LE ARCHITETTURE STRATEGICHE ED ORGANIZZATIVE DEL CORPORATE VENTURE CAPITAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ARCHITETTURE STRATEGICHE ED ORGANIZZATIVE DEL CORPORATE VENTURE CAPITAL"

Transcript

1 LE ARCHITETTURE STRATEGICHE ED ORGANIZZATIVE DEL CORPORATE VENTURE CAPITAL Paolo Boccardelli Scuola di Management Università Luiss Guido Carli Maurizio Sobrero Dipartimento di Discipline Economico-Aziendali Università di Bologna Febbraio, 2002 Versione 1.3 Pubblicato su Sviluppo&Organizzazione, n. 190 marzo-aprile 2002.

2 1 Sommario Lo sviluppo delle attività di corporate venturing negli Stati Uniti ed in Europa, solo in parte riconducibile alla crescita del mercato degli investimenti nel capitale di rischio che ha caratterizzato i mercati internazionali negli ultimi anni, rappresenta attualmente una concreta risposta delle imprese high-tech alla riduzione complessiva degli investimenti diretti in attività di ricerca di base, alla specializzazione settoriale della ricerca interna ed all esigenza di aprire nuovi percorsi di crescita attraverso opportunità di diversificazione tecnologica e di business. A fronte di un interpretazione più completa del fenomeno del corporate venturing, si è assistito ad un graduale ma costante processo evolutivo degli strumenti e dei programmi adottati, al fine di soddisfare l esigenza di orientare l organizzazione ad una maggiore imprenditorialità ed all assunzione di un livello di rischio superiore, attraverso la definizione di piani articolati ed eterogenei, che comprendono iniziative d investimento diretto ed indiretto e di internal ed external venturing. La natura prevalentemente strategica di tali iniziative determina una chiara impostazione dei programmi d investimento verso opportunità che consentono lo sfruttamento di sinergie con le business unit dell impresa madre o che, attraverso processi deliberati di spin-off, permettono la valorizzazione di asset tecnologici complementari. La necessità di tenere sotto controllo un ambiente competitivo e tecnologico molto vasto ed eterogeneo, da un lato, e di valorizzare al meglio le sinergie con le strutture interne, rende l architettura dei programmi di corporate venture capital piuttosto articolata e rivolta alla risoluzione di molteplici problemi di natura organizzativa, quali le relazioni con i venture finanziati ed i sistemi di rewarding per il personale coinvolto in tali attività. L obiettivo di questo lavoro è di fornire, in una prospettiva organica ed interdisciplinare del fenomeno, una ricognizione e sistematizzazione del quadro teorico, per poi sviluppare alcune riflessioni operative sul significato e le implicazioni organizzative dei programmi di corporate venturing in relazione al ruolo da questi ricoperto nel più ampio problema della gestione strategica del patrimonio tecnologico. Gli Autori ringraziano il Dott. Andrea Granelli, l Ing. Claudio Gentile, l Ing. Paolo D Andrea, il Dott. Giuseppe Visalli, la Dott.ssa Tiziana Mezzaroma ed il Dott. Alessandro Palmitelli di Telecom Italia Lab, per la loro disponibilità e coinvolgimento che hanno reso possibile la redazione del caso aziendale e per la loro competenza che ha

3 2 permesso la comprensione di una realtà così complessa. Il presente lavoro è stato realizzato con il supporto finanziario del progetto ex-60% "Privatizzazioni ed investimenti in Ricerca e Sviluppo: cambiamenti strutturali e organizzativi".

4 3 1. Introduzione Le attività di sviluppo e gestione dell innovazione all interno dei grandi gruppi industriali sono state caratterizzate da una crescente diffusione di interventi articolati, di matrice mista strategico-finanziaria solitamente denominati Corporale Venture Capital. Questi interventi, che si sono inseriti in un trend di crescita del mercato degli investimenti nel capitale di rischio che ha caratterizzato i mercati internazionali fino alla crisi finanziaria del 2001, rappresentano attualmente una concreta sfida organizzativa per fare fronte alla riduzione complessiva degli investimenti diretti in attività di ricerca di base, alla forte focalizzazione settoriale e disciplinare dei programmi di ricerca interna e all esigenza di capitalizzare su opportunità di diversificazione correlata di matrice tecnologica, senza farsi carico in maniera esclusiva del rischio di apertura di nuove linee di business. L obiettivo di questo lavoro è di fornire una prospettiva organica e interdisciplinare del fenomeno, costruendo alcune sistematizzazioni teoriche accompagnate da riflessioni operative che, a nostro avviso, rappresentano occasioni concrete di riflessione sul significato e le implicazioni organizzative del ruolo della gestione dell innovazione nelle grandi imprese nel mutato quadro competitivo internazionale. L organizzazione del lavoro riflette queste premesse. La sezione due fornisce alcuni dati di contesto che consentono di apprezzare la portata economica e la rilevanza internazionale del fenomeno del Corporale Venture Capital. La sezione tre sposta l attenzione sul piano concettuale, presentando e discutendo i principi alla base della definizione dell architettura strategica di un programma di CVC, tenendo conto dell evoluzione che il fenomeno ha presentato nel tempo e nella letteratura principale di riferimento. La sezione quattro è incentrata sull analisi delle problematiche di natura organizzativa, che devono essere risolte nello sviluppo ed implementazione di un programma di corporate venture capital. La sezione 5 presenta al lettore l opportunità di contestualizzazione operativa di quanto sviluppato nelle sezioni precedenti attraverso la discussione del principale esempio di attività di Corporale Venture Capital sviluppatosi in Italia negli ultimi anni, attraverso Telecom Italia Lab all interno del gruppo Telecom Italia. La sezione 6 presenta alcune riflessioni conclusive di sistematizzazione del lavoro.

5 4 2. Lo sviluppo dei programmi di Corporale Venture Capital negli anni 90 Lo sviluppo di programmi di Corporate Venture Capital può essere ricondotto a diversi fattori. In primo luogo, negli anni 90 si sono sviluppati nuovi mercati finanziari specializzati in imprese di nuova costituzione ad elevato contenuto tecnologico, che hanno offerto opportunità concrete per l uscita in tempi relativamente brevi degli investitori in capitale di rischio. In secondo luogo, la riduzione della pressione fiscale sui capital gain, incominciata negli Stati Uniti nel 1978 e successivamente diffusasi anche nel contesto europeo (in Italia con l entrata in vigore del D. lgs. 461/97), insieme alla progressiva armonizzazione del diritto commerciale nei paesi della UE hanno contribuito ad eliminare alcune asimmetrie regolamentari conferendo ad investimenti in capitale di rischio caratteristiche di interesse finanziario maggiori rispetto al passato. Un terzo fattore alla base di questa crescita è la moltiplicazione delle opportunità d investimento, che a sua volta deriva da due trend ben evidenti: la nascita di nuovi cluster high tech; lo sviluppo dei programmi di corporate venture capital. In merito al primo è sufficiente notare che oltre alla Silicon Valley ed alla Route 128 di Boston, negli ultimi tempi diversi sono stati i distretti o cluster tecnologici sviluppatisi in Europa e nel resto del mondo. Tra questi, senz altro, il più famoso sembra essere la Silicon Wadi in Israele, ma è opportuno evidenziare anche i cluster dell informatica in India, delle tecnologie del Mobile in Scandinavia, delle biotecnologie e del software a Cambridge in Inghilterra e delle Telecomunicazioni a Sophia Antipolis in Francia (McKinsey&Company, 2001). Anche in Italia, infine, sono ben avviate alcune iniziative importanti per lo sviluppo di distretti tecnologici, sebbene ancora a stadi iniziali, come a Torino sull ICT, a Bologna sulle tecnologie del multimedia, a Trento e Catania sulla microelettronica ed a Cagliari sull IT. Questo notevole fermento distribuito geograficamente nel mondo ha offerto ad investitori istituzionali, corporate e privati una varietà di opportunità mai riscontrata in passato. Il riconoscimento da parte dei grandi gruppi industriali delle potenzialità di sviluppo di fenomeni di imprenditorialità interna, inoltre, ha dato origine alle prime forme evolute di Corporate Venture Capital (CVC), nate come operazioni ibride di diversificazione attraverso la creazione di un fondo di investimento interno. Il fondo, la cui struttura si è nel corso degli anni sempre di più allineata con quanto realizzato nel settore del Venture Capital (VC) vero e proprio, ha inizialmente rappresentato uno

6 5 strumento più agile per riallocare liquidità in periodi di forte crescita ed espansione su investimenti in start-up a base tecnologica. Secondo alcuni dati recenti (Industry Week, 2000), il numero di imprese di grandi dimensioni che hanno lanciato un proprio programma di CVC e che hanno effettuato investimenti negli Stati Uniti è valutabile in oltre 200, con un valore degli investimenti effettuati che passa dai 1.7 miliardi di dollari del 1998 ai 6.8 del 1999, in un mercato che ha visto nello stesso anno realizzarsi il record di investimenti da parte di fondi di Venture Capital, per un valore complessivo di circa 48 miliardi di dollari (Venture Economics News, 8/2/2000). Tutti i principali attori della competizione internazionale nei settori ad alta tecnologia sono coinvolti in operazioni di questo tipo. Motorola, 3M, Corning, Martin Marietta, Xerox, Merck, Allied Chemical, Kodak, Uniroyal, Intel, Cisco, Westinghouse, Colgate-Palmolive sono solo alcuni dei nomi di multinazionali che nel corso degli ultimi dieci anni hanno contribuito ad accelerare questo processo di apertura di finestre tecnologiche attraverso strumenti finanziari e gestionali innovativi rispetto al modo tradizionale di interpretare la propria area di business ed il percorso di generazione e valorizzazione dell innovazione. Intel Capital, il fondo di investimenti attivato dal colosso dei semiconduttori nel 1991, è più volte stato indicato come un serio concorrente dei migliori fondi di Venture Capital, con un portafoglio di investimenti in 350 imprese nel 1999 valutato intorno agli 8 miliardi di dollari e dismissioni in partecipazioni che nel solo quarto trimestre dello stesso anno hanno generato profitti per oltre 320 milioni di dollari (Industry Week, 2000). Ma gli attori in questo nuovo scenario non sono solo nordamericani, come dimostra anche l antesignana esperienza del fondo della Olivetti a lungo gestito negli anni 80 da Elserino Piol. Nokia ha cominciato di recente, istituendo un proprio fondo, Nokia Venture Partners, da 100 milioni di dollari, il cui ammontare recentemente è stato esteso a 650 milioni, con sede a Menlo Park in California ed aprendo negli ultimi mesi uffici a Washington, Londra, Helsinki, Hong Kong e Tokyo per mantenere un attenzione elevata anche su altri mercati. Siemens ha chiamato la propria unità di Corporate Venture Capital Mustang Venture, dotandola di un capitale di 100 milioni di dollari e lasciando il piccolo gruppo di manager responsabili dell iniziativa estremamente liberi di agire e di muoversi al di fuori delle consuete rigide strutture decisionali tipiche del colosso tedesco. Una scelta analoga a quella del gruppo Matsushita, sbarcato in California nella seconda metà degli anni 90 con l intenzione di

7 6 aprire un centro di ricerca che servisse da sensore rispetto al fermento tecnologico dell area attorno a Cupertino, presto evolutasi nella decisione di aprire un incubatore, il Panasonic Digital Concept Center, e allocare 50 milioni di dollari ad un fondo collegato all incubatore e specializzato in hardware e software di rete. In un indagine condotta dalla Bannock Consulting Ltd. (1999) per l Unione Europea, infine, è stato stimato che tra il 1994 ed il 1998 almeno 6 miliardi di Euro sono stati investiti direttamente in 1000 imprese. Questo valore rappresenta solo il 10% del totale dei fondi raccolti dal sistema del venture capital puro in Europa, ma allo stesso tempo si stima che esso rappresenti all incirca il 40% del totale delle risorse investite dai venture capitalist in operazioni di finanziamento seed o early stage (European Commission, 1999). Nel periodo , in effetti, il numero di programmi di CVC nel mondo è aumentato notevolmente e nel 2000 i fondi destinati al CVC ammontavano complessivamente a 10 miliardi di dollari statunitensi, di cui 2 solamente in Europa (Aifi, 2001b). L investimento in programmi di CVC in Italia è attualmente un dato che può essere solo stimato, replicando la considerazione che, in valore, i programmi di CVC rappresentano il 40% degli investimenti del sistema del VC realizzati in operazioni di seed/early stage. Tali investimenti assommano a miliardi di Lire Italiane (Aifi, 2001a) e, pertanto, l investimento in CVC può essere valutato pari a poco più di 400 miliardi di Lire. I programmi di corporate venture capital di maggior rilievo in Italia sono quelli attivati da Olivetti, Pirelli, Telecom Italia e Enel. 3. L architettura strategica dei programmi di Corporate Venture Capital Nell indagine precedentemente citata condotta dalla Bannock Consulting per l U.E. (European Commission, 1999), il Corporate venture capital è definito come l attività di investimento in quote di minoranza in imprese nuove e ad alto tasso di crescita, posta in essere da imprese la cui principale attività non è il venture capital. Questa ampia definizione, in realtà, nasconde forme ed applicazioni piuttosto eterogenee. Dalle origini ad oggi, infatti, i principi, le attività e l organizzazione dei programmi di corporate venture capital hanno subito notevoli modifiche anche a causa delle alterne fortune che il CVC stesso ha subito nel corso degli anni. Il ciclo di vita tipico di un programma di CVC è sempre stato basato su un inizio con entusiasmo, una

8 7 continuazione per l implementazione ed una conclusione delle iniziative intraprese a seguito delle prime difficoltà (Chesbrough, 2000). Sebbene, dunque, il fenomeno risenta della più generale crescita di attenzione verso forme di investimento in conto capitale in nuove imprese ad alta tecnologia che hanno caratterizzato la scena economica internazionale degli anni più recenti, a livello organizzativo non rappresenta una novità. Eppure le forme e le architetture tipiche dei programmi di CVC attuali si discostano notevolmente da quelli intrapresi nel passato, poiché tendono oggi a ricalcare maggiormente le strutture e gli strumenti impiegati dai venture capitalist al fine di orientare l organizzazione ad una maggiore imprenditorialità ed all assunzione di un livello di rischio superiore (Chesbrough, 2000). L aumentato interesse nei confronti dei fondi di Corporate Venture Capital sembra rispondere, in altre parole, sempre di più ad un esigenza oggettiva, di natura strategica, di partecipazione alla corsa verso l innovazione da parte dei competitori consolidati, attraverso un approccio alla valutazione dei progetti innovativi più legato ad una logica imprenditoriale che ad una logica di budget (McNally, 1994; European Commission, 1999). L elemento cruciale e di rottura rispetto al passato è l esplicita volontà, contenuta nei programmi di CVC di maggiore rilevanza, di separare nettamente le attività di business attuali con quelle di scouting di opportunità d investimento che devono essere orientate alla creazione del nuovo (Venture Economics, 1993; Chesbrough, 2000). Tale evoluzione ha determinato anche dei cambiamenti nella definizione e nell ampiezza del CVC, che da fondo di risorse finanziarie finalizzate al solo investimento diretto si è trasformato in un programma articolato di investimenti con finalità eterogenee (Venture Economics, 1993; McNally, 1995 e 1997) e rivolto alla ricerca di opportunità sia all interno che all esterno dell organizzazione (internal ed external venturing) (Withers, 1997; Mackewicz&Partner, 1998). La presenza di alcuni anni di esperienze e di numerose operazioni d investimento condotte, consente di trarre alcune lezioni interessanti in merito all architettura strategica dei programmi di corporate venture capital Dal punto di vista strategico un primo punto importante riguarda la natura degli investimenti e la decisione sul grado di focalizzazione vs. diversificazione degli stessi. A questo proposito i risultati dei diversi studi condotti concordano sul fatto che investimenti in aree di business e in

9 8 competenze tecnologiche correlate con quelle dell impresa madre garantiscono al fondo un maggiore successo, da un punto di vista sia finanziario, sia strategico. Utilizzando un database con oltre operazioni di investimento da parte di fondi di CVC, Gompers e Lerner (1999), infatti, mostrano che gli investimenti in Start-Up strategicamente correlate con il business della società responsabile del fondo di Corporate Venture Capital hanno una probabilità uguale di arrivare rapidamente e con successo alla quotazione sul mercato rispetto ad investimenti effettuati da parte di fondi specializzati in operazioni di Venture Capital, mentre il contrario è vero per investimenti non correlati. Questo maggiore successo nelle aree collegate si accompagna ad una valutazione dei business finanziati tendenzialmente superiore rispetto agli investimenti guidati da una logica squisitamente finanziaria, con un price premium che secondo alcune stime può arrivare anche al 25% (The Investment Dealers Digest, 1999). Pur essendo difficile valutare la convenienza economica in assenza di dati di dettaglio sullo storico della singola operazione, la logica degli investimenti correlati e del possibile sfruttamento di sinergie difficilmente valutabili contabilmente sembra essere una spiegazione plausibile di una maggiore prodigalità degli investitori industriali. Nel caso del fondo della Smith Kline costituito nel 1984 in parte anche per rispondere alla crescente ondata di entusiasmo nel settore delle biotecnologie, per esempio, circa il 50% dei 90 investimenti effettuati hanno generato partnership di rilievo in gran parte ancora attive. I piani di CVC, pur se attualmente soggetti ad un trend di sostanziale omogeneizzazione, si caratterizzano per la presenza di attività o linee di azione diverse ed in genere tutte presenti in ogni specifico programma di investimenti stabilito dal corporate venturer. Il CVC, in altre parole, può essere articolato in quattro forme specifiche, che scaturiscono dalle motivazioni alla base delle singole operazioni d investimento: CVC finalizzato allo spin-off imprenditoriale (Withers, 1997; Mackewicz&Partners, 1998); CVC strategico (McNally, 1994); CVC finanziario; CVC per responsabilità sociale del corporate venturer (European Commission, 1999). Sebbene i motivi e gli obiettivi di un programma di corporate venture capital possano essere molteplici, nell indagine precedentemente citata (European Commission, 1999) i responsabili dei fondi di CVC delle imprese europee affermano di realizzare operazioni

10 9 d investimento soprattutto per motivi strategici/supporto a spin-off (62%) e finanziari (27%). Tali risultati sono del resto conformi alle indagini precedentemente realizzate nei mercati statunitensi (Venture Economics, 1993). Il corporate venture capital a supporto degli spin-off imprenditoriali consente alle imprese che attivano il programma di CVC di risolvere parzialmente uno dei problemi principali nella gestione strategica delle attività di R&S, ovvero la valorizzazione degli investimenti in asset tecnologici. La stessa applicazione dell approccio delle opzioni reali agli investimenti in R&S (Oriani, 2002), che rileva un impatto positivo degli investimenti in tecnologia sul valore dell impresa a prescindere dall effettivo lancio di un applicazione sul mercato, non riesce a risolvere il nodo cruciale da un punto di vista operativo per le imprese high tech, ovvero come trasformare i flussi d investimento in ricerca in cash flow positivi nel medio-lungo termine. Uno degli strumenti di maggior impatto per quelle tecnologie che non supportano i business in cui il corporate venturer è impegnato, accanto alla gestione del licensing out, è proprio il favorire gli spin-off imprenditoriali (Roberts, 1991; Roberts e Malone 1996). In tal senso se non è possibile assicurarsi una completa valorizzazione del patrimonio tecnologico generato internamente per limiti finanziari, cognitivi ed organizzativi, i fondi di Corporate Venture Capital rappresentano un occasione concreta di intervento per continuare a controllare in molti, se non tutti, i suoi aspetti il percorso di nascita, sviluppo e sfruttamento economico anche di quell innovazione che non supporta le strategie di sviluppo dei business in cui opera il corporate venturer. Gli stimoli alla nascita di nuove imprese e le occasioni concrete perché ciò avvenga, non sono prerogativa di un unico ambiente organizzativo, né devono essere percepiti o vissuti come un fenomeno incontrollabile e destinato necessariamente a depauperare l organizzazione di provenienza. Al contrario, se gestiti attraverso scelte strategiche deliberate, i processi di spin-off rappresentano occasioni concrete di crescita economica per l organizzazione madre (Lipparini e Serio, 2001). Alcune indagini sulla realtà statunitense, infatti, hanno rilevato come i processi di filiazione o addirittura il solo annuncio di uno spin-off, possano avere un effetto positivo sul valore delle azioni della parent company (Cusatis et al., 1993; Miles e Rosenfeld, 1983). Tale effetto può essere interpretato come un opzione strategica che attiva un processo di rigenerazione di imprenditorialità nello sfruttare risorse e competenze non impiegate, senza alterare la

11 10 logica del core business e senza distrarre altre risorse (Roberts e Berry, 1985; Ito, 1995; Lipparini e Serio, 2001). Quest opzione genera alcune opportunità di rilievo per il corporate venturer, quali: lo sfruttamento di brevetti o asset sviluppati nei dipartimenti di R&S ma che non offrono opportunità competitive nell ambito del core business; la possibilità di generare rendimenti positivi nel medio termine da investimenti altrimenti non più recuperabili, attraverso la vendita di alcuni asset o di una quota di questi; la possibilità di rifocalizzare le attività sulle tecnologie rilevanti e scorporare dal dipartimento di R&S quelle risorse concentrate su tecnologie diverse, con un indubbio beneficio di riduzione delle overheads; l opportunità di riallocare al meglio il knowhow e le competenze di manager e professionisti, contribuendo ad una migliore gestione del mercato del lavoro interno; la possibilità di attuare un operazione di unlock the value che attraverso lo scorporo di una divisione o un ramo di attività riesce a liberare il potenziale di sviluppo di quest ultima; la possibilità di completare in modo efficace la ristrutturazione di una compagnia diversificata (Lipparini e Serio, 2001). Il corporate venture capital strategico mira a realizzare una presenza su aree di sviluppo tecnologico molto innovative e, pertanto, rischiose, o lontane dagli interessi primari dei business in cui opera il corporate venturer (McNally, 1994). L importanza di questo fenomeno è amplificata dal fatto che, nonostante diversi autorevoli contributi in passato abbiano posto in discussione la capacità innovativa delle piccole e medie imprese, vi sono numerosi casi a testimonianza dell importanza del ruolo delle PMI nei processi d invenzione e innovazione, soprattutto in aree tecnologiche caratterizzate da forte specializzazione e tempi di sviluppo estremamente rapidi (per una review si veda Boccardelli et al., 2000). Lo scouting e finanziamento di progetti di R&S attraverso la partecipazione alle attività di piccole società indipendenti che correrebbero il rischio, se incorporate troppo presto all interno di strutture di grandi dimensioni, di perdere quella libertà e flessibilità necessarie per operare con tecnologie avanzate in mercati a rapida evoluzione, consente di aprire una finestra sulle tecnologie di frontiera ed in alcuni casi di attivare risorse interne su linee di sviluppo trascurate, a causa di una diffusa miopia rispetto a salti tecnologici in grado di cambiare radicalmente le regole del gioco. Un ulteriore beneficio dello scouting è legato alla ricerca di competenze tecnologiche innovative complementari a quelle impiegate nei business in cui opera il corporate venturer (McNally, 1994). La logica sottostante a tale operazione si basa sul principio di

12 11 colmare la distanza tra il know-how posseduto ed impiegato dalle business unit e quello necessario per penetrare nuove aree di mercato o per rendere più competitivo l intero sistema di business. In entrambi i casi il driver principale nella scelta dell investimento sta nella possibilità di costruire delle partnership strategiche, soprattutto nell area della R&S, con la società in cui s investe, per sviluppare applicazioni future da cui trarranno beneficio le business unit o per riconfigurare la catena del valore e migliorare la competitività sul mercato finale (Sykes, 1990). Il CVC puramente finanziario consiste nella scelta di investimenti che hanno come unico obiettivo i rendimenti finanziari. Questo tipo di operazione appare correlato al ciclo dei mercati finanziari, poiché si basa sull investimento in aziende ad alto potenziale di crescita e sul way-out, attraverso dismissione delle partecipazioni e IPO, in periodi di forte crescita dei mercati borsistici. Questa prospettiva incide anche sul tipo di azienda in cui investire, poiché mentre un investimento di tipo speculativo può portare a realizzare operazioni di seed financing o di finanziamento early stage, un investimento con finalità strategiche può essere più efficacemente valutato in una fase successiva in cui il progetto di business dell azienda da finanziare appare più chiaro. Esempi rilevanti di attività di CVC puramente finanziario sono stati osservati soprattutto in passato e nei mercati statunitensi, grazie ad una legislazione fiscale piuttosto favorevole. Un caso di rilievo in questo senso è quello di Exxon Corporation che nel 1975 lanciò un programma di CVC puramente finanziario investendo 12 milioni di US$ in 18 imprese esterne (Sykes, 1986). Nel 1982 la quota di Exxon in queste imprese fu complessivamente valutata essere pari a 218 milioni di US$ per un IRR del 51% all anno. Successivamente Exxon lanciò anche un programma di CVC strategico, basato su 19 internal ventures che avevano la missione di sfruttare le idee emerse nel precedente programma, ma tutte e 19 le attività furono oggetto di write-off senza alcun ritorno da vendita, IPO o operazioni sul mercato (Sykes, 1986). L ultima forma di CVC è quello legato ad obiettivi di responsabilità sociale, che si basa sull investimento in nuove imprese volto a creare occupazione in aree locali specifiche. Questo tipo di operazione generalmente segue un precedente programma di downsizing del corporate venturer o la chiusura di installazioni industriali per trasferirle in aree caratterizzate da un costo del lavoro inferiore, ed è finalizzato al rafforzamento dell immagine aziendale (European Commission, 1999).

13 12 4. La strutturazione di un programma di Corporate Venture Capital Le diverse forme di CVC analizzate sono solitamente tutte presenti nell architettura strategica di un singolo programma. Uno degli elementi di maggior rilievo nello sviluppo di un programma di CVC è la scelta delle modalità con cui realizzare gli investimenti: investimenti realizzati direttamente sul capitale di rischio delle aziende; investimenti indiretti, attraverso fondi di VC o, in taluni casi, di private equity; misti. L adozione di strategie di investimento diretto rispetto a quelle d investimento indiretto dipende dalla filosofia di gestione del programma di corporate venture capital (McNally, 1997). Se questa è puramente strategica il driver principale che guida i gestori del programma nella scelta della tipologia di investimenti è legato alla ricerca di aziende in cui investire direttamente che possano contribuire allo sviluppo delle competenze possedute. In questo senso, l elemento discriminante è la ricerca di opportunità di investimento in aziende da acquisire in futuro o con le quali attivare delle partnership strategiche di cui beneficeranno le business unit (Sykes, 1990). Quando, al contrario, la prospettiva è almeno in parte finanziaria, gli investimenti possono essere anche di natura speculativa ed in questo senso l approccio adottato è maggiormente simile a quello del Venture Capitalist puro, con la partecipazione a fondi indipendenti o la costituzione come general partner di fondi di VC. In questo caso, a fronte dei numerosi vincoli rispetto ad un Venture Capitalist puro, quali la tipologia e la fase dell investimento e l orizzonte temporale delle operazioni, un corporate venturer ha comunque la possibilità di sfruttare un potenziale vantaggio nella selezione degli investimenti, legato al possesso di competenze tecniche e di business. La prospettiva sottostante le operazioni di CVC strategico richiede, tuttavia, il monitoraggio di diversi loci of innovation (Powell et al., 1996; Powell, 1998): le attività di R&S poste in essere dai centri di ricerca pubblici e privati; i progetti realizzati nell ambito degli innovation clusters; le start-up tecnologiche e gli spin-off da centri di ricerca. All eterogeneità si aggiunge la distribuzione geografica di queste fonti dell innovazione, che ne rendono assai complesso e costoso il processo di monitoraggio e di scouting. Un programma di scouting completo, infatti, richiederebbe l investimento di ingenti somme in numerose aziende, tra le quali molte destinate al fallimento. Per tale motivo solitamente in un programma di CVC puramente strategico viene definito un

14 13 piano di investimenti in fondi di VC indipendenti, al fine di limitare l esposizione finanziaria su aziende ad alta crescita ma anche ad alto rischio ed allo stesso tempo per mantenere un elevato accesso al deal flow potenziale attraverso il network di relazioni della società di gestione del fondo. In tal modo, il corporate venturer riesce a mantenere attiva la finestra su determinati sviluppi tecnologici e su alcune aree geografiche privilegiate, pur limitando le somme investite ed il rischio sopportato. Uno dei fattori chiave nella definizione di un piano di investimenti indiretti in un programma di CVC strategico, in tal senso, consiste nell analisi e valutazione dei diversi fondi di VC con l obiettivo di valutare attentamente il network instaurato dal Venture Capitalist nonché il suo mercato di riferimento di aziende. Per tale motivo i corporate venturer adottano, solitamente, una classificazione dei fondi di VC per area geografica, stadio dell investimento (seed, early, expansion) e aree tecnologiche in cui investono. Lo sviluppo dei programmi di CVC si articola, dunque, attraverso diverse operazioni che possono essere classificate in funzione di alcune caratteristiche tipiche dell opportunità di investimento, quali il rischio dell attività in cui si vuole investire e l ampiezza dell innovazione. La prima dimensione deriva dall incertezza di mercato e di tipo tecnico, sottostante alla tecnologia in cui il corporate venturer vuole investire. L ampiezza dell innovazione riguarda, invece, la tipologia del progetto di R&S che ha scatenato l interesse del corporate venturer e si fa riferimento a progetti di tipo esplorativo o di sfruttamento della tecnologia, ricollegandoci alla nota distinzione tra exploration e exploitation nello sviluppo e gestione della conoscenza avanzata da March (1991). Unendo le due caratteristiche è possibile costruire una mappa in cui collocare le diverse operazioni di investimento di un corporate venturer (Figura 1). Inserire figura 1 circa Nella mappa, nel caso di finalità prevalentemente strategiche, le operazioni d investimento caratterizzate da rischio elevato su progetti di natura esplorativa (quadrante 9 e parzialmente 5-6-8) sono efficacemente realizzate attraverso la partecipazione a fondi di VC puro accompagnata dalla definizione di accordi tecnologici, in cui l aspetto significativo è l accesso al deal flow, piuttosto che l ottenimento di rendimenti finanziari. La possibilità, infatti, di mantenere sotto osservazione le aziende detenute nel portafoglio del fondo e quelle che partecipano al

15 14 network della management company, consente al corporate venturer di stabilire se e quando investire direttamente in un azienda o se più semplicemente definire accordi di natura strategica. Per il monitoraggio e l investimento in progetti con rischio intermedio e con un ampiezza intermedia tra exploration ed exploitation (quadrante 5 e, per porzioni inferiori anche gli altri quadranti), l architettura di corporate venture capital appare piuttosto eterogenea, poiché si tratta dell area in cui si concentrano il maggior numero di opportunità interessanti da un punto di vista strategico per un corporate venturer e, di conseguenza, le operazioni d investimento sono differenziate. La partecipazione ad un fondo di VC, unita all impegno a fornire consulenza tecnologica nella valutazione delle aziende in cui investire, rende possibile un accesso diretto e sistematico al deal flow. Per le opportunità di venturing che consentono lo sfruttamento di sinergie con le business unit dell impresa, l investimento diretto rimane la soluzione più efficace, soprattutto in corrispondenza di aziende che realizzano attività innovative caratterizzate da livelli intermedi di rischio e che tendono ad essere vicine allo sviluppo di applicazioni per il mercato. Anche il fondo di risorse dedicato alle attività di sviluppo interno, del resto, deve essere in parte rivolto alla gestione di progetti con rischio ed ampiezza intermedi. Infine, quando sia rischio che ampiezza dell innovazione sono minimi, da un punto di vista strategico potrebbe essere conveniente, per le ragioni sopra evidenziate, stimolare lo spin-off e valutarne un eventuale finanziamento attraverso il CVC al fine di valorizzare gli asset tecnologici complementari o di scarso interesse per il core business. Va sottolineato che corporate venturer di rilievo e con esperienze di successo, hanno recentemente intrapreso una strada di minor esposizione ai rischi del venturing diretto, come ad esempio Lucent Technologies che nei primi giorni del 2002 ha annunciato di aver ceduto l 80% di tutti i ventures detenuti in portafoglio a Coller Capital Ltd. Le due società hanno poi costituito un fondo chiamato New Venture Partners II LP per gestire queste aziende, di cui Lucent detiene il 20% come limited partner (The Daily Deal.com, 2002). Quando, invece, la finalità del programma di CVC è anche di tipo finanziario, potrebbe essere conveniente istituire e gestire un fondo di VC puro, ma con un portafoglio di investimenti caratterizzati da rischio ed ampiezza eterogenei (area dei quadranti ), il cui obiettivo primario è il rendimento del fondo stesso. Un esempio di tale architettura è il fondo Nokia Venture Partners per investimenti sulle

16 15 tecnologie del Mobile e di Internet in cui all obiettivo strategico si accompagna uno di tipo finanziario. Da un punto di vista organizzativo è opportuno riflettere su alcuni fattori che caratterizzano l attivazione dei programmi di CVC. Un primo elemento importante è legato al rapporto tra l attività di gestione del programma e le attività delle altre divisioni dell impresa. Alcuni sono gli elementi interessanti che emergono a questo proposito. In primo luogo, le attività del fondo non sono immuni dalla cosiddetta NIH syndrom, o sindrome del non inventato qui, generando forti resistenze da parte delle strutture interne dell organizzazione ai vari livelli e rendendo necessaria per il fondo un appoggio forte ed incondizionato da parte del top management, pena il fallimento dell operazione. E proprio ad uno scarso successo nell integrazione delle operazioni di CVC con le attività tradizionali, infatti, che può essere ricondotta la probabilità di interruzione delle operazioni prima della scadenza predefinita. Questo limite è connesso alla caratteristica essenziale del corporate venture capital, ovvero la netta separazione tra lo scouting di opportunità d investimento e di internal venturing e la gestione dei business attuali (European Commission, 1999; Chesbrough, 2000). Se da un lato è essenziale isolare i gestori del programma di corporate venture capital dalle attività routinarie, è altrettanto vero che tale frattura rende fondamentale il supporto del top management ed un attenzione e cura particolari nel tentativo di valorizzare quelle sinergie che erano state ricercate durante le operazioni di scouting. Un secondo problema che occorre risolvere nella conduzione di un operazione d investimento, riguarda il supporto che il corporate venturer fornisce all azienda in cui si è investito. Sia venture capitalist che corporate venturer offrono alle aziende finanziate un sostegno maggiore rispetto alle sole risorse finanziarie, che va dalla consulenza tecnologica, ove possibile, e strategica fino al supporto nel recruiting di personale (Gorman e Sahlman, 1989; Sapienza, 1992; Zider, 1998). Il rischio che un corporate venturer corre ancor più di un VC è quello di stringere troppo anticipatamente le relazioni con la società in cui si è investito, a causa dell ansia di veder realizzate al più presto le sinergie ricercate nell investimento. Questo errore potrebbe soffocare le capacità di sviluppo e la creatività tipica della piccola realtà imprenditoriale, ed in questo modo ridurre sostanzialmente il vantaggio del programma di corporate venture capital (McNally, 1997; European Commission, 1999).

17 16 Un ulteriore problema che lo sponsor di un programma di CVC deve fronteggiare è il bilanciamento tra internal ed external venturing. Si pone, in altre parole, in maniera concreta il problema dell identificazione delle risorse interne come possibili target di investimento rispetto ad opportunità rinvenibili all esterno. Se, infatti, da un lato un occhio di riguardo per l interno rischia di utilizzare lenti più permissive rispetto a quanto riservato a iniziative provenienti dall esterno, dall altro l incoraggiamento di forme di imprenditorialità interna pone fortemente un esigenza di definizione di sistemi di incentivi coerenti con l assunzione di rischio ma, al tempo stesso, in grado di offrire qualche garanzia aggiuntiva rispetto ad opzioni di finanziamento completamente esterne all impresa. Tale delicato equilibrio deve essere ricercato dal management, che, spesso, influenza in maniera determinante il successo delle iniziative di venturing (Edlund e Magnusson, 2001). A tale proposito occorre rilevare che il problema è duplice. Da un lato, si tratta di incentivare lo sviluppo di idee innovative senza generare fenomeni di totale anarchia rispetto agli obiettivi interni di R&S. Dall altro è necessario riflettere sulla diffusione di una cultura imprenditoriale all interno dei laboratori come un fatto non scontato. La realtà è, tuttavia, più articolata e l esperienza recente di Lucent Technologies con il processo di riorganizzazione e valorizzazione dei Bell Labs rappresenta un caso interessante di analisi nel dettaglio di piani di incentivazione individuale, volti a stimolare e supportare la creazione di idee e progetti di business innovativi pur mantenendo una sorta di controllo sulle iniziative intraprese (Chesbrough e Socolof, 2000). Un esperienza analoga di matrice europea è la Nokia Ventures Organization che, oltre ad essere lo sponsor principale del fondo di VC Nokia Venture Partners per gli investimenti rivolti all esterno, si occupa del programma di internal venturing (Day et al. 2001). Queste osservazioni ci portano a considerare un ulteriore elemento di interesse che emerge dalle ricerche condotte in questo ambito e che è direttamente collegato alla struttura degli incentivi dei diversi attori coinvolti. Per quanto riguarda i gestori del fondo di Corporate Venture Capital, vi è unanimità nel riconoscere loro una struttura di compensation simile a quanto offerto dai fondi di Venture Capital (Block e MacMillan, 1993; Brazeal, 1993; European Commission, 1999; Chesbrough, 2000). Anche se a questo proposito le politiche di remunerazione interna rendono sconveniente l adozione

18 17 di una forma di compensazione completamente collegata alla performance economica del fondo per non generare disparità di trattamento rispetto al top management, l aumentata pressione competitiva da parte del settore del VC rende sempre meno praticabili offerte di remunerazioni più tradizionali, che rischiano di generare rapide uscite dall organizzazione delle risorse migliori. Una delle soluzioni più diffuse in proposito, è quella di utilizzare sistemi di rewarding analoghi a quelle dei venture capitalist solo per strutture di gestione di fondi nettamente separate dalla parent company. Per il gruppo che si occupa di gestire i programmi di venturing operando dall interno dello sponsor del programma, il sistema d incentivazione viene costruito in modo equivalente rispetto al resto del personale, per evitare disparità di trattamento e la diminuzione dell efficacia del programma di CVC (European Commission, 1999; Day et al., 2001). Ad ogni modo a testimonianza di una maggiore sensibilità in questo senso, negli ultimi anni è possibile riscontrare anche forme inverse di mobilità del lavoro, con il passaggio di esperti di investimenti da fondi di VC a fondi di Corporate Venturing. Questo fattore, peraltro, è uno dei principali a sostegno della tesi che, per un programma di CVC completo e di successo, è necessario accompagnare ad una struttura di gestione interna al corporate venturer, un organizzazione esterna ed indipendente o almeno un accordo ben strutturato con un impresa che gestisce un fondo di VC indipendente (Rind, 1981). Infine, la finalità strategica che spesso informa i programmi di CVC rende la presenza di fallimenti nelle operazioni d investimento un opportunità di rilievo. Mentre, infatti, la società di gestione di un fondo di VC puro tende a smantellare ed a dimenticare in fretta le numerose esperienze fallimentari, il corporate venturer deve cercare di attivare fenomeni di learning by failures, conducendo un analisi approfondita sui venture detenuti in portafoglio e falliti (Chesbrough, 2000). Solo dopo aver analizzato criticamente le ragioni del fallimento ed aver appresso utili suggerimenti per nuove operazioni o per altre attività nell ambito della compagnia, è possibile sciogliere il gruppo e dedicarlo ad altri compiti (Chesbrough, 2000). Al fine di illustrare le problematiche operative da affrontare nello sviluppo di un programma di CVC, nel successivo paragrafo viene illustrato un caso del nostro paese, quello di Telecom Italia, in cui è possibile rinvenire il tentativo di costruire in modo articolato una struttura di corporate venture capital, che pur se iniziato a metà degli anni

19 18 90 solo recentemente ha acquisito alcuni tasselli importanti per il completamento di un architettura strategica ed organizzativa di successo. 4. Le attività di Corporate venture capital in Telecom Italia: Telecom Italia Lab 1 Le attività di corporate venture capital in Telecom Italia iniziano nel 1996, ma solo nel primo semestre del 2000 le attività di VC e di R&S furono riunite nell ambito di un unica business unit. Quest ultima, infine, è stata scorporata e conferita alla nuova società Telecom Italia Lab (TILab) costituita nel Solamente a partire da quella data è stata formalmente costituita un unità organizzativa, il Venture Capital Management, specializzata nelle attività di venturing. L organizzazione delle attività di VC in Telecom Italia è realizzata secondo il modello prevalente, che in diverse circostanze ha mostrato di essere di successo. Tale applicazione si basa sulla separazione netta delle attività di venturing che ricalcano il modello del VC puro, e che consente per queste di adottare sistemi di rewarding diffusi nel mercato del venture capital. Per le attività di venturing realizzate internamente, al contrario, una distinzione netta negli strumenti di incentivazione rispetto al resto del personale non può essere realizzata a meno di perdere parte del valore legato alle operazioni di investimento di un corporate venturer, cioè le sinergie con l azienda in cui s investe, a causa di un potenziale rischio di non accettazione dei contributi apportati dal venture. La missione e le attività dell unità di venturing di Telecom Italia s ispirano ai modelli di CVC di maggior successo ed in tal senso si sviluppano con finalità prevalentemente strategiche di sostegno ai processi di innovazione del gruppo nell ambito del mercato dell ICT, pur non trascurando completamente la considerazione di fattori di natura finanziaria. In questo senso, le complessità precedentemente evidenziate sono state oggetto di riflessione e di tentativi di soluzione attraverso un architettura di CV molto articolata, basata su programmi di internal ed external venturing e su investimenti sia diretti sia indiretti. La strada intrapresa dal gruppo è giustificata dalle complesse esigenze di venturing e scouting tecnologico, legate alle pressioni competitive che l azienda affronta nel mercato dell ICT, la cui percorribilità è 1 Le informazioni di seguito descritte fanno riferimento all articolazione organizzativa ed alle procedure previste nell ambito di Telecom Italia Lab fino al 31 dicembre del 2001, data in cui è stata conclusa la rilevazione. Per un analisi più generale sull evoluzione delle attività di R&S in Telecom Italia, si veda Munari (2002).

20 19 stata, in un certo senso, agevolata dal prestigio e dalle competenze posseduti dal centro di R&S del gruppo (CSELT), che hanno reso l azienda un partner attraente anche per operatori finanziari indipendenti. Partecipazione a fondi di VC indipendenti La partecipazione come limited partner ai fondi di VC, anche accompagnata da accordi tecnologici, rappresenta un modo per esternalizzare parte delle attività di scouting in aree tecnologiche e geografiche di interesse per la società. Per tale motivo è stato deciso di partecipare a quei fondi di VC, che da uno screening iniziale sulle potenzialità di offrire accesso al deal flow, consentono il monitoraggio di innovation cluster di particolare eccellenza, e di progetti di sviluppo di notevole ampiezza per tecnologie ad alto rischio (quadrante 9 e parzialmente 5, della mappa in figura 1). La partecipazione al fondo, inoltre, è guidata prevalentemente da alcuni aspetti di natura strategica legati alla possibilità per TILab di sviluppare delle partnership con le aziende presenti nel network del fondo attraverso l impiego dei prodotti, dei servizi e delle tecnologie sviluppate dall azienda per i mercati in cui opera il gruppo. TILab attualmente partecipa a cinque fondi (si veda figura 2). La costituzione di fondi di VC Nel 1998 Telecom Italia ha istituito in collaborazione con Mediocredito Centrale un fondo di VC, Fintech, che realizza investimenti nell area dell ICT, localizzati prevalentemente in Italia, e nel 2001 ha promosso la costituzione di un altro fondo di VC negli Stati Uniti, Saturn Venture Partners, dotato di un capital committed di 280 milioni di US$, per investimenti nell ICT (prevalentemente wireless). Essendo i fondi aperti al capitale di terzi, la responsabilità gestionale impone alle due management company di perseguire prioritariamente obiettivi di ritorno finanziario. In questo senso la finalità di attrarre potenziali limited partner nel fondo e sviluppare le operazioni di VC nel modo migliore, richiede di ricorrere a sistemi gestionali e di rewarding del personale, allineati a quelli che i professional del settore possono rinvenire in altre società di VC. In questa ottica, il fondo deve ricercare opportunità per massimizzare l IRR del portafoglio di investimenti, anche selezionando investimenti ad alto rischio e con ampiezza massima o intermedia (nella mappa in figura 1, quadranti ed in parte 5).

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper

Politecnico di Milano. Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia. Position Paper Politecnico di Milano Elementi per una politica dell innovazione tecnologica in Lombardia Position Paper 1. Obiettivi e articolazione del documento L importanza dell innovazione tecnologica in un sistema

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget 1. Il nuovo sistema di budget consente al manager di focalizzarsi sulle aeree che richiedono attenzione. La mensilizzazione del budget consente ai

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa

Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa Il Private Equity: un approccio alternativo al finanziamento d impresa presentazione a Roma, 15 Dicembre 2010 I. L Industria del Private Equity Totale Fondi raccolti worldwide Nonostante i fondi raccolti

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Economia Prof. Marco Galdenzi Anno accademico 2013/14 LA STRATEGIA La strategia è un sistema di comportamenti pianificati

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE

TITOLO. APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE TITOLO APPROFONDIMENTO: Il Piano Juncker - COM(2014) 903 RELAZIONE L idea sottostante al Piano d investimenti per l Europa, meglio conosciuto come Piano Juncker, è che le difficoltà dell economia europea

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Innovare per competere Come finanziare l innovazione

Innovare per competere Come finanziare l innovazione Innovare per competere Come finanziare l innovazione M. Szemere Cofiri S.p.A. Novara, 22 maggio 2003 Contenuti (1/2) 1. Il Gruppo Cofiri Attività di Cofiri Iniziative di Cofiri nel Venture Capital e nel

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget»

L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Authorized and regulated by the Financial Services Authority L asset più importante, l investimento più remunerativo? La governance, è tempo di investire nel «governance budget» Il processo di investimento

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela di Davide Mondaini Mondaini Partners - Dimensione Consulting All interno degli istituti di credito la macroarea d affari connessa all attività con

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Il modello di business delle biotecnologie

Il modello di business delle biotecnologie Il modello di business delle biotecnologie Luigi Orsenigo IUSS, Pavia Horizon 2020 Napoli, 1 febbraio 2013 Il modello di business delle biotecnologie Silicon Valley Consensus: mutuato da ICT Scienza imprenditoriale:

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT

I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT Capitolo V I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT Parole Chiave Valorizzazione della Ricerca Trasferimento Tecnologico Spin-off Accademici & Universitari Venture Capital Gestione della Proprietà Intellettuale

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

Private Equity & Venture Capital in Europa

Private Equity & Venture Capital in Europa Private Equity & Venture Capital in Europa Edoardo Bugnone Partner, Argos Soditic EVCA Chairman Il Private Equity in Europa 1,320 Gestori di Fondi in Europa 4,300 Professionisti in Europa 35 miliardi Investiti

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14

CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14 CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14 PARLAMENTARI PRESENTI ANNA ASCANI CAMERA PD LORENZO BASSO CAMERA PD ANNA CINZIA BONFRISCO SENATO FI FRANCESCA BONOMO CAMERA PD IVAN CATALANO CAMERA MISTO PAOLO COPPOLA

Dettagli

Considerazioni generali

Considerazioni generali Roma, 29 settembre 2011 Oggetto: SCHEMA DI DISPOSIZIONI SUL PROCESSO DI ATTUAZIONE DELLA POLITICA DI INVESTIMENTO - OSSERVAZIONI ASSOFONDIPENSIONE Considerazioni generali Assofondipensione esprime apprezzamento

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

INNOVATION AND PATENT QUALITY MEASURES: ANALYSIS OF THE U.S. COMMUNICATION SERVICES SECTOR

INNOVATION AND PATENT QUALITY MEASURES: ANALYSIS OF THE U.S. COMMUNICATION SERVICES SECTOR U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A G L I A R I F A C O L T À D I S C I E N Z E E C O N O M I C H E, G I U R I D I C H E E P O L I T I C H E CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA MANAGERIALE INTERNATIONAL

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com

Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com .. Le exit strategy e le clausole di way out nel private equity Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 4 febbraio 2009 www.3i.com 3i chi siamo Scala internazionale e elevata reputazione Fondata nel 1946, è leader

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE

ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE RAPPORTO TECNICO INTERNO n.1 del 17 giugno 2013 Modello di organizzazione della formazione professionale di Monica Bianco, LeMa Consulting S.r.l. Abstract Nel presente

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 0 I proponenti hanno un esperienza comune e competenze complementari Andrea

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli