Le soluzioni digitali a servizio della PA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le soluzioni digitali a servizio della PA"

Transcript

1 Le soluzioni digitali a servizio della PA

2 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

3 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L Agenda Digitale è stata presentata dalla Commissione Europea nel maggio 2010 con lo scopo di sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TLC o ICT) per favorire l'innovazione, la crescita economica e la competitività. Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 19 maggio 2010, intitolata «Un agenda digitale europea» Obiettivo principale: ottenere vantaggi socio economici sostenibili grazie a un mercato digitale unico basato su Internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili.

4 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L'Agenda Digitale rappresenta una delle sette iniziative faro individuate nella più ampia Strategia EU2020, finalizzata a una crescita inclusiva, intelligente e sostenibile dell'unione. Con una maggiore diffusione e un uso più efficace delle tecnologie digitali, l'europa potrà stimolare l'occupazione e affrontare le principali sfide a cui è chiamata, offrendo ai suoi cittadini una migliore qualità della vita e assicurando: Un migliore servizio sanitario; Trasporti più sicuri ed efficienti; Un ambiente più pulito; Nuove possibilità di comunicazione; Un accesso più agevole ai servizi pubblici e ai contenuti culturali.

5 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L'Agenda Digitale Individua i principali ostacoli che minano gli sforzi compiuti per sfruttare le TLC; Indica la strategia unitaria a livello europeo volta al loro superamento, individuando le aree d'azione che sono chiamati ad adottare gli Stati membri: Realizzare il mercato digitale unico; Aumentare interoperabilità e standard; Consolidare la fiducia e la sicurezza on line; Promuovere un accesso ad Internet veloce e superveloce per tutti; Investire nella ricerca e nell innovazione; Migliorare l alfabetizzazione, le competenze e l inclusione digitale; Promuovere vantaggi per la società grazie all utilizzo della tecnologia (ambiente, sanità e trasporti).

6 Agenda Digitale Italiana (DL 179/2012, art. 14) L'Agenda Digitale Italiana (ADI) è stata istituita il primo marzo 2012 con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione; il Ministro per la Coesione Territoriale; il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il c.d. decreto crescita 2.0, ha previsto le misure per la sua applicazione concreta. I principali interventi sono previsti nei settori: identità digitale, PA digitale/open data, istruzione digitale, sanità digitale, divario digitale, pagamenti elettronici e giustizia digitale.

7 Cabina di Regia (DL 69/2013, art. 13) La cabina di regia è l organo operativo dell ADI. È strutturata in sei gruppi di lavoro corrispondenti a sei assi strategici: infrastrutture e sicurezza; ecommerce; egovernment Open Data; Alfabetizzazione Informatica Competenze Digitali; Ricerca e Innovazione; Smart Cities and Communities. Elabora una serie di iniziative concrete con l obiettivo di innovare ognuno dei sei ambiti tematici e di implementare gli indirizzi dell Agenda Digitale Europea in campo nazionale. Elabora inoltre proposte normative e di riorganizzazione della macchina amministrativa, tenendo conto dei principi di efficienza e risparmio.

8 Agenzia per l Italia Digitale (DL 83/12, art.19) L Agenzia per l Italia Digitale ha il compito di attuare gli obiettivi definiti dall'adi, monitorando l'attuazione dei piani di ICT delle Pubbliche Amministrazioni e promuovendone annualmente di nuovi, in linea con l Agenda Digitale Europea.

9 Agenzia per l Italia Digitale (DL 83/12, art.20) In particolare l Agenzia per l Italia Digitale: Svolge attività di progettazione delle iniziative strategiche per la più efficace erogazione di servizi in rete della PA a cittadini e imprese; Dovrà elaborare le linee guida e le regole tecniche per la piena interoperabilità e cooperazione applicativa tra i sistemi informatici della PA e tra questi e i sistemi dell UE; Dovrà accelerare i processi di informatizzazione dei documenti amministrativi, vigilare sulla qualità dei servizi e sulla razionalizzazione della spesa ICT, contribuire alla diffusione dell'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, anche mediante l'accelerazione della diffusione delle Reti di nuova generazione (NGN); Dovrà promuovere le iniziative di alfabetizzazione informatica mediante tecnologie didattiche innovative rivolte ai cittadini, ai pubblici dipendenti, anche mediante intese con la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e il Formez.

10 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt. 1 9) Identità Digitale Documento digitale unificato Carta di identità elettronica e tessera sanitaria (art. 1) Anagrafe unificata, censimento annuale della popolazione e Archivio delle strade (artt. 2, 3) Domicilio digitale del cittadino e obbligo di PEC per le imprese (artt. 4,5) Amministrazione Digitale Pubblicazione dati e informazioni in formato aperto (art. 9) Biglietti di viaggio elettronici e sistemi di trasporto intelligente (art. 8) Procedure digitali per acquisto di beni e servizi (art. 6) Trasmissione obbligatoria di documenti per via telematica (artt. 6,7) Pubblicizzazione dei dati della PA (art. 9)

11 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt ) Istruzione Digitale Fascicolo elettronico per gli studenti universitari e semplificazione di procedure in materia di università (art. 10) Libri e centri scolastici digitali (art. 11) Sanità Digitale Fascicolo sanitario elettronico, cartella e prescrizione medica digitali (artt. 12,13) Imbulso banda larga e ultralarga Azzeramento del divario digitale, interventi per la diffusione delle tecnologie digitali (art. 14)

12 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt ) Moneta e Fatturazione Digitale Pagamenti elettronici alle Pubbliche Amministrazioni (art. 15) Utilizzo della moneta elettronica (art. 15) Giustizia Digitale Biglietto di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica (art. 16) Modifiche alla legge fallimentare (art. 17) Sinergia con l VIII PQ Horizon 2020 (art. 19) Comunità intelligenti (art. 20)

13 ADI Alcune iniziative Bandi del MIUR per le Smart Cities and Communities (Decreto Direttoriale 391/Ric del 05/07/2012) Piano nazionale banda larga e Piano nazionale banda ultra larga del Ministero dello Sviluppo Economico (DL 179/2012, art. 14 Bando GUCE GU/S S50 del 12/03/2013)

14 Decreto Legge Fare (DL 69/2013, artt ) Novità in materia di Agenda Digitale: Governance dell ADI (art. 13) La governance viene resa più snella e operativa. La cabina di regia che presenterà al Parlamento un quadro complessivo delle norme vigenti, dei programmi avviati e del loro stato di avanzamento, nonché delle risorse disponibili. La cabina di regia si avvale di un Tavolo permanente, composto da esperti e rappresentanti delle imprese e delle università. L Agenzia per l Italia Digitale viene poi sottoposta alla vigilanza unicamente del Presidente del Consiglio. Misure per favorire la diffusione del domicilio digitale (art. 14) All atto della richiesta della CIE o del documento unificato, il cittadino potrà chiedere una casella di PEC. Razionalizzazione dei CED (art. 16) Misure per favorire la realizzazione del Fascicolo sanitario elettronico (art. 17)

15 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

16 Il quadro di riferimento nazionale Dall Agenda Digitale Europea ai Gruppi di Lavoro in Italia Mercato Digitale Unico Infrastrutture e Sicurezza Interoperabilità e Standard ecommerce Fiducia e Sicurezza Internet veloce e Super veloce egovernment e Open Data Alfabetizzazione informatica Ricerca e Innovazione Ricerca e Innovazione Alfabetizzazione e inclusione digitale Smart Communities ICT e Società [fonte: RIIR, 2012]

17 Il quadro di riferimento nazionale Leggi regionali sulla Società dell Informazione [fonte: Cisis, 2012]

18 Il quadro di riferimento nazionale

19 Il quadro di riferimento nazionale Interoperabilità [fonte: RIIR, 2012]

20 Il quadro di riferimento nazionale Identità digitale Le Regioni con più servizi attivati sulle CRS LA DI FFUSI ONE Le Regioni più attive (% CRS distribuite rispetto alla popolazione) L ADOZI ONE Le regioni con più CRS attivate [fonte: RIIR, 2012]

21 Il quadro di riferimento nazionale Banda larga [fonte: RIIR, 2012]

22 Il quadro di riferimento nazionale Sistema Informativo Territoriale [fonte: RIIR, 2012]

23 L innovazione nelle Regioni Eterogeneità nazionale Fonte: EC, IUS 2013

24 L innovazione nelle Regioni.. eterogeneità regionale Innovation Leader Innovation Follower Moderate Innovator Modest Innovator Sardegna Basilicata Calabria Molise Piemonte Lombardia Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Lazio Provincia Autonoma Trento Veneto Valle d'aosta Liguria Toscana Umbria Marche Abruzzo Puglia Campania Provincia Autonoma Bolzano Sicilia Fonte: EC, IUS 2013 Follower - High Moderate - High Modest - High Follower - Medium Moderate - Medium Modest - Medium Follower - Low Moderate - Low Modest - Low

25 L innovazione nelle Regioni.. in differenti aspetti Indice di Modernità ICT Tasso di Utilizzo ICT Maturità dell offerta Readiness ICT del Territorio 1 Emilia Romagna Emilia Romagna Emilia Romagna Emilia Romagna 2 Lombardia Veneto Veneto Friuli Venezia Giulia 3 Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Lombardia 4 Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia Toscana Lazio 5 Friuli Venezia Giulia Toscana Trentino Alto Adige Liguria 6 Toscana Lombardia Piemonte Valle d'aosta 7 Liguria Piemonte Liguria Marche 8 Piemonte Valle d'aosta Marche Piemonte 9 Lazio Liguria Lazio Trentino Alto Adige 10 Marche Umbria Friuli Venezia Giulia Veneto 11 Valle d'aosta Lazio Basilicata Toscana 12 Umbria Sardegna Abruzzo Umbria 13 Abruzzo Marche Calabria Campania 14 Basilicata Abruzzo Valle d'aosta Abruzzo 15 Campania Campania Campania Sardegna 16 Sardegna Sicilia Umbria Puglia 17 Calabria Puglia Molise Sicilia 18 Puglia Basilicata Sicilia Basilicata 19 Sicilia Calabria Puglia Calabria 20 Molise Molise Sardegna Molise Fonte: MIP&SDA, Ricerca Modernità ICT & Territorio, 2012

26 L innovazione nelle Regioni Quali le conseguenze dell eterogeneità nella gestione dell innovazione? Criticità: Frammentazione dei sistemi.differenti livelli di servizio Assenza di standard bassa replicabilità Opportunità: Ente follower bassi sforzi in contesto di ridotta incertezza Riuso Ente pioniere alti sforzi in contesto di incertezza Federalismo competitivo e non cooperativo

27 Il ruolo dei diversi livelli di governo Community Network IL GRADO DI ADESIONE % di Comuni aderenti alla Community Network per regione I L GRADO DI ADOZI ONE Le Community Network più attive nelle funzioni offerte, nei processi e nei servizi condivisi (Numero di funzioni o servizi presenti su un panel di 22 servizi) [fonte: Cisis, 2012]

28 Il ruolo dei diversi livelli di governo Qual è il livello istituzionale più adeguato a elaborare strategie di egovernment? 72% 43% 36% 17% 24% 28% 11% 24% 28% 10% 8% Regioni e Provincie Comuni > abitanti Comuni < abitanti Nazionale Regionale Provinciale/Sovracomunale (comunità montana, unione di comuni, ecc.) Comunale Governance dell innovazione destrutturata [fonte: Osservatorio egovernment 2012]

29 Il ruolo dei diversi livelli di governo Qual è il livello istituzionale più adeguato per coordinare azioni di egovernment? 53% 12% 13% 8% Comunale Provinciale Regionale Nazionale Il supporto di altri Enti nella riuscita del progetto è Molto utile o determinante 60% [fonte: Osservatorio egovernment 2012]

30 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

31 Pianificazione strategica ICT: perché è così importante? Emerge un utilizzo non ottimizzato dei fondi a disposizione, imputabile anche ad una carenza della pianificazione strategica ICT Una corretta ed accurata pianificazione può portare i seguenti vantaggi: Migliore utilizzo delle risorse: concretezza degli obiettivi e dei benefici attesi Consapevolezza delle decisioni di investimento: spesa maggiormente sotto controllo Visione condivisa per un più facile coordinamento con altri soggetti (sia interni che esterni all Ente) Visione più chiara dell evoluzione della dotazione ICT dell Ente

32 Pianificazione strategica ICT: elementi salienti La Governance Per poter intraprendere un reale processo innovativo della PAL è indispensabile un governo condiviso tra gli Enti e una pianificazione di medio lungo periodo, che utilizzi la leva della tecnologia per conseguire una maggiore efficienza interna e una migliore efficacia nella relazione con cittadini e imprese. Tale processo richiede una regia strutturata tra gli stessi Enti in particolare le Regioni, dotate sia di strumenti di pianificazione che di investimenti e i Comuni, che erogano la maggior parte dei servizi sia in termini progettuali che di erogazione delle risorse. Gli investimenti Le Regioni sono i soggetti naturali deputati ad assumersi il ruolo di governance dei sistemi informativi, per le competenze disponibili al proprio interno e per le disponibilità di investimenti finanziari (che, tra l altro, hanno difficoltà a utilizzare interamente). Il raccordo con i Comuni e gli altri Enti sul territorio deve essere pieno, per evitare o finanziamenti a pioggia o investimenti improduttivi.

33 Pianificazione strategica ICT: elementi salienti L integrazione tra gli Enti Per evitare che lo sforzo dei singoli Enti venga vanificato, è opportuno lavorare in direzione dell integrazione dei dati, presupposto indispensabile per la qualità e l efficienza dei servizi. La qualità e la trasparenza delle gare Più gare (con regole semplici), più trasparenza negli appalti e un utilizzo molto più spinto delle forniture private, sono presupposti imprescindibili per una migliore qualità di applicazioni informatiche che diano vero valore aggiunto nei servizi online.

34 Pianificazione strategica dell ICT Obiettivi Azioni Program. strategica ICT Risorse Strumenti Prospettiva di medio/lungo periodo

35 Pianificazione strategica: obiettivi Formulazione dei fabbisogni di informatizzazione, sulla base dell analisi dei processi interni (bottom up) e degli obiettivi direzionali da perseguire (top down) Identificazione della soluzione e valutazione della fattibilità, dal punto di vista tecnico, dei costi connessi alla realizzazione, dei benefici attesi, dei rischi e dei vincoli tecnologici, temporali e normativi Analisi del make or buy, intesa come valutazione dell opportunità di esternalizzare, in tutto o in parte la realizzazione del progetto e la definizione delle modalità di selezione del Fornitore OUTPUT Criteri qualitativi e quantitativi a cui tendere

36 Pianificazione strategica: risorse Vincoli: Disponibilità di Risorse Umane Quantità Competenze Fonti di finanziamento Materiali ed infrastrutturali Visione lifecycle Entità organizzative: Responsabile del piano la persona responsabile della gestione del piano. La figura di Responsabile del piano può coincidere con il Responsabile di contratto (competenze giuridico amministrative) Centro di costo la persona o l organizzazione che beneficerà dei risultati del piano Centro di responsabilità la persona o l organizzazione coinvolta a vario titolo nella realizzazione del piano Centro di spesa l organizzazione che provvede ad impegnare i fondi per il piano

37 Pianificazione strategica: strumenti Normative, Piani e Linee Guida emanate in cascata dai diversi livelli di governo Esempio, Pubblica Amministrazione Centrale: Piano triennale dell ICT per la PA (CNIPA, poi DigitPA, ora AgID) Piano annuale dell ICT per la PA (CNIPA, poi DigitPA, ora AgID)

38 Pianificazione strategica: azioni a) Formalizzazione del programma ed elaborazione dei relativi piani b) Analisi dei rischi c) Pianificazione della comunicazione d) Pianificazione della qualità e) Esecuzione dei piani f) Controllo dei piani g) Revisione, riesame e valutazione h) Definizione dell infrastruttura i) Manutenzione dell infrastruttura j) Definizione / valutazione dei processi k) Progettazione e realizzazione della formazione l) Conclusione / chiusura del piano

39 Processo decisionale: fasi Il processo decisionale a supporto della strategia d acquisto di soluzioni applicative da parte della Pubblica Amministrazione si compone di differenti fasi successive: Riconoscimento del bisogno (influenza di Normativa e Opportunità di finanziamento) Definizione delle specifiche tecniche e funzionali Ricerca delle informazioni Richiesta delle possibili offerte Valutazione delle alternative Decisione Assegnazione dell incarico Attività post acquisto

40 Processo decisionale: ruoli I ruoli che operano nel processo d acquisto in ambito PA sono molteplici, e spesso rivestiti da un unico attore: Iniziatore: identifica il bisogno e il prodotto che può soddisfarlo Utilizzatore: utilizza l applicativo oggetto di acquisto Acquirente: depositario dell autorità formale di effettuare l acquisto vero e proprio e di negoziare con il fornitore Influenzatore: soggetto che in modo diretto o indiretto influenza il processo decisionale Decisore: soggetto detentore dell autorità di scegliere tra le esistenti alternative/ proposte, capace di approvare formalmente la decisione d acquisto Ogni ruolo ha una propria funzione obiettivo e propri vincoli Il numero di soggetti chiamati a ricoprire i ruoli del processo di acquisto è influenzato dalla: Tipologia di acquisto Tipologia di Amministrazione

41 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

42 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse 2. Organizzazione La mancanza di adeguate risorse economiche 83% 86% 73% 81% 3. Cultura La scarsa disponibilità di personale da dedicare al progetto 78% 71% 54% 70% 4. Contesto La mancanza di competenze interne 42% 46% 41% 43% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

43 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse La difficoltà di interagire con altre aree organizzative del proprio Ente 66% 64% 66% 66% 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La difficoltà nell interagire con i Ministeri e le loro Agenzie, quando sia necessario coinvolgerli La difficoltà di interagire con altri Enti pubblici dello stesso livello istituzionale, quando sia necessario coinvolgerli La sovrapposizione delle competenze e dei doveri istituzionali degli Enti Pubblici Il cambiamento dei referenti politici nel tempo 66% 68% 59% 55% 50% 63% 55% 54% 37% 48% 43% 49% 65% 56% 50% 47% La difficoltà nell interagire con la Regione, quando sia necessario coinvolgerle 40% 50% 54% 45% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

44 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La resistenza degli utenti al cambiamento La mancanza di commitment politico La mancanza di commitment della dirigenza 74% 82% 61% 62% 50% 63% 60% 50% 54% 60% 57% 72% La mancanza di commitment del personale dell Ente coinvolto 41% 50% 57% 49% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

45 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse L inadeguatezza o il disallineamento della soluzione con la normativa (in particolare se nuova) 39% 52% 57% 50% 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La mancanza/l inadeguatezza di documenti programmatici sull innovazione del proprio ente La scarsa disponibilità di idonee soluzioni tecnologiche (es.: infrastrutture) La mancanza/l inadeguatezza di documenti programmatici sull innovazione a livello regionale o nazionale 53% 50% 39% 43% 36% 41% 41% 36% 49% 49% 41% 42% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

46 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale L innovazione nelle Regioni Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

47 I benefici dell informatizzazione https://www.youtube.com/watch?v=ipjkldazqoo

48 I benefici della digitalizzazione La digitalizzazione NON è sempre sinonimo di risparmio: SANZIONI AMMINISTRATIVE SUAP Per Enti di piccole dimensioni con meno di multe rilevate l anno La digitalizzazione completa del processo non apporta benefici sufficienti a giustificare l investimento Minuti per pratica front end back end Tutti 1% 30% 80% Tutti 1% 30% 80% Grado di digitalizzazione

49 I benefici della digitalizzazione I benefici raggiungibili dalla digitalizzazione dello Sportello Unico SCIA ambito terziario SCIA ambito edilizio Permesso di costruire (eccetto sanatorie) Numero di pratiche nazionali annue Digitalizzazione Totale Benefici Raggiungibili FTE FTE FTE 15,5 MLN FTE

50 I benefici della digitalizzazione I benefici raggiungibili dalla digitalizzazione del processo sanzionatorio PROCESSO PARZIALMENTE DIGITALE PROCESSO TOTALMENTE DIGITALE Costi vivi Tempo uomo Digitalizzazione 55 MLN FTE * Enti con popolazione superiore a abitanti

51 I benefici della digitalizzazione Il processo sanzionatorio: Registrazio ne dei verbali Verifica del contravven tore Notifica della sanzione Pagamento Riconciliazi one Sollecito Iscrizione a ruolo Gestione ricorso prefetto Gestione ricorso Giudice di pace Il livello di digitalizzazione (% di Enti) 79,7% 60,6% 36,1% 31,5% 28,4% 26,5% 16,2% 15,2% 12,3% 5,3% 0,6% Registro Digitale Registro e controllo contravventore digitalizzati Registro e riconciliazione digitalizzati Pagamenti digitali Registro e pagamenti digitalizzati Registro, controllo contravventore e invio al soggetto notificatore digitalizzati Registro, riconciliazione e invio al Prefetto digitalizzati Registro, pagamenti e riconciliazione digitalizzati Registro, controllo contravventore, anagrafe e invio al soggetto notificatore digitalizzati Registro, Digitalizzazione riconciliazione completa e invio al GdP digitalizzati

52 I benefici della digitalizzazione L articolazione dello Sportello Unico ENTI TERZI SPORTELLO UNICO COMUNE ASSEVERAZIONI Professionista A Professionista B IMPRESA Professionista C Il livello di digitalizzazione dello Sportello Unico (% di Enti) 59% 34% 35% 37% 10% 4% 1% Solo piattaforma telematica Piattafoma + PEC Piattafoma + Consenvazione sostitutiva Piattaforma + Digitalizzazione back-office Piattaforma + Digitalizzazione Enti terzi Piattaforma + Conferenza Servizi Totale Digitalizzazione

53 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

54 Il «riuso» https://www.youtube.com/watch?v=c0ipcmjajau

55 Il «riuso» Nella scelta di possibili soluzioni da realizzare nell ambito di un progetto di egovernment, si prendono in considerazione soluzioni implementate da altre realtà e quindi a riuso? 24% 29% No, mai Sì, sempre Sì, ma solo in alcuni casi. Specificare: 47% Progetti regionali provinciali Progetti che coinvolgono numerosi enti (es: E.L.I.S.A.) Conoscenza pregressa dell Ente cedente e riconosciuta validità del progetto

56 Il «riuso» Quali dei seguenti fattori ha contribuito positivamente all introduzione della soluzione a riuso rispetto a soluzioni proprietarie all interno del proprio Ente? Referenze da parte di altre pubbliche amministrazioni 77% 23% Quali dei seguenti fattori ritiene siano stati critici nel processo di adozione di una soluzione a riuso? Difficoltà a capire se la soluzione individuata fosse realmente rispondente alle esigenze del 82% 18% Minor costo di acquisizione della soluzione Maggior rispondenza delle soluzioni a riuso alle esigenze dell Ente rispetto ad Semplificazione dei processi delle procedure di affidamento Riduzione dei tempi di acquisizione e introduzione delle soluzioni all interno Maggior trasparenza nei costi di acquisizione e gestione della soluzione 75% 65% 59% 56% 44% 25% 35% 41% 44% 56% abbastanza o molto poco o per nulla Difficoltà nella gestione di nuovi sviluppi della soluzione Difficoltà nella gestione della manutenzione correttiva della soluzione Elevato costo di introduzione e gestione della soluzione Difficoltà nel venire a conoscenza delle soluzioni effettivamente a riuso Inadeguata documentazione correlata alla soluzione (ad es. manualistica, ecc.) Inadeguato supporto tecnico da parte dell Ente cedente o di chi ne fa le veci 75% 73% 63% 63% 62% 56% 25% 27% 37% 37% 38% 44%

57 Integrazione banche dati https://www.youtube.com/watch?v=btzjmqid6q0

58 Integrazione delle banche dati La trasmissione digitale dei dati: Scambio dati all interno dell Ente Scambio dati all esterno dell Ente REGIONI e COMUNI con più di ab, circa 90% REGIONI 66% Dati trasmessi non digitalmente 24% Trasmissione digitale dei dati 76% 1% 52% 29% 10% 6% 2% Dati trasmessi non digitalmente 49% Trasmissione digitale dei dati 51% 54% 7% 5% 27% 7% 1% 43,5% per le regioni non certificata Sistema documentale Cooperazione applicativa PEC to PEC FTP Cloud storage (es: Google Docs, DropBox, ecc.)

59 Integrazione delle banche dati Obiettivi dell integrazione delle banche dati Importanza dell obiettivo in una scala da 1 (non rilevante) a 8 (molto rilevante) Società esterne UO interne Maggiore qualità dei servizi offerti all'utenza 6,23 5,64 Maggiore accuratezza nell'analisi dei dati Riscontri più rapidi a favore dei soggetti esterni Accesso più agevole ad elementi di supporto decisionale Automazione delle verifiche sulle dichiarazioni dei cittadini Diminuzione delle richieste dei dati all'utenza Aumento della proattività dell'ente (es. memo scadenze al cittadino) Dati a disposizione dell'utenza (es. OpenData) 4,13 3,50 3,06 2,69 5,16 5,16 4,97 5,06 5,58 4,94 4,94 4,48 4,06 6,31 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00

60 Integrazione delle banche dati Le progettualità avviate sull integrazione delle banche dati: Avvio di progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Avvio di progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Avvio di progetti di integrazione nei prossimi 12 mesi 36,1% 63,9% 62,9% 37,1% 70,4% 29,6% REGIONI 73% I piccoli comuni con l ausilio dei fornitori realizzano progetti per integrare soprattutto i DB della contabilità Sì No

61 Integrazione delle banche dati Tipologia di dati integrati Progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Anagrafici (es. demografici) Tributari (es. tasse, Risorse umane (es. Terrioriali (es. edilizia, Geografici (es. idrografia, Attività produttive (es. Statistici (es. ISTAT) Sociali (es. assistenziali) Scolastici (es. studenti) Mobilità (es. trasporto Patrimoniali (es. immobili) Infrastruttuali (es. reti, Fiscali (es. IRPEF, IRAP, Culturali (es. musei, Altro dato (specificare) Sanitari (es. fascicolo Ricerche (es. risultati Sicurezza (es. caserme, Terzo settore (es. ONLUS) Giudiziari (es. processi) 80,6% 63,9% 63,9% 52,8% 44,4% 44,4% 41,7% 36,1% 25,0% 25,0% 22,2% 22,2% 19,4% 19,4% 16,7% 16,7% 11,1% 5,6% 2,8% 2,8% Anagrafici (es. demografici) Tributari (es. tasse, Terrioriali (es. edilizia, Statistici (es. ISTAT) Geografici (es. idrografia, Attività produttive (es. Fiscali (es. IRPEF, IRAP, IVA) Culturali (es. musei, Sanitari (es. fascicolo Patrimoniali (es. immobili) Sociali (es. assistenziali) Risorse umane (es. Scolastici (es. studenti) Mobilità (es. trasporto Sicurezza (es. caserme, Ricerche (es. risultati Infrastruttuali (es. reti, Giudiziari (es. processi) Terzo settore (es. ONLUS) 61,3% 45,2% 41,9% 41,9% 38,7% 38,7% 25,8% 25,8% 22,6% 22,6% 19,4% 19,4% 12,9% 12,9% 6,5% 6,5% 3,2% 3,2% 0,0%

62 Integrazione delle banche dati Raggiungimento dei risultati desiderati: Società esterne UO interne Maggiore qualità dei servizi offerti all'utenza 59% 67% Riscontri più rapidi a favore dei soggetti esterni 58% 63% Automazione delle verifiche sulle dichiarazioni dei cittadini 63% 60% Maggiore accuratezza nell'analisi dei dati 62% 61% Accesso più agevole ad elementi di supporto decisionale 59% 59% Dati a disposizione dell'utenza (es. OpenData) 56% 60% Diminuzione delle richieste dei dati all'utenza 48% 55% Aumento della proattività dell'ente (es. memo scadenze al cittadino) 44% 44%

63 Integrazione delle banche dati Criticità riscontrate nei progetti di integrazione Progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Difficoltà a mantenere aggiornate le banche dati Eccessivo sforzo necessario per la bonifica dei dati Resistenze interne del personale Resistenze interne delle figure apicali Scarsa affidabilità dei dati forniti da soggetti terzi Difficoltà di estrazione dei dati Alti costi progettuali Mancanza di competenze interne 55,6% 47,2% 44,4% 27,8% 19,4% 19,4% 16,7% 11,1% Difficoltà di collaborazione con gli altri Enti coinvolti Difficoltà a mantenere aggiornate le banche dati Eccessivo sforzo necessario per la bonifica dei dati Difficoltà di estrazione dei dati Scarsa affidabilità dei dati forniti da soggetti terzi Alti costi progettuali Mancanza di competenze interne Resistenze interne del personale Resistenze interne delle figure apicali Difficoltà legate alle infrastrutture tecnologiche Eccessiva dimensione dei dati 9,7% 6,5% 6,5% 12,9% 22,6% 19,4% 25,8% 32,3% 38,7% 51,6% 51,6% Piccoli Comuni (37%) Tribunali e Procure (36%) Forze dell ordine (32%) ASL (27%) Uffici territoriali di gioventù (25%) Vigili del fuoco (18%) Agenzia delle Entrate (18%) INPS (17%) Regioni (16%) Agenzia del Territorio (15%) Soprintendenze (12%) Province (11%)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Il Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni è un iniziativa CISIS. Il CISIS (Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli