Sistemi Interconnessi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Interconnessi"

Transcript

1 Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29, 2008

2 Considerazioni generali Si consideri n sistema S ottento come interconnessione di m sottosistemi S i (i =,..., m) ognno dei qali caratterizzato dalla rappresentazione con lo spazio di stato (A i, B i, C i, D i ) e vettore di stato x i IR n i di dimensione n i, ingresso i e scita i S i : { ẋi (t) = A i x i (t) B i i (t) i (t) = C i x i (t) D i i (t) Lo stato x(t) del sistema interconnesso pò essere scelto pari a x(t) = x (t). x m (t) ed ha dimensione n = m i= n i. Le diverse interconnessioni sono individate dalle relazioni di interconnessione tra le variabili di ingresso e scita dei vari sottosistemi. L ordine dei sottovettori xi (t) nel vettore di stato x(t) è arbitrario; ovviamente cambia la rappresentazione nello spazio di stato del sistema interconnesso se si altera l ordine dei vettori x i (t) in x(t). Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi

3 Atovalori nascosti Un atovalore λ i della matrice dinamica A di n sistema S si definisce atovalore nascosto se la sa molteplicità come polo della fnzione di trasferimento di S è strettamente inferiore a qella che tale atovalore ha come radice del polinomio caratteristico di A (molteplicità algebrica). La presenza di n atovalore nascosto nasce dall esistenza di na dinamica non raggingibile e/o inosservabile (dinamica nascosta) caratterizzata dall atovalore stesso. Vale il segente risltato (Test di Hats) Un atovalore λ i non è n atovalore nascosto se e solo se rango ( (A λ i I) B ) = n Test di controllabilità rango ( (A λi I) C ) e = n Test di osservabilità Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 2

4 Interconnessione in Serie (o Cascata) = = 2 2 = S : { ẋ (t) = A x (t) B (t) (t) = C x (t) D (t) stato: x(t) = S S 2 S ( x (t) x 2 (t) ) S 2 : { ẋ2 (t) = A 2 x 2 (t) B 2 2 (t) 2 (t) = C 2 x 2 (t) D 2 2 (t) relazioni di interconnessione: = 2, =, = 2 Per ottenere la rappresentazione con lo spazio di stato del sistema interconnesso si calcola ẋ(t) e si sano le relazioni di interconnessione ( ) ( ) ( ) ( ) ẋ A x ẋ = = B A x = B A = x B ẋ 2 A 2 x 2 B 2 2 A 2 x 2 B 2 A 2 x 2 B 2 (C x D ) ( ) ( ) ( ) A 0 x B = = Ax B B 2 C A 2 x 2 B 2 D = 2 = C 2 x 2 D 2 2 = C 2 x 2 D 2 (C x D ) = ( ) ( ) x D 2 C C 2 D x 2 D 2 = Cx D Sistema interconnesso caratterizzato da ( ) ( ) A 0 B A =, B =, C = ( ) D B 2 C A 2 B 2 D 2 C C 2, D = D D 2 Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 3

5 Interconnessione in Serie (o Cascata) Dall espressione della matrice A (triangolare inferiore a blocchi) del sistema interconnesso si ha l importante relazione at{a} = at{a } at{a 2 } In generale si ha Il sistema interconnesso in serie S ha come atovalori l nione degli atovalori dei sottosistemi S i che lo compongono Con at{a} si indica l insieme degli atovalori della matrice A. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 4

6 Interconnessione in Serie (o Cascata) Fnzione di trasferimento = = 2 2 = 2 S : F (s) = (s) (s) S 2 : F 2 (s) = 2(s) 2 (s) = (s) (s) = 2(s) 2 (s) (s) 2 (s) = 2(s) (s) (s) 2 (s) = 2(s) (s) 2 (s) (s) = F 2(s)F (s) = F (s)f 2 (s) La fnzione di trasferimento del sistema interconnesso in serie S è data dal prodotto delle fnzioni di trasferimento F i (s) dei singoli sottosistemi S i che lo compongono Attenzione: nella fnzione di trasferimento finale ci possono essere delle cancellazioni tra poli e zeri. In tal caso si ha sicramente na perdita di raggingibilità e/o osservabilità per il sistema interconnesso. I poli del sistema interconnesso, in presenza di tali cancellazioni, non comprenderanno ttti i poli (atovalori) dei singoli sottosistemi e qindi ci saranno atovalori nascosti. Si parte dal prespposto che i singoli sottosistemi siano, presi singolarmente, completamente osservabili e raggingibili e qindi i poli e gli atovalori di ogni singolo sottosistema coincidono. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 5

7 Interconnessione in Serie Esempio = = 2 2 = S : F (s) = s s = 2 s 2 S 2 : F 2 (s) = s = F (s)f 2 (s) = (s ) (s ) (s ) = s Un solo polo mentre il sistema deve avere 2 atovalori n atovalore nascosto = perdita di raggingibilità e/o osservabilità Si deve individare la rappresentazione nello spazio di stato del sistema interconnesso a partire dalle singole rappresentazioni dei de sottosistemi S e S 2. A= Realizzazioni ( ) ( A 0 0 = B 2 C A 2 2 S : A =, B =, C = 2, D = S 2 : A 2 =, B 2 =, C 2 =, D 2 = 0 ) ( ) ( ) B, B = =, C = ( 0 B 2 D ) ( C 2 = 0 ), D =0 Test di Hats per λ 2 = rg ( A λ 2 I B ) ( ) 2 0 = rg = < n = 2, λ non raggingibile ( ) A λ2 I rg = rg = 2 = n, λ C 2 osservabile 0 Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 6

8 Interconnessione in Serie Esempio 2 = = 2 2 = 2 Att. ordine diverso rispetto all esempio S : F (s) = s s = 2 s S 2 : F 2 (s) = s = F 2 (s)f (s) = F (s)f 2 (s) = (s ) (s ) (s ) = s n solo polo Stesse realizzazioni dei singoli sottosistemi dell esempio ( ) ( ) ( ) ( ) A B A = C =, B = =, 0 A 2 0 B 2 C = ( C ) ( D C 2 = 2 ) Test di Hats per λ 2 = rg ( A λ 2 I B ) ( ) 2 0 = rg = 2 = n, λ raggingibile ( ) A λ2 I rg = rg = < n = 2, λ C 2 inosservabile 2 l ordine di interconnessione in caso di cancellazione è importante Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 7

9 Interconnessione in Serie Proprietà strttrali = = 2 2 = 2 Se nell interconnessione in serie di F (s) = N (s)/d (s) e F 2 (s) = N 2 (s)/d 2 (s) si verificano cancellazioni che coinvolgono fattori comni tra N (s) e D 2 (s) (cancellazione nell ordine zero/polo) oppre tra D (s) e N 2 (s) (cancellazione polo/zero) si generano dinamiche nascoste. Rispetto allo schema di figra: se no zero di F (s) cancella n polo di F 2 (s) si genera na dinamica non raggingibile caratterizzata dall atovalore nascosto coincidente con il polo di F 2 (s) cancellato; se n polo di F (s) cancella no zero di F 2 (s) si genera na dinamica inosservabile caratterizzata dall atovalore nascosto coincidente con il polo di F (s) cancellato. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 8

10 Interconnessione in Parallelo S S : { ẋ (t) = A x (t) B (t) (t) = C x (t) D (t) 2 S 2 2 S S 2 : { ẋ2 (t) = A 2 x 2 (t) B 2 2 (t) 2 (t) = C 2 x 2 (t) D 2 2 (t) Procedimento analogo ( ) ẋ ẋ = = ẋ 2 = relazioni di interconnessione: = 2, = = 2 ( ) A x B A 2 x 2 B 2 2 ( A 0 0 A 2 ) ( x x 2 ) ( A x = B A 2 x 2 B 2 ) = Ax B B 2 ( B = 2 = C x D x C 2 x 2 D 2 x 2 = ( C C 2 ) ( x x 2 ) (D D 2 ) = Cx D Sistema interconnesso caratterizzato da ( ) ( ) A 0 B A =, B =, C = ( ) C 0 A 2 B C 2, D = D D 2 2 ) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 9

11 Interconnessione in Parallelo Dall espressione della matrice A (diagonale a blocchi) del sistema interconnesso si ha l importante relazione at{a} = at{a } at{a 2 } In generale si ha Il sistema interconnesso in parallelo S ha come atovalori l nione degli atovalori dei sottosistemi S i che lo compongono Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 0

12 Interconnessione in Parallelo Fnzione di trasferimento S : F (s) = (s) (s) S 2 : F 2 (s) = 2(s) 2 (s) = (s) (s) = (s) 2 (s) (s) = (s) (s) 2(s) (s) = (s) (s) 2(s) 2 (s) = F (s) F 2 (s) La fnzione di trasferimento del sistema interconnesso in parallelo S è data dalla somma delle fnzioni di trasferimento F i (s) dei singoli sottosistemi S i che lo compongono Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi

13 Interconnessione in Parallelo Esempio S : F (s) = s s = 2 s S 2 : F 2 (s) = s Realizzazioni S : A =, B =, C = 2, D = S 2 : A 2 =, B 2 =, C 2 =, D 2 = 0 = F (s) F 2 (s) = s s s = ( ) ( ) 0 A =, B = 0 s s = s n solo polo, C = ( 2 ), D = D = Test di Hats per λ = rg ( A λi B ) ( ) 0 0 = rg = < n = 2, λ non raggingibile 0 0 ( ) A λi rg = rg = < n = 2, λ inosservabile C 2 Dinamica di ordine (dimensione del sottosistema) non raggingibile e inosservabile caratterizzata da n atovalore in Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 2

14 Interconnessione in Parallelo Proprietà strttrali S S 2 2 S Se F (s) e F 2 (s) hanno n polo p i in comne, allora, mettendo in evidenza tale polo F (s) = N (s) D (s) = N (s) (s p i )D (s), F 2(s) = N 2(s) D 2 (s) = N 2 (s) (s p i )D 2 (s) = F (s) F 2 (s) = N (s) (s p i )D (s) N 2 (s) (s p i )D 2 (s) = N (s)d 2 (s) N 2(s)D (s) (s p i )D (s)d 2 (s) con il nmero di poli finale minore di no rispetto alla somma del nmero dei poli di S e S 2. In generale si pò dimostrare che o, eqivalentemente, Se F (s) e F 2 (s) hanno poli in comne allora si genera na dinamica contemporaneamente non raggingibile e inosservabile Se S e S 2 hanno atovalori in comne allora si genera na dinamica contemporaneamente non raggingibile e inosservabile Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 3

15 Interconnessione in Retroazione S S : { ẋ (t) = A x (t) B (t) (t) = C x (t) 2 2 S 2 Retroazione negativa S S 2 : (caso D = D 2 = 0) { ẋ2 (t) = A 2 x 2 (t) B 2 2 (t) 2 (t) = C 2 x 2 (t) Scegliendo relazioni di interconnessione: = 2, = = 2 stato: x(t) = ( x (t) x 2 (t) e calcolando ẋ(t), si ottiene la rappresentazione con lo spazio di stato di S ( ) ( ) ( ) ẋ A x ẋ = = B ( 2 ) A x = B C 2 x 2 B ẋ 2 A 2 x 2 B 2 A 2 x 2 B 2 C x ( ) ( ) ( ) A B = C 2 x B = Ax B B 2 C A 2 x 2 0 = = C x = ( C 0 ) ( ) x = Cx x 2 ) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 4

16 Interconnessione in Retroazione Sistema interconnesso caratterizzato da ( ) A B A = C 2, B = B 2 C A 2 ( B 0 ), C = ( C 0 ), D = 0 In generale si ha at{a} = at{a } at{a 2 } e qindi il sistema interconnesso avrà, in generale, atovalori diversi dagli atovalori dei singoli sottosistemi. Come illstrato di segito, se vi sono cancellazioni nella fnzione d anello F (s)f 2 (s), la dinamica non necessariamente nascosta, corrispondente a tali cancellazioni, rimane inalterata per il sistema ad anello chiso. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 5

17 Interconnessione in Retroazione Fnzione di trasferimento S : F (s) = (s) (s) S 2 : F 2 (s) = 2(s) 2 (s) (s) = (s) = F (s)[(s) 2 (s)] = F (s)[(s) F 2 (s) 2 (s)] = F (s)[(s) F 2 (s)(s)] [ F (s)f 2 (s)](s) = F (s)(s) = (s) (s) = F (s) F (s)f 2 (s) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 6

18 Interconnessione in Retroazione Unitaria S S Retroazione nitaria negativa S: sistema ad anello chiso S : sistema ad anello aperto { ẋ (t) = A S : x (t) B (t) (t) = C x (t) (caso D = 0) relazioni di interconnessione: =, = Lo stato del sistema interconnesso coincide con qello del sistema ad anello aperto S. ẋ = ẋ = A x B ( ) = A x B C x B = (A B C )x B = Ax B = = C x = Cx Sistema interconnesso caratterizzato da con, in generale, A = A B C, B = B, C = C at{a} = at{a } Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 7

19 Interconnessione in Retroazione Unitaria Fnzione di trasferimento S : F (s) = (s) (s) = (s) (s) = F (s) F (s) Caso reazione positiva = (s) (s) = F (s) F (s) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 8

20 Interconnessione in Retroazione Unitaria Esempio S instabile, ad esempio F (s) = 2 s S stabile asintoticamente = F (s) F (s) = 2/(s ) 2/(s ) = 2 s 2 = 2 s S stabile asintoticamente, ad esempio F (s) = K(s ) (s ) 2 = F (s) F (s) = K(s ) s 2 s(2 K) K S è stabile asintoticamente se 2 < K < ; S è stabile semplicemente se K = o K = 2; S è instabile negli altri casi. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 9

21 Interconnessione in Retroazione Proprietà strttrali Se no zero di F (s) coincide con n polo di F 2 (s) si genera na dinamica nascosta non raggingibile e inosservabile. F (s) = (s a)n (s), F 2 (s) = D (s) N 2 (s) (s a)d 2 (s) = (s a) 2 N (s)d 2 (s) (s a)[d (s)d 2 (s) N (s)n 2(s)] cancellazione = (s a)n (s)d 2 (s) D (s)d 2 (s) N (s)n 2(s) L atovalore nascosto (corrispondente al polo cancellato ) non viene alterato dalla retroazione. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 20

22 Interconnessione in Retroazione Proprietà strttrali Att.: Se n polo di F (s) coincide con no zero di F 2 (s) nell interconnessione a retroazione riportata in figra non si genera na dinamica nascosta ma il corrispondente polo non viene alterato dalla retroazione. F (s) = N (s) (s a)d (s), F 2(s) = (s a)n 2 (s) D 2 (s) = N (s)d 2 (s) (s a)[d (s)d 2(s) N (s)n 2 (s)] Non ci sono cancellazioni: il grado del denominatore di è gale alla somma dei gradi dei denominatori di F (s) e F 2 (s) (e gale al nmero di atovalori del sistema interconnesso). Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 2

23 Interconnessione in Retroazione Unitaria Proprietà strttrali S S Il sistema retroazionato S ha atovalori nascosti se e solo se li ha il sistema S F (s) = = cancellazione = (s a)n (s) (s a)d (s) (s a)n (s) (s a)n (s) (s a)d (s) = (s a)n (s) (s a)[n (s) D (s)] N (s) N (s) D (s) Gli atovalori nascosti di S non vengono spostati dalla retroazione Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 22

24 Alcne regole per la semplificazione di sistemi interconnessi L eqivalenza è facilmente dimostrata confrontanto i vari segnali. Att.: l eqivalenza è solo di tipo algebrico, le cancellazioni introdotte servono solo a sbrogliare le interconnessioni. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 23

25 Esempio r K(s) G(s) z d Calcolare la fnzione di trasferimento W dz (s) tra le variabili d(t) e z(t) Principio di sovrapposizione degli effetti r = 0. Il sistema interconnesso complessivo ha de ingressi (r(t) e d(t)); entrambi, in generale, inflenzeranno l andamento delle diverse variabili del sistema e qindi anche z(t). Definendo con W rz (s) la fnzione di trasferimento tra r e z (ottenta ponendo d a zero), la risposta forzata complessiva sarà z(s) = W dz (s)d(s) W rz (s)r(s) Volendo solo individare l effetto di d(t) s z(t) si pò porre l altro ingresso a zero. Semplice manipolazione dello schema a blocchi K(s) G(s) z d d K(s) G(s) z W dz (s) = K(s)G(s) [ K(s)G(s)] = K(s)G(s) K(s)G(s) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 24

26 Esempio 2 r C(s) d 2 Individare le fnzioni di trasferimento W d (s) e W r (s) Opportne trasformazioni dello schema a blocchi = 0 r C(s) d 2 C(s) d 2 d d C(s) C(s) 2 C(s) a 2 b C(s) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 25

27 Esempio 2 C(s) d d C(s) 2 2 C(s) C(s) Lo schema finale permette di applicare le formle note per il calcolo della fnzione di trasferimento di n sistema interconnesso In modo analogo si ottiene W d (s) = W r (s) = F (s) [F (s) F 2 (s)] C(s) [F (s) F 2 (s)] C(s) [F (s) F 2 (s)] C(s) Esiste n procedimento algoritmico di tipo algebrico formla di Mason che permette di calcolare in generale la fnzione di trasferimento di n sistema interconnesso complesso. Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 26

28 Esempio 2 In alternativa si pò procedere in modo algebrico: individare ttti i segnali che appaiono nel sistema interconnesso scrivere le relazioni in s che legano i vari segnali risolvere le eqazioni algebriche. relazioni algebriche: (s) = b(s) c(s), b(s) = F (s)a(s), c(s) = F 2 (s)(s), a(s) = (s) d(s), (s) = C(s)(s) r = 0 C(s) d a b 2 c = b c = F 2 F ( d) = F d (F F 2 )C Si ricorda che si sta considerando la sola risposta forzata e pertanto se n segnale a(s) agisce in ingresso a n sistema con fnzione di trasferimento G(s), la trasformata dell scita forzata b(s) è data dal semplice prodotto b(s) = G(s)a(s) Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 27

29 Esempio 3 T i (t) f i f a T ai (t) A k f (s) a B f a T a (t) T(t) f T ai (t), T a (t) temperatra in ingresso e in scita jacket, C ρ a densità acqa raffreddamento nel jacket, kg/m 3 V a volme acqa nella camicia di raffreddamento H ai, H a entalpie acqa in ingresso/scita jacket, J/kg f i, f flsso volmetrico in ingresso/scita reattore m 3 /s C Ai concentrazione del componente A in ingresso T (s) i f(s) C A (s) i K 8 K 2 K K 5 K 4 T a (s) i K 9 3 s T a (s) K 7 T(s) s s K 3 2 C A (s) K 6 K 0 Fondamenti di Atomatica Sistemi Interconnessi 28

Lezione 5. Schemi a blocchi

Lezione 5. Schemi a blocchi Lezione 5 Schemi a blocchi Elementi costitutivi di uno schema a blocchi Gli schemi a blocchi costituiscono un formalismo per rappresentare graficamente le interazioni tra sistemi dinamici. Vediamone gli

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo:

2.5 Stabilità dei sistemi dinamici 20. - funzioni di trasferimento, nella variabile di Laplace s, razionali fratte del tipo: .5 Stabilità dei sistemi dinamici 9 Risulta: 3 ( s(s + 4).5 Stabilità dei sistemi dinamici Si è visto come un sistema fisico può essere descritto tramite equazioni differenziali o attraverso una funzione

Dettagli

Controlli automatici

Controlli automatici Controlli atomatici Sistemi a tempo discreto Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica, Informaione e Bioingegneria Introdione Un sistema dinamico a tempo

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A

Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A Prova scritta di Controlli Automatici - Compito A 21 Marzo 27 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare quali sono le affermazioni vere. 1. Si consideri

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

La funzione di risposta armonica

La funzione di risposta armonica 0.0. 3.1 1 La funzione di risposta armonica Se ad un sistema lineare stazionario asintoticamente stabile si applica in ingresso un segnale sinusoidale x(t) = sen ωt di pulsazione ω: x(t) = sin ωt (s) =

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a. 998 99 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI FONDAMENTI DI AUTOMATICA Prof. Marcello Farina ESERCIZI SUGLI SCHEMI A BLOCCHI ESERCIZIO 1 Si consideri il segente schema a blocchi: v dove a) Si calcoli la fnione di

Dettagli

Esempio di Integrazione 1

Esempio di Integrazione 1 Esempio di Integrazione Spponiamo di voler integrare la fnzione fx_,_: x Sl dominio x 3x x 3x && 3 x x RegionPlot && x 3 x && x 5 x, x,, 5,,, 3 3 5 Il dominio deve essere opportnamente sddiviso epr poter

Dettagli

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Politecnico di Milano. Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.2014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 28 Novembre 2014 SOLUZIONE

Politecnico di Milano. Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.2014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 28 Novembre 2014 SOLUZIONE Politecnico di Milano Fondamenti di Automatica (CL Ing. Gestionale) a.a.014-15 Prof. Silvia Strada Prima prova intermedia 8 Novembre 014 SOLUZIONE ESERCIZIO 1 punti: 8 su 3 Si consideri il sistema dinamico

Dettagli

La funzione di trasferimento

La funzione di trasferimento Sommario La funzione di trasferimento La funzione di trasferimento Poli e zeri della funzione di trasferimento I sistemi del primo ordine Esempi La risposta a sollecitazioni La funzione di trasferimento

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza

Capitolo 4. Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza Capitolo 4 Sistemi lineari tempo-invarianti: analisi nel dominio della frequenza 1. Introduzione In questo capitolo ci occuperemo dell analisi nel dominio della frequenza di sistemi dinamici lineari tempo-invarianti.

Dettagli

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI

Fondamenti di Automatica. Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Fondamenti di Automatica Unità 2 Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Calcolo del movimento di sistemi dinamici LTI Soluzione delle equazioni di stato per sistemi dinamici LTI a tempo continuo

Dettagli

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CORSO di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE (cod. 8469) APPELLO del 10 Novembre 2010 Prof. Emanuele Carpanzano Soluzioni Esercizio 1 (Domande generali) 1.a) Controllo Modulante Tracciare qualitativamente la risposta

Dettagli

ESERCITAZIONE (7-11-13) Ing. Stefano Botelli

ESERCITAZIONE (7-11-13) Ing. Stefano Botelli FONDAMENTI di AUTOMATICA ESERCITAZIONE (7-11-13) Ing. Stefano Botelli NB in presenza di matrici 3x3 bisogna intuire che esiste un metodo risolutivo particolare perchè non verrà mai richiesto a lezione

Dettagli

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE

FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE FEDELTÀ DELLA RISPOSTA DEI SISTEMI DI CONTROLLO IN RETROAZIONE: ANALISI DELLA PRECISIONE IN REGIME PERMANENTE Nello studio dei sistemi di controllo in retroazione spesso si richiede che l uscita segua

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Control System Toolbox

Control System Toolbox Control System Toolbox E` un insieme di funzioni per l analisi di sistemi dinamici (tipicamente lineari tempo invarianti o LTI) e per la sintesi di controllori (in particolare a retroazione). All'interno

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

REGOLATORI STANDARD O PID

REGOLATORI STANDARD O PID REGOLATORI STANDARD O ID Consideriamo il classico esempio di compensazione in cascata riportato in figura, comprendente il plant o sistema controllato con funzione di trasferimento G (s), il regolatore

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari CAPITOLO 9 Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari Esercizio 9.1. Verificare che v = (1, 0, 0, 1) è autovettore dell applicazione lineare T così definita T(x 1,x 2,x 3,x 4 ) = (2x 1 2x 3, x

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione.

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. UNIVERSITÀ DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Tesina di Laurea Triennale Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. -La formula di

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO

SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SPECIFICHE DI PROGETTO DI SISTEMI DI CONTROLLO Ing. Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE

CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale CONTROLLO IN RETROAZIONE Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier 4. Analisi dei segnali periodici e serie di Forier Joseph Forier 1768-183 1 Nel so lavoro fondamentale del 187 Théorie analytiqe de la chaler, Jean Baptiste Joseph 1 La vita di Forier, oltre ad essere

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

Proprieta` dei sistemi in retroazione

Proprieta` dei sistemi in retroazione Proprieta` dei sistemi in retroazione Specifiche di controllo: errore a regime in risposta a disturbi costanti errore di inseguimento a regime quando il segnale di riferimento e` di tipo polinomiale sensibilita`

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

MATLAB Analisi di Sistemi LTI

MATLAB Analisi di Sistemi LTI Esercitazione 1/30 MATLAB Analisi di Sistemi LTI Vincenzo LIPPIELLO PRISMA Lab Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II vincenzo.lippiello@unina.it www.prisma.unina.it

Dettagli

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO

INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO INTRODUZIONE AL CONTROLLO OTTIMO Teoria dei Sistemi Ingegneria Elettronica, Informatica e TLC Prof. Roberto Zanasi, Dott. Giovanni Azzone DII - Università di Modena e Reggio Emilia AUTOLAB: Laboratorio

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap.9. Principi di funzionamento delle macchine a fluido Appnti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Cap.9. Principi di fnzionamento delle macchine a flido Paolo Di Marco Versione 006.0 8.05.07. La presente dispensa è redatta ad esclsivo so didattico

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI

Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI IL PIANO DELLE FASI La tecnica di analisi del piano delle fasi è un metodo grafico molto diffuso per lo studio dei sistemi non lineari del secondo ordine. L idea di base consiste nel risolvere graficamente

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

Esame di FONDAMENTI DI AUTOMATICA (9 crediti) SOLUZIONE

Esame di FONDAMENTI DI AUTOMATICA (9 crediti) SOLUZIONE Esame di FONDAMENTI DI AUTOMATICA (9 crediti) Prova scritta 16 luglio 2014 SOLUZIONE ESERCIZIO 1. Dato il sistema con: si determinino gli autovalori della forma minima. Per determinare la forma minima

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura

Figura 6.2.1: Andamento della solubilità in funzione della temperatura 6.2 CRISTALLIZZAZIONE DA SOLUZIONE La cristallizzazione è l'operazione attraverso ci si ottiene na fase solida cristallina a partire da na fase liqida, costitita da na solzione o da n fso. Qesta operazione

Dettagli

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4

b i 1,1,1 1,1,1 0,1,2 0,3,4 V o Appello // RICERCA OPERATIVA - Corso A (a.a. 9/) Nome Cognome: Corso di Laurea: L C6 LS LM Matricola: ) Si consideri il problema di flusso di costo minimo in figura. Si verifichi se il flusso ammissibile

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y INTRODUZIONE Osserviamo, in primo luogo, che le funzioni logaritmiche sono della forma y = log a () con a costante positiva diversa da (il caso a = è banale per cui non sarà oggetto del nostro studio).

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BARTOLO. A cura del Prof S. Giannitto Istituto d Istruzione Secondaria Superiore M.BATOLO PACHINO (S) APPUNTI DI SISTEMI AUTOMATICI 3 ANNO MODELLIZZAZIONE A cura del Prof S. Giannitto MODELLI MATEMATICI di SISTEMI ELEMENTAI LINEAI, L, C ivediamo

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica STRUMENTI MATEMATICI PER L ANALISI DEI SISTEMI DISCRETI Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica

Tutorato di GE110. Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Universitá degli Studi Roma Tre - Corso di Laurea in Matematica Tutorato di GE110 A.A. 2014-2015 - Docente: Prof. Angelo Felice Lopez Tutori: Federico Campanini e Giulia Salustri Soluzioni Tutorato 13

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

Qualità e Internet mobile

Qualità e Internet mobile IQUADERNIDI Qalità e Internet Le verità nascoste? 2 A cra di Gido Riva L accesso ad Internet in mobilità ha sbìto negli ltimi mesi n esplosione raggardevole; se escldiamo i primi tempi della loro diffsione,

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C

Capitolo. La funzione di trasferimento. 2.1 Funzione di trasferimento di un sistema. 2.2 L-trasformazione dei componenti R - L - C Capitolo La funzione di trasferimento. Funzione di trasferimento di un sistema.. L-trasformazione dei componenti R - L - C. Determinazione delle f.d.t. di circuiti elettrici..3 Risposta al gradino . Funzione

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento

6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6. Trasformate e Funzioni di Trasferimento 6.3 Richiami sulla Trasformata di Laplace Definizione La trasformata di Laplace di f(t) è la funzione di variabile complessa s C, (s = σ + jω), F (s) = e st f(t)dt

Dettagli

Fondamenti di Controlli Automatici

Fondamenti di Controlli Automatici Cognome: Nome: N. Matr.: Fondamenti di Controlli Automatici Ingegneria Meccanica Compito del 11 settembre 215 - Quiz Per ciascuno dei seguenti quesiti, segnare con una crocetta le risposte che si ritengono

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Corso di Analisi Numerica

Corso di Analisi Numerica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Analisi Numerica 8 - METODI ITERATIVI PER I SISTEMI LINEARI Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche 1 Norme e distanze 2 3 4 Norme e distanze

Dettagli