Linee programmatiche del Sindaco Cristiano Erriu

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee programmatiche del Sindaco Cristiano Erriu"

Transcript

1 M.U:GATO AU.A OC--L~~. e.e. w 1.q OE=I... j g. G { ~ Comune di Santadi Riunione di Consiglio comunale del 18 giugno 201 O Linee programmatiche del Sindaco Cristiano Erriu Signori Consiglieri Comunali ho la responsabilità di presentare alla vostra discussione. in questa seduta consiliare, gli indirizzi generali e le linee programmatiche del Sindaco e della nuova Giunta Comunale, espressione di un maggioranza consiliare a sua volta frutto di un risultato elettorale chiaro. Ritengo però che prima sia necessario e doveroso, da parte mia, esprimere un personale apprezzamento ed un particolare e preliminare compiacimento. Tutti i candidati, nelle varie liste, si sono cimentati nel confronto elettorale con particolare impegno per ascoltare i cittadini e le loro espressioni civili, culturali e politiche, per colmare deficit di rapporto con la cittadinanza, per sforzarsi di conciliare interessi particolari ed interessi generali, bisogni individuali e progetti collettivi. Occorre cioè dare atto che vi è stato in questa campagna elettorale, da parte di tutti, uno sforzo di rinnovamento della politica che questa Amministrazione, questa maggioranza, intende gelosamente salvaguardare e sviluppare. impegnandosi ad affermare sempre più diritti e responsabilità, ed ad individuare azioni amministrative e di governo confacenti a questa visione, assumendo nel suo operare i valori della trasparenza e della responsabilità, della partecipazione dei cittadini, della creazione di nuovi spazi di intervento e di scelta, di un'impostazione amministrativa che si sostanzi in forme aperte e feconde di ascolto, di dialogo, di collaborazione con i cittadini, con i corpi sociali intermedi, con le famiglie, le imprese, le associazioni, con l'intera società e le istituzioni locali. Il documento programmatico che oggi presentiamo alla discussione del Consiglio comunale nelle sue linee generali, poggia dunque su basi non effimere bensì su linee che riteniamo essere sufficientemente condivise, frutto della volontà comune di proporre alla nostra comunità risposte di governo che riteniamo adeguate alle nuove domande ed alle nuove sfide Risposte che vengono da più soggetti, più culture, più ispirazioni ma volte a costruire un tessuto comune di azioni ed una definita visione di governo del nostro paese e del nostro territorio. Una visione capace di avere respiro strategico e di coniugare una rinnovata coesione sociale ed uno sviluppo economico sostenibile valorizzando al massimo 1 rìsuli.at1 raggiunti be1 passato. e capace anche però d1 costituire un valore aggiunto per Santadi e per il necessario supporto alle sue d narr.1che ed a 1rn t- sogni ~ 1 l'h::e p1c1 oramma~r'he Jef S1 1 1dév 1.. Cris: a'lc Em (.- l

2 Durante la campagna elettorale abbiamo conosciuto i volti e ascoltato le voci di centinaia di cittadini. Siamo orgogliosi del senso di appartenenza e dello spirito di collaborazione che i santadesi hanno dimostrato e dimostrano al proprio paese. Siamo consapevoli che questo patrimonio civile è frutto del lavoro e dell'impegno di molte persone: dall'anziano del centro sociale, all'imprenditore che si mette in gioco per un progetto, al giovane impegnato nell'associazionismo, alla casalinga che lavora in silenzio, al disoccupato. Questi volti e queste voci hanno guidato la riflessione sulle linee strategiche che oggi proponiamo a questo consiglio, di cui abbiamo la massima considerazione, e che vogliamo proporre anche alla nostra comunità santadese tutta intera. Siamo partiti, ovviamente, dal programma politico-amministrativo che la lista insieme ha sottoposto al giudizio dell'elettorato e che rappresenta il cuore delle linee programmatiche. Ma abbiamo tenuto conto dei tantissimi contributi e delle molte osservazioni che ci sono state sottoposte dai cittadini durante la campagna elettorale. E abbiamo anche voluto dare una lettura attenta dei programmi delle liste a noi contrapposte che abbiamo valutato con spirito libero e con attenzione, nella consapevolezza che le questioni amministrative e i problemi da affrontare non hanno colore politico, non sono né di destra né di sinistra. Sono questioni che stanno là a guardarci e a provocare la nostra intelligenza, la nostra capacità di risposta e a stuzzicare la nostra capacità di trovare soluzioni positive pur tra mille problemi e in condizioni di progressiva limitatezza di risorse a disposizione degli enti locali. Abbiamo molti fronti su cui concentrare la nostra attenzione e il nostro lavoro programmatorio. La valorizzazione integrale del nostro territorio, che sappiamo essere particolarissimo, di natura policentrica, con un bel Centro abitato e con tante periferie di identica dignità. La necessità di aggiornare gli strumenti di programmazione per adeguarli alle nuove sfide di pianificazione condivisa. La realizzazione di un vero ed efficace allargamento dei processi di consultazione democratica per rendere le decisioni sempre più vicine ai bisogni della cittadinanza. Il desiderio di vedere finalmente funzionanti e pienamente utilizzati i diversi impianti e il patrimonio di proprietà comunale che sono al momento parzialmente o totalmente inutilizzati. L'orgoglio e la speranza di vedere rinascere a Santadi una vera e moderna economia del bosco con le tante filiere produttive e di servizi ad essa collegate o collegabili. La realizzazione di una nostra rdea di economia della cultura basata sulla valorizzazione in chiave economica delle numerose emergenze archeologiche e ambientali che sono present in gran misura nel nostro territorio Lmee programmauclle oe Smda"o Cnsuano Emu I ( \'- 2 -\

3 L'idea di sostenere i processi di creazione di nuove imprese, soprattutto giovanili, e di servizio alle imprese esistenti. Su questi obiettivi e su molti altri, altrettanto rilevanti, ci sentiamo impegnati a lavorare nei prossimi anni di durata del mandato elettorale. Portando avanti, in modo intenso e diffuso, il metodo del dialogo, della cooperazione, della concertazione, della reciproca assunzione di responsabilità, come modalità imprescindibile della formazione del consenso e dei processi decisionali, come risultato e come fattore di ricchezza della dialettica tra istanze diverse. Il nostro dialogo con le opposizioni sarà costruttivo senza chiusure preconcette. Auspichiamo altrettanta disponibilità al dialogo pur nel rispetto delle rispettive funzioni, dei diversi compiti e dei differenti piani di responsabilità amministrativa. Allo stesso modo avvieremo un dialogo con i Comuni e gli enti con i quali la nostra amministrazione si troverà ad interagire, nella consapevolezza che la soluzione di molti problemi del nostro Comune si dovranno ricercare in un ambito che è sovracomu nale. Questo metodo di lavoro, per questa maggioranza, è un tutt'uno con la nostra visione del paese e del territorio, convinti come siamo di dover contribuire ad affermare in questo una forma di autonomia e di autogoverno della comunità che è l'esatto opposto di ogni chiusura localistica e municipalistica e di affermare contestualmente che siamo pronti a condividere con tutte le forze vive economiche e sociali disponibili a lavorare con noi, le grandi linee strategiche di sviluppo. Cercheremo di tenere continuamente fede all'impegno assunto con i cittadini di continuare a sviluppare il ruolo del Comune come protagonista centrale, ma non esclusivo, della qualificazione del territorio; come supporto indispensabile e dinamico alle politiche volte ad intercettare le continue trasformazioni della realtà locale, in rapporto con l'evoluzione delle realtà a noi vicine e secondo logiche di sistema e di rete; come attore credibile dei processi di cambiamento nella promozione dello sviluppo, nella gestione delle strutture, da quelle sociali ed educative a quelle riguardanti i servizi pubblici locali. Signori consiglieri, come già abbiamo detto più volte agli eiettar', ribadiamo in questa sede quelli che riteniamo essere i fondamenti intorno ai quali si sviluppa la nostra visione strategica per il futuro del nostro paese: 1 Le vocazioni di Santadi: un paese di cui e necessario far riaffiorare e valorizzare le potenzialità in parte inespresse e qualche volta trascurate. Non immaginiamo un paese diverso da quello che amiamo ma vogliamo far uscire allo scoperto tutte le sue potenzialità, tutto ciò che è nascosto o poco Jtil!:.=atc il t::-sorc d r r aest: e d ur- tel:t~11c che ha In se rn11le ric1,,hezze 2. La centrahta della perso'la 11 cittadino è ciò che gwda le scelte Il nos~ \-1-' Lmee p"o;;rar1ma 1c 1e aet S r"/daro :: s 1ano E rl \_ n

4 programma è costruito intorno alla persona coi propri diritti e doveri, allo sviluppo delle opportunità che le si offrono, ai principi di equità con cui la si garantisce. E ogni persona compendia in sé più identità ed esprime quindi più bisogni. A questi la nostra amministrazione si sforzerà di dare risposte e conci li azione Su questi pilastri abbiamo voluto costruire le linee del nostro programma che vogliamo aperto ed efficace. Siamo però convinti che l'efficacia delle politiche dipende anzitutto dai metodi dell'azione amministrativa. Quelli che muoveranno il nostro operato sono: - La capacità di leggere e interpretare il contesto durante tutto il processo di definizione, gestione e valutazione delle politiche e delle azioni amministrative. Questo significa awiare politiche di ascolto; dare voce e valore ai cittadini, alle famiglie, alle imprese; raccogliere ed elaborare le informazioni e le conoscenze per poter prendere decisioni efficaci e aderenti alla realtà; L'integrazione delle pohtiche, che signifi.ca pensare e gestire le diverse strategie e tutte le azioni amministrative settoriali in modo complementare e coerente, dentro una strategia comune, su obiettivi convergenti; L'integrazione dei soggetti. Non solo nel momento dell'ascolto ma anche nel momento della gestione. Individuare quindi, a partire da principi non negoziabili, i diversi livelli di autonomia e responsabilità, permettendo a tutti di dare il proprio specifico contributo e favorendo la partecipazione; Il "dar contojj de/l'azione amministrativa e quindi il "restituire" le informazioni e i contributi che i cittadini e i corpi sociali intermedi offrono all'amministrazione, rendendo pubblici i risultati e valutandoli insieme a loro. Noi sappiamo bene che da tempo le condizioni economico-sociali di Santadi stanno vivendo un'evoluzione negativa. Tali condizioni non sono differenti da quelle che caratterizzano altri paesi della zona. L'esperienza quotidiana e i dati statistici a disposizione dimostrano oggettivamente che Santadi, gradatamente, sta diventando sempre più povero, più disoccupato, più incerto e pessimista, più spopolato, più. vecchio. La prima domanda è: cosa fare per invertire la tendenza e consentire a Santadi di svilupparsi con criteri di sostenibilità ambientale, di crescita durevole, di compeutività territoriale? La risposta che tentiamo d1 dare attraverso questo programma è che non basta più gestire l'ordinaria amministrazione. Non basta più cioè concepire la buona amministrazione come mero presidio delle norme e neppure basta una gestione efficiente dal punto di vista economico-gestionale Questi sono elementi necessari ma non sufficien~i. Vi presteremo particolare cura e attenzione in modo da salvaguardare ad assicurare a tutti ce'i:ezze 8nirn1111strat1ve equità, traspare'lza oan opportunità... 1eo prog'"am n3rtch de S 'lda Cns!1anC' f. rn {

5 Siamo però convinti che oggi, una buona amministrazione è veramente tale, riesce veramente a incidere, se è capace di generare valore. La seconda domanda a cui vogliamo dare risposta è come si può generare valore in un paese dalle molte potenzialità ma anche piccolo, periferico e povero di risorse? Occorre senza dubbio sviluppare la capacità di fare progetti e ricercare risorse e opportunità. Però noi crediamo che sia necessario prima di ogni altra cosa fondare un nuovo approccio ai problemi del paese. Un approccio che riteniamo indispensabile per poter affrontare con fiducia e speranza il granoe lavoro che, come intera comunità santadese, abbiamo di fronte. Per noi questo approccio è fondato su tre principi fondamentali. 1) Etica L'etica pubblica prima della convenienza individuale, il giusto prima del comodo, il rispetto delle regole condivise, la trasparenza, le pari opportunità per tutti. 2) Multipolarità La valorizzazione della differenze attraverso l'esercizio di azioni che generano riduzione delle contrapposizioni: complementarietà. integrazione, uso sapiente delle reti, apertura, ascolto. 3) Libertà Coraggio di percorrere strade mai battute, innovative, autonome, differenti, non conformi, non omologate, e tuttavia legate alla nostra identità di comunità e di territorio. Quanto più avrell)o la capacità di seguire questi tre principi, tanto più il nostro lavoro sarà efficace e tanto più renderemo il nostro paese autorevole, coinvolgente e accogliente in rapporto anche all'intero territorio circostante. Dovremo però essere anche molto efficienti. Il Comune è prima di tutto una macchina amministrativa da guidare e da organizzare. Se non c'è una buona organizzazione non è possibile neppure una buona pianificazione strategica (compito prioritario di una buona amministrazione) e di conseguenza non è neppure possibile una buona gestione delle politiche e delle attività amministrative. Siamo convinti, in altre parole, che la qualità amministrativa dipende, certamente dalla qualità della pianificazione. e del governo. ma questi, a loro volta, sono strettamente collegati alla capacità dell'organizzazione che è chiamata ad attuarla Se l'organizzazione è arretrata o inefficiente e se la politica è distratta o superficiale '101"' è pcss1t:-ile ri~ranret"'\ eri::a ;: c::rada del a p ar +icazione strategica A quel punto la gestione sara necessariamente ordinaria di breve periodo e senza un reale controllo Lm2- fj'oo amm3f1 h ~ d::. Smdacc 2 s:1a1l Emu ' ' ' \.

6 Questi due elementi: la qualità politica e la qualità amministrativo-burocratica devono andare di pari passo. Sono due parti di un binomio inscindibile. Non ci deve essere separazione o tantomeno contrapposizione tra ruolo di indirizzo e controllo e ruolo burocratico e gestionale. Il programma politico è uno solo ed è quello deciso dalla politica: perché esso venga attuato nel modo migliore possibile serve che la politica sia chiara ed autorevole e che gli organi tecnici di gestione godano di una giusta autonomia nel rispetto degli indirizzi e degli obiettivi proposti al giudizio all'elettorato e sulla base dei quali si chiede il consenso dei cittadini. Noi siamo fortemente determinati a dare al programma politico di mandato che verrà messo a punto e perfezionato con l'integrazione di proposte, contributi e osservazioni che questo consiglio comunale vorrà esprimere e che verrà portato all'approvazione entro un mese da oggi. Le linee di programma sono impostate in modo tale da poterle agevolmente tradurre in obiettivi chiari e verificabili misurabili in occasione della predisposizione dei documenti esecutivi di programmazione. Questo permetterà al Piano di essere sufficientemente articolato senza però richiedere lo stesso livello di analiticità per tutti i punti e di contenere anche tutta una serie di azioni/attenzioni che escono dalle competenze dell'ente ma che, sul piano politico amministrativo restano significative. La nostra proposta di Programma è articolato in diverse decine di obiettivi amministrativi da raggiungere, a ciascuno dei quali oltre ad essere collegata una responsabilità politica sarà collegata anche una responsabilità tecnica. Le responsabilità saranno in molto casi integrate tra diversi livelli di responsabilità politiche e tecniche Il nostro impegno è di avviare da subito progetti e iniziative che siano concrete ed efficaci. E vogliamo che la realizzazione di questi progetti sia verificabile e controllabile dai cittadini lungo tutta la durata del mandato elettorale. Signori Consiglieri, Noi vogliamo Santadi più autorevole. L'autorevolezza dell'amministrazione e del Comune si guadagna con la serietà e con la qualità della proposta amministrativa che può essere più o meno attrattiva per gli enti con i quali il Comune si troverà ad interagire. L'autorevolezza è frutto di lavoro quotidiano. Niente è dovuto né per eredità né per blasone. Le qualità che il paese offre, di per se sole, non bastano per far diventare Santadi punto di riferimento e luogo di esercizio di buona politica. - Accordo intercomunale di zona: Nuxis, Villaperuccio e comuni limitrofi - Accordo intercomunale di zona Pula, Domus de Maria, Sant'Anna Arresi Teulada V Ila Sar P1etrf'"' c~"l'jfe a SA roch Santadi e l'ammin1straz1one provinciale - Santad e I Ente Foreste une~ r oora 1r>lal che de Smdacc ::r s: a "" := rw l L \

7 - Santadi e il Parco geominerario storico e ambientale - Santadi e l'unione dei Comuni - Accordo di programma con CONI per promozione sport all'aperto - Accordo di programma con sovrintendenza archeologica e ai beni ambientali - Accordo con ARST e operatori del trasporto locale - Accordo con ASL Noi vogliamo Santadi più coesa Come moti paesi dell'interno Santadi soffre di una crisi profonda che si traduce in fenomeni di disgregazione e disagio sociale, di isolamento, di spopolamento, di disoccupazione. In questi casi bisogna stare il più possibile coesi. Bisogna unire le forze, sviluppare una capacità di ascolto e di coinvolgimento dei cittadini. Bisogna soprattutto creare occasioni permanenti di discussione sui problemi del paese e sulle possibili soluzioni, momenti in cui tutti abbiano la possibilità di dire la toro. Bisogna poi avere anche il coraggio di tradurre i suggerimenti in azioni amministrative. - Creazione di una consulta della associazioni sportive locali - Creazione di una consulta delle associazioni di volontariato Creazione di una consulta associazioni turistiche e culturali Istituzione di un Comitato di Quartiere a Santadi Basso - Istituzione di un Comitato di Quartiere a Terresoli - Istituzione di un Comitato di Quartiere a Murdeu - Creazione di una consulta delle associazioni e dei gruppi operanti negli sport venatori - Delibera d'indirizzo di interventi concreti sui gemellaggi perché siano occasioni di arricchimento economico e culturale e non gite istituzionali. Particolare coinvolgimento delle scuole. Noi vogliamo Santadi più bella Santadi è un paese già bello. Vogliamo che lo sia ancora di più. Per fare questo è necessario pensare ad un pianificazione territoriale che ponga al centro di tutto la qualità estetica nel centro urbano e nelle campagne. La tutela e la promozione dell'ambiente e del territorio vanno visti prima di tutto come un'importante risorsa economica e come una condizione di partenza necessaria per attuare ulteriori ~ percorsi di valorizzazione delle opportunità turistiche del paese. ~ ' J - Piano straordinario di pulizia urbana e di sistemazione delle campagne. Subito una grande campagna perché si affermi a tutti i livelli l'orgoglio di mantenere Santadi pulita - Individuazione di un sistema condiviso di raccolta dei rifiuti più agevole ed efficace att ava's., a C8Stitu=ione d Jr tavolo d1 la\ o,..o con tecnici e rappresentanti delle utenze private e commerciai! - Nuovo piano del verde pubblico - Avvio di un ecocentro. Essere v1nuo~1 nella raccolta dei nfiutr è importante Ma ~ ~ \j ~ I

8 in alcuni casi è impossibile senza l'organizzazione di nuovi centri di raccolta per rifiuti ingombranti o di difficile smaltimento. Impulso alla raccolta differenziata - Completare il piano di illuminazione efficace per la sicurezza ed esteticamente valido sull'intero territorio. Al piano luci sarà collegato un piano colori innovativo ma rispettoso della tradizione locale - Piano delle Cave e delle Miniere utilizzabili anche a fini turistici - Organizzazione di una Giornata del'albero - Organizzazione di campagne di educazione ambientale nelle scuole - Progetto di riqualificazione e rivitalizzazione della Piazza Marconi - Verifica dell'assetto idrogeologico nel territorio comunale, individuazione delle criticità, lavori di ripristino della scorrevolezza negli alvei laddove si renderà necessario Noi vogliamo Santadi più solidale Lavoreremo per realizzare concrete iniziative solidali per dare senso positivo alla convivenza civile. Le politiche sociali non appartengono alla sfera dei bisogni, appartengono alla sfera dei diritti: implicano partecipazione e promozione, non assistenzialismo. Richiedono coprogettazione e non scelte calate dall'alto. Politiche e progetti con reali prospettive di autonomia economica e professionale che pongano al centro le famiglie sostenute non solo da pura e semplice assistenza ma dalla pura e semplice garanzia dei diritti. - La scuola è il futuro. Il Sindaco - nel primo mese di mandato - visiterà le scuole cittadine. Nella crisi educativa che stiamo vivendo, la scuola va sostenuta e incoraggiata. - Realizzazione di una carta dei diritti del bambino-cittadino. Individuazione di un piano integrato di interventi in ludoteche, mediateche e in spazi per bambini. Realizzazione di Programmi ad hoc per far conoscere ai nostri bambini e adolescenti la storia e le tradizioni locali Una palestra di Cittadinanza: il consiglio comunale dei ragaui - Contro la crisi. Istituzione di una cabina di regia guidata dal Comune contro la crisi economica con le associazioni di categoria e le imprese - I nonni sono una ricchezza per questo territorio. Sono fondamentali sotto il profilo economico e logistico per la vita delle famiglie. Valorizzazione dell'apporto degli anziani e dell'associazionismo ad essi collegato ~l - 1 stituzione della carta dei diritti e dei doveri degli studenti. Possibilità di... agevolazioni a fronte di un atteggiamento di rinnovata responsabilità - Presentazione di un atto di inoirizzo per rafforzare gli strumenti dell'associazionismo, d'ispirazione laica e religiosa, per contrastare il dramma della solitudine in una logica di sussidarietà - Impulso e promozione dei servizi del consultorio familiare. di assistenza alla famiglia e di educazione alla maternità e paternità responsabili, rivolti alla salute della donna e della coppia della prole - Coinvolginento dell'associazionismo e delle professionalità locali operanti nel settore sanitario in momenti periodici di confronto { - Realizzazione; di protocolli d'accoglienza per cittadini e turisti diversamente ~~ U ee prog; Rmmatiche del Smcaco C rstjano Ernu 8 _, '\: "-

9 abili. Realizzazione di percorsi tattili e sensoriali per disabili nel parco comunale di Santu Nicolau e a Pantaleo - Realizzazione di una Banca delle competenze scolastiche contro la dispersione - Attivazione del servizio di mensa scolastica - Attivazione di laboratori per persone portatrici di bisogni speciali - Realìzzazione di percorsi di educazione cinofila destinata a bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie, che fornisca le basi per un migliore e corretto rapporto col cane - Promozione di iniziative per favorire la pratica dello sport anche alle famiglie meno abbienti attraverso la distribuzione di buoni gratuiti - Istituzione d1 "Orti scolastici", che consisteranno nella creazione, nelle scuole del paese, di veri e propri orti, che verranno coltivati da studenti e docenti attraverso il supporto di tecnici specializzati. L'obiettivo è quello di educare bambini e ragazzi a un diverso rapporto con il cibo, al valore della biodiversità e al rispetto dell'ambiente, insomma ad amare la terra - Realizzazione di progetti obiettivo per favorire forme concrete di collegamento e di collaborazione tra scuole di base e istituti di istruzione secondaria e professionale - Potenziamento del servizio di sostegno alla genitorialità - Attivazione di ulteriori servizi di prevenzione delle tossicodipendenze e delle dipendenze in genere - Realizzazione di un programma straordinario di abbattimento delle barriere architettoniche e adozione di misure finalizzate a favorire l'integrazione scolastica dei disabili - Nomina della commissione per le pari opportunità e approvazione di un piano di indirizzo per le politiche di genere - Collaborazione attiva con la Parrocchia per la sistemazione del campo bocce adiacente alla Chiesa anche come luogo di aggregazione sociale per anziani e cittadini Noi vogliamo rendere Santadi più accogliente Vogliamo far diventare Santadi un paese realmente accogliente. Non c'è turismo senza accoglienza. E' importante costruire un paese più accogliente non solo per i turisti ma anche per gli stessi saniadesi. Possiamo diventare un paese accogliente se creiamo delle condizioni strutturali e se ci organizziamo, come amministrazione, come cittadini, come imprese, come operatori pubblici, per mettere in atto un grande piano collettivo coordinato e integrato rinunciando a mettere in atto al bando azioni singole e di breve durata. - Valorizzazione della bicicletta e creazione di percorsi turistici dedicati Miglioramento della fruibilità delle reti internet soprattutto per i giovani. Copertura con sistema wireless di alcuni luoglii di ritrovo giovanile da mettere a d1spos1z1one in torna gratuita V' J - Aumento delle nformaz1orn del Comune e delle Associazioni attraverso una web-tv tematica "Santadi TV" affidata a giovani Linee proorammatic/1e del Smdaco C'1St1ano E rw 9

10 - Progetto Turismo. Approvazione di un atto di indirizzo in Giunta Comunale: valorizzazione artigianato, percorsi turistici e culturali Valorizzazione degli edifici di culto diffusi nel territorio in un'ottica di promozione turistica - Realizzazione di un Progetto di promozione delle grotte turistiche e adesione all'associazione nazionale delle città delle grotte - Adozione di un atto d'indirizzo per vivacizzare la vita all'aria aperta in paese, con particolare riferimento alla bella stagione, ma non solo e realizzazione di un programma di animazione del Centro Storico - Creazione di un programma ad hoc per premiare ogni anno un concittadino illustre non più residente a Santadi come ambasciatore del nostro paese nel mondo - Allargare il Matrimonio Mauritano in termini di spazio e di tempo con eventi collegati tra loro da realizzarsi in più luoghi e in più giorni Istituire un itinerario dei musei che colleghi il Vecchio Carcere il Parco Santu Nicolau, il futuro Museo del Vino, la mostra permanente sulla tessitura - Avviare progetti di Archeologia Viva attraverso la promozione del volontariato archeologico sotto la supervisione della sovrintendenza - Approvazione di un programma di iniziative che consentano agli abitanti di Santadi di approfondire la conoscenza del proprio patrimonio culturale e archeologico e agli ospiti di fruirle al meglio e in modo coordinato - Adozione di regolamenti comunali e di strumenti di partecipazione attiva per una gestione diretta ed ecocompatibile del territorio - Organizzazione di un ciclo di eventi denominato "Dicembre santadese" per rendere più vivo e vitale il paese nelle settimane precedenti le festività natalizie - Organizzazione di un ciclo di eventi denominato "Primavera Sulcitana " per rendere più vivo e vitale il paese e le sue pregiate località turistiche durante la primavera Progetto acque minerali pubbliche: Realizzazione di alcune fontane pubbliche dotate di potabilizzatori, direttamente controllate dal Comune per garantire un agevole approvvigionamento idrico per uso alimentare - Avviare forme di collaborazione con il Club Alpino Italiano e con altre associazioni di escursionismo per tracciare e divulgare nuovi itinerari turistici ~ per gli amanti del trekking e della montagna. ~ Vogliamo Santadi più creativa e più a misura di giovane Sappiamo che oggi il più importante fattore di successo per assicurare ai territori e alle comunità locali uno sviluppo sostenibile e duraturo è dato dalla capacità che queste esercitano di essere innovative e creative. Queste sono doti che occorre coltivare e organizzare con specifiche iniziative a cui il nostro programma intende prestare particolare attenzione - Pubblicazione d1 un bando d1 concorso annuale aperto a tutti. su temi prefissati per raccogliere e premiare le migliori idee proposte dai cittadini per 11 miglioramento delle condizioni d. con\lìvenza. che liberino il talento e l'ingegno ~ Lm::-E programmat1c 1 1e del Smda~o Cr1sti:v10 Eriiu V 10 te--(:_\

11 dei santadesi e che rafforzino il senso di un rapporto proficuo tra amministrazione e popolazione - Realizzazione a Santadi di un Laboratorio territoriale permanente degli stili e delle lavorazioni tipiche locali entro il quale organizzare anche un Festival biennale della creatività con iniziative rivolte soprattutto alle giovani generazioni - Promuovere la costituzione di un distretto territoriale dell'innovazione nella gestione dei beni culturali - Censimento di una serie di spazi dove valorizzare la musica come forma di comunicazione. Mettere a disposizione luoghi pubblici per i ragazzi che suonano o che ascoltano musica - Creazione di una Scuola Civica di Musica in collaborazione con i paesi del territorio - Organizzazione di un Festival Internazionale di Musica Etnica - Attivazioni di corsi di formazione e di istruzione per cittadini in età adulta: informatica, inglese, cultura sarda, ecc - Rendere attivo il servizio pubblico di biblioteca. Non più solo prestito di libri ma anche organizzazione dì laboratori, letture pubbliche, incontri seminariali con autori di pubblicazioni, dibattiti, ecc. - Progetto per la Mobilità Sostenibile da realizzarsi in collaborazione con altri enti e istituzioni. L'iniziativa intende incentivare la mobilità "ad emissioni zero" con lo scopo di favorire in forma rilevante sistemi di trasporto di tipo elettrico (sia individuali che collettivi) lungo l'asse costiero da Cagliari verso Pula e da qui verso la foresta di Pantaleo e il territorio di Santadi Vogliamo Santadi più produttiva Vogliamo dare un contributo del Comune alla creazione di spazi di lavoro. Su questo tema vi sarà il massimo dell'impegno amministrativo. Il lavoro è il più forte traino di una comunità, è ciò che restituisce dignità a chi rischia di rimanere per sempre indietro, è ciò che permette di proiettarsi nel futuro. Oggi non ci sono più posti garantiti, non bisogna più guardare al lavoro fisso. Bisogna guardare al lavoro da inventare. Il lavoro è il fondam~nto dei diritti di cittadinanza e di una società giusta. E' sbagliato dire che il Comune non ha competenze in questo campo: il Comune può sollecitare e inserirsi in politiche più ampie e soprattutto deve integrarsi con gli altri soggetti istituzionali, con il mondo imprenditoriale, con le associazioni, per elaborare strateg ie e programmi comuni e condurre azioni innovative. - Piano speciale per i mercati e le mostre mercato - Progetto di qualificazione ed eventuale ridefinizione delle aree da destinare a nuove attività produttive - Piano di gestione dell istituendo museo del Vino - Verifica della situazione attuale e realizzazione di un piano di gestione del patrimonio comunale utilizzabile per vane finalità tra cui quelle turisticoncen1ve - Promozione dell"apprend1stato anche attraverso le botteghe d1 transizione e I apertura d1 un'incubatore per 11 sostegno delle imprese giovanili sta nella loro ~-"~ee programmatiche d:::i Sindaco Crist1a 10 Emu I 1 ~ I " ~...; 'u ' - \-'\

12 fase di awio che durante il loro consolidamento sui mercati - Rafforzamento della manifestazione Pane e Olio in Frantoio ed degli eventi ad essa collegati - Attivazione di uno Sportello permanente di informazione e di servizio sulle opportunità offerte dal programma Leader in collaborazione con il Gal Sulcis lglesiente - Adozione di protocolli per la promozione degli acquisti pubblici ecologici con particolare riferimento agli approwigionamenti del Comune e adesione del Comune alla rete Regionale sugli Acquisti Pubblici Verdi - Promozione della costituzione di un'agenzia formativa per percorsi di istruzione professionale - Costituzione di un Centro Permanente di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità - Creazione di circuiti enogastronomici garantiti e controllati - Atto di indirizzo per la valorizzazione dell'economia del bosco, promozione e coordinamento di azioni integrate per la gestione condivisa di aree boschive di proprietà pubblica sia per attività produttive sia per il tempo libero - Avvio di azioni di coordinamento degli operatori dell'olivicoltura e relativa promozione della consorzialità - Awio delle procedure per l'acquisizione al patrimonio comunale del Nuraghe Sanna e del relativo borgo rurale da destinare a finalità turistico ricettive Vogliamo Santadi più efficiente Il Comune è prima di tutto una macchina organizzativa. Per far funzionare tutte le politiche, questa macchina va tenuta in ottime condizioni di esercizio. L'efficienza amministrativa e organizzativa è fondamentale soprattutto in un momento di crisi economica e in regime di scarsità di risorse a disposizione. Bisogna limitare al massimo la spesa improduttiva, migliorare il grado di efficienza nell'impiego delle risorse disponibili, sviluppare al massimo grado la capacità di reperire nuovi fondi e ulteriori opportunità. Vogliamo individuare ed eliminare le sacche in inefficienza nelle erogazione dei servizi pubblici a diretta gestione del comune, e vogliamo individuare e sperimentare nuove strade e nuovi percorsi di servizi per la popolazione. - Le nomine di professionisti, consulenti e collaboratori sarà misurata in modo trasparente sulla qualità delle persone in modo da valorizzare prioritariamente le professionalità locali - Un referente del Comune sarà a disposizione dei cittadini che vogliano segnalare piccoli interventi (buche, scritte sui muri) o evidenziare eventuali problemi nell'erogazione dei servizi pubblici essenziali. L'amministrazione si impegna a dare risposta in tempi rapidi e a prendere i provvedimenti necessari - La macchina amministrativa comunale verrà riorganizzata in nome dell'efficienza e del merito anche alla luce delle recenti normative in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amm1n1straz1oni - Approveremo un atto d1 indirizzo con vane tipologie di intervento in materia ambientale tra cui modifica del regolamento edilizio per agevolare il risparmio. d IS d C.,... 12~~ {_ ' Ji>f3 pre>9ra rimauct1e e m aco r1st1an.:i r::mu '... J -..

13 energetico e l'impiego di fonti rinnovabili per riscaldamento, raffreddamento. produzione acqua calda, illuminazione - Sistemazione dell'area attigua al palazzetto dello sport con la realizzazione di impianti all'aperto ad utilizzo polivalente. - Ricerca di fondi per il completamento servizi fognari e miglioramento viabilità nelle frazioni, previa ricognizione dei relativi fabbisogni con individuazione delle priorità. Vogliamo Santadi più semplice Vogliamo creare tutte te condizioni affinchè tutti i cittadini possano accedere ai servizi del comune e di altri enti pubblici in modo semplice e accessibile Rilancìo e progetto di miglioramento dell'efficienza dell'ufficio Relazioni con il Pubblico e dello Sportello Unico per le Attività Produttive Schedatura dei servizi e delle prestazioni comunali. Elaborazione di una guida sul fai da te del cittadino e sull'autocertificazione. Creazione di uno Sportello sulle opportunità offerte ai cittadini al fine di abbreviare i tempi del rapporto amministrativo con gli uffici pubblici di livello sovracomunale - Analisi delle criticità, individuazione delle eventuali aree di miglioramento ed elaborazione di una Carta dei servizi autorizzativi collegati ad eventi e manifestazioni organizzate da privati Vogliamo Santadi più trasparente Il Comune deve essere una casa di vetro. Niente sacche di privilegio riservate a pochi. Pari opportunità e trasparenza per tutti. Realizzazioni di un portale civico web 2.0 come strumento di efficace comunicazione istituzionale con servizi quali albo pretorio on line e altri servizi informativi per la cittadinanza - Trasparenza e riservatezza delle procedure di assegnazione dei sussidi economici: emanazione di un nuovo regolamento per l'assistenza economica - Adozione di strumenti evoluti di valutazione e controllo strategico dei servizi erogati dal comune - Pubblicazione annuale del Bilancio Sociale del Comune attraverso il web e applicazione attenta del principio di trasparenza Signori consiglieri con queste ambizioni c1 presentiamo oggi davanti al Consiglio Comunale per, apenura J1..i 1 a.battii0... e é:lusp co...::od p~op~ste csservaz1oni suggerimenti In applicazione del terzo cor1ma dell'art 51 del nostro Statuto, entro un mese d~~ Lme 0 programmatiche ae Sindaco Cr1st1ano Emu 13!..- ( {I\ ~(l.\... -{'-'-\1 ~-

14 oggi e salva la convocazione di altre eventuali riunioni di consiglio, qualora ritenuti necessari, verranno apportati gli eventuali adeguamenti ritenuti utili al perfezionamento del programma e perverremo alla presentazione dell'atto definitivo comprendente le linee di programma di mandato. Voglio qui pubblicamente ringraziare ancora!e donne e gli uomini che hanno lavorato o comunque contribuito alla definizione di queste nostre linee programmatiche Abbiamo la consapevolezza dei nostri limiti ma anche l'ambizione di volgere lo sguardo avanti. Non esiste un luogo a cui tornare, non c'è un passato da ripercorrere: c'è invece una nuova storia che dobbiamo deciderci ad aprire se non vogliamo declinare le nostre responsabilità e sigillare 11 nostro destino. Per quanto ci riguarda lavoreremo seriamente, con senso di responsabilità, trasparenza, efficienza, per meritare fino in fondo la fiducia che ci è stata concessa. Nella giornata di ieri il comune di Santadi ha ricevuto una visita importante, quella del Sovrintendente ai beni archeologici con cui abbiamo fatto un sopralluogo nella collina di Pani Loriga, in parte acquisita al patrimonio del Comune grazie alla determinata volontà del mio predecessore Elio Sundas a quale rivolgo il mio personale saluto e il ringraziamento della comunità per il lavoro svolto nel corso dei dieci anni di mandato amministrativo. Con il sovrintendente abbiamo, tra l'altro, visitato una Domus de Janas scavata più di trent'anni fa. Un pezzo della parete nel frattempo è crollato e un altro pezzo rischia di crollare se non verranno poste in essere opere conservative. Il nostro compito sarà anche quello di limitare o impedire i crolli. Gli ultimi vent'anni sono stati segnati da tanti crolli. Il crollo del Muro di Berlino, il crollo delle ideologie, il crollo delle Torri Gemelle simbolo di libertà nel mondo occidentale, il crollo di tante certezze. Il crollo della fiducia dei giovani, il crollo della credibilità della politica. In un tempo di crolli rivendichiamo il nostro ruolo di costruttori. In direzione ostinata e contraria continuiamo a credere nella politica e nella buona amministrazione con lo spirito di chi osa, con l'entusiasmo di chi ci prova, con la responsabilità di chi ci crede. Senza pretendere applausi o benemerenze, ma mettendoci in gioco in prima persona. Pensiamo che Santadi abbia un valore doppio da offrire e da rivendicare in una Sardegna e in un territorio con mille problemi, mille difficoltà, e in un contesto nazionale e internazionale denso di nubi minacciose di crisi e di incertezza In un tempo segnato da crolli vogliamo vivere la nostalgia e coltivare il terreno dei costruttori di spl:)ranza Lmee programmatiche::: de Smdaco Cnsilanc Emu

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO Click to edit Master subtitle style CONTESTO TERRITORIALE Qual'e' il territorio interessato? - Area Grecanica parco Nazionale dell'aspromonte Localizzazione:

Dettagli

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Statuto del Comitato Genitori I.C. Da Rosciate 2009 1 Istituto Comprensivo A. Da Rosciate STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Art. 71, comma 2, del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI ROGHUDI La lista dei candidati al Consiglio comunale e la collegata candidatura alla carica di

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Prima parte: LA COSTRUZIONE DEGLI SCENARI. La visione comune: SCUOLA SOSTENIBILE NEL 2014

Prima parte: LA COSTRUZIONE DEGLI SCENARI. La visione comune: SCUOLA SOSTENIBILE NEL 2014 Prima parte: LA COSTRUZIONE DEGLI SCENARI La visione comune: SCUOLA SOSTENIBILE NEL 2014 Dalle visioni espresse nel corso della prima parte del seminario spiccano i seguenti temi: Tema della trasparenza

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE DOCENTE E DEL PERSONALE ATA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente responsabile del supporto al lavoro del docente Vincenza Mittica PIANO FORMAZIONE

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli