Capitolo 3. Analisi di casi: esempi e proposte di soluzioni interdisciplinari. 1 il caso accor

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 3. Analisi di casi: esempi e proposte di soluzioni interdisciplinari. 1 il caso accor"

Transcript

1 Capitolo 3 Analisi di casi: esempi e proposte di soluzioni interdisciplinari Di.seguito.vengono.presentati.alcuni.casi.aziendali,.che.costituiscono.i.materiali.di.lavoro.che.il.docente.potrà.assegnare.agli.studenti.e.che.saranno.il.punto.di.partenza.per. analisi.di.tipo.diverso..potranno.avere.per.oggetto,.alternativamente,.strategie.di.gestione.di.business,.innovazione.tecnologica,.metodologie.di.gestione.del.personale,.piani. di.marketing.ecc. La.seconda.parte.del.capitolo.propone.degli.spunti.di.esercitazione.e.verifica,.collegati. ai.materiali.di.lavoro.presentati,.con.la.relativa.traccia.risolutiva..il.docente.sarà.comunque.libero.di.variare.o.integrare.le.esercitazioni.e.i.quesiti,.a.seconda.dell aspetto.contenutistico.che.desidera.eventualmente.approfondire. 1 il caso accor I materiali di lavoro Accor Group Hospitality is not a job, it s the way we are Background Quella del settore alberghiero e ristorativo è un industria vibrante, che copre l ampia gamma di servizi degli hotel, resort, ristoranti, bar e, più in generale, i servizi di intrattenimento, viaggi e turismo, eventi, e molto altro. Il business multimiliardario che interessa il settore è fortemente condizionato alla disponibilità di tempo e di reddito della clientela. La recente recessione che ha avuto luogo a partire dal 2007 ha avuto quindi sull industria effetti drammatici. Il mercato, come conseguenza, si è fortemente evoluto e ha posto grande attenzione alla qualità dei servizi erogati e alle competenze professionali che sono strategicamente necessarie al successo. L aumento della competizione, unitamente a nuove opportunità di low-cost travelling hanno rifocalizzato l attenzione sul capitale umano delle grandi catene alberghiere. Ad oggi, Scuole e Università offrono programmi formativi professionalizzanti e specifci (con possibilità di internship ed esperienze di training) per coloro i quali intendano ricoprire posizioni all interno del settore dell Hospitality e del Food and Beverage. Hotel Manager, Executive Chef, Meeting and Convention Planner, Concierge e Maitre sono diventate fgure professionali chiave, in cui ben poco è lasciato all improvvisazione, ma che piuttosto hanno acquisito, nel tempo, competenze robuste per la gestione del singolo business e della clientela. Chiunque desideri intraprendere una carriera in questo settore si prepara a un percorso qualifcante e qualifcato, denso di aspettative e sfdante. Accor Group: la storia Accor è un gruppo di servizi francese presente nel settore alberghiero, in quello delle agenzie di viaggi, nella ristorazione e nella gestione di casinò. Nel 1967 Paul Dubrule e Gérard Pélisson fondarono la SIEH (Société d Investisse- 38

2 ment et d Exploitation Hôteliers), cui seguì l inaugurazione del primo albergo della catena Novotel lo stesso anno a Lille. Nel 1974 fu lanciata Ibis, la nuova catena alberghiera che aprì il suo primo hotel a Bordeaux. In quegli anni, furono fondate la catene Mercure (1975) e Softel (1980). Nel 1982, la SIEH acquisisce il gruppo Jacques Borel International, presente nel campo della ristorazione in concessione, nella ristorazione collettiva e leader mondiale nel campo dei buoni pasto. Fu con questa acquisizione che nacque, nel 1983, il gruppo Accor. Nel 1985 Accor acquisisce gli hotel Formule 1 e nel 1990 il gruppo Motel 6 negli Stati Uniti. È con questa espansione che Accor diventa leader mondiale nel campo alberghiero. Gli anni 90 e 2000 Gli anni 90 rappresentano un momento di svolta per la compagnia che, attraverso alcune strategie di diversifcazione di successo, acquisisce la Compagnie Internationale des Wagons- Lits et du Tourisme e la SPIC (che prese il nome di Accor Casinos). Il gruppo continua il suo sviluppo acquisendo diverse catene (Red Roof Inns e CGIS, nel 1999), e lanciando il servizio accorhotels.com e Suitehotel in Europa. Il gruppo acquisisce infne anche una partecipazione del 30% in Club Méditerranée nel Dal 1976, Accor è presente in Italia anche con i marchi Ticket Restaurant e Accor Services, che offrono oggi alle aziende e agli enti pubblici una gamma completa di servizi, come i sistemi di buoni pasto. Tale sistema, del tutto innovativo, nacque in Gran Bretagna nei primi anni Cinquanta grazie a un intuizione di John Hack, che rivoluzionò non solo le modalità di pagamento del pasto, ma anche le abitudini dei lavoratori britannici del post-bellico. (omissis) Il Gruppo sfrutta l esperienza e la competenza acquisite in 45 anni di attività in hotel di tutto il mondo. Le strategie implementate per conseguire i propri obiettivi sono basate su: 1. un marketing di grande effcacia; 2. lo sviluppo di tecniche di e-commerce (tramite il portale accorhotels.com, che ha oltre 8,5 milioni di visitatori al mese); 3. una competenza tecnica straordinaria, derivante dalla lunga esperienza nel settore; 4. la conoscenza profonda dei segmenti di mercato e delle specifcità di ognuno dei cinque continenti; 5. una gestione degli asset fnanziari per l ottimizzazione della performance e del business. Le strategie di sviluppo puntano al consolidamento del gruppo soprattutto in Europa e ad affermare la sua presenza nei Paesi emergenti, in Asia e nell America Latina. Le Risorse Umane in hotel Le oltre persone impiegate negli hotel Accor concorrono alla costruzione del successo del Gruppo. Sempre alla ricerca di nuovi talenti, Accor ha inoltre attivato oltre 150 corsi e 17 Accademie di formazione. Tali scelte si rivelano oggi vincenti, in un momento storico in cui le job description nel settore dell Hospitality e del Food and Beverage sono in fortissima evoluzione. Obiettivo di Accor non è solo la costruzione di profli tecnici o di competenze specifche, ma la formazione di talenti di cui il settore del futuro non potrà fare a meno per creare nuovi business e mantenere la leadership nel mercato. Ad oggi, l organigramma di ciascun hotel Accor si presenta come segue: Organigramma di un Accor Hotel General Manager Finance Sales and Marketing & Conference & Catering Sales Executive Assistant Manager Human Resources PA to the General Manager Rooms Division F & B Kitchen Technical Services Housekeeping Front Office Revenue / Reservations Duty Management 39

3 L organigramma vede al vertice il General Manager. A diretto riporto dello stesso, troviamo le funzioni di Finance (con a capo il Financial Controller), Marketing and Sales (e il Suo Direttore), l Executive Assistant Manager, le Risorse Umane e il PA del General Manager. La struttura si articola poi nella Divisione Room, nella Divisione Food & Beverage (che ha un proprio Direttore), Kitchen (diretta dall Executive Chef), Servizi Tecnici e di Pulizia. I Responsabili delle Funzioni e delle Divisioni all interno dell hotel concorrono, con i propri obiettivi specifci, al conseguimento degli obiettivi globali di business, che possono riassumersi nei seguenti punti: 1. erogazione di servizi di qualità mediante controllo degli standard Accor e del loro mantenimento; 2. addestramento del personale mediante affancamento e coaching; 3. valutazione delle risorse impiegate nelle varie divisioni/funzioni; 4. pianifcazione delle risorse (umane e fnanziarie) e delle attività; 5. contributo all elaborazione dei budget e/o dei piani di marketing e all analisi della concorrenza; 6. elaborazione di report mensili per il monitoraggio delle attività; 7. analisi degli scenari e implementazione di misure correttive. La divisione Food and Beverage, in particolare, è divenuta in questi ultimi anni un fattore critico di successo nel settore dell hospitality, in grado di concorrere in maniera signifcativa sulla redditività. Responsabile della pianifcazione, del coordinamento e del controllo di tutte le attività alimentari nell hotel, la Divisione concorre alla defnizione degli obiettivi dell hotel, assicurando, sulla base del piano commerciale e del General Manager, il coordinamento dei processi relativi alla ristorazione al fne di conseguire gli obiettivi di budget, in termini di redditività e sviluppo, di soddisfazione del cliente, di gestione ottimale delle risorse. Tratto da clil Accor professions guide: Food and beverage manager (m/f) The job in a few points Ensure the high standard of services provided for guests and the attainment of the department s qualitative and quantitative targets Convey the hotel s image and atmosphere through his/her exemplary attitude, warm and friendly welcome, availability and frequent presence in the feld Manage and motivate the teams in order to improve sales and the quality of F&B services Improve the department s results by increasing sales and the productivity of F&B points of sale. Personality Team spirit Guest oriented, outgoing and service minded Flexible Responsive Leadership Decisive Autonomous Entrepreneurial Excellent presentation Physical resistance Innovative Well organized. 40

4 Activities Professional Techniques/Production Organise and supervise the preparation of points of sale according to activity forecasts In conjunction with the head chef, prepare the menus, organise purchases and manage stocks Enhance guest satisfaction and check that sales materials are well presented Prepare or check the work schedules, ensuring that they are consistent with activity forecasts Prepare the commercial action plan for the department and ensure implementation Work in close collaboration with the sales department to ensure a high standard of service and satisfaction for meetings customers. Management/Sales Draw up the department s annual budget in line with hotel strategy Check inventories that have been carried out Know the market and customer expectations Develop team spirit and motivation by creating a good working atmosphere Take part in or validate recruitments Help employees improve their skills and provide support for career development. Hygiene/Personal Safety/Environment Be responsible for keeping the equipment and furniture in good conditions Ensure machinery works reliably and follows up any technical work Ensure that all F&B areas are kept clean and that hygiene and food safety standards are respected Respect and ensure respect of the hotel s commitments to the Environment Charter (saving energy, recycling, sorting waste etc.) Be responsible for the security of people and property in the area under his/her remit. Qualifcation/Experience Diploma or degree in hospitality food & beverage, professional hospitality degree or hospitality management school and/or anyone eager to work in the sector regardless of their educational background, pending validation of their skills At least 5 years experience in the sector and impeccable knowledge of F&B professions Computer literate Fluent in the national language, business english (and a 3rd language would be a plus). Progression Food and beverage manager in a different brand of Accor, or in a bigger capacity Rooms manager (with training) International mobility. Tratto da 41

5 2 il caso rivareno gelati I materiali di lavoro La storia RivaReno RivaReno nasce da una passione: quella per il cibo e per il gelato di qualità Una passione condivisa da quattro amici (ex manager; la sua compagna di vita e di affari, ex giornalista della BBC; un affermato gelatiere di Bologna e un avvocato) che hanno deciso di iniziare a lavorare insieme per portare sul mercato il miglior gelato italiano possibile. Una missione basata sul lavoro di squadra cui ognuno ha contribuito secondo la propria esperienza. Un idea che presto ha trovato sostegno in altri imprenditori che hanno così contribuito alla crescita di RivaReno fno a farne un marchio simbolo del buon gelato di qualità. RivaReno è un nome che evoca Bologna, la città dove tutto è iniziato. Un nome ricco di signifcato, scelto per rendere omaggio alla terra Emiliana e sottolineare la passione e la tradizione di forza e intensità che caratterizzano questa regione, i suoi abitanti e il loro operato. Fin dalla sua nascita, nel 2004, RivaReno si è infatti sempre contraddistinta per la volontà di portare sul mercato un prodotto con una qualità senza compromessi. Un principio fondamentale che ancora oggi governa i rapporti tra soci e ne orienta le scelte strategiche. Il primo negozio RivaReno apre a Milano nel 2005, in via Col di Lana, seguito via via da altri aperti da imprenditori che hanno creduto nel progetto. Un successo che deriva dall unicità del gelato RivaReno, le cui ricette originali sono state costantemente rielaborate ed affnate fno ad arrivare al gelato perfetto ed equilibrato che RivaReno oggi offre ai suoi consumatori. Un prodotto unico nel gusto e nella consistenza che subito è stato premiato della critica eno-gastronomica nazionale. Fin dal suo secondo anno di vita RivaReno è stato infatti segnalato dalla guida del Gambero Rosso e su Golosario; nel 2008 ha ricevuto il premio Migliore gelateria d Italia dell associazione Golosaria. I negozi RivaReno sono inoltre segnalati e recensiti a pieni voti sulle principali guide di viaggio come Lonely Planet e Trip Advisor. E proprio da Trip Advisor RivaReno ha appena ricevuto il Certifcato d Eccellenza. Un riconoscimento importante che arriva direttamente dal pubblico che, sul sito di recensioni di viaggi più grande del mondo, ha voluto lasciare la propria testimonianza di apprezzamento per la bontà e la qualità del gelato Riva- Reno che ha così raggiunto uno dei primi posti nella classifca di gradimento. L analisi del prodotto Le creme classiche L interpretazione RivaReno delle ricette della migliore tradizione gelatiera italiana - Quindici gusti diversi che hanno come ingrediente principale il latte e la panna. Consistenze vellutate e sapori avvolgenti che RivaReno ottiene grazie all impiego dello zucchero di canna che rende il gelato più fuido senza appesantire il gusto, delle proteine del latte e della farina di carruba che aiutano ad amalgamarlo meglio. Le specialità Le ricette esclusive RivaReno che troverete soltanto nei nostri negozi - Abbinamenti di gusti inediti, ricercati e formulati con materie prime tradizionali e ingredienti esotici. Le nostre specialità sono frutto della creatività RivaReno e della curiosità verso le tradizioni culinarie degli altri paesi. Gelati alla frutta Tutto il sapore della frutta fresca appena colta - Solo vera frutta senza l impiego di puree, marmellate o aromi sintetici. I gelati alla frutta RivaReno, detti anche sorbetti perché non contengono latte o suoi derivati, sono realizzati con un contenuto di frutta sempre superiore al 55%. La ricetta è semplice: acqua, frutta, zucchero con l aggiunta di farina di carruba e alghe marine che aiutano ad ottenere un prodotto dalla consistenza cremosa e vellutata. Granite Acqua, zucchero e frutta fresca, senza l aggiunta di sciroppi, coloranti o aromi. 42

6 Bontà rinfrescanti e dissetanti che RivaReno prepara solo nei mesi estivi utilizzando un particolare mantecatore verticale che permette di ottenere granite siciliane dalla particolare fnissima consistenza. L offerta tende a corrispondere a quella dei sorbetti: fragola, passion fruit, limone, melone, pesca, lampone, bergamotto con in più caffè, mandorla, menta piperita, pompelmo rosa, anguria, piña colada. Intenso, vellutato, cremoso. Buono perché sempre fresco Un piacere per il palato dalle caratteristiche inconfondibili che si riconoscono al primo assaggio. Il gelato Riva- Reno è il risultato unico di un giusto equilibrio fra intensità di sapori, consistenza avvolgente e giusta temperatura di servizio. Materie prime di altissima qualità e il loro corretto dosaggio fanno sì che ad ogni assaggio del gelato RivaReno si percepisca chiaramente il gusto di ogni singolo ingrediente. La cura costante nella ricettazione, il dosaggio equilibrato di zuccheri e grassi, uniti a una formulazione attenta impediscono la formazione nel gelato di cristalli di ghiaccio e gli donano un inconfondibile consistenza vellutata e cremosa. La temperatura cui il gelato viene servito, più alta rispetto alla norma, favorisce la percezione distintiva dei sapori dando la sensazione di gustare un gelato meno freddo del solito. Per offrire ai propri clienti un gelato sempre fresco, ogni gelateria RivaReno produce quotidianamente la quantità di prodotto necessaria per la giornata minimizzando gli avanzi ed evitando che la bontà e la qualità del gelato vengano alterate. Questo accade anche in inverno, quando il consumo di gelato si riduce. Nella stagione fredda, infatti, RivaReno ridimensiona l offerta di gusti e la quantità di gelato prodotto. Le materie prime Solo materie prime genuine, selezionate e di altissima qualità trovano posto nelle ricette del gelato RivaReno. Ingredienti scelti con cura in tutto il mondo per la loro freschezza, purezza, e per i sapori intensi. Una scelta minuziosa che passa attraverso un attento controllo diretto dei fornitori e dei loro processi produttivi. Il gelato RivaReno è fatto con ingredienti naturali che vengono dosati in maniera corretta per farne percepire distintamente il sapore. Non contiene grassi idrogenati, né conservanti, coloranti o antiossidanti artifciali. Il latte Ingrediente principe del gelato RivaReno è il latte che costituisce oltre il 70% dei gelati alla crema. RivaReno utilizza solo il latte alpino crudo dalle valli dell alto cuneese considerato da sempre come il migliore latte d Italia. Qui il clima rigido e l alimentazione estiva in alpeggio delle mucche favoriscono la produzione di un latte ricchissimo di proteine e di sapore. In particolare RivaReno utilizza il latte della Valle Stura. Latte crudo appena munto che viene pastorizzato solo dopo che sono state preparate le miscele gelato. In questo modo il latte viene cotto una sola volta preservando le sue proprietà organolettiche e proteiche e donando al gelato un sapore unico e inconfondibile. Una scelta distintiva di RivaReno che testimonia la ricerca continua della più alta qualità che non accetta compromessi. La frutta Nei suoi gelati RivaReno utilizza solo vera frutta che viene acquistata direttamente dal singolo punto vendita nei mercati cittadini. Frutta di stagione proveniente, ove possibile, da produzioni locali per assicurare una freschezza e un intensità di gusti senza eguali. Gli agrumi provengono dalla Sicilia, il bergamotto dalla Calabria, l unica regione in grado di produrlo, mentre la frutta esotica viene acquistata solo dalle migliori produzioni internazionali. Ogni gusto alla frutta contiene quantità di frutta superiori al 55%. Il laboratorio Chiunque entri in una gelateria RivaReno è sicuro di gustare un gelato fresco, appena fatto. La freschezza è infatti uno dei caratteri distintivi del buon gelato perché consente di assaporare e di riconoscere il gusto di ogni singolo ingrediente con un mix equilibrato di sensazioni che appagano subito il palato. Più il gelato è fresco, migliore è il suo sapore e la sua struttura. Nelle gelaterie RivaReno il gelato è sempre fresco perché i laboratori lavorano come la cucina di un buon ristorante, producendo giornalmente la quantità necessaria di prodotto; e quando qualche gusto nel corso della giornata fnisce, viene rifatto a seconda del bisogno. Il laboratorio lavora così a ciclo continuo con l obiettivo di minimizzare gli avanzi e offrire sempre un gelato appena fatto. 43

7 Per preservare la qualità e la bontà del gelato, i banchi vendita delle gelaterie RivaReno sono a pozzetti. In questo modo il prodotto non viene esposto alla luce e all aria aperta e non corre il rischio di ossidarsi e di subire alterazioni del gusto e della struttura. Il gelato rimane così sempre cremoso e facile da lavorare per essere servito al meglio. La ricetta La bontà del gelato RivaReno è il frutto della generosità nell uso delle materie prime e della sapienza nella scelta degli abbinamenti e nella lavorazione. Sempre cremoso e mai stucchevole, si caratterizza per un misurato contenuto di grassi e di zuccheri che lasciano spazio al sapore degli ingredienti che caratterizzano ogni gusto. Sapori ben defniti che RivaReno valorizza ulteriormente servendo il gelato su cialde e coni poco zuccherati. Le ricette e la formulazione sono regolarmente rivisitate e controllate per migliorare costantemente il prodotto mentre la ricerca continua di ingredienti nuovi consente di creare abbinamenti inediti per diversifcare l offerta con gusti originali capaci di soddisfare le esigenze di un consumatore sempre più esigente, informato e attento. Attualmente RivaReno ha un offerta di circa 70 gusti diversi che vengono serviti nei punti vendita a seconda delle preferenze locali e delle stagioni. Caratteristici di RivaReno sono i pralinati, i gusti arricchiti con frutta caramellata o secca intera, canditi, cubetti di torte ecc. Un tocco di originalità che rende il gelato ancora più goloso e piacevole da assaporare. Tratto da Italiaatavola.net Voglia di gelato RivaReno A Milano, e non solo, è meta degli appassionati del gelato di qualità, ma come ha fatto, dal nulla, a diventare un marchio così famoso in Italia e all estero? Scegliere un gusto è davvero arduo. Conviene lasciarsi ispirare da quelle voglie improvvise che, dopo interminabili minuti col naso schiacciato sul vetro del bancone frigo, ti chiariscono le idee, finalmente. NewYork New- York, Sweet Alabama o GranTorino? Meglio tutti e tre! Nicola Greco, amministratore delegato della società RivaReno, ci ha raccontato l inizio di questa impresa. Qual è la storia di questo gelato? Tutto è cominciato per caso, come una sfida Io lavoravo alla Ducati, ma a un certo punto ci furono cambi di direzione, e decisi di uscirne insieme a Carlo Di Biagio. Per un attimo pensai di tornare a fare il manager di un azienda automobilistica, poi quella fantasia fu presto superata dal desiderio di cominciare qualcosa di nuovo. Quella del gelato è un idea meditata insieme a mia moglie Lynn Ya Ping, che, essendo orientale, non amava creme e dolci a base di latte. Ma quando, un giorno, a Bologna, la portai alla Cremeria Funivia e vide il gusto al pinolo, che in Oriente è una leccornia, ne rimase impressionata. Da allora ogni settimana dovevo comprarle una vaschetta di quel gusto, da un chilo. Fu allora che ci venne in mente di creare un gelato di qualità da esportare negli Stati Uniti. Come si è evoluto, poi, il progetto? Chiedemmo a Leonardo Ragazzi, della Cremeria Funivia, di comprare le sue ricette, ma lui, invece, decise di unirsi al progetto insieme a un altro amico avvocato. Così, in quattro, creammo la società RivaReno per portare sul mercato un gelato italiano di altissima qualità. All inizio volevamo esportarlo direttamente negli Stati Uniti, poi capimmo che prima dovevamo affermarci come marchio qui a casa. E da allora la nostra missione, basata sul lavoro di squadra, è stata quella di far crescere RivaReno. Da dove viene il nome? Al momento di creare la società pensammo a qualcosa che avesse attinenza con il gelato, ma erano tutti nomi troppo comuni, stra-usati. Allora decisi che ci voleva un nome d impatto e pensai al nome del quartiere che attraversavo tutte le mattine per andare al lavoro in azienda. All inizio mi dissero che non era proprio una buona idea, dato che era un quartiere un po malfamato, ma io lo adoravo ed ero convinto che avrebbe funzionato. Avevo ragione. Dopo tutte le questioni burocratiche, dove avete aperto il primo punto vendita? Nel 2005 decidemmo di inaugurare il marchio a Milano, anche se eravamo indecisi con Roma, ma io sono cresciuto qui e conosco meglio la città. E così l avventura è partita in via Col di Lana, dove l accoglienza è stata molto buona. I clienti hanno apprezzato il gelato e sono sempre tornati. Il successo ci ha incoraggiato e abbiamo aperto altre gelaterie in franchising a Torino, Chieri (Torino), Bordighera, Ferrara, Milano Marittima, Firenze, Pescara, Roma, Ostia, Asti, Pavia, Brescia e Bergamo. Poi in America ci siete arrivati? Eh no ci manca. In compenso ab- 44

8 biamo esportato RivaReno a Sydney e a Malta. Ma in futuro chissà! Ok, parliamo del gelato. Quali sono le sue caratteristiche? Il nostro è un gelato fatto con materie prime di altissima qualità e realizzato secondo antiche ricette che, negli anni, sono state rielaborate e affinate fino ad arrivare al risultato perfetto ed equilibrato di oggi. Utilizziamo zucchero di canna, latte e panna provenienti dalla Valle Stura, la nocciola gentile trilobata delle Langhe, il pistacchio di Sicilia insomma, tutte le eccellenze italiane, anche se non seguiamo per forza l IGP (Indicazione Geografica Protetta) perché non è sempre garanzia di un sapore intenso e distinguibile. E invece a noi interessa essere netti: un gusto diventa RivaReno quando a occhi chiusi si riconosce che cos è! Il cioccolato, poi, è fatto con una miscela di cacao africano, soprattutto quello proveniente dalla Costa d Avorio, che io trovo più amabile, meno acido e aspro, mentre l extrafondente è del Madagascar. E poi? Seguiamo un dosaggio equilibrato di zuccheri e grassi e ciò evita che nel gelato si creino mini cristalli di ghiaccio. In questo modo si ottiene una consistenza vellutata e cremosa. Inoltre, serviamo il gelato a una temperatura più alta rispetto alla norma, dando la sensazione di gustarlo meno freddo del solito, ma con una percezione del sapore più netta e piacevole. Quanti gusti avete? Esattamente 100, che alterniamo a seconda delle stagioni e dei gusti tipici del posto. Ma sono tutti sempre realizzati con ricette originali e precise al microgrammo. Non si può sbagliare! Che tipo di addestramento fate ai vostri dipendenti? Il banconista deve sapere tutto sui gelati, su ogni ingrediente, sulla preparazione; deve saper rispondere alle domande dei clienti e poi, ovviamente, deve realizzare un cono o una coppetta impeccabili. Ci vuole un po, perché il nostro gelato è molto morbido e quindi va adagiato con molta cura, come fosse una crema. Diciamo che per la preparazione completa di un collaboratore ci vuole un mese. Quali sono i gusti RivaReno? Abbiamo Ricotta e fichi, fatto con ricotta di pecora proveniente da un piccolo produttore di Salemi (Trapani) con l aggiunta di fichi interi cotti e caramellati al forno. Poi c è Leonardo, gelato al pinolo mediterraneo arricchito con pinoli interi che tostiamo direttamente in laboratorio per esaltarne la croccantezza. Sweet Alabama, cioccolato e burro d arachidi. NewYork NewYork, d acero canadese biologico e noci pecan caramellate. GranTorino, creato per celebrare i 150 anni dell Unità d Italia, inneggia all unione fra Nord e Sud esaltando il sapore del gianduia fondente, realizzato con le migliori nocciole tonde gentili, con un pizzico di sale di Trapani. Ma ce ne sono tantissimi altri. Si trovano anche gusti classici e gelati alla frutta, vero? Certamente. Le creme sono quelle di sempre, ma preparate con ingredienti speciali, e poi ci sono i gelati alla frutta, fatti con i raccolti di stagione, senza aromi e marmellate, e soprattutto senza latte e derivati. In realtà, sono più sorbetti che gelati, sorbetti cremosi, grazie all utilizzo della farina di carruba e delle alghe marine. Rispetto ad altre note gelaterie, voi per che cosa vi distinguete? Beh, diciamo che ogni marchio ha puntato su un elemento distintivo, noi sulla freschezza. Non produciamo mai grandi quantità di gelato e comunque le dosi variano in base al gusto più richiesto, alla clientela, al giorno della settimana. Ma a fine giornata non deve rimanere mai, perché ogni mattina riprendiamo la produzione e se un gusto finisce già nel pomeriggio ci mettiamo subito al lavoro. Insomma, un gran gelato, riconosciuto da tutti! Già dal 2005 è stato segnalato dalle guide del Gambero Rosso e Il Golosario, poi nel 2008 ha ricevuto il premio Migliore gelateria d Italia dell associazione Golosaria e comunque tutte le gelaterie Riva- Reno sono recensite dalle principali guide di viaggio. Tratto da Arte e scienza del cibo, articolo di Bianca Senatore Come riuscite a realizzare tutto con tanta esattezza? Con un piccolo trucchetto! Ho semplicemente messo in atto le mie capacità tecniche e ho realizzato un software che controlla una bilancia computerizzata. È una specie di mini computer che ha in memoria tutte le 100 ricette: una volta selezionata quella che si vuol preparare, basta seguire le istruzioni. Se c è un errore viene registrato, così che noi sappiamo che cosa è successo. È semplicissimo, tanto che per la formazione di un addetto alla preparazione del gelato ci mettiamo poco, una settimana. Diverso, invece, il discorso per il banconista. Nicola Greco e la moglie Lynn Ya Ping hanno iniziato l avventura per scommessa, spinti dalla voglia di cambiare vita e di investire in qualcosa di buono. Oggi RivaReno è in sedici città italiane, tra cui Torino, Imperia, Firenze e Roma, e in due località estere a Sydney (Australia) e St. Julian s (Malta). 45

9 3 analisi dei casi il caso accor esercizio 1 comprensione del testo: trattazione sintetica di argomenti dopo aver letto l articolo sopra riportato, rispondi ai seguenti quesiti. a. Indica.quali.sono.le.condizioni.ambientali.e.congiunturali.che.hanno.permesso.al. gruppo.accor.di.modificare.la.propria.strategia.di.business. b. Attraverso.quali.fasi.di.sviluppo.la.catena.alberghiera.ha.potuto.diventare.il.leader. mondiale.nel.settore? c. Dopo.aver.definito.il.significato.di.strategia.di.diversificazione,.definisci.quella.attuata.da.Accor,.specificando.in.quale.settore.si.è.sviluppata.e.quali.sono.i.punti.di.forza. sui.quali.si.è.fondata. d. Qual.è.l orientamento.delle.strategie.di.sviluppo.che.il.gruppo.intende.seguire.in.futuro? e. Qual.è.il.punto.di.forza.aziendale.nel.campo.della.gestione.delle.risorse.umane? esercizio 2 completamento completa le affermazioni che seguono. a. Il.modello.organizzativo.di.impresa.della.Accor.Group.è.di.tipo.. b. Elenca.vantaggi.e.svantaggi.del.modello.indicato. VANTAGGI SVANTAGGI c. La.struttura.si.divide.in.cinque..:.... e.nelle.seguenti..:.... d. L area.aziendale.che.maggiormente.concorre.al.raggiungimento.degli.obiettivi.aziendali.è... e. Illustra.quali.sono.gli.obiettivi.generali.di.business.e.a.quale.specifica.area.aziendale.fanno.riferimento:

10 esercizio 3 clil exercise read carefully the statement above; then answer the following questions. a. Describe.the.job.of.a.food.and.beverage.manager. b. Why.has.a.food.and.beverage.manager.to.be.flexible.and.autonomous? c. Why.is.necessary.to.have.a.good.physical.resistance? d. Which.kind.of.professional.training.is.necessary.to.be.a.food.and.beverage.manager? e. Translate.the.chapter. Management/Sales. il caso rivareno gelati esercizio 1 comprensione del testo: quesiti a risposta aperta dopo aver letto gli articoli sopra riportati, rispondi ai seguenti quesiti. a. Qual.è.la.missione.dell azienda.rivareno? b. che.tipo.di.strategia.ha.applicato.l azienda? c. Quali.strumenti.e.attività.vengono.utilizzati.in.fase.di.lavorazione.per.mantenere.gli. alti.livelli.di.qualità.che.caratterizzano.il.gelato? d. Per.quali.ragioni.la.ricetta.del.gelato.RivaReno.rende.il.prodotto.di.standard.così.elevato? esercizio 2 completamento completa le tabelle che seguono. a. Per.ciascuno.dei.prodotti.indicati.indica.un.elemento.qualitativo.che.ha.permesso.al. gelato.rivareno.di.diventare.leader.di.settore. Creme classiche Granite Gelato alla frutta Ricetta PRODOTTO ELEMENTO QUALITATIVO b. Ripeti.l operazione.con.riferimento.ai.diversi.tipi.di.ingredienti.utilizzati.nella.fabbricazione.del.gelato. Materie prime Frutta Latte PRODOTTO ELEMENTO QUALITATIVO esercizio 3 comprensione del testo dalla lettura dell articolo pubblicato sulla rivista emergono ulteriori informazioni in merito alle tecniche di produzione (know how) che contraddistinguono l azienda rispetto ai competitor. leggi con attenzione l intervista riportata e rispondi ai seguenti quesiti. a. Dove.è.avvenuta.la.diversificazione.territoriale? b. I.punti.vendita.aperti.in.Italia.sono.legati.all azienda.da.un.contratto.di.. c. Definisci.giuridicamente.le.caratteristiche.del.contratto. d. Le.materie.prime.utilizzate.hanno.la.caratteristica.IGP..Forniscine.la.definizione.indicando.di.che.cosa.si.tratta. 47

11 e. L azienda.ha.ottenuto.prestigiosi.riconoscimenti.a.livello.nazionale..quali.sono? f. Indica.quali.particolarità.contraddistinguono.l azienda.in.merito.a:..precisione.nella.preparazione.della.ricetta;..formazione.e.addestramento.del.personale. 4 strumenti per la soluzione dei casi A.questo.punto.è.utile.aprire.una.breve.parentesi.per.fornire.alcuni.spunti.utili.ai.docenti. per.far.affrontare.e.studiare.agli.studenti.un.caso.in.modo.analitico..non.si.intende.assolutamente.fornire.una.raccolta.di.regole.da.seguire.in.modo.rigido.e.sequenziale;.al. contrario,.chi.affronta.il.caso.si.troverà.a.disposizione.una.serie.di.possibili strumenti di soluzione.da.selezionare.e.adattare.in.funzione.delle.caratteristiche.del.caso.affrontato. Il.percorso.proposto,.quindi,.deve.essere.intrinsecamente flessibile.perché.deve.adattarsi.a.diversi.tipi.di.casi.che.pongono.problematiche.e.quesiti.diversi.e.forniscono,.di. volta.in.volta,.informazioni.diverse;.quindi.le.operazioni.da.seguire.devono.essere.organizzate in modo logico e collegato al contesto e non da una successione predefinita di operazioni da effettuare. Lo.schema.risolutivo.tiene.conto.dei.seguenti.elementi:. 1. le attività che è opportuno svolgere in fase di analisi della situazione fornita; 2. gli obiettivi da raggiungere richiesti dal caso; 3. gli strumenti da utilizzare per realizzare le azioni previste; 4. i risultati attesi al termine dell analisi. Per.analizzare.correttamente.un.caso.aziendale,.in.primo.luogo.è.necessario.procedere.con.una.lettura attenta della situazione presentata e delle informazioni fornite,. tralasciando.quelle.superflue.e.concentrandosi.invece.sulle.variabili.chiave.che.possono.agevolmente.condurre.agli.obiettivi.e.alle.soluzioni.richieste. Dopo.aver.individuato.e.classificato.i.dati.e.le.informazioni.in.base.alla.loro.importanza,.occorre.individuare i collegamenti presenti tra le variabili interne e le variabili esterne all azienda.considerata.che.definiscono.l ambiente.di.riferimento. Durante.la.lettura.del.testo.è.opportuno.rintracciare.gli.elementi.che.consentono.di.individuare:..i. fattori critici di successo,.vale.a.dire.l insieme.delle.capacità.specifiche.che.distinguono.l impresa.protagonista.dai.concorrenti;..i. vantaggi competitivi,.ovvero.l insieme.delle.conoscenze,.esperienze,.dotazioni.tecnologiche.o.fattori.di.marketing.che.permettono.all azienda.di.collocarsi.nel.mercato. in.una.posizione.di.vantaggio.rispetto.ai.concorrenti. In.questa.fase,.può.essere.utile,.se.il.contesto.fornisce.le.informazioni.adeguate,.esaminare i punti di forza e di debolezza dell impresa.e.confrontarli.con.quelli.degli.altri.principali.attori.presenti.nel.contesto.considerato..al.termine.di.queste.operazioni,.in. genere,.si.ha.già.un immagine.abbastanza.chiara.dello.scenario.che.fa.da.sfondo.alla. vicenda.e.quindi.ci.si.può.concentrare.sulla.situazione-problema.prospettata,.e.riconoscere.le.relazioni.tra.le.variabili.e.gli.elementi.chiave.selezionati,.per.arrivare.alla.soluzione.del.caso. Tra.le.variabili.da.considerare.vi.sono.sicuramente.quelle.relative.all ambiente in cui l azienda opera;.ambiente.che.può.essere,.di.volta.in.volta,.quello.economico,.quello. sociale,.culturale.o.tecnologico.e.che.è.mutevole.nel.tempo. All interno.del.contesto.presentato,.e.circoscritto.attraverso.le.operazioni.indicate,.si.possono.individuare.meglio.le strategie e le attività intraprese dall impresa,.narrate.dal. caso.e.giungere.quindi.alla.soluzione. 48

12 La.metodologia didattica.che.il.docente.potrà.seguire.per.predisporre.un.caso.sul.quale.fondare.una.verifica.sommativa.è strettamente legata agli obiettivi da raggiungere;.è.opportuno.far.seguire.la.presentazione.del.caso.dopo.aver.trattato.gli.aspetti.contenutistici.dell argomento.da.affrontare..la.grande.potenzialità.dell utilizzo.dei.casi.è. data.dalla.possibilità.di.esaminare.aspetti.diversi.e.variegati.della.stessa.azienda.e.spostare.l indagine.sugli.aspetti.più.consoni.del.momento,.trovando.soluzioni.diverse.a.problemi.diversi. Le.fasi.attraverso.le.quali.si.sviluppa.tale.metodologia.sono.le.seguenti: 1. individuazione.della.competenza.da.verificare; 2. individuazione.dell argomento.chiave.sul.quale.si.dovrà.basare.il.caso.oggetto.di.indagine; 3. scelta.dei.materiali.di.lavoro.che.dovranno.essere.studiati.e.analizzati; 4. descrizione.della.situazione-problema; 5. formulazione.dei.quesiti.e.delle.attività.da.svolgere.per.arrivare.alla.soluzione.del.caso; 6. somministrazione.della.verifica.agli.allievi. Lo.studio.di.casi.è.dinamico,.perché.stimola.le.capacità.di.analisi.degli.studenti.e.li. pone.in.situazione,.ossia.in.un.contesto.operativo.utile.alla.mobilitazione.delle.conoscenze.e.delle.abilità.possedute. Il.docente.dovrà.porre.una.particolare.cura.nella.presentazione.del.caso,.affinché.si. possa.attivare.nello.studente.il.seguente.processo: SELEZIONARE LE INFORMAZIONI ANALIZZARE FATTI E AVVENIMENTI DESCRITTI COMPRENDERE I PROBLEMI CORRELARE FATTI E SITUAZIONI PROCEDERE CON LA SOLUZIONE DEL CASO RICERCARE GLI ELEMENTI PER RISOLVERE IL PROBLEMA ANALIZZARE LE CONSEGNE DEL CASO 5 spunti di soluzione Di.fondamentale.importanza,.al.termine.delle.attività,.è.assegnare.un.tempo.agli.studenti. per.discutere.il.lavoro.svolto.e.soprattutto,.dare.a.ciascuno.la.possibilità.di.autovalutarsi. Dal.confronto.tra.la.valutazione.dell insegnante.e.l autovalutazione.dello.studente.si.attiveranno.i.presupposti.per.un.corretto.feedback. Dopo.aver.fornito.queste. linee.guida.da.seguire.nella.soluzione.dei.casi,.si.presentano.alcuni.spunti.risolutivi.dei.due.casi.proposti.(accor.e.rivareno.gelati) il caso accor esercizio 1 - comprensione del testo: trattazione sintetica di argomenti Dopo aver letto l articolo sopra riportato, rispondi ai seguenti quesiti. a.. Indica quali sono le condizioni ambientali e congiunturali che hanno permesso al gruppo Accor di modificare la propria strategia di business...la.recessione.che.ha.avuto.luogo.a.partire.dal.2007.ha.avuto.sull industria.dei.servizi. di.intrattenimento,.viaggi.e.turismo.effetti.drammatici..il.mercato,.come.conseguen- za,.si.è.fortemente.evoluto.e.ha.posto.grande.attenzione.alla.qualità.dei.servizi.eroga- 49

13 ti.dalle.imprese.del.settore.e.alle.competenze.professionali.che.sono.strategicamente. necessarie.al.successo..l aumento.della.competizione,.unitamente.a.nuove.opportunità.di. low-cost.travelling.hanno.rifocalizzato.l attenzione.sul.capitale.umano.delle. grandi.catene.alberghiere. b.. Attraverso quali fasi di sviluppo la catena alberghiera ha potuto diventare il leader mondiale nel settore?..dopo.un.periodo,.durato.dal.1967.al.1982,.focalizzato.sull espansione.nel.settore.alberghiero,.attraverso.l acquisizione.di.numerose.catene.di.hotel,.dal.1982.l attività.si. è.ampliata.nel.campo.della.ristorazione.in.concessione,.nella.ristorazione.collettiva. e.diventando.leader.mondiale.nel.campo.dei.buoni.pasto..fu.così.che.nacque,.nel. 1983,.il.gruppo.Accor. c.. Dopo aver definito il significato di strategia di diversificazione, definisci quella attuata da Accor, specificando in quale settore si è sviluppata e quali sono i punti di forza sui quali si è fondata...le.strategie.di.diversificazione.implicano.l entrata.dell impresa.in.mercati.nuovi,.in. quanto.i.mercati.attuali.non.presentano.più.elementi.di.attrattività.o.espansione,.oppure.possono.basarsi.su.punti.di.forza.dell azienda;.di.solito.gli.obiettivi.che.si.intendono.raggiungere.con.questo.tipo.di.strategia.sono:.. sviluppo.dell impresa;...riduzione.delle.fluttuazioni.dei.volumi.di.vendita.e.di.produzione,.al.fine.di.mantenere.stabili.i.profitti;.. conseguimento.di.economie.di.scala;.. acquisizione.di.tecnologie.avanzate;.. controllo.delle.imprese.concorrenti;.. impiego.di.risorse.finanziarie.che.eccedono.il.fabbisogno...gli.anni. 90.rappresentano.un.momento.di.svolta.per.la.compagnia.che,.attraverso. alcune.strategie.di.diversificazione.di.successo,.acquisisce.la.compagnie.internationale.des.wagons-lits.et.du.tourisme.e.la.spic.(che.prese.il.nome.di.accor.casinos).. Il.gruppo.continua.il.suo.sviluppo.acquisendo.diverse.catene.e.lanciando.il.servizio. accorhotels.com.e.suitehotel.in.europa..il.gruppo.acquisisce.infine.anche.una.partecipazione.del.30%.in.club.méditerranée.nel dal.1976,.accor.è.presente.in. Italia.anche.con.i.marchi.Ticket.Restaurant.e.Accor.Services,.che.offrono.oggi.alle. aziende.e.agli.enti.pubblici.una.gamma.completa.di.servizi,.come.i.sistemi.di.buoni. pasto.. d...qual è l orientamento delle strategie di sviluppo che il gruppo intende seguire in futuro?..le.strategie.di.sviluppo.puntano.al.consolidamento.del.gruppo.soprattutto.in.europa.e.ad.affermare.la.sua.presenza.nei.paesi.emergenti,.in.asia.e.nell America.Latina.. Questo.tipo.di.strategia.è.di.sviluppo.interno,.in.quanto.mira.a.penetrare.in.altri.mercati.e.si.contrappone,.nella.tipologia,.alle.strategie.di.sviluppo.esterne.che,.invece,. mirano.all acquisizione.di.imprese.operanti.nello.stesso.settore,.o.in.settori.differenti. e.. Qual è il punto di forza aziendale nel campo della gestione delle risorse umane?..le.oltre persone.impiegate.negli.hotel.accor.concorrono.alla.costruzione. del.successo.del.gruppo..sempre.alla.ricerca.di.nuovi.talenti,.accor.ha.inoltre.attivato.oltre.150.corsi.e.17.accademie.di.formazione..tali.scelte.si.rivelano.oggi.vincenti,. in.un.momento.storico.in.cui.le.job.description.nel.settore.dell Hospitality.e.del.Food. and.beverage.sono.in.fortissima.evoluzione..obiettivo.di.accor.non.è.solo.la.costruzione.di.profili.tecnici.o.di.competenze.specifiche,.ma.la.formazione.di.talenti.di.cui. il.settore.del.futuro.non.potrà.fare.a.meno.per.creare.nuovi.business.e.mantenere.la. leadership.nel.mercato. 50

14 esercizio 2 completamento Completa le affermazioni che seguono. a.. Il modello organizzativo di impresa della Accor Group è di tipo divisionale b..elenca vantaggi e svantaggi del modello indicato. VANTAGGI Elevata autonomia operativa Obiettivi defniti dagli organi direttivi Presenza di distinte unità organizzative Ampio decentramento delle decisioni strategiche Favorisce la gestione unitaria dei singoli prodotti o delle singole aree geografche SVANTAGGI Possibili confitti tra le unità organizzative Duplicazione di alcuni uffci con funzioni uguali Ciascun responsabile è portato a privilegiare la propria divisione L impiego delle risorse non è sempre effciente c...la struttura si divide in cinque.aree funzionali: Finance (con a capo il Financial Controller) Marketing & Sales (e il Suo direttore) executive Assistant Manager Risorse Umane PA del General Manager. e nelle seguenti divisioni: divisione Room divisione Food & Beverage (che ha un proprio direttore) Kitchen (diretta dall executive Chef) Servizi Tecnici e di Pulizia. d.. L area aziendale che maggiormente concorre al raggiungimento degli obiettivi aziendali è la.divisione Food & Beverage. e...illustra quali sono gli obiettivi generali di business e a quale specifica area aziendale fanno riferimento: erogazione di servizi di qualità mediante controllo degli standard Accor e del loro mantenimento Marketing & Sales addestramento del personale mediante affiancamento e coaching Risorse Umane valutazione delle risorse impiegate nelle varie divisioni/funzioni Finance pianificazione delle risorse (umane e finanziarie) e delle attività Finance contributo all elaborazione dei budget e/o dei piani di marketing e all analisi della concorrenza Finance e Marketing & Sales elaborazione di report mensili per il monitoraggio delle attività executive Assistant Manager analisi degli scenari e implementazione di misure correttive executive Assistant Manager esercizio 3 clil exercise Read carefully the statement above; then answer the following questions. a..describe the job of a food and beverage manager.. A.food.and.beverage.manager.is.required.to:...ensure.the.high.standard.of.services.provided.for.guests.and.the.attainment.of.the. department s.qualitative.and.quantitative.targets;...convey.the.hotel s.image.and.atmosphere.through.his/her.exemplary.attitude,.warm. and.friendly.welcome,.availability.and.frequent.presence.in.the.field; 51

15 ...manage.and.motivate.the.teams.in.order.to.improve.sales.and.the.quality.of.f&b. services;...improve.the.department s.results.by.increasing.sales.and.the.productivity.of.f&b. points.of.sale;...apply.on.line.for.the.food.and.beverage.manager.positions. b..why has a food and beverage manager to be flexible and autonomous?..he.has.to.be.flexible.because.of.the.different.contests.in.which.he.has.to.act;.it.is.necessary.to.be.autonomous.in.order.to.achieve.the.specific.objects.of.this.special.kind. of.job.in.the.hotel. c..why is necessary to have a good physical resistance?..because.in.certain.period.of.the.year,.the.manager.has.to.work.hardly,.in.a.very.stressive.contest. d..which kind of professional training is necessary to be a food and beverage manager?..this.manager.must.have.got.a.diploma.or.degree.in.hospitality..food.&.beverage,. professional.hospitality.degree.or.hospitality.management.school....it.is.required.at.least.a.5.years.experience.in.the.sector,.an.impeccable.knowledge. of.f&b.professions.and.a.good.knowledge.of.the.computer.literacy...it.is.necessary.to.be.fluent.in.the.national.language,.in.business.english.and.in.a.third. language. e..translate the chapter Management/Sales..Management/Sales...Prepara.il.budget.annuale.del.dipartimento.in.linea.con.la.strategia.dell hotel...controlla.quanto.è.stato.inventariato...conosce.il.mercato.e.le.aspettative.dei.clienti...accresce.lo.spirito.di.gruppo.e.la.motivazione.attraverso.la.creazione.di.una.buona. atmosfera.di.lavoro...partecipa.alle.assunzioni.o.almeno.le.verifica.a.posteriori...aiuta.i.dipendenti.a.migliorare.le.loro.abilità.e.fornisce.supporto.allo.sviluppo.della.carriera. il caso rivareno gelati esercizio 1 comprensione del testo: quesiti a risposta aperta Dopo aver letto gli articoli sopra riportati, rispondi ai seguenti quesiti. a..qual è la missione dell azienda RivaReno?..La.mission.aziendale.è.da.sempre.portare.sul.mercato.il.miglior.gelato.italiano.possibile..Una.missione.basata.sul.lavoro.di.squadra,.cui.ognuno.ha.contribuito.secondo.la.propria.esperienza..Un idea.che.presto.ha.trovato.sostegno.in.altri.imprenditori. che.hanno.così.contribuito.alla.crescita.di.rivareno.fino.a.farne.un.marchio.simbolo. del.buon.gelato.di.qualità..fin.dalla.sua.nascita,.nel.2004,.rivareno.si.è.infatti.sempre.contraddistinta.per.la.volontà.di.portare.sul.mercato.un.prodotto.con.una.qualità. senza.compromessi..un.principio.fondamentale.che.ancora.oggi.governa.i.rapporti. tra.soci.e.ne.orienta.le.scelte.strategiche. b..che tipo di strategia ha applicato l azienda?..la.strategia.perseguita.è.quella.di.realizzare.una.forte.diversificazione.rispetto.alle. imprese.concorrenti,.puntando.su.un.prodotto.di.grande.livello.qualitativo.e.con.una. notevole.componente.di.originalità;.inoltre.la.strategia.è.di.tipo.prodotto/mercato,.che. definisce.il.modo.di.competere.all interno.di.un.mercato.o.di.un.suo.segmento. 52

16 c...quali strumenti e attività vengono utilizzati in fase di lavorazione per mantenere gli alti livelli di qualità che caratterizzano il gelato?..materie.prime.di.altissima.qualità.e.il.loro.corretto.dosaggio.fanno.sì.che.ad.ogni.assaggio.del.gelato.rivareno.si.percepisca.chiaramente.il.gusto.di.ogni.singolo.ingrediente....la.cura.costante.nella.ricettazione,.il.dosaggio.equilibrato.di.zuccheri.e.grassi,.uniti. a.una.formulazione.attenta.impediscono.la.formazione.nel.gelato.di.cristalli.di.ghiaccio.e.gli.donano.un inconfondibile.consistenza.vellutata.e.cremosa...la.temperatura.cui.il.gelato.viene.servito,.più.alta.rispetto.alla.norma,.favorisce.la.percezione.distintiva.dei.sapori.dando.la.sensazione.di.gustare.un.gelato.meno.freddo.del.solito...per.offrire.ai.propri.clienti.un.gelato.sempre.fresco,.ogni.gelateria.rivareno.produce. quotidianamente.la.quantità.di.prodotto.necessaria.per.la.giornata.minimizzando.gli. avanzi.ed.evitando.che.la.bontà.e.la.qualità.del.gelato.vengano.alterate..questo.accade.anche.in.inverno,.quando.il.consumo.di.gelato.si.riduce..nella.stagione.fredda,. infatti,.rivareno.ridimensiona.l offerta.di.gusti.e.la.quantità.di.gelato.prodotto. d...per quali ragioni la ricetta del gelato RivaReno rende il prodotto di standard così elevato?..rivareno.impiega.solo.materie.prime.genuine,.selezionate.e.di.altissima.qualità;.una. scelta.minuziosa.che.passa.attraverso.un.attento.controllo.diretto.dei.fornitori.e.dei. loro.processi.produttivi...gli.ingredienti.vengono.dosati.in.maniera.corretta.per.farne.percepire.distintamente. il.sapore..il.gelato.non.contiene.grassi.idrogenati,.né.conservanti,.coloranti.o.antiossidanti.artificiali....rivareno.utilizza.solo.il.latte.alpino.crudo.dalle.valli.dell alto.cuneese.considerato.da. sempre.come.il.migliore.latte.d Italia..Qui.il.clima.rigido.e.l alimentazione.estiva.in.alpeggio.delle.mucche.favoriscono.la.produzione.di.un.latte.ricchissimo.di.proteine.e. di.sapore...nei.suoi.gelati.rivareno.utilizza.solo.vera.frutta.che.viene.acquistata.direttamente.dal. singolo.punto.vendita.nei.mercati.cittadini....nelle.gelaterie.rivareno.il.gelato.è.sempre.fresco.perché.i.laboratori.lavorano.come. la.cucina.di.un.buon.ristorante,.producendo.giornalmente.la.quantità.necessaria.di. prodotto;.e.quando.qualche.gusto.nel.corso.della.giornata.finisce,.viene.rifatto.a.seconda.del.bisogno...il.laboratorio.lavora.così.a.ciclo.continuo.con.l obiettivo.di.minimizzare.gli.avanzi.e. offrire.sempre.un.gelato.appena.fatto....per.preservare.la.qualità.e.la.bontà.del.gelato,.i.banchi.vendita.delle.gelaterie.sono. a.pozzetti..in.questo.modo.il.prodotto.non.viene.esposto.alla.luce.e.all aria.aperta.e. non.corre.il.rischio.di.ossidarsi.e.di.subire.alterazioni.del.gusto.e.della.struttura.. Il.gelato.rimane.così.sempre.cremoso.e.facile.da.lavorare.per.essere.servito.al.meglio. esercizio 2 completamento completa le tabelle che seguono. a...per ciascuno dei prodotti indicati indica un elemento qualitativo che ha permesso al gelato RivaReno di diventare leader di settore. PRODOTTO Creme classiche Granite Gelato alla frutta Ricetta ELEMENTO QUALITATIVO Latte e panna freschissimi; zucchero di canna Acqua, zucchero, frutta fresca; no sciroppi, coloranti o conservanti; uso di un particolare mantecatore Frutta superiore al 55%; no latte Misurato contenuto di grassi e zuccheri; uso di cialde e coni poco zuccherati; ricerca di abbinamenti inediti come i pralinati 53

17 b.. Ripeti l operazione con riferimento ai diversi tipi di ingredienti utilizzati nella fabbricazione del gelato. PRODOTTO Materie prime Frutta Latte ELEMENTO QUALITATIVO Materie prime di altissima qualità e genuine; assenza di additivi e conservanti; controllo diretto dei fornitori Frutta di stagione proveniente da colture locali Latte alpino crudo delle valli cuneesi esercizio 3 comprensione del testo Dalla lettura dell articolo pubblicato sulla rivista emergono ulteriori informazioni in merito alle tecniche di produzione (know how) che contraddistinguono l azienda rispetto ai competitor. Leggi con attenzione l intervista riportata e rispondi ai seguenti quesiti. a. Dove è avvenuta la diversificazione territoriale?..dopo.l apertura.della.prima.gelateria,.avvenuta.a.milano,.la.diversificazione.territoriale.è.avvenuta.dapprima.in.italia,.con.l apertura.di.altre.gelaterie.in.franchising.a.torino,.chieri.(torino),.bordighera,.ferrara,.milano.marittima,.firenze,.pescara,.roma,. Ostia,.Asti,.Pavia,.Brescia.e.Bergamo..Successivamente.l azienda.ha.diversificato.il. business.all estero,.in.australia.(sydney).e.malta.con.l apertura.di.punti.vendita. b. I punti vendita aperti in Italia sono legati all azienda da un contratto di franchising. c. Definisci giuridicamente le caratteristiche del contratto...il.contratto.di.franchising,.definito.anche.contratto.di.affiliazione.commerciale,.è.un. tipo.di.collaborazione.tra.imprenditori.per.la.distribuzione.di.servizi.e/o.beni,.indicata.per.chi.vuole.avviare.una.nuova.impresa.usufruendo.di.modelli.già.sperimentati.e. affermati.sul.mercato...il. franchising.è.quindi.un.accordo.di.collaborazione.che.vede.la.presenza,.da.una. parte,.di.un azienda.già.presente.sul.mercato.con.un.business.consolidato.(detta.affiliante,.o.franchisor).e.dall altra.di.una.società.o.di.un.singolo.imprenditore.(l affiliato,.o.franchisee).che.aderisce.a.questa.formula...l azienda.madre,.che.può.essere.un.produttore.o.un.distributore.di.beni.o.servizi.di. una.determinata.marca,.concede.all affiliato,.in.genere.un.rivenditore.indipendente,. il.diritto.di.commercializzare.i.propri.prodotti.e/o.servizi.utilizzando.l insegna.dell affiliante.oltre.ad.usufruire.dell assistenza.tecnica.e.della.consulenza.sui.metodi.di.lavoro....in.cambio.l affiliato.si.impegna.a.rispettare.standard.e.modelli.di.gestione.e.produzione.definiti.dal.franchisor..in.genere,.a.fronte.di.queste.condizioni.l affiliato.paga. una.percentuale.sul.fatturato.(royalty).ed.è.tenuto.al.rispetto.delle.norme.contrattuali. che.regolano.il.rapporto. d. Le materie prime utilizzate hanno la caratteristica IGP. Forniscine la definizione indicando di che cosa si tratta...le.materie.prime.impiegate.non.seguono.per.forza.l IGP.(Indicazione.Geografica. Protetta).perché.non.è.sempre.garanzia.di.un.sapore.intenso.e.distinguibile...Il.termine.Indicazione.Geografica.Protetta,.meglio.noto.con.l acronimo.igp,.indica. un.marchio.di.origine.che.viene.attribuito.dall UE.a.quei.prodotti.del.settore.primario. per.i.quali.una.determinata.qualità,.dipende.dall origine.geografica,.e.la.cui.produzione,.trasformazione.e/o.elaborazione.avviene.in.una.determinata.area,.all interno. della.quale.si.deve.effettuare.almeno.una.fase.del.processo.produttivo. 54

18 e. L azienda ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale. Quali sono?..fin.dal.suo.secondo.anno.di.vita.rivareno.è.stato.segnalato.dalla.guida.del.gambero Rosso.e.su.Golosario;.nel.2008.ha.ricevuto.il.premio. Migliore.gelateria.d Italia. dell associazione.golosaria..i.negozi.rivareno.sono.inoltre.segnalati.e.recensiti.a.pieni.voti.sulle.principali.guide.di.viaggio.come.lonely Planet.e.Trip Advisor..E.proprio. da.trip Advisor.RivaReno.ha.appena.ricevuto.il. Certificato d Eccellenza. f. Indica quali particolarità contraddistinguono l azienda in merito a:..precisione nella preparazione della ricetta;..innanzitutto.si.segue.un.dosaggio.equilibrato.di.zuccheri.e.grassi.e.ciò.evita.che.nel. gelato.si.creino.mini.cristalli.di.ghiaccio;.inoltre,.il.gelato.è.servito.a.una.temperatura.più.alta.rispetto.alla.norma,.e.così.si.ha.la.sensazione.di.gustarlo.meno.freddo.del. solito,.ma.con.una.percezione.del.sapore.più.netta.e.piacevole...infine.viene.impiegato.un.software.che.controlla.una.bilancia.computerizzata..è.una. specie.di.mini.computer.che.memorizza.i.dosaggi.degli.ingredienti.di.tutte.le.ricette:. in.questo.modo.si.garantisce.l uniformità.del.gusto...formazione e addestramento del personale...il.banconista.deve.sapere.tutto.sui.gelati,.su.ogni.ingrediente,.sulla.preparazione;. deve.saper.rispondere.alle.eventuali.domande.dei.clienti.e.poi,.ovviamente,.deve.saper.realizzare.un.cono.o.una.coppetta.impeccabili..l addestramento.richiede.un.certo. tempo,.perché.il.gelato.è.molto.morbido.e.quindi.va.adagiato.con.molta.cura,.come. fosse.una.crema..la.preparazione.completa.di.un.collaboratore.richiede.un.mese. 55

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Guida ai Corsi. www.unicaffe.com

Guida ai Corsi. www.unicaffe.com Guida ai Corsi indice p.06 p.08 p.12 p.36 p.61 p.66 Mappa della proposta formativa Alta Formazione Corsi di Formazione Corsi Divulgativi Informazioni e numeri utili Progetti editoriali In illy si pensa

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA

P.E./24H La cas@ fuori casa. Programma. Venerdì 18 ottobre 2013 PAD.14 STAND M34 N47 ORARIO LOCATION EVENTO TEMA Venerdì 18 ottobre 2013 Welcome Coffee 12.30-14.30 Area 14.30-16.30 Master Class Il bar del futuro Lavoro nella Ristorazione: risorsa vincente oltre i confini generazionali Il breakfast e la tradizione

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli