LEZIONE DI MATEMATICA LEIBNIZ E IL SISTEMA BINARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE DI MATEMATICA LEIBNIZ E IL SISTEMA BINARIO"

Transcript

1 LEZIONE DI MATEMATICA LEIBNIZ E IL SISTEMA BINARIO OBIETTIVI: Conoscere la figura di Leibniz sia sul piano filosofico con la costruzione della characteristica universalis, il cui scopo era quello di trasformare il ragionamento in calcolo, sia in campo matematico in quanto a lui si deve la scoperta del sistema di numerazione binario. Capire come si rappresentano i numeri nel sistema binario. Sapere trasformare i numeri dal sistema decimale a quello binario e viceversa. Confrontare i nostri metodi di calcolo con quelli utilizzati in passato come la tecnica di esecuzione delle moltiplicazioni con i bastoncini di Nepero. CONTENUTI: Prima parte descrittiva contiene i seguenti argomenti: Vita romanzata di Leibniz Il pensiero di Leibniz La richiesta di un furbo matematico Il sistema di numerazione binario I bastoncini di Nepero Seconda parte è una raccolta di alcuni degli esercizi realizzati con gli alunni, di seguito elencati: Attività : il gioco dei bicchieri pieni o vuoti. Tutti gli studenti, aiutati dai tirocinanti e dalle assistenti educatrici proveranno a distribuire in un certo numero di bicchieri, disposti sul tavolo in ordine crescente delle potenze di (da destra verso sinistra) dei dischetti di carta, facendo attenzione a mettere in ogni bicchiere solo il numero indicato dalle corrispondenti potenze. Una volta effettuata la distribuzione, assegneranno ad ogni bicchiere pieno il simbolo e ad ogni bicchiere vuoto il simbolo 0. Infine leggeranno la successione dei simboli partendo dal bicchiere pieno più a sinistra, ottenendo così la conversione in base del numero decimale (rappresentato dalla quantità iniziale dei dischetti presi).

2 Attività : scrivere alcuni numeri decimali in forma binaria utilizzando l espressione polinomiale con le potenze del e viceversa trasformare i numeri dati in forma binaria in scrittura decimale. Si tratta di compilare il foglio fornito dall insegnante indicando la conversione esatta dei numeri. Attività 3: trasformare un numero decimale in forma binaria utilizzando il metodo delle divisioni successive. Questa attività consiste nel dividere più volte il numero decimale per annotando i resti delle varie divisioni, successivamente leggerli partendo dall ultimo e così si avrà la rappresentazione del numero in forma binaria. Verificate che nel caso in cui si utilizzano gli stessi numeri dell attività, dobbiamo ottenere con i due metodi la stessa rappresentazione in forma binaria. Attività : costruire i bastoncini di Nepero su un foglio opportunamente creato dall insegnante e dopo averli ritagliati, utilizzarli per eseguire alcune moltiplicazioni. Osservate come sono disposti i numeri nei quadrati dei bastoncini. Nell ultima parte della dispensa sono state riportate alcune delle schede utilizzate per le attività sopra menzionate. LA DOCENTE Prof.ssa Lanzacane Concetta

3 VITA ROMANZATA DI LEIBNIZ SCENA: davanti allo specchio, il filosofo Leibniz, aiutato dai alcuni suoi amici, sistema la parrucca, accomoda la sciarpa di seta al collo e, infine, si incipria il viso LEIBNIZ: suvvia, cari amici, facciamo presto... Presto...sono in ritardo! -- CARTESIO: calmati Leibniz,...così facendo agiti tutto e tutti!! -- NEWTON: cerca di stare fermo un po'...non riesco a sistemarti bene la parrucca! -- LEIBNIZ: povero me! Sono un individuo smunto, di media statura, con un viso pallido, e con mani e piedi sempre gelati. E poi ho una voce debole, sono calvo precocemente, e sono leggermente gobbo ( così Leibniz si esprime in un'autobiografia). -- CARTESIO: suvvia,... caro amico, non buttati giù,...tutti abbiamo dei difetti...non fare una tragedia...e poi ci siamo noi ad aiutarti! -- LEIBNIZ: sì, sì, ma vi prego facciamo in fretta! -- NEWTON: e poi...dove devi andare con tanta urgenza...? -- CARTESIO: c'è, forse, qualcosa che ci nascondi? -- LEIBNIZ: non posso dirvi nulla...è un segreto...non posso dire a nessuno dove devo andare CARTESIO: ma come!? Noi siamo i tuoi amici più cari e non possiamo sapere i tuoi segreti? -- LEIBNIZ: no! Non potete! E poi quante domande...! -- NEWTON: bell'amico che sei! E io che ti ho aiutato a capire bene gli integrali, in algebra! E ti ricordi di quella volta che ti ho avviato al calcolo infinitesimale? Bella riconoscenza...la tua!! -- CARTESIO: e allora io che ti ho presentato a Sofia Carlotta, la regina di Prussia, la quale ti ha assunto nella sua biblioteca? Non siamo forse tuoi amici fidati!? E allora perché non vuoi dirci dove devi andare così di fretta? -- LEIBNIZ: sì, sì...che siete miei mici...non lo nego,...ma siete anche un po' curiosoni! -- CAETESIO E NEWTON: su,dai dai, dì dove devi andare? Hai forse un appuntamento galante con la tua fidanzata? -- LEIBNIZ: macchè fidanzata e fidanzata!......io non ho nessuna fidanzata! Devo andare, invece, a un appuntamento segreto NEWTON: allora è qualcosa di interessante!? Bene, allora, veniamo anche noi! -- LEIBNIZ: no!! per carità! Non potete!! -- CARTESIO: e perchè non possiamo?... noi sappiamo tenere un segreto!! -- LEIBNIZ: OH! Siete miei amici,è vero,... ma siete anche dei super scocciatori!!

4 -- NEWTON: allora ci porti con te,... vero Leibniz? -- LEIBNIZ: Sì, Sì, Sì...Vi porto con me!...ma vi prego acqua in bocca...vi raccomando!! -- CARTESIO: finalmente ti sei deciso.!...bene allora andiamo!!! -- LEIBNIZ: adesso vi mostro questa cartina geografica e la bussola...sapete anche il luogo è segreto!! -- NEWTON: certo che sei tutto strano, caro Leibniz;...siamo a Trento, una città non molto grande e ti serve la carta geografica e la bussola!? -- LEIBNIZ: silenzio!...fate come vi dico...non potete capire!! Allora, vediamo...dunque, per di qua, poi 5 passi a destra, 3 passi a sinistra, poi dritto per altri passi...e poi si dovrebbe vedere una porta verde con una X......ma...che strano...è la porta dell'aula Montessori!!! -- CARTESIO: ma dove ci hai portato? E poi chi sono queste persone? E cosa ci fa una croce sul tavolo con sopra una rosa? Leibniz sei sicuro che questo sia il posto dove intendevi andare? -- LEIBNIZ: Sì,Sì...fidatevi di me! Adesso procediamo con le presentazioni e poi vi rivelo il segreto... Dunque, ecco... ( ci si presenta, salutandosi, con cordialità; tutti i membri dell'associazione hanno in testa un cappuccio bianco, ricavato da un foglio di carta, raccolto a forma di cono) -- LEIBNIZ: eccomi, adesso vi rivelo il segreto... Tutte queste persone, compreso me, facciamo parte di un'associazione segreta, chiamata ROSACROCE. Abbiamo come simbolo, infatti, una croce, con al centro una rosa: ecco il nostro simbolo ( al centro del tavolo vi è una croce di legno con al centro una rosa, che viene mostrata a tutti) -- NEWTON: e perché vi riunite in segreto? Cosa c'è da nascondere? --LEIBNIZ: per noi è un po' come si era da bambini: vi ricordate quando ci si diceva di tenere un segreto e di non dirlo a nessuno? -- CARTESIO: sì, abbiamo capito...ma non abbiamo capito cosa, ora, ci sia da nascondere? -- LEIBNIZ: noi sappiamo i segreti della vita e della morte, sappiamo trasformare il ferro in oro, influenziamo la politica,...e tante altre cose ancora...poi abbiamo delle cerimonie per accogliere i nuovi iscritti e giuriamo di non rivelare a nessuno i nostri segreti!! --NEWTON: e tu che sei un illustre filosofo-scienziato ti presti a queste cose assurde? --CARTESIO: e poi se hai scoperto qualcosa è giusto condividerla con il mondo intero...non ti pare? -- LEIBNIZ: ma non è una cosa strana! Ve lo assicuro!! Volete iscrivervi anche voi...??

5 -- NEWTON: per carità, no! Tienici fuori da questa storia...noi siamo degli scienziati filosofi e se scopriamo qualcosa la riveliamo al mondo intero...altro che tenerla in segreto! Pensa...io ho detto a tutti della mia scoperta sulla forza di gravità: ora tutti sanno che ogni cosa è attratta dal centro della terra... --CARTESIO: Dovresti, caro Leibniz, abbandonare queste cose segrete, la massoneria... Su, dai andiamo via! Torniamo a casa... --LEIBNIZ: No..., io resto qui...e se anche voi resterete qui vi rivelerò un segreto,...molto, molto interessante...sulla logica binaria --NEWTON: va bene, come vuoi...ma devi prometterci che rivelerai, poi, al mondo intero la logica binaria LEIBNIZ: va bene...va bene...lo farò! Adesso...vi mostro come si può fare! La logica binaria è straordinaria: consente di calcolare senza piagnucolare; si inserisce nel calcolatore e agevola la vita a tutte le ore. Ma chi l'ha inventa aveva la testa strampalata. Leibniz si chiamava e non sempre si stimava. Diceva di avere pochi capelli e di mangiare molti tortelli. Di esser piccolino, così come un tavolino. Era legato a una segreta società dove si esigeva silenzio e complicità Ma come tirarlo via di là? Newton e Cartesio ci provarono e poi finalmente ci riuscirono. La logica binaria egli rivelò e al mondo regalò un calcolo meraviglioso che nulla ha di misterioso. Ora anche noi vogliam imparare questo calcolo spettacolare. LOGICA BINARIA

6 IL PENSIERO DI LEIBNIZ Gottfried Wilhelm Leibniz (66 76) nacque a Lipsia, fu un uomo di straordinario genio. A 6 anni apprese il latino da solo leggendo Tito Livio, a 0 scoprì la logica aristotelica, a 5 anni si iscrisse all università, si laureò in filosofia a 7 ed ottenne un dottorato in giurisprudenza a 0. Si dedicò alle scienze e alla filosofia, frequentò le maggiori sedi universitarie europee e fu direttore dell' Accademia Prussiana delle Scienze. Molto ardito il suo pensiero che lo portò a immaginare di costruire una lingua simbolica universale (caratteristica) per scienza, matematica e metafisica, quella che lui chiama la characteristica universalis, progetto molto comune e alla moda ai suoi tempi. Ma mentre gli altri studiosi non riuscivano a trovare nulla di meglio che attribuire un medesimo segno per le varie espressioni sinonime delle diverse lingue, come una specie di scrittura convenzionale e arbitraria; Leibniz voleva arrivare a una scrittura universale, semplice da apprendere e da ricordare, basata su un fondamento logico, cioè su un'analisi completa dei concetti e sulla loro riduzione a dei termini primitivi, i quali dovevano essere rappresentati con segni naturali e appropriati, da una specie cioè di alfabeto del tutto caratteristico. Infatti Leibniz pensava di costruire la Characteristica attraverso tre passaggi.. Occorreva, prima di tutto analizzare e scomporre, per mezzo di definizioni, le nozioni complesse allo scopo di giungere ad un alfabeto dei pensieri umani, ad un catalogo di

7 nozioni primitive che non si possano rendere più chiare attraverso ulteriori definizioni.. A ciascuna di queste nozioni primitive doveva poi essere assegnato un opportuno carattere. 3. Si dovevano, infine, determinare le regole che avrebbero consentito di combinare tra loro le nozioni primitive operando sui loro caratteri. In questo modo, sarebbe stato possibile trasformare il ragionamento in calcolo, ma la characteristica sarebbe stata preziosa anche come ars inveniendi (arte dello scoprire): attraverso la combinazione dei caratteri primitivi sarebbe, infatti, stato possibile ottenere sistematicamente e in modo ordinato tutte le nozioni possibili. Con questo Leibniz prendeva posizione anche nel dibattito seicentesco sul rapporto tra logica e matematica riunendo entrambe nella characteristica e superando la posizione più diffusa (è anche quella di Galileo Galilei) che contrapponeva la fecondità della matematica alla sterilità della logica. Leibniz si rese, però, rapidamente conto di quanto fosse difficile ricondurre tutte le nozioni e soprattutto le verità di fatto a nozioni primitive. Non si scoraggiò per questo, ma decise, in assenza di un completo catalogo delle nostre nozioni primitive, di iniziare a costruire la characteristica nei campi in cui era possibile. La characteristica universalis rappresenta un importantissimo passo verso l'intelligenza artificiale perché, secondo il progetto di Leibniz, doveva servire a trasformare il ragionamento in calcolo. Una volta costruita la characteristica, diceva: " non ci sarà maggior bisogno di discussione tra due filosofi di quanto ce ne sia tra due calcolatori. Sarà sufficiente, infatti, che essi prendano la penna in mano, si siedano a tavolino, e si dicano reciprocamente (chiamato, se loro piace, un amico): calcoliamo". Quindi, l'ambizioso progetto di Leibniz offre un modello valido d'intendere la logica, cioè il vero ragionamento, come un calcolo di tipo matematico. Infatti, in logica (cioè nel calcolo) non è importante la ricerca degli elementi ultimi, quanto invece la scelta dei segni che servono a rappresentarli. Andrà trovato in questa interpretazione il successo che Leibniz ottenne agli inizi del '900 con la nascita della moderna logica simbolica (che è anche logica matematica), successo che lo pose come padre spirituale della logica moderna. Fondamentale rimane anche il suo contributo alla storia del calcolo in quanto a lui si deve la scoperta del sistema di numerazione binario su cui si basa il funzionamento di tutti i computer moderni. Infatti il matematico tedesco con le sue ricerche nell'ambito della numerazione in base due raggiunge un duplice obiettivo: da un lato lo studio teorico delle "progressioni binarie" gli consente

8 di anticipare scoperte di analisi e di teoria dei numeri, dall'altro egli reputa il sistema binario molto utile per le applicazioni pratiche a pesi, monete e misure. Del resto, non dobbiamo dimenticare che fino ad allora, la scienza si era limitata a rispondere alle esigenze di una società basata sulle manifatture, sul commercio e sulla navigazione. Purtroppo nonostante i reiterati sforzi compiuti da Leibniz per divulgare la rappresentazione binaria dei numeri, alla sua morte questa come del resto molte altre sue intuizioni cade nell'oblio e solo nel 87 verrà riscoperta, grazie al matematico inglese C. Boole e soprattutto alla nascita del calcolatore elettronico. Con l introduzione del sistema binario, basato sull utilizzo di due simboli le cifre "0" e "", Leibniz dimostra che l'esecuzione della moltiplicazione avviene attraverso l'addizione e, nel 67, concepì una macchina moltiplicatrice basata su questo principio. Il funzionamento consisteva nell'addizionare il moltiplicando tante volte quante sono le cifre del moltiplicatore con scatti di un carrello verso sinistra ad ogni cifra di quest'ultimo. Questa macchina permetteva di fare le quattro operazioni, un ingegnoso perfezionamento di quella che era la calcolatrice creata da Pascal che invece eseguiva soltanto somme e sottrazioni. Quasi sconosciuta al grande pubblico rimase l'altra originalissima macchina che Leibniz creò per eseguire le quattro operazioni con l'aritmetica binaria in cui l'uno e lo zero sono materializzati nella presenza o assenza di una pallina in una determinata posizione.

9 LA RICHIESTA DI UN FURBO MATEMATICO Prima di parlare del sistema binario raccontiamo una storia sulle potenze del per comprendere la straordinaria potenzialità di questo calcolo. Un giorno un saggio indiano di nome Sessa Nassir inventò il gioco degli scacchi. In seguito il gioco fu presentato al re delle Indie, che, avendone valutata l ingegnosità e la grande varietà di combinazioni possibili, fu tanto meravigliato che fece chiamare il suo suddito per ricompensarlo di persona: "Per la tua straordinaria invenzione" disse entusiasta il re "voglio compensarti con quel che desideri. Sappi che la mia generosità non ha limiti." Il saggio rispose: "Grande è la tua bontà, o sovrano. Io non ti chiederò tanto. Desidero solamente che mi siano dati i chicchi di grano che saranno necessari per riempire le 6 caselle della mia scacchiera in modo tale che vi sia un chicco sulla prima casella, due sulla seconda, quattro sulla terza, otto sulla quarta e così di seguito, raddoppiando ogni volta." "La tua domanda mi sembra troppo modesta!" esclamò il monarca stupito. "Tu mi ferisci con il tuo desiderio così inadeguato alla mia benevolenza e trascurabile rispetto alle magnificenze che io potrei offrirti!" Ma di fronte alle insistenze di Sessa, il re si rassegnò e ordinò di far portare il sacco di grano che il saggio desiderava. Qualche giorno appresso il sovrano si informò dal ministro per sapere se quello sciocco di Sessa fosse entrato in possesso della sua magra ricompensa. "I contabili addetti non hanno ancora finito le operazioni. Sperano tuttavia di riuscirvi prima dell alba", venne risposto al re.

10 Ma il giorno seguente i contabili ufficiali non erano ancora riusciti a determinare la quantità di grano dovuta a Sessa. "Perché mai tanta lentezza nel risolvere un problema così elementare?" domandò il re esasperato. "Ordino che questa faccenda sia sistemata prima di domani". L indomani l ordine restò inevaso. Corrucciato, il re congedò i contabili, giudicandoli incompetenti. Ma il giorno dopo quelli ingaggiati al loro posto non fecero di meglio. Alla fine di parecchi giorni di lavoro affannoso, il responsabile del gruppo dei contabili si presentò al monarca per comunicargli il risultato. "E allora!? "chiese il re impaziente, "avete dato a Sessa ciò che gli spetta?". "O buon sovrano, perdonami, ma devo dirti che, malgrado la tua potenza e la tua ricchezza, non è in tuo potere fornire questa quantità di grano. Vuotando tutti i granai del regno, il numero di chicchi di grano che ne otterresti sarebbe trascurabile rispetto a questa enorme quantità". "I chicchi di grano che il saggio desidera sono esattamente "Decisamente", rispose il sovrano ammirato, "il gioco inventato da questo saggio è tanto ingegnoso quanto è sottile la sua richiesta!". Cerchiamo di capire adesso come si arriva a questo risultato. Iniziamo col considerare la somma dei chicchi di grano che si trovano sulle prime quattro caselle cioè: +++8 = 5 = 6- se si sostituiscono le corrispondenti potenze del si ottiene: + ¹ + ² + ³ = -

11 per cui, iterando il procedimento, si ha: + ¹ + ² = 6 - che è uguale esattamente al numero scritto prima. Quindi sono davvero tanti i chicchi di grano che occorrerebbero per riempire le 6 caselle della scacchiera raddoppiando ogni volta. Questa storia stimola la nostra curiosità su come le potenze del possano essere utilizzate nella scrittura dei numeri cioè ci introduce nell affascinante mondo del sistema binario.

12 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE BINARIO Per comprendere il funzionamento della macchina di Leibniz, ma anche di tutte le calcolatrici e computer moderni, è necessario capire la rappresentazione dei numeri nel sistema binario (in base ): il sistema binario è un sistema di numerazione posizionale in cui le uniche cifre ammesse sono 0 e ; i valori delle cifre dipendono dalle potenze del ; la sua costruzione e le operazioni sono del tutto simili a quelle del sistema decimale, almeno sul piano formale. Infatti noi, naturalmente, usiamo il sistema decimale (base 0) nel quale ogni cifra di un numero assume un valore a seconda della posizione occupata all'interno del numero stesso (valore posizionale). Così ad esempio nel numero 35 ci sono centinaia 3 decine e 5 unità, che è come dire x x x ed anche Nel sistema binario, invece di utilizzare le potenze del 0, si utilizzano quelle del. In questo modo nel numero 0 ci sono ottetto, 0 quartine, doppietto e unità che è come si vede: x x + x + x ed anche: Quindi il sistema binario è molto simile a quello decimale, vediamo adesso come si passa da un sistema a un altro.

13 Per trasformare un numero decimale in forma binaria, si trasforma il numero sotto forma polinomiale con potenze del, oppure si ricorre eventualmente, al metodo delle divisioni successive euclidee. Per esempio, per scrivere in base, il numero che in base 0 si scrive, si procede così: = = = = 000 Quindi se vogliamo scrivere un numero in forma binaria, dobbiamo prima pensare alle potenze del che lo rappresentano e successivamente scriverlo in forma polinomiale, mettendo come coefficienti delle potenze del, considerate in ordine decrescente, le cifre 0 e. Se consideriamo un altro numero 6 abbiamo: 6 = = = = 00 Un altro metodo che ci consente di trasformare un numero in forma binaria è quello delle divisioni successive, che consiste nel dividere più volte il numero di base 0 per annotando i resti delle varie divisioni, nel caso di si ha: : = 0 con resto 0: = 0 con resto 0 0: = 5 con resto 0 5: = con resto : = con resto 0 : = 0 con resto Partendo dall ultimo resto quindi risulta: 0 = 000 Per trasformare un numero dato in forma binaria, in scrittura decimale, basta esplicitare la forma polinomiale del numero. Per esempio 0 diventa: = = 9 È possibile costruire delle semplici macchine che permettono di trasformare numeri dalla base 0 alla base e viceversa. Ecco la prima e più semplice la mano-codificatrice.

14 Sulle dita della mano, partendo dal mignolo, scriviamo i numeri corrispondenti alle potenze del. Cioè:,,, 8, 6 CODIFICA = da base 0 a base DECODIFICA = da base a base 0 Si voglia trasformare (codificare) il numero 7 in base. Vediamo che il 7 si ottiene dalla somma del pollice (6) e del mignolo(). Avremo quindi partendo dal pollice: 000 che è il numero binario cercato Se al contrario vogliamo sapere a che numero decimale corrisponde 00 basta che sommiamo i numeri scritti sul pollice, sul medio e sul mignolo. Otterremo. Questa operazione si chiama decodifica. Infatti non dimentichiamo che il primo computer usato dall'uomo è stato senza dubbio la mano. Grazie alle mani gli egiziani riuscirono a rappresentare tutti i numeri sino a 9999 ed erano in grado di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e anche calcoli più complessi. Il termine inglese "digit" ("cifra"), oggi tanto usato, deriva proprio dalla parola latina digitus ("dito"). Questo sistema di numerazione creato da Leibniz ha avuto nel tempo delle grandi applicazioni, dopo circa 50 anni, il matematico inglese George Boole (85-86) lo ha ripreso in considerazione e ha ideato le variabili binarie o BIT. Esse si chiamano così perché possono assumere solo due valori. In realtà la parola "bit" è contrazione del termine "binary-digit", che significa "cifra binaria" Ad esempio un rubinetto è una variabile binaria perché può avere solo due possibilità: aperto (ON -->) o chiuso (OFF -->0); una lampadina può essere accesa (ON -->) o spenta (OFF -->0); un interruttore può essere chiuso (ON -->) o aperto (OFF -->0).

15 interruttore a Bit --> possibilità: ON/OFF --> /0 Ebbene, con l avvento dell elettricità, ciò è stato possibile, per cui si sono creati circuiti inserendo anche più interruttori e così i giochi e le combinazioni si sono fatti sempre più interessanti e sempre più complessi, al punto da avere: interruttore a Bit interruttori a Bit 3 interruttori a 3 Bit Quindi in corrispondenza al numero di bit si hanno tante combinazioni e cioè: Bit --> = ¹ Bit --> = ² 3 Bit --> 8 = ³ BIT BIT 3 BIT Infine a forza di 0 e, di circuiti accesi e spenti, di tasti ON/OFF a partire dagli anni intorno al 90 ad oggi gli scienziati sono riusciti a costruire delle macchine stupende, supersoniche che fanno i calcoli a velocità sorprendenti, che risolvono contemporaneamente più problemi e che hanno chiamato computer. I BASTONCINI DI NEPERO

16 Ai nostri tempi eseguire moltiplicazioni o fare operazioni complicate, con la nascita dei calcolatori o addirittura dei computer, è diventato molto semplice. Vediamo come si eseguivano le moltiplicazioni nel XVII secolo, si utilizzavano i famosi bastoncini di Nepero, uno strumento di calcolo inventato nel 6, da un grande matematico scozzese, John Napier (550 67), italianizzato Nepero. Egli studiò difficili argomenti di matematica, infatti il suo nome fu molto noto negli ambienti accademici anche per aver inventato i logaritmi e si divertì a elaborare questo semplice sistema con cui si possono eseguire le moltiplicazioni come somme di numeri. Si pensa che in origine i bastoncini fossero costruiti in osso o avorio, perciò erano chiamati "Ossi di Nepero". La realizzazione dell invenzione fu presentata nel 67, anno della sua morte e rimasero in uso per circa un secolo. I bastoncini di Nepero consentono anche altre operazioni meno semplici, quali la divisione e l estrazione di radice.

17 I suddetti bastoncini (o regoli) non erano che una tavola moltiplicativa di forma speciale, essi permettevano di moltiplicare un numero qualunque per un numero di una sola cifra. In tutto erano, quelli numerati da 0 a 9 erano divisi in 9 quadrati. Questi, a loro volta, erano tagliati da una diagonale, sopra la quale stavano i numeri delle decine e sotto i numeri delle unità. Un regolo era fisso e gli altri mobili. Se osserviamo attentamente i bastoncini numerati da a 9 notiamo che nei 9 quadrati in cui sono suddivisi, sono riportati i multipli del numero del bastoncino con le unità separate dalle decine che possiamo anche rappresentare così: Vediamo come si utilizzano per moltiplicare.

18 Se per esempio si voglia eseguire la moltiplicazione 35 x 3. Si accostano i bastoncini del, del 3 e del 5 (che corrispondono a 35, il primo fattore), si avvicinano al bastoncino che consideriamo come indice cioè quello che viene chiamato regolo fisso e si leggono i numeri in corrispondenza del 3 (secondo fattore). Il risultato si ottiene sommando in diagonale le cifre della terza riga, da destra verso sinistra e considerando gli eventuali riporti. Infatti tenendo conto che: - 5 sono unità - 9 e sono decine - 6 sono centinaia eseguendo come riportato in tabella sotto, si ottiene (9 + ) 5 7 (6 + di riporto) 0 5 E volendo fare 35 x 56? Si applica la proprietà distributiva al secondo fattore e poi si dissocia 50, procedendo così: 35 x 56 = 35 x (50 + 6) = 35 x x 6 = 35 x 5 x x 6 A questo punto basta eseguire con i bastoncini le due moltiplicazioni per 5 e per 6 e completare con le somme.

19 Facciamo qualche altro esempio, proviamo a calcolare: 6 x 8 Si devono accostare al bastoncino indice, i bastoncini del e quello del 6 in modo da formare il numero 6. Poi si va a leggere il risultato in corrispondenza dell 8 dell indice sommando le cifre adiacenti dei due bastoncini. 3 ( + ) 8 = 368 Se invece vogliamo effettuare la moltiplicazione dei numeri con più cifre come 3867 x si procede sempre allo stesso modo cioè si dispongono l uno a fianco dell altro i quattro bastoncini 3,8,6 e 7. Allora in corrispondenza del dell indice vale a dire nella quarta riga orizzontale si leggerà: / 3/ / /8. Trascriviamo addizionandole l una con l altra le cifre collocate tra le due diagonali: avremo ; +3; +; +; 8; ovvero 568 che costituisce il risultato cercato. Davvero geniale questa invenzione di Nepero che permetteva con una certa facilità di eseguire le moltiplicazioni in un epoca in cui non esistevano ancora le calcolatrici.

20 CONVERSIONE SISTEMA DECIMALE SISTEMA BINARIO Numeri sistema decimale Procedimento Numeri sistema binario 0 = = = + 0 = + 0 = = + 0 = = + = = = 8 3 = = = = 3 + = = = 8 + = 3 + = = =

21 Numeri sistema decimale = = Procedimento Numeri sistema binario

22 CONVERSIONE SISTEMA BINARIO SISTEMA DECIMALE Numeri sistema binario Procedimento Numeri sistema decimale 0 = = + 0 = = = = = = = =

23 CONVERSIONE SISTEMA BINARIO SISTEMA DECIMALE Numeri sistema binario Procedimento Numeri sistema decimale

24

25 CONVERSIONE SISTEMA DECIMALE SISTEMA BINARIO Metodo delle divisioni successive Numeri sistema decimale Numeri sistema binario : = 0 con resto : = con resto 0 : = 0 con resto 0 3: = con resto : = 0 con resto 3 : = con resto 0 : = con resto 0 : = 0 con resto

26

27

28 ESEGUITE LE SEGUENTI MOLTIPLICAZIONI CON I BASTONCINI DI NEPERO x 8 =. 97 x 6 =. 6 x 7 =. 39 x 6 =. 5 x =. 3 x 3 =. 7 x 5 =. 67 x =. 93 x 9 =. 53 x 3 =. 856 x 7 =. 763 x 8 =. 35 x =. 36 x =. 537 x 5 = x 9 =.

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA.

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. I UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. Un codice binario è un stringa di numeri che, indipendente dalla sua lunghezza, presenta una successione

Dettagli

Trattamento dell informazione

Trattamento dell informazione Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Trattamento dell informazione Prof. Giorgio Valle D.ssa Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez1 4.10.07 Trattamento

Dettagli

Introduzione Nell Alto Medioevo la matematica si sviluppò in India con l utilizzo dei numeri negativi, il calcolo degli irrazionali e l introduzione

Introduzione Nell Alto Medioevo la matematica si sviluppò in India con l utilizzo dei numeri negativi, il calcolo degli irrazionali e l introduzione Introduzione Nell Alto Medioevo la matematica si sviluppò in India con l utilizzo dei numeri negativi, il calcolo degli irrazionali e l introduzione della scrittura posizionale. Il mondo occidentale venne

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina!

Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina! Laboratorio con le macchine matematiche Analizziamo la Pascalina! Francesca Martignone francesca.martignone@unipmn.it Cristina Coppola ccoppola@unisa.it Laura Lombardi llombardi@unisa.it Tiziana Pacelli

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

BIT? Cosa c è dietro a questo nome? Che cos è il bit? Perché si usa? Come si converte un numero binario?

BIT? Cosa c è dietro a questo nome? Che cos è il bit? Perché si usa? Come si converte un numero binario? BIT? Cosa c è dietro a questo nome? Che cos è il bit? Perché si usa? Come si converte un numero binario? Cosa c è dietro a questo nome? BIT è un acronimo e deriva da BInary digit, cioè cifra binaria Che

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

BASI NUMERICHE NON DECIMALI

BASI NUMERICHE NON DECIMALI BASI NUMERICHE NON DECIMALI Stefano Borgogni stfbrg@rocketmail.com SUNTO Il presente articolo tratta il tema della numerazione in basi diverse da quella decimale, con l intento di evidenziarne alcune regole,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

Questionario Studente

Questionario Studente Codici Scuola Classe Studente Questionario Studente Scuola Secondaria di I grado Classe Terza INVALSI - Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini,

Dettagli

la "macchina" universale di Turing

la macchina universale di Turing la "macchina" universale di Turing Nel 1854, il matematico britannico George Boole (1815-1864), elaborò una matematica algebrica che da lui prese il nome. Nell'algebra booleana le procedure di calcolo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

A proposito di valutazione

A proposito di valutazione A proposito di valutazione QUANTE COSE SAI? Figlia Papà, quante cose sai? Padre Eh? Uhm... so circa un chilo di cose. F. Non dire sciocchezze. Un chilo di quali cose? Ti sto chiedendo davvero quante cose

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Elementi di informatica e web di Guido Fusco

Elementi di informatica e web di Guido Fusco Presentazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Sociologia Corso di laurea in culture digitali e della comunicazione http://www.corso-informatica-web.com/ Obiettivi del corso 1 ELEMENTI

Dettagli

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente

IMSV 0.8. (In Media Stat Virtus) Manuale Utente Introduzione IMSV 0.8 (In Media Stat Virtus) Manuale Utente IMSV è una applicazione che calcola che voti può'prendere uno studente negli esami che gli mancano per ottenere la media che desidera. Importante:

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

0, 25 si legge 25 centesimi

0, 25 si legge 25 centesimi NUMERI DECIMALI Pagine: 2 Definizione 3 Addizione 4 Lettura e scrittura 5 Millesimi di euro 6 A coin game 7 Compilare un bollettino di conto corrente postale Tra i test di entrata al corso di licenza media

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011

RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI. Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 RAPPRESENTAZIONE DEI NUMERI BINARI Corso di Fondamenti di Informatica AA 2010-2011 Prof. Franco Zambonelli Numeri interi positivi Numeri interi senza segno Caratteristiche generali numeri naturali (1,2,3,...)

Dettagli

Il diario di Francesco

Il diario di Francesco Il diario di Francesco Alunno: Francesco Altomare (Classe V A Programmatori Mercurio sez. Tecnico Economico, I.I.S. A. Guarasci Rogliano - Cs) Docenti referenti: Prof. Alessandro Citro, Insegnante di italiano

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Una macchina ingenua per le divisioni. Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi,

Una macchina ingenua per le divisioni. Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi, Una macchina ingenua per le divisioni Estratto da: Strumenti di calcolo aritmetico ingenui ma ingegnosi, Bruno Jannamorelli, Ed. Qualevita È l ultimo giorno di scuola. I miei alunni liceali sono già in

Dettagli

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Il test di valutazione delle abilità di calcolo e di soluzione di problemi aritmetici (AC-MT nuova edizione) è composto da tre diverse

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

LA MONTAGNA. Prima parte

LA MONTAGNA. Prima parte LA MONTAGNA Prima parte 1 In letteratura scientifica esistono vari modelli per spiegare i processi neuropsicologici coinvolti dal calcolo, tra i quali quelli molto diffusi di Mc Kloskey, di Campbell, e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 2 Rappresentazione delle informazioni: numeri e caratteri 1 Codice La relazione che associa ad ogni successione ben formata di simboli di

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli