Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado"

Transcript

1 Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado Elaborata all interno del laboratorio di scienze dell Istituto Comprensivi G. Binotti di Pergola Obiettivi didattici generali Il bambino come soggetto di conoscenza: attivazione delle sue capacità di pensiero (il bambino/ragazzo deve saper pensare sulle cose che vede); attivazione delle sue capacità linguistiche (il bambino/ragazzo deve sapersi esprimere e parlare delle cose che vede) Osservazione, descrizione, interpretazione della realtà naturale, fino a raggiungere rappresentazioni e interpretazioni condivise sulla realtà Individuazione di somiglianze, differenze e analogie tra fenomeni e tra interpretazioni. Enucleazione di correlazioni causali o funzionali. Individuare i cambiamenti e le modalità in cui le situazioni/i fenomeni cambiano nel tempo Approfondimento di alcune conoscenze sulla realtà fisica e biologica più immediatamente percepibile attraverso interpretazioni di fenomeni fondate su criteri di immaginazione logica Obiettivi didattici specifici L'alunno: - sa discutere su un oggetto o un fenomeno che osserva direttamente; - sa riportare informazioni extra-scolastiche che riguardano il fenomeno in esame; - sa immaginare prevedere le conseguenze dei suoi tentativi di sperimentazione; - sa argomentare le sue opinioni servendosi di esempi concreti - sa riconoscere differenze e uguaglianze di forma, struttura e funzionamento osservando oggetti e fenomeni; - sa descrivere l'andamento temporale di un fenomeno. - osservando lo svolgersi di un processo, riesce a individuare le variabili più importanti; - sa eseguire un'accurata osservazione su una pianta, un animale o altro; - sa osservare e descrivere un ambiente naturale nei suoi vari aspetti; - conosce le principali strutture interne del corpo umano; - padroneggia alcune importanti nozioni riguardanti l'alimentazione e la salute; - conosce le principali funzioni dei viventi e alcune delle relazioni che li legano al loro ambiente; Metodi, attività, capacità Si propone di impostare ogni attività a partire da una effettiva partecipazione del bambino, che viene coinvolto a fare, toccare, guardare, parlare... (guardiamo quello che succede, proviamo a pensare quello che è ragionevole pensare guardando quello che succede, cerchiamo un accordo tra noi e con quello che dicono altri - compagni, libri, scienziati cerchiamo di vedere se questo modello serve per descrivere tutto quello a cui si riferisce; se il modello non regge più si lascia da parte e se ne cerca uno migliore) Discussioni collettive a partire da oggetti e fenomeni. Disegni e brevi commenti su ciò che è stato visto e fatto Brevi "resoconti scientifici", individuali o di gruppo, su esperienze fatte a casa o in laboratorio.(per i più grandi) Valorizzazione della plausibilità e della coerenza interna delle spiegazioni personali rispetto alla ripetizione dei concetti appresi.

2 Valorizzazione delle potenzialità di diversi linguaggi: verbale, grafico-pittorico, gestuale... mimico. Confronto tra interpretazioni "personali" e "scientifiche" Valorizzazione di "quello che non si capisce" e della capacità di fare domande. IL CORPO Parlare del corpo equivale a parlare di noi stessi, soprattutto per i bambini, pensando che non abbiamo un corpo distaccato da noi, che sia altro rispetto a noi. Il corpo è l unico strumento a nostra disposizione per conoscere quello che è fuori dal corpo. Non abbiamo altri strumenti di conoscenza se non noi stessi e il nostro modo di vivere.in parte in modo consapevole, in massima parte in modo totalmente inconsapevole, il corpo ci guida in ogni azione della vita quotidiana, in ogni conoscenza di cose nuove, in ogni esperienza di relazione con gli altri e con le cose. Quindi parlare del corpo e di noi merita attenzione e rispetto. Questo elimina anche la separazione tra componenti affettive e componenti cognitive della nostra persona. Parlare di noi vuol dire parlare della difficoltà e della complessità dell essere vivi e dell essere vivi in un ambiente. Vale la pena cercare di far capire ai bambini la continua e ineliminabile rete di scambi e di continui messaggi che dal mondo esterno arrivano dentro di noi e che da noi vanno verso il mondo esterno. La percezione e la conoscenza realizzate attraverso il corpo sono talmente importanti che almeno inizialmente, riesce molto difficile ai bambini, e non solo a loro, di operare cognitivamente un distacco tra quello che siamo noi e quello che è il mondo esterno Con i bambini è importante ricostruire l unità e l identità di loro stessi con quello che vedono e quello che pensano, sviluppando la loro soggettività, per lavorare concettualmente su questa iniziale identità e solo gradualmente si può allontanare il soggetto verso una consapevole oggettivazione delle conoscenze. 1 SCUOLA DELL INFANZIA Saper guardare, descrivere, fare per capire meglio. Notare, in un fenomeno semplice e in un contesto ben definito, quello che sta succedendo, quello che si deve fare per far succedere o per non far succedere una certa cosa. Rappresentare e descrivere (a parole, con disegni..., con gesti) quello che si vede e quello che si pensa. (inventare/trovare le parole più adatte per esprimere sensazioni, emozioni e pensieri) (L'insegnante deve aver cura di farsi spiegare i disegni!) Nella scuola dell infanzia è possibile lavorare sui seguenti aspetti: Il corpo e la comunicazione Autoritratti, ritratti dei compagni, ritratti dei genitori. Osservazione del viso e delle espressioni (proprie e delle figure). Collage di occhi, bocche, nasi... per formare facce con espressioni diverse. Interpretazione delle "smorfie": cosa e come ci si deve muovere per far capire che si è allegri... arrabbiati... tristi... Idee di "segnalazione": cosa si capisce dalle diverse espressioni... Come si risponde. 1 M. Arcà Vivere giorno per giorno: il corpo che funziona

3 Il corpo dall'esterno (Come siamo fatti ) La conoscenza del proprio corpo può cominciare col guardarsi dal di fuori e cercare indizi per comprender cosa succede dentro. Come mi vedo cosa si vede cosa ci potrebbe essere dentro cosa cambia cosa vedo cambiare. Sagome del corpo, impronte di mani e piedi (lavori su simmetrie). Rilevazioni di crescita: prime indagini su come, dove, quando si cresce. Ricerca di indizi sulla struttura del corpo: parti molli e dure, flessibili e rigide, vuote e piene, rumorose o no: osservazione della pelle. Il corpo e la salute Star bene e star male: ricordi, rielaborazione e interpretazione di esperienze. (da che cosa ti accorgi di star male o bene?) Che cosa fa male, che cosa fa stare male Come ci si sente quando si è malati. Come si guarisce. Che cosa fa star bene; come si capisce che si sta bene. Dove e come si sente il dolore (percezione di sé). Il corpo dall'interno Cosa c'è nel corpo: osservazione, manipolazione, palpaggi e toccamenti, rappresentazione immaginaria. Esperienza "controllata" di mangiare e bere (bocconi grandi e piccoli, freddi e caldi, liquidi, pastosi, secchi): cosa si sente in bocca, come si ingoia, come sarà fatta la pancia vuota, quella piena, come si riempie e come si svuota: Disegni e spiegazioni dei disegni. Esperienza "controllata" di respirare: senza respirare, respirando poco, in fretta, lentamente... dove ci si gonfia, quanto tempo per sgonfiarsi... Esperienze controllate "sensoriali": da dove si sentono - non si sentono certi rumori/odori? Da dove si vedono - non si vedono certe luci? Caccia al rumore, all'odore, alla luce. Percepire variazioni, p. es. di intensità: luci o rumori più o meno forti, andare verso il rumore per sentirlo sempre più forte muoversi più o meno rapidamente a tempo di luce (attività con i variatori di intensità delle lampadine) Il corpo in movimento Muoversi nello spazio, rappresentazione dei percorsi svolti in classe, costruzione di labirinti semplici sul banco (con mattoncini Lego; a scala piccola e padroneggiabile); in classe con i banchi, a scala più grande. Gare di velocità su percorso: a spazio fisso; a tempo fisso. Gara per arrivare primi ad un traguardo (senza dare il percorso); gara per arrivare ultimi al traguardo (senza dare il percorso). Come far capire se i movimenti sono lenti o veloci? Spiegazioni e rappresentazione di azioni, gesti o movimenti "rallentati" o "accelerati" (battere le mani, camminare...) Metterci più - meno tempo a fare una certa cosa. SCUOLA PRIMARIA (cl 1 e 2 ) Imparare a evocare, parlare su, lavorare su, riflettere su, confrontare, correlare, rappresentare fatti e esperienze;

4 capire gradualmente cosa significa guardare le cose secondo aspetti o punti di vista definiti e coerenti (come fare a capire chi ha ragione, se quello che viene detto è vero... come accorgersi se ci si sbaglia del tutto o soltanto un poco); provare a dimostrare che si ha ragione; modificare i normali andamenti delle cose secondo i proprio scopi (verso progetti di sperimentazione autonoma, con uno scopo da raggiungere posto dal bambino o dal gruppo). E possibile riproporre gli stessi argomenti della scuola dell infanzia, sviluppandole con maggiori approfondimenti, cercando di trovare relazioni/interazioni tra ciò che si vede fuori e ciò che c è e succede dentro. Partendo da quello che si vede e si sente si possono immaginare strutture e funzionamenti nascosti Corpo e salute Discutendo le varie percezioni di malessere, il male delle malattie, i modi e i tempi per curarsi e guarire, si comincia a fare riferimento alle parti interne del corpo e alle manifestazioni esterne del loro funzionamento; ci si accorge delle interazioni e degli scambi tra il corpo e il mondo esterno Ampliamento: Lo star bene/male di altri viventi. (non guardiamo soltanto noi stessi ma anche le persone che abbiamo intorno, gli animali molto diversi da noi, le piante...) Cosa c'è di simile e di diverso nei viventi? Star bene da fermi e star bene movendosi. Corpo e movimento Osservazioni sul corpo che si muove, fino ad immaginare muscoli ed ossa, sangue che circola e produzione di calore che fa sudare...dalla descrizione di ciò che si sente, si può passare a cercarne le cause, a darne spiegazioni possibili. (disegnare sulla sagoma del corpo i posti dove si sente qualcosa, cercando di indicare da dove arriva e cosa produce la sensazione) Corpo che cresce e trasforma (cosa entra e cosa esce) Partendo da esperienze di mangiare si possono affrontare con i bambini questioni del tipo: Come è possibile che mangiamo la merenda solo per trasformarla in cacca, come è possibile che la merenda si trasforma in corpo di bambino, come è possibile che una stessa merenda si trasformi in corpo di due bambini diversi, come spieghi che mangiamo le stesse cose eppure siamo diversi? Fare discorsi questo tipo implica lavorare sulle trasformazioni delle sostanze: si tratta di rendere plausibile quello che succede nel corpo e non si può vedere, facendo molti esperimenti di tipo analogico su cose che si possono osservare e che assomigliano soltanto a quelle che succedono davvero. (es. far sciogliere del pane in un bicchiere d acqua mimando le operazioni di un bicchierestomaco, filtrare con un colino il prodotto ottenendo acquetta biancastra da una parte - è lì che sta il buono del pane - e molliche di pane dall altra, mimando un assorbimento intestinale e una eliminazione di rifiuti. Corpo che percepisce Si lavorerà sulla percezione con lo scopo di mettere in evidenza l intreccio di relazioni tra il corpo e il mondo esterno Si possono creare situazioni in cui sia facile rendersi conto di come, quando e di che cosa ci accorgiamo, notando a quali sensazioni corrispondono quelle che chiamiamo proprietà degli oggetti. Trovare le parole giuste per esprimere le varie sensazioni è difficile ma può servire a stabilire una relazione tra le proprietà degli oggetti e i modi di accorgersene, cioè a diventarne consapevoli Corpo che comunica Lo starnuto, il singhiozzo, il pianto, il riso, la pelle d oca, il rossore, sono modi di reagire del corpo a situazioni esterne o rappresentano forme di difesa che non possono essere controllate volontariamente. Sono indizi che i bambini dovrebbero in qualche modo rilevare e cercare di dar loro un senso, tenendo conto di cosa succede e di cosa si prova, per dare parole alle varie esperienze.

5 SCUOLA PRIMARIA ( cl. 3 e 4 ) Interpretare il funzionamento del corpo come equilibrio dinamico tra processi e funzioni diverse, ponendo attenzione alle relazioni tra le diverse attività fisiologiche. Ogni parte è in continuo scambio e relazione con l altro; via via si immaginano le parti grandi e piccole che partecipano ad una continua rete di scambi e di comunicazione. Ciò potrà essere fatto attraverso esperienze di nutrizione, respirazione e percezione o attraverso l esecuzione di giochi di movimento o di forza. Partendo dalle esperienze realizzate nel primo biennio si potrà riprendere il discorso della crescita, andando a studiare i funzionamenti interni. Es. se l intestino filtra per dividere il buono dal cattivo, si pone il problema delle pareti, dei passaggi e del trasporto. Ciò che è passato dove va? Come fa ad andare in tutto il corpo? Dove passa? Chi lo trasporta. Qui entra il gioco il discorso del sangue e della circolazione. Intanto si può lavorare parallelamente sulle soluzioni e le concentrazioni con il sale e lo zucchero. (Il passaggio di sostanze attraverso pareti che sembrano impermeabili, può essere provato mettendo una soluzione di acqua e zucchero in un tubo da dialisi immerso in un barattolo di acqua. Dopo un po anche l acqua esterna diventa dolce. Discutendo cosa nell esperimento rappresenta i fatti che succedono nella digestione, si può capire meglio il collegamento funzionale tra apparato digerente e apparato circolatorio.) Il problema della selettività dei passaggi, cioè le modalità con cui le sostanze abbandonano un apparato per entrare in un altro, richiama l immagine di buchi invisibili che lasciano passare solo certe sostanze e non altre. E importante notare che le aperture invisibili funzionano, per ogni tipo si sostanza, solo in un verso, bisogna far capire ai bambini/ragazzi che c è un sorta di direzione obbligata e che non si può andare in senso inverso. E necessario aver chiaro il concetto di concentrazione per capire i passaggi; la regola che permette di capire il verso tiene infatti conto della diversa concentrazione delle sostanze all esterno o all interno della parete da attraversare. Secondo questa regola le sostanze passano sempre da dove sono più concentrate a dove sono meno concentrate. Si possono introdurre i giochi del fitto e del rado che fanno capire che si può essere in tanti in uno spazio piccolo o tanti in uno spazio grande, pochi in uno spazio piccolo e pochi in uno spazio grande, facendo confronti tra quantità e spazio occupato. Un altro problema è capire dove avvengono le trasformazioni interne delle sostanze e come. Per questo è opportuno guardare le trasformazioni nelle cose fuori di noi Esperienza sulla respirazione: stare senza respirare, trattenere il fiato, respirare poco, in fretta, lentamente, controllare..dove ci si gonfia. Prendere nota di tutto quello di cui ci si accorge: movimenti, rumori, cambiamenti. Provare ad immaginare il percorso di una Boccata d aria (dove passa, dove va a finire) Disegnare. Discussioni: Cosa vuol dire respirare?a cosa serve respirare Si potrà osservare il proprio corpo in "equilibrio" in diverse posizioni: contrazioni muscolari, fare forza... cosa significa equilibrio. Osservare e disegnare quello che si vede..e quello che si immagina dentro. Cosa si tende, cosa si contrae, dove si fa forza nei diversi movimenti. Che cosa si vede, che cosa si sente, che cosa si capisce. Cosa succede intanto nel corpo: effetti degli sforzi (affanno, stanchezza, fiatone, fame... mal di milza). Indizi per accorgersi dei funzionamenti interni. Osservazione accurata del comportamento dei muscoli, tendini, ossa, articolazioni. Provare a ricostruire un modello meccanico. Movimenti possibili e impossibili.

6 CL. 5 SCUOLA PRIMARIA E CL. 1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Il corpo come trasformatore di sostanze; le sottostrutture del corpo trasformano sostanze... (Metabolismo dell'organismo, metabolismo cellulare). Trasformazioni all'interno delle cellule. Digestione, respirazione e metabolismo cellulare. Il passaggio dal macroscopico (corpo osservabile) al microscopico (strutture invisibili cellule) deve essere elaborato fin dai primi anni di scuola ma può trovare in quinta una sua sistematizzazione. Le cellule possono essere quindi interpretate come strutture vive, coordinate e cooperative, dalle forme e dalle funzioni diversificate. Per vivere crescere e moltiplicarsi devono nutrirsi e respirare: per questo sono necessarie nutrizione e respirazione a livello macroscopico. All'interno del corpo: digestione, assimilazione e crescita. Relazione tra digestione, respirazione e circolazione Idee di energia. Studiare le varie sottostrutture il quasi invisibile o l invisibile con l uso di lenti di ingrandimento, microscopi, immagini di testi o atlanti di istologia (immagini di tessuti ingranditi) Dopo le esperienze sulla respirazione e sull aria realizzate fin dalla scuola materna, dopo aver lavorato sull aria che entra e che esce dal corpo, e aver osservato che quella espirata è un po diversa da quella inspirata, si arriverà a capire che anche l aria come il cibo deve essere trasportata in tutte le parti del corpo dal sangue. (Si consiglia di visualizzare in qualche modo questo trasporto) Le trasformazioni interne delle sostanze che permettono la crescita del corpo e la moltiplicazione cellulare hanno bisogno di ossigeno il quale è trasportato dai globuli rossi. Il sangue ha significato solo se si gestisce il suo rapporto col mondo microscopico delle cellule. Parlare di sangue pulito e sangue sporco ha poco senso se non ci si chiede Come si sporca il sangue? Chi lo sporca?. Solo in questo modo le cellule diventano particelle vive, che acchiappano particelle di alimento e di ossigeno insieme, le trasformano al loro interno sputano via altre particelle che non usano più.i rifiuti del metabolismo e della respirazione cellulare passano attraverso le pareti delle cellule e attraverso le pareti di capillari, versandosi nel sangue:e finalmente si parla di pipì che non è, come dicono i bambini, dell acqua che arriva direttamente dalla bocca alla vescica. La scoperta che la pipì sta nel sangue e che deve essere tolta dal sangue, è fondamentale.lo fanno i reni. 2 Si può passare a questo punto da una respirazione macroscopica a quella delle singole cellule; in esse avviene una vera e propria respirazione, per cui le molecole di zuccheri si combinano con l ossigeno formando acqua e anidride carbonica, che verrà eliminata con gli scambi respiratori. In questo processo si libera energia che permette i movimenti esterni e interni al corpo e si produce calore che mantiene costante la temperatura corporea. E possibile affrontare questi discorsi prendendo come modello altri processi, che avvengono in presenza di ossigeno, come le combustioni.(esperienze con le candele) Contemporaneamente è opportuno fare esperienza di trasformazioni nei miscugli di sostanze organiche. All'esterno del corpo: la cottura dei cibi (questa attività di cottura permette di seguire le trasformazioni di cibi diversi fino alla carbonizzazione, guardando come almeno una parte si perda e si trasformi in fumo Il discorso sulla cellula potrebbe facilmente accostarsi ad un discorso sulla riproduzione. Come nasce un bambino potrebbe essere una domanda d avvio (da porre anche fin dalle prime classi) per poi percorrere altre strade (sessualità pubertà, gravidanza ecc.) da svilupparsi in seguito 2 M. Arcà vivere giorno per giorno: il corpo che funziona

7 CL. 2 E 3 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Costruire un idea di vivente come sistema complesso Individuare le regole biologiche della vita. Stimolare una percezione consapevole di se stessi e del mondo esterno: la vita è consentita dal continuo raccordo tra i messaggi che arrivano dall'esterno e il funzionamento interno del corpo. Individuare correlazioni tra le varie funzioni interne, a partire da manifestazioni che possono essere osservate direttamente e indirettamente. Fare ipotesi sul funzionamento del cervello: pensare, ricordare, capire. Il ricordo di risposte precedenti, l'elaborazione di nuove idee. Dall'individuo alla specie. I ragazzi possono affrontare i grandi problemi della biologia contemporanea legati alla trasmissione genetica delle caratteristiche ereditarie tipiche della propria specie (specificità) elaborate in ogni individuo in maniera unica e irripetibile (individualità). Sempre il progetto genetico, in continua interazione con le condizioni esterne e con il suo ambiente guida lo sviluppo embrionale, la localizzazione corretta delle parti del corpo nello sviluppo, il differenziamento e il funzionamento delle cellule, le trasformazioni che dalla nascita portano all invecchiamento (e alla morte). Costruzione di uno schema generale di vivente. Al termine della scuola media, si può giungere a definire un prototipo di vivente, rielaborando conoscenze e informazioni precedenti, dopo aver individuato cosa è simile/diverso, analogo/inconfrontabile tra una pianta, un piccolo animale, un animale "strano"... un uomo. Per ognuno di essi, la vita si svolge sostenuta da un ingresso continuo di materia, energia e informazione che vengono elaborate secondo le caratteristiche genetiche di ciascun organismo. L'organismo è un sistema integrato evolutivamente in un certo ambiente, determinato e condizionato dal suo proprio funzionamento. Anche il cervello, da cui i bambini si sentono spesso comandati, funziona insieme agli altri organi, in modo coordinato al resto del corpo, ha un suo metabolismo, elimina sostanze inutilizzabili... Si costruiranno modelli di apparato digerente a partire dalle sensazioni, dalle evidenze e dall'esperienza dei ragazzi. Domande sui cibi: come fa a passare dall'intestino, come fa a raggiungere le punte dei piedi, come fa a diventare unghie, capelli, ossa... Utilizzazione ed eliminazione di sottoprodotti; cosa torna indietro dalle parti piccolissime; il filtro renale. Come ci accorgiamo del nostro metabolismo (conservazione e trasformazione; non sparizione di sostanze). Esperienze di filtraggi (immaginare parti sempre più piccole che passano attraverso i filtri, fino a passare attraverso le pareti dell'intestino nel sangue). Discutere della crescita mettendo in evidenza le corrispondenze tra sostanze che entrano e quelle che escono. Comprendere la necessità di una circolazione per il trasporto a domicilio di ossigeno e di sostanzenutrimento adatte alle cellule: il sangue va a "nutrire" e a "ossigenare" le parti piccolissime che formano tutto il corpo (osservazione di pelle, capelli e unghie con il massimo di ingrandimento disponibile). Domande: cosa entra e cosa esce dal corpo (ricordarsi sempre dell'aria); cosa succede dentro (trasformazioni) Cosa c'è nel fiato. Esperienze di respirazione, esperienze di "alito cattivo".

8 Dove va l'aria? Anche l'aria si trasforma? Cosa ci potrebbe essere nell'aria espirata (almeno vapor d'acqua, almeno sostanze di rifiuto generiche che la rendono "irrespirabile"). Come passa l'aria (l'ossigeno) dai polmoni al sangue? altri modelli di filtraggio selettivo. Elaborazione di modelli metabolici "approssimativi" che tengano conto contemporaneamente di digestione, respirazione e circolazione. Mettere delle basi problematiche da elaborare negli anni successivi. Dal bidimensionale al tridimensionale: modelli di corpo costruiti con scatole e materiali di recupero.. Esperienze già eseguite a livello fenomenologico su soluzioni e dispersioni di vari materiali in acqua, su filtraggi e separazioni di sostanze solubili e insolubili, su ammorbidimenti, sugli effetti di acidi e su i vari tipi di cottura, nella scuola secondaria di primo grado, possono essere formalizzate, ricercando regolarità e regole.

SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA

SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA (Da I modi di fare scienze - Alfieri, Arcà, Guidoni Bollati Boringhieri) Proposte per la costruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIA

SCIENZE E TECNOLOGIA SCIENZE E TECNOLOGIA COMPETENZE Dimostra conoscenze scientifico-tecnologiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL.

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. 3^ primaria) Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l'aiuto dell'insegnante

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA

SCIENZE SCUOLA PRIMARIA SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1 I CINQUE SENSI 1. Osservare il funzionamento del proprio corpo per riconoscerlo come organismo complesso 2. Osservare e riconoscere alcune caratteristiche dei corpi

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani?

All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani? Temperatura e calore All aperto, in una giornata fredda, ci si chiede come fare per riscaldare le mani? Le strofino forte forte Le metto in tasca o le infilo sotto le ascelle Ho freddo ai piedi, ho le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Manipolare

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO. Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO. Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei tematici e anni scolastici

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO ALTO ORVIETANO FABRO - TR Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015

ELABORATO DAI DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj. Anno scolastico 2014-2015 qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI SCIENZE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO (BAMBINI DI 4 ANNI) GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO Premessa Acqua, Terra, Fuoco, Aria sono i quattro elementi costitutivi dell ambiente in cui viviamo. Il contatto con la natura concorre

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: SCIENZE - CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. Esplora i fenomeni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Il mondo dell affettività e della sessualità. Per genitori e ragazzi

Il mondo dell affettività e della sessualità. Per genitori e ragazzi Il mondo dell affettività e della sessualità Per genitori e ragazzi Monica Crivelli IL MONDO DELL AFFETTIVITÀ E DELLA SESSUALITÀ Per genitori e ragazzi Manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2015

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

NUMERI PER CONTARE GIOCARE

NUMERI PER CONTARE GIOCARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO INFANZIA- NOTARESCO - G. VOMANO PAGLIARE - MORROD ORO A. S. 2016/19 PROGETTO DI FORMAZIONE NUMERI PER CONTARE NUMERI PER GIOCARE Approfondimento delle tematiche disciplinari

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Conoscenze L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (dagli Obiettivi specifici di apprendimento) Al termine della classe prima, la scuola ha organizzato per lo studente attività

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi!

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Le mie stereotipie sono un espressione fisica dei miei stati emotivi Non castrarle sempre cerca prima di comprenderle. Magari sto solo cercando di dirti che sono

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule piccolissime e visibili solo al microscopio.

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ADRIANA REVERE CLASSI V ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE PASCOTTO ROBERTO SCIENZE

SCUOLA PRIMARIA ADRIANA REVERE CLASSI V ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE PASCOTTO ROBERTO SCIENZE SCIENZE Dal 1 ottobre al 29 novembre o Descrivere e interpretare il funzionamento del corpo come sistema complesso situato in un ambiente. o Osservare, porre domande, fare semplici ipotesi e verificarle.

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare.

IL MOVIMENTO Sperimentare gli schemi motori statici e dinamici di base:correre, saltare,gattonare, rotolare, strisciare e lanciare. COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE IL CORPO E CAMPI D ESPERIENZA: IL CORPO E TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA Il bambino vive pienamente la propria corporeità,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti

Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti Progetto di plesso: Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti a. s. 2013-14 L universo è un libro scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO Scuola dell infanzia e scuola primaria G. Marconi Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a Monte NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI RETE-POLO "SCUOLA DI CITTADINANZA

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria, terra,fuoco.

Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria, terra,fuoco. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO Scuola dell Infanzia Capoluogo Anno Scolastico 2011-2012 Progetto di plesso Collegato al progetto d istituto Alla scoperta degli elementi della vita : acqua, aria,

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

3-Organizzazione didattica 1

3-Organizzazione didattica 1 Unità di apprendimento n.1 1-dati identificativi Titolo: SIAMO FATTI COSI Materia : Scienze Docenti impegnati nello sviluppo dell UDA: tutti i docenti di scienze Tempi di sviluppo: Ottobre / Novembre/Dicembre

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO?

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ISTITUTO COMPRENSIVO PONTASSIEVE SCUOLA DELL INFANZIA LEO LIONNI GRUPPO 5 ANNI MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ROSSANA GUERRI, CHIARA NOVELLI CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO MOTIVAZIONI La scuola

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

IL CALORE NON E TEMPERATURA

IL CALORE NON E TEMPERATURA IL CALORE NON E TEMPERATURA Il progetto è nato dalla collaborazione di una rete di scuole supportate dalla competenza scientifica della dott.ssa Paola Bortolon. L idea era quella di stimolare negli allievi

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli