Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado"

Transcript

1 Ipotesi di percorso longitudinale di scienze, da svilupparsi dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado Elaborata all interno del laboratorio di scienze dell Istituto Comprensivi G. Binotti di Pergola Obiettivi didattici generali Il bambino come soggetto di conoscenza: attivazione delle sue capacità di pensiero (il bambino/ragazzo deve saper pensare sulle cose che vede); attivazione delle sue capacità linguistiche (il bambino/ragazzo deve sapersi esprimere e parlare delle cose che vede) Osservazione, descrizione, interpretazione della realtà naturale, fino a raggiungere rappresentazioni e interpretazioni condivise sulla realtà Individuazione di somiglianze, differenze e analogie tra fenomeni e tra interpretazioni. Enucleazione di correlazioni causali o funzionali. Individuare i cambiamenti e le modalità in cui le situazioni/i fenomeni cambiano nel tempo Approfondimento di alcune conoscenze sulla realtà fisica e biologica più immediatamente percepibile attraverso interpretazioni di fenomeni fondate su criteri di immaginazione logica Obiettivi didattici specifici L'alunno: - sa discutere su un oggetto o un fenomeno che osserva direttamente; - sa riportare informazioni extra-scolastiche che riguardano il fenomeno in esame; - sa immaginare prevedere le conseguenze dei suoi tentativi di sperimentazione; - sa argomentare le sue opinioni servendosi di esempi concreti - sa riconoscere differenze e uguaglianze di forma, struttura e funzionamento osservando oggetti e fenomeni; - sa descrivere l'andamento temporale di un fenomeno. - osservando lo svolgersi di un processo, riesce a individuare le variabili più importanti; - sa eseguire un'accurata osservazione su una pianta, un animale o altro; - sa osservare e descrivere un ambiente naturale nei suoi vari aspetti; - conosce le principali strutture interne del corpo umano; - padroneggia alcune importanti nozioni riguardanti l'alimentazione e la salute; - conosce le principali funzioni dei viventi e alcune delle relazioni che li legano al loro ambiente; Metodi, attività, capacità Si propone di impostare ogni attività a partire da una effettiva partecipazione del bambino, che viene coinvolto a fare, toccare, guardare, parlare... (guardiamo quello che succede, proviamo a pensare quello che è ragionevole pensare guardando quello che succede, cerchiamo un accordo tra noi e con quello che dicono altri - compagni, libri, scienziati cerchiamo di vedere se questo modello serve per descrivere tutto quello a cui si riferisce; se il modello non regge più si lascia da parte e se ne cerca uno migliore) Discussioni collettive a partire da oggetti e fenomeni. Disegni e brevi commenti su ciò che è stato visto e fatto Brevi "resoconti scientifici", individuali o di gruppo, su esperienze fatte a casa o in laboratorio.(per i più grandi) Valorizzazione della plausibilità e della coerenza interna delle spiegazioni personali rispetto alla ripetizione dei concetti appresi.

2 Valorizzazione delle potenzialità di diversi linguaggi: verbale, grafico-pittorico, gestuale... mimico. Confronto tra interpretazioni "personali" e "scientifiche" Valorizzazione di "quello che non si capisce" e della capacità di fare domande. IL CORPO Parlare del corpo equivale a parlare di noi stessi, soprattutto per i bambini, pensando che non abbiamo un corpo distaccato da noi, che sia altro rispetto a noi. Il corpo è l unico strumento a nostra disposizione per conoscere quello che è fuori dal corpo. Non abbiamo altri strumenti di conoscenza se non noi stessi e il nostro modo di vivere.in parte in modo consapevole, in massima parte in modo totalmente inconsapevole, il corpo ci guida in ogni azione della vita quotidiana, in ogni conoscenza di cose nuove, in ogni esperienza di relazione con gli altri e con le cose. Quindi parlare del corpo e di noi merita attenzione e rispetto. Questo elimina anche la separazione tra componenti affettive e componenti cognitive della nostra persona. Parlare di noi vuol dire parlare della difficoltà e della complessità dell essere vivi e dell essere vivi in un ambiente. Vale la pena cercare di far capire ai bambini la continua e ineliminabile rete di scambi e di continui messaggi che dal mondo esterno arrivano dentro di noi e che da noi vanno verso il mondo esterno. La percezione e la conoscenza realizzate attraverso il corpo sono talmente importanti che almeno inizialmente, riesce molto difficile ai bambini, e non solo a loro, di operare cognitivamente un distacco tra quello che siamo noi e quello che è il mondo esterno Con i bambini è importante ricostruire l unità e l identità di loro stessi con quello che vedono e quello che pensano, sviluppando la loro soggettività, per lavorare concettualmente su questa iniziale identità e solo gradualmente si può allontanare il soggetto verso una consapevole oggettivazione delle conoscenze. 1 SCUOLA DELL INFANZIA Saper guardare, descrivere, fare per capire meglio. Notare, in un fenomeno semplice e in un contesto ben definito, quello che sta succedendo, quello che si deve fare per far succedere o per non far succedere una certa cosa. Rappresentare e descrivere (a parole, con disegni..., con gesti) quello che si vede e quello che si pensa. (inventare/trovare le parole più adatte per esprimere sensazioni, emozioni e pensieri) (L'insegnante deve aver cura di farsi spiegare i disegni!) Nella scuola dell infanzia è possibile lavorare sui seguenti aspetti: Il corpo e la comunicazione Autoritratti, ritratti dei compagni, ritratti dei genitori. Osservazione del viso e delle espressioni (proprie e delle figure). Collage di occhi, bocche, nasi... per formare facce con espressioni diverse. Interpretazione delle "smorfie": cosa e come ci si deve muovere per far capire che si è allegri... arrabbiati... tristi... Idee di "segnalazione": cosa si capisce dalle diverse espressioni... Come si risponde. 1 M. Arcà Vivere giorno per giorno: il corpo che funziona

3 Il corpo dall'esterno (Come siamo fatti ) La conoscenza del proprio corpo può cominciare col guardarsi dal di fuori e cercare indizi per comprender cosa succede dentro. Come mi vedo cosa si vede cosa ci potrebbe essere dentro cosa cambia cosa vedo cambiare. Sagome del corpo, impronte di mani e piedi (lavori su simmetrie). Rilevazioni di crescita: prime indagini su come, dove, quando si cresce. Ricerca di indizi sulla struttura del corpo: parti molli e dure, flessibili e rigide, vuote e piene, rumorose o no: osservazione della pelle. Il corpo e la salute Star bene e star male: ricordi, rielaborazione e interpretazione di esperienze. (da che cosa ti accorgi di star male o bene?) Che cosa fa male, che cosa fa stare male Come ci si sente quando si è malati. Come si guarisce. Che cosa fa star bene; come si capisce che si sta bene. Dove e come si sente il dolore (percezione di sé). Il corpo dall'interno Cosa c'è nel corpo: osservazione, manipolazione, palpaggi e toccamenti, rappresentazione immaginaria. Esperienza "controllata" di mangiare e bere (bocconi grandi e piccoli, freddi e caldi, liquidi, pastosi, secchi): cosa si sente in bocca, come si ingoia, come sarà fatta la pancia vuota, quella piena, come si riempie e come si svuota: Disegni e spiegazioni dei disegni. Esperienza "controllata" di respirare: senza respirare, respirando poco, in fretta, lentamente... dove ci si gonfia, quanto tempo per sgonfiarsi... Esperienze controllate "sensoriali": da dove si sentono - non si sentono certi rumori/odori? Da dove si vedono - non si vedono certe luci? Caccia al rumore, all'odore, alla luce. Percepire variazioni, p. es. di intensità: luci o rumori più o meno forti, andare verso il rumore per sentirlo sempre più forte muoversi più o meno rapidamente a tempo di luce (attività con i variatori di intensità delle lampadine) Il corpo in movimento Muoversi nello spazio, rappresentazione dei percorsi svolti in classe, costruzione di labirinti semplici sul banco (con mattoncini Lego; a scala piccola e padroneggiabile); in classe con i banchi, a scala più grande. Gare di velocità su percorso: a spazio fisso; a tempo fisso. Gara per arrivare primi ad un traguardo (senza dare il percorso); gara per arrivare ultimi al traguardo (senza dare il percorso). Come far capire se i movimenti sono lenti o veloci? Spiegazioni e rappresentazione di azioni, gesti o movimenti "rallentati" o "accelerati" (battere le mani, camminare...) Metterci più - meno tempo a fare una certa cosa. SCUOLA PRIMARIA (cl 1 e 2 ) Imparare a evocare, parlare su, lavorare su, riflettere su, confrontare, correlare, rappresentare fatti e esperienze;

4 capire gradualmente cosa significa guardare le cose secondo aspetti o punti di vista definiti e coerenti (come fare a capire chi ha ragione, se quello che viene detto è vero... come accorgersi se ci si sbaglia del tutto o soltanto un poco); provare a dimostrare che si ha ragione; modificare i normali andamenti delle cose secondo i proprio scopi (verso progetti di sperimentazione autonoma, con uno scopo da raggiungere posto dal bambino o dal gruppo). E possibile riproporre gli stessi argomenti della scuola dell infanzia, sviluppandole con maggiori approfondimenti, cercando di trovare relazioni/interazioni tra ciò che si vede fuori e ciò che c è e succede dentro. Partendo da quello che si vede e si sente si possono immaginare strutture e funzionamenti nascosti Corpo e salute Discutendo le varie percezioni di malessere, il male delle malattie, i modi e i tempi per curarsi e guarire, si comincia a fare riferimento alle parti interne del corpo e alle manifestazioni esterne del loro funzionamento; ci si accorge delle interazioni e degli scambi tra il corpo e il mondo esterno Ampliamento: Lo star bene/male di altri viventi. (non guardiamo soltanto noi stessi ma anche le persone che abbiamo intorno, gli animali molto diversi da noi, le piante...) Cosa c'è di simile e di diverso nei viventi? Star bene da fermi e star bene movendosi. Corpo e movimento Osservazioni sul corpo che si muove, fino ad immaginare muscoli ed ossa, sangue che circola e produzione di calore che fa sudare...dalla descrizione di ciò che si sente, si può passare a cercarne le cause, a darne spiegazioni possibili. (disegnare sulla sagoma del corpo i posti dove si sente qualcosa, cercando di indicare da dove arriva e cosa produce la sensazione) Corpo che cresce e trasforma (cosa entra e cosa esce) Partendo da esperienze di mangiare si possono affrontare con i bambini questioni del tipo: Come è possibile che mangiamo la merenda solo per trasformarla in cacca, come è possibile che la merenda si trasforma in corpo di bambino, come è possibile che una stessa merenda si trasformi in corpo di due bambini diversi, come spieghi che mangiamo le stesse cose eppure siamo diversi? Fare discorsi questo tipo implica lavorare sulle trasformazioni delle sostanze: si tratta di rendere plausibile quello che succede nel corpo e non si può vedere, facendo molti esperimenti di tipo analogico su cose che si possono osservare e che assomigliano soltanto a quelle che succedono davvero. (es. far sciogliere del pane in un bicchiere d acqua mimando le operazioni di un bicchierestomaco, filtrare con un colino il prodotto ottenendo acquetta biancastra da una parte - è lì che sta il buono del pane - e molliche di pane dall altra, mimando un assorbimento intestinale e una eliminazione di rifiuti. Corpo che percepisce Si lavorerà sulla percezione con lo scopo di mettere in evidenza l intreccio di relazioni tra il corpo e il mondo esterno Si possono creare situazioni in cui sia facile rendersi conto di come, quando e di che cosa ci accorgiamo, notando a quali sensazioni corrispondono quelle che chiamiamo proprietà degli oggetti. Trovare le parole giuste per esprimere le varie sensazioni è difficile ma può servire a stabilire una relazione tra le proprietà degli oggetti e i modi di accorgersene, cioè a diventarne consapevoli Corpo che comunica Lo starnuto, il singhiozzo, il pianto, il riso, la pelle d oca, il rossore, sono modi di reagire del corpo a situazioni esterne o rappresentano forme di difesa che non possono essere controllate volontariamente. Sono indizi che i bambini dovrebbero in qualche modo rilevare e cercare di dar loro un senso, tenendo conto di cosa succede e di cosa si prova, per dare parole alle varie esperienze.

5 SCUOLA PRIMARIA ( cl. 3 e 4 ) Interpretare il funzionamento del corpo come equilibrio dinamico tra processi e funzioni diverse, ponendo attenzione alle relazioni tra le diverse attività fisiologiche. Ogni parte è in continuo scambio e relazione con l altro; via via si immaginano le parti grandi e piccole che partecipano ad una continua rete di scambi e di comunicazione. Ciò potrà essere fatto attraverso esperienze di nutrizione, respirazione e percezione o attraverso l esecuzione di giochi di movimento o di forza. Partendo dalle esperienze realizzate nel primo biennio si potrà riprendere il discorso della crescita, andando a studiare i funzionamenti interni. Es. se l intestino filtra per dividere il buono dal cattivo, si pone il problema delle pareti, dei passaggi e del trasporto. Ciò che è passato dove va? Come fa ad andare in tutto il corpo? Dove passa? Chi lo trasporta. Qui entra il gioco il discorso del sangue e della circolazione. Intanto si può lavorare parallelamente sulle soluzioni e le concentrazioni con il sale e lo zucchero. (Il passaggio di sostanze attraverso pareti che sembrano impermeabili, può essere provato mettendo una soluzione di acqua e zucchero in un tubo da dialisi immerso in un barattolo di acqua. Dopo un po anche l acqua esterna diventa dolce. Discutendo cosa nell esperimento rappresenta i fatti che succedono nella digestione, si può capire meglio il collegamento funzionale tra apparato digerente e apparato circolatorio.) Il problema della selettività dei passaggi, cioè le modalità con cui le sostanze abbandonano un apparato per entrare in un altro, richiama l immagine di buchi invisibili che lasciano passare solo certe sostanze e non altre. E importante notare che le aperture invisibili funzionano, per ogni tipo si sostanza, solo in un verso, bisogna far capire ai bambini/ragazzi che c è un sorta di direzione obbligata e che non si può andare in senso inverso. E necessario aver chiaro il concetto di concentrazione per capire i passaggi; la regola che permette di capire il verso tiene infatti conto della diversa concentrazione delle sostanze all esterno o all interno della parete da attraversare. Secondo questa regola le sostanze passano sempre da dove sono più concentrate a dove sono meno concentrate. Si possono introdurre i giochi del fitto e del rado che fanno capire che si può essere in tanti in uno spazio piccolo o tanti in uno spazio grande, pochi in uno spazio piccolo e pochi in uno spazio grande, facendo confronti tra quantità e spazio occupato. Un altro problema è capire dove avvengono le trasformazioni interne delle sostanze e come. Per questo è opportuno guardare le trasformazioni nelle cose fuori di noi Esperienza sulla respirazione: stare senza respirare, trattenere il fiato, respirare poco, in fretta, lentamente, controllare..dove ci si gonfia. Prendere nota di tutto quello di cui ci si accorge: movimenti, rumori, cambiamenti. Provare ad immaginare il percorso di una Boccata d aria (dove passa, dove va a finire) Disegnare. Discussioni: Cosa vuol dire respirare?a cosa serve respirare Si potrà osservare il proprio corpo in "equilibrio" in diverse posizioni: contrazioni muscolari, fare forza... cosa significa equilibrio. Osservare e disegnare quello che si vede..e quello che si immagina dentro. Cosa si tende, cosa si contrae, dove si fa forza nei diversi movimenti. Che cosa si vede, che cosa si sente, che cosa si capisce. Cosa succede intanto nel corpo: effetti degli sforzi (affanno, stanchezza, fiatone, fame... mal di milza). Indizi per accorgersi dei funzionamenti interni. Osservazione accurata del comportamento dei muscoli, tendini, ossa, articolazioni. Provare a ricostruire un modello meccanico. Movimenti possibili e impossibili.

6 CL. 5 SCUOLA PRIMARIA E CL. 1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Il corpo come trasformatore di sostanze; le sottostrutture del corpo trasformano sostanze... (Metabolismo dell'organismo, metabolismo cellulare). Trasformazioni all'interno delle cellule. Digestione, respirazione e metabolismo cellulare. Il passaggio dal macroscopico (corpo osservabile) al microscopico (strutture invisibili cellule) deve essere elaborato fin dai primi anni di scuola ma può trovare in quinta una sua sistematizzazione. Le cellule possono essere quindi interpretate come strutture vive, coordinate e cooperative, dalle forme e dalle funzioni diversificate. Per vivere crescere e moltiplicarsi devono nutrirsi e respirare: per questo sono necessarie nutrizione e respirazione a livello macroscopico. All'interno del corpo: digestione, assimilazione e crescita. Relazione tra digestione, respirazione e circolazione Idee di energia. Studiare le varie sottostrutture il quasi invisibile o l invisibile con l uso di lenti di ingrandimento, microscopi, immagini di testi o atlanti di istologia (immagini di tessuti ingranditi) Dopo le esperienze sulla respirazione e sull aria realizzate fin dalla scuola materna, dopo aver lavorato sull aria che entra e che esce dal corpo, e aver osservato che quella espirata è un po diversa da quella inspirata, si arriverà a capire che anche l aria come il cibo deve essere trasportata in tutte le parti del corpo dal sangue. (Si consiglia di visualizzare in qualche modo questo trasporto) Le trasformazioni interne delle sostanze che permettono la crescita del corpo e la moltiplicazione cellulare hanno bisogno di ossigeno il quale è trasportato dai globuli rossi. Il sangue ha significato solo se si gestisce il suo rapporto col mondo microscopico delle cellule. Parlare di sangue pulito e sangue sporco ha poco senso se non ci si chiede Come si sporca il sangue? Chi lo sporca?. Solo in questo modo le cellule diventano particelle vive, che acchiappano particelle di alimento e di ossigeno insieme, le trasformano al loro interno sputano via altre particelle che non usano più.i rifiuti del metabolismo e della respirazione cellulare passano attraverso le pareti delle cellule e attraverso le pareti di capillari, versandosi nel sangue:e finalmente si parla di pipì che non è, come dicono i bambini, dell acqua che arriva direttamente dalla bocca alla vescica. La scoperta che la pipì sta nel sangue e che deve essere tolta dal sangue, è fondamentale.lo fanno i reni. 2 Si può passare a questo punto da una respirazione macroscopica a quella delle singole cellule; in esse avviene una vera e propria respirazione, per cui le molecole di zuccheri si combinano con l ossigeno formando acqua e anidride carbonica, che verrà eliminata con gli scambi respiratori. In questo processo si libera energia che permette i movimenti esterni e interni al corpo e si produce calore che mantiene costante la temperatura corporea. E possibile affrontare questi discorsi prendendo come modello altri processi, che avvengono in presenza di ossigeno, come le combustioni.(esperienze con le candele) Contemporaneamente è opportuno fare esperienza di trasformazioni nei miscugli di sostanze organiche. All'esterno del corpo: la cottura dei cibi (questa attività di cottura permette di seguire le trasformazioni di cibi diversi fino alla carbonizzazione, guardando come almeno una parte si perda e si trasformi in fumo Il discorso sulla cellula potrebbe facilmente accostarsi ad un discorso sulla riproduzione. Come nasce un bambino potrebbe essere una domanda d avvio (da porre anche fin dalle prime classi) per poi percorrere altre strade (sessualità pubertà, gravidanza ecc.) da svilupparsi in seguito 2 M. Arcà vivere giorno per giorno: il corpo che funziona

7 CL. 2 E 3 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Costruire un idea di vivente come sistema complesso Individuare le regole biologiche della vita. Stimolare una percezione consapevole di se stessi e del mondo esterno: la vita è consentita dal continuo raccordo tra i messaggi che arrivano dall'esterno e il funzionamento interno del corpo. Individuare correlazioni tra le varie funzioni interne, a partire da manifestazioni che possono essere osservate direttamente e indirettamente. Fare ipotesi sul funzionamento del cervello: pensare, ricordare, capire. Il ricordo di risposte precedenti, l'elaborazione di nuove idee. Dall'individuo alla specie. I ragazzi possono affrontare i grandi problemi della biologia contemporanea legati alla trasmissione genetica delle caratteristiche ereditarie tipiche della propria specie (specificità) elaborate in ogni individuo in maniera unica e irripetibile (individualità). Sempre il progetto genetico, in continua interazione con le condizioni esterne e con il suo ambiente guida lo sviluppo embrionale, la localizzazione corretta delle parti del corpo nello sviluppo, il differenziamento e il funzionamento delle cellule, le trasformazioni che dalla nascita portano all invecchiamento (e alla morte). Costruzione di uno schema generale di vivente. Al termine della scuola media, si può giungere a definire un prototipo di vivente, rielaborando conoscenze e informazioni precedenti, dopo aver individuato cosa è simile/diverso, analogo/inconfrontabile tra una pianta, un piccolo animale, un animale "strano"... un uomo. Per ognuno di essi, la vita si svolge sostenuta da un ingresso continuo di materia, energia e informazione che vengono elaborate secondo le caratteristiche genetiche di ciascun organismo. L'organismo è un sistema integrato evolutivamente in un certo ambiente, determinato e condizionato dal suo proprio funzionamento. Anche il cervello, da cui i bambini si sentono spesso comandati, funziona insieme agli altri organi, in modo coordinato al resto del corpo, ha un suo metabolismo, elimina sostanze inutilizzabili... Si costruiranno modelli di apparato digerente a partire dalle sensazioni, dalle evidenze e dall'esperienza dei ragazzi. Domande sui cibi: come fa a passare dall'intestino, come fa a raggiungere le punte dei piedi, come fa a diventare unghie, capelli, ossa... Utilizzazione ed eliminazione di sottoprodotti; cosa torna indietro dalle parti piccolissime; il filtro renale. Come ci accorgiamo del nostro metabolismo (conservazione e trasformazione; non sparizione di sostanze). Esperienze di filtraggi (immaginare parti sempre più piccole che passano attraverso i filtri, fino a passare attraverso le pareti dell'intestino nel sangue). Discutere della crescita mettendo in evidenza le corrispondenze tra sostanze che entrano e quelle che escono. Comprendere la necessità di una circolazione per il trasporto a domicilio di ossigeno e di sostanzenutrimento adatte alle cellule: il sangue va a "nutrire" e a "ossigenare" le parti piccolissime che formano tutto il corpo (osservazione di pelle, capelli e unghie con il massimo di ingrandimento disponibile). Domande: cosa entra e cosa esce dal corpo (ricordarsi sempre dell'aria); cosa succede dentro (trasformazioni) Cosa c'è nel fiato. Esperienze di respirazione, esperienze di "alito cattivo".

8 Dove va l'aria? Anche l'aria si trasforma? Cosa ci potrebbe essere nell'aria espirata (almeno vapor d'acqua, almeno sostanze di rifiuto generiche che la rendono "irrespirabile"). Come passa l'aria (l'ossigeno) dai polmoni al sangue? altri modelli di filtraggio selettivo. Elaborazione di modelli metabolici "approssimativi" che tengano conto contemporaneamente di digestione, respirazione e circolazione. Mettere delle basi problematiche da elaborare negli anni successivi. Dal bidimensionale al tridimensionale: modelli di corpo costruiti con scatole e materiali di recupero.. Esperienze già eseguite a livello fenomenologico su soluzioni e dispersioni di vari materiali in acqua, su filtraggi e separazioni di sostanze solubili e insolubili, su ammorbidimenti, sugli effetti di acidi e su i vari tipi di cottura, nella scuola secondaria di primo grado, possono essere formalizzate, ricercando regolarità e regole.

SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA

SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA SUGGERIMENTI PER UNA PROGRAMMAZIONE LONGITUDINALE, DA SVILUPPARSI DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA MEDIA (Da I modi di fare scienze - Alfieri, Arcà, Guidoni Bollati Boringhieri) Proposte per la costruzione

Dettagli

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO Campo di esperienza: IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme NUCLEI FONDANTI COMPETENZE Esempi di ATTIVITA

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08

GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08 GRUPPO Grattare macinare passare filtrare INCONTRO DELL'11/12/08 Discussione per collocare nella sagoma di corpo oggetti e strumenti al fine di rappresentare con un modello i processi che interessano gli

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster

PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE. Organismi modello: drosophila melanogaster PIANO ISS LEGGERE L AMBIENTE Organismi modello: drosophila melanogaster PRESIDIO Liceo Scientifico A: Genoino Cava de Tirreni ( Salerno) PROGETTAZIONE Le attività sperimentali con Drosophila Melanogaster

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

UNITA DIDATTICA 6 : Uso dei farmaci - 118 - Primo Soccorso OBIETTIVI SPECIFICI

UNITA DIDATTICA 6 : Uso dei farmaci - 118 - Primo Soccorso OBIETTIVI SPECIFICI ASL CITTA DI MILANO SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ANCHE A CASA CI SONO DEI PERICOLI... CERCHIAMOLI INSIEME PROGETTO DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI DOMESTICI PER LE SCUOLE

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

!"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE

!#$%&''%(#)*#+%,(# PRIMA PARTE !"#$%&''%(#)*"#+%,(# PRIMA PARTE -&#.&/0%+&1%(2*# o Il cibo entra nella bocca dove viene sminuzzato dai denti, impastato dalla lingua e rimescolato dalla saliva. L uomo è onnivoro; i suoi denti quindi

Dettagli

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Progetto didattico per i PICCOLI ww.lagiostra.biz Febbraio 2012 MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO GLI OBIETTIVI FORMATIVI MARTE, ARRIVIAMO! GIOCO, FANTASIA E CONOSCENZA DELL UNIVERSO "Il gioco è universale e appartiene alla sanità il gioco è un esperienza sempre creativa; è un esperienza che si svolge nel continuum spazio-temporale,

Dettagli

L ARIA Brevi indicazioni didattiche

L ARIA Brevi indicazioni didattiche L ARIA Brevi indicazioni didattiche Il percorso didattico è incentrato sulla sperimentazione e l osservazione, pertanto procuriamoci tutto il materiale necessario: contenitori in vetro, bicchiere, cartolina,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh PREMESSA Le occasioni che i bambini hanno di vivere il contatto con la natura sono poche, soprattutto vivendo in città. Tuttavia, se lasciati liberi di muoversi anche in un piccolo giardino come quello

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

guida all idratazione

guida all idratazione guida all idratazione Idratazione senza mani dal 1989 2 > Contenuto La nostra storia.................................... 03 Prestazioni al limite............................. 04-07 Studi riguardanti gli

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

ATTIVITÀ PER LABORATORI. Anno scolastico 2007-2008

ATTIVITÀ PER LABORATORI. Anno scolastico 2007-2008 ATTIVITÀ PER LABORATORI Anno scolastico 2007-2008 Il bambino ha naturalmente un atteggiamento scientifico, vuole conoscere il che cosa, il come e il perché del mondo che lo circonda. Toccare le cose, sentire

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità!

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCMM83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.circolougobassi.it Cod. fiscale:

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE Puoi immaginare il corpo umano come una macchina che ha bisogno di energia per muoversi, giocare, studiare, ma anche respirare, mangiare, difendersi dalle malattie, proteggersi

Dettagli

di Paola Uneddu e Michele Arcadipane

di Paola Uneddu e Michele Arcadipane LA DIETA DEL CAMMINANTE Un seminario per chi vuole imparare a nutrirsi correttamente, a disintossicarsi, e magari dimagrire, quando viaggia a piedi (e nella vita di tutti i giorni) di Paola Uneddu e Michele

Dettagli

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE Fausto Spagnoli (Unità Endocrino Metabolica) da "SPORT E SALUTE" (Anno II, numero 1 - Gennaio 2005) Molti atleti, professionisti e non, ancora ignorano tutti i fattori

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

Camini e canne fumarie, perché tutti questi incendi?

Camini e canne fumarie, perché tutti questi incendi? Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Camini e canne fumarie, perché tutti

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia.

Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro 4.03.2013 Comportamento e abilità nella Scuola dell Infanzia. Roberto Lingua robertolingua@tiscali.it I bambini non sono diversi dalle rose nel loro sviluppo: nascono

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli