La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza"

Transcript

1 F O C U S TMT 19 S E T T E M B R E La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza di Barnaba Costalonga Head of Legal & Business Affairs Viacom International Media Networks Italia

2 La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza * di Barnaba Costalonga Head of Legal & Business Affairs Viacom International Media Networks Italia Nell ultima Relazione Annuale dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) presentata al Parlamento, si dà atto del processo di digitalizzazione che, rendendo possibile la piena convergenza tra televisione e internet, ha influito sull intera filiera economica dell audiovisivo ed ha modificato le abitudini e le esperienze di consumo dei telespettatori 1. Si tratta del riconoscimento due fatti di rilevo:(i) anche in Italia la convergenza tra televisione e Internet è giunta a piena maturazione da un punto di vista tecnologico; e (ii) anche in Italia le abitudini di visione dei contenuti televisivi sono modificate dalla possibilità offerta dai mezzi connessi di partecipare alla c.d. social TV. Tali mutamenti pongono delle sfide e chiamano alla verifica dell efficacia dell attuale quadro regolamentare dei servizi di media audiovisivi. In particolare analizzare i comportamenti collegati alla social TV consente di evidenziare alcuni importanti ambiti d indagine per il più ampio dibattito sulle regole dell audiovisivo del prossimo futuro. Le istituzioni europee e nazionali hanno colto la sfida e aperto il dibattito sull impatto della piena convergenza tra mondo dell audiovisivo e reti di comunicazione elettronica sulla regolamentazione esistente. Lo scopo è individuare le scelte di policy making più adatte ad assicurare al mercato dell audiovisivo in Europa un futuro di crescita e innovazione e, nel contempo, ad assicurare il rispetto dei principi del diritto europeo quali il pluralismo nei media, la difesa della dignità umana, in particolare dei soggetti più deboli come minori o disabili. A tale proposito va ricordato che nell aprile 2013 la Commissione Europea ha adottato il Libro Verde * Articolo sottoposto a referaggio. 1AGCOM Relazione Annuale 2014 pag. 102 e federalismi.it focus TMT n. 2/2014

3 Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori 2, lanciando nel contempo una consultazione pubblica. Il Libro Verde parte dalla constatazione che la convergenza costituisce un fenomeno ormai compiuto per il mercato europeo dell audiovisivo tale da sfumare rapidamente la linea di demarcazione tra i modelli di fruizione comuni nel ventesimo secolo, cioè la trasmissione lineare ricevuta attraverso il televisore, e gli attuali servizi a richiesta forniti sul computer 3. Di conseguenza la Commissione Europea chiarisce subito l idea di fondo del Libro Verde ovvero: garantire a tutti i cittadini europei un accesso quanto più ampio possibile a contenuti europei diversificati e la più ampia scelta di offerte di qualità elevata. [ ] La necessità, per gli attori economici privati, di incrementare l innovazione e, per i politici, di offrire un contesto adeguato e di riflettere sulle possibili risposte della politica pubblica suscita i seguenti interrogativi che sono appunto sia di tipo economico che di tipo giuridico. 4 Per questo motivo la Commissione si preoccupa dell impatto che la convergenza avrà nei prossimi anni su una serie di direttive europee che costituiscono la cornice normativa in materia di servizi di media audiovisivi e di servizi della società dell informazione quali,in primis, la Direttiva 2010/13/UE, del 10 marzo 2010, (direttiva sui servizi di media audiovisivi), la Direttiva 2000/31/CE, dell 8 giugno 2000, ("Direttiva sul commercio elettronico") ma anche l articolo 31 della direttiva servizio universale, la politica dello spettro radio, l articolo 6 della direttiva accesso. Di recente anche il Parlamento Italiano,ed in particolare la IX Commissione della Camera dei Deputati, ha mostrato il proprio interesse alla materia, avviando un indagine conoscitiva sul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, allo scopo di valutare l adeguatezza del sistema normativo italiano, con particolare riferimento alle previsioni contenute nel testo unico di cui al decreto legislativo n. 177 del 2005,già ampiamente modificate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (Testo Unico), alle sfide poste dalla piena convergenza nel mercato dell audiovisivo. Tale indagine parte dalla constatazione che il sistema radiotelevisivo sta attraversando una forte evoluzione dovuta in primo luogo al processo di convergenzatecnologica 5 e prendendo spunto proprio dal Libro Verde della Commissione Europea ha lo scopo di verificare sele norme introdotte con il succitato Testo Unico possano considerarsi sufficienti a offrire al sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici nel nostro paese una normativa adeguata ad affrontare nel modo migliore la «rivoluzione» tecnologica, per effetto della quale i contenuti audiovisivi e radiofonici possono essere trasmessi attraverso una molteplicità di strumenti e di modalità sconosciuta fino ad un recente passato. All indagine conoscitiva hanno partecipato i maggiori operatori 2 Bruxelles, COM(2013) 231 final. 3 Libro Verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori, p.3. 4 Libro Verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori, pp Programma dell indagine conoscitivasul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici del 30 aprile federalismi.it focus TMT n. 2/2014

4 del mercato italiano (RAI, Mediaset, Sky e Viacom International Media Networks Italia) e Confindustria Radio TV la più rappresentativa delle associazioni di categoria italiane degli operatori radiotelevisivi e le audizioni si sono concluse nello scorso mese di luglio. A queste iniziative,promosse dalle istituzioni Europee e nazionali riguardo il fenomeno della convergenza,vanno aggiunte quelle promosse dagli stakeholders del mercato dell audiovisivo italiano. In particolare appare di estremo interesse la ricerca Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (presentata il20 giugno 2014). Tale ricerca è stata condotta dall Osservatorio Social Tv, istituito dal Corecom Lazio e l Università di Roma La Sapienza, presso il Centro Interdipartimentale Digilab 6. A tale ricerca hanno partecipato i principali attori del mercato televisivo in Italia che si sono potuti confrontare sul fenomeno della social TV, concordando la metodologia e il percorso di ricerca al fine di gettare luce sul fenomeno della social TV in Italia. Tale fenomeno rappresenta infatti per il pubblico televisivo italiano il primo tangibile effetto della convergenza tra televisione e Internet, modificandone le abitudini e l esperienza di visione. Pertanto, l analisi di tale nuova forma di consumo dei contenuti televisivi appare un utile tassello all indagine più ampia sulla convergenza nel mercato dell audiovisivo. L interesse nell analisi delle pratiche di social tv da parte del pubblico televisivo risiede nelle assonanze che esistono tra le esigenze di ri-valutazione del quadro normativo poste dalle istituzioni europee e nazionali e i meccanismi che più o meno inconsapevolmente il pubblico televisivo socialmente attivo mette in moto. Infatti, approcciarsi all analisi della social TV in Italia e all estero - significa preliminarmente cercare di dare risposte alle seguenti domande: cosa significa oggi guardare la televisione?cosa spinge il pubblico a fare esperienze di Social Tv? Come cambiano le pratiche di consumo televisivo?e evidente che la risposta a tali domande riveste altrettanta utilità per la verifica dell adeguatezza dell esistente quadro normativo alle sfide poste dalla convergenza. Per usare la definizione contenuta nel Libro Verde, la convergenza può essere definita come la fusione progressiva tra i servizi tradizionali di emittenza radiotelevisiva e internet, da cui emergono molteplici possibilità di visione, che vanno dai televisori a cui è aggiunta la connettività a internet, ai set-top box che offrono contenuti audiovisivi over-the-top (OTT), per arrivare ai servizi di media audiovisivi forniti da computer, fissi e portatili, tablet e altri dispositivi mobili. La convergenza così definita ha un effetto immediato sui consumatori perché muta la forma del consumo televisivo consentendo loro di usare il tablet o lo smartphone mentre guardano la tv, ad 6 sotto la presidenza di Francesco Soro, con il coordinamento scientifico di Alberto Marinelli e Romana Andò 4 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

5 esempio, per cercare ulteriori informazioni su quello che stanno guardando o connettersi con amici o con il programma televisivo stesso e/o di usare i medesimi mezzi per vedere in contemporanea o differita altri contenuti televisivi (second screen).la convergenza rappresenta quindi il presupposto abilitante di quell insieme di attività digitali che possiamo definire social TV. Una definizione sintetica di social Tv è la seguente: L insieme delle conversazioni e interazioni sociali supportate della tecnologia che fanno riferimento ad un contenuto televisivo 7. Più precisamente Da una parte, Social Tv significa relazione (digitale) tra soggetti a proposito di tv, ovvero tutte le conversazioni generate dalle audience rispetto a device (tablet, laptop, smartphone), ambienti on line (social media e app), flusso di interazione (live/non live, prima/durante/dopo il programma), genere televisivo [ ] emotivazione (condivisione, sostegno al programma, ricerca di rewards). Dall altra vuol dire relazione (digitale) con il contenuto video, ovvero tutte le forme di interazione orientate alla ricerca e condivisione di contenuti relativi ad un contenuto televisivo, al livello di programmi, celeb[rities] (conduttori, protagonisti), contenuti, brand e commercials, gamification. 8. Pertanto la pratica della Social TV rappresenta una nuova esperienza di consumo che si qualifica per due elementi principali: l interazione digitale tra persone rispetto ad un contenuto televisivo e l interazione digitale tra persone e tale contenuto televisivo. L Osservatorio ha condotto per un anno varie attività di ricerca concordate con i partnertelevisivi, utilizzando diverse metodologie 9, indagando sull universo di riferimento degli utenti Internet italiani ovvero quei soggetti che attraverso la connessione al Web e la disponibilità di tecnologie mobili dispongono dell abilitazione alla pratica della Social TV. Tale universo rappresenta più della metà delle famiglie italiane 10 e il 62% della popolazione dai 15 anni in su 11. Il primo dato rilevante è il mutamento dell atteggiamento del pubblico. La possibilità di accedere a Internet durante (ma anche prima o dopo) la visione di un programma televisivo consente agli utenti una serie di attività che li impegnano sui social networks in particolare Twitter appare la principale piattaforma per i commenti ai programmi televisivi in diretta anche attraverso i messaggi ad un cerchio più ristretto di conoscenti attraverso le applicazioni di messaggistica istantanea. Pur registrando diverse intensità rispetto alla pratica, si tratta di un fenomeno 7 Kevin Roebuck - Social TV: High-Impact Strategies - What You Need to Know: Definitions, Adoptions, Impact, Benefits, Maturity, Vendors - Tebbo, Andò, Marinelli, Analisi desk su fonti di ricerca internazionali e nazionali (Nielsen, ComScore, AudiWeb) sul multiscreening e il consumo di video on line; social media monitoring dei volumi e degli stili di buzz on line rispetto ai programmi televisivi; indagine CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) sulle pratiche della Social Tv; indagine etnografica: interviste qualitative e osservazione partecipante; focus group su diverse tipologie di utenti per rintracciare le pratiche innovative 10IPSOS febbraio EURISKO federalismi.it focus TMT n. 2/2014

6 intergenerazionale che è spinto dalla tendenza generalista della televisione italiana e dall anatomia dell audience che mostra una prevalenza delle fasce più anziane della popolazione sul totale del pubblico televisivo. Questo porta ad una possibile definizione di questa fetta di pubblico come SociallyEngaged TV Audience un pubblico televisivo socialmente e digitalmente impegnato nel social network - che rappresenta il 15% del pubblico televisivo (pari a più di 13 milioni di utenti internet) che in media quotidianamente commenta o partecipa on line alla programmazione televisiva. E interessante notare che i risultati della ricerca sulla Social TV sono confermati anche dalla Relazione Annuale dell AGCOM che, riportando i dati di un indagine affidata a SWG, evidenzia come la maggior parte dei telespettatori, durante la fruizione del mezzo televisivo, svolge almeno un altra attività, tra cui l utilizzo del telefono cellulare/smartphone (59% degli utenti della Tv) o fisso (53%), la navigazione su internet (39%), nonché l accesso ad altri mezzi (quotidiani e periodici, rispettivamente nel 32% e 28% dei casi, e radio, per il 12% dei telespettatori) 12. Cambia quindi l esperienza di visione e il grado di attenzione del pubblico alla stessa: ora l attenzione del pubblico è divisa tra vari schermi e attività spesso simultanee.ciò ha ricadute importati per gli editori televisivi e per i clienti inserzionisti che devono combattere per l attenzione del pubblico e che devono alimentare offerte adeguate ed appetibili di contenuti lineari e non lineari. La ricerca prosegue affermando che l uso crescente di schermi personali per la visione di contenuti televisivi è motivato dalla volontà d interazione digitale tra le audience a proposito di quello che si sta guardando (o siè guardato) in tv ma anche dalla voglia di trovare in tempo reale informazioni e contenuti correlati a ciò che si sta guardando 13. Il Libro Verde sottolinea che il consumo televisivo lineare nell Unione Europea ammonta a circa 4 ore al giorno e la Relazione Annuale 2014 di Agcom conferma che il maggior accesso alla televisione avviene da casa, ciò significa che, in Italia, i contenuti televisivi continuano ad essere un elemento centrale nella vita quotidiana del pubblico e che la fruizione continua ad essere un fatto domestico. Oggi però è consentito ai telespettatori, grazie alla disponibilità di dispositivi mobili connessi e ad una 12AGCOM Relazione annuale 2014 pag Secondo una recentericerca presentata al Connected Tv Summit, sebbene il primo schermo risulti ancora il più importante, il 72% degli spettatori che ha in mano un altra device cerca contenuti relativi a ciò che sta guardando - presentazione Mashable Social Media Day 30 Giugno 2014 Mattia Nicoletti Co-Founder; 6 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

7 predisposizione alla cultura della condivisione sui social network (Facebook, Twitter, Instagram), 14 di interagire digitalmente attorno al contenuto televisivo. Un primo spunto d interesse è la cultura della condivisione che spinge a praticare la social TV. E innegabile che sia diventato un tratto culturale comune scambiare le proprie opinioni, commenti, gusti, attraverso l attività sui diversi social network a fronte di una messa a disposizione - più o meno consapevole o più o meno avvertita - dei propri dati personali da parte dell utente. Tali dati possono essere poi utilizzati per la profilazione degli utenti che costituisce di per sé un valore per la comunicazione commerciale. Inoltre le attività on line, ivi incluse quelle generate da contenuti televisivi, sono destinate a restare virtualmente per sempre nella rete diventando così espressioni indelebili della personalità dell utente, tracce ed esempi del suo agire, in breve espressioni della propria libertà di pensiero. Senza alcuna pretesa di esaustività, si può immediatamente comprendere come i temi sollevati da una semplice azione di social TV coincidano con i temi più attuali de dibattito giuridico quali il diritto all oblio affrontato sia dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee 15 ma anche dalla Corte di Cassazione 16. L aumento dell attività sociale sul web non solo attraverso la pratica della social TV impone un più elevato livello di attenzione da parte del pubblico e da parte degli operatori al tema della raccolta dei dati personali e del consenso informato come mostra il recente provvedimento prescrittivo del Garante dei dati personali che impone a Google l adozione di specifiche misure in materia di informativa, consenso e conservazione dei dati personali degli utenti 17.E non va dimenticata una riflessione al tema dell alfabetizzazione mediatica (media literacy) del pubblico televisivo e di internet quale strumento abilitante ad un utilizzo consapevole dei mezzi convergenti. Nell attuale riflessione sulla riforma del servizio pubblico, la promozione di un efficace alfabetizzazione mediatica dovrebbe rappresentare uno dei pilastri del servizio pubblico convergente ossia tecnologicamente neutro ed impegnato alla realizzazione dei propri fini di servizio non economico 18. Tornando ai risultati della ricerca sulla social TV in Italia, è interessante notare che,da un lato, a seconda dello stile di interazione adottato e dei contenuti commentati, sono state individuate diversi profili di audience, e dall altro il genere del contenuto influenza il comportato di social 14 Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (20 giugno 2014) 15Corte di Giustizia UE, sez. grande, sentenza n C-131/12 16 Da ultimo Cass. n del Fabio Bassan, Emilio Tosi il Diritto degli Audiovisivi Giuffrè Editore, 2012 Capitolo 5 Il Servizio Pubblico nell audiovisivo 7 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

8 TV.Sebbene tutti i generi televisivi generino attività di social TV 19, gli eventi televisivi dal vivo, sportivi, musicali o nazional popolari e i reality show/talent show rappresentano sia in Italia che all estero il maggior catalizzatore di attività sociale da parte del pubblico televisivo 20. Un esempio di consumatore di social TV è il fan. Costui/costei replica meccanismi della fan community ed esalta la dimensione di ricerca di relazionalità (riconoscersi in quanto fan, trovare persone con passioni simili, etc.). Per questa fetta di pubblico sono molto popolari le applicazioni di check ine forme di consumo tv ad elevata fidelizzazione (ad esempio la serialità). Da considerare con attenzione anche evoluzioni comela Social EPG, ossia quella applicazione che fornisce un servizio di guida ai programmi arricchito dai dati in tempo reale provenienti dai social networks sul livello di attività sociale(buzz) generato da un determinato programma. Nei Paesi Bassi il più popolare settimanale di guida ai programmi offre una app che consente la funzionalità di Social EPG. Le dinamiche di audience possono essere influenzate se un determinato programma indipendentemente dalla sua collocazione nell EPG genera un alto livello di attività sociale (buzz) tale da spingere il pubblico a cambiare canale. Da punto di vista dell industria dei contenuti nel nostro paese, la social TV crea interesse ma fino a oggi,salvo casi isolati, è considerata solo un esperimento. Per poter diventare davvero significativa, appare necessario che entri nella scrittura dei contenuti televisivi, in particolare per accentuare la fidelizzazione del pubblico tra un episodio e l altro, mantenendo vivo il dibattito sul contenuto stesso. Ovviamente ciò presuppone investimenti e prese di rischio in un contesto di attuale flessione del mercato pubblicitario. Quindi appare lecito interrogarsi su quale sia il ritorno economico della social TV. La ricerca conferma che uno spettatore di social TV rappresenta un interlocutore pregiato sia per i fornitori di servizi di media lineari e non lineari che per gli inserzionisti pubblicitari. Inoltre le forme della comunicazione commerciale tradizionale trovano nella social TV spazi nuovi e modalità di comunicazione innovative quali,solo per citarne alcuni,l advertising in sync tra gli schermi (lo stesso messaggio pubblicitario è comunicato al pubblico in contemporanea su più 19 Tutti i generi televisivi danno vita a pratiche di Social Tv, nessuno escluso. Cambiano, però, i motivi che spingono alla interazione: il tifo per lo sport, la dimensione di gara per i talent, l immersione nella reality tv, la partecipazione nei talk. Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (20 giugno 2014) 20 Negli eventi live [ ]chi vuole commentare lo fa in tempo reale mentre si svolge quell evento. Una dimostrazione sono i campionati del mondo di calcio che nei gironi di qualificazione hanno totalizzato 300 milioni di Tweet con 459 milioni di interazioni su Facebook nella prima settimana presentazione Mashable Social Media Day 30 Giugno 2014 Mattia Nicoletti Co-Founder; 8 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

9 piattaforme e schermi)l e-commerce in tempo reale sui prodotti visti in tv e forme innovative di product placement dedicati ad esempio ai second screen, in particolare in relazione ai prodotti utilizzati o indossati dalle star di un programma televisivo. Tuttavia, il presupposto per investimenti pubblicitari nella social TV è la messa a disposizione degli operatori di indici di misurazione del fenomeno attendibili ed efficaci. Nielsen Social, la partnership fra Nielsene Twitter già attiva negli Stati Uniti,offrirà anche al mercato italiano, a partire dal prossimo autunno lo strumento Nielsen Twitter TV Ratings che consente di dare dati importanti per la valutazione dell efficacia delle campagne di comunicazione commerciale declinate sulla social TV. Il tema della regolamentazione della comunicazione commerciale nell epoca della convergenza e della social TV è forse uno dei temi principali del dibattito sopra questo fenomeno. In primo luogo perché qualunque scelta di policy making, avulsa da un approccio sistemico, può avere delle conseguenze immediate in un contesto di fragilità di mercato come quello attuale. Dal punto di vista degli operatori lineari/emittenti televisive l attuale situazione di asimmetria regolamentare tra servizi lineari e non lineari (ivi inclusi i servizi OTT esclusi tout court dalla normativa ma ormai in piena concorrenza tra loro) è percepita con sempre maggior preoccupazione. In particolare, le limitazioni quantitative (affollamento orario stabilito ad esempio dall art. 38 del Testo Unico), sono percepite come la dimostrazione di un possibile mancato raggiungimento del playing level filed nel mercato dell audiovisivo convergente 21. Infatti se provvedimenti asimmetrici trovano spesso giustificazione nell interesse da parte del regolatore di difendere mercati emergenti e/o nuovi operatori che si affacciano sul mercato (a tale proposito si pensi al meccanismo graduale di attuazione degli obblighi di programmazione ed investimento a favore di opere europee e di opere di produttori indipendenti da parte degli operatori non lineari 22 ), tale presupposto sembrerebbe non essere applicabile a mercati come quello della pubblicità on line e ad operatori (in particolare gli operatori OTT) aventi ormai un cospicuo peso economico e una conseguente stabilità. Al contempo le nuove forme di pubblicità rese possibili dalla convergenza tecnologica mettono alla prova anche ambiti diversi della normativa, ad esempio l obbligo di separazione tra comunicazione commerciale e contenuti editoriali (come stabilite per le trasmissioni lineari dalle 21 A tale proposito è interessante l intervento di Confindustria Radio TV all audizione pubblica di fronte alla IX Commissione della Camera dei Deputati nel quadro dell indagine conoscitiva promossa dalla stessa, reperibile all indirizzo: nno=2014&mese=07&giorno=03&idcommissione=09&numero=0001&file=indice_stenografico 22 Vedasi le previsioni contenute nell Allegato A alla Delibera n. 66/09/CONS e successive modifiche e integrazioni 9 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

10 norme dell art. 37 del Testo Unico e dalle disposizioni della delibera AGCOM). In questo campo vanno positivamente registrate le esperienze di auto-regolamentazione europea nate in ambito digitale,come il codice di autoregolamentazione sulla pubblicità comportamentale 23 promosso dallo IAB che raccoglie le best practise in materia. Uno dei benefici principali di tale codice è la standardizzazione delle notifiche agli utenti circa la possibilità di opt-out da questo tipo di pubblicità. La Commissione stessa nel Libro Verde menziona questo esempio positivo di autoregolamentazione e nel contempo auspica l adozione da parte dell industria di una norma mondiale di Do Not Track 24 a tutela degli utenti di Internet che non intendono mettere a disposizione degli investitori pubblicitari i dati della loro navigazione al momento in corso di codifica. In entrambi i casi si tratta di esperienze di autoregolamentazione che hanno positivi riscontri anche nel contesto della comunicazione lineare (si pensi al Codice di Autoregolamentazione della Comunicazione Commerciale promosso dallo IAP e ai codici di autoregolamentazione in tema di inserimento prodotti previsti dal comma 5 dell art.40 bisdel Testo Unico) e che spingono anche la Commissione Europea a considerare questa forma di regolamentazione appropriata alla disciplina di questi fenomeni. La social TV anche in Italia rappresenta quindi una rilevante modifica delle abitudini di consumo televisivo e rilancia i temi fondamentali del dibattito sulle sfide poste alla regolamentazione dalla convergenza: assicurare lo sviluppo del mercato audiovisivo convergente e tutelare il pubblico promuovendo al contempo la sua alfabetizzazione mediatica, il tutto prediligendo forme di autoregolamentazione. 23 La pubblicità comportamentale usa le informazioni raccolte dal comportamento dell'utente (pagine visitate, ricerche fatte) per individuare gli interessi degli utenti e, su quella base, erogare pubblicità relativa a prodotti o servizi ricercati dall'utente. 24 Do nottrack è unoheader http, una direttiva di controllo delle pagine web che comunica al server le preferenze dell'utente riguardo alla raccolta dei suoi dati di navigazione, raccolta che viene utilizzata per esempio nel caso delle pubblicità personalizzate. Lo scopo dello header do nottrack è richiedere ad una determinata applicazione web la sospensione della raccolta delle informazioni circa l'utente che sta visitando la pagina. 10 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere ÍNDICE. Siete pronti per la #GenMobile?

Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere ÍNDICE. Siete pronti per la #GenMobile? ÍNDICE Siete pronti per la? Siete pronti per la Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare,

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

TWITTER, FACEBOOK E SOCIAL COMMERCE

TWITTER, FACEBOOK E SOCIAL COMMERCE TWITTER, FACEBOOK E SOCIAL COMMERCE Quando il business diventa social 1.1 Barbara Bonaventura Consulente in marketing strategico specializzata in progetti di alta innovazione. Laureata nel 1999 a Padova

Dettagli

Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0

Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0 Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0 Aumentano del 45,3% negli ultimi due anni gli italiani che dichiarano di

Dettagli

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono

XIII. 1978 Nel 1978 TeleMilano. comunicazioni. DIRITTO delle COMUNICAZIONI. Strade Posta Telegrafo Telefono DIRITTO delle COMUNICAZIONI -Communication Law & Policy- XIII -Televisione Lezione di Giovedì 20 novembre 2014 comunicazioni Strade Posta Telegrafo Telefono Stampa Radio Televisione Internet Convergenza

Dettagli

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini Influenza e uso dei social network per il messaggio politico alessandro scartezzini CHI SONO http://www.linkedin.com/pub/alessandro-scartezzini/0/393/721 alessandro@webperformance.it - Dal 2010 fondatore

Dettagli

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni Osservatorio New Media & New Internet Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni 16 ottobre 2014 Osservatorio New Media & New Internet 16 ottobre 2014 1 L Osservatorio New Media & New

Dettagli

L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra

L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra L ultima edizione dello IAB svoltasi a Milano nei primi giorni di Dicembre 2013 ha confermato come ci sia ormai un grande interesse e attenzione fra tutti i diversi attori della filiera di comunicazione

Dettagli

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale OBIETTIVI GENERALI DELLA RICERCA Produrre strumenti utili

Dettagli

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA

SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E DIRITTO SEZIONE DI DIRITTO DELL ECONOMIA 30 VINCENZO MARIO SBRESCIA I SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI NEL MERCATO EUROPEO DELLA RADIOTELEVISIONE

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Total digital audience a marzo 2014: 25 milioni gli italiani online tra i 18 e i 74 anni per un consumo mensile di 46 ore e 15 minuti.

Total digital audience a marzo 2014: 25 milioni gli italiani online tra i 18 e i 74 anni per un consumo mensile di 46 ore e 15 minuti. Audiweb completa la nuova ricerca Mobile e pubblica i primi dati della total digital audience, integrando in un unico planning database le navigazioni da pc, smartphone e tablet. Distribuito il nastro

Dettagli

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi

Introduzione. L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in. tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi Introduzione L avvento delle nuove tecnologie della comunicazione in tutte le società moderne ha sollecitato ad interrogarsi sull impatto che esse avranno, o stanno già avendo, sul processo democratico.

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it Smartphone e Tablet hanno registrato tassi di crescita in termini di acquisti turistici pari rispettivamente al 70% e al 20%. Credit: Sony Xperia Cresce il turismo in Italia, giunto ormai nel 2015 a un

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 CONVERGENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI: UN PRIMO BILANCIO Vincenzo Franceschelli pag.

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 CONVERGENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI: UN PRIMO BILANCIO Vincenzo Franceschelli pag. Capitolo 1 CONVERGENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI: UN PRIMO BILANCIO Vincenzo Franceschelli pag. LE FONTI... 1 Capitolo 2 LA TUTELA DELLA CONCORRENZA NELL AUDIOVISIVO Andrea Camanzi e Alex Maglione LE FONTI...

Dettagli

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA L AUTORITÀ NELLA riunione del Consiglio del 6 febbraio

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

L Italia dei Libri 2011-2013

L Italia dei Libri 2011-2013 L Italia dei Libri 2011-2013 Indagine condotta mensilmente sul panel consumer Nielsen Dott.ssa Rossana Rummo, Direttore Generale per le biblioteche, gli istituti culturali ed il diritto d autore 1 Che

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Radio Tv News 05 GIUGNO 2015 - NUMERO 52. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità

Radio Tv News 05 GIUGNO 2015 - NUMERO 52. Vita Associativa. Normativa e Giurisprudenza. Mercato e Pubblicità Radio Tv News 05 GIUGNO 2015 - NUMERO 52 03 Vita Associativa 04 Normativa e Giurisprudenza 05 Mercato e Pubblicità Direttore Responsabile: Emilio Carelli Direttore Editoriale: Andrea Franceschi In redazione

Dettagli

STREAMIT Presentazione Corporate per Enti Pubblici e Istituzioni

STREAMIT Presentazione Corporate per Enti Pubblici e Istituzioni STREAMIT Presentazione Corporate per Enti Pubblici e Istituzioni Lo scenario Il rapporto con i media è profondamente cambiato. Il consumo di video su Internet solo nell ultimo anno è aumentato del 19%.

Dettagli

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 Direttore generale della comunicazione e dei rapporti europei e internazionali Ministero della Salute, 7 aprile 2015 Il Ministero della Salute a

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

Le filiere della comunicazione

Le filiere della comunicazione ASK - Centro di ricerca Art, Science and Knowledge Le filiere della Paola Dubini Mario Campana 24 marzo 2009 Osservatorio Business TV Le domande della ricerca 1. Come si articola il processo di costruzione

Dettagli

DAL PRODUCT PLACEMENT ALLA DIGITAL SPONSORSHIP

DAL PRODUCT PLACEMENT ALLA DIGITAL SPONSORSHIP Giovanni Palazzi Giornata di Studio sui Diritti Audiovisivi nello Sport Parma, 13 maggio 2010 L INNOVAZIONE PRODUCT PLACEMENT Il Product Placement (PP), o branded entertainment, è la tecnica di marketing

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura

Azienda 2.0. Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi. Stefano Ventura Azienda 2.0 Le imprese e i social networks, opportunità e gestione dei rischi Stefano Ventura 1. Il nuovo scenario social 2. Necessaria strategia 2.0 3. La nostra esperienza 4. La gestione dei rischi 1.

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

DELIBERA N. 175/14/CONS

DELIBERA N. 175/14/CONS DELIBERA N. RICHIAMO ALLA SOCIETA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ALL IMMEDIATO RIEQUILIBRIO DELL INFORMAZIONE DURANTE LA CAMPAGNA PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL ITALIA

Dettagli

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013 RTB WORKSHOP Milano, 22 Maggio 2013 Agenda AUTOREVOLEZZA E FRAMMENTAZIONE DELL'UTENTE MULTI DEVICE RTB: I benefici per il Brand RTB: Concetto & piattaforme Rilevanza del Dato Approccio ed Operatività La

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

La raccolta pubblicitaria

La raccolta pubblicitaria La raccolta pubblicitaria Il settore della comunicazione pubblicitaria comprende due ambiti di attività: 1) Above the line, che corrisponde al settore della raccolta pubblicitaria realizzata attraverso

Dettagli

In quei giorni, su Facebook girava un post con un

In quei giorni, su Facebook girava un post con un P PROFESSIONE Le potenzialità In quei giorni, su Facebook girava un post con un elenco delle 11 cose che Mark Zuckerberg avrebbe potuto acquistare con quella stessa, astronomica, cifra. Avrebbe potuto

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA Ricerca realizzata in collaborazione con Human HigWay Settembre 2011 LA METODOLOGIA DELLA RICERCA Diennea MagNews ha commissionato a Human Highway nel

Dettagli

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre Lucca, 10 Giugno 2005 I contenuti interattivi per la nuova televisione Benedetto Habib Amministratore delegato My-tv Spa Indice -Verso il digitale - I

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

DALLA TELEVISIONE SENZA FRONTIERE AI CONTENUTI SENZA FRONTIERE

DALLA TELEVISIONE SENZA FRONTIERE AI CONTENUTI SENZA FRONTIERE 1 NOTA SULLA DIRETTIVA SERVIZI DI MEDIA AUDIOVISIVI DALLA TELEVISIONE SENZA FRONTIERE AI CONTENUTI SENZA FRONTIERE DIRETTIVA 2007/65/CE SOSTITUISCE LA 89/522/CEE FINALITA Al fine di promuovere la crescita

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia Allegato 1 Utilizzo dei media 1 L utilizzo dei media L analisi del contesto nel quale gli emittenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Premessa: Considerato che: 1. le attuali funzionalità e requisiti connessi alle piattaforme web della Pubblica

Dettagli

Rilancia il tuo business con il web 2.0

Rilancia il tuo business con il web 2.0 Rilancia il tuo business con il web 2.0 Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Qualche anno fa. Media di ieri e di oggi Oggi: fruizione di contenuti senza vincoli 2 Gli old media Generalisti Occasionali

Dettagli

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione PRIVACY POLICY Informativa Privacy 1. INTRODUZIONE La presente Privacy Policy è relativa al sito www.aslnapoli2-formazione.eu. Le informazioni che l utente deciderà di condividere attraverso il Sito saranno

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA FattoreFamiglia è il magazine dedicato alla famiglia è promotore di servizi e progetti a sostegno della famiglia è la Community formatofamiglia è FaFaNetwork:

Dettagli

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Il Corso, a titolo gratuito per un solo partecipante per

Dettagli

B 3. Biella, Basket & Business. Basket, Calcio e Golf: mondi a confronto. Giovanni Palazzi - Presidente StageUp. Golf Club Le Betulle, 29 giugno 2012

B 3. Biella, Basket & Business. Basket, Calcio e Golf: mondi a confronto. Giovanni Palazzi - Presidente StageUp. Golf Club Le Betulle, 29 giugno 2012 B 3 Biella, Basket & Business Giovanni Palazzi - Presidente StageUp Golf Club Le Betulle, 29 giugno 2012 PREMESSA Il presente documento rappresenta l intervento di Giovanni Palazzi, Presidente di StageUp,

Dettagli

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video.

PROGRAMMA. INSTAGRAM Ottimizzazione del proprio account e tecniche per migliorare la diffusione delle proprie foto e video. Digital Magics Palermo (via Lincoln 21) Quattro incontri di quattro ore ciascuno (4 e 5 marzo 11 e 12 marzo 2016, venerdì ore 15/19; sabato ore 10/14): 16 ore totali 90 euro (i primi due) + 90 euro opzionali

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Multicanalità e Sharing Economy: partiamo dal Consumatore

Multicanalità e Sharing Economy: partiamo dal Consumatore Multicanalità e Sharing Economy: partiamo dal Consumatore Edmondo Lucchi Seminario GfK Eurisko Milano, 19 novembre 2014 GfK Eurisko Alcune riflessioni (fondate su dati empirici) Perché la Multicanalità?

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella

Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato. Professor Giovanni Pitruzzella DISEGNI DI LEGGE N. 1880 E CONNESSI SULLA RIFORMA DELLA RAI (Commissione 8ª - Lavori pubblici, comunicazioni) Audizione del Presidente dell Autorità garante della concorrenza e del mercato Professor Giovanni

Dettagli

UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE

UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE Gabriele Pasetti, Ufficio Comunicazione Unione Veneta Bonifiche CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 L informazione in rete èimmediata,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUI COOKIES

INFORMAZIONI GENERALI SUI COOKIES Con riferimento al provvedimento Individuazione delle modalità semplificate per l informativa e l acquisizione del consenso per l uso dei cookie 8 maggio 2014 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126

Dettagli

Pari opportunità nei media

Pari opportunità nei media Immagine Comune di Ravenna Pari opportunità nei media Mussi bollini Presidente Commissione Pari Opportunità RAI Vice Direttore RAI Ragazzi La comunicazione televisiva può influenzare ciò che accade nella

Dettagli

Perché un azienda deve avere un APP?

Perché un azienda deve avere un APP? Perché un azienda deve avere un APP? SVILUPPARE UN APPLICAZIONE PER RAFFORZARE IL PROPRIO BRAND Perchè limitare la visibilità al sito internet quando è possibile avere un ulteriore biglietto da visita

Dettagli

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013 Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013 Nel 2013 l accesso a internet da qualsiasi luogo e strumento ha

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online

IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online La diffusione di internet in Italia è capillare: sono 40 milioni gli italiani che possono accedere a internet in Italia, +6.8%

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale Università degli Studi di Roma Tor Vergata Roma, 13 Marzo 2014 Rivoluzione Industriale e Rivoluzione Digitale Rivoluzione

Dettagli

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali

La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali La libera prestazione dei servizi e la libertà di stabilimento nell UE: prospettive ed impatto sulle realtà economiche nazionali e regionali Prof.ssa Lucia Serena Rossi PROGETTO DI RICERCA Elisa Ambrosini

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità Milano, Agosto 2012 1 CONTENUTI DEL DOCUMENTO LO SCENARIO RILEVATO NEL 2012 Informazione online

Dettagli

PRIVACY POLICY Semplificata

PRIVACY POLICY Semplificata PRIVACY POLICY Semplificata Privacy Policy di www.sipeoutdoor.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

LIFEGATE IL MEDIA NETWORK. 2.000.000 visitatori unici anno. Oltre 330.000 ascoltatori in FM. 300.000 ascoltatori in streaming 8.

LIFEGATE IL MEDIA NETWORK. 2.000.000 visitatori unici anno. Oltre 330.000 ascoltatori in FM. 300.000 ascoltatori in streaming 8. IL MEDIA NETWORK 2.000.000 visitatori unici anno 250.000 Facebook 16.000 Twitter 1.800 Linkedin Oltre 330.000 ascoltatori in FM 300.000 ascoltatori in streaming eventi di arte e sostenibilità (Talenti

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

DELIBERA n. 438/13/CONS

DELIBERA n. 438/13/CONS DELIBERA n. 438/13/CONS AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI ANALISI SULLE CONDIZIONI E MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA CAPACITÀ TRASMISSIVA PER LA DIFFUSIONE DI CONTENUTI AUDIOVISIVI, SULLE PRINCIPALI PIATTAFORME TRASMISSIVE

Dettagli

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV Commissione IX Trasporti, Poste e Telecomunicazioni CAMERA dei DEPUTATI Atti dell'unione europea. Proposta di decisione del Parlamento

Dettagli

1. elaborazione di dati per statistiche interne; 2. finalità di direct marketing; 3. attività operative per la gestione interna.

1. elaborazione di dati per statistiche interne; 2. finalità di direct marketing; 3. attività operative per la gestione interna. La salvaguardia della riservatezza dei dati personali per Just Fitness s.r.l. costituisce un impegno primario; per tale ragione le nostre attività Web vengono gestite in accordo con le leggi sulla protezione

Dettagli

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale Europäische Hochschulschriften - Reihe XL 91 Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale von Benedetta Prario 1. Auflage Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli