DOCUMENTO FINALE. DELLA CLASSE V Sezione A. Sperimentazione Progetto Autonomia. Indirizzo: Amministrazione e controllo A.S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO FINALE. DELLA CLASSE V Sezione A. Sperimentazione Progetto Autonomia. Indirizzo: Amministrazione e controllo A.S."

Transcript

1 C O M M E R C I A L E - G E O M E T R A - T U R I S M O L I C E O S C I E N T I F I C O - Opzione SCIENZE APPLICATE Sito : rassi.it e ma i l : e ma i l cer t.: pais Via E merico Fazio, C.F Co d.mecc PAIS02900N Tel Fa x DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE V Sezione A Sperimentazione Progetto Autonomia Indirizzo: Amministrazione e controllo A.S. 2013/2014 Redatto dal Consiglio ai sensi del D.P.R. del 23 luglio 98 n. 323 Palermo, lì 15 Maggio 2014 IL COORDINATORE: Prof.ssa Caterina Di Stefano IL DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof. Giuseppe Li vigni 1

2 SOMMARIO 1. Relazione generale sulla classe 1.1. Composizione della classe e del Consiglio di classe 1.2. Profitto 1.3. Obiettivi educativi-formativi 1.4. Socializzazione 1.5. Partecipazione 1.6. Metodologia insegnamento 1.7. Esperienze didattiche- formative di particolare rilievo 1.8. Attività integrative ed extracurricolari 2. Relazione finale per ciascuna disciplina 2.1. Contenuti 2.2. Metodi usati 2.3. Spazi e tempi utilizzati 2.4. Criteri di valutazione e giudizi di sufficienza 2.5. Valutazione e verifica 2.6. Obiettivi prefissati e conseguiti 3. Scheda informativa relativa alle prove integrate svolte durante l'anno 3.1. Criteri seguiti per la progettazione delle prove integrate 3.2. Scheda informativa relativa alle prove integrate svolte durante l'anno 3.3. Note informative per la predisposizione della terza prova scritta ALLEGATI 1. Relazioni propedeutiche agli esami di stato per l alunno disabile Luca Troia. 2. Relazioni propedeutiche agli esami di stato per l alunno disabile Leonardo Billa. 3. Testo PRIMA PROVA SCRITTA simulazione del 03/03/ Testo SECONDA PROVA SCRITTA prima simulazione del 27/03/ Testo TERZA PROVA SCRITTA prima simulazione del 31/03/ Testo TERZA PROVA SCRITTA seconda simulazione del 12/05/ Testo PRIMA PROVA per l alunno con programmazione ad obiettivi minimi - simulazione del 03/03/ Testo PRIMA PROVA per l alunno con programmazione differenziata - simulazione del 03/03/ Testo SECONDA PROVA per l alunno con programmazione ad obiettivi minimi - simulazione del 27/03/ Testo SECONDA PROVA per l alunno con programmazione differenziata simulazione del 27/3/ Testo TERZA PROVA per l alunno con programmazione ad obiettivi minimi prima simulazione il 31/03/2014, seconda simulazione il 12/05/ Testo TERZA PROVA per l alunno con programmazione differenziata prima simulazione il 31/03/2014, seconda simulazione il 12/05/

3 1.1 Composizione ELENCO DEGLI ALUNNI CHE HANNO FREQUENTATO LA CLASSE V A a. c. COGNOME E NOME CLASSE DI PROVENIENZA 1. Antuash T. Carlos IV A amministrazione e controllo 2. Billa Leonardo IV A amministrazione e controllo 3. Ferraro Dario IV A amministrazione e controllo 4. Iruthayanathar Syan Idoneità alla classe V 5. Kaventera Thanusan Idoneità alla classe V 6. Maltese Ignazio IV A amministrazione e controllo 7. Minore Daniele IV A Comunicazione e Marketing 8. Noto Federica IV A amministrazione e controllo 9. Noto Ivan IV A amministrazione e controllo 10. Patorno Alessandro IV A amministrazione e controllo 11. Pizzo Cristina IV A amministrazione e controllo 12. Rajendran Niruby IV A amministrazione e controllo 13. Salemi Annarita IV classe altro Istituto 14. Salemi Giuseppe IV A amministrazione e controllo 15. Troia Luca IV A amministrazione e controllo 16. Velmurughan Tharsikan IV A amministrazione e controllo 3

4 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE: Disciplina Docente Continuità Commissario interno Italiano Cordaro Gabriella 3, 4, 5 No Storia Cordaro Gabriella 3, 4, 5 No Pianificazione e controllo Gullo Sabrina 3,4, 5 Si Finanza Gullo Sabrina 3,4, 5 Si Matematica Applicata Di Stefano Caterina 3, 4, 5 No Diritto Conti Viviana 5 No Sienza delle finanze Conti Viviana 5 No Inglese Abbadessa Pietro 3,4,5 Si Religione Restifo Loredana 3, 4, 5 No Educazione fisica D Anna Salvatore 3, 4, 5 Si Tecnica Operativa Raimondo Rosanna 3, 4, 5 No Tecnologia dell informazione e Fiduccia Maria 3, 4, 5 No delle telecomunicazioni Docente specializzata Ruscello Silvana 3, 4, 5 No Docente specializzata Marilina 5 No 4

5 1. RELAZIONE GENERALE SULLA CLASSE La classe V sezione A indirizzo amministrazione e controllo, costituita inizialmente da 17 allievi, ne comprende attualmente 16 a seguito del ritiro da parte di un alunno, 13 dei quali provenienti dalla medesima quarta e due alunni con idoneità alla classe quinta conseguita nel nostro Istituto e un alunna proveniente da un altro Istituto. Al suo interno sono presenti due allievi disabili: Billa Leonardo che segue una programmazione differenziata ai sensi dell O.M. n 90 del 21/05/2001; Troia Luca che segue una programmazione per obiettivi minimi. Per questi ultimi si presentano, in allegato, le relazioni propedeutiche agli esami di Stato, e le prove simulate. Nel corso del triennio la classe è stata generalmente disponibile all ascolto e ha frequentato con regolarità le attività scolastiche; anche i rapporti con i docenti sono stati quasi sempre corretti e sereni. Il gruppo classe è stato, nel corso del triennio, molto partecipe nelle attività integrative ed extracurriculari, ma a ciò non sono corrisposti la stessa partecipazione ed impegno nei diversi ambiti disciplinari curriculari. Pochi alunni, infatti, hanno coniugato le capacità con un lavoro serio e metodico, raggiungendo così una preparazione consolidata e si sono distinti dal resto della classe, evidenziando una partecipazione attiva e produttiva nelle varie attività proposte. Con un impegno costante, sono riusciti nell arco del triennio a conseguire una maggiore sicurezza espositiva e una buona capacità di rielaborazione dei contenuti ed ad apprendere le conoscenze disciplinari in modo consapevole e completo. Il resto della classe, sebbene ancora manifesti difficoltà a livello argomentativo ed espressivo, si è impegnato per correggere i difetti di metodo e compensare il rendimento non sempre sufficiente di alcuni settori di apprendimento, raggiungendo una preparazione mediamente appena sufficiente, pur se ancora caratterizzata da qualche lacuna settoriale In questo ambito, alcuni alunni hanno manifestato, invece, attenzione spesso incostante, partecipazione al dialogo educativo non sempre costruttiva e frequenza piuttosto irregolare, nonostante le sollecitazioni e la disponibilità dei docenti. Ciò ha comportato 5

6 l amplificazione delle lacune di base e di metodo e un profitto, nell ultimo anno, non soddisfacente.. Il profitto complessivo si attesta su livelli diversificati e il livello raggiunto da alcuni è sicuramente positivo. La continuità didattica è stata interrotta nel passaggio dalla 4^ alla 5^ classe per la disciplina Diritto e Scienza delle finanze. Gli alunni all inizio dell anno hanno subìto un leggero disorientamento per il cambio inatteso dell insegnante di Diritto, pertanto per i primi mesi dell anno il programma di tale disciplina è stato rallentato per permettere a tutti l adattamento al nuovo metodo della docente. Nel primo periodo dell anno scolastico, dunque, quasi tutti hanno avuto una leggera flessione nello studio e nel profitto di tale disciplina. 1.2 Profitto Media del profitto globale conseguito dalla classe allo scrutinio di giugno nel 4 anno : promossi con debito 30% promossi con media dei voti sufficiente 39%, promossi con media dei voti discreto il 19% non promossi 12% Numero degli allievi con giudizio sospeso a conclusione del 4 anno: cinque Media del profitto globale della classe nel 5 anno (risultato scrutinio 1 quadrim.): mediocre per il 60% discreto per il 20% insufficiente per il 30% Andamento del profitto nel corso dell'anno: Il profitto complessivo si attesta su livelli diversi e si ripete comunque che i risultati raggiunti da alcuni sono sicuramente discreti. 6

7 1.3 Obiettivi educativi-formativi Durante il corso dell anno scolastico il C. d C. ha perseguito i seguenti obiettivi trasversali, finalizzati a un azione costante di orientamenti e riequilibri culturali e articolati su tre differenti livelli: Il livello personale volto a: Stimolare la coscienza di sé in relazione all altro; Promuovere la riflessione critica. Il livello sociale per: Esplorare i diversi percorsi della comunicazione anche attraverso l espressione artistica, creativa e sportiva; Promuovere la consapevolezza della sistematicità dell ambiente e i comportamenti eco-compatibili; Promuovere il senso civico e della legalità; Promuovere la cultura delle pari opportunità; Promuovere la cultura del rispetto delle diversità. Il livello di competenza specifica per: Potenziare la formazione linguistica in una dimensione europea e interculturale; Potenziare i contenuti e le competenze d indirizzo; Guidare all uso di strumenti informatici; Orientare al mondo del lavoro attraverso l acquisizione di competenze specifiche Verifica e valutazione I docenti, per quanto riguarda i criteri di valutazione e le verifiche della classe, hanno fatto prove periodiche di vario genere (conduzione dialogica della lezione, interrogazioni, elaborati scritti, prove strutturate e semistrutturate, lavori di ricerca, produzioni individuali e di gruppo, relazioni). La valutazione ha tenuto conto dei risultati delle prove sommative e di altri elementi quali: la frequenza, il rispetto delle regole, la puntualità delle consegne, la partecipazione attiva al dialogo didattico-educativo. I Docenti del Consiglio hanno utilizzato i parametri di valutazione degli apprendimenti e del comportamento qui di seguito evidenziati: 7

8 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI Giudizio Indicatori Descrittori Voto Eccellente Ottimo Distinto Conoscenze Ampie, complete, senza errori, particolarmente approfondite 10 Abilità e Competenze Autonomia e sicurezza nell applicazione anche in situazioni nuove. Esposizione rigorosa, ricca, ben articolata. Capacità di sintesi, esposizione ben articolata. 9 Conoscenze Complete, corrette, approfondite. 8 Abilità e Competenze Precisione e sicurezza nell applicazione in situazioni via via più complesse. Esposizione chiara, precisa e articolata. Capacità di sintesi. Buono Conoscenze Corrette, ordinate, strutturate nei nuclei fondamentali. 7 Abilità e Competenze Applicazione sostanzialmente sicura in situazioni note. Esposizione chiara abbastanza precisa, lineare. Sintesi parziale. Sufficiente Conoscenze Sostanzialmente corrette, essenziali. 6 Abilità e Competenze Applicazione senza gravi errori in situazioni semplici. Esposizione semplificata, sostanzialmente corretta, parzialmente guidata. Non sufficiente Conoscenze Parziali dei minimi disciplinari, ma tali da consentire un graduale recupero. 5 Abilità e Competenze Applicazione guidata ma ancora incerta, ma in miglioramento rispetto alle situazioni di partenza. Esposizione ripetitiva e imprecisa Insufficiente Conoscenze Frammentarie, lacunose anche dei minimi disciplinari. 4 Abilità e Competenze Applicazione scorretta con gravi errori, incompletezza anche degli elementi essenziali. Esposizione scorretta, frammentata, povertà lessicale. Gravemente insufficiente Conoscenze Praticamente assenti 3 Abilità e Competenze Applicazioni e analisi gravemente scorrette, o inesistenti. Esposizione gravemente scorretta, confusa. 8

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI Frequenza regolare discontinua saltuaria Comportamento Responsabile e maturo corretto Poco responsabile/scorretto Interesse/partecipazione alla vita di classe Vivo/ partecipativo Sufficiente/settoriale insufficiente Impegno assiduo Discontinuo/limitato insufficiente CREDITO SCOLASTICO L'attribuzione del credito scolastico è avvenuta sulla base degli elementi valutativi di cui all'art. 11 comma 2 del DPR 23 luglio 1998 n 323, modificata dal DM n 42/2007, che tiene conto dei seguenti elementi: profitto, assiduità nella frequenza, interesse e impegno, partecipazione degli alunni alle attività complementari e integrative, collaborazione all'area di progetto, lavori di ricerca, capacità di utilizzazione software applicativi, approfondimento di contenuti tematici. CREDITO FORMATIVO L'attribuzione del credito formativo è stato calcolato secondo i criteri stabiliti dal DM 24/02/2000 art. n 1 comma 2, tiene conto dei seguenti risultati: essere indipendenti dalla programmazione scolastica; essere debitamente documentati da enti accreditati ed essere prolungati nel tempo; essere attinenti alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale. 9

10 Inoltre le voci utilizzate per una più congrua e concreta attribuzione del suddetto credito sono: Stage, tirocini formativi ed esperienze di lavoro, esperienze di volontariato nel campo artistico e sportivo, concorsi su temi attinenti il titolo di studio, titoli che attestino competenze aggiuntive e/o complementari al corso di studio, partecipazione a progetti extracurriculari. 1.6 Metodologia d insegnamento Nel corso dell anno, ciascun docente della classe ha scelto il metodo che ha ritenuto più opportuno per raggiungere gli obiettivi prefissati all inizio dell anno scolastico. Comunque tutti i docenti hanno concordato nel preferire le metodologie attive, (lezioni frontali ed interattive, problem- solving, lezioni integrative con audiovisivi, ricerche di documenti in internet, guida nell uso del libro di testo e nella rielaborazione organica dei contenuti, esercitazione di comprensione, di analisi, di sintesi, schematizzazioni, lavori di gruppo, ricerche e organizzazione d informazioni e dati, organizzazione e verifica quotidiana del metodo di studio e dell apprendimento ecc..) cioè tutte quelle metodologie che hanno coinvolto maggiormente l alunno in prima persona. 1.7 e1.8 Esperienze didattiche e formative; Attività integrative ed extracurriculari Nel corso del triennio gli alunni hanno partecipato ad alcune esperienze progettuali fra le quali: - Progetto E-stimo la matematica (a.s. 2011/12) - Progetto PON Competenze per lo sviluppo C5 - Fare impresa fra sviluppo e legalità con stage di tre settimane presso la cooperativa Liberamente di Partinico, aderente alla rete dell associazione Libera, che opera riutilizzando beni confiscati alla criminalità organizzata a fini produttivi e sociali (a.s. 2011/12) - Progetto In- formati da una buona idea a una buona impresa, percorso formativo volto alla diffusione della cultura imprenditoriale in collaborazione con Unicredit e Consorzio Arca (a.s 2012/13 e 2013/14) - Progetto Murales della memoria, percorso formativo mirato alla sensibilizzazione alla cultura della legalità e della cittadinanza attiva con realizzazione di un murales della memoria e organizzazione di una giornata della memoria in ricordo delle vittime delle mafie ( a.s 2012/13) - Progetto Bowling - Viaggio di istruzione a Budapest dal 29 aprile al 3 maggio

11 2. RELAZIONE FINALE SULLA DISCIPLINA: MATEMATICA APPLICATA A. S. 2013/14 - CLASSE 5^A a.c. - Prof. Di Stefano Caterina Libro di testo adottato: Matematica con applicazioni informatiche 3, autori: Annamaria Gambotto Manzone-Bruna Consolini Ed. Tramontana 2.1 Contenuti sotto forma di macro-argomenti : Studio di funzione reale in una variabile reale Funzioni reali di variabile reale: classificazione, campo di esistenza. Continuità. Asintoti (orizzontali, verticali, obliqui). Derivata di funzioni elementari e composte. Teoremi calcolo differenziale (Rolle, Lagrange, De l Hospital) Funzioni crescenti e decrescenti, ricerca dei punti di massimo e minimo. Concavità e convessità di funzioni, ricerca dei punti di flesso. Diagramma di funzioni razionali, intere e fratte. Cenno alle funzioni in due variabili: classificazione, campo d esistenza. Derivate parziali. Calcolo del massimo e del minimo col metodo dell Hessiano. Funzioni economiche dal punto di vista matematico: costo, ricavo, utile, domanda, offerta, prezzo d equilibrio in un mercato di libera concorrenza. Ricerca operativa: storia della ricerca operativa, classificazione dei problemi di scelta. Stilare il modello matematico. Calcolare il minimo costo ed il massimo utile in un problema di scelta. Risolvere i problemi delle scorte 2.2 Metodi usati: L insegnamento è stato attuato con lezioni frontali e lezioni interattive facendo riferimento, per quanto possibile, ad aspetti concreti. Ad una approfondita trattazione teorica, si è privilegiata una graduale e articolata applicazione pratica, con esercizi mirati prima alla comprensione dei concetti introdotti e poi a sviluppare le capacità logiche dello studente e a favorire abilità di calcolo e padronanza degli strumenti matematici. Pur nel limitatissimo orario settimanale, gli esercizi ed i problemi proposti sono stati svolti alla lavagna dall insegnante o dagli alunni guidati dalla stessa, al fine di indirizzare gli studenti verso metodi risolutivi più semplici ed efficaci. Sono state svolte anche attività di recupero e potenziamento volte a richiamare e chiarire conoscenze teoriche e modalità di applicazione di procedure non del tutto acquisite o assimilate. Molta attenzione è stata dedicata alla risoluzione dei problemi con l aiuto informativo, i software utilizzati: excel e il derive 2.3 Spazi e tempi utilizzati: aula, laboratorio informatico Tempi impiegati per lo svolgimento dei macro-argomenti: Il piano di studi prevede quattro ore settimanali. I tempi impiegati (lezioni, verifiche, recupero, potenziamento, compresi ) Studio di funzione 50 ore Funzioni in due variabili 22 ore Funzioni economiche dal punto di vista matematico 24 ore Ricerca operativa 36 ore 11

12 2.4 Criteri di valutazione e giudizio di sufficienza: Nella riunione per materia ad inizio d anno sono stati stabiliti i seguenti criteri di valutazione: Sufficiente: lo studente possiede una conoscenza completa ma non approfondita di tutti gli argomenti, applica senza errori le conoscenze in compiti semplici, anche se in modo mnemonico. Discreto: lo studente possiede una conoscenza completa di tutti gli argomenti, sa applicare i contenuti e le procedure acquisite rivelando qualche imprecisione o incertezza. Buono: lo studente possiede una conoscenza approfondita dei vari argomenti, applica le procedure e le conoscenze in problemi anche complessi senza commettere errori o imprecisioni, inoltre sa organizzare in modo autonomo e completo le proprie conoscenze. Ottimo: lo studente oltre alle abilità del grado precedente possiede la capacità di effettuare valutazioni autonome, complete ed approfondite. Insufficiente: lo studente possiede informazioni frammentarie e superficiali, che utilizza in modo non sempre pertinente, dimostra difficoltà nell affrontare i problemi proposti, pur orientandosi con la guida dell insegnante, si esprime in forma non sempre appropriata. Gravemente insufficiente: lo studente dimostra di avere gravi lacune nella conoscenza degli argomenti svolti e commette gravi errori, si esprime in modo frammentario ed improprio, denota difficoltà a condurre un ragionamento logico. Strumenti di valutazione, tipologia delle verifiche e tempo assegnato per lo svolgimento: interrogazioni e verifiche scritte, (test, quesiti a risposta multipla, risoluzione di semplici esercizi, ) mirate alla risoluzione di problemi o all individuazione dell opportuno modello matematico. Ciascuna verifica è stata riferita a tutti gli argomenti svolti fino al momento della prova. Il tempo a disposizione degli alunni è sempre stato di un ora di lezione o di due ore, nei giorni di laboratorio informatico. 2.5 Nella valutazione delle prove si è tenuto conto : a) del grado di conoscenza dello specifico argomento, ovvero: - conoscenza dei contenuti e delle regole - applicazione corretta degli algoritmi di calcolo - uso appropriato del linguaggio - coerenza logica b) della capacità di rielaborazione personale: - svolgimento ben organizzato - ricerca del percorso ottimale di risoluzione Anche l attenzione e la partecipazione durante l attività didattica è stata considerata strumento di valutazione. 2.6 Obiettivi prefissati e conseguiti Lo studente deve sapere: individuare situazioni suscettibili di matematizzazione e prospettarne risoluzioni ; analizzare un problema valutandone gli elementi significativi; utilizzare un linguaggio preciso ed efficace; utilizzare correttamente le conoscenze specifiche; utilizzare i linguaggi specifici della matematica avvalendosi di simboli e rappresentazioni grafiche. 12

13 Gli obiettivi sono stati conseguiti in relazione alle capacità e all impegno di studio personali. La quasi totalità degli allievi ha partecipato all attività didattica con un aperto e costruttivo dialogo con l insegnante e con un attivo coinvolgimento alle lezioni, intervenendo per avere chiarimenti e cogliere le correlazioni tra i vari argomenti. 2. RELAZIONE FINALE SULLE DISCIPLINE: ITALIANO, STORIA A. S. 2013/2014 CLASSE 5^ A a. c. Prof. M.Gabriella Cordaro LIBRI DI TESTO ADOTTATI: M. Sambugar G. Salà GAOT + 3 vol.. G. Gentile L. Ronga STORIA & GEOSTORIA 5 vol. tomo A+B 2.1. CONTENUTI : OBIETTIVI ITALIANO PRESENTARE GLI AUTORI E IL CONTESTO STORICO-LETTERARIO. COLLEGARE GLI AUTORI E GLI EVENTI STORICI, CULTURALI DEL PERIODO. LEGGERE E COMPRENDERE I TESTI LETTERARI PROPOSTI. POTENZIARE LE CAPACITA' DI ANALISI E DI SINTESI SUI TESTI LETTERARI PROPOSTI INDURRE GLI ALUNNI AD ESPORRE I CONTENUTI IN MODO CORRETTO, UTILIZZANDO UN LINGUAGGIO SPECIFICO, CHIARO E SCORREVOLE. SAPERE PRODURRE E RIELABORARE I CONTENUTI IN MODO CHIARO, APPROFONDITO ED AUTONOMO. STORIA DELLA LETTERATURA ITALIANA Cenni sul Preromanticismo, Romanticismo e Neoclassicismo. Unità 1 Unità 2 Unità 3 La poetica di U. Foscolo La poetica di G. Leopardi La poetica di A. Manzoni Dal Positivismo alle Avanguardie Unità 1 L'economia e la società Il quadro economico Il quadro sociale Unità 2 Le idee e la cultura Il Positivismo, nuovo indirizzo di pensiero La critica al Positivismo La nascita della psicanalisi e Freud Le filosofie della vita: l'intuizionismo di H. Bergson Unità 3 Le poetiche e la letteratura Il Naturalismo Il Verismo La reazione al Naturalismo 13

14 Il romanzo naturalista e verista Unità 1 Nasce il romanzo L'influsso del naturalismo sulla letteratura Il romanzo verista italiano Giovanni Verga Unità 1 La vita, le opere, il pensiero La formazione e le opere giovanili Dal Romanticismo al Verismo Unità 2 La poetica e le tecniche narrative Le strategie narrative di Verga La visione della vita nella narrativa di Verga La poesia tra Ottocento e Novecento Unità 1 La lirica europea dal Simbolismo alle Avanguardia Il Simbolismo francese Unità 2 La lirica italiana tra Ottocento e Novecento Il Decadentismo italiano Unità 1 Unità 2 Unità 3 Gabriele D'Annunzio La vita, le opere, il pensiero e la poetica Gli studi e L'estetismo decadente delle opere giovanili La leva militare e il successo europeo il superamento dell'estetismo e il mito del superuomo Il mito del superuomo e l'impegno politico Il teatro e l'incontro con Eleonora Duse Dall'estetismo al panismo Il periodo francese Le imprese belliche e il ritiro al Vittoriale La narrativa della crisi Unità 1 L'età della crisi ( ) J. K. Huysmans O. Wilde: aspetti di un confronto Unità 2 Unità 1 L'estetismo di D'Annunzio Huysmans Wilde D'Annunzio: aspetti di un confronto Luigi Pirandello La vita, le opere e il pensiero e la poetica L'infanzia difficile, gli studi e la prima produzione Le novelle e i romanzi 14

15 Unità 2 La rivoluzione teatrale Il teatro I suddetti autori sono stati approfonditi dalla lettura, comprensione e analisi dei testi, sebbene parziali, presenti nell'antologia in uso, come qui di seguito elencati : E. ZOLA da IL romanzo sperimentale Osservazione e sperimentazione. G.VERGA da I Malavoglia La famiglia Malavoglia, La tempesta in mare, L' arrivo e l'addio di 'Ntoni da Novelle rusticane La roba da Mastro-don Gesualdo L'addio alla roba,la morte di Gesualdo. O.WILDE da Il ritratto di Dorian Gray Lo splendore della giovinezza. G. D'ANNUNZIO da Il piacere Il verso e' tutto, Una guarigione incerta. L.PIRANDELLO da L'umorismo Il sentimento del contrario da Il fu Mattia Pascal Cambio treno, Io e l'ombra mia da Uno, nessuno e centomila Filo d'aria da Sei personaggi in cerca d'autore I personaggi non si riconoscono negli attori. N.B. Alla data odierna, come è noto, non risultano svolti alcuni argomenti, come Italo Svevo ( la vita, le opere, la poetica), gli ermetici: essi saranno svolti da questo momento fino alla chiusura dell'anno scolastico. Tali argomenti saranno altresì completati dalla lettura, comprensione e analisi dei testi, sebbene parziali, presenti nell'antologia in uso CONTENUTI STORIA OBIETTIVI PRESENTARE GLI EVENTI E COLLEGARLI TRA LORO. INDURRE GLI ALUNNI AD ESPORRE I FENOMENI STORICI CON UN LINGUAGGIO SPECIFICO E CORRETTO. STIMOLARE OGNI SINGOLO ALUNNO A COLLEGARE IL CONTESTO STORICO E LE COMPONENTI SOCIALI, ECONOMICHE, POLITICHE E CULTURALI. CENNI SUI SEGUENTI ARGOMENTI : NAPOLEONE BONAPARTE DAL GOVERNO DEL DIRETTORIO ( ) AL SUO IMPERO ( ). RESTAURAZIONE E OPPOSIZIONI, I MOTI DEGLI ANNI VENTI E TRENTA, I MOTI RIVOLUZIONARI DEL 1848, L'UNIFICAZIONE ITALIANA E TEDESCA, L'ITALIA NELL'Età DELLA DESTRA E DELLA SINISTRA STORICA, LA SOCIETA' INDUSTRIUALE E L'IMPERIALISMO; LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE All'alba del Novecento Unità 1 Unità 2 STORIA Società di massa Che cos'è la società di massa Il dibattito politico e sociale Nazionalismo, razzismo, irrazionalismo L'età giolittiana 15

16 Unità 3 I caratteri generali dell'età giolittiana Il doppio volto di Giolitti Tra successi e sconfitte La prima guerra mondiale Cause e inizio della guerra L'Italia in guerra La grande guerra I trattati di pace Unità 4 Unità 5 La rivoluzione russia L'impero russo nel XIX secolo Le tre rivoluzioni La nascita dell'urss L'URSS di Stalin Il primo dopoguerra I problemi del dopoguerra Il biennio rosso (1919/20) Dittature, democrazie e nazionalismi L'età dei totalitarismi Unità 1 L'Italia tra le due guerre: il fascismo La crisi del dopoguerra Il biennio rosso in Italia La marcia su Roma La dittatura L'Italia fascista L'Italia antifascista Unità 2 La crisi del 1929 Gli anni ruggenti il Big Crash Roosevelt e il New Deal Unità 3 La Germania tra le due guerre: il nazismo La Repubblica di Weimar La fine della Repubblica di Weimar Il nazismo Il Terzo Reich N.B. Nel presente programma di storia, svolto fino al 15 di maggio, non risultano svolti alcuni argomenti come la seconda guerra mondiale e il secondo dopoguerra; essi saranno svolti da questo momento fino alla chiusura dell'anno scolastico con relativi dibattiti e approfondimenti nel gruppo classe METODOLOGIA Durante l'anno scolastico sono state utilizzate le seguenti modalità di mediazione didattica: spiegazione, dibattito in classe, lavori di ricerca, questionari di autovalutazione, lettura e analisi dei 16

17 testi in uso SPAZIO E TEMPI UTILIZZATI In aula, durante il corso dell' anno, largo spazio è stato dato agli argomenti della storia della letteratura insieme alla lettura dei testi corrispondenti agli autori studiati, oggetto di riflessione di dibattito della docente e degli alunni CRITERI DI VALUTAZIONE E GIUDIZIO DI SUFFICIENZA Nella riunione per materia, ad inizio dell' anno scolastico, sono stati stabiliti i seguenti criteri di valutazione: Sufficiente: l' alunno possiede una conoscenza completa ma non approfondita degli argomenti trattati, anche se l' esposizione scritta e orale risulta, talora, poco elaborata, più mnemonica. Discreto: l' alunno possiede una conoscenza completa degli argomenti; l' esposizione scritta e orale, accettabile, mostra qualche imprecisione. Anche la comprensione dei testi letterari è discreta. Buono: l' alunno possiede una conoscenza approfondita degli argomenti studiati; espone i contenuti sia scritti che orali, senza commettere errori o imprecisioni; inoltre organizza le sue conoscenze in modo autonomo e concreto. Si sa orientare nella comprensione e nell' analisi dei testi letterari. Ottimo: l' alunno, oltre alle abilità del grado precedente, possiede significative capacità di effettuare valutazione autonome, complete ed approfondite. Insufficiente: l' alunno possiede informazione frammentarie e superficiali; espone sia nella produzione scritta che in quella orale, mostrando difficoltà, pur guidato dalla docente; si esprime in forma non adeguata. Gravemente insufficiente: l' alunno mostra gravi lacune nella sua preparazione; non conosce gli argomenti svolti; si esprime in modo frammentario e impreciso sia nella produzione scritta che in quella orale; sovente si confonde. E' disorientato nella comprensione, seppure elementare, dei testi letterari VALUTAZIONI E VERIFICA Le verifiche sono state sia scritte, sia orali; si sono curate in particolare le capacità discorsive e quelle linguistico-espressive. Nella valutazione si è tenuto conto della partecipazione degli alunni al dibattito didattico-educativo; si è altresì tenuto conto delle conoscenze e delle competenze acquisite dagli allievi in seno ad ogni argomento, grazie anche ai lavori di ricerca, materiale in fotocopie, effettuati soprattutto per alcuni argomenti Risultati raggiunti Il percorso formativo della classe è da ritenersi positivo. All'interno della stessa è possibile distinguere due gruppi di alunni: il primo, meno numeroso, ha seguito le lezioni con adeguato interesse, conseguendo una preparazione storico-umanistica più che sufficiente, grazie ad un metodo di studio adeguato e ad un impegno costante; l'altro, più folto, presenta una preparazione globalmente sufficiente, a causa di una frequenza e di una partecipazione non sempre costanti al dibattito didattico-educativo, e di un metodo di studio non del tutto appropriato. Alla data di oggi, la classe comunque nel complesso presenta un rendimento accettabile, grazie a discrete capacità di elaborazione e di sintesi, proprie di alcuni alunni. E', tuttavia, da rilevare che, per quanto accettabile il livello di preparazione generale del gruppo classe, alcuni hanno mostrato qualche difficoltà nel collegamento degli eventi storico-letterari e nell'analisi dei testi antologici proposti; anche le capacità lingui-stico- espressive di molti risultano modeste. Infine, per quanto riguarda gli alunni disabili, si fa presente che essi hanno seguito la programmazione differenziata, presentata dalla collega specializzata, qui di seguito allegata al presente documento. Materia: Diritto Pubblico 17

18 Docente: Prof.ssa Conti Saveria Viviana Libro di testo adottato: Zagrebelsky - Elementi di diritto pubblico - Le Monnier Scuola Obiettivi conseguiti: Conoscenza dei principali istituiti di democrazia parlamentare Conoscenza della separazione dei poteri e della concreta realizzazione dell'ordinamento italiano Sapere distinguere le forme di Stato e di governo Capacità di esporre i concetti appresi utilizzando una corretta terminologia giuridica Contenuti: Il cittadino e la Costituzione Le garanzie costituzionali Lo Stato: le forme di Stato e le forme di governo La democrazia Gli organi costituzionali Metodi di insegnamento: Lezione frontale, lezione interattiva, lavoro di gruppo Mezzi e strumenti di lavoro: _Testo in adozione, quaderno di laboratorio, la Costituzione, quotidiani Strumenti di verifica: Interrogazioni dialogate, prove strutturate, colloqui orali, discussioni, commento di testi 18

19 Materia: Scienza delle finanze Docente: Prof.ssa Conti Saveria Viviana Libro di testo adottato: Rosa Maria Vinci Orlando- Scienza delle Finanze- Tramontana Obiettivi conseguiti: Conoscere i principali regolatori dell'attività finanziaria Conoscere i modi di reperimento e utilizzazione delle risorse necessarie allo Stato per svolgere i propri compiti Comprendere il ruolo delle entrate pubbliche e della spesa pubblica quali strumenti di programmazione e pianificazione della piena occupazione Contenuti: L'attività finanziaria dello Stato La politica delle entrate e il sistema tributario italiano Politica d'intervento dello Stato Metodi d'insegnamento: Lezione frontale, lezione interattiva induttiva e deduttiva Mezzi e strumenti di lavoro: Testo in adozione, schede di sintesi, ricerche su Internet. Strumenti di verifica: Interrogazioni dialogate, prove strutturate 19 PROGRAMMA DI INGLESE A. S. 2012/13 - CLASSE 5^A Amm. e Controllo Prof. Pietro Abbadessa Libro di testo adottato: Business Globe ed.petrini Programma svolto al 15/05/2014 : INTERNATIONAL TRADE: (p.13-17) International Trade Visible and Invisible Trade The Balance of Trade and the Balance of Payment Restrictions on International Trade WTO and Trading Blocs WORLD ECONOMIES: (p.10-11) Types and Roles of the Economic Systems The Free Market The Planned System

20 The Mixed Economy BANKING: (p ) The Central Bank (Da fotocopia) Investment Banks(Da fotocopia) Retail Banks(Da fotocopia) Banking today ATMs Internet Banking Fraud BRITISH ECONOMY: (p ) Economic performance (con grafici) Trade (con grafici) Britain's major trading partners (con grafici) Energy resources Industries Services BRITISH INSTITUTIONS: (p ) Political structure Political parties The Constitution Legislative Branch (Monarchy-Parliament) Government and Cabinet The Government THE EUROPEAN UNION: ( ) The EU at a glance-profile A Timeline of the EU (the Treaties) The Euro The Main Institutions Metodologia usata: Articolazione U.D. 1 Warm up, presentazione e ascolto del nuovo lessico attraverso il testo di riferimento 2 Individuazione,analisi e riutilizzo delle principali funzioni e strutture linguistiche. 3 Riflessione grammaticale e rielaborazione personale dei dati acquisiti. 4 Individuazione del lessico specifico e/o delle principali informazioni. 5 Rielaborazione orale delle informazioni acquisite Metodologia e strategie di lavoro Domande per cogliere il senso generale e le informazioni principali sui nuovi argomenti. Lezione interattiva, lavoro di coppia, di gruppo, lavoro individuale. Lezione interattiva, lavoro di coppia, di gruppo, attività individuale. Lezione interattiva, lavoro di coppia, di gruppo, lavoro individuale. Lezione interattiva, lavoro di coppia, di gruppo, attività individuale. Strumenti di lavoro e sussidi: 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli