Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software"

Transcript

1 Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl Club TI - Mestre - 3 novembre 2014 c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 1 / 57

2 Scopo del seminario Capire l impatto di una buona ingegneria dei requisiti nel successo di un progetto software Avere una panoramica di varie tecniche di ingegneria del software e di usabilità Capire come innestare tecniche di usabilità in pratiche di ingegneria del software Intuire le caratteristiche chiave dei metodi agili Questionario di valutazione goo.gl/sblxvg c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 2 / 57

3 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 3 / 57

4 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 4 / 57

5 Ingegneria del software Scopo sviluppare software di qualità, nei tempi e costi previsti, tale da soddisfare le esigenze dei clienti c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 5 / 57

6 Problematiche frequenti Bassa qualità dei requisiti: completezza, chiarezza, livello di astrazione, importanza, validità Bassa qualità del software: del codice (effetto domino, scarsa flessibilità, basso riuso), dell interfaccia utente (usabilità, User Experience) Complessità architetture software: customizzazioni di una versione, incompatibilità dovuta a legacy, ridondanze tra sistemi Basso controllo del processo di sviluppo: qualità del software, sottostime di tempi-budget-personale, non tracciabilità dei requisiti, requisiti non prioritizzati, testing inadeguato, debito tecnico accumulato Gestione di outsourcing: bassa qualità del software, diluizione del know how, verifica inadeguata c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 6 / 57

7 Cause? Cause di fallimento (Standish Group 2010): 1. poco input da utenti: 13% 2. requisiti incompleti: 12% 3. requisiti che cambiano: 12% Nei casi di successo: 1. coinvolgimento utenti: 16% 2. supporto dirigenti: 14% 3. chiarezza nei requisiti: 12% c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 7 / 57

8 Quindi Errori nei requisiti: 1. sono i più costosi 2. sono i più gravi come impatto sull applicazione 3. sono tra le maggiori cause di progetti falliti 4. contribuiscono al ritardo nella consegna 5. (se non ci sono) contribuiscono al successo del progetto c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 8 / 57

9 Come venirne fuori? Adottare: 1. un approccio di gestione agile 2. un approccio user-centered 3. principi solidi di progettazione 4. verifiche rigorose e frequenti c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 9 / 57

10 Agile management: perché Cause di complessità dello sviluppo del software: 1. Requisiti raramente si affronta un problema già noto raramente non cambiano nel tempo 2. Tecnologie 3. Persone non sono semplici interagiscono tra loro più o meno adatte al problema affrontato del team di sviluppo utenti/committenti/clienti ciascuno con il suo carattere, competenze, motivazioni, esperienze, umore,... e requisiti, tecnologie e persone interagiscono c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 10 / 57

11 Processi complessi Il cui comportamento è di difficile previsione. Nell industria manufatturiera si parla di: Controllo di processo definito un controllo che garantisce un output di quantità e qualità accettabile e prevedibile Controllo empirico si applica nei casi in cui un processo definito non è possibile c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 11 / 57

12 Controllo empirico Ha 3 pilastri: 1. Trasparenza il controllore deve poter osservare quei fattori che influenzano la qualità e quantità del prodotto il controllore deve comprendere quei fattori 2. Ispezione (ad es. cosa significa fatto ) i meccanismi del processo devono poter essere ispezionati con frequenza al fine di scoprire fonti di variabilità 3. Adattatività se l ispezione rivela aspetti che sono fuori tolleranza rispetto alla qualità del prodotto o del processo, i meccanismi si devono poter modificare c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 12 / 57

13 Aspetti essenziali dei metodi agili 1. Sviluppo pilotato da requisiti 2. Pianificazione multilivello e distribuita nel tempo 3. Cadenza di rilascio 4. Impegno del team di sviluppo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 13 / 57

14 1. Sviluppo pilotato dai requisiti non si scrivono 120 pagine di requisiti che pochi leggono, e nessuno capisce veramente e si presume che siano la base per un contratto ma invece li si individua grossolanamente all inizio raffina/rivede mano a mano che si procede prioritizza mano a mano che si procede e verifica mano a mano che si procede c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 14 / 57

15 2. Pianificazione a più livelli e distribuita Planning di release con un orizzonte di 6m Planning di iterazione/sprint con un orizzonte di 1-4 settimane Planning giornaliero es. standup SCRUM meeting c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 15 / 57

16 3. Cadenza di rilascio frequente iterazioni di 1-4 settimane volte a un rilascio per ciascuna eventualmente timeboxed eventualmente con limited work-in-progress con scope vincolato c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 16 / 57

17 4. Impegno del team Ruoli: product owner developer Planning fatto dal team rispetto a valore prodotto lavoro concluso non ad attività stile Gantt Impegno di tutto il team non attività assegnate al singolo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 17 / 57

18 Perché agile funziona? c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 18 / 57

19 Pranzo di nozze c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 19 / 57

20 Pranzo a buffet c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 20 / 57

21 Quale è meglio? Mangiare solo quando si ha fame è sano Mangiare solo quello che piace dà più soddisfazione Mangiare nella quantità che si desidera dà più soddisfazione c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 21 / 57

22 Prevedibilità e fiducia rilasci frequenti di software che funziona con ritmo stabile di rilascio 1. creano fiducia in chi li riceve (cliente) e in chi li gestisce (upper management) 2. rendono l output del processo più stabile 3. tendono a migliorare la qualità prodotta 4. rendono vendibile il sistema prima c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 22 / 57

23 Change management Il cliente/committente può decidere in corsa cosa è meglio (incluso fermarsi) per mutazioni di mercato per mutazioni di condizioni economiche/priorità perché ha capito qualcosa in più sul problema c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 23 / 57

24 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 24 / 57

25 User Centered Design 1. Coinvolgimento precoce e comprensione degli utenti 2. Misure empiriche di usabilità 3. Procedimento iterativo: 3.1 Pianificazione dell indagine 3.2 Sintesi di un prototipo 3.3 Valutazione del prototipo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 25 / 57

26 Catalogo di tecniche interviste strutturate a soggetti interessati (e utenti) analisi utenti e loro livelli di esperienza; profili task analysis studi sul campo (contextual design) definizioni del problema brainstorming e focus groups personaggi scenari d uso casi d uso essenziali user testing formativo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 26 / 57

27 Beneficio dello UCD riduzione incertezza sul prodotto aumento efficienza del processo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 27 / 57

28 Caso di studio: CLIMAX (Per un agenzia assicurativa) c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 28 / 57

29 Esempio di formulazione di problema c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 29 / 57

30 Esempi di stakeholder c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 30 / 57

31 Esempio di personaggio c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 31 / 57

32 Caso di studio: OTOUCH (Eurapo Srl e Aragon Engineering Srl) c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 32 / 57

33 Esempio di profilo utenti c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 33 / 57

34 Esempio di profilo utenti II c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 34 / 57

35 Esempio di caso d uso essenziale c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 35 / 57

36 Demo di user testing formativo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 36 / 57

37 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 37 / 57

38 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 38 / 57

39 Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 39 / 57

40 Test di accettazione/collaudo Ha lo scopo di dimostrare al cliente che il sistema funziona come doveva e/o di collaudare end-to-end un sistema interattivo Un caso di test descrive 1. come configurare il sistema sotto test 2. che input fornirgli 3. che risposte aspettarsi Una test suite viene sviluppata in base a rischi di qualità Spesso i test case vengono eseguiti (sommariamente) a mano Spesso sono informali e poco sistematici (smoke test) Raramente vengono svolti in test di regressione c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 40 / 57

41 Il ns approccio per il collaudo Modelli UML per i dati e la dinamica dell interfaccia utente Generazione automatica di infrastruttura di automazione dei test Scrittura a mano dei casi di test Semplificazione, robustezza e flessibilità dei casi di test automatizzati Benefici 1. Velocità nel creare nuove test suite 2. Velocità nell eseguire nuovi test-run 3. Maggiore qualità esterna dell applicazione 4. Test sulla navigazione, sulla manipolazione dei dati, sul layout/responsiveness c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 41 / 57

42 Caso di studio: Calcolo preventivo c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 42 / 57

43 Tecniche di Record and Replay (ad es. con Selenium IDE) Pro: Veloce Non richiede skills Contro: Poco flessibile (no parametri, no oracoli, no riuso) Molto oneroso come manutenzione Poco comprensibile Difficile gestione c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 43 / 57

44 Codice prodotto da Record and Play c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 44 / 57

45 GENTEC: model-based testing Video (file:gentec.m4v) c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 45 / 57

46 Modello dei dati c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 46 / 57

47 Modello della dinamica c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 47 / 57

48 Generazione automatica di infrastruttura di test Test Harness compilatore che legge il modello e le annotazioni e produce codice sorgente del TH TH che isola dettagli della UI c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 48 / 57

49 Esempio di caso di test public void datadecorrenzanuovapolizzanonreale() \{ genertel.starttest("dopo aver digitato una data non reale (29/02/2015), il campo relativo all inserimento della data sarà associato a una box con un messaggio di errore."); genertel.doaction("faipreventivo"); genertel.doaction("digitadatanuovapolizza", "29/02/2015"); genertel.check("campodatadeterminata",has(errormessage("incorrect"))); \} test case astratti, legati al dominio quindi riusabili (es. per web e anche android) c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 49 / 57

50 Dati specificati con Excel quindi casi di test parametrizzati c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 50 / 57

51 Test di layout if (genertel.getdriver().currentprofile("tablet Asus")) \{ genertel.check(navbar, isbelow(screen, px(0), px(5))); genertel.check(navbar, isnear(page, px(10), right, px(5))); genertel.check(errmsg, isinside(form, px(20), top, px(10), left)); genertel.check(errmsg, haswidth(page, 0.80, px(5)));... definizione di un profilo verifica di proprietà di vari UiObjects: posizione, geometria, topologia,... c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 51 / 57

52 Rapporto di test run: con metriche di copertura c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 52 / 57

53 Rapporto di test run: dettagliato c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 53 / 57

54 Benefici di GENTEC 1. test case automatizzati: adatti a mondo agile, accorciano tempo di consegna 2. ridotto sforzo di manutenzione: test case che tallonano la UI 3. test case facili da comprendere e da scrivere da non specialisti 4. concisi: meno errori 5. indipendenti da piattaforma di testing e di uso della UI 6. possono riguardare navigazione, dati, layout/responsiveness 7. possono contenere dati arbitrari 8. rapporto di test ricco e facile da capire c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 54 / 57

55 Conclusione Bilanciamento tra tecniche agili e tradizionali: AGILE ma non FRAGILE! Agile: gestione progetto, cambiamenti rapidi Tradizionale: riduzione costi manutenzione, evoluzione lungo termine UCD: requisiti, i veri bisogni, utente al centro c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 55 / 57

56 Conclusioni (II) Non serve essere supereroi per implementare l approccio Solido e usabile Serve lavoro serio: formazione progetti pilota misurazioni continue continuo miglioramento egoless programming c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 56 / 57

57 Contatti Giorgio Brajnik Andrea Baruzzo Questionario: goo.gl/sblxvg c IDS Srl 2014 Software solido e usabile 57 / 57

Indice. Ingegneria dei requisiti e gestione agile. User-Centered Development Esempi di artefatti. Domain Driven Design. Design for Testability

Indice. Ingegneria dei requisiti e gestione agile. User-Centered Development Esempi di artefatti. Domain Driven Design. Design for Testability Indice Ingegneria dei requisiti e gestione agile User-Centered Development Esempi di artefatti Domain Driven Design Design for Testability Model-based GUI Testing c IDS Srl 2014 Software solido e usabile

Dettagli

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Software solido e usabile: come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl

Dettagli

Software solido e usabile. come integrare ingegneria dell usabilità e del software

Software solido e usabile. come integrare ingegneria dell usabilità e del software : come integrare ingegneria dell usabilità e del software Giorgio Brajnik e Andrea Baruzzo Dip. di Matematica e Informatica Università di Udine e Interaction Design Solutions srl www.dimi.uniud.it/giorgio

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 22 Sommario 1 Generalità

Dettagli

11. Evoluzione del Software

11. Evoluzione del Software 11. Evoluzione del Software Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 11. Evoluzione del Software 1 / 21 Evoluzione del Software - generalità Cosa,

Dettagli

4. Requisiti del Software

4. Requisiti del Software 4. Requisiti del Software Cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 4. Requisiti del Software 1 / 35 Sommario 1 Generalità 2 Categorizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

12. Evoluzione del Software

12. Evoluzione del Software 12. Evoluzione del Software Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 12. Evoluzione del Software 1 / 21 Evoluzione del Software - generalità Cosa,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.

Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite. Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica. Metodologie Agili per lo sviluppo di applicazioni Internet Distribuite Agile Group DIEE, Università di Cagliari www.agile.diee.unica.it Agile Group Agile Group, gruppo di ricerca su Ingegneria del SW,

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 13. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 13. Ciclo di Vita e Processi

Dettagli

Il Portale è USER EXPERIENCE. www.cineca.it

Il Portale è USER EXPERIENCE. www.cineca.it Il Portale è USER EXPERIENCE UXlab La metodologia UXlab Progettazione partecipata User-Centered Design (UCD) Quattro fasi d azione: Specificare il contesto d uso e i requisiti utente Specificare gli obiettivi

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES HOBART USER EXPERIENCE STRATEGY USER EXPERIENCE DESIGN 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA info@technologytransfer.it

Dettagli

SiStema dam e Stampa. automatizzata

SiStema dam e Stampa. automatizzata 0100101010010 0100101010 010101111101010101010010 1001010101010100100001010 111010 01001010100 10101 111101010101010010100101 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 1 0 1 0 1 1 1 0 1 0 010010101001010 1111101010101

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I.

L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I. L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I. Chiara Fioravanti Seminario su I portali per la pubblica amministrazione: P.A.e S.I. Pubblica Amministrazione e Stranieri Immigrati Istituto

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Agile Origini dello Sviluppo Agile Proposta di un gruppo di sviluppatori che rilevava una serie di criticità degli approcci convenzionali: Troppa rigidità dei

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami

Echi da Amsterdam. Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile. Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009. Relatore: Bruna Bergami Echi da Amsterdam Sintesi del Leadership Meeting e dell EMEA Congress 2009 Titolo: Sintesi presentazioni Metodologia Agile Relatore: Bruna Bergami PMI NIC - Tutti i diritti riservati Milano, 19 Giugno

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

La soluzione per le imprese che lavorano su commessa.

La soluzione per le imprese che lavorano su commessa. La soluzione per le imprese che lavorano su commessa. ASSISTENZA OFFERTA PROGETTO CONSEGNA ACQUISTI PRODUZIONE Scopri la soluzione verticale di Soluzioni Software che estende e completa SAP Business One.

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 14. Progettazione di Siti Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Concetti di base di ingegneria del software

Concetti di base di ingegneria del software Concetti di base di ingegneria del software [Dalle dispense del corso «Ingegneria del software» del prof. A. Furfaro (UNICAL)] Principali qualità del software Correttezza Affidabilità Robustezza Efficienza

Dettagli

all ingegneria del software

all ingegneria del software Luca Cabibbo Ingegneria del Software Introduzione all ingegneria del software Dispensa IDS 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Sommerville/8e] Capitolo 1, Introduzione [Pressman/6e] Capitolo 1, Il software e l ingegneria

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

Progettazione di applicazioni Web. Prog. applicazioni Web - 1 -

Progettazione di applicazioni Web. Prog. applicazioni Web - 1 - Progettazione di applicazioni Web Prog. applicazioni Web - 1 - Sviluppo di siti: la guida di Yale "Web Style Guide: Basic Design Principles for Creating Web Sites" P.J. Lynch and S. Horton, Yale University

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART USER INTERFACE DESIGN PER LA PIATTAFORMA MOBILE VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART DESIGNING USABLE WEB AND MOBILE APPLICATIONS VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers

Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Makers Seminario Metodi Agili per la gestione dei progetti per Decision Gestire la complessità, adattarsi al cambiamento. Velocemente. Questa è la sfida quotidiana di ogni manager, sia in campo IT che in tutti

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Università di MilanoBicocca

Università di MilanoBicocca Università di MilanoBicocca Teoria e Tecnologia della Comunicazione Comunicazione Visiva e Design dele Interfacce Letizia Bollini Il sistema interfaccia un approccio user centered come nasce il web: Dalla

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Facoltà di Scienze MM, FF, NN. Corso di laurea : Informatica e T. P. S. Tesi di laurea in Ingegneria del Software Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Relatore : Prof. Giuseppe

Dettagli

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1

Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione. Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Lezione 1 Ingegneria del Software II- Introduzione e Motivazione Ingegneria del Software 2 Introduzione e Richiami 1 Riferimenti bibliografici I. Sommerville Ingegneria del Software 8a edizione Cap.1 R.

Dettagli

Realizzazione del nuovo cruscotto direzionale per il monitoraggio della gestione aziendale

Realizzazione del nuovo cruscotto direzionale per il monitoraggio della gestione aziendale 1. INTRODUZIONE... 1:3 2. I QUADRANTI D ANALISI DEL CRUSCOTTO DIREZIONALE... 2:3 3. AMBITO E APPROCCIO METODOLOGICO... 3:3 AMBITO... 3:3 LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE... 3:4 APPROCCIO PROGETTUALE... 3:4

Dettagli

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico Strumenti Processo parte VII Leggere Cap. 9 Ghezzi et al. Strumenti software che assistono gli ingegneri del software in tutte le fasi del progetto; in particolare progettazione codifica test Evoluzione

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2004-2005 1 La progettazione È applicata indipendentemente dal modello di processo utilizzato. Parte dal punto in cui sono

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

ATS CONSORZIO ARTEMIDE. Consorzio Artemide. Finanzia e Servizi Srl. Innovazione Qualità e Servizi S.r.l. Servizi Avanzati Srl. DAISY-NET S. c. a r. l.

ATS CONSORZIO ARTEMIDE. Consorzio Artemide. Finanzia e Servizi Srl. Innovazione Qualità e Servizi S.r.l. Servizi Avanzati Srl. DAISY-NET S. c. a r. l. Aiuti a Sostegno dei Partenariati Regionali per l Innovazione Modello 14B Presentazione conclusiva del progetto Allegato n. 21 Consorzio Artemide Finanzia e Servizi Srl Innovazione Qualità e Servizi S.r.l.

Dettagli

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica

Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Generazione Automatica di Asserzioni da Modelli di Specifica Relatore:

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale La Sicurezza Funzionale del Software Prof. Riccardo Sisto Ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dipartimento di Automatica e Informatica Sicurezza Funzionale del Vari Aspetti Sicurezza

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA, MECCANICA Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Organizzazione applicazioni multimediali.

Dettagli

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB:

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: un caso di studio Anno accademico 2009 / 2010 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ch.mo Ing. Domenico

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA

Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA Rosa Lanzilotti Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Sommario Cosa è

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata tools metodi processi Focus sulla qualità Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata (2) Qualità Elemento

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2012/13 Modulo 0 Progettare, sistemi, multimedialità: Definizioni, strumenti, ciclo di vita dei progetti, figure professionali

Dettagli

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili

Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A4_3 V1.1 Gestione dello sviluppo software Modelli Agili Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas.

Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas. 2015 Corso di formazionef Contenuto: Introduzione allo sviluppo ed alla gestione self-service di applicazioni software e database in cloud con piattaforma apaas. [CORSO: SOFTWARE E DATABASE SELF-SERVICE

Dettagli

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010

Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 1. Premessa. Requisiti sulla qualità del software secondo lo standard ISO/IEC 25010 Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione delle Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 settembre 2013 La

Dettagli

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Maria Cristina Lavazza Better Software, Firenze 27-28 giugno 2011 Indice Cosa è la progettazione centrata sulle persone

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI LISBETH2014: rendiamo sicuri i nostri dispositivi La sicurezza informatica mediante software libero: 15 giornate di lavoro, 6 ore al giorno, 90 ore di creatività

Dettagli

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1 Il percorso formativo MAD 2 rappresenta un efficace risposta ai fabbisogni di formazione di specifiche figure professionali specializzate nella progettazione, sviluppo e design di applicazioni per smartphone

Dettagli

ProjectManagement per SAP Business One

ProjectManagement per SAP Business One ProjectManagement per SAP Business One GESTIRE PROGETTI CON SUCCESSO Gestire i progetti con successo con un software completo e integrato, che supporta una chiara gestione delle risorse, garantisce la

Dettagli

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO SPIN-OFF UNIVERSITARIO P. IVA 06062510489 Sede Legale e Segreteria: c/o CESPRO, Largo G.A. Brambilla 3 Edificio H3-50134 Firenze Prof. Sergio Boncinelli, Cell: + 39 3392667880 mail: info@usosicuro.com

Dettagli

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale tesi di laurea inventario comunale Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo Ing. Luigi Pontillo candidato Michele Vitelli Matr. 534 2170 Redazione dell Inventario

Dettagli

VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY

VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY VIGAMUS ACADEMY LINK CAMPUS UNIVERSITY 1 ANNO Il primo anno si concentra sul evolvere in una direzione pratica e job-oriented le basi necessarie all inserimento diretto nell ambiente professionale della

Dettagli

Verifica e validazione della qualità del sw

Verifica e validazione della qualità del sw Verifica e validazione della qualità del sw Tecniche di Programmazione Lez. 07 Università di Firenze a.a. 2009/10, I semestre 1/40 contenuti Termini e definizioni Tecniche rispetto alle caratteristiche

Dettagli

I 10 requisiti di un sito di successo Jakob Nielsen (I)

I 10 requisiti di un sito di successo Jakob Nielsen (I) Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

Progettazione di siti Web

Progettazione di siti Web Progettazione di siti Web Tipi di siti Siti statici Siti dinamici Software di progetto/gestione Editor visuali Content Management System Portali Siti Internet Un sito Internet è come un qualsiasi altro

Dettagli