Area Tematica La Child and Family Centered care ( Coinvolgimento del bambino e della famiglia nel care Standard 8 Glasper )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Tematica La Child and Family Centered care ( Coinvolgimento del bambino e della famiglia nel care Standard 8 Glasper )"

Transcript

1 Titolo del progetto La Child and Family Centred Care (CFCC): famiglia e bambino centro di tutto il processo di cura : Reengiering dell Istituto Giannina Gaslini di Genova sul modello della Child and Family Centered Care. Gruppo di progetto: Responsabile Scientifico Prof Loredana Sasso Professore Associato Dipartimento di Scienze della Salute Università degli Studi di Genova Direttore Scuola di Dottorato in Metodologia della Ricerca Infermieristica Project Manager Dott. Annamaria Bagnasco Ricercatore Universitario Dipartimento di Scienze della Salute Università degli Studi di Genova Consulenti Prof. Angela Testi Economista Università degli Studi di Genova Dott. Paolo Durando Igienista Università degli Studi di Genova Dottorando Dott Simona Calza Scuola di Dottorato in Metodologia della ricerca infermieristica Università di Genova Durata del Progetto Anno di inizio: 2012 Anno di conclusio: 2015 Area Tematica La Child and Family Centered care ( Coinvolgimento del bambino e della famiglia l care Standard 8 Glasper ) Keywords Child-Patient-centred-care, Childhood, Cost-effectivess, Family-centred-care, Involvement, Outcomes, Nursing, Paediatric care, Partrship. 1

2 Scheda sintetica progetto Background. La letteratura evidenzia che ad oggi non esiste una definizio univoca di Family Centred Care (FCC). G Mikkelsen and K Frederiksen (2011) 1 definiscono la FCC come: il supporto professionale fornito al bambino e alla famiglia, attraverso un processo di coinvolgimento e partecipazio, sostenuto da empowerment e goziazio. La FCC è caratterizzata dalla relazio tra operatori sanitari e famiglia, all interno della quale, entrambe le parti si impegnano a condividere la responsabilita per la cura del paziente. La Family Centred Care rientra l movimento di pensiero ed orientamento delle cure volto ad umanizzare tutto il processo assistenziale attraverso il coinvolgimento attivo e partecipe del paziente e della famiglia. L Institute per la Patient and Family Centred Care 2 dichiara che sono quattro gli elementi caratterizzanti la Patient and Family Centred Care (PFCC) : 3 Rispetto e dignità Condivisio delle informazioni Partecipazio. Collaborazio La PFCC migliora la qualità e l'efficacia della comunicazio ed e un processo attivo e proattivo, non reattivo; questo approccio permette di prevenire problemi di disservizi trattando con tempestività situazioni complesse. L 'implem di un sistema PFCC comporta costi iniziali imputabili alla formazio del personale e, costi successivi relativi a strutture, attrezzature e personale dedicato. L 'implem di un sistema PFCC comporta la riduzio di outcomes gativi relativi a : Comunicazio non riuscita, Perdita di fiducia dell utente verso l organizzazio, Outcomes gativi per il paziente e la famiglia, Spreco di risorse, Contenziosi con l utenza, 1 Mikkelsen G, Frederiksen K Family centred care of children in hospital - a concept analysis. J of Advan Nursing (2011) 67(5) Organizzazio no-profit universalmente riconosciuta per la sua mission di promozio della FCC 3 2

3 La letteratura 4 evidenzia inoltre, che l ammortamento dei costi iniziali, sostenuti per adeguare la struttura a supportare la presenza e la partecipazio delle famiglie e del paziente, sia dimostrato da tre principali indicatori: Diminuzio dei tassi di infezio correlati alle pratiche assistenziali e di autocura, Aumento dell attrativita della struttura (aumento dei ricoveri) Aumento della soddisfazio dell utenza. La FCC è direttamente correlabile agli obiettivi di Joint Commission International (JCI ) 5 ; infatti la JCI propo la continuum of care del paziente e della sua famiglia attraverso : Comunicazio efficace, Cultural competence Patient --Centered Care In ambito pediatrico la Patient- Family Centered Care vie definita Child and Family Centered Care 6 (CFCC); il termi Child indica il ruolo attivo del bambino l processo di cura. Il Consiglio d Europa, l documento Guidelis of the Committee of Ministers of the Council of Europe on child-friendly health care and their explanatory memorandum 7 ( Settembre 2011), delia l importanza, lla CFCC in un ambiente di cura centrato sul bambino e sulla famiglia. Obiettivo Obiettivo gerale: Reengiering dell Istituto Giannina Gaslini di Genova sul modello della Child and Family Centered Care. 4 /advance/bi_measuring_monitoring_outcomes_ pdf 5 Gli standard Joint Commission International per l accreditamento degli ospedali 4 Edizio Joint commission international ( in vigore da gennaio 2011) 6 Child and Family Centred healthcare L Smith V Colemann- Hoeply Second Edition 7 Guidelis of the Committee of Ministers of the Council of Europe on child-friendly health care and their explanatory memorandum (Adopted by the Committee of Ministers on 21 September 2011at the 1121st meeting of the Ministers' Deputies) 3

4 Metodologia. Il progetto verrà articolato lle seguenti fasi : Fase 0 Attività iniziale per la partenza del Progetto (Maggio 2012) Obiettivi operativi Missio presso il Sikkid Hospital di Toronto per conoscere le modalità organizzative ed operative dell Ospedale in riferimento alla Family Central Care, partecipazio a convegni e predisposizio schemi di accordi di collaborazio da adottare. Fase 1 Sviluppo (Durata: Maggio Aprile 2013) 8 Obiettivi operativi Produrre la revisio scientifica della letteratura correlata al progetto 9 Validare in back translation lo strumento Children s and young people s health policy audit tool 10 Misurare gli Standards di qualità cura del paziente pediatrico gli ambiti ll Istituto Giannina Gaslini, attraverso lo strumento Children s and young people s health policy audit tool. Mappare, all interno dell Istituto e/o dei singoli Dipartimenti, gli indicatori ad oggi misurati. Identificare gli outcomes misurabili lle singole Unità Operative Esplorare la percezio degli operatori sanitari, dei genitori e bambini/adolescenti rispetto al coinvolgimento ed alla partecipazio al processo di cura ( Focus Group, Interviste, Brainstorming Strutturato) Informare e Formare il personale sanitario coinvolto Progettare corso di formazio alle tematiche CFCC Vedi Diagramm a di GANTT pag Vedi bibliografia 10 Wild D et all (2005) Principles of good practice for translational and Cultural adaption process for patient reported outcomes (PRO) Measures:Report of the ISPOR Task force for translation and cultural adaption -Value in Health, 8(2),

5 Conferenza Internazionale Pediatrica con esperti Canadesi a Genova il 6 settembre 2012 (SiKKid Hospital e McGill University). Fase 2- Studi pilota ( Durata: Maggio Maggio ) 11 Obiettivi operativi Progettare e condurre, sull intero Istituto, uno studio pilota relativo alla creazio di momenti/luoghi di incontro strutturati tra operatori sanitari e bambini /famiglie, finalizzati al coinvolgimento del bambino e della famiglia l progetto assistenziale. (Esempio Consiglio familiare, Consiglio dei genitori e dei bambini) Fase 3-Valutazio /Implem (Durata: Giugno Maggio 2015) Obiettivi operativi: Introdurre azioni correttive sulla base degli studi pilota. Progettare e condurre uno studio ( caso controllo e pre-post test) 12 finalizzato ad identificare e comparare gli Indicatori mappati in Fase 1 Esplorare la percezio degli operatori sanitari, dei genitori e bambini/adolescenti rispetto al coinvolgimento ed alla partecipazio al processo di cura post intervento sperimentale ( Focus Group, Interviste, Brainstorming Strutturato) Sistematizzare il monitoraggio continuo degli Outcomes Disseminare i risultati all interno dell Istituto G. Gaslini Pubblicare i risultati su Peer Review Journal con Impact Factor Completamento Fasi 2 3 (Durata: Maggio 2013 a Maggio 2015) Conferenze Internazionali Pediatriche in argomento a Genova correlate allo sviluppo delle fasi 2 3 con cadenza annuale Vedi Diagramma di Gantt pag Radwin EL, Ananian L, Cabral HJ, Keeley A, Currier PF (2010) Effect of a patient / family centered practice change on the quality and cost of intensive care. Journal of Advanced Nursing 67(1),

6 Interventi Family Centred proposti Il Consiglio Familiare 13 Negli Stati Uniti e il Canada, gli ospedali e le cliniche di tutte le dimensioni stanno riconoscendo il valore del Consiglio familiare quali punti di incontro tra il bisogno d'informazio e di specifico sostegno del bambino e della sua famiglia e la cessità di aumentare l Adherence alle cure. Il sistema offerte per la famiglia è oggetto di Marketing e Promozio Intra ed Extra aziendale e concorrono a raccogliere fondi da investirsi llo sviluppo e ampliamento dei servizi forniti. Consiglio di bambini e Consiglio di genitori 14 Il Consiglio dei bambini è un gruppo di bambini dai nove ai 18 anni dedicati ad aiutare e rendere l ospedale un posto migliore per i bambini. I membri del Consiglio dei bambini rappresentano varie unità all'interno dell'ospedale e sono riconosciuti ed ascoltati dalla Direzio Ospedaliera. I membri del Consiglio dei Genitori rappresentano varie unità operative all'interno dell'ospedale e sono riconosciuti ed ascoltati dalla Direzio Ospedaliera. Il ruolo del Consiglio consiste ll agire come consulente e guida ll ambito delle iniziative Child and family centred. 6.6 Risultati attesi 1. Umanizzare tutto il processo assistenziale attraverso il coinvolgimento dei pazienti pediatrici e delle famiglie l processo di cura e di assistenza; 2. Implementare il ruolo decisionale dei pazienti e delle famiglie all interno di un ospedale pediatrico; 3. Aumentare l Adherence del paziente pediatrico e della famiglia ai percorsi di cura; 4. Aumentare i livelli di soddisfazio dei pazienti pediatrici e delle famiglie sui livelli di coinvolgimento e di personalizzazio delle cure; Indicatori La definizio di un set di indicatori misurabili ll Istituto G. Gaslini verrà derivata dalla misurazio degli Standards: 1. Aderenza alle lie guida sulla gestio del dolore (Standard 1)

7 2. Accesso ai servizi sociali e di tutela del minore (Standard 2) 3. Controllo delle infezioni (Standard 3) 4. Informazioni dettagliate al bambino ed alla famiglia alla dimissio/trasferimento (Standard 4) 5. Disponibilità/accessibilità delle informazioni (Standard 5) 6. Formazio/supervisio del personale sanitario (Standard 6) 7. Sicurezza lla comunicazio (Standard 7) 8. Coinvolgimento del bambino e della famiglia l processo di cura (Standard 8) 9. Politiche di salute e sicurezza (Standard 9) 10. Gestio dei ricoveri e follow up (Standard10) La rilevazio degli Standard di cura ed assistenza prevista lla Fase 1 del progetto permetterà di contestualizzare gli indicatori e di definire gli outcomes sull intero Istituto G. Gaslini e di differenziar alcuni per singolo Dipartimento. Le principali tipologie di indicatori identificate dalla letteratura sono: 1. Clinici correlati al paziente e al sistema, 15 16,17, 18 : ; 2. Umanistici ed etici correlati sia al paziente, alla sua famiglia, allo staff 22 ; 3. Costo/beficio 23 ; 4. Relativi alla salute e alla educazio del bambino e della famiglia; 5. Marketing and promotion; 6. Integrazio di programmi educativi; 7. Health tecnology Moorey R Unpland hospital admission: supporting children, young people and their families.. Paediatric Nursing 22 (10) Epstein M; Fiscella K; Cara S Lesser; Stange K C Why The Nation Needs A Policy Push On Patient-Centered Health Care... Health Affairs; Aug 2010; 29, 8; OLSSON L.-E., HANSSON E., EKMAN I. & KARLSSON J. (2009) A cost effectivess study of a patient-centred integrated care pathway. Journal of Advanced Nursing 65(8), , Chen, Y C. 2007Effectivess of hand-washing teaching programs for families of children in paediatric intensive care units. Journal Of Clinical Nursing Volume: 16 (6) E. A. Glasper Children s and young people s health policy audit tool - NHS- traduzio italiana a cura del CISEF 21 Richard C. Boothman, Amy C. Blackwell, Darrell A. Campbell, Jr., Elai Commiskey, and Susan Anderson (2009) A Better Approach to Medical Malpractice Claims?The University of Michigan Experience Journal of Health and Life Science Law 2 (2) OLSSON L. - E., KARLSSON J. & EKMAN I. (2007) Effects of nursing interventions within an integrated care pathway for patients with hip fracture. Journal of Advanced Nursing 58(2), Chen, Y C. 2007Effectivess of hand-washing teaching programs for families of children in paediatric intensive care units. Journal Of Clinical Nursing Volume: 16 (6) Glasper. E:A: (2011) Telehealth care - where is it going? British Journal Of Nursing 20 (12)

8 DIAGRAMMA GANTT Durata da Maggio 2012 a Maggio 2015 Report semestrali (Giugno/Dicembre) e al termi di ogni Fase. Di seguito il Diagramma di Gantt suddiviso per singola fase. Gantt Fase 0: Maggio 2012 Riferimento Attività Rappresentanti dell Istituto Maggio 2012: Missio presso SiKKid Hospital per attivazio progetto Gantt Fase 1: Maggio Aprile 2013 Fase 1 Traduzio linguistica Maggio 2012 Giu 2012 Lu Ag Sett Ott Nov Dic Gen Febr Marz Apr Misurazio Standard E.A. Glasper Mappatura indicatori su Istituto e Singoli Dipartimenti identificati International Pediatric Day 6 sett Ricerca qualitativa Formazio del personale 8

9 Gantt Fase 2: Maggio 2013 Maggio Fase 2 Mag 2013 Giu Lu Ago Sett Ott Nov Dic Genn Febr Mar Apr Mag Consiglio familiare Consiglio di bambini Internation al Pediatric Day Consiglio di genitori Analisi studio pilota 9

10 Gantt Fase 3 Giugno - Maggio 2015 Giu Lu Ago Sett Ott Nov Dic Genn 2015 Febbr 2015 Marz 2015 Apr 2015 Mag 2015 Fase 3 Azioni correttive post studio pilota Studio quasi sperimentale pre-post International Pediatric Day Analisi Outcome Disseminazio dei risultati Pubblicare i risultati 10

11 Bibliografia Bibliografia irente l approccio Patient and Family centred Chen, Y C. 2007Effectivess of hand-washing teaching programs for families of children in paediatric intensive care units. Journal Of Clinical Nursing Volume: 16 (6) Boothman Richard C., Amy C. Blackwell, Darrell A. Campbell, Jr., Elai Commiskey, and Susan Anderson (2009) A Better Approach to Medical Malpractice Claims?The University of Michigan Experience Journal of Health and Life Science Law 2 (2) Brook R Can the Patient-Centered Outcomes Research Institute Become Relevant to Controlling Medical Costs and Improving Value? JAMA (18) Epstein, R. M., Franks, P., Fiscella, K., Shields, C. G., Meldrum, S. C., Kravitz, R. L., et al. (2005). Measuring patient-centered care in patient-physician consultation: Theoretical and practical issues. Social Science and Medici, 61, Franks, P., Fiscella, K., Cleveland, G. S., Meldrum, S., Duberstein, P., Jerant, A. F., et al. (2005). Are patient s ratings of their physicians related to health outcomes?annals of Family Medici, 3, Gerteis, M., Edgman-Levitan, S., Daley, J., & Delbanco, T. L. (Eds.). (1993). Through the patient s eyes: Understanding and promoting patient-centered care. San Francisco: Jossey-Bass. Glasper. E:A: (2011)Telehealth care - where is it going? British Journal Of Nursing 20 (12) 714. Mikkelsen G, Frederiksen K Family centred care of children in hospital - a concept analysis. J of Advan Nursing (2011) 67(5) KirK S.-- Methodological and ethical issues in conducting qualitative research with children and young people: a literature review International journal of Nursing studies 44 (2007) Moorey R 2010-Unpland hospital admission: supporting children, young people and their families.. Paediatric Nursing 22 (10) Radwin EL, Ananian L, Cabral HJ, Keeley A, Currier PF (2010) Effect of a patient / family centered practice change on the quality and cost of intensive care. Journal of Advanced Nursing 67(1), Robinson, J.H. et all (2008) Patient centered care and adherence : definitions and applications to improve outcomes. Journal of American Academy of Nurse Practitiors 20, Sidani, S., Epstein, D., &Miranda, J. (2006). Eliciting patient treatment preferences: A strategy to integrate evidence-based and patientcentered care. Worldviews on Evidence-Based Nursing. Third Quarter, 2006, Sidani S.(2008) Effects of PCC on patients outcomes: an evaluation Research and theory for nursing Practice:an international Journal, 22(1), L Smith V Colemann (2011) Child and Family Centred healthcare - Hoeply - Second Edition Sto S (2008)A Retrospective Evaluation of the Impact of the Platree Patient-Centered Model of Care on Inpatient Quality Outcomes HEALTH ENVIRONMENTS RESEARCH & DESIGN JOURNAL 1(4) Thorpe, K. E. (2005). The rise in health care spending and what to do about it. Health Affairs, 24, Wild D et all (2005) Principles of good practice for translational and Cultural adaption process for patient reported outcomes (PRO) Measures:Report of the ISPOR Task force for translation and cultural adaption -Value in Health, 8(2), Bibliografia irente la non-adherence in pediatria Pritchard MT, Butow PN, Stevens MM, Duley JA. Understanding medication adherence in pediatric acute lymphoblastic leukemia: a review. J Pediatr Hematol Oncol 2006; 28(12): Christiansen N, Taylor KM, Duggan C. Oral chemotherapy in paediatric oncology in the UK: problems, perceptions and information eds of parents. Pharm World Sci 2008; 30(5): Landier W. Adherence to oral chemotherapy in childhood acute lymphoblastic leukemia: an evolutionary concept analysis. Oncol Nurs Forum 2011; 38(3): Lennard L, Welch J, Lilleyman JS. Intracellular metabolites of mercaptopuri in children with lymphoblastic leukaemia: a possible indicator of non-compliance? Br J Cancer 1995; 72(4):

12 Festa RS, Tamaroff MH, Chasalow F, Lanzkowsky P. Therapeutic adherence to oral medication regimens by adolescents with cancer. I. Laboratory assessment. J Pediatr 1992; 120(5): de Oliveira BM, Viana MB, Zani CL, Romanha AJ. Clinical and laboratory evaluation of compliance in acute lymphoblastic leukaemia. Arch Dis Child 2004; 89(8): Pelzang R Time to learn British Journal of Nursing, 2010, 19 (14) Bibliografia specifica irente Joint Commission International e Strumento di verifica della politica sanitaria per i bambini e i giovani Gli standard Joint Commission International per l accreditamento degli ospedali 4 Edizio Joint commission international ( in vigore da gennaio 2011) Advancing effective communication, cultural competence and Patient Centered care: a road map for Hospitals - Joint Commission International 2011 Strumento di verifica della politica sanitaria per i bambini e i giovani Professor A. E. Glasper (traduzio italiana e documento) Normativa Guidelis of the Committee of Ministers of the Council of Europe on child-friendly health care and their explanatory memorandum- September 2011 Costituzio della Repubblica Italiana, 1 Gennaio Dichiarazio Universale dei Diritti dell Uomo, 10 Dicembre Codice Deontologico dell Infermiere, approvato dal Comitato Centrale della Federazio Nazionale Collegi IPASVI con deliberazio n. 1/09 del 10 Gennaio Centri per la famiglia e il bambino consultati 25 Family Resource Centers: Hollywood, Florida - The Patient and Family Resource Center at the Memorial Regional Hospital Minapolis/St.Paul, Minsota - The Cargill Family Resource Center, The Kelsey Lynn Roberg Family Resource Center, Children's Hospitals and Clinics Ottawa, Ontario, Canada - The Kaitlin Atkinson Family Resource Center Library, Children's Hospital, Ottawa Philadelphia, Pennsylvania - The Conlly Resource Center for Families, The Children's Hospital of Philadelphia Seattle, Washington - Family Resource Center, Children s Hospital and Regional Medical Center Boston, Massachusetts - Maxwell and Eleanor Blum Patient and Family Resource Center-Dana-Farber Phoenix, Arizona - The Emily Center at Phoenix Children's Hospital Chicago, Illinois - An Byron Resource Center Park Ridge, Illinois - The Women s Health Resource Center-Advocate Lutheran Geral Hospital http ://www.ipfcc.org/advance/topics/pafam-resource.html 12

La re-ingegnerizzazione dell assistenza presso l Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova: l impatto dell assistenza centrata sul bambino e la famiglia "

La re-ingegnerizzazione dell assistenza presso l Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova: l impatto dell assistenza centrata sul bambino e la famiglia LA PATIENT CENTER CARE MILANO 11 NOVEMBRE 2013 La re-ingegnerizzazione dell assistenza presso l Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova: l impatto dell assistenza centrata sul bambino e la famiglia " Annamaria

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Il programma nazionale buone pratiche

Il programma nazionale buone pratiche Il programma nazionale buone pratiche Dott. Giovanni Caracci Dirigente Sezione Qualità e Accreditamento Agenas Il razionale, il mandato, le teorie di riferimento Le fasi, le attività, gli strumenti Attività

Dettagli

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia.

L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali. Relatore Paola Obbia. L infermiere di famiglia e di comunità: una risorsa per le cure primarie prospettive nazionali ed internazionali Relatore Paola Obbia Affiliazione L infermiere di famiglia e di comunità. un idea dell OMS

Dettagli

Informazione sanitaria a supporto del percorso clinicoassistenziale

Informazione sanitaria a supporto del percorso clinicoassistenziale Informazione sanitaria a supporto del percorso clinicoassistenziale in ematooncologia Infermiere Vanessa Sabbi e Erica Gori PREMESSA Centri studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico

SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico Metodologia integrata per l'individuazione dell'errore medico FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Creata nel 1977 Per la Verifica di Qualità delle cure - Per lo Studio della Medicina Interdisciplinare SIMPOSIO Dalla qualità percepita alla percezione dell'errore medico

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT)

Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Responsabile Scientifico: Prof.ssa Loredana Sasso (IT) Project Manager: Dott.ssa Annamaria Bagnasco (IT) Membri del Gruppo di Ricerca: Prof. Roger Watson (UK) Prof. Giancarlo Icardi (IT) Dott.ssa Antonella

Dettagli

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas

La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas. Barbara Labella Agenas La promozione della sicurezza dei pazienti: riflessioni a tre anni di attività dell Osservatorio Agenas Barbara Labella Agenas Un bilancio 1. Definizione dell oggetto (scope) dell Osservatorio 2. Definizione

Dettagli

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie

Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie le UU.OO. di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell Assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Valorizzare la metodologia della ricerca nelle aziende sanitarie Il percorso dell Ospedale

Dettagli

3a Giornata EBN altoatesina 24 febbraio 2011 Bolzano. Dall Evidence Based Nursing all Evidence Based Practice

3a Giornata EBN altoatesina 24 febbraio 2011 Bolzano. Dall Evidence Based Nursing all Evidence Based Practice 3a Giornata EBN altoatesina 24 febbraio 2011 Bolzano Dall Evidence Based Nursing all Evidence Based Practice Le lineee di sviluppo della ricerca infermieristica in Italia Loredana Sasso Prof. Associato

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione

00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V. Introduzione 00 Risk romane 18-01-2006 16:38 Pagina V Indice Autori Introduzione XV XVII Capitolo 1 Il Sistema Qualità Aziendale e il miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari 1 Premessa 1 La Qualità

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

Federico Lega UK NHS. Federico Lega

Federico Lega UK NHS. Federico Lega 1 UK NHS Federico Lega 2 PRINCIPI FONDANTI Universale Integrato Accesso equo Senza costi per l utente Prevalentemente finanziato con tributi centrali 83% della spesa sanitaria UK 7,3% del PIL > 8,5% con

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

FPA - Summer 2014. UCSC International. Via Carducci, 28/30 20123 Milano. > ucscinternational.unicatt.it

FPA - Summer 2014. UCSC International. Via Carducci, 28/30 20123 Milano. > ucscinternational.unicatt.it FPA - Summer 2014 UCSC International Via Carducci, 28/30 20123 Milano > ucscinternational.unicatt.it Focused Programs Abroad - Summer 2014 Tutti i programmi FPA prevedono il riconoscimento di crediti CFU

Dettagli

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE

L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE AMIETIP- FIRENZE, 1 DICEMBRE 2011 L emergenza e la terapia intensiva pediatrica in Italia: punti di forza e criticità. RUOLO DELL INFERMIERE ACCADEMIA MEDICA INFERMIERISTICA DI EMERGENZA E TERAPIA INTENSIVA

Dettagli

Università Professore Universitario di ruolo di II fascia. Direttore, Laboratorio di Terapia Cellulare e Genica S. Verri, A.O. S. Gerardo, Monza (MI)

Università Professore Universitario di ruolo di II fascia. Direttore, Laboratorio di Terapia Cellulare e Genica S. Verri, A.O. S. Gerardo, Monza (MI) Università Professore Universitario di ruolo di II fascia Attività clinica, didattica e di ricerca Date (da a) [2003 ad oggi] Azienda Ospedaliera S. Gerardo, Via Pergolesi 33, 20052 Monza (MI) Azienda

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Osservatorio Regionale per l Innovazione. Responsabile: Luciana Ballini luballini@regione.emilia romagna.it. Obiettivi

Osservatorio Regionale per l Innovazione. Responsabile: Luciana Ballini luballini@regione.emilia romagna.it. Obiettivi Osservatorio Regionale per l Innovazione Responsabile: Luciana Ballini luballini@regione.emilia romagna.it Obiettivi Reporting guidelines Raccomandazioni e consigli su come rendicontare metodi e risultati

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente

Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Progetto ARSS La qualità dal punto di vista del cittadino utente F. Antonio Compostella e Maria Ines Axerio Martedì 6 novembre Venezia Palazzo Balbi, Sala Travi

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA

PROGETTO INSIEME ALLA FAMIGLIA Presidio Ospedaliero S. Maria delle Grazie Pozzuoli Unità Operativa Complessa di Medicina (Dir.ff P. Di Bonito) Unità Operativa Dipartimentale di Geriatria (Resp. L. Di Fraia) PROGETTO INEME ALLA FAMIGLIA

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

Presentazione del WHO Collaborating Centre for Health Promotion Capacity Building in Child and Adolescent Health

Presentazione del WHO Collaborating Centre for Health Promotion Capacity Building in Child and Adolescent Health Presentazione del WHO Collaborating Centre for Health Promotion Capacity Building in Child and Adolescent Health Fabrizio Simonelli, Direttore, WHO CC Nel maggio 2006 l OMS ha riconosciuto il Programma

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008

BIBLIOGRAFIA. 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 BIBLIOGRAFIA 1. http://www.piemonteimmigrazione.it/ Ultima consultazione 07/2008 2. Flor L, Bonetti A M, Le cure specialistiche agli immigrati in ambiente ospedaliero, Tendenze Nuove, 2007/1: 65-76 3.

Dettagli

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana?

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana? III Convention Nazionale per le UU.OO di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell'assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale

Dettagli

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Maria Chiara Rossi Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Gioberti, 47 Viareggio (LU) Telefono 0584-942366 - 3280879539 E-mail m.rinaldi@usl1.toscana.it

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara

Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane. Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Nursing Sensitive Outcomes: prospettive internazionali ed esperienze italiane Dr. Annamaria Ferraresi Az. Ospedaliero Universitaria di Ferrara Le fasi del processo di assistenza ACCERTAMENTO DIAGNOSI OBIETTIVI

Dettagli

La crisi morde la salute dei bambini

La crisi morde la salute dei bambini Intervista a Mario De Curtis, Ordinario di Pediatria dell' Università di Roma Sapienza La crisi morde la salute dei bambini I figli di madri straniere più a rischio di parto prematuro anche per carenza

Dettagli

Linee guida e formazione in Day Surgery

Linee guida e formazione in Day Surgery Linee guida e formazione in Day Surgery Azienda Ospedaliero-Universitaria Udine Day Surgery Direttore: Dott. Luigi Conte Responsabile Infermieristica: Mariuccia Rizzuto Page 1 Day Surgery Gastro-enterologia

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA MEDICINA NARRATIVA IN CARDIOLOGIA

APPLICAZIONE DELLA MEDICINA NARRATIVA IN CARDIOLOGIA Azienda Sanitaria Firenze APPLICAZIONE DELLA MEDICINA NARRATIVA IN CARDIOLOGIA Federica Biondi Ilaria Sarmiento www.ilariasarmiento.it/materiali COMUNICAZIONE E ADERENZA TERAPEUTICA Comprensione del pz

Dettagli

Humanitas Cancer Center

Humanitas Cancer Center Humanitas Cancer Center Stefano Cazzaniga Modelli di assistenza ospedaliera per intensità di cure 30 marzo 2012 Contenuti Istituto Clinico Humanitas Modello operativo Humanitas Cancer Center Istituto Clinico

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE

METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE Insegnamento: RICERCA INFERMIERISTICA E OSTETRICA Crediti Formativi (CFU) 9,5 Moduli METODOLOGIA DELLA RICERCA ONCOLOGIA MEDICA STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE Coordinatore: Prof.ssa Cecilia Sironi

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Clinical Governance Medicina Patient Oriented

Clinical Governance Medicina Patient Oriented Clinical Governance Medicina Patient Oriented Dr. Mario Felici Resp. U.O. Medicina Interna e Geriatria Osp. S. Donato USL 8 Arezzo Perché parlare di Clinical Governance e Medicina Patient Oriented? In

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Scarzello Giovanni Telefono 0498212960 Fax 0498212958 E-mail Nazionalità giovanni.scarzello@ioveneto.it g.scarzello@unipd.it Italiana

Dettagli

Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico

Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico Reti Oncologiche Regionali. La centralità del paziente oncologico Roma 29 Settembre 2009 Ruolo centrale della Oncologia Medica e del Dipartimento Oncologico Vittorina Zagonel U.O.C. Oncologia e Dipartimento

Dettagli

Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015

Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015 Igiene delle mani il biglietto da visita di una sanità più sicura Bologna, 5 maggio 2015 Progetto pilota Joint Commission per migliorare l igiene delle mani nell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Il percorso Joint Commission International. Residenza Valle dei Laghi Il cammino verso l Eccellenza

Il percorso Joint Commission International. Residenza Valle dei Laghi Il cammino verso l Eccellenza Residenza Valle dei Laghi Il cammino verso l Eccellenza 10 maggio 2012 Aula C229 Università Carlo Cattaneo- LIUC Castellanza (VA) Il percorso Joint Commission International Le motivazioni: il modello JCI

Dettagli

See and Treat infermieristico in DEA

See and Treat infermieristico in DEA See and Treat infermieristico in DEA Analisi proattiva dell errore umano e delle vulnerabilità di sistema Monica Giusti, Giovanni Becattini, Stefano Bambi Azienda Sanitaria Fiorentina - Firenze Azienda

Dettagli

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011 Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento Date Anno 2011 Partecipazio ne al Corso Aziendale ECM Funzioni e compiti del Coordinatore Infermieristico Partecipazione al Corso Aziendale

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario

quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario Sicurezza dei pazienti e qualità: quale progettazione organizzativa negli ospedali Massimiliano Raponi Direttore Sanitario La cornice per la Qualità Coinvolgimento dei pazienti e della popolazione avversi

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

Distanza dal Pronto Soccorso pediatrico e visite non urgenti in Friuli Venezia Giulia

Distanza dal Pronto Soccorso pediatrico e visite non urgenti in Friuli Venezia Giulia Distanza dal Pronto Soccorso pediatrico e visite non urgenti in Friuli Venezia Giulia Francesca Valent, Anna Busoilin Servizio Epidemiologia e Flussi Informativi Direzione Centrale Salute, Integrazione

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE

RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE RELAZIONE TRIMESTRALE ATTIVITA DI CLINICAL RISK MANAGEMENT - IV TRIMESTRE ott - dic 2013 1 In linea con quanto indicato nel Piano di Previsione delle attività di Clinical Risk Management relative all anno

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015 MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA www.maxerconsulting.com Luglio 2015 INDICE Profilo Aree di competenza Pharma Specific Comunicazione Process & Change Management Progetti identitari Programmi

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007)

CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) CV Elisabetta Flora Olga Trinchero (Aggiornato 4/12/2007) DATI ANAGRAFICI Nome e Cognome Elisabetta Flora Olga Trinchero Data e luogo di nascita 20 Gennaio 1969, Genova Residenza Milano Nazionalità Italiana

Dettagli

SOGGIORNI ALL ESTERO BORSE DI STUDIO E PREMI. Massimo Federico è nato a Taviano (Lecce) il 21/9/1950.

SOGGIORNI ALL ESTERO BORSE DI STUDIO E PREMI. Massimo Federico è nato a Taviano (Lecce) il 21/9/1950. CURRICULUM VITAE ed ATTIVITÀ SCIENTIFICA e CLINICO ASSISTENZIALE del Prof. MASSIMO FEDERICO Massimo Federico è nato a Taviano (Lecce) il 21/9/1950. Ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso

Dettagli

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia

Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Le infezioni post operatorie nel paziente chirurgico Vicenza, 27 febbraio 2009 Soluzioni, standard di sicurezza e sorveglianza in chirurgia Giuseppe Murolo, MD Ministero del Lavoro, della Salute e delle

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Daliento Luciano Via Ognissanti 65.35129 Padova Telefono +39 3389391942 Fax +39 049 8211802 E-mail Luciano.daliento@unipd.it

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo?

GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI. Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? GESTIONE DEL RISCHIO: METODO E STRUMENTI Obiettivo: Descrivere la metodologia per la gestione del rischio clinico. Con quale metodo? Premessa indispensabile alla tematica di gestione del rischio è il COINVOLGIMENTO

Dettagli

Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio

Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio Indirizzi per l attuazione della sanità d iniziativa a livello territoriale e per la gestione dei percorsi territorio ospedale territorio Premessa Il Piano Sanitario Regionale (PSR) 2008-2010, alla luce

Dettagli

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA

CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Regione del Veneto CURE SIMULTANEE IN ONCOLOGIA Vittorina Zagonel Dipartimento di Oncologia Clinica e Sperimentale Oncologia Medica 1, IOV-IRCCS, Padova CURE SIMULTANEE Integrazione tra le terapie oncologiche

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l Esame di Laurea, lo Studente deve aver seguito tutti

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GUALTIERO WALTER RICCIARDI L.go Francesco Vito.1 00168 Roma Telefono 06/35019534 Fax 06/35019535

Dettagli

LA GOVERNANCE INTEGRATA

LA GOVERNANCE INTEGRATA XXIX Congresso Nazionale SIFO 2008 Napoli,12-15 ottobre 2008 Funzioni clinico Assistenziali nell area critica LA GOVERNANCE INTEGRATA l esperienza della APSS di Trento Giovanni M. Guarrera Unità per la

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso la Scuola per Infermieri Professionali di Ferrara 1994

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI

ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI C U R R I C U L U M V I T A E D I A L E S S A N D R O M A R I O G I O V A N N I G H I R A R D I N I 1. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALESSANDRO MARIO GIOVANNI GHIRARDINI VIA GATTESCHI,52 Telefono

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE

ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE 2015 ETICA PROFESSIONALE E COMUNICAZIONE Federazione Logopedisti Italiani Il presente documento è stato approvato dalla Direzione Nazionale della Federazione Logopedisti Italiani il 30 Novembre 2014. Tali

Dettagli

#ars4integrity. l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro. Andrea Vannucci, Giacomo Galletti

#ars4integrity. l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro. Andrea Vannucci, Giacomo Galletti #ars4integrity l Osservatorio per la Qualità e l Equità per un sistema sociosanitario pubblico e integro Andrea Vannucci, Giacomo Galletti Osservatorio Qualità ed Equità Agenzia regionale di sanità della

Dettagli

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti

Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale. Ugo Moretti Errori medici: Progetto Regionale per ridurre gli eventi avversi in ospedale Ugo Moretti 1. Adverse events Adverse event Any abnormal sign, symptom, or laboratory test, or any syndromic combination of

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

Nel Presente le radici del Futuro l integrazione Ospedale e Territorio

Nel Presente le radici del Futuro l integrazione Ospedale e Territorio Nel Presente le radici del Futuro l integrazione Ospedale e Territorio Infermieristica e Cure Intermedie: l esperienza dell Ausl di Imola a cura di Davide Carollo Cure Intermedie presupposti Nelle organizzazioni

Dettagli

NVivo 7 Workshop July 14th 2007 presso International Institute of Qualitative Methodology IIQM, University of Alberta, Edmonton, AB, Canada.

NVivo 7 Workshop July 14th 2007 presso International Institute of Qualitative Methodology IIQM, University of Alberta, Edmonton, AB, Canada. Luca Ghirotto, Ph.D. Formazione accademica 2008 Curriculum scientifico, professionale e formativo Dottorato in Scienze della Cognizione e della Formazione, conseguito il 10/12/08 presso il Dipartimento

Dettagli

Conferenza annuale per la salute mentale Brescia, lunedì 16 dicembre 2013 L esperienza degli UFE nel Dipartimento di salute mentale di Trento

Conferenza annuale per la salute mentale Brescia, lunedì 16 dicembre 2013 L esperienza degli UFE nel Dipartimento di salute mentale di Trento Conferenza annuale per la salute mentale Brescia, lunedì 16 dicembre 2013 L esperienza degli UFE nel Dipartimento di salute mentale di Trento Renzo De Stefani & Maurizio Capitanio Un caro saluto ai presenti

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

Addestramento dei pazienti e dei famigliari. Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A.

Addestramento dei pazienti e dei famigliari. Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A. Addestramento dei pazienti e dei famigliari Susan Craig Servizio Infermieristico Baxter S.p.A. NUTRIZIONE ARTIFICIALE DOMICILIARE OBIETTIVO: MASSIMO BENEFICIO PER IL PAZIENTE IL MINIMO DELLE COMPLICANZE

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE

REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO Via Nazionale, 74 Cap. 24060 Telefono 035.979082 Fax 035.979222 e-mail: info@comu.pianico.bg.it REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Dettagli