ISRAELE NOTA CONGIUNTURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISRAELE NOTA CONGIUNTURALE"

Transcript

1 ISRAELE NOTA CONGIUNTURALE Dopo oltre quattro anni di crescita ininterrotta il rallentamento nelle attività economiche registrato nell ultimo quadrimestre del 2008 continua a dispiegare i suoi effetti anche nel primo semestre 2009 accompagnato, però, da incoraggianti segnali di rilancio in alcuni indicatori economici. I fattori di questa inversione di tendenza, oltre che nel contesto della crisi finanziaria internazionale, vanno ricercati nella flessione della produzione industriale, nella diminuzione dei consumi privati, nonché nel deprezzamento dello Shekel rispetto al dollaro statunitense, che hanno inevitabilmente disincentivato l export Tale deprezzamento dello shekel rispetto al dollaro e dovuto principalmente a due fenomeni: 1) apprezzamento del dollaro sul mercato globale e 2) acquisto di circa 7 miliardi di dollari dalla Banca Centrale per mantenere un basso valore della valuta locale, offrendo così un appoggio agli esportatori locali Fonte: elaborazione ICE Tel Aviv su dati Israel Central Bureau of Statistics 2009 Congiuntura Macroeconomica Per quanto infine concerne l'indice dei prezzi al consumo, nei primi sette mesi del 2009 si è attestato poi sul 3,2%, ben al di sopra del target prefissato dal governo israeliano, specialmente se si considera che questo dato viene registrato in un periodo di recessione economica. Tra i fattori che hanno influenzato l attuale trend inflativo si segnalano, appunto, la decisione del governo di aumentare l IVA dell 1% da 15,5 a 16,5%, l applicazione dell Imposta sul consumo d acqua (causa siccità), l aumento delle imposte sulla benzina, sulle autovetture di nuova immatricolazione, sulle sigarette, nonché l aumento dei prezzi dell immobiliare. La reazione della banca centrale israeliana è stata quella di alzare il livello dei tassi di interesse di mezzo punto percentuale alla fine del mese di agosto, portandolo da 0,25% all attuale 0,75%. Da sottolineare che la Bank of Israel è stata la prima Banca Centrale al mondo a prendere una simile decisione. Il Governatore Centrale, Prof Stanley Fisher ha motivato la scelta con la considerazione che l aumento del valore del tasso di interesse, oltre ad esser strumentale alla necessità di riportare l inflazione all interno della forbice di oscillazione programmata, aiuterà l intero sistema economico a stabilire utili presupposti per la ripresa della crescita senza compromettere la stabilità finanziaria. Il tasso d inflazione nel periodo gennaio-luglio si è attestato su un valore percentuale pari al 3,2%, superando il target prefissato dalla Banca centrale, inconseguenza dell aumento temporaneo dell IVA dal 15,5% al 16,5% e dall aumento

2 dei prezzi nel settore degli immobili. In risposta all aumento dei prezzi la Banca Centrale israeliana ha aumentato il tasso di sconto allo 0,75%. I dati sugli investimenti esteri disponibili per il primo quadrimestre 2009, mostrano, infine, un flusso di investimenti pari a 1.1 miliardi di dollari contro i 2.6 miliardi del primo quadrimestre Il 2008, a sua volta, è terminato con un flusso di investimenti pari a 7.8 miliardi di dollari contro i 13.7 miliardi del 2007 ed i 26.6 miliardi del 2006, anno in cui gli investimenti esteri hanno segnato il più alto valore mai registrato nella storia dell economia locale. Durante il secondo quadrimestre 2009 il tasso di disoccupazione ha raggiunto valori prossimi all 8,3% con oltre 241 mila disoccupati. Più recentemente, si è registrata una lieve inversione di tendenza che ne ha portato il valore a livelli inferiori all 8%, ma la disoccupazione rimane comunque relativamente alta rispetto al target prefissato dal governo (5% entro il 2012) prima dell erompere della crisi economica mondiale. Le nuove stime governative prevedono un livello del tasso di disoccupazione rispettivamente del 7,6% e dell 8,5% nel biennio Il salario medio lordo di un lavoratore israeliano si è attestato, nei primi 6 mesi del 2009, a NIS 8,128 ( pari a circa 2,167$). Il più alto salario mensile è stato percepito dai dipendenti nel settore dell acqua e dell elettricità (20,086 NIS = 5,356 $), mentre il salario mensile più basso è erogato ai lavoratori nel settore della ristorazione (3,824 NIS equivalenti a 1,019 $). L agenzia Standard and Poor's (S&P) ha confermato il credit rating d Israele a gennaio scorso lasciandolo invariato rispetto all aggiornamento apportato nel mese di ottobre Il rating a lungo termine in valuta estera del paese è rimasto, infatti, ad A con un rating outlook stabile. Anche l agenzia Fitch, che segue da anni l andamento del mercato locale ha pubblicato a febbraio 2008 un Credit Rating che, per la prima volta dal 1995, ha segnato un rialzo da "A-" ad "A", rimasto da allora invariato. È da evidenziare che la conferma del rating paese, nonostante il persistere della crisi economica globale viene percepito come un voto di fiducia delle agenzie internazionali nei confronti dell economia israeliana, grazie soprattutto alle sue doti di flessibilità ed adattamento e alla coerente politica di contenimento fiscale applicata dal governo. Nel primo semestre 2009 Israele ha importato merci, (diamanti esclusi), per un totale di 19.3 miliardi di dollari in notevole diminuzione rispetto all equivalente periodo 2008, quando le importazioni dal mondo sempre diamanti esclusi - hanno superato i 28 miliardi di dollari. Il dato 2009, riflette, dunque, una significativa flessione del - 32%. L import dall Italia, pur avendo subito anch esso una forte diminuzione rispetto allo stesso periodo 2008, ( -25,3%) lascia invariata la posizione del nostro Paese quale quinto partner commerciale di Israele secondo in Europa - dopo USA, Cina, Germania e Svizzera. Anche l export israeliano verso il mondo, come prevedibile d altronde, è diminuito in maniera sostanziale nel periodo monitorato, segnando una flessione del 22,6% rispetto l anno precedente, (16.7 miliardi di dollari rispetto ai 21.5 miliardi del 2008). Anche l interscambio commerciale tra Italia e Israele, è stato influenzato dalla crisi economica mondiale in termini di flussi nel primo semestre I dati statistici ufficiali relativi a questo periodo riflettono, infatti, una diminuzione pari a -25,3% rispetto all equivalente periodo 2008, con valori assoluti di 992 milioni di US$ rispetto ai 1.32 miliardi di US$ registrati lo scorso anno. Merita però segnalare che la diminuzione delle esportazioni italiane verso Israele è stata relativamente più contenuta rispetto a quella che ha caratterizzato altri Paesi UE tanto che, nei primi sei mesi del 2009, la nostra quota di mercato è salita al 5,12% sul totale export mondiale, rispetto al 4,67% del Anche nel 2009 i settori trainanti del nostro export rimangono le macchine e gli apparecchi meccanici, i prodotti chimici ed i metalli di base. Più accentuata la diminuzione delle importazioni italiane da Israele che hanno registrato una diminuzione percentuale di più del 40%, (per un valore assoluto di 551 milioni di dollari rispetto ai 921 milioni del 2008). Il saldo commerciale Italia - Israele continua comunque ad essere caratterizzato da un surplus di 441 milioni di dollari a nostro favore, con un aumento dell 8,6% del deficit commerciale, mentre il totale interscambio ha subito una diminuzione del 31,4% rispetto al primo semestre Il nostro Paese, dunque, occupa anche nel primo semestre 2009 il quinto posto tra i fornitori d Israele, preceduto da USA, Cina, Germania e Svizzera. Analizzando i dati, tutti i comparti che compongono l export del nostro paese hanno registrato una diminuzione nel primo semestre 2009, tranne il comparto degli strumenti ottici, medici, fotografici e di misurazione che ha subito un aumento del 20%.

3 A soffrire la diminuzione più accentuata rispetto all equivalente periodo 2008 sono stati, invece, i metalli di base (-43,3%) ed il comparto degli automezzi, aerei, navi ed attrezzature associate (- 41,7%) che erano invece significativamente aumentati (+61,5%), nel primo semestre 2008 rispetto al dato complessivo 2007 Nel corso degli ultimi 15 anni l economia israeliana è radicalmente mutata grazie all intenso sviluppo di industrie ad alto contenuto tecnologico che sono diventate la forza trainante dell economia. In concomitanza con questa trasformazione il Paese si è aperto progressivamente agli scambi commerciali e ai movimenti di capitali. Il quadro macroeconomico è stato stabilizzato con rigorose politiche monetarie e di bilancio sono state attuate anche riforme strutturali quali la liberalizzazione di alcuni mercati e la privatizzazione di grandi imprese pubbliche. L immagine del Paese agricolo fondato sul socialismo dei Kibbutz è stata così soppiantata da quello di una nuova Silicon Valley sulle rive del Mediterraneo, con un numero elevatissimo di imprese in fase di start-up, sostenute da un flusso crescente di investimenti diretti esteri. Una Silicon Valley che in questi anni è riuscita a consolidare un importante rapporto di collaborazione con l Italia In generale la penetrazione dei prodotti italiani è buona, grazie all immagine molto positiva del Made in Italy in Israele in termini di qualità, prestigio, design e tecnologia. La diffusione dei nostri prodotti non incontra particolari difficoltà. Le uniche resistenze possono derivare da alcune circostanze strutturali quali l'incidenza dei costi di trasporto, il pericolo di un deterioramento delle merci a causa del clima caldo e umido o da preoccupazioni per le condizioni di sicurezza del Paese da parte degli imprenditori italiani. Inoltre l Italia, grazie alla vicinanza geografica e culturale rappresenta per Israele la porta ideale d accesso verso il mercato unico europeo. Vanno anche ricordate le comuni caratteristiche di propensione all innovazione e alla flessibilità che derivano dalla forte incidenza di piccole e medie imprese in entrambi i sistemi economici Si tratta, ovviamente, di problematiche che vengono, tanto più avvertite in quanto gli attori italiani sono spesso identificabili in piccole e medie imprese. La collaborazione con l industria italiana, viene sempre più considerata dagli ambienti hi tech israeliani come un naturale complemento nel passaggio dalla fase di ricerca e sperimentazione a quella di realizzazione e commercializzazione dei prodotti finiti. Occorre ricordare infatti che il tessuto industriale israeliano non è molto articolato, con l ovvia eccezione del settore della difesa. L Italia è quindi vista come un valido partner nella fase di industrializzazione dei prodotti e delle tecnologie, grazie alla diversificazione, flessibilità ed estensione del nostro sistema industriale. Contestualmente negli ambienti imprenditoriali italiani è cresciuta la consapevolezza del rilievo assunto dall high-tech israeliano e delle opportunità che offre. ItaIia e Israele sono legate da un accordo intergovernativo di cooperazione industriale, scientifica e tecnologica entrato in vigore nel A Settembre 2009 una Commissione Mista istituita ha deciso di triplicare I fondi per l accordo in vigore, con un finanziamento di 3 milioni di euro all anno per I prossimi 3 anni. I settori di particolare interesse per lo sviluppo delle esportazioni italiane e la cooperazione commerciale possono essere identificati come segue: Infrastrutture Opportunità particolarmente interessanti per le imprese italiane potranno scaturire dai numerosi progetti infrastrutturali che sono in corso di realizzazione o stanno per essere avviati. Fonti ministeriali israeliane rilevano la necessità di effettuare investimenti per un totale superiore a 140 miliardi di dollari in progetti infrastrutturali entro il Proporzionali saranno, ovviamente, le necessità in termini di personale qualificato, macchinari ed attrezzature industriali e materie prime. In questo specifico settore, una delle conseguenze più visibili della robusta crescita economica che il Paese sta sperimentando ininterrottamente da diversi anni è l aumento esponenziale delle autovetture private circolanti su una rete autostradale che non ha ancora subito i necessari ammodernamenti (anche se solo tra il 2001 ed il 2005 sono stati allocati a questi fini 8,9 miliardi di dollari). Si stima, dunque, che nei prossimi cinque anni saranno destinati all ampliamento della rete stradale ed autostradale ma, soprattutto, allo sviluppo della rete ferroviaria all incirca 13,6 miliardi di dollari. Anche il settore ferroviario presenta, in particolare, importanti opportunità per le imprese italiane, che in quest' ambito vantano livelli di riconosciuta eccellenza tecnologica. Agroindustria Nel campo delle tecnologie per l agricoltura, il Paese offre soluzioni all avanguardia per quanto riguarda il risparmio idrico per l irrigazione, lo sfruttamento dei terreni aridi per la coltivazione e le nuove tecnologie per l alimentazione. L industria dell irrigazione in Israele ha svolto un ruolo pionieristico nello sviluppo di

4 tecnologie quali la nuova tecnica denominata fertigazione consistente nella simultanea erogazione, attraverso sistemi integrati computerizzati, di acqua e fertilizzanti, che consente un notevole risparmio idrico associato alla possibilità di sfruttare acque di minor qualità (saline o effluenti), e di dosare convenientemente i fertilizzanti evitando inutili contaminazioni del terreno. Le applicazioni industriali di queste tecnologie hanno, ormai, diffusione mondiale tanto che, ad oggi, più dell 80% della produzione industriale israeliana in questo settore è assorbita dall export. Per quanto poi riguarda il settore delle nuove tecnologie per l alimentazione, Israele conta su tre rinomati istituti di ricerca che si dedicano quasi esclusivamente allo studio di soluzioni innovative per lo sfruttamento dei terreni ed alla messa a punto di tecniche di agricoltura non tradizionali: il Volcani Institute, il campus di Sde Boqer dell Università di Ben Gurion del Negev (quest' ultimo specializzato in studi su terreni desertici) e la Facoltà di Scienza dell Alimentazione dell Università Hebrew di Gerusalemme. I più recenti sviluppi riguardano le nuove tecniche di allevamento ittico, gli studi sulle piante e sugli animali, gli studi genetici condotti allo scopo di aumentare la tolleranza delle piante a condizioni di calore e di salinità. Biotecnologie La maggior parte delle imprese create in Israele negli ultimi cinque anni sono riconducibili proprio al settore delle biotecnologie Secondo gli ultimi dati diffusi dall Israel Life Science Industry (ILSI), ad oggi circa 500 aziende operano nel campo delle apparecchiature medicali,184 in quello delle biotecnologie e 109 in quello propriamente farmaceutico. L intero comparto si basa su profonde sinergie tra ricerca accademica ed industriale e, in quanto tale, è destinatario di un attenta politica di sostegno a livello governativo. I dati a disposizione rivelano, infatti, che oltre il 40% delle imprese israeliane che oggi operano ad alto livello in questo settore ha iniziato la propria attività nell ambito di uno degli incubatori tecnologici promossi dall OCS (Office of the Chief Scientist) del Ministero dell Industria, Commercio e Lavoro. Allo stesso modo, circa il 35% dei fondi destinati ad attività di ricerca in ambito civile sono proprio riservati allo sviluppo dei settori della biotecnologia e della Life Science. Esistono in Israele circa 170 enti soprattutto start-up e piccole e medie imprese impegnati in attività di Ricerca e Sviluppo in campo biofarmaceutico, agro-biotecnologico, della diagnostica e delle apparecchiature mediche. Numerosi progetti congiunti tra aziende italiane ed israeliane sono stati finanziati soprattutto negli ultimi due anni nei settori specifici della proteomica, biologia molecolare, nanotecnologia e nanoscienza, gnomica e biotecnologia per la salute. Si ritiene dunque importante approfondire le opportunità di collaborazione industriale e scientifica già emerse e quelle possibili per il futuro in questo settore strategico. Conservazione e Restauro di zone urbane Nel 2004 Tel Aviv è stata dichiarata dall UNESCO città patrimonio dell umanità per il suo tesoro di architettura Bauhaus. La città bianca di Tel Aviv annovera, infatti, più edifici in stile Bauhaus di qualsiasi altro paese al mondo (una sintesi di stili architettonici popolari nell Europa dei primi anni del XX secolo, fortemente influenzata dalla scuola di arte e design tedesco). Questi edifici, costruiti tra il 1931 e il 1956, sono al momento sottoposti ad interventi di restauro e conservazione. Anche e soprattutto dall intensa attività scientifica e seminariale promossa dall Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv negli ultimi tre anni in questo settore, è emersa una fortissima domanda di maggiore conoscenza non solo del know-how italiano ma anche e soprattutto delle nuove tecnologie e dei nuovi materiali sviluppati nel nostro Paese nonché delle relative metodologie operative. Si ritiene che possano in particolare essere approfonditi i seguenti settori: - Conservazione urbana: rinnovo dei centri nelle città storiche e l integrazione degli elementi architettonici nel processo di rinnovazione urbana per i cittadini, i visitatori ed i turisti; - Conservazione ed Architettura: costruzione di nuovi edifici in un ambiente urbano storico e trasformazione di edifici storici ad uso contemporaneo - Tecnologie di Conservazione e Restauro: tecnologie tradizionali ed innovative e nuovi materiali nel campo del recupero e della conservazione architettonica ed ingegneristica Vanno menzionati in questo contesto, due importanti eventi promossi dall ICE: 1) Organizzazione di una delegazione di nove architetti israeliani del Municipio di Tel Aviv al Corso di Formazione sul Restauro, nell ambito del Salone del Restauro e della Conservazione di beni culturali e ambientali tenutosi a Ferrara dal 22 al 28 marzo 200;. 2) Realizzazione di un seminario Italo - israeliano per il recupero, conservazione e sviluppo urbano tenutosi lo scorso maggio a Tel Aviv. Il seminario, promosso nell ambito di un attività promozionale ICE nei paesi del mediterraneo (Israele, Giordania e Libano), è stato dedicato ai temi di restauro architettonico con lo scopo di promuovere i prodotti e le tecnologie sviluppate dalle aziende italiane del settore.

5 Aerospaziale Questo settore offre interessanti possibilità di cooperazione tra Italia ed Israele. Ciò è emerso chiaramente nell ultima conferenza sullo spazio tenutasi a Herzeliya lo scorso gennaio. La quarta edizione della conferenza denominata The Ilan Ramon Annual International Space Conference, infatti, grazie ad una iniziativa dell Ambasciata d Italia in Israele, ha visto la partecipazione di una numerosa delegazione italiana guidata dall On. Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione Europea per i Trasporti, la presenza del Commissario dell ASI, Enrico Saggese e di altri importanti professionisti del settore. Durante un evento Convegnistico bilaterale promosso dall Ambasciata sono stati valutati possibili percorsi di cooperazione tra Italia e Israele quali, ad esempio, la base di lancio italiana in Kenya, a Malindi, che potrebbe diventare un punto di accesso allo spazio anche per i satelliti israeliani, oppure una più ampia collaborazione di lavoro, al di là di progetti "ad hoc", per far si che le industrie spaziali dei due paesi, tenuto conto delle loro dimensioni e dei loro budget, possano raggiungere risultati significativi. Proprio a seguito di quell iniziativa una delegazione israeliana, guidata dal Presidente dell Israel Export Institute e dal Presidente dell Agenzia Spaziale israeliana, ha partecipato alla SAT Expo Europe 2009, (Roma, 19/21 marzo 2009) ed ha siglato, a Parigi, in occasione dell Air Show Le Bourget, un accordo di collaborazione per ricerca e missioni spaziali fra l Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e quella israeliana (ISA). L accordo, nello specifico, prevede una collaborazione per la realizzazione congiunta di satelliti di comunicazione e osservazione e includerà fra l altro, satelliti di osservazione Hyper Spectral per l impiego nel settore ambiente e agricoltura, mentre le aree di collaborazione tra Italia e Israele includeranno ricerca spaziale con un scambio di ricercatori e accademici, osservazioni della terra con implementazione di radar di simulazione, telecomunicazione nello spazio e utilizzo di apparecchiature e infrastrutture terrestri per supporto alle missioni nello spazio. Tecnologie ambientali Diversi sono i fattori che contribuiscono allo sviluppo di sempre più innovative tecnologie per l energia e l ambiente in Israele. Tra di essi: gli attuali trend di crescita esponenziale del mercato globale dell acqua, la vitalità del mondo imprenditoriale israeliano, l esistenza di qualificati Istituti di Ricerca e di due incubatori dedicati espressamente a questi settori, ed, infine, la possibilità di poter contare, in questo Paese, su uno dei più sviluppati mercati di venture capital del mondo. I punti di forza del sistema israeliano sono le tecnologie per la desalinizzazione, il risparmio idrico applicato e le ricerche avanzate sull energia solare. Accanto a queste situazioni d eccellenza convivono, comunque, alcuni elementi di debolezza relativi soprattutto alla carenza di know-how relativo al monitoraggio delle acque (con particolare riferimento al trattamento di agenti inquinanti) e al trattamento e stoccaggio dei rifiuti. In questo quadro, appare del tutto evidente la chiara complementarietà tra Italia e Israele nel settore energetico - ambientale. Più in generale, comunque, se Israele può considerarsi all avanguardia nel settore della ricerca e delle tecnologie ambientali, il nostro Paese, con un sistema economico basato su competenza e know-how, è in grado di cogliere le esigenze del mercato e tradurle in business. Turismo L'Italia rappresenta una meta privilegiata per il turismo israeliano, la cui consistenza nel nostro Paese è stimata in arrivi e presenze alberghiere annue. La propensione del pubblico israeliano verso il nostro Paese è un dato ormai consolidato ed è dovuta essenzialmente all ammirazione per la cultura, l arte, la lingua e la gastronomia. Un ruolo importante, però, giocano anche fattori quali la vicinanza geografica, l eredità culturale e I legami con l ebraismo italiano, nonché la percezione dell Italia come uno dei Paesi più amici sulla scena internazionale. Quello che dal confronto con gli operatori locali del settore emerge con sempre maggior chiarezza è però la necessità di garantire una presentazione dell offerta turistica Italia più articolata e completa, comprendente anche le Regioni e le destinazioni meno conosciute. Singole Regioni ed enti locali italiani hanno attuato in passato specifiche iniziative promozionali in Israele, con il risultato di interventi in sé utili ma discontinui e parziali. I tour operator ci hanno segnalato che il pubblico israeliano (composto da repeaters, ovvero di utenti che amano ritornare più volte in Italia) ha bisogno di un offerta turistica quanto più diversificata.

6 Sistemi di sicurezza per impianti e strutture Si tratta di un settore in forte espansione che include sia fornitori di servizi (installatori e consulenti di sicurezza, imprese di sorveglianza) che veri e proprie aziende produttrici (produttori di sistemi di comunicazione, sistemi di allarme, metal detectors, CCTV, sistemi di video sorveglianza, access control, sistemi perimetrali, sensori elettronici, sistemi di protezione di software ed hardware ed attrezzature anti-terrorismo). Approfondite indagini di mercato hanno rilevato una significativa potenziale complementarietà in questo contesto tra il mercato italiano e quello israeliano, ancora una volta secondo la formula tecnologia in cambio di strutture e sistemi di produzione. L'ufficio ICE di Tel Aviv al Servizio delle imprese: L ICE di Tel Aviv ha cominciato la sua attività in Israele nel 1992 e il Direttore si avvale della collaborazione e dell esperienza di tre trade analyst, una contabile e una segretaria israeliani, che hanno una conoscenza ormai consolidata della realtà locale. L Ufficio ICE si trova ancora oggi al 17mo piano della Tower Building, in pieno centro città, non distante dalla piazza del municipio, nello stesso edificio dell Ambasciata tedesca e spagnola. Le due attività principali sono quelle di assistenza alle imprese, attraverso l erogazione dei servizi e quella di realizzazione del Programma Promozionale. I principali servizi offerti sono: INFORMAZIONI E ASSISTENZA LEGALE ELENCHI A MAGGIOR DETTAGLIO MERCEOLOGICO RICERCA PARTNER LOCALI ASSISTENZA PERSONALIZZATA INFORMAZIONI RISERVATE ORGANIZZAZIONE EVENTI PROMOZIONALI TENTATIVO RISOLUZIONE CONTROVERSIE Fonte ICE Tel Aviv

PRESENTAZIONE PAESE ISRAELE ICE TEL AVIV AL SERVIZIO DELLE IMPRESE

PRESENTAZIONE PAESE ISRAELE ICE TEL AVIV AL SERVIZIO DELLE IMPRESE PRESENTAZIONE PAESE ISRAELE ICE TEL AVIV AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Country Presentation INDICE 1. Caratteristiche dell economia Israeliana 2. Dati macroeconomici Israele 3. Interscambio commerciale Mondo-Israele

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responibilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato recentemente il suo parere sull andamento economica nel 2011/2012

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania Percepire responsabilità per l Europa Il consiglio di esperti economici, che ha pubblicato nell autunno 2011 il suo parere sull andamento economico nel

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO Italian Trade Commission - ICE Trade Promotion Section of the Italian Embassy Beirut Office LIBANO CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO 2009-2010 GIUGNO 2010 ANDAMENTO CONGIUNTURALE Per il 2009 i dati indicano

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania marzo

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale Proposta di legge C. 1899 in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante attribuzione

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri XVI Assemblea Plenaria dell Italy-Japan Business Group Intervento del Prof. Beniamino Quintieri Le relazioni economiche e commerciali tra Italia e Giappone si collocano oggi in un quadro congiunturale

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione 05 Prezzi 983-1100 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione Neuchâtel, 2011 Che cos è l indice dei prezzi alla produzione e all importazione? L indice dei prezzi alla produzione (IPP) misura

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

BRASILE. A cura di: Ambasciata d'italia - BRASILE. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

BRASILE. A cura di: Ambasciata d'italia - BRASILE. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma -

Professor Claudio Cacciamani Dottoressa Sonia Peron - Università di Parma - Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups II Quadrimestre 2014 Milano, novembre 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Secondo Quadrimestre

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups I Quadrimestre 2014 Roma, luglio 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Primo Quadrimestre 2014

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA

ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA ANALISI OPPORTUNITA ROMANIA SETTORE GOMMA E PLASTICA Documento redatto e concepito da: Michele Sabatino - 1 - ANALISI OPPORTUNITA PAESE ROMANIA - SETTORE GOMMA E PLASTICA Premessa Il presente elaborato

Dettagli

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile Opportunità di investimento per le PMI italiane Il settore della nautica offre oggi grandi opportunità di investimento in Brasile per le imprese italiane grazie al momento estremamente favorevole che l

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**)

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**) PAESE: COSTA RICA I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento A. Quadro degli indici economici, demografici, e sociali INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100 Popolazione (2008) 4,5 milioni

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 PREMESSA IL QUADRO DI RIFERIMENTO La recessione mondiale che ha colpito l economia a partire dal 2008 non ha risparmiato il settore congressuale. Sebbene negli

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Commissione Studi Economici Uncsaal UX-BILANCI Relazione Annuale - marzo 2006 Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2005 Scenari 2006 Coordinatore Carmine

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano. Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011

Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano. Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011 Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011 Il 13 giugno 2011 si è tenuto a Roma il secondo vertice intergovernativo tra il Governo della Repubblica italiana

Dettagli

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale

602,5 abitanti/kmq. Cinese tradizionale (mandarino), Taiwanese e Hakka. Buddismo e Taoismo. Nuovo Dollaro di Taiwan (TWD) Repubblica Presidenziale TAIW AN Dati di base Superficie 36.180 kmq Popolazione 21.800.000 Densità di popolazione Lingua ufficiale Religione Unità monetaria Forma istituzionale Sede di governo 602,5 abitanti/kmq Cinese tradizionale

Dettagli

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Istituto nazionale per il Commercio Estero CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione Convegno di Studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Marco

Dettagli

1. Il quadro congiunturale internazionale

1. Il quadro congiunturale internazionale 1. Il quadro congiunturale internazionale di Cesare Benzi 1. Premessa Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno contraddistinto da un quadro di grande incertezza, nel corso del quale, come

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Introduzione: uno strumento nuovo e completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento nuovo e completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento nuovo e completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 8 L evoluzione del mercato

Dettagli

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013

terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 ! terziario friuli venezia giulia ottobre 2013 osservatorio trimestrale sull andamento delle imprese del terziario del friuli venezia giulia rapporto di ricerca terzo trimestre 2013 trieste, 17 ottobre

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

OBIETTIVI EVENTO. CSITF amplia le prospettive del mercato mondiale per le tecnologie avanzate, attraverso:

OBIETTIVI EVENTO. CSITF amplia le prospettive del mercato mondiale per le tecnologie avanzate, attraverso: ABOUT US: SITEC (Shanghai International Technology Exchange Center): è l ente organizzatore dell evento. Il SITEC è una istituzione pubblica cinese. La sua mission è promuovere lo scambio internazionale

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli