DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR."

Transcript

1 Weitere Files findest du auf DIE FILES DÜRFEN NUR FÜR DEN EIGENEN GEBRAUCH BENUTZT WERDEN. DAS COPYRIGHT LIEGT BEIM JEWEILIGEN AUTOR.

2 Gloria Lurati Prof. M. Praloran Seminario di linguistica III 6 aprile 2004 La lingua della comunicazione di massa Il linguaggio giovanile e dei fumetti INDICE Il linguaggio giovanile Storia Definizione Funzioni Componenti Base di italiano colloquiale Lessico dialettale Lessico tradizionali Lessico innovante Influenza dei linguaggi settoriali Come avviene l'arricchimento del lessico giovanile Lessico proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media Lessico proveniente da lingue straniere Pronuncia e sintassi Il linguaggio dei fumetti Ideòfoni e interiezioni

3 M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali È difficile percorrere la storia del mutamento del linguaggio giovanile, per una ovvia difficoltà di recuperare dati estesi sull'uso linguistico dei giovani del passato. Possiamo peró avere qualche dato generale: -Esiste una relazione tra la nascita di un linguaggio giovanile e l'abbandono da parte dei giovani del dialetto come lingua espressiva ed affettiva. -Il linguaggio giovanile nasce e si rafforza principalmente nelle città e da queste si diffonde. Le prime attestazioni di linguaggio giovanile sono di tipo polemico: Per esempio c'è tutta un'invenzione personale di cattivo gusto snobistico e avveniristico, degno dei tempi, che in questo volume non appare certamente; e non sarebbe davvero il caso di dare onore di registrazione a cose simili: mi piace un pozzo e mezzo (per: moltissimo); ho gettonato la vecchia (per: ho telefonato alla Mamma); gli ho detto di telefonarmi la pace (andarsene, dal francese ficher la paix); che vasca (che pettegola); è un ganzo, un ganzissimo (un ragazzo svelto, o anche un conquistatore); simpaminizza la ghenga (per dire che qualcuno è in gamba ed eccita gli amici). [E. ALLODOLI, Prefazione a A.MENARINI, Profili di vita italiana nelle parole nuove, Firenze 1951, p.xii.] Dello stesso tenore, dieci anni piú tardi, il giudizio di Alfredo Schiaffini: Ma quanto ai ragazzi, bisognerebbe studiare la <tendenza a sovvertire gli equilibri e i pudori della comunicazione verbale>, tendenza che si coglie in ispecie presso le classi giovanili della media e dell'alta borghesia. Si tratta di un linguaggio che oscilla tra il burlesco ed il cinico, indulge a esibizionismi snobistici, a invenzioni grottesche, a vocaboli stranieri, dialettali, furbeschi. Sono diffusi gettonare per <telefonare>; il missile del vegliardo per <il vaglia di papà>; dare la biada al ferro per <fare benzina>. E lascio casi di estrema libertà di linguaggio, di turpiloquio, di trivialità. [A. SCHIAFFINI, Lessicologia italiana. Dalle lezioni dell'anno accademico , a c. di F.Sabatini, Roma 1961, p.268.] È difficile trovare, fino agli anni Sessanta, altre testimonianze. Il 1968 rappresenta un momento di rottura nell'esistenza del linguaggio giovanile: durante gli anni Settanta il linguaggio giovanile vive un momento di eclissi: la lingua politico-sociologica ed il 2

4 mondo ideologico che essa rappresentava diventa lingua di prestigio, il tratto giovanile non è piú pertinente e viene abbandonato. Come si situa questa varietà giovanile del linguaggio all'interno della lingua italiana? Che ruolo ha? Si tratta di una variante diafasica dell'italiano, un registro. L'appartenenza al gruppo giovanile è la condizione essenziale all'uso del linguaggio giovanile, ma è fondamentale la situazione comunicativa. Cioè: per utilizzare il linguaggio giovanile bisogna appartenere al gruppo giovanile, ciononostante, un giovane non utilizza costantemente il linguaggio giovanile: dipende dalla situazione in cui si trova. Perció, la varietà giovanile della lingua viene definita in questo modo: per lo piú orale, usata dagli appartenenti ai gruppi giovanili in determinate situazioni comunicative. Funzioni del linguaggio giovanile: 1. Affermare il senso di appartenenza al gruppo e delimitare il gruppo verso l'esterno: funzione principale, che condivide con i gerghi, e che spiega il carattere effimero, rapidamente variabile. 2. Funzione ludica: componente di gioco e scherzo, che si realizza attraverso la deformazione della lingua, ma anche attraverso la violazione ironica di certe attese conversazionali o di formule stereotipate. 3. Funzione personale di affermazione della propria autonomia nei confronti degli adulti e della propria personalità all'interno del gruppo. Si crea infatti, all'interno del gruppo, una 'specializzazione': ognuno cerca di assumere un ruolo ben riconoscibile: lo spiritoso, lo spaccone, il filosofo, il cucadòr. E` in gran parte da questa funzione che nasce la grande creatività del linguaggio giovanile. Le tre funzioni sono tra loro interrelate e la prima risulta prioritaria rispetto alle altre. Sono inesistenti, o comunque marginali, due funzioni che sono invece rilevanti nei gerghi: l'intento criptico (cioè la volontà di nascondere il significato di quello che si sta dicendo, utilizzando termini ed espressioni note solo a chi fa parte del gruppo) e la carica contestativa. Caratteristiche del linguaggio giovanile, presenta: 1. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso 2. Uno strato dialettale 3

5 3. Uno strato gergale "tradizionale" 4. Uno strato gergale "innovante" 5. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media 6. Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche spagnolo). Si tratta quindi di una somma di varietà, una delle quali (la 4.) appare esclusiva dei giovani. Nei sei ingredienti che formano il linguaggio giovanile si riconoscono delle tensioni tra spinte diverse: l'affermazione dell'individualità del gruppo e il desiderio di omologazione; provincialismo e internazionalismo. Una base di italiano colloquiale, informale, scherzoso. Alla base della lingua dei giovani sta 1. l'italiano colloquiale, e non il dialetto. L'uso del dialetto come codice-base inibirebbe l'introduzione nel discorso delle altre varietà. Pare esserci mutua esclusione tra dialetto e varietà gergale innovante. La scelta dell'italiano colloquiale come base appare del tutto naturale, dato che le interazioni linguistiche tra giovani avvengono per lo piú a livello di parlato informale. Quasi tutto l'uso della lingua da parte dei giovani è limitato al livello formale. Uno strato dialettale: le giovani generazioni sono sempre piú italofone ed il rilievo 2. quantitativo delle forme dialettali varia, soprattutto in relazione alla vitalità del dialetto nella comunità linguistica di cui fanno parte i giovani, ed anche al grado e tipo di scolarizzazione degli appartenenti al gruppo (meno rilevante pare, invece, la provenienza socio-economica). Ci sono peró tratti comuni alla lingua di tutti i gruppi giovanili. Innanzitutto, la funzione che assumono i dialettismi nella lingua dei giovani: non sono inserti neutri, ma elementi marcati in senso espressivo o, piú raramente, emotivo, od usati in chiave scherzosa. L'uso di forme dialettali fa sí che l'identità del gruppo si estenda dal parametro generazionale a quello geografico. Il trapasso da una funzione denotativa a una scherzosa comporta spesso una modifica del significato originario, ad esempio la metafora, l'allargamento di significato, la specializzazione semantica. Sul piano formale, si tratta quasi sempre di dialettalismi adattati fono-morfologicamente all'italiano. Si possono individuare alcune costanti semantiche negli apporti dialettali: fortemente rappresentata è l'area degli insulti, o comunque della designazione di caratteristiche personali ritenute negative. Si 4

6 nota una sorta di specializzazione degli apporti dialettali nelle diverse località: a Trento i dialettalismi sono legati soprattutto alla vita scolastica, secia allievo molto studioso. Oltre alle forme del proprio dialetto, di incontrano forme di altri dialetti importate per vie diverse, ma soprattutto attraverso la televisione. Prevalgono, in tutta Italia, parole di provenienza centromeridionale, irradiate da Roma: bono/bona 'ragazzo bello/ragazza bella', frocio 'omosessuale', racchia 'ragazza brutta', scorfano 'ragazzo brutto'; ma anche da Milano: cartone 'pugno ben assestato'. Altri centri minori di diffusione devono la forza espansiva di parole del proprio dialetto all'utilizzo in trasmissioni televisive: è il caso di genovesismi come besugo e gabibbo, dopo essere stati usati da un personaggio di Striscia la notizia, trasmissione di Canale 5. Uno strato gergale "tradizionale": nel linguaggio giovanile, caratterizzato in linea generale 3. dal frequente ricambio lessicale, vi sono tuttavia parole di lunga durata. Termini come bòna 'fisicamente attraente', cesso 'persona, cosa, situazione brutta', dritto 'tipo in gamba', imbranato 'impacciato', cotta 'innamoramento' si trovavano già nel linguaggio giovanile degli anni Settanta e si ritrovano in quello degli anni Novanta. Come si vede, le parole di lunga durata si riferiscono a settori tipici del linguaggio giovanile (scuola, sesso, amore). Molte delle parole elencate appartengono ormai anche alla lingua comune, sicché la loro presenza potrebbe spiegarsi non come persistenza di termini del linguaggio giovanile, ma come espressione dell'italiano colloquiale che è la base di questo linguaggio. A favore dell'ipotesi della continuità di questi termini nel linguaggio giovanile, sta il fatto che molte di queste parole hanno subito, nel corso dei decenni, dei leggeri spostamenti semantici, quasi sempre nell'ambito del'universo giovanile. Un altro filone di continuità nel linguaggio giovanile è dato dall'assunzione di parole dai gerghi tradizionali. Anche qui si pone il dubbio se la continuità sia tutta interna al linguaggio giovanile o non sia data piuttosto da un ricorrente recupero di voci gergali sedimentate nella lingua comune o nei dialetti. A favore del riferimento diretto ai gerghi sta il fatto che mai parole di questo genere sono sottoposte a processi di modifica del significante o di forte slittamento semantico: i giovani individuano queste voci come gergali e non ritengono necessaria una loro ulteriore gergalizzazione. Uno strato gergale "innovante": il filone dei gerghi innovanti è quello piú caratterizzante la 4. lingua di un gruppo giovanile ma è anche il piú difficile da documentare poiché è molto mutevole e transeunte. Non è possibile una valutazione quantitativa dei dati raccolti, data la variabilità geografica e 5

7 cronologica. È invece possibile una valutazione qualitativa: -La maggior parte delle voci derivate da lessici speciali deriva dal settore medico. Es.: arterio 'genitore', paranoia 'stato di confusione o depressione' -Significativo il ruolo del lessico dell'informatica. Es.: un bit 'un attimo', floppare 'non riuscire a compiere l'atto sessuale' -Molto ampio l'influsso dei gerghi tradizionali: molto probabilmente passano al linguaggio giovanile tramite i livelli popolari della lingua. La loro assunzione resta significativa poiché in genere non si verificano forti trapassi semantici rispetto al senso posseduto nel gergo d'origine, a differenza di quel che accade per le parole dei lessici speciali che hanno bisogno di modifiche semantiche e spesso anche formali. Es.: imboscarsi 'appartarsi', slumare 'osservare attentamente una ragazza' -Gergo dei drogati: non è facile determinare il suo influsso per la parziale sovrapposizione dei parlanti delle due varietà (giovani drogati), fatto che spesso da adito ad equivoci sull'appartenenza di un termine a uno o all'altro (o ad entrambi) i gruppi. Es.: sballo 'cosa o persona che piace tantissimo', trip 'fissazione'. -Prestiti dalle lingue delle scienze. Es.: galattico 'fantastico, eccezionale', fossile 'genitore' -Prestiti dal lessico dello sport: marcare 'star dietro a un ragazzo / a una ragazza' É interessante notare che l'ambito di provenienza delle parole tecniche nella lingua giovanile non pare riflettere gli interessi culturali, in senso lato, dei giovani. I settori maggiormente toccati (lessico della medicina e delle scienze) sono delle fonti di assunzioni metaforiche. Ma vediamo in che modo i termini dei linguaggi settoriali entrano nel lessico giovanile. Il passaggio non è diretto, ma avviene in due fasi. Ció che significa che un termine passa dapprima da un linguaggio settoriale (politica, informatica, medicina, sport ) al lessico comune. Solo in seguito entra a far parte del lessico giovanile. Ma durante questi passaggi, il termine subisce dei mutamenti, che possono essere di diverso tipo: -cambiamento semantico: ha un ruolo di primo piano l'iperole (esagerazione), es: da dio, mitico, bestiale, mostruoso, allucinante; la metafora: bolide 'ciccione', ameba 'pigro', cozza 'ragazza brutta'; antifrasi: sveglione 'uno poco furbo'; antonomasia: mandrake 'tipo intelligente'. -cambiamento formale: apocopi: arterio 'genitore', schizo 'agitato, nervoso', hendy 'handicappato'; deformazioni foniche educazione tisica 'educazione fisica', ricremazione 'ricreazione'; con funzione occultativa essere nella melma, porcoddue. -entrambi: giochi di parole come mammut 'madre dalle idee paleolitiche'. 6

8 -sigle: PPC ('pronti per crisantemi' per 'persone anziane', simile al francese PPH 'passera pas l'hiver'), CBCR ('cresci bene che ripasso' riferito ad una ragazza ancora nel fiore dell'adolescenza ma che promette bene), alla CDC (alla cazzo di cane). LINGUAGGI SETTORIALI (medicina, informatica, sport ) LESSICO COMUNE LESSICO GIOVANILE paranoia paranoia para psic.: malattia mentale caratterizzata da idee deliranti, di persecuzione, grandezza e sim., in personalità che, per il resto, sono normali. senso figurato: stato di crisi, di confusione mentale. confusione, depressione. In locuzioni: andare in para per qualcosa 'andare matto'; mandare in para 'mandare in estasi, fare impazzire'. Uno strato proveniente dalla lingua della pubblicità e dei mass-media. Nel processo di 5. arricchimento dell'italiano generale, la lingua dei mass-media svolge un ruolo importante. Si potrebbe quindi immaginare che abbia una grande importanza anche per l'arricchimento del lessico giovanile. Al contrario, da questo punto di vista la sua influenza è molto debole, ció significa che non sono frequenti i prestiti lessicali dalla lingua dei mass-media ai linguaggio giovanile. Le parole del lessico giovanile che derivano dai mass media sono generalmente dei nomi propri. Es.: tenerone, lupo alberto, pimpa. L'influenza dei media nel linguaggio giovanile si manifesta piuttosto attraverso delle "citazioni" di tormentoni, battute stereotipate, che vengono create dai media e utilizzate in spot pubblicitari o trasmissioni comiche e si diffondono poi, per periodi generalmente brevi, nel parlato giovanile. Es.: c'est plus facile, Nuovo? No lavato con Perlana, Silenzio! Parla Agnesi. Dal punto di vista lessicale i mass media si prestano piú come tramite per la diffusione in un circuito ampio di parole già esistenti in ambiti circoscritti: valgano come esempi, oltre al lessico 7

9 paninaro già trattato, i numerosi dialettismi diffusi fuori della loro area d'origine proprio dalla televisione.il ruolo dei mass-media è piuttosto quello di diffondere elementi del linguaggio giovanile già esistenti, al di fuori dell'aera di coniazione. Es.: il lessico del paninaro, reso noto ed in parte inventato dalla trasmissione Drive in negli anni Ottanta. All'inizio i paninari erano un gruppo di ragazzi milanesi, che si trovavano al bar Panino ed aveva un suo gergo ristretto. La trasmissione venne creata prendendo spunto da questa realtà. La lingua utilizzata nella trasmissione era solo in parte il gergo realmente utilizzato da questo gruppo di giovani. Riassumendo in tre punti qual è l'influsso dei media sul linguaggio giovanile: -molti termini singoli passano dalla lingua dei media all'italiano generale, ma non all'italiano giovanile (con l'eccezione di alcuni nomi propri) -i media creano dei tormentoni o delle battute stereotipate che entrano a far parte del lessico giovanile per dei brevi periodi -il ruolo dei media è soprattutto quello di diffondere termini già esistenti al di fuori dell'area di origine Le innovazioni e le mode linguistiche giovanili si diffondono dai gruppi che li hanno creati ad altri gruppi giovanili, ed anche agli adulti, per due vie: una via diretta: la comunicazione orale una via indiretta: i mezzi di comunicazione di massa. I mass-media risultano essere la fonte principale che permette la diffusione del linguaggio giovanile fuori dai gruppi che lo parlano. La diffusione del lessico giovanile al di fuori del gruppo che lo produce fa peró venir meno la motivazione primaria dell'esistenza di un linguaggio giovanile: la volontà di rafforzare all'interno e di delimitare verso l'esterno il gruppo giovanile. Le conseguenze potrebbero essere: l'espulsione dal lessico giovanile delle forme diffuse dai mass-media e la loro sostituzione con forme nuove l'espansione del loro uso in gruppi giovanili periferici (regioni periferiche o piccole città meno a contatto con la metropoli, maggiore creatrice di lessico giovanile). Insomma è supponibile che l'aumento del numero di parlanti che fanno uso del lessico giovanile rafforzi la differenziazione tra un centro produttore di innovazioni e una periferia che recepisce le innovazioni in forma mediata e ritardata. 8

10 Uno strato costituito da inserti di lingue straniere (particolarmente inglese, ma anche 6. spagnolo). Gli internazionalismi svolgono una funzione opposta a quella dei dialettalismi. Mentre i dialettalismi indicano l'appartenenza a una determinata realtà geografica, il ricorso a prestiti stranieri evidenzia l'appartenenza a un piú vasto universo giovanile, di dimensioni sovranazionali. Esistono anche i falsi forestierismi, ad esempio la serie di pseudoanglicismi con terminazione in escion (con grafia italiana) o i falsi ispanismi come cucadòr. Sono soprattutto alcuni di questi prestiti giocosi, diffusi attraverso la televisione o la stampa giovanile, a essere conosciuti da tutti i gruppi giovanili. In generale si nota una disponibilità da parte dei giovani a coniare ed usare parole straniere, anche se di vita altamente effimera e circolazione limitata. Nel parlato giovanile si notano particolari caratteristiche in fatto di pronuncia e di intonazione, con storpiature, allungamenti vocalici, mutamenti d'accento, ma soprattutto una trascuratezza nell'eloquio e una velocità di elocuzione notevole. Sul piano sintattico si è notata una forte frammentarietà sintattica, in cui dominano frasi brevi, che sembrano piú alludere a qualcosa già conosciuto dal gruppo, facendo ricorso spesso a elementi del linguaggio non verbale. Anche l'analisi del parlato dimostra che il carattere di fondo della lingua dei giovani non è l'intento di porsi come codice alternativo rispetto alla lingua degli adulti, ma l'estremizzazione di alcuni tratti (soprattutto quelli spontanei e quelli innovativi) della lingua comune, che è poi anche la lingua degli adulti. A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti Il mondo moderno cerca di colpire tutti i nostri sensi, in particolare vista e udito. Il binomio suono/immagine occupa molte ore della vita dei piú giovani (televisione, videogiochi). Tale sistema si estende anche al mondo della carta stampata che attraverso i fumetti riprende non solo la parola articolata, ma anche alcuni rumori, che in parte si avvicinano a quelli dei cartoni animati o dei videogiochi. 9

11 Il problema dell'articolazione delle lingue e delle loro varie dimensioni di arbitrarietà: qui ci interessa soprattutto l'arbitrarietà/convenzionalità del rapporto tra sequenza fonica significante e cosa significata. Tutte le comunità linguistiche usano dei 'rumori' di solito non riducibili a sequenze di fonemi della lingua (fischio, schiocco), oppure solo parzialmente interpretabili con sequenze di fonemi della lingua. Es: brrr, che descrive un brivido, non segue la fonotassi italiana, mentre patapunfete, che descrive una caduta, la segue. Si tratta spesso di forme di origine onomatopeica la cui articolazione è a volte incerta (quante 'r' mettere in brrr?). Presentano un certo grado di arbitrarietà, in quanto le diverse comunità linguistiche hanno una lista di onomatopee/descrizioni di rumori sui quali esiste un certo accordo intersoggettivo: l'anatra fra qua qua in italiano, ma fa couin couin in francese. Nei fumetti, la scarsezza di spazio da dedicare al 'fumetto' vero e proprio ('balloon') porta alla brevità delle frasi, che viene facilitata dall'uso di interiezioni, che esprimono sinteticamente il pensiero del parlante, e da ideòfoni, che assolvono invece la funzione di commentare le immagini, aggiungendovi una sorta di 'colonna sonora'. La maggior parte dei rumori appartiene a due tipi di parte del discorso: IDEÒFONI INTERIEZIONI Esempi vrooom - bau bau - tic tac - glu glu - bum - roar - ciom ciomp - coff coff - smack - bla bla - click - dring bzzzz - grat grat splash eh eh! - brrr - ehm - uhm - ehi - puah - gulp - mumble - urgh puff Contenuto semantico Descrivono un rumore, sono spesso onomatopeici Esprimono un sentimento e vogliono ottenere un effetto specifico, raramente onomatopeiche 10

12 Morfologia Semplici, ev. con reduplicazione o con variazione Semplici, ev. con reduplicazione Sintassi Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Uso olofrastico (formano una frase da soli) o introdotti da dire/fare Fonologia Raramente seguono le regole fonotattiche della lingua Non sempre seguono le regole fonotattiche della lingua Funzione Funzione descrittiva (generalm. di rumore, raramente di movimento): commentano le immagini (colonna sonora) Funzione emotiva/conativa/fatica: esprimono sinteticamente il pensiero del parlante Collocazione Posti vicino alla persona/cosa che produce il rumore Incluse nel balloon o vicine alla bocca del personaggio I criteri che delimitano le due categorie sono quindi: -Contenuto semantico, collegato alla funzione svolta N.b.: Quasi tutti gli ideòfoni sono onomatopeici, ma non tutte le onomatopee sono ideòfoni (alcune sono interiezioni). -frequente l'allungamento delle forme attraverso ripetizione del grafema (sop. di vocale, es.: vroooom) -presenza ormai acclimatata di alcune convenzioni grafiche inglesi -ricorso a parole di origine inglese trascritte foneticamente (coff < ingl. cough; uao < ingl. wow) -variabilità: gulp/ulp; roar/broar 11

13 -iteratività: ripetizione delle vocali o dell'ideòfono stesso -serialità: l'uso piú frequente è quello olofrastico, ma vi è la possibilità di sequenze ideofoniche che descrivono sequenze di rumori diversi. 12

14 BIBLIOGRAFIA M.A. CORTELAZZO, Il parlato giovanile in Storia della lingua italiana Einaudi, II, pp M.A. CORTELAZZO, L'influsso dei linguaggi settoriali in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp A.M. MIONI, Uao! Clap, clap! Ideòfoni e interiezioni nel mondo dei fumetti, in Il linguaggio giovanile degli anni Novanta, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

La comunicazione. Quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo. La comunicazione Comunicare significa mettere in comune, entrare in relazione con gli altri per informare, chiedere, ordinare, scambiare idee, desideri, sentimenti, dubbi, pensieri, progetti Tutta la vita

Dettagli

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile

Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Variazione diafasica: in rapporto alla situazione comunicativa e allo stile Registri: "varietà diafasiche dipendenti primariamente dal carattere dell'interazione e dal ruolo reciproco assunto da parlante

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO

IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO IL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO Annunziata Gemma PREMESSA La pubblicità è una forma di comunicazione che ha lo scopo di indurre i potenziali acquirenti alla scelta di un prodotto o di un servizio o ad accrescere

Dettagli

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri

Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri Proposta di programmazione Italiano L2 per bambini stranieri 1 Livello 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE l A) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA Allegate al DM 12 luglio 2011 SINTESI Legge 8 ottobre 2010, n.170, : riconoscimento DSA e assegnazione alla scuola del compito

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi Linguaggio sviluppo e disturbi Stefania Millepiedi I disturbi del linguaggio specifici o primari secondari Il linguaggio NON è una capacità unitaria insieme di abilità che contestualmente concorrono all

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana

PROGRAMMA DI. Linguistica italiana PROGRAMMA DI Linguistica italiana Docente Tutor disciplinare Programma dell insegnamento Paolo Martino Sara Deodati MODULO 1. CHE COS'È L'ITALIANO (= circa 25 ore di didattica) mira a puntualizzare alcune

Dettagli

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE ISTITUTO COMPRENSIVO A. FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace,17-40010 Sala Bolognese (Bo) Tel.051-6821302 Fax051-6822294 SCHEDA DI RILEVAZIONE B.E.S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Scuola Primaria e Secondaria

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia

Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Istituto Comprensivo Statale Sesto 1 Scuola primaria L.L.Radice Progetto biblioteca L'angolo della Libricizia Motto della biblioteca In una vecchia soffitta buia e polverosa in mezzo a tante cose viveva

Dettagli

Disturbi specifici del linguaggio: disfasie

Disturbi specifici del linguaggio: disfasie Disturbi specifici del linguaggio: disfasie Evolutivi: Anomia: incapacità di trovare le parole giuste Disgrafia (o agrafia): disturbi della capacità di scrittura Dislessia (o alessia): disturbi della capacità

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Premessa Lo studio della comunicazione umana si articola in tre settori di indagine: 1. quello della sintassi, che

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa S.I.S. Piemonte Scrittura creativa Specializzata: Olga Cotronei Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2005-2006 Contesto In questo lavoro vengono proposte quattro attività di scrittura creativa,

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (situazione

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V

Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V MACRO INDICATORI ASCOLTO (comprensivo ne Scuola Primaria INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE I CLASSE II CLASSE III CLASSE IV CLASSE V vocaboli, canzoncine, filastrocche narrazioni ed espressioni

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA 1 LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA Comunicazione e linguaggio 2 Comunicazione: trasmissione di informazioni che tenga conto della sorgente e della destinazione codici comunicativi

Dettagli

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria INGLESE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria comprende brevi messaggi orali e scritti, relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice,

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE

FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE Ferrara, 14 aprile 2014 FACILITAZIONE E SEMPLIFICAZIONE LA SEMPLIFICAZIONE DEL PARLATO di Tania Pasqualini «Ogni lingua dice il mondo a modo suo» Rudolf Steiner LA SEMPLIFICAZIONE L insegnante, da un lato,

Dettagli

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano

Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano. Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Rovereto 2 settembre 2015 Claudia Provenzano Il ruolo della riflessione linguistica nello studio dell italiano Riflessione linguistica

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO GIORNATA DI FORMAZIONE SULL INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L2 PER MIGRANTI ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO Bolzano, sabato 17 novembre 2012 - L. Di Lucca Riflettete secondo

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO Di seguito proponiamo la lista degli esercizi interattivi per ogni lezione di Parla con me 1 al fine di renderne più facile l uso sia per gli studenti che per gli insegnanti. È infatti possibile eseguire

Dettagli

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi

Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia. Lilia Andrea Teruggi Riflettere sulla lingua dalla scuola dell infanzia Lilia Andrea Teruggi Grammatica, ma quale? Scuola di Port Royal nascita (1600) Ambiti diversi Linguistica: Grammatica Teorie della grammatica Livelli

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

PROGETTO STRANIERI. Indice degli argomenti:

PROGETTO STRANIERI. Indice degli argomenti: PROGETTO STRANIERI Integrazione socio-culturale degli alunni stranieri Responsabile progetto: Prof.ssa Zaccarelli Adele Organizzazione gestionale: Prof:Vecchi Patrizia Classi destinatarie: Prime Seconde-Quinte

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

MIKI AND MAGGIE: UN LABORATORIO DI STORYTELLING

MIKI AND MAGGIE: UN LABORATORIO DI STORYTELLING CORSISTE: Cabrini Rosanna, Piazzi Eliana, Ruffini Alessia Area tematica 1 : MIKI AND MAGGIE: UN LABORATORIO DI STORYTELLING GRUPPO CLASSE E RELAZIONI EDUCATIVE L attività di storytelling è rivolta ad una

Dettagli

LA MUSIC LEARNING THEORY

LA MUSIC LEARNING THEORY LA MUSIC LEARNING THEORY Sintesi degli elementi e dei principi fondamentali della teoria dell'apprendimento musicale del bambino secondo Edwin E. Gordon per genitori ed educatori Riccardo Nardozzi La capacità

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

GIOCHI FONOLOGICI tra SCUOLA DELL INFANZIA e SCUOLA PRIMARIA

GIOCHI FONOLOGICI tra SCUOLA DELL INFANZIA e SCUOLA PRIMARIA GIOCHI FONOLOGICI tra SCUOLA DELL INFANZIA e SCUOLA PRIMARIA Gigliola Spelzini Docente Scuola Primaria Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Master DSA Cantù 21 aprile 2015 Gigliola Spelzini LABORATORIO

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari

Modelli della competenza linguistica. Modelli e dati empirici. Il segno saussuriano. Modelli basati su inventari Modelli e dati empirici Modelli della competenza linguistica Il linguaggio è suono con significato Quindi, sapere una lingua vuol dire avere la capacità di - rappresentarsi internamente i suoni; - rappresentarsi

Dettagli

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI

Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Lessico specialistico, linguaggi settoriali e linguaggio giornalistico 1 UNA SCIENZA È UN LINGUAGGIO BEN FATTO (CONDILLAC) ISABELLA CHIARI Terminologia della lessicologia Parole chiave Lessema Lemma Termine

Dettagli

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO CLASSI PRIME- SCUOLA PRIMARIA FINALITA Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per la crescita della persona e per l esercizio pieno della cittadinanza, per l accesso critico a tutti gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANOPPELLO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ELABORATO SULLA BASE DELLE NUOVE INDICAZIONI 2012 CURRICOLO DI SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA SOMMARIO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva

CATALOGO FCI 2009. Stampa Definitiva 28/07/2009. Provincia di BIELLA. Scheda descrittiva percorso formativo. Sezione 1 - Scheda Introduttiva CATALOGO FCI 2009 Scheda descrittiva percorso formativo Sezione 1 - Scheda Introduttiva Parte 1.1 Identificativo del corso (Dati Libra) Denominazione del corso Codice: 19821 Denominazione: LINGUA INGLESE

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15. Marketing Operativo e Comunicazione

Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15. Marketing Operativo e Comunicazione Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15 Marketing Operativo e Comunicazione La Mia Casa sull Albero La mia casa sull albero è un iniziativa di Alleanza rivolta alle scuole primarie, nata in collaborazione

Dettagli

CLASSE III A PEREZ (Istituto comprensivo Perez-Calcutta) A.S. 2013-2014. Progettazione: L AUTOBIOGRAFIA LINGUISTICA. Ins Maria Montoleone

CLASSE III A PEREZ (Istituto comprensivo Perez-Calcutta) A.S. 2013-2014. Progettazione: L AUTOBIOGRAFIA LINGUISTICA. Ins Maria Montoleone I CLASSE III A PEREZ (Istituto comprensivo Perez-Calcutta) A.S. 2013-2014 Progettazione: L AUTOBIOGRAFIA LINGUISTICA Ins Maria Montoleone FASE OBIETTIVO ATTIVITÀ PRODOTTO Esplorazione virtuale del Leggere

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2

DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE. OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 Comprensione della lingua orale DIPARTIMENTO LINGUE STRANIERE OBIETTIVI MINIMI Inglese - I ANNO A1-A2 - Comprende brevi messaggi contenenti lunghe pause che gli permettono di coglierne il senso. - Comprende

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli