DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR."

Transcript

1 Weitere Files findest du auf DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

2 Gloria Lurati Prof. M. Praloran Seminario di linguistica III 6 aprile 2004 La lingua della comunicazione di massa Il linguaggio giovanile e dei fumetti INDICE Il linguaggio giovanile Storia Definizione Funzioni Componenti Base di italiano colloquiale Lessico dialettale Lessico tradizionali Lessico innovante Influenza dei linguaggi settoriali Come avviene l'arricchimento del lessico giovanile Lessico proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media Lessico proveniente da lingue straniere Pronuncia e sintassi Il linguaggio dei fumetti Ideòfoni e interiezioni

3 M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali È difficile percorrere la storia del mutamento del linguaggio giovanile, per una ovvia difficoltà di recuperare dati estesi sull'uso linguistico dei giovani del passato. Possiamo peró avere qualche dato generale: -Esiste una relazione tra la nascita di un linguaggio giovanile e l'abbandono da parte dei giovani del dialetto come lingua espressiva ed affettiva. -Il linguaggio giovanile nasce e si rafforza principalmente nelle città e da queste si diffonde. Le prime attestazioni di linguaggio giovanile sono di tipo polemico: Per esempio c'è tutta un'invenzione personale di cattivo gusto snobistico e avveniristico, degno dei tempi, che in questo volume non appare certamente; e non sarebbe davvero il caso di dare onore di registrazione a cose simili: mi piace un pozzo e mezzo (per: moltissimo); ho gettonato la vecchia (per: ho telefonato alla Mamma); gli ho detto di telefonarmi la pace (andarsene, dal francese ficher la paix); che vasca (che pettegola); è un ganzo, un ganzissimo (un ragazzo svelto, o anche un conquistatore); simpaminizza la ghenga (per dire che qualcuno è in gamba ed eccita gli amici). [E. ALLODOLI, Prefazione a A.MENARINI, Profili di vita italiana nelle parole nuove, Firenze 1951, p.xii.] Dello stesso tenore, dieci anni piú tardi, il giudizio di Alfredo Schiaffini: Ma quanto ai ragazzi, bisognerebbe studiare la <tendenza a sovvertire gli equilibri e i pudori della comunicazione verbale>, tendenza che si coglie in ispecie presso le classi giovanili della media e dell'alta borghesia. Si tratta di un linguaggio che oscilla tra il burlesco ed il cinico, indulge a esibizionismi snobistici, a invenzioni grottesche, a vocaboli stranieri, dialettali, furbeschi. Sono diffusi gettonare per <telefonare>; il missile del vegliardo per <il vaglia di papà>; dare la biada al ferro per <fare benzina>. E lascio casi di estrema libertà di linguaggio, di turpiloquio, di trivialità. [A. SCHIAFFINI, Lessicologia italiana. Dalle lezioni dell'anno accademico , a c. di F.Sabatini, Roma 1961, p.268.] È difficile trovare, fino agli anni Sessanta, altre testimonianze. Il 1968 rappresenta un momento di rottura nell'esistenza del linguaggio giovanile: durante gli anni Settanta il linguaggio giovanile vive un momento di eclissi: la lingua politico-sociologica ed il 2

4 mondo ideologico che essa rappresentava diventa lingua di prestigio, il tratto giovanile non è piú pertinente e viene abbandonato. Come si situa questa varietà giovanile del linguaggio all'interno della lingua italiana? Che ruolo ha? Si tratta di una variante diafasica dell'italiano, un registro. L'appartenenza al gruppo giovanile è la condizione essenziale all'uso del linguaggio giovanile, ma è fondamentale la situazione comunicativa. Cioè: per utilizzare il linguaggio giovanile bisogna appartenere al gruppo giovanile, ciononostante, un giovane non utilizza costantemente il linguaggio giovanile: dipende dalla situazione in cui si trova. Perció, la varietà giovanile della lingua viene definita in questo modo: per lo piú orale, usata dagli appartenenti ai gruppi giovanili in determinate situazioni comunicative. Funzioni del linguaggio giovanile: 1. Affermare il senso di appartenenza al gruppo e delimitare il gruppo verso l'esterno: funzione principale, che condivide con i gerghi, e che spiega il carattere effimero, rapidamente variabile. 2. Funzione ludica: componente di gioco e scherzo, che si realizza attraverso la deformazione della lingua, ma anche attraverso la violazione ironica di certe attese conversazionali o di formule stereotipate. 3. Funzione personale di affermazione della propria autonomia nei confronti degli adulti e della propria personalità all'interno del gruppo. Si crea infatti, all'interno del gruppo, una 'specializzazione': ognuno cerca di assumere un ruolo ben riconoscibile: lo spiritoso, lo spaccone, il filosofo, il cucadòr. E` in gran parte da questa funzione che nasce la grande creatività del linguaggio giovanile. Le tre funzioni sono tra loro interrelate e la prima risulta prioritaria rispetto alle altre. Sono inesistenti, o comunque marginali, due funzioni che sono invece rilevanti nei gerghi: l'intento criptico (cioè la volontà di nascondere il significato di quello che si sta dicendo, utilizzando termini ed espressioni note solo a chi fa parte del gruppo) e la carica contestativa. Caratteristiche del linguaggio giovanile, presenta: 1. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso 2. Uno strato dialettale 3

5 3. Uno strato gergale "tradizionale" 4. Uno strato gergale "innovante" 5. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media 6. Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche spagnolo). Si tratta quindi di una somma di varietà, una delle quali (la 4.) appare esclusiva dei giovani. Nei sei ingredienti che formano il linguaggio giovanile si riconoscono delle tensioni tra spinte diverse: l'affermazione dell'individualità del gruppo e il desiderio di omologazione; provincialismo e internazionalismo. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso. Alla base della lingua dei giovani sta 1. l'italiano colloquiale, e non il dialetto. L'uso del dialetto come codice-base inibirebbe l'introduzione nel discorso delle altre varietà. Pare esserci mutua esclusione tra dialetto e varietà gergale innovante. La scelta dell'italiano colloquiale come base appare del tutto naturale, dato che le interazioni linguistiche tra giovani avvengono per lo piú a livello di parlato informale. Quasi tutto l'uso della lingua da parte dei giovani è limitato al livello formale. Uno strato dialettale: le giovani generazioni sono sempre piú italofone ed il rilievo 2. quantitativo delle forme dialettali varia, soprattutto in relazione alla vitalità del dialetto nella comunità linguistica di cui fanno parte i giovani, ed anche al grado e tipo di scolarizzazione degli appartenenti al gruppo (meno rilevante pare, invece, la provenienza socio-economica). Ci sono peró tratti comuni alla lingua di tutti i gruppi giovanili. Innanzitutto, la funzione che assumono i dialettismi nella lingua dei giovani: non sono inserti neutri, ma elementi marcati in senso espressivo o, piú raramente, emotivo, od usati in chiave scherzosa. L'uso di forme dialettali fa sí che l'identità del gruppo si estenda dal parametro generazionale a quello geografico. Il trapasso da una funzione denotativa a una scherzosa comporta spesso una modifica del significato originario, ad esempio la metafora, l'allargamento di significato, la specializzazione semantica. Sul piano formale, si tratta quasi sempre di dialettalismi adattati fono-morfologicamente all'italiano. Si possono individuare alcune costanti semantiche negli apporti dialettali: fortemente rappresentata è l'area degli insulti, o comunque della designazione di caratteristiche personali ritenute negative. Si 4

6 nota una sorta di specializzazione degli apporti dialettali nelle diverse località: a Trento i dialettalismi sono legati soprattutto alla vita scolastica, secia allievo molto studioso. Oltre alle forme del proprio dialetto, di incontrano forme di altri dialetti importate per vie diverse, ma soprattutto attraverso la televisione. Prevalgono, in tutta Italia, parole di provenienza centromeridionale, irradiate da Roma: bono/bona 'ragazzo bello/ragazza bella', frocio 'omosessuale', racchia 'ragazza brutta', scorfano 'ragazzo brutto'; ma anche da Milano: cartone 'pugno ben assestato'. Altri centri minori di diffusione devono la forza espansiva di parole del proprio dialetto all'utilizzo in trasmissioni televisive: è il caso di genovesismi come besugo e gabibbo, dopo essere stati usati da un personaggio di Striscia la notizia, trasmissione di Canale 5. Uno strato gergale "tradizionale": nel linguaggio giovanile, caratterizzato in linea generale 3. dal frequente ricambio lessicale, vi sono tuttavia parole di lunga durata. Termini come bòna 'fisicamente attraente', cesso 'persona, cosa, situazione brutta', dritto 'tipo in gamba', imbranato 'impacciato', cotta 'innamoramento' si trovavano già nel linguaggio giovanile degli anni Settanta e si ritrovano in quello degli anni Novanta. Come si vede, le parole di lunga durata si riferiscono a settori tipici del linguaggio giovanile (scuola, sesso, amore). Molte delle parole elencate appartengono ormai anche alla lingua comune, sicché la loro presenza potrebbe spiegarsi non come persistenza di termini del linguaggio giovanile, ma come espressione dell'italiano colloquiale che è la base di questo linguaggio. A favore dell'ipotesi della continuità di questi termini nel linguaggio giovanile, sta il fatto che molte di queste parole hanno subito, nel corso dei decenni, dei leggeri spostamenti semantici, quasi sempre nell'ambito del'universo giovanile. Un altro filone di continuità nel linguaggio giovanile è dato dall'assunzione di parole dai gerghi tradizionali. Anche qui si pone il dubbio se la continuità sia tutta interna al linguaggio giovanile o non sia data piuttosto da un ricorrente recupero di voci gergali sedimentate nella lingua comune o nei dialetti. A favore del riferimento diretto ai gerghi sta il fatto che mai parole di questo genere sono sottoposte a processi di modifica del significante o di forte slittamento semantico: i giovani individuano queste voci come gergali e non ritengono necessaria una loro ulteriore gergalizzazione. Uno strato gergale "innovante": il filone dei gerghi innovanti è quello piú caratterizzante la 4. lingua di un gruppo giovanile ma è anche il piú difficile da documentare poiché è molto mutevole e transeunte. Non è possibile una valutazione quantitativa dei dati raccolti, data la variabilità geografica e 5

7 cronologica. È invece possibile una valutazione qualitativa: -La maggior parte delle voci derivate da lessici speciali deriva dal settore medico. Es.: arterio 'genitore', paranoia 'stato di confusione o depressione' -Significativo il ruolo del lessico dell'informatica. Es.: un bit 'un attimo', floppare 'non riuscire a compiere l'atto sessuale' -Molto ampio l'influsso dei gerghi tradizionali: molto probabilmente passano al linguaggio giovanile tramite i livelli popolari della lingua. La loro assunzione resta significativa poiché in genere non si verificano forti trapassi semantici rispetto al senso posseduto nel gergo d'origine, a differenza di quel che accade per le parole dei lessici speciali che hanno bisogno di modifiche semantiche e spesso anche formali. Es.: imboscarsi 'appartarsi', slumare 'osservare attentamente una ragazza' -Gergo dei drogati: non è facile determinare il suo influsso per la parziale sovrapposizione dei parlanti delle due varietà (giovani drogati), fatto che spesso da adito ad equivoci sull'appartenenza di un termine a uno o all'altro (o ad entrambi) i gruppi. Es.: sballo 'cosa o persona che piace tantissimo', trip 'fissazione'. -Prestiti dalle lingue delle scienze. Es.: galattico 'fantastico, eccezionale', fossile 'genitore' -Prestiti dal lessico dello sport: marcare 'star dietro a un ragazzo / a una ragazza' É interessante notare che l'ambito di provenienza delle parole tecniche nella lingua giovanile non pare riflettere gli interessi culturali, in senso lato, dei giovani. I settori maggiormente toccati (lessico della medicina e delle scienze) sono delle fonti di assunzioni metaforiche. Ma vediamo in che modo i termini dei linguaggi settoriali entrano nel lessico giovanile. Il passaggio non è diretto, ma avviene in due fasi. Ció che significa che un termine passa dapprima da un linguaggio settoriale (politica, informatica, medicina, sport ) al lessico comune. Solo in seguito entra a far parte del lessico giovanile. Ma durante questi passaggi, il termine subisce dei mutamenti, che possono essere di diverso tipo: -cambiamento semantico: ha un ruolo di primo piano l'iperole (esagerazione), es: da dio, mitico, bestiale, mostruoso, allucinante; la metafora: bolide 'ciccione', ameba 'pigro', cozza 'ragazza brutta'; antifrasi: sveglione 'uno poco furbo'; antonomasia: mandrake 'tipo intelligente'. -cambiamento formale: apocopi: arterio 'genitore', schizo 'agitato, nervoso', hendy 'handicappato'; deformazioni foniche educazione tisica 'educazione fisica', ricremazione 'ricreazione'; con funzione occultativa essere nella melma, porcoddue. -entrambi: giochi di parole come mammut 'madre dalle idee paleolitiche'. 6

8 -sigle: PPC ('pronti per crisantemi' per 'persone anziane', simile al francese PPH 'passera pas l'hiver'), CBCR ('cresci bene che ripasso' riferito ad una ragazza ancora nel fiore dell'adolescenza ma che promette bene), alla CDC (alla cazzo di cane). LINGUAGGI SETTORIALI (medicina, informatica, sport ) LESSICO COMUNE LESSICO GIOVANILE paranoia paranoia para psic.: malattia mentale caratterizzata da idee deliranti, di persecuzione, grandezza e sim., in personalità che, per il resto, sono normali. senso figurato: stato di crisi, di confusione mentale. confusione, depressione. In locuzioni: andare in para per qualcosa 'andare matto'; mandare in para 'mandare in estasi, fare impazzire'. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media. Nel processo di 5. arricchimento dell'italiano generale, la lingua dei mass-media svolge un ruolo importante. Si potrebbe quindi immaginare che abbia una grande importanza anche per l'arricchimento del lessico giovanile. Al contrario, da questo punto di vista la sua influenza è molto debole, ció significa che non sono frequenti i prestiti lessicali dalla lingua dei mass-media ai linguaggio giovanile. Le parole del lessico giovanile che derivano dai mass media sono generalmente dei nomi propri. Es.: tenerone, lupo alberto, pimpa. L'influenza dei media nel linguaggio giovanile si manifesta piuttosto attraverso delle "citazioni" di tormentoni, battute stereotipate, che vengono create dai media e utilizzate in spot pubblicitari o trasmissioni comiche e si diffondono poi, per periodi generalmente brevi, nel parlato giovanile. Es.: c'est plus facile, Nuovo? No lavato con Perlana, Silenzio! Parla Agnesi. Dal punto di vista lessicale i mass media si prestano piú come tramite per la diffusione in un circuito ampio di parole già esistenti in ambiti circoscritti: valgano come esempi, oltre al lessico 7

9 paninaro già trattato, i numerosi dialettismi diffusi fuori della loro area d'origine proprio dalla televisione.il ruolo dei mass-media è piuttosto quello di diffondere elementi del linguaggio giovanile già esistenti, al di fuori dell'aera di coniazione. Es.: il lessico del paninaro, reso noto ed in parte inventato dalla trasmissione Drive in negli anni Ottanta. All'inizio i paninari erano un gruppo di ragazzi milanesi, che si trovavano al bar Panino ed aveva un suo gergo ristretto. La trasmissione venne creata prendendo spunto da questa realtà. La lingua utilizzata nella trasmissione era solo in parte il gergo realmente utilizzato da questo gruppo di giovani. Riassumendo in tre punti qual è l'influsso dei media sul linguaggio giovanile: -molti termini singoli passano dalla lingua dei media all'italiano generale, ma non all'italiano giovanile (con l'eccezione di alcuni nomi propri) -i media creano dei tormentoni o delle battute stereotipate che entrano a far parte del lessico giovanile per dei brevi periodi -il ruolo dei media è soprattutto quello di diffondere termini già esistenti al di fuori dell'area di origine Le innovazioni e le mode linguistiche giovanili si diffondono dai gruppi che li hanno creati ad altri gruppi giovanili, ed anche agli adulti, per due vie: una via diretta: la comunicazione orale una via indiretta: i mezzi di comunicazione di massa. I mass-media risultano essere la fonte principale che permette la diffusione del linguaggio giovanile fuori dai gruppi che lo parlano. La diffusione del lessico giovanile al di fuori del gruppo che lo produce fa peró venir meno la motivazione primaria dell'esistenza di un linguaggio giovanile: la volontà di rafforzare all'interno e di delimitare verso l'esterno il gruppo giovanile. Le conseguenze potrebbero essere: l'espulsione dal lessico giovanile delle forme diffuse dai mass-media e la loro sostituzione con forme nuove l'espansione del loro uso in gruppi giovanili periferici (regioni periferiche o piccole città meno a contatto con la metropoli, maggiore creatrice di lessico giovanile). Insomma è supponibile che l'aumento del numero di parlanti che fanno uso del lessico giovanile rafforzi la differenziazione tra un centro produttore di innovazioni e una periferia che recepisce le innovazioni in forma mediata e ritardata. 8

10 Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche 6. spagnolo). Gli internazionalismi svolgono una funzione opposta a quella dei dialettalismi. Mentre i dialettalismi indicano l'appartenenza a una determinata realtà geografica, il ricorso a prestiti stranieri evidenzia l'appartenenza a un piú vasto universo giovanile, di dimensioni sovranazionali. Esistono anche i falsi forestierismi, ad esempio la serie di pseudoanglicismi con terminazione in escion (con grafia italiana) o i falsi ispanismi come cucadòr. Sono soprattutto alcuni di questi prestiti giocosi, diffusi attraverso la televisione o la stampa giovanile, a essere conosciuti da tutti i gruppi giovanili. In generale si nota una disponibilità da parte dei giovani a coniare ed usare parole straniere, anche se di vita altamente effimera e circolazione limitata. Nel parlato giovanile si notano particolari caratteristiche in fatto di pronuncia e di intonazione, con storpiature, allungamenti vocalici, mutamenti d'accento, ma soprattutto una trascuratezza nell'eloquio e una velocità di elocuzione notevole. Sul piano sintattico si è notata una forte frammentarietà sintattica, in cui dominano frasi brevi, che sembrano piú alludere a qualcosa già conosciuto dal gruppo, facendo ricorso spesso a elementi del linguaggio non verbale. Anche l'analisi del parlato dimostra che il carattere di fondo della lingua dei giovani non è l'intento di porsi come codice alternativo rispetto alla lingua degli adulti, ma l'estremizzazione di alcuni tratti (soprattutto quelli spontanei e quelli innovativi) della lingua comune, che è poi anche la lingua degli adulti. A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti Il mondo moderno cerca di colpire tutti i nostri sensi, in particolare vista e udito. Il binomio suono/immagine occupa molte ore della vita dei piú giovani (televisione, videogiochi). Tale sistema si estende anche al mondo della carta stampata che attraverso i fumetti riprende non solo la parola articolata, ma anche alcuni rumori, che in parte si avvicinano a quelli dei cartoni animati o dei videogiochi. 9

11 Il problema dell'articolazione delle lingue e delle loro varie dimensioni di arbitrarietà: qui ci interessa soprattutto l'arbitrarietà/convenzionalità del rapporto tra sequenza fonica significante e cosa significata. Tutte le comunità linguistiche usano dei 'rumori' di solito non riducibili a sequenze di fonemi della lingua (fischio, schiocco), oppure solo parzialmente interpretabili con sequenze di fonemi della lingua. Es: brrr, che descrive un brivido, non segue la fonotassi italiana, mentre patapunfete, che descrive una caduta, la segue. Si tratta spesso di forme di origine onomatopeica la cui articolazione è a volte incerta (quante 'r' mettere in brrr?). Presentano un certo grado di arbitrarietà, in quanto le diverse comunità linguistiche hanno una lista di onomatopee/descrizioni di rumori sui quali esiste un certo accordo intersoggettivo: l'anatra fra qua qua in italiano, ma fa couin couin in francese. Nei fumetti, la scarsezza di spazio da dedicare al 'fumetto' vero e proprio ('balloon') porta alla brevità delle frasi, che viene facilitata dall'uso di interiezioni, che esprimono sinteticamente il pensiero del parlante, e da ideòfoni, che assolvono invece la funzione di commentare le immagini, aggiungendovi una sorta di 'colonna sonora'. La maggior parte dei rumori appartiene a due tipi di parte del discorso: IDEÒFONI INTERIEZIONI Esempi vrooom - bau bau - tic tac - glu glu - bum - roar - ciom ciomp - coff coff - smack - bla bla - click - dring bzzzz - grat grat splash eh eh! - brrr - ehm - uhm - ehi - puah - gulp - mumble - urgh puff Contenuto semantico Descrivono un rumore, sono spesso onomatopeici Esprimono un sentimento e vogliono ottenere un effetto specifico, raramente onomatopeiche 10

12 Morfologia Semplici, ev. con reduplicazione o con variazione Semplici, ev. con reduplicazione Sintassi Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Fonologia Raramente seguono le regole fonotattiche della lingua Non sempre seguono le regole fonotattiche della lingua Funzione Funzione descrittiva (generalm. di rumore, raramente di movimento): commentano le immagini (colonna sonora) Funzione emotiva/conativa/fatica: esprimono sinteticamente il pensiero del parlante Collocazione Posti vicino alla persona/cosa che produce il rumore Incluse nel balloon o vicine alla bocca del personaggio I criteri che delimitano le due categorie sono quindi: -Contenuto semantico, collegato alla funzione svolta N.b.: Quasi tutti gli ideòfoni sono onomatopeici, ma non tutte le onomatopee sono ideòfoni (alcune sono interiezioni). -frequente l'allungamento delle forme attraverso ripetizione del grafema (sop. di vocale, es.: vroooom) -presenza ormai acclimatata di alcune convenzioni grafiche inglesi -ricorso a parole di origine inglese trascritte foneticamente (coff < ingl. cough; uao < ingl. wow) -variabilità: gulp/ulp; roar/broar 11

13 -iteratività: ripetizione delle vocali o dell'ideòfono stesso -serialità: l'uso piú frequente è quello olofrastico, ma vi è la possibilità di sequenze ideofoniche che descrivono sequenze di rumori diversi. 12

14 BIBLIOGRAFIA M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, II, pp M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti, in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp

Master in Didattica dell italiano lingua non materna. I linguaggi giovanili: le componenti del lessico Scheda di Sandra Covino

Master in Didattica dell italiano lingua non materna. I linguaggi giovanili: le componenti del lessico Scheda di Sandra Covino Master in Didattica dell italiano lingua non materna I linguaggi giovanili: le componenti del lessico Scheda di Sandra Covino Premessa Dal punto di vista dell insegnamento dell italiano lingua non materna

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 2. La lingua italiana nei mezzi di comunicazione di massa Arianna Alessandro

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE 1a) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del laboratorio 1.a.1. - rispondere

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) LINGUA INGLESE (I traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa) Competenze europee: 1. LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA: che

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail

ISTITUTO COMPRENSIVO RAPALLO-ZOAGLI VIA FERRETTO, 4-16035 - RAPALLO (GE) tel. 0185 231085 C.F. 91045810107 - C.M. GEIC866008 - e-mail PROGETTO ITALIANO L2 DOCENTE: CASSARO MARIA PROGETTO: ITALIANO L2 (alfabetizzazione/consolidamento) DESTINATARI: GRUPPO MISTO DI ALUNNI DI RECENTE IMMIGRAZIONE E DI SECONDA GENERAZIONE NON ITALOFONI ORE:

Dettagli

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

APPRENDERE A LEGGERE E A SCRIVERE NELLA SCUOLA DEL PRIMO CICLO

APPRENDERE A LEGGERE E A SCRIVERE NELLA SCUOLA DEL PRIMO CICLO APPRENDERE A LEGGERE E A SCRIVERE NELLA SCUOLA DEL PRIMO CICLO Daniela Braidotti Cidi Torino 22 novembre 2012 La presentazione Alcuni testi di riferimento Perché apprendimento nel primo ciclo Cosa dicono

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria Maria Teresa Guasti mariateresa.guasti@unimib.it www.cladeurope.eu 1 Cosa sono i Disturbi del linguaggio del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI PANNONE SANDRA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

"AAFPI" (Aree Forte Processo Immigratorio)

AAFPI (Aree Forte Processo Immigratorio) ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASSIRANO E PADERNO FRANCIACORTA COMMISSIONE INTERCULTURA "AAFPI" (Aree Forte Processo Immigratorio) finalizzato all'integrazione/inclusione e alla riuscita scolastica degli studenti

Dettagli

CONFRONTO TRA L ACQUISIZIONE DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI UDENTI E IN BAMBINI SORDI

CONFRONTO TRA L ACQUISIZIONE DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI UDENTI E IN BAMBINI SORDI CONFRONTO TRA L ACQUISIZIONE DEL LINGUAGGIO NEI BAMBINI UDENTI E IN BAMBINI SORDI LA COMPETENZA LINGUISTICA COSA SA FARE UN CERTO PARLANTE IN UNA CERTA LINGUA? 1. COMPETENZA FONOLOGICA 2. COMPETENZA MORFOLOGICA

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE!

IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE! IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE! Dopo quasi due anni di riflessioni, incontri, seminari, discussioni e dibattiti che come Direttivo abbiamo avuto l occasione di seguire, sentiamo che è arrivato il momento

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

1. Linguistica teorica e sociolinguistica

1. Linguistica teorica e sociolinguistica 1. Linguistica teorica e sociolinguistica Sociolinguistica: lo studio della lingua in rapporto con la società la linguistica teorica si basa su «idealizzazioni» e ha come oggetto principale di studio il

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI - MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI PRIMO LIVELLO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Comunicazione in italiano L2

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on...

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on... La tua English Language Biography è il documento dove puoi dare prova di ciò che sei in grado di fare in inglese, tenere traccia dei tuoi progressi, mostrare ad altri ciò che hai imparato e riflettere

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi Linguaggio sviluppo e disturbi Stefania Millepiedi I disturbi del linguaggio specifici o primari secondari Il linguaggio NON è una capacità unitaria insieme di abilità che contestualmente concorrono all

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri

Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri Formazione e condivisione di esperienze IC via Scopoli 2 settembre 2014 Obiettivi: 1. promuovere la conoscenza delle problematiche relative all inserimento

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per i lavori scritti - Ginnasio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA Allegate al DM 12 luglio 2011 SINTESI Legge 8 ottobre 2010, n.170, : riconoscimento DSA e assegnazione alla scuola del compito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina ITALIANO a.s. 2015/2016 Classe: 1 Sez. E INDIRIZZO: Tecnico Nautico Trasporti e Logistica Docente : Prof.ssa Pasqualina Marrosu ANNO SCOLASTICO 2015/16

Dettagli

Ascoltare e comunicare oralmente

Ascoltare e comunicare oralmente NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA' METODOLOGIA E STRUMENTI 1 Ascoltare e comunicare oralmente 1.1 Sapere ascoltare adulti e compagni 1.2 Sapere utilizzare il linguaggio verbale nelle relazioni

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO Annunziata Gemma PREMESSA La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere

Dettagli

Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli

Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli L alfabeto con le emozioni Percorso svolto dalla classe I Scuola primaria di Userna A.S. 2011/2012 Insegnante Federica Baldelli DESTINATARI I bambini della classe prima. AMBITO Lingua italiana, arte e

Dettagli

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI

LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE a.s. 2014-2015 LINGUA INGLESE I^A Liceo ANNA VALDEVIT OBIETTIVI 1- Competenze: - acquisire un livello di competenza comunicativa che metta l alunno in grado di conversare con

Dettagli

Gruppo di assegnazione... I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016

Gruppo di assegnazione... I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016 Alunno... Gruppo di assegnazione... Premessa: I COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (discipline letterarie) a.s. 2015-2016 Di seguito sono elencate 10 attività. Non vanno svolte tutte, ma ogni alunno/a dovrà

Dettagli

a cura di Annapaola Capuano, Franca Storace, Luciana Ventriglia Insegnanti specializzate in Pedagogia Clinica Da compilarsi a cura dei docenti

a cura di Annapaola Capuano, Franca Storace, Luciana Ventriglia Insegnanti specializzate in Pedagogia Clinica Da compilarsi a cura dei docenti Griglia osservativa per la rilevazione di prestazioni atipiche finalizzata al riconoscimento di situazioni a rischio di DSA nella Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado a cura di Annapaola Capuano,

Dettagli

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio

A.A. 2004-05. INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta. Prof. Claudia Casadio CORSO DI LOGICA E PSICOLOGIA DEL PENSIERO A.A. 2004-05 INDIRIZZO LA96 Analisi e intervento psicologico per l età adulta Prof. Claudia Casadio LINGUAGGIO E PENSIERO Le relazioni tra linguaggio e pensiero

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria

Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza 3: Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi. al termine del primo biennio della scuola primaria Competenza Abilità Conoscenze Produrre testi in relazione a diversi scopi comunicativi

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Scuola dell'infanzia

Scuola dell'infanzia Scuola dell'infanzia I discorsi e le parole Ascoltare l insegnante e i compagni Comprendere consegne e semplici contenuti Verbalizzare semplici immagini Riferire un semplice evento Partecipare alle conversazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale:

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale: di ANGIOLA MARIA SCIBONA - Audioprotesista Diplomata presso l'università degli Studi di Milano SEDE DI LODI: Via Gaffurio,42-26900 LODI - TEL.0371 49 58 85 SEDE DI MILANO: Via Predabissi,3-20131 MILANO

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli