Introduzione. di Ersilia Menesini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. di Ersilia Menesini"

Transcript

1 INTRODUZIONE 7 Introduzione di Ersilia Menesini Negli ultimi anni il termine bullismo è comparso frequentemente nelle cronache dei giornali e della televisione. Alcuni fenomeni di criminalità e di violenza inaudita sono stati etichettati come bullismo. Se ne è parlato recentemente a proposito dell omicidio compiuto in provincia di Brescia e in relazione a episodi di violenza messi in atto dalle cosiddette «baby gang». Anche a scuola gli insegnanti intravedono spesso dei segnali di comportamento violento, in molte occasioni quotidiane in cui si manifestano dei conflitti o si evidenziano comportamenti di prepotenza. Molti ragazzi possono essere presi in giro dai compagni, minacciati e ricattati. Spesso non si tratta di crimini veri e propri ma di occasioni in cui la sicurezza e la fiducia di sé della vittima vengono messe a dura prova, procurandole forti sofferenze fisiche e psicologiche. Tra queste due tipologie di «bullismo» c è chiaramente un carattere di continuità, anche se nel primo caso la gravità delle conseguenze porta a configurare un ipotesi di reato, mentre nel secondo, si delinea un comportamento il cui effetto è prevalentemente psicologico. Fino a che punto certi comportamenti di attacco hanno un valore socialmente più tollerabile mentre altri acquistano un significato di tipo antisociale e di violazione delle norme di convivenza civile? E cosa è possibile fare per ridurre le modalità più diffuse di natura psicologica e relazionale affinché queste non si traducano nelle forme più efferate che creano così tanto sgomento nell opinione pubblica? Il libro intende fornire una risposta a questi interrogativi, presentando

2 8 BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA in modo semplice e con un taglio operativo le principali conoscenze ed esperienze che in questi anni sono state acquisite sul bullismo e sui modi di contrastarlo. L obiettivo principale è infatti quello di presentare alcune linee guida destinate a insegnanti, psicologi o altri operatori che intendono lavorare sul campo in relazione a queste tematiche. Nei capitoli, tutti centrati sulla descrizione analitica di percorsi di lavoro con i ragazzi, si propongono diversi approcci, alcuni di tipo più strettamente curricolare, altri con taglio psicologico e trasversale alle varie discipline, altri ancora volti a potenziare le risorse dei ragazzi mediante un processo di progressiva responsabilizzazione nei ruoli di aiuto o di supporto verso i pari. Con il primo capitolo si cerca di inquadrare il problema del bullismo alla luce delle conoscenze sull argomento. Nel secondo Gini e Rossi presentano tre tipi di strumenti per valutare l entità del fenomeno prima dell intervento e offrono una serie di considerazioni sull utilizzo di tali misure sia per un approccio iniziale al problema, sia come valutazione in itinere. Il terzo capitolo affronta in termini ecologici e sistemici l interessante problema del coinvolgimento della scuola e della comunità nell attivazione di una politica antibullismo. Quali passi è utile intraprendere per coinvolgere ragazzi, docenti, personale non docente e genitori in un progetto di prevenzione delle prepotenze e di promozione della convivenza civile a scuola? Sulla base di un esperienza pluriennale di lavoro come coordinatrice IRRE, Lazzarin delinea alcune indicazioni operative per tutti coloro che intendono muoversi in questa direzione. Il quarto capitolo entra nel merito della gestione del progetto a livello di classe, proponendo un ampio ventaglio di percorsi curricolari che abbracciano la letteratura, le scienze, l attualità, la cinematografia e il diritto, con articolazioni di intervento per la scuola elementare e media e per la scuola superiore. Il merito del contributo di Ongaro è quello di aver presentato una riflessione sul curricolo con un approccio a tutto tondo dal piano umanistico a quello scientifico. Il quinto capitolo si articola in tre parti e propone alcune tecniche di lavoro psicologico con la classe, rivolte al potenziamento delle abilità di comunicazione emotiva e sociale e di soluzione dei problemi da parte dei ragazzi. Si tratta di percorsi di lavoro trasversali alle discipline che possono favorire la capacità dei ragazzi di comunicare in modo più adeguato, di riflettere attraverso un approccio globale sui fenomeni di prepotenza, di capire il punto di vista di altri protagonisti e di adoperarsi in modo cooperativo per risolvere i problemi all interno della classe. Attraverso schede e stimoli di lavoro Pignatti, Menesini e Melan propongono percorsi sistematici di approfondimento delle diverse dimensioni affrontate. Negli ultimi capitoli si delinea un percorso di lavoro particolarmente innovativo basato sull attivazione nella classe di forme di «supporto tra pari». Questi

3 INTRODUZIONE 9 modelli, solo da pochi anni sperimentati nella scuola italiana, si basano sulla possibilità di utilizzare i pari come «agenti di cambiamento», facendo leva su quelle che sono le naturali attitudini prosociali dei ragazzi, sulla loro capacità di provare empatia e di mettersi nei panni di un compagno in difficoltà. In relazione agli interventi antibullismo si presentano due modelli basati sull aiuto dei compagni, l operatore amico e la mediazione tra pari, e si descrivono in dettaglio le varie fasi di gestione del progetto, le proposte per la selezione dei ragazzi operatori, le modalità di conduzione del training e di gestione degli interventi in classe. Il capitolo finale contiene una riflessione sulla valutazione di esperienze condotte a partire dagli approcci operativi presentati nei capitoli precedenti. Nel complesso, il lavoro qui esposto ha avuto un percorso di riflessione e di sperimentazione lungo e articolato, a partire dalla prima metà degli anni Novanta, di cui il libro Bullismo che fare? (Menesini, 2000) testimonia alcune fasi iniziali. Il gruppo di lavoro che ha contribuito al presente volume ha integrato, perfezionato e sistematizzato le esperienze precedenti all interno di un progetto pluriennale coordinato dall Irre Veneto in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e con le scuole del Veneto. Grazie a questa opportunità, alcune tracce già delineate sono state arricchite e approfondite. Per questo intendiamo ringraziare sentitamente tutti coloro che a vario titolo hanno contributo all esperienza di cui questo libro vuol essere la sintesi.

4 Espressione dello spazio interiore SCHEDA 26 Obiettivo Esplorare, esprimere e comunicare i propri sentimenti e saper leggere quelli degli altri. Materiale Il racconto «Un viaggio dentro noi stessi» e il questionario «Ascoltami se vuoi» proposti di seguito. Procedura Il conduttore propone ai ragazzi di partire per un viaggio all interno di se stessi, alla scoperta dei sentimenti propri e altrui, visualizzando una sola emozione o sentimento alla volta. I ragazzi si siedono per terra, in cerchio, con le gambe incrociate e le mani sulle ginocchia. L adulto li invita a chiudere gli occhi e ad ascoltare in silenzio il racconto «Un viaggio dentro noi stessi», immaginando quanto egli descrive loro. Nel suo racconto userà dati sensoriali diversi a seconda del sentimento che vuole introdurre. Ogni ragazzo avrà a disposizione un foglio. Alla fine disegnerà e colorerà liberamente quello che ha visto e provato (linee, forme, colori, personaggi, situazioni, ecc.). I disegni prodotti, raccolti dall insegnante, costituiranno la memoria di un viaggio compiuto insieme nel mondo delle emozioni e dei sentimenti e potranno essere, successivamente, usati come occasione per un momento autobiografico di narrazione in circle-time. UN VIAGGIO DENTRO NOI STESSI Stiamo scendendo lungo una scala che ci porta dentro di noi. I gradini sono (lucenti, scivolosi, freddi, ecc.) Le pareti sono (chiare, scure, umide, ecc.) Ascoltiamo (una dolce musica, un grido, un canto, ) Sentiamo (una brezza tiepida, un vento profumato, un soffio gelato, ecc.) Scendiamo sempre di più. Siamo arrivati ai piedi della scala. Ecco una grande porta Giriamo la chiave attenti, la porta si apre ed entriamo in un giardino! Vediamo È il giardino dei sentimenti. Com è? Oggi incontriamo (la paura, la tristezza, la felicità, la sorpresa, la rabbia, il disgusto e altre emozioni più complesse, quali l amicizia, l invidia, l amore, la gelosia, la simpatia, la generosità, l aggressività, la dolcezza, la noia, ecc.) Stiamo per qualche attimo in silenzio e «fotografiamo» con la mente questo sentimento/emozione. Ora risaliamo lentamente la scala, il viaggio dentro di noi è terminato. Apriamo gli occhi e disegniamo ciò che abbiamo fotografato dentro di noi. (continua)

5 (continua) Dopo il disegno si suggerisce un momento di narrazione in cerchio. Ogni alunno, tenendo in mano il suo disegno, racconterà come e quando ha fatto esperienza di quel sentimento, descrivendo le situazioni vissute e gli stati d animo provati. I compagni ascolteranno in silenzio, per permettere a tutti di rendersi conto dello spazio interiore descritto da ciascuno. Alla fine si potrà proporre il questionario «Ascoltami se vuoi». 26 ASCOLTAMI SE VUOI Leggi le seguenti domande, rifletti e rispondi 1. Ti è piaciuto il gioco dei sentimenti? Perché? È stato bello fare il gioco insieme ai tuoi compagni? Perché? Dalle parole usate dall insegnante per descrivere la scala e il giardino, avevi capito quale sentimento avresti incontrato? È stato più facile per te disegnare il sentimento o raccontarlo agli altri? (continua)

6 (continua) 5. Che cosa provavi mentre raccontavi ai tuoi compagni le tue esperienze riguardo a quel sentimento? Hai scoperto qualcosa di nuovo su te stesso? Hai imparato qualcosa di nuovo sugli altri? Ti è piaciuto di più ascoltare i compagni o essere ascoltato? Perché? Ti è mai capitato che qualcuno ti abbia espresso con le parole i sentimenti che ha provato in una certa situazione? Prova a raccontarmi una storia E tu hai mai provato a raccontare a qualcuno cosa provi in certi momenti? Se sì, racconta; se no, prova a farlo con una persona cara....

7 Attività di role-playing: partire dalla propria esperienza SCHEDA Pensa a un occasione in cui sei stato umiliato da qualcuno che ti ha offeso con brutti nomi, escludendoti dal gruppo o facendoti fare delle cose che non volevi fare. Scrivi una breve storia che descriva che cosa è accaduto e che cosa hai provato. 2. In un gruppo di 4-5 studenti condividi con gli altri le tue esperienze di prepotenza. Discuti delle cose che avresti potuto fare per evitare o fermare la situazione. Prepara un avviso o un opuscoletto per altri ragazzi che hanno subito la tua stessa sorte. 3. Scrivi una storia sul capo di una banda di ragazzi prepotenti. Puoi scrivere la storia sia dal punto di vista del protagonista che fornisce la propria opinione sulla scuola e sulla famiglia, sia dal punto di vista di un conoscente (osservatore, insegnante, genitore, amico o vittima). 4. Immagina di aver subito prepotenze da qualcuno a scuola. Scrivi alcune annotazioni sul tuo diario. Puoi includere pensieri o altri aspetti della vita a scuola, così come la descrizione degli episodi di prepotenza.

8 L impatto delle prepotenze sugli osservatori SCHEDA 37 In gruppi di 4-5 ragazzi, ciascun gruppo riceve una carta di situazione. I componenti del gruppo devono drammatizzare la scena descritta nella carta situazione. Sul treno, durante il viaggio per andare a scuola, un gruppo di ragazzi fa mucchio attorno a un compagno. Non vogliono farlo passare e cominciano a spintonarlo e a offenderlo. Nel cortile tre ragazzi aspettano al cancello; quando arrivano i ragazzi più piccoli, ne afferrano uno e gli chiedono dei soldi. A casa, tuo fratello più grande vorrebbe che tu facessi il suo compito perché lui vuole uscire con i suoi amici. Tu sei più bravo di lui in matematica. Se rispondi di no lui minaccia di dire ai tuoi genitori che hai avuto dei problemi a scuola la settimana scorsa e sai che se lo scoprissero si arrabbierebbero con te. Durante la ricreazione un gruppo di ragazze sorride e manifesta comportamenti maliziosi verso una compagna un po grassottella. Marta sta dicendo a tutti di non parlare più con Camilla, perché ormai ha una compagnia di ragazzi più grandi fuori dal giro della scuola. Ciascun piccolo gruppo presenta la propria rappresentazione a tutta la classe. I membri del pubblico hanno il ruolo di osservatori e possono intervenire nella scena, assumendo un ruolo quando lo desiderano. Che cosa possono fare come testimoni delle prepotenze? In che modo possono essere d aiuto alla vittima? Argomenti di riflessione In che modo i testimoni possono intervenire durante le prepotenze? C è un modo giusto o sbagliato di intervenire in una situazione di prepotenza? Quali sono i dubbi che può avere un ragazzo nel momento in cui osserva un episodio di violenza tra ragazzi? Gli osservatori che non intervengono hanno la stessa responsabilità di coloro che fanno le prepotenze?

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO )

MANUALE ANTI-BULLISMO. Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2005 2005 MANUALE ANTI-BULLISMO Fonte = BULLISMO: LE AZIONI EFFICACI DELLA SCUOLA ( Manuale della Ricerca-Azione I.R.R.E.- VENETO ) Valter Valter Sarro Sarro 2004 2004 Il Manuale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO IFOS 1

MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO IFOS 1 MODELLI DI PREVENZIONE E CONTRASTO 1 Approccio CURRICOLARE STORIA LETTERATURA GEOGRAFIA FILM/Attività teatrali 2 Approccio MORALE BULLO: lettera + scuse FAMIGLIA: avvertimento 3 Approccio LEGALE TRIBUNALE

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato

Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato Quaderno di lavoro Il bullismo può essere fermato Il bullismo può essere fermato Manuale di riferimento al manifesto sul bullismo Bullismo osservare agire di conseguenza Rivolto a: insegnanti, educatori

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA?

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? LUOGHI COMUNI SUL BULLISMO IL BULLISMO ESISTE SOLO NEI CONTESTI DEGRADATI IL BULLISMO E UNA QUESTIONE TRA MASCHI LA VIOLENZA FISICA VA CONTRASTATA, LE ALTRE PREPOTENZE

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Progetto anno scolastico 2014/2015

Progetto anno scolastico 2014/2015 Progetto anno scolastico 2014/2015 Premessa L incontro con il racconto è molto stimolante per i bambini perché sollecita in essi esperienze altamente educative sul piano cognitivo, affettivo, linguistico

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

CUDDLE QUESTIONNAIRE. (questionario da fare con i figli accoccolati in braccio ai genitori) Cari genitori,

CUDDLE QUESTIONNAIRE. (questionario da fare con i figli accoccolati in braccio ai genitori) Cari genitori, CUDDLE QUESTIONNAIRE (questionario da fare con i figli accoccolati in braccio ai genitori) Cari genitori, il benessere dei bambini (a scuola, a casa ecc.) è lo scopo di questo progetto. Solo se siamo insieme

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SOS IL TELEFONO AZZURRO ONLUS

SOS IL TELEFONO AZZURRO ONLUS In occasione della Settimana Contro la Violenza Iniziativa promossa dal Ministero per le Pari Opportunità e dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 12/18 ottobre 2009 SOS IL TELEFONO

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta

Sicurezza a Scuola. Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta Gruppo Didattica della Sicurezza Rete di Verona - Sicurezza a Scuola Con Romeo Marameo e Giulietta Furbetta 1. Introduzione. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella fascia d età della

Dettagli

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia

Libera Università degli Studi San Pio V di Roma. Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Facoltà di Scienze politiche Facoltà di Lingue e Letterature straniere Facoltà di Economia Anno Accademico 2007/2008 Corso di perfezionamento e di aggiornamento

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE.

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE. FIDUCIA IN AZIONE Se tratti un uomo quale egli è, rimarrà così com è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe essere, egli diverrà ciò che potrebbe essere. J. W. Goethe PUOI AVERE TUTTI I DATI

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Proposta: Canzoni ed emozioni

Proposta: Canzoni ed emozioni Shilia Pifferi Scuola media di Cadenazzo-Vira 6593 Cadenazzo Tel: 091.858.26.51 Proposta: Canzoni ed emozioni 1. Introduzione 2. Progetto 3. Obiettivi 4. Piano di lezione 5. Siti 6. Proposte canzoni 7.

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Cosa desideri dalla vita?

Cosa desideri dalla vita? Cosa desideri dalla vita? L'Amore? L'Amore? Se quello che desideri è l'amore, quello con la A maiuscola Se desideri realmente amarti,amare ed essere riamata Se desideri trovare la persona giusta Se desideri

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

La prevenzione e l intervento anti-bullismo

La prevenzione e l intervento anti-bullismo anti-bullismo Gianluca Gini Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Padova La probabilità di successo di un approccio sistemico e di comunità dipende dal coinvolgimento attivo di tutte le componenti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'...

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MALFATTI CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA. Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... ISTITUTO COMPRENSIVO "A. MALFATTI" CONTIGLIANO SCUOLA DELL'INFANZIA MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA Anno Scolastico 2013/14 PROGETTO NATALE E'... Premessa Il Natale, è una delle ricorrenze più ricche di significato

Dettagli

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006 Aula Magie Mi sento così Progetto sulla consapevolezza emotiva Anno scolastico 2005/2006 Scuola provinciale dell infanzia Rione Sud ROVERETO (TRENTO) Quest'anno abbiamo deciso di aderire, come scuola,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO INSEGNANTI: BUSSO M.Teresa VIZIO Loredana (sez. A) BERRONE Rosella RAVIOLA Elvira (sez. B) La

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Il profumo dei limoni

Il profumo dei limoni Scuola secondaria di primo grado Alberto Marvelli Classi II A B C D E F Anno scolastico 2012-2013 Il profumo dei limoni Progetto di media education promosso dall Ufficio Scolastico Provinciale Rimini Il

Dettagli