Giovanni XXIII Binetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovanni XXIII Binetto"

Transcript

1

2

3 Plesso Scuola dell Infanzia - Binetto ISTITUTO COMPRENSIVO Giovanni XXIII Binetto Grumo Appula (BA) Plesso Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Binetto Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuole secondarie di primo grado Plesso Giovanni XXIII Scuola Secondaria di primo grado Grumo Appula Plesso SS: Medici Scuola Secondaria di primo grado Grumo Appula

4 PREMESSA L Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Binetto di Grumo Appula nasce nell anno scolastico per effetto del dimensionamento scolastico seguente della deliberazione della Regione Puglia n 20 del 18/01/2013. Frutto della disaggregazione di due diversi Istituti comprensivi, il Devitofrancesco-Giovanni XXIII e il S.G. Bosco-A. Manzoni di Toritto, esso attualmente comprende tre ordini di scuola (Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) distribuiti in quattro plessi dislocati in un area territoriale che comprende due Comuni, Grumo Appula e Binetto, e una popolazione scolastica di circa 650 allievi. Nel Comune di Grumo Appula sono presenti i Plessi Giovanni XXIII e SS. Medici di Scola Secondaria di primo grado. Nel Comune di Binetto sono presenti il Plesso di Scuola dell Infanzia e il Plesso ospitante la Scuola Primaria e quella Secondaria di primo grado. Nella sua globalità, l Istituto conta 29 classi così distribuite: 23 classi di Scuola secondaria di primo grado per un totale di 471 alunni; 4 classi di Scuola Primaria per un totale di 75 alunni; 2 classi di Scuola dell Infanzia per un totale di 46 bambini.

5 La struttura del curriculo verticale garantisce ai discenti una continuità educativa per meglio predisporli alla l acquisizione dei saperi essenziali, attraverso la esaltazione delle individualità e la costruzione di opportuni percorsi di recupero, consolidamento e potenziamento. Gli obiettivi strategici dell Istituto Comprensivo sono: lo sviluppo globale della personalità dell alunno; la conquista di una coscienza critica; l acquisizione di competenze trasversali; Il Piano dell Offerta Formativa, quale carta di identità dell istituzione scolastica e delle attività organizzate, intenzionali e verificabili, rappresenta così un contratto fra le parti in cui: gli alunni devono sapere, saper fare, saper essere e saper vivere con gli altri; i docenti devono saper fare e comunicare sul piano didattico; i genitori devono interagire e confrontarsi con i figli e la scuola; il personale A.T.A. deve garantire specifici servizi e prestazioni; Tutto questo nella cornice di un servizio pubblico caratterizzato da un operato trasparente, rivolto all efficienza, all efficacia e alla produttività del sistema scuola.

6 DIAGRAMMA FUNZIONALE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA POF Programma Stabilice e verifica Amplia Realizza Sceglie Percorsi formativi L'efficacia e l'effcienza dei criteri L'offerta formativa coordinandosi col territorio Sostegno Recupero Metodologie di valutazione Discipline Attività Sperimentazioni Continuità Orientamento Strumenti didattici Modalità organizzative

7 ORGANIGRAMMA A.S. 2013/14 Dirigente scolastico Prof. Michelino Valente Dirigente dei servizi generali e amministrativi Docenti collaboratori dell Ufficio di Presidenza Docente coordinatrice sede Scuola Infanzia (Sede di Binetto) Dr.ssa. Stella Togo Prof. Giuseppe Vitolla (Plesso Giovanni XXIII) Prof.ssa Anna Baccelliere (Plesso Ss. Medici) Ins. Nicoletta Tomasicchio Docenti Referente sede Scuola Primaria e Secondaria di 1 (Sede di Binetto) Prof.ssa Gabriella Baccelliere Docente coordinatore sedi Scuola Secondaria di 1 (Plesso SS. Medici) Prof. Augusto Adolfo Fiorino Tucci Docenti Funzioni strumentali Area 1 GESTIONE DEL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Area 2 NUOVE TECNOLOGIE INDICAZIONI NAZIONALI 2012 Area 3 CONTINUITA' SCOLASTICA MULTI-CULTURA E PROGETTI LINGUISTICI ATTIVITÀ EXTRA-CURRICOLARI Area 4 SCUOLA INFANZIA E PRIMARIA Area 5 DISAGIO e DISABILITA Prof.ssa Maria Chiara D'Urso Prof.ssa Sabina Tullo Prof. Mario Gentile Prof.ssa Addolorata Lozito Prof.ssa Annalisa D Amato Ins. Mariangela Panzarino Prof. Carmine Antonio Coviello

8 ANALISI SOCIO-ECONOMICA E CULTURALE DEL TERRITORIO L utenza che affluisce all Istituto Comprensivo Giovanni XXIII-Binetto risiede nei Comuni di Grumo Appula e Binetto. I due centri distano poco più di 20 Km dal capoluogo e sono raggiunti da un efficiente rete stradale e ferroviaria che li collega con i paesi limitrofi e la città di Bari. Il territorio di riferimento dell'istituto Comprensivo, nei suoi tratti essenziali, si presenta: sotto il profilo geografico, come un territorio rurale e a bassa densità insediativa; sotto il profilo demografico, come un territorio in fase di incremento di popolazione, ed una accentuata presenza di nuclei familiari numerosi; sotto il profilo sociale, come un territorio con prevalenza di popolazione attiva, ma un basso tasso di occupazione; sotto il profilo economico, un territorio con un basso livello di reddito medio procapite. In generale, può definirsi un territorio con grandi potenzialità economiche, che però non riescono ad emergere adeguatamente, e problematicità sociali più legate al suo sottodimensionamento economico che non alla sua struttura demografica. Nei due paesi l agricoltura, l artigianato e il commercio sono le attività produttive che assorbono il maggior numero di addetti, ma in ognuno di questi settori non sono stati realizzati interventi innovativi.

9 Nell ambito agricolo c è un parziale rinnovamento delle tecniche e delle culture autoctone, manca però un industria di trasformazione dei prodotti locali e una commercializzazione adeguata degli stessi. Negli ultimi anni si è verificata una lenta, ma progressiva fuga dalle campagne soprattutto da parte delle giovani generazioni verso l hinterland barese, con conseguente aumento della disoccupazione a causa della crisi del settore industriale. Anche l artigianato, limitato nei mezzi e arretrato nelle tecnologie, ha subito i contraccolpi della crisi delle piccole imprese a conduzione familiare con gravi riflessi sul tessuto sociale ed economico. Una fragilità rilevante del territorio è connessa allo stato dell'economia e del mercato del lavoro, che rappresentano la principale causa di esclusione sociale nel territorio. L ambito territoriale presenta un valore del reddito prodotto pro-capite largamente inferiore alla media provinciale. La fragilità del sistema produttivo trova conferma nel principale indicatore riferito al mercato del lavoro, cioè il tasso di occupazione, che presenta un valore medio largamente al di sotto del valore medio provinciale. Tali dati sul valore aggiunto e sull'occupazione appaiono strettamente correlati con i tassi di imprenditorialità, che nell'ambito sono generalmente sotto le medie provinciale e regionale, nonché sotto quella nazionale. Un ulteriore fattore da osservare attentamente è quello legato alla peculiarità della composizione dei nuclei familiari, che, da analisi approfondita mostra una elevata concentrazione di nuclei familiari numerosi, circostanza questa che indica a livello territoriale una più elevata probabilità di disagio sociale connesso con la particolare situazione economica e occupazionale. Ultimi dati da considerare sono il fenomeno dell emigrazione che si è ridotto nel tempo e il flusso immigratorio che, proprio per le scarse possibilità lavorative offerte dal territorio, non mostra segni di espansione significativa. All analisi della situazione socio-economica sopra accennata, va affiancato un cenno agli aspetti culturali e delle relazioni civili. Il territorio mostra, sotto questi aspetti, una diversificazione che a tratti diventa polarizzazione dei comportamenti e delle pratiche. Spesso si assiste, infatti, ad una identificazione dei livelli culturali più alti con le aree

10 di popolazione economicamente più agiate, mentre minore investimento materiale e immateriale proviene dai ceti vittime della fase economica congiunturale. Senza incorrere in facili semplificazioni, tuttavia è evidente che le urgenze economiche spesso distolgano il tessuto sociale e familiare dai valori strategici insiti nella formazione culturale che la scuola consente. Questo amplifica le tensioni sociali ed enfatizza la conflittualità fra i cittadini e le Istituzioni pubbliche, considerate spesso contrapposte agli interessi vitali della comunità. In questo contesto, sicuramente denso di problematiche complesse e di difficile soluzione, alla scuola si impone il compito difficile di svolgere il suo ruolo di educazione e formazione delle giovani generazioni, badando in primo luogo a ridurre le situazioni esposte ai rischi sociali conseguenti ad un quadro economico critico, a promuovere atteggiamenti positivi e di fiducia nelle capacità di riscatto culturale di questo territorio e a operare nella direzione dell inclusione nel tessuto sociale di tutti coloro che manifestano il bisogno di risposte alle istanza di benessere e di promozione esistenziale.

11 STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA PERSONE BAMBINI 46 DISABILI - CLASSI 2 DOCENTI 2 DOCENTI DI RELIGIONE 1 RESPONSABILE DI PLESSO Ins. Nicoletta TOMASICCHIO COLLABORATORI SCOLASTICI 1 TEMPO SCUOLA INGRESSO Ore USCITA Ore INSEGNANTI SEZ. A SEZ. B Ins. Antonia TURCHIANO Ins. Nicoletta Tomasicchio

12 SCUOLA PRIMARIA PERSONE ALLIEVI 75 DISABILI 2 CLASSI 4 DOCENTI SU POSTO COMUNE 5 DOCENTI SPECIALISTI DI LINGUA INGLESE 1 DOCENTI DI RELIGIONE 1 DOCENTI DI SOSTEGNO 2 RESPONSABILE DI PLESSO Prof.ssa Gabriella BACCELLIERE COLLABORATORI SCOLASTICI 1 TEMPO SCUOLA INGRESSO Ore USCITA Ore INSEGNANTI SEZ. 2 A (27h settimanali) Sez. 3 A (27h settimanali) Sez. 4 A (27h settimanali) Sez. 5 A (30h settimanali) Proscia Chiara Dragone Luciana (Scienze Musica) Tortorelli Rosanna (Inglese) Caporosso Antonia (Religione) Delzotto Rosa Dragone Luciana (Scienze Musica) Tortorelli Rosanna (Inglese) Panzarino Mariangela (Sostegno) Caporosso Antonia (Religione) Fiorese Maria Teresa Dragone Luciana (Scienze Musica) Tortorelli Rosanna (Inglese) Caporosso Antonia (Religione) Mastrangelo Teresa Dragone Luciana (Scienze Musica) Tortorelli Rosanna (Inglese) Caporosso Antonia (Religione)

13 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PERSONE ALLIEVI 471 DISABILI 11 CLASSI 23 DOCENTI 48 DOCENTI DI RELIGIONE 3 DOCENTI DI SOSTEGNO 7 RESPONSABILI DI PLESSO Prof. Giuseppe VITOLLA Prof.ssa Gabriella BACCELLIERE COLLABORATORI SCOLASTICI 6 TEMPO SCUOLA INGRESSO Ore USCITA Ore PLESSI SCOLASTICI GRUMO APPULA BINETTO Plesso Giovanni XXIII Plesso Santi Medici Plesso A. Moro

14 CONSIGLI DI CLASSE PLESSO GIOVANNI XXIII GRUMO APPULA Classi 1A 2 A 3 A 1B 2B 3B 1C 2C 3C ITALIANO (6H) Rossiello Rossiello Rossiello Macchia D Urso Cutrone Gentile Gentile R Gentile R APPROFONDIMENTO STORIA GEOGRAFIA (4H) MATEMATICA SCIENZE (6H) Macchia Cutrone Cutrone Cutrone Macchia Macchia D Urso D Urso D Urso Macchia Cutrone Cutrone Cutrone Macchia Macchia D Urso D Urso D Urso Vitolla Vitolla Vitolla Colasuonno Colasuonno Colasuonno Loverre Loverre Loverre INGLESE (3H) Occhiogrosso Occhiogrosso Occhiogrosso Occhiogrosso Occhiogrosso Occhiogrosso Capriati Capriati Capriati FRANCESE (2H) Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo Pantaleo ED. TECNICA (2H) Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo Mazzeo ED. ARTISTICA (2H) Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli Petraroli ED. MUSICALE (2H) Lozito Lozito Lozito Lozito Lozito Lozito Lozito Lozito Lozito ED. FISICA (2H) Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri Naglieri RELIGIONE (1H) Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi SOSTEGNO Peragine A. Lapacciana

15 CONSIGLI DI CLASSE PLESSO SANTI MEDICI GRUMO APPULA Classi 1D 2D 3D 1F 2F 3F 1 E 2G 3G 2E 3H ITALIANO (6H) Occhiogrosso Lessa Tullo Baccelliere Baccelliere Baccelliere Mastrorocco Mastrorocco Mastrorocco Marziliano Marziliano APPROFONDIMENTO STORIA GEOGRAFIA (4H) MATEMATICA SCIENZE (6H) Tullo Tullo Lessa Occhiogrosso Occhiogrosso Occhiogrosso Lessa Tullo Lessa Spadafino Marziliano (1h) Marziliano Servedio Servedio Servedio Grisanti Grisanti Grisanti Fiorino Fiorino Fiorino Fanelli V Fanelli V INGLESE (3H) Capriati Capriati Capriati Gentile Gentile Gentile Gentile Gentile Gentile Gentile Gentile FRANCESE (2H) D Amato D Amato D Amato D Amato D Amato D Amato D Amato D Amato Amendola Casareale Casareale ED. TECNICA (2H) Augelli Augelli Augelli Augelli Augelli Augelli Augelli Augelli Augelli Fanelli Fanelli ED. ARTISTICA (2H) Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Tarantino Cataldi Cataldi ED. MUSICALE (2H) Coppola Coppola Coppola Coppola Coppola Coppola Coppola Coppola Coppola Felle Tursellino ED. FISICA (2H) Conti Conti Conti Conti Conti Conti Conti Conti Conti Naglieri Naglieri RELIGIONE (1H) Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi Nuzzi SOSTEGNO Antonacci Mercurio Lapacciana Modugno Coviello Bertolino Antonacci

16 CONSIGLI DI CLASSE PLESSO BINETTO Classi 1I 2I 3I ITALIANO (6H) Flora Paola Flora Paola Baccelliere G. APPROFONDIMENTO STORIA GEOGRAFIA (4H) MATEMATICA SCIENZE (6H) Baccelliere G. Baccelliere G. Baccelliere G. Geronimo Geronimo Geronimo INGLESE (3H) Didio Didio Didio FRANCESE (2H) Giordano Giordano Giordano ED. TECNICA (2H) Fanelli Fanelli Fanelli ED. ARTISTICA (2H) Milella Milella Milella ED. MUSICALE (2H) Scribaris Scribaris Scribaris ED. FISICA (2H) Carito Carito Carito RELIGIONE (1H) Peragine Peragine Peragine SOSTEGNO Di Noia

17 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA QUADRO IMPEGNI SCUOLA DELL'INFANZIA ATTIVITA' DATA ORE Collegio Docenti Unificato 04-set-13 2 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 05-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 06-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 10-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 11-set-13 3 Collegio Docenti Unificato 26-set-13 2 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 14-ott-13 2 Collegio Docenti Unificato 25-ott-13 1,5 Assemblea rinnovo OO.CC. 28-ott-13 1 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 07-nov-13 2 Intersezione tecnica 07-nov-13 1 Intersezione plenaria 07-nov-13 1 Intersezione tecnica 15-gen-14 1 Intersezione plenaria 15-gen-14 1 Consegna doc. di valutazione 1 q. 18-feb-14 3 Collegio Docenti Unificato 10-mar-14 1,5 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 08-apr-14 2 Intersezione tecnica 15-apr-14 1 Intersezione plenaria 15-apr-14 1 Verifica finale e programmazione 2014/15 21-mag-14 2 Collegio Docenti Unificato 22-mag-14 1,5 Consegna doc. di valutazione 2 q. 18-giu-14 3 Collegio Docenti Unificato 25-giu-14 1,5

18 QUADRO IMPEGNI SCUOLA PRIMARIA ATTIVITA' DATA ORE Collegio Docenti Unificato 04-set-13 2 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria Collegio Docenti Unificato Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro Collegio Docenti Unificato Assemblea rinnovo OO.CC. Interclasse tecnica Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro Interclasse plenaria Colloqui generali 1 quadr. Scrutini 1 quadrimestre Consegna doc. di valutazione 1 q. Interclasse tecnica Interclasse plenaria Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro Colloqui generali 2 quadr. Interclasse tecnica Interclasse plenaria Verifica finale e programmazione 2014/15 Collegi Docenti Unificato Scrutini 2 quadrimestre Scrutini 2 quadrimestre Consegna doc. di valutazione 2 q. Collegi Docenti Unificato 05-set set set set set ott ott-13 1,5 28-ott nov-13 1,5 07-nov nov-13 1,5 10-dic feb feb feb-14 1,5 25feb-14 1,5 08-apr apr mag-14 1,5 06-mag-14 1,5 21-mag mag-14 1,5 10-giu giu giu giu-14 1,5

19 QUADRO IMPEGNI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ATTIVITA' DATA ORE Collegi Docenti Unificato 04-set-13 2 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 05-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 06-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 10-set-13 3 Dipartimenti, gruppo H, misure per la continuità primaria-secondaria 11-set-13 3 Collegi Docenti Unificato 26-set-13 2 Consigli di classe docenti 07-ott-13 1 Consigli di classe docenti 08-ott-13 1 Consigli di classe docenti 09-ott-13 1 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 14-ott-13 2 Collegio Docenti Unificato 25-ott-13 1,5 Assemblea rinnovo OO.CC. 28-ott-13 1 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 07-nov-13 2 Consigli di classe allargati 20-nov-13 1 Consigli di classe allargati 21-nov-13 1 Consigli di classe allargati 22-nov-13 1 Scrutini di 1 quadrimestre 04-feb-14 1 Scrutini di 1 quadrimestre 05-feb-14 1 Scrutini di 1 quadrimestre 06-feb-14 1 Consegna doc. di valutazione 1 q. 11-feb-14 3 Collegi Docenti Unificato 10-mar-14 1,5 Consigli di classe allargati 10-mar-14 1 Consigli di classe allargati 11-mar-14 1 Consigli di classe allargati 12-mar-14 1 Commissioni, dipartimenti e gruppi di lavoro 08-apr-14 2 Colloqui generali 2 quadr. 15-apr-14 2 Consigli di classe allargati 14-mag-14 1 Consigli di classe allargati 15-mag-14 1 Consigli di classe allargati 16-mag-14 1 Verifica finale e programmazione 2014/15 21-mag-14 2 Collegi Docenti Unificato 22-mag-14 1,5 Scrutini di 2 quadrimestre 10-giu-14 1 Scrutini di 2 quadrimestre 11-giu-14 1 Scrutini di 2 quadrimestre 12-giu-14 1 Consegna doc. di valutazione 2 q. 17-giu-14 2 Collegi Docenti Unificato 25-giu-14 1,5

20 CALENDARIO SCOLASTICO INIZIO DELLE LEZIONI 12 settembre 2013 TERMINE DELLE LEZIONI 9 giugno 2014 TERMINE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 28 giugno 2014 FESTIVITA ANNUALI 1 Festa Santo Patrono di Grumo Appula 30 settembre 2013 Commemorazione dei defunti 2 novembre 20I 3 Recupero del 1 giorno di anticipo inizio lezioni 7 dicembre 2013 Vacanze natalizie 23 dicembre gennaio 2014 Recupero del 2 giorno di anticipo inizio lezioni 3 marzo 2014 Vacanze pasquali aprile 2014 Recupero del 3 e 4 di anticipo inizio lezioni 23 e 24 aprile 2014 Delibera Giunta regionale 26 aprile 2014 Festa del Lavoro 1 maggio 2014 Festa Nazionale della Repubblica 2 giugno Che si aggiungono alle Festività Nazionali: tutte le domeniche; 1 novembre, festa di tutti i Santi; 8 dicembre, Immacolata Concezione; 25 aprile, anniversario della Liberazione; 1 maggio, festa del Lavoro; 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;

21 AREA DELL OFFERTA FORMATIVA

22 Il D.P.R. 275 dell 8/03/1999, recante le norme in materia di autonomia, ha modificato la cultura scolastica promuovendo la definizione e la realizzazione dell offerta formativa nel rispetto del pluralismo culturale e sostanziando la progettazione di interventi educativi intesi allo sviluppo del singolo individuo inserito nel proprio contesto culturale, sociale, economico ed esistenziale. Il curricolo ha perso il carattere di rigidità nell adempiere unicamente allo svolgimento di programmi imposti da autorità ministeriali, divenendo uno strumento che incontra le esigenze, le domande esplicite o implicite e le prospettive di vita di ognuno degli allievi: La determinazione del curricolo tiene conto delle diverse esigenze formative degli alunni concretamente rilevate, della necessità di garantire efficaci azioni di continuità e di orientamento, delle esigenze e delle attese espresse dalle famiglie, dagli Enti Locali, dai contesti sociali, culturali ed economici del territorio. Alle famiglie possono essere offerte possibilità di opzione (D.P.R. 275/99, art. 8, comma 4) La fonte di ispirazione per la elaborazione dei percorsi didattici del primo ciclo scolastico sono da ricercare nel recente D.M. 254 del 16/11/2012, le Indicazioni Nazionali, che portano a conclusione una lunga fase di riformulazione e riscrittura dei valori pedagogici che devono sottendere alla programmazione delle singole Istituzioni scolastiche. Il modello pedagogico proposto dal nuovo decreto prefigura una Scuola che - determina il curricolo a partire dalle effettive esigenze degli alunni concretamente rilevate; - garantisce efficaci azioni di continuità e di orientamento; - valorizza il pluralismo culturale e territoriale nel rispetto delle diverse finalità della scuola dell obbligo; - promuove lo sviluppo armonico e integrale della persona all interno dei principi della Costituzione italiana e della tradizione culturale europea; - valorizza l esperienza e la conoscenza degli alunni; - pone le basi per l esercizio della cittadinanza attiva; - promuove l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà; - agisce nella direzione di una integrale inclusione di ogni forma di diversità e disabilità; - favorisce l esplorazione e la scoperta; - incoraggia l apprendimento collaborativo; - realizza percorsi in forma di laboratorio L attività progettuale dell Istituto prevede: 1. curricolo obbligatorio 2. curricolo opzionale-aggiuntivo

23 Nel curricolo d Istituto i docenti individuano le esperienze di apprendimento più efficaci, le scelte didattiche più significative e le strategie più idonee secondo un percorso verticale che porti lo studente al termine del primo ciclo di istruzione ad un apprendimento unitario e trasversale delle competenze acquisite. I docenti in stretta collaborazione, promuovono attività significative nelle quali gli strumenti e i metodi caratteristici delle discipline si confrontano e si intrecciano tra loro. (Indicazioni Nazionali 2012) Nella continuità e unitarietà del curricolo, particolare attenzione sarà rivolta dai docenti dell Istituto Comprensivo alla tematica interdisciplinare trasversale Regole, rispetto e legalità per la formazione di cittadini sempre più consapevoli dell importanza della cultura della legalità in un contesto attuale spesso caratterizzato da comportamenti non rispettosi del vivere civile e da diffusa illegalità. I docenti intendono, pertanto, sensibilizzare gli alunni all importanza di una vita basata sui valori fondamentali e sul rispetto delle regole a partire dai propri ambienti di vita. Sin dalla scuola dell Infanzia i bambini saranno indotti, tramite il coinvolgimento affettivo e l attivazione di processi di identificazione di modelli positivi, a conoscere e a rispettare le regole della vita scolastica, a saper cooperare, a condividere e assumersi responsabilità, a saper distinguere comportamenti corretti e scorretti, a saper ascoltare e considerare altri punti di vista, a socializzare, sviluppando sentimenti di solidarietà. Il percorso continuerà nella Scuola Primaria con la formazione di giovani cittadini bravi a conoscere e a rispettare le regole dei vari ambienti di vita (famiglia, scuola, spazi pubblici, natura, strada) e a usare comportamenti corretti, in modo da porre solide basi per poter ben esercitare il diritto alla cittadinanza. Lo sviluppo di una coscienza civile e democratica attraverso il rispetto di se stessi, dell altro e dell ambiente circostante proseguirà nella Scuola Secondaria di I Grado in modo trasversale a tutte le discipline. Tramite l assunzione di comportamenti corretti e rispettosi di sé e degli altri si concorrerà alla formazione di cittadini consapevoli delle regole del vivere sociale, rispettosi dei diritti - doveri di ciascun individuo e coscienti del valore della legalità. In tal modo nei tre diversi gradi di Scuola i docenti mireranno a sviluppare gradualmente il senso civico e critico degli alunni e a far assumere loro atteggiamenti sempre più corretti e propositivi. Si concorrerà, quindi, alla promozione del bene comune, attraverso i valori condivisi del rispetto, della solidarietà e dell intercultura. La scuola porrà le basi per un futuro legale in cui l osservanza delle regole, l onestà, la lealtà, l altruismo e la cooperazione contribuiranno in modo sinergico alla formazione di un cittadino responsabile, attivo e partecipe e una società ispirata ai valori di un nuovo umanesimo, portatore di benessere individuale e collettivo.

24 SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DIDATTICO ANNUALE Le Indicazioni Nazionali 2012 prospettano una Scuola dell'infanzia che miri alla formazione integrale della persona. Per ogni bambino o bambina, la Scuola dell Infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell identità, dell autonomia, della competenza, della cittadinanza. - Sviluppare l identità significa imparare a stare bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente sociale allargato. Vuol dire imparare a conoscersi e a sentirsi riconosciuti come persona unica e irripetibile, ma vuol dire anche sperimentare diversi ruoli e diverse forme di identità: figlio, alunno, compagno, maschio o femmina, abitante di un territorio, appartenente a una comunità. - Sviluppare l autonomia comporta l acquisizione della capacità di interpretare e governare il proprio corpo; partecipare alle attività nei diversi contesti; avere fiducia in sé e fidarsi degli altri; realizzare le proprie attività senza scoraggiarsi; provare piacere nel fare da sé e saper chiedere aiuto; esprimere con diversi linguaggi i sentimenti e le emozioni; esplorare la realtà e comprendere le regole della vita quotidiana; partecipare alle negoziazioni e alle decisioni motivando le proprie opinioni, le proprie scelte e i propri comportamenti; assumere atteggiamenti sempre più responsabili. - Sviluppare la competenza significa imparare a riflettere sull esperienza attraverso l esplorazione, l osservazione e l esercizio al confronto; descrivere la propria esperienza e tradurla in tracce personali e condivise, rievocando, narrando e rappresentando fatti significativi; sviluppare l attitudine a fare domande, riflettere, negoziare i significati. - Sviluppare il senso della cittadinanza significa scoprire gli altri, i loro bisogni e la necessità di gestire i contrasti attraverso regole condivise, che si definiscono attraverso le relazioni, il dialogo, l espressione del proprio pensiero, l attenzione al punto di vista dell altro, il primo riconoscimento dei diritti e dei doveri; significa porre le fondamenta di un abito

25 democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomo-natura. (Indicazioni Nazionali 2012) Le insegnanti, tenendo in considerazione i traguardi per lo sviluppo della competenza, che a questa età va intesa in modo globale e unitario, individuano, nei seguenti campi di esperienza, il delinearsi dei saperi disciplinari e dei loro alfabeti: Il sé e l altro Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Il corpo in movimento Identità, autonomia, salute Linguaggi, creatività Gestualità, arte, musica, espressione multimedialità I discorsi e le parole Comunicazione, lingua, cultura La conoscenza del mondo Ordine, misura, spazio, tempo, natura OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÉ E L ALTRO - Riconosce la propria appartenenza ad un gruppo e ad una comunità - E consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti sapendoli controllare ed esprimere - Scopre il valore delle norme e delle regole sociali - Si mostra sensibile nei confronti dell altro in caso di bisogno - Ripone fiducia negli altri in situazioni di gioco e di lavoro - Matura la capacità di scegliere, prendere decisioni, riflettere - Conosce eventi significativi della vita sociale e della comunità in cui vive - Matura un comportamento attivo e rispettoso, di conservazione e di protezione dell ambiente circostante IL CORPO IN MOVIMENTO - Vive serenamente esperienze in una nuova comunità - Consolida la sua esperienza al gruppo scuola - Compie attività di routine raggiungendo autonomia nella cura della persona

26 - Utilizza il corpo come strumento principale per esprimere le proprie sensazioni e i propri sentimenti - Riconosce la propria identità sessuale - Coordina i movimenti a livello oculo-manuale e dinamico generale - Prova piacere nel movimento e nelle diverse forme di attività in giochi individuali e di gruppo - Percepisce, conosce e struttura lo schema corporeo - Rappresenta il proprio corpo attraverso diversi tipi di linguaggi IMMAGINI, SUONI, COLORI - Comprende e produce messaggi non verbali - Vive sentimenti, esperienze reali e fantastiche utilizzando contemporaneamente i linguaggi corporei, sonori e visuali - Crea nuove situazioni e brevi drammatizzazioni inventando personaggi e ruoli - Partecipa ad attività drammatico-teatrali dalle quali emergono capacità verbali ed emotive - Utilizza strumenti per sviluppare abilità tecniche finalizzate a promuovere la creatività - Si esprime attraverso il disegno, la pittura e la manipolazione - Produce suoni prima con il corpo poi con semplici strumenti musicali - Esegue collettivamente un canto, rispettandone il ritmo e la tonalità I DISCORSI E LE PAROLE - Acquisisce fiducia nelle proprie capacità di comunicazione e di espressione - Acquisisce una pronuncia corretta e scorrevole di fonemi - Esprime e comunica contenuti - Comprende consegne di crescente complessità - Esprime i propri bisogni, desideri, idee, emozioni e stati d animo - Presta attenzione ai discorsi degli altri - Rispetta le opinioni degli altri - Supera il proprio punto di vista - Comprende contenuti di testi narrati - Comprende i passaggi fondamentali di un racconto - Memorizza e ripete testi, poesie, filastrocche e canti - Discrimina suoni iniziali e finali delle parole - Ricerca assonanze e rime nelle parole LA CONOSCENZA DEL MONDO - Raggruppa oggetti in base a uno o più criteri spiegandone il perché - Confronta gruppi di oggetti per quantità - Rappresenta quantità con simboli

27 - Misura spazi utilizzando materiali occasionali - Usa pezzi di blocchi logici per confrontare e misurare superfici - Colloca eventi nel tempo - Comprende l aspetto ciclico della scansione temporale: i giorni, la settimana, le stagioni - Ha atteggiamenti di curiosità nei confronti dell ambiente naturale - Rispetta la natura e l ambiente in cui vive - Comprende le relazioni topologiche usando correttamente gli indicatori appropriati - Si avvicina ai concetti di quantità, grandezza anche tramite la tecnologia digitale e i nuovi media PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE UN FAVOLOSO ANNO Progetto accoglienza: U. d. A. PETER PAN Tempi: settembre/ottobre Progetto stagioni e colori: U. d. A AUTUNNO - LA BELLA ADDORMENTATA Tempi: novembre U. d. A. INVERNO BIANCANEVE Tempi: gennaio U. d. A. PRIMAVERA LA PRINCIPESSA E IL RANOCCHIO Tempi: marzo U. d. A. ESTATE LA SIRENETTA Tempi: giugno Progetto Corpo: U. d. A. PINOCCHIO Tempi: febbraio Progetto Feste: U. d. A. HALLOWEEN - JACK O LANTERN U. d. A. NATALE - BABBO NATALE ESISTE U. d. A. CARNEVALE - LA LEGGENDA DI ARLECCHINO U. d. A. PASQUA - LA GALLINELLA DI LILLO U. d. A. FAMIGLIA - IL PAESE SENZA REGOLE Tempi: intera durata dell anno scolastico Progetto Musica E Teatro U. d. A. I MUSICANTI DI BREMA Tempi: maggio

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli