SIEMENS. STEP 5 Versione 6.6. Manuale. Contenuto. Panoramica. STEP 5 in un impiego pratico. Istruzioni per I'utente. Inteifaccia operatore grafica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIEMENS. STEP 5 Versione 6.6. Manuale. Contenuto. Panoramica. STEP 5 in un impiego pratico. Istruzioni per I'utente. Inteifaccia operatore grafica"

Transcript

1 SIEMENS Contenuto Panoramica STEP 5 in un impiego pratico - Esempio applicativo - Istruzioni per I'utente STEP 5 Versione 6.6 Inteifaccia operatore grafica Oggetto Manuale Editor C79000-G8572-C Test Gestione Documentazione Cambio Help File S5 / Gestione dati S5 Appendici, lndice analitico Correzioni / Appunti

2 Awertenze tecniche di sicurezza 11 presente manuale contiene avvertenze tecniche relative alla sicurezza delle persone e alla prevenzione dei danni materiali che vanno assolutamente osservate. Lamancataosse~anzapub causare lesioni alle persone o danni matenali. Le awertenze sono contrassegnate da un triangolo e, a seconda del grado di pericolo, rappresentate nel modo seguente: Avvertenza e una informazione importante su1 prodotto, sull'uso dello stesso o su quelle parti della documentazione a cui si deve prestare una particolare attenzione. Personale qualificato Uso conforme alle disposizioni Lamessainservizioedilfunzionamentodeldispositivovannoeffettuatiesclusivamente da personale qualificato. Personale qualificato ai sensi delle avvertenze di sicurezza contenute nellapresente documentazione 2 quelloche dispone della qualifica adinserire, mettere a terraecontrassegnare, secondogli standarddella tecnica di sicurezza, apparecchi, sistemi e circuiti elettrici. Osservare quanto segue: Precauzione 11 dispositivo deve essere impiegato solo per l'uso previsto nel catalogo e nella descrizione tecnica e solo in connessione con apparecchiature e componenti esterni raccomandati od omologati dalla Siemens. Per garantire un funzionamento ineccepibile e sicuro del prodotto 2 assolutamente necessario un trasporto, immagazzinaiento, una installazjone ed un montaggio conformi alle regole nonché un uso accurato ed una manutenzione appropnata. Marchio di prodotto e SINECB sono marchi di prodotto registrati della SIEMENS AG. Copyright O Siernens AG 1996All Rights Resewed La duplicazione e la cessione della presente documentazione cono vietate: come pure I'uso improprio del suo contenuto, se non dietro autorizzazione scritta. Le trasgressioni sono passibili di risarcimento dei danni. Tutti i diritti sono riseivati, in particolare quelli relativi ai breveni e ai marchi registrati. Siernens AG Divisione Automazione Sistemi per I'automazione industriale Posffach 4848,90327 Nürnberg Siernens Akiengesellschait Esclusione deiia responsabiiita Abbiamo controllato che il contenuto della presente documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo tuttavia escludere eventuali differenze, non garantiamo una concordanza totale. II contenuto della presente documentazione viene verificato regolarmente, e le correzioni e modifiche eventualmente necessarie sono contenute nelle edizioni successive. Saremo lieti di ricevere qualunque tipo di proposta di miglioramento. O Siemens AG 1996 Ci riserviamo eventuali modifiche tecniche. C79000-G8572-C820

3 Contenuto Panoramica... Guida attraverso il manuale... Panoramicasulprodotto... Varianti rispetto a precedenti versioni... STEP 5 in un impiego pratico. Esempio applicativo... lntroduzione all'esempio (definizione dei compiti)... Generazione con STEP 5 del programma per I'impianto dilavaggio... Creazione del progetto "IMPLAV"... Generazione del programma... Documentazione del programma Trasferimento di file. blocchi e segmenti Controllo e modifiche del programma... Caricamento e test del programma... Caricamento del programma... Test del programma... Statodelblocco...

4 Contenuto 3 Panoramica delle funzioni lnterfaccia operatore grafica Scelta funzioni... Box di comando/scelta... Boxdicomando... Box di scelta blocchi. box di scelta file... Tastifunzionali Oggetto Progetto... Impostazioni... Pagina1... Pagina2... Caricamento... Salvataggio... Salvacome Blocchi... Emissione indice del contenuto... Trasferimento blocchi... Confronto di blocchi... Cancellazione File-DOS... Indice... Copiadifile... Cancellazione file File PCPM... Indice... Copia... Cancellazione Fine...

5 Contenuto 3.3 Editor Funzioni comuni in AWL. KOP. FUP... Sceltaeditor... Scelta editor con ricerca Assegnazione dei tasti funzionali in "Emissione"... Introduzione del nr. di biblioteca Cambio della rappresentazione... Editazione commenti... Commento impianto... Comento segmento... Titolo segmento... Visualizzazione comm. operando... Aggiunta. inserimento. trasferimento. cancellazione di un segmento. Copia di un segmento... Cancellazione di un segmento... Trasferimento/spostamento di un segmento... Generazione e visualizzazione lista incrociata. cambio blocco... Ricercadioperandi... Editazione di operandi simbolici nel blocco Editazione della lista istruzioni... Visualizzazione indirizzi... Commento istruzioni... Blocchifunzionali... Editazione di blocchi funzionali... Editazione nuovi blocchi funzionali... Richiamo di blocchi funzionali... Editazione di schemi a contatti... Operativita con l'editor KOP... Funzioni complesse... Operazioni aritmetiche... Richiami di blocchi... Operazioni di caricamento e trasferimento... Operazioni di shift e rotazione... Operazioni di memorizzazione... Operazioni di conversione...

6 Contenuto Operazioni di comparazione... Operazioni di conteggio... Operazioni di temporizzazione Editazione di schemi logici... Operativita con l'editor FUP Funzioni complesse... Operazioni aritmetiche... Richiami di blocchi... Operazioni di caricamento e trasferimento... Operazioni di shift e rotazione... Operazioni di memorizzazione... Operazioni di conversione... Operazioni di comparazione... Operazioni combinatorie digitali... Operazioni di conteggio... Operazioni di temporizzazione Editazione di blocchi dati... Sceltaeditor... Scelta editor con ricerca... Costituzione di un blocco dati... Editazione del commento del blocco... Introduzione del titolo del blocco... Influenza sulla lunghezza dell'intestazione del blocco... Introduzione del nr. di biblioteca... Modifica del formato dei dati... Introduzione dei cornmenti alle parole dati... Duplicazione di parole dati (DW)... Test di numeri in virgola mobile... Inserimento righe... Cancellazione righe Editazione di maschere DB... Suddivisione periferia DB1 per il S5-135 U... DXOperS5-135U... DXOperS5-155U...

7 Contenuto Software di parametrizzazione COM DBI Funzioni del COM DB Quali controllori si possono parametrizzare con il COM DBl? Come operare con il COM DB1... Concetto operativo generale nella parametrizzazione di DB1 conilcomdb1... Esempio di una parametrizzazione di DB1 con il COM DB1... Introduzione del commento al blocco pararnetri... Editazione dei parametri... Ernissione del DB1 su stampante... Trasferimento di DB1 nel controllore... Memorizzazione del DB1 in un file di programma STEP 5... Commutazione del controllore da STOP a RUN... Editazione della lista di attribuzione... Tipi di operandi consentiti... Configurazione del video... Generazione lista di attribuzione... Ausili per l'editazione... Tasti funzionali programmabili... Modifica della lista di attribuzione... Commenti aggiuntivi... Test... Stato Blocco... Stato Variabili... Editazione della lista degli operandi... ForzamentoAG... StartAG... StopAG... Compressione memoria AG... vii

8 Contenuto Forzamento variabili... Editazione lista operandi... Emissione stato degli operandi (variabili di processo)... Impostazione delle variabili con il PG... Forzamento uscite... Editazione lista operandi... Impostazione delle variabili di uscita con il PG... Emissione Info-AG... REG. INT. Registro interruzione di AG... REG. BL. Registro blocchi dell'ag... Emissione del contenuto della memoria... Configurazione della memoria AG... Parametri di sistema dell'ag... Controllo elaborazione ON... Controllo elaborazione OFF... Gestione... Generazione XREF... EPROM... lnterconnessione... Interconnessione automatica tramite lista attribuzione... Interconnessione manuale tramite lista di modifiche... Lista di attribuzione... Conversione SEQ -> INI... Conversione INI -> SEQ... Correzione INI di singole attribuzioni nel file simbolico... Conversione livello V1.x V2.x... Cancellazione SEQ CancellazioneINI... Emissione lista errori viii

9 Contenuto Selezione drive Vie bus... Editazione (file alla via)... Impostazioni vie vus 3.6 Documentazione Emissione standard... Struttura del programma... Blocchi STEP 5... Blocchidati... MaschereDB... Lista di attribuzione Lista incrociata Tabella occupazione Ordineglobale Emissione confortevole... Parti di programma... Blocchi... MaschereDBl... Lista di blocchi... Lista di attribuzione... Dati di riferimento... Struttura del programma... Lista incrociata... Tabellaoccupazione... Tabella occupazione Merker S Lista di controllo... Fileditesto lstruzioni di comando... Sintassi delle istruzioni di comando... Editazione istruzioni di comando... Verifica istruzioni di comando... Emissione lista errori... Esecuzione istruzioni di comando... Stampa istruzioni di comando...

10 Contenuto Editazione struttura... Stampa struttura... lmpostazioni... Impostazioni parametri stampante... Piedinatura... Editazione piedinatura... Cambio... Altripacchetti... Help... Lista assegnazione tasti... lnformazioni relative alla versione STEP 5... Versione pacchetti S5... Descrizioni di directory e file... File S5... Funzioni di alcuni file STEP 5... Gestione dati S5-DOS... Appendice... Modello di programma per I'esempio applicativo... Glossario... Terminologia S5... Assegnazione tastiera... Assegnazione tastiera KOPFUP... Assegnazione tastiera in AWL... lstruzioni operative in breve...

11 Contenuto A.6 Accoppiamento PG tra due PG... Requisiti hardware... AccoppiamentoPG... Definizione predisposizioni... Sceltafunzioni... A. 7 Macrodefinizione dei tasti... A. 8 Regole di programmazione... A.8.1 Blocchi disponibili e limiti di parametri... A.8.2 lntroduzione grafica in KOP e FUP... Introduzione in KOP. emissione in FUP... Introduzione in FUP. emissione in KOP... Uscita di una funzione complessa... Connessioni... A.8.3 lntroduzione in AWL... Combinazione AND... CombinazioneOR... Combinazione AND prima di un OR... Parentesi... Funzioni complesse (memoria. temporizzazione. comparatore. contatore)... Funzioni complesse. ingressi e uscite non utilizzate...

12 Panoramica

13 Guida attraverso il manuale Guida attraverso il manuale Questo manuale STEP 5 introduce all'uso del software STEP 5 e serve come riferimento per tutte le funzioni di generazione, gestione, test e documentazione di programmi utente STEP 5. Le seguenti domande e risposte aiutano ad orientarsi nell'uso del manuale in funzione delle proprie necesita.. 7 Siete gih esperti nell'ambito STEP 5. Nell'appendice si trovano brevi istruzioni d'uso, che illustrano il modo di operare senza spiegazioni particolareggiate delle singole funzioni. 7 Cosi vi potrete orientare nelle "Istruzioni per l'utente"(cap.3): In questo capitolo, testi evidenziati e guide grafiche saranno di aiuto per la consultazione: 1. Nella riga di intestazione, sulla sinistra della pagina, si trova sempre l'indicazione del menu (p.es. "Oggetto") dalla lista del menu principale. Questa 6 contemporaneamente il titolo del capitolo della funzione STEP 5 descritta. 2. Sulla testa della pagina, nella riga di intestazione, si trova il nome della funzione descritta (p.es. Progetto). 3. Nella colonna di margine (su1 bordo sinistro) 6 indicato in caselle di menu, quali opzioni si devono selezionare per attivare la funzione descritta.

14 Guida attraverso il manuale e Esempio: Impostazioni per l'esecuzione di un progetto Progetto Irnpostazioni > 4. (+ Progetto, Zmpostazioni ). Queste indicazioni dicono "-" che nel capitolo indicato in questo modo si trovano ulteriori e approfondite informazioni. 1 termini che seguono la sono sempre citati nell'indice o nell'indice analitico. 5. Le sigle dei tasti, p. es. ESC, Tasto di introduzione o Conferma, sono sempre scritte in corsivo/grassetto. 7 Volete far girare il software STEP 5 su un PG (PC): In questo caso bisogna distinguere i due casi seguenti: a) Se avete aquistato il software STEP 5 assieme ad un nouvo PG, esso 6 gia installato su1 PG stesso. Vi bastano poche indicazioni operative per la sua attivazione (- Brevi istruzioni PG) b) Se avete aqcuistato il software STEP 5 come pacchetto d'aggiornamento o come pacchetto PC, dovete installarlo su1 PG (PC) con l'aiuto delle "Informazioni di prodotto" ed avviarlo. In entrambi casi, dopo lo start, compaiono maschere d'avviamento, da compilare con l'aiuto delle informazioni di prodotto. Dopo di che si presenta il menu principale del software STEP 5.

15 Guida attraverso il manuale 7 Generate per la prima volta con il software STEPS: Nel capitolo 2 siete guidati passo dopo passo nell'esecuzione di un progetto semplificato (impianto di lavaggio auto). Potrete cosi verificare i risultati della vostra programmazione con il programma AWL fornito. 7 Decidete per quanto concerne la gestione dati per il vostro programma utente: Se utilizzate il sistema operativo SS-DOSIMT potrete scegliere tra due gestioni dati (SS-DOS e BTRIEVE). 11 capitolo 4 vi offre un supporto per questa decisione. Decidete prima di iniziare a generare il vostro programma utente. 7 Volete una panoramica sugli elementi operativi con cui muoversi all'interno del software STEP 5: Nel capitolo 3.1 sono illustrate le relative informazioni necessarie. Si consiglia di leggere questo capitolo per iniziare il lavoro con lo STEP 5.

16 Guida attraverso il manuale 7 Dovete generare, testare, gestire o documentare un programma utente STEP 5 oppure avete domande relative ad una funzione o all'esecuzione: Utilizzate dapprima le funzioni ausiliarie del software STEP 5. Nel caso non troviate risposte alle vostre domande consultate nel manuale (+ capitolo 3.2 fino a 3.8 ) le corrispondenti funzioni di menii che troverete indicate come titolo o nelle colonne a margine. 7 Volete ulteriormente elaborare in SS-DOSIST con la presente versione STEP 5 i vostri programmi utente generati fino ad ora sotto SS-DOS (PCPIM): Convertite questi programmi con l'ausilio della funzione di copia nel menii "Oggetto", "Copia file PCPIM (+ Capitolo 3.2.4). Dopo di ci6 6 possibile eseguire tutte le altre elaborazioni.

17

18 Varianti rispetto a precedenti versioni 1.2 Panoramica su1 prodotto Base di funzionamento 11 software STEP 5, dalla versione 3.0, pu6 essere utilizzato sui PG 7xx con i sistemi operativi: SS-DOSIST (ST = Single Tasking sotto MS-DOS), ed anche su PC AT-compatibili con uno speciale pacchetto di funzionamento ("Pacchetto di programmazione STEP 5 per PC"). Le informazioni relative all'installazione ed alle funzioni del sistema operativo si trovano nei corrispondenti manuali Varianti rispetto a precedenti versioni Gestione datflile Interfaccia operatore Dalla versione 6.0 il pacchetto STEP 5 si differenzia notevolmente rispetto alle versioni precedenti. Esso possiede inoltre modifiche ed espansioni funzionali, illustrate in seguito, che sono: Manca la funzionaliti sotto SS-DOS (PCIM). Pertanto programmi gii eseguiti devono essere convertiti nel sistema operativo prescelto. (+ Progetto, PCPIM). Esiste ora sotto STEP 5 la possibiliti di muoversi nel sistema file DOS senza dover passare al livello utente MS-DOS (+ Oggetto, File DOS). 1 file *DR.INI e *AP.INI sono gestiti centralmente nella directory di sistema di STEP 5 (+ Progetto). Con l'interfaccia operatore vengono selezionate le funzioni elementari tramite menu (+ Interfaccia grafica utente). Le funzioni si parametrizzano in "box di comando" (+ Interfaccia grafica utente). Le righe di comando mancheranno in molti casi. Per molte funzioni esiste una operativiti tramite mouse (+ Interfaccia grafica utente). 11 tasto di introduzione corrisponde al tasto di conferma (bottone COK> nella finestra di dialogo).

19 Panoramica su1 prodotto Preparazione alla programmazione Documentazione Editazione Connettore Funzioni complesse m m 1 cosiddetti "tasti veloci" provvedono ad una rapida scelta delle funzioni piii importanti (+ Interfaccia grafica utente). Esistono assegnazioni di tasti (hot keys), con cui selezionare direttamente una funzione. Nei nomi dei menii questi "hot keys" sono indicati tramite una lettera rossalreverse (+ Interfaccia grafica utente). Con SHIFT F8, in molti casi, si ottengono testi di help. Tutte le predisposizioni relative ai file ed ai parametri di un progetto sono riassunte in due principali "box d'impostazione" (+ Progetto, Impostazioni). Tutte le predisposizioni sono memorizzate in un file, che pu6 essere ricaricato e pertanto non 2 necessario ripetere le predisposizioni (+ Progetto). Le stesse predisposizioni di una seduta di programmazione vengono acquisite successivamente, se lo STEP 5 6 stato concluso. 11 pacchetto KOMDOK, fino ad ora opzionale, 2 parte integrante dello STEP 5 (+ Emissione confortevole). Le destinazioni delle emissioni di stampa sono selezionabili per ciascuna funzione (+ Interfaccia grafica utente, Box di comando). In seguito sono indicate tutte le varianti relative all'editazione, secondo le diverse funzionalita: Oltre al connettore gia esistente 6 stato realizzato un "connettore negato" con le medesime caratteristiche d'utilizzazione (+ Editor, Editazione di schema a contattijschema logico). Connettori e connettori negati possono essere utilizzati immediamente prima di uscite FUP. Per i nuovi elementi del linguaggio ci sono corrispondenti rappresentazioni come "Funzioni complesse" (FC) (+ Editor, Editazione di schema a contattijschema logico). Tutte le funzioni complesse possono essere combinate in un segmento FUP. Le funzioni complesse aritmetiche possiedono ingressi "estraibili" (FC con due ingressi).

20 Varianti rispetto a precedenti versioni Rappresentazione cursore Richiami blocchi Nuove uscite in FUP Facilitazione per il posizionamento lnserimenti Editazione FB La rappresentazione su video in "Stato" per funzioni complesse 6 stata ampliata (+ Test, SlATO Blocco). Per rendere piu visibile in modo "Editazione" la posizione del cursore, 6 stato introdotto un "cursore allungato", la cui larghezza corrisponde a quella del campo di introduzione attuale (+Editor). In segmenti vuoti 6 possibile introdurre un richiamo direttamente tramite i tasti funzionali. In segmenti gii esistenti 6 possibile aggiungere i richiami conlsenza inserimento automatico. Sono possibili inserimenti o aggiunte implicite di nuove uscite (+ Editol; Editazione schema logico). Sono previste nuove funzioni di tasti per il posizionamento del cursore nelle finestre di editazione (+AppendiceA.4, Assegnazione tastiera). Questi facilitazioni per il posizionamento sono attivabili anche tramite i tasti funzionali ("Extra") (+ Editol; Editazione schema a contattilschema logico). Se si deve eseguire un inserimento, ci6 viene sempre riconosciuto ed eseguito automaticamente (+ Editol; Editazione schema a contattilschema logico). Manca la "Correzione". Ci sono ancora i modi "Editazione " e "Emissione". Ci sono ulteriori possibiliti per l'editazione di FB: - La programmazione 6 possibile anche in KOP e FUP. Ad eccezione del primo segmento, sono utilizzabili all'interno di un segmento tutti i nuovi elementi del linguaggio in forma grafica. (+ Editor, KOPIFUP). - Gli operandi formali definiti nel primo segmento non si possono utilizzare in un segmento KOP o FUP. - 1 nomi dei FB sono visualizzati nella funzione "Indice" (+ Oggetto, Blocchi). E possibile selezionare il Nr. Bib. tramite tasti funzionali.

21 Panoramica su1 prodotto Segmenti nei blocchi Tasti funzionali Editazione lista di attribuzione Vie bus EPROM Online e e Le funzioni segmento sono selezionabili tramite tasti funzionali (+ Editor, Editazione lista di attribuzione): - Copia (all'interno di un blocco e da un buffer). - Cancellazione, inserimento, aggiunta, sfogliamento. - Possibili segmenti vuoti in KOP e FUP. Esistono tasti funzionali con doppia occupazione. Ci6 riduce i hard key. Nell'editor simbolico 6 stata messa un'assegnazione stringhe di caratteri tramite i tasti funzionali da Fl a F4 (fino ad ora F1 a F8) (+ Edito?; Editazione lista di attribuzione). Le vie bus possono essere ridenominate. Le vie bus sono ridotte a possibili vie prioritarie, che sono garantite. Per vie che si discostano da quelle viene emessa una segnalazione (+ Gestione, Vie bus). E possibile la selezione del numero di programmazione del modulo EPROM tramite un box di scelta (- EPROM). Per tutte le informazioni online viene comunicato il tipo del controllore programmabile ed il numero di CPU.

22 STEP 5 in un impiego pratico - Esempio applicativo -

23 lntroduzione all'esempio (de finizione de compiti) lntroduzione all'esempio (definizione dei compiti) Per facilitare la conoscenza dello STEP 5 ed il lavoro con questo pacchetto di software, 6 illustrato qui di seguito un esempio applicativo. Oltre alla definizione dei compiti "Comando di un impianto di lavaggio auto", 6 indicato passo dopo passo come editare, testare, documentare e archivare il relativo programma utente. Con questa introduzione all'uso dello STEP 5, con l'aiuto di un esempio si vuole: - realizzare un veloce accesso alle funzioni di sistema e di editazione piii importanti su1 dispositivo di programmazione e - definire una guida per l'elaborazione di un progetto e la manipolazione degli strumenti STEP 5 necessari. Lo sviluppo del relativo programma STEP 5, che comanda il processo nel modo richiesto, non fa parte dell'esempio. Nell'appendice A si trovano comunque i relativi chiarimenti, nel caso si voglia generare il programma per conto proprio. 11 programma approntato 6 costituito dalle seguenti parti: - una lista di attribuzione (operandi assoluti, operandi simbolici), - un blocco funzionale con 15 segmenti in rappresentazione "Lista istruzoni" (AWL). - un blocco dati - i blocchi organizzativi per l'awiamento ed il funzionamento ciclico dell'impianto. Si consiglia di eseguire personalmente su1 PG i seguenti passi descritti (cap. 2.2), per la generazione del programma. Per questo 6 sufficiente editare soltanto alcuni segmenti. 11 blocco funzionale si trova nella directory \SS-DATEN\DEFAULT cosi come tutte le rimanenti parti del programma di esempio.

24 Breve descrizione La seguente figura mostra in modo dettagliato un impianto di de compiti di lavaggio auto, in una struttura tipica per molte stazioni di servizio comando e che deve essere automatizzato mediante un programma STEP 5. Figura 2-1 Impianto di lavaggio auto Dalla struttura dell'impianto di lavaggio e dalle richieste del procedimento di lavaggio deriva il seguente ciclo di processo: - L'impianto deve assumere la sua posizione di partenza - L'auto 2 portata nella posizione di lavaggio - La porta dell'impianto viene chiusa e si avvia il ciclo di lavaggio - Segue il procedimento con spruzzatura di schiuma, lavaggiolrisciaquo, applicazione di cera e asciugatura della vettura. - Alla fine viene aperta autmaticamente la porta e l'auto pu6 essere portata fuori. Alcune grandezze come "Tempo di asciugatura" o "Tempo di diffusione cera" possono essere modificate da1 personale di servizio. 11 sistema tiene anche conto del numero dei cicli di lavaggio eseguiti.

25 lntroduzione all'esempio (de finizione de compiti) Premesse per I'esecuzione dell'esempio Dallo schema dettagliato dell'impianto relativo al procedimento di lavaggio sopra schizzato 2 possibile ricavare le "interfacce con il processo", cio2 gli ingrssi/uscite (EIA) per la realizzazione del comando Cfig. KEIN MERKER). Con le sigle dei segnali E/A (lista segnali, tabella A-1), sulla base di una descrizione verbale dello svolgimento del processo, viene quindi sviluppato il programma di comando del procedimento di lavaggio (Appendice A.l). lngressi Uscite Commut.princ. E3.O Avanzam. strutt. Emergenza E Ritorno struttura Aw. impianto E3.2 Apertura porta Auto in posizione E3.3 Chiusura porta Strutt. avanti E3.6 Rotaz. spazzoloni Strutt. indietro ~3.7 Spruzzatori deterg. Portaaperta E3.O Spruzzatori acqua Porta chiusa E3.1 Diffusori cera.2 Asciugatura.4 ENTRATA AUTO.5 USCITA AUTO Figura 2-2 Apparecchiatura di comando con interfacce verso il processo La figura seguente mostra i componenti hardware e software necessari per l'esecuzione dell'esempio. 11 S5-95 ed il simulatore sono necessari soltanto per il test del programma di comando.

26 Controllore programmabile Simulatoredell'impianto S lavaggio auto (Nr. ord. 6ES5788-8MKll) II- Funzioni online Dispositivo di programmazione PG Figura 2-3 Configurazione dell'esempio "Impianto di lavaggio auto"

27 Generazione con STEP 5 del programma per I'impianto di lavaggio 2.2 Generazione con STEP 5 del programma per I'impianto di lavaggio Concordemente al modo di utilizzare le sigle dello STEP 5 viene dato al nostro impianto di lavaggio il nome del progetto "IM- PLAV". La generazione del programma utente su1 PG si suddivide nelle fasi: - creazione e apertura del progetto "IMPLAV" - generazione del contenuto del progetto "IMPLAV" (editazione e strutturazione del programma), - gestione e cura del progetto7'implav" Creazione del progetto "IMPLAV" Poichk la base del sistema operativo e l'avviamento del dispositivo di programmazione dipendono da1 tipo di PG utilizzato, vengono descritti il procedimento di impostazione e le modaliti operative a partire dalla lista di menu STEP 5. Partendo da1 punto di menu "Oggetto", si seleziona il sottomeni "Progetto" per predisporre tutte le impostazioni e parametrizzazioni necessarie alla programmazione. 1. Selezionare pertanto per un nuovo progetto in primo luogo "Progetto, Impostazioni, Pagina 1". Una successiva selezione del progetto gii creato awiene tramite "Caricamento". Appare la pagina 1 con i campi d'introduzione per i diversi nomi dei file. Questi campi sono preimpostati e denominati con "NONAME. Specificare il programma da generare per l'impianto di lavaggio, sovrascrivendo quanto gii indicato con le seguenti denominazioni: Directory di lavoro: C:\S5-DATEN\EXAMPLE File programma: C: 1MPLAVST.SSD File simbolico: C: IMPLAVZO.IN1 Le parti dei nomi stampate in grassetto sono indicate in modo fisso e non possono essere modificate.

28 Creazione del progetto 3. 1 campi d'introduzione diventano accessibili se si porta il cursore sull'indicazione del file e poi si preme il tasto F3 = Scelta. 4. Per l'impostazione della directory di lavoro - dopo aver premuto 2 volte F3, selezionare nel box di scelta, sotto "Drive C:" la sottodirectory "EXAMPLE. - dopo aver premuto 2 volte OK, 2 impostata la directory di lavoro C:\S5-DATEN\EXAMPLE. 5. Con F4 ci si porta alla pagina 2 delle "Impostazioni". Nota: Nel caso si abbiano problemi per la selezione delle directory o dei file nei box di scelta e di definizione, leggere il paragrafo introduttivo 3.1 del capitolo "Istruzioni per l'utente". Scelta del tipo di funzionamento Scelta della rappresentazione degli operandi Definizione del fle stampante Scelta della rappresentazione lmpostazione della lunghezza di simbolico/commento Fin tanto che non si collega nessun controllore programmabile, come tipo di funzionamento 2 possibile soltanto "offiine" e quindi risulta impostato da STEP parametro "Simbolico" viene impostato su "Si", premendo il tasto F3; stesso procedimento per il parametro "Commenti". La "visualizzazione" del parametro 2 ora "Sim". 7. Sovrascrivere il nome del file stampante... DR.IN1, con il nome del nostro programma "IMPLAV. 11 nome viene acquisito automaticamente nella sigla del file di documentazione... LS.IN1. Poich2 si vuole programmare in "Lista istruzioni", 8. impostare questo parametro su AWL, premendo in questo caso 2 volte F3. Per una migliore manipolazione, conviene lasciare la massima lunghezza del simbolico a 8 caratteri. Con ci6 2 tuttavia possibile formulare testi di chiarimento dettagliati, 9. modificando la lunghezza del commento a 40 caratteri. Queste introduzioni devono essere concluse con il tasto di introduzione.

29 Generazione con STEP 5 del programma per I'impianto di lavaggio Salvataggio 10. Tramite F8 si ritorna nel menil. impostazioni 11. Dopo la selezione di "Progetto salva come..." Generazione del programma compare il box di scelta file, in cui indicare come nome di file "IMPLAV". Dopo aver premuto OK ed acquistato la segnalazione "File destin. gia su FD, sovrascrivere?", lo STEP 5 crea i file progetto IMPLAVPJ.IN1, in cui sono contenuti i file programma e le impostazioni eseguite. Generazione del programma Dopo aver specificato il progetto mediante denominazione e definizione dei parametri, si vuole, in questo paragrafo, editare un blocco funzionale con le istruzioni e un blocco dati con i valori di tempo e conteggio. Una volta raggiunto lo scopo introduttivo dell'esempio e le operazioni d'introduzione si ripetono, si potra interrompere il lavoro di editazione. 11 programma completo si pu6 copiare sotto la sigla SSDEMOPJ.IN1, dalla directory C:\S5-DATEN\DEFAULT nella propria directory di lavoro. Per una migliore comprensione del programma, si opera con "operandi simbolici" nella stesura delle istruzioni. Ci6 richiede che prima dell'editazione in AWL si debba approntare una "lista di attribuzione". La generazione del programma per l'impianto di lavaggio richiede quindi le seguenti attivita di editazione: - generazione di una lista con le attribuzioni simboliche dei segnali di processo assoluti, - generazione del blocco dati per la raccolta dei valori di set per il processo ed il conteggio dei cicli di lavaggio, - generazione di una lista di istruzioni in un blocco funzionale per la gestione dello svolgimento del processo. L'esecuzione di questi compiti offre l'opportunita di conoscere le caratteristiche dei tre importanti editor dello STEP 5.

30 Creazione del progetto Editazione della lista di attribuzione 7 1 Gli operandi simbolici sono le sigle (p. es. "PORTA-AP") degli operandi assoluti (p.es. E 32.6, A 32.2, M 10.0) elaborati da1 controllore programmablie. Affinche il dispositivo di programmazione possa "capire" gli operandi simbolici selezionati, 6 necessaria una lista di attribuzione (ZULI), che in questo caso 6 stata editata nel file simbolico con il nome C:IMPLAVZO.SEQ. Come modello per la generazione di questa lista si pu6 prendere la lista dei segnali d'impianto (tabella A-1), dove le attribuzioni sono gia collocate rispetto alla colonna degli operandi. Prima della conferma della lista di attribuzione (ZULI) bisogna accorciare gli operandi a 8 caratteri, secondo il formato di editazione impostato. In questo modo e utilizzando lettere maiuscole si avra una rappresentazione piu chiara del programma. 1. Richiamare l'editor STEP 5 "Lista attribuzione" nel menu "Editor", (opp. premere il tasto funzionale F7). 1 Lista attribuzione F7 1 Sotto una riga d'intestazione con l'indicazione del file IMPLAV- ZO.SEQ si presenta un formulario vuoto con le colonne "Operando", "Simbolo" e "Commento". Le lunghezze dei campi per gli operandi simbolici ed i commenti sono state definite nelle impostazioni di progetto. 2. Introdurre ora la prima riga della lista di attribuzione: Operando Simbolo Commento E 32.0 PRINC-ON Commut. principale a chiave "Impianto ON 3. Introdurre quindi (in Inserimento) la sequenza di caratteri: E 32.0 e premere SHIET cursore verso destra o TAB. 4. Introdurre PRINC-ON. (Se il campo 6 completato, il cursore salta automaticamente avanti). 5. Introdurre "Commut. principale a chiave "Impianto ON" e premere il tasto di introduzione o TAB. Un pezzo della lista di attribuzione 6 mostrato nella fig. KEIN MERKER. Prendere questa lista senza modificarla come file simbolico. Concludere l'editazione tramite:

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Gestione Fascicoli Guida Utente

Gestione Fascicoli Guida Utente Gestione Fascicoli Guida Utente Versione 2.3 Guida Utente all uso di Gestione Fascicoli AVVOCATI Sommario Premessa... 4 Struttura... 5 Pagamento fascicoli... 9 Anagrafica Avvocati... 17 1.1 Inserimento

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli