LO SGUARDO DEL DESIDERIO * NOTA SU UN CASO DI SMARTPHONE-VOYEURISMO. Riccardo Piero Dalle Luche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SGUARDO DEL DESIDERIO * NOTA SU UN CASO DI SMARTPHONE-VOYEURISMO. Riccardo Piero Dalle Luche"

Transcript

1 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33, 3, LO SGUARDO DEL DESIDERIO * NOTA SU UN CASO DI SMARTPHONE-VOYEURISMO Riccardo Piero Dalle Luche La nozione clinica e psicoanalitica di perversione è da molti anni in grave crisi. Un tempo argomento centrale della teoria psicoanalitica, soprattutto nell orizzonte freudiano e postfreudiano, oggi ha completamente perduto significato metapsicologico, ha una scarsa risonanza clinica e, soprattutto, è socialmente obsoleta. I contributi più recenti (Benvenuto 2005, Scalzone 2009) sembrano in primo luogo doversi impegnare in una autogiustificazione della permanenza della nozione, quindi arrovellarsi per dare una veste di rinnovata attendibilità a nozioni, ipotesi e teorie avanzate negli scorsi cent anni, molte della quali sfiorano ormai la comicità involontaria, infine districarsi tra argomentazioni etiche, sociologiche e antropologiche per trovare un supporto teorico che non sia visto come stigmatizzante. Il risultato, ben evidente ad esempio nell equilibrato saggio di Benvenuto (2005), è che una conoscenza raffinata della teoria e della clinica psicoanalitica delle perversioni porta ad un uso parco oppure del tutto generico ed in ogni caso teoreticamente debole dei termini e modelli tradizionali. Tutto è perverso, compresa forse la pratica analitica stessa, quindi nulla è ormai, oggi, davvero perverso. Restano i casi clinici che, in Benvenuto (2005), come più di cent anni fa nella catalogazione di Krafft-Ebing (1893), si fanno notare da tutti, suscitando ilarità quando non sfociano nella tragedia, ma danno invece profondamente da pensare ad ogni terapeuta che si rispetti. I motivi della decadenza della nozione di perversione sono molteplici ma soprattutto sociali e politici: il principale è che la liberalizzazione della sessualità ha portato all accettazione sociale, e di conseguenza medica, di quella che un tempo si definiva devianza sessuale. La creazione di communities e la rivendicazione dell orgoglio della diversità va ormai oltre il vasto territorio dell omosessualità per allargarsi ai sadomasochisti (Stoller 1991), ai feticisti e ad altre pratiche che trovano la loro visibilità prevalentemente online. Il criterio della consensualità tra i partner ha, cioè, del tutto messo tra parentesi sia il criterio del genere sessuale dei partner, sia il tipo di interazione fisica e sessuale che avviene tra di loro (Stoller 1991, Dalle Luche 1996). La decadenza dei concetti di reciprocità e di autenticità ha liberato la sessualità dai vincoli interpersonali stretti che un tempo venivano richiesti per legittimare i rapporti sessuali (Boss 1962). L ampia accettazione sociale e la diffusione della pornografia in dvd e soprattutto su internet ha polverizzato la nozione stessa di voyeurismo. Forse solo sulla pedofilia è rimasto un vero stigma sociale, ma più nei termini legali che non in quelli psichiatrici 1. Questi mutamenti 1 I terapeuti del resto conoscono la pedofilia se non per la passione infinita di Humbert (Nabokov 1955) solo per * Presentato al Simposio Psicopatologia dell'intersoggettività e della intercorporeità al 46 Congresso Nazionale SIP, Milano, ottobre 2012 SOTTOMESSO APRILE 2013, ACCETTATO GIUGNO 2014 Giovanni Fioriti Editore s.r.l. 251

2 Riccardo Piero Dalle Luche storici sul concetto di perversione sono stati recepiti ufficialmente dalla serie dei DSM che hanno cambiato il termine tecnico in quello di Parafilie o Disturbo delle Preferenze Sessuali (Dalle Luche 1996), limitando le diagnosi ai casi in cui questi comportamenti causano disagio o difficoltà interpersonali (APA 2000) o se sono agiti senza consenso, cioè se siano sanzionabili legalmente. Si può quindi dire che l intero campo delle perversioni, che fino a pochi decenni or sono erano ritenute avere un ruolo patogenetico assolutamente centrale sia in psicoanalisi (la nevrosi come negativa della perversione Freud 1905) che negli scritti fenomenologici (l esito di una radicale incapacità di amare a causa dell angoscia legata alla sessualità- Boss, 1962), è stato bonificato totalmente da ogni valenza psicopatologica. In pratica le ultime vestigia della psicopatologia della perversione sono rimaste quei casi caratterizzati dalla presenza di timori fobico-ossessivi di compiere azioni ritenute perverse (Dalle Luche 1999). Ormai la discussione a livello dei media è invece quella socio-politica della parificazione dei diritti, ad esempio delle coppie omosessuali, e della lotta all emarginazione omofobica, veri e propri compimenti del percorso di sdoganamento etico-politico della diversità sessuale. Per questo motivo sanzionabile è diventato colui che esprime qualche riserva contro la legittimazione di ogni pratica sessuale divergente dai fini naturali, come si diceva una volta e, paradossalmente, incorrono sotto la scure della moralità molto più comportamenti eterosessuali un tempo considerati del tutto normali, come, ad esempio, i rapporti eterosessuali a pagamento 2. Lo sfondo di questo Zeitgeist contrasta tuttavia con saltuarie esperienze cliniche che tutt ora ci confrontano con la cara vecchia nozione di perversione : osservazioni più importanti che hanno a che fare con il campo di transizione tra psicopatia e psicosi, tra immaginario sessuale e pratiche comportamentali, tra pulsioni e relazioni, ma anche piccoli episodi, furtive enactments (Fogel e Myers 1991), atti occasionali, situazioni al limite con le nevrosi, disturbi d ansia, ossessività. Si tratta di osservazioni rare in quanto il soggetto che incorre in un problema legato ad alcuni suoi comportamenti sessuali (che talora o perfino spesso coesistono con una normalità nell identità sessuale, dell orientamento e nel comportamento sessuale abituale) ricerca l aiuto di uno psichiatra spesso solo per motivi di ordine medico-legale, ad esempio per attestare di aver intrapreso un percorso di cura, oppure per i risvolti ansiosi legati all essere stato scoperto o svelato nelle sue pratiche singolari, come viene sottolineato anche dagli estensori del DSM- IV-TR (APA 2000). Insomma il perverso, se è lecito ancora chiamarlo così, non ha di regola alcuna intenzione di curarsi, sia perché tende ad autoassolversi per quello che ha fatto, ritenuto un comportamento occasionale, una debolezza facilmente reprimibile, sia perché, quando è libero da timori di riprovazione, i suoi comportamenti sono soggetti al discontrollo pulsionale se non alla ricerca di un vero godimento (si potrebbe parlare, parafrasando Lacan di principio di Godimento ), quindi sono difficilmente contrastabili. La presente nota nasce da una fugace osservazione ambulatoriale, che mi ha fatto riflettere come sia del tutto impossibile eliminare dalla psicopatologia la nozione di perversione a fronte i resoconti perlopiù incompleti e incerti degli adulti che hanno subito abusi precoci (Dalle Luche e Taponecco 2012). 2 Il politically correct, a ben vedere, va ben oltre. Non vi è solo una indistinzione tra pratiche sessuali, ma anche tra generi sessuali, per cui uomini e donne, oltre ad avere, com è certamente giusto, pari diritti, non vengono più in nessun modo distinti psicologicamente e psicopatologicamente. Si potrebbe quindi dire che la pratica politica ha condizionato la psicologia ad abrogare ogni differenza sessualmente condizionata. 252 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3

3 Un caso di smartphone-voyeurismo di comportamenti sessuali assurdi, regressivi, perfino non gratificanti e, tuttavia, gravemente lesivi per l identità personale e l onorabilità di chi le attua. Uno spunto clinico Un uomo di 35 anni, normotipo, impiegato in un azienda pubblica, celibe e tutt ora convivente con i propri genitori, esente da disturbi psichici in senso stretto, di normale intelligenza e capacità di critica, circa due anni fa era venuto a chiedere di curarsi in quanto aveva tentato di scrutare tra le gambe di una collega, che indossava una gonna e stava seduta alla sua scrivania, facendo un video col proprio telefonino. Il tipo, che chiamerò Signor P., era stato scoperto e minacciato di denuncia, di conseguenza era molto ansioso e mi chiese di avere un periodo di riposo dal lavoro e di cominciare un percorso di indagine su questo comportamento assurdo. I pochi colloqui avevano messo in risalto soltanto la solitudine, la ridotta socialità, l insoddisfazione generica per il lavoro e la scarsa progettualità alternativa dell uomo, il quale non aveva mai avuto una ragazza né aveva mai cercato contatti a pagamento. Il Signor P., scomparso per due anni, è riapparso in ambulatorio in relazione alla reiterazione dei suoi comportamenti, dopo essere stato trasferito di ufficio, con una nuova collega, quindi al ripetersi dello scandalo nella sede di lavoro e alla necessità di curare il proprio stato ansioso, dovendosi astenere per un certo periodo dall andare a lavorare. In questa occasione il Signor P. tenne però a specificare, generando in me non poca meraviglia, che questo stupido e banale comportamento era condiviso da numerose persone che pubblicavano su determinati siti internet i loro brevi video girati in luoghi pubblici, quali mercati, concerti, scuole, tram e così via. La condivisione della pratica faceva sì che lui non si ritenesse malato, anche se si giudicava uno stupido per aver ripetuto la cosa per due volte sul luogo di lavoro facendosi scoprire in entrambi i casi. Ho quindi appreso che questo smartphone-voyeurismo di ciò che le donne hanno sotto le gonne è una pratica diffusa e ampiamente condivisa. Il lettore che abbia almeno una cinquantina di anni ricorderà che alle Scuole Medie, quando finalmente avevamo delle compagne di classe da osservare (perché alle scuole elementari c erano solo classi maschili o femminili), gettare la matita in terra per potersi piegare e sbirciare tra le gambe delle ragazzine con le gonne, era un attività piuttosto diffusa nella classe. Certamente all epoca avevamo picchi ormonali non controllabili che stimolavano la nostra curiosità poco più che infantile. Si trattava di un modo maldestro di esplorare un territorio sconosciuto in quanto ben pochi di noi avevano idee minimamente chiare su cosa nascondessero le ragazzine tra le loro cosce. Freud (1927), in un passo di grande chiarezza ed eleganza, e riferito a un età non ben definita nell età evolutiva, riconduce proprio a questo tipo di attività scrutatorie la genesi del feticismo adulto 3 : in ultima analisi si tratterebbe di un disturbo legato alla mancata elaborazione 3 Il piede o la scarpa devono la predilezione feticista a essi rivolta al fatto che il maschietto, nella sua curiosità, ha cercato di spiare, dalle gambe in su, il genitale femminile. Come già un tempo si supponeva, pelliccia e velluto fissano la vista del pelo pubico, alla quale avrebbe dovuto far seguito, stando ai propri desideri, la vista del membro femminile. I capi di biancheria femminile, eretti così spesso a feticci, fissano l attimo della spoliazione, l ultimo in cui si poteva ancora credere alla donna fallica. Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3 253

4 Riccardo Piero Dalle Luche di un esperienza comune, quella di scrutare tra le gambe femminili, di un misconoscimento o un diniego della realtà della diversità anatomica. La differenza tra il comportamento del ragazzino preadolescente e quello del nostro Signor P. è dunque solo questa: che il Signor P. ha 35 anni e, anche ammesso che non abbia avuto la possibilità di vedere l oggetto di desiderio del suo sguardo, non gli dovrebbero essere mancate le occasioni di soddisfare la sua curiosità in formato digitale, e dovrebbe quindi avere ben chiaro che cosa sia quest oggetto che suscita in modo così irrefrenabile la sua spinta scopica. Certamente con un video fatto con il telefonino non potrà mai scoprire le qualità precise di quest oggetto, e non solo perché di regola le colleghe di lavoro, come un tempo le compagne di classe, indossano le mutande. Del resto la presenza di quest indumento in funzione di ostacolo o barriera allo sguardo non gli dispiace affatto, perché gli consente di avallare quel diniego che genera la scissione tra realtà e fantasia nell organizzazione perversa (Freud 1927). Si tratta quindi solo di un comportamento infantile e regressivo, dimostrante l equiparazione di Fenichel (1951) tra perversione e infantilismo sessuale 4? O piuttosto, seguendo quello che è probabilmente il più smaliziato teorico delle perversioni degli ultimi decenni del secolo scorso, Robert Stoller, le perversioni dell adulto sono disturbi post traumatici dell infanzia (Stoller 1991), in altre parole rappresentano il comportamento sessuale dell adulto che insiste più sulla gratificazione anatomica che su quella interpersonale (Stoller 1975), e che contiene il trauma infantile (Stoller 1991)? Comunque sia, quella incarnata dal nostro Signor P è una perversione nevrotica (Benvenuto 2005), un comportamento parzialmente egodistonico, interpretabile come un compromesso tra la pulsione ed il suo oggetto di soddisfacimento, che viene desiderato pur essendo interdetto; un comportamento irrazionale che non porta a niente se non a passare per pazzo e maniaco nel proprio ambiente di lavoro. L oggetto del desiderio e la pulsione scopica Pur non essendo un adepto di Jacques Lacan, la sua lettura psicoanalitica del Simposio di Platone, nel Seminario Libro VIII Il transfert (Lacan ), un opera degna di restare sugli scaffali dei classici della psicoanalisi e della psichiatria, rappresenta un percorso decisamente affascinante. In questo testo orale, come tutti i seminari, Lacan giunge a un acuta e per certi versi anticonformista definizione dell oggetto del desiderio, inteso in senso sessuale siamo agli albori dell economia post-capitalistica che si è finora retta creando oggetti-feticci di desideri per consumatori ridotti a macchine desideranti e immagini pubblicitarie che se ne sono fatte principali media. L oggetto del desiderio sessuale è dunque, per Lacan, che rilegge nel Simposio l insegnamento di Socrate, e in qualche modo si sottrae così a millenni di letture cattoliche (ed anche psicoanalitiche) di Platone, non è il partner cui ci si riferisce di norma come oggetto d amore, quanto ciò che lo rende desiderabile, e di cui il desiderante non ha possesso (è questo uno dei significati dell abusata formula paradossale amare è dare ciò che non si ha ). 4 I perversi non sono sessualmente adulti: il che può essere dovuto sia ad un arresto di sviluppo, sia a una regressione. Il fatto che le perversioni spesso si sviluppino in reazioni a disillusioni sessuali, conferma l efficacia della regressione (Fenichel 1951, p. 365). 254 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3

5 Un caso di smartphone-voyeurismo Quest oggetto causa o condizione di desiderio (Quinet 2004), che talora, ma non sempre, Lacan identifica anche come objet petit a (Lacan ), questo certo non so che (Jankélévitch 1957), questo oggetto che si sottrae alle coordinate euclidee e kantiane degli altri oggetti (Quinet 2004), sia esso una caratteristica fisica o del carattere, ma anche, un gesto, un modo di sorridere o di muoversi, un eleganza nel vestirsi o nell abbigliarsi, lo charme o l intelligenza o il sapere (ad esempio in Socrate che, per il resto, era ben poco attraente) è comunque qualcosa di parziale, spesso perfino di accessorio (di non necessario, di ornamentale, agalma, in greco antico 5 ); è qualcosa di prezioso ed altamente valorizzato dal soggetto (Quinet 2004), che assume la massima rilevanza in quanto condiziona irrevocabilmente la scelta del partner sessuale, con tutto ciò che di affettivo ne consegue. Questa presa di posizione di Lacan a favore della assoluta parzialità dell oggetto d amore (Lacan ), e, implicitamente, per la secondarietà degli aspetti sentimentali del legame, pone la sua teoria dell amore drasticamente in contrapposizione al mito platonico (nel Simposio enunciato in toni grotteschi dal comico Aristofane) della ricerca della completezza (mito citato anche da Freud in Aldilà del principio del piacere, 1920) e anche alla teoria ascensionale enunciata dalla sacerdotessa Diotima, della sublimazione dal bello individuale verso il summum bonum, nota come dottrina platonica dell amore 6. L oggetto causa di desiderio è un oggetto della sensazione e di regola cade sotto la sfera visiva (Quinet 2004), è cioè l oggetto di uno sguardo di desiderio, da cui nasce ogni amore. I registi cinematografici, lo sanno bene, e gli appassionati di cinema potrebbero citare centinaia di esempi in cui Lui si innamora di Lei dopo un semplice sguardo: ad esempio, nel film Casinò (1995) di Martin Scorsese la macchina da presa si sofferma sullo sguardo di Sam (Asso) Rothsein (Robert De Niro) che, osservando i modi e l andatura di Ginger (Sharon Stone), se ne innamora perdutamente in barba al fatto che lei è una tossica, ladra, spacciatrice, con un organizzazione affettiva di tipo borderline, come direbbe la maggior parte degli psichiatri, e che gli rovinerà la vita fin quando non morirà di overdose. L esempio delle dive cinematografiche è molto istruttivo per il nostro discorso, perché per esserlo non basta che un attrice sia, come di regola, una donna bellissima; per diventare un oggetto di desiderio di valore mondiale deve avere qualcosa in più, qualcosa di speciale, 5 Per un esaustiva trattazione dell etimologia e dei molteplici significati di agalma nella lingua e nella letteratura greca, rinvio il lettore a Quinet (2004), pp. 65-8). 6 Merita citare i passi esilaranti e inequivoci di Lacan ( pp. 158 e sgg.): La funzione dell oggetto parziale è una delle più grandi scoperte dell indagine analitica... la chiave del desiderio umano... il nostro primo sforzo è stato invece di interpretarlo dirigendolo verso una dialettica della totalizzazione, di volgerlo nell oggetto piatto, l oggetto rotondo, l oggetto totale, l unico degno di noi, l oggetto sferico senza piedi né zampe, il tutto dell altro, dove, com è risaputo, il nostro amore irresistibilmente finisce, trova il suo compimento... Non ci siamo detti che questo altro, in quanto oggetto di desiderio, è forse la somma di un mucchio di oggetti parziali, cosa ben diversa da un Oggetto totale. Non ci siamo detti che ciò che elaboriamo, con cui abbiamo a che fare di quel fondo che si chiama l Es, non è forse nient altro se non un grande trofeo di tutti questi oggetti. No, all orizzonte della nostra ascesi, del nostro modello di amore, abbiamo messo dell altro... Ma di questo altro abbiamo fatto l altro a cui si rivolge quella bizzarra funzione che chiamiamo oblatività. Amiamo l altro per se stesso o, almeno, così è quando si è arrivati alla meta e alla perfezione. Lo stadio genitale dà la sua benedizione a tutto questo... basta amare genitalmente per amare l altro per se stesso... vi ho fatto sentire da tempo il ridicolo di quella sorta di predicozzo che si sviluppa attorno a tale idealità terminale... rimane tuttavia un ambiguità riguardo alla questione se di quest altro a cui dedichiamo la nostra oblatività in questo amore tutto amore, tutto per l altro cerchiamo il godimento, come sembra andare da sé trattandosi di unione genitale, oppure la perfezione... (p. 158). Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3 255

6 Riccardo Piero Dalle Luche basti pensare ai miti imperituri di Greta Garbo, Marilyn Monroe (che non era esente da vistosi difetti fisici), Grace Kelly, e, più recentemente, appunto, a forse quella che è stata l ultima diva di questo spessore, Sharon Stone 7. La bellezza si vede; il fascino si sente, ha scritto Roberto Gervaso (1983). Seguendo questa traccia si può dire che lo sguardo del desiderio segue di per sé un attrazione soggettiva, cui inerisce qualcosa di sinestesico (una fascinazione ), pur essendo un fenomeno che ricade pienamente nella normalità della vita umana. Ma in cosa si distingue allora lo sguardo del desiderio del perverso? Prendiamo un altro esempio cinematografico, L uomo che amava le donne di Truffaut (1977), che ho analizzato altrove (Dalle Luche 2009). Bertrand, il protagonista, esplicitamente e coerentemente non ama una singola donna, ma ama tutte le donne, è ipersensibile ai normali attributi e perfino alla sola voce dell altro sesso, ma soprattutto delle donne ama le gambe, il loro modo di camminare, che osserva un po coattivamente, e che gli ricordano le gambe di sua madre quando, seminuda, gli camminava intorno per casa da ragazzino, per confermare a se stessa che lui non esisteva. In questo ricordo sta il segreto del legame insopprimibile che il soggetto ha con il suo oggetto causa di desiderio: ne va infatti del suo stesso essere, e il piccolo Bertrand diventerà l adulto per cui la compagnia o anche solo la visione di una donna diventerà assolutamente necessaria. Nel suo caso l oggetto del desiderio diventa parzialmente anonimo, cioè è qualcosa che può rendere attraente se non tutte, almeno buona parte delle donne, indipendentemente da tutte le altre loro caratteristiche. La parziale anonimizzazione, l isolamento, la deanimazione dell oggetto del desiderio appaiono chiaramente in un sogno nel quale Bertrand si vede come manichino femminilizzato, oggetto di desiderio per una moltitudine di donne. Coattività, anonimia e deanimazione (ma anche animazione dell inanimato) dell oggetto, sono già le principali caratteristiche di un oggetto perverso. Ma il soggetto diventa totalmente perverso soltanto quando il suo oggetto si svincola totalmente dalla persona che ne è portatrice, come la collezione di stivaletti che il feticista di un classico di Buñuel (Diario di una cameriera, 1964) fa indossare ritualmente alla cameriera di casa, all insaputa della moglie. L oggetto del desiderio diventa qui un feticcio del tutto anonimo, avulso da ogni contesto relazionale, totalmente manipolabile, controllabile, inseribile in rituali di godimento identici a se stessi e realizzabili con qualsiasi partner. In conclusione se la relazione d amore è sempre una relazione parziale, resta comunque rivolta ad un singolo, specifico Altro, quella del perverso è, se così si può dire, più parziale, anzi, è talmente parziale da poter fare a meno dell Altro in quanto individuo specifico. Per quanto attiene al voyeurismo in senso stretto Freud a più riprese ha fatto riferimento ad una pulsione di guardare (Freud 1905, 1915, 1927), spontanea in tutti i bambini e legata alla pulsione di sapere relativamente all enigma della sessualità. Freud (1915) sottolineava l importanza degli indumenti che nascondono la nudità come causa del desiderio, che sarebbe quindi legato all impossibilità di soddisfare completamente la pulsione alimentando la spinta al suo soddisfacimento (Quinet 2004). Freud (1915) ha posto anche la pulsione scopica alla 7 Ovviamente ognuno può avere le proprie preferenze, e probabilmente ci sono preferenze condivise da ogni generazione. Gli italiani della mia età avranno certamente chiaro cosa intendo per oggetto del desiderio ricordandosi di un icona del cinema erotico italiano come Laura Antonelli. 256 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3

7 Un caso di smartphone-voyeurismo base del vissuto del bello, come esito elaborativo dell eccitamento sessuale: poiché di per sé gli organi genitali non possono mai essere considerati belli, la velatura dei sessi porterebbe successivamente a spostare la percezione della bellezza sull intero corpo. La pulsione scopica, per Freud, è quindi alla base del desiderio erotico e del vissuto di bellezza che anima il desiderio. Per alcuni psicoanalisti degli anni 40 e 50 viene trattata come una pulsione specifica, la scoptofilia, la sessualizzazione delle sensazioni visive 8 (Fenichel 1951). Lacan invece ne ha fatto una pulsione sui generis in quanto, diversamente da quelle classiche, non avrebbe alcun aggancio con le funzioni fisiologiche, e quindi non sarebbe dell ordine del bisogno ma del desiderio (Quinet 2004) 9. Sta di fatto che di regola, nelle condizioni di normalità, l oggetto del desiderio non si identifica mai con gli organi sessuali, anzi questa identificazione tende ad urtare la coscienza e quindi la suscettibilità individuale, direi soprattutto femminile. Decenni di lavoro mentale separano dunque l adulto dal bambino per il quale il pericoloso oggetto della pulsione scopica non è un oggetto del desiderio sessuale ma primariamente un oggetto di conoscenza, mentre per l adulto può anche divenirlo, ma solo esclusivamente con la mediazione di una scelta legata, come si è detto, ad altre caratteristiche visibili del corpo dell altro, ad altri objet petit a. Solo nella pornografia i genitali tornano a essere tout court, senza alcuna particolare mediazione, oggetti del desiderio (si potrebbe dire che la pornografia colma la distanza tra l adulto e il bambino, spazzando via tutti i processi elaborativi). Gli organi sessuali non sono del resto di per sé neppure gli oggetti dello sguardo del desiderio del perverso. Per comprendere il vero voyeurista perverso, come il nostro Signor P., non ci si può tuttavia accontentare di parlare solo di una regressione pulsionale, bisogna metterne in risalto un altra caratteristica fenomenologica. Mentre il feticista può controllare e manipolare a piacimento il suo oggetto, mentre l esibizionista può, vuole o almeno spera di controllare lo sguardo (e la pulsione scopica) degli altri, lo sguardo del voyeur deve eludere il controllo altrui e per questo deve essere furtivo, nascosto, escludere totalmente il contatto relazionale con l osservato 10. I soggetti osservati, causa o condizioni del desiderio, non devono sapere di esserlo e il voyeur, da parte sua, non cerca alcuna altra forma di contatto, sessuale o meno, con loro (APA 2000), anzi li tiene opportunamente a distanza, vuole, per citare Sartre (1943), la non-reciprocità dei rapporti sessuali. Quando Sharon Stone, per fare un altro esempio cinematografico molto celebre, in Basic Instinct di Paul Verhoeven (1992), ipnotizza gli agenti che la interrogano mostrando furtivamente 8 La scoptofilia è la principale componente della curiosità sessuale infantile, spesso simile a un esigenza istintiva (Fenichel 1951). 9 C è probabilmente in questa idea di Lacan il riflesso della teoresi sartriana del desiderio il quale, per il filosofo, non implicherebbe l atto sessuale ma lo porrebbe tematicamente ; il desiderio non è altro che una delle grandi forme che può prendere la rivelazione del corpo dell altro ( ) l essere che desidera è la coscienza che si fa corpo ( ) nel desiderio, io mi faccio carne di fronte all altro per appropriarmi della carne dell altro ( ) Questo è l ideale impossibile del desiderio: possedere la trascendenza dell altro come pura trascendenza e tuttavia come corpo (Sartre 1943, pp ). 10 La cosa è ben nota fin dalla mitologia greca, ad esempio negli episodi di Diana e Atteone, Mercurio e Erse o di Giove e Antiope, oggetto di numerosissime rivisitazioni pittoriche, tra le quali mi piace segnalare le incisioni cinquecentesche di Giovanni Iacopo Caraglio Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3 257

8 Riccardo Piero Dalle Luche l ombra del pube nell accavallare per due volte di fila le gambe, visto che lei le mutande non le ha messe, preventivamente, la sua intenzionalità ha un senso inverso a quelle create dal Signor P. con i suoi precari videoagiti: eppure in entrambi i casi si tratta di uno sguardo maschile che scruta l ombra di un sesso femminile, ma nell esempio cinematografico l esibizionista è in posizione di padrone, mentre il Signor P. incarna un ruolo meschino, servile, puerile. Per parlare di vero voyeurismo e di vero esibizionismo, dev essere sospesa la reversibilità dello sguardo, inteso, nel senso di Merleau Ponty (Merleau Ponty 1985, Cavallo 2006), come un atto intenzionale appartenente a un corpo che al contempo è vedente e visibile. Chi guarda non può essere visto e chi si esibisce non può essere guardato. Il voyeur che scruta di nascosto incarna un ruolo illegittimo, vergognoso, servile. Ma anche l esibizionista, quand è spinto a mostrarsi, senza il consenso altrui magari con il classico impermeabile addosso-, divenendo dipendente dallo sguardo dell altro per il soddisfacimento del proprio timore di castrazione (Fenichel 1951), si pone anch egli in una posizione servile, illegittima, dipendente e vergognosa 11. Guardare vs vedere Il voyeur, scrive Arlow (1991), è costretto a guardare perché non può vedere. Perché non può vedere? Innanzitutto perché non ha un partner consensuale, cioè qualcuno che si lascia guardare, oppure si esibisce tout court. Ma soprattutto non può guardare perché quando confrontato con l inevitabile verità dell anatomia femminile, non ha niente da spartire con essa (Arlow 1991). Il voyeur in questo senso condivide la genesi delle sue condotte più che con l esibizionista con il feticista del resto il feticismo è il modello di tutte le perversioni (Bak 1968). Il feticista, però, va oltre il semplice evitamento della cruda visione dell organo femminile, o il diniego della sua rappresentazione, alla quale sostituisce piedi, stivaletti, abbigliamenti di cuoio e quant altro, secondo la classica teoria freudiana (Freud 1927). In questo senso il nostro Signor P., con il suo comportamento bizzarro, elude il conflitto da numerosi punti di vista: cerca di guardare ciò che non può vedere, sapendo che non lo vedrà (perché le donne portano le mutande, di regola), senza il consenso e la partecipazione di chi detiene l oggetto del suo desiderio, e senza che effettivamente sia lui a guardare direttamente, ma piuttosto il suo smartphone: la mediazione tecnologica, come avviene anche nella fruizione della pornografia, consente di mantenere le distanze e, quindi, deresponsabilizza. Inoltre la community degli smart-voyeuristi online, gli rilascia l ultima legittimazione. Ma vi è un altro modo per risolvere il dilemma del voyeur, ed è quello utilizzato da numerosi pittori e fotografi d arte. Si potrebbe anche qui creare un filo rosso che lega quello che forse è il primo pittore moderno a dipingere in modo totalmente esplicito e realistico il sesso femminile, Gustave Courbet con il suo L origine du monde (ora al Musée D Orsay a Parigi, ma per un certo tempo in possesso, forse non casualmente, di Jacques Lacan, che lo teneva velato e nascosto agli occhi dei visitatori comuni Roudinesco 1995), alla lunghissima serie di grandi artisti moderni, 11 Questo abbozzo di analisi fenomenologica contrasta con i destini della pulsione scopica delineati da Freud. (1915), in particolare il rovesciamento nel contrario e il ritorno sulla propria persona che fanno per lui del voyeurista e dell esibizionista praticamente la stessa persona invischiata ambivalentemente in una dinamica auto-erotica e narcisistica. 258 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3

9 Un caso di smartphone-voyeurismo da Klimt, Schiele, Picasso, Moreni, fino a Mapplethorne e a Lucien Freud (questi ultimi due forniscono splendide esemplificazioni dell oggetto del desiderio dell omosessuale), che hanno ripetutamente, insistentemente, sdoganato, in quanto opera d arte, l oscenità 12 degli organi sessuali. In queste operazioni artistiche è presente lo stesso conflitto del voyeur, ma viene risolto in modo diverso. La rappresentazione artistica degli organi sessuali consente di mostrarli, di esibirli, e, in quanto opera d arte, di compiere la trasformazione alchemica dell osceno nel bello, consentendo all osservatore di non sentirsi offeso dal contenuto della rappresentazione. È facile qui identificare il quarto e ultimo destino della pulsione scopica delineata da Freud (1915), cioè la sublimazione. Tuttavia, nella storia dell arte, periodicamente, si assiste a un oscillazione dei limiti dell osceno, per cui, in una sorta di escalation, l artista sa bene di creare (e, talora, di cercare) lo scandalo oltrepassando ogni volta la soglia della tolleranza, insomma, di volere épater le bourgois. In questo gioco la sublimazione è quindi quasi sempre accompagnata da una certa aggressività sadica, in quanto l osservatore dell opera è posto in condizione di far finta di nulla, per non apparire bigotto e puerile, cioè di dover subire masochisticamente la scelta creativa dell artista. E che dire del collezionista di simili opere d arte, ad esempio il committente di L origine du monde, il diplomatico turco-francese Khalil-Bey, che possedeva anche altre opere al limite tra l erotico e il morboso o l osceno, almeno per l 800, come Il bagno turco di Ingres e Le sommeil di Courbet? Non è forse una forma di feticismo perverso possedere la rappresentazione di ciò che non si può vedere, non è forse un compromesso per poterlo guardare a piacimento e all infinito, legittimamente, e senza esserne coinvolti personalmente? Si ripropone qui l annosa definizione del concetto di pornografico, sui cui si potrebbe aprire un ampia discussione; per quanto ci riguarda, può bastare dire che il porno persegue il progetto megalomanico di mostrare ciò che normalmente è tenuto fuori scena, senza o quasi senza alcuna mediazione 13, ed in questo senso vorrebbe annullare (terzo destino della pulsione scopica secondo Freud, 1915) tutto quanto di psichico passa tra l atto del guardare ed il suo oggetto. In questo senso la pornografia avrebbe poco a che vedere con le complicazioni dello sguardo del desiderio del vero voyeur come di quello dell artista: sarebbe cioè solo un artificio tecnologico (e in ultima analisi un meccanismo sociale in ultima analisi ben tollerato) per soddisfare un bisogno, tenendo così sotto controllo fino ad annientarlo, il rischio del desiderio. 12 La comoda etimologia di osceno dal greco o-skenè, e dal latino ob-scaenam, con signficato fuori dalla scena, sostenuta, tra gli altri, ripetutamente, da Carmelo Bene, è probabilmente falsa. Più probabile è la derivazione dal latino "obscenus o obscinum, che significa di malaugurio, oppure da ob coenum", "fango, melma", che rinviano piuttosto al significato di "laido" e "di cattivo augurio". Molto acuta è anche l analisi fenomenologica dell "osceno" in Sartre (1943, pp. 488 e sgg.), che ne fa un sinonimo di "privo di grazia". 13 Anche su questo punto si potrebbe disquisire, in quanto è noto che il cinema porno ha i suoi generi, i suoi divi, la sua diversa qualità registica e attoriale e che sempre più negli ultimi anni anche il cinema d autore può introdurre inserti al limite e spesso oltre il limite della pornografia nelle proprie opere artistiche. Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3 259

10 Riccardo Piero Dalle Luche Riassunto Parole chiave: perversione, parafilie, voyeurismo, oggetto del desiderio, pornografia L autore prende spunto dal caso di un uomo che coattivamente era spinto a fare dei brevi clip video col proprio smartphone sotto le gonne delle colleghe di lavoro, per rivisitare il senso diagnostico e psicodinamico della nozione di perversione. Questo caso di smartphone-voyeurismo, una pratica che pare avere molti adepti nelle communities su internet, consente una riflessione sulla nozione lacaniana di oggetto del desiderio e pone in luce i meccanismi con cui l interdizione della visione dell organo sessuale può essere aggirata. Se il perverso concretizza dei comportamenti di compromesso rispetto ai conflitti da eludere, molti pittori celebri hanno tentato di mostrare ciò che normalmente non può essere mostrato (l osceno ) attraverso la mediazione della rappresentazione artistica. Rispetto a questi due soggetti, il perverso e l artista, il pornografo tenta di mostrare l osceno senza alcuna mediazione: il suo sguardo non è uno sguardo di desiderio ma è rivolto solo alla soddisfazione di un bisogno. THE LOOK OF DESIRE. A NOTE ON A SMARTPHONE-VOYEURISM CASE Abstract Key words: perversion, paraphilias, object of desire, voyeurism, pornography The paper concerns the clinical sketch of a man who was compelled to take short videos with his smartphone under the skirts of his office colleagues. The case stimulates some reflections about the clinical and psychodynamic meaning of the notion of perversion. It is an example of a compromise behaviour that bypasses the direct sight of a female sex organ: the look of desire of the patient tries to glimpse what cannot be seen. Some well known painters tried to turn around the same conflict with the mediation of art, showing explicitly the sexual organs and going beyond the boundaries of obscenity. On the other hand the pornographer tries to show what is usually considered obscene without any mediation, so that his products meet much more sexual needs than the aims of the look of desire. Bibliografia American Psychiatric Association (2000). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fourth Edition, Text Revision (DSM IV TR). Washington DC. Arlow JA (1991). Derivative Manifestations of Perversion. In Fogel GI, Myers op. Cit., pp Bak RC (1968). The Phallic Woman: The Ubiquitous Fantasy in Perversions. Psychoanal Study Child 23, Benvenuto S (2005). Perversioni. Sessualità, etica, psicoanalisi. Bollati Boringhieri, Torino. Boss M (1962). Senso e contenuto delle perversioni sessuali. Tr. it. Sugar, Milano. Buñuel L (Regia di). Diario di una cameriera (Fra, 1964). Cavallo M (2006). Lo sguardo e la voce. Al di là della fenomenologia della percezione. it/n7-1 Dalle Luche R (1996). Varianti dell idea di perversione. Psichiatria e psicoterapia analitica XV, 3, Dalle Luche R (1999). Il continuum psicopatologico tra ossessioni, compulsioni e comportamenti parafilici. Nota su un caso di Disturbo Ossessivo Compulsivo con temi pedofili. In Callieri B, Frighi L (a cura di) La problematica attuale delle condotte pedofile. Dall Eros greco alla perversione sessuale. Edizioni Universitarie Romane, Roma. 260 Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3

11 Un caso di smartphone-voyeurismo Dalle Luche R (2009). Ogni donna è un film a sé. Cinema, letteratura, autobiografia, e psico(pato)logia del libertinaggio in L uomo che amava le donne di François Truffaut. Psichiatria Generale e dell Età Evol 46, 3-4, Dalle Luche R, Taponecco C (2012). Le tematiche di abuso sessuale precoce in un campione di pazienti psichiatriche acute. Giorn It Psicopat 12, Fenichel O (1951). The Psychoanalytic Theory of neurosis. Tr. it. C Gastaldi, Trattato di psicoanalisi delle nevrosi e delle psicosi. Astrolabio, Roma. Fogel GI, Myers WA (Eds) (1991). Perversion & Near-Perversions in Clinical Practice. New Psychoanalytic Perspectives. Yale Univ. Press, New Haven & London. Freud S (1905). Tre saggi sulla teoria sessuale. In Opere, Vol. IV. Boringhieri, Torino ( ). Freud S (1915). Metapsicologia. 1. Pulsioni e loro destino. In Opere, Vol VIII. Boringhieri, Torino. Freud S (1920). Al di là del principio del piacere. In Opere, Vol, IX. Boringhieri, Torino. Freud S (1927). Feticismo. In Opere, Boringhieri, Vol. X. Boringhieri, Torino, pp Jankélevitch W (1957). Il non-so-che e il quasi niente. Tr. it. Einaudi, Torino Krafft Ebing R von (1893) Psychopathia sexualis, 8 a edizione. Enke, Stuttgart. Lacan J (1960-1). Il seminario VIII. Il transfert. A cura di JA Miller e A Di Ciaccia. Einaudi, Torino Merleau Ponty M (1964). L occhio e lo spirito. Tr. it. SE, Milano Quinet A (2004). Le plus de regard. Destins de la pulsion scopique. Étude psychoanalytique. Editions du champ lacanien, Paris. Nabokov V (1955). Lolita Tr. it. Longanesi, Milano. Roudinesco E (1995). Jacques Lacan. Profilo di una vita, storia di un sistema di pensiero. Raffaello Cortina, Milano. Sartre JP (1943). L essere e il nulla. Saggio di ontologia fenomenologica. Tr. it. Il Saggiatore, Milano Scalzone F (a cura di) (2009). Perversione, perversioni e perversi. Borla, Roma. Scorsese M (Regia di). Casinò (Usa, 1996) Stoller R (1975). Perversion. The Erotic Form of Hatred. Tr. it. Libero Sosio, Perversione, la forma erotica dell odio. Feltrinelli, Milano Stoller R (1991). Pain & passion. A psychoanalyst explores the world of S & M. Plenum Press, New York and London. Truffaut F (regia di) (1977). L uomo che amava le donne. Fra. Verhoeven P (regia di) (1992). Basic Instinct, USA. Corrispondenza Riccardo Piero Dalle Luche SPDC ASL 1 Massa e Carrara, via Sottomonte Massa Psichiatria e Psicoterapia (2014) 33,3 261

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

S&F_n. 7_2012 Jacques Derrida L animale che dunque sono

S&F_n. 7_2012 Jacques Derrida L animale che dunque sono Jacques Derrida L animale che dunque sono Introduzione di Gianfranco Dalmasso, Prefazione di Marie Louise Mallet, tr. it. a cura di Massimo Zannini, Jaca Book, Milano 2006, pp. 222, 26 «L animale autobiografico»

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Dall innamoramento al quotidiano dell amore

Dall innamoramento al quotidiano dell amore Tredimensioni 4(2007) 283-291 Dall innamoramento al quotidiano dell amore Paola Magna * I n tutte le storie d amore ci sono alcune caratteristiche ricorrenti, sebbene in ogni storia tradotte in modo originale.

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Sette anni di vacche sobrie

Sette anni di vacche sobrie 1 Sette anni di vacche sobrie Marco Magnani Sette anni di vacche sobrie SETTE ANNI DI VACCHE SOBRIE 2 Introduzione Sette anni di vacche sobrie L Italia si vede (e si ama) meglio da lontano. È successo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 Indice Presentazione 9 Introduzione 11 PRIMA PARTE Identificazione della figura del padre Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 SECONDA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli