activeage Valutazione delle politiche per verso una strategia integrata Executive summary modello innovativo per valutare le politiche in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "activeage Valutazione delle politiche per verso una strategia integrata Executive summary modello innovativo per valutare le politiche in Italia"

Transcript

1 activeage Invecchiamento attivo: definizione di un modello innovativo per valutare le politiche in Italia Fondazione Giacomo Brodolini Valutazione delle politiche per l invecchiamento attivo: verso una strategia integrata Executive summary Con il sostegno della Commissione Europea DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità

2 1. Origini e contenuti del progetto di ricerca Il progetto di ricerca Evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework è stato promosso dalla Fondazione G. Brodolini e finanziato dalla Commissione Europea DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità, nell ambito delle attività di valutazione della Strategia europea per l occupazione (SEO). Il progetto si propone di definire e sperimentare una metodologia ad hoc ed un set di indicatori utili a valutare in maniera integrata le politiche per l invecchiamento attivo implementate in Italia alla luce degli obiettivi fissati dalla SEO. La SEO ha infatti tra le sue priorità l aumento dei tassi di partecipazione della forza lavoro più anziana e quindi l implementazione di azioni volte a prolungare la vita lavorativa, ma anche la prevenzione e il contrasto dei processi di esclusione sociale che possono essere associati all età. In particolare, il progetto ha le seguenti finalità: promuovere un approccio integrato al monitoraggio e all implementazione delle politiche di invecchiamento attivo elaborare una struttura metodologica che consenta una valutazione integrata di tutte le strategie di active ageing messe in atto nei diversi ambiti e del loro contributo all obiettivo generale applicare questo modello nel contesto territoriale di tre Regioni diffondere i risultati ai diversi soggetti interessati Il progetto ha visto l attivazione di una partnership inter-regionale che ha coinvolto la Regione Marche, la Regione Campania e la Regione Liguria (Agenzia Liguria lavoro). 2

3 2. Il contesto di riferimento: l invecchiamento demografico e le principali sfide di policy Negli ultimi vent anni la questione dell invecchiamento della popolazione è diventata una preoccupazione sempre più globale. L innalzamento della speranza di vita, da un lato, e la caduta della fertilità, dall altro, rappresentano due fenomeni che contribuiscono a incrementare il numero di persone anziane e a portare il problema dell invecchiamento demografico in primo piano nell agenda politica, sia a livello nazionale che internazionale. In particolare in Italia, coerentemente con il resto dell Europa, il processo d invecchiamento demografico costituisce una minaccia alla sostenibilità di lungo periodo del sistema previdenziale e all andamento macroeconomico complessivo. La drastica caduta del tasso di natalità in seguito al boom demografico degli anni 50 e 60 del secolo scorso (nel 2008 in Italia l indice di natalità è pari al 9.623, inferiore alla media europea del ), i bassi tassi di fertilità (1.35 nel 2006, al di sotto del tasso di riproduttività della popolazione depurato del contributo dei flussi migratori che è pari a 2.1) e l andamento crescente dell aspettativa di vita alla nascita sia per gli uomini che per le donne (rispettivamente e anni in Italia nel 2006, in entrambi i casi al di sopra della media dei paesi EU27 e OECD), alimentano un processo di progressivo invecchiamento della popolazione che determinerà trasformazioni sostanziali nelle dimensioni e nella struttura della popolazione italiana ed europea, in particolare riguardo alla forza lavoro. Le classi di età più mature assumono proporzioni sempre maggiori in ogni Stato Membro e specialmente in Italia dove la porzione degli over 64 sul totale della popolazione nel 2008 era la più elevata (20%) insieme alla Germania (20.1%) e si stima possa raggiungere il 32.7% nel Tutte le altre classi di età hanno assunto una rilevanza progressivamente decrescente negli ultimi 20 anni, in modo particolare la categoria di popolazione attiva di lavoratori con età compresa tra i 15 ed i 64 anni di età, che si prevede possa diminuire del 10.9% in Italia e del 11.9% in EU27 tra il 2008 ed il Secondo le stime di Eurostat (2008; Eurostat Statistics Database, luglio 2009), l indice di dipendenza degli anziani (misurato dal rapporto tra la popolazione con più di 65 anni e la popolazione in età attiva) crescerà tra il 2008 ed il 2060 in Italia ed in media nei paesi EU27 di quasi 30 punti percentuali (rispettivamente del 28.92% e 28.17%). Le conseguenze di tali cambiamenti nella dimensione oltre che nella struttura della popolazione attiva condizioneranno la stessa disponibilità di forza lavoro, specialmente in alcuni Stati Membri, tra cui l Italia, dove la porzione di popolazione in età lavorativa ha iniziato a decrescere già nel breve periodo. 3

4 3. Le politiche per l invecchiamento attivo: una strategia di intervento multidimensionale Di fronte ai trend demografici osservati, i policy makers sono chiamati ad individuare strategie adatte a controbilanciare gli effetti negativi di un fenomeno che non è governabile. Nel corso degli anni 90 si è cominciato a parlare di politiche per l invecchiamento attivo, un concetto a cui sono andati associandosi diversi significati e che presenta pertanto una natura multidimensionale. A livello internazionale, già nel 1982, le Nazioni Unite avevano cominciato a porre nell agenda il tema dell invecchiamento della popolazione, contribuendo a elaborare una strategia condivisa in favore delle persone anziane e dell invecchiamento attivo. In Europa, la maggiore consapevolezza riguardo alle implicazioni economiche e sociali di questo trend demografico è maturata alla fine degli anni 90, inducendo l Unione Europea a formulare una serie di raccomandazioni indirizzate agli Stati membri per giungere a una strategia comune e a promuovere azioni mirate per l invecchiamento attivo. Nel 1999 le Nazioni Unite hanno indetto l Anno internazionale delle Persone Anziane, centrato sul tema Una società per tutte le età. L iniziativa recupera e sviluppa quanto già era stato elaborato nel passato, ossia il riferimento ad almeno quattro dimensioni dell invecchiamento attivo: lo sviluppo dell individuo nel corso di tutta la vita, le relazioni multi-generazionali, il rapporto tra invecchiamento della popolazione e sviluppo; la situazione degli anziani. In sintesi, il problema dell invecchiamento deve essere visto in una prospettiva che abbracci l intero arco della vita e il contesto più ampio dello sviluppo sociale. Inoltre è emersa l importanza di investire politicamente sullo sviluppo individuale per tutto l arco della vita e di armonizzare l impatto delle tendenze demografiche con altre trasformazioni sociali, come la globalizzazione e l innovazione tecnologica. Infine, nel 2002 a Madrid si è tenuta la Seconda Assemblea Mondiale sull Invecchiamento in occasione della quale è stato approvato un secondo Piano d Azione che incoraggia una strategia partecipativa nell accesso al sapere, all istruzione e alla formazione, oltre che alla vita culturale, economica, politica e sociale degli anziani, quale strumento per superare l isolamento sociale e sostenere la responsabilizzazione. All interno del sistema delle Nazioni Unite il concetto dell invecchiamento attivo è stato declinato in maniera multidimensionale dall Organizzazione Internazionale del Lavoro, la quale afferma che l invecchiamento attivo ha molte dimensioni, quali la partecipazione generale della popolazione anziana alla società e all economia, alla vita famigliare, al lavoro dipendente e autonomo, o al volontariato (ILO, 2000). L Organizzazione Mondiale della Sanità ha invece focalizzato l attenzione sul tema della salute in vecchiaia, definendo l invecchiamento attivo il processo volto a ottimizzare le opportunità per la salute, la partecipazione e la sicurezza allo scopo di migliorare la qualità della vita durante l invecchiamento (OMS, 2002). In Europa, alla fine degli anni Novanta, la Commissione Europea ha elaborato il proprio contributo per l Anno internazionale delle Persone Anziane delle Nazioni Unite (1999). La comunicazione Verso un Europa di tutte le età [Com(1999) 221] rappresenta il quadro di riferimento per l azione politica a livello comunitario di fronte al problema dell invecchiamento della popolazione. La comunicazione sostiene che l invecchiamento pone alle società europee una problematica che ha diverse sfaccettature: il declino della popolazione in età lavorativa e il simultaneo invecchiamento della forza lavoro dovuto al crescente numero di persone in età avanzata ancora attive la pressione crescente sui sistemi pensionistici e sulle finanze pubbliche, che necessita di un approccio basato sull equità intergenerazionale 4

5 il bisogno crescente di curare e assistere gli anziani e di promuovere un sano invecchiamento la crescente diversità fra gli anziani, in termini di risorse e di bisogni e l importanza di combattere l esclusione sociale. La comunicazione della Commissione mette in risalto anche la dimensione di genere dell invecchiamento, considerato che i due terzi della popolazione di età superiore ai 65 anni in Europa sono donne. Queste cifre suggeriscono di integrare nella strategia generale per l invecchiamento demografico un approccio di mainstreaming. Più recentemente, la Commissione Europea ha identificato una strategia di prassi attive in materia di invecchiamento tra cui rientrano l apprendimento permanente, il prolungamento della vita lavorativa, pensionamenti più tardivi e più graduali, il condurre una vita attiva dopo il pensionamento e l impegnarsi in attività volte ad attivare le capacità e a conservare la salute (Commissione Europea, Increasing Labour Force Participation and Promoting Active Ageing (COM (2002) 9 final). Il Libro Verde Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici, adottato dalla Commissione Europea nel 2005, evidenzia il fatto che le strutture sociali e familiari stanno cambiando: segnatamente, cresce il numero dei lavoratori in età avanzata (55-64 anni), dei senior (65-79 anni) e delle persone molto anziane (80+ anni). La Commissione propone pertanto l attuazione di politiche che mirino soprattutto a incentivare la permanenza al lavoro dei lavoratori in età avanzata e ad allineare i regimi pensionistici alla strategia europea per l occupazione, individuando quattro componenti chiave: i) l innalzamento del tasso di occupazione delle persone anziane; ii) l inversione della tendenza al prepensionamento; iii) lo sviluppo della ricerca in campo medico e sociale per favorire un invecchiamento sano ed elaborare nuovi strumenti sanitari; iv) combattere le discriminazioni e l esclusione sociale. Complessivamente, in ragione delle aumentate preoccupazioni per la sostenibilità finanziaria dei regimi previdenziali e della spesa pubblica, l accezione più diffusa di invecchiamento attivo che si è andata affermando è quella legata al prolungamento della vita lavorativa e al rinvio dell età del pensionamento. Tuttavia, un accezione più ampia di invecchiamento attivo che tiene conto dei diversi target interessati e dei diversi obiettivi associati ad esso, la propone l OCSE che nel 2000 ha affermato che invecchiamento attivo rimanda alla capacità degli individui che invecchiano di condurre una vita produttiva nella società e nell economia, incorporando sia la dimensione lavorativa che quella della partecipazione sociale e della cittadinanza attiva. Le best practices a livello internazionale nel campo dell invecchiamento attivo dimostrano che occorre muoversi con sufficiente anticipo rispetto all età della popolazione da coinvolgere e che occorre una forte attenzione ad implementare modelli di intervento integrati e capaci di intervenire lungo le molteplici dimensioni del fenomeno 1. Infatti l allungamento della vita insieme ai cambiamenti del lavoro hanno prodotto un mutamento nel modello tripartito del corso di vita. Anche il significato di vecchiaia tende a modificarsi e le opportunità di partecipazione degli anziani al lavoro riguardano non solo quello tradizionalmente retribuito, ma anche il volontariato e la vita associativa 2. Inoltre, l interrelazione che esiste tra prolungamento della vita attiva, salute, cura e cittadinanza attiva porta ad adottare un significato di invecchiamento attivo più ampio rispetto ai due significati prevalenti. 1 David P., Perri G., Le politiche a favore dell invecchiamento attivo nelle Marche, Draft Report, ottobre Mirabile M.L., Vita attiva e qualità della vita. I giovani anziani e il mercato del lavoro. Andamenti e asimmetrie, Presentazione SANIT, giugno

6 4. Il modello per la valutazione delle politiche per l invecchiamento attivo: un approccio integrato Il modello proposto sviluppa un approccio integrato alla valutazione delle politiche di invecchiamento attivo che risponde sia alla natura multidimensionale dell evaluando, sia agli sviluppi più recenti delle pratiche di policy evaluation. In particolare, il riferimento ad un approccio integrato nella valutazione delle politiche è stato sviluppato nel quadro dell attuale periodo di programmazione dei Fondi Strutturali : l enfasi sulle strategie di sviluppo integrato si è andata infatti rafforzando rispetto al passato, favorendo conseguentemente un nuovo approccio alla valutazione. In particolare, il Quadro Strategico Nazionale per il periodo in esame ha introdotto il Piano di valutazione, un mezzo per condurre una valutazione integrata, prendendo in considerazione tutte le possibili azioni che contribuiscono al conseguimento dell obiettivo di sviluppo di volta in volta considerato (adattabilità, pari opportunità etc.). Il metodo di valutazione ideato a livello comunitario nell ambito dei Fondi strutturali appare in linea con la natura delle politiche di invecchiamento attivo: dal momento che si tratta di un tema multidimensionale, i decisori sono chiamati a individuare più strategie e più strumenti che possono contribuire a rendere effettivo l invecchiamento attivo e di conseguenza a mettere a punto strumenti di valutazione più articolati per valutarne l efficacia nel complesso. Al fine di valutare le politiche di invecchiamento attivo in modo integrato, abbiamo prima di tutto identificato cinque dimensioni che possono riassumere i diversi obiettivi inerenti l invecchiamento attivo: l occupabilità, l apprendimento permanente, la cittadinanza attiva, la salute e la qualità della vita, i trasporti e la mobilità. 1. la dimensione occupabilità riguarda il problema della partecipazione dei lavoratori anzianimaturi al mercato del lavoro (reinserimento, mantenimento del posto di lavoro e scambi di conoscenza e di competenze con le generazioni più giovani) 2. l apprendimento permanente riguarda essenzialmente i programmi educativi per adulti che, da un lato, sono diretti agli anziani e, dall altro, offrono trasversalmente attività di apprendimento formali e informali 3. la dimensione cittadinanza attiva fa riferimento a tutte quelle azioni dedicate allo sviluppo della capacità dei cittadini senior di partecipare alla società 4. nella dimensione salute e qualità della vita rientrano l assistenza sanitaria a lungo termine e tutti i servizi volti a migliorare la qualità della vita delle persone anziane 5. la dimensione trasporti e mobilità in rapporto agli anziani comprende le azioni di supporto a un accesso facilitato ai trasporti Due sono le possibili strategie di valutazione che incorporano un approccio integrato, che non sono tra loro alternative, ma complementari: 1. la valutazione dell integrazione 2. la valutazione integrata. Valutare l integrazione significa valutare se e in che misura le politiche di invecchiamento attivo sono state programmate, attuate e valutate in modo integrato. In altre parole, l obiettivo complessivo è quello di stimare il grado di integrazione di diverse politiche connesse all invecchiamento attivo messe in atto a livello regionale. 6

7 La valutazione integrata, invece, è un metodo per misurare il contributo di più politiche specifiche all obiettivo generale dell invecchiamento attivo. Questo comporta il passaggio da un metodo di valutazione settoriale a un metodo più complesso di analisi di una combinazione di politiche (policy mix) miranti a raggiungere un unico obiettivo. Nel primo caso, la valutazione interessa principalmente la governance delle politiche pubbliche e l analisi di processo (valutazione formativa); nel secondo caso, invece, l attenzione è posta sui risultati e sugli output, cioè sull effettiva implementazione delle politiche di invecchiamento attivo attraverso una serie di programmi e progetti (valutazione sommativa). Questa impostazione incorpora due concetti che sono centrali per la valutazione: quello della governance e quello delle politiche pubbliche. Il concetto di governance si riferisce all interazione multilivello tra più attori coinvolti nel processo decisionale all interno di un dato contesto. Una politica pubblica in termini generali può essere definita come un insieme di azioni implementate da diversi attori al fine di risolvere un problema collettivo, trovando la soluzione a un bisogno, a una richiesta o a un opportunità insoddisfatte (Azzone e Dente, 1999). Questi riferimenti concettuali producono tre conseguenze per la valutazione delle politiche di invecchiamento attivo: primo, dobbiamo tenere conto del fatto che ci sono più attori coinvolti nell attuazione di interventi; secondo, esistono diversi bisogni o richieste a cui rispondere; terzo, la complessità delle possibili combinazioni di politiche implementate a livello regionale richiede l elaborazione di strumenti di valutazione in grado di cogliere diversi problemi simultaneamente. Valutare l integrazione significa analizzare se sono state messe in atto modalità di programmazione, implementazione e valutazione integrate tra i diversi soggetti chiamati ad implementare politiche per l invecchiamento attivo secondo le cinque dimensioni sopra individuate (integrazione orizzontale). Questa integrazione può assumere la forma di modalità di collaborazione inter-istituzionale, di documenti di programmazione o di pianificazione strategica integrata. A livello di progetto, l integrazione di tipo orizzontale si sostanzia nel partenariato tra i diversi stakeholders coinvolti nella realizzazione di progetti. Realizzare una valutazione integrata significa ricostruire il quadro delle politiche messe in campo (quali dimensioni dell invecchiamento attivo sono state più praticate, quali sono i target raggiunti) valutando il policy mix che è stato concretamente implementato. Le domande di valutazione cui rispondere sono: esiste un mainstreaming di invecchiamento attivo nelle politiche regionali? il principio di invecchiamento attivo è stato declinato nelle sue diverse dimensioni? c è stata una focalizzazione maggiore su alcune di esse? per quale motivo? 7

8 5. L applicazione del modello in tre contesti regionali: sintesi dei principali risultati L applicazione del modello ha interessato le tre Regioni partner del progetto: Liguria, Marche e Campania. Essa è stata condotta a partire dagli specifici contributi prodotti dai partners regionali, integrati dalla raccolta di documentazione di natura normativa e dal confronto con gli stakeholders coinvolti nelle diverse politiche. Di seguito si riportano delle brevi sintesi dei principali risultati emersi dai singoli contesti regionali e si propone quindi una lettura trasversale delle risultanze raccolte. Regione Liguria In Liguria, il tema dell invecchiamento demografico e della forza lavoro appare particolarmente rilevante, considerando i principali indicatori di contesto demografico e del mercato del lavoro: l indice di dipendenza strutturale è pari al 61% e il rapporto tra la popolazione over65 e la popolazione in età attiva è pari al 43%. La Regione si è confrontata negli ultimi anni con il tema dell invecchiamento attivo soprattutto su sollecitazione della società civile e dei soggetti che si occupano delle tematiche dell invecchiamento 3. I principali documenti di programmazione che hanno sviluppato strategie per l invecchiamento attivo afferiscono a tre ambiti principali: 1. l istruzione e formazione 2. le politiche sociali 3. le politiche sanitarie. Gli ambiti di policy che hanno ricevuto una spinta maggiore all integrazione sono stati soprattutto quello delle politiche sociali e quello delle politiche sanitarie. I principali riferimenti normativi sono tre: la l.r. n. 12 del 2006, che ha per oggetto la Promozione del sistema integrato di servizi sociali e socio sanitari il Piano sociale integrato regionale (PSIR) il recentissimo disegno di legge Promozione e valorizzazione dell invecchiamento attivo, approvato il 25 settembre 2009 dalla Giunta regionale, che ha sistematizzato la programmazione regionale in materia di active ageing. La prima legge dedica uno specifico articolo alle Politiche a favore degli anziani sviluppando delle linee di intervento delle politiche attive per l invecchiamento destinate a coloro che al termine della vita lavorativa hanno a disposizione del tempo liberato per produrre relazioni sociali e mantenere un ruolo di partecipazione e cittadinanza attiva nella propria comunità. Le dimensioni dell invecchiamento attivo che vengono individuate dalla legge riguardano: la valorizzazione dell anziano come risorsa, la partecipazione degli anziani alla comunità locale, la cittadinanza attiva, la trasmissione di conoscenze dagli anziani alle nuove generazioni, le forme di associazionismo, l educazione alla salute. 3 Si veda Beccaria E., Evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework. Draft Report Liguria, ottobre

9 Da questa legge è scaturito il Piano sociale integrato regionale (PSIR). Il Piano prevede che i soggetti istituzionali incaricati dell attuazione del Piano, ossia gli Ambiti territoriali sociali, le Province e i Distretti sociosanitari, collaborino tra loro per costruire una rete integrata d offerta delle politiche attive per l invecchiamento. Gli obiettivi generali del Piano sono tre: l attivazione di progetti e di azioni positive volte a favorire la crescita, il protagonismo e la cittadinanza attiva delle persone anziane; la promozione di forme di scambio ed apprendimento intergenerazionale; la promozione di stili di vita e comportamenti che perseguano il benessere, contrastando i fattori di rischio sociale. Gli interventi attuabili riguardano: la promozione della partecipazione degli anziani alla comunità locale, anche attraverso attività civiche; l attivazione di servizi ricreativi locali in cui promuovere forme di associazionismo e inserimento sociale; gli interventi che favoriscono, anche con il concorso delle imprese, il ruolo attivo dell anziano nella trasmissione dei saperi alle nuove generazioni; la realizzazione di un informazione efficace su educazione alla salute e invecchiamento. Sul fronte dell istruzione e della formazione, la legge regionale n. 18/2009 non fa un richiamo esplicito al tema dell invecchiamento attivo o a target specifici (es. over45), se non nella parte dedicata alla formazione continua. Tre sono i filoni individuati: 1. l apprendimento lungo tutto l arco della vita, rivolto a tutti indipendentemente dall età per favorire, tra le altre, l esercizio della cittadinanza attiva 2. l educazione permanente degli adulti, in cui viene valorizzato il ruolo svolto dalle università per la terza età 3. la formazione continua, che è considerata uno strumento finalizzato a contribuire all invecchiamento attivo della componente anziana della forza lavoro. La più recente programmazione di FSE ha individuato come target di riferimento gli over54, per i quali sono previste azioni di formazione finalizzate all innalzamento del tasso di attività e al reinserimento lavorativo. Per quanto riguarda infine la legge che disciplina la materia del lavoro (n. 30/2008), l articolo 40 stabilisce che la Regione e le Province riconoscono valore alle esperienze e all apporto che le persone anziane possono offrire nei vari campi della vita sociale ed economica e sostengono, in accordo con le parti sociali e sulla base dell analisi delle dinamiche demografiche di breve e di lungo periodo, la realizzazione di interventi che agevolino il completamento della vita lavorativa, assicurando l inclusione sociale e le pari opportunità. 9

10 Regione Marche Nelle Marche, gli indicatori di contesto evidenziano come il problema dell invecchiamento della popolazione sia più che mai attuale: la struttura demografica risulta più anziana di quella nazionale dal momento che al 1 gennaio 2008 gli over45 rappresentavano nelle Marche ben il 46,7% della popolazione regionale (a livello nazionale sono il 44,4%). Si deve peraltro notare come il peso della popolazione over45 cresca fra le donne, arrivando a rappresentare nelle Marche quasi la metà delle residenti. Il tema dell invecchiamento attivo è stato declinato solo parzialmente dalle politiche di istruzione, formazione e lavoro: negli ultimi 2/3 anni un attività formativa e di politica del lavoro rivolta in maniera esclusiva ai lavoratori maturi risulta pressoché assente nella regione. Diverse e diffuse sull intero territorio regionale sono state invece le iniziative (borse lavoro e progetti formativi) rivolte alla più generica categoria dei soggetti svantaggiati, fra i quali in base alle indicazioni regionali (D.G.R. 491/2008) sono compresi anche una parte dei soggetti appartenenti al target di interesse, cioè i disoccupati con età superiore ai 50 anni. I dati di monitoraggio del FSE mostrano tuttavia come gli over 45 destinatari di interventi finanziati con il POR siano stati poco meno del 14% del totale dei destinatari che hanno concluso le attività. Nel nuovo POR non sembrano esservi precise indicazioni su azioni specificamente rivolte agli over 45, che appaiono soprattutto come target trasversale di una serie di azioni rivolte alla più ampia platea degli occupati (formazione continua e permanente) e/o a quella dei soggetti svantaggiati (work-experience, incentivi all assunzione, incentivi all imprenditorialità). Nelle politiche sociali e socio-sanitarie, l approccio all invecchiamento attivo è stato declinato in primo luogo come politica per gli anziani, in prevalenza over65. Già da qualche anno la Regione ha avviato una serie di iniziative rivolte agli anziani, tentando di valorizzare una strategia di promozione sociale più che di protezione sociale. Il programma Anziani come risorsa del 2002 ha avuto come finalità quella di sostenere la cittadinanza attiva della popolazione anziana, mettendo a disposizione degli Ambiti territoriali 360 milioni di euro per Piani di azioni positive e innovative a favore anziani come risorsa. Il programma ha visto il coinvolgimento degli enti locali, delle organizzazioni sindacali, associazioni, fondazioni, organismi di volontariato. L obiettivo complessivo è stato quello di valorizzare la cittadinanza attiva delle persone anziane, promuovere il sapere sociale in ottica intergenerazionale, dare sostegno alle iniziative autoorganizzate ad integrazione degli interventi e servizi del sistema per la qualità sociale e territoriale. In linea e in continuità con il programma, nel 2004 la Regione ha approvato il Piano Anziani che è stato messo a punto da un gruppo tecnico allargato formato da soggetti rappresentanti organismi significativi per le politiche a sostegno anziani. Il Piano adotta un approccio secondo cui l età anziana deve essere vissuta come età da scoprire e inventare dando spazio alla creatività, alla formazione continua, all impegno per sé e gli altri, alla prevenzione del rischio di non autosufficienza. L obiettivo generale è quello di innovare il welfare marchigiano in direzione del miglioramento qualità vita anziani e di accompagnamento della persona nel corso della sua storia naturale d invecchiamento. Il Piano riprende sostanzialmente quello che è stato fatto nel 2002: iniziative di carattere aggregative (valorizzazione dei centri sociali per anziani), assistenziale (servizi di teleassistenza), operativo (banche del tempo, attività nelle scuole, buon vicinato), preventive (accompagnamento nel passaggio dal lavoro alla pensione), informative (costituzione centri informativi a favore delle persone anziane), culturali (università della terza età). Con riferimento alle politiche sociali, il Piano regionale per il sistema integrato di interventi e sevizi sociali del 2001 (in attuazione della l. n.328/2000) prevede una serie di iniziative che denotano un forte focus 1 0

11 sul problema della non autosufficienza e quindi sul rafforzamento e sulla qualificazione delle strutture, dei servizi e degli operatori coinvolti in questo ambito. Il target è quello della popolazione anziana verso le quali si sviluppa un approccio di protezione sociale concentrato nell assistenza domiciliare, nelle residenze e nelle case di riposo. Residuale è invece l offerta di attività socio-culturali, per il reinserimento lavorativo, o di soggiorni vacanza e centro sociali. Regione Campania La Campania risulta essere la Regione più giovane in Italia: la porzione di popolazione appartenente alla classe di età 0-14 anni è la maggiore e più bassa è la percentuale di ultra 65enni e l età media dei residenti (39.1 contro 42.8 anni in Italia). Tale struttura per classi di età si ripercuote conseguentemente sui principali indici demografici: sia l indice di dipendenza degli anziani sia l indice di dipendenza strutturale sono inferiori alla media nazionale ed a quelli delle altre circoscrizioni nazionali (IDA è in Campania pari al 23% contro il 30% di media nazionale; IDS è rispettivamente uguale a 48.5% contro 51.7%) e l indice di vecchiaia è inferiore a 93%, segnalando come la Campania rappresenti ormai l ultima regione italiana con una porzione di over65 inferiore a quella degli under 14. Rispetto a questo contesto, e coerentemente con esso, le strategie di invecchiamento attivo presenti a livello regionale risultano scarsamente sviluppate. Dal punto di vista dell occupabilità dei lavoratori maturi non esistono politiche del mercato del lavoro rivolte specificatamente agli over 45, ma esclusivamente misure che in maniera indiretta possono rivolgersi al target delle politiche di invecchiamento attivo. Sul fronte dell istruzione e formazione gli unici interventi che hanno individuato il target dei lavoratori maturi sono stati quelli promossi nell ambito dell Educazione degli adulti, un settore in cui la Regione Campania è particolarmente all avanguardia essendo stata la prima ad istituire nel 2001 un Comitato Regionale per l Educazione degli Adulti 4. Si tratta in particolare di due bandi: un bando Eda over55 POR un bando Circoli di studio over45 POR Il primo bando ha individuato come destinatari donne ed uomini, occupati ed inoccupati, residenti in Campania con età superiore ai 55 anni, titolari e non di trattamento pensionistico. Secondo il bando i progetti formativi finanziabili dovevano seguire un approccio integrato in termini di azioni (progetto integrato) e di soggetti (integrazione soggetti): l integrazione a livello di progetto implica che esso preveda al suo interno differenti tipologie di interventi. Tale integrazione deve essere coerente e funzionale alla natura del progetto. L integrazione riferita ai soggetti implica la costituzione formale di un partenariato che deve proporre e realizzare in comune il progetto. Per costituzione formale di partenariato è da intendersi l associazione formale dei diversi soggetti proponenti (A.T.I., A.T.S.). I contenuti dei corsi hanno riguardato l apprendimento di tecniche di animazione legate allo sviluppo della creatività; all inserimento delle persone adulte nel contesto sociale di appartenenza; alla diffusione ed al consolidamento della cultura scientifica, linguistica e letteraria, anche attraverso strumenti multimediali; alla promozione di ruoli di mediazione tra culture diverse; infine, al mantenimento del benessere psico-fisico. 4 Cfr. Mazzotta F., Le politiche per l invecchiamento attivo in Italia, novembre

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania Fernanda Mazzotta Università di Salerno Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Analisi socio economica Regione più giovane e minore incidenza over 45 Incidenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio

Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio Accordo di Programma Quadro Giovani protagonisti di sé e del territorio L APQ Giovani protagonisti di sé e del territorio, sottoscritto in data 1/08/2008, costituisce uno strumento di programmazione integrata

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli Donne in età adulta e mondo del lavoro: recuperare il gap tecnologico Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli 1.Uno sguardo alla condizione svantaggiata

Dettagli

L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema

L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema di Sebastian Amelio Saluto tutti voi e a voi tutti porto il saluto del Direttore Generale, dr.ssa Maria Grazia Nardiello,

Dettagli

Invecchiamento attivo Idee per una carta dei diritti

Invecchiamento attivo Idee per una carta dei diritti 65 Invecchiamento attivo Idee per una carta dei diritti Centro Congressi Frentani Roma, 27 aprile 2009 Presentazione di Maria Luisa Mirabile I due focus del volume e della presentazione le problematiche

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali Prof.ssa Lucia Serena Rossi PROGETTO DI RICERCA Elisa Ambrosini

Dettagli

START UP SCOLASTICHE ed EDUCAZIONE ALL'IMPRENDITORIALITA'

START UP SCOLASTICHE ed EDUCAZIONE ALL'IMPRENDITORIALITA' START UP SCOLASTICHE ed EDUCAZIONE ALL'IMPRENDITORIALITA' PON -Programma Operativo Nazionale 2014-2020 PON "Per la Scuola - Competenze e ambienti per l'apprendimento" START UP SCOLASTICHE- esperienze PON

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli