Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario. Milano, 22 Aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario. Milano, 22 Aprile 2010"

Transcript

1 Bilancio Bancario ed Esigenze del Mercato Azionario Milano, 22 Aprile

2 Disclaimer THIS PUBLICATION IS ISSUED BY MEDIOBANCA. IT IS NOT INTENDED TO BE AN OFFER TO BUY OR SELL, OR A SOLICITATION OF AN OFFER TO BUY OR SELL, ANY SECURITIES. THE INFORMATION CONTAINED HEREIN, INCLUDING ANY EXPRESSION OF OPINION, HAS BEEN OBTAINED FROM OR IS BASED UPON SOURCES BELIEVED TO BE RELIABLE BUT IS NOT GUARANTEED AS TO ACCURACY OR COMPLETENESS ALTHOUGH MEDIOBANCA CONSIDERS IT TO BE FAIR AND NOT MISLEADING. MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES MAY FROM TIME TO TIME DEAL IN, HOLD OR ACT AS MARKET-MAKERS OR ACT AS ADVISERS, BROKERS OR BANKERS IN RELATION TO THE SECURITIES, OR DERIVATIVES THEREOF, OF PERSONS, FIRMS OR ENTITIES MENTIONED IN THIS DOCUMENT, OR BE REPRESENTED ON THE BOARDS OF SUCH PERSONS, FIRMS OR ENTITIES. EMPLOYEES OF MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES, OR INDIVIDUALS CONNECTED TO THEM MAY FROM TIME TO TIME HAVE A POSITION IN OR BE HOLDING ANY OF THE INVESTMENTS OR RELATED INVESTMENTS MENTIONED IN THIS REPORT. MEDIOBANCA AND ITS AFFILIATED COMPANIES, OR INDIVIDUALS CONNECTED TO THEM ARE UNDER NO OBLIGATION TO DISCLOSE OR TAKE ACCOUNT OF THIS DOCUMENT WHEN ADVISING OR DEALING WITH OR FOR THEIR CUSTOMERS AND MAY HAVE ACTED UPON OR MADE USE OF THE INFORMATION IN THIS DOCUMENT PRIOR TO ITS PUBLICATION. 2

3 Sommario a) Criteri di valutazione dell informativa di bilancio b) Rapidi cambi nelle esigenze del mercato c) Aree con bassa visibilità per il mercato i. Asset Tossici ii. iii. Capitale Regolamentare Qualità dell Attivo 3

4 Criteri di valutazione dell informativa di bilancio Fruibilità: facilità nella reperibilità e nell utilizzo delle informazioni e modalità di rappresentazione Qualità: accuratezza, utilità dei dati forniti in bilancio e rappresentatività dei fenomeni sottostanti Frequenza: periodicità e consistenza nella pubblicazione delle informazioni 4

5 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Generazione di Utili ed Utilizzo Ottimale del Capitale Fino ad Agosto 2007, il mercato azionario si focalizza su: Generazione di utili Crescita utili Calcolo adjusted EPS Utilizzo Ottimale del Capitale (surplus visto come uso inefficiente) Dall estate 2007 in avanti, l attenzione del mercato azionario si sposta sul capitale. I multipli sugli utili iniziano a comprimersi, sebbene il consensus dell EPS preveda che resti virtualmente invariato Marzo Si assiste ad un progressivo aumento della fiducia nella tenuta del sistema finanziario. Il mercato sposta la sua attenzione verso la redditività di mid-cycle. European Banks performance vs. Stoxx European Banks 2 Yrs Forward Earnings vs. DJ Banks Index Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 DJ STOXX 600 DJ European Banks - SX7P Jan-00 Jan-01 Jan-02 Jan-03 Jan-04 Jan-05 Jan-06 Jan-07 Jan-08 European Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward Earnings DJ Banks Index (rhs) European Banks 2 Yrs Forward PE 16X 15X 14X 13X 12X 11X 10X 9X 8X 7X 6X 5X 4X European Banks 2 Yrs Forward PE vs. German Bund 24X 22X 20X 18X 16X 14X 12X 10X 8X 6X 4X Banks PE 50% lower than March 03 Through Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE PE c50% lower than March 2003 Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE Banks PE 49% lower than Past 3Yrs Avg German Bund (Right Axis) 5.75% 5.50% 5.25% 5.00% 4.75% 4.50% 4.25% 4.00% 3.75% 3.50% 3.25% 3.00% Fonte: Datastream 5

6 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Spostamento del Focus da Generazione di Utili al Capitale Nell estate 2007 l attenzione si è spostata dalla generazione di utili al capitale, in termini di: Tier I ratio (adeguatezza patrimoniale) Detenzione di titoli tossici nello stato patrimoniale Dall esterno è impossibile quantificare e qualificare i titoli tossici (si noti che nell Agosto 2007, l ultimo set di informazioni pubbliche è datato Q1 2007, ossia una relazione trimestrale) Necessita di fare affidamento sulla disclosure delle singole banche: la disclosure delle singole banche non segue schemi comuni e standards, rendendo complessa la comparazione tra banche (in Italia e in Europa) La conseguenza dell incertezza è un vistoso calo dei corsi azionari delle banche (Set-07 Dic-07) Selected Italian Bank - Securities Breakdown by Type and Issuer Securities Breakdown HFT Securities 12,026 10,040 Fixed Income Securities 4,303 2,081 Equity 2,049 1,392 Derivatives 2,074 2,272 Others 3,601 4,296 Financial Instrum. at Fair Value Fixed Income Securities Equity Derivatives 0 0 Others 0 0 AFS Securities 2,154 1,813 Fixed Income Securities Equity 1,533 1,202 Derivatives 0 0 Others HTM Securities 1, Fixed Income Securities Equity 0 0 Derivatives 0 0 Others Securities Breakdown by Borrower HFT Securities 12,026 10,040 Governments 4,756 4,034 Public Entities 7 2 Banks 3,747 3,071 Others 3,516 2,933 Financial Instrum. at Fair Value Governments 0 0 Public Entities 0 0 Banks 2 70 Others AFS Securities 2,154 1,813 Governments Public Entities 0 0 Banks Others 1,394 1,324 HTM Securities 1, Governments Public Entities 0 0 Banks Others Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 6

7 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Spostamento del Focus dal Capitale al Core Tier I Nell incertezza che circonda l ammontare degli assets tossici, il mercato azionario inizia a guardare a: BVPS è sostituito con Tangible BVPS (Azioni Avviamento Intangibili) o Core Tier I (talvolta Core Tier I minorities) HFT Securities / Total Assets AFS securities / Total Assets Securities at FV / Total Assets Il mercato punta l attenzione sui business models delle banche, cercando quelle banche altamente dipendenti da Investment Banking. Tra le grandi banche europee non c è uniformità nella disclosure divisionale (spesso IB è aggregato al Corporate Banking). Fare comparazioni dettagliate è pressoché impossibile; perciò i mercati azionari iniziano a penalizzare le banche che si percepisce abbiano un business model guidato da Investment Banking e dal Wholesale Funding Governments 10 Years CDS European Banks 3 Years Senior CDS Feb-07 Apr-07 Jun-07 Aug-07 Oct-07 Dec-07 Feb-08 Apr-08 Jun-08 Aug-08 Oct-08 USA UK Italy Germany France Jan-07 Mar-07 May-07 Jul-07 Sep-07 Nov-07 Jan-08 Mar-08 May-08 Jul-08 Sep-08 BNPP RBS Deutsche BBVA CS Fonte: Datastream 7

8 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Core Tier I una Misura Fallibile ITA Bank 5 EU Bank 4 EU Bank 11 EU Bank 2 ITA Bank 3 EU Bank 11 EU Bank 9 EU Bank 3 ITA Bank 7 EU Bank 6 ITA Bank 1 EU Bank 5 EU Bank 10 EU Bank 8 EU Bank 8 EU Bank 1 ITA Bank 4 EU Bank 10 ITA Bank 2 EU Bank 7 ITA Bank 6 ITA Bank 5 EU Bank 2 ITA Bank 3 EU Bank 5 ITA Bank 7 EU Bank 6 EU Bank 9 EU Bank 7 ITA Bank 1 EU Bank 1 ITA Bank 2 EU Bank 4 ITA Bank 4 EU Bank 3 ITA Bank 6 EU Bank 1 EU Bank 9 EU Bank 3 ITA Bank 5 EU Bank 4 ITA Bank 3 EU Bank 5 ITA Bank 4 EU Bank 7 ITA Bank 6 EU Bank 2 EU Bank 11 EU Bank 6 ITA Bank 1 ITA Bank 2 ITA Bank 7 ITA Bank 6 ITA Bank 2 ITA Bank 1 EU Bank 10 EU Bank 10 EU Bank 8 ITA Bank 4 EU Bank 5 EU Bank 11 EU Bank 7 EU Bank 8 EU Bank 6 ITA Bank 7 EU Bank 1 ITA Bank 3 EU Bank 2 EU Bank 9 EU Bank 4 ITA Bank 5 EU Bank 3 Il mercato inizia ad utilizzare: Leverage Ratio Asset / Tangible Equity Il mercato divide le banche in due categorie: le banche con high leverage e le banche con low leverage Gli aumenti di capitale servono a ripristinare il capitale regolamentare e riportarlo ai livelli originari Selected European Banks - Leverage Ratio, June % 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% 6.4% 6.4% 6.3% 5.9% Leverage Ratio = Tier I / (Total Assets - Intangibles) 4.4% 4.3% 4.2% 4.1% 4.0% 3.5% 3.2% 2.5% 2.5% 2.4% 2.1% 2.0% 1.8% 1.4% Selected European Banks - Tier I Ratio, June 2008 Selected European Banks - Assets / Tangible Equity, June X 100X 80X 60X 40X 20X 0X 96X 86X 67X 51X 47X 46X 42X Assets / Tangible Equity 36X 33X 29X 29X 27X 23X 22X 20X 20X 20X 17X Selected European Banks - Risk Weight, June 2008 Il bisogno di ridurre leverage ratio impone un costoso smagrimento degli attivi (crescita selettiva o nessuna crescita) e vendita di assets 13% Tier I Ratio June % 11.6% 11% 10.2% 9.9% 10% 9.3% 9.1% 9% 8.6% 7.9% 7.9% 8% 7.7% 7.6% 7.5% 7.4% 7.3% 7% 6.7% 6.6% 6.2% 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% Risk Weight = Risk Weighted Assets / Total Assets 88% 84% 81% 68% 63% 62% 62% 60% 55% 53% 51% La disclosure ufficiale è sufficiente per calcolare ratios, ma si rivela incompleta nella comprensione del calcolo RWA 6% 5% 4% 3% 5.6% 4.9% 30% 20% 10% 0% 28% 28% 26% 26% 25% 16% 15% Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 8

9 Rapidi cambi nelle esigenze del mercato Impatto della Vendita di Assets Difficile da Stimare Le banche di tuttoil mondo assumono importanti programmi di vendita di assets Le banche prevedono di vendere un ampia gamma di non-core assets (entità legali, partecipazioni azionarie, filiali, real estate portfolios, etc ) Il mercato azionario inizia a calcolare quale potrebbe essere l impatto sul capitale regolamentare In molti casi, la ricerca del valore contabile degli assets si rivela vana: Se gli assets sono classificati come AFS o HFT, le relazioni annuali e trimestrali sono incompleti Nel processo di allocazione delle differenze di fusione generate dai deals del M&A (IFRS 3), il calcolo dell ammontare dell avviamento allocato agli assets acquisiti diventa estremamente difficile L allocazione finale dell avviamento è disponibile 12 mesi dopo la nascita della nuova entità legale (nella maggior parte dei casi alla fine del 2007 o H1 2008) 9

10 Calcolo dell Adeguatezza Patrimoniale EU Bank 4 EU Bank 2 EU Bank 11 EU Bank 3 EU Bank 6 EU Bank 5 EU Bank 8 EU Bank 1 EU Bank 10 EU Bank 7 BPM UBI Credem EU Bank 9 Intesa Unicredito B. Popolare MPS EU Bank 1 EU Bank 3 EU Bank 4 EU Bank 5 EU Bank 7 EU Bank 2 EU Bank 6 Unicredito MPS Intesa EU Bank 10 B. Popolare EU Bank 11 EU Bank 8 Credem UBI EU Bank 9 BPM Dopo l intervento regolamentare mirato a stabilizzare il mercato interbancario e a fornire liquidità al sistema finanziario, le tensioni sulla liquidità si sono attenuate L attenzione del mercato si sposta su: Qual è il capitale adeguato per le banche? Selected European Banks - Tier I Ratio, June % 12% 11.6% 11% 10% 9% 8% 7% 6% 5% 4% 3% 10.2% 9.9% 9.3% 9.1% 8.6% Tier I Ratio June % 7.9% 7.7% 7.6% 7.5% 7.4% 7.3% 6.7% 6.6% 6.2% 5.6% 4.9% Selected European Banks - Assets / Tangible Equity 120X 100X 80X 60X 40X 20X 0X 96X 86X 67X 51X 47X 46X 42X Assets / Tangible Equity 36X 33X 29X 29X 27X 23X 22X 20X 20X 20X 17X Il primo approccio è di applicare il Core Tier I medio dell intero settore bancario. Preferiamo tener conto delle differenze nel business mix e del leverage ratio. Non tutte le banche devono avere lo stesso ratio Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 10

11 Calcolo del Capitale Ottimale Nel calcolo del RWA applichiamo il seguente peso: Retail Banking: 20% per la posizione interbancaria netta, 50% per mutui residenziali (S-IRB), 15% per mutui residenziali (A- IRB), 100% per consumer finance e small business. Questa metodologia genera un risk-weight medio del 55-60%; Corporate Banking: 20% per la posizione interbancaria netta (se positiva), 70%-80% per i prestiti (media di approccio S-IRB ed A-IRB), 0%-5% per i titoli Governativi (HFT, FV, AFS and HTM), 20% per i titoli ad Enti Pubblici e Banche, 100% per i titoli di altri emittenti. Questa metodologia genera un risk-weight medio del l %; Public Finance: 20% degli assets; Investment Banking: 20% per la posizione interbancaria netta (se positiva), 100% per i prestiti, 0% per i titoli Governativi (HFT, FV, AFS e HTM), 20% per i titoli di Enti Pubblici e Banche, 100% per i titoli di altri emittenti. Questa metodologia genera un risk-weight medio del 45-50%; Foreign Operations: 80% degli assets; Per quanto riguarda laratio dell allocazione del capitale utilizziamo: Retail Banking: 6.5% di mutui residenziali RWA e 7% per consumer finance e small business RWA; Corporate Banking: 7% degli RWA; Public Finance: 6.0% degli RWA; Investment Banking: 12.0% degli RWA; Fund Management: 0.8% degli assets netti under management (netto delle duplicazioni); Bank Insurance: 4.5% di riserve life technical, 1.5% di unit-linked e index-linked; Foreign Operations: 8.0% degli RWA 11

12 Qualità Attivo 1/10 A oltre 125% del P/E di mercato, il settore bancario tratta ad un premio del 50% rispetto alla sua media storica a dieci anni. Il re-rating del settore implica aspettative di significativa crescita degli utili. Il mercato azionario è tornato ad essere earnings direction. Per le banche italiane gli utili di metà del ciclo significano rialzo tassi a breve e riduzione del costo del credito. 16X Banks - Historical 2 Yrs Looking Forward PE 130% Banks - Historical 2 Yrs Forward PE as Percent of Two Yrs Forward Market PE 14X 120% Avg 11.0X 110% 12X 100% Avg 83% 10X 90% 8X Avg 10.0X 80% 6X 70% 60% Avg 79% 4X Dec-99 Dec-00 Dec-01 Dec-02 Dec-03 Dec-04 Dec-05 Dec-06 Dec-07 Dec-08 50% Dec-99 Jan-01 Jan-02 Jan-03 Jan-04 Jan-05 Jan-06 Jan-07 Jan-08 Jan-09 Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 12

13 Qualità Attivo 2/10 I dati del Q309 e Q409 mostrano una forte divergenza 20% 120bp ed erraticità del costo del credito. Il mercato sconta che le rettifiche su credito scendano nel 2010E (approx. 70/80bp) da crica 100bp riportati nel % 12% 8% 99bp 9.6% 86bp 11.5% 12.9% 75bp 91bp 89bp 87bp 9.1% 6.4% 6.7% 13.3% 13.1% 68bp 9.7% 10.5% 48bp 34bp 36bp 61bp 100bp 80bp 60bp 40bp 4% 4.0% 20bp 0% bp RoE LLP Ratio (rhs) UCG* ISP* MPS UBI BP BPM CRG CREDEM DESIO BPEL CVAL FY08 73bp 61bp 98bp 78bp 193bp 97bp 49bp 44bp 106bp 104bp 70bp 1H09 147bp 84bp 95bp 82bp 65bp 132bp 37bp 72bp 115bp 106bp 59bp 3Q09 130bp** 83bp 96bp 82bp 82bp 62bp 38bp 34bp 103bp 83bp 79bp * Italia ** stimato Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 13

14 Qualità Attivo 3/10 Composizione del portafoglio crediti per affidatario Qualità del portafoglio crediti Quantità e qualità delle garanzie 14

15 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario 4/10 L informativa di bilancio è frammentata in più sezioni (nota integrativa, schema primario, relazione sulla gestione, informativa quantitativa sezione F) a detrimento della fruibilità. Le informazioni più rilevanti sulla composizione del portafoglio crediti sono reperibili sui documenti Pillar III. Crediti verso clientela: composizione merceologica Tipologia operazioni/valori Conti correnti Pronti contro termine Mutui Carte di credito, prestiti personali Locazione finanziaria Altre operazioni Titoli di debito Attività deteriorate Attività cedute e non cancellate Totale Crediti verso clientela: composizione per debitori/emittenti Tipologia operazioni/valori Titoli di debito 2. Finanziamenti verso a) Governi e banche centrali b) Altri enti pubblici c) Altri emittenti 3. Attività deteriorate 4. Attività cedute non cancellate Totale Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 15

16 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (5/10) I dati forniti in bilancio non consentono un omogenea scomposizione del portafoglio crediti per affidatario (Retail, Corporate, POE, et cetera...). I dati dello schema primario sono difficilmente utilizzabili per analisi benchmarking e comparazione (cfr tabelle a lato). Informativa di settore: distribuzione per settori di attività Totale attività di settore Attività Passività Retail Banking Corporate Banking Investment Banking Wealth Management Altre attività Corporate Center Elisioni cross segment Altre rettifiche Totale consolidato Informativa di settore: distribuzione per settori di attività Banche del Territorio Inv. Bank, Priv. Bank., Asset Man. Consumer Credit Altro Crediti verso clientela Totale attivo Debiti verso clientela, titoli in circolazione e passività finanziarie al fair value Totale passivo Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 16

17 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (6/10) La scomposizione del portafoglio crediti è molto complessa e richiede l utilizzo sistematico di stime. L omogeneità a fini comparativi non è ottenibile, dal momento che il breakdown del portafoglio crediti laddove disponibile è basato su dati gestionali. L informativa di bilancio non consente comparazioni o analisi di benchmarking. Poco si adatta alle esigenze del mercato. Composizione del portafoglio crediti per affidatario Retail Mutui casa residenziali Credito al consumo Piccoli operatori economici Corporate PMI Large Corporate Altro Pubblica Amministrazione Istituzioni finanziare Altro Totale Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 17

18 Qualità Attivo: Composizione del portafoglio crediti per affidatario (7/10) Sarebbe auspicabile: A. Una scomposizione del portafoglio crediti per segmento; B. Omogeneità nelle definizioni dei segmenti (soprattutto Small Business, SME, Large Credito Industriale, Leasing, Factoring 10% Imprese 11% PcT attivi 2% Large Corporate 11% Mid corporate 6% Financial Institutions 2% Leveraged Finance 1% Corporate); C. Periodica pubblicazione della scomposizione del portafoglio crediti (possibilmente su base Small business 6% Consumer Finance 3% Public Finance 11% Banche Estero 8% trimestrale). Commercial Real Estate 5% Mutui Residenziali 20% Altro 4% Fonte: IntesaSanpaolo 18

19 Qualità Attivo: Qualità del portafoglio crediti (8/10) La fruibilità delle informazioni sullo stock di crediti problematici è adeguata. La qualità delle informazioni è buona. Sarebbe auspicabile che venisse fornito il costo del credito per segmento. Insieme ad un omogenea definizione dei segmenti, ciò renderebbe più semplice l analisi comparativa del profilo di rischio. La frequenza trimestrale è certamente adeguata. Esposizioni per cassa e fuori bilancio verso clientela: valori lordi e netti Esposizione Rettifiche di Esposizione Tipologie esposizione/valori lorda valore netta A. ESPOSIZIONI PER CASSA A.1. Gruppo bancario a) Sofferenze b) Incagli c) Esposizioni ristrutturate d) Esposizioni scadute f) Altre attività A.2. Altre imprese a) Deteriorate b) Altre Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 19

20 Qualità Attivo: Qualità del portafoglio crediti (9/10) Il dettaglio dei flussi dei crediti problematici è un dato fondamentale nelle attuali condizioni di rapida evoluzione della qualità degli attivi. Nella maggioranza dei casi questo dato viene fornito una volta l anno, riducendone notevolmente la significatività. Esposizioni per cassa verso clientela: dinamica delle rettifiche di valore Causali/categorie Sofferenze Incagli A. Rettifiche complessive iniziali di cui: esposizioni cedute non cancellate B. Variazioni in aumento B.1 rettifiche di valore B.2 trasferimenti da altre categorie deteriorate B.3 altre variazioni in aumento C. Variazioni in diminuzione C.1 riprese di valore da valutazione C.2 riprese di valore da incasso C.3 cancellazioni C.4 trasferimenti ad altre categorie deteriorate C.5 altre variazioni in diminuzione D. Rettifiche complessive finali di cui: esposizioni cedute non cancellate Esposizioni ristrutturate e scadute Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 20

21 Qualità Attivo: Quantità e qualità delle garanzie (10/10) Il dettaglio e la composizione delle garanzie è disponibile una volta l anno, una frequenza insufficiente per poter valutare l evoluzione del grado di copertura. Sarebbe auspicabile uno spaccato delle garanzie nel mondo corporate. UCG ISP MPS CREDEM CRG Esposizioni totalmente garantite / Totale crediti alla clientela 31% 40% 52% 45% 43% Esposizioni parzialmente garantite / Totale crediti alla clientela 32% 7% 3% 13% 3% Garanzie totali / Esposizioni garantite 1.2X 1.0X 1.0X 1.0X 1.0X UBI BP BPM BPEL CREVAL Esposizioni totalmente garantite / Totale crediti alla clientela 47% 47% 40% 53% 62% Esposizioni parzialmente garantite / Totale crediti alla clientela 12% 7% 7% 10% 5% Garanzie totali / Esposizioni garantite 0.9X 1.0X 1.0X 1.0X 1.0X UCG ISP MPS CREDEM CRG Garanzie immobiliari / Esposizioni totalmente garantite 62% 65% 73% 72% 74% Garanzie immobiliari / Esposizioni parzialmente garantite 53% 9% 9% 51% 14% Garanzie immobiliari / Totale esposizioni garantite 60% 59% 71% 68% 72% UBI BP BPM BPEL CREVAL Garanzie immobiliari / Esposizioni totalmente garantite 76% 63% 71% 67% 64% Garanzie immobiliari / Esposizioni parzialmente garantite 14% 34% 45% 0% 1% Garanzie immobiliari / Totale esposizioni garantite 74% 62% 68% 58% 61% Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 21

22 Capitale Regolamentare: Tier I Capital (1/5) Disclosure sulla metodologia di calcolo del patrimonio di base è molto migliorata. Aree di possibile ulteriore miglioramento: scomposizione dei filtri prudenziali e delle deduzioni. La frequenza della pubblicazione del dettaglio del calcolo potrebbe essere migliorata. Patrimonio di vigilanza consolidato A. Patr. di base prima dei filtri prudenziali B. Filtri prudenziali del patrimonio base: B.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) B.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) C. Patr. di base ante elementi da dedurre (A + B) D. Elementi da dedurre dal patrimonio di base E. Totale patrimonio di base (TIER 1) (C D) F. Patrimonio suppl. ante filtri prudenziali G. Filtri prudenziali del patrimonio suppl.: G.1 Filtri prudenziali IAS/IFRS positivi (+) G.2 Filtri prudenziali IAS/IFRS negativi (-) H. Patr. suppl. ante elementi da dedurre (F + G) J. Elementi da dedurre dal patrimonio supppl. L. Totale patrimonio suppl. (TIER 2) (H I) M. Totale elementi da dedurre N. Patrimonio di vigilanza (E + L M) O. Patrimonio di terzo livello (TIER 3) P. Patrimonio di vigilanza incl. TIER 3 (N + O) Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 22

23 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (2/5) La comparazione dei ratio patrimoniali (Tier I) in 85% 80% Loans / Assets Europa è inficiata dall utilizzo di diverse metodologie di calcolo del patrimonio di base (riserva AFS, minorities) e degli RWA. La comparazione tra banche italiane è inficiata dalla diversa metodologia di calcolo degli RWA. La comparazione tra banche italiane è resa difficoltosa dalla mancanza della scomposizione del portafoglio crediti. 75% 70% 65% 60% 55% 50% 45% 40% 85% 80% 75% 70% 65% 60% UCG ISP MPS UBI BP BPM CRG CE H 09 9M 09 Risk Weighted Assets / Assets 55% 50% 45% 40% UCG ISP MPS UBI BP BPM CRG CE H 09 9M 09 Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 23

24 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (3/5) In un campione di 8 banche vi sono quattro diverse combinazioni di metodologia di calcolo dei rischi di credito e controparte. Il reporting differisce in maniera sostanziale, Metodo di calcolo del requisito patrimoniale 2 4 soprattutto la frequenza: il dettaglio del calcolo degli 1 1 attivi ponderati secondo la Metodologia Standard avviene solo a fine anno, una frequenza insufficiente. STD - B/IRB - A/IRB STD - A/IRB STD - B/IRB STD - ECA/ECAI Frequenza di pubblicazione documento Pillar III 4 4 Trimestrale Semestrale Annuale - Fonte: Elaborazione Mediobanca Securities su dati societari 24

25 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (4/5) Credito Industriale, Leasing, Factoring 10% Imprese 11% Small business 6% Consumer Finance 3% Commercial Real Estate 5% PcT attivi 2% Mutui Residenziali 20% Fonte: IntesaSanpaolo Large Corporate 11% Altro 4% Mid corporate 6% Financial Institutions 2% Leveraged Finance 1% Public Finance 11% Banche Estero 8% Requisito patrimoniale per Rischio di Credito e di controparte Portafoglio regolamentare Esposiz. Req. Patr. Amministrazioni e banche centrali Enti territoriali Enti senza scopo di lucro e sett. pubbl. Banche multilaterali di sviluppo Organizzazioni internazionali Intermediari vigilati Imprese Al dettaglio Garantite da immobili Scadute Ad alto rischio Sotto forma di obbligaz. bancarie garantite A breve termine verso imprese OICR Altre esposizioni Totale requisito patrimoniale 25

26 Capitale Regolamentare: calcolo RWA (5/5) I dati di bilancio (e Pillar III) rendono difficile una stima accurata degli RWA. L impatto su RWA dovuto al passaggio dei portafogli da S-IRB a B-IRB e A-IRB richiede un significativo livello di approssimazione. Requisito patrimoniale per Rischio di Credito e di controparte Portafoglio regolamentare Esposiz. Req. Patr. Amministrazioni e banche centrali Enti territoriali Enti senza scopo di lucro e sett. pubbl. Banche multilaterali di sviluppo Organizzazioni internazionali Intermediari vigilati Imprese Al dettaglio Garantite da immobili Scadute Ad alto rischio Sotto forma di obbligaz. bancarie garantite A breve termine verso imprese OICR Altre esposizioni Totale requisito patrimoniale Metodologia basata sui rating interni - Metodo Avanzato Classe di esposizione Esposiz. Ponderaz. Amministrazioni centrali e banche centrali Intermediari vigilati, enti pubblici e territoriali e altri soggetti Imprese Strumenti di capitale: metodo PD/LGD Strumenti di capitale: metodo della ponderazione semplice Garantite da immobili residenziali: PMI Garantite da immobili residenziali: persone fisiche Rotative al dettaglio qualificate Altre al dettaglio: PMI Altre al dettaglio: persone fisiche Metodologia basata sui rating interni - Metodo Avanzato Classe di esposizione Esposiz. Ponderaz. Esposizioni verso imprese Esposizioni al dettaglio - garantite da immobili Esposizioni al dettaglio - rotative qualificate Altre esposizioni al dettaglio Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 26

27 Conclusioni La lacuna più rilevante dell informativa di bilancio (non compensata dai documenti Pillar III) è la mancanza della scomposizione omogenea del portafoglio crediti. Laddove disponibile, l informativa di bilancio è fruibile e di qualità, ma la frequenza è insufficiente (flussi di crediti problematici, ammontare e scomposizione delle garanzie, RWA). Retail Mutui Casa Residenziali Credito al Consumo Piccoli Operatori Economici Corporate PMI Large Corporate Altro Pubblica Amministrazione Istituzioni Finanziare Altro Totale Consolidato Esposizione Rettifiche credito % Assistita da Garanzie % Esposizione S-IRB RWA S-IRB % Esposizione B-IRB RWA B-IRB % Esposizione A-IRB RWA A-IRB Fonte: Company data, Mediobanca Securities analysis 27

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Risultati dell esercizio 2010. Presentazione alla comunità finanziaria

GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Risultati dell esercizio 2010. Presentazione alla comunità finanziaria GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Risultati dell esercizio 2010 Presentazione alla comunità finanziaria Miro Fiordi Amministratore Delegato Credito Valtellinese Indice 1. Patrimonio clienti e indicatori chiave

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 30 settembre 2013 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Aggiornamento Maggio 2010 Pillar III Report Informativa al Pubblico Aggiornamento Maggio 2010 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 INDICE PREMESSA... - 3 - TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment

Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Risultati Comprehensive Assessment Milano, 27 ottobre 2014 Agenda Sezione 1. Risultati trimestrali al 30 settembre 2014 Sezione 2. Risultati Comprehensive Assessment

Dettagli

L analisi del bilancio della banca

L analisi del bilancio della banca L analisi del bilancio della banca Agenda 2 L analisi del bilancio bancario: alcune considerazioni preliminari L analisi del bilancio bancario L analisi dei bilanci consolidati 2009-2011 del gruppo Unicredit

Dettagli

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015

Risultati di Gruppo. Primo Trimestre 2015 Risultati di Gruppo Primo Trimestre 2015 Principali evidenze del primo trimestre 2015 Prosegue lo sviluppo del Gruppo con una Raccolta da Clientela (Depositi, Raccolta Gestita, Riserve Assicurative e Raccolta

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2012 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations

GRUPPO BIPIEMME. 1 semestre 2012. 29 agosto 2012. Investor Relations GRUPPO BIPIEMME 1 semestre 2012 29 agosto 2012 Investor Relations 1 Agenda 1 Executive summary Risultati consolidati del 1 semestre 2012 Allegati 2 Giugno 2012: aspetti principali (1/2) Ulteriore rafforzamento

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO ALLEGATO 1 VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Servizio Normativa e politiche di vigilanza Divisione Analisi macroprudenziale Settore Impatto della regolamentazione ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI: MODIFICA

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA Si confermano solidi e in crescita gli indici patrimoniali Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 marzo 2015 pari al 12,45% (non include l autofinanziamento di periodo) rispetto al

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

settembre 13 14 novembre 2013

settembre 13 14 novembre 2013 settembre 13 14 novembre 2013 risultati appendici Semestrale 2013 2 sintesi Margine d'intermediazione (mln) Costi operativi (mln) 710,1 737,2 +3,8% 358,4 392,2 +9,4% 449,8 459,4 +2,1% 141,8 143,6 +1,3%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013

Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 Aggiornamento sul Gruppo: Febbraio 2013 1 Appendice B: Gruppo Banco Popolare Banco Popolare: la struttura del Gruppo al 30/09/2012 Holding e Divisioni Territoriali integrate Controllate bancarie nazionali**

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 30 giugno 2013 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III

Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III Banca Popolare dell Etruria e del Lazio s.c. Informativa al Pubblico Pillar III ai sensi delle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche (circolare n. 263 del 27 dicembre 2006) 30 giugno

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Le società finanziarie

Le società finanziarie IV 1 La rilevanza del settore bancario nell economia La stretta interconnessione tra banche ed emittenti sovrani ha continuato a condizionare, anche nel corso del 212, l evoluzione della congiuntura nei

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31 marzo 2013 1 Credito Emiliano Spa Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem 3032 - Società per Azioni Sede Sociale e Direzione: Via Emilia San Pietro

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2015. 13 maggio 2015

Risultati consolidati al 31 marzo 2015. 13 maggio 2015 Risultati consolidati al 31 marzo 2015 13 maggio 2015 Disclaimer Questo documento è stato preparato da Banca Carige S.p.A. a scopi esclusivamente informativi e solo per presentare i principali dati finanziari

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012

INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 DICEMBRE 2012 In ottemperanza alla normative sulla vigilanza prudenziale degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco Speciale di cui all art. 107 del Testo Unico Bancario

Dettagli

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA 1 Riferimenti bibliografici Capitolo 12 e capitolo 15 (parti iniziali) 2 I BISOGNI FINANZIARI DEGLI OPERATORI finanziamento investimento consulenza Gestione rischi Il

Dettagli

Aumenta il numero di imprese clienti, crescono i margini e si rafforzano gli indicatori patrimoniali

Aumenta il numero di imprese clienti, crescono i margini e si rafforzano gli indicatori patrimoniali COMUNICATO STAMPA - PRIMO TRIMESTRE 2013 Aumenta il numero di imprese clienti, crescono i margini e si rafforzano gli indicatori patrimoniali Sommario Primo trimestre 1 gennaio-31 marzo 2013 Incremento

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015

Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie. Napoli, 10 Dicembre 2015 Le sofferenze del credito in Italia Convegno IPE La gestione delle sofferenze bancarie Napoli, 10 Dicembre 2015 Crescita delle sofferenze con importanti impatti su sistema bancario, investimenti e PIL

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma

IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 Giugno 2015 IBL Banca S.p.A. Sede sociale e Direzione Generale Via di Campo Marzio, 46 Roma Capitale Sociale int. vers. Euro 42.500.000,00 Capogruppo del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE

COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE I0717_1 COEFFICIENTI PRUDENZIALI - BANCHE Tipo intermediario B Indicazioni per la predisposizione dell input Il pannello-guida delle scelte aziendali per la soluzione Basilea3 Il pannello-guida delle scelte

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014

Informativa al pubblico. III Pilastro. Anno 2014 Informativa al pubblico III Pilastro Anno 2014 Indice Premessa... 3 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale... 4 Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali... 6 Tavola 3 - Rischio di credito: informazioni

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Milano, 26 agosto 2010 COMUNICATO STAMPA

Milano, 26 agosto 2010 COMUNICATO STAMPA Milano, 26 agosto 2010 The information contained herein is not for publication or distribution in the United States. These materials are not an offer of securities for sale in the United States. The securities

Dettagli

Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese

Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese COMUNICATO STAMPA PRIMO TRIMESTRE 2014 Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese Rispetto a marzo 2013 crescita del +23% del numero di professionisti

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013

Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013. Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 Gruppo Unipol Presentazione dei risultati consolidati al 30 giugno 2013 Carlo Cimbri - Amministratore Delegato Bologna, 8 agosto 2013 PREMESSA E stato completato, entro il termine di un anno previsto dall

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEI NOSTRI MONDI Osservatorio AIM Italia. Milano, 30 Luglio 2015

ALLA SCOPERTA DEI NOSTRI MONDI Osservatorio AIM Italia. Milano, 30 Luglio 2015 ALLA SCOPERTA DEI NOSTRI MONDI Osservatorio AIM Italia Milano, 30 Luglio 2015 1 DISCLAIMER Tutte il materiale che segue è fornito a solo scopo informativo ed è ad uso esclusivo del destinatario, e le informazioni

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli