Introduzione LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO"

Transcript

1 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32, 2, LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO Mauro Di Lorenzo, Matteo Lancini, Chiara Suttora, Tommaso Emanuele Zanella Introduzione La tecnologia e il virtuale attualmente non rappresentano più solamente una opportunità o un possibile mezzo, ma un vero e proprio mondo da cui è molto difficile prescindere; nello scenario che ci si trova ad affrontare la tecnologia enfatizza la costruzione e lo scambio di significati, la produzione di senso, l interazione sociale, la costruzione dell identità e la negoziazione dei contenuti simbolici (Ferri 2010). Secondo una recente ricerca i bambini della attuale generazione sarebbero in grado di interagire correttamente con un computer (accendere, puntare con il mouse, giocare) prima ancora di essere in grado di nuotare, andare in bicicletta o allacciarsi le scarpe (AVG, Digital Skills Study 2010). La tecnologia non è pertanto più interpretabile come uno strumento neutro, ma è diventata un ambiente da abitare, un estensione della mente umana, un mondo virtuale che si intreccia con il mondo reale e che determina vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive e relazionali. Attraverso lo sviluppo della tecnologia si diffondono di continuo oggetti culturali nuovi e costantemente in evoluzione, capaci di ridisegnare il mondo, di ristabilire il concetto di distanza e la nozione di tempo, di consentire nuove forme di incontro. Una vera e propria rivoluzione, non solo psicologica e sociale, ma probabilmente anche antropologica sta coinvolgendo l uomo del terzo millennio, definito homo tecnodigitalicus (Cantelmi 2010). Non possiamo più parlare di preoccupazioni per il futuro rispetto a desiderati o temuti cambiamenti comunicativi ed espressivi, poiché il cambiamento è già avvenuto e la natura umana si è già modificata, così come si sono modificate le leggi che guidano le relazioni. Come sostiene Galimberti (1999) si può scegliere di vivere o di rimanere in disparte rispetto alla tecnologia, ma la scelta è obbligata dal momento che non si è più di fronte ad un mezzo, ma un vero e proprio mondo. Tali trasformazioni acquisiscono un importanza specifica per gli adolescenti in quanto internet consente loro di proiettarsi nel mondo reale, non solo in quello virtuale e di stabilire con esso una relazione capace di avere un impatto anche nella realtà. Per gli adolescenti alle prese con i compiti di sviluppo e con la battaglia evolutiva che devono affrontare per crescere, internet rappresenta un terreno ideale per la trasposizione virtuale di punti di vista, sogni, desideri, ma anche disagi e problematiche esistenziali (Biolcati 2010). SOTTOMESSO APRILE 2013, ACCETTATO SETTEMBRE 2013 Giovanni Fioriti Editore s.r.l. 101

2 Il concetto di internet addiction Mauro Di Lorenzo et al. Nella letteratura scientifica è possibile individuare una netta divisione rispetto a come viene valutato l utilizzo di internet da parte dei ragazzi. Da un lato vi è un entusiasmo finanche eccessivo, una visione che considera questi strumenti come una strada irrinunciabile verso il futuro; dall altro il sospetto nei confronti di un mondo parallelo virtuale e pertanto irreale, percepito come potenzialmente minaccioso. Attardi (2001) parla di Tecno-Pessimisti vs Tecno- Ottimisti. Esistono in effetti filoni di ricerca sulle modalità di fruizione della rete che sottolineano un associazione positiva tra uso di internet e livello di interazione sociale (Katz et al. 2001), un miglioramento nella vita relazionale (familiare e amicale) grazie alle mail (Uslander 2000), la possibilità di consolidare precedenti rapporti e crearne di nuovi (Gross 2004), con un conseguente effetto benefico sul piano personale e sociale (Leung e Wei 2000, Mathews 2004). Non mancano tuttavia studi che al contrario sottolineano problematiche psicologiche collegate all uso della rete, dal momento che, come ogni contesto di vita e di crescita, anche internet non è immune da rischi. Ad esempio la stessa funzione di ricerca di informazioni su internet costituirebbe un fattore di rischio rispetto allo sviluppo di condotte disfunzionali, potendo esercitare un influenza altamente negativa sugli atteggiamenti che i ragazzi assumono nei confronti delle sostanze psicoattive, tanto che il 100% del campione di una ricerca, costituito da adolescenti consumatori di sostanze, prima di sperimentarle avrebbe cercato su internet informazioni minimizzanti rispetto ai rischi, oltre che suggerimenti relativi alle modalità di consumo (Boyer et al. 2005). Negli ultimi anni i ricercatori hanno provato ad inquadrare da un punto di vista nosografico l utilizzo esasperato della rete. Vari studi pionieristici hanno portato al centro del dibattito internazionale la possibilità di definire una nuova forma di psicopatologia che renda conto delle problematiche connesse all uso della rete: l Internet Addiction Disorder (IAD) (Griffith e Young 1996). Nel 1996 lo psichiatra americano Ivan Goldberg propose di introdurre una nuova categoria diagnostica, l Internet Addiction Disorder (IAD) e stabilì dei criteri diagnostici per questo disturbo adattando quelli proposti dal DSM-IV per effettuare diagnosi di dipendenza da sostanze. Tale proposta è stata maggiormente strutturata da Griffiths (1998) che ha proposto sei caratteristiche fondamentali per parlare di IAD: dominanza dell attività virtuale nella sfera cognitiva, affettiva e comportamentale, alterazioni del tono dell umore, tolleranza, sintomi di astinenza, conflitti e ricadute rispetto all utilizzo. È tuttavia Kimberly Young (1996, 1998) che porta l Internet Addiction Disorder al centro del dibattito scientifico, spostando il riferimento diagnostico dalle problematiche relative alle sostanze a quelle riscontrabili nei problemi di gioco d azzardo patologico (GAP) e di fatto collocando la dipendenza da internet all interno dei disturbi legati al controllo degli impulsi. I criteri proposti dalla Young per la diagnosi di IAD riguardano fondamentalmente l utilizzo eccessivo della rete (coinvolgimento eccessivo ed eccedente rispetto al previsto, bisogno di passare quantità di tempo sempre maggiori in rete, tentativi di controllare, ridurre o interrompere l uso di internet, reazioni di irritabilità o irrequietezza a seguito dell interruzione della navigazione online) e ricadute negative sul versante personale e relazionale legate ad esso (mettere a repentaglio e perdere una relazione significativa o una occasione scolastica o lavorativa, mentire a figure significative per occultare il proprio coinvolgimento nell uso di internet, utilizzare la rete 102 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

3 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia per sfuggire ai problemi o alleviare stati emotivi negativi). Un ulteriore elemento rilevante per la concettualizzazione e la diagnosi di IAD sono gli stati emotivi connessi all esperienza soggettiva di perdita di controllo (Shapira et al. 2000). D altronde sebbene il termine addiction oggi non riguardi più soltanto il riferimento specifico alle sostanze, l accento che spesso viene posto su tale definizione riguarda in particolare la perdita di controllo del comportamento associata a conseguenze negative a livello personale e relazionale. Caretti e La Barbera (2001), modificando in parte la proposta della Young (1998), individuano differenti forme di internet addiction, che rendono conto di come l IAD rimanga un termine molto generico che comprende un enorme varietà di problematiche spesso costruite avendo in mente i comportamenti di soggetti adulti: gioco d azzardo compulsivo online, dipendenza da cybersesso, da cyber-relazioni, da giochi di ruolo online, dalla ricerca spasmodica di informazioni (information overload), trading e shopping online compulsivo. L aspetto caratteristico dello spettro di disturbi legati all uso problematico e patologico di internet è caratterizzato dalla sostituzione della realtà con una realtà mediatica e della saturazione dei bisogni emotivi attraverso esperienze virtuali. In entrambi i casi il pericolo principale è che internet diventi la parte centrale (non una parte) della vita, non il mezzo ma il fine, perdendo la capacità di negoziare con le difficoltà identitarie e relazionali che la realtà propone. Le voci più allarmate vedono quindi internet come un rifugio della mente, un attitudine così regolare da non essere più un involucro transitorio, ma assomigliare piuttosto a uno stile di vita segnato dalla dipendenza, per cui il soggetto può anche giungere ad abitare un mondo onirico o fantastico che trova preferibile al mondo reale (Steiner 1996). Nel corso degli anni si sono accumulate in letteratura diverse proposte ed etichette diagnostiche che hanno sicuramente contribuito a spostare il focus delle ricerche empiriche sulle problematiche legate all uso di internet, ma hanno anche contribuito a creare una situazione di babele diagnostica. Cantelmi (2000) conta fino a 25 definizioni diverse di internet addiction: Internet Dependency (Scherer 1997), Compulsive Internet Use (Greenfield 1999), Compulsive Computer User (Potenza e Hollander 2002), Retomania (Cantelmi 1999) sono solo alcuni esempi della moltitudine di definizioni proposte. Le denominazioni più usate e approvate sono comunque Internet Addiction Disorder (IAD) e Pathological Internet Use (PIU). L internet addiction è un termine ancora controverso ma che definisce un interazione eccessiva con la rete connotata da un rapporto di dipendenza e dominanza, al quale si accompagnano modificazioni dell umore, fenomeni di tolleranza, astinenza, conflitto e rischio di ricadute (Griffiths 1998), al pari di altre dipendenze, in particolare quelle da sostanze psicoattive. Attualmente non esistono ancora criteri universalmente condivisi per la diagnosi di internet addiction, e la sua collocazione specifica sull asse delle psicopatologie resta altrettanto incerta. Il dubbio riguarda se sia da considerarsi più come un disturbo da dipendenza o come una forma da mancato o cattivo controllo degli impulsi (anche se in realtà spesso le due dimensioni coesistono nello stesso soggetto). Per Griffiths, ad esempio (1998), le dipendenze tecnologiche condividono aspetti centrali con altri problemi di dipendenza: dominanza dell agito sul pensiero e sui sentimenti, alterazione Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 103

4 Mauro Di Lorenzo et al. del tono dell umore, astinenza, tolleranza, conflitti con persone significative e ricadute a fronte di tentativi di smettere. Sono presenti due contrapposte tendenze: da un lato si riconosce che si cerca di utilizzare categorie psicopatologiche per spiegare fenomeni nuovi che nascono dall interazione tra uomo e mondo virtuale senza considerare che è l uomo in primis che sta cambiando (Cantelmi 2000); dall altro si corre il rischio, di fronte a fenomeni emergenti, di etichettare con termini nuovi, talvolta tautologici, fenomeni psichici e psicopatologici nuovi solo nell aspetto superficiale ma antichi a livello profondo (La Barbera 2005). È inoltre sempre più difficile, date le trasformazioni culturali relative all utilizzo della tecnologia, discriminare in modo chiaro quando si ha a che fare con una nuova patologia, o quando al contrario si è di fronte ad un effetto di amplificazione delle patologie già esistenti proprio attraverso i nuovi mezzi di comunicazione (Cantelmi 1999). È sicuramente possibile andare anche oltre al dubbio se si tratti di una patologia che nasca con internet o dentro internet dal momento che l aspetto importante è il dato di fatto che per alcune persone la rete diventa una perfetta e diabolica soluzione (Nardone e Cagnoni 2002) Secondo alcuni l IAD sarebbe un fenomeno temporaneo destinato ad esaurirsi in modo spontaneo (Widymanto e McMurran 2004), tanto che Wallace parla di malattia dei novellini caratterizzata da un iniziale entusiasmo per il nuovo mondo virtuale da parte dei nuovi utenti che ne rimangono incantati, ma che poi si ridimensiona spontaneamente (Grohol 1999). Si potrebbe parlare di short addiction dal momento che il soggetto stesso critica l infatuazione dopo che si è risolta, ma rappresenta comunque un segnale d allarme proprio perché indice di una vulnerabilità soggettiva a dinamiche additive (La Barbera 2005). Al di là degli aspetti evidenziati, l IAD è una problematica legata ad un uso disfunzionale di internet che provoca sofferenze relazionali e sociali (Cantelmi e Carpino 2005) ed è pertanto indispensabile porsi la questione della capacità di diagnosticare e intervenire in modo clinicamente efficace. Tali considerazioni devono però prendere le distanze da un approccio patologizzante, alla luce della straordinaria diffusione di Internet, specie tra i nativi digitali: la già citata rivoluzione tecnologica, infatti, potrebbe aver comportato una diminuzione della validità del costrutto stesso di IAD, quasi a configurare una nuova normalità. Il presente lavoro si prefigge, tra gli altri, lo scopo di studiare l esistenza e l ampiezza di questo cambiamento. Gli strumenti diagnostici a disposizione A partire dalle molteplici definizioni di IAD, i ricercatori hanno sviluppato diversi strumenti, sotto forma di questionari, per la valutazione delle problematiche connesse ad internet, che tuttavia ripropongono la medesima mancanza di unanimità. A fronte di una vaghezza rispetto alla definizione e ai criteri diagnostici di questo disturbo, ne consegue una corrispettiva confusione relativa agli strumenti diagnostici a disposizione del clinico per identificare tali problemi. I diversi strumenti, come ci si può aspettare, privilegiano di volta in volta una delle varie sottodimensioni del fenomeno, e molti non hanno ancora raggiunto un adeguato livello di validità e attendibilità (Chang e Man Law 2008). Lo strumento attualmente più utilizzato a livello mondiale è l Internet Addiction Test (IAT; 104 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

5 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Young 1998, Chang e Man Law 2008), un questionario di 20 item finalizzato alla valutazione dell uso eccessivo della rete in diversi ambiti di funzionamento. In particolare sono state individuate tre dimensioni valutate dallo IAT: ritiro problemi sociali, gestione del tempo performance e sostituzione della realtà. Per quanto riguarda la realtà italiana, lo strumento più diffuso è l Uso, Abuso e Dipendenza da Internet (UADI; Del Miglio et al. 2001) che valuta il rischio di sviluppare un abuso di internet, la componente psicologica connessa all uso della rete da parte degli utenti e alcune variabili psicopatologiche correlate a tale utilizzo eccessivo. Nel 2005 è stata inoltre proposta una versione dell UADI per adolescenti che ha ridotto gli item a 27 e modificato leggermente le dimensioni indagate dallo strumento (Baiocco et al. 2005). Tabella 1. Strumenti diagnostici per l Internet Addiction Disorder Autore Strumento Dimensioni Goldberg (1996) Brenner (1997) Young (1998) Young (1998) Lin, Tsai (1999) Kappeller, Thomas (1999) Internet Addiction diagnostic criteria Internet-Related Addictive Behavior Inventory (IRABI) Young Diagnostic Questionnaire (YDQ) Internet Addiction Test (IAT) Internet Addiction Scale for Taiwanese high school students (IAST) Internet Addiction Questionnaire (IAQ) Sintomi mutuati dal DSM-IV (gioco d'azzardo patologico) Uso eccessivo di internet Impatto di internet su: prestazioni scolastiche o lavorative, relazioni interpersonali, livello di stress, alterazioni dell'umore, ritiro sociale Ritiro - problemi sociali, gestione del tempo - performance, sostituzione della realtà Tolleranza, uso compulsivo e ritiro, problemi familiari sociali e di salute, problemi interpersonali ed economici, negazione Variabili cognitive, affettive e comportamentali dell'abuso di internet Morahan-Martin, Schumacher (2000) Pathological Internet Use Scale (PIUS) Sintomi mutuati dal DSM-IV (gioco d'azzardo patologico) Caplan (2002) Davis (2002) Clark (2004) Nichols, Niki (2004) General Problematic Internet Use Scale (GPIUS) Online Cognitive Scale (OCS) Internet Consequences Scale Internet Addiction Scale (IAS) Alterazioni dell'umore, percezione di benefici sociali, conseguenze negative, uso compulsivo, tempo eccessivo, ritiro, percezione di controllo Diminuzione del controllo degli impulsi, solitudine, distrazione e benessere sociale Conseguenze fisiche, comportamentali e psicosociali Sintomi mutuati dal DSM-IV-TR (gioco d'azzardo patologico) Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 105

6 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 1. Continua Marcucci (2004) Chen (2005) Del Miglio (2005) Baiocco et al. (2005) Koh (2007) Cantelmi, Talli (2007) Ceyhan (2007) Demetrovics (2008) Meerker et al. (2009) Internet Trap Test (ITT) Chen Internet Addiction Scale (CIAS) Uso, Abuso e Dipendenza da Internet (UADI) Uso, Abuso e Dipendenza da Internet -2 (UADI-2) - versione per adolescenti K-Scale for Internet Addiction Internet-Related Psychopathology Assessment (IRP-AS) Problematic Internet Usage Scale (PIUS) Problematic Internet Use Questionnaire (PIUQ) Compulsive Internet Use Scale (CIUS) Dipendenza (tolleranza, astinenza, impatto sulla vita reale, ipercoinvolgimento), impulsività (frustrazione, aggressività, rimorsi, pentimenti) e schizoide (difficoltà relazionali, isolamento) Uso compulsivo, ritiro, tolleranza, problemi interpersonali, gestione del tempo Dipendenza, dissociazione, sperimentazione, impatto sulla vita reale Compensazione, dissociazione, impatto sulla vita reale, identità e sessualità Interruzione della vita quotidiana, aspettative positive, deviazioni dal comportamento consueto, tolleranza/ resistenza, preferenza delle relazioni virtuali su quelle reali, difficoltà a distinguere realtà e virtuale, ritiro. Tempo speso online, tipo di attività, grado di coinvolgimento, rischio di tolleranza e dissociazione, motivazioni all'uso Conseguenze negative, benefici / benessere sociale, utilizzo eccessivo Ossessione (es. fissazione patologica su internet, ansia, depressione), trascuratezza, deficit di controllo Utilizzo compulsivo di internet Punti critici degli strumenti a disposizione A fronte di questa vasta gamma di strumenti a disposizione, occorre tenere presenti alcune considerazioni critiche, specie rispetto al loro utilizzo in adolescenza. È bene ricordare che si tratta generalmente di questionari somministrati e compilati online: tale impostazione è soggetta a critiche (Cantelmi 2007) in quanto difficilmente soddisfa criteri di significatività scientifica perché internet non costituisce più un setting neutro (le persone anzi tendono ad esacerbare le proprie problematiche) e perché l elevato tasso di abbandono della compilazione dello strumento nel corso della somministrazione stessa rende difficile la selezione di un campione casuale. Emerge inoltre una pressoché completa mancanza di strumenti costruiti ad hoc per gli adolescenti. Nelle ricerche condotte finora in età evolutiva, infatti, i ricercatori hanno utilizzato questionari creati per un utente generico, spesso un adulto, ma comunque finalizzati a rilevare comportamenti di consumo, problematiche personali e relazionali e ricadute sul funzionamento adattivo tipiche di tale fase del ciclo di vita. Solo in rari casi sono stati utilizzati test specifici 106 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

7 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia per soggetti in età evolutiva che non rappresentino versioni ridotte o adattate degli strumenti usati con gli adulti. Se tale aspetto è un punto critico di molti strumenti psicodiagnostici, nati per la popolazione adulta e adattati a quella adolescenziale e/o infantile, nel caso dell internet addiction questo può rappresentare un problema insanabile, anche tenendo in considerazione che i criteri diagnostici del DSM-IV-TR relativi ai disturbi legati all uso e all abuso di sostanze (presi come punto di riferimento da molti autori nella concettualizzazione e nell operazionalizzazione dell uso patologico di internet) sono stati sin dalla pubblicazione del manuale diagnostico oggetto di numerose critiche nella loro applicazione in età evolutiva. Basti pensare che uno dei criteri fondamentali nella valutazione della dinamica delle addiction (IAD compresa), la tolleranza, è particolarmente problematico quando viene applicato al soggetto adolescente, dal momento che non si fa riferimento al periodo di tempo che deve trascorrere perché venga soddisfatto ed è arduo sostenere che un lasso di tempo possa avere la stessa valenza se considerato nella valutazione di un adulto o di un adolescente (Martin et al. 2008). Le trasformazioni psicofisiche cui va fisiologicamente incontro l adolescente, possono inoltre contribuire a far variare di molto e in tempi anche brevi la sensibilità agli stimoli virtuali, senza che ciò sia ascrivibile ad una progressiva problematicità di utilizzo di internet. Le difficoltà di concettualizzazione e di definizione operativa di criteri condivisi per l IAD e conseguentemente nella costruzione di strumenti diagnostici condivisi e sensibili dal punto di vista evolutivo si riverberano altresì nella notevole disparità dei tassi di incidenza dei disturbi riguardanti l uso di internet, che variano notevolmente a seconda del campione e degli strumenti utilizzati. I dati riportati da ricerche italiane sulla percentuale di adolescenti problematici che rischiano di sviluppare un rapporto altrettanto problematico con internet in termini di dipendenza, sono circa il 12%, mentre lo 0,8% rientrerebbe nella categoria degli abusatori mediatici, o retomani e si connoterebbero come affetti da un iper-coinvolgimento ritualistico nei confronti di internet, scarso controllo degli impulsi, necessità di aumentare il tempo da trascorrere davanti al pc, crisi di astinenza, incapacità sociale, insorgenza di problemi medico-legali annessi. Si tratta in particolare di ragazzi con problematiche psicologiche che riguardano prevalentemente il vissuto corporeo, l immagine di sé e una profonda fragilità narcisistica (Vallario 2008). In Europa risultati simili sono stati riscontrati in Grecia - dove il tasso di IA tra gli adolescenti è sempre del 1% (Tsitsika et al. 2009) in Norvegia (2% addicted; 9% a rischio; Johansson e Gotestam 2004) e in Olanda (4,2% di soggetti problematici; Van den Eijnden et al. 2009). La variabilità dei risultati delle ricerche si amplia invece notevolmente prendendo in esame i risultati provenienti dai paesi asiatici, dove si oscilla tra un risultato del 2,4% di una ricerca cinese effettuata su un campione di 2620 adolescenti (12-18 anni; Cao e Su 2006), simile dunque a quello italiano, e al contrario il dato 12,2%-26,6% di un indagine effettuata a Taiwan (Yen et al. 2009) su 8941 giovani. Fattori di rischio nello sviluppo dell IAD In una prospettiva di psicopatologia evolutiva è importante identificare i fattori che possono influenzare la traiettoria dello sviluppo sul versante dell adattamento (fattori di protezione) Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 107

8 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 2. Ricerche sulla prevalenza dell Internet Addiction Disorder in adolescenza Autori Campione Strumento Nazione Età Numerosità Prevalenza IAD (%) Lin & Tsai (1999) Adolescenti 615 IAST Taiwan 10,00% Chou & Hsiao Giovani adulti (2000) 910 IRABI Taiwan 5,90% Centro Psiche 0,80% (+12,1 a IAT Italia Latina ( ) rischio) Johansson & 1,90% (+8,7 a YDQ Norvegia Götestam (2004) rischio) Ko et al. (2005a) CIAS Taiwan 15,80% Ko et al. (2005b) CIAS Taiwan 19,80% Cao & Su (2006) YQD Cina 2,40% Pallanti et al. (2006) 16,67 (media) 275 IAT Italia 5,40% H. Li et al. (2008) GPIU Cina 13,60% Tsitsika et al. (2009) 15,21 (media) 897 IAT Grecia 1,00% Jang et al. (2008) 13,90 (media) 912 IAT Corea del Sud 4,30% Yen et al. (2009) 14,17 (media) 8941 CIAS Taiwan 12,20-26,60% Ko et al. (2009) 12,36 (media) 2293 CIAS Taiwan 10,80% Van den Eijnden et al. (2009) CIUS Olanda 4,20% Fu et al. (2010) IAT Hong Kong 6,70% o della psicopatologia (fattori di rischio) e dell interazione tra di essi. Oltre ad identificare i criteri diagnostici più sensibili per l IAD, la ricerca si è rivolta alla rilevazione dei diversi fattori, soggettivi e ambientali, che influiscono sulla possibilità di sviluppare comportamenti disfunzionali connessi all uso di internet in adolescenza. Si evidenzia, ad esempio, una maggior prevalenza del disturbo nella popolazione maschile, dal momento che i ragazzi sembrano più dediti ad attività virtuali ad alto gradiente additivo, come i giochi di ruolo, il gioco d azzardo e il sesso virtuale (Morahan-Martin 2000). La maggiore vulnerabilità di genere risulta in accordo con quella rilevata da diversi studi sull abuso di sostanze (Mueser et al. 1990, Brunette et al. 1997, Ibanez et al. 2000, Chou e Hsiao 2000, Ko et al. 2005, Chen et al. 2003, Siomos et al. 2008, Tsai et al. 2009, Bakken et al. 2008). Inoltre, se nei maschi è maggiore la prevalenza di patologia (PIU: Pathological Internet Users), nelle femmine è superiore la percentuale di chi mostra un livello di gravità intermedia (MIU: Maladaptive Internet Users). Oltre al genere diversi studi dimostrano una correlazione negativa tra età e IAD: i più giovani sarebbero maggiormente vulnerabili a questa patologia (Tonioni et al. 2011, Khazaal et al. 2008, Ha et al. 2007, Yang e Tung 2007, Cheng e Peng 2008, Kandell 1998, Chou e Hsiao 2000). 108 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

9 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Risulta importante prendere in considerazione, inoltre, la quantità di tempo trascorso online (Kim e Haridakis 2004). È coerente ipotizzare che gli Internet-addicted trascorrano in media molte ore in rete, come suggerito da diversi studi pubblicati a sostegno di tale intuizione (Young 1998, Widyanto e McMurran 2004, Leung 2004, Chou e Hsiao 2000, Dowling e Quirk 2009). Un soggetto dipendente da Internet può rimanere connesso da 40 a 80 ore alla settimana, con sessioni che possono durare anche 20 ore consecutive (Young 1998, Greenfield 1999). Un livello di 39 ore settimanali per finalità non scolastiche e/o lavorative è ritenuto un possibile cut off che segnala un utilizzo problematico (Young 1998), ma non esistono ancora dati unanimemente accettati circa la variabile tempo di utilizzo. Alcuni autori propongono una media di 20 ore settimanali come cut off clinico (contro le 9 ore medie degli utenti non dipendenti) mentre altri preferiscono indicare in 3,89 ore giornaliere la media di connessione per soggetti con PIU e 3,27 per utenti MIU (Chou e Hsiao 2000, Durkee et al. 2012). Rispetto a specifiche caratteristiche di personalità, sono state rilevate associazioni tra IAD e ostilità o comportamento aggressivo (Yen et al. 2007, 2008; Ko et al. 2007, 2009). Anche la Sensation Seeking è un importante fattore di rischio (Tsai e Lin 2001, Kim e Haridakis 2009, Armstrong et al. 2000), in particolare alcune sue sotto-dimensioni come la disinibizione e la suscettibilità alla noia (Velezmoro et al. 2010). La bassa autostima sembra essere uno dei fattori di rischio più forti (Kim e Davis 2009, Armstrong et al. 2000, Ko et al. 2007, Young e Rogers 1998, Kim e Haridakis 2009) e la fragilità narcisistica in generale appare svolgere un ruolo esplicativo primario nella comprensione dell eziologia del PIU. Anche alti livelli di timidezza sono associati a un moderato aumento del livello di rischio di sviluppare una dipendenza da internet (Caplan 2002, Goulet 2002, Chak e Leung 2004, Yuen e Lavin 2004) sebbene sia interessante osservare che i maschi timidi mostrano nelle relazioni online le medesime difficoltà che riscontrano nelle relazioni reali (Chak e Leung 2004). Gli adolescenti che si sentono soli tentano di superare questa condizione attraverso interazioni sociali online (McKenna e Bargh 2000). Internet ha in questo caso una funzione compensatoria nei confronti dell insoddisfacente sfera relazionale (Papacharissi e Rubin 2000). Un recente studio italiano riporta una correlazione tra IAD e alessitimia (Fiumana et al. 2011) coerentemente con i risultati provenienti dalla ricerca su altre forme di dipendenza, legate a sostanze o a comportamenti, che risultano associate all incapacità di esprimere e riconoscere le proprie emozioni (Ryhakowski et al. 1988, Taylor et al. 1990, Caretti et al. 2005, Parker et al. 2005, Toneatto et al. 2009). Tra i fattori di rischio ambientali, si rileva la correlazione tra livelli di stress e PIU (Lei e Wu 2007, Leung 2007, Li et al. 2009, Yen et al. 2007): l accumulo di stress nell arco del ciclo di vita aumenta il rischio di sviluppare una dipendenza da Internet e in particolare di iniziare ad utilizzare internet per regolare gli stati d animo legati ad una difficoltà di controllo e di gestione dello stress. A questo riguardo è significativa la dimensione temperamentale dell effortful control, definito come la capacità di inibire risposte dominanti e/o di pianificare e di riconoscere gli errori (Rothbart e Bates 2006) che sembra mediare l impatto degli stressor e in particolare la percezione soggettiva degli eventi stressanti, ormai ampiamente riconosciuta come la determinante principale nelle problematiche legate agli stress, più che non l evento in Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 109

10 Mauro Di Lorenzo et al. sé (Velezmoro et al. 2010). Rispetto invece ai fattori di protezione, un locus of control interno può limitare il rischio di sviluppare una dipendenza da Internet (Chak e Leung 2004, Kim e Haridakis 2009). Si tratta di un fattore protettivo molto significativo sul piano empirico ed evidenzia come gli adolescenti capaci di cogliere il proprio ruolo attivo nel muoversi nel mondo, reale o virtuale che sia, risultino in grado di mantenersi entro un utilizzo sano ed efficace di internet, che viene così inteso come risorsa e non come realtà alternativa (Wallace 1999, Turkle 1995). Per quanto riguarda i disturbi psichiatrici una notevole percentuale di soggetti con diagnosi di PIU, che sfiora il 90%, presenta un disturbo diagnosticabile con il DSM-IV-TR in comorbilità (Block 2008). Una co-occorrenza così frequente in particolare con disturbi di Asse I porta alcuni autori a sostenere l inesistenza di una dipendenza da internet, che potrebbe essere semplicemente l espressione specifica di una pregressa psicopatologia (Bell 2009, Shaffer et al. 2000). I disturbi affettivi, e in particolare la depressione, sono le problematiche più frequentemente associata alla dipendenza da Internet (Carli et al. 2012) e tale associazione, supportata da una consistente mole di lavori empirici, è caratteristica soprattutto dell adolescenza (Tsai e Lin 2003, Ha et al. 2006, Kim et al. 2006, Yen et al. 2007, Ha et al. 2007, Ko et al. 2008, Van den Eijnden et al. 2008, Morrison e Gore 2010, Fu et al. 2010, Cheung e Wong 2011). Nei soggetti che presentano un uso problematico di internet, inoltre, sono presenti di frequente ideazioni suicidarie (Fu et al. 2010, Kim et al. 2006). Anche i disturbi d ansia risultano di particolare rilevanza in adolescenza, specie per quanto riguarda il disturbo ossessivo-compulsivo (Ha et al. 2007, Bakken et al. 2009, Xiuqin et al. 2010) e la fobia sociale (Lin e Tsai 2002, Huang e Leung 2009, Yen et al. 2008, Ko et al. 2008) che, sebbene risulti meno determinante nell emergere dell IAD rispetto ad altri disturbi (Ko et al. 2012), è presente comunque nel 15% dei soggetti dipendenti (Bernardi e Pallanti 2009). I problemi connessi all uso di internet sono inoltre frequentemente in comorbidità con disturbi dello spettro esternalizzante come il deficit di attenzione e iperattività (Yoo et al. 2004, Ha et al. 2006, Yen, et al. 2007, Ko et al. 2008, Ko et al. 2009, Bernardi e Pallanti 2009). Metodologia dello studio Obiettivi La presente ricerca è il risultato di un lavoro svolto dalla sezione dipendenze tecnologiche dell Istituto Minotauro di Milano coordinata da Matteo Lancini. La crescente domanda clinica e la volontà di proseguire gli studi sul rapporto tra adolescenti e nuove tecnologie (Lancini e Turuani 2009) sono confluite nel tentativo di approfondire il tema dell internet addiction in adolescenza, di individuare in un campione italiano di adolescenti nativi digitali la percentuale di soggetti a rischio di IAD, di descrivere i loro comportamenti di consumo tecnologico e le loro caratteristiche psicologiche, infine di approfondire le relazioni tra possibili indici di disagio psicologico e livelli di dipendenza da internet. Obiettivi specifici della ricerca sono: migliorare la comprensione dell uso di internet in adolescenza pe verificare se internet può 110 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

11 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia rappresentare un ostacolo o una risorsa nell assolvere i compiti evolutivi fase specifici; analizzare la prevalenza dell Internet Addiction Disorder in un campione di nativi digitali italiani e confrontarla con i dati presenti in letteratura; approfondire il livello di funzionamento degli adolescenti a rischio di PIU e confrontarlo con quello degli adolescenti sani rispetto ad alcuni indicatori di disagio psicologico; verificare la validità e la rilevanza clinica degli strumenti attualmente a disposizione per diagnosticare l Internet Addiction Disorder in adolescenza. Campione Il campione della presente ricerca è costituito da 1483 adolescenti in prevalenza ragazzi (63% maschi; 37% femmine) di età compresa tra i 14 e i 21 anni (M = 15,98; DS = 1,40) e che frequentano istituti secondari di secondo grado di Milano e provincia (36,3% Liceo; 63,7% Istituti Tecnici o Professionali). Per quanto riguarda i licei, il 3,7% del campione è iscritto ad un liceo classico, il 13,4% ad un liceo scientifico, l 11,5% ad un linguistico e il rimanente 7,8% ad un socio-psicopedagogico. Strumenti L indagine è stata condotta attraverso un questionario composto da una prima parte relativa ad aspetti socio-anagrafici e ad aspetti specifici del tipo di utilizzo di internet (finalità di utilizzo, strumenti utilizzati per connettersi, tempo trascorso online, tipologie di account posseduti ecc.). La seconda parte è composta da tre questionari ampiamente validati dalla ricerca empirica. 1. L uso e l abuso di nuove tecnologiche è stato valutato mediante l Internet Addiction Test (Young 1998), il primo test validato, nonché il più utilizzato dalla comunità scientifica, per la diagnosi di IAD: si tratta di un questionario che valuta il grado di influenza di Internet nella routine quotidiana, nella vita sociale, nella produttività, nel ciclo del sonno e nei sentimenti. È composto da 20 item che prevedono una risposta su scala Likert a 5 punti rispetto alla frequenza con cui si verificano determinati comportamenti connessi all utilizzo di Internet per motivi non lavorativi né scolastici. Un punteggio superiore a 70 punti è indice di una dipendenza da Internet conclamata, mentre punteggi tra 40 e 69 punti collocano il soggetto nell area di forte rischio di sviluppo di IAD. I soggetti a rischio manifestano frequenti problematiche dovute all utilizzo delle nuove tecnologie. 2. Il livello di autostima è stato rilevato utilizzando il Test Multidimensionale dell Autostima (Bracken 1992, Bergamini e Pedrabissi 2003), uno strumento autosomministrato per adolescenti sino ai 19 anni. Valuta le diverse dimensioni, individuali e relazionali, afferenti al complesso concetto di autostima: relazioni interpersonali, competenza di controllo dell ambiente, emotività, successo scolastico, vita familiare e vissuto corporeo). È composto da 150 item a quattro possibilità di risposta (da è assolutamente vero a non è assolutamente vero ) 3. Per la rilevazione della psicopatologia sono state valutate le problematiche emotive e comportamentali degli adolescenti utilizzando lo Youth Self Report (Youth Self Report; Achenbach 2001), un questionario di autovalutazione composto da 112 item a tre possibilità di Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 111

12 Mauro Di Lorenzo et al. risposta (0 = Non vero ; 1 = In parte vero ; 2 = Sempre vero ) creato per valutare un ampio spettro di caratteristiche del funzionamento di soggetti tra gli 11 e i 18 anni. Lo Youth Self Report è uno strumento molto utilizzato in ambito clinico e di ricerca e fa parte del più ampio Achenbach System of Empirically Based Assessment (ASEBA). Numerose sottoscale organizzano i risultati del questionario: dall analisi di problematiche legate all internalizzazione (Ansia-Depressione, Ritiro-Depressione, Lamentele somatiche) a problematiche miste (Problemi sociali, Problemi di pensiero, Problemi attentivi); a problematiche legate all esternalizzazione (Comportamento trasgressivo, Comportamento aggressivo); riassunte in un indicatore complessivo delle problematiche totali riportate dall adolescente. Per tutte le scale sono disponibili i punteggi grezzi (ricavabili dalla somma delle risposte del soggetto agli item relativi), i percentili e i punteggi standardizzati espressi in punti T che collocano l adolescente in un range normale (assenza di problemi relativi ad una determinata scala), borderline (problemi superiori alla norma che potrebbero esitare in disturbi conclamati) oppure clinico (che segnala l opportunità di una presa in carico). Analisi Le analisi psicometriche sono state condotte attraverso il software statistico IBM SPSS Statistics versione Le analisi descrittive hanno indagato le caratteristiche socio-anagrafiche del campione, i comportamenti di utilizzo di internet per quanto riguarda gli strumenti utilizzati per connettersi e le finalità di tali connessioni, il numero di ore trascorse online e così via, nonché la prevalenza di adolescenti con Internet Addiction Disorder o a rischio di sviluppare tale disturbo. Le analisi esplorative hanno messo a confronto i risultati dello IAT con diversi indicatori di disagio e psicopatologia (TMA; YSR). Per il confronto tra variabili continue sono state svolte correlazioni di Pearson, regressioni lineari semplici o multiple a seconda nel numero di variabili indipendenti. Per l analisi delle differenze tra medie di gruppi sono state scelte ANOVA a una via oppure ANCOVA per valutare gli effetti di variabili categoriali al netto di altre variabili. Nel corso del presente studio sono stati considerati statisticamente significativi p-value inferiori a 0,05 (α<0,05). Risultati 1. L utilizzo di internet e la prevalenza dell Internet Addiction Disorder Come è possibile osservare nella figura 1 lo strumento tecnologico più utilizzato per accedere ad internet è ormai costituito dai computer portatili come i laptop o i netbook (70,9%), seguiti dal PC fisso (51,9%), dagli Smartphone (48%), dalle Console (27,1%) e infine dai Tablet (15%).I partecipanti alla ricerca trascorrono online in media più di due ore al giorno per finalità non scolastiche in una giornata tipo (M=2,68; DS=2,08); tempo che aumenta oltre le tre ore di connessione in una giornata di vacanza (M=3,19; DS=3,18). La maggior parte degli adolescenti si connette a Internet per utilizzare social network come 112 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

13 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Figura 1. Strumenti di accesso a internet. Valori in percentuale Facebook o Twitter (89%) e per visualizzare/ascoltare musica e/o filmati su Youtube o siti di streaming (88,1%) (vedi figura 2). Anche le finalità di ricerca e di acquisizione di informazioni tramite quotidiani online, motori di ricerca o enciclopedie online (68,4%) e di comunicazione con amici, familiari o sconosciuti tramite chat, , video-chiamate (45,7%) sono ampiamente diffuse. Parte degli adolescenti ricorre a Internet anche per altri scopi: giochi online (32,8%), fare acquisti di oggetti e/o materiale multimediale (19,5%) e condivisione di opinioni su blog o forum (9,9%). Il 22,9% dichiara di utilizzare internet per la ricerca e la visualizzazione di materiale pornografico. Figura 2. Utilizzo di Internet. Valori in percentuale Materiale pornografico Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 113

14 Mauro Di Lorenzo et al. Indagando su quali social network i soggetti disponessero di un proprio account, come atteso, Facebook rappresenta il sito di maggior diffusione (91,9%), seguito da Youtube (43,5%), Google+ (26%) e Twitter (19,7%), per citare solo i più diffusi. Solo una minima parte del campione riporta di non aver attivato alcun account (3,4%). Interessante rilevare anche l ampiezza della rete di amicizie online: in media i soggetti hanno più di cinquecento amici su Facebook (M=583,45; DS=515,00). Per quanto riguarda l analisi della prevalenza di un utilizzo patologico di Internet tra gli adolescenti italiani emerge che l 1,2% del campione presenta una dipendenza da internet conclamata, mentre il 49% è a rischio di sviluppare un Internet Addiction Disorder. Figura 3. Prevalenza di Internet Addiction Disorder (secondo lo IAT). Valori percentuali 2. Caratteristiche psicologiche e livelli di problematicità associati all internet addiction Gli adolescenti si differenziano nel proprio livello di investimento nel virtuale a seconda di alcune caratteristiche anagrafiche, di alcune dimensioni della propria autostima e infine del livello di problematicità da un punto di vista psicologico. La differenza tra maschi e femmine non è risultata statisticamente significativa, pertanto i punteggi IAT non risentono di un effetto di genere (F (1,1334) =3,307; p=n.s.). In generale i soggetti più giovani (r=-,098; p<,001; vedi tabella 3) e che frequentano un istituto tecnico-professionale (F (1,1335) =22,823; p<,001; η²corretto=,001; tabella 4) riportano punteggi IAT superiori. Le ore di connessione sono correlate ai punteggi IAT sia per una giornata tipo (r=405; p<,001), che per i giorni di vacanza (r=364; p<,001). Tutte le finalità della connessione analizzate correlano positivamente con lo IAT, ad eccezione dell utilizzo di Internet per ricercare informazioni che correla negativamente con l uso patologico di internet (r=-,115; p<,001) e gli utilizzi finalizzati all ascolto di musica, alla visualizzazione di filmati e allo shopping, che non presentano correlazioni significative (vedi tabella 3). 114 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

15 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Tabella 3. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e utilizzo di internet Correlazioni IAT Ritiro IAT Gestione tempo IAT Sostituzione realtà IAT Totale Età -,138 ** -,031 -,028 -,098 ** Ore connessione,331 **,323 **,374 **,405 ** Ore in vacanza,341 **,234 **,329 **,364 ** Social Network,079 **,166 **,106 **,128 ** Comunicazione,065 *,115 **,122 **,115 ** Ricerca -,094 ** -,132 ** -,070 ** -,115 ** informazioni Opinioni,093 **,056 *,075 **,087 ** Giochi online,167 **,063 *,039,130 ** Acquisti online,050,041,058 *,049 Musica e filmati -,012 -,011,000 -,002 Pornografia,193 **,115 **,066 *,162 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) * La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code) Tabella 4. ANOVA: Punteggi IAT e istituto frequentato Gruppo M DS F Sig, η 2 parziale η 2 corretto IAT Totale Liceo 39,141 11,068 22,823 0,000 0,017 0,001 Istituto tecnico 42,046 10,527 Emerge una relazione significativa tra livelli di autostima e utilizzo patologico di internet: sia i punteggi totali del IAT e del TMA (r=-,271; p<,001), sia le relative sottoscale (tabella 5) mostrano associazioni statisticamente significative. Le correlazioni più alte si rilevano tra il punteggio IAT totale e le sottoscale di competenza di controllo dell ambiente (r=-,309; p<,001) e di emotività (r=-,288; p<,001) del TMA. I valori della correlazione sono negativi, in quanto a punteggi maggiori di autostima corrispondono minori livelli di problematiche relative a internet. Tali correlazioni inoltre rimangono significative anche al netto delle variabili sociodemografiche. Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 115

16 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 5. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e punteggi TMA IAT Ritiro Correlazioni IAT Gestione tempo IAT Sostituzione realtà IAT Totale TMA Totale -,237 ** -,267 ** -,176 ** -,271 ** TMA Relazioni -,235 ** -,140 ** -,132 ** -,217 ** TMA Controllo ambientale -,269 ** -,314 ** -,188 ** -,309 ** TMA Emotività -,232 ** -,275 ** -,215 ** -,288 ** TMA Scuola -,192 ** -,340 ** -,162 ** -,274 ** TMA Famiglia -,167 ** -,158 ** -,150 ** -,168 ** TMA Corpo -,131 ** -,146 ** -,113 ** -,155 ** ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) * La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code) Anche il livello di problematicità degli adolescenti rilevato attraverso lo YSR (vedi tabelle 6-7) è fortemente associato all Internet Addiction Disorder misurato mediante l IAT. Come è possibile osservare nelle tabelle prendendo in considerazione sia gli indicatori riassuntivi dello YSR (tabella 6 - Problematiche internalizzanti, Problematiche esternalizzanti, Problematiche totali) sia le singole scale sindromiche (tabella 7), emergono correlazioni significative con i punteggi totali dello IAT e con le singole sottoscale di cui si compone lo strumento. Inoltre, tra le correlazioni più deboli è presente la scala Ritiro Depressione, mentre tra le correlazioni più forti emerge il ruolo delle cosiddette problematiche miste, vale a dire le manifestazioni di disagio che non sono considerabili né internalizzanti né esternalizzanti ( Problemi sociali, Problemi di pensiero, Problemi attentivi ). Tabella 6. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e indicatori sintetici YSR Correlazioni Gestione Ritiro tempo Indicatori YSR / Scala IAT Sostituzione Realtà IAT Totale Problematiche internalizzanti,263 **,213 **,227 **,276 ** Problematiche Esternalizzanti,249 **,302 **,225 **,285 ** Problematiche totali,373 **,375 **,310 **,409 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) 116 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

17 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Tabella 7. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e scale sindromiche YSR Indicatori YSR / Scala IAT Correlazioni Ritiro Gestione tempo Sostituzione Realtà IAT Totale Ansia - Depressione,249 **,200 **,222 **,263 ** Ritiro - Depressione,198 **,128 **,140 **,190 ** Lamentele somatiche,196 **,188 **,186 **,218 ** Problemi sociali,338 **,240 **,233 **,325 ** Problemi di pensiero,325 **,271 **,257 **,337 ** Problemi attentivi,302 **,417 **,256 **,381 ** Comportamento trasgressivo,212 **,267 **,202 **,248 ** Comportamento aggressivo,240 **,281 **,208 **,269 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) Per quanto riguarda le scale sindromiche dello YSR è stata effettuata inoltre una regressione multipla (tabella 8), utilizzandole come variabili indipendenti predittive del punteggio IAT. Interessante notare come, al netto delle altre scale sindromiche, alcune di esse perdano di potere predittivo nei confronti del PIU: Ansia-depressione, Ritiro-depressione, Lamentele somatiche e comportamento aggressivo, infatti, non sembrano più in grado di spiegare varianza dell IAT. Includendo nell analisi anche il TMA non si registrano altre variazioni di rilievo. Il modello di regressione così proposto è in grado di spiegare il 19,9% della varianza dei punteggi IAT (F=37,670; p<,001; AdjR²=,199). Per verificare se i diversi livelli di rischio rispetto a un uso patologico della rete siano differenti anche rispetto ad altri indicatori di disagio o di problematiche psicologiche, sono state condotte una serie di analisi della varianza in cui sono state covariate le variabili età, genere, istituto frequentato e ore di connessione che hanno preso in considerazione i gruppi ricavati dallo IAT (normale, a rischio, addicted), i punteggi totali del TMA e gli indicatori riassuntivi dello YSR e le rispettive sottoscale di entrambi gli strumenti (tabella 9). Le analisi della varianza hanno evidenziato una differenza significativa nei livelli di autostima in base al range di problematicità nell utilizzo di internet (F=28,790; p<,001; η 2 corretto=,031). Con lo stesso approccio sono stati testati i tre gruppi IAT rispetto alle sottoscale TMA, per capire se potessero differire per qualche dimensione particolare dell autostima. Tutti e tre i gruppi presentano punteggi significativamente differenti tra di loro per tutte le sottoscale, ad eccezione delle scale relazioni interpersonali e vita familiare, per le quali non si rilevano differenze statisticamente significative tra gruppo a rischio e gruppo Internet-dipendente ma solo tra gruppo normale e gli altri due. Attraverso i grafici delle medie è possibile osservare come il Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 117

18 Mauro Di Lorenzo et al. gruppo a rischio IAD riporti punteggi intermedi rispetto agli altri due gruppi (cioè peggiori del gruppo normale e migliori del gruppo addicted) con una lieve tendenza verso il livello meno problematico. Tabella 8. Modello di regressione. Variabile dipendente: IAT R F sig, R 2 Adj R 2 Modello 0,452 37,670 0,000 0,204 0,199 sig, β Predittori TMA Totale 0,000-0,099 Problemi sociali 0,001 0,126 Problemi di pensiero 0,000 0,14 Problemi attentivi 0,000 0,228 Comportamento trasgressivo 0,016 0,083 Variabili escluse Ansia-Depressione 0,443 0,030 Ritiro-Depressione 0,129-0,050 Lamentele somatiche 0,934 0,003 Comportamento aggressivo 0,115-0,006 Tabella 9. ANCOVA: livelli di rischio IAT e indicatori di disagio psicologico Gruppo M DS F Sig, η 2 η 2 parziale corretto TMA Totale IAT - normale 442,03 56,412 28,79 0,000 0,042 0,031 IAT - rischio 418,99 60,083 IAT - addicted 378,18 34,684 YSR Problematiche IAT - normale 12,163 7,618 42,771 0,000 0,061 0,048 internalizzanti IAT - rischio 15,309 8,375 YSR Problematiche esternalizzanti YSR Problematiche totali IAT - addicted 24,857 8,283 IAT - normale 13,089 8,036 26,369 0,000 0,039 0,033 IAT - rischio 17,075 9,275 IAT - addicted 24,214 11,813 IAT - normale 42,412 18,840 70,416 0,000 0,097 0,081 IAT - rischio 55,430 21,986 IAT - addicted 85,571 31, Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

19 punteggi significativamente differenti tra di loro per tutte le sottoscale, ad eccezione delle scale relazioni interpersonali e vita familiare, per le quali non si rilevano differenze statisticamente significative tra gruppo a rischio e gruppo Internet-dipendente ma solo tra gruppo normale e gli altri due. Attraverso i grafici delle medie è possibile osservare come il gruppo a rischio IAD riporti punteggi intermedi rispetto agli altri due gruppi (cioè peggiori del gruppo normale e migliori del gruppo addicted) La dipendenza con una lieve da internet tendenza in verso adolescenza il livello tra normalità meno problematico. e psicopatologia Figura 4. Medie punteggi TMA suddivisione per gruppi identificati con l IAT Figura 4. Medie punteggi TMA suddivisione per gruppi identificati con l IAT totali dello YSR in particolare si mostrano notevolmente differenti a seconda del livello dipendenza da internet presentato dagli adolescenti (F=70,416; p<,001; η 2 corretto=,081); così c avviene per le problematiche internalizzanti (F=42,771; p<,001; η 2 corretto=,048); e problematiche esternalizzanti (F=26,369; p<,001; η 2 corretto=,033). In sintesi, i tre gr identificati con lo IAT differiscono tra loro in maniera significativa nei livelli di psicopatolo indipendentemente dalla tipologia di problematica. Come per il TMA, le figure 5-6 riporta punteggi grezzi medi ottenuti dagli adolescenti suddivisi in base al livello di gravità dell IAD TMA per gli indicatori complessivi dello YSR, sia per le singole scale sindromiche. Figura 5. Medie punteggi grezzi scale sindromiche YSR suddivisione per gruppi identificati con Figura l IAT5. Medie punteggi grezzi scale sindromiche YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT Risultati simili emergono dalle analisi della varianza condotte prendendo in considerazione i livelli di problematicità e di disagio psicologico misurati dallo YSR (punteggi grezzi). Le problematiche 15 YSR Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 119 Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT

20 Mauro Di Lorenzo et al. Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT con l IAT YSR Risultati simili emergono dalle analisi della varianza condotte prendendo in considerazione i livelli di problematicità e di disagio psicologico misurati dallo YSR (punteggi grezzi). Le problematiche totali dello YSR in particolare si mostrano notevolmente differenti a seconda del livello di dipendenza da internet presentato dagli adolescenti (F=70,416; p<,001; η 2 corretto=,081); così come avviene per le problematiche internalizzanti (F=42,771; p<,001; η 2 corretto=,048); e le problematiche esternalizzanti (F=26,369; p<,001; η 2 corretto=,033). In sintesi, i tre gruppi identificati con lo IAT differiscono tra loro in maniera significativa nei livelli di psicopatologia, indipendentemente dalla tipologia di problematica. Come per il TMA, le figure 5-6 riportano i punteggi grezzi medi ottenuti dagli adolescenti suddivisi in base al livello di gravità dell IAD, sia per gli indicatori complessivi dello YSR, sia per le singole scale sindromiche Il profilo degli adolescenti Internet Addicted Ai fini di una maggiore comprensione degli adolescenti diagnosticabili come internet addicted sono stati selezionati i soggetti con punteggi IAT che superano il cut off clinico. I 16 soggetti classificati come Internet-dipendenti sono equamente suddivisi in maschi (50%) e femmine (50%), con un età media di circa 15 anni (M=15,38; DS=1,02); metà di essi frequentano un liceo (50%), la restante parte un istituto tecnico-professionale. Utilizzano Internet prevalentemente per social network (100%), fruizione di musica e filmati (87,5%), 120 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Introduzione. di Fabio Veglia

Introduzione. di Fabio Veglia INTRODUZIONE 13 21 Introduzione di Fabio Veglia Non so perché gli sto antipatico. Ho provato a fare tutto quello che posso, ma loro non mi lasceranno mai in pace e non saranno mai miei amici. Mi chiamano

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Dr.ssa Marialuigia Foresta Neuropsichiatra Infantile UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL Pescara Perché un master sui disturbi

Dettagli