Modulo 1. Nozioni di base

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo 1. Nozioni di base"

Transcript

1 Modulo 1. Nozioni di base Obiettivi Il percorso formativo proposto dal corso di Ingegneria Economica non può prescindere dalla conoscenza di alcuni linguaggi fondamentali. Il modulo persegue quindi lo scopo di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti metodologici di base per una migliore comprensione dei moduli successivi. Contenuti e percorso formativo Il complesso dei temi trattati formano la base teorica necessaria per poter acquisire e meglio padroneggiare le nozioni più avanzate dell Ingegneria Economica, facendo riferimento a discipline accademiche classiche. In questo primo modulo vengono quindi proposte lezioni di Statistica: organizzazione dei dati, stime statistiche puntuali e per intervalli, correlazione e regressione, relazioni fra variabili non quantitative Matematica finanziaria: regimi di interesse e sconto, valutazioni di rendite, ammortamenti di prestiti Finanza: analisi di bilancio, flussi di cassa, analisi finanziaria storica e prospettica Economia: concetti generali sull economia politica ed aziendale, nozioni di macroeconomia, nozioni di microeconomia

2 Modulo 2. Ingegneria dei Costi Obiettivi L Ingegneria dei Costi (Cost Engineering) è una materia centrata sulla corretta gestione dei costi relativi ad un progetto o un processo per la produzione di beni e servizi. L obiettivo del modulo è pertanto quello di dimostrare come, attraverso l applicazione dei modelli di questa disciplina, sia effettivamente possibile controllare i costi relativi all intero ciclo di vita di un progetto o di un processo, dall idea, alla realizzazione, all esercizio e alla dismissione. Contenuti e percorso formativo I metodi di Ingegneria di Costi sono finalizzati alla stima dei costi di un progetto o preventivo (cost estimating) all analisi e controllo dei costi (cost analysis & control) alla valutazione di convenienza economica dell iniziativa (profitability) Integrando questi processi con quelli di pianificazione e programmazione (modulo 3) e con quelli di controllo della qualità è possibile determinare efficacemente i vincoli necessari per una valutazione dell equilibrio economico-finanziario del progetto o processo. Il modulo è articolato in due parti: nella prima parte vengono erogate ai partecipanti alcune nozioni di base (contabilità analitica, contabilità generale, gestione patrimoniale, analisi degli investimenti), evidenziando come sia possibile definire una distribuzione temporale dei ricavi e dei costi e come affrontare le relative valutazioni con le metodologie più appropriate (value analysis, function needs, benchmarking, risk analysis, earned value) nella seconda parte vengono affrontati i temi propri dell Ingegneria dei Costi, ovvero i temi della preventivazione (cost estimating), del controllo dei costi (cost control) e della valutazione di convenienza (profitability). Il percorso consente di correlare le fasi del ciclo di vita del progetto (dall esecuzione all esercizio) ed i suoi obiettivi (scope) con i limiti determinati dal grado di approssimazione desiderato e dal dettaglio delle informazioni e dei dati disponibili. Il programma didattico di questo modulo è completo di esemplificazioni ed esercitazioni sulla preventivazione e controllo dei costi, da effettuarsi con l ausilio di strumenti informatici.

3 Modulo 3. Pianificazione e Programmazione Obiettivi Il controllo integrato dei tempi e dei costi costituisce uno dei principali fondamenti dell ingegneria Economica. Questo terzo modulo ha quindi l obiettivo di fornire ai partecipanti le nozioni e gli strumenti necessari per una corretta gestione degli aspetti legati allo sviluppo temporale di un progetto o processo, valutandone le implicazioni in termini economici e di rischio. Contenuti e percorso formativo Il modulo si articola in diverse sezioni che definiscono un percorso di formazione completo e che consente ai partecipanti di acquisire la confidenza necessaria per una gestione complessiva dei tempi, dei costi e dei rischi. In questo modo è possibile sviluppare una conoscenza approfondita dei concetti chiave della programmazione, della gestione economica e del controllo dei rischi, correlando il quadro generale di progetto a quelli di dettaglio delle varie fasi (e viceversa). Il modulo è quindi articolato come segue: Nella prima parte vengono illustrate le metodologie di programmazione in un contesto deterministico, ovvero ipotizzando la perfetta conoscenza della durata delle attività e dei costi Successivamente vengono introdotte ed analizzate le problematiche di pianificazione in presenza di incertezza, illustrando i principali metodi di tipo stocastico L attività di programmazione in presenza di incertezza richiede poi l adozione di metodi che siano in grado di coadiuvare il decisore nella valutazione dei rischi: vengono quindi illustrate le principali tecniche per l analisi delle decisioni in presenza di rischio (alberi degli eventi, alberi delle decisioni) ed i metodi per la simulazione degli scenari possibili (metodo Montecarlo). L ultima parte del modulo introduce le tecniche di analisi di sensibilità, volte ad approfondire i risultati del modello creato per la programmazione ed a vagliarne la robustezza e coerenza. Oltre alle applicazioni alla programmazione, vengono poi discusse le applicazioni dei metodi sopraelencati all analisi della redditività economica del progetto. Ciascuno degli argomenti e dei metodi presentati sarà integrato dall utilizzo dei software idonei disponibili in commercio. Il modulo si conclude con una sessione di utilizzo software e implementazione di un caso reale.

4 Modulo 4. Organizzazione e Contratti Obiettivi In tutti i progetti o nella gestione dei processi complessi è essenziale una buona impostazione organizzativa e, parimenti, una buona capacità di gestire gli aspetti contrattuali. Questo modulo risponde a questa duplice esigenza, dotando i partecipanti delle necessarie conoscenze sia sui metodi di gestione delle risorse umane e delle organizzazioni, sia sui fondamenti del diritto applicato alla gestione dei contratti. Contenuti e percorso formativo Sono state racchiuse in questo modulo due discipline (organizzazione e contrattualistica) complementari tra loro, ma comunque essenziali compendi per la comprensione dei moduli di perfezionamento successivi. I principali argomenti trattati per l organizzazione sono: teorie organizzative strutture organizzative e meccanismi di coordinamento sistemi di gestione e motivazione delle risorse umane relazione fra organizzazione, produttività e qualità gruppi di progetto e dinamica del lavoro di gruppo comunicazione, risoluzione dei problemi e dei conflitti leadership e management Gli argomenti trattati nelle lezioni relative alla gestione dei contratti sono: sistema giuridico romano-germanico (civil law) ed il sistema anglo-americano (common law) classificazione dei diritti e dei doveri, diritti reali e diritti personali principi generali e classificazione del diritto generalità e classificazione dei contratti, contratti tipici società e forme imprenditoriali contenzioso contrattuale ripartizione del rischio nei diversi tipi di contratto contratti di fornitura, di servizi contratti per opere pubbliche e settori a disciplina speciale, la disciplina europea e le varie discipline nazionali sulle opere pubbliche Per entrambe le discipline sono previste esemplificazioni ed esercitazioni in aula.

5 Modulo 5. Project Management Obiettivi Il Project Management è l applicazione delle conoscenze e delle competenze che fanno parte dell Ingegneria Economica alla gestione o al controllo di un progetto o di un processo. Esso pertanto è funzione di direzione generale, e può anche estendersi alla fase strategica. In tal caso viene normalmente definito Strategic Project Management. Organizzando le nozioni acquisite nei moduli precedenti, questo modulo si propone di fornire ai partecipanti le competenze necessarie per intraprendere la gestione di un progetto complesso. Contenuti e percorso formativo Questo è un modulo di perfezionamento. Sfruttando le nozioni presentate nei moduli precedenti, questo modulo ha l obiettivo di mettere i partecipanti in condizione di utilizzare efficacemente le nozioni acquisite nei moduli precedenti in funzione delle diverse esigenze gestionali che si manifestano durante le diverse fasi del ciclo di vita di un progetto. Nel modulo sono presentate anche altre metodologie e nozioni complementari a quelle introdotte nei moduli propedeutici: queste sono necessarie per disporre di strumenti cognitivi completi per poter affrontare nella pratica la gestione di un progetto. I temi e gli aspetti del Project Management trattati in questo modulo sono principi, scopi, natura e caratteristiche dei processi di gestione dei progetti organizzazione e processi gestionali di progetto gestione del ciclo di vita di un progetto e gestione delle varie fasi del progetto principali standard internazionali e procedure di Project Management approfondimenti sulla gestione dei contratti: contratti di ingegneria e costruzione, contratti di appalto, subappalto e concessioni sistemi informativi per il Project Management Durante il modulo verranno proposte ed eseguite con l ausilio di strumenti informatici avanzati, esercitazioni sulla gestione globale di un progetto, con attenzione sia agli aspetti organizzativi che a quelli di programmazione e controllo (tecnico, economico, finanziario).

6 Modulo 6. Project Financing Obiettivi Il Project Financing è un complesso di processi multidisciplinari, in cui intervengono competenze derivate dai campi della tecnica, dell organizzazione, del diritto, della finanza, dell economia, del commercio, della politica, ecc Questo modulo avanzato ha l obiettivo di far comprendere ai partecipanti i diversi aspetti legati ad una iniziativa di Project Financing in tutte le sue fasi di sviluppo, dal concepimento alla sua realizzazione. Contenuti e percorso formativo Come per il modulo precedente, i partecipanti saranno invitati a mettere in gioco tutte le nozioni e le competenze acquisite nei moduli propedeutici, per costruire il quadro sistemico delle tecniche richieste da una iniziativa di Project Financing. Il modulo si sviluppa affrontando i seguenti temi: definizione e teoria della finanza di progetto teoria dei rischi nel Project Financing contenuto economico e finanziario il Project Financing privato ed il Project Financing pubblico Durante l esposizione degli argomenti saranno introdotte delle esemplificazioni che consentiranno una migliore comprensione delle nozioni esposte. Al termine sarà affrontato un caso di studio e saranno effettuate delle esercitazioni.

7 NOZIONI DI BASE Obiettivo: Il percorso formativo proposto dal corso di Ingegneria Economica non può prescindere dalla conoscenza di alcuni linguaggi fondamentali. Il modulo persegue quindi lo scopo di fornire ai partecipanti tutti gli strumenti metodologici di base per una migliore comprensione dei moduli successivi. Lezione introduttiva Statistica DESCRIZIONE DETTAGLIATA PIANO DELLE LEZIONI Fornire ai partecipanti nozioni sul piano di formazione, sui programmi dettagliati del corso, sulla certificazione ed il suo valore. Organizzazione dei dati: distribuzioni di frequenze e rappresentazioni grafiche, indicatori di posizione, di variabilità, di forma. Introduzione agli intervalli di confidenza ed al test delle ipotesi Matematica Finanziaria Finanza Analisi di bilancio La relazione fra due variabili quantitative: correlazione e regressione semplice La relazione fra due variabili non quantitative: connessione e ANOVA Regimi di interesse e sconto, capitalizzazione semplice e composta, 8 interesse continuo, tasso variabile, Rendite, Ammortamenti, Prestiti ed obbligazioni. Inquadramento teorico 8 L analisi di bilancio: presupposti, riclassificazione del conto economico e dello stato patrimoniale. Criteri vari di riclassificazione: fatturato e costo del venduto; produzione/valore aggiunto; liquidità/esigibilità; della pertinenza gestionale. L analisi di bilancio tramite i principali indici economico-finanziari (solvibilità, liquidità, redditività, ecc.). Analisi finanziaria Analisi finanziaria storica prospettica Analisi storica: flussi di cassa, dalla contabilità alla finanza; Rendiconto finanziario e IAS 7; Calcolo dei flussi di cassa per l azionista (FCFE) e per l impresa (FCFO); Fabbisogno finanziario e modalità di copertura; Struttura finanziaria e costo del capitale Analisi finanziaria prospettica: Introduzione alla dinamica finanziaria dell impresa: creazione di valore, costruzione del business plan; i value drivers/loro impatto sulla previsione finanziaria. 1/11

8 Economia Economia politica, differenze e complementarietà con l'economia 8 aziendale, microeconomia e macroeconomia Il sistema economico: gli agenti economici, famiglie, imprese e operatore pubblico, fattori di produzione e loro remunerazione, tipologie di sistemi economici (economia di mercato ed economia pianificata) Macroeconomia: concetti base, principali indicatori macroeconomici, breve guida alle fonti, cenni sui modelli macroeconomici Informazioni generali Macroec onomia Microecono mia Microeconomia: teoria del comportamento razionale, rappresentazione microeconomica dell'impresa (funzione di produzione, costi di produzione, rendimenti di scala, teoria delle forme di mercato (monopolio, oligopolio, concorrenza, etc.), costi e benefici 2/11

9 INGEGNERIA DEI COSTI Contabilità Generale ed Prima nota e contabilità di cassa, partita semplice e partita doppia, 4 40 Obiettivo:L Ingegneria dei Costi (Cost Analitica contabilità generale secondo i sistemi del patrimonio e del reddito. Engineering) è una materia centrata sulla corretta gestione dei costi relativi ad un progetto o un processo per la produzione di beni e servizi. L obiettivo del modulo è pertanto quello di dimostrare come, attraverso l applicazione dei modelli di questa disciplina, sia effettivamente possibile controllare i costi relativi all intero ciclo di vita di un progetto o di un processo, dall idea, alla realizzazione, all esercizio e alla dismissione. Costo del lavoro Addebito dei costi Classificazione dei costi Contabilità civilistica e fiscale. Contabilità analitica e matriciale. Ammortamenti. Bilancio, lettura e riclassificazione del bilancio, bilancio civilistico e fiscale, bilancio per la direzione. Contabilità analitica: criteri e metodi Controllo di gestione e contabilità analitica, costi consuntivi e costi preventivi, costi di riferimento (standard) Definizione dei ricavi e dei costi Classificazione dei ricavi Classificazione dei costi per natura e per destinazione, criteri di classificazione dei costi, costi comuni e costi attribuiti, costi fissi e costi variabili, costi interni e costi esterni, costi industriali, margine operativo lordo e netto, margine di contribuzione. Analisi dei Costi 12 Costi effettivi e costi standard, nominali o di riferimento - il problema dei conguagli periodici Classificazione per natura, classi e sottoclassi di costo Classificazione dei costi fiscali Sviluppo temporale dei costi (stanziamento, impegno, genesi, consuntivo progressivo e previsioni a finire, liquidazione e fatturazione, pagamento) Centri di costo e di addebito, centri di profitto, centri di investimento Classificazione per destinazione, rilevazione ed addebito dei costi, discipline e categorie di costo; addebito diretto per destinazione, addebito indiretto tramite la contabilità di uno o più fattori di produzione, addebito per doppio ribaltamento e metodi di addebito matriciale Piano dei conti e struttura dei costi (CBS Cost Breakdown Schedule) Analisi statistica dei costi Calcolo dei costi unitari Costo del lavoro - Costo del lavoro ordinario straordinario con riferimento alle variazioni di produttività - Orario di lavoro Retribuzione e livello di lavoro - retribuzione e risultato - retribuzione e prestazione (produttività). Applicazione di metodi numerici, lasso di tempo di discrezionalità, parametri indicatori delle prestazioni, Equa retribuzione, rapporto fra equa retribuzione e retribuzione di mercato, collegamento della retribuzione alle prestazioni o ai risultati. 3/11

10 Controllo dei costi Criteri di determinazione dell avanzamento nelle varie fasi del 12 Calcolo degli avanzamenti - Earned value Controllo di progetto Controllo della gestione aziendale Curve ad S, Valutazione dei ritardi,analisi delle cause e delle responsabilità, Correlazione tra ritardi e disfunzioni progettuali. Earned value Rapporto fra project management e controllo dei costi in base all' earned value Struttura del progetto e metodi di controllo Definizione del piano economico o budget di progetto, Controllo dei costi delle opere durante la progettazione, Controllo dei costi di produzione delle varie fasi progettuali, Identificazione degli scostamenti alla data, valutazione dei costi a finire, identificazione delle misure correttive. Earned value, previsione a finire e scostamenti Consuntivo progressivo e rapporto periodico Tecniche di controllo e di analisi di completamento, previsioni a finire Gestione dei margini per imprevisti e variazioni. Programmazione e controllo della gestione commerciale e delle acquisizioni Programmazione e controllo dei ricavi e dei fatturati Programmazione e controllo dei processi aziendali Programmazione e controllo della gestione (costi e ricavi, costi indiretti) Programmazione e controllo dei flussi finanziari Programmazione e controllo degli investimenti Gestione dei fondi e dei margini per imprevisti e variazioni Equilibrio economico Equilibrio finanziario Misura delle prestazioni aziendali e dei singoli processi tramite l identificazione di parametri. 4/11

11 Preventivazione Elaborazione dei preventivi, informazioni e basi di dati aziendali ed 12 Investimento Costruzione Gestione - Produzio ne Integrazione fra preventivo e controllo Nozioni di analisi del valore esterne Preventivi parametrici e preventivi analitici, gradi di accuratezza dei preventivi e relativi intervalli di confidenza Analisi dei costi di progetto e dei fattori di variazione Preventivi parametrici Standard sull'accuratezza dei preventivi Metodi di parametrazione, indici, fattori di locazione, etc. Preventivi analitici: struttura, margini aziendali e margini di trattativa, preventivo esecutivo e passaggio dal preventivo esecutivo al piano operativo in caso di acquisizione Gestione dei margini per variazioni quantitative o imprevisti, influenza delle variazioni delle quantità sui margini nei contratti a quantità variabili Preparazione delle quotazioni o offerte in base ai preventivi, confronto con i valori di mercato e verifica di compatibilità Cost Breakdown Structure Preventivi di gestione - Costi e ricavi Preventivi di manutenzione Aggiornamento periodico Indici di rendimento e loro gestione Rilevazione dei risultati ed utilizzazione dei dati a consuntivo per l elaborazione dei nuovi preventivi Il punto di vista dell'investitore Il punto di vista del costruttore Il proposal manager Impostazione e gestione dei dati sui costi Realizzazione di standard sui costi Impostazione e gestione dei dati di produttività Teoria e metodi di stima e di valutazione, definizione di valore di mercato, valore di ricostruzione, ecc; analisi del valore, capitalizzazione reale e virtuale. Metodi di valutazione reddituale, patrimoniali e finanziari; metodi misti ed altri metodi di valutazione. Analisi degli investimenti, concetto di vita economica, vita operativa, rendimento interno e criteri di attualizzazione, Determinazione del valore di un bene industriale, di un progetto o di un azienda, con particolare riguardo alle aziende di ingegneria e costruzione. Esempi di valutazione 5/11

12 PIANIFICAZIONE & Pianificazione e Il coordinamento delle decisioni, sistema decisionale e ricerca PROGRAMMAZIONE programmazione operativa, modo di operare per progetti Obiettivo: Il controllo integrato dei tempi e dei costi costituisce uno dei principali fondamenti dell ingegneria Economica. Questo terzo modulo ha quindi l obiettivo di fornire ai partecipanti le nozioni e gli strumenti necessari per una corretta gestione degli aspetti legati allo sviluppo temporale di un progetto o processo, valutandone le implicazioni in termini economici e di rischio. Concetti di base per la pianificazione e la programmazione: attività, risorse e costi, disaggregazione e struttura del lavoro. I principali metodi di pianificazione e programmazione: metodi deterministici, metodi proibabilistici, criteri di scelta del metodo più idoneo sulla base delle aree di rischio di un progetto Metodi Deterministici: CPM e suoi derivati (PDM, MPM, etc.), PERT Determinazione della Work Breakdown Structure Determinazione dei vincoli logici e del reticolo di progetto, Determinazione delle durate delle attività, Metodi Stocastici: Grafi di Flusso, GAN, GERT, GERTS, Identificazione del programma generale di progetto e di quelli di dettaglio delle varie fasi, loro collegamento nello schema di controllo dei tempi Identificazione delle aree di rischio per il mantenimento dei tempi, misure correttive. Collegamento tra programma dei tempi,elenco elaborati, computi metrici, piano della sicurezza e piano della qualità, Calcolo delle risorse, ottimizzazione dei programmi sulle risorse, Metodi Quantitativi per l'analisi finanziaria di un progetto, l'analisi dei rischi e l'analisi di sensibilità Determinatione del programma generale di progetto e di quelli di dettaglio delle varie fasi, loro collegamento nello schema di controllo dei tempi Principi di Valutazione degli Investimenti in Presenza di Incertezza 12 Criteri di Valutazione: Valore Attuale Netto, Tasso di Rendimento Interno Classificazione dei rischi Strumenti di analisi dei rischi - Alberi delle Decisioni - Alberi degli Eventi Strumenti di analisi dell'incertezza - Il metodo Monte Carlo Strumenti di Analisi di Sensibilità - Verifica della Correttezza dei Risultati di Modello - Identificazione dei key drivers Applicazione Sessione di Utilizzo Software e implementazione di un caso Reale 4 6/11

13 ORGANIZZAZIONE - CONTRATTI Teorie e tipi di organizzazione Obiettivo: In tutti i progetti o nella gestione dei processi complessi è essenziale una buona impostazione organizzativa e, parimenti, una buona capacità di gestire gli aspetti contrattuali. Questo modulo risponde a questa duplice esigenza, dotando i partecipanti delle necessarie conoscenze sia sui metodi di gestione delle risorse umane e delle organizzazioni, sia sui fondamenti del diritto applicato alla gestione dei contratti. Organizzazione e struttura organizzativa: nozioni di base e variabili critiche Cenno storico sull organizzazione e sulle teorie organizzative Principali forme di strutture organizzative Struttura e sistemi operativi: i principali meccanismi di coordinamento Introduzione ai sistemi di gestione del personale Dal contratto psicologico alla gestione strategica delle risorse umane La motivazione: approccio critico alle diverse teorie e implicazioni gestionali Relazione fra organizzazione, produttività e qualità Gruppi di progetto e dinamica del lavoro di gruppo, le capacità interpersonali del coordinatore o direttore del gruppo di lavoro, Coordinamento e Guida Risorse Umane Tipologia e caratteristiche dei contratti Comunicazione, Risoluzione dei problemi e dei conflitti Nuovi approcci: story telling e social networks Leadership e management 4 I sistemi giuridici, con particolare riferimento al sistema romanogermanico (civil law) ed al sistemaanglo-americano(common law). 12 Classificazione dei diritti e dei doveri, diritti reali e diritti personali Contenzioso ed arbitrato internazionale La normativa italiana ed europea delle opere pubbliche Principi generali e classificazione del diritto - Il concetto di obbligazione Generalità e classificazione dei contratti - Elementi essenziali ed elementi accidentali del contratto - I contratti tipici I contratti di ingegneria e costruzione, contratti di appalto, subappalto e concessioni, disciplina europea ed italiana delle opere pubbliche Il contratto di appalto e le sopravvenienze - L'inadempimento dell'appaltatore e del committente Classificazione dei contratti di ingegneria e costruzione: contratti a corpo, a prezziario, misti, in economia, a rimborso, formule binomie o trinomie, formule contrattuali associative. Società e forme imprenditoriali, associazione e fondazioni, su imprese individuali, società di persone, società di capitali, società ed enti pubblici o semipubblici; associazioni in partecipazione; consorzi, associazioni temporanee di imprese Contenzioso contrattuale, giurisdizione e legislazione applicabili, clausole compromissori Ripartizione del rischio nei diversi tipi di contratto. Conciliazione, mediazione, altri metodi di risoluzione del 4 contenzioso. Gestone dello scopo Definizione di progetto 4 Contratti di fornitura, di servizi; contratti per opere pubbliche e settori 7/11

14 p p p Fasi di sviluppo del progetto: progettazione, approvvigionamenti, costruzione, collaudo, esercizio 8/11

15 La natura matriciale del progetto: i contenuti tecnici e quelli patrimoniali - Struttura del progetto Struttura del progetto: PBS, WBS, ABS, OBS, CBS, DBS, etc. Determinazione dell organizzazione del progetto, varie ipotesi, Uso e limiti degli standard Gestione dello scopo Gestione dei tempi Gestione delle risorse e dei costi Gestione della qualità Esempi di strutture organizzative, con particolare riferimento alle aziende di ingegneria e costruzione ed al relativi progetti Organizzazione per progetti e per processi Analisi dei ruoli e descrizioni delle mansioni Organizzazione multiprogetto Organizzazione del progetto ed assegnazione dei ruoli Le procedure, I flussi informativi ed i report. Analisi e normalizzazione dei documenti e delle procedure di progetto Procedure di sviluppo dei progetti, fasi di sviluppo del progetto Costi e ricavi nel ciclo di vita Integrazione fra ciclo di vita ed esecuzione del progetto Ciclo di vita tipico di un progetto di ingegneria e costruzione Ciclo di vita di progetti di natura diversa Integrazione fra le varie discipline costituenti l'ingegneria Economica PROJECT MANAGEMENT Principi e scopi - Natura e 4 Obiettivo: Il Project Management è gestione dei progetti l applicazione delle conoscenze e delle competenze che fanno parte dell Ingegneria Economica alla gestione o al controllo di un progetto o di un processo. Esso pertanto è funzione di direzione generale, e può anche estendersi alla fase strategica. In tal caso viene normalmente definito Organizzazione di progetto 4 Strategic Project Management. Organizzando le nozioni acquisite nei moduli precedenti, questo modulo si propone di fornire ai partecipanti le competenze necessarie per intraprendere la gestione di un progetto complesso. Gestione del ciclo di vita 4 40 Standard e procedure di project management Gestione delle varie fasi del progetto Progettazione Gestione delle crisi e del dissesto Gli standard internazionali: AACE, PMI, ANS, DoD, etc. 4 Il modello del PMBOK Dagli standard alle procedure aziendali Presentazioni e rapporti periodici Procedure per la gestione dei flussi informativi Esempio di reportistica: cost performance report I controlli delle rispondenze funzionali, normative ed economiche; lo 8 sviluppo dei contenuti del progetto Interazione tra project manager e progettisti. Il riconoscimento dei costi impegnati e l ottimizzazione delle scelte progettuali, Le fasi della progettazione, la struttura della documentazione e l'elenco degli elaborati Il rapporto tra progettazione e le fasi progettuali successive, Procedure e strumenti per ottimizzare i tempi ed costi di progettazione. La programmazione delle attività di progettazione ed il controllo dell avanzamento Rapporto tra progettazione, approvvigionamento e costruzione, 9/11

16 Gestione dei contratti (contract management) App rov vigi Costruzione La programmazione degli acquisti, La strategia degli acquisti, Il piano di esecuzione delle opere, La progettazione costruttiva, Il controllo dei costi, La programmazione ed il controllo dei tempi, Il controllo della qualità Il controllo della sicurezza, Rapporti tra tempi, costi, sicurezza e qualità Struttura ed organizzazione del cantiere Struttura di un contratto di ingegneria e costruzione, condizioni generali e di particolare applicazione, capitolati. Clausole contrattuali fondamentali e secondarie, scopo del contratto, prezzo e modalità di pagamento; organizzazione dei contratti complessi ed a più livelli. Disciplina internazionale dei contratti di ingegneria e costruzione, norme FIDIC ed altre discipline contrattuali prevalenti. 4 Organizzazione contrattuale e definizione degli attori nelle varie forme di organizzazione contrattuale Garanzie (bid bond, perfoermance bond) Consegna del sito Stati di avanzamento periodici Registrazione dei lavori e degli eventi contrattuali, giornale dei lavori ed altri strumenti di registrazione, riunioni periodiche, corrispondenza contrattuale. Contabilità contrattuale, ritenute e garanzie; applicazione di altri metodi numerici alla gestione dei contratti Consegna preliminare e finale, collaudo, sostanziale completamento. Applicazione di metodi numerici alla gestione contrattuale Informatica applicata Concetti introduttivi sulle tecnologie per il calcolo ed il trattamento 4 delle informazioni Rapporto fra ICT e project management, ambiti e applicazioni Database relazionali, modello relazionale di progetto I software per il project management Sistemi informativi di project management (PMIS) Applicazioni Applicazione su Microsoft Project 8 10/11

17 PROJECT FINANCING Obiettivo: Definizione e teoria della Il Project Financing è un complesso di finanza di progetto processi multidisciplinari, in cui intervengono competenze derivate dai campi della tecnica, dell organizzazione, del diritto, della Teoria dei rischi nel Project finanza, dell economia, del Financing commercio, della politica, ecc Contenuto economico e Questo modulo avanzato ha l obiettivo finanziario di far comprendere ai partecipanti i diversi aspetti legati ad una iniziativa di Project Financing in tutte le sue fasi Il Project Financing nel di sviluppo, dal concepimento alla sua Privato realizzazione. Il Project Financing nel Pubblico Programmazione progettazione Case study e/o esercitazioni e evoluzione PF internaz soggetti e società di progetto normativa internazionale sviluppi e prospettive Il rischio nel PF 4 Gli strumenti di mitigazione dei rischi: il security package Studio fattibilità e piano economico finanziario Budget e quadro economico Esercitazione sul budget Il PF nel settore privato 4 I contratti principali di una operazione di P.F. Analisi di sensitività in operazioni di P.F. Il ruolo delle banche nel PF privato Vantaggi -Svantaggi di una operazione di P.F. La concessione ed altri strumenti Norme sugli appalti pubblici in materia di PF Caratteristiche contrattuali verso committente e fornitori Permessi e normative per l'attuazione del PF Il ruolo delle banche nel PF Pianificazione e programmazione Elaborati Programma lavori Computi metrici estimativi Capitolati Piano qualità e manutenzione Fasi di costruzione Collaudo Esercizio, gestione e monitoraggio Il PF nella pubblica Amministrazione Il PF nel'esperienza delle FFSS Realizzazione /11

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

# $ % $ & # '() * + #./ * #

# $ % $ & # '() * + #./ * # ! " # $ % $ & #! '() * + '( ) (,--./--0 /1020-- #./ * # MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Finanza e Controllo di Gestione verrà attivato ANCONA 22 febbraio 2013 31 maggio 2013 07 giugno 2013 BOLOGNA 25

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le applicazioni amministrative e finanziarie Le applicazioni amministrative e finanziarie 1 LA CONTABILITA AZIENDALE L esatta esposizione degli indici e degli altri elementi che compongono la contabilità è fondamentale per formulare correttamente

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p.

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p. INDICE IIIX XIII Guida alla lettura Premessa 3 Capitolo primo La contabilità analitica a supporto del Processo Decisionale 6 1.1 Il significato e lo scopo della contabilità analitica 1.1.1 I principi guida

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

EMCFB - 2011 ANALISI FINANZIARIA E BUSINESS PLANNING

EMCFB - 2011 ANALISI FINANZIARIA E BUSINESS PLANNING EMCFB - 2011 ANALISI FINANZIARIA E BUSINESS PLANNING Professor: Leonardo Luca Etro E-mail: leonardo.etro@sdabocconi.it Ufficio: via Bocconi 8 - stanza 413 Telefono: 02 58366505 Obiettivi di apprendimento

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

MODI NUOVI UNIVERSITY

MODI NUOVI UNIVERSITY in collaborazione con MODI NUOVI UNIVERSITY l università degli installatori ANNO 2007 MODI NUOVI UNIVERSITY La Modi Nuovi S.a.s., dopo un ventennio di attività, ha raggiunto la leadership nella produzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XXI XXII Capitolo 1 Elementi di economia e organizzazione aziendale 1 1.1 La natura e il fine economici dell impresa 1 1.1.1

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015 PROPOSTE FORMATIVE Aprile 2015 AREE TEMATICHE GESTIONE D IMPRESA COMPLIANCE E-LEARNING ANALISI ORGANIZZATIVA FINALITA : Intraprendere un progetto di cambiamento organizzativo prevede la capacità di individuare

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 Sezione Liceale E.Majorana Scientifico Linguistico - Classico Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

Programma di Economia Aziendale

Programma di Economia Aziendale Programma di Economia Aziendale (Prof. Enzo Bivona) Dipartimento DEMS Università di Palermo Anno accademico 2015-2016 Oggetto dell Economia Aziendale: L Economia Aziendale studia i principi sottostanti

Dettagli

La Pianificazione Operativa o Master Budget

La Pianificazione Operativa o Master Budget La Pianificazione Operativa o Master Budget Questo corso è destinato ai vari imprenditori e manager delle piccole e medie imprese, che desiderano conoscere un sistema pratico e semplice per fare il piano

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione. Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 2016 3 Edizione Percorso formativo modulare per l Area Programmazione e Controllo di Gestione in azienda Il master in breve A cosa servono gli strumenti di programmazione e controllo?

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO

LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO B2corporate Maurizio Nizzola LEGGERE E ANALIZZARE IL BILANCIO D ESERCIZIO La lettura e la corretta interpretazione del bilancio d esercizio è di fondamentale importanza per valutare l andamento economico

Dettagli

Valutazione del merito creditizio criteri generali

Valutazione del merito creditizio criteri generali Valutazione del merito creditizio criteri generali Corso: Analisi di bilancio per indici e il rendiconto finanziario 1 1) L impresa L e il suo business La banca vuole comprendere la capacità competitiva

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq Fundamentals Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di epmq Modulo 1 Fundamentals. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli