L identità di genere in tv: la donna nella pubblicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L identità di genere in tv: la donna nella pubblicità"

Transcript

1 L identità di genere in tv: la donna nella pubblicità Direttore Co.Re.Com. Puglia- Dott. Domenico Giotta Responsabili Responsabile di ricerca: del progetto- Dott.ssa Dott.ssa Fabrizia Fiore Fiore Responsabile del progetto- Dott.ssa Dott.ssa Rosanna Rosanna Ciminelli Ciminelli Consulente Psicologa- Dott.ssa Maria Giovanna Tomasino Il Coordinatore progetto è stato della coordinato rilevazionedal Gruppo Dott. Alessandro di Monitoraggio Lofano del Co.Re.Com. Puglia: Dott. Domenico Giotta, Dott. Alessandro Lofano, Dott.ssa Elena Mazzei, Dott.ssa Maria Giovanna Tomasino, Ing. Giuseppe Pascazio, Ing. Martino Triggiani

2 Indice Introduzione pag. 3 PARTE PRIMA pag. 7 Obiettivi della ricerca pag. 8 Campione della ricerca pag. 9 Metodologia della ricerca pag. 10 PARTE SECONDA pag. 14 Analisi delle singole sezioni pag. 15 Contesto di vendita pag. 18 Setting pag. 23 Banda sonora pag. 27 Stile comunicativo e linguaggio pag. 28 Presenza femminile pag.34 Conclusioni pag.48 Bibliografia pag. 53 Sitografia pag.54 Appendice pag.55 2

3 Introduzione I media, offrendo nuove opportunità di comunicazione, che sormontano distanze geografiche, differenze temporali e culturali, creano anche nuove occasioni di estendere i repertori di posizionamenti. Attualmente stiamo vivendo quella che nella giovane storia dei Media Studies si chiama la quarta fase, che viene definita l influenza negoziata dei media. Questa teoria si fonda sull idea che la comunicazione di massa produca effetti sulla società a partire dalla capacità di fornire significati socioculturali che, comunque, devono essere interpretati, e spesso ristrutturati, dal pubblico 1. Molte sono le persone che subiscono il fascino degli strumenti di comunicazione, non tanto per accedere ad informazioni o per comunicare con altri a distanza, ma per poter usufruire di spazi entro cui raccontarsi e definirsi progressivamente attraverso un processo, senza soluzione di continuità, di costruzione e de-costruzione collettiva. L individuo comune, dietro l oculata sollecitazione della produzione televisiva, diviene il testimone sociale di un argomento. Nell ambito della pubblicità, con gli studi sulla donna iniziati negli anni 70 del Novecento, i cosiddetti Women Studies, è emersa una forte discriminazione tra la rappresentazione dei sessi, che vedeva le donne mostrate spesso come meno intelligenti e più emotive degli uomini, oltreché valorizzate per essere quasi sempre attraenti e giovani. 1 M. Sorice, I Media, La prospettiva sociologica, Carocci, 2006, pag

4 A questo punto occorre riflettere su un paradosso, o almeno quello che in prima istanza sembra apparire tale: da un lato la comunicazione mediata e la cultura digitale sostengono la moltiplicazione dei Sé, dall altro sono ritenute responsabili del fenomeno di globalizzazione, sinonimo di omologazione culturale, standardizzazione dei costumi e livellamento degli orientamenti. I mezzi di comunicazione di massa, e la televisione in particolare, costituiscono un piano di indagine estremamente utile, sia perché rappresentano profili di donne e uomini reali (nell informazione) e fittizi (nella pubblicità e nelle televendite), sia perché riconsegnano l immagine della società in cui viviamo, registrandone mutamenti, evoluzioni e tendenze. I media, inoltre, veicolano modelli identitari e comportamentali, individuali e collettivi, e contribuiscono a fertilizzare o rendere sterile il terreno su cui può crescere una cultura di genere paritaria e rispettosa della dignità femminile. A tale proposito, si ritiene che la pubblicità possa essere uno strumento di modernizzazione della società, in quanto promuove nuovi modelli sociali. Infatti, grazie alla continua ripetizione dei suoi messaggi riesce ad influenzare gli individui, diventando in questo modo una parte importante della vita sociale. E quindi lecito sostenere che oltre ad essere una guida per l acquisto di un prodotto essa assume anche la funzione di generatrice di modelli sociali da seguire. Questo processo di socializzazione operato dai mass media, avviene tramite due procedimenti. Il primo procedimento spiega l influenza indiretta e a lungo termine dei mass media sull azione individuale. 4

5 Lo spettatore osserva una persona all interno del contenuto mediale e la prende come modello. Identificandosi con esso, egli lo ritiene degno di imitazione, e riconosce il comportamento osservato funzionale in quanto produce effetti desiderabili se limitato in una determinata situazione. Egli ricorda e riproduce così il comportamento del modello da lui osservato (risposta) nel momento in cui si trova in circostanze pertinenti (stimolo). Questo produce un effetto di gratificazione che rende possibile che l individuo risponda sempre in questo modo a stimoli simili. Il secondo procedimento riguarda l influenza indiretta e a lungo termine sull azione collettiva e cioè sulla società. In questo caso, i mass media danno delle rappresentazioni affidabili o meno dei modelli consolidati di vita di gruppo, rappresentazioni che affermano le aspettative sociali riguardo al modo in cui agiscono i membri dei vari gruppi che compongono la società. Queste aspettative forniscono dunque sia delle indicazioni sul comportamento da tenere verso gli altri membri del proprio gruppo, sia delle conoscenze sul comportamento dei membri degli altri gruppi. I modelli pubblicitari funzionano quindi come fonti credibili ed attraenti e, in questo modo, essi non sono utili solo a vendere i prodotti ma rafforzano anche valori e stili di vita. In riferimento a quest ultimo aspetto, ciò che sembra più utile evidenziare ai fini del presente lavoro, è il modo in cui la pubblicità rappresenta le differenze di genere 2. 2 Tonolla, Donna e pubblicità, dal sito consultato il 02/01/2011 alle ore 12:00:00. 5

6 In virtù di quanto finora considerato, si è scelta la pubblicità come veicolo di analisi e la donna come oggetto d indagine, perché la pubblicità è tre volte donna: si rivolge alla donna essendo ella statisticamente il principale responsabile degli acquisti per la famiglia, è abitata da un infinità di personaggi femminili e possiede una forte componente emotiva. La ricerca svolta per il Co.Re.Com Puglia, mette in evidenza quanto il modello di donna presente all interno dello scenario pubblicitario locale si discosti dall unico modello femminile emerso da altre ricerche sulle differenze di genere, in cui prevalgono gli stereotipi originati da una cultura che assegna, oggi, alle donne, ruoli legati principalmente alla sfera della seduzione. 6

7 PARTE PRIMA 7

8 Obiettivi della ricerca La ricerca si è posta l obiettivo di indagare la rappresentazione femminile da parte delle televisioni locali pugliesi, concentrandosi su due aspetti: 1) focalizzare l attenzione sulle profonde trasformazioni dei ruoli sociali, che emergono nell evoluzione dell immagine femminile nella pubblicità; 2) rilevare come le emittenti pugliesi riescano, attraverso la pubblicità, a trasmettere modelli femminili coerenti con la nuova identità di genere. Gli obiettivi, dunque, si distinguono in due tipologie riconducibili alle tecniche di indagine quantitativa e qualitativa. Rientrano negli obiettivi quantitativi il dimensionamento del fenomeno di presenza della figura femminile e il delineamento delle differenti tipologie di donna, attraverso la creazione di classificazioni e categorizzazioni (chart). Gli obiettivi qualitativi, invece, sono: cogliere e spiegare le profonde trasformazioni dei ruoli sociali che emergono nell evoluzione dell immagine femminile nella pubblicità; comprendere il processo di creazione di significati riguardo i modelli femminili da parte delle emittenti televisive pugliesi; individuare e profilare le tipologie di donne che appaiono nelle pubblicità trasmesse; elaborare nella maniera più articolata possibile la percezione e la valutazione del messaggio pubblicitario presente nelle tv locali; infine, per il totale degli spot analizzati, individuare valori, significati, evocazioni e tipologia di stile comunicativo. 8

9 Campione della ricerca L indagine è stata svolta su un campione di sette emittenti televisive pugliesi, regionali e provinciali: Tele Radio Erre, Tele Dehon, TBM, Codiva, Telesveva, Telenorba8, Teleblu, per un totale di 158 unità. Il periodo considerato è quello inerente alla seconda campagna di monitoraggio televisivo svolta dal Co.Re.Com. Puglia, dal 02/06/2010 all 11/06/2010, dopo averne verificato il carattere tipico, ovvero che si trattasse di un intervallo di tempo di programmazione normale, non caratterizzata da eventi in grado di modificare i palinsesti e le abitudini di ascolto dei telespettatori. Al fine di rilevare l immagine della donna sono stati analizzati spot pubblicitari e televendite, raccolti attraverso la metodologia del campionamento casuale semplice. Tale forma di rilevazione costituisce il metodo di campionamento per unità più elementare e può avere una valenza autonoma. L assenza di ripetizione sta a significare che l unità non può entrare a far parte dello stesso campione più di una volta. Il CCS si caratterizza per i seguenti elementi: 1) le unità statistiche coincidono con le unità di rilevazione; 2) ciascuna unità possiede la stessa probabilità di inclusione nel campione (ciò darà luogo ad un metodo autoponderante, nel senso che le determinazioni campionarie vengono combinate utilizzando il medesimo peso). 3 3 D. G. Horvitz and D.J. Thompson, Estimator and estimates of its variance, Journal of the American Statistical Association,

10 Metodologia della ricerca Per rispondere agli obiettivi conoscitivi dell indagine sono state realizzate più opzioni di rilevazione, basate su un disegno di ricerca integrata quali-quantitativa, in modo tale da dimensionare i fenomeni pubblicitari e coglierne in profondità i significati, i sistemi valoriali veicolati e lo stile comunicativo. La prospettiva d indagine è utile anche al fine della comparazione della rappresentazione televisiva femminile con quella maschile. Sia le televendite, sia gli spot pubblicitari sono stati sottoposti ad un analisi qualitativa. Per fare ricerca qualitativa si intende utilizzare una o più metodologie/tecniche proprie di questa disciplina per comprendere dei fenomeni allo scopo di scoprirne le motivazioni. Gli ambiti di applicazione della ricerca qualitativa sono molteplici: per analizzare gli elementi del marketing mix (l analisi di un concetto, di un pack, di uno spot); per una Brand Image (e capire come la gente percepisce una marca); per comprendere uno scenario di riferimento; per produrre nuove idee. Si evince che non è tanto importante ciò che si vuole studiare (il tema), quanto piuttosto la natura delle informazioni che si vogliono ottenere: la ricerca qualitativa è funzionale alla rilevazione dei bisogni, degli atteggiamenti, dei vissuti e delle attese delle persone senza però dare risposte di tipo statistico, che sono invece appannaggio della ricerca quantitativa. Gli strumenti principali per fare ricerca qualitativa permettono di esplorare in modo approfondito e dettagliato i temi in cui la 10

11 dimensione sociale ha importanza maggiore. Ogni ricerca qualitativa è costituita da tre momenti o fasi, consequenziali l una all altra, ovvero: pre-field, field, post-field. Il pre-field è il primo passo di ogni ricerca. Con questo termine si fa riferimento al momento della pianificazione condivisa. E fondamentale perché getta le basi di tutto il lavoro che si farà in seguito: maggiori sono la chiarezza e la ricchezza di informazioni sul tema, più efficace sarà il disegno di ricerca ipotizzabile. Con field si intende l effettivo momento della raccolta dati. Il post-field è il terzo ed ultimo momento. Questa parte è da considerare a tutti gli effetti come il cuore della ricerca: le informazioni che sono state raccolte/ scoperte nella fase precedente vengono ora sistematizzate, analizzate ed infine rielaborate in modo da poter essere una risposta agli interrogativi iniziali (ovvero gli obiettivi di ricerca). In definitiva è il momento del confronto tra i professionisti della ricerca coinvolti e dell analisi dei dati per la produzione dei risultati (sotto forma di un rapporto di ricerca in Power Piont, chiamato più semplicemente report ). In concreto, questo momento serve per comprendere appieno i fenomeni oggetto della ricerca e generare risposta in forma intellegibile e funzionale. Tale analisi, utilizzata prevalentemente all interno dei Cultural Studies, è di matrice semiotica (volta ad approfondire i contenuti più significativi emersi nella struttura delle pubblicità), sociologica (per comprendere che cosa si cela dietro la costruzione del messaggio pubblicitario e i modelli femminili da catalogare) e psicologica (attraverso l analisi dei comportamenti linguistici e non). 11

12 Per la raccolta dei dati, in fase di analisi del contenuto qualitativa, è stata utilizzata una scheda di rilevazione appositamente creata, contenente una maschera di categorie a voci aperte, da analizzare descrittivamente in fase di monitoraggio, i cui contenuti sono stati post- codificati. Tale tecnica di etichettatura (labeling) ha permesso la categorizzazione dei fenomeni oggetto di analisi. Si è scelto di focalizzare l attenzione sul contenuto e sul contesto di produzione del messaggio pubblicitario, per indagarne le motivazioni esterne, e i suoi caratteri distintivi per scoprirne le motivazioni interne. Tali caratteristiche si distinguono in: setting del messaggio pubblicitario, stile comunicativo, linguaggio utilizzato, banda sonora, presenze femminili. L impiego del labeling ha permesso l individuazione di sottocategorie per ciascuna di quelle elencate. Generalmente non si assegnano frequenze alle caratteristiche individuate nei dati, e i fenomeni rari ricevono la stesa attenzione di fenomeni più frequentati. Per questo motivo è parso opportuno procedere al dimensionamento dei fenomeni qualitativi evidenziati, attraverso una analisi quantitativa. Il rapporto di ricerca quantitativo si è basato su tutti i risultati, partendo dai più significativi ed esplorando anche i fenomeni minori. In campo sociologico la ricerca sui media ha adottato diverse metodologie, tra cui quella quantitativa, che è un tipo di ricerca basata essenzialmente su dati statistici attraverso cui è possibile indagare i fatti sociali che hanno una realtà oggettiva (Paradigma Positivista). 12

13 Se le metodologie quantitative hanno goduto a lungo del favore degli studiosi lo si deve a diversi fattori: il valore generalizzante del numero e la più agevole vendibilità e notiziabilità di ricerche in cui i dati percentuali producono una percezione della realtà facilmente interpretabile. I dati sono stati inseriti in un database elettronico, e sono state effettuate le relative operazioni di cleaning ed elaborazione, mediante il software di calcolo di dati statistici S.P.S.S. versione 15.0, verificando la distribuzione delle frequenze semplici e le possibili associazioni tra variabili. Ai fini della valutazione della significatività delle relazioni nelle tabelle a doppia entrata è stato adottato il test del Chi Quadrato di Pearson, fissando il valore di p<0.05. In allegato si riporta la scheda di analisi a matrice dati su file Excel, utilizzata per la rilevazione qualitativa 4. 4 Allegato 1: scheda di analisi a matrice dati su file Excel. 13

14 PARTE SECONDA 14

15 Analisi delle singole sezioni Il carattere esplorativo e le necessità poste dagli obiettivi generali della ricerca hanno determinato il ricorso ad un approccio metodologico qualitativo multi-disciplinare, fondato su tre macroaree e motivato dal fatto che esso è certamente lo strumento più idoneo a favorire una eccellente profondità dei dati ottenuti, permettendo la contemporanea analisi di essi da punti di vista differenti. L indagine qualitativa si è sviluppata attraverso la scelta metodologica di tre livelli di analisi: approccio sociologico, analisi semiotica, approccio psicologico. La sociologia interviene nella costruzione del messaggio pubblicitario e ha reso possibile, in una fase successiva a quella di analisi, la costruzione di modelli femminili ben catalogati, come la donna professionista (medico, esperta in chirurgia estetica, libera professionista, imprenditrice), la donna oggetto (seduttiva, con una forte carica erotica, anche esplicita), la madre-moglie (intesa anche come sposa), la donna giovane (onnicomprensiva di donne appartenenti ad una fascia di età non afferente a quella adulta), istintiva (decisa e determinata, donna con i connotati della leader), elegante (riesce a mostrarsi al pubblico come femminile, pur senza mettere in evidenza caratteristiche comportamentali o fisiche tipiche dello stereotipo della donna seduttiva), adulta (la cui maturità è resa evidente da caratteristiche vocali e/o estetiche, tratti distintivi di esperienza e stabilità). La psicologia culturale, invece, attraverso l analisi dello stile comunicativo, del linguaggio verbale e non, e delle tipologie di donna 15

16 emerse, contribuisce a rendere chiaro, seduttivo e persuasivo il contenuto della pubblicità. La semiotica permette di comprendere il linguaggio iconico del messaggio pubblicitario: l immagine è, infatti, un segno, riconoscibile ed analizzabile all interno di spot e televendite, in termini di setting, contesto, stile comunicativo e linguaggio. La metodologia di ricerca utilizzata ha visto in una prima fase il monitoraggio degli spot pubblicitari e delle televendite, e successivamente l individuazione dei diversi aspetti che li caratterizzano. Questi ultimi sono stati inseriti all interno di un file di analisi qualitativa, dalla quale è emerso il modo in cui il contenuto pubblicitario è strutturato. Per la ricerca sono stati monitorati 158 contenuti, comprensivi di spot pubblicitari e televendite. 131 sono gli spot pubblicitari e 27 le televendite, corrispondenti rispettivamente all 82,9% e al 17,1% del campione analizzato. Il periodo cui questi dati si riferiscono parte dal 02/06/2010 e si conclude l 11/06/2010 e afferisce alla seconda campagna di monitoraggio Co.Re.Com. Puglia. Spot o televendita? Frequenza V. Percentuale spot pubblicitari ,9 televendite 27 17,1 Totale (Tab. 1: Spot o televendita?) 16

17 (Graf.1: Spot o televendita?) Gli spot e le televendite trasmessi hanno interessato la vendita di prodotti per il 72,2% dei casi (114 unità) e la vendita di servizi per il 27,8% (44 unità). Nello specifico, nella categoria prodotti sono proposti prodotti di uso domestico e quotidiano, quali materassi, stoviglie, arredi, abbigliamento, generi alimentari. Per la categoria dei servizi, invece, è stata rilevata la presenza di offerta di cura e benessere della persona, servizi legati alla ristorazione, al settore energetico, al mondo della formazione, allo svago e al tempo libero. 17

18 Contesto di vendita Tipi di prodotti/servizi Frequenza V. Percentuale cura del corpo/benessere 36 22,8 abbigliamento 12 7,6 arredamento 21 13,3 oggettistica varia 20 12,7 gioielli 5 3,2 prodotti per la casa 22 11,4 alimentari 21 15,2 ristorazione 9 6,3 editoria 5 3,2 automobili 7 4,4 Totale (Tab.2 : Tipi di prodotti/servizi) (Graf.2 : Tipi di prodotti/servizi) 18

19 Tabella con incrocio di variabili: Spot/Televendita e Prodotti/Servizi Spot V. Percentuale Televendite V.Percentuale Totale V.Percentuale cura del corpo/benessere 28 21,4 8 29, ,8 abbigliamento 12 9, ,6 arredamento 19 14,5 2 7, ,3 oggettistica varia 12 9,2 8 29, ,6 Gioielli 5 3, ,2 prodotti per la casa 13 9,9 9 33, ,9 Alimentari ,3 Ristorazione 9 6, ,7 Editoria 5 3, ,2 Automobili 7 5, ,4 Totale (Tab.3 : Incrocio di varianili: spot/televendita e prodotti/servizi) Grafico con incrocio di variabili: Spot/Televendita e Prodotti/Servizi tipi di prodotti/servizi? cura del corpo/benessere abbigliamento arredamento oggettistica varia gioielli prodotti per la casa alimentari ristorazione editoria automobili 10 0 spot spot o televendita? televendita (Graf.3 : Incrocio di spot/televendita e prodotti/servizi) 19

20 Suddividendo ulteriormente le tipologie di prodotti e servizi proposti nelle televendite è emerso che il 33,3% concerne prodotti per la casa, il 29,6% riguarda la cura del corpo e il benessere in generale, al pari dell oggettistica varia. Al 7,5% si registra invece la presenza di televendite che propongono arredamento. Per quanto riguarda invece l offerta degli spot pubblicitari si evince che il 21,4% riguarda la cura del copro e il benessere, il 16% i prodotti alimentari, il 14,5% l arredamento, il 9,9% prodotti per la casa, il 9,2% sia per l abbigliamento che per l oggettistica varia, il 6,8% la ristorazione, il 5,3% automobili, il 3,9% l editoria e infine il 3,8% i gioielli. Il contesto di vendita è determinante per spiegare lo scenario in cui è proposto l oggetto reclamizzato, che si è rivelato appartenere a due macrocategorie: prodotti e servizi. Quindi un altro elemento importante ai fini della ricerca è risultato il contesto di vendita. Il settore dei servizi è quello che più investe in pubblicità televisiva e lo fa per portare a conoscenza i telespettatori della varietà di opportunità legate al mondo della cura del corpo nelle sue più svariate declinazioni e alla ristorazione. I servizi legati alla cura del corpo afferiscono alla macroarea del benessere, della cura della persona, intesa sia in senso strettamente medico, come nel caso di cure termali, che più semplicemente estetico, con l offerta di innumerevoli occasioni di relax e svago. Contestualmente sono proposti anche contenuti pubblicitari riguardanti la formazione in campo estetico, evidentemente un settore in forte espansione. 20

21 C è quindi attenzione anche al mercato del lavoro che offre ai giovani possibilità ben remunerate e occasioni di formazione direttamente spendibili sul territorio. Esiste dunque una forte correlazione tra l offerta formativa in campo estetico e la radicata presenza di centri benessere che operano nel settore, rivolgendosi direttamente all utente finale. La vendita dei prodotti, invece, è caratterizzata dall offerta di generi alimentari, quali pasta e prodotti caseari. In primo piano è messa la tradizione della produzione quando questa è sul mercato da diversi anni, per sottolineare la continuità e l affidabilità dell azienda. La produzione di alimenti tipici della tradizionale dieta mediterranea è legata proprio alle specialità del territorio. Spesso il contenuto di questi messaggi pubblicitari è inserito in contesti di produzione agricola, seguito da quello semi-industriale, e di consumo domestico. Altra tipologia di prodotti è quella dell industria del mobile. I mobilifici, e quindi la lavorazione del legno, rientrano in quelle attività facenti parte dell artigianato, che ancora connotano il territorio regionale, per le quali sono necessarie misure di tutela e protezione, rispetto al rischio di una eccessiva industrializzazione. Per quanto concerne la ristorazione a farla da padrone sono le sale ricevimenti, che nel mostrarsi al possibile cliente puntano l accento sulle cerimonie che è possibile festeggiare. Battesimi, cresime, comunioni sono espressamente menzionate, ma il matrimonio è il festeggiamento cui più volentieri si fa preciso riferimento. Nonostante il calo delle celebrazioni rilevato sul territorio nazionale negli ultimi anni (come confermano i dati Istat aggiornati al 2009), in favore di nuove unioni come le coppie di fatto che si basano su 21

22 convivenze, si registra una tendenza nel Meridione che lascia intendere come in Puglia questa celebrazione sia tutt altro che in disuso. Il matrimonio era ed è ancora una tappa fondamentale della vita dei giovani del sud e nel contesto pubblicitario locale non stupisce la forte presenza di continui riferimenti al matrimonio come vincolo di unione e sacralità, alla formazione della famiglia e alla celebrazione di ricorrenze legate alla sfera personale in genere, rispetto ad esempio alla possibilità per le sale ricevimenti di lavorare (e quindi pubblicizzare) altri tipi di eventi come meeting, convegni, congressi, legati più a un contesto professionale elevato e simboli di innovazione, più che di tradizione. Un riferimento costante e appartenente a ciascun settore di analisi è quello alla famiglia. Essa è vista come unità sociale basilare della vita dell individuo, del consumo dei prodotti del territorio, come riferimento principale cui indirizzare il messaggio pubblicitario e agisce da rinforzo sullo spettatore, che vede così la sua realtà rappresentata sullo schermo. Esigua è la presenza di contesti religiosi. Inoltre, i contesti professionali che riguardano le donne sono talmente pochi, che evidentemente la donna pugliese non è ancora percepita nell immaginario dello spettatore come un individuo passibile di alta specializzazione e responsabilità. 22

23 Setting Il setting è il luogo in cui è ambientata una situazione. Ne sono stati individuati di tre tipi: interno, esterno e la tipologia dello studio televisivo. Setting Frequenza V. Percentuale ambienti interni 88 55,7 ambienti esterni 39 24,7 studio televisivo 31 19,6 Totale (Tab.4 :Setting) (Graf.4 : Setting) 23

24 Gli spot pubblicitari e le televendite presentano setting interni nel 55,7% dei casi. Essi sono espressione del desiderio delle attività commerciali di non nascondersi al proprio pubblico televisivo, di voler mostrare i luoghi di produzione dei prodotti e di erogazione dei servizi, probabilmente anche spinti, nel compiere tale scelta, da fattori di ordine economico, circa la disponibilità di esigui investimenti in campo pubblicitario. E necessario ricordare, infatti, che il tessuto economico e commerciale pugliese è costituito da piccole-medie imprese, e i non esosi investimenti in ambito pubblicitario spiegano la tipologia di spot più ricorrente, che è quella potremmo definire fatta in casa. Vengono mostrati capannoni industriali, affiancati a immagini della campagna coltivata, per dare l idea di continuità natura-uomo nel caso della produzione di prodotti alimentari (pasta), come si evidenzia nella tabella n.5, che mostra la presenza di setting interno in 11 casi e di setting esterno in 10 casi. Interni di negozi, uffici e sale di centri che operano nel campo della salute, della bellezza e del benessere (21 casi su 36) vengono direttamente utilizzati per dare la possibilità all utente finale di proiettarsi già all interno dell ambiente di acquisto, veicolando curiosità, desideri e bisogni. Gli interni delle case, per lo più cucine e salotti, vengono mostrati per ricreare nell immaginario del telespettatore quel microclima familiare che appartiene alla cultura mediterranea, legata a valori e tradizioni basati sulla famiglia e sulla vita che si svolge intorno al focolare domestico, contrariamente alla possibilità di utilizzare studi televisivi, più asettici e meno rappresentativi. Il setting interno analizzato, si riferisce alle categorie arredamento in 14 casi su 21, e prodotti per la casa in 9 casi su

25 Le riprese degli esterni (24,7%) hanno ad oggetto la campagna, coltivata e non, e giardini (giardini delle sale per ricevimenti). La mancanza di paesaggi urbani è da segnalare. La lettura di questo dato trova una duplice spiegazione: da un lato la mancanza di forti investimenti nel settore pubblicitario, che lascia supporre come nell ideazione del setting del messaggio pubblicitario, si tenda a sfruttare più ciò che il territorio gratuitamente offre; e dall altro il fatto che sicuramente la regione Puglia si connota più come caratterizzata dal territorio in termini di natura e campi, dai quali trarre eventualmente profitto, che come luogo urbano ad elevata industrializzazione. L utilizzo di studi televisivi, che si attesta al 19,6%, rappresenta lo scenario prediletto per le riprese delle televendite, che per la natura stessa del messaggio commerciale che veicolano, necessitano di grandi spazi per lo più chiusi, all interno dei quali vengono comunque riproposti ambienti che evocano la casa, mostrando arredi di stanze da letto, cucine e salotti. Nei casi in cui il setting è assente ci si trova dinanzi a spot che si caratterizzano, per scelta, solo di fotogrammi o fermi immagine sovrapposti, con effetti di dissolvenza e giochi di fotografia. 25

26 tipi di prodotti/servizi Totale cura del corpo/benessere abbigliamento arredamento oggettistica varia gioielli prodotti per la casa alimentari ristorazione editoria automobili ambienti interni setting ambienti esterni studio televisivo Totale (Tab.5: Tavola di contingenza Setting- Tipi di prodotti e servizi) 26

27 Banda sonora La presenza di colonna sonora è stata rilevata come una caratteristica quasi costante di ogni spot pubblicitario o televendita. Essa è stata rilevata come sottofondo musicale lieve e utile allo scorrimento del contenuto propagandistico nel 49,4% dei casi. Nel 36,7% dei contenuti analizzati la musica è invece una componente di rilievo, al punto da essere una caratterizzante dello spot o televendita. Nel 13,9% dei casi è invece assente. Banda sonora Frequenza V. Percentuale sottofondo musicale 78 49,4 musica caratterizzante 58 36,7 assente 22 13,9 Totale (Tab. 6: Banda sonora) (Graf.6: Banda sonora) 27

28 Stile comunicativo e linguaggio L apporto della psicologia è stato fondamentale per profilare lo stretto rapporto tra l approccio narrativo e quello dialogico in pubblicità 5. La dimensione temporale della narrazione rappresenta una dimensione fondamentale, in quanto, senza tempo, non c è storia. In ogni caso, le storie devono essere raccontate; necessitano, quindi, di un narratore e di qualcuno che le ascolti. Lo stile comunicativo che prende forma all interno dei nuovi media permette al pensiero di essere espresso in diversi modi. I media, e la televisione in particolare, permettono alle persone di comunicare, senza la necessità di una prossimità fisica; inoltre, funzionano come macchine di significato in grado di distribuire nuove idee e modi di pensare, rapidamente e tra un numero elevato di persone 6. Per questo, lo stile comunicativo si sviluppa in diverse modalità: da un lato può derivare dalla fiction ed è, in questo caso, molto impersonale, lanciato da una voce fuori campo, perché il ruolo principale è giocato dai personaggi che recitano una parte; dall altro si può confondere con programmi di intrattenimento ed essere più libero e personale. 5 Hermans H.J.M., The construcion and reconstruction of a dialogical self, Journal of Constructivist Psychology, vol. 16, pp , Ferri P., Teoria e tecnica dei nuovi media. Pensare, formare, lavorare nell epoca della rivoluzione digitale, Milano, Guerini Studio,

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Il comportamento di consumo

Il comportamento di consumo Il comportamento di consumo Obiettivi della lezione Comprendere ed identificare le determinanti del comportamento di consumo Definire il concetto di bisogno Definire le caratteristiche ed i tratti psicologici,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna 23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna 1. proiezione video Occhi 1 minuto 2. Stereotipi 10 minuti 3. Proiezione diapositive

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com Moda e tendenze nel retail online Una nuova passerella per i marchi della moda tradedoubler.com I consumatori stanno reinventando il modo in cui vivono e acquistano articoli di moda; i marchi che si rifiutano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

VIVI INTENSAMENTE OGNI LUOGO AMATO

VIVI INTENSAMENTE OGNI LUOGO AMATO Laboratorio di Linguistica e Pubblicità Prof.ssa F. Dragotto VIVI INTENSAMENTE OGNI LUOGO AMATO VIOLA Indice generale SCHEDA TECNICA...3 UNA SCELTA DI MARKETING...6 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DI VIOLA...8

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE

Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE Ricerca di psicologia sociale e della comunicazione: LA MINACCIA DELLO STEREOTIPO per le DONNE Gli individui sono costantemente bombardati da informazioni provenienti dall ambiente esterno. Tali input,

Dettagli

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PRIMA LINGUA COMUNITARIA (LINGUA INGLESE) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

NUOVE GEOMETRIE DI INFLUENZA

NUOVE GEOMETRIE DI INFLUENZA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in COMUNICAZIONE PUBBLICA E D IMPRESA Cattedra di Teorie e Tecniche delle Analisi di Mercato prof. Umberto Costantini Gruppo di lavoro: prof.

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3 1 LA FONTE 2 LA FONTE Fabris (1992) identifica tre principali tipi di fonte che possono interferire sul messaggio che comunicano: 1) l impresa 2) il

Dettagli

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh PREMESSA Le occasioni che i bambini hanno di vivere il contatto con la natura sono poche, soprattutto vivendo in città. Tuttavia, se lasciati liberi di muoversi anche in un piccolo giardino come quello

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE

CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CURRICOLO D ISTITUTO - AREA LINGUISTICA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE COMPETENZE CHIAVE EUROPEA: E considerato essenziale il raggiungimento di un livello di competenza comunicativo riconducibile al livello

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Profilo Storia Evoluzione Struttura del gruppo Testate

Profilo Storia Evoluzione Struttura del gruppo Testate 2012 Guido Veneziani Editore è un gruppo editoriale giovane e intraprendente, che si è progressivamente e concretamente affermato nel mondo della stampa periodica italiana. Profilo In un mercato maturo

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione

Indice. Concetti chiave PARTE I. Introduzione Introduzione XI PARTE I Concetti chiave I I significati e i media Gli approcci semiotici 3 Lo strutturalismo 6 Esempio: Titanic 7 La denotazione e la connotazione 8 Tipi diversi di segni 11 I codici e

Dettagli

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola)

PROFILO DINAMICO FUNZIONALE. 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) PEI ROBERTO - Barbara Corallo - Valeria Crespi - Manuela Guidobaldi - Emanuele Morandi PROFILO DINAMICO FUNZIONALE 1. CONDIZIONI FISICHE (ev. Diagnosi clinica fornita alla scuola) Ritardo mentale lieve

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Taranto - Qualità e semplicità: sono le parole d'ordine della nuova campagna pubblicitaria De Cecco, che punta tutto sulle gaffe del protagonista

Taranto - Qualità e semplicità: sono le parole d'ordine della nuova campagna pubblicitaria De Cecco, che punta tutto sulle gaffe del protagonista Taranto - Qualità e semplicità: sono le parole d'ordine della nuova campagna pubblicitaria De Cecco, che punta tutto sulle gaffe del protagonista Michele alle prese con i fornelli. I tre spot mostrano

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi

LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi LUDUS IN FABULA Baby Parking - Spazio Bimbi 13 36 mesi Premessa Il Baby Parking/Spazio Bimbi è un servizio socio-educativo che può accogliere bambini dai 13 ai 36 mesi, dal lunedì al venerdì, fino a 6

Dettagli

ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ONEDA OSSERVATORIO NAZIONALE SULL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI Le competenze alfabetiche funzionali dei ragazzi che a 18 anni si trovano nel sistema

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DELLA RADIO E DELLA TV LOCALE PER LE PICCOLE IMPRESE di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Le caratteristiche dei media...5 Le caratteristiche

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli