CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE"

Transcript

1 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO

2 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato esistente e la ricostruzione all interno della sua volumetria nel rispetto delle limitazioni date dalla distanza dai confini previste dalle normative edilizie comunali. La scelta di non recuperare l edificio esistente permette di ottenere una maggiore libertà nella definizione degli spazi e una esecuzione dei lavori influenzata in minima misura da eventuali imprevisti. Il progetto parte dall architettura, dalla sua capacità di legarsi al luogo e allo stesso tempo di arricchire tale luogo di nuove funzioni e spazi, rivitalizzandolo e proiettandolo nel futuro; pertanto la proposta da un lato è legata fortemente al contesto storico-ambientale, dall altro offre un immagine riconoscibile come luogo di cultura e di studio, in senso moderno. Si è pensata una biblioteca che non sia solo un edificio contenitore di libri, ma luogo di incontri per diverse tematiche, per fatti della nostra epoca, ma anche della memoria storica della città, di scambio con altre persone animate dal desiderio di conoscere. Secondo tali premesse, il progetto non nasce come semplice sommatoria degli spazi richiesti dal bando, ma vuole offrire una precisa identità all edificio creando un immagine riconoscibile ed unitaria sia all esterno che all interno. All esterno la biblioteca presenta l aspetto di una navicella, la navicella dell ingegno, leggibile sui due fronti principali, dato dalla torretta, dalla loggia pontile e dalla prua costituita dal volume angolare dell edificio. I volumi, i materiali e le precise scansioni date dalle aperture creano un insieme fortemente caratterizzato, legato alla tradizione costruttiva del luogo, anche se chiaramente moderno. In particolare si è scelto il mattone a vista elemento assai diffuso a Maranello, abbinandolo a fasce di ceramica rosso Ferrari, unendo in tal modo simbolicamente nella veste esterna dell edificio la tradizione del passato con l attuale e futura forza produttiva principale del paese. All interno un grande spazio centrale contenente la sala di consultazione unifica l insieme costituendo un ambiente attorno al quale si organizzano gli altri spazi e funzionando come elemento di orientamento generale. La grande sala crea un continuum spaziale che amplia illumina e da respiro all interno, pur mantenendo allo stesso tempo un atmosfera favorevole alla concentrazione e alla creatività. L impostazione del progetto rispetta le richieste del bando sviluppandosi con la definizione di tre spazi principali: 1 area di consultazione, collocata nella grande sala centrale che attraversa verticalmente l intera costruzione, collegata direttamente con l area di ingresso e con le zone di deposito dei libri e visivamente con tutte le altre aree della biblioteca; 2 sale di lettura/studio, che si affacciano sulla sala centrale e sono differenziate a seconda delle varie categorie di utenti e delle loro esigenze; 3 sale polivalenti, poste sul lato orientale dell area, con partizioni interne modificabili e potenzialmente indipendenti dal resto della biblioteca.

3 2 DESCRIZIONE DEGLI SPAZI Il nuovo edificio occupa una superficie utile lorda di circa mq.1300 e si sviluppa secondo quattro livelli. 2.2 PIANO TERRA Comprende le parti più pubbliche della biblioteca ed è costituito da vari ambienti collocati attorno alla sala centrale di consultazione, posta al livello inferiore e aperta su tutti i lati. Questo è il livello distributivo principale della biblioteca dal quale si può accedere in tutti i diversi spazi, da qui chiaramente visibili e leggibili, attraverso una galleria che corre intorno al vuoto della sala centrale. Nell angolo nord-est è posto l accesso di servizio dal quale è possibile rifornire direttamente i vari spazi della biblioteca, il deposito dei libri, tramite montacarichi, e le sale polivalenti area di ingresso Posta sul lato occidentale del fabbricato di fronte all area pedonale, a cui si accede attraversando una piccolo atrio coperto ricavato all interno della facciata, è l unico luogo di entrata ed uscita per gli utenti della biblioteca ed è dotato di una barriera antitaccheggio. Qui si trova il banco informazioni e controllo dove si possono ricevere gli orientamenti generali e lasciare gli effetti personali nel guardaroba e negli armadietti. E in contatto con i collegamenti verticali principali (scale e ascensore) e da qui si accede direttamente all area di consultazione. A lato dell ingresso è posta la vetrina del Consorzio Maranello Terra del mito, la cui sede occupa il volume posto nell angolo nord-ovest dell edificio. Lungo il fronte ovest sono posti gli uffici amministrativi formati dalla segreteria e dalla direzione, a cui si accede tramite un disimpegno posto nel retro del banco di informazioni emeroteca e mediateca In prossimità dell area di ingresso sono collocate le funzioni non propriamente interessate alla fruizione dei libri, che possono essere raggiunte direttamente dall ingresso senza interferire con il resto della biblioteca. Si tratta dell emeroteca posta sul lato settentrionale, dotata di comode poltrone per la lettura di riviste e quotidiani e di un illuminazione diretta laterale. Qui si possono consultare direttamente le riviste poste negli scaffali aperti e negli espositori a libero accesso. La videoteca, l audioteca e le postazioni internet sono state localizzate nell angolo sud ovest dell edificio, la mediateca, una sala appartata dal resto della biblioteca per evitare interferenze con il resto degli ambienti e consentire l eventuale ascolto e visione dei materiali qui collocati ludoteca e lettura bambini La zona centrale a sud del piano terra è occupata dall area destinata alla biblioteca dei bambini. Si è differenziata la zona ludoteca e di lettura da 0 a 6 anni, da quella dai 6 ai 10 anni con semplici arredi, lasciando la possibilità di gestire tale spazio da parte degli operatori. L area è facilmente raggiungibile dall ingresso ed è a diretto contatto con una zona di servizi riservata ai bambini. E prevista un illuminazione dall alto mediante ampie finestrature dotate di brise-soleil regolabili.

4 2.2.4 sala polivalente e sala esposizioni Sono collocate nel lato est dell edificio e sono dotate di ingresso indipendente e di accesso diretto ai servizi igienici, per poter essere fruite anche durante gli orari di chiusura della biblioteca. Si tratta di un grande spazio di ml.18 x 7 che occupa l intera altezza dell edificio (ml.6 ca.), che può essere utilizzato in modo flessibile tramite l impiego di elementi divisori amovibili per attività di laboratorio, corsi, riunioni, conferenze ed esposizioni. Lo spazio è in prossimità della biblioteca dei bambini che possono facilmente accedere ai laboratori e, data la sua collocazione e la delimitazione perimetrale mediante murature piene, risulta isolato sia visivamente che acusticamente dal resto della biblioteca. Le sale sono collegate tramite un montacarichi e delle scale di servizio al magazzino della biblioteca per potervi riporre le sedie, gli arredi i materiali necessari agli allestimenti delle mostre e delle attività previste. 2.3 PIANO INTERRATO E direttamente accessibile dall ingresso tramite una ampia scala ed è formato dalla sala di consultazione, dal deposito dei libri e dal magazzino sala di consultazione E l ambiente centrale che attraversa l intero corpo di fabbrica della biblioteca e attorno al quale ruotano tutti gli altri spazi. E formato da uno spazio quadrato di lato pari a circa ml.12 e di altezza di ml.8.50, illuminato dall alto da un grande lucernario vetrato, opportunamente schermato da brise-soleil regolabili. E destinato alla fruizione dei cittadini di Maranello senza differenziazione di studi. Qui sono collocati i libri di interesse generale e di letteratura e ci sono i cataloghi generali della biblioteca. I volumi contenuti sono circa e possono essere presi direttamente dagli scaffali aperti che occupano i tre lati della sala fino all altezza di ml.3,50 o indirettamente tramite richiesta al banco prestito che si trova nel lato a nord della sala in diretto contatto con il deposito dei libri della biblioteca deposito libri e magazzino Sono collocati sul lato nord e sono in collegamento diretto sia con la sala di consultazione, sia con il montacarichi e le scale di servizio che portano all ingresso di servizio e alle sale polivalenti. I libri contenuti all interno del deposito sono circa e possono essere distribuiti attraverso il banco di distribuzione e prestito. 2.4 PIANO PRIMO Contiene le sale di lettura differenziate a seconda dei livelli di studi e l archivio storico. Gli spazi si affacciano sulla sala centrale e sono serviti dalla scala e dall ascensore sale di lettura Le sale di lettura sono collocate lungo i lati liberi dell edificio (ovest e nord). Sul lato nord è posta la lettura per i ragazzi dagli 11 ai 14 anni (scuola secondaria del primo ciclo), mentre sul lato ovest la lettura per le scuole secondarie del secondo ciclo e per gli universitari. Quest ultima si affaccia su un loggiato che da sulla zona a verde e pedonale antistante, nel quale è possibile svolgere lettura all aperto.

5 2.4.2 archivio storico E posto sopra il Consorzio, all interno del volume angolare dell intero edificio. E una collocazione dal significato simbolico che vede la Storia e la Tradizione locali come perno della cultura. Alle pareti sono presenti ampie librerie chiuse da vetrate scorrevoli, mentre al centro è posto un contenitore per manoscritti e documenti rari e un tavolo per la consultazione. 2.5 PIANO SECONDO Il piano secondo è costituito dal piccolo volume della caffetteria che sorge sull intero edificio a forma di piccola torre che rappresenta la torre di controllo della navicella dell ingegno. E possibile fruire della copertura piana del volume angolare come terrazzo all aperto direttamente accessibile dalla caffetteria caffetteria E posta all interno di un volume vetrato di ml.7,50x7,50 circa, con copertura metallica verniciata di rosso Ferrari. E dotata di un bancone collegato con un piccolo ambiente per dispensa e preparazione vivande, un servizio igienico e una zona con due tavolini. 3 MATERIALI, ARREDI E ILLUMINAZIONE Il progetto prevede l utilizzo di materiali naturali, presi dalla tradizione costruttiva del luogo, sempre seguendo il principio-guida del legame con il contesto storico-ambientale. Le superfici esterne sono rivestite di mattoni a vista attraversati da alcune fasce di ceramica in mattonelle cm.10x10 rosso Ferrari. I serramenti sono in alluminio verniciato anch essi in colore rosso Ferrari. All interno si tende a creare un ambiente confortevole e un senso del domestico, con l impiego di arredi comodi in materiali eco-compatibili. Gli scaffali sono previsti in legno, come i tavoli e le sedie. L illuminazione artificiale sarà di tipo differente a seconda dei vari tipi di lettura e di attività: sono previste lampade da tavolo per le zone studio, sistemi di illuminazione a soffitto per quanto possibile per non compromettere la flessibilità degli spazi. L illuminazione naturale è costituita da finestrature ampie nei lati ovest ed est dell edificio, mentre nelle zone in cui non è possibile collocarle per l aderenza ad altri fabbricati è prevista un illuminazione dall alto tramite ampi lucernari opportunamente filtrati da sistemi di brise-soleil regolabili. 4 SISTEMAZIONE SPAZI ESTERNI E prevista una risistemazione dell area di pertinenza con lo spianamento della leggera differenza di quota esistente tra il lato nord e il lato ovest, in modo da creare un unico piano di imposta dell edificio. Nella zona ad ovest si crea un unica zona pavimentata in autobloccanti, simili a quelli presenti nel marciapiedi di via Vittorio Veneto, per permettere un ingresso agevole alla biblioteca e dare un maggiore respiro alla sua facciata principale. La stessa pavimentazione verrà ripresa lungo il lato nord per creare un idoneo marciapiedi di pertinenza. La progettazione degli spazi esterni comunque andrebbe studiata in relazione all intero isolato e alla via Vittorio Veneto per poter creare una continuità di forme e materiali.

6 ALLEGATO N. 1 VALUTAZIONE DI MASSIMA DEI COSTI DELL INTERVENTO COSTO REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO 1) DEMOLIZIONI ,00 2) SCAVI E REINTERRI ,00 3) STRUTTURA IN C.A ,00 4) PONTEGGI ,00 5) MURATURE INTERNE ED ESTERNE ,00 6) SOLAI ,00 7) VESPAI, SOTTOFONDI ,00 8) ISOLAMENTI ED IMPERMEABILIZZAZ ,00 9) INTONACI ,00 10) TINTEGGI ,00 11) PAVIMENTI E RIVESTIMENTI ,00 12) DAVANZALI, SOGLIE, BATTISCOPA ,00 13) SCALE INTERNE ,00 14) SERRAMENTI INTERNI ED ESTERNI ,00 15) COPERTURA ,00 16) LATTONERIA ,00 17) OPERE IN FERRO ,00 18) RETE FOGNARIA ,00 19) SISTEMAZIONE ESTERNA , TOTALE COSTO EDIFICIO , ,00 COSTO ALLACCIAMENTI ALLE RETI 20) ALLACCIAMENTI RETI ,00 21) CENTRALE TERMICA ,00 COSTO IMPIANTI 22) IMPIANTI TERMOIDROSANITARI (compresa Assist. Muraria 30%) ,00 23) IMPIANTI ELETTRICI (compresa Assist. Muraria 50%) ,00 24) IMPIANTI CLIMATIZZAZIONE (compresa Assist. Muraria 10%) ,00 25) IMPIANTI ANTINCENDIO (compresa Assist. Muraria 10%) ,00 26) IMPIANTI ASCENSORI (compresa Assist. Muraria 20%) , TOTALE COSTI EDIFICIO + IMPIANTI ,00 COSTO ARREDAMENTI INTERNI ,00 SPESE TECNICHE CORRELATE 5.000, TOTALE GENERALE A BASE D ASTA ,00 N.B. La presente valutazione non prevede le spese tecniche di progettazione e direzione dei lavori e quelle relative al coordinamento per la sicurezza (il cui ammontare complessivo può essere stimato in circa ,00) né l I.V.A. di legge.

1) RELAZIONE DI PROGETTO

1) RELAZIONE DI PROGETTO 1) RELAZIONE DI PROGETTO Il progetto prevede la realizzazione di una biblioteca di area delle arti, commissionata dall Università degli studi di Roma Tre, da realizzarsi nel quartiere Testaccio di Roma,

Dettagli

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE 29M15 CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA IN COMUNE DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE INTRODUZIONE L idea per la nuova biblioteca di maranello, nasce innanzitutto da due

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Sigla: MRNLL PREMESSA

RELAZIONE GENERALE. Sigla: MRNLL PREMESSA RELAZIONE GENERALE PREMESSA Il progetto presentato per la nuova biblioteca del Comune di Maranello punta a valorizzare gli aspetti di identità del capoluogo attraverso un edificio che, reinterpretando

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Comprensorio ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano. Laboratori C/O ex lavanderie Caratteristiche generali dell intervento Dimensioni degli spazi Normative - Tipi di opere - Materiali RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

1) Si rende necessario stabilire dei Costi base di costruzione, per varie ipotesi di

1) Si rende necessario stabilire dei Costi base di costruzione, per varie ipotesi di ALLEGATO 2 CALCOLO COSTO DI COSTRUZIONE PER EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA COMMERCIALI, DIREZIONALI E TURISTICHE (modificato in base agli adeguamenti del 204 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 204/2469) ) Si

Dettagli

LOCALI DA PULIRE Numero locali da pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note

LOCALI DA PULIRE Numero locali da pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note EDIFICIO N. 1: SEDE MUNICIPALE - PIAZZA BEROZZI N. 3 DA PULIRE pulire Mq. pavimenti Mq. vetri Note Uffici 22 595,00 82,00 Corridoi - atri 3+2 264,00 5,00 Uno per piano Bagni 7 66,00 14,20 2+2+2+1 Antibagni

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

ECO-EFFICENCY. I vantaggi economici della diffusione degli impianti geotermici sono dunque:

ECO-EFFICENCY. I vantaggi economici della diffusione degli impianti geotermici sono dunque: L oggetto del concorso riguarda la realizzazione della nuova biblioteca civica di Maranello sul sedime di un edificio industriale dismesso e in un tessuto residenziale ormai consolidato. La terra dei motori

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta

Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta Il restauro della Biblioteca del Palazzo della Consulta PROGETTO PRELIMINARE E DISEGNI ORIGINALI DEGLI AMBIENTI DELLA NUOVA BIBLIOTECA DELLA CORTE COSTITUZIONALE (www.cortecostituzionale.it) Criteri generali

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano

Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Progetti Roberto Gamba filippo taidelli Ristrutturazione di un edificio in via Zenale, Milano Sezione schematica dell intervento. Nella pagina a fianco: la facciata su strada, affiancata al volume sul

Dettagli

TI004 RELAZIONE GENERALE

TI004 RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE SOMMARIO 1 PREMESSA 1 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 1 2.1 Le strategie progettuali 1 2.2 Il programma economico 1 2.3 Il programma funzionale 1 2.4 Sistemi distributivi e spazi di relazione

Dettagli

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi INQUADRAMENTO GENERALE * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi FRONTE NORD - ACCESSO * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca

RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca RESIDENZA LA VIGNA Via Legobbe CH - 6710 Biasca 9 APPARTAMENTI ECOLOGICI MINERGIE SU MISURA PER TE CONSEGNA PREVISTA FINE 2016 Appartamenti da 2 1/2 & 4 1/2 locali Gennaio 2015 LA VIGNA Progettazione,

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014 Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione Venezia, 8 maggio 2014 La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del costo di costruzione di un opera

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

Indaco Immobiliare S.r.l. VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO

Indaco Immobiliare S.r.l. VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO VIA SANT ANATALONE 5 - MILANO CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO - Certificazione energetica in classe B; - Muratura perimetrale esterna ad elevato isolamento termico ed acustico; - Box al piano terra con accesso

Dettagli

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.);

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.); RELAZIONE TECNICA Il Piano di Recupero interessa un ambito che comprende l edificio ad uso residenziale di Via Catania n. 126 (foglio 25, mappali 112 e 198) di proprietà ALER, noto come casa di plastica

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento BRESCIA biblio 1. Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento è senza dubbio il banco di accoglienza per quattro operatori nell area ricezione e prestito al piano terra. Spesso il mobile ricezione

Dettagli

Residenziale VIA RICCIONE

Residenziale VIA RICCIONE Residenziale VIA RICCIONE MODENA SUD, in prossimità di via Forlì, parte privata del Comparto Salvo D Acquisto est, realizziamo palazzina signorile di sole 6 unità abitative Modena zona SALVO D ACQUISTO

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Provincia di Milano RISTRUTTURAZIONE VILLA BESOZZI Piazza Manzoni, 2 Proprietà: ASF & Servizi alla Persona - Carugate Rif. COMPUTO METRICO Unità di misura Quantità Prezzo Un.

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze

Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze Allegato h) Relazione tecnica sul locale ad uso Caffetteria-Ristoro all interno dell ex Convento delle Oblate, via dell Oriuolo 26, Firenze A. Caratteristiche del locale caffetteria ristoro. Il locale

Dettagli

Procedimento sintetico di costo

Procedimento sintetico di costo Procedimento sintetico di costo La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del più probabile costo di costruzione di un opera fondata sul confronto dell opera da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. L'intervento di manutenzione straordinaria in progetto è funzionale al recupero degli spazi ai fini sociali e/o culturali.

RELAZIONE TECNICA. L'intervento di manutenzione straordinaria in progetto è funzionale al recupero degli spazi ai fini sociali e/o culturali. RELAZIONE TECNICA 1. PREMESSA L obbiettivo generale del progetto è la completa rifunzionalizzazione dell'edificio Ex Poste posto in via Nicolò dell'abate civ 66, collocato immediatamente sul fronte sud

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019

REGGIO EMILIA ALLOGGIO ERE0019 ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO 6 REPARTO INFRASTRUTTURE RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA REGGIO EMILIA Via Antonio Allegri n 10 ALLOGGIO ERE0019 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

CARUGATE VILLA SINGOLA E RISTRUTTURAZIONE SCHEDA CANTIERE 001 STATO DEI LUOGHI. Casa anni 70 con giardino privato. LAVORI ESEGUITI

CARUGATE VILLA SINGOLA E RISTRUTTURAZIONE SCHEDA CANTIERE 001 STATO DEI LUOGHI. Casa anni 70 con giardino privato. LAVORI ESEGUITI CARUGATE VILLA SINGOLA E RISTRUTTURAZIONE SCHEDA CANTIERE 001 Casa anni 70 con giardino privato. LAVORI ESEGUITI Edificazione nuova villa singola chiavi in mano in ampliamento alla esistente, ristrutturazione

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29

10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 10 - scuola in via Pietro Antonio Micheli 21, 29 MATRICOLA EDIFICIO 3040, 3041 MUNICIPIO II ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1451 CATASTO foglio 546 part. 37 TIPO DI SCUOLA liceo ginnasio DENOMINAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2

6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 6 - scuola in Piazza Ruggero di Sicilia, 2 MATRICOLA EDIFICIO 3003 MUNICIPIO III ARCHIVIO CONSERVATORIA posizione 1035 CATASTO foglio 589, part. 53 TIPO DI SCUOLA Materna comunale Istituto Comprensivo

Dettagli

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE

Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE VALORE DI COSTRUZIONE Ufficio Di Milano PREZZARIO DI MASSIMA PER LE STIME N.C.E.U. DELLE UNITÀ IMMOBILIARI A DESTINAZIONE SPECIALE E PARTICOLARE A VALORE DI COSTRUZIONE 1 22/01/02 Revisione generale M.Chiavarini M.Di Giulio

Dettagli

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434

LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 LOTTI n. 9-10 Dorsoduro 434 Ubicazione Planimetria sub 7 LOTTO N. 9 Planimetria sub 8 LOTTO N. 10 Stato dell immobile sub 7 LOTTO N. 9 Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato di forma rettangolare

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA

CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE. n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA CONCORDATO PREVENTIVO GIRARDI S.p.a. IN LIQUIDAZIONE n. 23/2010 del Tribunale di VICENZA Invito a presentare Manifestazioni di interesse all acquisto dell immobile di cui al sottoindicato Con il presente

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE COMUNE DI VENEZIA Oggetto: RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE per frazionamento

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo Laboratorio Integrato di Tecnologia Unità Didattica di Estimo a.a. 2010-11 Docente: Renato Da Re Collaboratrice: Valentina Antoniucci La stima analitica del valore di costo: il computo metrico estimativo

Dettagli

COSTRUIAMO LA TUA CASA

COSTRUIAMO LA TUA CASA VENDITA DIRETTA - 0432 575379 Visione d insieme ville D ed E Due ville di pregio e qualità a Godia nella immediata periferia Nord-Est di Udine con vista diretta sulle prime propaggini delle Alpi Orientali

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA.

PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. PROGETTO PRELIMINARE PER L ALLESTIMENTO DI UN CENTRO PER LA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA PRESSO I LOCALI DELL EDIFICIO 10 DI POLARIS PULA. RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA STUDIO ASSOCIATO degli Ingg. Salvatore

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

La stima del valore di costo

La stima del valore di costo La stima del valore di costo 14.XI.2005 I costi del progetto Due sono i casi con produzioni di beni per progetto: un primo caso riguarda la produzione di beni intesa come promozione immobiliare un secondo

Dettagli

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere.

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere. AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56 Capitolato di massima delle opere. CAPITOLATO DI MASSIMA. L edificio è composto da un piano fuori terra di circa mq. 3.000 frazionabili. L aspetto architettonico,

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

D avide architetto Sigurtà

D avide architetto Sigurtà D avide architetto Sigurtà via dei Ronchi n 26 25017 Lonato (BS) Tel. 347 68 48 384 Fax: 030 913 14 32 E.mail: davidesigurta@libero.it Homepage: members.xoom.it/davide_sig Concorso di progettazione per

Dettagli

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO

OPI163. Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO OPI163 Minimal design CASE PREFABBRICATE IN LEGNO Realizzato in COLLABORAZIONE con Il SISTEMA costruttivo La cura per il dettaglio Timberkube è l innovativo sistema costruttivo modulare realizzato interamente

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it

Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Viale Giusti, 593 55100 - Lucca Tel. +39 0583 955662 Fax +39 0583 91163 www.repartner.it Loc. Al Poggione - Via del Poggione Diecimo - Borgo a Mozzano (LU) Tel. +39 0583 835140 Fax. +39 0583 835230 www.ciprianocostruzioni.it

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

IMPRESA EVA RESTAURI S.n.c. di Massimo D Este & C. Tel. e Fax 0421 331 703 e.m. evarestauri@libero.it

IMPRESA EVA RESTAURI S.n.c. di Massimo D Este & C. Tel. e Fax 0421 331 703 e.m. evarestauri@libero.it SI PRESENTA: La nostra Ditta Edile Artigiana si prefigge di realizzare interventi di qualità elevata prestando cura ed attenzione nella realizzazione di ogni particolare, con una programmazione attenta,

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 CINO località Torchi N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 ANALISI ESISTENTE STATO DI CONSERVAZIONE CONSISTENZA GRADO DI UTILIZZAZIONE GRADO DI INTERESSE AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Dettagli

concorso di progettazione della nuova biblioteca comunale

concorso di progettazione della nuova biblioteca comunale Comune di Maranello fahrenheit 451 concorso di progettazione della nuova biblioteca comunale Relazione tecnico/illustrativa Strategia d'intervento Il progetto prevede il mantenimento prevalente dell'edificio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1

REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 REALIZZAZIONE DI UN EDIFICIO AD USO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI VITERBO VIA MONTE GRAPPA, 1 ESTRATTO DEL CAPITOLATO LAVORI DEMOLIZIONI Demolizione edificio esistente SCAVI E RINTERRI Scavo di sbancamento

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

TRIBUNALE DI TREVISO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI

TRIBUNALE DI TREVISO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI - 1 - Es. Imm. 173/2010 TRIBUNALE DI TREVISO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI CONSULENZA TECNICA d UFFICIO 1 ) UBICAZIONE L appartamento con posto auto coperto oggetto di esecuzione immobiliare è ubicato

Dettagli

ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio

ALLEGATO A ELENCO LAVORI RICHIESTI a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio 22) e BIBLIOTECA COMUNALE (Via Matteotti 75 77):----------- I lavori oggetto del servizio dovranno essere

Dettagli

New Residence a Udine in Via Martignacco 117

New Residence a Udine in Via Martignacco 117 New Residence a Udine in Via Martignacco 117 Premessa La costruzione è formata da due palazzine unite tra di loro identificate con la lettera A e la lettera B, ciascuna palazzina è composta da n.6 unità

Dettagli