Le soluzioni digitali a servizio della PA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le soluzioni digitali a servizio della PA"

Transcript

1 Le soluzioni digitali a servizio della PA

2 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

3 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L Agenda Digitale è stata presentata dalla Commissione Europea nel maggio 2010 con lo scopo di sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TLC o ICT) per favorire l'innovazione, la crescita economica e la competitività. Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 19 maggio 2010, intitolata «Un agenda digitale europea» Obiettivo principale: ottenere vantaggi socio economici sostenibili grazie a un mercato digitale unico basato su Internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili.

4 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L'Agenda Digitale rappresenta una delle sette iniziative faro individuate nella più ampia Strategia EU2020, finalizzata a una crescita inclusiva, intelligente e sostenibile dell'unione. Con una maggiore diffusione e un uso più efficace delle tecnologie digitali, l'europa potrà stimolare l'occupazione e affrontare le principali sfide a cui è chiamata, offrendo ai suoi cittadini una migliore qualità della vita e assicurando: Un migliore servizio sanitario; Trasporti più sicuri ed efficienti; Un ambiente più pulito; Nuove possibilità di comunicazione; Un accesso più agevole ai servizi pubblici e ai contenuti culturali.

5 Agenda Digitale Europea (COM 245/2010) L'Agenda Digitale Individua i principali ostacoli che minano gli sforzi compiuti per sfruttare le TLC; Indica la strategia unitaria a livello europeo volta al loro superamento, individuando le aree d'azione che sono chiamati ad adottare gli Stati membri: Realizzare il mercato digitale unico; Aumentare interoperabilità e standard; Consolidare la fiducia e la sicurezza on line; Promuovere un accesso ad Internet veloce e superveloce per tutti; Investire nella ricerca e nell innovazione; Migliorare l alfabetizzazione, le competenze e l inclusione digitale; Promuovere vantaggi per la società grazie all utilizzo della tecnologia (ambiente, sanità e trasporti).

6 Agenda Digitale Italiana (DL 179/2012, art. 14) L'Agenda Digitale Italiana (ADI) è stata istituita il primo marzo 2012 con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione; il Ministro per la Coesione Territoriale; il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il c.d. decreto crescita 2.0, ha previsto le misure per la sua applicazione concreta. I principali interventi sono previsti nei settori: identità digitale, PA digitale/open data, istruzione digitale, sanità digitale, divario digitale, pagamenti elettronici e giustizia digitale.

7 Cabina di Regia (DL 69/2013, art. 13) La cabina di regia è l organo operativo dell ADI. È strutturata in sei gruppi di lavoro corrispondenti a sei assi strategici: infrastrutture e sicurezza; ecommerce; egovernment Open Data; Alfabetizzazione Informatica Competenze Digitali; Ricerca e Innovazione; Smart Cities and Communities. Elabora una serie di iniziative concrete con l obiettivo di innovare ognuno dei sei ambiti tematici e di implementare gli indirizzi dell Agenda Digitale Europea in campo nazionale. Elabora inoltre proposte normative e di riorganizzazione della macchina amministrativa, tenendo conto dei principi di efficienza e risparmio.

8 Agenzia per l Italia Digitale (DL 83/12, art.19) L Agenzia per l Italia Digitale ha il compito di attuare gli obiettivi definiti dall'adi, monitorando l'attuazione dei piani di ICT delle Pubbliche Amministrazioni e promuovendone annualmente di nuovi, in linea con l Agenda Digitale Europea.

9 Agenzia per l Italia Digitale (DL 83/12, art.20) In particolare l Agenzia per l Italia Digitale: Svolge attività di progettazione delle iniziative strategiche per la più efficace erogazione di servizi in rete della PA a cittadini e imprese; Dovrà elaborare le linee guida e le regole tecniche per la piena interoperabilità e cooperazione applicativa tra i sistemi informatici della PA e tra questi e i sistemi dell UE; Dovrà accelerare i processi di informatizzazione dei documenti amministrativi, vigilare sulla qualità dei servizi e sulla razionalizzazione della spesa ICT, contribuire alla diffusione dell'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, anche mediante l'accelerazione della diffusione delle Reti di nuova generazione (NGN); Dovrà promuovere le iniziative di alfabetizzazione informatica mediante tecnologie didattiche innovative rivolte ai cittadini, ai pubblici dipendenti, anche mediante intese con la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e il Formez.

10 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt. 1 9) Identità Digitale Documento digitale unificato Carta di identità elettronica e tessera sanitaria (art. 1) Anagrafe unificata, censimento annuale della popolazione e Archivio delle strade (artt. 2, 3) Domicilio digitale del cittadino e obbligo di PEC per le imprese (artt. 4,5) Amministrazione Digitale Pubblicazione dati e informazioni in formato aperto (art. 9) Biglietti di viaggio elettronici e sistemi di trasporto intelligente (art. 8) Procedure digitali per acquisto di beni e servizi (art. 6) Trasmissione obbligatoria di documenti per via telematica (artt. 6,7) Pubblicizzazione dei dati della PA (art. 9)

11 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt ) Istruzione Digitale Fascicolo elettronico per gli studenti universitari e semplificazione di procedure in materia di università (art. 10) Libri e centri scolastici digitali (art. 11) Sanità Digitale Fascicolo sanitario elettronico, cartella e prescrizione medica digitali (artt. 12,13) Imbulso banda larga e ultralarga Azzeramento del divario digitale, interventi per la diffusione delle tecnologie digitali (art. 14)

12 Misure per l ADI (DL 179/2012, artt ) Moneta e Fatturazione Digitale Pagamenti elettronici alle Pubbliche Amministrazioni (art. 15) Utilizzo della moneta elettronica (art. 15) Giustizia Digitale Biglietto di cancelleria, comunicazioni e notificazioni per via telematica (art. 16) Modifiche alla legge fallimentare (art. 17) Sinergia con l VIII PQ Horizon 2020 (art. 19) Comunità intelligenti (art. 20)

13 ADI Alcune iniziative Bandi del MIUR per le Smart Cities and Communities (Decreto Direttoriale 391/Ric del 05/07/2012) Piano nazionale banda larga e Piano nazionale banda ultra larga del Ministero dello Sviluppo Economico (DL 179/2012, art. 14 Bando GUCE GU/S S50 del 12/03/2013)

14 Decreto Legge Fare (DL 69/2013, artt ) Novità in materia di Agenda Digitale: Governance dell ADI (art. 13) La governance viene resa più snella e operativa. La cabina di regia che presenterà al Parlamento un quadro complessivo delle norme vigenti, dei programmi avviati e del loro stato di avanzamento, nonché delle risorse disponibili. La cabina di regia si avvale di un Tavolo permanente, composto da esperti e rappresentanti delle imprese e delle università. L Agenzia per l Italia Digitale viene poi sottoposta alla vigilanza unicamente del Presidente del Consiglio. Misure per favorire la diffusione del domicilio digitale (art. 14) All atto della richiesta della CIE o del documento unificato, il cittadino potrà chiedere una casella di PEC. Razionalizzazione dei CED (art. 16) Misure per favorire la realizzazione del Fascicolo sanitario elettronico (art. 17)

15 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

16 Il quadro di riferimento nazionale Dall Agenda Digitale Europea ai Gruppi di Lavoro in Italia Mercato Digitale Unico Infrastrutture e Sicurezza Interoperabilità e Standard ecommerce Fiducia e Sicurezza Internet veloce e Super veloce egovernment e Open Data Alfabetizzazione informatica Ricerca e Innovazione Ricerca e Innovazione Alfabetizzazione e inclusione digitale Smart Communities ICT e Società [fonte: RIIR, 2012]

17 Il quadro di riferimento nazionale Leggi regionali sulla Società dell Informazione [fonte: Cisis, 2012]

18 Il quadro di riferimento nazionale

19 Il quadro di riferimento nazionale Interoperabilità [fonte: RIIR, 2012]

20 Il quadro di riferimento nazionale Identità digitale Le Regioni con più servizi attivati sulle CRS LA DI FFUSI ONE Le Regioni più attive (% CRS distribuite rispetto alla popolazione) L ADOZI ONE Le regioni con più CRS attivate [fonte: RIIR, 2012]

21 Il quadro di riferimento nazionale Banda larga [fonte: RIIR, 2012]

22 Il quadro di riferimento nazionale Sistema Informativo Territoriale [fonte: RIIR, 2012]

23 L innovazione nelle Regioni Eterogeneità nazionale Fonte: EC, IUS 2013

24 L innovazione nelle Regioni.. eterogeneità regionale Innovation Leader Innovation Follower Moderate Innovator Modest Innovator Sardegna Basilicata Calabria Molise Piemonte Lombardia Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Lazio Provincia Autonoma Trento Veneto Valle d'aosta Liguria Toscana Umbria Marche Abruzzo Puglia Campania Provincia Autonoma Bolzano Sicilia Fonte: EC, IUS 2013 Follower - High Moderate - High Modest - High Follower - Medium Moderate - Medium Modest - Medium Follower - Low Moderate - Low Modest - Low

25 L innovazione nelle Regioni.. in differenti aspetti Indice di Modernità ICT Tasso di Utilizzo ICT Maturità dell offerta Readiness ICT del Territorio 1 Emilia Romagna Emilia Romagna Emilia Romagna Emilia Romagna 2 Lombardia Veneto Veneto Friuli Venezia Giulia 3 Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Lombardia 4 Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia Toscana Lazio 5 Friuli Venezia Giulia Toscana Trentino Alto Adige Liguria 6 Toscana Lombardia Piemonte Valle d'aosta 7 Liguria Piemonte Liguria Marche 8 Piemonte Valle d'aosta Marche Piemonte 9 Lazio Liguria Lazio Trentino Alto Adige 10 Marche Umbria Friuli Venezia Giulia Veneto 11 Valle d'aosta Lazio Basilicata Toscana 12 Umbria Sardegna Abruzzo Umbria 13 Abruzzo Marche Calabria Campania 14 Basilicata Abruzzo Valle d'aosta Abruzzo 15 Campania Campania Campania Sardegna 16 Sardegna Sicilia Umbria Puglia 17 Calabria Puglia Molise Sicilia 18 Puglia Basilicata Sicilia Basilicata 19 Sicilia Calabria Puglia Calabria 20 Molise Molise Sardegna Molise Fonte: MIP&SDA, Ricerca Modernità ICT & Territorio, 2012

26 L innovazione nelle Regioni Quali le conseguenze dell eterogeneità nella gestione dell innovazione? Criticità: Frammentazione dei sistemi.differenti livelli di servizio Assenza di standard bassa replicabilità Opportunità: Ente follower bassi sforzi in contesto di ridotta incertezza Riuso Ente pioniere alti sforzi in contesto di incertezza Federalismo competitivo e non cooperativo

27 Il ruolo dei diversi livelli di governo Community Network IL GRADO DI ADESIONE % di Comuni aderenti alla Community Network per regione I L GRADO DI ADOZI ONE Le Community Network più attive nelle funzioni offerte, nei processi e nei servizi condivisi (Numero di funzioni o servizi presenti su un panel di 22 servizi) [fonte: Cisis, 2012]

28 Il ruolo dei diversi livelli di governo Qual è il livello istituzionale più adeguato a elaborare strategie di egovernment? 72% 43% 36% 17% 24% 28% 11% 24% 28% 10% 8% Regioni e Provincie Comuni > abitanti Comuni < abitanti Nazionale Regionale Provinciale/Sovracomunale (comunità montana, unione di comuni, ecc.) Comunale Governance dell innovazione destrutturata [fonte: Osservatorio egovernment 2012]

29 Il ruolo dei diversi livelli di governo Qual è il livello istituzionale più adeguato per coordinare azioni di egovernment? 53% 12% 13% 8% Comunale Provinciale Regionale Nazionale Il supporto di altri Enti nella riuscita del progetto è Molto utile o determinante 60% [fonte: Osservatorio egovernment 2012]

30 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

31 Pianificazione strategica ICT: perché è così importante? Emerge un utilizzo non ottimizzato dei fondi a disposizione, imputabile anche ad una carenza della pianificazione strategica ICT Una corretta ed accurata pianificazione può portare i seguenti vantaggi: Migliore utilizzo delle risorse: concretezza degli obiettivi e dei benefici attesi Consapevolezza delle decisioni di investimento: spesa maggiormente sotto controllo Visione condivisa per un più facile coordinamento con altri soggetti (sia interni che esterni all Ente) Visione più chiara dell evoluzione della dotazione ICT dell Ente

32 Pianificazione strategica ICT: elementi salienti La Governance Per poter intraprendere un reale processo innovativo della PAL è indispensabile un governo condiviso tra gli Enti e una pianificazione di medio lungo periodo, che utilizzi la leva della tecnologia per conseguire una maggiore efficienza interna e una migliore efficacia nella relazione con cittadini e imprese. Tale processo richiede una regia strutturata tra gli stessi Enti in particolare le Regioni, dotate sia di strumenti di pianificazione che di investimenti e i Comuni, che erogano la maggior parte dei servizi sia in termini progettuali che di erogazione delle risorse. Gli investimenti Le Regioni sono i soggetti naturali deputati ad assumersi il ruolo di governance dei sistemi informativi, per le competenze disponibili al proprio interno e per le disponibilità di investimenti finanziari (che, tra l altro, hanno difficoltà a utilizzare interamente). Il raccordo con i Comuni e gli altri Enti sul territorio deve essere pieno, per evitare o finanziamenti a pioggia o investimenti improduttivi.

33 Pianificazione strategica ICT: elementi salienti L integrazione tra gli Enti Per evitare che lo sforzo dei singoli Enti venga vanificato, è opportuno lavorare in direzione dell integrazione dei dati, presupposto indispensabile per la qualità e l efficienza dei servizi. La qualità e la trasparenza delle gare Più gare (con regole semplici), più trasparenza negli appalti e un utilizzo molto più spinto delle forniture private, sono presupposti imprescindibili per una migliore qualità di applicazioni informatiche che diano vero valore aggiunto nei servizi online.

34 Pianificazione strategica dell ICT Obiettivi Azioni Program. strategica ICT Risorse Strumenti Prospettiva di medio/lungo periodo

35 Pianificazione strategica: obiettivi Formulazione dei fabbisogni di informatizzazione, sulla base dell analisi dei processi interni (bottom up) e degli obiettivi direzionali da perseguire (top down) Identificazione della soluzione e valutazione della fattibilità, dal punto di vista tecnico, dei costi connessi alla realizzazione, dei benefici attesi, dei rischi e dei vincoli tecnologici, temporali e normativi Analisi del make or buy, intesa come valutazione dell opportunità di esternalizzare, in tutto o in parte la realizzazione del progetto e la definizione delle modalità di selezione del Fornitore OUTPUT Criteri qualitativi e quantitativi a cui tendere

36 Pianificazione strategica: risorse Vincoli: Disponibilità di Risorse Umane Quantità Competenze Fonti di finanziamento Materiali ed infrastrutturali Visione lifecycle Entità organizzative: Responsabile del piano la persona responsabile della gestione del piano. La figura di Responsabile del piano può coincidere con il Responsabile di contratto (competenze giuridico amministrative) Centro di costo la persona o l organizzazione che beneficerà dei risultati del piano Centro di responsabilità la persona o l organizzazione coinvolta a vario titolo nella realizzazione del piano Centro di spesa l organizzazione che provvede ad impegnare i fondi per il piano

37 Pianificazione strategica: strumenti Normative, Piani e Linee Guida emanate in cascata dai diversi livelli di governo Esempio, Pubblica Amministrazione Centrale: Piano triennale dell ICT per la PA (CNIPA, poi DigitPA, ora AgID) Piano annuale dell ICT per la PA (CNIPA, poi DigitPA, ora AgID)

38 Pianificazione strategica: azioni a) Formalizzazione del programma ed elaborazione dei relativi piani b) Analisi dei rischi c) Pianificazione della comunicazione d) Pianificazione della qualità e) Esecuzione dei piani f) Controllo dei piani g) Revisione, riesame e valutazione h) Definizione dell infrastruttura i) Manutenzione dell infrastruttura j) Definizione / valutazione dei processi k) Progettazione e realizzazione della formazione l) Conclusione / chiusura del piano

39 Processo decisionale: fasi Il processo decisionale a supporto della strategia d acquisto di soluzioni applicative da parte della Pubblica Amministrazione si compone di differenti fasi successive: Riconoscimento del bisogno (influenza di Normativa e Opportunità di finanziamento) Definizione delle specifiche tecniche e funzionali Ricerca delle informazioni Richiesta delle possibili offerte Valutazione delle alternative Decisione Assegnazione dell incarico Attività post acquisto

40 Processo decisionale: ruoli I ruoli che operano nel processo d acquisto in ambito PA sono molteplici, e spesso rivestiti da un unico attore: Iniziatore: identifica il bisogno e il prodotto che può soddisfarlo Utilizzatore: utilizza l applicativo oggetto di acquisto Acquirente: depositario dell autorità formale di effettuare l acquisto vero e proprio e di negoziare con il fornitore Influenzatore: soggetto che in modo diretto o indiretto influenza il processo decisionale Decisore: soggetto detentore dell autorità di scegliere tra le esistenti alternative/ proposte, capace di approvare formalmente la decisione d acquisto Ogni ruolo ha una propria funzione obiettivo e propri vincoli Il numero di soggetti chiamati a ricoprire i ruoli del processo di acquisto è influenzato dalla: Tipologia di acquisto Tipologia di Amministrazione

41 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

42 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse 2. Organizzazione La mancanza di adeguate risorse economiche 83% 86% 73% 81% 3. Cultura La scarsa disponibilità di personale da dedicare al progetto 78% 71% 54% 70% 4. Contesto La mancanza di competenze interne 42% 46% 41% 43% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

43 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse La difficoltà di interagire con altre aree organizzative del proprio Ente 66% 64% 66% 66% 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La difficoltà nell interagire con i Ministeri e le loro Agenzie, quando sia necessario coinvolgerli La difficoltà di interagire con altri Enti pubblici dello stesso livello istituzionale, quando sia necessario coinvolgerli La sovrapposizione delle competenze e dei doveri istituzionali degli Enti Pubblici Il cambiamento dei referenti politici nel tempo 66% 68% 59% 55% 50% 63% 55% 54% 37% 48% 43% 49% 65% 56% 50% 47% La difficoltà nell interagire con la Regione, quando sia necessario coinvolgerle 40% 50% 54% 45% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

44 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La resistenza degli utenti al cambiamento La mancanza di commitment politico La mancanza di commitment della dirigenza 74% 82% 61% 62% 50% 63% 60% 50% 54% 60% 57% 72% La mancanza di commitment del personale dell Ente coinvolto 41% 50% 57% 49% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

45 Le barriere all innovazione Quali le barriere a un efficace gestione dell innovazione? Analisi dei fattori ritenuti abbastanza o molto rilevanti nell influenzare NEGATIVAMENTE il processo di introduzione di una soluzione innovativa 1. Risorse L inadeguatezza o il disallineamento della soluzione con la normativa (in particolare se nuova) 39% 52% 57% 50% 2. Cooperazione 3. Cultura 4. Contesto La mancanza/l inadeguatezza di documenti programmatici sull innovazione del proprio ente La scarsa disponibilità di idonee soluzioni tecnologiche (es.: infrastrutture) La mancanza/l inadeguatezza di documenti programmatici sull innovazione a livello regionale o nazionale 53% 50% 39% 43% 36% 41% 41% 36% 49% 49% 41% 42% nord centro sud e isole fonte: Osservatorio egovernment 2012

46 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale L innovazione nelle Regioni Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

47 I benefici dell informatizzazione https://www.youtube.com/watch?v=ipjkldazqoo

48 I benefici della digitalizzazione La digitalizzazione NON è sempre sinonimo di risparmio: SANZIONI AMMINISTRATIVE SUAP Per Enti di piccole dimensioni con meno di multe rilevate l anno La digitalizzazione completa del processo non apporta benefici sufficienti a giustificare l investimento Minuti per pratica front end back end Tutti 1% 30% 80% Tutti 1% 30% 80% Grado di digitalizzazione

49 I benefici della digitalizzazione I benefici raggiungibili dalla digitalizzazione dello Sportello Unico SCIA ambito terziario SCIA ambito edilizio Permesso di costruire (eccetto sanatorie) Numero di pratiche nazionali annue Digitalizzazione Totale Benefici Raggiungibili FTE FTE FTE 15,5 MLN FTE

50 I benefici della digitalizzazione I benefici raggiungibili dalla digitalizzazione del processo sanzionatorio PROCESSO PARZIALMENTE DIGITALE PROCESSO TOTALMENTE DIGITALE Costi vivi Tempo uomo Digitalizzazione 55 MLN FTE * Enti con popolazione superiore a abitanti

51 I benefici della digitalizzazione Il processo sanzionatorio: Registrazio ne dei verbali Verifica del contravven tore Notifica della sanzione Pagamento Riconciliazi one Sollecito Iscrizione a ruolo Gestione ricorso prefetto Gestione ricorso Giudice di pace Il livello di digitalizzazione (% di Enti) 79,7% 60,6% 36,1% 31,5% 28,4% 26,5% 16,2% 15,2% 12,3% 5,3% 0,6% Registro Digitale Registro e controllo contravventore digitalizzati Registro e riconciliazione digitalizzati Pagamenti digitali Registro e pagamenti digitalizzati Registro, controllo contravventore e invio al soggetto notificatore digitalizzati Registro, riconciliazione e invio al Prefetto digitalizzati Registro, pagamenti e riconciliazione digitalizzati Registro, controllo contravventore, anagrafe e invio al soggetto notificatore digitalizzati Registro, Digitalizzazione riconciliazione completa e invio al GdP digitalizzati

52 I benefici della digitalizzazione L articolazione dello Sportello Unico ENTI TERZI SPORTELLO UNICO COMUNE ASSEVERAZIONI Professionista A Professionista B IMPRESA Professionista C Il livello di digitalizzazione dello Sportello Unico (% di Enti) 59% 34% 35% 37% 10% 4% 1% Solo piattaforma telematica Piattafoma + PEC Piattafoma + Consenvazione sostitutiva Piattaforma + Digitalizzazione back-office Piattaforma + Digitalizzazione Enti terzi Piattaforma + Conferenza Servizi Totale Digitalizzazione

53 Agenda La strategia europea e nazionale Il quadro di riferimento nazionale Pianificazione strategica dell ICT Le barriere all innovazione I benefici indotti dalla digitalizzazione Alcuni temi oggi rilevanti per la PA che si innova I desiderata dell utenza

54 Il «riuso» https://www.youtube.com/watch?v=c0ipcmjajau

55 Il «riuso» Nella scelta di possibili soluzioni da realizzare nell ambito di un progetto di egovernment, si prendono in considerazione soluzioni implementate da altre realtà e quindi a riuso? 24% 29% No, mai Sì, sempre Sì, ma solo in alcuni casi. Specificare: 47% Progetti regionali provinciali Progetti che coinvolgono numerosi enti (es: E.L.I.S.A.) Conoscenza pregressa dell Ente cedente e riconosciuta validità del progetto

56 Il «riuso» Quali dei seguenti fattori ha contribuito positivamente all introduzione della soluzione a riuso rispetto a soluzioni proprietarie all interno del proprio Ente? Referenze da parte di altre pubbliche amministrazioni 77% 23% Quali dei seguenti fattori ritiene siano stati critici nel processo di adozione di una soluzione a riuso? Difficoltà a capire se la soluzione individuata fosse realmente rispondente alle esigenze del 82% 18% Minor costo di acquisizione della soluzione Maggior rispondenza delle soluzioni a riuso alle esigenze dell Ente rispetto ad Semplificazione dei processi delle procedure di affidamento Riduzione dei tempi di acquisizione e introduzione delle soluzioni all interno Maggior trasparenza nei costi di acquisizione e gestione della soluzione 75% 65% 59% 56% 44% 25% 35% 41% 44% 56% abbastanza o molto poco o per nulla Difficoltà nella gestione di nuovi sviluppi della soluzione Difficoltà nella gestione della manutenzione correttiva della soluzione Elevato costo di introduzione e gestione della soluzione Difficoltà nel venire a conoscenza delle soluzioni effettivamente a riuso Inadeguata documentazione correlata alla soluzione (ad es. manualistica, ecc.) Inadeguato supporto tecnico da parte dell Ente cedente o di chi ne fa le veci 75% 73% 63% 63% 62% 56% 25% 27% 37% 37% 38% 44%

57 Integrazione banche dati https://www.youtube.com/watch?v=btzjmqid6q0

58 Integrazione delle banche dati La trasmissione digitale dei dati: Scambio dati all interno dell Ente Scambio dati all esterno dell Ente REGIONI e COMUNI con più di ab, circa 90% REGIONI 66% Dati trasmessi non digitalmente 24% Trasmissione digitale dei dati 76% 1% 52% 29% 10% 6% 2% Dati trasmessi non digitalmente 49% Trasmissione digitale dei dati 51% 54% 7% 5% 27% 7% 1% 43,5% per le regioni non certificata Sistema documentale Cooperazione applicativa PEC to PEC FTP Cloud storage (es: Google Docs, DropBox, ecc.)

59 Integrazione delle banche dati Obiettivi dell integrazione delle banche dati Importanza dell obiettivo in una scala da 1 (non rilevante) a 8 (molto rilevante) Società esterne UO interne Maggiore qualità dei servizi offerti all'utenza 6,23 5,64 Maggiore accuratezza nell'analisi dei dati Riscontri più rapidi a favore dei soggetti esterni Accesso più agevole ad elementi di supporto decisionale Automazione delle verifiche sulle dichiarazioni dei cittadini Diminuzione delle richieste dei dati all'utenza Aumento della proattività dell'ente (es. memo scadenze al cittadino) Dati a disposizione dell'utenza (es. OpenData) 4,13 3,50 3,06 2,69 5,16 5,16 4,97 5,06 5,58 4,94 4,94 4,48 4,06 6,31 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00

60 Integrazione delle banche dati Le progettualità avviate sull integrazione delle banche dati: Avvio di progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Avvio di progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Avvio di progetti di integrazione nei prossimi 12 mesi 36,1% 63,9% 62,9% 37,1% 70,4% 29,6% REGIONI 73% I piccoli comuni con l ausilio dei fornitori realizzano progetti per integrare soprattutto i DB della contabilità Sì No

61 Integrazione delle banche dati Tipologia di dati integrati Progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Anagrafici (es. demografici) Tributari (es. tasse, Risorse umane (es. Terrioriali (es. edilizia, Geografici (es. idrografia, Attività produttive (es. Statistici (es. ISTAT) Sociali (es. assistenziali) Scolastici (es. studenti) Mobilità (es. trasporto Patrimoniali (es. immobili) Infrastruttuali (es. reti, Fiscali (es. IRPEF, IRAP, Culturali (es. musei, Altro dato (specificare) Sanitari (es. fascicolo Ricerche (es. risultati Sicurezza (es. caserme, Terzo settore (es. ONLUS) Giudiziari (es. processi) 80,6% 63,9% 63,9% 52,8% 44,4% 44,4% 41,7% 36,1% 25,0% 25,0% 22,2% 22,2% 19,4% 19,4% 16,7% 16,7% 11,1% 5,6% 2,8% 2,8% Anagrafici (es. demografici) Tributari (es. tasse, Terrioriali (es. edilizia, Statistici (es. ISTAT) Geografici (es. idrografia, Attività produttive (es. Fiscali (es. IRPEF, IRAP, IVA) Culturali (es. musei, Sanitari (es. fascicolo Patrimoniali (es. immobili) Sociali (es. assistenziali) Risorse umane (es. Scolastici (es. studenti) Mobilità (es. trasporto Sicurezza (es. caserme, Ricerche (es. risultati Infrastruttuali (es. reti, Giudiziari (es. processi) Terzo settore (es. ONLUS) 61,3% 45,2% 41,9% 41,9% 38,7% 38,7% 25,8% 25,8% 22,6% 22,6% 19,4% 19,4% 12,9% 12,9% 6,5% 6,5% 3,2% 3,2% 0,0%

62 Integrazione delle banche dati Raggiungimento dei risultati desiderati: Società esterne UO interne Maggiore qualità dei servizi offerti all'utenza 59% 67% Riscontri più rapidi a favore dei soggetti esterni 58% 63% Automazione delle verifiche sulle dichiarazioni dei cittadini 63% 60% Maggiore accuratezza nell'analisi dei dati 62% 61% Accesso più agevole ad elementi di supporto decisionale 59% 59% Dati a disposizione dell'utenza (es. OpenData) 56% 60% Diminuzione delle richieste dei dati all'utenza 48% 55% Aumento della proattività dell'ente (es. memo scadenze al cittadino) 44% 44%

63 Integrazione delle banche dati Criticità riscontrate nei progetti di integrazione Progetti volti all integrazione dei dati posseduti dall Ente Progetti volti all integrazione dei dati posseduti da altri Enti Difficoltà a mantenere aggiornate le banche dati Eccessivo sforzo necessario per la bonifica dei dati Resistenze interne del personale Resistenze interne delle figure apicali Scarsa affidabilità dei dati forniti da soggetti terzi Difficoltà di estrazione dei dati Alti costi progettuali Mancanza di competenze interne 55,6% 47,2% 44,4% 27,8% 19,4% 19,4% 16,7% 11,1% Difficoltà di collaborazione con gli altri Enti coinvolti Difficoltà a mantenere aggiornate le banche dati Eccessivo sforzo necessario per la bonifica dei dati Difficoltà di estrazione dei dati Scarsa affidabilità dei dati forniti da soggetti terzi Alti costi progettuali Mancanza di competenze interne Resistenze interne del personale Resistenze interne delle figure apicali Difficoltà legate alle infrastrutture tecnologiche Eccessiva dimensione dei dati 9,7% 6,5% 6,5% 12,9% 22,6% 19,4% 25,8% 32,3% 38,7% 51,6% 51,6% Piccoli Comuni (37%) Tribunali e Procure (36%) Forze dell ordine (32%) ASL (27%) Uffici territoriali di gioventù (25%) Vigili del fuoco (18%) Agenzia delle Entrate (18%) INPS (17%) Regioni (16%) Agenzia del Territorio (15%) Soprintendenze (12%) Province (11%)

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Perché il rapporto RIIR (1/2)

Perché il rapporto RIIR (1/2) Perché il rapporto RIIR (1/2) Ministero dell Economia Informazioni sull innovazione Ministero dell Industria Ministero per la P. A. e l Innovazione Ministero dell Interno Ministero.. Imprese (Assinform)

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti

I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti Michele Benedetti Bologna, 22 aprile 2015 eprocurement, Fatturazione Elettronica: un unico processo Fornitore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici. Venezia 10 Luglio 2014 1

Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici. Venezia 10 Luglio 2014 1 Agenda Digitale Italiana: La fatturazione elettronica verso la PA e pagamenti elettronici Venezia 10 Luglio 2014 1 I servizi di fatturazione elettronica attivati in IPA Strategia Europa 2020 per superare

Dettagli

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014 La Digital Agenda for Europe (DAE) 1. Mercato digitale unico e dinamico 2. Interoperabilità e standard 3.

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci.

Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. 2014 Banda Larga e ultra larga: un opportunità per le imprese Perché connettersi, perché avere connessioni veloci. I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 Antonello Fontanili

Dettagli

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 1 Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 Presidenza del Francesco Consiglio Tortorelli dei Ministri 2 Piani di digitalizzazione e progetti

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione L azienda Poste Italiane Il Gruppo Posteitaliane si rivolge

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

Il Piano industriale dell innovazione. Roma, 2 ottobre 2008

Il Piano industriale dell innovazione. Roma, 2 ottobre 2008 Il Piano industriale dell innovazione Roma, 2 ottobre 2008 1 Il Piano industriale dell innovazione Il Piano passa: dalla logica dell offerta a quella della domanda dalla logica dei prototipi a quella dei

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 (ai sensi della delibera CIPE 6 agosto 2015, n.65) L anno 2016, il giorno 11 del mese di febbraio,

Dettagli

Sezione 1 Enti rispondenti e auto registrate

Sezione 1 Enti rispondenti e auto registrate Censimento Auto PA Rapporto Febbraio 2014 Aggiornamento dati al 01 marzo 2014 Copertura totale 95.1% degli enti, 97.0% delle autovetture Saldo rispetto all 1/1/2013-4 663 autovetture (-8.0 % della disponibilità

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0

Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 N.1 Scuola Digitale Distretto scolastico 2.0 Potenza, 11th March 2015 Salvatore Panzanaro Regione Basilicata -Ufficio Società dell informazione N.2 L Agenda Digitale della Regione Basilicata superamento

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

Il Mercato ICT 2015-2016

Il Mercato ICT 2015-2016 ASSINFORM 2016 Il Mercato ICT 2015-2016 Anteprima Giancarlo Capitani Milano, 15 Marzo 2016 ASSINFORM 2016 Il mercato digitale in Italia nel 2015 Il Mercato Digitale in Italia (2013-2015) Valori in mln

Dettagli

Sistemi per il mondo che lavora

Sistemi per il mondo che lavora Sistemi per il mondo che lavora LA REALTÀ SISTEMI Sistemi, la dimensione economica. Fatturato in crescita costante: +6,1% nel 2012. Il fatturato relativo ai servizi rappresenta il 95% del fatturato totale,

Dettagli

LA CITTADINANZA DIGITALE

LA CITTADINANZA DIGITALE . 1. LA CITTADINANZA DIGITALE Cambia il rapporto tra cittadini e amministrazione partendo dal principio che i cittadini sono al centro dell azione amministrativa, che essi godono di diritti di cittadinanza

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni Provincia di Genova Convegno: Le Province e il digital divide: un crocevia tra innovazione, sviluppo e territorio settembre 2006 Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto

Dettagli

STATO ATTUALE, NUOVI REQUISITI E PROSPETTIVE DELLE ATTIVITÀ PER LA AGENDA DIGITATALE REGIONE ABRUZZO. 01 Luglio 2014

STATO ATTUALE, NUOVI REQUISITI E PROSPETTIVE DELLE ATTIVITÀ PER LA AGENDA DIGITATALE REGIONE ABRUZZO. 01 Luglio 2014 STATO ATTUALE, NUOVI REQUISITI E PROSPETTIVE DELLE ATTIVITÀ PER LA AGENDA DIGITATALE REGIONE ABRUZZO 01 Luglio 2014 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si è dotata di strumenti

Dettagli

La Fatturazione Elettronica nella PA che cambia

La Fatturazione Elettronica nella PA che cambia Codice-P0 La Fatturazione Elettronica nella PA che cambia Direzione Regionale Friuli Venezia Giulia 28 maggio 2010 Dematerializzazione Documentazione Amministrativa Codice-P1 Il Libro Bianco sulla Dematerializzazione

Dettagli

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013

Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA. Situazione al 30 Aprile 2013 Mettiamoci la faccia DATI SULL INIZIATIVA Situazione al 30 Aprile 2013 1 INDICE - 1 1. Le amministrazioni partecipanti Slide 4 New entries del mese Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito a MLF Numero

Dettagli

SECONDO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLE REGIONI D ITALIA 2004

SECONDO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLE REGIONI D ITALIA 2004 SECONDO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLE REGIONI D ITALIA 2004 Centri per l'e-government Regionali e la Competenza di dell'informazione società Questa iniziativa editoriale è stata realizzata nell ambito

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Il contesto Il 49% del Pil dell UE è frutto dei servizi innovativi

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 Avviso progetto Smart Future : fornitura, a partire dall anno scolastico 2014/2015, di tecnologie digitali a 54 classi di scuola primaria e di

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio dei Comuni e del territorio 28 aprile 2015 1 Legge 56/2014 Del Rio 85. Le province di cui ai commi da 51 a 53, quali enti con funzioni di area

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE ACCELERARE LA GIUSTIZIA PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE DIGITALIZZAZIONE DI ATTI NOTIFICHE ON LINE PAGAMENTI ON LINE Roma, Indice Obiettivi del programma Sintesi Inquadramento Obiettivi e linee

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 il mercato elettronico della p.a. cosa è Il Mercato Elettronico della P.A. è un mercato

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Guida alla lettura dei dati... 30

Guida alla lettura dei dati... 30 Censimento Auto PA Rapporto Novembre 2013 Aggiornamento dati al 01 novembre 2013 Copertura totale 95.0% degli enti, 97.0% delle autovetture Saldo da inizio anno 3 741 autovetture ( 6.4 % della disponibilità

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010

Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Mettiamoci la faccia Situazione al 31 dicembre 2010 Slide 1 Indice Slide 3 Mettiamoci la faccia at a glance LE AMMINISTRAZIONI PARTECIPANTI E I SERVIZI INTERESSATI Slide 5 Amministrazioni che hanno aderito

Dettagli