Corso di Laurea in Economia dello Sport Il bilancio delle società sportive di calcio. Dott. Emanuele Grasso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Laurea in Economia dello Sport Il bilancio delle società sportive di calcio. Dott. Emanuele Grasso"

Transcript

1 Corso di Laurea in Economia dello Sport Il bilancio delle società sportive di calcio Dott. Emanuele Grasso

2 Agenda 1. Il contesto economico di riferimento 2. Il Bilancio di Esercizio 3. Schemi di Bilancio 4. Le raccomandazioni contabili ed il piano dei conti FIGC 5. Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale 6. Le voci caratteristiche del Conto Economico 7. I principi contabili internazionali 8. Le grandezze economico-patrimoniali 9. Le stanze di compensazione e le rilevazioni contabili 10. Case Study 2

3 Contesto economico di riferimento 3

4 4

5 5

6 6

7 7

8 8

9 9

10 10

11 11

12 12

13 13

14 14

15 Principali Key Ratio Italia e Top Club Europei 2011/ m 9,3m -4,4% Valore della produzione medio Serie A Ricavi da stadio medi Serie A CAGR ricavi da stadio Serie A 5,0m +2% 21m Serie A Ricavi medi TV per competizioni Uefa Crescita ricavi diritti TV nel 2011/2012 Serie A Ricavi da plusvalenze medi Serie A 11m 60m 92m Ricavi medi da sponsor Serie A Costo medio del personale in Serie A Costo della produzione medio Serie A 21m 20m 55%* Amm.ti diritti pluriennali medi Serie A Ricavi da sponsor ufficiale top club europei Costo del personale / valore della produzione * I club che rispettano questo indicatore ottengono un risultato netto positivo (Bayern Monaco, Borussia Dortmund, Barcellona, Real Madrid, Tottenham, Arsenal, Napoli,..) 15

16 Il Bilancio di Esercizio 16

17 Il Bilancio di esercizio Il Bilancio di Esercizio rappresenta il principale strumento a disposizione dell imprenditore per una valutazione sul reale impatto delle sue decisioni nell ambito degli obiettivi aziendali Bilancio di esercizio Rappresentazione della situazione contabile Strumento informativo per gli stakeholders 17

18 Il Bilancio di esercizio La regolamentazione La regolamentazione del bilancio quale documento ufficiale di comunicazione di informazioni inerenti l andamento dell impresa calcistica si basa su un doppio binario: o dal punto di vista civilistico, le disposizioni contenute nel Codice Civile (artt e ss) e le regolamentazioni collegate (tra cui la prassi contabile ) o dal punto di vista regolamentare sportivo, le disposizioni predisposte dagli organi competenti sia a livello nazionale (CONI e FIGC) e a livello internazionale (CIO, FIFA e UEFA) Il bilancio di esercizio delle società viene predisposto secondo quanto previsto dagli articoli del Codice Civile e quanto riportato dalle disposizioni emanate dalla FIGC Queste ultime sono integrate da quelle emanate dalla Co.Vi.Soc. (Commissione di Vigilanza sulle Società di calcio) Le società sportive quotate (AS Roma, SS Lazio e Juventus FC) predispongono i bilanci secondo i principi internazionali IAS e IFRS 18

19 Il Bilancio di esercizio I criteri di valutazione ed i principi contabili Codice Civile (artt. 2423, 2424 e 2425) Disposizioni FIGC Principi contabili internazionali (società quotate) Documenti emanati dall Organismo Italiano di Contabilità Bilancio di Esercizio Disposizioni Co.Vi.Soc Principi Contabili elaborati dal Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 19

20 Schemi di Bilancio 20

21 Schemi di Bilancio (1 di 3) Stato Patrimoniale e Conto Economico Stato Patrimoniale Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Immobilizzazioni Immateriali di cui: Concessioni, licenze e marchi Capitalizzazione costi vivaio Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie di cui: Compartecipazioni ex art 102 NOIF Rimanenze Crediti di cui: Crediti verso ente settore specifico Disponibilità liquide Ratei e Risconti attivi Totale Attivo Patrimonio netto Fondi rischi e oneri TFR Totale debiti di cui: Deb iti verso enti per settore specifico Deb iti per compartecipazioni ex art 102 NOIF Ratei e Risconti passivi Totale Passivo Conto Economico Ricavi da gare Variazione rimanenze e prodotti Capitalizzazioni costi vivaio Contributi in conto esercizio Altri ricavi e proventi di cui: Sponsorizzazioni Proventi commerciali Proventi da diritti televisivi Plusvalenze cessione giocatori Ricavi da cessione temporanea giocatori Proventi da compartecipazione ex art 102 b is NOIF Valore produzione Costi materie prime Costi per servizi Costi godimento beni di terzi Costo del lavoro Ammortamento imm. immateriali Ammortamento imm. materiali Svalutazione crediti Rimanenze Acc. to per possibili oneri futuri Oneri diversi di gestione Costi della produzione Differenza Valore e Costi della Produzione Proventi e oneri finanziari Proventi e oneri straordinari EBIT Imposte Risultato netto 21

22 Schemi di Bilancio (2 di 3) La struttura patrimoniale della Serie A (fonte: ReportCalcio 2013) 22

23 Schemi di Bilancio (3 di 3) Il Conto Economico della Serie A (fonte: ReportCalcio 2013) 23

24 Le raccomandazioni contabili ed il piano dei conti FIGC 24

25 Le raccomandazioni contabili ed il piano dei conti FIGC La particolarità del settore calcistico, che nel proprio bilancio vede la presenza di voci tipiche e del tutto peculiari, ha richiesto uno sforzo considerevole nella predisposizione di un piano dei conti, in applicazione della deroga concessa alla rigidità degli schemi di bilancio ex art ter CC, che garantisse la comparabilità dei dati ed il rispetto delle norme di base Grazie alle Raccomandazioni Contabili, la cui applicazione è obbligatoria, gli organi federali hanno previsto una serie di adempimenti per guidare il redattore del bilancio; tali Raccomandazioni rappresentano quindi il collegamento tra la disciplina civilistica e la normativa federale La FIGC recependo la IV e la VII Direttiva CEE ha introdotto il Piano dei Conti Federale a partire dal Nel rispetto della normativa civilistica, tale piano, che è stato più volte aggiornato, riporta i valori patrimoniali, finanziari ed economici relativi alle operazioni caratteristiche; la versione attuale è entrata in vigore nel 2006 Gli schemi proposti dalla FIGC sono uno strumento indispensabile per la verifica della situazione economica-finanziaria e della gestione delle società professionistiche 25

26 Le raccomandazioni contabili (1 di 2) La FIGC ha predisposto 10 Raccomandazioni Contabili che hanno lo scopo di raccordare la normativa civilistica con la prassi contabile, garantendo inoltre la confrontabilità dei dati ai fini dei controlli federali. Le Raccomandazioni servono ad interpretare le norme che fissano i principi generali ed integrano gli schemi quando questi non garantiscono la realizzazione della rappresentazione corretta e veritiera prevista dagli artt ter del Codice Civile. Indicano così le procedure da seguire per la corretta contabilizzazione delle voci tipiche del bilancio e nella predisposizione della Nota Integrativa, che rappresenta la componente qualitativa dei dati di bilancio. 26

27 Le raccomandazioni contabili (2 di 2) Le 10 Raccomandazioni Contabili sono relative a: 1. diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori 2. capitalizzazioni costi vivaio 3. compartecipazione ex art. 102-bis NOIF 4. cessioni temporanee di contratto 5. crediti verso società di calcio 6. debiti verso società di calcio 7. versamenti soci 8. ricavi e proventi delle società calcistiche 9. premi individuali e collettivi ex art. 93 NOIF 10. riserva ex art. 10 comma 3 della legge 91/81 27

28 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale 28

29 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori (1 di 5) B.I.8 - Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori Si tratta di una delle principali voci del bilancio di una squadra di calcio Sono immobilizzazioni immateriali a vita utile definita, pertanto soggetta ad un ammortamento per quote costanti, di durata pari ai contratti di prestazione sportiva sottoscritti con i calciatori I diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori sono iscritti al costo storico di acquisizione, ovvero in base al costo risultante dal contratto di trasferimento, comprensivo degli eventuali oneri accessori ed eventualmente attualizzato per tener conto di pagamenti dilazionati in più esercizi L esercizio di decorrenza è quello in cui avviene il tesseramento del giocatore e sono iscritti a bilancio alla data di stipulazione del contratto 29

30 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori (2 di 5) La contabilizzazione dei compensi per i servizi resi da soggetti terzi abilitati (agenti FIFA), nell ambito delle operazioni di acquisizione dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori, sono capitalizzati in quanto costituiscono oneri accessori all acquisizione definitiva del diritto pluriennale; sono invece contabilizzati di volta in volta a conto economico se condizionati alla permanenza del calciatore quale tesserato della Società o riferiti a servizi resi per l acquisizione temporanea o per la cessione del diritto Sono compresi nella voce anche i costi pluriennali sostenuti per il tesseramento quale professionisti di calciatori provenienti da società dilettantistiche (anche estere), che hanno quindi contribuito alla formazione tecnica dei calciatori. Tali costi (rispettivamente Indennità di formazione e Contributi di solidarietà ) sono ammortizzati in quote costanti in relazione ai contratti stipulati con i singoli giocatori 30

31 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori (3 di 5) Serie A 2011/12 - Top Club per Diritti Pluriennali Serie B 2011/12 - Top Club per Diritti Pluriennali ,6 136, , , ,2 milioni milioni , Inter Milan Genoa Torino Vicenza Padova Fonte: Dati Societari 31

32 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori (4 di 5) Il Costo di Acquisto La Raccomandazione Contabile n.1 ( diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori ) fornisce le indicazioni in relazione al costo di acquisto che deve essere considerato a fronte dell acquisizione di un nuovo giocatore (vedi tabella pagina seguente) Il momento temporale di iscrizione in bilancio degli effetti economici e finanziari del contratto è quello della data di sottoscrizione Il costo storico si compone del corrispettivo dovuto e dei suoi oneri accessori (in caso di cessione del contratto ) o dei premi e indennità di formazione (nel caso di stipulazione diretta ) Le valutazioni successive al costo storico, al netto degli ammortamenti e delle perdite di valore, deve essere confrontato con il Fair Value: se il costo storico è maggiore del valore di mercato, la società deve procedere con la svalutazione del valore residuo iscritto in bilancio 32

33 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori (5 di 5) M odalità acquisto diritto Tipologia calciatore Svincolato da società nazionale Stipulazione diretta Proveniente da società dilettantistica nazionale Rilevazione contabile Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per capitalizzazione degli oneri accessori di diretta imputazione Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per capitalizzazione del premio di addestramento e formazione tecnica ex art. 99 NOIF Svincolato da società estera Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori o proveniente da società per capitalizzazione dell'indennità di dilettantistica estera formazione Cessione del contratto Note Gli oneri fanno riferimento principalmente ai compensi riconosciuti dalle società a favore di agenti di calciatori Il premio è dovuto alla società presso la quale il calciatore ha svolto la sua ultima attività dilettantistica Se il calciatore ha un'età superiore a 23 anni, si iscriveranno solo gli oneri accessori di diretta imputazione. Se il calciatore ha un'età inferiore a 23 anni, oltre agli eventuali oneri occessori, il corrispettivo per formazione spetta all'ultima società titolare del diritto Proveniente da società nazionale Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per acquisizione del diritto alle prestazioni sportive Il regolamento dei crediti e debiti avviene mediante il conto "Lega/ trasferimenti" che funge da "stanza di compensazione" Proveniente da società estera (professionista - età superiore a 23 anni) Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per acquisizione del diritto alle prestazioni sportive Occorre rilevare il prezzo di cessione ed il contributo di solidarietà dovuto a tutte le società in cui il calciatore è stato tesserato e che abbiano contribuito alla sua formazione Proveniente da società estera (professionista - età inferiore a 23 anni) Diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori per acquisizione del diritto alle prestazioni sportive Occorre rilevare il prezzo di cessione, il contributo di solidarietà e l'indennità di formazione da riconoscere all'ultima società titolare del diritto 33

34 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Capitalizzazione dei costi del vivaio (1 di 2) B.I.7 - Capitalizzazione dei costi del vivaio I vivai giovanili rappresentano un attività di grande importanza strategica per le società calcistiche. Grazie all utilizzo di giovani risorse provenienti dalla squadra giovanile o tramite la cessione ad una società terza, la società ottiene un rilevante contributo nell ambito della propria attività sportiva ed economica Alla luce degli investimenti che i club devono sostenere per lo sviluppo giovanile, la FIGC consente di capitalizzare, nella loro globalità, tutti i costi di struttura e di gestione (non quelli generali e amministrativi) - sostenuti per la promozione e l organizzazione del settore giovanile, purchè abbiano un utilità pluriennale Tali costi vengono ammortizzati in misura costante in 5 esercizi Anche il Financial Fair Play premia gli investimenti nel settore giovanile, escludendoli dal calcolo del risultato netto 34

35 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Capitalizzazione dei costi del vivaio (2 di 2) Serie A 2011/12 - Top Club per Costi del Vivaio Capitalizzati Serie B 2011/12 - Top Club per Costi del Viviaio Capitalizzati ,7 16, ,4 8,0 8 6 milioni milioni 12 3,1 3,0 Reggina Brescia Milan Genoa Inter Empoli Fonte: Dati Societari 35

36 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Compartecipazioni art. 102-bis NOIF (1 di 3) Le compartecipazioni (ex art 102-bis NOIF) La compartecipazione è un contratto di associazione in partecipazione dove l oggetto del contratto è una ripartizione di un risultato futuro di natura patrimoniale L articolo 102-bis del NOIF consente ad una società che ha acquisito i diritti delle prestazioni di un calciatore di riconoscere a quella cedente un diritto paritario (50%) sugli effetti patrimoniali dello stesso diritto La società compartecipante ha, quindi, solo il diritto a partecipare al 50% delle somme incassate da una eventuale cessione dei diritti pluriennali del calciatore ad una società terza 36

37 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Compartecipazioni art. 102-bis NOIF (2 di 3) La Raccomandazione Contabile FIGC n.3 detta le linee guida per la contabilizzazione delle compartecipazioni: - La società cessionaria, che ha acquisito i diritti del giocatore e li cede alla società cedente, iscrive il 50% dell importo nella voce D.14 Debiti per compartecipazione ex art. 102-bis NOIF - La società cedente, ovvero la società che ha ceduto diritti e giocatore, iscrive un immobilizzazione finanziaria nel conto B.III.1 Compartecipazioni ex art. 102-bis NOIF A livello di conto economico la cessionaria si iscrive, quale componente negativa, gli ammortamenti e i costi di gestione del contratto 37

38 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Compartecipazioni art. 102-bis NOIF (3 di 3) Serie A 2011/12 - Top Club per Compartecipazioni NOIF Serie B 2011/12 - Top Club per Compartecipazioni NOIF ,8 6, ,1 22,5 4,0 16,0 milioni 4 milioni Genoa Parma Inter Brescia Empoli Ascoli Fonte: Dati Societari 38

39 Le voci caratteristiche dello Stato Patrimoniale Accantonamenti a scopo mutualistico Accantonamenti a scopo mutualistico Le società calcistiche, secondo una disposizione dell art. 4 della legge 586/1996, devono accantonare una quota pari al 10% dell eventuale utile d esercizio, in favore delle scuole giovanili di addestramento e formazione tecnico sportiva La riserva è presente nella voce B.3 Fondi per rischi e oneri - altri 39

40 Le voci caratteristiche del Conto Economico 40

41 Le voci caratteristiche del Conto Economico Ricavi da cessione dei diritti radiotelevisivi (1 di 3) Ricavi da cessione dei diritti tv I diritti televisivi rappresentano la principale fonte di ricavo per le società di calcio e sono iscritti nel conto economico alla voce A.5 Altri Ricavi e Proventi I diritti vengono negoziati dalle Leghe su base collettiva e sono così ripartiti: a) 40% dei proventi è distribuito equamente a tutti i club partecipanti alla competizione, b) 30% in base ai risultati sportivi, di cui (i) 10% per i risultati conseguiti dal 1946 ad oggi, (ii) 15% per gli ultimi 5 anni e (iii) 5% per l ultima stagione c) 30% in funzione della popolarità del club stabilita per il 5% sulla base della popolazione residente nel comune di riferimento del club e per il 25% sulla base del bacino di utenza L AGCM, con "Segnalazione" del 17 Aprile 2013, ha suggerito di rivedere i criteri basati su risultati sportivi e sul bacino d'utenza e l individuazione di un'autorità terza (non la Lega) che provveda alla ripartizione delle risorse economiche derivanti dalla vendita dei diritti tv, per garantirne una maggior equità e imparzialità In Inghilterra, nella Premier League, la suddivisione dei corrispettivi prevede: una quota del 50% in parti uguali 25% proporzionato al numero di apparizioni televisive 25% derivante dalla posizione nella classifica finale 41

42 Le voci caratteristiche del Conto Economico Ricavi da cessione dei diritti radiotelevisivi (2 di 3) SERIE A (fonte: ReportCalcio 2013) 42

43 Le voci caratteristiche del Conto Economico Ricavi da cessione dei diritti radiotelevisivi (3 di 3) Serie A 2011/12 - Top Club per Ricavi da Diritti Radiotelevisivi ,9 Serie B 2011/12 - Top Club per Ricavi da Diritti Radiotelevisivi ,4 20, ,6 18,2 80 milioni milioni , Milan Inter Juventus Bari Sampdoria Brescia Fonte: Dati Societari 43

44 Le voci caratteristiche del Conto Economico Plus/minusvalenze da cessione dei giocatori (1 di 4) Plus/minusvalenze da cessione dei giocatori Nel momento in cui la società calcistica conclude la cessione di un giocatore deve effettuare il confronto tra il corrispettivo incassato e il costo del diritto (al netto degli ammortamenti) sostenuto in passato Una differenza positiva rappresenta una plusvalenza, una differenza negativa rappresenta una minusvalenza Se il calciatore è stato acquistato senza corrispettivo, il provento pari al corrispettivo incassato dalla cessione viene iscritto tra le sopravvenienze attive Il ritiro anticipato dall attività agonistica di un giocatore (per esempio, a causa di un grave infortunio) genera una sopravvenienza passiva derivante dalla svalutazione dei diritti 44

45 Le voci caratteristiche del Conto Economico Plus/minusvalenze da cessione dei giocatori (2 di 4) SERIE A (fonte: ReportCalcio 2013) 45

46 Le voci caratteristiche del Conto Economico Plus/minusvalenze da cessione dei giocatori (3 di 4) SERIE A (fonte: ReportCalcio 2013) 46

47 Le voci caratteristiche del Conto Economico Plus/minusvalenze da cessione dei giocatori (4 di 4) Serie A 2011/12 - Top Club per Plusvalenze Serie B 2011/12 - Top Club per Plusvalenze , , ,9 57,5 15 milioni milioni , , Genoa Udinese Parma Sampdoria Brescia Bari Fonte: Dati Societari 47

48 Le voci caratteristiche del Conto Economico Ammortamento dei diritti pluriennali (1 di 2) Ammortamento dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori Gli ammortamenti rappresentano la quota di competenza dell esercizio del costo sostenuto per l acquisto del diritto alla prestazione dei calciatori La Raccomandazione Contabile FIGC n.1 è quello di adottare il criterio del pro-rata temporis, ovvero quello di suddividere il costo in base alla durata del contratto Essendo presente uno specifico contratto, l ammortamento del costo dei diritti avviene per ogni singolo giocatore a differenza di quanto avviene per le giovanili dove è previsto l anonimato per i singoli giocatori 48

49 Le voci caratteristiche del Conto Economico Ammortamento dei diritti pluriennali (2 di 2) Serie A 2011/12 - Top Club per Ammortamenti Diritti Pluriennali Serie B 2011/12 - Top Club per Ammortamenti Diritti Pluriennali ,1 52, ,4 milioni milioni 48 46,9 8 6, , Inter Juventus Milan Sampdoria Torino Bari Fonte: Dati Societari 49

50 Le voci caratteristiche del Conto Economico Cessioni temporanee Cessioni temporanee L articolo 103 del NOIF consente ad un club di cedere, limitatamente ad una stagione sportiva, il diritto alle prestazioni di un calciatore a favore di una società terza La contabilizzazione della cessione temporanea avviene nel seguente modo: - La società cessionaria registra un costo nella voce B.8 Spese per il godimento di beni di terzi - La società cedente registra un ricavo nella voce A.5.a Altri ricavi e proventi Ricavi da cessione temporanea di calciatori Le cessioni temporanee possono includere un opzione per la trasformazione dell accordo in cessione definitiva o un premio di valorizzazione condizionato 50

51 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre fonti di ricavo caratteristiche (1 di 4) Il marchio (royalties) di un club di calcio genera guadagni indipendentemente dall evento sportivo: sono sempre più frequenti, sulla scorta di quanto avviene all estero, lo sviluppo di politiche commerciali legate al merchandising e al licencing Top Club per Brand Value milioni Manchester City Milan AC Manchester Utd Bayern Munich Real Madrid Barcelona Chelsea Arsenal Liverpool Schalke 04 Fonte: Dati Pubblici 51

52 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre fonti di ricavo caratteristiche (2 di 4) Le sponsorizzazioni, suddivise a seconda della durata e dell identificazione dell ammontare (ie fisso o variabile condizionato ai risultati sportivi), vengono di norma riclassificate nei bilanci di esercizio sulla base delle seguenti categorie (i) sponsor ufficiale, (ii) sponsor tecnico e (iii) altre sponsorizzazioni SERIE A (fonte: ReportCalcio 2013) 52

53 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre fonti di ricavo caratteristiche (3 di 4) I ricavi delle vendite e prestazioni (voce A.1) comprendono (i) gli abbonamenti e i ricavi derivanti dalla vendita dei biglietti delle partite SERIE A (fonte: ReportCalcio 2013) 53

54 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre fonti di ricavo caratteristiche (4 di 4) I contributi in conto esercizio si riferiscono ai contributi federali erogati nel corso della stagione sportiva dalle leghe nazionali professionistiche e rappresentano una voce rilevante per le società di secondo piano che militano in Serie B (c.13% vs c.1% Serie A) SERIE B (fonte: ReportCalcio 2013) 54

55 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre voci di costo caratteristiche (1 di 2) Il costo del personale rappresenta la principale voce di costo delle società calcistiche (c.50%); tali costi sono classificati all interno della voce B.9 Costi per il personale e, di norma, distinti tra personale tesserato (c.95%) ed altri dipendenti (c.5%) SERIE A, B e LEGA PRO (fonte: ReportCalcio 2013) 55

56 Le voci caratteristiche del Conto Economico Altre voci di costo caratteristiche (2 di 2) Le concessioni di uso stadio, classificati all interno della voce B.8 Costi per il godimento di beni di terzi, rappresentano i costi sostenuti dalla società sportiva per la fruizione dello stadio (solitamente di proprietà del Comune di riferimento) Serie A 2011/12 - Top Club per Costo per Concessioni di uso stadio 5,0 4,4 4,3 milioni 4,0 2,9 3,0 2,6 Stadio San Siro Stadio San Paolo 2,0 Stadio Olimpico 1,0 0,9 0,0 Inter Milan Lazio Roma Napoli Fonte: Dati Societari 56

57 I principi contabili internazionali 57

58 I principi contabili internazionali Le società quotate presso la Borsa di Milano (Juventus, Lazio e Roma) predispongono i bilanci di esercizio secondo gli standard internazionali L adozione dei principi internazionali ha indotto i club sopra citati alla rinuncia dei benefici derivanti dall applicazione dei principi contabili nazionali e delle norme federali, perdendo così tutte quelle opzioni di tipo agevolativo di cui il settore calcistico gode Le principali differenze tra i principi nazionali e gli IFRS nel bilancio di una società di calcio sono la valutazione degli intangibles, dei diritti alle prestazioni dei calciatori, le compartecipazioni ex art 102-bis NOIF, gli oneri pluriennali e i costi del vivaio La valutazione degli intangibles, che gli IAS 36 e 38 identificano come quei beni che non hanno una consistenza patrimoniale e che non sono utili a costituire garanzia per i terzi, vengono contabilizzati per la prima volta a costo di acquisto, comprensivo degli oneri accessori. Per le valutazioni successive ci si basa sul modello del costo storico al netto degli ammortamenti e delle perdite di valore (IAS 16) o sulla rideterminazione in base al Fair Value 58

59 I principi contabili internazionali Per quanto riguarda le compartecipazioni ex art 102-bis NOIF, i principi internazionali IFRS includono le compartecipazioni tra i diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori. Queste vengono regolarmente ammortizzate e, ove necessario, sottoposte ad impairment test. La società cedente, ovvero quella che ha ceduto il giocatore e ne ha riacquistato la metà dei diritti, rileverà la plusvalenza non sull intero valore trasferito, come avviene secondo i principi contabili, ma solo per il valore del guadagno maturato per la quota del diritto realmente trasferita. Gli oneri pluriennali ex DL 282/2002 non sono più presenti nei bilanci predisposti secondo i principi internazionali. Tale voce comprendeva la svalutazione del patrimonio calciatori con la possibilità di ripartirla a quote costanti su un periodo di 10 anni I costi del vivaio, rappresentati dalle spese di promozione e organizzazione del settore giovanile, secondo quanto previsto dallo IAS 38 (che associa tali costi a quelli di ricerca & sviluppo) scompaiono dall attivo di Stato Patrimoniale dei bilanci predisposti secondo gli IFRS per essere iscritti tra i costi di Conto Economico 60

60 Le grandezze economicopatrimoniali 61

61 Le grandezze economico patrimoniali (1 di 3) La FIGC ha introdotto una serie di indicatori/ parametri di riferimento utili ad esprimere un giudizio sulla situazione economica-finanziaria delle società. L art. 85 delle NOIF prevede la redazione dei seguenti prospetti: - Prospetto R/I (rapporto ricavi/ indebitamento): è obbligatorio solo per le società della Lega Pro a partire dalla Stagione Sportiva 2007/2008. Tra i ricavi rientrano i (i) ricavi lordi da gara, (ii) sponsorizzazioni e proventi pubblicitari, (iii) plusvalenze derivanti dalla negoziazione dei diritti alle prestazioni dei calciatori, (iv) ricavi derivanti dalla cessione dei calciatori. Nella voce relativa all indebitamento rientrano (i) debiti e impegni vs terzi, (ii) debiti erariali, (iii) rapporti debitori che derivano da operazioni di calciomercato. Il parametro si ritiene soddisfacente ai fini della valutazione se il rapporto non è inferiore a 3. 62

62 Le grandezze economico patrimoniali (2 di 3) - Prospetto P/A (rapporto patrimonio netto contabile/ attivo patrimoniale): è riservato alle società della Lega Serie B e Lega Pro. Il primo termine è dato dalla somma di tutte le voci che fanno riferimento alla stessa voce contabile. Il secondo termine è la somma di (i) immobilizzazioni, (ii) attivo circolante, (iii) ratei e risconti. Al fine di poter analizzare meglio tale rapporto occorre riclassificare lo SP secondo il criterio della liquidità dell attivo e dell esigibilità del passivo. - Prospetto VP/ DF (rapporto valore della produzione/ debiti finanziari): è riservato alle società della Lega Serie A e Lega Serie B. Il primo termine è rappresentato dalla somma delle voci (i) ricavi delle vendite e delle prestazioni, (ii) variazioni delle rim. di prodotti, (iii) variazioni dei lavori in corso su ordinazione, (iv) incrementi delle immobilizzazioni per lavori interni, (v) altri ricavi e proventi. I debiti finanziari, invece, corrispondono alla somma di (i) obbligazioni ordinarie e convertibili, (ii) soci c/fin. infruttiferi, (iii) debiti vs banche, vs altri finanziatori, (iv) debiti finanziari vs imprese controllate, collegate o controllanti. Il rapporto ritenuto coerente dagli organi federali, stabilito annualmente dalla FIGC, è fissato pari a 4. 63

63 Le grandezze economico patrimoniali (3 di 3) In aggiunta a quanto esposto nelle pagine precedenti, con l introduzione delle norme di Financial Fair Play, è opportuno tenere in considerazione anche i seguenti indicatori: Assenza di debiti scaduti Patrimonio netto positivo Costo del personale / Valore della produzione < 70% Indebitamento netto / Valore della produzione < 100% 64

64 Le stanze di compensazione e le rilevazioni contabili 65

65 Le stanze di compensazione e le rilevazioni contabili I crediti e debiti tra le società calcistiche, in larga parte, sono riconducibili ad operazioni di calciomercato acquisizione e cessione dei diritti pluriennali delle prestazioni dei calciatori, compartecipazioni ex art. 102bis NOIF, trasferimenti temporanei non presuppongono una relazione diretta tra le parti, né trasferimenti di denaro Le Leghe di appartenenza gestiscono per conto dei club tali rapporti, fungendo da stanze di compensazione attraverso l accensione di conti/ trasferimento ad hoc Alle singole società vengono accreditati solo i saldi positivi, mentre non vengono dichiarati esecutivi gli accordi di trasferimento non garantiti da attività sul conto minore rischio di inesigibilità 4 Le Raccomandazioni Contabili della FIGC prevedono la contabilizzazione al valore di realizzo dei crediti nell attivo dello SP alla voce C.II.5 (Altri crediti verso società calcistiche). I debiti, invece, sono inseriti al passivo, nella voce D.15 (Debiti verso società calcistiche) con separata indicazione degli importi esigibili oltre l esercizio successivo La Lega gestisce per conto delle società associate la stanza di compensazione, che regola ogni operazione, avente contenuto o effetti di natura economica, derivante da rapporti giuridici rilevanti per l ordinamento sportivo e provvede ad accreditare alle società associate i saldi attivi risultanti dalla stessa, in conformità dello specifico mandato rilasciato dalle società associate all atto dell iscrizione ai Campionati, a dimostrazione, da parte della società avente diritto, dell'avvenuta integrale corresponsione ai calciatori e tecnici tesserati dei compensi contrattualmente maturati prima della data di accreditamento STATUTOLEGA ITALIANA CALCIOPROFESSIONISTICO art. 21 Vigente il sistema della stanza di compensazione, sono compresi nell'indebitamento, se passivi, o sono portati a riduzione dell indebitamento, se attivi, i saldi finanziari delle operazioni di trasferimento, tra società italiane, dei diritti alle prestazioni dei calciatori, inclusi gli impegni pluriennali. Ai fini della riduzione dell indebitamento non verranno computati i crediti derivanti dalle operazioni di trasferimento dei diritti alle prestazioni dei calciatori effettuate con società estere, salvo che i crediti risultino iscritti nei bilanci sottoposti a revisione o che la certezza ed esigibilità dei crediti sia certificata da una società di revisione NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. art

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI

LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO GIOCATORI Università Commerciale Luigi Bocconi Facoltà di Economia Corso di Laurea in Amministrazione, Finanza e Controllo LA GESTIONE DELLE DETERMINANTI DEI COSTI DI UNA SOCIETA DI CALCIO: LA VALUTAZIONE DEL PARCO

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO CHIUSO AL 30 GIUGNO 2014

APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO CHIUSO AL 30 GIUGNO 2014 Deliberazioni del Consiglio di Amministrazione di A.S. Roma S.p.A. APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO CHIUSO AL 30 GIUGNO 2014 Roma, 3 ottobre 2014 Il Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera

PRINCIPI CONTABILI. Operazioni e partite in moneta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli