COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA"

Transcript

1 COSTRUZIONE DEL PORTAFOGLIO E ANDAMENTO DELL ECONOMIA ECONOMIA BANCA DI SIGNA CREDITO COOPERATIVO SIGNA 30 OTTOBRE Materiale a cura di Cristiano Iacopozzi 1

2 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 1. RISCHIO di CAMBIO 10% 2. LIQUIDITA almeno 15% 3. PESO ATTIVITA RISCHIOSE (AZIONARIO + RISCHIO EMITTENTE) = PESO LIQUIDITA 4. PESO ATTIVITA RISCHIOSE = 100% - 2 ETA INVESTITORE

3 PRINCIPI DI TEORIA FINANZIARIA REGOLE GENERALI PER INVESTITORI RETAIL: 5. COMPONENTE OBBLIGAZIONARIA ALMENO PER IL 50% SUL RISCHIO TASSO 6. COMPONENTE AZIONARIA ALMENO PER IL 50% SULLE BLUE CHIP E SENZA RISCHIO CAMBIO 7. REGOLA DEL 10 (ovvero almeno 10 titoli non correlati) SU ATTIVITA NON CORRELATE, CON IL FINE DI ELIMINARE IL RISCHIO SPECIFICO 8. PESO COMMODITIES 10%, LIMITANDO L OPERATIVITA A INVESTITORI CON ELEVATE DISPONIBILITA (da non meno di Euro in su)

4 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Una delle più note teorie sull andamento di lungo periodo dei cicli inflazionistici o onde è quella del matematico ed economista russo Nikolaj Kondratieff. Secondo tale impostazione, si assiste nel lungo periodo alla regolare alternanza di 4 stagioni o onde inflazionistiche, segnatamente: 1. REFLAZIONE o PRIMAVERA 2. ALTA INFLAZIONE o ESTATE 3. DISINFLAZIONE o AUTUNNO 4. DEFLAZIONE o INVERNO 4

5 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Secondo Kondratieff, nella storia dell economia, partendo a ritroso anche dalle epoche medievali, si possono distinguere tendenze ricorrenti nell andamento dei prezzi al consumo, che si ripetono periodicamente su periodi molto lunghi, solitamente anche superiori ai 10 anni. 5

6 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione: La fase di REFLAZIONE si caratterizza per un situazione in cui i prezzi al consumo cominciano a risalire gradualmente dopo una tendenza più o meno lunga a carattere deflazionistico, ma in generale permangono in linea con gli obiettivi delle autorità monetarie. Storicamente l ultima fase di REFLAZIONE in Occidente è quella che va dall immediato dopoguerra (1949/1950) alla seconda metà degli anni 60 ( ), allorché prese luogo una tendenza più propriamente inflazionistica. 6

7 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione contesto macroeconomico: Le fasi di REFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE ESPANSIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA 2. PROGRESSIVO RIASSORBIMENTO di ELEVATI LIVELLI nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. GRADUALE RIAVVIO di TASSI di CRESCITA POSITIVI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO STAGNANTE della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI ESPANSIVE e di STIMOLO attraverso la 7 SPESA PUBBLICA

8 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve si posizionano su livelli estremamente accomodanti, beneficiando di contenuti livelli nel saggio di inflazione e riflettendo la necessità di stimolare una strutturale e stabile ripresa economica da parte delle banche centrali. Soltanto dopo avere verificato la sussistenza di definitivi e concreti segni di riavvio della crescita economica, le autorità monetarie procedono ad un incremento nel livello dei tassi ufficiali, anche a costo di sacrificare il controllo 8 dell inflazione.

9 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga, invece, riflettono la presenza di livelli insolitamente elevati nella pendenza della curva dei tassi, posizionandosi su valori mediamente di 2,5%/3,0% punti percentuali più alti rispetto a quelli dei tassi a breve. Ciò deriva, da un lato, dalla richiesta di un tasso reale positivo, dall altro dalla presenza di graduali aspettative di futura ripresa dell inflazione indotte da politiche monetarie fortemente pro-cicliche e talora anche sin troppo blande sul tema del controllo 9 dell inflazione.

10 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: in queste fasi, il rischio emittente presenta andamenti favorevoli per gli investitori, in quanto si registra un miglioramento nel tasso di solvibilità degli emittenti non ad alto merito di credito, legato al graduale recupero di soddisfacenti tassi di crescita nel PIL. Si assiste pertanto ad una riduzione negli spread creditizi, che agevola l ottenimento di buoni rendimenti per gli investitori che hanno avuto il coraggio/propensione al rischio di accollarsi un adeguata esposizione al rischio emittente. 10

11 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: le fasi di reflazione, immediatamente dopo quelle di disinflazione, risultano le più favorevoli per l andamento degli indici di borsa, già che si assiste alla combinazione di una situazione favorevole in termini di livello dei tassi (contenuti e quindi non penalizzanti in termini di costo opportunità per chi opta per l investimento azionario) che indirettamente consentono di mantenere su livelli mediamente elevati i P/E di equilibrio e di prospettiva di crescita degli utili aziendali, che progressivamente ricominciano ad aumentare, 11 agevolando l ascesa delle quotazioni azionarie.

12 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: palesano una correlazione diretta con le borse e realizzano soddisfacenti performance, da un lato perché beneficiano del basso costo opportunità (tassi di interesse sotto controllo) legato alla detenzione di asset, come le materie prime, che non palesano un rendimento cedolare, dall altro salgono perché, soprattutto al termine delle fasi reflazionistiche, iniziano a incorporare il timore degli investitori che possano svilupparsi dinamiche inflative anche incontrollate. 12

13 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : nelle fasi iniziali si deve mantenere uno strutturale sottopeso, per poi passare ad un graduale accumulo, a scapito del tasso fisso, specialmente se a medio/lungo termine TASSO FISSO: mentre all inizio delle fasi di reflazione, conviene sovrappesare l esposizione in strumenti a tasso fisso e ad elevata duration, man mano che si consolida la ripresa economica, appare necessario procedere ad un rapido sottopeso dell esposizione 13

14 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Reflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: è opportuno procedere ad un sovrappeso dell esposizione su tale asset class, in modo da beneficiare dell atteso processo di restringimento degli spread. AZIONARIO: si deve operare in maniera analoga al tasso variabile, ovvero, dopo avere presentato un esposizione contenuta all inizio delle fasi reflazionistiche, appare opportuno procedere ad un graduale sovrappeso della medesima, man mano che si assiste all affermazione della ripresa congiunturale. 14

15 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione: La fase di ALTA INFLAZIONE tende a caratterizzarsi per la presenza di livelli crescenti, per quanto anche in maniera irregolare, nell indice dei prezzi al consumo, che arriva a sfiorare o superare valori del 10% annuo. Storicamente l ultima fase di ALTA INFLAZIONE è quella iniziata nei vari paesi occidentali tra il 1966 ed il 1969 e terminata tra il 1981 ed il 1982 (più tardi in Italia). 15

16 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione contesto macroeconomico: Le fasi di ALTA INFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE RESTRITTIVE sul fronte delle dei TASSI di INTERESSE da subito e nel corso del tempo anche sulle QUANTITA di MONETA 2. DINAMICA ALTALENANTE nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. ANDAMENTO a STRAPPI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE (FORTI ESPANSIONI e BREVI, ma INCISIVE, RECESSIONI) 4. TENDENZA POSITIVA della DOMANDA PRIVATA per CONSUMI ed AUMENTO della PROPENSIONE al CONSUMO 5. POLITICHE FISCALI di GRADUALE RIGORE 16

17 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve evidenziano una tendenza rialzista nel lungo periodo, con le banche centrali che sono costrette a mantenerli su livelli mediamente elevati, in modo da indurre una crescita nei tassi reali (differenza tra TASSO NOMINALE e INFLAZIONE), sì da scoraggiare la propensione ad espandere gli impieghi da parte del sistema bancario ed indirettamente frenare la circolazione monetaria che causa pericolosi avvitamenti inflazionistici. 17

18 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga, per conto loro, manifestano, alla stregua dei tassi a breve, strutturali tendenze rialziste di lungo periodo, per quanto non manchino, al verificarsi delle temporanee fasi recessive indotte dalle periodiche restrizioni monetarie, brevi ma incisive tendenze correttive di medio periodo, anche nell ordine di 1,5/2,5 punti percentuali. 18

19 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: di per sé il rischio emittente manifesta andamenti alterni, legati alla presenza di cicli economici brevi ed irregolari, con punte di forte accelerazione nella crescita e fasi di breve caduta recessiva. Nel complesso, però gli spread creditizi restano sotto controllo e l investimento in tali comparti, assicura performance migliori rispetto al banale investimento nell obbligazionario esposto al puro rischio di tasso, che risente invece esclusivamente dell impatto negativo derivante dalla presenza di alti valori nell inflazione. 19

20 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: in una prospettiva di lungo termine i mercati azionari mostrano un andamento laterale caratterizzato da un elevata volatilità (questa è conseguenza della frequente alternanza tra cicli economici di espansione e di recessione). Le borse infatti, pur beneficiando di una situazione di profitti crescenti, spesso però solo in termini nominali, sono costrette a mostrare livelli di P/E più bassi, da un lato per la maggiore volatilità dei mercati, dall altro per il livello crescente dei tassi a lungo termine. Di ciclo in ciclo i mercati azionari tendono ad evidenziare massimi e minimi allineati, riuscendo a generare rendimenti positivi solamente grazie al reinvestimento dei 20 flussi intermedi, cioè prendendo in considerazione indici Total Return.

21 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: solitamente risultano la migliore attività finanziaria in queste fasi, già che, essendo beni reali, beneficiano della ricerca di beni rifugio come forma di investimento da parte degli investitori, in particolare i metalli preziosi, che tendono a svolgere storicamente la funzione di sostituto della moneta. 21

22 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : è opportuno mantenere uno strutturale sovrappeso su tale asset class, che beneficia del progressivo aumento, nel medio periodo, dei tassi monetari, cercando di avere l attenzione di non investire in titoli a scadenza troppo lunga, vista la svalutazione nominale del capitale indotta dalla presenza di fenomeni inflazionistici TASSO FISSO: al contrario del tasso variabile, il tasso fisso richiede un drastico sottopeso, poiché risente negativamente sia dalla tendenza rialzista dei tassi di interesse, sia dalla perdita del 22 potere d acquisto prodotta dall inflazione crescente.

23 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Alta Inflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: è raccomandabile un esposizione neutrale su tale comparto, preferibilmente prestando attenzione a: 1) eliminare il rischio specifico (quindi prediligere fondi comuni e Sicav); 2) mantenere profili di Duration corta; AZIONARIO: si deve avere un esposizione neutrale, ma con un accorta gestione tattica, ovvero incrementando l esposizione in presenza di correzioni superiori al 20% e riducendola su rialzi superiori al 30%. 23

24 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione: La fase di DISINFLAZIONE si caratterizza per un situazione in cui i prezzi al consumo, pur aumentando, rallentano sensibilmente il loro ritmo di crescita, portandosi su livelli in linea con i target delle autorità monetarie e comunque stabilmente sotto il 5%, ma ben sopra lo 0%/1%. L ultima fase di disinflazione è quella iniziata nei primi anni 80 (1981/82) e terminata nella prima parte degli anni 2000, grosso modo dopo la bolla speculativa della New Economy. 24

25 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione contesto macroeconomico: Le fasi di DISINFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE RESTRITTIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA e NEUTRALI7ESPANSIVE a LIVELLO di TASSI UFFICIALI 2. NETTO MIGLIORAMENTO nei LIVELLI OCCUPAZIONALI 3. MANTENIMENTO di REGOLARI e POSITIVI TASSI di CRESCITA nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO CRESCENTE della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI EQUILIBRATE e MODERATAMENTE 25 ESPANSIVE, con DEFICIT PUBBLICI sotto controllo

26 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a breve: i tassi a breve registrano tendenze ribassiste, perché la progressiva discesa del tasso di inflazione consente alle autorità monetarie di ridurre i tassi ufficiali e di produrre un lento schiacciamento nel livello di equilibrio dei tassi reali, grazie all allentamento delle aspettative inflazionistiche 26

27 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE a lungo: i tassi a lunga palesano una progressiva riduzione, beneficiando della flessione dei tassi di inflazione e dell abbassamento del livello di equilibrio nei tassi reali. 27

28 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: si tratta della situazione più favorevole per il rischio emittente, perché, da un lato, si registra la riduzione dei tassi di interesse free risk, dall altro il mantenimento di regolari tassi di crescita economico, consente una riduzione del premio per il rischio di credito e conseguentemente la diminuzione degli spread creditizi. 28

29 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: insieme ed ancor più delle fasi di reflazione, le fasi di disinflazione risultano le più premianti per i mercati azionari. Questi beneficiano dell azione congiunta in positivo prodotta dall abbassamento dei P/E di equilibrio, favorita dalla caduta dei tassi di interesse, e dalla crescita degli utili aziendali, resa possibile dal persistere di regolari sentieri di crescita congiunturale. Generalmente, nelle fasi di disinflazione, si assiste anche ad un netto ridimensionamento del premio al rischio azionario, che agevola il conseguimento di eccellenti performance da parte degli indici di borsa: non è infrequente, anzi, assistere, alla conclusione degli scenari disinflativi, alla formazione di vere e proprie bolle speculative sui mercati azionari. 29

30 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: mostrano una correlazione inversa sia con i mercati azionari che con quelli obbligazionari e tendenzialmente risultano la peggiore forma di investimento in questo contesto. La diminuzione delle aspettative inflazionistiche, infatti, determina una minore ricerca di forme di investimento alternative a quelle tipicamente finanziarie e pertanto i prezzi delle commodity, specialmente dei metalli preziosi, ne risultano sensibilmente penalizzati, sia in termini nominali che a maggior ragione reali. 30

31 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : nelle fasi iniziali si deve mantenere uno strutturale sovrappeso, per poi passare ad un rapido disinvestimento, mano a mano che i tassi ufficiali scendono, a vantaggio del tasso fisso, del rischio emittente e dell azionario. TASSO FISSO: è opportuno procedere ad un moderato sovrappeso dell esposizione, anche allungando la Duration dei portafogli, compatibilmente con la propensione al rischio di ciascun singolo investitore, comunque con predilezione per il segmento 3/7 anni per la clientela ordinaria ed oltre i 7 anni esclusivamente per gli investitori con elevata propensione al rischio. 31

32 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Disinflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: va mantenuto un netto sovrappeso su tale asset class, come al solito eliminando il rischio specifico e privilegiando strumenti di risparmio gestito, che, oltre a consentire l annullamento del rischio default, consentono anche di gestire meglio l effetto tasso composto legato al reinvestimento dei flussi cedolari. AZIONARIO: bisogna mantenere uno strutturale sovrappeso, senza grosse distinzioni né a livello geografico né tanto meno a livello settoriale. 32

33 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione: La fase di DEFLAZIONE si materializza allorché l indice dei prezzi al consumo mostra variazioni su base annua negative o comunque di poco superiori allo zero, specialmente se analizzato nella versione Core Rate. 33

34 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione contesto macroeconomico: Le fasi di DEFLAZIONE hanno come elementi comuni: 1. POLITICHE MONETARIE ULTRAESPANSIVE sul fronte delle QUANTITA di MONETA e su quello dei TASSI 2. RAPIDA CRESCITA nel TASSO di DISOCCUPAZIONE 3. FORTI ARRETRAMENTI nella PRODUZIONE INDUSTRIALE 4. ANDAMENTO RECESSIVO della DOMANDA per CONSUMI nel SETTORE PRIVATO 5. POLITICHE FISCALI ESPANSIVE e di STIMOLO attraverso la SPESA PUBBLICA, FORTI AUMENTI nei LIVELLI del DEBITO PUBBLICO, talora causa di veri e propri DEFAULT 34

35 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE: i tassi a breve si posizionano su livelli praticamente nulli, tra lo 0% e l 1% e non si assiste mai all avvio di durature e concrete politiche di rialzo dei tassi. 35

36 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: TASSI di INTERESSE: i tassi a lunga, si caratterizzano per una progressiva e lenta discesa. Gli investitori, sia istituzionali che retail, palesano infatti una progressiva modifica del proprio habitat preferito di investimento, allungando gradualmente la duration dei propri portafogli e ciò favorisce un processo di lento scivolamento dei tassi a lungo termine. 36

37 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: RISCHIO EMITTENTE: in queste fasi, il rischio emittente presenta ricorrenti casistiche di default da parte di primari debitori, per quanto a livello di indici generali, le performance risultino soddisfacenti, grazie alla presenza di spread creditizi estremamente elevati. Solitamente le performance del rischio emittente risultano caratterizzate da una correlazione diretta con quella dei mercati azionari. 37

38 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: analogamente a quanto avviene nelle fasi di reflazione, le performance degli indici di azionari evidenziano una correlazione diretta con quella dei tassi di interesse a lungo termine, ovvero le borse scendono in presenza di tassi calanti sul segmento a lungo termine e viceversa. Il fatto che la tendenza dei tassi sia strutturalmente orientata al ribasso sul segmento a lungo termine, determina un arretramento degli indici azionari nel lungo periodo, per quanto non manchino cicli rialzisti di medio termine della durata di 12/18 mesi, come del 38 resto ci insegna l andamento del Nikkei dal 1990 in poi.

39 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MERCATI AZIONARI: nel lungo periodo, comunque, la performance delle borse risulta decisamente scadente, perché, a fronte dell innalzamento dei P/E di equilibrio, fenomeno di per sé favorevole e legato alla discesa strutturale dei tassi di interesse, si contrappongono in negativo la salita del premio al rischio azionario e la forte caduta degli utili aziendali. 39

40 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione mercati finanziari: MATERIE PRIME: mostrano una correlazione diretta con i mercati azionari e nel lungo periodo tendono a generare rendimenti scadenti. Tuttavia, grazie alla presenza di tassi di interesse molto bassi, la riduzione del costo opportunità connesso alla detenzione di commodities, può favorire la formazione di bolle speculative ed inoltre, in presenza di crisi finanziarie strutturali, si può assistere all apprezzamento dei metalli preziosi, in primo luogo dell oro. 40

41 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione asset allocation: TASSO VARIABILE/LIQUIDITA : chiaramente merita un sottopeso strutturale, legato alle remunerazioni prossime a zero offerte da tale asset class. Quindi il suo inserimento in portafoglio può essere motivato solo in funzione dell esigenza di mantenere una riserva di liquidità per bisogni di prima necessità e più in generale con finalità di diversificazione di portafoglio. TASSO FISSO: purchè sia sotto controllo il rischio emittente, questa rappresenta l asset class da sovrappesare in via principale, puntando sulla progressiva discesa dei tassi a lungo termine con 41 rating AAA.

42 CICLI ECONOMICI ED INFLAZIONE Deflazione asset allocation: RISCHIO EMITTENTE: occorre una gestione tattica dell esposizione su tale asset class, con la costruzione di PAC a 3/5 anni da monetizzare in presenza di rivalutazioni superiori al 3% annuo e da riavviare contestualmente. AZIONARIO: bisogna restare sottopesati, privilegiando la ricerca di mercati ampiamente liquidi e diversificati ed andando ad investire in aree economiche (come adesso i mercati emergenti, i cosiddetti BRIC), caratterizzate da livelli di crescita superiore alla media, espansione demografica adeguata e tassi di 42 inflazione positivi.

43 ASSET ALLOCATION PREMESSA: L instaurazione di uno scenario di mercato analogo a quello giapponese degli ultimi 15 anni (in Giappone è da metà anni 90 che i tassi ufficiali non superano più l 1,0% e l economia nipponica si caratterizza per la presenza ricorrente di livelli negativi nella variazione annua dei prezzi al consumo, pone più interrogativi e problematiche in termini di costruzione e gestione di un portafoglio finanziario da parte dell investitore retail. 43

44 ASSET ALLOCATION PROBLEMATICHE SITUAZIONE TASSI ZERO E CONTESTI DEFLAZIONISTICI: 1. IL CONCETTO E LA PERCEZIONE DELL INFLAZIONE 2. LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI 3. L INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI INVESTIMENTO 44

45 ASSET ALLOCATION IL CONCETTO E LA PERCEZIONE DELL INFLAZIONE: Generalmente un obiezione comune da parte dell uomo della strada, il classico risparmiatore, allorché si evidenziano livelli contenuti dell inflazione, è costituita dal fatto che l indice dei prezzi al consumo non cattura correttamente il livello reale dei prezzi. In realtà, come si è avuto modo di sottolineare nel I incontro, l inflazione non misura il livello assoluto dei prezzi (questo è invece quanto viene percepito dai comuni risparmiatori), bensì la sua semplice variazione su base annua. 45

46 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI: Nella selezione degli investimenti da parte della clientela privata, è bene tenere presente che, in presenza di contesti deflazionistici e di tassi tendenti a zero sul segmento a breve termine della curva, possono verificarsi fenomeni inconsueti quali: 1) L ATTRATTIVA per LE CEDOLE ELEVATE 2) La BASSA PERCEZIONE del RISCHIO EMITTENTE 3) La SOPRAVVALUTAZIONE delle PROPRIE ESIGENZE 46 di RENDIMENTO ATTESO

47 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI L attrattiva per le cedole elevate: L investitore retail ha tempi di adattamento ai mutamenti di scenario più lunghi rispetto a quelli di un investitore istituzionale. Pertanto, in presenza di un azzeramento dei tassi ufficiali a breve termine Free Risk, tende a continuare ad attribuire valenza primaria all elevato flusso cedolare piuttosto che ad altre variabili di valutazione degli investimenti, finendo per dimenticare che la presenza di robusti flussi cedolari può essere giustificabile soltanto in virtù di una significativa esposizione al rischio emittente, oppure in relazione alla presenza di particolari strutture di rendimento, che prevedono la 47 corresponsione della cedola più alta soltanto nei primi anni.

48 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La bassa percezione del rischio emittente: Come ci insegna la finanza comportamentale, l investitore famiglia (ma più in generale qualunque investitore), tende a rimuovere dal subconscio le dinamiche negative sui mercati finanziari e più in generale gli effetti negativi prodotti dal verificarsi degli eventi estremi (default aziendali, formazione di bolle speculative, etc ). Ciò spiega il perché si assista nel tempo al periodico ripetersi di situazioni in cui gli investitori retail finiscono per assumersi situazioni di azzardo morale (acquistare obbligazioni di nomi illustri, giudicati troppo importanti per poter essere lasciati al loro destino, si pensi ad esempio alla General Motors), oppure si tuffano a capofitto in prodotti alla moda, che spesso nascondono la presenza di un effettiva esposizione 48 al rischio emittente. ASSET ALLOCATION

49 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La sopravvalutazione delle esigenze di rendimento atteso: Non effettuando un immediato adattamento alle nuove condizioni di mercato in termini di inflazione e di tassi di interesse, gli investitori retail tendono a sovrastimare i propri obiettivi di investimento, finendo per puntare su performance irrealistiche, spesso non raggiungibili se non in termini di assunzione di un elevata esposizione al rischio. 49

50 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento: Gli obiettivi di investimento di un investitore privato possono essere analizzati sotto due distinti versanti: in termini di BISOGNI in termini di RENDIMENTO ATTESO 50

51 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento: i BISOGNI: Se prevale una logica per bisogni di investimento, la costruzione del portafoglio finanziario del singolo investitore dovrà trascendere o comunque considerare in maniera secondaria lo scenario di mercato di riferimento, e concentrarsi invece sul soddisfacimento dei bisogni di investimento. 51

52 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento i BISOGNI: I bisogni di investimento sono solitamente 5: - LIQUIDITA - SICUREZZA - RENDITA - ACCUMULAZIONE ASSET ALLOCATION - SPECULAZIONE 52

53 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento i BISOGNI: Ad ogni bisogno finanziario è possibile abbinare i prodotti finanziari più adeguati per il soddisfacimento dello specifico bisogno, secondo la seguente tabella: BISOGNO LIQUIDITA SICUREZZA RENDITA ACCUMULAZ. ASSET ALLOCATION STRUMENTI Depositi in c/c, fondi di liquidità,, titoli senza rischio di credito a 12/18 mesi Polizze assicurative tradizionali e caso morte Obbligazioni tasso fisso m/l termine senza rischio di credito e fondi obbligazionari specializzati su emittenti governativi OCSE con rimborso r programmato Fondi azionari e fondi obbligazionari specializzati su rischio emittentee SPECULAZ. ETF, ETC, singole azioni, al limite anche derivati 53

54 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO: Un investitore può avere fondamentalmente 4 obiettivi di investimento in termini quantitativi: 1) CONSERVAZIONE NOMINALE del CAPITALE 2) MANTENIMENTO POTERE D ACQUISTO 3) ACCRESCIMENTO MODERATO POTERE D ACQUISTO 4) FORTE AUMENTO POTERE D ACQUISTO 54

55 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: Ciò significa accontentarsi anche di un tasso nominale pari a zero. In qualunque scenario di mercato (Reflazione, Alta Inflazione, Disinflazione, Deflazione) un tale obiettivo è facilmente raggiungibile con una composizione statica di portafoglio concentrata al 100% su strumenti di liquidità, non inserendo in portafoglio obbligazioni con rischio emittente e con scadenza superiore a 3 anni. 55

56 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: Dovendo fissare dei vincoli di investimento, se ne possono individuare 3: SCADENZA OBBLIGAZIONI 3 ANNI ASSENZA di RISCHIO EMITTENTE ESPOSIZIONE pari a 0% su STRUMENTI AZIONARI 56

57 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: In presenza di contesti deflazionistici, possono costituire un utile contributo, per la clientela rientrante in questo profilo di investimento, i fondi/sicav appartenenti alla categoria OFL (Obbligazionari Flessibili), e più in generale tutti i prodotti di risparmio gestito a carattere ABSOLUTE RETURN, aventi cioè un obiettivo di rendimento positivo su base annua a prescindere dall andamento dei mercati, con un esposizione però nulla sui mercati azionari. 57

58 LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: A livello di composizione di portafoglio, è bene ricordare l opportunità di inserire in portafoglio una quota pari al 25%/30% di tassi fissi a 2,5/3,5 anni di vita residua (quindi preferibilmente un fondo comune, una SICAV o un E.T.F. obbligazionario, già che in una normale obbligazione, la vita residua si riduce con l avvicinamento alla scadenza e parallelamente si riduce anche la redditività del titolo), se non altro per compensare l effetto negativo sul rendimento del portafoglio prodotto dall incidenza dalla componente fiscale e dei costi di transazione. ASSET ALLOCATION 58

59 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Conservazione nominale: PORTAFOGLIO TIPO: ASSET CLASS PESO % GESTIONE LIQUIDITA / MONETARIO OBBLIGAZIONARIO GOVT. ALTA DURAT. OBBLIGAZIONARIO RISCHIO EMITTENTE 65% Strategica 35% Strategica 0% / AZIONARIO 0% / 59

60 ASSET ALLOCATION LA SELEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Individuazione obiettivi di investimento RENDIMENTO ATTESO Mantenimento potere d acquisto: In questo caso l obiettivo minimo dell investitore è quello di percepire un rendimento almeno in linea con la perdita del potere d acquisto del capitale determinata dal fenomeno inflazionistico. In realtà, oltre all effetto inflazione, bisognerebbe tenere conto anche di: COSTI di TRANSAZIONE FISCALITA MANCATO REINVESTIMENTO FLUSSI INTERMEDI 60 (cedole, dividendi).

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il nostro processo d investimento

Il nostro processo d investimento Il nostro processo d investimento www.moneyfarm.com Sommario Le convinzioni alla base della nostra strategia d investimento 2 Asset Allocation 3 La scelta di strumenti a basso costo gestionale 3 L approccio

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli