SVILUPPO DEL TURISMO IN OLTREPÒ PAVESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SVILUPPO DEL TURISMO IN OLTREPÒ PAVESE"

Transcript

1 RISULTATI DELL INDAGINE SVILUPPO DEL TURISMO IN OLTREPÒ PAVESE Maurizio Benzi Voghera, Settembre 2012

2 INTRODUZIONE E OBIETTIVI La crisi economica in atto, rischia di peggiorare ulteriormente la situazione economica e occupazionale nel territorio dell Oltrepò Pavese. Il turismo, che fino ad ora non ha espresso appieno le sue potenzialità, rappresenta una delle poche opportunità possibili per il rilancio economico del nostro territorio. Questo documento descrive i risultati dell indagine del Movimento Voghera 5 Stelle, volta a comprendere le possibili direzioni dello sviluppo turistico ed i freni che fino ad ora l hanno inibita. Si ringrazia per la collaborazione le istituzioni e gli operatori che con le loro risposte e le loro idee, hanno permesso la realizzazione di questa analisi. L INDAGINE Dal mese di luglio 2012, sono state poste sette domande agli operatori del settore turistico in Oltrepò Pavese con l obiettivo di comprendere come si possa sviluppare maggiormente il turismo nel nostro territorio, secondo il parere di chi lavora quotidianamente in questo settore. Le domande poste sono state le seguenti: 1. Quali sono i motivi per cui il turismo in Oltrepò Pavese non riesce a decollare? 2. Quali sono i principali pregi e difetti dell'offerta turistica ed enogastronomica dell'oltrepò Pavese? 3. Quali sono le maggiori difficoltà nella promozione e nel marketing dell'oltrepò Pavese? 4. Quali potrebbero essere le migliori modalità per promuovere l'oltrepò ed i suoi valori? 5. Siamo pronti per un turismo di respiro internazionale? Oppure cosa dovremmo fare? 6. Quale dovrebbe essere il ruolo delle istituzioni (Provincia, Comuni, ecc.)? 7. Cosa dovrebbe fare Voghera per diventare realmente "Capitale dell'oltrepò"?

3 RISPOSTE 1. Quali sono i motivi principali per cui il turismo in Oltrepò Pavese non riesce a decollare? Mancanza di una strategia complessiva. Nel tempo sono state avviate diverse iniziative isolate che hanno occupato risorse, ma che non hanno raggiunto gli obiettivi. C è la mancanza di una visione complessiva e di lungo termine dell'oltrepò, si naviga a vista ed ognuno pensa ai propri interessi. La mancanza di una regia generale è il problema principale che impedisce lo sviluppo dell Oltrepò Pavese. Assenza della sinergia tra gli operatori del territorio. Troppo spesso i diversi attori dell Oltrepò hanno agito in maniera slegata gli uni dagli altri, non permettendo la realizzazione di un'immagine complessiva del marchio Oltrepò Pavese e la creazione di economie di scala a livello di comunicazione e di sistema turistico. E' fondamentale fare rete superando i campanilismi e gli interessi individuali, in alternativa, le possibilità di rilanciare il turismo in Oltrepò sono nulle. Mancanza di un identità riconosciuta e riconoscibile. L Oltrepò ha diversi valori, ma non ha un identità univoca e chiaramente definita. Non si è mai definito un messaggio forte per tutto l'oltrepò da diffondere costantemente nel tempo e in diverse sedi. Assenza di promozione e pubblicità. Non si è investito adeguatamente nella diffusione del concetto di Oltrepò Pavese. Oggi semplicemente l Oltrepò Pavese è semisconosciuto in Italia e completamente sconosciuto all estero. Inoltre i target della comunicazione non devono essere solo gli utenti finali ma anche i tour operator. Fare pubblicità spetta sia alle istituzioni (enti di promozione, Provincia, Comuni) sia ai singoli operatori. Ma è necessario un forte coordinamento tra le diverse parti per ottenere buoni risultati. E questo è quasi sempre mancato. Scarsità di competenze manageriali. C è l incapacità generale di comprendere le evoluzioni del mercato turistico e di innovare sia da parte dei privati che delle istituzioni. Sono pochi gli operatori in grado di analizzare i flussi turistici, capire le tendenze e mettere a punto strategie chiare. L importanza di Internet è fortemente sottovalutata, come anche la possibilità di comunicare in lingue diverse dall italiano. In Italia esistono competitor che da anni lavorano in queste direzioni e che perciò sono molto più avanti in termini di brand, comunicazione, ricettività, strutture e servizi.

4 Mentalità e cultura locale. C è una sensazione di isolamento da parte di alcuni operatori e l orgoglio per il proprio territorio, se c è, non viene adeguatamente diffuso. Per troppi anni si è attuata una logica che vedeva il turista come un pollo da spennare, ed ora si scontano quegli atteggiamenti. Sono stati pochissimi gli imprenditori che si sono voluti mettere in gioco, anche rischiando. Inoltre spesso il turista vuole servizi coordinati per godere di una destinazione turistica come fosse un unico ambiente, invece località distanti solo pochi chilometri sono completamente separate a livello di sistema turistico. Mancanza di attrazioni famose. ell Oltrepò Pavese mancano risorse turistiche di primo piano, in grado di richiamare consistenti flussi turistici. Quindi l Oltrepò è costretto a creare le sue attrazioni attraverso la comunicazione e l aggregazione di luoghi, itinerari e operatori.

5 2. Quali sono i principali pregi e difetti dell'offerta turistica ed enograstronomica dell'oltrepò Pavese? I pregi evidenziati sono: Offerta enogastronomica di primo piano e di livello europeo Paesaggio incontaminato e varietà di luoghi (in pochi chilometri si passa dalla pianura alla collina e alla montagna) Itinerari e percorsi importanti come la Via del Sale e potenzialmente la Greenway Castelli medioevali di buon livello Buona offerta termale anche se su un target limitato Cantine aperte per la degustazione Contesto storico e testimonianza della presenza di personaggi illustri Vicinanza alle grandi città e collegamenti favorevoli ma poco sfruttati in termini di marketing (autostrade, ferrovie) Difetti riscontrati: Mancanza di un sistema turistico complessivo Mancanza di focalizzazioni specifiche e di offerte definite per specifici target group (famiglie, sportivi, coppie, ecc.) Assenza di tour operator o agenzie viaggi focalizzate sulla vendita (in Italia o all estero) di pacchetti turistici dell Oltrepò Pavese Vie di comunicazione limitate in alcune zone Poca manutenzione del verde e dei versanti in alcune zone Agriturismi solo nel nome e non sempre di livello adeguato, che abbassano la percezione complessiva Scarse capacità manageriali e capacità di innovare Immobilismo da parte di diversi enti ed operatori

6 3. Quali sono le maggiori difficoltà nella promozione e nel marketing dell'oltrepò Pavese? Mancanza di una visione comune e di coordinamento. L'offerta turistica è troppo frammentata e questo fa perdere forza nella comunicazione. Infatti le piccole azioni promozionali sconnesse fra loro risultano spesso inutili. Il marketing e la comunicazione devono essere a 360 e costanti nel tempo. A causa delle risorse scarse diventa ancora più strategica la messa in rete di tutto quanto già esiste. Tuttavia oggi non esiste una squadra compatta, determinata e capace che sappia farlo. Scarsi investimenti in marketing e promozione. Nel tempo sono state avviate molte iniziative, ma nessuna di queste ha inciso in termini di marketing e comunicazione. Il risultato è che oggi l Oltrepò oggi non è conosciuto. Di conseguenza prima di investire in altre iniziative locali, è necessario investire in promozione al di fuori dei nostri confini. Dalla pubblicità tradizionale a Internet, l Oltrepò è a digiuno di tutto. Va costruita un'operazione di cui possa beneficiare tutto il territorio nel suo complesso. Assenza di collaborazione tra gli attori. I campanilismi hanno frenato lo sviluppo di un prodotto-territorio unico da posizionare, valorizzare e promuovere. E necessario abbattere queste forme di mancanza di collaborazione e protagonismo che rallentano l'elaborazione di eventuali progetti. L Oltrepò è in secondo piano. Il turismo legato ai gruppi e alle comitive solitamente è interessato all Oltrepò solo dopo aver visitato Certosa, Pavia e Vigevano. La mentalità di molti imprenditori è penalizzante. In molti casi sono rimasti ad un altra epoca. E necessario cambiare marcia con chi vuole farlo, mentre chi non è in grado, rimarrà indietro e dovrà adeguarsi. Per non scontentare nessuno, viene penalizzato chi vuole innovare. Bisognerebbe invece sostenere chi vuole offrire eccellenze. La formazione può servire ma deve essere funzionale al raggiungimento di obiettivi pratici, altrimenti diventa inutile. Opinioni differenti sulla vocazione del territorio sui target. E necessario decidere cosa mettere in primo piano e quali debbano essere le caratteristiche che devono differenziare l Oltrepò dalle altre aree turistiche. E necessario comprendere su quale pubblico vuole puntare con maggiore convinzione.

7 4. Quali potrebbero essere le migliori modalità per promuovere l'oltrepò ed i suoi valori? Creare una strategia complessiva. La collaborazione di istituzioni ed enti con operatori e cittadini dovrebbe portare alla creazione di un piano semplice ma al tempo stesso pragmatico, da attuare nel breve termine. Uno degli aspetti principali su cui concentrare gli sforzi dovrebbe riguardare il piano marketing. Investire in comunicazione. E fondamentale investire in pubblicità verso i target con cui vogliamo entrare in contatto ed alla costruzione di relazioni con i tour operator italiani ed esteri. Esistono molti esempi di successo in Italia e all estero che dimostrano che l importanza delle idee originali non è inferiore a quella degli investimenti. Utilizzare al massimo Internet. Oggi Internet è il principale strumento di scelta, programmazione e condivisione nel turismo. Ed è possibile comunicare a costi molto limitati: Wikipedia, Tripadvisor, Foursqure, Facebook ed altri strumenti consentono di posizionare con successo il marchio Oltrepò con tempi e costi ridotti. Passaparola. La gente tende a visitare posti famosi e la fama si genera quando altre persone cominciano a conoscere e a raccontare le loro esperienze positive. E perciò necessario favorire la nascita di questi meccanismi virtuosi. Offerte in funzione dei target. E necessario creare e comunicare nuovi prodotti turistici possiamo frutto della collaborazione tra operatori ed enti per creare nuove occasioni di viaggio e motivare i potenziali turisti con itinerari calati ad hoc sulle loro esigenze (dal turismo enogastronomico al cicloturismo) Collaborazione tra gli attori. E necessario coinvolgere le strutture ricettive, le cantine, i ristoranti, le terme, i musei, società e guide turistiche, incentivandoli a collaborare. Tavoli di lavoro su tematiche specifiche e per la progettazione comune delle nuove iniziative. Oltre a collaborare per organizzare manifestazioni congiunte anche di rilievo nazionale. Marc io tre a ese Prendere in considerazione la creazione di un marchio dell Oltrepò Pavese che rappresenti l offerta dell intera zona indipendentemente dall ambito di appartenenza.

8 5. Siamo pronti per un turismo di respiro internazionale? Oppure cosa dovremmo fare? Questo è il tema con le opinioni più difformi. A favore: Siamo pronti, serve solo che alcuni operatori internazionali si accorgano delle potenzialità dell Oltrepò Pavese La mancanza di sviluppo del turismo internazionale nel passato può essere un opportunità perchè siamo un territorio ancora da scoprire e possiamo impostare da subito l offerta come "internazionale" Malgrado la mancanza di strutture siamo pronti perché al cliente estero interessano natura, enogastronomia e cantine L Expo 2015 è alle porte. Sono possibili buone opportunità per le nostre zone, ma bisogna essere in grado di sfruttarle Contro: Non siamo pronti per un turismo internazionale perché non abbiamo creato una filiera della ricettività in grado di soddisfare le esigenze comuni C è la mancanza di competitività rispetto ad altre zone. In un epoca in cui tutti i tour operator utilizzano molto bene Internet e parlano inglese, francese, tedesco e spagnolo noi siamo fuori gioco.

9 6. Quale dovrebbe essere il ruolo delle istituzioni (Provincia, Comuni, ecc.)? Impostare la regia generale. Dovrebbero fornire un impegno costante per superare i campanilismi ed essere in prima linea per sviluppare il concetto di Oltrepò come se fosse una cosa unica. Comunicazione e pubblicità. Investire per promuovere il concetto di Oltrepò sia in Italia che all estero, posizionando al meglio i nostri valori. Confronto continuo con il territorio. Aprire un tavolo di confronto per favorire la collaborazione, lo scambio di informazioni, seguire costantemente gli sviluppi, ed essere collante e sostengo per tutte le iniziative meritevoli. Da una parte si dovrebbero ascoltare le esigenze locali e mediare. Dall altra prendere gli esempi migliori e lanciare iniziative da implementare insieme ad enti ed operatori volenterosi Nuove imprese turistiche. Attirare imprese di valore o favorirne la nascita, aprendo un dialogo e agendo su aspetti come le defiscalizzazioni e fornendo incentivi. Questo senza perdere di vista l identità chiave delle nostre zone come paesaggio ed enogastronomia. Stimolare la collaborazione spontanea. Coinvolgere nei progetti turistici i residenti ascoltando le loro idee e costruendo nuovi prodotti turistici per trasformare località poco valorizzate in straordinarie realtà.

10 7. Cosa dovrebbe fare Voghera per diventare realmente "Capitale dell'oltrepò"? I punti di forza e di debolezza. Voghera è dotata di una stazione ferroviaria importante e di due comodi sbocchi autostradali. Inoltre il recupero del Castello visconteo può essere di grande importanza per creare mostre ed eventi di richiamo, permettendo quindi di far conoscere tutto il territorio circostante. Da un altro punto di vista, le amministrazioni che si sono succedute non sono mai state in grado di realizzare un vero marketing turistico e di valorizzare il territorio. Inoltre si è sempre assistito ad un incapacità della città di Voghera di farsi portatrice dei valori dell Oltrepò e di interagire attivamente con il territorio, facendosi promotore di proposte originali. Ca ita e de tre Voghera dovrebbe diventare il collettore di un flusso turistico con manifestazioni di qualità in grado di generare interesse al di fuori dei soliti confini ed essere il punto di smistamento verso l Oltrepò Pavese collinare. La città deve imparare ad organizzare e gestire forme specifiche di accoglienza turistica (famiglie, coppie, business, studio, ecc.) e organizzarsi per strutturare una sorta di filiera produttiva legata al turismo e capace di coinvolgere settori diversi, dal marketing, all informatica, dall editoria alla comunicazione, dalle pubbliche relazioni all internazionalizzazione. Promozione turistica. Sono necessari investimenti decisi in promozione e comunicazione, in modo di attrarre turisti da zone differenti. La presenza in termini di comunicazione va realizzata nei punti in cui si incrociano le principali vie di comunicazione e dove vi sono i maggiori flussi di persone e potenziali turisti. Risulta fondamentale una collaborazione tra tutti, dagli enti alle associazioni, alle istituzioni. Voghera ed i diversi comuni dell Oltrepò dovrebbero impegnarsi a comunicare in maniera coordinata. Eventi di valore nazionale. I richiami storici e culturali per realizzare mostre ed eventi non mancano. Potrebbero essere l occasione per omaggiare personalità legate a Voghera e attirare flussi turistici. Ad esempio ispirandosi ad Alberto Arbasino e Carolina Invernizio sarebbe possibile realizzare un concorso letterario annuale. Oppure, essendo la città di nascita di Maserati, un raduno di auto con assegnazione di un premio simbolico. O ancora il Castello potrebbe ospitare un museo dedicato a Valentino Garavani, ad esempio in collaborazione con le scuole di moda milanesi. Il particolare il Castello rappresenta il luogo ideale per l organizzazione di eventi con biglietto, gare o altre manifestazioni, e ciò è possibile anche prendendo spunto dai migliori eventi che vengono realizzati in Italia. Ciò che conta è la capacità di creare interesse.

11 SINTESI DEI PROBLEMI E DELLE OPPORTUNITA Dall indagine è emerso che di fronte alle nuove esigenze ed al cambiamento del mercato turistico, il territorio dell Oltrepò non ha reagito adeguatamente ed è andato avanti per inerzia. Le motivazioni sono suddivisibili in tre categorie di aspetti collegati tra loro, su cui è necessario concentrare maggiormente l attenzione ed intervenire: Creare una regia generale per lo sviluppo turistico per operare in maniera congiunta e creare un sistema turistico completo in grado di migliorarsi continuamente. Favorire il dialogo tra tutte le parti con l obiettivo di superare i campanilismi e favorire lo sviluppo e l innovazione da parte di operatori e istituzioni. Definire in maniera congiunta un piano marketing per la promozione dell identità Oltrepò Pavese e raccogliere gli investimenti necessari per la

12 PROPOSTE A seguito dell analisi condotta, il Movimento Voghera 5 Stelle porta alcune proposte pratiche per lo sviluppo turistico: 1. Progettare ed investire in una campagna di comunicazione per promuovere i valori dell Oltrepò Pavese, anche al di fuori dei confini locali. 2. Modificare il nome dell uscita autostradale A7 da Casei Gerola ad Oltrepò Pavese (esempi simili sono l uscita Versilia della A12) e inserire una nuova cartellonistica sia sulla A7 che sulla A21, con l obiettivo di stimolare l attenzione degli automobilisti ed invitarli a scoprire le nostre terre. 3. Modificare la cartellonistica provinciale, con indicazioni che promuovono i valori dell Oltrepò e con nuovi cartelloni che descrivano le principali attrazioni ed itinerari. 4. Creare un punto informativo nella stazione di Voghera. Le possibilità sono molteplici: da un semplice cartellone informativo, ad un chiosco interattivo, fino ad un vero e proprio infopoint. Magari realizzato in collaborazione con la Provincia di Pavia e la Comunità Montana. 5. Realizzare un sito Web ufficiale che descriva l Oltrepò Pavese, i paesaggi, i prodotti tipici, i principali itinerari, le tradizioni e che metta in evidenza tutte le manifestazioni e sagre locali. 6. Realizzare un opuscolo informativo che descriva l'oltrepò Pavese e le sue principali attrazioni, da rendere disponibile agli esercizi commerciali e da distribuire a chi ne faccia richiesta. 7. Progettare un infopoint itinerante per portare l Oltrepò ed i suoi valori in altre città (es: Milano, Torino, ecc.) per stimolare i potenziali turisti a visitare le nostre zone. 8. Sfruttare gli strumenti per la promozione ed il passaparola offerti da Internet. Da Tripadvisor a Wikipedia, da Foursquare a Facebook, da Google Maps a Groupon.

13 CONCLUSIONI Lo sviluppo del turismo in Oltrepò Pavese è un tema che deve necessariamente coinvolgere l Oltrepò nel suo insieme. Dalle istituzioni come la Provincia di Pavia, i Comuni, il GAL, la Comunità Montana, le Pro Loco, alle associazioni di categoria, agli operatori dei diversi settori, fino agli abitanti dell Oltrepò, che possono rivelarsi una risorsa di grande importanza. Non è possibile pensare ad un vero sviluppo senza la collaborazione tra questi soggetti. Di contro non riuscire a creare reali forme di collaborazione, significa limitare lo sviluppo di tutto l Oltrepò Pavese. Data la necessità di creare un tavolo di confronto virtuale costante sulle tematiche relative allo sviluppo turistico, è stato creato un gruppo spontaneo su Facebook, indipendente dal Movimento 5 Stelle: Sviluppo del turismo in Oltrepò Pavese L obiettivo del gruppo è quello di favorire il dialogo e lo scambio di informazioni sul tema dello sviluppo turistico, in modo da poter operare direttamente alla realizzazione di iniziative oppure di portarle all attenzione di istituzioni, enti ed organi di informazione... Invitiamo i lettori a commentare questa ricerca e ad inviarci il loro parere all indirizzo DESCRIZIONE DELLA MEDOLOGIA L indagine non ha valore statistico, ma si è limitata a descrivere il sentiment e le opinioni dei rispondenti che operano nel settore turistico in Oltrepò Pavese. La ricerca è stata svolta dal mese di luglio a quello di settembre. Sono stati contattati via più di 130 tra albergatori, ristoratori, operatori turistici di diverso genere, istituzioni, esperti e guide turistiche. A cui sono seguiti richiami successivi. Le risposte pervenute sono 27, di diverso genere e di differente completezza e dettaglio nelle risposte. Va segnalato che circa il 15% delle contattate risultava errata, disattivata oppure rispondeva con un messaggio di mailbox full. Un aspetto che testimonia che non tutti gli operatori sono attenti al loro modo di comunicare attraverso la Rete con il pubblico.

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI

CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI CONCORSO LETTERARIO RACCONTA LE STORIE DEI NONNI Regolamento Art. 1 PROMOTORI E TEMA DEL CONCORSO La Regione del Veneto e il Comitato Pro Loco - Unpli Veneto lanciano il Concorso letterario Racconta le

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA Sostenere l'integrazione dei giovani lavoratori nei settori europei della metallurgia, dei trasporti, dell'alimentazione, dei servizi, dell'edilizia e del legno (nel quadro dell agenda sociale dell UE)

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda.

Questa lettera informativa è quindi dedicata a tutti gli imprenditori che vogliono aumentare le vendite della loro azienda. [D q Una delle domande più frequenti è: Cosa può fare la mia azienda per generare più richieste, avere più clienti e aumentare le vendite? Quasi tutte le aziende, anche le più piccole, oggi investono in

Dettagli

Progetto Gruppo Stat 2014

Progetto Gruppo Stat 2014 Progetto Gruppo Stat 2014 Presenza e immagine sul web Sito del gruppo e mini siti di tutte le realtà Autolinee/GT e Viaggi App - mobile - Social Network Iniziative marketing Preparato per: STAT TURISMO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli