Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario. Milano, 22 Aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario. Milano, 22 Aprile 2010"

Transcript

1 Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario Milano, 22 Aprile

2 Disclaimer THIS PUBLICATION IS ISSUED BY MEDIOBANCA. IT IS NOT INTENDED TO BE AN OFFER TO BUY OR SELL, OR A SOLICITATION OF AN OFFER TO BUY OR SELL, ANY SECURITIES. THE INFORMATION CONTAINED HEREIN, INCLUDING ANY EXPRESSION OF OPINION, HAS BEEN OBTAINED FROM OR IS BASED UPON SOURCES BELIEVED TO BE RELIABLE BUT IS NOT GUARANTEED AS TO ACCURACY OR COMPLETENESS ALTHOUGH MEDIOBANCA CONSIDERS IT TO BE FAIR AND NOT MISLEADING. MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES MAY FROM TIME TO TIME DEAL IN, HOLD OR ACT AS MARKET-MAKERS OR ACT AS ADVISERS, BROKERS OR BANKERS IN RELATION TO THE SECURITIES, OR DERIVATIVES THEREOF, OF PERSONS, FIRMS OR ENTITIES MENTIONED IN THIS DOCUMENT, OR BE REPRESENTED ON THE BOARDS OF SUCH PERSONS, FIRMS OR ENTITIES. EMPLOYEES OF MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES, OR INDIVIDUALS CONNECTED TO THEM MAY FROM TIME TO TIME HAVE A POSITION IN OR BE HOLDING ANY OF THE INVESTMENTS OR RELATED INVESTMENTS MENTIONED IN THIS REPORT. MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES, OR INDIVIDUALS CONNECTED TO THEM ARE UNDER NO OBLIGATION TO DISCLOSE OR TAKE ACCOUNT OF THIS DOCUMENT WHEN ADVISING OR DEALING WITH OR FOR THEIR CUSTOMERS AND MAY HAVE ACTED UPON OR MADE USE OF THE INFORMATION IN THIS DOCUMENT PRIOR TO ITS PUBLICATION. 2

3 Sommario a) Criteri di valutazione dell informativa di bilancio b) Rapidi cambi nelle esigenze del mercato c) Aree con bassa visibilità per il mercato i. Asset Tossici ii. iii. Capitale Regolamentare Qualità dell Attivo 3

4 Criteri di valutazione dell informativa di bilancio Fruibilità: facilità nella reperibilità e nell utilizzo delle informazioni e modalità di rappresentazione Qualità: accuratezza, utilità dei dati forniti in bilancio e rappresentatività dei fenomeni sottostanti Frequenza: periodicità e consistenza nella pubblicazione delle informazioni 4

5 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Generazione di Utili ed Utilizzo Ottimale del Capitale Fino ad Agosto 2007, il mercato azionario si focalizza su: Generazione di utili Crescita utili Calcolo adjusted EPS Utilizzo Ottimale del Capitale (surplus visto come uso inefficiente) Dall estate 2007 in avanti, l attenzione del mercato azionario si sposta sul capitale. I multipli sugli utili iniziano a comprimersi, sebbene il consensus dell EPS preveda che resti virtualmente invariato Marzo Si assiste ad un progressivo aumento della fiducia nella tenuta del sistema finanziario. Il mercato sposta la sua attenzione verso la redditività di mid-cycle. European Banks performance vs. Stoxx European Banks 2 Yrs Forward Earnings vs. DJ Banks Index Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 DJ STOXX 600 DJ European Banks - SX7P Jan-00 Jan-01 Jan-02 Jan-03 Jan-04 Jan-05 Jan-06 Jan-07 Jan-08 European Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward Earnings DJ Banks Index (rhs) European Banks 2 Yrs Forward PE 16X 15X 14X 13X 12X 11X 10X 9X 8X 7X 6X 5X 4X European Banks 2 Yrs Forward PE vs. German Bund 24X 22X 20X 18X 16X 14X 12X 10X 8X 6X 4X Banks PE 50% lower than March 03 Through Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE PE c50% lower than March 2003 Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE Banks PE 49% lower than Past 3Yrs Avg German Bund (Right Axis) 5.75% 5.50% 5.25% 5.00% 4.75% 4.50% 4.25% 4.00% 3.75% 3.50% 3.25% 3.00% Fonte: Datastream 5

6 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Spostamento del Focus da Generazione di Utili al Capitale Nell estate 2007 l attenzione si è spostata dalla generazione di utili al capitale, in termini di: Tier I ratio (adeguatezza patrimoniale) Detenzione di titoli tossici nello stato patrimoniale Dall esterno è impossibile quantificare e qualificare i titoli tossici (si noti che nell Agosto 2007, l ultimo set di informazioni pubbliche è datato Q1 2007, ossia una relazione trimestrale) Necessita di fare affidamento sulla disclosure delle singole banche: la disclosure delle singole banche non segue schemi comuni e standards, rendendo complessa la comparazione tra banche (in Italia e in Europa) La conseguenza dell incertezza è un vistoso calo dei corsi azionari delle banche (Set-07 Dic-07) Selected Italian Bank - Securities Breakdown by Type and Issuer Securities Breakdown HFT Securities 12,026 10,040 Fixed Income Securities 4,303 2,081 Equity 2,049 1,392 Derivatives 2,074 2,272 Others 3,601 4,296 Financial Instrum. at Fair Value Fixed Income Securities Equity Derivatives 0 0 Others 0 0 AFS Securities 2,154 1,813 Fixed Income Securities Equity 1,533 1,202 Derivatives 0 0 Others HTM Securities 1, Fixed Income Securities Equity 0 0 Derivatives 0 0 Others Securities Breakdown by Borrower HFT Securities 12,026 10,040 Governments 4,756 4,034 Public Entities 7 2 Banks 3,747 3,071 Others 3,516 2,933 Financial Instrum. at Fair Value Governments 0 0 Public Entities 0 0 Banks 2 70 Others AFS Securities 2,154 1,813 Governments Public Entities 0 0 Banks Others 1,394 1,324 HTM Securities 1, Governments Public Entities 0 0 Banks Others Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 6

7 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Spostamento del Focus dal Capitale al Core Tier I Nell incertezza che circonda l ammontare degli assets tossici, il mercato azionario inizia a guardare a: BVPS è sostituito con Tangible BVPS (Azioni Avviamento Intangibili) o Core Tier I (talvolta Core Tier I minorities) HFT Securities / Total Assets AFS securities / Total Assets Securities at FV / Total Assets Il mercato punta l attenzione sui business models delle banche, cercando quelle banche altamente dipendenti da Investment Banking. Tra le grandi banche europee non c è uniformità nella disclosure divisionale (spesso IB è aggregato al Corporate Banking). Fare comparazioni dettagliate è pressoché impossibile; perciò i mercati azionari iniziano a penalizzare le banche che si percepisce abbiano un business model guidato da Investment Banking e dal Wholesale Funding Governments 10 Years CDS European Banks 3 Years Senior CDS Feb-07 Apr-07 Jun-07 Aug-07 Oct-07 Dec-07 Feb-08 Apr-08 Jun-08 Aug-08 Oct-08 USA UK Italy Germany France Jan-07 Mar-07 May-07 Jul-07 Sep-07 Nov-07 Jan-08 Mar-08 May-08 Jul-08 Sep-08 BNPP RBS Deutsche BBVA CS Fonte: Datastream 7

8 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Core Tier I una Misura Fallibile ITA Bank 5 EU Bank 4 EU Bank 11 EU Bank 2 ITA Bank 3 EU Bank 11 EU Bank 9 EU Bank 3 ITA Bank 7 EU Bank 6 ITA Bank 1 EU Bank 5 EU Bank 10 EU Bank 8 EU Bank 8 EU Bank 1 ITA Bank 4 EU Bank 10 ITA Bank 2 EU Bank 7 ITA Bank 6 ITA Bank 5 EU Bank 2 ITA Bank 3 EU Bank 5 ITA Bank 7 EU Bank 6 EU Bank 9 EU Bank 7 ITA Bank 1 EU Bank 1 ITA Bank 2 EU Bank 4 ITA Bank 4 EU Bank 3 ITA Bank 6 EU Bank 1 EU Bank 9 EU Bank 3 ITA Bank 5 EU Bank 4 ITA Bank 3 EU Bank 5 ITA Bank 4 EU Bank 7 ITA Bank 6 EU Bank 2 EU Bank 11 EU Bank 6 ITA Bank 1 ITA Bank 2 ITA Bank 7 ITA Bank 6 ITA Bank 2 ITA Bank 1 EU Bank 10 EU Bank 10 EU Bank 8 ITA Bank 4 EU Bank 5 EU Bank 11 EU Bank 7 EU Bank 8 EU Bank 6 ITA Bank 7 EU Bank 1 ITA Bank 3 EU Bank 2 EU Bank 9 EU Bank 4 ITA Bank 5 EU Bank 3 Il mercato inizia ad utilizzare: Leverage Ratio Asset / Tangible Equity Il mercato divide le banche in due categorie: le banche con high leverage e le banche con low leverage Gli aumenti di capitale servono a ripristinare il capitale regolamentare e riportarlo ai livelli originari Selected European Banks - Leverage Ratio, June % 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% 6.4% 6.4% 6.3% 5.9% Leverage Ratio = Tier I / (Total Assets - Intangibles) 4.4% 4.3% 4.2% 4.1% 4.0% 3.5% 3.2% 2.5% 2.5% 2.4% 2.1% 2.0% 1.8% 1.4% Selected European Banks - Tier I Ratio, June 2008 Selected European Banks - Assets / Tangible Equity, June X 100X 80X 60X 40X 20X 0X 96X 86X 67X 51X 47X 46X 42X Assets / Tangible Equity 36X 33X 29X 29X 27X 23X 22X 20X 20X 20X 17X Selected European Banks - Risk Weight, June 2008 Il bisogno di ridurre leverage ratio impone un costoso smagrimento degli attivi (crescita selettiva o nessuna crescita) e vendita di assets 13% Tier I Ratio June % 11.6% 11% 10.2% 9.9% 10% 9.3% 9.1% 9% 8.6% 7.9% 7.9% 8% 7.7% 7.6% 7.5% 7.4% 7.3% 7% 6.7% 6.6% 6.2% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% Risk Weight = Risk Weighted Assets / Total Assets 88% 84% 81% 68% 63% 62% 62% 60% 55% 53% 51% La disclosure ufficiale è sufficiente per calcolare ratios, ma si rivela incompleta nella comprensione del calcolo RWA 6% 5% 4% 3% 5.6% 4.9% 30% 20% 10% 0% 28% 28% 26% 26% 25% 16% 15% Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 8

9 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Impatto della Vendita di Assets Difficile da Stimare Le banche di tuttoil mondo assumono importanti programmi di vendita di assets Le banche prevedono di vendere un ampia gamma di non-core assets (entità legali, partecipazioni azionarie, filiali, real estate portfolios, etc ) Il mercato azionario inizia a calcolare quale potrebbe essere l impatto sul capitale regolamentare In molti casi, la ricerca del valore contabile degli assets si rivela vana: Se gli assets sono classificati come AFS o HFT, le relazioni annuali e trimestrali sono incompleti Nel processo di allocazione delle differenze di fusione generate dai deals del M&A (IFRS 3), il calcolo dell ammontare dell avviamento allocato agli assets acquisiti diventa estremamente difficile L allocazione finale dell avviamento è disponibile 12 mesi dopo la nascita della nuova entità legale (nella maggior parte dei casi alla fine del 2007 o H1 2008) 9

10 Calcolo dell Adeguatezza Patrimoniale EU Bank 4 EU Bank 2 EU Bank 11 EU Bank 3 EU Bank 6 EU Bank 5 EU Bank 8 EU Bank 1 EU Bank 10 EU Bank 7 BPM UBI Credem EU Bank 9 Intesa Unicredito B. Popolare MPS EU Bank 1 EU Bank 3 EU Bank 4 EU Bank 5 EU Bank 7 EU Bank 2 EU Bank 6 Unicredito MPS Intesa EU Bank 10 B. Popolare EU Bank 11 EU Bank 8 Credem UBI EU Bank 9 BPM Dopo l intervento regolamentare mirato a stabilizzare il mercato interbancario e a fornire liquidità al sistema finanziario, le tensioni sulla liquidità si sono attenuate L attenzione del mercato si sposta su: Qual è il capitale adeguato per le banche? Selected European Banks - Tier I Ratio, June % 12% 11.6% 11% 10% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 10.2% 9.9% 9.3% 9.1% 8.6% Tier I Ratio June % 7.9% 7.7% 7.6% 7.5% 7.4% 7.3% 6.7% 6.6% 6.2% 5.6% 4.9% Selected European Banks - Assets / Tangible Equity 120X 100X 80X 60X 40X 20X 0X 96X 86X 67X 51X 47X 46X 42X Assets / Tangible Equity 36X 33X 29X 29X 27X 23X 22X 20X 20X 20X 17X Il primo approccio è di applicare il Core Tier I medio dell intero settore bancario. Preferiamo tener conto delle differenze nel business mix e del leverage ratio. Non tutte le banche devono avere lo stesso ratio Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 10

11 Calcolo del Capitale Ottimale Nel calcolo del RWA applichiamo il seguente peso: Retail Banking: 20% per la posizione interbancaria netta, 50% per mutui residenziali (S-IRB), 15% per mutui residenziali (A- IRB), 100% per consumer finance e small business. Questa metodologia genera un risk-weight medio del 55-60%; Corporate Banking: 20% per la posizione interbancaria netta (se positiva), 70%-80% per i prestiti (media di approccio S-IRB ed A-IRB), 0%-5% per i titoli Governativi (HFT, FV, AFS and HTM), 20% per i titoli ad Enti Pubblici e Banche, 100% per i titoli di altri emittenti. Questa metodologia genera un risk-weight medio del l %; Public Finance: 20% degli assets; Investment Banking: 20% per la posizione interbancaria netta (se positiva), 100% per i prestiti, 0% per i titoli Governativi (HFT, FV, AFS e HTM), 20% per i titoli di Enti Pubblici e Banche, 100% per i titoli di altri emittenti. Questa metodologia genera un risk-weight medio del 45-50%; Foreign Operations: 80% degli assets; Per quanto riguarda laratio dell allocazione del capitale utilizziamo: Retail Banking: 6.5% di mutui residenziali RWA e 7% per consumer finance e small business RWA; Corporate Banking: 7% degli RWA; Public Finance: 6.0% degli RWA; Investment Banking: 12.0% degli RWA; Fund Management: 0.8% degli assets netti under management (netto delle duplicazioni); Bank Insurance: 4.5% di riserve life technical, 1.5% di unit-linked e index-linked; Foreign Operations: 8.0% degli RWA 11

12 Qualità Attivo 1/10 A oltre 125% del P/E di mercato, il settore bancario tratta ad un premio del 50% rispetto alla sua media storica a dieci anni. Il re-rating del settore implica aspettative di significativa crescita degli utili. Il mercato azionario è tornato ad essere earnings direction. Per le banche italiane gli utili di metà del ciclo significano rialzo tassi a breve e riduzione del costo del credito. 16X Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE 130% Banks - Historical 2 Yrs Forward PE as Percent of Two Yrs Forward Market PE 14X 120% Avg 11.0X 110% 12X 100% Avg 83% 10X 90% 8X Avg 10.0X 80% 6X 70% 60% Avg 79% 4X Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Dec-08 50% Dec-99 Jan-01 Jan-02 Jan-03 Jan-04 Jan-05 Jan-06 Jan-07 Jan-08 Jan-09 Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 12

13 Qualità Attivo 2/10 I dati del Q309 e Q409 mostrano una forte divergenza 20% 120bp ed erraticità del costo del credito. Il mercato sconta che le rettifiche su credito scendano nel 2010E (approx. 70/80bp) da crica 100bp riportati nel % 12% 8% 99bp 9.6% 86bp 11.5% 12.9% 75bp 91bp 89bp 87bp 9.1% 6.4% 6.7% 13.3% 13.1% 68bp 9.7% 10.5% 48bp 34bp 36bp 61bp 100bp 80bp 60bp 40bp 4% 4.0% 20bp 0% bp RoE LLP Ratio (rhs) UCG* ISP* MPS UBI BP BPM CRG CREDEM DESIO BPEL CVAL FY08 73bp 61bp 98bp 78bp 193bp 97bp 49bp 44bp 106bp 104bp 70bp 1H09 147bp 84bp 95bp 82bp 65bp 132bp 37bp 72bp 115bp 106bp 59bp 3Q09 130bp** 83bp 96bp 82bp 82bp 62bp 38bp 34bp 103bp 83bp 79bp * Italia ** stimato Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 13

14 Qualità Attivo 3/10 Composizione del portafoglio crediti per affidatario Qualità del portafoglio crediti Quantità e qualità delle garanzie 14

15 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario 4/10 L informativa di bilancio è frammentata in più sezioni (nota integrativa, schema primario, relazione sulla gestione, informativa quantitativa sezione F) a detrimento della fruibilità. Le informazioni più rilevanti sulla composizione del portafoglio crediti sono reperibili sui documenti Pillar III. Crediti verso clientela: composizione merceologica Tipologia operazioni/valori Conti correnti Pronti contro termine Mutui Carte di credito, prestiti personali Locazione finanziaria Altre operazioni Titoli di debito Attività deteriorate Attività cedute e non cancellate Totale Crediti verso clientela: composizione per debitori/emittenti Tipologia operazioni/valori Titoli di debito 2. Finanziamenti verso a) Governi e banche centrali b) Altri enti pubblici c) Altri emittenti 3. Attività deteriorate 4. Attività cedute non cancellate Totale Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 15

16 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (5/10) I dati forniti in bilancio non consentono un omogenea scomposizione del portafoglio crediti per affidatario (Retail, Corporate, POE, et cetera...). I dati dello schema primario sono difficilmente utilizzabili per analisi benchmarking e comparazione (cfr tabelle a lato). Informativa di settore: distribuzione per settori di attività Totale attività di settore Attività Passività Retail Banking Corporate Banking Investment Banking Wealth Management Altre attività Corporate Center Elisioni cross segment Altre rettifiche Totale consolidato Informativa di settore: distribuzione per settori di attività Banche del Territorio Inv. Bank, Priv. Bank., Asset Man. Consumer Credit Altro Crediti verso clientela Totale attivo Debiti verso clientela, titoli in circolazione e passività finanziarie al fair value Totale passivo Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 16

17 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (6/10) La scomposizione del portafoglio crediti è molto complessa e richiede l utilizzo sistematico di stime. L omogeneità a fini comparativi non è ottenibile, dal momento che il breakdown del portafoglio crediti laddove disponibile è basato su dati gestionali. L informativa di bilancio non consente comparazioni o analisi di benchmarking. Poco si adatta alle esigenze del mercato. Composizione del portafoglio crediti per affidatario Retail Mutui casa residenziali Credito al consumo Piccoli operatori economici Corporate PMI Large Corporate Altro Pubblica Amministrazione Istituzioni finanziare Altro Totale Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 17

18 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (7/10) Sarebbe auspicabile: A. Una scomposizione del portafoglio crediti per segmento; B. Omogeneità nelle definizioni dei segmenti (soprattutto Small Business, SME, Large Credito Industriale, Leasing, Factoring 10% Imprese 11% PcT attivi 2% Large Corporate 11% Mid corporate 6% Financial Institutions 2% Leveraged Finance 1% Corporate); C. Periodica pubblicazione della scomposizione del portafoglio crediti (possibilmente su base Small business 6% Consumer Finance 3% Public Finance 11% Banche Estero 8% trimestrale). Commercial Real Estate 5% Mutui Residenziali 20% Altro 4% Fonte: IntesaSanpaolo 18

19 Qualità Attivo: Qualità del portafoglio crediti (8/10) La fruibilità delle informazioni sullo stock di crediti problematici è adeguata. La qualità delle informazioni è buona. Sarebbe auspicabile che venisse fornito il costo del credito per segmento. Insieme ad un omogenea definizione dei segmenti, ciò renderebbe più semplice l analisi comparativa del profilo di rischio. La frequenza trimestrale è certamente adeguata. Esposizioni per cassa e fuori bilancio verso clientela: valori lordi e netti Esposizione Rettifiche di Esposizione Tipologie esposizione/valori lorda valore netta A. ESPOSIZIONI PER CASSA A.1. Gruppo bancario a) Sofferenze b) Incagli c) Esposizioni ristrutturate d) Esposizioni scadute f) Altre attività A.2. Altre imprese a) Deteriorate b) Altre Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 19

20 Qualità Attivo: Qualità del portafoglio crediti (9/10) Il dettaglio dei flussi dei crediti problematici è un dato fondamentale nelle attuali condizioni di rapida evoluzione della qualità degli attivi. Nella maggioranza dei casi questo dato viene fornito una volta l anno, riducendone notevolmente la significatività. Esposizioni per cassa verso clientela: dinamica delle rettifiche di valore Causali/categorie Sofferenze Incagli A. Rettifiche complessive iniziali di cui: esposizioni cedute non cancellate B. Variazioni in aumento B.1 rettifiche di valore B.2 trasferimenti da altre categorie deteriorate B.3 altre variazioni in aumento C. Variazioni in diminuzione C.1 riprese di valore da valutazione C.2 riprese di valore da incasso C.3 cancellazioni C.4 trasferimenti ad altre categorie deteriorate C.5 altre variazioni in diminuzione D. Rettifiche complessive finali di cui: esposizioni cedute non cancellate Esposizioni ristrutturate e scadute Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 20

21 Qualità Attivo: Quantità e qualità delle garanzie (10/10) Il dettaglio e la composizione delle garanzie è disponibile una volta l anno, una frequenza insufficiente per poter valutare l evoluzione del grado di copertura. Sarebbe auspicabile uno spaccato delle garanzie nel mondo corporate. UCG ISP MPS CREDEM CRG Esposizioni totalmente garantite / Totale crediti alla clientela 31% 40% 52% 45% 43% Esposizioni parzialmente garantite / Totale crediti alla clientela 32% 7% 3% 13% 3% Garanzie totali / Esposizioni garantite 1.2X 1.0X 1.0X 1.0X 1.0X UBI BP BPM BPEL CREVAL Esposizioni totalmente garantite / Totale crediti alla clientela 47% 47% 40% 53% 62% Esposizioni parzialmente garantite / Totale crediti alla clientela 12% 7% 7% 10% 5% Garanzie totali / Esposizioni garantite 0.9X 1.0X 1.0X 1.0X 1.0X UCG ISP MPS CREDEM CRG Garanzie immobiliari / Esposizioni totalmente garantite 62% 65% 73% 72% 74% Garanzie immobiliari / Esposizioni parzialmente garantite 53% 9% 9% 51% 14% Garanzie immobiliari / Totale esposizioni garantite 60% 59% 71% 68% 72% UBI BP BPM BPEL CREVAL Garanzie immobiliari / Esposizioni totalmente garantite 76% 63% 71% 67% 64% Garanzie immobiliari / Esposizioni parzialmente garantite 14% 34% 45% 0% 1% Garanzie immobiliari / Totale esposizioni garantite 74% 62% 68% 58% 61% Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 21

22 Capitale Regolamentare: Tier I Capital (1/5) Disclosure sulla metodologia di calcolo del patrimonio di base è molto migliorata. Aree di possibile ulteriore miglioramento: scomposizione dei filtri prudenziali e delle deduzioni. La frequenza della pubblicazione del dettaglio del calcolo potrebbe essere migliorata. Patrimonio di vigilanza consolidato A. Patr. di base prima dei filtri prudenziali B. Filtri prudenziali del patrimonio base: B.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) B.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) C. Patr. di base ante elementi da dedurre (A + B) D. Elementi da dedurre dal patrimonio di base E. Totale patrimonio di base (TIER 1) (C D) F. Patrimonio suppl. ante filtri prudenziali G. Filtri prudenziali del patrimonio suppl.: G.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) G.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) H. Patr. suppl. ante elementi da dedurre (F + G) J. Elementi da dedurre dal patrimonio supppl. L. Totale patrimonio suppl. (TIER 2) (H I) M. Totale elementi da dedurre N. Patrimonio di vigilanza (E + L M) O. Patrimonio di terzo livello (TIER 3) P. Patrimonio di vigilanza incl. TIER 3 (N + O) Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 22

23 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (2/5) La comparazione dei ratio patrimoniali (Tier I) in 85% 80% Loans / Assets Europa è inficiata dall utilizzo di diverse metodologie di calcolo del patrimonio di base (riserva AFS, minorities) e degli RWA. La comparazione tra banche italiane è inficiata dalla diversa metodologia di calcolo degli RWA. La comparazione tra banche italiane è resa difficoltosa dalla mancanza della scomposizione del portafoglio crediti. 75% 70% 65% 60% 55% 50% 45% 40% 85% 80% 75% 70% 65% 60% UCG ISP MPS UBI BP BPM CRG CE H 09 9M 09 Risk Weighted Assets / Assets 55% 50% 45% 40% UCG ISP MPS UBI BP BPM CRG CE H 09 9M 09 Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 23

24 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (3/5) In un campione di 8 banche vi sono quattro diverse combinazioni di metodologia di calcolo dei rischi di credito e controparte. Il reporting differisce in maniera sostanziale, Metodo di calcolo del requisito patrimoniale 2 4 soprattutto la frequenza: il dettaglio del calcolo degli 1 1 attivi ponderati secondo la Metodologia Standard avviene solo a fine anno, una frequenza insufficiente. STD - B/IRB - A/IRB STD - A/IRB STD - B/IRB STD - ECA/ECAI Frequenza di pubblicazione documento Pillar III 4 4 Trimestrale Semestrale Annuale - Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 24

25 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (4/5) Credito Industriale, Leasing, Factoring 10% Imprese 11% Small business 6% Consumer Finance 3% Commercial Real Estate 5% PcT attivi 2% Mutui Residenziali 20% Fonte: IntesaSanpaolo Large Corporate 11% Altro 4% Mid corporate 6% Financial Institutions 2% Leveraged Finance 1% Public Finance 11% Banche Estero 8% Requisito patrimoniale per Rischio di Credito e di controparte Portafoglio regolamentare Esposiz. Req. Patr. Amministrazioni e banche centrali Enti territoriali Enti senza scopo di lucro e sett. pubbl. Banche multilaterali di sviluppo Organizzazioni internazionali Intermediari vigilati Imprese Al dettaglio Garantite da immobili Scadute Ad alto rischio Sotto forma di obbligaz. bancarie garantite A breve termine verso imprese OICR Altre esposizioni Totale requisito patrimoniale 25

26 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (5/5) I dati di bilancio (e Pillar III) rendono difficile una stima accurata degli RWA. L impatto su RWA dovuto al passaggio dei portafogli da S-IRB a B-IRB e A-IRB richiede un significativo livello di approssimazione. Requisito patrimoniale per Rischio di Credito e di controparte Portafoglio regolamentare Esposiz. Req. Patr. Amministrazioni e banche centrali Enti territoriali Enti senza scopo di lucro e sett. pubbl. Banche multilaterali di sviluppo Organizzazioni internazionali Intermediari vigilati Imprese Al dettaglio Garantite da immobili Scadute Ad alto rischio Sotto forma di obbligaz. bancarie garantite A breve termine verso imprese OICR Altre esposizioni Totale requisito patrimoniale Metodologia basata sui rating interni - Metodo Avanzato Classe di esposizione Esposiz. Ponderaz. Amministrazioni centrali e banche centrali Intermediari vigilati, enti pubblici e territoriali e altri soggetti Imprese Strumenti di capitale: metodo PD/LGD Strumenti di capitale: metodo della ponderazione semplice Garantite da immobili residenziali: PMI Garantite da immobili residenziali: persone fisiche Rotative al dettaglio qualificate Altre al dettaglio: PMI Altre al dettaglio: persone fisiche Metodologia basata sui rating interni - Metodo Avanzato Classe di esposizione Esposiz. Ponderaz. Esposizioni verso imprese Esposizioni al dettaglio - garantite da immobili Esposizioni al dettaglio - rotative qualificate Altre esposizioni al dettaglio Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 26

27 Conclusioni La lacuna più rilevante dell informativa di bilancio (non compensata dai documenti Pillar III) è la mancanza della scomposizione omogenea del portafoglio crediti. Laddove disponibile, l informativa di bilancio è fruibile e di qualità, ma la frequenza è insufficiente (flussi di crediti problematici, ammontare e scomposizione delle garanzie, RWA). Retail Mutui Casa Residenziali Credito al Consumo Piccoli Operatori Economici Corporate PMI Large Corporate Altro Pubblica Amministrazione Istituzioni Finanziare Altro Totale Consolidato Esposizione Rettifiche credito % Assistita da Garanzie % Esposizione S-IRB RWA S-IRB % Esposizione B-IRB RWA B-IRB % Esposizione A-IRB RWA A-IRB Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 27

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE

LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE LUSSEMBURGO, UN CENTRO DI ECCELLENZA PER IL WEALTH MANAGEMENT INTERNAZIONALE Moderatore: Giuliano Bidoli Head of Tax, Experta Corporate and Trust Services S.A. Relatori: Massimo Contini Senior Relationship

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli