IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE"

Transcript

1 IL COUNTERTRADE Barbara Francioni 1 IL COUNTERTRADE Definizione: scambio commerciale in cui l esportatore accetta in pagamento dal paese importatore prodotti che poi rivenderà su altri mercati Sono comprese tutte le pratiche contrattuali in cui le obbligazioni delle parti si risolvono in un reciproco flusso di beni e/o servizi, lasciando alla regolamentazione in denaro un ruolo marginale 2

2 PERCHE IL COUNTETRADE 1. Difficoltà di prevedere: i paesi con pianificazione centralizzata, per ridurre l incertezza circa la possibilità di ottenere valuta straniera per acquistare i prodotti all estero preferiscono fare accordi di compensazione 2. Garanzie: per i paesi del Terzo Mondo è uno strumento per sostenere l occupazione, per garantirsi le tecnologie e per superare le barriere perché consente di scambiare anche se i debiti sono molto elevati 3 PERCHE IL COUNTETRADE 3. Strumento commerciale: utilizzato dai p.v.s per vendere i loro prodotti e assicurarsi valuta pregiata e per acquistare materie prime e tecnologie 4. Austerità: manovra dei paesi dell Est e dei p.v.s per introdurre politiche di austerità 5. Cambio: modo per rendere competitivi certi prodotti o certe materie abbassando il loro valore di scambio 4

3 PERCHE IL COUNTETRADE 6. Evita controlli: utilizzando il countertrade i paesi fortemente indebitati possono istituire un circuito commerciale che elude i controlli del Fondo Monetario Internazionale 7. Incertezza: il countertrade è utilizzato come un meccanismo per ridurre l incertezza circa le possibilità di vendere all estero 5 MA E ANCHE UN OSTACOLO 1. Più rischi: aumentano i rischi e i costi di transazione rispetto a quelli dello scambio tradizionale 2. Meno scambi: anziché generare scambi addizionali sostituisce quelli tradizionali 3. Prodotti poveri: i prodotti offerti sono pochi e riguardano prodotti che a volte sono di bassa qualità e per i quali esiste una domanda limitata 4. Rinuncia del paese a fare esperienze nei mercati esteri e a sviluppare le esportazioni 6

4 PERCHE LE IMPRESE OCCIDENTALI NON GRADISCONO IL COUNTERTRADE Preferiscono concentrare la loro attenzione su prodotti e tecnologie con i quali hanno dimestichezza Le imprese hanno poca esperienza negli scambi in countertrade Nel countertrade le previsioni circa la redditività delle operazioni non posso essere fatte con precisione Le differenze nella qualità dei prodotti e dei servizi post vendita tra i paesi dell Est e i paesi industrialmente avanzati sono molto forti 7 TUTTAVIA E ACCETTATO Molti paesi riducono o rinviano i progetti di investimento ed è sempre più difficile fare contratti per la fornitura di beni strumentali Spesso non esistono alternative al countertrade Il countertrade consente di continuare a essere presenti con la marca in paesi che hanno interrotto i flussi di esportazione Consente di sviluppare nuovi mercati E anche uno strumento finanziario 8

5 Le pressioni per accettare forme di pagamento diverse dal denaro sono più forti verso le imprese che vendono prodotti a bassa priorità Molto dipende dalla situazione economica Le pressioni sono differenti a seconda dei paesi Le imprese occidentali soddisfatte del countertrade sono poche In alcuni paesi occidentali si sono create trading companies anche allo scopo di gestire i rapporti in countertrade 9 FORME DI COUNTERTRADE Forme tradizionali: barter, compensation, counterpurchase, buy-back, offset Nuove forme: switch trading 10

6 BARTER Scambio diretto di prodotti tra due partner La transazione riguarda unicamente i due paesi interessati L'operazione viene regolata da un unico contratto, concluso fra il fornitore e l'acquirente estero, con cui si determinano le modalità e le condizioni dello scambio e si individuano le merci che ne formano l'oggetto I beni appartengono a settori merceologici differenti I beni oggetto dello scambio sono considerati di valore equivalente e solitamente non ricevono una valutazione monetaria 11 BARTER Due forme di barter: scambio di bene contro bene a prescindere dal valore economico scambio che tiene conto del valore monetario dei beni scambiati consentendo un eventuale conguaglio in denaro della differenza Solitamente vi è una simultaneità degli scambi fra le parti dell'accordo Scarsamente utilizzato nella pratica del commercio internazionale Rischi: la qualità dei prodotti non è sempre costante fa ricorso a un prezzo di riferimento che può essere diverso da quello che gli stessi prodotti hanno sui mercati mondiali 12

7 COMPENSATION 1. Il venditore di un prodotto (paese occidentale) accetta in pagamento (parziale o totale) un prodotto o una materia prima da parte di un paese dell Est Europeo o di un p.v.s 2. Simile al barter perché: sussiste uno scambio reciproco di beni e/o servizi i beni trasferiti non hanno affinità merceologica la regolamentazione del rapporto avviene in base ad un unico contratto, che però presenta una durata più lunga 3. Si distingue dal barter perché: l accordo comporta fatturazioni da entrambe le parti le quali però non danno luogo a pagamenti effettivi, ma a debiti o crediti in un conto di compensazione o clearing l esportatore (del paese occidentale) può trasferire a una terza parte i prodotti ottenuti in compensazione 13 COUNTERPURCHASE Un esportatore si impegna a comprare (o a trovare una terza parte che comprerà) i prodotti forniti dal paese al quale vuole vendere. L acquisto deve essere di valore pari alle consegne fatte oppure pari a una certa percentuale delle consegne stesse Differenze tra compensation e counterpurchase: Il counterpurchase è costituito da due contratti: il primo riguarda la vendita di prodotti occidentali e il secondo riguarda gli impegni che l esportatore occidentale prende di acquistare prodotti dal partner o da un altra organizzazione designata dal partner L esportatore ottiene in breve tempo il pagamento a fronte della sua fornitura oppure un credito. E obbligato ad acquistare i prodotti solo quando ha trovato quelli adatti e quando ha firmato il contratto di acquisto 14

8 COUNTERPURCHASE Oggetto dei contratti: l indeterminatezza delle caratteristiche della prestazione pattuita nel contratto accessorio solleva problemi di ordine giuridico Prodotti: collegati o non collegati all oggetto del contratto principale. Due principali possibilità: l impresa accetta in cambio una specifica quantità di materie prime o di semilavorati che può direttamente utilizzare l impresa accetta in pagamento prodotti che sceglie in una lista prestabilita e che deve importare entro un determinato periodo Prezzo: spesso viene determinato in una fase successiva Ulteriori elementi: previsione di restrizioni territoriali, termini di consegna, penale nel caso in cui l esportatore non ordini la merce, prestazione di una garanzia 15 COUNTERPURCHASE ADVANCE PURCHASE Il counterpurchase può presentare uno schema in base al quale l'impresa con sede nel paese in via di sviluppo anticipa la consegna dei beni a favore dell'impresa del paese occidentale prima che questa proceda alla spedizione dei propri Le imprese stipulano un banking agreement con un istituto bancario, presso il quale viene acceso un conto intestato all'impresa del p.v.s. e vincolato per un certo periodo di tempo (escrow account) 16

9 COUNTERPURCHASE ESCROW ACCOUNT Conto in cui sono versate le somme che l'impresa occidentale deve all'impresa del p.v.s come prezzo dei beni ricevuti Le somme producono interessi, ma sono sottratte alla libera disponibilità dell'intestatario, che potrà utilizzarle solo per pagare i prodotti a sua volta forniti dall'impresa occidentale Conseguenza pratica: i creditori dell'impresa depositante non potranno agire in via esecutiva sulle somme presenti nell'escrow account l'impresa esportatrice viene garantita contro eventuali disposizioni, date dal cliente alla banca, volte a sottrarre le somme depositate dalla loro destinazione 17 BUYBACK Il venditore di impianti, attrezzature e tecnologie a fronte di quanto consegna accetta in pagamento (parziale o totale) un prodotto fabbricato dalle stesse attrezzature o tecnologia che egli ha venduto Operazione di medio o lungo termine e tiene conto del valore monetario dei beni scambiati Stipulazione di un protocol agreement che detta i termini dell'intera operazione a linee generali, che poi vengono specificati in 2 contratti distinti: di cessione e di retrocessione 18

10 BUYBACK I 2 contratti devono prevedere tutti gli elementi indispensabili per garantire la validità e la regolare esecuzione: es. tecnologie esportate, beni compensativi, valutazione monetaria,. Opportuno introdurre clausole per tutelare il contraente e clausola con cui l'importatore si impegna a non applicare ai prodotti esportati prezzi più alti di quelli che praticherebbe ai propri migliori clienti a pari condizioni 19 OFFSET L esportatore si impegna a realizzare o a procurare delle esportazioni a favore e per conto dell importatore o di altri soggetti residenti nel paese acquirente Si distingue in: Diretto: la cooperazione richiesta riguarda attività direttamente correlate all'oggetto del contratto principale Indiretto: dove la cooperazione riguarda attività non direttamente collegate all'oggetto del contratto principale 20

11 SWITCH TRADING Accordo che consente al paese A che ha venduto tecnologie e prodotti al paese B di ricevere in pagamento quanto tale paese deve ottenere in cambio di esportazioni che lo stesso ha fatto verso il paese C L'impresa esportatrice ottiene, in cambio dei prodotti esportati, un credito che cede ad intermediari specializzati (Switch dealers), i quali, a loro volta, lo mettono a disposizione di altri operatori esteri 21 COUNTERTRADE MULTILATERALE Le trading della General food e della Bank of Boston hanno creato l International Trading Certificate Con un ITC un impresa occidentale ha la garanzia che comprando beni o servizi in countertrade da un certo paese avrà il diritto irrevocabile di esportare un valore definito di merci o servizi verso lo stesso paese 22

Gli scambi in compensazione

Gli scambi in compensazione Contratti internazionali Gli scambi in compensazione di Marcello Malavasi (*) Il termine scambi in compensazione indica tutti quegli schemi contrattuali che si caratterizzano in quanto le parti si forniscono

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

Deposito a garanzia: gli escrow accounts

Deposito a garanzia: gli escrow accounts Deposito a garanzia: gli escrow accounts Il termine anglosassone escrow individua un accordo scritto fra due soggetti in forza del quale somme di denaro o titoli di proprietà oggetto del contratto vengono

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

La gestione dell impresa

La gestione dell impresa Albez edutainment production La gestione dell impresa Classe III ITC In questo modulo: La definizione di impresa e di gestione La classificazione delle operazioni di gestione La differenza tra beni a fecondità

Dettagli

IAS 18 Ricavi ( Revenues)

IAS 18 Ricavi ( Revenues) IAS 18 Ricavi ( Revenues) 1 INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD MISURAZIONE DEI RICAVI

Dettagli

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti 10 Regole per contribuire al successo di un rapporto di fornitura Introduzione Le forniture destinate alla Russia non richiedono,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Software. Edizione 2010. Imposta sul valore aggiunto (IVA) Pubbl. 52.21. Valido a partire dal 1 gennaio 2010. www.ezv.admin.ch

Software. Edizione 2010. Imposta sul valore aggiunto (IVA) Pubbl. 52.21. Valido a partire dal 1 gennaio 2010. www.ezv.admin.ch www.ezv.admin.ch Imposta sul valore aggiunto (IVA) Pubbl. 52.21 Software Edizione 2010 Valido a partire dal 1 gennaio 2010 Editore: Amministrazione federale delle dogane AFD Direzione generale delle dogane

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

comunica e dichiara quanto segue

comunica e dichiara quanto segue Stampare su carta intestata dell Operatore. Compilare gli spazi vuoti e barrare le caselle interessate; apporre la firma del Rappresentante Legale o del Rappresentante Contrattuale ed inviare in originale

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Indice sistematico. Premessa... 15

Indice sistematico. Premessa... 15 Premessa... 15 Capitolo 1 - Il contratto internazionale 1.1 Generalità... 17 1.2 La legge applicabile... 18 1.3 Lingua... 20 1.4 Fonti e aspetti propriamente normativi... 20 1.4.1 La legge applicabile

Dettagli

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi

Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi 1. Premessa Il contratto di escrow: struttura fondamentale e principali utilizzi Con il termine escrow agreement si individua una particolare figura contrattuale, derivata dall esperienza dei paesi anglosassoni,

Dettagli

Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale. Prof. Michele Rutigliano

Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale. Prof. Michele Rutigliano Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale Prof. Michele Rutigliano 1 ESTERO MERCI RISCHI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE INCASSO DOCUMENTARIO CREDITO DOCUMENTARIO 2 RISCHIO CONTRAENTE PER L

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE

IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE IL CONTRATTO DI LEASING MOBILIARE STRUMENTALE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre parti ognuna con un diverso interesse economico,

Dettagli

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del

Dettagli

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE)

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La polizza di credito identifica una particolare operazione che si concretizza mediante la circolazione di un complesso di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO OPERAZIONI DI PRONTI CONTRO TERMINE Documento n. 9 del 14 marzo 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014

BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 BTP ITALIA: Emissione Aprile 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Aprile 2014

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Ricavi Prof. Daniele Gervasio

Dettagli

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari

Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari 20121117 12:59:12 L articolo 62 del Decreto Legge n. 1 del 24 gennaio 2012, meglio noto come Decreto

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015 Informazioni sulla Banca Banca Farmafactoring S.p.a. Sede legale e direzione generale: Via Domenichino, n 5 20149 Milano Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

FOGLIO INFORMATIVO COARGE SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29.7.2009) Documento versione n.5 del

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

Procedimento Commissione Contratti

Procedimento Commissione Contratti Procedimento Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONTRATTI DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, sono state riscontrate le seguenti

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Condizioni Generali di Vendita di Licenze Software e Servizi Professionali

Condizioni Generali di Vendita di Licenze Software e Servizi Professionali Condizioni Generali di Vendita di Licenze Software e Servizi Professionali 1. Accettazione, validità e diritto di modifica delle condizioni generali 1.1. Qualsiasi contratto tra Comparex Italia S.r.l.

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11

2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta GLOSSARIO APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2. IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO: LE FASI PRECONTRATTUALI 2.3. L analisi dell offerta 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 10 NORMATIVA 11 2.3. L ANALISI DELL OFFERTA Al termine del capitolo sarai in grado di descrivere

Dettagli

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014

BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 BTP ITALIA: Emissione Ottobre 2014 Nota tecnica per gli intermediari, gli operatori di mercato e tutti i soggetti preposti allo svolgimento delle fasi di distribuzione BTP Italia: Emissione Ottobre 2014

Dettagli

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo. Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.it NOTA INFORMATIVA N. 1/2009 IL RECUPERO CREDITI DI SOCIETA

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale La distribuzione: seguito lezione La scelta del canale distributivo La fase iniziale di una strategia di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa -

FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - FOGLIO INFORMATIVO - Operazioni di acquisto crediti d'impresa - Il Foglio Informativo contiene informazioni sull'intermediario, sulle condizioni e sulle principali caratteristiche dell'operazione o del

Dettagli

GE Commercial Finance Business Finance

GE Commercial Finance Business Finance TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (D. Lgs n. 385/1993) a norma della Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio del 4 marzo 2003 relativa alla

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO ORIENTARSI NEL BUSINESS INTERNAZIONALE L attività con l estero rappresenta un area di business di estrema importanza per molte imprese italiane. Operare nei mercati internazionali,

Dettagli

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi

Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi Condizioni generali della Holcim (Svizzera) SA per l acquisto di merci e servizi I. Disposizioni generali 1. Validità Le presenti condizioni generali disciplinano la conclusione, il testo e l esecuzione

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

www.issei.eu MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CONSIGNMENT STOCK CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011

www.issei.eu MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CONSIGNMENT STOCK CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011 MERCE IN DEPOSITO IN GERMANIA CAMERA DI COMMERCIO TREVISO 06/10/2011 1 In questo incontro informativo andremo a trattare: o o o o o o Obiettivi per aprire un magazzino in Germania Trattamento fiscale in

Dettagli

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI:

- TASSO MASSIMO APPLICABILE PER IL COMPUTO INTERESSI: FOGLIO INFORMATIVO PER LE OPERAZIONI E SERVIZI DI FACTORING (Aggiornamento in vigore dal 01 ottobre 2014) INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING SARDA FACTORING SpA Sede legale e sede amministrativa viale

Dettagli

Lessico poco familiare

Lessico poco familiare STUDI NOTARILI APERTI Consulenze per acquistare casa in sicurezza Comprare casa senza rischi Lessico poco familiare Termine AGENTE o AGENZIA IMMOBILIARE AMMORTAMENTO CANCELLAZIONE DI IPOTECA CAPITALE CAPITOLATO

Dettagli

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com

02.80509477 FISAC CARE SRL. CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com 02.80509477 FISAC CARE SRL CARE S.r.L. Via G. Carducci, 37-20123 Milano - email: preventivi.fisac@brokercare.com MODELLO UNICO DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE EX ART. 49 REGOLAMENTO ISVAP 5/2006 SEZ. A

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente)

FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente) FOGLIO INFORMATIVO Operazioni di Factoring (cedente) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Barclays Bank PLC Sede Legale: 1, Churchill Place London E14 5HP (UK) Sede in Italia: Via della Moscova 18-20121

Dettagli

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA

libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA libri di base Ombretta Valsecchi tecnica aziendale 2 MURSIA indice modulo d la gestione dell azienda capitolo 1 la gestione aziendale...5 1.1 Le operazioni di gestione...7 1.2 Le operazioni di finanziamento...9

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull uso delle comunicazioni elettroniche nei contratti internazionali. Gli Stati parte alla presente Convenzione,

Convenzione delle Nazioni Unite sull uso delle comunicazioni elettroniche nei contratti internazionali. Gli Stati parte alla presente Convenzione, Convenzione delle Nazioni Unite sull uso delle comunicazioni elettroniche nei contratti internazionali Traduzione in italiano non ufficiale, autorizzata dal Segretariato dell UNCITRAL, realizzata da Matilde

Dettagli

Fideiussioni e Cauzioni Attività del Back Office. Definizioni, Tipologie di intervento, Operatività

Fideiussioni e Cauzioni Attività del Back Office. Definizioni, Tipologie di intervento, Operatività Fideiussioni e Cauzioni Attività del Back Office Definizioni, Tipologie di intervento, Operatività Definizioni La fideiussione è un contratto di garanzia disciplinato nelle sue linee essenziali dal codice

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH

Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH stare in piedi: 26.06.2006 Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH Art. 1 Disposizioni generali 1. Tutte le nostre forniture, prestazioni e offerte sono subordinate, anche laddove non espressamente

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE DISCIPLINA DEI CONTRATTI COMMERCIALI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Fonti del diritto commerciale a Singapore La normativa sui contratti si ispira grandemente alla omologa normativa inglese

Dettagli

Factoring Internazionale Soluzioni per crescere

Factoring Internazionale Soluzioni per crescere Factoring Internazionale Soluzioni per crescere IL SERVIZIO INTERNAZIONALE Il servizio internazionale I SERVIZI 1. Gestione del credito 2. Approvazione del credito 3. Pagamento anticipato del credito I

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti

Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio. Dott. Andrea Bertolotti Il ruolo della fiduciaria nella tutela e gestione del patrimonio Dott. Andrea Bertolotti 1 Sono società fiduciarie e di revisione quelle che si propongono sotto forma d impresa, di assumere l amministrazione

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Dilazioni di pagamento Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via Maastricht, 1-20097 San Donato Milanese (MI) Fax:0252045730/8/9

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA

AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA l avviso richiama l attenzione sui diritti e sugli strumenti di tutela previsti a favore dei clienti l avviso riguarda la trasparenza delle operazioni e dei servizi

Dettagli

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop 1. Concetti generali 1.1 Queste condizioni generali di vendita e consegna sono vincolanti, ove dichiarate applicabili in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO INVESTIMENTI PRODUTTIVI ATTIVITA' SVOLTA INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO INVESTIMENTI PRODUTTIVI ATTIVITA' SVOLTA INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO ORDINARIO INVESTIMENTI PRODUTTIVI ATTIVITA' SVOLTA Portabilità del mutuo. Nel caso in cui il cliente, per rimborsare il mutuo, ottenga un nuovo finanziamento da un

Dettagli

Servizi - Ramo Cauzioni A. CAUZIONI PER CONCESSIONI PUBBLICHE

Servizi - Ramo Cauzioni A. CAUZIONI PER CONCESSIONI PUBBLICHE Servizi - Ramo Cauzioni A. CAUZIONI PER CONCESSIONI PUBBLICHE 1. per l apertura di Agenzie Viaggi e Turismo: fidejussione rilasciata per l ottenimento della licenza amministrativa necessaria per l esercizio

Dettagli

B) partner nello svolgimento del progetto

B) partner nello svolgimento del progetto L IVA sui progetti di ricerca finanziati dall Unione Europea L'art. 72 del DPR 633/72, come regola generale, prevede che siano non imponibili le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese alle Comunità

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Lotta contro i ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali: l attuazione in Italia della Direttiva 2011/7/UE

Lotta contro i ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali: l attuazione in Italia della Direttiva 2011/7/UE Lotta contro i ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali: l attuazione in Italia della Direttiva 2011/7/UE Milano, mercoledì 6 febbraio ore 10,00 Seminario Qual è esattamente la legge di riferimento

Dettagli

Finanziamenti a medio-lungo termine Liberi Professionisti e Piccole-Medie Imprese

Finanziamenti a medio-lungo termine Liberi Professionisti e Piccole-Medie Imprese FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti a medio-lungo termine Liberi Professionisti e Piccole-Medie Imprese INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Barclays Bank PLC Sede Legale: 1, Churchill Place London E14

Dettagli

via Palestro 50, 44100 Ferrara Approvato da: Alessio Frasson Firma

via Palestro 50, 44100 Ferrara Approvato da: Alessio Frasson Firma Documento edito da: A.F. Consulting snc, via Palestro 50, 44100 Ferrara Approvato da: Alessio Frasson Firma Pag 1/15 1. Modulo: La gestione dei preventivi Nel calcolare i prezzi tieni in considerazione

Dettagli

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il caso pratico 49 di Pietro Busanelli, Umberto Baldi Forti e Lara Villani Busanelli e Associati S.r.l. Tecniche finanziarie Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il presente

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

TELEPASS S.p.A AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA

TELEPASS S.p.A AVVISO PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA TELEPASS S.p.A Società per azioni con socio unico, società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., iscritta all albo speciale degli intermediari finanziari

Dettagli