CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione"

Transcript

1 CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di breve periodo. Tutti i tre modelli tentano di spiegare perché, nel breve periodo, il prodotto aggregato può deviare dal «livello naturale» di lungo periodo, cioè il livello coerente con il pieno impiego di lavoro e capitale. Da tutti i tre modelli deriva una funzione di offerta aggregata nella quale il prodotto aggregato devia dal suo livello naturale Y quando il livello dei prezzi devia dal suo livello atteso: Y Y (P P e ) Il primo modello è il modello dei salari vischiosi. Il fallimento del mercato si verifica nel mercato del lavoro, poiché i salari nominali non si aggiustano immediatamente alle variazioni della domanda e dell offerta di lavoro, ovvero il mercato del lavoro non raggiunge i- stantaneamente l equilibrio. Quindi, un aumento inatteso del livello dei prezzi causa una diminuzione del salario reale (W/P). Il minor salario reale induce le imprese a impiegare più lavoro e, per questa via, il prodotto aggregato aumenta. Il secondo è il modello dell informazione imperfetta, che ipotizza che ci siano informazioni imperfette sui prezzi: i produttori di beni e servizi scambiano le variazioni del livello dei prezzi per variazioni dei prezzi relativi. Se un produttore osserva un aumento del prezzo del bene che produce, può attribuire parte dell aumento a un aumento del prezzo relativo, anche nel caso in cui si tratti semplicemente di un aumento del livello generale dei prezzi. In conseguenza di questa errata percezione, il produttore aumenta la quantità prodotta. Il terzo è il modello dei prezzi vischiosi. In questo caso l imperfezione del mercato si manifesta attraverso il mancato adeguamento istantaneo dei prezzi nei mercati dei beni alle variazioni delle condizioni della domanda: il mercato dei beni non raggiunge l equilibrio istantaneamente. Se la domanda dei beni di un impresa diminuisce, l impresa reagisce riducendo la quantità prodotta e non il prezzo. 2. In questo capitolo abbiamo affermato che, nel breve periodo, l offerta aggregata dipende dal livello naturale del prodotto aggregato e dalla differenza tra il livello dei prezzi e il livello dei prezzi atteso. Questa relazione è espressa dall equazione dell offerta aggregata: Y Y (P P e ) La curva di Phillips rappresenta un modo alternativo per esprimere l offerta aggregata e offre un modo semplice per spiegare il trade-off tra inflazione e disoccupazione implicito nella curva di offerta aggregata di breve periodo. La curva di Phillips indica che l inflazione dipende dal tasso di inflazione atteso e, dalla disoccupazione ciclica (u u n ) e dagli shock dell offerta : e (u u n ) Entrambe le equazioni ci offrono la medesima informazione, ma in modi diversi: entrambe evidenziano una relazione tra l attività economica reale e le variazioni inattese dei prezzi. 109

2 3. L inflazione può essere inerziale a causa del modo in cui si formano le aspettative degli individui. È plausibile ipotizzare che le aspettative di inflazione dipendano dalle variazioni dei prezzi osservate di recente. Tali aspettative influenzano i salari e i prezzi determinati dagli individui. Per esempio, se ultimamente i prezzi sono aumentati rapidamente, gli individui si aspettano che continuino ad aumentare allo stesso tasso e queste aspettative sono integrate nei contratti, per cui salari e prezzi continuano ad aumentare rapidamente. 4. L inflazione trainata dalla domanda è il risultato di una domanda aggregata vivace: l aumento della domande «spinge» i prezzi e il prodotto aggregato verso l alto. L inflazione spinta dai costi è dovuta a shock negativi dell offerta che spingono verso l alto i costi di produzione, come accadde per esempio con l aumento dei prezzi del petrolio negli anni La curva di Phillips ci dice che l inflazione dipende dall inflazione attesa e, dalla disoccupazione ciclica (u u n ) e dagli shock dell offerta : e (u u n ) Il termine (u u n ) è l inflazione trainata dalla domanda: infatti, se la disoccupazione è al di sotto del tasso naturale u n l inflazione aumenta e viceversa. Lo shock dell offerta è l inflazione spinta dai costi. 5. La curva di Phillips mette in relazione il tasso di inflazione con il tasso di inflazione atteso e la differenza tra il tasso di disoccupazione e il tasso naturale di disoccupazione. Quindi, un modo per abbattere l inflazione è creare una recessione, facendo aumentare la disoccupazione al di sopra del suo tasso naturale. Tuttavia è possibile contenere l inflazione anche senza generare fenomeni recessivi, se si riesce a ridurre senza costi l inflazione attesa. Secondo l approccio delle aspettative razionali gli individui formano le proprie aspettative utilizzando in maniera ottimale tutte le informazioni disponibili. Di conseguenza, per ridurre l inflazione attesa, è necessario innanzitutto annunciare un piano per ridurre l inflazione prima che gli individui formino le proprie aspettative (per esempio, prima che stipulino accordi salariali e definiscano i prezzi); in secondo luogo, è necessario che chi determina salari e prezzi ritenga credibile l impegno a ridurre l inflazione. Se entrambe tali condizioni sono soddisfatte, l inflazione attesa diminuisce immediatamente e questo, a sua volta, non farà che abbattere il tasso di inflazione effettivo. 6. Un modo in cui una recessione può aumentare il tasso naturale di disoccupazione è influenzando il processo di ricerca di lavoro, tramite un aumento della disoccupazione frizionale. Per esempio, i lavoratori disoccupati perdono preziose competenze professionali; di conseguenza, questi individui hanno maggiori difficoltà a trovare un impiego anche al termine della fase recessiva, perché diventano meno appetibili per le imprese. Inoltre, dopo un prolungato periodo di disoccupazione, gli individui tendono a perdere il desiderio di lavorare e a dedicare un minore impegno alla ricerca di lavoro. In secondo luogo, una recessione può influenzare il processo di determinazione dei salari, aumentando la disoccupazione da attesa. Le contrattazioni salariali possono conferire un maggior potere negoziale ai già occupati: se un ristretto gruppo di «già occupati» è più interessato ad alti salari reali che al contenimento della disoccupazione, una recessione può spingere permanentemente i salari reali al di sopra del livello di equilibrio e aumentare così la disoccupazione. Questo effetto permanente di una recessione sul tasso naturale di disoccupazione è detto isteresi. Problemi e applicazioni pratiche 1. Questo esercizio ci chiede di esaminare due casi particolari del modello dei prezzi vischiosi sviluppato nel capitolo. In questo modello, tutte le imprese hanno un prezzo desiderato p che dipende dal livello generale dei prezzi P oltre che dal livello della domanda aggregata (Y Y ). L espressione algebrica di tale relazione è: p P a(y Y ) Ci sono due tipi di imprese: una parte (1 s) ha prezzi flessibili, che vengono determinati sulla base dell equazione sopra riportata; la parte restante (s) ha prezzi vischiosi, che sono annunciati in anticipo sulla base delle condizioni economiche attese per il futuro. 110

3 Ipotizziamo che questo secondo gruppo di imprese si aspetti che il prodotto aggregato si mantenga in futuro al proprio livello naturale, per cui Y e Y. Pertanto per questo tipo di imprese: p P e Il livello medio dei prezzi è la media ponderata dei prezzi fissati dai due tipi di imprese: Riordinando i termini: P sp e (1 s)[p a(y Y )] e P P a( 1 s) ( Y Y ) s (a) Se nessuna impresa ha prezzi flessibili, s 1, e l equazione precedente ci dice che P P e ; quindi il livello generale dei prezzi è fisso al livello atteso e la curva di offerta aggregata è orizzontale nel breve periodo, come ipotizzato nel capitolo 9. (b) Se il prezzo desiderato non dipende dal prodotto aggregato (a 0), ancora una volta troviamo che P P e, quindi la curva di offerta aggregata è orizzontale nel breve periodo, come ipotizzato nel capitolo Nel modello dei salari vischiosi si suppone che il salario non si adatti immediatamente a cambiamenti intervenuti nel mercato del lavoro. Il risultato di questa vischiosità è una curva di offerta aggregata con pendenza positiva: Y Y (P P e ) In questo esercizio prendiamo in considerazione gli effetti di una indicizzazione dei salari nominali all inflazione. (a) Nel modello dei salari vischiosi, il salario nominale W è uguale al salario reale desiderato moltiplicato per il livello di prezzi attesi P e : W P e L indicizzazione completa, tuttavia, rende il salario nominale funzione del livello effettivo dei prezzi. In altre parole, il contratto specifica il livello desiderato di salario reale, mentre il salario nominale si aggiusta in seguito a cambiamenti del livello dei prezzi. Di conseguenza: oppure: W P W/P Questo significa che cambiamenti inattesi dei prezzi non influenzano il salario reale e, perciò, neppure la quantità di lavoro utilizzata o la quantità di prodotto. La curva dell offerta aggregata è perciò verticale con intercetta Y Y. (b) Se invece l indicizzazione è parziale, la curva di offerta aggregata ha pendenza maggiore rispetto al caso di mancanza di indicizzazione, pur non essendo verticale. Nel modello dei salari vischiosi un aumento imprevisto del livello dei prezzi riduce il salario reale, W/P, poiché il salario nominale W non è influenzato. Con indicizzazione parziale l aumento dei prezzi determina invece un aumento del salario nominale. Poiché, tuttavia, l indicizzazione è solo parziale, l aumento del salario nominale è inferiore all aumento dei prezzi, per cui il salario reale diminuisce. Perciò le imprese hanno un incentivo a utilizzare più lavoro e ad aumentare la produzione. Tuttavia il salario reale non diminuisce tanto quanto diminuirebbe in mancanza di indicizzazione: la produzione aumenta quindi in misura inferiore rispetto a quest ultimo caso. Quanto descritto equivale a ridurre il parametro nell equazione dell offerta aggregata: le fluttuazioni del prodotto diventano meno sensibili a variazioni del livello dei prezzi. 3. L economia ha una curva di Phillips: 1 0,5(u 0,06) (a) Il tasso naturale di disoccupazione è il tasso in corrispondenza del quale il tasso di infla- 111

4 zione è uguale al tasso di inflazione atteso. In questo caso il tasso di inflazione atteso è dato dal tasso di inflazione effettivo del periodo precedente. Ponendo il tasso di inflazione corrente uguale a quello del periodo precedente, ovvero 1, otteniamo u 0,06: il tasso naturale di disoccupazione è del 6%. (b) Nel breve periodo l inflazione attesa è uguale al tasso di inflazione del periodo precedente, 1. Di conseguenza, la relazione tra inflazione e disoccupazione nel breve periodo è rappresentata dalla curva di Phillips, la cui pendenza è 0,5 e passa per il punto in cui 1 e u 0,06 (figura 13.1). Nel lungo periodo l inflazione attesa è uguale all inflazione effettiva, per cui 1 : il prodotto e l occupazione sono dunque u- guali ai rispettivi livelli naturali. La curva di Phillips di lungo periodo è perciò verticale in corrispondenza di un tasso di disoccupazione del 6%. π CPLP Figura 13.1 Inflazione 0,5 1 CPBP 0,06 Disoccupazione u (c) La curva di Phillips mostra che, per potere ridurre l inflazione, la disoccupazione deve essere superiore al tasso naturale del 6% per un certo periodo di tempo. Possiamo scrivere la curva di Phillips nella forma: 1 0,5(u 0,06) Poiché l obiettivo è di ridurre l inflazione di 5 punti percentuali, dobbiamo imporre 1 0,05. Inserendo questo valore nel lato sinistro dell equazione precedente otteniamo: Risolvendo per u, otteniamo: 0,05 0,5(u 0,06) u 0,16 Pertanto, per ridurre l inflazione di cinque punti percentuali, è necessario che il tasso di disoccupazione ciclica aumenti di 10 punti percentuali all anno rispetto al tasso naturale del 6%. (d) Uno scenario possibile è quello caratterizzato da un tasso di disoccupazione molto elevato per un breve periodo di tempo: per esempio, un tasso di disoccupazione del 16% per un solo anno. In alternativa, potremmo avere un basso livello di disoccupazione ciclica distribuita su un lungo periodo di tempo. Per esempio, un tasso di disoccupazione dell 8% per 5 anni. In entrambi i casi l inflazione scenderebbe dal 10% al 5%, ma a velocità differenti. 4. Il costo della disinflazione è dato dal costo di modificare le aspettative degli individui sull inflazione. Se le aspettative possono essere cambiate a costo zero, allora ridurre l inflazione non costa nulla. Algebricamente, la curva di Phillips ci dice che: e (u u n ) Se il governo è in grado di ridurre l inflazione attesa e al livello desiderato, non è necessario che la disoccupazione salga al di sopra del tasso naturale. Secondo l approccio delle aspettative razionali, gli individui formano le proprie aspettative sull inflazione utilizzando tutte le informazioni a loro disposizione. Tra queste si includo- 112

5 no anche le informazioni sulle politiche economiche in vigore. Se tutti credono che il governo sia intenzionato a ridurre l inflazione, l inflazione attesa diminuirà immediatamente. In termini di curva di Phillips, e diminuisce immediatamente con costo quasi nullo per l economia. Il tasso di sacrificio sarà inoltre molto piccolo. Al contrario, se gli individui non credono nella politica del governo, e rimarrà molto elevato. Le aspettative non si adatteranno perché gli individui saranno scettici circa la credibilità del governo. L approccio delle aspettative razionali ipotizza quindi che il costo di ridurre l inflazione dipenda dalla credibilità del governo. Perciò è importante capire come rendere credibile l impegno alla riduzione dell inflazione. Un ipotesi prevede la nomina di funzionari noti per la loro volontà di ridurre l inflazione. In alternativa il Parlamento potrebbe approvare una legge che dia incarico alla banca centrale di ridurre l inflazione. Questa ipotesi tuttavia deve tenere conto della possibilità che gli individui non abbiano fiducia nell impegno della banca centrale o che si attendano una modifica delle leggi in un secondo momento. Infine, il Parlamento può approvare un riforma costituzionale che limiti la crescita monetaria. Quest ultima ipotesi è la più efficace, in quanto gli individui ritengono le riforme costituzionali più difficili da modificare in un secondo momento. 5. In questo problema consideriamo alcune implicazioni delle aspettative razionali (l ipotesi che gli individui utilizzino tutte le informazioni a loro disposizione per formulare aspettative sull andamento del mercato) sui modelli dei salari e dei prezzi vischiosi elaborati nel capitolo 12 del testo. Entrambi i modelli generano una curva di offerta aggregata nella quale il prodotto aggregato si discosta dal livello naturale solo se il livello dei prezzi si discosta dal livello atteso: Y Y (P P e ) Da questa curva di offerta aggregata risulta evidente come la politica monetaria possa influenzare il PIL reale solo agendo su (P P e ), ovvero determinando una variazione inattesa nel livello dei prezzi. (a) Solo variazioni inattese dell offerta di moneta possono influenzare il PIL reale. Poiché gli individui utilizzano tutte le informazioni a loro disposizione, nel formulare le aspettative sul livello dei prezzi P e essi tengono conto anche degli effetti di variazioni inattese dell offerta di moneta. Per esempio, se gli individui prevedono un aumento del 10% dell offerta di moneta e la moneta cresce effettivamente del 10%, non si ha alcun effetto sul prodotto, in quanto non vi è alcuna «sorpresa» sui prezzi: (P P e ) 0. Al contrario, ipotizziamo che la banca centrale aumenti l offerta di moneta in misura maggiore del previsto, e che quindi i prezzi aumentino del 15% a fronte di un aspettativa di aumento del 10%. Poiché P > P e, il prodotto aggregato cresce. È solo la parte inattesa della crescita della moneta che fa aumentare il prodotto aggregato. (b) La banca centrale tenta spesso di stabilizzare l economia reagendo agli shock che colpiscono il prodotto e la disoccupazione. Per esempio, nei periodi di recessione la banca centrale può stimolare l economia aumentando l offerta di moneta, oppure ridurre l offerta di moneta nei periodi di espansione per raffreddarla. Affinché tali politiche siano efficaci, la banca centrale deve sorprendere gli individui sul livello dei prezzi: durante una recessione i prezzi devono essere superiori a quelli attesi, mentre durante le espansioni devono essere inferiori. Se hanno aspettative razionali, tuttavia, gli individui si aspettano che la banca centrale reagisca in questo modo. Per cui, se l economia è in una fase espansiva, gli individui si aspettano che la banca centrale riduca l offerta di moneta; al contrario, in una recessione, gli individui prevedono che la banca centrale aumenti l offerta di moneta. In entrambi i casi è impossibile per la banca centrale far sì che (P P e ) si discosti significativamente da zero. Poiché gli individui prendono in considerazione le variazioni sistematiche e prevedibili dell offerta di moneta, l effetto di una politica monetaria attiva e sistematica è esattamente identico a quello di una politica monetaria che mantenga l offerta di moneta costante. (c) Se la banca centrale determina l offerta di moneta dopo che gli operatori economici hanno definito prezzi e salari, allora è possibile utilizzare la politica monetaria in maniera sistematica per stabilizzare la produzione. Secondo l ipotesi delle aspettative razionali, gli individui utilizzano tutte le informazioni a loro disposizione per formulare previsioni 113

6 sul livello dei prezzi: tra queste, vi sono le informazioni sulle condizioni dell economia e su come la banca centrale reagisce a queste condizioni. Ciò non vuol dire che gli individui sappiano esattamente quali saranno le condizioni dell economia o come la banca centrale potrà reagire: riescono semplicemente a formulare la previsione migliore. Con il passare del tempo la banca centrale acquisisce informazioni sull economia che non erano note a coloro che hanno fissato prezzi e salari. Poiché, a questo punto, i contratti in materia di prezzi e salari sono già stati siglati, gli individui non possono più modificare gli effetti delle loro aspettative P e. A questo punto la banca centrale può utilizzare la politica monetaria per modificare il livello effettivo dei prezzi P, e per questa via influenzare sistematicamente la produzione. 6. In questo modello il tasso naturale di disoccupazione è dato dalla media della disoccupazione registrata nei due anni precedenti. Perciò, se una recessione fa aumentare il tasso di disoccupazione in un certo anno, anche il tasso naturale di disoccupazione è destinato a crescere. Il modello è caratterizzato da isteresi: la disoccupazione ciclica di breve periodo influenza il tasso naturale di disoccupazione di lungo periodo. (a) Il tasso naturale di disoccupazione può dipendere dalla disoccupazione dei periodi più recenti per due motivi, suggeriti dalle teorie sull isteresi. Primo, i tassi di disoccupazione più recenti influenzano i livelli di disoccupazione frizionale. I lavoratori disoccupati perdono progressivamente abilità lavorative e incontrano quindi maggiori difficoltà a trovare lavoro; inoltre, i lavoratori disoccupati perdono il desiderio di lavorare e quindi si impegnano meno nella ricerca di un lavoro. Secondo, i tassi di disoccupazione recenti influenzano il livello di disoccupazione attesa. Se le contrattazioni tra lavoratori e datori di lavoro danno maggiore importanza all opinione dei lavoratori già occupati (insider) rispetto a quella dei lavoratori non ancora assunti (outsider), gli insider potrebbero richiedere salari più elevati a scapito del livello globale di occupazione. Questa possibilità è particolarmente realistica in quei settori industriali dove le contrattazioni avvengono tra sindacati e imprenditori. (b) Se la banca centrale ha l obiettivo di ridurre in modo permanente l inflazione di 1 punto percentuale, la curva di Phillips ci dice che nel primo periodo dobbiamo avere: ovvero: ,5(u 1 u n 1) (u 1 u n 1) 2 Il tasso di disoccupazione deve eccedere di 2 punti percentuali il tasso naturale iniziale u n 1. Nel periodo successivo, tuttavia, il tasso naturale crescerà a causa della disoccupazione ciclica. Il nuovo tasso naturale sarà: u n 2 0,5[u 1 u 0 ] 0,5[(u n 1 2) u n 1] u n 1 1 Così, il tasso naturale di disoccupazione aumenta di 1 punto percentuale. Se la banca centrale vuole mantenere l inflazione al nuovo livello, la disoccupazione nel periodo 2 deve essere uguale al nuovo tasso naturale u n 2. Per cui: u 2 u n 1 1 In ogni periodo successivo il tasso di disoccupazione deve essere uguale al tasso naturale. Il tasso naturale, tuttavia, non ritorna più al livello iniziale. Possiamo dimostrarlo derivando la sequenza dei tassi di disoccupazione: u 3 (1/2)u 2 (1/2)u 1 u n 1 1 1/2 u 4 (1/2)u 3 (1/2)u 2 u n 1 1 1/4 u 5 (1/2)u 4 (1/2)u 3 u n 1 1 3/8 La disoccupazione rimane sempre al di sopra del tasso naturale; anzi, possiamo dimostrare che rimane sempre di almeno di 1 punto percentuale al di sopra del tasso naturale originario. Per ridurre l inflazione di 1 punto percentuale, la disoccupazione cresce al di sopra del livello originario di 2 punti percentuali nel primo anno e di 1 o più punti in ognuno degli anni successivi. 114

7 (c) Poiché la disoccupazione è sempre maggiore del livello iniziale, il prodotto aggregato è sempre inferiore a quanto sarebbe potuto essere. Il tasso di sacrificio è infinito. (d) Senza isteresi, esiste un trade-off tra inflazione e disoccupazione nel breve periodo, ma non nel lungo periodo. La presenza di fenomeni di isteresi genera un trade-off tra inflazione e disoccupazione nel lungo periodo: per ridurre l inflazione, la disoccupazione deve crescere in modo permanente. 7. (a) Il livello naturale del prodotto aggregato è determinato dalla funzione di produzione, Y F(K, L ). Se una riduzione della pressione fiscale stimola un maggiore impegno dei lavoratori, L aumenta e, di conseguenza, anche il livello naturale del prodotto aggregato aumenta. (b) La riduzione delle imposte sposta verso l esterno la curva di domanda aggregata, poiché il reddito disponibile aumenta e quindi gli individui possono consumare di più. Poiché anche il livello naturale del prodotto aggregato cresce, anche la curva di offerta aggregata di lungo periodo si sposta verso destra. L effetto di una riduzione della pressione fiscale sulla curva di offerta aggregata di breve periodo (OABP) dipende dal modello utilizzato. La curva di offerta di lavoro si sposta verso destra perché i lavoratori sono disponibili a offrire più lavoro per ogni dato livello dei salari, mentre la curva di domanda di lavoro rimane invariata. Nel modello dei salari vischiosi la quantità di lavoro è determinata dalla domanda: la curva OABP non si sposta. Al contrario, il modello dell informazione imperfetta ipotizza che il mercato del lavoro sia sempre in equilibrio e che quindi una maggiore offerta di lavoro conduca immediatamente a un maggiore livello di occupazione: perciò la curva OABP si sposta verso destra. (b) Se si utilizza il modello dei salari vischiosi, l analisi di breve periodo è identica a quella del modello convenzionale senza l effetto dell offerta di lavoro. La produzione e i prezzi aumentano, perché la domanda aggregata aumenta mentre l offerta di breve periodo non varia. Se si utilizza il modello dell informazione imperfetta, l offerta aggregata di breve periodo si sposta verso destra: la riduzione della pressione fiscale ha effetti più espansionistici e meno inflazionistici che nel modello convenzionale. Nella figura 13.2, che mostra gli effetti di entrambi i modelli, il punto A è l equilibrio originale, il punto SW è il nuovo equilibrio nel modello dei salari vischiosi e il punto II è il nuovo equilibrio nel modello dell informazione imperfetta. P OALP 1 OALP 2 Figura 13.2 OABP 1, OABP SW, OABP SP SW OABP Informazione imperfetta A II DA 2 DA 1 (d) Diversamente dal modello normale, la riduzione della pressione fiscale fa aumentare il prodotto aggregato nel lungo periodo, attraverso un aumento dell offerta di lavoro. L effetto di lungo periodo di questa politica sui prezzi è indeterminato. La variazione nell equilibrio di lungo periodo è mostrata nella figura Y 115

8 P OALP 1 OALP 2 Figura 13.3 OABP 1 OABP 2 P 1 P 2 A B DA 1 DA 2 Y 1 Y 2 Y Altri problemi e applicazioni pratiche del capitolo Il modello della croce keynesiana sviluppato nel capitolo 10 è il caso speciale nel quale: (i) l economia è chiusa, per cui CF(r r*) 0; (ii) I(r) I per cui l investimento è esogenamente determinato; (iii) è infinito, sicché la curva di offerta aggregata di breve periodo è orizzontale. In questo caso particolare il prodotto dipende soltanto dalla domanda di beni e servizi. 116

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Ivano Samo. In appendice: Salvatore Samo Il profitto dell imprenditore (analisi microeconomica)

Ivano Samo. In appendice: Salvatore Samo Il profitto dell imprenditore (analisi microeconomica) Ivano Samo L inflazione brasiliana e il suo contenimento In appendice: Salvatore Samo Il profitto dell imprenditore (analisi microeconomica) Ivano Samo, L inflazione brasiliana e il suo contenimento In

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO

APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO 1 Università del Sannio Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali Emiliano Brancaccio APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO SESTA VERSIONE Marzo 2013 2 Indice 1. INTRODUZIONE 2. LA TEORIA NEOCLASSICA DEL MERCATO

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli