La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza"

Transcript

1 F O C U S TMT 19 S E T T E M B R E La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza di Barnaba Costalonga Head of Legal & Business Affairs Viacom International Media Networks Italia

2 La social TV e le sfide al mondo audiovisivo della piena convergenza * di Barnaba Costalonga Head of Legal & Business Affairs Viacom International Media Networks Italia Nell ultima Relazione Annuale dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) presentata al Parlamento, si dà atto del processo di digitalizzazione che, rendendo possibile la piena convergenza tra televisione e internet, ha influito sull intera filiera economica dell audiovisivo ed ha modificato le abitudini e le esperienze di consumo dei telespettatori 1. Si tratta del riconoscimento due fatti di rilevo:(i) anche in Italia la convergenza tra televisione e Internet è giunta a piena maturazione da un punto di vista tecnologico; e (ii) anche in Italia le abitudini di visione dei contenuti televisivi sono modificate dalla possibilità offerta dai mezzi connessi di partecipare alla c.d. social TV. Tali mutamenti pongono delle sfide e chiamano alla verifica dell efficacia dell attuale quadro regolamentare dei servizi di media audiovisivi. In particolare analizzare i comportamenti collegati alla social TV consente di evidenziare alcuni importanti ambiti d indagine per il più ampio dibattito sulle regole dell audiovisivo del prossimo futuro. Le istituzioni europee e nazionali hanno colto la sfida e aperto il dibattito sull impatto della piena convergenza tra mondo dell audiovisivo e reti di comunicazione elettronica sulla regolamentazione esistente. Lo scopo è individuare le scelte di policy making più adatte ad assicurare al mercato dell audiovisivo in Europa un futuro di crescita e innovazione e, nel contempo, ad assicurare il rispetto dei principi del diritto europeo quali il pluralismo nei media, la difesa della dignità umana, in particolare dei soggetti più deboli come minori o disabili. A tale proposito va ricordato che nell aprile 2013 la Commissione Europea ha adottato il Libro Verde * Articolo sottoposto a referaggio. 1AGCOM Relazione Annuale 2014 pag. 102 e federalismi.it focus TMT n. 2/2014

3 Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori 2, lanciando nel contempo una consultazione pubblica. Il Libro Verde parte dalla constatazione che la convergenza costituisce un fenomeno ormai compiuto per il mercato europeo dell audiovisivo tale da sfumare rapidamente la linea di demarcazione tra i modelli di fruizione comuni nel ventesimo secolo, cioè la trasmissione lineare ricevuta attraverso il televisore, e gli attuali servizi a richiesta forniti sul computer 3. Di conseguenza la Commissione Europea chiarisce subito l idea di fondo del Libro Verde ovvero: garantire a tutti i cittadini europei un accesso quanto più ampio possibile a contenuti europei diversificati e la più ampia scelta di offerte di qualità elevata. [ ] La necessità, per gli attori economici privati, di incrementare l innovazione e, per i politici, di offrire un contesto adeguato e di riflettere sulle possibili risposte della politica pubblica suscita i seguenti interrogativi che sono appunto sia di tipo economico che di tipo giuridico. 4 Per questo motivo la Commissione si preoccupa dell impatto che la convergenza avrà nei prossimi anni su una serie di direttive europee che costituiscono la cornice normativa in materia di servizi di media audiovisivi e di servizi della società dell informazione quali,in primis, la Direttiva 2010/13/UE, del 10 marzo 2010, (direttiva sui servizi di media audiovisivi), la Direttiva 2000/31/CE, dell 8 giugno 2000, ("Direttiva sul commercio elettronico") ma anche l articolo 31 della direttiva servizio universale, la politica dello spettro radio, l articolo 6 della direttiva accesso. Di recente anche il Parlamento Italiano,ed in particolare la IX Commissione della Camera dei Deputati, ha mostrato il proprio interesse alla materia, avviando un indagine conoscitiva sul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, allo scopo di valutare l adeguatezza del sistema normativo italiano, con particolare riferimento alle previsioni contenute nel testo unico di cui al decreto legislativo n. 177 del 2005,già ampiamente modificate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (Testo Unico), alle sfide poste dalla piena convergenza nel mercato dell audiovisivo. Tale indagine parte dalla constatazione che il sistema radiotelevisivo sta attraversando una forte evoluzione dovuta in primo luogo al processo di convergenzatecnologica 5 e prendendo spunto proprio dal Libro Verde della Commissione Europea ha lo scopo di verificare sele norme introdotte con il succitato Testo Unico possano considerarsi sufficienti a offrire al sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici nel nostro paese una normativa adeguata ad affrontare nel modo migliore la «rivoluzione» tecnologica, per effetto della quale i contenuti audiovisivi e radiofonici possono essere trasmessi attraverso una molteplicità di strumenti e di modalità sconosciuta fino ad un recente passato. All indagine conoscitiva hanno partecipato i maggiori operatori 2 Bruxelles, COM(2013) 231 final. 3 Libro Verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori, p.3. 4 Libro Verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori, pp Programma dell indagine conoscitivasul sistema dei servizi di media audiovisivi e radiofonici del 30 aprile federalismi.it focus TMT n. 2/2014

4 del mercato italiano (RAI, Mediaset, Sky e Viacom International Media Networks Italia) e Confindustria Radio TV la più rappresentativa delle associazioni di categoria italiane degli operatori radiotelevisivi e le audizioni si sono concluse nello scorso mese di luglio. A queste iniziative,promosse dalle istituzioni Europee e nazionali riguardo il fenomeno della convergenza,vanno aggiunte quelle promosse dagli stakeholders del mercato dell audiovisivo italiano. In particolare appare di estremo interesse la ricerca Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (presentata il20 giugno 2014). Tale ricerca è stata condotta dall Osservatorio Social Tv, istituito dal Corecom Lazio e l Università di Roma La Sapienza, presso il Centro Interdipartimentale Digilab 6. A tale ricerca hanno partecipato i principali attori del mercato televisivo in Italia che si sono potuti confrontare sul fenomeno della social TV, concordando la metodologia e il percorso di ricerca al fine di gettare luce sul fenomeno della social TV in Italia. Tale fenomeno rappresenta infatti per il pubblico televisivo italiano il primo tangibile effetto della convergenza tra televisione e Internet, modificandone le abitudini e l esperienza di visione. Pertanto, l analisi di tale nuova forma di consumo dei contenuti televisivi appare un utile tassello all indagine più ampia sulla convergenza nel mercato dell audiovisivo. L interesse nell analisi delle pratiche di social tv da parte del pubblico televisivo risiede nelle assonanze che esistono tra le esigenze di ri-valutazione del quadro normativo poste dalle istituzioni europee e nazionali e i meccanismi che più o meno inconsapevolmente il pubblico televisivo socialmente attivo mette in moto. Infatti, approcciarsi all analisi della social TV in Italia e all estero - significa preliminarmente cercare di dare risposte alle seguenti domande: cosa significa oggi guardare la televisione?cosa spinge il pubblico a fare esperienze di Social Tv? Come cambiano le pratiche di consumo televisivo?e evidente che la risposta a tali domande riveste altrettanta utilità per la verifica dell adeguatezza dell esistente quadro normativo alle sfide poste dalla convergenza. Per usare la definizione contenuta nel Libro Verde, la convergenza può essere definita come la fusione progressiva tra i servizi tradizionali di emittenza radiotelevisiva e internet, da cui emergono molteplici possibilità di visione, che vanno dai televisori a cui è aggiunta la connettività a internet, ai set-top box che offrono contenuti audiovisivi over-the-top (OTT), per arrivare ai servizi di media audiovisivi forniti da computer, fissi e portatili, tablet e altri dispositivi mobili. La convergenza così definita ha un effetto immediato sui consumatori perché muta la forma del consumo televisivo consentendo loro di usare il tablet o lo smartphone mentre guardano la tv, ad 6 sotto la presidenza di Francesco Soro, con il coordinamento scientifico di Alberto Marinelli e Romana Andò 4 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

5 esempio, per cercare ulteriori informazioni su quello che stanno guardando o connettersi con amici o con il programma televisivo stesso e/o di usare i medesimi mezzi per vedere in contemporanea o differita altri contenuti televisivi (second screen).la convergenza rappresenta quindi il presupposto abilitante di quell insieme di attività digitali che possiamo definire social TV. Una definizione sintetica di social Tv è la seguente: L insieme delle conversazioni e interazioni sociali supportate della tecnologia che fanno riferimento ad un contenuto televisivo 7. Più precisamente Da una parte, Social Tv significa relazione (digitale) tra soggetti a proposito di tv, ovvero tutte le conversazioni generate dalle audience rispetto a device (tablet, laptop, smartphone), ambienti on line (social media e app), flusso di interazione (live/non live, prima/durante/dopo il programma), genere televisivo [ ] emotivazione (condivisione, sostegno al programma, ricerca di rewards). Dall altra vuol dire relazione (digitale) con il contenuto video, ovvero tutte le forme di interazione orientate alla ricerca e condivisione di contenuti relativi ad un contenuto televisivo, al livello di programmi, celeb[rities] (conduttori, protagonisti), contenuti, brand e commercials, gamification. 8. Pertanto la pratica della Social TV rappresenta una nuova esperienza di consumo che si qualifica per due elementi principali: l interazione digitale tra persone rispetto ad un contenuto televisivo e l interazione digitale tra persone e tale contenuto televisivo. L Osservatorio ha condotto per un anno varie attività di ricerca concordate con i partnertelevisivi, utilizzando diverse metodologie 9, indagando sull universo di riferimento degli utenti Internet italiani ovvero quei soggetti che attraverso la connessione al Web e la disponibilità di tecnologie mobili dispongono dell abilitazione alla pratica della Social TV. Tale universo rappresenta più della metà delle famiglie italiane 10 e il 62% della popolazione dai 15 anni in su 11. Il primo dato rilevante è il mutamento dell atteggiamento del pubblico. La possibilità di accedere a Internet durante (ma anche prima o dopo) la visione di un programma televisivo consente agli utenti una serie di attività che li impegnano sui social networks in particolare Twitter appare la principale piattaforma per i commenti ai programmi televisivi in diretta anche attraverso i messaggi ad un cerchio più ristretto di conoscenti attraverso le applicazioni di messaggistica istantanea. Pur registrando diverse intensità rispetto alla pratica, si tratta di un fenomeno 7 Kevin Roebuck - Social TV: High-Impact Strategies - What You Need to Know: Definitions, Adoptions, Impact, Benefits, Maturity, Vendors - Tebbo, Andò, Marinelli, Analisi desk su fonti di ricerca internazionali e nazionali (Nielsen, ComScore, AudiWeb) sul multiscreening e il consumo di video on line; social media monitoring dei volumi e degli stili di buzz on line rispetto ai programmi televisivi; indagine CAWI (Computer Assisted Web Interviewing) sulle pratiche della Social Tv; indagine etnografica: interviste qualitative e osservazione partecipante; focus group su diverse tipologie di utenti per rintracciare le pratiche innovative 10IPSOS febbraio EURISKO federalismi.it focus TMT n. 2/2014

6 intergenerazionale che è spinto dalla tendenza generalista della televisione italiana e dall anatomia dell audience che mostra una prevalenza delle fasce più anziane della popolazione sul totale del pubblico televisivo. Questo porta ad una possibile definizione di questa fetta di pubblico come SociallyEngaged TV Audience un pubblico televisivo socialmente e digitalmente impegnato nel social network - che rappresenta il 15% del pubblico televisivo (pari a più di 13 milioni di utenti internet) che in media quotidianamente commenta o partecipa on line alla programmazione televisiva. E interessante notare che i risultati della ricerca sulla Social TV sono confermati anche dalla Relazione Annuale dell AGCOM che, riportando i dati di un indagine affidata a SWG, evidenzia come la maggior parte dei telespettatori, durante la fruizione del mezzo televisivo, svolge almeno un altra attività, tra cui l utilizzo del telefono cellulare/smartphone (59% degli utenti della Tv) o fisso (53%), la navigazione su internet (39%), nonché l accesso ad altri mezzi (quotidiani e periodici, rispettivamente nel 32% e 28% dei casi, e radio, per il 12% dei telespettatori) 12. Cambia quindi l esperienza di visione e il grado di attenzione del pubblico alla stessa: ora l attenzione del pubblico è divisa tra vari schermi e attività spesso simultanee.ciò ha ricadute importati per gli editori televisivi e per i clienti inserzionisti che devono combattere per l attenzione del pubblico e che devono alimentare offerte adeguate ed appetibili di contenuti lineari e non lineari. La ricerca prosegue affermando che l uso crescente di schermi personali per la visione di contenuti televisivi è motivato dalla volontà d interazione digitale tra le audience a proposito di quello che si sta guardando (o siè guardato) in tv ma anche dalla voglia di trovare in tempo reale informazioni e contenuti correlati a ciò che si sta guardando 13. Il Libro Verde sottolinea che il consumo televisivo lineare nell Unione Europea ammonta a circa 4 ore al giorno e la Relazione Annuale 2014 di Agcom conferma che il maggior accesso alla televisione avviene da casa, ciò significa che, in Italia, i contenuti televisivi continuano ad essere un elemento centrale nella vita quotidiana del pubblico e che la fruizione continua ad essere un fatto domestico. Oggi però è consentito ai telespettatori, grazie alla disponibilità di dispositivi mobili connessi e ad una 12AGCOM Relazione annuale 2014 pag Secondo una recentericerca presentata al Connected Tv Summit, sebbene il primo schermo risulti ancora il più importante, il 72% degli spettatori che ha in mano un altra device cerca contenuti relativi a ciò che sta guardando - presentazione Mashable Social Media Day 30 Giugno 2014 Mattia Nicoletti Co-Founder; 6 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

7 predisposizione alla cultura della condivisione sui social network (Facebook, Twitter, Instagram), 14 di interagire digitalmente attorno al contenuto televisivo. Un primo spunto d interesse è la cultura della condivisione che spinge a praticare la social TV. E innegabile che sia diventato un tratto culturale comune scambiare le proprie opinioni, commenti, gusti, attraverso l attività sui diversi social network a fronte di una messa a disposizione - più o meno consapevole o più o meno avvertita - dei propri dati personali da parte dell utente. Tali dati possono essere poi utilizzati per la profilazione degli utenti che costituisce di per sé un valore per la comunicazione commerciale. Inoltre le attività on line, ivi incluse quelle generate da contenuti televisivi, sono destinate a restare virtualmente per sempre nella rete diventando così espressioni indelebili della personalità dell utente, tracce ed esempi del suo agire, in breve espressioni della propria libertà di pensiero. Senza alcuna pretesa di esaustività, si può immediatamente comprendere come i temi sollevati da una semplice azione di social TV coincidano con i temi più attuali de dibattito giuridico quali il diritto all oblio affrontato sia dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee 15 ma anche dalla Corte di Cassazione 16. L aumento dell attività sociale sul web non solo attraverso la pratica della social TV impone un più elevato livello di attenzione da parte del pubblico e da parte degli operatori al tema della raccolta dei dati personali e del consenso informato come mostra il recente provvedimento prescrittivo del Garante dei dati personali che impone a Google l adozione di specifiche misure in materia di informativa, consenso e conservazione dei dati personali degli utenti 17.E non va dimenticata una riflessione al tema dell alfabetizzazione mediatica (media literacy) del pubblico televisivo e di internet quale strumento abilitante ad un utilizzo consapevole dei mezzi convergenti. Nell attuale riflessione sulla riforma del servizio pubblico, la promozione di un efficace alfabetizzazione mediatica dovrebbe rappresentare uno dei pilastri del servizio pubblico convergente ossia tecnologicamente neutro ed impegnato alla realizzazione dei propri fini di servizio non economico 18. Tornando ai risultati della ricerca sulla social TV in Italia, è interessante notare che,da un lato, a seconda dello stile di interazione adottato e dei contenuti commentati, sono state individuate diversi profili di audience, e dall altro il genere del contenuto influenza il comportato di social 14 Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (20 giugno 2014) 15Corte di Giustizia UE, sez. grande, sentenza n C-131/12 16 Da ultimo Cass. n del Fabio Bassan, Emilio Tosi il Diritto degli Audiovisivi Giuffrè Editore, 2012 Capitolo 5 Il Servizio Pubblico nell audiovisivo 7 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

8 TV.Sebbene tutti i generi televisivi generino attività di social TV 19, gli eventi televisivi dal vivo, sportivi, musicali o nazional popolari e i reality show/talent show rappresentano sia in Italia che all estero il maggior catalizzatore di attività sociale da parte del pubblico televisivo 20. Un esempio di consumatore di social TV è il fan. Costui/costei replica meccanismi della fan community ed esalta la dimensione di ricerca di relazionalità (riconoscersi in quanto fan, trovare persone con passioni simili, etc.). Per questa fetta di pubblico sono molto popolari le applicazioni di check ine forme di consumo tv ad elevata fidelizzazione (ad esempio la serialità). Da considerare con attenzione anche evoluzioni comela Social EPG, ossia quella applicazione che fornisce un servizio di guida ai programmi arricchito dai dati in tempo reale provenienti dai social networks sul livello di attività sociale(buzz) generato da un determinato programma. Nei Paesi Bassi il più popolare settimanale di guida ai programmi offre una app che consente la funzionalità di Social EPG. Le dinamiche di audience possono essere influenzate se un determinato programma indipendentemente dalla sua collocazione nell EPG genera un alto livello di attività sociale (buzz) tale da spingere il pubblico a cambiare canale. Da punto di vista dell industria dei contenuti nel nostro paese, la social TV crea interesse ma fino a oggi,salvo casi isolati, è considerata solo un esperimento. Per poter diventare davvero significativa, appare necessario che entri nella scrittura dei contenuti televisivi, in particolare per accentuare la fidelizzazione del pubblico tra un episodio e l altro, mantenendo vivo il dibattito sul contenuto stesso. Ovviamente ciò presuppone investimenti e prese di rischio in un contesto di attuale flessione del mercato pubblicitario. Quindi appare lecito interrogarsi su quale sia il ritorno economico della social TV. La ricerca conferma che uno spettatore di social TV rappresenta un interlocutore pregiato sia per i fornitori di servizi di media lineari e non lineari che per gli inserzionisti pubblicitari. Inoltre le forme della comunicazione commerciale tradizionale trovano nella social TV spazi nuovi e modalità di comunicazione innovative quali,solo per citarne alcuni,l advertising in sync tra gli schermi (lo stesso messaggio pubblicitario è comunicato al pubblico in contemporanea su più 19 Tutti i generi televisivi danno vita a pratiche di Social Tv, nessuno escluso. Cambiano, però, i motivi che spingono alla interazione: il tifo per lo sport, la dimensione di gara per i talent, l immersione nella reality tv, la partecipazione nei talk. Rethinking the TV Experience l esperienza della social TV in Italia (20 giugno 2014) 20 Negli eventi live [ ]chi vuole commentare lo fa in tempo reale mentre si svolge quell evento. Una dimostrazione sono i campionati del mondo di calcio che nei gironi di qualificazione hanno totalizzato 300 milioni di Tweet con 459 milioni di interazioni su Facebook nella prima settimana presentazione Mashable Social Media Day 30 Giugno 2014 Mattia Nicoletti Co-Founder; 8 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

9 piattaforme e schermi)l e-commerce in tempo reale sui prodotti visti in tv e forme innovative di product placement dedicati ad esempio ai second screen, in particolare in relazione ai prodotti utilizzati o indossati dalle star di un programma televisivo. Tuttavia, il presupposto per investimenti pubblicitari nella social TV è la messa a disposizione degli operatori di indici di misurazione del fenomeno attendibili ed efficaci. Nielsen Social, la partnership fra Nielsene Twitter già attiva negli Stati Uniti,offrirà anche al mercato italiano, a partire dal prossimo autunno lo strumento Nielsen Twitter TV Ratings che consente di dare dati importanti per la valutazione dell efficacia delle campagne di comunicazione commerciale declinate sulla social TV. Il tema della regolamentazione della comunicazione commerciale nell epoca della convergenza e della social TV è forse uno dei temi principali del dibattito sopra questo fenomeno. In primo luogo perché qualunque scelta di policy making, avulsa da un approccio sistemico, può avere delle conseguenze immediate in un contesto di fragilità di mercato come quello attuale. Dal punto di vista degli operatori lineari/emittenti televisive l attuale situazione di asimmetria regolamentare tra servizi lineari e non lineari (ivi inclusi i servizi OTT esclusi tout court dalla normativa ma ormai in piena concorrenza tra loro) è percepita con sempre maggior preoccupazione. In particolare, le limitazioni quantitative (affollamento orario stabilito ad esempio dall art. 38 del Testo Unico), sono percepite come la dimostrazione di un possibile mancato raggiungimento del playing level filed nel mercato dell audiovisivo convergente 21. Infatti se provvedimenti asimmetrici trovano spesso giustificazione nell interesse da parte del regolatore di difendere mercati emergenti e/o nuovi operatori che si affacciano sul mercato (a tale proposito si pensi al meccanismo graduale di attuazione degli obblighi di programmazione ed investimento a favore di opere europee e di opere di produttori indipendenti da parte degli operatori non lineari 22 ), tale presupposto sembrerebbe non essere applicabile a mercati come quello della pubblicità on line e ad operatori (in particolare gli operatori OTT) aventi ormai un cospicuo peso economico e una conseguente stabilità. Al contempo le nuove forme di pubblicità rese possibili dalla convergenza tecnologica mettono alla prova anche ambiti diversi della normativa, ad esempio l obbligo di separazione tra comunicazione commerciale e contenuti editoriali (come stabilite per le trasmissioni lineari dalle 21 A tale proposito è interessante l intervento di Confindustria Radio TV all audizione pubblica di fronte alla IX Commissione della Camera dei Deputati nel quadro dell indagine conoscitiva promossa dalla stessa, reperibile all indirizzo: nno=2014&mese=07&giorno=03&idcommissione=09&numero=0001&file=indice_stenografico 22 Vedasi le previsioni contenute nell Allegato A alla Delibera n. 66/09/CONS e successive modifiche e integrazioni 9 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

10 norme dell art. 37 del Testo Unico e dalle disposizioni della delibera AGCOM). In questo campo vanno positivamente registrate le esperienze di auto-regolamentazione europea nate in ambito digitale,come il codice di autoregolamentazione sulla pubblicità comportamentale 23 promosso dallo IAB che raccoglie le best practise in materia. Uno dei benefici principali di tale codice è la standardizzazione delle notifiche agli utenti circa la possibilità di opt-out da questo tipo di pubblicità. La Commissione stessa nel Libro Verde menziona questo esempio positivo di autoregolamentazione e nel contempo auspica l adozione da parte dell industria di una norma mondiale di Do Not Track 24 a tutela degli utenti di Internet che non intendono mettere a disposizione degli investitori pubblicitari i dati della loro navigazione al momento in corso di codifica. In entrambi i casi si tratta di esperienze di autoregolamentazione che hanno positivi riscontri anche nel contesto della comunicazione lineare (si pensi al Codice di Autoregolamentazione della Comunicazione Commerciale promosso dallo IAP e ai codici di autoregolamentazione in tema di inserimento prodotti previsti dal comma 5 dell art.40 bisdel Testo Unico) e che spingono anche la Commissione Europea a considerare questa forma di regolamentazione appropriata alla disciplina di questi fenomeni. La social TV anche in Italia rappresenta quindi una rilevante modifica delle abitudini di consumo televisivo e rilancia i temi fondamentali del dibattito sulle sfide poste alla regolamentazione dalla convergenza: assicurare lo sviluppo del mercato audiovisivo convergente e tutelare il pubblico promuovendo al contempo la sua alfabetizzazione mediatica, il tutto prediligendo forme di autoregolamentazione. 23 La pubblicità comportamentale usa le informazioni raccolte dal comportamento dell'utente (pagine visitate, ricerche fatte) per individuare gli interessi degli utenti e, su quella base, erogare pubblicità relativa a prodotti o servizi ricercati dall'utente. 24 Do nottrack è unoheader http, una direttiva di controllo delle pagine web che comunica al server le preferenze dell'utente riguardo alla raccolta dei suoi dati di navigazione, raccolta che viene utilizzata per esempio nel caso delle pubblicità personalizzate. Lo scopo dello header do nottrack è richiedere ad una determinata applicazione web la sospensione della raccolta delle informazioni circa l'utente che sta visitando la pagina. 10 federalismi.it focus TMT n. 2/2014

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014

REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014 REGOLAMENTO DI TELEVOTO RELATIVO AL PROGRAMMA X FACTOR 2014 1. Premessa Il presente regolamento si riferisce al servizio di televoto abbinato alla gara canora oggetto del programma televisivo X FACTOR,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Allegato A alla Delibera n. 551/12/CONS AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA RACCOLTA PUBBLICITARIA INDICE PREMESSA 1 CAPITOLO 1. Il funzionamento del settore

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

Tutela dei dati personali Vi ringraziamo per aver visitato il nostro sito web e per l'interesse nella nostra società. La tutela dei vostri dati privati riveste per noi grande importanza e vogliamo quindi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli