Introduzione LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO"

Transcript

1 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32, 2, LA DIPENDENZA DA INTERNET IN ADOLESCENZA TRA NORMALITÀ E PSICOPATOLOGIA: UNO STUDIO ITALIANO Mauro Di Lorenzo, Matteo Lancini, Chiara Suttora, Tommaso Emanuele Zanella Introduzione La tecnologia e il virtuale attualmente non rappresentano più solamente una opportunità o un possibile mezzo, ma un vero e proprio mondo da cui è molto difficile prescindere; nello scenario che ci si trova ad affrontare la tecnologia enfatizza la costruzione e lo scambio di significati, la produzione di senso, l interazione sociale, la costruzione dell identità e la negoziazione dei contenuti simbolici (Ferri 2010). Secondo una recente ricerca i bambini della attuale generazione sarebbero in grado di interagire correttamente con un computer (accendere, puntare con il mouse, giocare) prima ancora di essere in grado di nuotare, andare in bicicletta o allacciarsi le scarpe (AVG, Digital Skills Study 2010). La tecnologia non è pertanto più interpretabile come uno strumento neutro, ma è diventata un ambiente da abitare, un estensione della mente umana, un mondo virtuale che si intreccia con il mondo reale e che determina vere e proprie ristrutturazioni cognitive, emotive e relazionali. Attraverso lo sviluppo della tecnologia si diffondono di continuo oggetti culturali nuovi e costantemente in evoluzione, capaci di ridisegnare il mondo, di ristabilire il concetto di distanza e la nozione di tempo, di consentire nuove forme di incontro. Una vera e propria rivoluzione, non solo psicologica e sociale, ma probabilmente anche antropologica sta coinvolgendo l uomo del terzo millennio, definito homo tecnodigitalicus (Cantelmi 2010). Non possiamo più parlare di preoccupazioni per il futuro rispetto a desiderati o temuti cambiamenti comunicativi ed espressivi, poiché il cambiamento è già avvenuto e la natura umana si è già modificata, così come si sono modificate le leggi che guidano le relazioni. Come sostiene Galimberti (1999) si può scegliere di vivere o di rimanere in disparte rispetto alla tecnologia, ma la scelta è obbligata dal momento che non si è più di fronte ad un mezzo, ma un vero e proprio mondo. Tali trasformazioni acquisiscono un importanza specifica per gli adolescenti in quanto internet consente loro di proiettarsi nel mondo reale, non solo in quello virtuale e di stabilire con esso una relazione capace di avere un impatto anche nella realtà. Per gli adolescenti alle prese con i compiti di sviluppo e con la battaglia evolutiva che devono affrontare per crescere, internet rappresenta un terreno ideale per la trasposizione virtuale di punti di vista, sogni, desideri, ma anche disagi e problematiche esistenziali (Biolcati 2010). SOTTOMESSO APRILE 2013, ACCETTATO SETTEMBRE 2013 Giovanni Fioriti Editore s.r.l. 101

2 Il concetto di internet addiction Mauro Di Lorenzo et al. Nella letteratura scientifica è possibile individuare una netta divisione rispetto a come viene valutato l utilizzo di internet da parte dei ragazzi. Da un lato vi è un entusiasmo finanche eccessivo, una visione che considera questi strumenti come una strada irrinunciabile verso il futuro; dall altro il sospetto nei confronti di un mondo parallelo virtuale e pertanto irreale, percepito come potenzialmente minaccioso. Attardi (2001) parla di Tecno-Pessimisti vs Tecno- Ottimisti. Esistono in effetti filoni di ricerca sulle modalità di fruizione della rete che sottolineano un associazione positiva tra uso di internet e livello di interazione sociale (Katz et al. 2001), un miglioramento nella vita relazionale (familiare e amicale) grazie alle mail (Uslander 2000), la possibilità di consolidare precedenti rapporti e crearne di nuovi (Gross 2004), con un conseguente effetto benefico sul piano personale e sociale (Leung e Wei 2000, Mathews 2004). Non mancano tuttavia studi che al contrario sottolineano problematiche psicologiche collegate all uso della rete, dal momento che, come ogni contesto di vita e di crescita, anche internet non è immune da rischi. Ad esempio la stessa funzione di ricerca di informazioni su internet costituirebbe un fattore di rischio rispetto allo sviluppo di condotte disfunzionali, potendo esercitare un influenza altamente negativa sugli atteggiamenti che i ragazzi assumono nei confronti delle sostanze psicoattive, tanto che il 100% del campione di una ricerca, costituito da adolescenti consumatori di sostanze, prima di sperimentarle avrebbe cercato su internet informazioni minimizzanti rispetto ai rischi, oltre che suggerimenti relativi alle modalità di consumo (Boyer et al. 2005). Negli ultimi anni i ricercatori hanno provato ad inquadrare da un punto di vista nosografico l utilizzo esasperato della rete. Vari studi pionieristici hanno portato al centro del dibattito internazionale la possibilità di definire una nuova forma di psicopatologia che renda conto delle problematiche connesse all uso della rete: l Internet Addiction Disorder (IAD) (Griffith e Young 1996). Nel 1996 lo psichiatra americano Ivan Goldberg propose di introdurre una nuova categoria diagnostica, l Internet Addiction Disorder (IAD) e stabilì dei criteri diagnostici per questo disturbo adattando quelli proposti dal DSM-IV per effettuare diagnosi di dipendenza da sostanze. Tale proposta è stata maggiormente strutturata da Griffiths (1998) che ha proposto sei caratteristiche fondamentali per parlare di IAD: dominanza dell attività virtuale nella sfera cognitiva, affettiva e comportamentale, alterazioni del tono dell umore, tolleranza, sintomi di astinenza, conflitti e ricadute rispetto all utilizzo. È tuttavia Kimberly Young (1996, 1998) che porta l Internet Addiction Disorder al centro del dibattito scientifico, spostando il riferimento diagnostico dalle problematiche relative alle sostanze a quelle riscontrabili nei problemi di gioco d azzardo patologico (GAP) e di fatto collocando la dipendenza da internet all interno dei disturbi legati al controllo degli impulsi. I criteri proposti dalla Young per la diagnosi di IAD riguardano fondamentalmente l utilizzo eccessivo della rete (coinvolgimento eccessivo ed eccedente rispetto al previsto, bisogno di passare quantità di tempo sempre maggiori in rete, tentativi di controllare, ridurre o interrompere l uso di internet, reazioni di irritabilità o irrequietezza a seguito dell interruzione della navigazione online) e ricadute negative sul versante personale e relazionale legate ad esso (mettere a repentaglio e perdere una relazione significativa o una occasione scolastica o lavorativa, mentire a figure significative per occultare il proprio coinvolgimento nell uso di internet, utilizzare la rete 102 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

3 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia per sfuggire ai problemi o alleviare stati emotivi negativi). Un ulteriore elemento rilevante per la concettualizzazione e la diagnosi di IAD sono gli stati emotivi connessi all esperienza soggettiva di perdita di controllo (Shapira et al. 2000). D altronde sebbene il termine addiction oggi non riguardi più soltanto il riferimento specifico alle sostanze, l accento che spesso viene posto su tale definizione riguarda in particolare la perdita di controllo del comportamento associata a conseguenze negative a livello personale e relazionale. Caretti e La Barbera (2001), modificando in parte la proposta della Young (1998), individuano differenti forme di internet addiction, che rendono conto di come l IAD rimanga un termine molto generico che comprende un enorme varietà di problematiche spesso costruite avendo in mente i comportamenti di soggetti adulti: gioco d azzardo compulsivo online, dipendenza da cybersesso, da cyber-relazioni, da giochi di ruolo online, dalla ricerca spasmodica di informazioni (information overload), trading e shopping online compulsivo. L aspetto caratteristico dello spettro di disturbi legati all uso problematico e patologico di internet è caratterizzato dalla sostituzione della realtà con una realtà mediatica e della saturazione dei bisogni emotivi attraverso esperienze virtuali. In entrambi i casi il pericolo principale è che internet diventi la parte centrale (non una parte) della vita, non il mezzo ma il fine, perdendo la capacità di negoziare con le difficoltà identitarie e relazionali che la realtà propone. Le voci più allarmate vedono quindi internet come un rifugio della mente, un attitudine così regolare da non essere più un involucro transitorio, ma assomigliare piuttosto a uno stile di vita segnato dalla dipendenza, per cui il soggetto può anche giungere ad abitare un mondo onirico o fantastico che trova preferibile al mondo reale (Steiner 1996). Nel corso degli anni si sono accumulate in letteratura diverse proposte ed etichette diagnostiche che hanno sicuramente contribuito a spostare il focus delle ricerche empiriche sulle problematiche legate all uso di internet, ma hanno anche contribuito a creare una situazione di babele diagnostica. Cantelmi (2000) conta fino a 25 definizioni diverse di internet addiction: Internet Dependency (Scherer 1997), Compulsive Internet Use (Greenfield 1999), Compulsive Computer User (Potenza e Hollander 2002), Retomania (Cantelmi 1999) sono solo alcuni esempi della moltitudine di definizioni proposte. Le denominazioni più usate e approvate sono comunque Internet Addiction Disorder (IAD) e Pathological Internet Use (PIU). L internet addiction è un termine ancora controverso ma che definisce un interazione eccessiva con la rete connotata da un rapporto di dipendenza e dominanza, al quale si accompagnano modificazioni dell umore, fenomeni di tolleranza, astinenza, conflitto e rischio di ricadute (Griffiths 1998), al pari di altre dipendenze, in particolare quelle da sostanze psicoattive. Attualmente non esistono ancora criteri universalmente condivisi per la diagnosi di internet addiction, e la sua collocazione specifica sull asse delle psicopatologie resta altrettanto incerta. Il dubbio riguarda se sia da considerarsi più come un disturbo da dipendenza o come una forma da mancato o cattivo controllo degli impulsi (anche se in realtà spesso le due dimensioni coesistono nello stesso soggetto). Per Griffiths, ad esempio (1998), le dipendenze tecnologiche condividono aspetti centrali con altri problemi di dipendenza: dominanza dell agito sul pensiero e sui sentimenti, alterazione Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 103

4 Mauro Di Lorenzo et al. del tono dell umore, astinenza, tolleranza, conflitti con persone significative e ricadute a fronte di tentativi di smettere. Sono presenti due contrapposte tendenze: da un lato si riconosce che si cerca di utilizzare categorie psicopatologiche per spiegare fenomeni nuovi che nascono dall interazione tra uomo e mondo virtuale senza considerare che è l uomo in primis che sta cambiando (Cantelmi 2000); dall altro si corre il rischio, di fronte a fenomeni emergenti, di etichettare con termini nuovi, talvolta tautologici, fenomeni psichici e psicopatologici nuovi solo nell aspetto superficiale ma antichi a livello profondo (La Barbera 2005). È inoltre sempre più difficile, date le trasformazioni culturali relative all utilizzo della tecnologia, discriminare in modo chiaro quando si ha a che fare con una nuova patologia, o quando al contrario si è di fronte ad un effetto di amplificazione delle patologie già esistenti proprio attraverso i nuovi mezzi di comunicazione (Cantelmi 1999). È sicuramente possibile andare anche oltre al dubbio se si tratti di una patologia che nasca con internet o dentro internet dal momento che l aspetto importante è il dato di fatto che per alcune persone la rete diventa una perfetta e diabolica soluzione (Nardone e Cagnoni 2002) Secondo alcuni l IAD sarebbe un fenomeno temporaneo destinato ad esaurirsi in modo spontaneo (Widymanto e McMurran 2004), tanto che Wallace parla di malattia dei novellini caratterizzata da un iniziale entusiasmo per il nuovo mondo virtuale da parte dei nuovi utenti che ne rimangono incantati, ma che poi si ridimensiona spontaneamente (Grohol 1999). Si potrebbe parlare di short addiction dal momento che il soggetto stesso critica l infatuazione dopo che si è risolta, ma rappresenta comunque un segnale d allarme proprio perché indice di una vulnerabilità soggettiva a dinamiche additive (La Barbera 2005). Al di là degli aspetti evidenziati, l IAD è una problematica legata ad un uso disfunzionale di internet che provoca sofferenze relazionali e sociali (Cantelmi e Carpino 2005) ed è pertanto indispensabile porsi la questione della capacità di diagnosticare e intervenire in modo clinicamente efficace. Tali considerazioni devono però prendere le distanze da un approccio patologizzante, alla luce della straordinaria diffusione di Internet, specie tra i nativi digitali: la già citata rivoluzione tecnologica, infatti, potrebbe aver comportato una diminuzione della validità del costrutto stesso di IAD, quasi a configurare una nuova normalità. Il presente lavoro si prefigge, tra gli altri, lo scopo di studiare l esistenza e l ampiezza di questo cambiamento. Gli strumenti diagnostici a disposizione A partire dalle molteplici definizioni di IAD, i ricercatori hanno sviluppato diversi strumenti, sotto forma di questionari, per la valutazione delle problematiche connesse ad internet, che tuttavia ripropongono la medesima mancanza di unanimità. A fronte di una vaghezza rispetto alla definizione e ai criteri diagnostici di questo disturbo, ne consegue una corrispettiva confusione relativa agli strumenti diagnostici a disposizione del clinico per identificare tali problemi. I diversi strumenti, come ci si può aspettare, privilegiano di volta in volta una delle varie sottodimensioni del fenomeno, e molti non hanno ancora raggiunto un adeguato livello di validità e attendibilità (Chang e Man Law 2008). Lo strumento attualmente più utilizzato a livello mondiale è l Internet Addiction Test (IAT; 104 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

5 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Young 1998, Chang e Man Law 2008), un questionario di 20 item finalizzato alla valutazione dell uso eccessivo della rete in diversi ambiti di funzionamento. In particolare sono state individuate tre dimensioni valutate dallo IAT: ritiro problemi sociali, gestione del tempo performance e sostituzione della realtà. Per quanto riguarda la realtà italiana, lo strumento più diffuso è l Uso, Abuso e Dipendenza da Internet (UADI; Del Miglio et al. 2001) che valuta il rischio di sviluppare un abuso di internet, la componente psicologica connessa all uso della rete da parte degli utenti e alcune variabili psicopatologiche correlate a tale utilizzo eccessivo. Nel 2005 è stata inoltre proposta una versione dell UADI per adolescenti che ha ridotto gli item a 27 e modificato leggermente le dimensioni indagate dallo strumento (Baiocco et al. 2005). Tabella 1. Strumenti diagnostici per l Internet Addiction Disorder Autore Strumento Dimensioni Goldberg (1996) Brenner (1997) Young (1998) Young (1998) Lin, Tsai (1999) Kappeller, Thomas (1999) Internet Addiction diagnostic criteria Internet-Related Addictive Behavior Inventory (IRABI) Young Diagnostic Questionnaire (YDQ) Internet Addiction Test (IAT) Internet Addiction Scale for Taiwanese high school students (IAST) Internet Addiction Questionnaire (IAQ) Sintomi mutuati dal DSM-IV (gioco d'azzardo patologico) Uso eccessivo di internet Impatto di internet su: prestazioni scolastiche o lavorative, relazioni interpersonali, livello di stress, alterazioni dell'umore, ritiro sociale Ritiro - problemi sociali, gestione del tempo - performance, sostituzione della realtà Tolleranza, uso compulsivo e ritiro, problemi familiari sociali e di salute, problemi interpersonali ed economici, negazione Variabili cognitive, affettive e comportamentali dell'abuso di internet Morahan-Martin, Schumacher (2000) Pathological Internet Use Scale (PIUS) Sintomi mutuati dal DSM-IV (gioco d'azzardo patologico) Caplan (2002) Davis (2002) Clark (2004) Nichols, Niki (2004) General Problematic Internet Use Scale (GPIUS) Online Cognitive Scale (OCS) Internet Consequences Scale Internet Addiction Scale (IAS) Alterazioni dell'umore, percezione di benefici sociali, conseguenze negative, uso compulsivo, tempo eccessivo, ritiro, percezione di controllo Diminuzione del controllo degli impulsi, solitudine, distrazione e benessere sociale Conseguenze fisiche, comportamentali e psicosociali Sintomi mutuati dal DSM-IV-TR (gioco d'azzardo patologico) Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 105

6 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 1. Continua Marcucci (2004) Chen (2005) Del Miglio (2005) Baiocco et al. (2005) Koh (2007) Cantelmi, Talli (2007) Ceyhan (2007) Demetrovics (2008) Meerker et al. (2009) Internet Trap Test (ITT) Chen Internet Addiction Scale (CIAS) Uso, Abuso e Dipendenza da Internet (UADI) Uso, Abuso e Dipendenza da Internet -2 (UADI-2) - versione per adolescenti K-Scale for Internet Addiction Internet-Related Psychopathology Assessment (IRP-AS) Problematic Internet Usage Scale (PIUS) Problematic Internet Use Questionnaire (PIUQ) Compulsive Internet Use Scale (CIUS) Dipendenza (tolleranza, astinenza, impatto sulla vita reale, ipercoinvolgimento), impulsività (frustrazione, aggressività, rimorsi, pentimenti) e schizoide (difficoltà relazionali, isolamento) Uso compulsivo, ritiro, tolleranza, problemi interpersonali, gestione del tempo Dipendenza, dissociazione, sperimentazione, impatto sulla vita reale Compensazione, dissociazione, impatto sulla vita reale, identità e sessualità Interruzione della vita quotidiana, aspettative positive, deviazioni dal comportamento consueto, tolleranza/ resistenza, preferenza delle relazioni virtuali su quelle reali, difficoltà a distinguere realtà e virtuale, ritiro. Tempo speso online, tipo di attività, grado di coinvolgimento, rischio di tolleranza e dissociazione, motivazioni all'uso Conseguenze negative, benefici / benessere sociale, utilizzo eccessivo Ossessione (es. fissazione patologica su internet, ansia, depressione), trascuratezza, deficit di controllo Utilizzo compulsivo di internet Punti critici degli strumenti a disposizione A fronte di questa vasta gamma di strumenti a disposizione, occorre tenere presenti alcune considerazioni critiche, specie rispetto al loro utilizzo in adolescenza. È bene ricordare che si tratta generalmente di questionari somministrati e compilati online: tale impostazione è soggetta a critiche (Cantelmi 2007) in quanto difficilmente soddisfa criteri di significatività scientifica perché internet non costituisce più un setting neutro (le persone anzi tendono ad esacerbare le proprie problematiche) e perché l elevato tasso di abbandono della compilazione dello strumento nel corso della somministrazione stessa rende difficile la selezione di un campione casuale. Emerge inoltre una pressoché completa mancanza di strumenti costruiti ad hoc per gli adolescenti. Nelle ricerche condotte finora in età evolutiva, infatti, i ricercatori hanno utilizzato questionari creati per un utente generico, spesso un adulto, ma comunque finalizzati a rilevare comportamenti di consumo, problematiche personali e relazionali e ricadute sul funzionamento adattivo tipiche di tale fase del ciclo di vita. Solo in rari casi sono stati utilizzati test specifici 106 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

7 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia per soggetti in età evolutiva che non rappresentino versioni ridotte o adattate degli strumenti usati con gli adulti. Se tale aspetto è un punto critico di molti strumenti psicodiagnostici, nati per la popolazione adulta e adattati a quella adolescenziale e/o infantile, nel caso dell internet addiction questo può rappresentare un problema insanabile, anche tenendo in considerazione che i criteri diagnostici del DSM-IV-TR relativi ai disturbi legati all uso e all abuso di sostanze (presi come punto di riferimento da molti autori nella concettualizzazione e nell operazionalizzazione dell uso patologico di internet) sono stati sin dalla pubblicazione del manuale diagnostico oggetto di numerose critiche nella loro applicazione in età evolutiva. Basti pensare che uno dei criteri fondamentali nella valutazione della dinamica delle addiction (IAD compresa), la tolleranza, è particolarmente problematico quando viene applicato al soggetto adolescente, dal momento che non si fa riferimento al periodo di tempo che deve trascorrere perché venga soddisfatto ed è arduo sostenere che un lasso di tempo possa avere la stessa valenza se considerato nella valutazione di un adulto o di un adolescente (Martin et al. 2008). Le trasformazioni psicofisiche cui va fisiologicamente incontro l adolescente, possono inoltre contribuire a far variare di molto e in tempi anche brevi la sensibilità agli stimoli virtuali, senza che ciò sia ascrivibile ad una progressiva problematicità di utilizzo di internet. Le difficoltà di concettualizzazione e di definizione operativa di criteri condivisi per l IAD e conseguentemente nella costruzione di strumenti diagnostici condivisi e sensibili dal punto di vista evolutivo si riverberano altresì nella notevole disparità dei tassi di incidenza dei disturbi riguardanti l uso di internet, che variano notevolmente a seconda del campione e degli strumenti utilizzati. I dati riportati da ricerche italiane sulla percentuale di adolescenti problematici che rischiano di sviluppare un rapporto altrettanto problematico con internet in termini di dipendenza, sono circa il 12%, mentre lo 0,8% rientrerebbe nella categoria degli abusatori mediatici, o retomani e si connoterebbero come affetti da un iper-coinvolgimento ritualistico nei confronti di internet, scarso controllo degli impulsi, necessità di aumentare il tempo da trascorrere davanti al pc, crisi di astinenza, incapacità sociale, insorgenza di problemi medico-legali annessi. Si tratta in particolare di ragazzi con problematiche psicologiche che riguardano prevalentemente il vissuto corporeo, l immagine di sé e una profonda fragilità narcisistica (Vallario 2008). In Europa risultati simili sono stati riscontrati in Grecia - dove il tasso di IA tra gli adolescenti è sempre del 1% (Tsitsika et al. 2009) in Norvegia (2% addicted; 9% a rischio; Johansson e Gotestam 2004) e in Olanda (4,2% di soggetti problematici; Van den Eijnden et al. 2009). La variabilità dei risultati delle ricerche si amplia invece notevolmente prendendo in esame i risultati provenienti dai paesi asiatici, dove si oscilla tra un risultato del 2,4% di una ricerca cinese effettuata su un campione di 2620 adolescenti (12-18 anni; Cao e Su 2006), simile dunque a quello italiano, e al contrario il dato 12,2%-26,6% di un indagine effettuata a Taiwan (Yen et al. 2009) su 8941 giovani. Fattori di rischio nello sviluppo dell IAD In una prospettiva di psicopatologia evolutiva è importante identificare i fattori che possono influenzare la traiettoria dello sviluppo sul versante dell adattamento (fattori di protezione) Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 107

8 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 2. Ricerche sulla prevalenza dell Internet Addiction Disorder in adolescenza Autori Campione Strumento Nazione Età Numerosità Prevalenza IAD (%) Lin & Tsai (1999) Adolescenti 615 IAST Taiwan 10,00% Chou & Hsiao Giovani adulti (2000) 910 IRABI Taiwan 5,90% Centro Psiche 0,80% (+12,1 a IAT Italia Latina ( ) rischio) Johansson & 1,90% (+8,7 a YDQ Norvegia Götestam (2004) rischio) Ko et al. (2005a) CIAS Taiwan 15,80% Ko et al. (2005b) CIAS Taiwan 19,80% Cao & Su (2006) YQD Cina 2,40% Pallanti et al. (2006) 16,67 (media) 275 IAT Italia 5,40% H. Li et al. (2008) GPIU Cina 13,60% Tsitsika et al. (2009) 15,21 (media) 897 IAT Grecia 1,00% Jang et al. (2008) 13,90 (media) 912 IAT Corea del Sud 4,30% Yen et al. (2009) 14,17 (media) 8941 CIAS Taiwan 12,20-26,60% Ko et al. (2009) 12,36 (media) 2293 CIAS Taiwan 10,80% Van den Eijnden et al. (2009) CIUS Olanda 4,20% Fu et al. (2010) IAT Hong Kong 6,70% o della psicopatologia (fattori di rischio) e dell interazione tra di essi. Oltre ad identificare i criteri diagnostici più sensibili per l IAD, la ricerca si è rivolta alla rilevazione dei diversi fattori, soggettivi e ambientali, che influiscono sulla possibilità di sviluppare comportamenti disfunzionali connessi all uso di internet in adolescenza. Si evidenzia, ad esempio, una maggior prevalenza del disturbo nella popolazione maschile, dal momento che i ragazzi sembrano più dediti ad attività virtuali ad alto gradiente additivo, come i giochi di ruolo, il gioco d azzardo e il sesso virtuale (Morahan-Martin 2000). La maggiore vulnerabilità di genere risulta in accordo con quella rilevata da diversi studi sull abuso di sostanze (Mueser et al. 1990, Brunette et al. 1997, Ibanez et al. 2000, Chou e Hsiao 2000, Ko et al. 2005, Chen et al. 2003, Siomos et al. 2008, Tsai et al. 2009, Bakken et al. 2008). Inoltre, se nei maschi è maggiore la prevalenza di patologia (PIU: Pathological Internet Users), nelle femmine è superiore la percentuale di chi mostra un livello di gravità intermedia (MIU: Maladaptive Internet Users). Oltre al genere diversi studi dimostrano una correlazione negativa tra età e IAD: i più giovani sarebbero maggiormente vulnerabili a questa patologia (Tonioni et al. 2011, Khazaal et al. 2008, Ha et al. 2007, Yang e Tung 2007, Cheng e Peng 2008, Kandell 1998, Chou e Hsiao 2000). 108 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

9 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Risulta importante prendere in considerazione, inoltre, la quantità di tempo trascorso online (Kim e Haridakis 2004). È coerente ipotizzare che gli Internet-addicted trascorrano in media molte ore in rete, come suggerito da diversi studi pubblicati a sostegno di tale intuizione (Young 1998, Widyanto e McMurran 2004, Leung 2004, Chou e Hsiao 2000, Dowling e Quirk 2009). Un soggetto dipendente da Internet può rimanere connesso da 40 a 80 ore alla settimana, con sessioni che possono durare anche 20 ore consecutive (Young 1998, Greenfield 1999). Un livello di 39 ore settimanali per finalità non scolastiche e/o lavorative è ritenuto un possibile cut off che segnala un utilizzo problematico (Young 1998), ma non esistono ancora dati unanimemente accettati circa la variabile tempo di utilizzo. Alcuni autori propongono una media di 20 ore settimanali come cut off clinico (contro le 9 ore medie degli utenti non dipendenti) mentre altri preferiscono indicare in 3,89 ore giornaliere la media di connessione per soggetti con PIU e 3,27 per utenti MIU (Chou e Hsiao 2000, Durkee et al. 2012). Rispetto a specifiche caratteristiche di personalità, sono state rilevate associazioni tra IAD e ostilità o comportamento aggressivo (Yen et al. 2007, 2008; Ko et al. 2007, 2009). Anche la Sensation Seeking è un importante fattore di rischio (Tsai e Lin 2001, Kim e Haridakis 2009, Armstrong et al. 2000), in particolare alcune sue sotto-dimensioni come la disinibizione e la suscettibilità alla noia (Velezmoro et al. 2010). La bassa autostima sembra essere uno dei fattori di rischio più forti (Kim e Davis 2009, Armstrong et al. 2000, Ko et al. 2007, Young e Rogers 1998, Kim e Haridakis 2009) e la fragilità narcisistica in generale appare svolgere un ruolo esplicativo primario nella comprensione dell eziologia del PIU. Anche alti livelli di timidezza sono associati a un moderato aumento del livello di rischio di sviluppare una dipendenza da internet (Caplan 2002, Goulet 2002, Chak e Leung 2004, Yuen e Lavin 2004) sebbene sia interessante osservare che i maschi timidi mostrano nelle relazioni online le medesime difficoltà che riscontrano nelle relazioni reali (Chak e Leung 2004). Gli adolescenti che si sentono soli tentano di superare questa condizione attraverso interazioni sociali online (McKenna e Bargh 2000). Internet ha in questo caso una funzione compensatoria nei confronti dell insoddisfacente sfera relazionale (Papacharissi e Rubin 2000). Un recente studio italiano riporta una correlazione tra IAD e alessitimia (Fiumana et al. 2011) coerentemente con i risultati provenienti dalla ricerca su altre forme di dipendenza, legate a sostanze o a comportamenti, che risultano associate all incapacità di esprimere e riconoscere le proprie emozioni (Ryhakowski et al. 1988, Taylor et al. 1990, Caretti et al. 2005, Parker et al. 2005, Toneatto et al. 2009). Tra i fattori di rischio ambientali, si rileva la correlazione tra livelli di stress e PIU (Lei e Wu 2007, Leung 2007, Li et al. 2009, Yen et al. 2007): l accumulo di stress nell arco del ciclo di vita aumenta il rischio di sviluppare una dipendenza da Internet e in particolare di iniziare ad utilizzare internet per regolare gli stati d animo legati ad una difficoltà di controllo e di gestione dello stress. A questo riguardo è significativa la dimensione temperamentale dell effortful control, definito come la capacità di inibire risposte dominanti e/o di pianificare e di riconoscere gli errori (Rothbart e Bates 2006) che sembra mediare l impatto degli stressor e in particolare la percezione soggettiva degli eventi stressanti, ormai ampiamente riconosciuta come la determinante principale nelle problematiche legate agli stress, più che non l evento in Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 109

10 Mauro Di Lorenzo et al. sé (Velezmoro et al. 2010). Rispetto invece ai fattori di protezione, un locus of control interno può limitare il rischio di sviluppare una dipendenza da Internet (Chak e Leung 2004, Kim e Haridakis 2009). Si tratta di un fattore protettivo molto significativo sul piano empirico ed evidenzia come gli adolescenti capaci di cogliere il proprio ruolo attivo nel muoversi nel mondo, reale o virtuale che sia, risultino in grado di mantenersi entro un utilizzo sano ed efficace di internet, che viene così inteso come risorsa e non come realtà alternativa (Wallace 1999, Turkle 1995). Per quanto riguarda i disturbi psichiatrici una notevole percentuale di soggetti con diagnosi di PIU, che sfiora il 90%, presenta un disturbo diagnosticabile con il DSM-IV-TR in comorbilità (Block 2008). Una co-occorrenza così frequente in particolare con disturbi di Asse I porta alcuni autori a sostenere l inesistenza di una dipendenza da internet, che potrebbe essere semplicemente l espressione specifica di una pregressa psicopatologia (Bell 2009, Shaffer et al. 2000). I disturbi affettivi, e in particolare la depressione, sono le problematiche più frequentemente associata alla dipendenza da Internet (Carli et al. 2012) e tale associazione, supportata da una consistente mole di lavori empirici, è caratteristica soprattutto dell adolescenza (Tsai e Lin 2003, Ha et al. 2006, Kim et al. 2006, Yen et al. 2007, Ha et al. 2007, Ko et al. 2008, Van den Eijnden et al. 2008, Morrison e Gore 2010, Fu et al. 2010, Cheung e Wong 2011). Nei soggetti che presentano un uso problematico di internet, inoltre, sono presenti di frequente ideazioni suicidarie (Fu et al. 2010, Kim et al. 2006). Anche i disturbi d ansia risultano di particolare rilevanza in adolescenza, specie per quanto riguarda il disturbo ossessivo-compulsivo (Ha et al. 2007, Bakken et al. 2009, Xiuqin et al. 2010) e la fobia sociale (Lin e Tsai 2002, Huang e Leung 2009, Yen et al. 2008, Ko et al. 2008) che, sebbene risulti meno determinante nell emergere dell IAD rispetto ad altri disturbi (Ko et al. 2012), è presente comunque nel 15% dei soggetti dipendenti (Bernardi e Pallanti 2009). I problemi connessi all uso di internet sono inoltre frequentemente in comorbidità con disturbi dello spettro esternalizzante come il deficit di attenzione e iperattività (Yoo et al. 2004, Ha et al. 2006, Yen, et al. 2007, Ko et al. 2008, Ko et al. 2009, Bernardi e Pallanti 2009). Metodologia dello studio Obiettivi La presente ricerca è il risultato di un lavoro svolto dalla sezione dipendenze tecnologiche dell Istituto Minotauro di Milano coordinata da Matteo Lancini. La crescente domanda clinica e la volontà di proseguire gli studi sul rapporto tra adolescenti e nuove tecnologie (Lancini e Turuani 2009) sono confluite nel tentativo di approfondire il tema dell internet addiction in adolescenza, di individuare in un campione italiano di adolescenti nativi digitali la percentuale di soggetti a rischio di IAD, di descrivere i loro comportamenti di consumo tecnologico e le loro caratteristiche psicologiche, infine di approfondire le relazioni tra possibili indici di disagio psicologico e livelli di dipendenza da internet. Obiettivi specifici della ricerca sono: migliorare la comprensione dell uso di internet in adolescenza pe verificare se internet può 110 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

11 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia rappresentare un ostacolo o una risorsa nell assolvere i compiti evolutivi fase specifici; analizzare la prevalenza dell Internet Addiction Disorder in un campione di nativi digitali italiani e confrontarla con i dati presenti in letteratura; approfondire il livello di funzionamento degli adolescenti a rischio di PIU e confrontarlo con quello degli adolescenti sani rispetto ad alcuni indicatori di disagio psicologico; verificare la validità e la rilevanza clinica degli strumenti attualmente a disposizione per diagnosticare l Internet Addiction Disorder in adolescenza. Campione Il campione della presente ricerca è costituito da 1483 adolescenti in prevalenza ragazzi (63% maschi; 37% femmine) di età compresa tra i 14 e i 21 anni (M = 15,98; DS = 1,40) e che frequentano istituti secondari di secondo grado di Milano e provincia (36,3% Liceo; 63,7% Istituti Tecnici o Professionali). Per quanto riguarda i licei, il 3,7% del campione è iscritto ad un liceo classico, il 13,4% ad un liceo scientifico, l 11,5% ad un linguistico e il rimanente 7,8% ad un socio-psicopedagogico. Strumenti L indagine è stata condotta attraverso un questionario composto da una prima parte relativa ad aspetti socio-anagrafici e ad aspetti specifici del tipo di utilizzo di internet (finalità di utilizzo, strumenti utilizzati per connettersi, tempo trascorso online, tipologie di account posseduti ecc.). La seconda parte è composta da tre questionari ampiamente validati dalla ricerca empirica. 1. L uso e l abuso di nuove tecnologiche è stato valutato mediante l Internet Addiction Test (Young 1998), il primo test validato, nonché il più utilizzato dalla comunità scientifica, per la diagnosi di IAD: si tratta di un questionario che valuta il grado di influenza di Internet nella routine quotidiana, nella vita sociale, nella produttività, nel ciclo del sonno e nei sentimenti. È composto da 20 item che prevedono una risposta su scala Likert a 5 punti rispetto alla frequenza con cui si verificano determinati comportamenti connessi all utilizzo di Internet per motivi non lavorativi né scolastici. Un punteggio superiore a 70 punti è indice di una dipendenza da Internet conclamata, mentre punteggi tra 40 e 69 punti collocano il soggetto nell area di forte rischio di sviluppo di IAD. I soggetti a rischio manifestano frequenti problematiche dovute all utilizzo delle nuove tecnologie. 2. Il livello di autostima è stato rilevato utilizzando il Test Multidimensionale dell Autostima (Bracken 1992, Bergamini e Pedrabissi 2003), uno strumento autosomministrato per adolescenti sino ai 19 anni. Valuta le diverse dimensioni, individuali e relazionali, afferenti al complesso concetto di autostima: relazioni interpersonali, competenza di controllo dell ambiente, emotività, successo scolastico, vita familiare e vissuto corporeo). È composto da 150 item a quattro possibilità di risposta (da è assolutamente vero a non è assolutamente vero ) 3. Per la rilevazione della psicopatologia sono state valutate le problematiche emotive e comportamentali degli adolescenti utilizzando lo Youth Self Report (Youth Self Report; Achenbach 2001), un questionario di autovalutazione composto da 112 item a tre possibilità di Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 111

12 Mauro Di Lorenzo et al. risposta (0 = Non vero ; 1 = In parte vero ; 2 = Sempre vero ) creato per valutare un ampio spettro di caratteristiche del funzionamento di soggetti tra gli 11 e i 18 anni. Lo Youth Self Report è uno strumento molto utilizzato in ambito clinico e di ricerca e fa parte del più ampio Achenbach System of Empirically Based Assessment (ASEBA). Numerose sottoscale organizzano i risultati del questionario: dall analisi di problematiche legate all internalizzazione (Ansia-Depressione, Ritiro-Depressione, Lamentele somatiche) a problematiche miste (Problemi sociali, Problemi di pensiero, Problemi attentivi); a problematiche legate all esternalizzazione (Comportamento trasgressivo, Comportamento aggressivo); riassunte in un indicatore complessivo delle problematiche totali riportate dall adolescente. Per tutte le scale sono disponibili i punteggi grezzi (ricavabili dalla somma delle risposte del soggetto agli item relativi), i percentili e i punteggi standardizzati espressi in punti T che collocano l adolescente in un range normale (assenza di problemi relativi ad una determinata scala), borderline (problemi superiori alla norma che potrebbero esitare in disturbi conclamati) oppure clinico (che segnala l opportunità di una presa in carico). Analisi Le analisi psicometriche sono state condotte attraverso il software statistico IBM SPSS Statistics versione Le analisi descrittive hanno indagato le caratteristiche socio-anagrafiche del campione, i comportamenti di utilizzo di internet per quanto riguarda gli strumenti utilizzati per connettersi e le finalità di tali connessioni, il numero di ore trascorse online e così via, nonché la prevalenza di adolescenti con Internet Addiction Disorder o a rischio di sviluppare tale disturbo. Le analisi esplorative hanno messo a confronto i risultati dello IAT con diversi indicatori di disagio e psicopatologia (TMA; YSR). Per il confronto tra variabili continue sono state svolte correlazioni di Pearson, regressioni lineari semplici o multiple a seconda nel numero di variabili indipendenti. Per l analisi delle differenze tra medie di gruppi sono state scelte ANOVA a una via oppure ANCOVA per valutare gli effetti di variabili categoriali al netto di altre variabili. Nel corso del presente studio sono stati considerati statisticamente significativi p-value inferiori a 0,05 (α<0,05). Risultati 1. L utilizzo di internet e la prevalenza dell Internet Addiction Disorder Come è possibile osservare nella figura 1 lo strumento tecnologico più utilizzato per accedere ad internet è ormai costituito dai computer portatili come i laptop o i netbook (70,9%), seguiti dal PC fisso (51,9%), dagli Smartphone (48%), dalle Console (27,1%) e infine dai Tablet (15%).I partecipanti alla ricerca trascorrono online in media più di due ore al giorno per finalità non scolastiche in una giornata tipo (M=2,68; DS=2,08); tempo che aumenta oltre le tre ore di connessione in una giornata di vacanza (M=3,19; DS=3,18). La maggior parte degli adolescenti si connette a Internet per utilizzare social network come 112 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

13 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Figura 1. Strumenti di accesso a internet. Valori in percentuale Facebook o Twitter (89%) e per visualizzare/ascoltare musica e/o filmati su Youtube o siti di streaming (88,1%) (vedi figura 2). Anche le finalità di ricerca e di acquisizione di informazioni tramite quotidiani online, motori di ricerca o enciclopedie online (68,4%) e di comunicazione con amici, familiari o sconosciuti tramite chat, , video-chiamate (45,7%) sono ampiamente diffuse. Parte degli adolescenti ricorre a Internet anche per altri scopi: giochi online (32,8%), fare acquisti di oggetti e/o materiale multimediale (19,5%) e condivisione di opinioni su blog o forum (9,9%). Il 22,9% dichiara di utilizzare internet per la ricerca e la visualizzazione di materiale pornografico. Figura 2. Utilizzo di Internet. Valori in percentuale Materiale pornografico Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 113

14 Mauro Di Lorenzo et al. Indagando su quali social network i soggetti disponessero di un proprio account, come atteso, Facebook rappresenta il sito di maggior diffusione (91,9%), seguito da Youtube (43,5%), Google+ (26%) e Twitter (19,7%), per citare solo i più diffusi. Solo una minima parte del campione riporta di non aver attivato alcun account (3,4%). Interessante rilevare anche l ampiezza della rete di amicizie online: in media i soggetti hanno più di cinquecento amici su Facebook (M=583,45; DS=515,00). Per quanto riguarda l analisi della prevalenza di un utilizzo patologico di Internet tra gli adolescenti italiani emerge che l 1,2% del campione presenta una dipendenza da internet conclamata, mentre il 49% è a rischio di sviluppare un Internet Addiction Disorder. Figura 3. Prevalenza di Internet Addiction Disorder (secondo lo IAT). Valori percentuali 2. Caratteristiche psicologiche e livelli di problematicità associati all internet addiction Gli adolescenti si differenziano nel proprio livello di investimento nel virtuale a seconda di alcune caratteristiche anagrafiche, di alcune dimensioni della propria autostima e infine del livello di problematicità da un punto di vista psicologico. La differenza tra maschi e femmine non è risultata statisticamente significativa, pertanto i punteggi IAT non risentono di un effetto di genere (F (1,1334) =3,307; p=n.s.). In generale i soggetti più giovani (r=-,098; p<,001; vedi tabella 3) e che frequentano un istituto tecnico-professionale (F (1,1335) =22,823; p<,001; η²corretto=,001; tabella 4) riportano punteggi IAT superiori. Le ore di connessione sono correlate ai punteggi IAT sia per una giornata tipo (r=405; p<,001), che per i giorni di vacanza (r=364; p<,001). Tutte le finalità della connessione analizzate correlano positivamente con lo IAT, ad eccezione dell utilizzo di Internet per ricercare informazioni che correla negativamente con l uso patologico di internet (r=-,115; p<,001) e gli utilizzi finalizzati all ascolto di musica, alla visualizzazione di filmati e allo shopping, che non presentano correlazioni significative (vedi tabella 3). 114 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

15 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Tabella 3. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e utilizzo di internet Correlazioni IAT Ritiro IAT Gestione tempo IAT Sostituzione realtà IAT Totale Età -,138 ** -,031 -,028 -,098 ** Ore connessione,331 **,323 **,374 **,405 ** Ore in vacanza,341 **,234 **,329 **,364 ** Social Network,079 **,166 **,106 **,128 ** Comunicazione,065 *,115 **,122 **,115 ** Ricerca -,094 ** -,132 ** -,070 ** -,115 ** informazioni Opinioni,093 **,056 *,075 **,087 ** Giochi online,167 **,063 *,039,130 ** Acquisti online,050,041,058 *,049 Musica e filmati -,012 -,011,000 -,002 Pornografia,193 **,115 **,066 *,162 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) * La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code) Tabella 4. ANOVA: Punteggi IAT e istituto frequentato Gruppo M DS F Sig, η 2 parziale η 2 corretto IAT Totale Liceo 39,141 11,068 22,823 0,000 0,017 0,001 Istituto tecnico 42,046 10,527 Emerge una relazione significativa tra livelli di autostima e utilizzo patologico di internet: sia i punteggi totali del IAT e del TMA (r=-,271; p<,001), sia le relative sottoscale (tabella 5) mostrano associazioni statisticamente significative. Le correlazioni più alte si rilevano tra il punteggio IAT totale e le sottoscale di competenza di controllo dell ambiente (r=-,309; p<,001) e di emotività (r=-,288; p<,001) del TMA. I valori della correlazione sono negativi, in quanto a punteggi maggiori di autostima corrispondono minori livelli di problematiche relative a internet. Tali correlazioni inoltre rimangono significative anche al netto delle variabili sociodemografiche. Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 115

16 Mauro Di Lorenzo et al. Tabella 5. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e punteggi TMA IAT Ritiro Correlazioni IAT Gestione tempo IAT Sostituzione realtà IAT Totale TMA Totale -,237 ** -,267 ** -,176 ** -,271 ** TMA Relazioni -,235 ** -,140 ** -,132 ** -,217 ** TMA Controllo ambientale -,269 ** -,314 ** -,188 ** -,309 ** TMA Emotività -,232 ** -,275 ** -,215 ** -,288 ** TMA Scuola -,192 ** -,340 ** -,162 ** -,274 ** TMA Famiglia -,167 ** -,158 ** -,150 ** -,168 ** TMA Corpo -,131 ** -,146 ** -,113 ** -,155 ** ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) * La correlazione è significativa al livello 0,05 (2-code) Anche il livello di problematicità degli adolescenti rilevato attraverso lo YSR (vedi tabelle 6-7) è fortemente associato all Internet Addiction Disorder misurato mediante l IAT. Come è possibile osservare nelle tabelle prendendo in considerazione sia gli indicatori riassuntivi dello YSR (tabella 6 - Problematiche internalizzanti, Problematiche esternalizzanti, Problematiche totali) sia le singole scale sindromiche (tabella 7), emergono correlazioni significative con i punteggi totali dello IAT e con le singole sottoscale di cui si compone lo strumento. Inoltre, tra le correlazioni più deboli è presente la scala Ritiro Depressione, mentre tra le correlazioni più forti emerge il ruolo delle cosiddette problematiche miste, vale a dire le manifestazioni di disagio che non sono considerabili né internalizzanti né esternalizzanti ( Problemi sociali, Problemi di pensiero, Problemi attentivi ). Tabella 6. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e indicatori sintetici YSR Correlazioni Gestione Ritiro tempo Indicatori YSR / Scala IAT Sostituzione Realtà IAT Totale Problematiche internalizzanti,263 **,213 **,227 **,276 ** Problematiche Esternalizzanti,249 **,302 **,225 **,285 ** Problematiche totali,373 **,375 **,310 **,409 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) 116 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

17 La dipendenza da internet in adolescenza tra normalità e psicopatologia Tabella 7. Correlazione di Pearson: punteggi IAT e scale sindromiche YSR Indicatori YSR / Scala IAT Correlazioni Ritiro Gestione tempo Sostituzione Realtà IAT Totale Ansia - Depressione,249 **,200 **,222 **,263 ** Ritiro - Depressione,198 **,128 **,140 **,190 ** Lamentele somatiche,196 **,188 **,186 **,218 ** Problemi sociali,338 **,240 **,233 **,325 ** Problemi di pensiero,325 **,271 **,257 **,337 ** Problemi attentivi,302 **,417 **,256 **,381 ** Comportamento trasgressivo,212 **,267 **,202 **,248 ** Comportamento aggressivo,240 **,281 **,208 **,269 ** N ** La correlazione è significativa al livello 0,01 (2-code) Per quanto riguarda le scale sindromiche dello YSR è stata effettuata inoltre una regressione multipla (tabella 8), utilizzandole come variabili indipendenti predittive del punteggio IAT. Interessante notare come, al netto delle altre scale sindromiche, alcune di esse perdano di potere predittivo nei confronti del PIU: Ansia-depressione, Ritiro-depressione, Lamentele somatiche e comportamento aggressivo, infatti, non sembrano più in grado di spiegare varianza dell IAT. Includendo nell analisi anche il TMA non si registrano altre variazioni di rilievo. Il modello di regressione così proposto è in grado di spiegare il 19,9% della varianza dei punteggi IAT (F=37,670; p<,001; AdjR²=,199). Per verificare se i diversi livelli di rischio rispetto a un uso patologico della rete siano differenti anche rispetto ad altri indicatori di disagio o di problematiche psicologiche, sono state condotte una serie di analisi della varianza in cui sono state covariate le variabili età, genere, istituto frequentato e ore di connessione che hanno preso in considerazione i gruppi ricavati dallo IAT (normale, a rischio, addicted), i punteggi totali del TMA e gli indicatori riassuntivi dello YSR e le rispettive sottoscale di entrambi gli strumenti (tabella 9). Le analisi della varianza hanno evidenziato una differenza significativa nei livelli di autostima in base al range di problematicità nell utilizzo di internet (F=28,790; p<,001; η 2 corretto=,031). Con lo stesso approccio sono stati testati i tre gruppi IAT rispetto alle sottoscale TMA, per capire se potessero differire per qualche dimensione particolare dell autostima. Tutti e tre i gruppi presentano punteggi significativamente differenti tra di loro per tutte le sottoscale, ad eccezione delle scale relazioni interpersonali e vita familiare, per le quali non si rilevano differenze statisticamente significative tra gruppo a rischio e gruppo Internet-dipendente ma solo tra gruppo normale e gli altri due. Attraverso i grafici delle medie è possibile osservare come il Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 117

18 Mauro Di Lorenzo et al. gruppo a rischio IAD riporti punteggi intermedi rispetto agli altri due gruppi (cioè peggiori del gruppo normale e migliori del gruppo addicted) con una lieve tendenza verso il livello meno problematico. Tabella 8. Modello di regressione. Variabile dipendente: IAT R F sig, R 2 Adj R 2 Modello 0,452 37,670 0,000 0,204 0,199 sig, β Predittori TMA Totale 0,000-0,099 Problemi sociali 0,001 0,126 Problemi di pensiero 0,000 0,14 Problemi attentivi 0,000 0,228 Comportamento trasgressivo 0,016 0,083 Variabili escluse Ansia-Depressione 0,443 0,030 Ritiro-Depressione 0,129-0,050 Lamentele somatiche 0,934 0,003 Comportamento aggressivo 0,115-0,006 Tabella 9. ANCOVA: livelli di rischio IAT e indicatori di disagio psicologico Gruppo M DS F Sig, η 2 η 2 parziale corretto TMA Totale IAT - normale 442,03 56,412 28,79 0,000 0,042 0,031 IAT - rischio 418,99 60,083 IAT - addicted 378,18 34,684 YSR Problematiche IAT - normale 12,163 7,618 42,771 0,000 0,061 0,048 internalizzanti IAT - rischio 15,309 8,375 YSR Problematiche esternalizzanti YSR Problematiche totali IAT - addicted 24,857 8,283 IAT - normale 13,089 8,036 26,369 0,000 0,039 0,033 IAT - rischio 17,075 9,275 IAT - addicted 24,214 11,813 IAT - normale 42,412 18,840 70,416 0,000 0,097 0,081 IAT - rischio 55,430 21,986 IAT - addicted 85,571 31, Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

19 punteggi significativamente differenti tra di loro per tutte le sottoscale, ad eccezione delle scale relazioni interpersonali e vita familiare, per le quali non si rilevano differenze statisticamente significative tra gruppo a rischio e gruppo Internet-dipendente ma solo tra gruppo normale e gli altri due. Attraverso i grafici delle medie è possibile osservare come il gruppo a rischio IAD riporti punteggi intermedi rispetto agli altri due gruppi (cioè peggiori del gruppo normale e migliori del gruppo addicted) La dipendenza con una lieve da internet tendenza in verso adolescenza il livello tra normalità meno problematico. e psicopatologia Figura 4. Medie punteggi TMA suddivisione per gruppi identificati con l IAT Figura 4. Medie punteggi TMA suddivisione per gruppi identificati con l IAT totali dello YSR in particolare si mostrano notevolmente differenti a seconda del livello dipendenza da internet presentato dagli adolescenti (F=70,416; p<,001; η 2 corretto=,081); così c avviene per le problematiche internalizzanti (F=42,771; p<,001; η 2 corretto=,048); e problematiche esternalizzanti (F=26,369; p<,001; η 2 corretto=,033). In sintesi, i tre gr identificati con lo IAT differiscono tra loro in maniera significativa nei livelli di psicopatolo indipendentemente dalla tipologia di problematica. Come per il TMA, le figure 5-6 riporta punteggi grezzi medi ottenuti dagli adolescenti suddivisi in base al livello di gravità dell IAD TMA per gli indicatori complessivi dello YSR, sia per le singole scale sindromiche. Figura 5. Medie punteggi grezzi scale sindromiche YSR suddivisione per gruppi identificati con Figura l IAT5. Medie punteggi grezzi scale sindromiche YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT Risultati simili emergono dalle analisi della varianza condotte prendendo in considerazione i livelli di problematicità e di disagio psicologico misurati dallo YSR (punteggi grezzi). Le problematiche 15 YSR Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2 119 Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT

20 Mauro Di Lorenzo et al. Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati Figura 6. Medie punteggi grezzi indicatori riassuntivi YSR suddivisione per gruppi identificati con l IAT con l IAT YSR Risultati simili emergono dalle analisi della varianza condotte prendendo in considerazione i livelli di problematicità e di disagio psicologico misurati dallo YSR (punteggi grezzi). Le problematiche totali dello YSR in particolare si mostrano notevolmente differenti a seconda del livello di dipendenza da internet presentato dagli adolescenti (F=70,416; p<,001; η 2 corretto=,081); così come avviene per le problematiche internalizzanti (F=42,771; p<,001; η 2 corretto=,048); e le problematiche esternalizzanti (F=26,369; p<,001; η 2 corretto=,033). In sintesi, i tre gruppi identificati con lo IAT differiscono tra loro in maniera significativa nei livelli di psicopatologia, indipendentemente dalla tipologia di problematica. Come per il TMA, le figure 5-6 riportano i punteggi grezzi medi ottenuti dagli adolescenti suddivisi in base al livello di gravità dell IAD, sia per gli indicatori complessivi dello YSR, sia per le singole scale sindromiche Il profilo degli adolescenti Internet Addicted Ai fini di una maggiore comprensione degli adolescenti diagnosticabili come internet addicted sono stati selezionati i soggetti con punteggi IAT che superano il cut off clinico. I 16 soggetti classificati come Internet-dipendenti sono equamente suddivisi in maschi (50%) e femmine (50%), con un età media di circa 15 anni (M=15,38; DS=1,02); metà di essi frequentano un liceo (50%), la restante parte un istituto tecnico-professionale. Utilizzano Internet prevalentemente per social network (100%), fruizione di musica e filmati (87,5%), 120 Psichiatria e Psicoterapia (2013) 32,2

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA!! "# 1 In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA Nel presente report verranno presentati i principali risultati relativi

Dettagli

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal Sommario Presentazione del problema Criteri diagnostici Conseguenze

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca del pinerolese (TO)

Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca del pinerolese (TO) - Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze, Regione Piemonte - Dipartimento Patologia delle Dipendenze, ASL TO3 Prevalenza e fattori correlati dell Uso Problematico di Internet in una popolazione studentesca

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica del pinerolese (TO): prevalenza e fattori correlati

L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica del pinerolese (TO): prevalenza e fattori correlati - Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze, Regione Piemonte - Dipartimento Patologia delle Dipendenze, ASL TO3 L Uso Problematico di Internet tra gli studenti delle scuole superiori dell area geografica

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

DIPENDENZA DA INTERNET

DIPENDENZA DA INTERNET Ciclo di incontri Dipendenze...conoscerle per evitarle Venerdì 04 aprile 2014 DIPENDENZA DA INTERNET Gianluca Mantoani DIPENDENZE DA INTERNET l Negli anni '90 i primi studi l Termine coniato da Ivan Goldberg

Dettagli

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi Il mondo dei NATIVI_DIGITALI in un universo digitale Dipendenza Dipendenza patologica

Dettagli

C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio. Report di Ricerca

C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio. Report di Ricerca C.Ri.d.e.e. Università Cattolica di Milano Luca Milani, Serena Grumi, Paola Di Blasio Report di Ricerca *Calcolare la prevalenza dell uso problematico di Internet e Videogame tra gli adolescenti frequentanti

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino

LA VALUTAZIONE. L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico. Dott.ssa Elena Marino LA VALUTAZIONE L indagine psicosociale e l approfondimento diagnostico Dott.ssa Elena Marino L indagine psicosociale Definizione: Raccolta di informazioni sulle condizioni di vita e sul contesto sociale

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

più di un decennio di contributi scientifici

più di un decennio di contributi scientifici Psicoclick Alessitimia, strategie di coping ed abilità sociali dei giovani utenti del web Tesi di dottorato di Francesco Conti XXIII ciclo Scienze Psicologiche ed Antropologiche più di un decennio di contributi

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali A. La segnalazione tra servizi (Servizio Sociale, Psicologia, Npi, Ser.T., Alcologia, Salute Mentale) in presenza di minori con

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet

L identità in Rete. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari. Usi e abusi di Internet L identità in Rete Comunicazione e comunicazione di sés sul web, forme e patologie Usi e abusi di Internet Internet Addiction Disorder Disturbo da Dipendenza da Internet Uso patologico di Internet Lo scherzo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena

Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Profili psicologici e psicopatologici della cyberdipendenza Francesco Canevelli IIPR Istituto Italiano di Psicoterapia Relazionale, Roma - Siena Associazione Mosaico, Siena Incontro di studio Uso dei social

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Nel 1985 Reiss e collaboratori reinterpretarono la paura della paura come dovuta ad una sensibilità specifica all ansia. Valuta

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!!

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! LA DIPENDENZA DALLA RETE INTERNET IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! CHE COS E? La cosiddetta dipendenza da internet è una problematica ancora in via di definizione che si riferisce all uso eccessivo di internet

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

Equipe del Centro Clinico Cavour

Equipe del Centro Clinico Cavour V Equipe del Centro Clinico Cavour Tarcisio Sartori Elisa Melgazzi Alice Miglioli Chiara Pasotti Annalisa Pintossi Claudia Zanardini Comunità scientifiche di riferimento AIRIPA: Associazione Italiana per

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Cyberpsicologia, Seconda Scuola di Specializzazione in Psichiatria, Università di Roma «La Sapienza»

Cyberpsicologia, Seconda Scuola di Specializzazione in Psichiatria, Università di Roma «La Sapienza» Articolo originale/original article Contributo allo studio di variabili psicopatologiche correlate all uso-abuso di Internet A contribution to the study of Internet use/abuse-related psychopathological

Dettagli

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione Sara Manzoni e Alessandro Antonietti Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione valentiniregina@yahoo. it Nell indagine dei correlati emotivi dei disturbi

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

I minori e l'identitàdi genere

I minori e l'identitàdi genere I minori e l'identitàdi genere Genova, 18 maggio 2010 Dott. Massimo Lavaggi Psicologo Psicoterapeuta massimo.lavaggi@transgenere.it Dott.ssa Chiara Dalle Luche- Psicologo Psicoterapeuta chiara.dalleluche@transgenere.it

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli