CANADA-USA: UNA FRONTIERA INTELLIGENTE? di Fabrizio Nava

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CANADA-USA: UNA FRONTIERA INTELLIGENTE? di Fabrizio Nava"

Transcript

1 CANADA-USA: UNA FRONTIERA INTELLIGENTE? di Fabrizio Nava Un confine fra due Stati e fra due società. Dopo l 11 settembre, l economia del Canada rischia di essere penalizzata dalle esigenze di sicurezza del vicino meridionale. Il transito di persone e merci al centro del dibattito. L integrazione regionale oltre il Nafta. Anche Washington vuole il passaggio a Nord Ovest. A ccennare alle questioni della frontiera tra Canada e Stati Uniti può sembrare paradossale, posto che questa non è certo nota per essere problematica. La stessa opinione pubblica canadese accoglie il riemergere periodico dei pochi contenziosi territoriali con curiosità e divertimento, come nel caso della perdurante disputa con la Danimarca su Hans Island, poco più di uno scoglio a metà tra Groenlandia ed Ellesmere Island. Gli altri contenziosi sono con gli Stati Uniti sulla frontiera marittima tra Yukon e Alaska, con Stati Uniti e Unione Europea sullo status del Passaggio a Nord Ovest -che il Canada considera acque territoriali e non uno stretto internazionale- e con la Federazione Russa sulla mappatura della piattaforma continentale. Il confine meridionale con gli Stati Uniti è tornato bruscamente d'attualità all indomani degli attentati dell'11 settembre 2001; la chiusura della frontiera terrestre per due giorni e le lunghe code di TIR al confine hanno infatti messo drammaticamente in evidenza l importanza vitale per il Canada -in quel momento subordinata alle priorità americane di sicurezza- di garantire il traffico di merci e persone attraverso la frontiera. Alcuni dati possono aiutare a capire meglio la situazione: ogni giorno la frontiera è attraversata da persone e da merci per 1.9 miliardi di dollari canadesi (circa 1,2 miliardi di euro) che costituiscono il più grande volume di scambi tra due Paesi al mondo e fanno di questo confine una delle grandi arterie del commercio mondiale. Se si considera che l 85% delle esportazioni del Canada è diretto verso gli Stati Uniti, da dove proviene il 60% delle importazioni, non è esagerato affermare che la libertà di attraversare la frontiera è per il Canada un interesse vitale. Di fronte a tali dati è facile capire l allarme del 2001: l opinione pubblica ha difatti compreso chiaramente che la frontiera con gli Stati Uniti si sarebbe potuta trasformare da vantaggio decisivo ad ostacolo insormontabile, con conseguenze drammatiche per il Canada e forse per il suo stesso futuro quale entità statale distinta. Tale riflessione, passata inosservata fuori dal Nordamerica, ha comportato la definitiva presa di coscienza da parte del Canada della sua dipendenza dal mercato statunitense e dell urgenza di preservare la libertà di commercio e di transito. La frontiera tra Stati Uniti e Canada si snoda per circa km lungo il tracciato dei Grandi Laghi e del 49 parallelo (circa km con la frontiera tra Alaska e Yukon) ed è tradizionalmente nota come il confine smilitarizzato più lungo del mondo. Questa frontiera aperta è un vantaggio immenso per il Canada, che può commerciare liberamente con il mercato più ricco del pianeta. Il suo tracciato ricalca quello concordato nel Trattato di Parigi del 1783, che stabilì il confine tra gli Stati Uniti nati dalla Rivoluzione e i territori ancora soggetti alla Corona britannica lungo il 45 parallelo dalla costa atlantica al fiume San Lorenzo, seguendo questo fino al Lago Ontario e proseguendo nel mezzo dei laghi Erie e Huron fino a Lake of the Woods, a nord del Lago Superiore. Al Trattato seguirono decenni di controversie per dirimere le imprecisioni del testo e la 1

2 definizione di aspetti quali la sovranità sulle isole interne o i criteri per le frontiere fluviali (se l equidistanza dalle rive o la profondità delle acque). Il confine ad Ovest lungo il 49 parallelo, adottato dal 1713 dalla Compagnia della Baia di Hudson quale limite per il suo commercio di pellicce, fu riconosciuto formalmente solo nel 1818, quando le ambizioni continentali degli Stati Uniti seguite al Louisiana Purchase del 1803 e alla guerra anglo-americana del 1812 resero urgente definire la frontiera fino al Pacifico. Con la colonizzazione dell Ovest sorsero presto nuove dispute sul tracciato della frontiera nell Oregon Country ad ovest delle Montagne Rocciose, finché nel 1846 Stati Uniti e Gran Bretagna firmarono un trattato che confermava il confine del 49 parallelo fino al Pacifico e la sovranità britannica sull isola di Vancouver. La sovranità sugli stretti che separano l isola dal continente fu risolta nel 1872 dall arbitrato dell Imperatore di Germania, che accolse le rivendicazioni americane. L ultima disputa in ordine di tempo fu quella relativa al confine dell Alaska. Il problema principale riguardava la genericità del territorio denominato Alaska, che i russi avevano venduto agli americani per 7.2 milioni di dollari nel 1867, ed in particolare la sovranità sul cosiddetto panhandle che scende dall Alaska fino alla cittadina canadese di Prince Rupert. La disputa territoriale esplose con la corsa all oro del Klondike nel 1896 e fu risolta solo nel 1903, quando Stati Uniti e Canada istituirono una Commissione che stabilì il tracciato definitivo del confine. L unica questione tuttora aperta che può essere assimilata ad una disputa territoriale riguarda il riconoscimento della sovranità del Canada sull Oceano Artico, ed in particolare sul passaggio a Nord Ovest. La sovranità sugli spazi artici, disabitati e coperti di ghiaccio, è rimasta confinata all ambito di cartografi e studiosi fino a quando non è tornata di attualità con i mutamenti climatici degli ultimi anni. Le rivendicazioni canadesi, basate sul trasferimento di sovranità da parte della Gran Bretagna al Canada nel 1870 e 1880 dei diritti residui che essa deteneva nell Alto Artico, sono state formulate nel 1985 dall allora Primo Ministro Joe Clark 1, e contrastano con le rivendicazioni di libero passaggio di altri Paesi, tra cui gli Stati Uniti. Il problema del transito non autorizzato nell Artico si è ripetuto periodicamente negli anni e, come dimostrato dalla disputa con la Danimarca su Hans Island, è destinato ad aumentare man mano che lo scioglimento dei ghiacci artici renderà agibile la regione. A questo proposito, una debolezza della posizione canadese è proprio l affermazione che il pack ghiacciato costituisce un estensione del territorio ancestrale degli inuit (un unicum nella storia dei confini tra Stati, nel quale il ghiaccio viene equiparato al territorio), con il rischio che il suo scioglimento possa comportare il venire meno della base per le rivendicazioni canadesi. La frontiera con gli Stati Uniti rappresenta per i canadesi -più che la separazione tra due territori- la demarcazione tra due società distinte sviluppatesi sulla base di dinamiche assai diverse. I canadesi amano sottolineare le differenze che li separano dai vicini statunitensi ed i valori che li distinguono, radicati nelle vicende storiche all origine del Canada. Il Paese è nato dall emigrazione a nord dei lealisti rimasti fedeli alla Corona britannica dopo la Rivoluzione americana, e dalla loro convivenza con la comunità dei francesi d America annessa con la Guerra dei Sette Anni, fortemente influenzata da una Chiesa Cattolica radicata nell Ancièn Regime fino alla Rivoluzione Tranquilla degli anni 60. Se gli Stati Uniti sono nati dalla Rivoluzione che lacerò il mondo anglosassone nel diciottesimo secolo, il Canada è nato dalla controrivoluzione, e si è sviluppato come società strettamente legata al Regno Unito ed alla sua evoluzione, passando dall essere conservatrice e tory alla socialdemocrazia di fatto che la caratterizza ancora oggi. Per sottolineare le differenze con gli Stati Uniti molti canadesi tengono a sottolineare le differenze tra le rispettive Carte Costituzionali: la Dichiarazione di Indipendenza di Jefferson riporta gli ideali di vita, libertà e ricerca della felicità, mentre i padri della Confederazione canadese si sono ispirati a 1 Canada s sovereignty in the Artic is indivisible. It extends without interruption to their seaward-facing coasts of the Artic Islands. These islands are joined and not divided by the waters between them. They are bridged for most of the year by ice. From time immemorial Canada s Inuit people have used and occupied the ice as they have used and occupied the land. 2

3 pace, ordine e buon governo, contrapponendo l ambizione idealistica di creare una nuova società a quella più pragmatica di gestire la cosa pubblica. Non è questa la sede per illustrare le differenze che derivano tra l impostazione rivoluzionaria degli Stati Uniti che tende a limitare l autorità delle istituzioni e l impostazione controrivoluzionaria del Canada, che si è invece sviluppato all ombra delle stesse, né il dibattito incessante con il quale i canadesi si interrogano sui rischi di assorbimento culturale, economico e politico da parte del Paese confinante. E tuttavia importante sapere che i canadesi definiscono la propria identità partendo dalle differenze che esistono con gli Usa nonostante la vicinanza geografica, linguistica e culturale, che vanno dall assistenza medica pubblica e gratuita ad una politica estera multilaterale. Gli atteggiamenti dei canadesi verso i vicini del sud sono vari: spaziano dalla sufficienza nei confronti della cultura di massa e degli orientamenti politici dell attuale Amministrazione all ammirazione per i loro successi economici e politici: Tutto ciò si riassume in un sano apprezzamento degli americani come vicini ed alleati, temperato tuttavia dalla reticenza verso gli eccessi cui questi talvolta si lasciano andare. Che sia per ammirarli o denigrarli, i canadesi si confrontano costantemente con gli americani, e specialmente con il loro atteggiamento verso il Canada. Queste differenze talvolta appaiono esagerate ad arte proprio per mettere in risalto il rischio costante di finire fagocitati, confermando l impegno a perseverare nella lotta per la sopravvivenza da una natura estrema e da un vicino ingombrante che, secondo la scrittrice Margaret Atwood, è la caratteristica di fondo dello spirito canadese. La frontiera marca lo spazio entro il quale il Canada ha potuto sviluppare la sua visione di società distinta da quella statunitense, ma è anche uno strumento di prosperità. L accesso diretto al mercato degli Stati Uniti senza separazioni geografiche ha comportato per Ottawa il raggiungimento di un livello di benessere tra i più elevati al mondo. Il Canada ha sperimentato l outsourcing dagli Usa con un anticipo di almeno 30 anni rispetto al Messico e ai Paesi asiatici: l Auto Pact del 1965, con il quale le Three Majors di Detroit aprirono alcuni impianti oltrefrontiera per avvalersi dei costi inferiori della manodopera, segna il momento in cui l'industria manifatturiera ha iniziato a superare nella composizione del PIL le materie prime. A seguito degli attentati dell 11 settembre, la classe dirigente del Canada si è trovata di fronte all'evidenza che la frontiera avrebbe potuto trasformarsi da vantaggio in barriera, con conseguenze drammatiche per un economia in cui il commercio internazionale e le attività collegate contano per circa il 45% del PIL. La prima e più importante conseguenza degli attentati è stata il riemergere della forte interdipendenza tra sicurezza e prosperità economica, drammaticamente dimostrata nei giorni successivi all'attacco terroristico quando gli Usa ordinarono la chiusura dei valichi di frontiera; gli effetti furono negativi specialmente per il Canada, che si vide negare dall'oggi al domani l'accesso al suo principale mercato. Gli Stati Uniti lasciarono chiaramente intendere che, nella ridefinizione delle proprie priorità, la sicurezza della frontiera, che sembrava passata in secondo piano 2 a seguito dell integrazione economica avviata con l Accordo di Libero Scambio del 1988 ed il NAFTA 3 nel 1994, era centrale. Nel clima teso del post-11 settembre la liberalità canadese nel concedere il diritto d asilo, il sospetto della presenza di cellule terroriste dormienti nel Paese e il fatto che in passato terroristi si fossero introdotti negli Usa via Canada 4 costituivano e costituiscono altrettanti elementi di grande apprensione a Washington. La posizione americana fu efficacemente riassunta dall allora 2 Nel 2001 gli agenti statunitensi sulla frontiera con il Canada erano appena 300, a fronte di 9000 con il Messico. 3 North American Free Trade Agreement tra Canada, Stati Uniti e Messico. 4 Tra loro Ahmed Ressam, arrestato alla frontiera nel 1999 mentre si recava a compiere un attentato all aeroporto di Los Angeles, e Abu Mezer, un profugo palestinese arrestato nel 1997 per avere progettato un attentato alla metropolitana di New York. Nei giorni successivi all 11 settembre 2001 circolò insistentemente la voce rivelatasi falsa che i responsabili degli attentati erano entrati dal Canada. Il 2 e 3 giugno 2006, sono stati arrestati a Toronto 17 mediorientali accusati di terrorismo. 3

4 Ambasciatore ad Ottawa, Paul Cellucci, nella frase Security Trumps Trade 5 (la sicurezza fa premio sul commercio) che, in un Paese che mantiene il 72% del suo commercio con gli Stati Uniti, ha suscitato grande allarme e preoccupazione. A poca distanza dagli attentati il Governo di Ottawa adottò rapidamente un Progetto Anti Terrorismo con misure di rafforzamento della sicurezza e adeguamento degli strumenti legislativi, ed intraprese una serie di politiche di sostegno agli Stati Uniti che culminarono nell invio di un contingente canadese in Afghanistan 6. L importanza del mantenimento della libera circolazione attraverso la frontiera richiedeva tuttavia l adozione di uno strumento ad hoc che permettesse ad Ottawa di affrontare in un contesto unitario le problematiche poste dal libero transito di merci e persone nella mutata congiuntura internazionale: la frontiera doveva essere chiusa a terroristi e contrabbandieri 7, ma restare aperta a commercio e turismo. Le proposte di incrementare agenti ed ispezioni furono presto abbandonate a favore di un modello basato sulle nuove tecnologie, specie la condivisione delle informazioni e l adozione di procedure comuni per l esame di persone e merci. Tale impostazione fu esaminata a margine del G-20 dei Ministri delle Finanze ad Ottawa nel novembre 2001 tra gli allora Ministri delle Finanze del Canada, Paul Martin, e degli Stati Uniti, Paul O Neill. Al termine della riunione canadesi e americani stesero la bozza di un piano d azione che fu chiamato Smart Border Plan, o Frontiera Intelligente, per conciliare le esigenze americane di sicurezza con quelle canadesi di libertà di transito. In dicembre gli allora Vice Primo Ministro del Canada, John Manley, e Segretario degli Stati Uniti per la Homeland Security, Tom Ridge, firmarono ad Ottawa la Canada-United States Smart Border Declaration, cui è allegato un Piano d Azione per la creazione della Frontiera Intelligente. Il Piano d Azione venne formalmente adottato pochi mesi dopo nella simbolica località di Niagara Falls, che marca la frontiera tra i due Paesi. Nel 2004 il Governo canadese ha annunciato l'implementazone della Comprehensive National Security Policy, che elabora ulteriormente le previsioni del Piano per dimostrare la priorità che il Canada riconosce alla gestione della frontiera. Secondo la Dichiarazione del 2001, la Frontiera Intelligente è una frontiera che facilita in condizioni di sicurezza il libero transito di persone e commercio. La filosofia di fondo è di concentrare l attenzione su veicoli o persone sospette eliminando, attraverso corsie preferenziali ed altre facilitazioni, la grande maggioranza di automezzi e persone a basso rischio. La Dichiarazione prevede infatti che i due Paesi collaborino per definire procedure di sicurezza compatibili ai valichi di frontiera e altre strutture di interesse comune, quali terminali ferroviari e porti. Il Piano d Azione, che prevede 32 impegni di natura prevalentemente doganale, è diviso in quattro pilastri principali, che riguardano rispettivamente il transito di persone e merci, la sicurezza delle strutture frontaliere, la collaborazione e lo scambio di informazioni. L adozione di requisiti aggiuntivi per diverse categorie di viaggiatori ha posto nuovi ostacoli alla libera circolazione anche dei canadesi, che da gennaio 2007 devono essere in possesso di un passaporto valido. Al fine di limitare i disagi per i passeggeri diretti negli Stati Uniti, la Dichiarazione ha previsto l adozione di misure per facilitare il transito dei passeggeri a basso 5 La frase fu pronunciata da Cellucci in un discorso all Economic Club di Toronto il 19 marzo 2003, ad una settimana di distanza dall attacco all'iraq, nel quale espresse la delusione per il mancato sostegno del Canada. Il Presidente Bush cancellò inoltre la sua visita ad Ottawa, che fu infine effettuata nel novembre Già nell ottobre 2002 il Canada inviò un gruppo navale nel Golfo Persico. Le prime unità combattenti canadesi, appartenenti alla Princess Patricia Canadian Light Infantry, hanno partecipato dal febbraio 2002 alle operazioni di Enduring Freedom nella regione di Kandahar. Dall agosto 2003 al dicembre 2005 il contingente canadese, giunto a circa 2,200 uomini, è stato dispiegato a Kabul (operazione Athena ). Nell estate 2006, con l assunzione da parte di ISAF del comando di tutte le forze operanti nel settore meridionale, le truppe canadesi sono state impegnate in aspri combattimenti nella regione di Kandahar, che sono costate la vita a 36 militari. 7 Ha destato grande interesse la vicenda di Maher Arar, un ingegnere informatico di origine siriana che, di rientro in Canada nell autunno 2002, fu arrestato in uno scalo statunitense per sospetti legami con Al Qaeda e deportato in Siria, dove venne torturato fino al suo rilascio l anno successivo. Il caso Arar è diventato un paradigma delle paure canadesi sui rischi insiti nel rafforzamento in chiave antiterroristica delle misure di sicurezza statunitensi. 4

5 rischio, tra l altro inglobando l accordo di pr e-cl earan ce nel trasporto aereo del 2001 (formalizzato nel 2003), che prevede il superamento della dogana americana già negli aeroporti canadesi. La richiesta di requisiti aggiuntivi per il rilascio del visto ai numerosi cittadini di Paesi del Commonwealth che risiedono in Canada ha reso più difficoltoso il loro transito. La categoria più problematica è tuttavia quella dei richiedenti asilo, per i quali Stati Uniti e Canada hanno concordato misure che tendono a limitare i casi di As yl um Sh opp ing tra i due Paesi, garantendo al tempo stesso il diritto del richiedente a non essere deportato prima dell esame della richiesta. Per quanto riguarda l immigrazione, nel 2003 i due Paesi hanno firmato uno Statement of Mutual Understanding per intensificare lo scambio di informazioni, mentre sono previste consultazioni bilaterali per la revisione dello status dei Paesi terzi in tema di rilascio dei visti; al riguardo, Usa e Canada hanno politiche comuni verso 175 Stati. Il secondo pilastro -transito delle merci attraverso la frontiera- è quello cui sono dedicati più articoli. Il volume del traffico commerciale su gomma dal Canada verso gli Stati Uniti è stimato in 7 milioni di autocarri l anno (+40% nel periodo ). Questi passano attraverso 20 valichi di frontiera, e il 70% transita tra gli Stati americani del Michigan e di New York e le Province canadesi dell Ontario e del Québéc. Snodo principale è il ponte tra Windsor, in Ontario, e Detroit, in Michigan, cuore delle industrie automobilistiche di entrambi i Paesi, che ha il nome emblematico di Ambassador Bridge, attraversato da diecimila autocarri al giorno. La Camera di Commercio dell Ontario ha calcolato che i ritardi alla frontiera comportano perdite di 16,5 miliardi di dollari canadesi l'anno. In particolare, un ritardo di 4 ore sull Ambassador Bridge costa 7 milioni di dollari canadesi in produzione perduta. Le misure individuate consistono nell adozione di procedure comuni per l identificazione di carichi a rischio e facilitare il transito degli altri. Sono inoltre previsti 5 obiettivi specifici per garantire il traffico di merci: l adozione di procedure doganali armonizzate, la clearan c e doganale in località lontane dalla frontiera, la costruzione di infrastrutture congiunte, la condivisione dei dati doganali e il controllo dei container in transito nei porti marittimi. Il terzo pilastro -sicurezza e adeguamento delle infrastrutture attraverso cui avviene il traffico di merci e persone- è centrale per la creazione di una frontiera che risponda alle aspettative reciproche. Tuttavia la creazione delle corsie preferenziali per merci e passeggeri a basso rischio è in forte ritardo. Canada e Stati Uniti hanno perciò creato un Comitato di Coordinamento e un fram ewo rk per la protezione delle infrastrutture più importanti. Tra di esse l energia ha assunto grande rilievo a seguito del blackout del 14 agosto 2003, che creò difficoltà di approvvigionamento elettrico nelle regioni orientali dei due Stati. I programmi adottati a sostegno di questi obiettivi sono numerosi: essi vogliono dimostrare la volontà di creare rapidamente la Frontiera Intelligente prevista dalla Dichiarazione del 2001, e contrastare la percezione di fondo dei canadesi che attraversare il confine sia divenuto più difficile. La priorità che gli Stati Uniti riconoscono alla sicurezza non ha mancato di ripercuotersi anche sullo scenario regionale. Canada, Usa e Messico sono uniti dal 1994 nel NAFTA che, con l'adozione del libero scambio, si poneva ambiziosi traguardi di integrazione economica, che dopo l'11 settembre sono più lontani. La Dichiarazione sulla Security and Prosperity Partnership of North America (SPP, del 2005) si propone di rafforzare l integrazione nordamericana adeguando la regione alle nuove sfide non indicate nel NAFTA o verso le quali questo si è dimostrato inefficace, come il terrorismo o la concorrenza asiatica; è stata proposta l adozione su base regionale di misure analoghe alla Frontiera Intelligente. Alcuni programmi per il transito dei viaggiatori a basso rischio e misure come lo screening di merci e persone sono anzi già in vigore tra Canada e Stati Uniti. La SPP segna un momento politico importante, in quanto conferma l impegno degli Stati Uniti a sviluppare la dimensione regionale del Nordamerica. Essa diverge tuttavia dall idea più volte prospettata in particolare dal Messico negli ultimi anni, ma mai seriamente discussa per via 5

6 delle perplessità statunitensi, di partire dall esperienza positiva del NAFTA per giungere ad un accordo più ambizioso di integrazione regionale. Data l impossibilità di seguire l esempio dell Unione Europea -precluso dai diversi rapporti di forza nel Nordamerica nel quale Canada e Messico non possono bilanciare il peso degli USA né separatamente né congiuntamente- la riflessione sembra ora dirigersi verso una terza via che rafforzi le capacità dei tre Paesi in alcuni settori chiave attraverso partenariati che però non preluderanno a integrazioni più strette. Da parte canadese si ritiene che le misure adottate ai sensi della "Smart Border Declaration" abbiano garantito la libertà di transito tra Canada e Stati Uniti in un momento difficile, dimostrando che è possibile salvaguardare le priorità di entrambi i Paesi senza che la frontiera diventi una barriera. Le valutazioni positive sono condivise da Washington, soddisfatta di avere evitato che la frontiera diventasse un collo di bottiglia. La Dichiarazione ha certamente raggiunto il suo obiettivo. La chiusura unilaterale della frontiera da parte degli Stati Uniti viene costantemente evocata quale il peggiore incubo per l'economia del Canada, fortemente orientata agli scambi internazionali (date le ridotte dimensioni del mercato interno) ma penalizzata dalla geografia che la fa confinare con un solo Paese, malgrado i tentativi di estendere la propria attività commerciale con accordi bilaterali e regionali e di promuovere l'adozione di norme e procedure internazionali per disciplinare il colosso statunitense, la posizione dominante di quest'ultimo nel commercio del Canada è una realtà ineludibile. Nonostante il 96% del commercio sia dispute free, iniziative protezioniste da parte statunitense 8 hanno contribuito a saldare le preoccupazioni per gli ostacoli posti dalla frontiera a quelle originate dalle decisioni politiche del Paese confinante. In tale situazione, e tenuto conto dei ritardi dei principali negoziati regionali cui il Canada partecipa 9 e del fallimento del Doha Round, la priorità della politica commerciale canadese rimane la gestione degli scambi con gli Stati Uniti. Alcuni sono giunti a proporre un unione doganale o settoriale con gli Usa, senza abrogare il Nafta 10 ma al tempo stesso senza dover ricercare un parallelismo con il Messico, per il quale la priorità è la circolazione delle persone. E' tuttavia assai difficile prevedere se Ottawa adotterà misure in tale senso, nonostante il governo di Stephen Harper sia maggiormente propenso del precedente ad intensificare i rapporti con Washington. Buona parte dell'opinione pubblica canadese è difatti reticente verso un'integrazione troppo stretta (si ricordi l analogia dell'ex Primo Ministro Trudeau secondo cui il Canada è "un topolino che dorme con un elefante") in una relazione che sarebbe per forza di cose disuguale, che rischierebbe di porre il Canada di fronte a scelte difficili qualora gli orientamenti di Washington non vengano condivisi, come si è verificato per l'intervento in Iraq. Se è possibile affermare che le problematiche sorte negli ultimi anni intorno alla frontiera meridionale del Canada sono in via di risoluzione, lo stesso non può dirsi per la frontiera settentrionale. Il prospettato scioglimento dei ghiacci artici ha infatti riportato di attualità la questione della sovranità sul passaggio a Nord Ovest, che il Canada considera come acque territoriali ma per altri Paesi è uno stretto internazionale. La questione non è limitata al transito dei navigli ma riguarda anche lo sfruttamento delle cospicue risorse minerarie attualmente sotto i ghiacci. Il dibattito è uscito dalla cerchia ristretta degli studiosi e dei giuristi ed è approdato alla politica internazionale, come nel caso della citata disputa tra Canada e Danimarca su Hans Island. Negli ultimi mesi si è tuttavia profilato un fronte assai più minaccioso per le rivendicazioni canadesi. Nei primi anni della guerra al terrorismo gli Stati Uniti avevano infatti lasciato intendere 8 L'opinione pubblica canadese ha seguito con grande attenzione la disputa seguita all adozione di tariffe aggiuntive sulle esportazioni canadesi di "softwood", recentemente risolta dopo 5 anni di controversie. 9 Tra cui il negoziato per l'area di Libero Scambio per le Americhe, che attraversa una prolungata fase di stallo. 10 A riprova dell efficacia del NAFTA si segnala che, a 10 anni dall entrata in vigore, l interscambio tra Canada e Messico è balzato da 2 a 20 miliardi di dollari canadesi. 6

7 la possibilità di riconoscere i diritti di Ottawa sull Artico in cambio dell impegno canadese a controllare il traffico navale. Nell estate 2006, tuttavia, Washington ha riaffermato il diritto di transito nella regione artica, dapprima con alcune esternazioni dell Ambasciatore ad Ottawa Wilkins e, successivamente, con la pubblicazione di un rapporto dello United States National Research Council commissionato dal Congresso, che afferma l esigenza di rinnovare la flotta statunitense di rompighiaccio per proiettare una presenza attiva ed influente a sostegno degli interessi nell Artico ed Antartico, e ribadisce l obbligo del Governo di non proteggere solamente i cittadini dell Alaska e il territorio statunitense nell Artico, ma anche gli interessi nazionali. Il Governo conservatore di Ottawa ha reagito vigorosamente alle rivendicazioni statunitensi organizzando nell estate 2006, sull Isola di Baffin, le più grosse manovre aeronavali mai effettuate a nord del 70 parallelo, e ribadendo gli impegni presentati in campagna elettorale col progetto Canada First, che prevede un rafforzato impegno diplomatico e militare per difendere la sovranità canadese nell Artico, sostenuto anche dall acquisto di materiali adatti a pattugliare l area anche d inverno. L esito di questo confronto è difficile da prevedere. E necessario sottolineare tuttavia che, se nel caso del transito attraverso la frontiera meridionale vi era un interesse condiviso da parte canadese e statunitense a non ostacolare il traffico di merci e passeggeri che ha consentito di individuare rapidamente un piano d azione, la divergenza nelle posizioni dei due Paesi sullo status del passaggio a Nord Ovest non potrà essere composta sulla base di un interesse comune, se non quello di evitare un confronto tra due Paesi confinanti legati da lunghe tradizioni di amicizia e buon vicinato. 7

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA CORSICA E SARDEGNA UN PATTO NUOVO TRA DUE ISOLE SORELLE DEL MEDITERRANEO Oggi, 14 marzo 2016, il Presidente della Regione autonoma della Sardegna e il Presidente

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3053-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked

Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked Categorie dei fondi assicurativi polizze unit-linked FEBBRAIO 2005 INDICE PREMESSA pag. 3 1. DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE pag. 4 1.1 Macro-categorie pag. 4 1.2 Fondi azionari pag. 5 1.3 Fondi bilanciati

Dettagli

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A US EU TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP) Umberto Viviani Banca d Italia, Roma 27 marzo 2014 TTIP Outline della presentazione Rilevanza degli scambi

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi

Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi ALLEGATO 2 Domande frequenti sulla trasmissione dei dati dei passeggeri di voli tra l Unione Europea e gli Stati Uniti d America alle autorità statunitensi 1. Quali informazioni sui passeggeri vengono

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico.

E poi abbiamo anche visto che le Alpi, per la loro posizione naturale, sono particolarmente colpite dalle conseguenze del cambiamento climatico. Le Alpi sono ancora lontane da una politica climatica sostenibile, ma una inversione di tendenza è possibile. Andreas Götz Questo era il bilancio della conferenza annuale della CIPRA Le Alpi oltre Kyoto

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI*

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI* N.B.: La traduzione della presente legge, curata dall Istituto nazionale per il Commercio Estero, ha fini esclusivamente divulgativi e non è da intendersi come traduzione ufficiale. Si esclude ogni forma

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

SARDEGNA SOTTO RICATTO ELETTRICO

SARDEGNA SOTTO RICATTO ELETTRICO CAMERA DEI DEPUTATI Febbraio 2010 SARDEGNA SOTTO RICATTO ELETTRICO MAURO PILI INTERROGAZIONE DOSSIER SUL CASO ENERGIA - SARDEGNA NELL ISOLA IL COSTO PIU ELEVATO D EUROPA SARDEGNA SOTTO RICATTO ELETTRICO

Dettagli

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1

Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Note riviste sull applicazione dell Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo Status di Rifugiato per i Rifugiati Palestinesi 1 Articolo 1D della Convenzione del 1951 riguardante lo status

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

9 Giorni 7 Notti Tour di Gruppo Dal 09 al 17 settembre 2009

9 Giorni 7 Notti Tour di Gruppo Dal 09 al 17 settembre 2009 9 Giorni 7 Notti Tour di Gruppo Dal 09 al 17 settembre 2009 PROGRAMMA DI VIAGGIO 1 GIORNO: Roma New York Ritrovo dei Signori partecipanti all aeroporto di Roma Fiumicino. Incontro con una nostra assistente

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili?

Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? 177 idee per il libero mercato Il costo delle auto blu: quali tagli sono possibili? di Andrea Giuricin Le auto blu in Italia ritornano spesso nel dibattito politico. Sono state eseguite differenti stime

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale

ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE. Dazio e curve di domanda-offerta internazionale ECONOMIA INTERNAZIONALE LEZIONE POLITICA COMMERCIALE Equilibrio Economico Generale Dazio e curve di domanda-offerta internazionale Caso di paese grande: effetti ambigui In assenza di ritorsioni: dazio

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi LA DINAMICA DELLE TARIFFE DEI TRASPORTI FERROVIARI 1 luglio Indice Premessa...

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO PC.DEC/756 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE 641 a Seduta plenaria Giornale PC N.641, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana FORUM FOOD & MADE IN ITALY NUOVI SCENARI PER L'AGROALIMENTARE Milano, 30 GIUGNO 2015 Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana AGENDA Introduzione Etichettatura: l evoluzione

Dettagli

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Antitrust e collusione Anno Accademico 2005/2006 Prof. Gianmaria Martini Prospettiva storica Sorge negli

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato Casalese Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l Astigiano Osservatorio del Paesaggio Alessandrino Osservatorio del Paesaggio

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei Newsletter Notiziario settimanale È illecito inviare e-mail a catena I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei 1 Newsletter 2002 È ILLECITO INVIARE E-MAIL A CATENA Nuovo intervento del

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Meccanismo di monitoraggio Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Obiettivi della Convenzione La Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli