Qualità e Internet mobile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità e Internet mobile"

Transcript

1 IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione, i sistemi mobili non assistevano da anni a crescite così vertiginose di n servizio. Qesto ha acceso l interesse verso la con ci ci vengono offerti tali servizi dati: la velocità con ci navighiamo mediante il nostro Pc, eqipaggiato con la ormai indispensabile Internet Key, è in linea con qanto promesso dalle offerte commerciali? Come mai in certe sitazioni sembra che il compter rimanga appeso in attesa di non si capisce qali eventi? Usare il VoIP da Pc con la chiavetta USB è eqivalente all accesso con ADSL? Ed accedere alla propria casella sl celllare è sempre agevole? Qeste sono solo alcne delle domande che ognno avrà avto occasione di porsi, tilizzando i servizi Internet da. Di segito, si prosege il discorso avviato nel precedente nmero, cercando di evidenziare alcne delle specificità che distingono e caratterizzano i sistemi a banda larga rispetto a qelli s rete fissa. Si segnaleranno alcne troppo facili spposizioni con ci spesso cerchiamo di spiegarci talne sorprese della nostra navigazione in mobilità e si proverà ad indicare come evitare alcne ingannevoli conclsioni. Infine si tracceranno le linee fondamentali di possibili itinerari tramite i qali articolare le valtazioni della QoS per i sistemi mobili, evidenziandone vantaggi e debolezze, sia per qanto rigarda la loro realizzazione che la significatività dei risltati consegibili. Le considerazioni essenziali che vorremmo condividere con i lettori sono le segenti: i servizi Internet in mobilità sono ormai così diffsi che diventa rgente porsi il problema della con ci essi vengono offerti; allo stesso tempo, le particolarità del mondo sono tali da richiedere n approccio intelligente e ponderato; le difficoltà non sono però tali da impedirci di persegire n percorso ragionato ed efficace: di ciò viene offerto qalche esempio.

2 t Introdzione 29 La rete radio: caratteristiche e specificità 31 I parametri di 33 Le modalità di misra 35 Drive Test 35 Agenti Mobili 36 Conclsione 37 SONO USCITI NEL 2009/2010/2011: Tv digitale terrestre in Sardegna: ecco i primi bilanci Dicembre 2008 / Gennaio 2009 E-Inclsion: accessibilità nella società dell informazione Febbraio Tecnologia e disabilità: de mondi non ancora globali Marzo Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Aprile Il ftro di Internet: Ipv6 n indirizzo per ttti e ttto Maggio Intelligenza artificiale: mito o realtà? Ttti pazzi per la ghigliottina, anche i compter Gigno La sostenibilità energetica come nova sfida tecnologica Dicembre 2009 / Gennaio 2010 Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 1 Aprile / Maggio Reti sociali s Internet e Sentiment Analysis 2 Gigno Le frontiere dell intrattenimento domestico Lglio / Agosto / Settembre (Re)visioni: alcne tracce per interpretare le mtazioni televisive Ottobre Qanto è larga la banda? Oggi l tente pò misrarla Dicembre / Gennaio 2011 Come misrarsi la banda, contestare gli Operatori e vivere felici Febbraio 2011 Qalità e Internet. Le verità nascoste? 1 Marzo 2011 Il qaderno di Telèma è stato realizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni. Presidente Enrico Manca Direttore delle Ricerche Mario Frllone Cratore del Qaderno Gido Riva INDICE QUALITÀ E INTERNET MOBILE: LE VERITÀ NASCOSTE? 2 La rete radio: caratteristiche e specificità Come noto il canale radio è na risorsa radio che viene condivisa tra diversi tenti mobili nello spazio e nel tempo. L area di servizio di na rete radio è divisa in n certo nmero di celle di diversa tipologia e dimensione (macrocelle, microcelle, picocelle, in n prossimo ftro anche femtocelle). Ogni cella è in grado di servire n determinato nmero di tenti che dipende da diversi fattori qali le condizioni di propagazione (LOS, NLOS), i livelli interferenziali, la tecnica di accesso mltiplo, la banda di freqenza impiegata. In qeste brevi considerazioni sono racchise le caratteristiche principali e fondamentali di na rete. Anzittto, la risorsa radio è na risorsa condivisa fra più tenti e qesto rende ragione di na variabilità che è al di fori della possibilità d analisi del singolo tente: in n certo pnto, ad n certo istante e con n certo terminale, ciò che ci accade non dipende solo da noi (da dove ci siamo posti, da che momento o che celllare stiamo sando), ma anche da qello che stanno facendo gli altri tenti. E qesto è vero per de ragioni ben distinte: da n lato, perché le risorse radio sono limitate e qindi se le devo condividere con altri significa che qanto mi viene reso possibile dalla rete dipende anche dalle richieste di ttti gli altri (dalla loro posizione, ecc ); è la condivisione di na risorsa scarsa, che la rete si prende carico di effettare nel modo più corretto possibile e secondo criteri di eqità ed opportnità. Il secondo motivo è legato al fatto che le prestazioni offerte ad n certo tente sono limitate dall interferenza che gli altri prodcono s di li, che a loro volta dipendono dalla posizione di qesti tenti, da qanto stanno chiedendo alla rete e così via. Resterebbe ancora n terzo motivo, sempre legato alla forte variabilità dei segnali radio, tipica dei sistemi mobili: si tratta del mtare delle condizioni ambientali intorno al nostro tente (ad esempio, n atobs oppre n atocarro che transita se siamo in strada; oppre il movimento delle altre persone, se ci troviamo in fficio o a casa). Un secondo aspetto (da tenere sempre presente qando si ragiona di celllari) è il segente: na rete è per sa natra non egalitaria; ad esempio, chi si trova lontano dalla propria stazione base verrà inevitabilmente trattato peggio di chi si trova vicino ad essa. La rete ovviamente cercherà di compensare qeste differenze, ma non riscirà a farlo più di tanto: na certa differenza fra i de permarrà. Nella Figra 1 si è evidenziato come varia la massima velocità di trasmissione in fnzione della distanza Velocità di trasmissione in fnzione della distanza dal sito per sistema EDGE (kit/sec) or Figra or Throghpt in fnzione della distanza da SRB per sistema EDGE Spplemento al nmero 279 di Marzo

3 OUTDOOR INDOOR R 800 /R 2100 = 3.88 Figra 2. R 800 /R 2100 = 2.06 Figra 3. Variazione del raggio di cella con la freqenza (800/2100 MHz) e la collocazione del dell tente dalla propria stazione base, nel che hanno i sistemi mobili; qesto porta alla ricerca caso di n sistema EDGE. Un andamento del ttto di sempre nove bande, che si vanno ad aggingere a qelle preesistenti. E di pochi giorni or sono analogo lo si otterrebbe ad esempio nel caso di sistema HSPA, anche se con valori assolti di throghpt decisamente diversi. pbblica slle procedre e regole per l assegna- l avvio da parte di Agcom di na Consltazione Un terzo aspetto, anch esso tipico del, è zione e l tilizzo delle freqenze disponibili in banda legato alla propagazione radio del segnale: ci sono 800, 1800, 2000 e 2600 MHz per sistemi terrestri condizioni in ci ciò che mi viene inviato dalla stazione base incontra più difficoltà che in altre. Un ti- per favorire na effettiva concorrenza nell so delle di comnicazione elettronica e slle lteriori norme pico esempio è rappresentato dalla condizione altre freqenze mobili a 900, 1800 e 2100 MHz. otdoor ed indoor: qando mi trovo all esterno di Ci sta avviando cioè ad avere nella disponibilità de- Andamento del raggio di cella in fnzione dell ILP In Figra 2 ed in Figra 3 è rappresentato come l impiego di na banda di freqenze più bassa si rifletta slle prestazioni e slla offerta, in termini di copertra che si pò ottenere. Come si vede, a parità di distanza dalla stazione base (cioè di ordinata), la probabilità di avere n segnale sfficiente per la comnicazione (Indoor Location Probability) è decisamente speriore a 900 MHz rispetto a 1800 MHz. Corrispondentemente, se si accetta n certo livello di copertra (cioè a parità di ascissa), la distanza dalla stazione I parametri di I servizi offerti dai sistemi mobili sono di conseto sddivisi in tre famiglie: servizi voce, servizi SMS e servizi dati. Esiste però na profonda differenza tra qeste tre categorie. Mentre per i servizi voce e SMS l intera categoria è sostanzialmente rappresentata da n nico servizio fondamentale, nel caso dei servizi dati ci troviamo di fronte ad na molteplicità di servizi fribili da parte dell tente. Dal pnto di vista di n osservazione oggettiva, qesto ha n n edificio, il segnale incontra meno ostacoli rispet- gli operatori mobili non solo le attali bande 900 base a ci si riesce a garantire che ciò accada è notevole impatto nella costrzione della metodo- to a qando sono all interno di esso, perché i mri MHz (qella con ci ha iniziato il GSM), 1800 MHz evidentemente speriore (cioè celle più grandi) nel logia per la valtazione della QoS: rislta difficile in- operano n filtraggio ed na attenazione del se- (qella della seconda fase del GSM) e 2100 MHz caso 900 MHz rispetto a qello 1800 MHz. fatti individare parametri comni che siano al gnale a me destinato e qesto degrada le presta- (qella dedicata all UMTS); ma anche molte altre D altra parte, e qesto è il sesto aspetto da avere contempo oggettivi (cioè indipendenti da aspetti zioni che riscirò ad ottenere. bande, sia a freqenze più basse (800 MHz) che presente, il parco dei terminali attalmente in eser- soggettivi, associabili a preferenze dell tente) e di- Un qarto aspetto è legato alla rapida evolzione che hanno avto i sistemi mobili: attalmente all interno di na stessa rete coesistono più standard tecnologici, qali il GSM con la sa versione dati GPRS e la sa solzione avanzata EDGE, l UMTS più alte (2600 MHz). L introdzione di nove bande di freqenza ha n impatto slle prestazioni delle reti mobili non solo perché vengono rese disponibili più risorse radio, ma anche perché ttti i fattori precedentemente richiamati dipendono strettamente cizio rislta estremamente variegato, sia per qanto rigarda lo standard che tilizza, che per le bande impiegate. Ne consege che la che viene offerta dalla rete a de tenti anche in condizioni omologhe potrà risltare decisamente dif- retti (cioè che sappiano esprimere con immediatezza l effetto slla percepita di qello specifico servizio). Inoltre il nmero e la tipologia di servizi basati sll accesso ad Internet è crescito in modo vertiginoso negli ltimi anni e per il ftro e la sa evolzione HSPA, fra poco LTE ed poi LTE Advanced. Ovviamente i sistemi più datati, come il GSM, sono anche qelli meno efficienti nel gestire la risorsa radio e sono anche in grado di offrire prestazioni in termini di velocità di accesso nettamente inferiori a qelle offerte dai sistemi più recenti. Un qinto aspetto va invece ricercato nella crescente rilevanza, anche economica ed indstriale, anche dalla banda di freqenza di lavoro, per ci certi effetti vengono amplificati o contenti. A qesto va poi agginto che bande tradizionalmente impiegate da sistemi che stanno rapidamente diventando obsoleti, qali la banda 900 MHz per i sistemi GSM, vengono riorganizzate (refarming) per consentire il loro impiego anche da parte di sistemi più efficienti, qali l UMTS. ferenziata per effetto del tipo di terminale che essi stanno tilizzando, che pò differire sia per il sistema tilizzato che per le bande di freqenze di lavoro possibili. A ciò si agginga poi l intrinseca tecnologica che differenzia n celllare dall altro, per ci de celllari simili come standard o bande impiegate possono offrire però prestazioni e livelli di abbastanza diversi fra loro. sembra sia destinato a crescere. Pittosto che insegire qesta rapida evolzione e differenziazione dei servizi, andando a definire parametri specifici per il singolo servizio, pare perciò preferibile individare n set di parametri, comni ed oggettivi, slla base dei qali sia possibile dedrre a posteriori na valtazione qalitativa (bono, accettabile, scadente) del singolo servizio. Fra i più 32 33

4 TCP e UDP, Throgpt vs Delay il tempo per l andata ed il ritorno del pacchetto e qindi va diviso a metà), la velocità di trasmissione del TCP rislta fortemente penalizzata dalla pre- Nel caso dei servizi voce, no strmento fondamentale è costitito dalle informazioni che è possibile raccogliere dai contatori di rete, che senza di ritardi consistenti, al pnto che si pò ar- registrano gli eventi fondamentali che rigardano rivare ad tilizzare solamente n 10% di ttta la na certa chiamata. Passando al servizio dati ed Figra 4. capacità disponibile. Qesto ha de implicazioni: qando si frisce di servizi che tilizzano TCP (download, , web in particolare ai KPI precedentemente individati per caratterizzare l accesso ad Internet, i contatori non offrono la stessa opportnità, perché Stabilità della misra di throghpt per TCP ed UDP in fnzione del ritardo browsing, ecc..) non diamo sbito la colpa alla spesso sono raccolti ad intervalli troppo laschi velocità della rete, perché essa pò essere anche per risltare significativi per la singola connes- significativi, si possono individare i segenti pa- per servizi di tipo real-time qali il VoIP o lo strea- elevata, ma pò essere il protocollo che non riesce sione ed inoltre spesso sono aggregati ad n li- rametri (KPI, Key Performance Indicator): ming adio/video) pò risltare fortemente inflen- a sfrttarla adegatamente a casa degli elevati vello più alto (ad esempio ttto il volme di 1. Velocità di trasmissione (throghpt) zato dalle caratteristiche delle reti mobili. In valori di ritardo presenti. traffico dati smaltito da na cella). 2. Tasso di insccesso nella trasmissione dati particolare, la forte variabilità dei KPI in generale e La seconda considerazione è la segente: qando Si deve ricorrere allora ad altre de modalità, che 3. Ritardo (delay) l elevato valore del ritardo provoca comportamenti si vole misrare l effettiva velocità di trasmissione risltano più promettenti; si tratta delle misre di 4. Variazione del ritardo (jitter) molto penalizzanti del TCP. Infatti, nelle reti mobili di na rete (cioè qanto ci viene offerto dal QoS effettate mediante drive test oppre me- 5. Perdita dei pacchetti (packet loss) attalmente si va da n valore minimo del ritardo nostro operatore ) è estremamente insidioso diante sonde (attive o passive). Si tratta di KPI misrabili con relativa facilità e con di 100 ms fino a valori dell ordine di diverse centi- appoggiarsi sl TCP, perché esso fornisce stime n bon grado di oggettività; al contempo, riassmono le caratteristiche fondamentali della rete oggetto di analisi. Slla base di na loro naia di ms con picchi dell ordine del secondo, contro valori tipici di ritardo per la rete fissa a banda larga di na decina di ms, arrivando ad alcne de- che dipendono non solo dalla capacità che viene offerta dall operatore, ma ancora più possono dipendere dal meccanismo di fnzionamento Drive Test accrata descrizione statistica è altresì possibile cine di ms. Nella Figra 4 si è riportato a titolo p- del TCP e da qanto ritardo sbiscono i pacchetti; Le misre mediante drive test consistono nel- ricostrire il comportamento in termini di dei singoli servizi, anche da n ottica tente. Ad esempio, allorché si vole effettare il download di n file, il parametro di maggiore interesse rislta essere il throghpt, mentre se siamo interessati ramente esemplificativo il valore della velocità di trasmissione per n flsso TCP ed n flsso UDP qando vengano trasmessi s di na linea avente na capacità di 7 Mb/s in presenza di ritardi che variano fra 10 ms ed 1 secondo. qalora poi tali ritardi siano soggetti a improvvise e forti variabilità, come nel caso delle reti mobili, il fnzionamento stesso del TCP pò risltare molto difficile da prevedere e qindi il dato che ne ricaviamo ci dice molto poco, anche da n pnto di l attrezzare n veicolo con adegata strmentazione professionale: no strmento, collegato ad na batteria di celllari o di chiavette USB, a loro volta eqipaggiati con opportni software che consentono di dialogare con lo strmento a comnicazioni in tempo reale, qali i servizi VoIP, è necessario disporre di na certa velocità di trasmissione, ma n effetto rilevante è giocato dal jitter, cioè dal qanto è variabile il ritardo di trasmissione. Si deve inoltre tener ben presente che il fnzionamento dei protocolli di rete che spportano i servizi Internet (il TCP nella maggioranza dei casi, l UDP Si vede come in entrambi i casi (UDP e TCP) e per valori di ritardo molto piccoli (10 ms) la velocità effettiva a ci si riesce a trasmettere è inferiore di circa n 10% rispetto alla capacità massima della linea: qesto è dovto alle informazioni di controllo che vengono inviate assieme ai dati tili. Si nota però, che mentre l UDP è sostanzialmente indifferente al valore del ritardo (RTT- Rond Trip Time è vista statistico, slla rete stessa. Le modalità di misra Una volta individato cosa andare a misrare, si tratta ora di definire le modalità operative con ci raccogliere informazioni si KPI offerti dalla rete. stesso, riportando ttta na serie di informazioni, di solito non accessibili all tente, sllo stato della rete e s alcne grandezze significative (ad esempio, il livello di campo con ci si ricevono le stazioni base intorno al celllare, oppre le informazioni slla disponibilità di risorse al momento di n hand-over). Mediante l architettra di rete descritta nell intervento sl nmero 34 35

5 precedente, qesti terminali vengono collegati con i server posizionati ai NAP sia per trasmissioni in pload che in download; gli strmenti consentono di associare alla semplice misra dei KPI anche nmero di campioni di misra; n i percorsi di misra devono essere rappresentativi degli tenti sia dal pnto di vista geografico che temporale. Sia la densità degli tenti che l offerta lo scopo di misrare la di servizio. Esso si collega oppre riceve dati dal server posizionato al NAP ed estrae da tale flsso di dati i KPI di interesse, associandoli anche in qesto caso ad op- maggiore o minor carico di lavoro a ci il terminale stesso è soggetto. Tra le informazioni che n agente potrebbe associare a qelle di del servizio, vi sono le informazioni di scenario a ci esse si riferiscono dei servizi varia nelle diverse aree e i percorsi di mi- portne informazioni di scenario. sia il riferimento temporale che qello geografico (il momento della giornata, la posizione geografica, sra non sempre possono essere considerati rap- Il vantaggio di n approccio di tal genere è evidente (GPS o identificativo di cella - Cell Id -). In tal modo la cella a ci si è collegati, e così via). Qeste in- presentativi dell intera rete. Qesto significa che in qanto è lecito attendersi che si possa racco- sarebbe possibile realizzare delle mappatre della formazioni di scenario sono poi tili in sede di ogni parte di n percorso potrebbe dover essere gliere n nmero di campioni abbastanza ampio dei servizi offerti da n dato operatore per post-elaborazione, al momento di analizzare qan- pesata in maniera differente. da ottenere valtazioni della di servizio molto certe aree e certi periodi temporali. to misrato; consentono infatti di segmentare La campagna di misre deve inoltre tenere conto di: accrate. Infatti, poiché la platea dei potenziali ti- Trattandosi di no strmento di analisi realizzato l analisi in base ai principali fattori che possono n diversi terminali tilizzati; lizzatori è molto ampia, gli agenti mobili possono per via software, si dispone anche della flessibilità inflenzare la QoS (ad esempio, il momento della n diverse circostanze in ci i terminali sono tilizzati, trasformare n elevato nmero di terminali mobili di modificare rapidamente l elenco o la tipologia giornata ci fornisce indicazioni sl fatto che si fos- come ad esempio all interno di na vettra, cam- di tipo commerciale in stazioni di monitoraggio della di servizi da sottoporre a monitoraggio, nonché se o meno in orario di pnta, con consegente minando, in casa, in fficio, in treno nonché di- QoS. Poiché sono molto prossimi all tente finale, l aggiornamento della loro modalità di analisi o carico più o meno elevato della rete). verse modalità di tilizzo. gli agenti mobili sono in grado di cattrare con più della tipologia degli indicatori di ; tale pre- I vantaggi che si possono ottenere da misre sl La campagna di misre deve inoltre poter essere facilità le abitdini dell tente. rogativa rislta assoltamente importante, se non campo possono riassmersi come sege: ripetta ad intervalli di tempo predefiniti per te- Come detto, n agente potrebbe essere in necessaria, se considerata nell ambito della ra- n le valtazioni vengono fatte da n pnto di vista nere conto dell eventale amento nella capacità grado di misrare la dei servizi mltimediali, pidissima evolzione che sbisce l offerta dei esterno alla rete che rispecchia la percezione della rete. i parametri radio così come collezionare statistiche servizi mobili. dell tente; slle prestazioni da riportare s base regolare ad n pò essere tilizzato per confrontare i risltati ottenti per diverse reti poiché le misre possono esser fatte nello stesso posto e nello stesso istante; n i pnti dove non c è copertra sono adegatamente tenti in considerazione. Agenti Mobili L altra modalità di misra consiste nell impiego di sonde, che possono essere di tipo passivo o attivo. Le prime si limitano ad osservare e misrare il traf- n server centrale. L impiego di agent per i terminali di tente pò richiedere qindi molta attenzione s particolare aspetti realizzativi, qali la necessità di svilppare software la ci fnzionalità deve essere garantita per diversi dispositivi di accesso (smartphones e Conclsione Il tema della QoS per l accesso ad Internet presenta complessità e difficoltà di analisi non trascrabili, a casa di specificità intrinseche alla realtà Gli svantaggi invece di na valtazione tramite misre sl campo possono riassmersi in: n la configrazione sata nelle misre (il terminale e il so modo di tilizzo) non sono indicative di come l tente effettivamente tilizza il proprio terminale; n al fine di ottenere n adegata precisione e significatività statistica, è necessario n elevato fico che transita attraverso n certo segmento di rete, mentre le sonde di tipo attivo provvedono a generare traffico, per verificare direttamente s di esso come la rete è in grado di veicolarlo. Richiamando qanto svolto per la rete fissa, si pò pensare allora di installare s terminali mobili n opportno modlo software, denominato Agent, in grado di svolgere la fnzione di sonda attiva, con chiavette USB) e per diversi sistemi operativi. È poi necessario realizzare n opportna architettra del sistema di misra in grado di gestire in modo appropriato n nmero di campioni e qindi di collegamenti potenzialmente molto elevato. Un lteriore aspetto che va considerato nella misra o nella verifica della QoS mediante agenti mobili è costitito dalla inflenza dei risltati raccolti dal. Qesta considerazione non deve portare però ad assmere n atteggiamento fatalistico o rassegnato, ma deve spronare ad na particolare attenzione nell analisi della problematica. Sono state infatti illstrate metodiche e tecniche che riescono a fornirci tili ed oggettive informazioni s qanto l tente frisce, in termini di del servizio, mediante l accesso a larga banda. n 36 37

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet mobile Le verità nascoste? A cra di Gido Riva La Qalità di Servizio (Qality of Service - QoS) è diventa negli ltimi anni n tema di primaria importanza, e non solo nel settore

Dettagli

Una nuova generazione di sportelli automatici

Una nuova generazione di sportelli automatici IQUADERNIDI Una nova generazione di sportelli atomatici accessibili e sabili da ttti A cra di Raffaele Nicolssi Il problema delle barriere tecnologiche è stato affrontato spesso anche slle pagine di Telèma

Dettagli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli

bintec RV Robusti router LTE per applicazioni a banda larga sui veicoli bintec RV Robsti roter LTE per applicazioni a banda larga si veicoli Networking mobile per veicoli di ttti i tipi La connessione permanente ad Internet è diventata oggi na ovvietà. Sia nel privato, che

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

Campi elettromagnetici

Campi elettromagnetici IQUADERNIDI Campi elettromagnetici in ambiente di lavoro A cra di Marina Barbiroli Doriana Gidcci e Simona Valbonesi Il contesto normativo in materia di protezione dei lavoratori dall esposizione ai campi

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management

PANDORA: IQUADERNIDI. l ICT per il Crisis Management IQUADERNIDI PANDORA: l ICT per il Crisis Management A cra di Michele Cornacchia, Chiara Rossetti Il Crisis Management è n approccio sistematico adottato nelle sitazioni di emergenza, essenzialmente per

Dettagli

L attenzione verso le cose del passato è sempre più

L attenzione verso le cose del passato è sempre più La gestione della geometria tridimensionale di n oggetto È fondamentale per ogni simlazione nmerica Antonio Giogoli Agiotech Le capacità odierne dell ingegneria inversa aprono novi confini all analista

Dettagli

La qualità dell accesso mobile

La qualità dell accesso mobile La qualità dell accesso mobile L accesso mobile ad Internet Guido Riva Area Sistemi Radio Sviluppi recenti dei sistemi mobili Stiamo assitendo a sostanziali modifiche nelle comunicazioni mobili, sia per

Dettagli

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE

A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE A VVISI E DICHIARAZIONI DI LEGGE Copyright 2002 by ScanSoft, Inc. Ttti i diritti riservati. Nessna parte di qesta pbblicazione pò essere trasmessa, trascritta, riprodotta, memorizzata in alcn sistema compterizzato

Dettagli

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110

Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medium. Manuale d'uso. Telefoni analogici per il sistema di comunicazione MD110 Dialog 4106 Basic/Dialog 4147 Medim Telefoni analogici per il sistema di comnicazione MD110 Manale d'so Cover Page Graphic (Grafica di copertina) Place the graphic directly on the page, do not care abot

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. La Misura dell attività ospedaliera. Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Corso di Larea ORGANIZZAZIONE SANITARIA La Misra dell attività ospedaliera Prof. Giovanni CAPELLI Dott. Brno FEDERICO Cattedra di Igiene 1 Corso di Larea La classificazione internazionale delle malattie

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin

43 18 agosto 2007. IBL Briefing Paper. La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giuricin 43 IBL Briefing Paper La riforma del trasporto aereo Un balzo all indietro di dieci anni di Andrea Giricin I. Lo svilppo aeroportale in segito alla liberalizzazione I.1. Premessa. Il trasporto aereo, grazie

Dettagli

Partnership di canale

Partnership di canale white paper gennaio.2015 Partnership di canale Il trst mediator e n novo concetto di filiera corta iteam:lorena Cottone e x c e l l e n c e i n e x e c t i o n white paper 2 exective smmary introdzione

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 2 Nell ambito della programmazione PO FESR 07-13, qesto Dipartimento

Dettagli

DIVAR IP 7000 1U. Video DIVAR IP 7000 1U. www.boschsecurity.it. Soluzione completa di gestione video in grado di supportare fino a 64 canali

DIVAR IP 7000 1U. Video DIVAR IP 7000 1U. www.boschsecurity.it. Soluzione completa di gestione video in grado di supportare fino a 64 canali Video DIVAR IP 7000 1U DIVAR IP 7000 1U www.boschsecrity.it Solzione completa di gestione video in grado di spportare fino a 64 canali Solzione di gestione video IP pronta all'so, con capacità di archiviazione

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX VIRTUALIZED ORACLE 11GR2 Versione 1.3 Gida alla progettazione e H12347.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati. Pbblicato Maggio, 2014

Dettagli

Progetto DSA Matematica

Progetto DSA Matematica Classe a Progetto DSA Matematica Come le insegnanti ben sanno, all interno della classe ogni bambino ha le se caratteristiche pecliari, i soi tempi e le se molità di apprendimento. Appare qindi necessario

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ECONOMICO-GESTIONALE Dottorato di Ricerca in Ingegneria Economico-Gestionale XVIII Ciclo TESI DI DOTTORATO

Dettagli

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA

Capitolo 2 ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA Capitolo ELEMENTI BASE DI INGEGNERIA SISMICA 1. Premessa La crescita di importanza della dinamica delle strttre rislta evidente a chinqe abbia segito l evolzione delle problematiche connesse alla progettazione

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

DIVAR IP 7000 2U. Video DIVAR IP 7000 2U. www.boschsecurity.it

DIVAR IP 7000 2U. Video DIVAR IP 7000 2U. www.boschsecurity.it Video DIVAR IP 7000 2U DIVAR IP 7000 2U www.boschsecrity.it Solzione di gestione video completa, all-in-one, con protezione RAID-5, per n massimo di 128 canali Solzione di gestione video IP pronta all'so,

Dettagli

LSN RF sistema di rivelazione incendio

LSN RF sistema di rivelazione incendio 17 19 18 34 3 50 49 21 20 36 35 52 51 23 2 38 37 54 53 24 10 26 25 40 39 5 57 56 13 12 28 27 42 41 59 58 15 14 30 29 4 43 61 60 16 32 31 46 45 63 62 48 47 64 Sistemi di rivelazione incendio LSN RF sistema

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 5.1v-02/2015 Stampa n. 01 Dra 5, 7, 10, 15, 25, 35 Le informazioni contente in qesto

Dettagli

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena

PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena Sistemi di comnicazione PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena PLE 2MAxx0 EU amplificatore mixer Plena www.boschsecrity.it 6 ingressi linea/microfono e 3 ingressi sorgente msicale Ingresso stazione di

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

La garanzia del miglior prezzo

La garanzia del miglior prezzo white paper settembre.2015 La garanzia del miglior prezzo Come arginare la crescita della pressione promozionale nel grocery e contrastare lo show rooming nell elettronica di consmo - Gianpiero Lgli -

Dettagli

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO

Impaginato_2_2_Layout 1 01/10/12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Impaginato_2_2_Layot 1 01//12 08:45 Pagina 1 IL MITO E LA SUA IMMAGINE DI META TURISTICA NEL MONDO Il fatto che la Sicilia sia na regione che gode di n forte appeal tristico è n fatto ben conoscito tra

Dettagli

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA

Supporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA J.D. Wacker Spporti fotografici KODAK PROFESSIONAL ENDURA Gida alle applicazioni VOI CHIEDETE STAMPE DI QUALITÀ. NOI ABBIAMO SUPPORTI FOTOGRAFICI PROFESSIONALI PROGETTATI PER DARVI PRESTAZIONI ECCEZIONALI.

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12306.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS 420 rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di rivelazione incendio FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione FAS 420 rivelatori di fmo ad aspirazione www.boschsecrity.it Collegabili alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200

Dettagli

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320-TP rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali FCS-320-TP rivelatori di fmo ad aspirazione convenzionali www.boschsecrity.it Collegabili a centrali di rivelazione

Dettagli

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa

P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3. 1. Premessa G Ital Med Lav Erg 2002; 24:1, 3-25 PI-ME, Pavia 2002 P. Apostoli 1, G. Bazzini 2, E. Sala 1, M. Imbriani 3 La versione italiana OREGE (Otil de Repérage et d Evalation des Gestes) dell INRS (Institt national

Dettagli

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Officium ASSICURAZIONE SU MISURA PER GLI UFFICI E GLI STUDI PROFESSIONALI. C o n d i z i o n i G e n e r a l i d i A s s i c u r a z i o n e.

Officium ASSICURAZIONE SU MISURA PER GLI UFFICI E GLI STUDI PROFESSIONALI. C o n d i z i o n i G e n e r a l i d i A s s i c u r a z i o n e. A r e a P r o t e z i o n e P r o f e s s i o n e Officim ASSICURAZIONE SU MISURA PER GLI UFFICI E GLI STUDI PROFESSIONALI C o n d i z i o n i G e n e r a l i d i A s s i c r a z i o n e Parte B Indice

Dettagli

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN

Newsletter n. 02-30 giugno 2015. On line il nuovo sito web di I-TOWN On line il novo sito web di I-TOWN É on line il sito web del progetto Bild Up Skills I-TOWN http://www.bs-itown.e/ Un sito interattivo e dinamico, ricco di notizie, informazioni tecniche e di settore.

Dettagli

AMAX 3000 EN. Sistemi di allarme antintrusione AMAX 3000 EN. www.boschsecurity.it. 32 zone presenti sulla scheda/8 aree/64 codici utente

AMAX 3000 EN. Sistemi di allarme antintrusione AMAX 3000 EN. www.boschsecurity.it. 32 zone presenti sulla scheda/8 aree/64 codici utente Sistemi di allarme antintrsione AMAX 3000 EN AMAX 3000 EN www.boschsecrity.it Il sistema di allarme intrsione AMAX 3000 EN è concepito per le abitazioni e le piccole e medie attività commerciali. Dispone

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF)

Introduzione. Algoritmi Link-State. Principi. Adiacenze OSPF (2) Adiacenze OSPF (1) Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Introdzione Open Shortest Path First Protocol (OSPF) Svilppo inizia nel 987 OSPF Working Grop (parte di IETF) OSPFv2 emanato nel 99 OSPFv2 aggiornato nel RFC 278 Principi OSPF è n protocollo di roting

Dettagli

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017)

la nuova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, sviluppo documento di programmazione triennale (2015 2017) La nova cooperazione italiana Un mondo in comune: solidarietà, partnership, sviluppo la nuova cooperazione italiana documento di programmazione triennale (2015 2017) Un mondo in comune: solidarietà, partnership,

Dettagli

Pompe peristaltiche industriali

Pompe peristaltiche industriali Pompe peristaltiche indstriali Manale operativo VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 Versione 9.0v-02/2015 Stampa n. 01 VF 5, 10, 15, 25, 32, 40, 50, 65, 80 Le informazioni

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12307.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

DSA disk array iscsi serie E

DSA disk array iscsi serie E Video DSA disk array serie E DSA disk array serie E www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di rigidi interni, con n massimo di 96 dischi rigidi implementabili

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoritmi di isita di n grafo Ilaria Castelli castelli@dii.nisi.it Uniersità degli Stdi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Visita di n grafo, A.A. 2009/2010

Dettagli

Anatomia del neutrone

Anatomia del neutrone Timothy Pal Smith è assistant research professor di fisica al Dartmoth College di Hanover, negli Stati Uniti. Ha diretto lo svilppo dei programmi informatici per BLAST, esperimento in ci è ancora coinvolto

Dettagli

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI

STRUTTURATO APP BTICINO CATALOGHI APP BTICINO CATALOGHI SISTEMA di cablaggio STRUTTURATO Indice Il cablaggio strttrato Introdzione e logiche del cablaggio strttrato 14 Strttra del cablaggio 14 Prestazioni del cablaggio: classi e categorie

Dettagli

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06 I NUMERI DECIMALI Calcolo rapido Rispondi alle segenti domande. Qanti decimi occorrono per fare 1 nità?... E mezza nità?... Qanti decimi mancano per avere 1 nità intera se ho 7 decimi?... E se ne ho 6?...

Dettagli

MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520. u Software Leica 11 541 544 0.55. Microscopio ottico. Telecomando

MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520. u Software Leica 11 541 544 0.55. Microscopio ottico. Telecomando LEICA MC170 HD & MC190 HD SEMPLICE. RAPIDA. BRILLANTE. Schema di configrazione MC170 HD / MC190 HD 12 730 465 / 12 730 520 Schermo HD Cavo HDMI, 2.5 m Modalità PC (con compter) Windows PC/Mac Cavo USB

Dettagli

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello

LBC 3011/x1 altoparlanti a pannello Sistemi di comnicazione LBC 11/x1 altoparlanti a pannello LBC 11/x1 altoparlanti a pannello www.boschsecrity.it Intelligibilità del parlato e diffsione adio di alta qalità Sistema a de vie Facile impostazione

Dettagli

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier 4. Analisi dei segnali periodici e serie di Forier Joseph Forier 1768-183 1 Nel so lavoro fondamentale del 187 Théorie analytiqe de la chaler, Jean Baptiste Joseph 1 La vita di Forier, oltre ad essere

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

L INK L INK NEW NEW listino 2011/ 2012

L INK L INK NEW NEW listino 2011/ 2012 NEWL INK NEWL INK scheda tecnica Com'è? formato mm 240 x 335 (rivista) pagine 24 + 4 carta gr. 80 somano (cover in cartoncino da 150 g/mq) stampa in qadricromia tiratra 10.000 copie distribzione gratita.

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 Versione 1.3 Gida alla progettazione e all'implementazione H12308.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati.

Dettagli

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali

FCP 320/FCH 320 rivelatori d'incendio automatici convenzionali Sistemi di rivelazione incendio FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali FCP 32/FCH 32 rivelatori d'incendio atomatici convenzionali www.boschsecrity.it Elevata affidabilità di rivelazione

Dettagli

Sistema isolatore della linea altoparlanti

Sistema isolatore della linea altoparlanti Sistemi di comnicazione Sistema isolatore della linea altoparlanti Sistema isolatore della linea altoparlanti www.boschsecrity.it Offre loop di altoparlanti ridondanti per sistemi di comnicazione al pbblico

Dettagli

I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE. Anno Scolastico 2014 / 2015. Classe IF TECNOLOGICO

I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE. Anno Scolastico 2014 / 2015. Classe IF TECNOLOGICO I.T.C.G. E. Fermi - Tivoli PROGRAMMA SVOLTO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE Anno Scolastico 2014 / 2015 Classe IF TECNOLOGICO COSTRUZIONE AMBIENTE E TERRITORIO 1/5 MODULO 1: FONDAMENTI DI INFORMATICA U.A. 1

Dettagli

Esempio di Integrazione 1

Esempio di Integrazione 1 Esempio di Integrazione Spponiamo di voler integrare la fnzione fx_,_: x Sl dominio x 3x x 3x && 3 x x RegionPlot && x 3 x && x 5 x, x,, 5,,, 3 3 5 Il dominio deve essere opportnamente sddiviso epr poter

Dettagli

Il category management di filiera corta

Il category management di filiera corta position paper gennaio.2015 Il category management di filiera corta Un novo bsiness model proposto per le categorie degli accessori ICT Position paper by Gianpiero Lgli e x c e l l e n c e i n e x e c

Dettagli

VRM Video Recording Manager

VRM Video Recording Manager Video VRM Video Recording Manager VRM Video Recording Manager www.boschsecrity.it Memorizzazione distribita e bilanciamento del carico configrabile Failover del disk array iscsi per n'affidabilità estrema

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR END USER COMPUTING WITH VMWARE HORIZON VIEW

EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR END USER COMPUTING WITH VMWARE HORIZON VIEW EMC BACKUP AND RECOVERY FOR VSPEX FOR END USER COMPUTING WITH VMWARE HORIZON VIEW Versione 1.2 Gida alla progettazione e all'implementazione H12388.2 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti

Dettagli

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

&2013. Tutti i giorni al tuo fianco! GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI Spplemento al nmero odierno de L Insegna Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, DCB Firenze 1 GUIDA AI SERVIZI CONVENZIONI

Dettagli

COMUNE DI VILLAPERUCCIO

COMUNE DI VILLAPERUCCIO COMUNE DI VILLAPERUCCIO Provincia di Carbonia-Iglesias SETTORE : Responsabile: AREA TECNICA Crreli Elvio DETERMINAZIONE N. in data 109 25/03/2014 OGGETTO: Approvazione Relazione Tecnica e Impegno di Spesa

Dettagli

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO

IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO IL SISTEMA FIACCOLA: LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO Ing. Roberto Marelli B&C Engineering and Constrction srl. Sommario I sistemi di fiaccola o torcia, al servizio di raffinerie, impianti LNG ed impianti

Dettagli

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it

DSA E-Series 2TB. Video DSA E-Series 2TB. www.boschsecurity.it Video DSA E-Series 2TB DSA E-Series 2TB www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo di 192 dischi

Dettagli

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI

Modulo di potenza DALI. Modulo di potenza DALI LQSE-2DAL-D Dispositivo di controllo per corpi illuminanti DALI Modlo di potenza DAI QSE-2DA-D Dispositivo di controllo per corpi illminanti DAI Modlo di potenza DAI 369650b 1 10.22.13 Il Modlo di potenza DAI è n controllore montato s barra DI per carichi digitali

Dettagli

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS

EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS EMC BACKUP AND RECOVERY OPTIONS FOR VSPEX PRIVATE CLOUDS Versione 1.3 Gida alla progettazione e H12387.3 Copyright 2013-2014 EMC Corporation. Ttti i diritti riservati. Pbblicato Maggio, 2014 EMC ritiene

Dettagli

Versione LIVE di Risk Italia Magazine!

Versione LIVE di Risk Italia Magazine! Riservare adesso per sconto di abbonnato Milano, 27 Novembre, 2008 Normativa Gestione del rischio Prodotti derivati Gestione qantitativa Rischio assicrativo e rischio nei fondi pensione Derivati e risk

Dettagli

Disk array iscsi DSA E-Series

Disk array iscsi DSA E-Series Video Disk array iscsi DSA E-Series Disk array iscsi DSA E-Series www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità orizzontale: nità dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

La meta... di moda! Ogni turista ha indicato alla guida quale meta vorrebbe visitare durante la gita di domani. Grotte Rosa.

La meta... di moda! Ogni turista ha indicato alla guida quale meta vorrebbe visitare durante la gita di domani. Grotte Rosa. La meta... di mo! Ogni trista a indicato alla gi qale meta vorrebbe visitare drante la gita di domani. Leggi i ti e contina t la rappresentazione con lʼistogramma. Grotte Rosa Lago Bl Cima Verde Isola

Dettagli

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA

PERICOLI ELETTRICI - SICUREZZA ELETTRICA PERCOL ELETTRC - SCUREZZA ELETTRCA L energia elettrica è comoda, tile, sicra, ma non esente da pericoli. Pericoli per le cose 1. Energia elettrica condttore percorso da corrente eccessiva (sovraccarico,

Dettagli

Prevenzione e. comunicazione

Prevenzione e. comunicazione Prevenzione e Michaela Liccio comnicazione MICHAELA LIUCCIO Diffsione di stili di vita sani e corretti Stili di vita, scelte di vita (soggetto) e chance o possibilità di vita (disponibilità oggettive,

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

DSA E-Series 4TB (E2700)

DSA E-Series 4TB (E2700) Video DSA E-Series 4TB (E2700) DSA E-Series 4TB (E2700) www.boschsecrity.it Solzione di archiviazione in rete a scalabilità verticale: nità di controllo dotata di 12 dischi rigidi interni, con n massimo

Dettagli

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone.

elettronico. Questo risulta particolarmente semplice nel caso in questione dato che c è un solo elettrone. 68 3. 6 MOLECOLA IONE IDOGENO + La molecola dello ione idroeno molecolare, +, è la più semplice fra le molecole. Essa è infatti composta da nclei di idroeno ( protoni) ed n solo elettrone. Anche nello

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE:

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE: La mia compagna di vita n racconto ARTRITE REUMATOIDE: il primo passo è l informazione È n iniziativa parte del progetto informativo Articol-AZIONI realizzato da: Il primo passo è l informazione Gidare

Dettagli

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015

I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 I.T.A. EMILIO SERENI ROMA Programma svolto Anno Scolastico 2014/2015 Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE Classe:1 D Docenti: Prof. Silvio Mastrantoni Prof. Pietro Mndo MODULO I :FONDAMENTI DIINFORMATICA

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

Bosch Video Management System v.4.5

Bosch Video Management System v.4.5 Video Bosch Video Management System v.4.5 Bosch Video Management System v.4.5 www.boschsecrity.it Sistema di gestione video basato s client/server di classe Enterprise Gestione avanzata degli allarmi con

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Prevenzione dei rischi e norme di comportamento. Protezione Civile Villadose ONLUS

Prevenzione dei rischi e norme di comportamento. Protezione Civile Villadose ONLUS Prevenzione dei rischi e norme di comportamento Protezione Civile Villadose ONLUS Protezione Civile Villadose ONLUS Prevenzione dei rischi e norme di comportamento Un vecchio adagio recita: A n certo pnto

Dettagli

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali

LH1 UC30E altoparlante a tromba per applicazioni musicali Sistemi di comnicazione LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali LH1 UC3E altoparlante a tromba per applicazioni msicali www.boschsecrity.it Eccellente riprodzione vocale e msicale Sistema

Dettagli

Unità di controllo CCS 1000 D

Unità di controllo CCS 1000 D Sistemi di comnicazione Unità di controllo CCS 1000 D Unità di controllo CCS 1000 D www.boschsecrity.it Fnzionalità plg-and-play per la connessione semplice e rapida di n massimo di 80 Dispositivi per

Dettagli

spaziovision.it CONCEPT HYBRID STREET LIGHT

spaziovision.it CONCEPT HYBRID STREET LIGHT spaziovision.it CONCEPT HYBRID STREET LIGHT TM CONCEPT HYBRID STREET LIGHT Ubilx presenta Concept street light. Una linea di lampioni stradali alimentati ad energia solare ed eolica. Ideale per illminare

Dettagli

Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza

Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza Il problema della verità e la base ontologica della conoscenza F.T. Arecchi Università di Firenze e Istitto Nazionale di Ottica Applicata arecchi@ino.it 1-Descrizione e spiegazione Un compito cognitivo

Dettagli

Software di Bosch Recording Station 8.10

Software di Bosch Recording Station 8.10 Video Software di Bosch Recording Station 8.10 Software di Bosch Recording Station 8.10 www.boschsecrity.it Software di e gestione per video IP Collegamento di n massimo di 64 sorgenti video per stazione

Dettagli

IL FUTURO A COLORI. GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso

IL FUTURO A COLORI. GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso IL FUTURO A COLORI GUIDA PER INSEGNANTI Scopri all interno come partecipare al concorso Indice Premessa La gida contina il percorso dei Laboratori CreATTIVI che rappresentano n osservatorio permanente

Dettagli

LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU

LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE LA NAVIGAZIONE SU Ministero dello Sviluppo Economico Regione Marche LA NAVIGAZIONE SU RETE MOBILE Marche Realizzato nell ambito del Programma Generale di intervento 2009 della Regione Marche con l utilizzo dei fondi del

Dettagli