PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSI IV A e IV B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSI IV A e IV B"

Transcript

1 SCUOLA PRIMARIA CROCE COPERTA a.s / 2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSI IV A e IV B Bovo Alessandra Pascarelli Antonietta Vitolo Annarita Russo Davide Ins: Piron Annalisa Mazzarella Ida Maria Libera Vattano Marzia Jessica Pantaleo

2 METODOLOGIA L'attività didattica sarà condotta attraverso diversificati approcci metodologici, in relazione agli argomenti affrontati, ai tempi a disposizione, alle risposte della classe. Sarà data grande attenzione a favorire negli alunni adeguata motivazione all'apprendimento, suscitando curiosità e interesse, desiderio di conoscere e di approfondire, anche con ricerca personale. La lezione dovrà essere il più possibile interattiva e partecipativa e si incentiverà il coinvolgimento entusiastico di ognuno, insegnante compresa. A questo proposito si cercherà in ogni attività anche il possibile aspetto ludico e l' accoglimento delle proposte degli alunni. Si utilizzerà il metodo analogico con l'utilizzo di materiale vario per rappresentare contenuti e processi mentali (linea del tempo, funzioni grammaticali, mappe, grafici, tabelle...). Molta attenzione sarà data alla consapevolezza dei processi (metacognizione), pur senza tralasciare i contenuti, precisi e puntuali. Grande strumento di lavoro sarà la ricerca lessicale con l'utrilizzo delle conoscenze pregresse e del vocabolario. Si cercherà di dare attenzione a ogni alunno, mirando ad un insegnamento il più possibile individualizzato e con obiettivi anche personalizzati, supportando i più deboli, ma stimolando coloro che presentano migliori capacità e una spiccata motivazione all'apprendimento. Gli alunni saranno guidati a una personale valutazione del proprio processo di apprendimento e alla considerazione dei risultati raggiunti (dove ho agito in modo efficace, dove questo non è successo, perché, cosa dovrò fare per migliorare...) VERIFICHE Accanto al processo di autovalutazione degli alunni, per l'elaborazione di strategie sempre più efficaci non potranno mancare, da parte dell'insegnante, verifiche di tipo oggettivo, codificate, finalizzate sia alla consapevolezza da parte dell'alunno e delle famiglie degli obiettivi richiesti, sia ad una idonea riprogrammazione delle attività didattiche da parte dell'insegnante sulla reale situazione della classe. Pertanto le verifiche avranno una sicura scadenza quadrimestrale (iniziali, intermedie, finali), ma si proporranno anche in itinere, a seconda delle necessità e/o dell' opportunità.

3 TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE ASCOLTARE E PARLARE L'alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari, pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione. Comprende comunicazioni di tipo diverso in vista di scopi funzionali, di intrattenimento e/o di svago, di studio; ne individua il senso globale e/o le informazioni principali. ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comprendere testi e messaggi di vario tipo, cogliendone i contenuti principali. Partecipare a discussioni di gruppo individuando il problema affrontato e le principali opinioni espresse. Riferire oralmente su un argomento di studio e/o su un'esperienza personale. Saper usare il testo informativo per fornire istruzioni. OBIETTIVI OPERATIVI L'alunno interagisce in una conversazione formulando domande e dando risposte pertinenti. Dimostra di saper cogliere il senso globale di testi ascoltati. Sa raccontare oralmente una storia personale. Sa esporre un argomento di studio in modo chiaro ed esaustivo. Sa comunicare usando un registro appropriato. Sa dare istruzioni ordinate per l'esecuzione di una attività, anche di gioco. LEGGERE L'alunno legge testi di vario genere appartenenti alla letteratura dell'infanzia, sia a voce alta, con tono di voce espressivo, sia con lettura silenziosa, riuscendo a formulare su di essi semplici pareri personali. Leggere testi narrativi e descrittivi, sia realistici sia fantastici, distinguendo l'invenzione letteraria dalla realtà. Sfruttare le informazioni della titolazione, delle immagini e delle didascalie per farsi un'idea del testo che si intende leggere. Leggere semplici e brevi testi letterari, sia poetici sia narrativi, mostrando di conoscere le caratteristiche e gli elementi costituivi L'alunno dimostra di leggere per il piacere di conoscere e di provare emozioni. Riconosce le caratteristiche fondamentali di un testo narrativo. Sa raccontare una storia seguendo lo schema: inizio, svolgimento, conclusione.

4 di ciascuno ed esprimendo semplici pareri personali su di essi. Leggere i testi per lo studio delle discipline e saperne individuare le informazioni più importanti e i loro collegamenti logici. Sa narrare in prima ed in terza persona. Sa completare una narrazione inserendo le parti mancanti. Sa rielaborare un racconto distinguendo tra fabula e intreccio. Ricava informazioni sul testo dal titolo e sa produrre anticipazioni sul contenuto di un testo proposto. Dimostra di conoscere gli argomenti proposti allo studio e sa effettuare tra essi collegamenti logici. SCRIVERE L'alunno produce testi (di invenzione, per lo studio, per comunicare) legati alle diverse occasioni di scrittura che la scuola offre; rielabora testi manipolativi, parafrasandoli, completandoli, trasformandoli. Raccogliere le idee, organizzarle per punti, pianificare la traccia di un racconto o di un'esperienza. Produrre testi creativi sulla base di modelli dati. (filastrocche, racconti brevi, poesie...). Produrre testi corretti da punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, in cui siano rispettate le funzioni sintattiche e semantiche dei principali segni di interpunzione. L'alunno riconosce il contesto comunicativo entro cui si inserisce un testo. Scrive un testo organizzando in modo coerente le informazioni. Scrive seguendo un ordine logico e dando le informazioni necessarie. Sa completare un testo delle sue parti mancanti. Sa scrivere un testo seguendo un modello proposto o ricavato da una lettura. Elabora autonomamente un testo attraverso le fasi di ideazione, organizzazione, stesura, revisione. Scrive rispettando l'ortografia e la sintassi e

5 usando un lessico appropriato

6 RIFLESSIONE LINGUISTICA L'alunno svolge attività esplicite di riflessione linguistica su ciò che si dice o si scrive, si ascolta o si legge; mostra di cogliere le operazioni che si fanno quando si comunica e le diverse scelte determinate dalla varietà di situazioni in cui la lingua si usa. Riconoscere e denominare le parti principali del discorso e gli elementi basilari di una frase; individuare e usare in modo consapevole modi e tempi del verbo; riconoscere in un testo i principali connettivi (temporali, spaziali, logici); analizzare la frase nelle sue funzioni (predicato e principali complementi diretti e indiretti). Conoscere i principali meccanismi di formazione e derivazione delle parole (parole semplici, derivate, composte, prefissi, suffissi). Comprendere le principali relazioni tra le parole (somiglianze, differenze) sul piano dei significati. Comprendere e utilizzare il significato di parole e termini specifici legati alle discipline di studio. Utilizzare il dizionario come strumento di consultazione per trovare una risposta ai propri dubbi linguistici. Riconosce la funzione dei principali segni di punteggiatura. L'alunno consulta il dizionario e sa interpretarne le informazioni. Individua le relazioni tra parole sul piano dei significati: sinonimi, omonimi, contrari. Utilizza in modo appropriato la punteggiatura. Riconosce e usa in modo consapevole il discorso diretto e quello indiretto. Discrimina i nomi comuni, propri, concreti, astratti, collettivi, primitivi, derivati, alterati, composti. Riconosce e definisce gli articoli. Riconosce e definisce gli aggettivi e i pronomi: l'aggettivo qualificativo e i suoi gradi; aggettivi e pronomi possessivi, dimostrativi, indefiniti, numerali, pronomi personali. Riconosce ed usa in modo consapevole i verbi: le tre coniugazioni, i verbi essere e avere, il modo indicativo. Riconosce e usa in modo appropriato preposizioni, congiunzioni, avverbi. Individua gli elementi principali della frase: soggetto, predicato (verbale e nominale), complementi.

7 TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L'alunno individua le relazioni fra gruppi umani e contesti spaziali. Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, conoscenze, periodi e individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni. Organizza le informazioni e le conoscenze, tematizzando e usando le concettualizzazioni pertinenti. Comprende testi storici proposti e usa carte geo-storiche. Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici. Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e civiltà che hanno caratterizzato la storia dell'umanità dal paleolitico alle prime civiltà. STORIA OBIETTIVI D'APPRENDIMENTO Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità, durate, periodi, cicli temporali, mutamenti. Usare cronologie e carte storico-geografiche per rappresentare le conoscenze. Usare il sistema di misura occidentale del tempo storico (avanti Cristo-dopo Cristo) e comprendere i sistemi di misura del tempo storico di altre civiltà. Seguire e comprendere vicende storiche attraverso l'ascolto o lettura di testi dell'antichità, di storie, racconti del passato. Elaborare rappresentazioni sintetiche delle società studiate, mettendo in rilievo le relazioni fra gli elementi caratterizzanti. Confrontare i quadri storici delle civiltà affrontate. Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina. OBIETTIVI OPERATIVI L'alunno riconosce e sa interpretare le fonti storiche di vario tipo per la ricostruzione del passato. Riconosce testi mitologici e intuisce la relazione tra mito e storia. Osserva, legge e confronta carte geografiche e storiche relative agli eventi affrontati. Sa rappresentare le conoscenze sulla linea del tempo. Legge e costruisce mappe concettuali e schemi riassuntivi degli argomenti studiati. Conosce gli aspetti più importanti delle prime grandi civiltà: - Le civiltà fluviali: Sumeri, Babilonesi, Assiri, Hittiti. Egizi, Indiani, Cinesi - Le civiltà del mare: Fenici, Ebrei, Cretesi, Micenei. Sa esporre oralmente e per iscritto i contenuti appresi, utilizzando il lessico specifico della disciplina.

8 INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ( I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa ). L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile, anche con espressioni e frasi memorizzate, in scambi di informazioni semplici e di routine. Svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera dall insegnante, chiedendo eventualmente spiegazioni. Individua alcuni elementi culturali e coglie rapporti tra forme linguistiche e usi della lingua straniera. TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI CONTENUTI E ATTIVITÁ Ascolto (comprensione orale) Parlato (produzione e interazione orale) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano pronunciate chiaramente e lentamente. Interagire con un compagno per presentarsi e giocare utilizzando espressioni e frasi memorizzate adatte alla situazione, anche se formalmente difettose. Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di lavoro a livello personale, all uso degli spazi e arredi scolastici e al comportamento corretto con le persone e gli ambienti scolastici. Identificare parole legate agli ambiti lessicali relativi a: eventi che incutono paura, diversi generi di letture e alcuni ambienti della casa, giorni della settimana e discipline scolastiche, numeri fino a 100, orario, sistema monetario, cibi e bevande, tempo atmosferico, mesi stagioni, principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali. Comprendere e rispondere a semplici saluti, espressioni di presentazione personale e informazioni personali e sugli oggetti. Distinguere differenti suoni fonetici e saperli pronunciare. Saper utilizzare suoni e ritmi della lingua inglese nella ripetizione di parole rispettandone la pronuncia e l intonazione. Denominare eventi che incutono paura, diversi generi di letture e alcuni ambienti della casa, giorni della settimana e discipline scolastiche, numeri fino a 100, orario, sistema monetario, cibi e bevande, tempo atmosferico, mesi, stagioni, principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali. Eseguire una canzone e drammatizzarla. Descrivere in modo essenziale semplici illustrazioni. Utilizzare forme di saluto formali, espressioni di stati

9 Lettura (comprensione scritta) Scrittura (produzione scritta) Conoscenza della cultura e della civilta britannica Comprendere parole e frasi con cui si è familiarizzato oralmente. Trascrivere il lessico e le frasi relativi alle attività svolte in classe. Comprendere gli aspetti caratterizzanti la cultura britannica. Ricavare informazioni da materiali cartacei e digitali riguardanti la cultura e la civiltà britannica. d animo, di abilità, di possesso, gusti personali e formule augurali. Utilizzare il lessico acquisito per giocare in coppia, piccolo gruppo e gruppo classe. Chiedere e rispondere relativamente alla identificazione di eventi che incutono paura, diversi generi di letture e alcuni ambienti della casa, giorni della settimana e discipline scolastiche, numeri fino a 100, orario, sistema monetario, cibi e bevande, tempo atmosferico, mesi, stagioni,principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali. Conoscere e associare espressioni con immagini di: eventi che incutono paura, diversi generi di letture e alcuni ambienti della casa, giorni della settimana e discipline scolastiche, numeri fino a 100, orario, sistema monetario, cibi e bevande, tempo atmosferico, mesi stagioni,principali tradizioni, festività e caratteristiche culturali. Riconoscere la forma scritta di parole familiari su semplici cartelli nelle più comuni situazioni familiari ( segnali, slogan pubblicitari, programmi televisivi ). Riconoscere la forma scritta di alcune semplici regole scolastiche. Saper leggere biglietti augurali. Conoscere e associare espressioni con immagini di: abbigliamento, parti del corpo, nazionalità, abitudini di vita di animali, ciò che si può o non si può fare in determinati luoghi o situazioni, hobby e passatempi, mezzi di trasporto. Utilizzare tracce di parole per familiarizzare con la lingua scritta. Copiare parole e messaggi per etichettare immagini e disegni. Scrivere semplici messaggi augurali. Conoscere alcune tradizioni legate alla notte di Halloween, alle festività di Christmas e Easter e a Mother s Day. Conoscere semplici favole tradizionali. Effettuare semplici confronti interculturali. Memorizzare il lessico principale. Saper esprimere un augurio. Ascoltare e comprendere una storia. Recitare una filastrocca tradizionale. Cantare una canzone tradizionale.

10 Riflessioni sulla lingua Osservare parole ed espressioni nei contesti d uso e coglierne i rapporti di significato. Drammatizzare una semplice storia. Comprendere ed eseguire istruzioni. Simple present dei verbi to be, to like, to have, can, must ; aggettivi possessivi, qualificativi, interrogativi, dimostrativi; uso del present continuous, pronomi personali soggetto, avverbi di tempo.

11 MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI D'APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI L'alunno esplora e discrimina eventi sonori in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e di strumenti musicali, imparando ad ascoltare sé stesso e gli altri. Improvvisa liberamente e in modo creativo, imparando gradualmente a dominare tecniche e materiali, suoni e silenzi. Esegue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali. Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere. Utilizzare voce e strumenti in modo creativo e consapevole, ampliando con gradualità le proprie capacità. Eseguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali curando l'intonazione, l'espressività, l'interpretazione. Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile. L'alunno usa efficacemente la voce. Memorizza il testo di un canto, Sincronizza il proprio canto con quello degli altri, Controlla il proprio tono della voce. Interpreta, anche testualmente, canti e musiche, Sincronizza movimenti del corpo a canti, ritmi, danze. Usa efficacemente semplici strumenti musicali, Accompagna con strumenti a percussione canti e brani musicali, Esprime graficamente i valori delle note, Riconosce l andamento melodico di un frammento musicale, espresso con un sistema notazionale tradizionale Coglie i più immediati valori espressivi delle musiche ascoltate, traducendoli con la parola, l azione motoria, il disegno. Coglie le funzioni della musica in brani di musica per danza, gioco, lavoro, cerimonia, varie forme di spettacolo, pubblicità

12 MATEMATICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali Riconosce e utilizza rappresentazioni diverse di oggetti matematici (numeri decimali, frazioni) SPAZIO E FIGURE Riconoscere il valore posizionale delle cifre dei numeri naturali entro il milione. Eseguire le quattro operazioni con sicurezza, valutando l opportunità di ricorrere al calcolo mentale e scritto; individuare multipli e divisori di un numero. Eseguire la divisione con resto fra numeri naturali. Eseguire la divisione con due cifre al divisore. Operare con le frazioni e saperle riconoscere. Leggere, scrivere, confrontare numeri decimali per descrivere situazioni quotidiane, rappresentarli sulla retta ed eseguire le quattro operazioni. L alunno sa leggere e scrivere i numeri naturali. Sa comporre e scomporre i numeri naturali. Sa confrontare e ordinare i numeri naturali. Sa utilizzare diverse procedure per il calcolo mentale. Sa utilizzare le proprietà delle operazioni per il calcolo mentale. Sa eseguire per iscritto addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Sa analizzare e individuare multipli e divisori di un numero naturale. Sa individuare, rappresentare frazioni e operare con esse. Sa classificare e ordinare le frazioni. Sa riconoscere frazioni decimali, trasformarle in numeri decimali e viceversa. Sa leggere, scrivere scomporre e ordinare i numeri naturali. Sa eseguire le quattro operazioni con i numeri decimali. Riconosce e rappresenta forme del piano e dello spazio Descrive, denomina, classifica figure in base a caratteristiche geometriche Utilizza strumenti per il Utilizzare e distinguere tra loro i concetti di perpendicolarità, parallelismo, orizzontalità, verticalità Riconoscere gli angoli Descrivere, denominare e classificare figure geometriche. Riprodurre una figura in base a una descrizione, utilizzando gli strumenti opportuni. Riconoscere trasformazioni isometriche. L alunno sa individuare le posizioni delle rette nel piano Sa confrontare e misurare angoli utilizzando proprietà e strumenti (goniometro) Sa classificare e riconoscere le proprietà dei principali poligoni. Sa riprodurre figure geometriche in base a una

13 disegno geometrico (riga, squadra) e i più comuni strumenti di misura (metro, goniometro) Riprodurre in scala una figura utilizzando la carta a quadretti. Determinare il perimetro di una figura utilizzando le più comuni formule. Determinare l area delle figure piane. descrizione utilizzando gli strumenti opportuni (carta a quadretti, riga) Sa riconoscere ed effettuare figure traslate, ruotate, riflesse. Sa determinare il perimetro di una figura. Sa determinare l area delle figure piane. RELAZIONI, DATI, PREVISIONI Ricerca dati per ricavare informazioni e costruire rappresentazioni (tabelle e grafici). Ricava informazioni anche da dati rappresentati in tabelle e grafici. PROBLEMI Rappresentare relazioni e dati e utilizzare le rappresentazioni per ricavare informazioni. Comprendere e utilizzare i concetti di frequenza, media, moda. In situazioni concrete, intuire quale evento è più probabile. Conoscere le principali unità di misura per lunghezze, angoli, aree, capacità, masse, pesi e usarle per effettuare misure L alunno sa utilizzare le rappresentazioni delle relazioni per ricavare informazioni. Sa utilizzare le informazioni per formulare deduzioni. Sa determinare la frequenza, la moda, la media. Sa individuare l evento più probabile. Sa riconoscere, utilizzare e confrontare unità di misura convenzionali. Sa eseguire le equivalenze. Sa individuare peso lordo, peso netto, tara, costo unitario e totale. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di contenuto, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. Descrive il procedimento seguito e riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria. Individuare e utilizzare gli elementi di una situazione problematica. Individuare e applicare tecniche e strategie risolutive nelle varie tipologie di problemi. L alunno sa individuare la/e domanda/e, i dati e la risoluzione dei problemi. Sa risolvere problemi con addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione. Sa risolvere problemi con peso lordo, peso netto e tara. Sa risolvere problemi con la compravendita. Sa eseguire problemi con le unità di misura. Sa risolvere problemi con il perimetro. Sa risolvere problemi con l area.

14 INFORMATICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE VEDERE E OSSERVARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI Conosce e utilizza strumenti ed è in grado di descriverne la funzione principale e la struttura e spiegarne il funzionamento Riconoscere e documentare le funzioni principali di una nuova applicazione informatica. Rappresentare i dati dell osservazione attraverso tabelle, diagrammi, disegni, testi. L alunno sa adoperare le procedure più elementari dei linguaggi di rappresentazione grafico-pittoriche ( avviare e chiudere un programma, usare le barre degli strumenti, creare- salvare-stampare un documento, spostare-copiare parti di un testo) Sa realizzare un grafico, tabelle, diagrammi, testi. PREVEDERE E IMMAGINI Si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione ed è in grado di farne un uso adeguato a seconda delle diverse situazioni. INTERVENIRE E TRASFORMARE Usare internet per reperire notizie e informazioni Sa svolgere una ricerca mirata in enciclopedie multimediali. Produce semplici modelli o rappresentazioni grafiche del proprio operato utilizzando strumenti multimediali. Utilizzare il computer come strumento didattico Utilizzare il computer per progettare. Sa utilizzare software didattici. Sa realizzare un ipertesto. Sa scrivere un elenco. Sa creare una copertina. Sa scrivere titoli con WordArt. Sa disegnare i poligoni con Paint.

15 GEOGRAFIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI ORIENTAMENTO L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. Orientarsi utilizzando la bussola e i punti cardinali anche in relazione al Sole. Estendere le proprie carte mentali al territorio italiano attraverso gli strumenti dell'osservazione indiretta (fotografie, documenti cartografici). L'alunno conosce i principali sistemi di riferimento e orientamento. Sa leggere e orientarsi su piante e carte stradali. Sa rappresentare lo spazio conosciuto usando i punti di riferimento. LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITA Utilizza il linguaggio della geograficità per interpretare carte geografiche e globo terrestre. Ricava informazioni geografiche da una pluralità di fonti (cartografiche, tecnologie digitali, fotografiche). Analizzare i principali caratteri fisici del territorio, fatti e fenomeni locali e globali, interpretando carte geografiche di diversa scala, carte tematiche, grafici, elaborazioni digitali. Localizzare sul planisfero e sul globo la posizione dell'italia in Europa e nel mondo. Sa calcolare distanze su carte, utilizzando la scala grafica e/o numerica. Sa ricavare informazioni, selezionando e controllando dati e grafici presenti in libri, atlanti e periodici. Sa leggere e ricavare informa-zioni da carte geografiche e tematiche, e fotografie aeree. PAESAGGIO Si rende conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici e antropici legati da rapporti di connessione e/o Individuare e descrivere gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i paesaggi Conoscere gli elementi che caratterizzano i principali paesaggi individuando le analogie e le differenze ( anche in relazione ai quadri socio-storici del passato) e gli elementi di particolare L alunno sa individuare gli elementi fisici e antropici del territorio mettendoli in relazione tra loro L alunno conosce le caratteristiche fisiche del territorio. Conosce la collocazione geografica e le caratteristiche dei paesaggi italiani. È in grado di osservare, descrivere e

16 interdipendenza. Individua i caratteri che connotano i paesaggi (di montagna, collina, pianura, vulcanici, ecc.) con particolare attenzione a quelli italiani. valore ambientale e culturale da tutelare e valorizzare. confrontare i diversi paesaggi geografici del territorio italiano, cogliendo le relazioni tra le risorse del territorio e le attività economiche REGIONE E SISTEMA TERRITORIALE Coglie nei paesaggi mondiali della storia le progressive trasformazioni operate dall'uomo su paesaggio naturale. Acquisire il concetto di regione geografica (fisica, climatica, storico-culturale). Individuare problemi relativi alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale. Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina. L alunno sa individuare gli elementi che determinano il clima e sa riconoscere i fattori che lo influenzano. Sa individuare i differenti tipi di clima presenti nelle varie aree del nostro paese. Comprende il fenomeno dell urbanizzazione e gli effetti negativi che può avere sull ambiente. Elabora alcune proposte per favorire la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. Sa riconoscere, in un paesaggio geografico, i segni delle trasformazioni operate dall uomo. Sa analizzare le conseguenze positive e negative dell attività umana sull ambiente. Sa esporre oralmente e per iscritto i contenuti appresi, utilizzando il lessico specifico della disciplina.

17 TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE OSSERVARE E SPERIMENTARE SUL CAMPO Saper sviluppare atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che stimolano a cercare spiegazioni di quello che succede. Esplorare i fenomeni con un atteggiamento scientifico. SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI L alunno osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, formula domande, anche sulla base di ipotesi personali, propone e realizza semplici esperimenti. Osserva con i compagni e autonomamente una porzione di ambiente vicino; individua gli elementi che lo caratterizzano e i loro cambiamenti nel tempo. Individua nei fenomeni somiglianze e differenze, fa misurazioni, registra dati significativi, identifica relazioni spazio/temporali Osservare un fenomeno e formulare ipotesi. Sperimentazioni pratiche con strumenti scientifici. Rappresentazioni e comunicazione di quanto scoperto. OGGETTI, MATERIALI E TRASFORMAZIONI Compiere osservazioni, porsi delle domande e trovare risposte in merito a trasformazioni elementari della materia. Individuare, nell osservazione di esperienze concrete, alcuni concetti scientifici quali: temperatura, calore, ecc. Cominciare a riconoscere regolarità nei fenomeni e a costruire in modo elementare il concetto di energia. Imparare a servirsi di unità convenzionali. Individuare le proprietà di alcuni materia li. Osservare e schematizzare alcuni passaggi di stato. Conoscere le diverse forme di energia. Energia termica: il calore. Effetti del calore sui vari materiali: dilatazione, evaporazione, fusione. La temperatura: strumenti per misurarla. Riconoscere che l acqua è un liquido e occupa uno spazio. Riconoscere che l aria è un gas e occupa uno spazio.

18 L UOMO I VIVENTI E L AMBIENTE Riconoscere le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali Riconoscere gli elementi fondamentali per la vita delle piante. Conoscere la funzione di seme e frutto. Riconoscere le parti e le funzioni del fiore. Conoscere la funzione delle radici. Riconoscere alcune semplici relazioni tra la loro nutrizione e l ambiente in cui vivono (la catena alimentare). Possedere alcune informazioni fondamentali sul ciclo vitale dei diversi esseri viventi. L alunno è in grado di effettuare alcune semplici classificazioni in relazione alle funzioni vitali di piante e animali. E in grado di individuare relazioni tra ambienti e attitudini di vita di uomini, animali e piante. Esporre con coerenza conoscenze e concetti appresi, usando il linguaggio specifico della disciplina. Sa esporre oralmente e per iscritto i contenuti appresi, utilizzando il lessico specifico della disciplina.

19 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO SPAZIO E IL TEMPO L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili spaziali e temporali contingenti. IL LINGUAGGIO DEL CORPO COME MODALITA COMUNICATIVO- ESPRESSIVA Utilizza il,linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati d animo. IL GIOCO LO SPORT, LE REGOLE E IL FAIR PLAY Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di maturare competenze di giocosport OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro inizialmente in forma successiva e poi in forma simultanea (correre/saltare, afferrare/lanciare, ecc.). Riconoscere e valutare traiettorie, distanze, ritmi esecutivi e successioni temporali delle azioni motorie, sapendo organizzare il proprio movimento nello spazio in relazione a sé, agli oggetti, agli altri. Utilizzare in forma originale e creativa modalità espressive e corporee anche attraverso forme di drammatizzazione, sapendo di trasmettere nel contempo contenuti emozionali. Elaborare ed eseguire semplici sequenze di movimento o semplici coreografie individuali e collettive. Conoscere e applicare correttamente modalità esecutive di diverse proposte di giocosport. Saper utilizzare numerosi giochi derivanti dalla tradizione popolare applicandone indicazioni e regole. OBIETTIVI OPERATIVI L alunno sa muoversi con scioltezza. Sa orientarsi nello spazio secondo le consegne. Sviluppa lo schema motorio del lanciare-afferrare. Acquisisce le nozioni di direzione, distanza, traiettoria. Sa eseguire diversi tipi di corse. Sa eseguire diversi tipi di salto. Sa eseguire esercizi di equilibrio. Conosce i concetti temporali: prima-dopo, lento-veloce, intensità, durata, cadenza, sincronismo, successione. Sa eseguire movimenti precisi e adattarli a situazioni esecutive sempre più complesse. Sa eseguire semplici composizioni e/o progressioni motorie, utilizzando un ampia gamma di codici espressivi. Sa riconoscere e riprodurre ritmi dati. Sa rispettare le regole dei giochi sportivi praticati. Sa collaborare con i compagni. Sa porsi in relazione con gli altri e agire attivamente nel gruppo. Sa collaborare con gli altri secondo le conse-

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGETTAZIONE ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO MAZZINI-MODUGNO VIA G. SUPPA, 7 70125 BARI PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA CLASSI V A.S. 2014-2015 ITALIANO A. Ascolto e parlato A1. Interagire in modo collaborativo in una conversazione,

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA a. Ascoltare e parlare 1. Cogliere l argomento principale dei discorsi altrui 2. Prestare attenzione a situazioni comunicative

Dettagli

Obiettivi classe quarta

Obiettivi classe quarta Scrittura Lettura Ascolto e parlato Obiettivi classe quarta ITALIANO 1.Interagire in modo collaborativo in una conversazione, in una discussione, in un dialogo su argomenti di esperienza diretta, formulando

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SAN GIOVANNI BOSCO" DI MOLFETTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO DI MOLFETTA COMPETENZE DI BASE (traguardi per lo sviluppo della competenza) E RELATIVI RAGGIUNTI Disciplina Italiano Partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Apprendimenti minimi. Classe Prima

Apprendimenti minimi. Classe Prima Apprendimenti minimi Classe Prima Ascoltare semplici consegne e comandi ed adeguarvi il proprio comportamento Comprendere e riferire, attraverso domande-guida, i contenuti essenziali relativi a semplici

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria.

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. AREE DISCIPLINARI E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta)

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta) CURRICOLO PER SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI 1. IMPARARE AD IMPARARE 1. Sperimenta una pluralità di esperienze, gestisce diverse possibilità espressive e sviluppa abilità

Dettagli

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ MOTORIE E SPORTIVE Narrare esperienze personali ed i contenuti di brevi racconti rispettando l'ordine logico e cronologico. Acquisire le prime regole di lettura e scrittura.

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA TRAGUARDI 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, COMUNICARE ORALMENTE ED ESPRIMERE GIUDIZI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA 2 LEGGERE,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima

INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO classe prima Ascoltare e comprendere lessico e semplici espressioni, istruzioni, indicazioni, filastrocche, canzoni relativamente ai seguenti ambiti: *colori, oggetti

Dettagli

CLASSE QUARTA ITALIANO

CLASSE QUARTA ITALIANO ITALIANO Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari )attraverso messaggi

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe QUARTA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PROGRAMMAZIONE CLASSE TERZA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE TERZA ABILITÀ 1. L allievo partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 UDA N. 2 Unità di apprendimento

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE 2012-2013 CLASSE QUARTA ITALIANO COMPETENZE ASCOLTA, LEGGE, COMPRENDE, PARLA, RIFLETTE, SCRIVE, PRODUCE

PROGETTAZIONE ANNUALE 2012-2013 CLASSE QUARTA ITALIANO COMPETENZE ASCOLTA, LEGGE, COMPRENDE, PARLA, RIFLETTE, SCRIVE, PRODUCE PROGETTAZIONE ANNUALE 2012-2013 CLASSE QUARTA ITALIANO ASCOLTA, LEGGE, COMPRENDE, PARLA, RIFLETTE, SCRIVE, PRODUCE L allievo - Partecipa a scambi comunicativi (conversazione,discussione di classe o di

Dettagli

AREA STORICO GEOGRAFICA

AREA STORICO GEOGRAFICA AREA LINGUISTICA ESPRESSIVA A1. Saper ascoltare e riferire il contenuto di ciò che è stato ascoltato senza alterarne la sostanza. A2. Intervenire nelle conversazioni in maniera pertinente rispettando il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe TERZA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano L

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE

CURRICOLO DI INGLESE CURRICOLO DI INGLESE INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE PRIMA Comprendere ed eseguire istruzioni relative a modalità di lavoro a livello personale, (Ascolto) all uso degli spazi e arredi scolastici

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE o Intervenire nelle conversazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale d istituto CLASSI SECONDE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale d istituto CLASSI SECONDE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO ING. CARLO STRADI MARANELLO ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale d istituto CLASSI SECONDE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA ITALIANA 1. Ascolto e parlato

Dettagli

COMPETENZE ABILITA E CONOSCENZE

COMPETENZE ABILITA E CONOSCENZE MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO RMIC8GV009 rmic8gv009@istruzione.it 27 DISTRETTO - XIX CIRCOSCRIZIONE C.F. 97714110588 Via Suor Celestina

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015 Maria Ausiliatrice - Luino DI ITALIANO Si fa riferimento al PROFILO IN USCITA della classe. Ascolto e parlato Interagire in modo collaborativo negli scambi comunicativi rispettando i turni di intervento

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: TERZA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: TERZA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a una conversazione su argomenti noti relativi a contesti familiari; racconta oralmente una storia personale o

Dettagli

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI

ITALIANO secondo biennio OBIETTIVI FORMATIVI 1 ITALIANO secondo biennio 1. Comprendere e partecipare ad una conversazione in modo pertinente 2. Riferire i propri vissuti e/o un argomento di studio, seguendo un ordine logico ed usando un linguaggio

Dettagli

Istituto corsaro. Curricolo verticale

Istituto corsaro. Curricolo verticale Istituto corsaro Curricolo verticale d Istituto Curricolo verticale Anno scolastico 2015/2016 IL CURRICOLO è la sintesi delle condizioni pedagogiche, organizzative e didattiche che consentono di realizzare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA RILEVAZIONI COMPETENZE RAGGIUNTE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA RILEVAZIONI COMPETENZE RAGGIUNTE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA RILEVAZIONI COMPETENZE RAGGIUNTE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA ITALIANO Traguardi dello sviluppo delle competenze L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti. Ascolta

Dettagli

TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia. Progettazione curricolare Classi prime

TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia. Progettazione curricolare Classi prime TERZO CIRCOLO DIDATTICO GIOVANNI CENA Perugia Progettazione curricolare Classi prime A.S. 2014-2015 FINALITÀ DELL ESPERIENZA EDUCATIVA Favorire lo sviluppo delle capacità necessarie per imparare a leggere,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Partecipa a semplici scambi comunicativi con compagni e insegnanti rispettando il turno Ascolta e coglie il senso di semplici testi orali Legge e comprende semplici testi Scrive semplici testi legati all

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

QUARTO BIMESTRE ITALIANO APRILE MAGGIO GIUGNO DISCIPLINA TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

QUARTO BIMESTRE ITALIANO APRILE MAGGIO GIUGNO DISCIPLINA TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1 QUARTO BIMESTRE ITALIANO ITALIANO ASCOLTARE E PARLARE 1. Ascoltare e interviene con chiarezza espositiva nel dialogo e nella conversazione 2. Ascoltare con attenzione testi di vario tipo e dimostrare

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI QUINTE

PERCORSO FORMATIVO CLASSI QUINTE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI QUINTE SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2015-2016 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

OBIETTIVI ANNUALI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI ANNUALI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI ANNUALI DI APPRENDIMENTO CLASSE 5^ ITALIANO ASCOLTARE E SCRIVERE Presentare attenzione in situazioni comunicative orali diverse in contesti sia abituali sia inusuali. Interagire correttamente

Dettagli

PROGGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

PROGGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PROGGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE CLASSE II ANNO SCOLASTICO 2013/2014 classe 2^ COMPETENZE DISCIPLINARE ISTITUO COMPRENSIVO LEVANTO 2013/2014 ITALIANO 1. Ascolta e interagisce nelle conversazioni

Dettagli

SCHEMA PROGETTAZIONE AREE DI COMPETENZA. Classificare, ordinare e porre in relazione -Sa riconoscere e rappresentare relazioni dirette e inverse

SCHEMA PROGETTAZIONE AREE DI COMPETENZA. Classificare, ordinare e porre in relazione -Sa riconoscere e rappresentare relazioni dirette e inverse SCHEMA PROGETTAZIONE AREE DI COMPETENZA CLASSE: III Area di competenza 1 Logicomatematicoscientifica Logiche Matematiche (dalla cl. III) Matemat. Matemat. Classificare, ordinare e porre in relazione -Sa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 - PESCARA Pascoli RIgopiano MIchetti Silone (via Milano) San Giovanni Bosco SCUOLA PRIMARIA PER LE CLASSI SECONDE

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 - PESCARA Pascoli RIgopiano MIchetti Silone (via Milano) San Giovanni Bosco SCUOLA PRIMARIA PER LE CLASSI SECONDE ISTITUTO COMPRENSIVO 4 - PESCARA Pascoli RIgopiano MIchetti Silone (via Milano) San Giovanni Bosco SCUOLA PRIMARIA PER LE CLASSI SECONDE L alunno: ITALIANO Ascoltare e parlare partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE DELLE DISCIPLINE CLASSI TERZE

PROGRAMMA ANNUALE DELLE DISCIPLINE CLASSI TERZE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA PRATI Scuole Primarie Via Prati e Umberto Tagliabue - Scuola Secondaria di I Grado Gianni Rodari Cod. MPI: MIIC87500R Cod.Fisc.: 83007020155 tel 0362.392316 fax 0362.303076 e-mail:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

- Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti nell ambiente circostante elementi naturali e antropici.

- Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti nell ambiente circostante elementi naturali e antropici. IMMAGINE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE/CONTENUTI LEGGERE E COMPRENDERE - Esplorare e leggere immagini, - Colori e forme presenti forme e oggetti presenti nell ambiente circostante: nell

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15

Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15 Istituto Comprensivo Raffaele Poidomani Via Resistenza Partigiana, 165 - Modica (Rg) SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014-15 ITALIANO Traguardi L alunno: 1) Partecipa agli scambi verbali, intervenendo in modo pertinente

Dettagli

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA

INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA INDICATORI REGISTRO DI LINGUA ITALIANA -Saper ascoltare e comprendere messaggi, testi e consegne -Sapersi esprimere oralmente in modo chiaro e corretto -Saper leggere e comprendere vari tipi di testo -Saper

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA IC RIVAROLO OBIETTIVI MINIMI SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA ITALIANO Ascoltare, comprendere e eseguire semplici consegne. Utilizzare il linguaggio verbale e non per comunicare semplici esperienze personali.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI GUARDIAGRELE

DIREZIONE DIDATTICA DI GUARDIAGRELE DIREZIONE DIDATTICA DI GUARDIAGRELE ANNO SCOLASTICO 2010-11 CLASSE 4^ MACROSTRUTTURA APRILE MAGGIO FINALITA Acquisire i linguaggi essenziali delle varie discipline. Sperimentare contesti di relazione dove

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola primaria statale

Scuola primaria statale ISTITUTO COMPRENSIVO ARDEA III ARDEA (RM) Scuola primaria statale Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE La Programmazione didattica annuale è stata elaborata conformemente ai nuovi

Dettagli

MATERIA: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI CLASSE PRIMA OSSERVARE E LEGGERE IMMAGINI. - Guardare e osservare un immagine individuandone gli elementi formali.

MATERIA: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI CLASSE PRIMA OSSERVARE E LEGGERE IMMAGINI. - Guardare e osservare un immagine individuandone gli elementi formali. MATERIA: ARTE E IMMAGINE ABILITÁ PRIMA OSSERVARE E LEGGERE IMMAGINI Osserva immagini per coglierne il significato. ESPRIMERSI E COMUNICARE Utilizza tecniche diverse in modo autonomo o guidato. - Guardare

Dettagli

LINGUA ITALIANA - PROGRAMMAZIONE ANNUALE A. S. 2013/2014 - CLASSE QUARTA OBIETTIVI MINIMI MACROBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

LINGUA ITALIANA - PROGRAMMAZIONE ANNUALE A. S. 2013/2014 - CLASSE QUARTA OBIETTIVI MINIMI MACROBIETTIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO LINGUA ITALIANA - PROGRAMMAZIONE ANNUALE A. S. 2013/2014 TSC al termine della scuola primaria. ASCOLTO E PARLATO L allievo: partecipa a scambi comunicativi con interlocutori diversi rispettando il turno

Dettagli

Istituto Comprensivo 1 Sesto Fiorentino. Scuola Primaria. L.Radice- Villa la Fonte- Villa san Lorenzo

Istituto Comprensivo 1 Sesto Fiorentino. Scuola Primaria. L.Radice- Villa la Fonte- Villa san Lorenzo Istituto Comprensivo 1 Sesto Fiorentino Scuola Primaria L.Radice- Villa la Fonte- Villa san Lorenzo PROGRAMMAZIONE ANNUALE a.s 2015-2016 CLASSE QUINTA ITALIANO A) ASCOLTO E PARLATO Intervenire in modo

Dettagli

INDICATORI STABILITI PER CIASCUNA DISCIPLINA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA. Età 3 anni

INDICATORI STABILITI PER CIASCUNA DISCIPLINA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA. Età 3 anni SCUOLA DELL INFANZIA Età 3 anni Ambito espressivo Fruizione e produzione di messaggi Produce semplici messaggi iconici utilizzando tecniche diverse. Manipola plastilina, das, pongo. Memorizza canzoni e

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE ALL IMMAGINE EDUCAZIONE ALL IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere e leggere immagini statiche (fotografie, manifesti,

Dettagli