Unità di Lavoro. Mappa Concettuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità di Lavoro. Mappa Concettuale"

Transcript

1 Unità di Lavoro Mappa Concettuale Mappa Concettuale CITTÀ = SPAZIO ABITATO caratterizzato da COMPOSIZIONE SOCIALE COMPLESSA nel tempo CITTADINANZA = Riconoscimento variabile di Diritti e Doveri nello spazio Obiettivo formativo: Conoscere il fenomeno urbano e prendere coscienza della città come habitat sociale complesso, legato al processo di status sociale che cambia nel tempo e nello spazio per maturare una cittadinanza basata sulla condivisione e corresponsabilità giuridica. ****** Fase 0 Obiettivo: pre-conoscenze sul concetto di città e cittadinanza Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Per introdurre l argomento chiede agli allievi Si dispone in circle time e ascolta. di mettersi in circle time, spiega la modalità e la funzione di svolgimento della Conversazione Clinica. Pone una serie di domande stimolo del tipo: Risponde uno per volta alle domande stimolo Che cos è una città? Come si forma un città? Perché si forma? A cosa serve una città? Da chi è formata? Come ha avuto origine? Quando ha avuto origine? Chi è un cittadino? Cosa fa un cittadino? Chi non è cittadino? Come mai? Come si diventa cittadino? Raggruppamento alunni: lavoro gruppo classe. Metodo: Conversazione Clinica; Circle time Mezzi e strumenti: Risorse umane; registratore; carta e penna Fase 1 Obiettivo: Conoscere il significato del concetto di città, cogliendone la differenza qualitativa - rispetto agli abitanti e alle loro attività - che la distingue da altri insediamenti umani. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Invita a realizzare un gioco di ruolo, diretto a mettere in luce quali siano i tratti distintivi della città rispetto al villaggio (e al borgo) sulla base di criteri qualitativi (divisione del lavoro e specializzazione). ( All. A) Ascolta le regole del gioco e, attraverso l attività ludica, coglie i tratti distintivi della città rispetto al villaggio e al borgo. 1

2 Chiede di definire i concetti di città, (borgo) città e consolida, mediante esercitazione (vedi allegato B, seconda parte) i rispettivi significati. Osserva le immagini di diverse agglomerati ed individua le caratteristiche della città e del villaggio definendone il concetto. Raggruppamento alunni: Lavoro con il gruppo classe. Lavoro individuale. Metodo: attività ludica, attività di osservazione; esercizi sui dati iconici;lettura guidata, definizione di concetti Mezzi e strumenti: gioco; immagini; questionari; testi. Prima parte - Gioco di ruolo ALL. A Villaggio, borgo e città Vengono distribuiti in modo casuale agli alunni cartoncini di tre colori diversi, ad esempio verde per quelli pertinenti il villaggio, rossi quelli relativi al borgo, blu quelli inerenti la città. 1. Riconoscere i tratti distintivi della città rispetto al villaggio (e al borgo) in rapporto alle funzioni (il villaggio e il borgo vivono di attività agricole, silvo-pastorali; la città svolge funzioni amministrative, culturali, politiche). Il conduttore del gioco chiede agli alunni di dividersi in tanti gruppi quanti sono i colori dei cartoncini distribuiti. Quindi invita i ragazzi a dare lettura del contenuto del loro cartoncino e di rilevare le differenti funzioni caratterizzanti ciascun insediamento: ai cittadini assegna un ruolo (vasaio; scriba; soldato; fabbro; falegname; tessitore; orefice, carpentiere; sacerdote ecc.), gli abitanti del borgo sono contadini, ma anche dediti ad altre attività. Chi vive nel villaggio è solo contadino. I tratti distintivi delle tre forme di insediamento vengono scritti alla lavagna. Il conduttore del gioco guida gli alunni ad individuare definizioni adeguate per i tre concetti e chiede agli alunni se, secondo loro, esse possono essere estendibili al mondo attuale, pur con alcuni aggiustamenti. Il gruppo discute. Cartoncini villaggio borgo città Contadino Contadino Vasaio Contadino Contadino Scriba Contadino Contadino Soldato Contadino Contadino Fabbro Contadino Falegname Falegname Contadino Vasaio Tessitore Contadino Falegname Orefice Contadino Boscaiolo Carpentiere Contadino Boscaiolo Sacerdote Contadino Contadino Re Glossario di riferimento per la definizione dei concetti (da Dagradi P. Cincini C. Compendio di Geografia umana, Bologna, Patron, 2003, pp.277 e ss.) Villaggio Borgo Città insediamento essenzialmente agricolo insediamento con una parte notevole di popolazione non legata alla terra un insediamento umano caratterizzato da attività extragricole, di controllo sul territorio, di distribuzione delle risorse. È la costruzione più artificiale dell uomo. 2

3 All. B Seconda parte 1. Sviluppo del gioco di ruolo ed esercitazione Conoscere le implicazioni a livello spaziale che scaturiscono dalle diversità delle funzioni assolte, rispettivamente, dai villaggi (borghi) e dalle città; individuare ulteriori tratti distintivi dei tipi di insediamenti, utilizzando criteri di carattere qualitativo (città = divisione e specializzazione del lavoro; villaggio = omogeneità delle attività umane). Il conduttore del gioco chiede agli alunni di immaginare di essere una comunità di migliaia di anni fa e forma due gruppi: uno costituito dai contadini del villaggio (in cui confluiscono anche quelli del borgo) e uno dai cittadini delle prime città. Il conduttore del gioco invita ciascuno ad esprimere ciò che serve loro per portare avanti il proprio lavoro in un post-it da attaccare ad un cartellone: quindi chiede a ciascuno di leggere quanto scritto ed apre un dibattito sulla base di domande guida simili alle seguenti. Cosa chiedono i contadini?e i fabbri?e gli scribi? Se le esigenze sono molto diverse cosa accade? Come si possono soddisfare le varie esigenze? Cosa serve? 2. Attraverso l osservazione di piante topografiche di città e di villaggi di ieri e di oggi, di qui e d altrove riscontrare le implicazioni che la divisione del lavoro,la specializzazione delle mansioni (e il diverso ruolo svolto) producono a livello spaziale; comprendere come la differenza delle due forme entrambe coesistenti a tutt oggi - dipenda dalla diversificazione delle mansioni e dei ruoli caratterizzanti i due tipi di insediamenti, prima ancora che da fattori ascrivibili al grado di sviluppo tecnologico della comunità che vi abita. ***** L insegnante propone agli allievi l esercitazione che segue e li guida a riflettere. Osserva attentamente gli insediamenti umani (città e villaggi di ieri/oggi di qui/altrove) e scrivi, sotto ogni pianta topografica, alcune considerazioni relative alle continuità/discontinuità intercorrenti tra le due forme di insediamento (analogie e differenze), all incidenza che la divisione del lavoro e tipica della città -, determina rispetto all organizzazione territoriale (origine di quartieri, costruzione di edifici simbolo ecc.)

4 Ricostruzione della città di Babilonia, 2000 a.c..... Villaggio agricolo di Catal Huyuk (Turchia) 7000 anni fa..... Plastico della città di Roma nei primi decenni della Repubblica (Roma, Museo della civiltà Romana)..... Mappa del villaggio di Bedolina, Val Camonica, 5000 a. C..... villaggio di Monte Verde (Cile) e i anni fa 4

5 Villaggio in Burundi (Africa), oggi Villaggio Maya (Messico) oggi.. ***** Ora leggi i seguenti brani: quindi prova a scrivere una definizione del concetto di città che sia il più possibile rispondente alle riflessioni a cui ti hanno portato i materiali introdotti. Gli Stati usano diversi criteri per definire una città. Per esempio, in Italia nei Paesi Bassi o in Giappone, una città deve avere almeno abitanti, mentre in Danimarca può averne anche solo qualche centinaio. La città non ha una dimensione stabile: cresce o si riduce, si riempie o si svuota, per ragioni economiche e politiche. Oggi alcune città si sono estese, hanno occupato le campagne circostanti e hanno inglobato i comuni limitrofi, formando in tal modo delle conurbazioni, cioè delle aree in cui diverse città, un tempo divise dalla campagna, si sono progressivamente saldate tra loro. Altre città, invece, hanno piccole dimensioni perché sono rimaste centri periferici con una modesta economia o perché si sono svuotate a causa dell emigrazione o di calamità naturali. In esse, mancano servizi importanti quali, ad esempio, le scuole secondarie di secondo grado, le prestazioni specialistiche del servizio sanitario o la rete dei servizi culturali (cinema, teatri, biblioteche ). Sono insediamenti prevalentemente agricoli o pastorali, caratterizzati da un economia di sussistenza e da attività commerciali che assicurano la distribuzione di poche tipologie di merci. A volte si tratta di luoghi turistici che sono presi d assalto dal villeggianti solo in alcuni periodi dell anno, mentre negli altri mesi tornano ad essere piccoli centri, isolati e lontani dai principali luoghi della vita sociale e culturale. ***** Al nostro è un territorio ricco di insediamenti urbani, soprattutto di piccole e medie dimensioni. Molti di questi centri hanno ricevuto dallo Stato italiano il titolo di città. La motivazione, molte volte, non riguarda il numero di abitanti o l importanza economica, ma il fatto che essi abbiano una storia antica e ospitino monumenti e opere d arte di grande pregio. La legge, infatti, tenendo conto di questa particolarità dei centri abitati italiani, stabilisce che: «Il titolo di città può essere concesso con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell Interno, ai Comuni insigni per ricordi, monumenti storici e per l attuale importanza» (art. 18 del d.lgs. n. 267 del 18 agosto 2000, Testo 5

6 unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali). Del resto, molte città sono tali anche per effetto di titoli acquisiti prima della nascita dello Stato italiano. In Sicilia, ad esempio, Bivona, in provincia di Agrigento, è città in virtù di un privilegio concesso dall imperatore Carlo V il 27 giugno Ai Comuni insigniti del titolo di città spetta avere, nello stemma cittadino, un particolare tipo di corona turrita, uno dei simboli della nazione italiana. Gli stemmi sono assegnati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del dipartimento del Cerimoniale dello Stato - Ufficio onorificenze e araldica pubblica. Città Fase 2 Obiettivo: conoscere le motivazioni all origine delle prime città. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Divide la classe n gruppi di tre allievi (A, B, C) e Forma i tre gruppi. assegna a ciascuno di essi di una delle letture predisposte (Il processo di urbanizzazione; dal villaggio alla città; la città genera differenze sociali) ( All. A). Chiede di leggere ciascuno nel gruppo di base (A, B, C) il suo testo; di approfondirlo nel gruppo di esperti ( AAA, BBB, CCC ) ; di comunicare gli esiti dell analisi agli altri membri del gruppo di base che prendono appunti. Legge il testo nel gruppo di base; lo approfondisce in quello degli esperti; lo riferisce ai membri del gruppo di base. Raggruppamento alunni: Lavoro di gruppo e di intergruppo. Metodo: analisi di testo secondo la modalità della cooperative-learning,metodo Jigsaw. Mezzi e strumenti: testi storici Gruppo A Il processo di urbanizzazione In seguito al processo di addomesticamento di piante ed animali gruppi di pastori ed agricoltori occuparono tutto il pianeta. Lungo i grandi fiumi si insediarono gli agricoltori e le società agricole crearono due grandi aree: L Occidente, che andava dal Mediterraneo fino alla valle dell Indo, e l Oriente, che comprendeva le valli dei grandi lunghi fiumi della Cina. Si costituiscono così le grandi aree urbanizzate che sono formate da un sistema di città e villaggi. Ogni villaggio lavorava per la città dalla quale dipendeva. Ogni città scambiava merci con le città vicine, e, tutte insieme producevano per la città capitale. Dalla città capitale partivano le grande spedizioni commerciali e le spedizioni militari, dirette verso terre lontane. In questo modo, tutto l ambiente della regione urbanizzata diventava una specie di macchina, organizzata e potentissima, che dominava sul mondo circostante. Nel III Millennio a.c. si formarono quattro regioni urbanizzate: Sumer; Egitto, Valle dell Indo e Cina. 6

7 Gruppo B Dal villaggio alla città Le città hanno una storia recente, rispetto alla storia dell umanità. Per milioni di anni, infatti, gli uomini hanno vissuto in bande, si riparavano in accampamenti, che smontavano e rimontavano, man mano che perlustravano il territorio in cerca di cibo. Dove trovavano cibo a sufficienza, costruivano dei villaggi: cioè degli insediamenti stabili. I villaggi potevano essere molto grandi e estesi: un esempio è Gerico, in Palestina, un villaggio di raccoglitori, che arrivò ad avere 9 mila abitanti. Verso il 3500 a.c. nella pianura mesopotamica, i villaggi era prevalentemente popolati da contadini: infatti, quelle popolazioni avevano appreso l arte dell agricoltura. Coltivavano i campi e allevavano gli animali. L acqua era indispensabile per le loro attività: scavavano canali per irrigare i terreni e per far defluire l acqua, dopo le piene dei grandi fiumi, che bagnavano la regione, il Tigri e l Eufrate. I canali scorrevano accanto a molti villaggi. Ciascuno doveva curare la manutenzione del proprio tratto e doveva attingere solo l acqua necessaria. E naturale che scoppiassero litigi. Occorreva che un villaggio si assumesse l incarico di appianare le liti e amministrare il funzionamento del sistema idrico del territorio. Questo villaggio, col tempo, diventò diverso dagli altri villaggi: al suo interno abitavano non soltanto contadini: vi erano gli scribi, che misuravano canali e controllavano il territorio; soldati che lo difendevano e un capo, che decideva. Questo villaggio fu la prima città. La differenza fra villaggio e città, dunque, non dipende dalla grandezza. Vi erano villaggi molto popolati e città molto piccole. Dipendeva dalla qualità della popolazione. Gli abitanti dei villaggi erano quasi tutti contadini e pastori. Gli abitanti delle città, erano una gran parte contadini (necessari sempre per produrre il cibo per tutti). Ma, accanto a loro vi erano i lavoratori specializzati come fabbri, falegnami, tessitori, orefici, carpentieri, scribi, soldati, sacerdoti. La città si fondava sulla divisione del lavoro e sulla differenza sociale ed economica dei cittadini. Gruppo C La città genera le differenze sociali. La città funzionava in questo modo. I contadini portavano una parte del cibo, ottenuta dal loro lavoro, nei magazzini del re. Questi la ridistribuiva agli altri cittadini, che non lavoravano la terra, ma erano addetti ad altri compiti. Quindi il re era la persona più importante della città. Era Dio, per i suoi abitanti. E avevano ragione, dal loro punto di vista: la loro vita, infatti, dipendeva dalla giustizia con la quale il re ridistribuiva il cibo ai suoi sudditi. In realtà, il re distribuiva le risorse in modo diseguale: agli scribi dava molte risorse, e ai lavoratori meno specializzati e ai contadini poche. Il motivo era che gli scribi facevano un lavoro specializzato ed erano molto pochi. I contadini e gli artigiani di basso livello, invece, erano tanti, e valevano agli occhi del re molto di meno. Fase 3 Obiettivo: conoscere i concetti di regione urbanizzata e di città-centro in prospettiva cronospaziale. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Legge un brano sull origine delle città e sulla Ascolta e colloca nel planisfero muto le geminazione delle prime regioni urbanizzate e informazioni che estrapola dalla lettura chiede una contestuale collocazione dei luoghi dell insegnante. citati nel racconto su un planisfero muto. Pone domande di riflessione per comprendere come alcune ragioni che giustificavano la localizzazione dei centri urbani in passato siano coerenti con quelle odierne. Chiede di elaborare una definizione dei concetti di regione urbanizzata e di città-centro. ( All. B) Invita a ricercare in internet documenti e altri planisferi (riferiti ad altri periodi storici) da cui siano deducibili dati relativi alle regioni urbanizzate. Divide la classe in coppie con il compito di formulare considerazioni relative al dinamismo del fenomeno ed invita poi a confrontare con il gruppo Ascolta, risponde e socializza le proprie idee con quelle dei suoi compagni di classe. Estrapola dalla conversazione e dai dati informativi fin qui ricevuti i concetti di regione urbanizzata e di città-centro. Ricerca in internet planisferi e informazioni da cui sia deducibile il processo di urbanizzazione. ( All. C) Forma la coppia e discute sul dinamismo del processo di urbanizzazione (ALL. D) e le discute successivamente con il gruppo classe. 7

8 classe le proprie considerazioni. Raggruppamento alunni: lavoro individuale, a coppie, con gruppo classe. Metodo: strategia carta e racconti; discussione orientata; definizione di concetti; attività di ricerca in internet; attività di sintesi con strategia di cooperative learning e di peer-teaching. Mezzi e strumenti: Brano tratto da A. Brusa, L atlante del-le storie, Palumbo, Firenze, 2010 Planisfero muto. Planisferi tematici e grafici relativi all urbanizzazione del Pianeta. computer, internet. ALL. A Leggi attentamente, disegna nel planisfero muto l area di cui parla il racconto della storia e scrivi delle definizioni corrette per le parole che ti vengono suggerite. Intorno al 3500 a.c., la Mesopotamia meridionale diventò una regione urbanizzata. Questa parola vuol dire che esistevano molte città, ciascuna delle quali dominava su un territorio di villaggi. Queste città, poi, erano legate fra di loro da scambi commerciali, oppure da trattati politici. Una città, Uruk, era la più importante, di tutto il territorio. Tutte le altre città dipendevano da essa. Uruk era il centro della regione urbanizzata. Intorno a questa ragione, si estendevano i vastissimi territori, abitati dai nomadi (popoli pastori), disseminati di villaggi di raccoglitori e di agricoltori. Questo territorio circostante si chiama la periferia. Fra centro e periferia vi erano scambi continui. Ogni anno, dalla città capitale partivano carovane di mercanti che trasportavano orzo, birra e tessuti. Erano protette da schiere armate, e si dirigevano verso terre lontane. Queste merci venivano scambiate con l ambra, l avorio, l oro, l argento, il rame, i lapislazzuli, la corniola, legnami pregiati: tutto ciò che la periferia produceva. Era uno scambio diseguale, se guardiamo il valore delle merci: materie prime pregiate in cambio di prodotti agricoli e tessuti. Ma per quelle popolazioni non era così. Il vero valore di quelle merci era nel fatto che venivano dalla città più importante e splendida di quel tempo. Quelle merci davano prestigio a chi le possedeva. Perciò, i capi delle tribù lontane li utilizzavano, per mostrare a tutti la loro importanza, e per premiare i sudditi più fedeli. ***** ALL. B Regione urbanizzata Città-centro.... 8

9 ALL. C Confronta il planisfero delle regioni urbanizzate del III millennio che hai realizzato con i dati di grafici o di planisferi di altri tempi storici sempre relativi al fenomeno urbano. Fai delle considerazioni sullo sviluppo del fenomeno urbano, cercando ragioni che spieghino la scomparsa di alcune regioni urbane e delle rispettive città-centro e la geminazione di altre. Tratti da 'L urbanizzazione del pianeta', Miriam Marta, AIIG sez. LAZIO 9

10 Tratto da 'L urbanizzazione del pianeta', Miriam Marta, AIIG sez. LAZIO Dalla fine degli anni '50, del secolo scorso, in alcune aree del mondo, città con funzioni specifiche differenti si sono messe in relazione, creando un sistema urbano denominato megalopoli. La megalopoli è una regione urbanizzata multifunzionale e policentrica con una soglia di popolazione che supera i 25 milioni di abitanti, caratterizzata da un sistema di scambi fra le città che la compongono. Un geografo americano, John Gottman, chiamò "Megalopoli atlantica" l'area compresa tra New York, Washington, Baltimora, Filadelfia e Boston. In questo sistema urbano New York svolgeva un ruolo centrale nelle attività finanziarie e nei settori della comunicazione, Washington controllava il potere politico e le istituzioni governative, Filadelfia i traffici e il commercio, Boston la cultura e la ricerca. Tra queste città si sviluppava un territorio vario, destinato ad usi diversificati: le spiagge di Long Island, i centri montani degli Appalachi, le campagne coltivate, le aree tecnologiche, le aree industriali e le zone residenziali. All'interno di questa regione le istituzioni e le imprese scambiavano beni e servizi, tessevano sistemi di comunicazione, mediante autostrade, metropolitane, sopraelevate, per consentire la circolazione e gli spostamenti dei cittadini che costituivano un mosaico di razze e di culture. ALL. D 10

11 Considerazioni Fase 4 Obiettivo: conoscere le funzioni assolte dalla città e coglierne le implicazioni territoriali rispetto all area gravitazionale che essa intercetta. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Introduce un attività ludica sulle funzioni della Partecipa al gioco città. ( All. A) Conduce un de briefing orientato a riflettere sulle funzioni assolte dalla città sull incidenza che la città-centro esercita sulla periferia sui flussi che attiva (di merci, risorse e di individui) sull eventuale corrispondenza rilevabile con le funzioni della città del passato. Divide la classe in coppie; assegna uno schema da riempire durante la lettura di un testo (All. B); alla fine lettura lascia alcuni minuti per il confronto tra i membri della coppia e poi chiede i risultati alle coppie e al gruppo classe. Divide la classe in gruppi di tre allievi ( A,B,C) e assegna ad A la lettura riguardante la città industriale; a B una rappresentazione delle diverse tipologie di città legate alle proprie funzioni; a C un testo che problematizza la liedership delle città a livello mondiale. ( All. C) Riflette sulle funzioni della città attivando le conoscenze acquisite nel gioco Durante al lettura prende nota delle informazioni richieste, le confronta successivamente con il compagno di coppia e le socializza con il gruppo classe. Forma il gruppo; analizza nel gruppo di base il testo assegnato; lo discute nel gruppo degli esperti (AA, BB, CC) e riporta le informazioni nel gruppo di base mentre gli altri prendono appunti. Chiede ai gruppi di riferire quanto appreso. I gruppi riferiscono e socializza le conoscenze relative a concetti di gerarchie/ranghi di città; città mondiali. Raggruppamento alunni: lavoro con il gruppo classe; a coppie; individuale. Metodo: attività ludica; de briefing; ascolto attivo con tecnica di presa di appunti e confronto; analisi di testo con il metodo Jigsaw della Cooperative-learning Mezzi e strumenti: testi tratti da A. Brusa, L atlante delle storie, Palumbo, Firenze, 2010 ALL. A Gioco sulle funzioni della città Il conduttore del gioco distribuisce a ciascuno alunno una delle carte relative alle funzioni della città e chiede di collocarle in un cartellone in cui tali funzioni vengono classificate in economiche, sociali e di irradiamento. FUNZIONI ECONOMICHE FUNZIONI FUNZIONI DI SOCIALI IRRADIAMENTO legate all industria legate al commercio legate alla finanza legate al turismo legate ai servizi legate all influenza Esempio delle carte assorbimento materie prime attrazione turistica motivata dalla concentrazione di monumenti simbolo religiosi o informazione 11

12 raccolta e moltiplicazione delle risorse e loro reinserimento nel processo produttivo (banche e istituti di investimento, prestito ecc.) diffusione di modi di vita, delle innovazioni accumulazione monetaria ottenuta tramite gli scambi garanzia delle strutture sanitarie necessarie alla popolazione di interesse culturale produzioni di posti di lavoro relativi al turismo e specializzati trasformazione dei materiali grezzi provenienti dalla periferia amministrazione del territorio (certificati, permessi) organizzazione della sicurezza richiamo manodopera dalla periferia consumo dei prodotti regionali e distribuzione dei manufatti locali o di quelli importati ridistribuzione della ricchezza sotto forma di salario organizzazione dei servizi dell istruzione (scuole ecc.) Soluzione del gioco Funzioni economiche (accrescimento dei beni disponibili utilizzabili nel luogo o altrove; crescita della città e esercitano un azione verso l esterno, integrandosi con lo sviluppo regionale o nazionale). Industria assorbimento delle materie prime trasformazione dei materiali grezzi provenienti dalla periferia richiamo di manodopera dalla periferia ridistribuzione della ricchezza sotto forma di salario Commercio accumulazione monetaria ottenuta tramite gli scambi consumo dei prodotti regionali e distribuzione dei manufatti locali o di quelli importati Turismo attrazione turistica motivata dalla concentrazione di monumenti simbolo religiosi o di interesse culturale produzione di posti di lavoro specializzati Finanza raccolta e moltiplicazione delle risorse e loro reinserimento nel processo produttivo (banche e istituti di investimento, prestito ecc.) Funzioni sociali legate all amministrazione del territorio legate alla organizzazione dei servizi dell istruzione (scuole ecc.) finalizzate a garantire le strutture sanitarie necessarie alla popolazione legate alla sicurezza Funzioni di irradiamento diffusione di modi di vita, delle innovazioni esercizio del potere di formazione, informazione e trasformazione ***** Il conduttore del gioco chiede di ricopiare lo schema emerso sul quaderno individuale e invita gli alunni a discutere sulle funzioni assolte dalla città sull incidenza che la città-centro esercita sulla periferia sui flussi che attiva (di merci, risorse e di individui) sull eventuale corrispondenza rilevabile con le funzioni della città del passato. ALL. B Amplia lo schema che hai realizzato in precedenza, inserendo le altre funzioni della città che puoi dedurre dalla lettura del brano che segue. Aiutati utilizzando le parole chiave che risultano dalla marcatura della voce. 12

13 FUNZIONI legate all industri a ECONOMICHE legate al commerci o legate alla finanz a legate al turism o SOCIAL I legate ai serviz i DI IRRADIAMENT O legate all influenza POLITICH E CULTURAL I RICETTIV E MILITAR I Ascolta il seguente brano e compila lo schema sopra consegnato. Specializzazione di città determinata dalla dominanza di una funzione. Le città si possono classificare, anche, secondo le funzioni economiche, sociali e politiche che esercitano in rapporto al territorio circostante. Alcune hanno assunto una funzione politica cioè sono diventate capitali di stati, capoluoghi di regioni o di province. Questa particolare destinazione ha inciso sul loro sviluppo. Essere sede di organismi politici rafforza, infatti, la presenza di uffici, di servizi e, di conseguenza, fa crescere il numero di abitanti e quindi di trasporti, di servizi socioculturali (scuole, università, teatri, cinema, musei, biblioteche ecc) ed economici e di reti commerciali. Altre si sono specializzate come città commerciali o città porto. In genere sorgono lungo le coste, il corso dei fiumi o alle loro foce, e sono luogo di scambio delle merci provenienti dal mare e dall entroterra. Vi sono moltissimi esempi di città-porto nel mondo, tra questi ricordiamo New York, Honk Kong, Sidney, Shanghai, Singapore. In Europa le città-porto costituirono il motore dello sviluppo industriale e lungo il Danubio sono sorte città capitali come Vienna, Budapest e Belgrado. Altre ancora, come per esempio, La Mecca, Oxford, Santiago de Compostela si sono specializzate in particolari servizi legati alla funzione religiosa (di accoglienza e assistenza a pellegrini); altre, come centri turistici (Las Vegas, Rimini, Cancun) o universitari (Cambridge) hanno sviluppato funzioni ricettive per studenti universitari o appassionati di gioco e divertimento. Alcune città sono basi militari, basi fortificate di frontiera o località per la concentrazione di soldati o armamenti. Si tratta allora di città militari. Vi sono poi città che fin dalle origini o nel tempo, hanno assolto a funzioni principalmente politiche e amministrative (capitali, capoluoghi). ***** ALL. C Gruppo A In prossimità di alcune fabbriche, per volontà degli stessi imprenditori sono sorti, inoltre, piccoli villaggi operai. Ad esempio alla fine dell Ottocento ad Essen, in Germania, i Krupp, una famiglia di imprenditori dell acciaio, costruirono insediamenti per gli operai e le loro famiglie con scuole e parchi gioco. Anche in Italia, a Rosignano Solvay nei pressi di Livorno, la società belga Solvay, specializzata nel settore chimico e farmaceutico, fece costruire, a partire dal 1913, una città fabbrica, attrezzandola con ampie zone verdi. All interno di un ampia zona alberata sono state costruite le abitazioni per i dipendenti della fabbrica, secondo diverse tipologie abitative, dalla casa per i dirigenti a quella per i semplici operai. Alcune di queste città, nel tempo, si sono trasformate in aree metropolitane. Hanno incluso nel proprio territorio, altri centri abitati e hanno sviluppato funzioni diverse. Ad esempio Londra, capitale e centro politico del Regno Unito, è diventata una città multifunzionale, in cui sono presenti importantissimi servizi sociali, culturali, commerciali e agglomerati industriali. Gruppo B 13

14 Gruppo C Quando gli uomini creano una società organizzano anche lo spazio che li circonda, fin dove possono dominarlo. Organizzare uno spazio vuol dire creare un centro dove abiteranno gli uomini che hanno più potere, e una periferia dove si insedieranno i gruppi umani dominati. Nel centro si vive meglio: la gente è più ricca, gli scambi commerciali sono sempre facilitati, le idee, religioni, tradizioni si diffondono rapidamente e spesso affascinano e vengono imitate da chi vive in periferia. Chi abita al centro tende a mantenere la propria organizzazione, ovvero è contento della sua società perché pensa che il suo stile di vita sia il migliore e che durerà nel tempo. In periferia, invece, vive bene chi ha potere o è collegato ai potenti: re, dittatori, politici che gestiscono i rapporti commerciali con il centro (ad esempio, vendendo materie prime) godono di condizioni di vita nettamente migliori del loro popolo. La gente, di solito, è scontenta perché le condizioni di vita sono pessime o poco soddisfacenti e si ribella per costruire nuovi sistemi nella speranza che siano più favorevoli. Vi è, dunque, una sperimentazione in campo sociale, politico ed economico che spesso produce tragedie, ma talvolta crea sistemi efficaci che iniziano a competere con il centro. Questo modello, valido per ricostruire la storia delle società umane, può essere applicato alle città. Alcune di esse hanno assunto, nel tempo, un ruolo dominante negli scambi economici e culturali della loro epoca. La loro area di influenza poteva variare da una regione fino all intero pianeta, a seconda dei periodi storici. Ma in ogni caso, vivere lì significava essere al centro di un mondo: persone, religioni, tributi, materie prime, prodotti agricoli convergevano verso queste città. La loro popolazione aumentava, i ceti dominanti e le persone più facoltose facevano costruire monumenti, edifici per lo spettacolo e il divertimento della comunità, infrastrutture per potenziare i trasporti. Pensate a Roma imperiale con il suo milione di abitanti, i suoi meravigliosi monumenti, le mura imponenti, gli spettacoli nel Colosseo e le corse nei Circhi, gli acquedotti, le strade che la collegavano con tutto l Impero. Oppure alla Londra di fine Ottocento, che stupiva il mondo per la quantità di abitanti, l illuminazione elettrica delle strade, la sua metropolitana e la ricchezza dei suoi traffici e delle sue industrie. Eppure nel Novecento Londra ha perso il suo primato mondiale a 14

15 vantaggio di New York, una città che nel 1800 aveva appena 60 mila abitanti, ma nel 1910 ne ospitava 4 milioni e 700 mila e nel 1950 era l unica città al mondo a superare i 10 milioni di abitanti! Cosa era accaduto nel corso di un secolo? New York ha attirato tantissimi europei che vivevano di stenti ed erano alla ricerca di un opportunità, ha saputo espandersi e offrire occasioni di lavoro. Possedeva una posizione strategica: un porto naturale affacciato sull Atlantico, ovvero di fronte all Europa che, allora, era al centro del mondo e offriva molte occasioni di commercio. La città era inserita in uno Stato democratico in grande espansione, mentre in Europa si lottava ancora per ottenere una Costituzione. In futuro quali città, con i loro Stati, saranno centro del mondo? L Europa sarà capace di occupare nuovamente una posizione dominante? Gli Stati Uniti sapranno mantenere la loro leadership o sarà un mondo cinese, indiano, giapponese o brasiliano? Oppure emergerà qualche outsider? Tutto dipenderà dalle scelte che faranno, nei prossimi anni, i gruppi di potere e i popoli delle diverse aree del pianeta. Fase 5 Obiettivo: Conoscere alcune forme urbane prodotte dalle trasformazioni recenti del fenomeno e le conseguenze a livello sociale e ambientale che esse hanno comportato. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Divide la classe in coppie e precisa che leggerà un testo per chiarire i seguenti termini Forma la coppia; ascolta la lettura; prende appunti e li scambia con il proprio compagno. megalopoli Risponde. agglomerato conurbazione urban sprawl megalopoli super city Legge un testo (All. A) ed invita i singoli membri della coppia a prendere appunti e a scambiarli. Alla fine della lettura lascia il tempo per socializzare gli appunti e i interroga sul significato dei termini. Divide la classe in due gruppi a ciascuno dei quali viene assegnato un caso di studio diverso diretto a rilevare le questioni ambientali e sociali che attanagliano le città di oggi. Invita ciascun gruppo a relazionare le informazioni acquisite ed apre un dibattito per il confronto di idee da riportare su uno schema-guidato ( All. C) Forma il gruppo, analizza la situazione di caso e la dibatte con i compagni. Relaziona, ascolta, partecipa al dibattito e compila lo schema-guidato. Raggruppamento alunni: lavoro a coppie; in gruppo; con gruppo classe. Metodo: analisi di testo con metodo della cooperative learning; compilazione di schema-guidato Mezzi e strumenti: testo; internet; schema. ALL. A Definizioni di concetti geografici legati ai recenti sviluppi del fenomeno urbano Dalla fine degli anni 50 del Novecento in alcune aree del mondo, città con funzioni specifiche differenti si sono messe in relazione, creando un sistema urbano denominato megalopoli. La megalopoli è una città diffusa, un arcipelago di città, una regione urbanizzata multifunzionale e policentrica con una soglia di popolazione che supera i 25 milioni di abitanti, caratterizzata da un sistema di scambi fra le città che la compongono. Un geografo americano, John Gottman, chiamò «Megalopoli atlantica» l'area compresa tra New York, Washington, Baltimora, Filadelfia e Boston. In questo sistema urbano New York svolgeva un ruolo centrale nelle attività finanziarie e nei settori della comunicazione, Washington controllava il potere politico e le istituzioni governative, Filadelfia i traffici e il commercio, Boston la cultura e la ricerca. Tra queste città si sviluppava un territorio vario, destinato ad usi diversificati: le spiagge di Long Island, i centri montani degli Appalachi, le campagne coltivate, le aree tecnologiche, quelle industriali e le zone residenziali. All'interno di questa regione le istituzioni e le imprese scambiavano beni e servizi, tessevano sistemi di comunicazione mediante autostrade, metropolitane, sopraelevate, per consentire la circolazione e gli spostamenti dei cittadini che costituivano un mosaico di razze e di culture. Una situazione analoga si è realizzata in Europa nella North-Western Metropolitan Area (Nwma), un territorio compreso tra Bruxelles, Gand, Anversa, L Aia, Amsterdam, Rotterdam, Colonia e altre città 15

16 ancora. La Nwma rientra nell Unione europea e non ha vincoli di frontiere e cittadinanze, il che garantisce una totale mobilità di merci e persone. L area è attraversata da una fitta rete ferroviaria e stradale che collega in modo rapido e capillare una superficie notevole. La mobilità è fondamentale per questo modello di città diffusa poiché esso si fonda proprio sulla possibilità di spostarsi di luogo in luogo per lavoro, studio, affari o altro. La Nwma è anche un punto di attrazione e di redistribuzione continentale e mondiale per le merci, grazie ad aeroporti, porti, autostrade efficienti e di grandi dimensioni. In queste due aree, dunque, sembra che la città non abbia più senso, almeno nel suo antico significato. Per sapere se questo sarà un modello vincente bisognerà attendere i prossimi decenni. Definizioni, per fare chiarezza Agglomerazione insieme continuo sul piano topografico e unitario su quello economico, anche se può trovarsi diviso in contee, comuni ecc. Conurbazione È un tipo particolare di agglomerazione urbana in cui due o più centri si dilatano fino a saldarsi spesso fondendo i loro nomi e assumendone uno nuovo. Città mondiali Città che esercitano un ruolo motore nel sistema mondo Urban Sprawl Incremento in estensione disorganizzato delle città a scapito dell ambiente circostante. Super city Due o più città/metropoli poste ai lati opposti dell oceano e unite da scambi di carattere commerciale (es. New York Londra = NyLon) Leggi il brano tratto da Brusa A., L atlante delle storie, Palumbo, Firenze, 2010 (e, se vuoi, collegati a qualche web cam delle città su cui vertono i documenti che seguono). Prova a cogliere alcuni problemi di carattere ambientale e sociale: quindi confrontati con i tuoi compagni. Lavoro di gruppo Gruppo A Detroit Detroit è la stessa città che fu di Barry Gordy, fondatore della Motown, di Eminen rapper di grande successo, ma soprattutto di Henry Ford e Walter Chrysler degli anni ruggenti, quando guidare una Cadillac era l unica cosa che desiderasse un americano medio. Il cuore di Detroit oggi è una sorta di Kabul occidentale senza le bombe però, dove il tasso di analfabetismo supera il 40 per cento, il 70 per cento degli omicidi rimane serenamente impunito e dove tre persone su dieci, primato nazionale, non hanno lavoro. Il municipio è sull orlo della bancarotta. Nel 1950, quando sporcarsi le mani in fabbrica era un orgoglio nazionale, la città aveva 2 milioni di abitanti, oggi non arriva al milione, è circa l 80% sono neri poiché i bianchi per lo più sono andati via. Infatti chi ha potuto è fuggito altrove. Chi resta dentro al perimetro è atteso a un corpo a corpo col destino. Nell enclave di Hamtramck, si può comprare una casa con quattro stanze da letto per 100 dollari (69 euro). Non aspettatevi di trovarci porte e finestre, a volte manca pure il tetto, ma per qualcuno è pur sempre un affare. A fine 2003 il costo medio di una casa era di circa 100 mila dollari (69 mila euro). Sei anni dopo è piombato a 15 mila ( euro). Per primi arrivarono i libanesi, negli anni Ottanta. Oggi i ristoranti di kebab che battono McDonalds tre a uno come presenze, sono pieni di profughi iracheni e afghani. Senza la loro manodopera, la crisi dell auto sarebbe iniziata molto prima. Eppure nessuno li considera americani veri, viene consigliato loro di non lasciare il quartiere, di non dare nell occhio. Ma anche attraverso le loro mani passerà la ripresa economica. Anche a questi americani Barack Obama ha parlato in autunno, quando è venuto a Detroit. Ha promesso che la città saprà risollevarsi. A Detroit vive gente onesta che raccoglie i ragazzini dalle scuole e li porta in gita dentro alle prigioni dello Stato. Mostra loro gli effetti devastanti della droga, e la vita che fanno gli spacciatori confinati in isolamento. Non sarà come andare a Disneyland, ma qui è il meglio che si può pretendere. Si potrebbe anche portarli a vedere un film questi ragazzi, i cui risultati scolastici sono i peggiori di tutti gli Stati Uniti d America, ma a Detroit 16

17 non esiste un cinema e neppure la metropolitana oppure una ferrovia dove far viaggiare un treno per i pendolari. La soprannominarono Motor City perché, dicevano, la felicità viaggia esclusivamente su quattro ruote. E se rinascita sarà, su quelle quattro ruote dovrà per forza poggiare. (Adattamento dell articolo Detroit trincea della nuova America di Riccardo Romani pubblicato su Corriere della sera.it 21 gennaio 2010) Gruppo B Bangkok Bangkok, sporca, caotica,appestata, dove l acqua è inquinata e l aria carica di piombo, dove una persona su cinque non ha una vera casa, una su sessanta inclusi i neonati ha il virus dell Aids, una donna su trenta si prostituisce e ogni ora qualcuno si uccide (...) Nel giro degli ultimi dieci anni Bangkok è stata travolta dal desiderio di modernità,e giganteschi lavori hanno messo a soqquadro l intera città: i canali sono stati coperti e trasformati in strade asfaltate; magnifici alberi centenari sono stati abbattuti; intere strade di vecchie case sono state spazzate via dai bulldozer e decine di grattacieli, con le loro profondissime barbe di ferro e cemento, sono stati costruiti al loro posto. La terra è stata aperta, rovesciata, trivellata, sconquassata e, benché qua e là si sia fatta attenzione a scusarsi con gli spiriti, il disturbo è stato tale e tanto che moltissimi di loro sono arrabbiatissimi e la città è ora percorsa da queste invisibili presenze che, per vendetta, fanno impazzire la gente e accadere terribili disastri. I vecchi abitanti di Bangkok, almeno, sono convinti che le cose stiano così e io penso davvero che non abbiano torto. Eravamo arrivati a Bangkok appena da una settimana che poco lontano da casa nostra, nel pieno centro della città, alle sette di sera, quando il traffico è al suo peggio, un camion carico di gas liquido si rovesciò, una nuvola di morte avvolse decine di macchine e di case, una scintilla innescò l esplosione e più di cento persone finirono carbonizzate. Era il settembre del (..) Un disastro è seguito a un altro. Uno dei più drammatici è stato quello di centonovanta ragazzine-operaie bruciate vive in una fabbrica di bambole. Ai primi segni dell incendio avrebbero tutte potuto scappare, ma la direzione, per impedire possibili furti, aveva chiuso a lucchetto ogni via d uscita e le ragazze rimasero intrappolate. Bangkok è ormai una città stregata, una città con il malocchio. Si dice che si è costruito troppo, che il peso di tutti i grattacieli la sta facendo affondare di almeno dieci centimetri all anno e che presto sarà inghiottita dal mare. (Liberamente tratto da Un indovino mi disse di Tiziano Terzani ed. TEA 2006) questioni sociali questioni ambientali 17

18 Fase 6 Obiettivo: conoscere modalità qualitative di classificare le città. Cosa fa l insegnante Cosa fa l allievo Presenta i rapporti Mercer e di Sole 24 ore che, Osserva la classificazione delle città in riferimento attraverso una valutazione comparativa, alla qualità della vita stabilita da indicatori Mercer classificano le città riferendosi alla qualità della e di Sole 24 ore vita (alla modalità con cui sono stati superati i vari problemi). ( All. A) Sottopone una serie di esercizi per riflettere ed Esegue gli esercizi. approfondire la questione relativa alla qualità della vita nelle città. ( All. B) Raggruppamento alunni: lavoro con gruppo classe; individuale. Metodo: analisi di dati e tabelle; discussione orientata; attività di consolidamento di conoscenze. Mezzi e strumenti: tabelle; esercizi. ALL. A Nel XXI secolo le trasformazioni continueranno. Per questa ragione le città si studiano reciprocamente: vogliono capire in che direzione si evolvono gli altri e possono adottare le soluzioni che hanno avuto più successo nel campo della gestione del traffico, delle strategie di ampliamento urbano, nella riconversione di aree ormai abbandonate, nel miglioramento della qualità dell aria e della salute collettiva. Valutare la qualità della vita nelle diverse città può avere vari scopi: orientare le politiche dei governi locali verso standard qualitativi più elevati, valutare le condizioni ambientali e la salute dei cittadini, offrire servizi alle aziende. Esistono molte agenzie nazionali e internazionali che valutano e confrontano le città per misurare la qualità della vita e delle infrastrutture, il costo della vita e la qualità dell ambiente Per raggiungere questo obiettivo devono individuare un elenco di aspetti della vita sociale, economica e politica da valutare. Tra le agenzie internazionali le più autorevoli sono l ONU, l Organizzazione Mondiale della Sanità, Mercer, il settimanale britannico The Economist (che si basa però, in buona parte, sui dati di Mercer). In Italia svolgono ricerche analoghe il Censis, l Eurispes, l ISTAT, Legambiente e Il Sole 24 Ore. Vivibilità globale per città Classifica dei livelli di vivibilità di alcune città del mondo pubblicata dall'economist nel giugno Immagine pubblicata nel sito Mercer: un identikit Mercer è oggi una società leader nella consulenza nel campo delle Risorse Umane, nell Outsourcing (ovvero il trasferimento a ditte esterne di alcune attività che prima venivano svolte all interno delle aziende) e negli investimenti, elaborare e gestire piani sanitari, pensionistici o di altra natura. Mercer ha più di dipendenti distribuiti in oltre 40 stati. L'Azienda è quotata in borsa a New York, Chicago e Londra. 18

19 La sua storia comincia nel 1937 come società di consulenza, innovazione e gestione delle risorse umane. Dopo varie trasformazioni, la società acquisisce il nome Mercer nel Questa società svolge molte indagini, tra queste anche quella sui costi e la qualità della vita nelle principali città del mondo. Mercer prende in considerazione 143 città distribuite su sei continenti. Lo scopo di questa analisi è offrire un servizio a governi e grandi aziende per far conoscere il costo e la qualità della vita nelle città dove è maggiore la presenza di personale in trasferta per ragioni di lavoro. In questo modo chi invia personale all estero può calcolare un rimborso che possa garantire un adeguato livello di vita ai propri dipendenti. Per questa ragione Mercer valuta il costo delle case e un ampia lista di merci in grado di soddisfare tutti i bisogni. La graduatoria stilata da Mercer è condizionata sia dalle scelte di lunga durata compiute da ogni città (struttura urbanistica, infrastrutture ecc) sia da fattori estemporanei, come il rafforzamento o la svalutazione di una valuta internazionale (Euro, Dollaro, Sterlina) che rende un economia e le città coinvolte - più forte o più fragile. Le grandi aziende sono oggi più che mai attente a tagliare i costi e un cambiamento delle condizioni di vita può influenzare le loro scelte rispetto alle trasferte all estero del personale. Criteri Mercer per misurare la qualità della vita Valutare una città non è cosa semplice: a seconda di cosa si osserva si possono ottenere risultati differenti. Inoltre, confrontare città di dimensioni diverse richiede l adozione di criteri sofisticati. I responsabili di Mercer credono che se si usa un buon metodo si possa proporre un confronto anche tra megalopoli e città di medie dimensioni. Il punto è decidere cosa osservare e valutare. Per analizzare le condizioni di vita nelle 420 città oggetto dell indagine mondiale, Mercer ha individuato 39 fattori, suddivisi in 10 categorie: 1. Contesto socio-politico (ovvero stabilità politica, forze dell'ordine, criminalità, ecc.) 2. Contesto economico (servizi bancari, norme valutarie, ecc.) 3. Contesto socio-culturale (limitazioni della libertà personale, censura, ecc.) 4. Sanità e rete fognaria (malattie infettive, smaltimento rifiuti, servizi e forniture mediche, inquinamento atmosferico, rete fognaria, ecc.) 5. Scuole ed istruzione (disponibilità e livello di scuole internazionali, ecc.) 6. Servizi pubblici e trasporti (acqua, trasporti pubblici, elettricità, traffico, ecc.) 7. Attività ricreative e tempo libero (teatri, cinema, ristoranti, sport e tempo libero, ecc.) 8. Beni di consumo (auto, disponibilità di prodotti alimentari/di uso quotidiano, ecc.) 9. Alloggi (elettrodomestici, mobili, alloggi, manutenzione, ecc.) 10. Ambiente naturale (calamità naturali, clima). Per ogni fattore viene assegnato un punteggio, quindi si stila una classifica che ordina le città in base alla qualità della vita. (Fonte www. mercer.it) Vienna è considerata dall' indagine condotta da Mercer, la città più vivibile del mondo. 19

20 Foto pubblicata da www. Repubblica.it Il Rapporto Mercer 2009 Ti proponiamo di seguito i risultati del Rapporto Mercer La prima classifica è relativa alla qualità della vita, mentre le altre due affrontano temi più circoscritti: la qualità delle infrastrutture e il costo della vita. Le prime 10 posizioni dell Indagine Mercer sulla Qualità della Vita (2009) Città di riferimento: New York, USA (= 100) Posiz Posiz Città Paese Punt Punt VIENNA AUSTRIA ZURIGO SVIZZERA GINEVRA SVIZZERA VANCOUVER CANADA AUCKLAND NUOVA ZELANDA DUSSELDORF GERMANIA MONACO GERMANIA FRANCOFORTE GERMANIA BERNA SVIZZERA SIDNEY AUSTRALIA ( uso redazionale) Milano e Roma mantengono la stessa posizione del 2008 (41 posto per Milano e 55 posto per Roma). Le prime 10 posizioni dell Indagine Mercer sulle infrastrutture (2009) Città di riferimento: New York, USA (= 100) La Classifica sulle Infrastrutture della Città 2009 è stata stilata valutando queste variabili: potabilità dell'acqua, elettricità, sistema postale, reti telefoniche, traffico e numero di voli internazionali dall aeroporto locale, trasporto pubblico. Posiz Città Paese Punt.* SINGAPORE SINGAPORE MONACO GERMANIA COPENHAGEN DANIMARCA TSUKUBA GIAPPONE YOKOHAMA GIAPPONE DUSSELDORF GERMANIA VANCOUVER CANADA FRANCOFORTE GERMANIA HONG KONG HONG KONG

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

All inizio del diciannovesimo

All inizio del diciannovesimo Atlante 11 Un mondo di città All inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli