Modulo 1. Nozioni di base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo 1. Nozioni di base"

Transcript

1 Modulo 1. Nozioni di base Obiettivi Il percorso formativo proposto dal corso di Ingegneria Economica non può prescindere dalla conoscenza di alcuni linguaggi fondamentali. Il modulo persegue quindi lo scopo di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti metodologici di base per una migliore comprensione dei moduli successivi. Contenuti e percorso formativo Il complesso dei temi trattati formano la base teorica necessaria per poter acquisire e meglio padroneggiare le nozioni più avanzate dell Ingegneria Economica, facendo riferimento a discipline accademiche classiche. In questo primo modulo vengono quindi proposte lezioni di Statistica: organizzazione dei dati, stime statistiche puntuali e per intervalli, correlazione e regressione, relazioni fra variabili non quantitative Matematica finanziaria: regimi di interesse e sconto, valutazioni di rendite, ammortamenti di prestiti Finanza: analisi di bilancio, flussi di cassa, analisi finanziaria storica e prospettica Economia: concetti generali sull economia politica ed aziendale, nozioni di macroeconomia, nozioni di microeconomia

2 Modulo 2. Ingegneria dei Costi Obiettivi L Ingegneria dei Costi (Cost Engineering) è una materia centrata sulla corretta gestione dei costi relativi ad un progetto o un processo per la produzione di beni e servizi. L obiettivo del modulo è pertanto quello di dimostrare come, attraverso l applicazione dei modelli di questa disciplina, sia effettivamente possibile controllare i costi relativi all intero ciclo di vita di un progetto o di un processo, dall idea, alla realizzazione, all esercizio e alla dismissione. Contenuti e percorso formativo I metodi di Ingegneria di Costi sono finalizzati alla stima dei costi di un progetto o preventivo (cost estimating) all analisi e controllo dei costi (cost analysis & control) alla valutazione di convenienza economica dell iniziativa (profitability) Integrando questi processi con quelli di pianificazione e programmazione (modulo 3) e con quelli di controllo della qualità è possibile determinare efficacemente i vincoli necessari per una valutazione dell equilibrio economico-finanziario del progetto o processo. Il modulo è articolato in due parti: nella prima parte vengono erogate ai partecipanti alcune nozioni di base (contabilità analitica, contabilità generale, gestione patrimoniale, analisi degli investimenti), evidenziando come sia possibile definire una distribuzione temporale dei ricavi e dei costi e come affrontare le relative valutazioni con le metodologie più appropriate (value analysis, function needs, benchmarking, risk analysis, earned value) nella seconda parte vengono affrontati i temi propri dell Ingegneria dei Costi, ovvero i temi della preventivazione (cost estimating), del controllo dei costi (cost control) e della valutazione di convenienza (profitability). Il percorso consente di correlare le fasi del ciclo di vita del progetto (dall esecuzione all esercizio) ed i suoi obiettivi (scope) con i limiti determinati dal grado di approssimazione desiderato e dal dettaglio delle informazioni e dei dati disponibili. Il programma didattico di questo modulo è completo di esemplificazioni ed esercitazioni sulla preventivazione e controllo dei costi, da effettuarsi con l ausilio di strumenti informatici.

3 Modulo 3. Pianificazione e Programmazione Obiettivi Il controllo integrato dei tempi e dei costi costituisce uno dei principali fondamenti dell ingegneria Economica. Questo terzo modulo ha quindi l obiettivo di fornire ai partecipanti le nozioni e gli strumenti necessari per una corretta gestione degli aspetti legati allo sviluppo temporale di un progetto o processo, valutandone le implicazioni in termini economici e di rischio. Contenuti e percorso formativo Il modulo si articola in diverse sezioni che definiscono un percorso di formazione completo e che consente ai partecipanti di acquisire la confidenza necessaria per una gestione complessiva dei tempi, dei costi e dei rischi. In questo modo è possibile sviluppare una conoscenza approfondita dei concetti chiave della programmazione, della gestione economica e del controllo dei rischi, correlando il quadro generale di progetto a quelli di dettaglio delle varie fasi (e viceversa). Il modulo è quindi articolato come segue: Nella prima parte vengono illustrate le metodologie di programmazione in un contesto deterministico, ovvero ipotizzando la perfetta conoscenza della durata delle attività e dei costi Successivamente vengono introdotte ed analizzate le problematiche di pianificazione in presenza di incertezza, illustrando i principali metodi di tipo stocastico L attività di programmazione in presenza di incertezza richiede poi l adozione di metodi che siano in grado di coadiuvare il decisore nella valutazione dei rischi: vengono quindi illustrate le principali tecniche per l analisi delle decisioni in presenza di rischio (alberi degli eventi, alberi delle decisioni) ed i metodi per la simulazione degli scenari possibili (metodo Montecarlo). L ultima parte del modulo introduce le tecniche di analisi di sensibilità, volte ad approfondire i risultati del modello creato per la programmazione ed a vagliarne la robustezza e coerenza. Oltre alle applicazioni alla programmazione, vengono poi discusse le applicazioni dei metodi sopraelencati all analisi della redditività economica del progetto. Ciascuno degli argomenti e dei metodi presentati sarà integrato dall utilizzo dei software idonei disponibili in commercio. Il modulo si conclude con una sessione di utilizzo software e implementazione di un caso reale.

4 Modulo 4. Organizzazione e Contratti Obiettivi In tutti i progetti o nella gestione dei processi complessi è essenziale una buona impostazione organizzativa e, parimenti, una buona capacità di gestire gli aspetti contrattuali. Questo modulo risponde a questa duplice esigenza, dotando i partecipanti delle necessarie conoscenze sia sui metodi di gestione delle risorse umane e delle organizzazioni, sia sui fondamenti del diritto applicato alla gestione dei contratti. Contenuti e percorso formativo Sono state racchiuse in questo modulo due discipline (organizzazione e contrattualistica) complementari tra loro, ma comunque essenziali compendi per la comprensione dei moduli di perfezionamento successivi. I principali argomenti trattati per l organizzazione sono: teorie organizzative strutture organizzative e meccanismi di coordinamento sistemi di gestione e motivazione delle risorse umane relazione fra organizzazione, produttività e qualità gruppi di progetto e dinamica del lavoro di gruppo comunicazione, risoluzione dei problemi e dei conflitti leadership e management Gli argomenti trattati nelle lezioni relative alla gestione dei contratti sono: sistema giuridico romano-germanico (civil law) ed il sistema anglo-americano (common law) classificazione dei diritti e dei doveri, diritti reali e diritti personali principi generali e classificazione del diritto generalità e classificazione dei contratti, contratti tipici società e forme imprenditoriali contenzioso contrattuale ripartizione del rischio nei diversi tipi di contratto contratti di fornitura, di servizi contratti per opere pubbliche e settori a disciplina speciale, la disciplina europea e le varie discipline nazionali sulle opere pubbliche Per entrambe le discipline sono previste esemplificazioni ed esercitazioni in aula.

5 Modulo 5. Project Management Obiettivi Il Project Management è l applicazione delle conoscenze e delle competenze che fanno parte dell Ingegneria Economica alla gestione o al controllo di un progetto o di un processo. Esso pertanto è funzione di direzione generale, e può anche estendersi alla fase strategica. In tal caso viene normalmente definito Strategic Project Management. Organizzando le nozioni acquisite nei moduli precedenti, questo modulo si propone di fornire ai partecipanti le competenze necessarie per intraprendere la gestione di un progetto complesso. Contenuti e percorso formativo Questo è un modulo di perfezionamento. Sfruttando le nozioni presentate nei moduli precedenti, questo modulo ha l obiettivo di mettere i partecipanti in condizione di utilizzare efficacemente le nozioni acquisite nei moduli precedenti in funzione delle diverse esigenze gestionali che si manifestano durante le diverse fasi del ciclo di vita di un progetto. Nel modulo sono presentate anche altre metodologie e nozioni complementari a quelle introdotte nei moduli propedeutici: queste sono necessarie per disporre di strumenti cognitivi completi per poter affrontare nella pratica la gestione di un progetto. I temi e gli aspetti del Project Management trattati in questo modulo sono principi, scopi, natura e caratteristiche dei processi di gestione dei progetti organizzazione e processi gestionali di progetto gestione del ciclo di vita di un progetto e gestione delle varie fasi del progetto principali standard internazionali e procedure di Project Management approfondimenti sulla gestione dei contratti: contratti di ingegneria e costruzione, contratti di appalto, subappalto e concessioni sistemi informativi per il Project Management Durante il modulo verranno proposte ed eseguite con l ausilio di strumenti informatici avanzati, esercitazioni sulla gestione globale di un progetto, con attenzione sia agli aspetti organizzativi che a quelli di programmazione e controllo (tecnico, economico, finanziario).

6 Modulo 6. Project Financing Obiettivi Il Project Financing è un complesso di processi multidisciplinari, in cui intervengono competenze derivate dai campi della tecnica, dell organizzazione, del diritto, della finanza, dell economia, del commercio, della politica, ecc Questo modulo avanzato ha l obiettivo di far comprendere ai partecipanti i diversi aspetti legati ad una iniziativa di Project Financing in tutte le sue fasi di sviluppo, dal concepimento alla sua realizzazione. Contenuti e percorso formativo Come per il modulo precedente, i partecipanti saranno invitati a mettere in gioco tutte le nozioni e le competenze acquisite nei moduli propedeutici, per costruire il quadro sistemico delle tecniche richieste da una iniziativa di Project Financing. Il modulo si sviluppa affrontando i seguenti temi: definizione e teoria della finanza di progetto teoria dei rischi nel Project Financing contenuto economico e finanziario il Project Financing privato ed il Project Financing pubblico Durante l esposizione degli argomenti saranno introdotte delle esemplificazioni che consentiranno una migliore comprensione delle nozioni esposte. Al termine sarà affrontato un caso di studio e saranno effettuate delle esercitazioni.

7 NOZIONI DI BASE Obiettivo: Il percorso formativo proposto dal corso di Ingegneria Economica non può prescindere dalla conoscenza di alcuni linguaggi fondamentali. Il modulo persegue quindi lo scopo di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti metodologici di base per una migliore comprensione dei moduli successivi. Lezione introduttiva Statistica DESCRIZIONE DETTAGLIATA PIANO DELLE LEZIONI Fornire ai partecipanti nozioni sul piano di formazione, sui programmi dettagliati del corso, sulla certificazione ed il suo valore. Organizzazione dei dati: distribuzioni di frequenze e rappresentazioni grafiche, indicatori di posizione, di variabilità, di forma. Introduzione agli intervalli di confidenza ed al test delle ipotesi Matematica Finanziaria Finanza Analisi di bilancio La relazione fra due variabili quantitative: correlazione e regressione semplice La relazione fra due variabili non quantitative: connessione e ANOVA Regimi di interesse e sconto, capitalizzazione semplice e composta, 8 interesse continuo, tasso variabile, Rendite, Ammortamenti, Prestiti ed obbligazioni. Inquadramento teorico 8 L analisi di bilancio: presupposti, riclassificazione del conto economico e dello stato patrimoniale. Criteri vari di riclassificazione: fatturato e costo del venduto; produzione/valore aggiunto; liquidità/esigibilità; della pertinenza gestionale. L analisi di bilancio tramite i principali indici economico-finanziari (solvibilità, liquidità, redditività, ecc.). Analisi finanziaria Analisi finanziaria storica prospettica Analisi storica: flussi di cassa, dalla contabilità alla finanza; Rendiconto finanziario e IAS 7; Calcolo dei flussi di cassa per l azionista (FCFE) e per l impresa (FCFO); Fabbisogno finanziario e modalità di copertura; Struttura finanziaria e costo del capitale Analisi finanziaria prospettica: Introduzione alla dinamica finanziaria dell impresa: creazione di valore, costruzione del business plan; i value drivers/loro impatto sulla previsione finanziaria. 1/11

8 Economia Economia politica, differenze e complementarietà con l'economia 8 aziendale, microeconomia e macroeconomia Il sistema economico: gli agenti economici, famiglie, imprese e operatore pubblico, fattori di produzione e loro remunerazione, tipologie di sistemi economici (economia di mercato ed economia pianificata) Macroeconomia: concetti base, principali indicatori macroeconomici, breve guida alle fonti, cenni sui modelli macroeconomici Informazioni generali Macroec onomia Microecono mia Microeconomia: teoria del comportamento razionale, rappresentazione microeconomica dell'impresa (funzione di produzione, costi di produzione, rendimenti di scala, teoria delle forme di mercato (monopolio, oligopolio, concorrenza, etc.), costi e benefici 2/11

9 INGEGNERIA DEI COSTI Contabilità Generale ed Prima nota e contabilità di cassa, partita semplice e partita doppia, 4 40 Obiettivo:L Ingegneria dei Costi (Cost Analitica contabilità generale secondo i sistemi del patrimonio e del reddito. Engineering) è una materia centrata sulla corretta gestione dei costi relativi ad un progetto o un processo per la produzione di beni e servizi. L obiettivo del modulo è pertanto quello di dimostrare come, attraverso l applicazione dei modelli di questa disciplina, sia effettivamente possibile controllare i costi relativi all intero ciclo di vita di un progetto o di un processo, dall idea, alla realizzazione, all esercizio e alla dismissione. Costo del lavoro Addebito dei costi Classificazione dei costi Contabilità civilistica e fiscale. Contabilità analitica e matriciale. Ammortamenti. Bilancio, lettura e riclassificazione del bilancio, bilancio civilistico e fiscale, bilancio per la direzione. Contabilità analitica: criteri e metodi Controllo di gestione e contabilità analitica, costi consuntivi e costi preventivi, costi di riferimento (standard) Definizione dei ricavi e dei costi Classificazione dei ricavi Classificazione dei costi per natura e per destinazione, criteri di classificazione dei costi, costi comuni e costi attribuiti, costi fissi e costi variabili, costi interni e costi esterni, costi industriali, margine operativo lordo e netto, margine di contribuzione. Analisi dei Costi 12 Costi effettivi e costi standard, nominali o di riferimento - il problema dei conguagli periodici Classificazione per natura, classi e sottoclassi di costo Classificazione dei costi fiscali Sviluppo temporale dei costi (stanziamento, impegno, genesi, consuntivo progressivo e previsioni a finire, liquidazione e fatturazione, pagamento) Centri di costo e di addebito, centri di profitto, centri di investimento Classificazione per destinazione, rilevazione ed addebito dei costi, discipline e categorie di costo; addebito diretto per destinazione, addebito indiretto tramite la contabilità di uno o più fattori di produzione, addebito per doppio ribaltamento e metodi di addebito matriciale Piano dei conti e struttura dei costi (CBS Cost Breakdown Schedule) Analisi statistica dei costi Calcolo dei costi unitari Costo del lavoro - Costo del lavoro ordinario straordinario con riferimento alle variazioni di produttività - Orario di lavoro Retribuzione e livello di lavoro - retribuzione e risultato - retribuzione e prestazione (produttività). Applicazione di metodi numerici, lasso di tempo di discrezionalità, parametri indicatori delle prestazioni, Equa retribuzione, rapporto fra equa retribuzione e retribuzione di mercato, collegamento della retribuzione alle prestazioni o ai risultati. 3/11

10 Controllo dei costi Criteri di determinazione dell avanzamento nelle varie fasi del 12 Calcolo degli avanzamenti - Earned value Controllo di progetto Controllo della gestione aziendale Curve ad S, Valutazione dei ritardi,analisi delle cause e delle responsabilità, Correlazione tra ritardi e disfunzioni progettuali. Earned value Rapporto fra project management e controllo dei costi in base all' earned value Struttura del progetto e metodi di controllo Definizione del piano economico o budget di progetto, Controllo dei costi delle opere durante la progettazione, Controllo dei costi di produzione delle varie fasi progettuali, Identificazione degli scostamenti alla data, valutazione dei costi a finire, identificazione delle misure correttive. Earned value, previsione a finire e scostamenti Consuntivo progressivo e rapporto periodico Tecniche di controllo e di analisi di completamento, previsioni a finire Gestione dei margini per imprevisti e variazioni. Programmazione e controllo della gestione commerciale e delle acquisizioni Programmazione e controllo dei ricavi e dei fatturati Programmazione e controllo dei processi aziendali Programmazione e controllo della gestione (costi e ricavi, costi indiretti) Programmazione e controllo dei flussi finanziari Programmazione e controllo degli investimenti Gestione dei fondi e dei margini per imprevisti e variazioni Equilibrio economico Equilibrio finanziario Misura delle prestazioni aziendali e dei singoli processi tramite l identificazione di parametri. 4/11

11 Preventivazione Elaborazione dei preventivi, informazioni e basi di dati aziendali ed 12 Investimento Costruzione Gestione - Produzio ne Integrazione fra preventivo e controllo Nozioni di analisi del valore esterne Preventivi parametrici e preventivi analitici, gradi di accuratezza dei preventivi e relativi intervalli di confidenza Analisi dei costi di progetto e dei fattori di variazione Preventivi parametrici Standard sull'accuratezza dei preventivi Metodi di parametrazione, indici, fattori di locazione, etc. Preventivi analitici: struttura, margini aziendali e margini di trattativa, preventivo esecutivo e passaggio dal preventivo esecutivo al piano operativo in caso di acquisizione Gestione dei margini per variazioni quantitative o imprevisti, influenza delle variazioni delle quantità sui margini nei contratti a quantità variabili Preparazione delle quotazioni o offerte in base ai preventivi, confronto con i valori di mercato e verifica di compatibilità Cost Breakdown Structure Preventivi di gestione - Costi e ricavi Preventivi di manutenzione Aggiornamento periodico Indici di rendimento e loro gestione Rilevazione dei risultati ed utilizzazione dei dati a consuntivo per l elaborazione dei nuovi preventivi Il punto di vista dell'investitore Il punto di vista del costruttore Il proposal manager Impostazione e gestione dei dati sui costi Realizzazione di standard sui costi Impostazione e gestione dei dati di produttività Teoria e metodi di stima e di valutazione, definizione di valore di mercato, valore di ricostruzione, ecc; analisi del valore, capitalizzazione reale e virtuale. Metodi di valutazione reddituale, patrimoniali e finanziari; metodi misti ed altri metodi di valutazione. Analisi degli investimenti, concetto di vita economica, vita operativa, rendimento interno e criteri di attualizzazione, Determinazione del valore di un bene industriale, di un progetto o di un azienda, con particolare riguardo alle aziende di ingegneria e costruzione. Esempi di valutazione 5/11

12 PIANIFICAZIONE & Pianificazione e Il coordinamento delle decisioni, sistema decisionale e ricerca PROGRAMMAZIONE programmazione operativa, modo di operare per progetti Obiettivo: Il controllo integrato dei tempi e dei costi costituisce uno dei principali fondamenti dell ingegneria Economica. Questo terzo modulo ha quindi l obiettivo di fornire ai partecipanti le nozioni e gli strumenti necessari per una corretta gestione degli aspetti legati allo sviluppo temporale di un progetto o processo, valutandone le implicazioni in termini economici e di rischio. Concetti di base per la pianificazione e la programmazione: attività, risorse e costi, disaggregazione e struttura del lavoro. I principali metodi di pianificazione e programmazione: metodi deterministici, metodi proibabilistici, criteri di scelta del metodo più idoneo sulla base delle aree di rischio di un progetto Metodi Deterministici: CPM e suoi derivati (PDM, MPM, etc.), PERT Determinazione della Work Breakdown Structure Determinazione dei vincoli logici e del reticolo di progetto, Determinazione delle durate delle attività, Metodi Stocastici: Grafi di Flusso, GAN, GERT, GERTS, Identificazione del programma generale di progetto e di quelli di dettaglio delle varie fasi, loro collegamento nello schema di controllo dei tempi Identificazione delle aree di rischio per il mantenimento dei tempi, misure correttive. Collegamento tra programma dei tempi,elenco elaborati, computi metrici, piano della sicurezza e piano della qualità, Calcolo delle risorse, ottimizzazione dei programmi sulle risorse, Metodi Quantitativi per l'analisi finanziaria di un progetto, l'analisi dei rischi e l'analisi di sensibilità Determinatione del programma generale di progetto e di quelli di dettaglio delle varie fasi, loro collegamento nello schema di controllo dei tempi Principi di Valutazione degli Investimenti in Presenza di Incertezza 12 Criteri di Valutazione: Valore Attuale Netto, Tasso di Rendimento Interno Classificazione dei rischi Strumenti di analisi dei rischi - Alberi delle Decisioni - Alberi degli Eventi Strumenti di analisi dell'incertezza - Il metodo Monte Carlo Strumenti di Analisi di Sensibilità - Verifica della Correttezza dei Risultati di Modello - Identificazione dei key drivers Applicazione Sessione di Utilizzo Software e implementazione di un caso Reale 4 6/11

13 ORGANIZZAZIONE - CONTRATTI Teorie e tipi di organizzazione Obiettivo: In tutti i progetti o nella gestione dei processi complessi è essenziale una buona impostazione organizzativa e, parimenti, una buona capacità di gestire gli aspetti contrattuali. Questo modulo risponde a questa duplice esigenza, dotando i partecipanti delle necessarie conoscenze sia sui metodi di gestione delle risorse umane e delle organizzazioni, sia sui fondamenti del diritto applicato alla gestione dei contratti. Organizzazione e struttura organizzativa: nozioni di base e variabili critiche Cenno storico sull organizzazione e sulle teorie organizzative Principali forme di strutture organizzative Struttura e sistemi operativi: i principali meccanismi di coordinamento Introduzione ai sistemi di gestione del personale Dal contratto psicologico alla gestione strategica delle risorse umane La motivazione: approccio critico alle diverse teorie e implicazioni gestionali Relazione fra organizzazione, produttività e qualità Gruppi di progetto e dinamica del lavoro di gruppo, le capacità interpersonali del coordinatore o direttore del gruppo di lavoro, Coordinamento e Guida Risorse Umane Tipologia e caratteristiche dei contratti Comunicazione, Risoluzione dei problemi e dei conflitti Nuovi approcci: story telling e social networks Leadership e management 4 I sistemi giuridici, con particolare riferimento al sistema romanogermanico (civil law) ed al sistemaanglo-americano(common law). 12 Classificazione dei diritti e dei doveri, diritti reali e diritti personali Contenzioso ed arbitrato internazionale La normativa italiana ed europea delle opere pubbliche Principi generali e classificazione del diritto - Il concetto di obbligazione Generalità e classificazione dei contratti - Elementi essenziali ed elementi accidentali del contratto - I contratti tipici I contratti di ingegneria e costruzione, contratti di appalto, subappalto e concessioni, disciplina europea ed italiana delle opere pubbliche Il contratto di appalto e le sopravvenienze - L'inadempimento dell'appaltatore e del committente Classificazione dei contratti di ingegneria e costruzione: contratti a corpo, a prezziario, misti, in economia, a rimborso, formule binomie o trinomie, formule contrattuali associative. Società e forme imprenditoriali, associazione e fondazioni, su imprese individuali, società di persone, società di capitali, società ed enti pubblici o semipubblici; associazioni in partecipazione; consorzi, associazioni temporanee di imprese Contenzioso contrattuale, giurisdizione e legislazione applicabili, clausole compromissori Ripartizione del rischio nei diversi tipi di contratto. Conciliazione, mediazione, altri metodi di risoluzione del 4 contenzioso. Gestone dello scopo Definizione di progetto 4 Contratti di fornitura, di servizi; contratti per opere pubbliche e settori 7/11

14 p p p Fasi di sviluppo del progetto: progettazione, approvvigionamenti, costruzione, collaudo, esercizio 8/11

15 La natura matriciale del progetto: i contenuti tecnici e quelli patrimoniali - Struttura del progetto Struttura del progetto: PBS, WBS, ABS, OBS, CBS, DBS, etc. Determinazione dell organizzazione del progetto, varie ipotesi, Uso e limiti degli standard Gestione dello scopo Gestione dei tempi Gestione delle risorse e dei costi Gestione della qualità Esempi di strutture organizzative, con particolare riferimento alle aziende di ingegneria e costruzione ed al relativi progetti Organizzazione per progetti e per processi Analisi dei ruoli e descrizioni delle mansioni Organizzazione multiprogetto Organizzazione del progetto ed assegnazione dei ruoli Le procedure, I flussi informativi ed i report. Analisi e normalizzazione dei documenti e delle procedure di progetto Procedure di sviluppo dei progetti, fasi di sviluppo del progetto Costi e ricavi nel ciclo di vita Integrazione fra ciclo di vita ed esecuzione del progetto Ciclo di vita tipico di un progetto di ingegneria e costruzione Ciclo di vita di progetti di natura diversa Integrazione fra le varie discipline costituenti l'ingegneria Economica PROJECT MANAGEMENT Principi e scopi - Natura e 4 Obiettivo: Il Project Management è gestione dei progetti l applicazione delle conoscenze e delle competenze che fanno parte dell Ingegneria Economica alla gestione o al controllo di un progetto o di un processo. Esso pertanto è funzione di direzione generale, e può anche estendersi alla fase strategica. In tal caso viene normalmente definito Organizzazione di progetto 4 Strategic Project Management. Organizzando le nozioni acquisite nei moduli precedenti, questo modulo si propone di fornire ai partecipanti le competenze necessarie per intraprendere la gestione di un progetto complesso. Gestione del ciclo di vita 4 40 Standard e procedure di project management Gestione delle varie fasi del progetto Progettazione Gestione delle crisi e del dissesto Gli standard internazionali: AACE, PMI, ANS, DoD, etc. 4 Il modello del PMBOK Dagli standard alle procedure aziendali Presentazioni e rapporti periodici Procedure per la gestione dei flussi informativi Esempio di reportistica: cost performance report I controlli delle rispondenze funzionali, normative ed economiche; lo 8 sviluppo dei contenuti del progetto Interazione tra project manager e progettisti. Il riconoscimento dei costi impegnati e l ottimizzazione delle scelte progettuali, Le fasi della progettazione, la struttura della documentazione e l'elenco degli elaborati Il rapporto tra progettazione e le fasi progettuali successive, Procedure e strumenti per ottimizzare i tempi ed costi di progettazione. La programmazione delle attività di progettazione ed il controllo dell avanzamento Rapporto tra progettazione, approvvigionamento e costruzione, 9/11

16 Gestione dei contratti (contract management) App rov vigi Costruzione La programmazione degli acquisti, La strategia degli acquisti, Il piano di esecuzione delle opere, La progettazione costruttiva, Il controllo dei costi, La programmazione ed il controllo dei tempi, Il controllo della qualità Il controllo della sicurezza, Rapporti tra tempi, costi, sicurezza e qualità Struttura ed organizzazione del cantiere Struttura di un contratto di ingegneria e costruzione, condizioni generali e di particolare applicazione, capitolati. Clausole contrattuali fondamentali e secondarie, scopo del contratto, prezzo e modalità di pagamento; organizzazione dei contratti complessi ed a più livelli. Disciplina internazionale dei contratti di ingegneria e costruzione, norme FIDIC ed altre discipline contrattuali prevalenti. 4 Organizzazione contrattuale e definizione degli attori nelle varie forme di organizzazione contrattuale Garanzie (bid bond, perfoermance bond) Consegna del sito Stati di avanzamento periodici Registrazione dei lavori e degli eventi contrattuali, giornale dei lavori ed altri strumenti di registrazione, riunioni periodiche, corrispondenza contrattuale. Contabilità contrattuale, ritenute e garanzie; applicazione di altri metodi numerici alla gestione dei contratti Consegna preliminare e finale, collaudo, sostanziale completamento. Applicazione di metodi numerici alla gestione contrattuale Informatica applicata Concetti introduttivi sulle tecnologie per il calcolo ed il trattamento 4 delle informazioni Rapporto fra ICT e project management, ambiti e applicazioni Database relazionali, modello relazionale di progetto I software per il project management Sistemi informativi di project management (PMIS) Applicazioni Applicazione su Microsoft Project 8 10/11

17 PROJECT FINANCING Obiettivo: Definizione e teoria della Il Project Financing è un complesso di finanza di progetto processi multidisciplinari, in cui intervengono competenze derivate dai campi della tecnica, dell organizzazione, del diritto, della Teoria dei rischi nel Project finanza, dell economia, del Financing commercio, della politica, ecc Contenuto economico e Questo modulo avanzato ha l obiettivo finanziario di far comprendere ai partecipanti i diversi aspetti legati ad una iniziativa di Project Financing in tutte le sue fasi Il Project Financing nel di sviluppo, dal concepimento alla sua Privato realizzazione. Il Project Financing nel Pubblico Programmazione progettazione Case study e/o esercitazioni e evoluzione PF internaz soggetti e società di progetto normativa internazionale sviluppi e prospettive Il rischio nel PF 4 Gli strumenti di mitigazione dei rischi: il security package Studio fattibilità e piano economico finanziario Budget e quadro economico Esercitazione sul budget Il PF nel settore privato 4 I contratti principali di una operazione di P.F. Analisi di sensitività in operazioni di P.F. Il ruolo delle banche nel PF privato Vantaggi -Svantaggi di una operazione di P.F. La concessione ed altri strumenti Norme sugli appalti pubblici in materia di PF Caratteristiche contrattuali verso committente e fornitori Permessi e normative per l'attuazione del PF Il ruolo delle banche nel PF Pianificazione e programmazione Elaborati Programma lavori Computi metrici estimativi Capitolati Piano qualità e manutenzione Fasi di costruzione Collaudo Esercizio, gestione e monitoraggio Il PF nella pubblica Amministrazione Il PF nel'esperienza delle FFSS Realizzazione /11

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda.

Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. EASY 7 SUITE EASY MANAGER 7 Easy Manager 7. Il Modulo per la Riclassificazione del Bilancio. La Gestione ed il Controllo Economico-Finanziario dell Azienda. Il Bilancio di un Azienda, rappresenta un potente

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Finanza di Progetto 100 domande e risposte

Finanza di Progetto 100 domande e risposte Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica economica Finanza di Progetto 100 domande e risposte Edizione 2009 Dipartimento per la Programmazione e il coordinamento della politica

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli