COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA"

Transcript

1 COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA BANCA DI SIGNA CREDITO COOPERATIVO SIGNA 30 OTTOBRE Materiale a cura di Cristiano Iacopozzi 1

2 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 1. RISCHIO di CAMBIO 10% 2. LIQUIDITA almeno 15% 3. PESO ATTIVITA RISCHIOSE (AZIONARIO + RISCHIO EMITTENTE) = PESO LIQUIDITA 4. PESO ATTIVITA RISCHIOSE = 100% - 2 ETA INVESTITORE

3 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 5. COMPONENTE OBBLIGAZIONARIA ALMENO PER IL 50% SUL RISCHIO TASSO 6. COMPONENTE AZIONARIA ALMENO PER IL 50% SULLE BLUE CHIP E SENZA RISCHIO CAMBIO 7. REGOLA DEL 10 (ovvero almeno 10 titoli non correlati) SU ATTIVITA NON CORRELATE, CON IL FINE DI ELIMINARE IL RISCHIO SPECIFICO 8. PESO COMMODITIES 10%, LIMITANDO L OPERATIVITA A INVESTITORI CON ELEVATE DISPONIBILITA (da non meno di Euro in su)

4 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Una delle più note teorie sull andamento di lungo periodo dei cicli inflazionistici o onde è quella del matematico ed economista russo Nikolaj Kondratieff. Secondo tale impostazione, si assiste nel lungo periodo alla regolare alternanza di 4 stagioni o onde inflazionistiche, segnatamente: 1. REFLAZIONE o PRIMAVERA 2. ALTA INFLAZIONE o ESTATE 3. DISINFLAZIONE o AUTUNNO 4. DEFLAZIONE o INVERNO 4

5 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Secondo Kondratieff, nella storia dell economia, partendo a ritroso anche dalle epoche medievali, si possono distinguere tendenze ricorrenti nell andamento dei prezzi al consumo, che si ripetono periodicamente su periodi molto lunghi, solitamente anche superiori ai 10 anni. 5

6 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione: La fase di REFLAZIONE si caratterizza per un situazione in cui i prezzi al consumo cominciano a risalire gradualmente dopo una tendenza più o meno lunga a carattere deflazionistico, ma in generale permangono in linea con gli obiettivi delle autorità monetarie. Storicamente l ultima fase di REFLAZIONE in Occidente è quella che va dall immediato dopoguerra (1949/1950) alla seconda metà degli anni 60 ( ), allorché prese luogo una tendenza più propriamente inflazionistica. 6

7 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione contesto macroeconomico: Le fasi di REFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE ESPANSIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA 2. PROGRESSIVO RIASSORBIMENTO di ELEVATI LIVELLI nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. GRADUALE RIAVVIO di TASSI di CRESCITA POSITIVI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO STAGNANTE della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI ESPANSIVE e di STIMOLO attraverso la 7 SPESA PUBBLICA

8 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve si posizionano su livelli estremamente accomodanti, beneficiando di contenuti livelli nel saggio di inflazione e riflettendo la necessità di stimolare una strutturale e stabile ripresa economica da parte delle banche centrali. Soltanto dopo avere verificato la sussistenza di definitivi e concreti segni di riavvio della crescita economica, le autorità monetarie procedono ad un incremento nel livello dei tassi ufficiali, anche a costo di sacrificare il controllo 8 dell inflazione.

9 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga, invece, riflettono la presenza di livelli insolitamente elevati nella pendenza della curva dei tassi, posizionandosi su valori mediamente di 2,5%/3,0% punti percentuali più alti rispetto a quelli dei tassi a breve. Ciò deriva, da un lato, dalla richiesta di un tasso reale positivo, dall altro dalla presenza di graduali aspettative di futura ripresa dell inflazione indotte da politiche monetarie fortemente pro-cicliche e talora anche sin troppo blande sul tema del controllo 9 dell inflazione.

10 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: in queste fasi, il rischio emittente presenta andamenti favorevoli per gli investitori, in quanto si registra un miglioramento nel tasso di solvibilità degli emittenti non ad alto merito di credito, legato al graduale recupero di soddisfacenti tassi di crescita nel PIL. Si assiste pertanto ad una riduzione negli spread creditizi, che agevola l ottenimento di buoni rendimenti per gli investitori che hanno avuto il coraggio/propensione al rischio di accollarsi un adeguata esposizione al rischio emittente. 10

11 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: le fasi di reflazione, immediatamente dopo quelle di disinflazione, risultano le più favorevoli per l andamento degli indici di borsa, già che si assiste alla combinazione di una situazione favorevole in termini di livello dei tassi (contenuti e quindi non penalizzanti in termini di costo opportunità per chi opta per l investimento azionario) che indirettamente consentono di mantenere su livelli mediamente elevati i P/E di equilibrio e di prospettiva di crescita degli utili aziendali, che progressivamente ricominciano ad aumentare, 11 agevolando l ascesa delle quotazioni azionarie.

12 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: palesano una correlazione diretta con le borse e realizzano soddisfacenti performance, da un lato perché beneficiano del basso costo opportunità (tassi di interesse sotto controllo) legato alla detenzione di asset, come le materie prime, che non palesano un rendimento cedolare, dall altro salgono perché, soprattutto al termine delle fasi reflazionistiche, iniziano a incorporare il timore degli investitori che possano svilupparsi dinamiche inflative anche incontrollate. 12

13 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : nelle fasi iniziali si deve mantenere uno strutturale sottopeso, per poi passare ad un graduale accumulo, a scapito del tasso fisso, specialmente se a medio/lungo termine TASSO FISSO: mentre all inizio delle fasi di reflazione, conviene sovrappesare l esposizione in strumenti a tasso fisso e ad elevata duration, man mano che si consolida la ripresa economica, appare necessario procedere ad un rapido sottopeso dell esposizione 13

14 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: è opportuno procedere ad un sovrappeso dell esposizione su tale asset class, in modo da beneficiare dell atteso processo di restringimento degli spread. AZIONARIO: si deve operare in maniera analoga al tasso variabile, ovvero, dopo avere presentato un esposizione contenuta all inizio delle fasi reflazionistiche, appare opportuno procedere ad un graduale sovrappeso della medesima, man mano che si assiste all affermazione della ripresa congiunturale. 14

15 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione: La fase di ALTA INFLAZIONE tende a caratterizzarsi per la presenza di livelli crescenti, per quanto anche in maniera irregolare, nell indice dei prezzi al consumo, che arriva a sfiorare o superare valori del 10% annuo. Storicamente l ultima fase di ALTA INFLAZIONE è quella iniziata nei vari paesi occidentali tra il 1966 ed il 1969 e terminata tra il 1981 ed il 1982 (più tardi in Italia). 15

16 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione contesto macroeconomico: Le fasi di ALTA INFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE RESTRITTIVE sul fronte delle dei TASSI di INTERESSE da subito e nel corso del tempo anche sulle QUANTITA di MONETA 2. DINAMICA ALTALENANTE nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. ANDAMENTO a STRAPPI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE (FORTI ESPANSIONI e BREVI, ma INCISIVE, RECESSIONI) 4. TENDENZA POSITIVA della DOMANDA PRIVATA per CONSUMI ed AUMENTO della PROPENSIONE al CONSUMO 5. POLITICHE FISCALI di GRADUALE RIGORE 16

17 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve evidenziano una tendenza rialzista nel lungo periodo, con le banche centrali che sono costrette a mantenerli su livelli mediamente elevati, in modo da indurre una crescita nei tassi reali (differenza tra TASSO NOMINALE e INFLAZIONE), sì da scoraggiare la propensione ad espandere gli impieghi da parte del sistema bancario ed indirettamente frenare la circolazione monetaria che causa pericolosi avvitamenti inflazionistici. 17

18 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga, per conto loro, manifestano, alla stregua dei tassi a breve, strutturali tendenze rialziste di lungo periodo, per quanto non manchino, al verificarsi delle temporanee fasi recessive indotte dalle periodiche restrizioni monetarie, brevi ma incisive tendenze correttive di medio periodo, anche nell ordine di 1,5/2,5 punti percentuali. 18

19 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: di per sé il rischio emittente manifesta andamenti alterni, legati alla presenza di cicli economici brevi ed irregolari, con punte di forte accelerazione nella crescita e fasi di breve caduta recessiva. Nel complesso, però gli spread creditizi restano sotto controllo e l investimento in tali comparti, assicura performance migliori rispetto al banale investimento nell obbligazionario esposto al puro rischio di tasso, che risente invece esclusivamente dell impatto negativo derivante dalla presenza di alti valori nell inflazione. 19

20 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: in una prospettiva di lungo termine i mercati azionari mostrano un andamento laterale caratterizzato da un elevata volatilità (questa è conseguenza della frequente alternanza tra cicli economici di espansione e di recessione). Le borse infatti, pur beneficiando di una situazione di profitti crescenti, spesso però solo in termini nominali, sono costrette a mostrare livelli di P/E più bassi, da un lato per la maggiore volatilità dei mercati, dall altro per il livello crescente dei tassi a lungo termine. Di ciclo in ciclo i mercati azionari tendono ad evidenziare massimi e minimi allineati, riuscendo a generare rendimenti positivi solamente grazie al reinvestimento dei 20 flussi intermedi, cioè prendendo in considerazione indici Total Return.

21 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: solitamente risultano la migliore attività finanziaria in queste fasi, già che, essendo beni reali, beneficiano della ricerca di beni rifugio come forma di investimento da parte degli investitori, in particolare i metalli preziosi, che tendono a svolgere storicamente la funzione di sostituto della moneta. 21

22 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : è opportuno mantenere uno strutturale sovrappeso su tale asset class, che beneficia del progressivo aumento, nel medio periodo, dei tassi monetari, cercando di avere l attenzione di non investire in titoli a scadenza troppo lunga, vista la svalutazione nominale del capitale indotta dalla presenza di fenomeni inflazionistici TASSO FISSO: al contrario del tasso variabile, il tasso fisso richiede un drastico sottopeso, poiché risente negativamente sia dalla tendenza rialzista dei tassi di interesse, sia dalla perdita del 22 potere d acquisto prodotta dall inflazione crescente.

23 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: è raccomandabile un esposizione neutrale su tale comparto, preferibilmente prestando attenzione a: 1) eliminare il rischio specifico (quindi prediligere fondi comuni e Sicav); 2) mantenere profili di Duration corta; AZIONARIO: si deve avere un esposizione neutrale, ma con un accorta gestione tattica, ovvero incrementando l esposizione in presenza di correzioni superiori al 20% e riducendola su rialzi superiori al 30%. 23

24 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione: La fase di DISINFLAZIONE si caratterizza per un situazione in cui i prezzi al consumo, pur aumentando, rallentano sensibilmente il loro ritmo di crescita, portandosi su livelli in linea con i target delle autorità monetarie e comunque stabilmente sotto il 5%, ma ben sopra lo 0%/1%. L ultima fase di disinflazione è quella iniziata nei primi anni 80 (1981/82) e terminata nella prima parte degli anni 2000, grosso modo dopo la bolla speculativa della New Economy. 24

25 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione contesto macroeconomico: Le fasi di DISINFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE RESTRITTIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA e NEUTRALI7ESPANSIVE a LIVELLO di TASSI UFFICIALI 2. NETTO MIGLIORAMENTO nei LIVELLI OCCUPAZIONALI 3. MANTENIMENTO di REGOLARI e POSITIVI TASSI di CRESCITA nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO CRESCENTE della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI EQUILIBRATE e MODERATAMENTE 25 ESPANSIVE, con DEFICIT PUBBLICI sotto controllo

26 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve registrano tendenze ribassiste, perché la progressiva discesa del tasso di inflazione consente alle autorità monetarie di ridurre i tassi ufficiali e di produrre un lento schiacciamento nel livello di equilibrio dei tassi reali, grazie all allentamento delle aspettative inflazionistiche 26

27 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga palesano una progressiva riduzione, beneficiando della flessione dei tassi di inflazione e dell abbassamento del livello di equilibrio nei tassi reali. 27

28 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: si tratta della situazione più favorevole per il rischio emittente, perché, da un lato, si registra la riduzione dei tassi di interesse free risk, dall altro il mantenimento di regolari tassi di crescita economico, consente una riduzione del premio per il rischio di credito e conseguentemente la diminuzione degli spread creditizi. 28

29 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: insieme ed ancor più delle fasi di reflazione, le fasi di disinflazione risultano le più premianti per i mercati azionari. Questi beneficiano dell azione congiunta in positivo prodotta dall abbassamento dei P/E di equilibrio, favorita dalla caduta dei tassi di interesse, e dalla crescita degli utili aziendali, resa possibile dal persistere di regolari sentieri di crescita congiunturale. Generalmente, nelle fasi di disinflazione, si assiste anche ad un netto ridimensionamento del premio al rischio azionario, che agevola il conseguimento di eccellenti performance da parte degli indici di borsa: non è infrequente, anzi, assistere, alla conclusione degli scenari disinflativi, alla formazione di vere e proprie bolle speculative sui mercati azionari. 29

30 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: mostrano una correlazione inversa sia con i mercati azionari che con quelli obbligazionari e tendenzialmente risultano la peggiore forma di investimento in questo contesto. La diminuzione delle aspettative inflazionistiche, infatti, determina una minore ricerca di forme di investimento alternative a quelle tipicamente finanziarie e pertanto i prezzi delle commodity, specialmente dei metalli preziosi, ne risultano sensibilmente penalizzati, sia in termini nominali che a maggior ragione reali. 30

31 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : nelle fasi iniziali si deve mantenere uno strutturale sovrappeso, per poi passare ad un rapido disinvestimento, mano a mano che i tassi ufficiali scendono, a vantaggio del tasso fisso, del rischio emittente e dell azionario. TASSO FISSO: è opportuno procedere ad un moderato sovrappeso dell esposizione, anche allungando la Duration dei portafogli, compatibilmente con la propensione al rischio di ciascun singolo investitore, comunque con predilezione per il segmento 3/7 anni per la clientela ordinaria ed oltre i 7 anni esclusivamente per gli investitori con elevata propensione al rischio. 31

32 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: va mantenuto un netto sovrappeso su tale asset class, come al solito eliminando il rischio specifico e privilegiando strumenti di risparmio gestito, che, oltre a consentire l annullamento del rischio default, consentono anche di gestire meglio l effetto tasso composto legato al reinvestimento dei flussi cedolari. AZIONARIO: bisogna mantenere uno strutturale sovrappeso, senza grosse distinzioni né a livello geografico né tanto meno a livello settoriale. 32

33 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione: La fase di DEFLAZIONE si materializza allorché l indice dei prezzi al consumo mostra variazioni su base annua negative o comunque di poco superiori allo zero, specialmente se analizzato nella versione Core Rate. 33

34 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione contesto macroeconomico: Le fasi di DEFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE ULTRAESPANSIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA e su quello dei TASSI 2. RAPIDA CRESCITA nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. FORTI ARRETRAMENTI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO RECESSIVO della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI ESPANSIVE e di STIMOLO attraverso la SPESA PUBBLICA, FORTI AUMENTI nei LIVELLI del DEBITO PUBBLICO, talora causa di veri e propri DEFAULT 34

35 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE: i tassi a breve si posizionano su livelli praticamente nulli, tra lo 0% e l 1% e non si assiste mai all avvio di durature e concrete politiche di rialzo dei tassi. 35

36 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE: i tassi a lunga, si caratterizzano per una progressiva e lenta discesa. Gli investitori, sia istituzionali che retail, palesano infatti una progressiva modifica del proprio habitat preferito di investimento, allungando gradualmente la duration dei propri portafogli e ciò favorisce un processo di lento scivolamento dei tassi a lungo termine. 36

37 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: in queste fasi, il rischio emittente presenta ricorrenti casistiche di default da parte di primari debitori, per quanto a livello di indici generali, le performance risultino soddisfacenti, grazie alla presenza di spread creditizi estremamente elevati. Solitamente le performance del rischio emittente risultano caratterizzate da una correlazione diretta con quella dei mercati azionari. 37

38 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: analogamente a quanto avviene nelle fasi di reflazione, le performance degli indici di azionari evidenziano una correlazione diretta con quella dei tassi di interesse a lungo termine, ovvero le borse scendono in presenza di tassi calanti sul segmento a lungo termine e viceversa. Il fatto che la tendenza dei tassi sia strutturalmente orientata al ribasso sul segmento a lungo termine, determina un arretramento degli indici azionari nel lungo periodo, per quanto non manchino cicli rialzisti di medio termine della durata di 12/18 mesi, come del 38 resto ci insegna l andamento del Nikkei dal 1990 in poi.

39 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: nel lungo periodo, comunque, la performance delle borse risulta decisamente scadente, perché, a fronte dell innalzamento dei P/E di equilibrio, fenomeno di per sé favorevole e legato alla discesa strutturale dei tassi di interesse, si contrappongono in negativo la salita del premio al rischio azionario e la forte caduta degli utili aziendali. 39

40 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: mostrano una correlazione diretta con i mercati azionari e nel lungo periodo tendono a generare rendimenti scadenti. Tuttavia, grazie alla presenza di tassi di interesse molto bassi, la riduzione del costo opportunità connesso alla detenzione di commodities, può favorire la formazione di bolle speculative ed inoltre, in presenza di crisi finanziarie strutturali, si può assistere all apprezzamento dei metalli preziosi, in primo luogo dell oro. 40

41 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : chiaramente merita un sottopeso strutturale, legato alle remunerazioni prossime a zero offerte da tale asset class. Quindi il suo inserimento in portafoglio può essere motivato solo in funzione dell esigenza di mantenere una riserva di liquidità per bisogni di prima necessità e più in generale con finalità di diversificazione di portafoglio. TASSO FISSO: purchè sia sotto controllo il rischio emittente, questa rappresenta l asset class da sovrappesare in via principale, puntando sulla progressiva discesa dei tassi a lungo termine con 41 rating AAA.

42 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: occorre una gestione tattica dell esposizione su tale asset class, con la costruzione di PAC a 3/5 anni da monetizzare in presenza di rivalutazioni superiori al 3% annuo e da riavviare contestualmente. AZIONARIO: bisogna restare sottopesati, privilegiando la ricerca di mercati ampiamente liquidi e diversificati ed andando ad investire in aree economiche (come adesso i mercati emergenti, i cosiddetti BRIC), caratterizzate da livelli di crescita superiore alla media, espansione demografica adeguata e tassi di 42 inflazione positivi.

43 ASSET ALLOCATION PREMESSA: L instaurazione di uno scenario di mercato analogo a quello giapponese degli ultimi 15 anni (in Giappone è da metà anni 90 che i tassi ufficiali non superano più l 1,0% e l economia nipponica si caratterizza per la presenza ricorrente di livelli negativi nella variazione annua dei prezzi al consumo, pone più interrogativi e problematiche in termini di costruzione e gestione di un portafoglio finanziario da parte dell investitore retail. 43

44 ASSET ALLOCATION PROBLEMATICHE SITUAZIONE TASSI ZERO E CONTESTI DEFLAZIONISTICI: 1. IL CONCETTO E LA PERCEZIONE DELL INFLAZIONE 2. LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI 3. L INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO 44

45 ASSET ALLOCATION IL CONCETTO E LA PERCEZIONE DELL INFLAZIONE: Generalmente un obiezione comune da parte dell uomo della strada, il classico risparmiatore, allorché si evidenziano livelli contenuti dell inflazione, è costituita dal fatto che l indice dei prezzi al consumo non cattura correttamente il livello reale dei prezzi. In realtà, come si è avuto modo di sottolineare nel I incontro, l inflazione non misura il livello assoluto dei prezzi (questo è invece quanto viene percepito dai comuni risparmiatori), bensì la sua semplice variazione su base annua. 45

46 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI: Nella selezione degli investimenti da parte della clientela privata, è bene tenere presente che, in presenza di contesti deflazionistici e di tassi tendenti a zero sul segmento a breve termine della curva, possono verificarsi fenomeni inconsueti quali: 1) L ATTRATTIVA per LE CEDOLE ELEVATE 2) La BASSA PERCEZIONE del RISCHIO EMITTENTE 3) La SOPRAVVALUTAZIONE delle PROPRIE ESIGENZE 46 di RENDIMENTO ATTESO

47 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI L attrattiva per le cedole elevate: L investitore retail ha tempi di adattamento ai mutamenti di scenario più lunghi rispetto a quelli di un investitore istituzionale. Pertanto, in presenza di un azzeramento dei tassi ufficiali a breve termine Free Risk, tende a continuare ad attribuire valenza primaria all elevato flusso cedolare piuttosto che ad altre variabili di valutazione degli investimenti, finendo per dimenticare che la presenza di robusti flussi cedolari può essere giustificabile soltanto in virtù di una significativa esposizione al rischio emittente, oppure in relazione alla presenza di particolari strutture di rendimento, che prevedono la 47 corresponsione della cedola più alta soltanto nei primi anni.

48 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La bassa percezione del rischio emittente: Come ci insegna la finanza comportamentale, l investitore famiglia (ma più in generale qualunque investitore), tende a rimuovere dal subconscio le dinamiche negative sui mercati finanziari e più in generale gli effetti negativi prodotti dal verificarsi degli eventi estremi (default aziendali, formazione di bolle speculative, etc ). Ciò spiega il perché si assista nel tempo al periodico ripetersi di situazioni in cui gli investitori retail finiscono per assumersi situazioni di azzardo morale (acquistare obbligazioni di nomi illustri, giudicati troppo importanti per poter essere lasciati al loro destino, si pensi ad esempio alla General Motors), oppure si tuffano a capofitto in prodotti alla moda, che spesso nascondono la presenza di un effettiva esposizione 48 al rischio emittente. ASSET ALLOCATION

49 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La sopravvalutazione delle esigenze di rendimento atteso: Non effettuando un immediato adattamento alle nuove condizioni di mercato in termini di inflazione e di tassi di interesse, gli investitori retail tendono a sovrastimare i propri obiettivi di investimento, finendo per puntare su performance irrealistiche, spesso non raggiungibili se non in termini di assunzione di un elevata esposizione al rischio. 49

50 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento: Gli obiettivi di investimento di un investitore privato possono essere analizzati sotto due distinti versanti: in termini di BISOGNI in termini di RENDIMENTO ATTESO 50

51 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento: i BISOGNI: Se prevale una logica per bisogni di investimento, la costruzione del portafoglio finanziario del singolo investitore dovrà trascendere o comunque considerare in maniera secondaria lo scenario di mercato di riferimento, e concentrarsi invece sul soddisfacimento dei bisogni di investimento. 51

52 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento i BISOGNI: I bisogni di investimento sono solitamente 5: - LIQUIDITA - SICUREZZA - RENDITA - ACCUMULAZIONE ASSET ALLOCATION - SPECULAZIONE 52

53 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento i BISOGNI: Ad ogni bisogno finanziario è possibile abbinare i prodotti finanziari più adeguati per il soddisfacimento dello specifico bisogno, secondo la seguente tabella: BISOGNO LIQUIDITA SICUREZZA RENDITA ACCUMULAZ. ASSET ALLOCATION STRUMENTI Depositi in c/c, fondi di liquidità,, titoli senza rischio di credito a 12/18 mesi Polizze assicurative tradizionali e caso morte Obbligazioni tasso fisso m/l termine senza rischio di credito e fondi obbligazionari specializzati su emittenti governativi OCSE con rimborso r programmato Fondi azionari e fondi obbligazionari specializzati su rischio emittentee SPECULAZ. ETF, ETC, singole azioni, al limite anche derivati 53

54 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO: Un investitore può avere fondamentalmente 4 obiettivi di investimento in termini quantitativi: 1) CONSERVAZIONE NOMINALE del CAPITALE 2) MANTENIMENTO POTERE D ACQUISTO 3) ACCRESCIMENTO MODERATO POTERE D ACQUISTO 4) FORTE AUMENTO POTERE D ACQUISTO 54

55 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: Ciò significa accontentarsi anche di un tasso nominale pari a zero. In qualunque scenario di mercato (Reflazione, Alta Inflazione, Disinflazione, Deflazione) un tale obiettivo è facilmente raggiungibile con una composizione statica di portafoglio concentrata al 100% su strumenti di liquidità, non inserendo in portafoglio obbligazioni con rischio emittente e con scadenza superiore a 3 anni. 55

56 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: Dovendo fissare dei vincoli di investimento, se ne possono individuare 3: SCADENZA OBBLIGAZIONI 3 ANNI ASSENZA di RISCHIO EMITTENTE ESPOSIZIONE pari a 0% su STRUMENTI AZIONARI 56

57 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: In presenza di contesti deflazionistici, possono costituire un utile contributo, per la clientela rientrante in questo profilo di investimento, i fondi/sicav appartenenti alla categoria OFL (Obbligazionari Flessibili), e più in generale tutti i prodotti di risparmio gestito a carattere ABSOLUTE RETURN, aventi cioè un obiettivo di rendimento positivo su base annua a prescindere dall andamento dei mercati, con un esposizione però nulla sui mercati azionari. 57

58 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: A livello di composizione di portafoglio, è bene ricordare l opportunità di inserire in portafoglio una quota pari al 25%/30% di tassi fissi a 2,5/3,5 anni di vita residua (quindi preferibilmente un fondo comune, una SICAV o un E.T.F. obbligazionario, già che in una normale obbligazione, la vita residua si riduce con l avvicinamento alla scadenza e parallelamente si riduce anche la redditività del titolo), se non altro per compensare l effetto negativo sul rendimento del portafoglio prodotto dall incidenza dalla componente fiscale e dei costi di transazione. ASSET ALLOCATION 58

59 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: PORTAFOGLIO TIPO: ASSET CLASS PESO % GESTIONE LIQUIDITA / MONETARIO OBBLIGAZIONARIO GOVT. ALTA DURAT. OBBLIGAZIONARIO RISCHIO EMITTENTE 65% Strategica 35% Strategica 0% / AZIONARIO 0% / 59

60 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Mantenimento potere d acquisto: In questo caso l obiettivo minimo dell investitore è quello di percepire un rendimento almeno in linea con la perdita del potere d acquisto del capitale determinata dal fenomeno inflazionistico. In realtà, oltre all effetto inflazione, bisognerebbe tenere conto anche di: COSTI di TRANSAZIONE FISCALITA MANCATO REINVESTIMENTO FLUSSI INTERMEDI 60 (cedole, dividendi).

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge classe R e RD info Prodotto è un nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIBONUS STRATEGY prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RP) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO CREDITRAS

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Strategie di gestione di una asset class azionaria

Strategie di gestione di una asset class azionaria Strategie di gestione di una asset class azionaria Premessa: Il mercato azionario rappresenta la risorsa di investimento potenzialmente più remunerativa almeno tanto quanto la sua potenziale capacità di

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2007) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity

Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity 24 Risk Parity Investimenti consapevoli e l approccio Risk Parity Se volessimo descrivere l approccio Risk Parity con una sola parola, Diversificazione sarebbe sicuramente la più indicata. In media, in

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Sara Multistrategy PIP

Sara Multistrategy PIP Società del Gruppo Sara Sara Multistrategy PIP Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5072 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati.

Vendere titoli o fondi o cambiare semplicemente fondi significa pagare subito questa nuova tassa sugli interessi maturati. FEBBRAIO 2016 Vediamo di riassumere sinteticamente in questa mail le cause che hanno portato allo storno delle borse e grazie all ausilio delle informazioni ricevute da alcuni dei principali gestori mondiali,

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Regolamento di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento appartenenti al sistema UBI Pramerica Fondi armonizzati UBI Pramerica

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Modelli operativi di Asset & liability management 1 Il controllo dei rischi Uno dei primi obiettivi di un

Dettagli

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di UNIVALORE STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL13US) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F INFLAZIONE

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: FLESSIBILE

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: FLESSIBILE Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA SELECTION FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli