marzo 2015) sulla "trasformazione digitale dell'industria e delle aziende europee raccomanda di continuare a promuovere l'importanza della e-leadership e dichiara che il contenuto sulle competenze di e-leadership dovrebbe essere sviluppato e integrato in tutti i programmi di istruzione e formazione di general management per i leader aziendali e i funzionari pubblici senior. C'è un forte accordo sull'urgenza nell'era digitale di uno sforzo europeo congiunto per incrementare la fornitura di competenze di e-leadership in tutti i settori e le aziende industriali. Michel Catinat Capo Unità Key Enabling Technologies and Digital Economy DG Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs Commissione Europea 05

6 e-leadership La sfida della e-leadership digitale L'Europa ha bisogno di competenze di e-leadership per innovarsi e crescere Nell'assicurarsi crescita adeguata e posti di lavoro di qualità, l'europe deve fronteggiare una significativa mancanza di leader digitali, persone capaci di guidare l'innovazione di successo e di capitalizzare i progressi nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT). La crescita economica mirata a creare posti di lavori si basa sull'identificazione e lo sfruttamento efficace delle opportunità d'innovazione e questo a sua volta richiede buone competenze di e-leadership. Queste capacità consentono alle persone di guidare il personale verso l'identificazione e la realizzazione di modelli di business e lo sfruttamento di opportunità d'innovazione chiave, facendo il miglior uso delle ICT e fornendo valore alle rispettive organizzazioni. Iniziative della Commissione Europea La Commissione Europea ha già risposto a carenze diffuse segnalate dalle parti interessate europee in merito alla disponibilità attuale di competenze digitali, competenze relative alle ICT. Ha lanciato iniziative atte a promuovere le competenze digitali in Europa e ad aumentare la professionalità tra i professionisti ICT. L'attenzione si è spostata dal colmare il divario tra la domanda e l'offerta di competenze digitali concentrandosi ora sulla mancanza di competenze in fatto di e-leadership. Competenze di e-leadership Le competenze di e-leadership includono le conoscenze e le competenze necessarie per avviare e guidare l'innovazione correlata al settore ICT a tutti i livelli di azienda, dalle start-up alle aziende più grandi, nel pubblico e nel privato. In tutta l'industria europea cresce la domanda di e-leadership di qualità in grado di sfruttare e organizzare l'innovazione ICT per fornire valore di business. Le ricerche confermano una mancanza significativa in tutta Europa. Sviluppo della forza lavoro ICT in Europa nel 2013 rispetto al 2011 e alla previsione per il 2015 Management, architettura e analisi 29,2% 33,8% Professionisti ICT fondamentali - a livello professionale 4,3% 7,9% Altri professionisti ICT - a livello professionale -21,2% Professionisti ICT fondamentali - a livello di associati e tecnici 5,9% 9,9% Altri professionisti ICT - a livello di associati e tecnici -27,1% 2013 / 2011 Totale 0,3% 3,1% previsione 2015 /

7 Azioni intraprese Colmare il divario di competenze di e-leadership richiede il miglioramento dell'ecosistema educativo europeo, attraverso: processi migliori atti a generare offerte formative che soddisfino le richieste delle parti interessate, incoraggiamento per nuovi design e contenuti dei corsi, rafforzamento della comunicazione nello sviluppo e nel collocamento delle competenze di e-leadership. Nuove competenze per nuove tecnologie La continua innovazione nelle applicazioni ICT offre opportunità di competitività e crescita per le aziende europee ma sfida anche l'europa a fornire le conoscenze e le competenze necessarie a cogliere queste opportunità. La nuova ondata di innovazione ICT - con la confluenza di tecnologie social, mobili e cloud, l'ascesa di Big Data e la nuova analytics per creare valore - include molte tendenze che dovrebbero incidere sulla domanda di competenze di e-leadership nel prossimo decennio. Le tendenze che abbiamo identificato hanno un potenziale dirompente significativo - tecnologie che avanzano rapidamente con grande impatto e valore significativo. Queste cambieranno drasticamente l'equilibrio del mercato e incideranno profondamente sull'equilibrio delle competenze. Le competenze ICT operative saranno meno richieste ma ci sarà più domanda di competenze specializzate in progettazione e collocazione per i nuovi servizi digitali. Le competenze di e-leadership sono necessarie per identificare e sfruttare queste nuove opportunità per la crescita del business. Tendenze tecnologiche Mobilità: la rapida penetrazione di dispositivi e tecnologie mobili e lo sfruttamento di soluzioni mobili nell'ambiente aziendale. Cloud computing: Il modello di distribuzione dirompente di software e servizi IT, basato su modelli di business flessibili e on-demand. Big data analytics: nuove tecnologie e architetture in grado di estrarre valore in modo efficace da grandi volumi di una varietà di dati attraverso acquisizione ad alta velocità, scoperta e/o analisi. Tecnologie dei social media: all'interno e all'esterno di aziende, collocando tecniche di marketing sociale e facilitando la collaborazione e la condivisione delle conoscenze. Internet of Things: Un'infrastruttura di rete globale dinamica con capacità di autoconfigurazione basata su protocolli di comunicazione standard e interoperabili in cui le "cose" fisiche e virtuali hanno identità, attributi fisici e personalità virtuali, usano interfacce intelligenti e sono perfettamente integrate nella rete di informazione. Sistemi sicuri: dato l'aumento di dipendenza delle organizzazioni europee sui sistemi ICT e la crescente complessità degli ambienti collegati, c'è una forte domanda e diffusione di software e strumenti per assicurare la sicurezza dei sistemi IT a tutti i livelli. Microelettronica e sistemi paralleli: la crescente diffusione di tecnologie multicore/manycore sta rivoluzionando l'industria dei semiconduttori e influenzando le dinamiche di tutti i mercati degli utenti finali dei microprocessori. Il passaggio al parallelismo pone sfide allo sviluppo del software e richiede un cambiamento negli strumenti, nei sistemi e nei metodi della progettazione e dello sviluppo dei software. Convergenza: Oltre all'impatto di ogni tendenza, la convergenza di queste nuove tecnologie ha un effetto cumulativo sulla struttura del mercato; il loro sfruttamento congiunto aumenta ancora di più la richiesta di competenze di e-leadership. 07

8 e-leadership Previsioni per la e-leadership Un sondaggio sulle imprese realizzato nel 2013 ha identificato e quantificato le aziende che hanno implementato con successo progetti IT innovativi e ha individuato quanti impiegati all'interno e all'esterno dei dipartimenti IT hanno avviato e guidato questi progetti. Su questa base, le esigenze di una forza lavoro di e-leadership a livello europeo nell'eu28 sono stimate tra (numero di persone che propongono con successo progetti innovativi usando l'it) e (persone leader per progetti innovativi che usano l'it). Circa il 40% dei leader digitali si trovano all'interno dei dipartimenti IT e il 60% all'esterno. I leader digitali nelle PMI sono pari al 70-75% del totale. IDC e empirica hanno previsto che la domanda di occupazioni ICT altamente qualificate salirà con una media annua del 4,6% fino al Sembra ragionevole presumere che la domanda di e-leadership è strettamente collegata ai lavori ICT altamente qualificati. Si stima che la domanda nel 2015 varierà da a applicando un tasso di crescita del 4,6%, per essere compresa tra e nel Previsione della domanda di lavori di e-leadership per l'eu Leader digitali: posti di lavoro e domanda potenziali Limite inferiore Limite superiore Considerando la domanda stabilita per il 2013, le previsioni della domanda di e-leadership devono basarsi sui tassi di crescita stimati, in quanto sono disponibili pochi dati di mercato relativi ai posti vacanti o alle assunzioni future di e-leadership. Utilizziamo un'analogia con le posizioni ICT più qualificate per le quali esiste una tale stima. Tenendo in considerazione l'espansione (nuovi posti di lavoro), la domanda e la domanda sostitutiva (a causa di pensionamenti, ecc.), l'europa avrà bisogno di conseguenza di leader digitali aggiuntivi entro il 2020 o di all'anno. 08

9 L'Europa ha bisogno di nuovi leader digitali ogni anno La forza lavoro di e-leadership europea è stata recentemente stimata tra e individui. Alla luce delle stime di IDC e empirica di un aumento medio del 4,6% fino al 2020, le cifre mostrano il potenziale di domanda pari a leader digitali nel 2020, applicando solo proiezioni prudenti. I corrispondenti nazionali in tutti gli Stati Membri hanno effettuato una ricerca sistematica nei primi mesi del 2013 di programmi educativi di e-leadership. I risultati hanno mostrato che l'europa ha attraversato un boom relativamente ai programmi interdisciplinari a livello di master coniugando business e IT, ma principalmente per lavoratori alla prima occupazione. C'è un lavoro da fare! Panorama europeo 2013 sull'istruzione superiore e per dirigenti in materia di e-leadership Combinazione di programmi 1091 Orientati ai professionisti 494 Potenziali programmi candidati 47 Programmi candidati 21 Programmi (a) a livello post-laurea che combinano ICT + business... e (b) destinati a coloro che hanno esperienza professionale non fulltime in loco... e rivolti al senior management con alto livello tecnico... e l'ingresso richiede una significativa esperienza in business + mission alumni: trasformare il business Sulla base di queste stime, l'europa avrà bisogno di almeno leader digitali aggiuntivi entro il 2020, inclusa la domanda sostitutiva, o all'anno. Ciò rappresenta una grande sfida per l'attuale ecosistema educativo. Scarsità di programmi In Europa sono stati trovati solo 21 programmi che forniscono programmi di e-leadership nel senso definito dalle parti interessate in grado di offrire la capacità di guidare dirigenti esperti nella trasformazione aziendale. La sfida della e-leadership La domanda sta crescendo in tutta Europa per accelerare l'innovazione, rafforzando la competitività, guidando la crescita dell'economia e creando posti di lavoro. Un fattore importante per la riuscita delle innovazioni è la forza della leadership, in particolare per sfruttare le nuove opportunità nel settore ICT. Ma l'offerta di competenze di e-leadership è ben al di sotto della domanda ed occorre una risposta coordinata. 09

10 e-leadership Risposta alla domanda Obiettivo e approccio L'iniziativa di e-leadership è stata lanciata dalla Commissione Europea con un'attenzione iniziale sulle competenze di e-leadership per le grandi aziende. L'obiettivo è sviluppare, dimostrare e diffondere le linee guida europee e i marchi di qualità per i nuovi programmi atti a promuovere le competenze di e-leadership. Le linee guida sono state sviluppate utilizzando i risultati dei sondaggi, i dati forniti dalle parti interessate e l'analisi delle migliori pratiche in collaborazione con scuole di business a livello mondiale. Le linee guida sono state utilizzate in tutta Europa, guadagnando un largo consenso e rivelandosi utili per le parti interessate. Freddy Van den Wyngaert VP, CIO, AGFA ICS Miglioramenti degli obiettivi Agfa ha implementato una trasformazione importante e di successo del proprio business ed è determinata a portare avanti questo successo assicurando che i dirigenti portino con sé il meglio in fatto di competenze di e-leadership. I miglioramenti principali scaturiranno dall'aumento progressivo delle migliori pratiche nella comunicazione delle esigenze di mercato, della trasparenza dei contenuti e dell'assegnazione del marchio di qualità. L'attenzione è rivolta alle competenze di e-leadership per persone in posizioni "ricche di risorse" in aziende in cui i dirigenti sono in grado di mobilitare significative risorse umane e di altro tipo. Tali dirigenti, inclusi CIO e posizioni correlate di livello C, guidano i vertici delle risorse umane di un'azienda e si assumono la responsabilità diretta per il business, l'innovazione e la competitività. Alla guida dell'innovazione di grandi imprese La prima fase dell'iniziativa di e-leadership si concentra sulle esigenze di leadership dei migliori decision-maker in grandi aziende. Questi dirigenti sovraintendono portafogli che includono sia opportunità d'innovazione ben definite sia emergenti. La loro ricerca di innovazione richiede l'assunzione di personale altamente qualificato molti dei quali hanno bisogno di assistenza per raggiungere la comprensione eccellente necessaria delle ICT e del loro valore potenziale. Małgorzata Ryniak VOLVO, Information Technology Volvo sta investendo nel nostro personale IT in modo tale che questo personale sia autorizzato a dirigere al nostro posto. La grande qualità e coerenza nelle offerte di formazione in materia di e-leadership in Europa avviate dalla Commissione è molto accattivante per noi. Competenze specifiche includono la valutazione rapida e disciplinata dei casi e dei rischi aziendali, incoraggiando nel contempo la creatività necessaria per realizzare nuovi modelli di business e sfruttare le opportunità d'innovazione. Azione della Commissione Europea per colmare il divario delle competenze di e-leadership In quanto parte dell'iniziativa di e-leadership della Commissione, le linee guida sono state sviluppate affinché i programmi forniscano e-leadership alle aziende. L'approccio supporta la caratterizzazione di quelle competenze necessarie per la e-leadership nel processo decisionale dell'azienda e la definizione di risultati di apprendimento appropriati per agire in ruoli chiave, fino al livello C. Vengono generati profili curriculari che definiscono il contenuto target e le esperienze formative da includere nei programmi di e-leadership offerti dagli istituiti di istruzione superiore e di formazione per dirigenti. La qualità può essere facilmente mantenuta se la comprensione dei requisiti di competenze sul posto di lavoro sul versante della domanda viene trasmessa ai fornitori. Il feedback da parte degli alunni contribuirà a mantenere l'attrattività della fornitura e dei contenuti, fornendo informazioni sullo sviluppo dei requisiti di leadership sul lavoro. 10

11 Cristina Alvarez CIO Telefonica Spain L'iniziativa della Commissione volta a migliorare l'offerta di competenze di e-leadership è di grande interesse per noi; contiamo di fare un uso importante di programmi che offrono queste competenze. L'attuazione delle linee guida offre trasparenza alle aziende che cercano e-leadership e ai professionisti che desiderano impegnarsi in un'ulteriore formazione con la prospettiva di maggiore responsabilità per la trasformazione e il successo dell'azienda. Pascal Buffard President of CIGREF and Chairman of AXA Technology Services Per CIGREF, l'argomento "e-leadership" è una delle 10 sfide top per i leader e i manager verso il Trasformazione digitale leader significa dapprima avere la capacità di sviluppare una visione strategica collegata al digitale con tutte le parti interessate. CIGREF incoraggia l'intensificazione di iniziative collegate alla promozione della e-leadership in Europa verso tutti gli attori economici. Dimostrazioni con diverse scuole di business e università in Europa hanno mostrato come i profili curriculari, combinati con i criteri di qualità, possono aiutare a valutare i programmi forniti dagli istituti di istruzione superiore e di formazione per dirigenti. È stato incoraggiato lo sviluppo e il miglioramento di offerte formative aggiornate in grado di aumentare l'offerta di leader con esperienza e altamente qualificati in innovazione basata su ICT nel settore privato e pubblico. Jeanne Bracken General Manager & Publisher, LID Editorial Spain Formati di apprendimento flessibili e collaborativi sono un fattore chiave. Siamo realistici, è improbabile che si creino leader innovativi con metodi tradizionali! L'opportunità online - MOOC per e-leadership L'innovazione nella didattica può aiutare ad aumentare progressivamente la fornitura di competenze di e-leadership mantenendo i programmi a prezzi accessibili e la fornitura di corsi online è un'alternativa accattivante. Tuttavia, i risultati non sono ancora totalmente visibili della partecipazione ad oggi in "corsi massivi online aperti a tutti" (MOOC) in settori collegati alla e-leadership in Europa e negli USA. La maggior parte delle università hanno un programma a livello di master su ICT e management, ma persino negli USA questi vengono tenuti tradizionalmente, in loco. I MOOC oggi offrono corsi ad un livello relativamente elementare, di norma con obiettivi di apprendimento che sono rimasti stabili per anni - non una caratteristica dei settori ICT. Sono molto pochi i programmi online che combinano ICT e competenze aziendali. L'offerta riguarda per lo più "pillole" isolate e rapide che durano meno di un'ora. Queste non sono né integrate in né forniscono crediti per programmi più ampi. 11

12 e-leadership Fondamenti Le migliori pratiche nella formazione di e-leadership Le linee guida per i programmi di e-leadership sono state realizzate basandosi sulle migliori pratiche esistenti a livello europeo e mondiale. Un input chiave è stato l'eccellente programma EuroCIO per la formazione di dirigenti. Una gerarchia di programmi modulari fornisce leadership e qualifiche professionali. premiare l'apprendimento permanente, valorizzando le competenze tra coloro già impiegati e con esperienza, in particolare per l'architettura, la strategia e l'innovazione aziendale; assicurare che i programmi offerti si basino su piani stabili ma flessibili neutri in termini di venditori; incoraggiare le università, le aziende e il settore pubblico ad impegnarsi regolarmente e a concentrarsi sulle complementarità piuttosto che sulle differenze; consentire alle università di assicurare la pertinenza e la durata dell'approccio curricolare; Le migliori pratiche nella formazione di e-leadership da EuroCIO MBA in Corporate Information Management EuroCIO Executive MBA in CIM Programmi professionali Corsi modulari EuroCIO Programmi professionali in IT Governance EuroCIO Programmi professionali in IT Strategy Mgmt EuroCIO Programmi professionali in Demand Mgmt Programmi professionali in Business & Enterprise Architecture Seguendo l'approccio formativo, lo sviluppo dei programmi risulta dalla negoziazione in un comitato di rappresentanti dell'industria e d scuole di business. I comitati individuali affrontano programmi specifici. Nuove tecniche sono state sviluppate per ampliare questo programma e fornire i numeri di cui l'europa ha bisogno. Linee guida programma INSEAD L'iniziativa di e-leadership si basa sulle conclusioni dello studio INSEAD "European e-competence Curricula Development Guidelines" che include politiche e linee guida istituzionali in tutto il dominio di competenze digitali. Le politiche devono: incoraggiare l'industria a rafforzare lo sviluppo del personale e fornire incentivi per apprendimento permanente ad es. tramite inclusione in valutazioni delle performance. Le linee guida istituzionali per uno sviluppo di successo dei programmi raccomandano di: (1) creare desiderio tra i potenziali studenti; (2) assicurare la pertinenza per l'industria e i potenziali datori di lavoro; (3) progettare programmi come un insieme di moduli, rendendone semplice la combinazione con altri e promuovendo gli approcci multidisciplinari; (4) anticipare le esigenze dei laureati a mantenere aggiornate le loro conoscenze; (5) monitorare la progettazione dei programmi e il processo di fornitura per un costante miglioramento. 12

13 L'approccio all'aumento progressivo di fornitura di competenze di e-leadership tiene pienamente conto di queste linee guida. L'iniziativa della e-leadership eleva le idee INSEAD al livello di un portafoglio di nuovi programmi che forniscono competenze di e-leadership, incorporate in un quadro sostenibile che assicuri la qualità della vita. Questo quadro assicura un abbinamento continuo tra il contenuto del corso e i requisiti di innovazione e di leadership in tutti i settori economici e in tutte le dimensioni organizzative. L'European e-competence Framework Il concetto multi-competenze di e-leadership e la sua importanza per lo sviluppo economico e sociale futuro nell'economia europea è stato ampiamente confermato dalle parti interessate del settore. I profili del programma rispondono all'insistenza delle parti interessate sul fatto che le linee guida dei programmi dovrebbero sfruttare la migliore trasparenza del mercato dei collegamenti all'e-competence Framework. Ogni profilo di programma è mappato con riferimento all'european e-competence Framework e rende chiaro quali competenze e-cf vengono ottimizzate da programmi conformi. Linee guida per i nuovi programmi Incremento progressivo delle competenze di e-leadership L'incremento progressivo dell'offerta di competenze di e-leadership richiede meccanismi che affrontino la mancanza di trasparenza a livello contenutistico dei programmi offerti. I programmi non sono facilmente comparati quindi la fiducia nelle offerte è limitata. Il riconoscimento da una fonte attendibile è un meccanismo ben collaudato per generare fiducia, liberare l'azione e accelerare il flusso di competenze di e-leadership. Rafforzamento dell'ecosistema per lo sviluppo delle competenze digitali Incrementare progressivamente l'approccio richiede una chiara analisi dei luoghi e dei processi dove è possibile fornire un miglioramento in termini di trasparenza e comparabilità. Richiede anche una chiara specificazione di come possa essere garantito l'allineamento alle esigenze di innovazione in termini di leadership nel mondo delle grandi aziende e di come sia possibile dare chiari segnali che certe offerte formative possono soddisfare queste esigenze. L'ecosistema per lo sviluppo delle competenze di e-leadership fornisce un quadro analitico idoneo. Sintesi dei ruoli di trasparenza, comparabilità e fiducia nel sostenere il riconoscimento dei programmi Creare trasparenza Creare comparabilità Creare fiducia Fornire riconoscimento Aumentare l'offerta formativa; accelerare il flusso di competenze di e-leadership 13

14 e-leadership Prof. Dr. John Board Dean of Henley Business School Henley, con la sua forte tradizione di ricerca e insegnamento, ha contribuito direttamente all'iniziativa di e-leadership, adattando programmi chiave per soddisfare i requisiti definiti dai profili dei programmi di e-leadership. Le linee guida e i marchi di qualità s'incentrano su un portafoglio di profili del programma di e-leadership, affiancato da valutazione di qualità e interazione con le parti interessate, incorporando canali di feedback efficaci. I profili curriculari portano trasparenza e comparabilità delle offerte formative alle parti interessate dell'ecosistema. Gli istituti di Eduardo Vendrell President, Conferencia de Directores y Decanos de Ingeniería Informática and Professor at Universitat Politècnica de València Nel mio ruolo di President of the Spanish Council of Deans of Informatics Degrees (CODDII), sono coinvolto nell'iniziativa di competenze e di leadership digitali, supportata dalla Commissione Europea. istruzione superiore e le scuole di business sono in possesso dei mezzi per allineare i risultati di apprendimento del programma alla domanda aziendale per i dirigenti qualificati in modo trasparente per i datori di lavoro e i futuri leader digitali. Profilo del programma di e-leadership I profili del programma di e-leadership, importanti per le linee guida sullo sviluppo di nuovi programmi sono sviluppati da un team di rappresentanti del mondo accademico e industriale supportato da esperti in formazione. I profili forniscono comparabilità in tutti i programmi portando trasparenza in tutto l'ecosistema di competenze digitali. Essi descrivono ed espongono la domanda di una serie di competenze di e-leadership e aiutano i programmi a tenere il passo con un ambiente che cambia. I profili hanno una struttura semplice e richiedono poche risorse per la manutenzione e l'uso - in linea con il contesto economico. Le soluzioni di oggi devono essere snelle! L'ecosistema di sviluppo delle competenze di e-leadership SISTEMA DELL'OFFERTA Istituti di istruzione superiore e formazione per dirigenti Programmi LINEE GUIDA e MARCHI DI QUALITA' Interazione delle parti interessate Canali di feedback Portafoglio di profili curriculari SISTEMA DELLA DOMANDA Aziende - alla ricerca di leadership per programmi innovativi che usano le ICT Criteri di qualità & valutazione 14

15 Silvia Leal Academic Director, IE Business School IE Business School è stata tra le prime in Europa ad applicare le linee guide di e-leadership ai nostri corsi di istruzione superiore e noi raccomandiamo caldamente che altre università e scuole di business utilizzino l'approccio del profilo dei programmi di e-leadership. Adam Dzidowski University of Technology Wroclaw, Faculty of Computer Science and Management Wroclaw University of Technology Prof. Dr. Renaud Cornu Emieux Directeur, l Ecole de Management des Systèmes d Information de Grenoble, Chair Orange GEM «Digital Natives» Per l'anno a venire, la cattedra Digital Natives Orange-Grenoble Ecole de Management e EMSI guideranno lo sviluppo di moduli e certificati in e-leadership per studenti del corso principale della Grenoble Ecole de Management (GEM). Questi moduli e certificati saranno per studenti e professionisti che lavorano. La parte più importante del pacchetto di e-leadership è il suo potenziale riflessivo e come può essere utilizzato per porre le domande giuste sui programmi esistenti. Componenti di un profilo per programmi di e-leadership Titolo Motivazioni Ruoli campione Nome significativo del profilo curriculare Breve descrizione dell'importanza e della domanda Indicazione di ruoli tipici negli ambienti di lavoro Contenuto centrale Gli argomenti principali collegati a questo tipo di profilo Risultati di apprendimento Conoscenze, capacità e competenze Competenze Mappate con riferimento all'e-competence Framework 15

16 e-leadership Esempio di un profilo per programmi di e-leadership: Business Enterprise Architecture Profilo del programma di leadeship digitale Titolo Motivazioni Profilo d'ingresso Contenuto centrale Apprendimento Esperienza Target campione Ruoli Business and Enterprise Architecture Domanda del mercato Le aziende, in particolare quelle con operazioni internazionali, hanno bisogno di affrontare la complessità in quanto ciò aumenta i rischi e i costi e devono essere agili nel risponde ai cambiamenti del mercato. Progettare un business in grado di raggiungere questi obiettivi richiede sia competenze in materia di business sia in architettura ICT. Il programma Business & Enterprise Architecture affronta queste sfide e mira ad incrementare la capacità di professionisti con esperienza ad impegnarsi con parti interessate chiave per collegare strategia, architettura, cambiamento e valore. L'attenzione è rivolta sia a sviluppare la competenze professionale sia a ottimizzare le capacità comportamentali. I programmi basati su questo profilo richiedono di norma partecipanti che hanno già esperienza pratica in ruoli di cambiamenti aziendali informatizzati. Il ciclo di vita di un'architettura del business e dell'azienda in quanto abilitatore della strategia di business e di esecuzione, con i collegamenti alle funzioni interconnesse: Strategy & Enterprise Architecture Enterprise Architecture Solutions Attuazione dell'enterprise Architecture Combinare istruzioni teoriche con revisioni di gruppo facilitate delle migliori pratiche definite all'interno di un contesto organizzativo Fornire opportunità agli studenti di utilizzare l'esperienza e le conoscenze risultanti dal programma nel proprio ambiente di lavoro Enterprise Architect Business Architect Risultati di apprendimento Creare design architettonici che aiutano a innovare i modelli di business e operativi Sfruttare tendenze digitali per sviluppare le architetture del modello target Immaginare e guidare il cambiamento architettonico per le performance aziendali Influenzare le parti interessate architettoniche al di là delle barriere Creare capacità architettoniche e guidare staff interdisciplinari Competenza e-cf Livello A.1 IS and Business Strategy Alignment 4 A.5 Architecture Design 5 A.7 Technology Trend Monitoring 4 A.9 Innovating 4 E.7 Business Change Management 4 Comprensione della e-leadership A.3 Business Plan Development B.6 Systems Engineering C.3 Service Delivery E.2 Project and Portfolio Management E.3 Risk Management E.9 IT Governance Ogni profilo curriculare ha un nome e una motivazione concisa per la sua posizione nel portafoglio, elencando i ruoli per cui è perfettamente idoneo e riassumendo il contenuto. Il "cuore" di ogni profilo comprende i risultati di apprendimento dal completamento: le conoscenze, le capacità e le competenze che un programma fornisce per modellare le competenze di e-leadership. Tutti i profili sviluppati nella prima fase dell'iniziativa forniscono le competenze principali per la e-leadership in grandi aziende. I risultati di apprendimento fanno pienamente riferimento all'e-competence Framework, per offrire la massima trasparenza e per sfruttare l'auto-valutazione e la pianificazione delle risorse umane esistenti. 16

17 Allineare i programmi ai profili curriculari accelererà il flusso di competenze, soddisfacendo i requisiti delle parti interessate riguardo a: stimolare l'istruzione superiore e per dirigenti affinché sviluppi nuovi programmi sfruttare l'esperienza del mondo accademico non dirgli come insegnare,... lasciare che incorporino le ultime ricerche esporre i risultati desiderati, i risultati di apprendimento nella domanda. L'adozione delle linee guida e l'offerta di programmi conformi influenzerà la formazione per dirigenti e le decisioni in materia di assunzioni fornirà trasparenza agli aspiranti leader digitali e guiderà la scelta per il perfezionamento professionale. L'approccio tiene in completa considerazione le diverse serie di competenze di e-leadership per i diversi ruoli. Il portafoglio di e-leadership L'industria e l'istruzione superiore hanno fornito la versione 1 di tre profili: Business and Enterprise Architecture Information Security Governance e Innovation and Transformation through ICT. Marco Ferretti C.I.N.I National Consortium of Italian ICT universities ICT competencies Lab and Professor, University of Pavia Il CINI Lab sulle competenze ICT contempla la possibilità di avviare la raccolta di un ampio set di valutazione sui programmi universitari rispetto ai profili dei programmi di e-leadership ed è pronto a sostenere ulteriormente l'iniziativa di e-leadership. I profili curriculari si adattano ai cambiamenti nei requisiti e nuovi profili vengono creati laddove l'ambito si riveli troppo ristretto. I fornitori del programma possono analizzare le proprie offerte e utilizzare un profilo per adattarle o progettarle da zero avvalendosi di un semplice strumento di auto-valutazione. Il prototipo di uno strumento è disponibile per supportare il confronto strutturato di un singolo programma formativo rispetto a un profilo curricolare, basandosi su criteri di qualità e producendo una relazione di valutazione su un'offerta formativa. Un istituto di istruzione superiore e di formazione per dirigenti può valutare il proprio programma e pubblicare i risultati sul web al fine di informare gli aspiranti dirigenti, leader digitali in formazione e reclutamento di manager. Per una maggiore sicurezza è stato definito un marchio di qualità basato su una valutazione snella indipendente, riutilizzando la certificazione esistente. Filomena Ferrucci Professor, Università di Salerno, Fisciano (SA), L'Università di Salerno ha attivato un nuovo programma di studi per affrontare le esigenze dei professionisti in termini di competenza sia in tecnologia dell'informazione sia nel business che gli consenta di guidare il cambiamento e l'innovazione, per essere leader digitali. Questo programma soddisfa le linee guida di e-leadership, mostrando di affrontare le esigenze dell'industria. Il marchio di qualità per la e-leadership Il marchio di qualità per la formazione in materia di e-leadership comprende criteri, processi e un sistema di gestione del marchio integrati in una struttura di governance dalla gestione snella. La valutazione indipendente della qualità tiene pienamente conto dell'accreditamento esistente e viene fatto il massimo uso delle valutazioni e delle ricerche dei sistemi di accreditamento nazionali. Birgit Hanny Board Member, ASIIN ASIIN sostiene l'iniziativa di e-leadership e i profili dei programmi come strumenti per sviluppare offerte di istruzione di alta qualità a livello accademico. 17

18 e-leadership Un prototipo per la trasparenza online nella formazione Profili del programma di e-leadership Un ambiente web prototipo presenta le linee guida e il nuovo approccio alla trasparenza e alla compatibilità del programma. Questo ambiente può sostenere il riconoscimento, l'interazione delle parti interessate e il feedback con un minimo di amministrazione. Il diagramma mostra come tre profili curriculari potrebbero essere presentati in modo che chiunque sia interessato possa accedere a specifiche dettagliate e comprendere a pieno i contenuti. L'ambiente web prototipo supporta la presentazione interattiva di ogni profilo curricolare nel portafoglio. Ogni profilo trasmette risultati di apprendimento chiari e ha un contenuto motivazionale e centrale. Specifica l'esperienza di apprendimento adeguata, mostra il legame tra i risultati di apprendimento e la corrispondente competenza e-cf e specifica alla sezione "Comprendere la e-leadership" l'oggetto che i leader digitali devono comprendere sufficientemente bene per guidare altri nelle prestazioni, piuttosto che eseguirle autonomamente. Presentazione del prototipo di un portafoglio di profili per programmi di e-leadership 18

19 Presentazione del prototipo di un profilo per programmi di e-leadership Pubblicando il profilo curriculare completo aumenta la trasparenza e aiuta ad assicurarne l'aggiornamento. Per ridurre il carico amministrativo, i loghi e tutto il materiale sono forniti direttamente dagli istituti d'istruzione. I titolari del programma eseguono anche valutazioni, utilizzando strumenti semplici per mappare i programmi rispetto ad un profilo curriculare. I datori di lavoro e gli alunni possono registrarsi per impegnarsi a migliorare la collaborazione. Valutazioni del programma e profili curriculari - sono esposti ad un feedback da parte delle parti interessate e da chi detiene le conoscenze. Il target si sposta. Con questo feedback diretto, si mantiene la massima agilità in modo da poter implementare rapidamente le modifiche necessarie. 19

20 e-leadership Trasparenza attraverso riconoscimento Per assicurare la trasparenza delle offerte formative individuali, gli istituti di istruzione superiore e le scuole di business possono registrarsi e presentare una valutazione dei propri programmi rispetto a un profilo curriculare. Ogni elemento della mappatura dei programmi individuali rispetto ad un profilo può essere acquisito come completamente o parzialmente conforme e ciò fornisce trasparenza e costruisce un quadro affidabile per la comparabilità delle offerte formative. Presentazione dell'approccio di qualità Nel fornire un marchio di qualità, la richiesta o lo standard per la misurazione devono essere chiari. La richiesta di programmi che siano conformi ad un profilo del programma di e-leadership riconosciuto è facile da accettare. Presentazione del prototipo di uno strumento di auto-valutazione 20

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze

Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze Il contributo di EUCIP per una scuola delle competenze Roberto Bellini 1, Pierfranco Ravotto 2 AICA Piazzale Rodolfo Morandi 2, 20121 Milano 1 r.bellini@aicanet.it 2 p.ravotto@aicanet.it EUCIP è uno standard

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli