DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR."

Transcript

1 Weitere Files findest du auf DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

2 Gloria Lurati Prof. M. Praloran Seminario di linguistica III 6 aprile 2004 La lingua della comunicazione di massa Il linguaggio giovanile e dei fumetti INDICE Il linguaggio giovanile Storia Definizione Funzioni Componenti Base di italiano colloquiale Lessico dialettale Lessico tradizionali Lessico innovante Influenza dei linguaggi settoriali Come avviene l'arricchimento del lessico giovanile Lessico proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media Lessico proveniente da lingue straniere Pronuncia e sintassi Il linguaggio dei fumetti Ideòfoni e interiezioni

3 M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali È difficile percorrere la storia del mutamento del linguaggio giovanile, per una ovvia difficoltà di recuperare dati estesi sull'uso linguistico dei giovani del passato. Possiamo peró avere qualche dato generale: -Esiste una relazione tra la nascita di un linguaggio giovanile e l'abbandono da parte dei giovani del dialetto come lingua espressiva ed affettiva. -Il linguaggio giovanile nasce e si rafforza principalmente nelle città e da queste si diffonde. Le prime attestazioni di linguaggio giovanile sono di tipo polemico: Per esempio c'è tutta un'invenzione personale di cattivo gusto snobistico e avveniristico, degno dei tempi, che in questo volume non appare certamente; e non sarebbe davvero il caso di dare onore di registrazione a cose simili: mi piace un pozzo e mezzo (per: moltissimo); ho gettonato la vecchia (per: ho telefonato alla Mamma); gli ho detto di telefonarmi la pace (andarsene, dal francese ficher la paix); che vasca (che pettegola); è un ganzo, un ganzissimo (un ragazzo svelto, o anche un conquistatore); simpaminizza la ghenga (per dire che qualcuno è in gamba ed eccita gli amici). [E. ALLODOLI, Prefazione a A.MENARINI, Profili di vita italiana nelle parole nuove, Firenze 1951, p.xii.] Dello stesso tenore, dieci anni piú tardi, il giudizio di Alfredo Schiaffini: Ma quanto ai ragazzi, bisognerebbe studiare la <tendenza a sovvertire gli equilibri e i pudori della comunicazione verbale>, tendenza che si coglie in ispecie presso le classi giovanili della media e dell'alta borghesia. Si tratta di un linguaggio che oscilla tra il burlesco ed il cinico, indulge a esibizionismi snobistici, a invenzioni grottesche, a vocaboli stranieri, dialettali, furbeschi. Sono diffusi gettonare per <telefonare>; il missile del vegliardo per <il vaglia di papà>; dare la biada al ferro per <fare benzina>. E lascio casi di estrema libertà di linguaggio, di turpiloquio, di trivialità. [A. SCHIAFFINI, Lessicologia italiana. Dalle lezioni dell'anno accademico , a c. di F.Sabatini, Roma 1961, p.268.] È difficile trovare, fino agli anni Sessanta, altre testimonianze. Il 1968 rappresenta un momento di rottura nell'esistenza del linguaggio giovanile: durante gli anni Settanta il linguaggio giovanile vive un momento di eclissi: la lingua politico-sociologica ed il 2

4 mondo ideologico che essa rappresentava diventa lingua di prestigio, il tratto giovanile non è piú pertinente e viene abbandonato. Come si situa questa varietà giovanile del linguaggio all'interno della lingua italiana? Che ruolo ha? Si tratta di una variante diafasica dell'italiano, un registro. L'appartenenza al gruppo giovanile è la condizione essenziale all'uso del linguaggio giovanile, ma è fondamentale la situazione comunicativa. Cioè: per utilizzare il linguaggio giovanile bisogna appartenere al gruppo giovanile, ciononostante, un giovane non utilizza costantemente il linguaggio giovanile: dipende dalla situazione in cui si trova. Perció, la varietà giovanile della lingua viene definita in questo modo: per lo piú orale, usata dagli appartenenti ai gruppi giovanili in determinate situazioni comunicative. Funzioni del linguaggio giovanile: 1. Affermare il senso di appartenenza al gruppo e delimitare il gruppo verso l'esterno: funzione principale, che condivide con i gerghi, e che spiega il carattere effimero, rapidamente variabile. 2. Funzione ludica: componente di gioco e scherzo, che si realizza attraverso la deformazione della lingua, ma anche attraverso la violazione ironica di certe attese conversazionali o di formule stereotipate. 3. Funzione personale di affermazione della propria autonomia nei confronti degli adulti e della propria personalità all'interno del gruppo. Si crea infatti, all'interno del gruppo, una 'specializzazione': ognuno cerca di assumere un ruolo ben riconoscibile: lo spiritoso, lo spaccone, il filosofo, il cucadòr. E` in gran parte da questa funzione che nasce la grande creatività del linguaggio giovanile. Le tre funzioni sono tra loro interrelate e la prima risulta prioritaria rispetto alle altre. Sono inesistenti, o comunque marginali, due funzioni che sono invece rilevanti nei gerghi: l'intento criptico (cioè la volontà di nascondere il significato di quello che si sta dicendo, utilizzando termini ed espressioni note solo a chi fa parte del gruppo) e la carica contestativa. Caratteristiche del linguaggio giovanile, presenta: 1. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso 2. Uno strato dialettale 3

5 3. Uno strato gergale "tradizionale" 4. Uno strato gergale "innovante" 5. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media 6. Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche spagnolo). Si tratta quindi di una somma di varietà, una delle quali (la 4.) appare esclusiva dei giovani. Nei sei ingredienti che formano il linguaggio giovanile si riconoscono delle tensioni tra spinte diverse: l'affermazione dell'individualità del gruppo e il desiderio di omologazione; provincialismo e internazionalismo. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso. Alla base della lingua dei giovani sta 1. l'italiano colloquiale, e non il dialetto. L'uso del dialetto come codice-base inibirebbe l'introduzione nel discorso delle altre varietà. Pare esserci mutua esclusione tra dialetto e varietà gergale innovante. La scelta dell'italiano colloquiale come base appare del tutto naturale, dato che le interazioni linguistiche tra giovani avvengono per lo piú a livello di parlato informale. Quasi tutto l'uso della lingua da parte dei giovani è limitato al livello formale. Uno strato dialettale: le giovani generazioni sono sempre piú italofone ed il rilievo 2. quantitativo delle forme dialettali varia, soprattutto in relazione alla vitalità del dialetto nella comunità linguistica di cui fanno parte i giovani, ed anche al grado e tipo di scolarizzazione degli appartenenti al gruppo (meno rilevante pare, invece, la provenienza socio-economica). Ci sono peró tratti comuni alla lingua di tutti i gruppi giovanili. Innanzitutto, la funzione che assumono i dialettismi nella lingua dei giovani: non sono inserti neutri, ma elementi marcati in senso espressivo o, piú raramente, emotivo, od usati in chiave scherzosa. L'uso di forme dialettali fa sí che l'identità del gruppo si estenda dal parametro generazionale a quello geografico. Il trapasso da una funzione denotativa a una scherzosa comporta spesso una modifica del significato originario, ad esempio la metafora, l'allargamento di significato, la specializzazione semantica. Sul piano formale, si tratta quasi sempre di dialettalismi adattati fono-morfologicamente all'italiano. Si possono individuare alcune costanti semantiche negli apporti dialettali: fortemente rappresentata è l'area degli insulti, o comunque della designazione di caratteristiche personali ritenute negative. Si 4

6 nota una sorta di specializzazione degli apporti dialettali nelle diverse località: a Trento i dialettalismi sono legati soprattutto alla vita scolastica, secia allievo molto studioso. Oltre alle forme del proprio dialetto, di incontrano forme di altri dialetti importate per vie diverse, ma soprattutto attraverso la televisione. Prevalgono, in tutta Italia, parole di provenienza centromeridionale, irradiate da Roma: bono/bona 'ragazzo bello/ragazza bella', frocio 'omosessuale', racchia 'ragazza brutta', scorfano 'ragazzo brutto'; ma anche da Milano: cartone 'pugno ben assestato'. Altri centri minori di diffusione devono la forza espansiva di parole del proprio dialetto all'utilizzo in trasmissioni televisive: è il caso di genovesismi come besugo e gabibbo, dopo essere stati usati da un personaggio di Striscia la notizia, trasmissione di Canale 5. Uno strato gergale "tradizionale": nel linguaggio giovanile, caratterizzato in linea generale 3. dal frequente ricambio lessicale, vi sono tuttavia parole di lunga durata. Termini come bòna 'fisicamente attraente', cesso 'persona, cosa, situazione brutta', dritto 'tipo in gamba', imbranato 'impacciato', cotta 'innamoramento' si trovavano già nel linguaggio giovanile degli anni Settanta e si ritrovano in quello degli anni Novanta. Come si vede, le parole di lunga durata si riferiscono a settori tipici del linguaggio giovanile (scuola, sesso, amore). Molte delle parole elencate appartengono ormai anche alla lingua comune, sicché la loro presenza potrebbe spiegarsi non come persistenza di termini del linguaggio giovanile, ma come espressione dell'italiano colloquiale che è la base di questo linguaggio. A favore dell'ipotesi della continuità di questi termini nel linguaggio giovanile, sta il fatto che molte di queste parole hanno subito, nel corso dei decenni, dei leggeri spostamenti semantici, quasi sempre nell'ambito del'universo giovanile. Un altro filone di continuità nel linguaggio giovanile è dato dall'assunzione di parole dai gerghi tradizionali. Anche qui si pone il dubbio se la continuità sia tutta interna al linguaggio giovanile o non sia data piuttosto da un ricorrente recupero di voci gergali sedimentate nella lingua comune o nei dialetti. A favore del riferimento diretto ai gerghi sta il fatto che mai parole di questo genere sono sottoposte a processi di modifica del significante o di forte slittamento semantico: i giovani individuano queste voci come gergali e non ritengono necessaria una loro ulteriore gergalizzazione. Uno strato gergale "innovante": il filone dei gerghi innovanti è quello piú caratterizzante la 4. lingua di un gruppo giovanile ma è anche il piú difficile da documentare poiché è molto mutevole e transeunte. Non è possibile una valutazione quantitativa dei dati raccolti, data la variabilità geografica e 5

7 cronologica. È invece possibile una valutazione qualitativa: -La maggior parte delle voci derivate da lessici speciali deriva dal settore medico. Es.: arterio 'genitore', paranoia 'stato di confusione o depressione' -Significativo il ruolo del lessico dell'informatica. Es.: un bit 'un attimo', floppare 'non riuscire a compiere l'atto sessuale' -Molto ampio l'influsso dei gerghi tradizionali: molto probabilmente passano al linguaggio giovanile tramite i livelli popolari della lingua. La loro assunzione resta significativa poiché in genere non si verificano forti trapassi semantici rispetto al senso posseduto nel gergo d'origine, a differenza di quel che accade per le parole dei lessici speciali che hanno bisogno di modifiche semantiche e spesso anche formali. Es.: imboscarsi 'appartarsi', slumare 'osservare attentamente una ragazza' -Gergo dei drogati: non è facile determinare il suo influsso per la parziale sovrapposizione dei parlanti delle due varietà (giovani drogati), fatto che spesso da adito ad equivoci sull'appartenenza di un termine a uno o all'altro (o ad entrambi) i gruppi. Es.: sballo 'cosa o persona che piace tantissimo', trip 'fissazione'. -Prestiti dalle lingue delle scienze. Es.: galattico 'fantastico, eccezionale', fossile 'genitore' -Prestiti dal lessico dello sport: marcare 'star dietro a un ragazzo / a una ragazza' É interessante notare che l'ambito di provenienza delle parole tecniche nella lingua giovanile non pare riflettere gli interessi culturali, in senso lato, dei giovani. I settori maggiormente toccati (lessico della medicina e delle scienze) sono delle fonti di assunzioni metaforiche. Ma vediamo in che modo i termini dei linguaggi settoriali entrano nel lessico giovanile. Il passaggio non è diretto, ma avviene in due fasi. Ció che significa che un termine passa dapprima da un linguaggio settoriale (politica, informatica, medicina, sport ) al lessico comune. Solo in seguito entra a far parte del lessico giovanile. Ma durante questi passaggi, il termine subisce dei mutamenti, che possono essere di diverso tipo: -cambiamento semantico: ha un ruolo di primo piano l'iperole (esagerazione), es: da dio, mitico, bestiale, mostruoso, allucinante; la metafora: bolide 'ciccione', ameba 'pigro', cozza 'ragazza brutta'; antifrasi: sveglione 'uno poco furbo'; antonomasia: mandrake 'tipo intelligente'. -cambiamento formale: apocopi: arterio 'genitore', schizo 'agitato, nervoso', hendy 'handicappato'; deformazioni foniche educazione tisica 'educazione fisica', ricremazione 'ricreazione'; con funzione occultativa essere nella melma, porcoddue. -entrambi: giochi di parole come mammut 'madre dalle idee paleolitiche'. 6

8 -sigle: PPC ('pronti per crisantemi' per 'persone anziane', simile al francese PPH 'passera pas l'hiver'), CBCR ('cresci bene che ripasso' riferito ad una ragazza ancora nel fiore dell'adolescenza ma che promette bene), alla CDC (alla cazzo di cane). LINGUAGGI SETTORIALI (medicina, informatica, sport ) LESSICO COMUNE LESSICO GIOVANILE paranoia paranoia para psic.: malattia mentale caratterizzata da idee deliranti, di persecuzione, grandezza e sim., in personalità che, per il resto, sono normali. senso figurato: stato di crisi, di confusione mentale. confusione, depressione. In locuzioni: andare in para per qualcosa 'andare matto'; mandare in para 'mandare in estasi, fare impazzire'. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media. Nel processo di 5. arricchimento dell'italiano generale, la lingua dei mass-media svolge un ruolo importante. Si potrebbe quindi immaginare che abbia una grande importanza anche per l'arricchimento del lessico giovanile. Al contrario, da questo punto di vista la sua influenza è molto debole, ció significa che non sono frequenti i prestiti lessicali dalla lingua dei mass-media ai linguaggio giovanile. Le parole del lessico giovanile che derivano dai mass media sono generalmente dei nomi propri. Es.: tenerone, lupo alberto, pimpa. L'influenza dei media nel linguaggio giovanile si manifesta piuttosto attraverso delle "citazioni" di tormentoni, battute stereotipate, che vengono create dai media e utilizzate in spot pubblicitari o trasmissioni comiche e si diffondono poi, per periodi generalmente brevi, nel parlato giovanile. Es.: c'est plus facile, Nuovo? No lavato con Perlana, Silenzio! Parla Agnesi. Dal punto di vista lessicale i mass media si prestano piú come tramite per la diffusione in un circuito ampio di parole già esistenti in ambiti circoscritti: valgano come esempi, oltre al lessico 7

9 paninaro già trattato, i numerosi dialettismi diffusi fuori della loro area d'origine proprio dalla televisione.il ruolo dei mass-media è piuttosto quello di diffondere elementi del linguaggio giovanile già esistenti, al di fuori dell'aera di coniazione. Es.: il lessico del paninaro, reso noto ed in parte inventato dalla trasmissione Drive in negli anni Ottanta. All'inizio i paninari erano un gruppo di ragazzi milanesi, che si trovavano al bar Panino ed aveva un suo gergo ristretto. La trasmissione venne creata prendendo spunto da questa realtà. La lingua utilizzata nella trasmissione era solo in parte il gergo realmente utilizzato da questo gruppo di giovani. Riassumendo in tre punti qual è l'influsso dei media sul linguaggio giovanile: -molti termini singoli passano dalla lingua dei media all'italiano generale, ma non all'italiano giovanile (con l'eccezione di alcuni nomi propri) -i media creano dei tormentoni o delle battute stereotipate che entrano a far parte del lessico giovanile per dei brevi periodi -il ruolo dei media è soprattutto quello di diffondere termini già esistenti al di fuori dell'area di origine Le innovazioni e le mode linguistiche giovanili si diffondono dai gruppi che li hanno creati ad altri gruppi giovanili, ed anche agli adulti, per due vie: una via diretta: la comunicazione orale una via indiretta: i mezzi di comunicazione di massa. I mass-media risultano essere la fonte principale che permette la diffusione del linguaggio giovanile fuori dai gruppi che lo parlano. La diffusione del lessico giovanile al di fuori del gruppo che lo produce fa peró venir meno la motivazione primaria dell'esistenza di un linguaggio giovanile: la volontà di rafforzare all'interno e di delimitare verso l'esterno il gruppo giovanile. Le conseguenze potrebbero essere: l'espulsione dal lessico giovanile delle forme diffuse dai mass-media e la loro sostituzione con forme nuove l'espansione del loro uso in gruppi giovanili periferici (regioni periferiche o piccole città meno a contatto con la metropoli, maggiore creatrice di lessico giovanile). Insomma è supponibile che l'aumento del numero di parlanti che fanno uso del lessico giovanile rafforzi la differenziazione tra un centro produttore di innovazioni e una periferia che recepisce le innovazioni in forma mediata e ritardata. 8

10 Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche 6. spagnolo). Gli internazionalismi svolgono una funzione opposta a quella dei dialettalismi. Mentre i dialettalismi indicano l'appartenenza a una determinata realtà geografica, il ricorso a prestiti stranieri evidenzia l'appartenenza a un piú vasto universo giovanile, di dimensioni sovranazionali. Esistono anche i falsi forestierismi, ad esempio la serie di pseudoanglicismi con terminazione in escion (con grafia italiana) o i falsi ispanismi come cucadòr. Sono soprattutto alcuni di questi prestiti giocosi, diffusi attraverso la televisione o la stampa giovanile, a essere conosciuti da tutti i gruppi giovanili. In generale si nota una disponibilità da parte dei giovani a coniare ed usare parole straniere, anche se di vita altamente effimera e circolazione limitata. Nel parlato giovanile si notano particolari caratteristiche in fatto di pronuncia e di intonazione, con storpiature, allungamenti vocalici, mutamenti d'accento, ma soprattutto una trascuratezza nell'eloquio e una velocità di elocuzione notevole. Sul piano sintattico si è notata una forte frammentarietà sintattica, in cui dominano frasi brevi, che sembrano piú alludere a qualcosa già conosciuto dal gruppo, facendo ricorso spesso a elementi del linguaggio non verbale. Anche l'analisi del parlato dimostra che il carattere di fondo della lingua dei giovani non è l'intento di porsi come codice alternativo rispetto alla lingua degli adulti, ma l'estremizzazione di alcuni tratti (soprattutto quelli spontanei e quelli innovativi) della lingua comune, che è poi anche la lingua degli adulti. A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti Il mondo moderno cerca di colpire tutti i nostri sensi, in particolare vista e udito. Il binomio suono/immagine occupa molte ore della vita dei piú giovani (televisione, videogiochi). Tale sistema si estende anche al mondo della carta stampata che attraverso i fumetti riprende non solo la parola articolata, ma anche alcuni rumori, che in parte si avvicinano a quelli dei cartoni animati o dei videogiochi. 9

11 Il problema dell'articolazione delle lingue e delle loro varie dimensioni di arbitrarietà: qui ci interessa soprattutto l'arbitrarietà/convenzionalità del rapporto tra sequenza fonica significante e cosa significata. Tutte le comunità linguistiche usano dei 'rumori' di solito non riducibili a sequenze di fonemi della lingua (fischio, schiocco), oppure solo parzialmente interpretabili con sequenze di fonemi della lingua. Es: brrr, che descrive un brivido, non segue la fonotassi italiana, mentre patapunfete, che descrive una caduta, la segue. Si tratta spesso di forme di origine onomatopeica la cui articolazione è a volte incerta (quante 'r' mettere in brrr?). Presentano un certo grado di arbitrarietà, in quanto le diverse comunità linguistiche hanno una lista di onomatopee/descrizioni di rumori sui quali esiste un certo accordo intersoggettivo: l'anatra fra qua qua in italiano, ma fa couin couin in francese. Nei fumetti, la scarsezza di spazio da dedicare al 'fumetto' vero e proprio ('balloon') porta alla brevità delle frasi, che viene facilitata dall'uso di interiezioni, che esprimono sinteticamente il pensiero del parlante, e da ideòfoni, che assolvono invece la funzione di commentare le immagini, aggiungendovi una sorta di 'colonna sonora'. La maggior parte dei rumori appartiene a due tipi di parte del discorso: IDEÒFONI INTERIEZIONI Esempi vrooom - bau bau - tic tac - glu glu - bum - roar - ciom ciomp - coff coff - smack - bla bla - click - dring bzzzz - grat grat splash eh eh! - brrr - ehm - uhm - ehi - puah - gulp - mumble - urgh puff Contenuto semantico Descrivono un rumore, sono spesso onomatopeici Esprimono un sentimento e vogliono ottenere un effetto specifico, raramente onomatopeiche 10

12 Morfologia Semplici, ev. con reduplicazione o con variazione Semplici, ev. con reduplicazione Sintassi Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Fonologia Raramente seguono le regole fonotattiche della lingua Non sempre seguono le regole fonotattiche della lingua Funzione Funzione descrittiva (generalm. di rumore, raramente di movimento): commentano le immagini (colonna sonora) Funzione emotiva/conativa/fatica: esprimono sinteticamente il pensiero del parlante Collocazione Posti vicino alla persona/cosa che produce il rumore Incluse nel balloon o vicine alla bocca del personaggio I criteri che delimitano le due categorie sono quindi: -Contenuto semantico, collegato alla funzione svolta N.b.: Quasi tutti gli ideòfoni sono onomatopeici, ma non tutte le onomatopee sono ideòfoni (alcune sono interiezioni). -frequente l'allungamento delle forme attraverso ripetizione del grafema (sop. di vocale, es.: vroooom) -presenza ormai acclimatata di alcune convenzioni grafiche inglesi -ricorso a parole di origine inglese trascritte foneticamente (coff < ingl. cough; uao < ingl. wow) -variabilità: gulp/ulp; roar/broar 11

13 -iteratività: ripetizione delle vocali o dell'ideòfono stesso -serialità: l'uso piú frequente è quello olofrastico, ma vi è la possibilità di sequenze ideofoniche che descrivono sequenze di rumori diversi. 12

14 BIBLIOGRAFIA M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, II, pp M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti, in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Primo leggere, primo scrivere Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Docente Gisella Ballarè Logopedista SVILUPPO DEL LINGUAGGIO Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Dettagli

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA

IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Ingeborga BESZTERDA & Beata SZPINGIER Università Adam Mickiewicz di Poznań IL CONTATTO INTERLINGUISTICO : TRA BILINGUISMO E DIGLOSSIA IN ITALIA Il contatto fra lingue e dialetti rappresenta un caso particolare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5]

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5] Lessico e registro Lezione tenuta il 25 maggio 2015 nel polo Linceo di Calabria, l Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria, nell ambito del progetto Per una nuova didattica dell italiano.

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli