Esercizi di Matematica Finanziaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi di Matematica Finanziaria"

Transcript

1 Università degli Stdi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli XI-XIII del testo Cladio Pacati a.a

2 c Cladio Pacati ttti i diritti riservati. Il presente testo non pò essere riprodotto, neppre in parte, senza l atorizzazione scritta dell atore.

3 . Si consideri n individo I dotato di na fnzione tilità (x) = 50( e x/50 ) e di n capitale certo c = 50. Date de operazioni rischiose e, caratterizzate da n gadagno aleatorio G = {35, 35} e G = {90, } rispettivamente, si determini qale delle de è preferita se l individo massimizza l tilità attesa e se attribisce probabilità 7/ all evento (G = 35) e probabilità 5/ all evento (G = 90). = m () = posizione preferita:. Si considerino de titoli rischiosi con tasso di rendimento aleatorio I e I. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.55, E(I ) = 0.3, V (I ) = 0.0, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a Considerando n portafoglio con rendimento I = αi + ( α)i, si calcoli la composizione α del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E (I) e di varianza V (I), (a) nel caso in ci siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = V (I) = (b) nel caso in ci non siano consentite vendite allo scoperto: α = 0 E (I) = 0. 3 V (I) = Un individo I dotato di na fnzione tilità (x) = log x e di n capitale certo c = 500, deve decidere se effettare na operazione rischiosa con gadagno aleatorio G che pò assmere il valore 300 con probabilità /5, il valore 50 con probabilità /5 ed il valore 00 con probabilità /5. Si calcoli l avversione al rischio (assolta) r(c) dell individo e si determinino l tilità attesa E[(X)] e l eqivalente certo m della posizione finanziaria X = c + G assnta da I nell eventalità che egli effetti l operazione rischiosa descritta. r(c) = E[(X)] = m = Si considerino de titoli rischiosi con tasso di rendimento aleatorio I e I. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.76, E(I ) = 0.3, V (I ) = 0.03, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.7. Considerando n portafoglio con rendimento I = ( α)i + αi, si calcoli la composizione α del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E (I) e di varianza V (I), (a) nel caso in ci siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = V (I) = (b) nel caso in ci non siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = 0. 3 V (I) = Un individo I dotato di na fnzione tilità (x) = x 000 x e di n capitale certo c = 500, deve decidere se effettare na operazione rischiosa con gadagno aleatorio G che pò assmere il valore 00 con probabilità /5, il valore 50 con probabilità /5 ed il valore 00 con probabilità /5. Si calcoli l avversione al rischio (assolta) r(c) dell individo e si determinino l tilità attesa E[(X)] e l eqivalente certo m della posizione finanziaria X = c + G assnta da I nell eventalità che egli effetti l operazione rischiosa descritta. r(c) = E[(X)] = m = Si considerino de titoli rischiosi con tasso di rendimento aleatorio I e I. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.65, E(I ) = 0.5, V (I ) = 0.0, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.7. Considerando n portafoglio con rendimento I = ( α)i + αi, si calcoli la composizione α del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E (I) e di varianza V (I), (a) nel caso in ci siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = 0. 7 V (I) = (b) nel caso in ci non siano consentite vendite allo scoperto: α = 0. 5 E (I) = 0. 5 V (I) =

4 7. Un individo I dotato di na fnzione tilità (x) = x 300 x e di n capitale certo c = 00, deve decidere se effettare na operazione rischiosa con gadagno aleatorio G che pò assmere il valore 5 con probabilità /7, il valore 5 con probabilità 3/7 ed il valore 0 con probabilità 3/7. Si calcoli l avversione al rischio (assolta) r(c) dell individo e si determinino l tilità attesa E[(X)] e l eqivalente certo m della posizione finanziaria X = c + G assnta da I nell eventalità che egli effetti l operazione rischiosa descritta. r(c) = 0. 0 E[(X)] = m = Si considerino de titoli rischiosi con tasso di rendimento aleatorio I e I. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.7, E(I ) = 0., V (I ) = 0.03, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.5. Considerando n portafoglio con rendimento I = λi + ( λ)i, si calcoli la composizione λ del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E (I) e di varianza V (I), (a) nel caso in ci siano consentite vendite allo scoperto: λ = E (I) = V (I) = (b) nel caso in ci non siano consentite vendite allo scoperto: λ = 0 E (I) = 0. V (I) = Un individo I, con tolleranza del rischio pari a B = 0, è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio X che pò assmere i valori 5 e 5 con probabilità / e 3/ rispettivamente. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = 000. Determinare, trascrando le spese ed accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni tilità, i valori minimo e massimo del coefficiente di caricamento η che rende la polizza accettabile per entrambi. k = 5 η min = η max = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 7 log(x + ) e da n capitale certo c = 00, deve scegliere fra de operazioni rischiose G e G con gadagno aleatorio rispettivamente: G = {5, 5, 5} con probabilità P = {,, } G = {35, 35} con probabilità P = {, } a) Determinare gli eqivalenti certi e m () delle posizioni finanziarie X = c + G e X = c + G rispettivamente. = m () = b) Determinare l operazione preferita dall individo: in base al criterio della speranza matematica: in base al criterio dell tilità attesa:. Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = 0.0. Sia P il portafoglio, a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0. e da na deviazione standard σ = Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q =, determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = σ =

5 . Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio, a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0.3 e da na deviazione standard σ = Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q =., determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = σ = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = x 00 x e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio rispettivamente: G = {0, 7, 6} con probabilità P = {,, } G = {0, 35} con probabilità P = {, } mentre la terza è na operazione finanziaria non rischiosa caratterizzata da n gadagno (certo) G 3 =.5. a) Determinare gli eqivalenti certi e m () X 3 = c + G 3, rispettivamente. delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e = 0. m () = m (3) = 0. 5 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 3. Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 7 log(x) + e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio rispettivamente: G = {5, 7, 5} con probabilità P = {,, } G = {0, 5} con probabilità P = {, } mentre la terza è na operazione finanziaria non rischiosa caratterizzata da n gadagno (certo) G 3 =. a) Determinare gli eqivalenti certi e m () X 3 = c + G 3, rispettivamente. delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e = m () = m (3) = 0 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 3 5. Un individo I ha n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 0 lire e 5 lire, con probabilità / e 3/ rispettivamente, e vole stiplare n contratto di assicrazione a copertra integrale del rischio. Spponendo che I sia disposto a pagare n caricamento sl premio pro non speriore a l = 0.75 lire, determinare, trascrando le spese ed accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni tilità, qale deve essere la tolleranza del rischio minima B di na compagnia di assicrazione che accetti il contratto di assicrazione a tale condizione. B =

6 6. Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = 0.. Sia P il portafoglio composto di soli titoli rischiosi avente varianza minima, caratterizzato da na deviazione standard σ = 0.03 e da n rendimento atteso E = 0.5. Spponiamo che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0.09 e rendimento atteso E M = Determinare le qote percentali di capitale α N, α M da investire rispettivamente nel titolo non rischioso N e nel portafoglio di mercato M, per ottenere n portafoglio P che ha rendimento atteso non inferiore a qello del portafoglio P e varianza minima. Calcolare inoltre il decremento di varianza σ ottento rispetto a P. α M = α N = σ = ( ) 7. Un individo I dotato di na fnzione tilità (x) = 00 e 00 x e di n capitale certo c = 00, deve decidere se effettare na operazione rischiosa con gadagno aleatorio G che pò assmere il valore 30 con probabilità /7, il valore 5 con probabilità 3/7 ed il valore 0 con probabilità 3/7. Si calcoli la tolleranza del rischio B(c) dell individo e si determinino l tilità attesa E[(X)] e l eqivalente certo m della posizione finanziaria X = c + G assnta da I nell eventalità che egli effetti l operazione rischiosa descritta. B(c) = 0 0 E[(X)] = m = Si considerino de titoli rischiosi con tasso di rendimento aleatorio I e I. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.55, E(I ) = 0.5, V (I ) = 0.05, V (I ) = 0.00 e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.7. Considerando n portafoglio con rendimento I = ( α)i + αi, si calcoli la composizione α del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E (I) e di varianza V (I), (a) nel caso in ci siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = V (I) = (b) nel caso in ci non siano consentite vendite allo scoperto: α = E (I) = 0. 5 V (I) = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 5 log x e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio rispettivamente: G = {0, 8, 6} con probabilità P = {,, } G = {30,.5} con probabilità P = {, } mentre la terza è na operazione finanziaria non rischiosa caratterizzata da n gadagno (certo) G 3 =.5. a) Determinare gli eqivalenti certi e m () X 3 = c + G 3, rispettivamente. delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e = m () = m (3) = 0. 5 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 3 0. Un individo I ha n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 30 lire e 8 lire, con probabilità 3/0 e 7/0 rispettivamente, e vole stiplare n contratto di assicrazione a copertra integrale del rischio. Determinare il premio pro di tale contratto. Spponendo inoltre che na compagnia di assicrazione proponga all individo na polizza con n coefficiente di caricamento η = 5%, determinare il premio caricato π e, trascrando le spese ed accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni di tilità, qale deve essere la tolleranza del rischio massima B dell individo I, affinché egli accetti il contratto di assicrazione a tale condizione. k = 6. 6 π = B =. 8 6

7 . Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) e da n capitale certo c = 00 lire, deve valtare na operazione finanziaria di gadagno aleatorio G. Sapendo che l eqivalente certo della posizione finanziaria X = c + G percepito dall individo è m = 0 lire, determinare l avversione al rischio r(c) e l tilità attesa della posizione X nell ipotesi che: (a) la fnzione di tilità di I sia (x) = 0 log(x + ) : r(c) = 0. 0 E[(x)] = (b) la fnzione di tilità di I sia (x) = 500 ( e x/500) : (c) la fnzione di tilità di I sia (x) = x 00 x : r(c) = E[(x)] = 9. 7 r(c) = 0. 0 E[(x)] = Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0.0 e da na deviazione standard σ = 0.0. Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q =.5, determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = 0. 0 σ = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) e da n capitale certo c = 00 lire, deve valtare na operazione finanziaria di gadagno aleatorio G. Sapendo che l eqivalente certo della posizione finanziaria X = c + G percepito dall individo è m = 0 lire, determinare l avversione al rischio r(c) e l tilità attesa della posizione X nell ipotesi che: (a) la fnzione di tilità di I sia (x) = 8 log(x + ) : r(c) = E[(x)] = (b) la fnzione di tilità di I sia (x) = 600 ( e x/600) : r(c) = E[(x)] = (c) la fnzione di tilità di I sia (x) = x 500 x : r(c) = E[(x)] = Un individo I, con tolleranza del rischio pari a B = 35, è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio X che pò assmere i valori 0 e 5 con probabilità /5 e /5 rispettivamente. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = 000. Determinare, trascrando le spese ed accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni tilità, i valori minimo e massimo del coefficiente di caricamento η che rende la polizza accettabile per entrambi. k = 0 η min = η max =

8 5. Un individo I, con tolleranza del rischio pari a B = 35, è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio X che pò assmere i valori 0 e 5 con probabilità /5 e 3/5 rispettivamente. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = 000. Ipotizzando che le spese s siano pari al 5% del premio pro, determinare, accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni di tilità, i valori minimo e massimo del premio caricato π che rende la polizza accettabile per entrambi. k = 9 π min = π max = Si consideri n mercato con de titoli rischiosi T e T, con tassi di rendimento aleatori I e I, rispettivamente. Si spponga che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano rispettivamente E(I ) = 0.9, E(I ) = 0.5, V (I ) = 0.06, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.5. Considerando n portafoglio composto da x qote di T e da x qote di T, si calcoli la composizione x del portafoglio a varianza minima ed i corrispondenti valori di rendimento atteso E e di varianza V, nell ipotesi in ci non siano consentite vendite allo scoperto. x = E = V = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 8 log(x+)+ e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra le segenti de operazioni finanziarie che prevedono n gadagno (aleatorio): G = {65, 0, 0} con probabilità P = {,, } G = {0, 0} con probabilità P = { 5, } 3 5 a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi e m () posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G, rispettivamente. r(c) = = m () = delle b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 8. Un individo I è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio X che pò assmere i valori 80 e 0 con probabilità / e 3/ rispettivamente. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisca ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = Spponendo accettabile na approssimazione qadratica per le fnzioni di tilità, calcolare: a) nell ipotesi che le spese della compagnia s siano di lira, il caricamento minimo accettabile l da parte della compagnia; b) nell ipotesi che la compagnia proponga il contratto con premio π = 77 lire, il valore massimo B della tolleranza del rischio di I affinché egli sottoscriva la polizza. k = 7 5 l = B =

9 9. Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 00 ( exp( x/00) ) e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra le segenti de operazioni finanziarie che prevedono n gadagno (aleatorio): G = {5, 5} con probabilità P = {, } 3 G = {5, 0, 5} con probabilità P = {,, } a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi e m () posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G, rispettivamente. r(c) = = m () = delle b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 30. Un individo I è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio X che pò assmere i valori 00 e 5 con probabilità / e 3/ rispettivamente. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisca ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = Spponendo accettabile na approssimazione qadratica per le fnzioni di tilità, calcolare: a) nell ipotesi che le spese della compagnia s siano di lira, il premio minimo accettabile π da parte della compagnia; b) nell ipotesi che la compagnia proponga il contratto con caricamento sl premio pro l =.5 lire, il valore massimo B della tolleranza del rischio di I affinché egli sottoscriva la polizza. k = π = B = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 7 log(x/)+ e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio: G = {60, 0, 0} con probabilità P = {,, } G = {50, 50} con probabilità P = { 3 5, } 5 mentre la terza è caratterizzata da n gadagno certo G 3 =.5. a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi, m () e m (3) delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e X 3 = c + G 3, rispettivamente. r(c) = 0. 0 = m () = m (3) = 0. 5 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 3 3. Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0.0 e da na deviazione standard σ = Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q =, determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = 0. 0 σ =

10 33. Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 500( e x/500 ) e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio: G = {0, 5} con probabilità P = {, } 3 G = {50, 0, 5} con probabilità P = {,, } mentre la terza è caratterizzata da n gadagno certo G 3 =. a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi, m () e m (3) delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e X 3 = c + G 3, rispettivamente. r(c) = = 0. 3 m () = m (3) = 0 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: 3 3. Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0. e da na deviazione standard σ = 0.0. Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q =.5, determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = σ = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 0 + x (/000)x e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio: G = {5, 5} con probabilità P = {, } 3 G = {5, 0, 5} con probabilità P = {,, } mentre la terza è caratterizzata da n gadagno certo G 3 =. a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi, m () e m (3) delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e X 3 = c + G 3, rispettivamente. r(c) = = m () = m (3) = 0 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: 3 (ii) in base al criterio dell tilità attesa: Consideriamo n mercato costitito da n certo nmero di titoli rischiosi e da n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio a varianza minima composto da soli titoli rischiosi, caratterizzato da n rendimento atteso E = 0.09 e da na deviazione standard σ = 0.0. Spponendo che il prezzo di mercato del rischio sia q = 3, determinare: a) il massimo incremento di rendimento atteso E ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rischiosità non speriore a qella di P ; b) il massimo decremento di deviazione standard σ ottenibile con n portafoglio comprendente anche N e che abbia rendimento atteso non inferiore a qello di P. E = 0. 0 σ =

11 37. Un individo I, caratterizzato da n capitale certo c = 50 lire e da na fnzione di tilità (x) = log x, è impegnato in n operazione rischiosa di gadagno aleatorio G, che pò assmere i valori 5, 5 e 0 lire, con probabilità rispettivamente 6, e 3. Calcolare il premio pro k di n contratto assicrativo che garantisca ad I il valore massimo di G. Se l individo propone il contratto ad na compagnia con tolleranza del rischio B (c) = 0000, calcolare, accettando l approssimazione qadratica delle fnzioni di tilità ed in presenza di spese pari a s = 0. lire, i valori minimo e massimo del coefficiente di caricamento η che rende il contratto accettabile per entrambi, esprimendo i coefficienti in forma percentale. k = η min =. 5 5 % η max = % 38. Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio composto di soli titoli rischiosi avente varianza minima e sia caratterizzato da na deviazione standard σ = 0.03 e da n rendimento atteso E = 0.. Spponiamo inoltre che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0.07 e rendimento atteso E M = 0.. Determinare le qote percentali di capitale α N, α M da investire rispettivamente nel titolo non rischioso N e nel portafoglio di mercato M, per ottenere n portafoglio P che, tra ttti i portafogli che hanno deviazione standard non speriore a σ, realizza il massimo rendimento atteso. Indicare inoltre l incremento di rendimento atteso E ottento rispetto a qello di P. α M =. 8 6 % α N = 5 7. % E = Un individo I, caratterizzato da n capitale certo c = 00 lire e da na tolleranza del rischio B(c) = 300, deve decidere se effettare n operazione finanziaria rischiosa di gadagno aleatorio G, che pò assmere i valori 5, 0 e -5 lire, con probabilità rispettivamente 5, 5 e 3 5. Accettando l approssimazione qadratica delle fnzioni di tilità e trascrando eventali spese, calcolare l eqivalente certo della posizione finanziaria di I in ognno dei segenti casi: (a) I effetta l operazione finanziaria rischiosa: = (b) I effetta l operazione finanziaria rischiosa e sottoscrive na polizza assicrativa che gli garantisce il valore massimo di G, con il caricamento sl premio pro fissato al livello massimo accettabile: m () = (c) I effetta l operazione finanziaria rischiosa e sottoscrive na polizza assicrativa che gli garantisce il valore massimo di G, con il caricamento sl premio pro fissato al livello minimo accettabile da na compagnia con tolleranza del rischio B = 0000: m (3) = Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = 8 log x e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio rispettivamente: G = {3, 5} con probabilità P = {, } G = {0, 5, 5} con probabilità P = {,, } mentre la terza è na operazione finanziaria non rischiosa caratterizzata da n gadagno (certo) G 3 =.5. a) Determinare gli eqivalenti certi, m () e m (3) delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e X 3 = c + G 3, rispettivamente. = 9 9. m () = 0. 9 m (3) = 0. 5 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa:

12 . Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = Sia P il portafoglio composto di soli titoli rischiosi avente varianza minima e sia caratterizzato da na deviazione standard σ = 0.03 e da n rendimento atteso E = 0.. Spponiamo inoltre che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0.07 e rendimento atteso E M = 0.. Determinare le qote percentali di capitale α N, α M da investire rispettivamente nel titolo non rischioso N e nel portafoglio di mercato M, per ottenere n portafoglio P che, tra ttti i portafogli che hanno rendimento atteso non inferiore ad E, ha la minima rischiosità (deviazione standard). Indicare inoltre il decremento di rischiosità σ ottento rispetto a qella di P. α M = % α N = 6. 9 % σ = Un individo I ha n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 3 lire e lire, con probabilità 6/0 e /0 rispettivamente, e vole stiplare n contratto di assicrazione a copertra integrale del rischio. Determinare il premio pro di tale contratto. Spponendo inoltre che na compagnia di assicrazione proponga all individo na polizza con n coefficiente di caricamento η = 5%, determinare il premio caricato π e, trascrando le spese ed accettando na approssimazione qadratica per le fnzioni di tilità, qale deve essere la tolleranza del rischio massima B dell individo I, affinché egli accetti il contratto di assicrazione a tale condizione. k = 9 π = 9. 5 B = Si consideri n mercato con de titoli rischiosi X ed X, di rendimento aleatorio I e I rispettivamente. Spponiamo che il rendimento atteso e la varianza dei de titoli siano E(I ) = 0.5, V (I ) = 0.05, E(I ) = 0.5, V (I ) = e che il coefficiente di correlazione sia pari a 0.. Si spponga di volere costrire n portafoglio X dei de titoli, in modo che la varianza sia la minima possibile. Detto I il tasso di rendimento di X, calcolarne la qota di composizione percentale α relativa a X e la qota di composizione percentale α relativa a X, determinando anche il rendimento atteso E(I) e la varianza V (I) del portafoglio ottento. α = % α = 9 6. % E(I) = V (I) = Un individo I, con tolleranza del rischio pari a B = 35, è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X sia normalmente distribita, con media E(X) = 0 lire, varianza V (X) = 00 e valore massimo x max = 0 lire. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = 00. Determinare, accettando l approssimazione qadratica per le fnzioni tilità ed in presenza di spese pari a s = 0.5 lire, i valori minimo e massimo del coefficiente di caricamento η che rende la polizza accettabile per entrambi. k = 0 η min = η max = Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = 6%. Spponiamo che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0.07 e rendimento atteso E M = 0%. Un investitore vole costrire n portafoglio efficiente P che abbia rendimento atteso pari al 0%. Determinare la composizione percentale α M di attività rischiose di tale portafoglio e calcolarne la rischiosità σ P. α M = % σ P = 0. 0

13 6. Un individo I, caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = x / e da n capitale certo c = 00, deve effettare na scelta fra tre operazioni finanziarie. Le prime de sono operazioni rischiose con gadagno aleatorio: G = {5, 5} con probabilità P = { 3 0, 7 0 G = {60, 30} con probabilità P = { 5, } 3 5 mentre la terza è caratterizzata da n gadagno certo G 3 = 3. a) Determinare l avversione al rischio r(c) percepita dall individo e gli eqivalenti certi, m () e m (3) delle posizioni finanziarie X = c + G, X = c + G e X 3 = c + G 3, rispettivamente. r(c) = = m () = m (3) = 0 3 b) Determinare l operazione preferita (i) in base al criterio della speranza matematica: (ii) in base al criterio dell tilità attesa: } 7. Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = %. Spponiamo che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0.09 e rendimento atteso E M = 7%. Un investitore vole costrire n portafoglio efficiente P che abbia deviazione standard pari a Determinare la composizione percentale α M di attività rischiose di tale portafoglio e calcolarne il rendimento atteso E P. α M = % E P = % 8. Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 00 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { G = {0, 9}, con probabilità, } ; { G = {5, 6}, con probabilità, 3 }. Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo (x) = x a x con a > 0 e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 500, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = 0 0. m () = a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa: 9. Consideriamo n individo I mnito di n capitale certo c lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 0 o 5 lire. Spponendo che I attribisce probabilità /3 all evento (X = 0), determinare il premio pro di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Accettando inoltre l approssimazione qadratica della fnzione di tilità dell individo, determinare la sa avversione al rischio r(c), nell ipotesi che egli gidichi indifferente pagare il premio π = 3.33 lire per stiplare la polizza. Determinare infine la rischiosità della sitazione finanziaria c + X percepita dall individo. k = r(c) = Φ c (X) =

14 50. Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 00 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { G = {5, 50}, con probabilità, } ; { G = {33, 0}, con probabilità, 3 }. Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo ( (x) = a e x) a con a > 0 e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 300, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = m () = a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa: 5. Consideriamo n individo I mnito di n capitale certo c lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 5 o lire. Spponendo che I attribisce probabilità / all evento (X = 5), determinare il premio pro di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Accettando inoltre l approssimazione qadratica della fnzione di tilità dell individo, determinare la sa avversione al rischio r(c), nell ipotesi che egli gidichi indifferente pagare il premio π =.505 lire per stiplare la polizza. Determinare infine la rischiosità della sitazione finanziaria c + X percepita dall individo. k =. 5 r(c) = Φ c (X) = Si consideri n individo I, caratterizzato da na tolleranza del rischio B = 500, al qale viene proposto di partecipare ad na scommessa, consistente nel lancio di na moneta (na sola volta): se esce testa l individo vince la somma che ha pntato moltiplicata per.0; se invece esce croce, l individo perde la somma che ha pntato. Accettando l approssimazione qadratica della fnzione di tilità di I e spponendo che gli importi in gioco siano piccoli rispetto a B, calcolare la rischiosità Φ percepita dall individo nel caso di na pntata di y = 5 lire e dire se I accetta di pntare tale somma. Determinare infine la somma massima y che egli è disposto a scommettere. Φ = 0. sì accetta di pntare y lire: y = no 53. Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 00 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { G = {0, 9}, con probabilità, } { ; G = {5, 6}, con probabilità, 3 }. Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo (x) = x α, con 0 < α <, e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 00, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = m () = a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa:

15 5. Un individo I è dotato di na fnzione di tilità Esercizi di Matematica Finanziaria (cap. XI XIII) a.a (x) = log x +, di n capitale certo c = 00 lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 30 e 0, con probabilità 0. e 0.6, rispettivamente. Spponendo che I voglia stipare n contratto assicrativo che gli garantisca il valore massimo del capitale X, determinarne il premio pro k ed il caricamento massimo l che egli è disposto ad accettare. Si calcoli inoltre l eqivalente certo m della posizione finanziaria di I nel caso stipli il contratto con tale caricamento. k = l = m = Si consideri n mercato con n titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N, di rendimento i = 0.3%. Si spponga che la deviazione standard del portafoglio di mercato M sia σ M = 0.08 e che la frontiera delle opportnità del solo comparto rischioso del mercato abbia eqazione nel piano (σ, E) σ = a + b(e c) (σ 0), con a = 0.00, b = 0. e c = 0.5. Determinare il rendimento atteso E M di M, il rendimento atteso E e la deviazione standard σ del portafoglio a varianza minima dei soli titoli rischiosi e il prezzo di mercato del rischio q. (Approfondimento: L esercizio pò essere svolto anche senza conoscere il valore di i, in qanto qesto pò essere ricavato dagli altri dati del testo.) E M = % E = 5 % σ = q = Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 00 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { G = {5, 50}, con probabilità, } { ; G = {33, 0}, con probabilità, 3 }. Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo (x) = x α, con 0 < α <, e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 300, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = m () = 0 0. a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa: 57. Un individo I è dotato di na fnzione di tilità (x) = 3 log x + 5, di n capitale certo c = 00 lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 30 e 5, con probabilità 0. e 0.6, rispettivamente. Spponendo che I voglia stipare n contratto assicrativo che gli garantisca il valore massimo del capitale X, determinarne il premio pro k ed il caricamento massimo l che egli è disposto ad accettare. Si calcoli inoltre l eqivalente certo m della posizione finanziaria di I nel caso stipli il contratto con tale caricamento. k = 5 l = m =

16 58. Si consideri n mercato con n titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N, di rendimento i = 0.305%. Si spponga che la deviazione standard del portafoglio di mercato M sia σ M = 0.07 e che la frontiera delle opportnità del solo comparto rischioso del mercato abbia eqazione nel piano (σ, E) σ = a + b(e c) (σ 0), con a = 0.00, b = 0. e c = 0.6. Determinare il rendimento atteso E M di M, il rendimento atteso E e la deviazione standard σ del portafoglio a varianza minima dei soli titoli rischiosi e il prezzo di mercato del rischio q. (Approfondimento: L esercizio pò essere svolto anche senza conoscere il valore di i, in qanto qesto pò essere ricavato dagli altri dati del testo.) E M = % E = 6 % σ = q = Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 0 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { G = {5, 5}, con probabilità 5, 3 } { ; G = {5, 5}, con probabilità 5, 3 }. Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo (x) = x α, con 0 < α <, e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 00, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = m () = a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa: 60. Un individo I è dotato di na fnzione di tilità (x) = log x 3 +, di n capitale certo c = 300 lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 30 e 3, con probabilità 0. e 0.6, rispettivamente. Spponendo che I voglia stipare n contratto assicrativo che gli garantisca il valore massimo del capitale X, determinarne il premio pro k ed il caricamento massimo l che egli è disposto ad accettare. Si calcoli inoltre l eqivalente certo m della posizione finanziaria di I nel caso stipli il contratto con tale caricamento. k = 6. l = m = Si consideri n mercato con n titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N, di rendimento i = %. Si spponga che la deviazione standard del portafoglio di mercato M sia σ M = 0.07 e che la frontiera delle opportnità del solo comparto rischioso del mercato abbia eqazione nel piano (σ, E) σ = a + b(e c) (σ 0), con a = 0.003, b = 0.3 e c = 0.5. Determinare il rendimento atteso E M di M, il rendimento atteso E e la deviazione standard σ del portafoglio a varianza minima dei soli titoli rischiosi e il prezzo di mercato del rischio q. (Approfondimento: L esercizio pò essere svolto anche senza conoscere il valore di i, in qanto qesto pò essere ricavato dagli altri dati del testo.) E M = 3. 6 % E = 5 % σ = q =

17 6. Si consideri n individo I, dotato n capitale certo c = 50 lire, che deve scegliere fra de operazioni finanziarie rischiose caratterizzate da n gadagno aleatorio G e G rispettivamente, ove { 3 G = {30, 0}, con probabilità 0, 7 } { ; G = {, 0}, con probabilità 0 5, }. 5 Sapendo che I è dotato di na fnzione di tilità del tipo (x) = x α, con 0 < α <, e che percepisce na tolleranza del rischio relativa alla posizione iniziale B(c) = 50, determinare gli eqivalenti certi ed m () delle de posizioni X = c + G e X = c + G, rispettivamente, e scegliere l operazione preferita = m () =. 9 6 a) in base al criterio della speranza matematica: b) in base al criterio dell tilità attesa: 63. Un individo I è dotato di na fnzione di tilità (x) = 3 log x + 5, di n capitale certo c = 00 lire e di n capitale a rischio X, che pò assmere i valori 30 e 7, con probabilità 0. e 0.6, rispettivamente. Spponendo che I voglia stipare n contratto assicrativo che gli garantisca il valore massimo del capitale X, determinarne il premio pro k ed il caricamento massimo l che egli è disposto ad accettare. Si calcoli inoltre l eqivalente certo m della posizione finanziaria di I nel caso stipli il contratto con tale caricamento. k = 3. 8 l = 0. 5 m = Si consideri n mercato con n titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N, di rendimento i = %. Si spponga che la deviazione standard del portafoglio di mercato M sia σ M = 0.08 e che la frontiera delle opportnità del solo comparto rischioso del mercato abbia eqazione nel piano (σ, E) σ = a + b(e c) (σ 0), con a = 0.00, b = 0. e c = 0.6. Determinare il rendimento atteso E M di M, il rendimento atteso E e la deviazione standard σ del portafoglio a varianza minima dei soli titoli rischiosi e il prezzo di mercato del rischio q. (Approfondimento: L esercizio pò essere svolto anche senza conoscere il valore di i, in qanto qesto pò essere ricavato dagli altri dati del testo.) E M = 3. 9 % E = 6 % σ = q = Consideriamo n mercato di titoli azionari in ci siano qotati i titoli di de società: abc e xyz. Si spponga che i rendimenti dei de titoli siano normalmente distribiti e che il rendimento atteso del titolo abc sia del 5%, qello del titolo xyz del 0% e che le varianze dei rendimenti siano pari a 0.0 e 0.08, rispettivamente. Spponiamo che in qesto mercato siano consentite vendite allo scoperto e che il portafoglio a varianza minima abbia na composizione in ci la qota relativa al titolo xyz sia pari a 0.7. Si determini il coefficiente di correlazione ρ dei rendimenti dei de titoli e il rendimento atteso E e la varianza V del portafoglio a varianza minima. Si individi infine, nel caso non si vogliano effettare vendite allo scoperto, il rendimento atteso Ê e la varianza ˆV del portafoglio a varianza minima ottenbile. ρ = E =. 5 % V = Ê = 5 % ˆV =

18 66. Un individo I, con tolleranza del rischio pari a B = 00, è impegnato ad effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X sia normalmente distribita, con media E(X) = lira, varianza V (X) = 500 e valore massimo x max = 5 lire. Si determini il premio pro k di n contratto di assicrazione che garantisce ad I il valore massimo di X. Spponiamo inoltre che l individo proponga il contratto ad n compagnia con tolleranza del rischio B = 000. Determinare, accettando l approssimazione qadratica per le fnzioni tilità ed in presenza di spese pari a lira, i valori minimo e massimo del premio caricato π che rende la polizza accettabile per entrambe le parti. k = 6 lire π min = 7. 5 lire π max = 8. 5 lire 67. Un individo I, con n capitale certo c = 00 lire e caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = a log(x) + b, con a = 0 e b =, deve decidere se effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X possa assmere le determinazioni 0, 5 e 5 lire, con probabilità, rispettivamente, /, / e /. Si indichi con: Y la posizione finanziaria di I nel caso in ci non effetti l operazione finanziaria; Z la posizione finanziaria di I nel caso in ci effetti l operazione finanziaria e, contemporaneamente, stipli n contratto di assicrazione che gli garantisce il valore massimo di X, con il caricamento sl premio pro fissato al livello massimo accettabile da I; Determinare il premio pro k del contratto di assicrazione, il caricamento massimo accettabile l e le avversioni al rischio r(y ) e r(z) percepite dall individo nel caso in ci si trovi, rispettivamente, nella posizione Y e nella posizione Z. k = lire r(y ) = l = lire r(z) = Un individo I, con n capitale certo c = 300 lire e caratterizzato da na fnzione di tilità ( (x) = a e x) a + b, con a = 500 e b =, deve decidere se effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X possa assmere le determinazioni 0, 5 e 5 lire, con probabilità, rispettivamente, /5, 3/0 e /. Si indichi con: Y la posizione finanziaria di I nel caso in ci non effetti l operazione finanziaria; Z la posizione finanziaria di I nel caso in ci effetti l operazione finanziaria e, contemporaneamente, stipli n contratto di assicrazione che gli garantisce il valore massimo di X, con il caricamento sl premio pro fissato al livello massimo accettabile da I; Determinare il premio pro k del contratto di assicrazione, il caricamento massimo accettabile l e le avversioni al rischio r(y ) e r(z) percepite dall individo nel caso in ci si trovi, rispettivamente, nella posizione Y e nella posizione Z. k = 9 lire r(y ) = l = lire r(z) = Un individo I, con n capitale certo c = 00 lire e caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = x a x + b, con a = e b = 3, 500 deve decidere se effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X possa assmere le determinazioni 5, 5 e 0 lire, con probabilità, rispettivamente, /5, /5 e 3/5. Si indichi con: Y la posizione finanziaria di I nel caso in ci non effetti l operazione finanziaria; Z la posizione finanziaria di I nel caso in ci effetti l operazione finanziaria e, contemporaneamente, stipli n contratto di assicrazione che gli garantisce il valore massimo di X, con il caricamento sl premio pro fissato al livello massimo accettabile da I; Determinare il premio pro k del contratto di assicrazione, il caricamento massimo accettabile l e le avversioni al rischio r(y ) e r(z) percepite dall individo nel caso in ci si trovi, rispettivamente, nella posizione Y e nella posizione Z. k = 7 lire r(y ) = l = lire r(z) =

19 70. Un individo I, con n capitale certo c = 300 lire e caratterizzato da na fnzione di tilità (x) = x a + b, con a = e b =, deve decidere se effettare na operazione finanziaria, che dà n risltato aleatorio di X lire. Si spponga che X possa assmere le determinazioni 5, 5 e 0 lire, con probabilità, rispettivamente, /5, /5 e 3/5. Si indichi con: Y la posizione finanziaria di I nel caso in ci non effetti l operazione finanziaria; Z la posizione finanziaria di I nel caso in ci effetti l operazione finanziaria e, contemporaneamente, stipli n contratto di assicrazione che gli garantisce il valore massimo di X, con il caricamento sl premio pro fissato al livello massimo accettabile da I; Determinare il premio pro k del contratto di assicrazione, il caricamento massimo accettabile l e le avversioni al rischio r(y ) e r(z) percepite dall individo nel caso in ci si trovi, rispettivamente, nella posizione Y e nella posizione Z. k = 7 lire r(y ) = l = lire r(z) = Consideriamo n mercato di titoli azionari in ci siano qotati de titoli. Indicati con A e B i rendimenti dei de titoli, si spponga che qesti siano normalmente distribiti e che il rendimento atteso del titolo A sia E(A) = 5%, mentre qello del titolo B sia E(B) = 0%. Si spponga inoltre che, nel piano (V, E), la frontiera delle opportnità del mercato abbia eqazione (E a) = V b, con a = 0.08 e b = 0.0. Si determini la media E e la varianza V del rendimento del portafoglio a varianza minima e le varianze V (A) e V (B) dei rendimenti dei de titoli. E = 8 % V = 0. 0 V (A) = V (B) = Parte Facoltativa: Si determini il coefficiente di correlazione ρ fra i rendimenti dei de titoli. ρ = Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = 8%. Spponiamo che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0. e rendimento atteso E M = 6%. Un investitore è in possesso di n portafoglio P che ha rendimento atteso E P = % e deviazione standard σ P = Verificare se si tratta di n portafoglio efficiente o meno. Determinare inoltre il massimo rendimento atteso E max di n portafoglio efficiente con deviazione standard pari a σ P e la minima deviazione standard σ P di n portafoglio efficiente con rendimento atteso pari a E P. P è efficiente: { sì no E max =. 8 % σ min = Consideriamo n mercato con n certo nmero di titoli rischiosi ed n titolo non rischioso N di rendimento i = 9%. Spponiamo che il portafoglio di mercato M abbia deviazione standard σ M = 0. e rendimento atteso E M = 8%. Un investitore vole costrire n portafoglio P di attività rischiose e non rischiose che abbia rendimento atteso E P = 6% e deviazione standard σ P = Verificare se è possibile costrire n tale portafoglio, se cioè P è compreso nell insieme delle opportnità o meno. Determinare inoltre il massimo rendimento atteso E max di n portafoglio efficiente con deviazione standard pari a σ P e la minima deviazione standard σ P di n portafoglio efficiente con rendimento atteso pari a E P. si pò costrire P : { sì no E max = 5. 3 % σ min =

20 7. Si consideri n individo I, mnito di n capitale certo c, di n capitale a rischio X e di na fnzione di tilità (x), e n secondo individo I, mnito di n capitale certo c, di n capitale a rischio X e di na fnzione di tilità (x). Siano c = 00 lire, c = 00 lire, (x) = log(x ) + 3,, (x) = 500 ( e x/500) e si spponga che possano verificarsi solamente i segenti eventi: X = 5 e X = 0, con probabilità 3/, oppre X = 0 e X = 35, con probabilità /. Si determinino le tilità attese delle posizioni finanziarie di entrambi gli individi. Si spponga inoltre che I abbia l opportnità di cedere il proprio capitale a rischio ad I, senza ricevere o pagare nlla in cambio. Stabilire se i de individi accettano o meno la cessione. E[ (c + X )] =. 3 I accetta: sì no gli è indifferente E[ (c + X )] = I accetta: sì no gli è indifferente 75. Si consideri n individo I, mnito di n capitale certo c, di n capitale a rischio X e di na fnzione di tilità (x), e n secondo individo I, mnito di n capitale certo c, di n capitale a rischio X e di na fnzione di tilità (x). Siano c = 00 lire, c = 00 lire, (x) = 000 ( e x/000),, (x) = log(x )+3 e si spponga che possano verificarsi solamente i segenti eventi: X = 60 e X = 0, con probabilità /3, oppre X = 9 e X = 0, con probabilità /3. Si determinino le tilità attese delle posizioni finanziarie di entrambi gli individi. Si spponga inoltre che I abbia l opportnità di cedere il proprio capitale a rischio ad I, senza ricevere o pagare nlla in cambio. Stabilire se i de individi accettano o meno la cessione. E[ (c + X )] = 8. 0 I accetta: sì no gli è indifferente E[ (c + X )] = I accetta: sì no gli è indifferente 76. Si considerino de individi I e I, mniti entrambi di n captale certo, c e c rispettiavamente, e di n capitale a rischio, X e X rispettivamente. Si spponga che E(X ) = 50, E(X ) = 55, V (X ) = 00, V (X ) = 00 e che B(c ) = 000, B(c ) = 000. Accettando l approssimazione qadratica delle fnzioni di tilità degli individi e ipotizzando che gli importi in gioco siano sfficientemente piccoli rispetto alle tolleranze del rischio, determinare se i de individi gidicano vantaggioso scambiarsi fra di loro i rispettivi capitali a rischio. Nel caso no dei de gidichi lo scambio svantaggioso, determinare il prezzo massimo p max che l altro è disposto a corrispondergli in agginta affinché egli accetti lo scambio. Dire qindi se tale nova proposta di scambio verrà accettata. I gidica lo scambio vantaggioso svantaggioso indifferente vantaggioso I gidica lo scambio svantaggioso indifferente sì I è disposto a pagare in agginta p max =. 9 5 ; l altro accetta no gli è indifferente 77. Si consideri n individo I, mnito di n capitale certo c, di n capitale a rischio X e di na fnzione di tilità (x), e n secondo individo I, con n capitale certo c, privo di capitale a rischio e mnito di na fnzione di tilità (x). Siano c = 00 lire, c = 0 lire, (x) = x /, (x) = x /3 e sia X = {5, 0}, con probabilità {3/, /}. Si determini il prezzo massimo p max che I è disposto a pagare a I, affinché qest ltimo accetti di accollarsi il capitale a rischio X. Si determini l eqivalente certo m della posizione finanziaria di I nel caso qesti decida di accollarsi X in cambio di p max e stabilire se I accetta la transazione. p max = m = I accetta: sì no gli è indifferente 0

Teoria normativa della politica economica

Teoria normativa della politica economica Teoria normativa della politica economica La teoria normativa si occpa di indicare il metodo e, di consegenza, le scelte che n atorità pbblica (policy maker) razionale dovrebbe assmere per persegire il

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova del 4 luglio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova del 4 luglio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova del 4 luglio 2008 Nome Cognome Matricola Esercizio 1 (6 punti) Dato un debito di 20 000, lo si voglia rimborsare mediante il pagamento di 12 rate mensili posticipate

Dettagli

Il rischio di un portafoglio

Il rischio di un portafoglio Come si combinano in un portafoglio i rischi di 2 titoli? dipende dai pesi e dal valore delle covarianze covarianza a a ρ a b ρ a b ρ b b ρ coefficiente di correlazione = cov / ² p = a² ² + b² ² + 2 a

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015

Università di Milano Bicocca. Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza. 14 Maggio 2015 Università di Milano Bicocca Esercitazione 6 di Matematica per la Finanza 14 Maggio 2015 Esercizio 1 Un agente presenta una funzione di utilitá u(x) = ln(1 + 6x). Egli dispone di un progetto incerto che

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Investimento per un singolo agente

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera

Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera 1. Avete risparmiato 10 dollari che volete investire per un anno in azioni e/o buoni del tesoro

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO

I. Generalità, definizioni, classificazioni. MACCHINA A FLUIDO I. eneralità, definizioni, classificazioni. I.1 Definizioni rigardanti: macchine motrici ed operatrici e loro classificazione. Una macchina è n insieme di organi fissi e mobili, vincolati tra loro cinematicamente,

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier

4. Analisi dei segnali periodici e serie di Fourier 4. Analisi dei segnali periodici e serie di Forier Joseph Forier 1768-183 1 Nel so lavoro fondamentale del 187 Théorie analytiqe de la chaler, Jean Baptiste Joseph 1 La vita di Forier, oltre ad essere

Dettagli

Sistemi Interconnessi

Sistemi Interconnessi Corso di Fondamenti di Atomatica Università di Roma La Sapienza Sistemi Interconnessi L. Lanari Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Roma, Ital Ultima modifica Ma 29,

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM;

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore.. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; Rischio e capital budgeting Introduzione a rischio e rendimento 3. Decisioni

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Un modello matematico di investimento ottimale

Un modello matematico di investimento ottimale Un modello matematico di investimento ottimale Tiziano Vargiolu 1 1 Università degli Studi di Padova Liceo Scientifico Benedetti Venezia, giovedì 30 marzo 2011 Outline 1 Preliminari di calcolo delle probabilità

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 2 marzo 2010 programma vecchio ordinamento Cognome e Nome........................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 23 giugno 2003 studenti nuovo ordinamento Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

Il criterio media-varianza e il modello CAPM

Il criterio media-varianza e il modello CAPM Il criterio media-varianza e il modello CAPM 1 Il criterio media-varianza Se α 1 è la quota della ricchezza destinata all acquisto del titolo 1 e α 2 èlaquota impiegata nell acquisto del titolo 2, il valore

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti Cognome e Nome........................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

CP110 Probabilità: Esame del 3 giugno 2010. Testo e soluzione

CP110 Probabilità: Esame del 3 giugno 2010. Testo e soluzione Dipartimento di Matematica, Roma Tre Pietro Caputo 2009-2010, II semestre 8 luglio, 2010 CP110 Probabilità: Esame del 3 giugno 2010 Testo e soluzione 1. (6 pts 12 monete da 1 euro vengono distribuite tra

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Le operazioni di assicurazione

Le operazioni di assicurazione Le operazioni di assicurazione Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Lezione 1: Le operazioni di assicurazione Condizione di indifferenza Condizione di equità 2 Premio equo, premio

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 18 marzo 2013. Cattedra: prof. Pacati (SI) prof. Renò (SI) dott. Quaranta (GR) dott. Riccarelli (AR).

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 18 marzo 2013. Cattedra: prof. Pacati (SI) prof. Renò (SI) dott. Quaranta (GR) dott. Riccarelli (AR). MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 18 marzo 2013 Cognome e Nome.......................................................................... C.d.L....................... Matricola n...................................................

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli I-IV del testo Claudio Pacati a.a. 1998 99 c Claudio Pacati tutti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Le passività senza attività corrispondenti Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Avversione al rischio e remunerazione del rischio Price of time e Price of risk Valutazione

Dettagli

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico

Struttura elettronica delle molecole. Teoria quantistica del legame chimico Strttra elettronica delle molecole. Teoria qantistica del legame chimico Lo ione idrogeno molecolare H 2 + Eq. Schroedinger singolo elettrone La fnzione d onda φ b soddisfa na eqazione analoga. Gli atovalori

Dettagli

Il criterio media-varianza eilmodello CAPM. Enrico Saltari

Il criterio media-varianza eilmodello CAPM. Enrico Saltari Il criterio media-varianza eilmodello CAPM Enrico Saltari 1 Il criterio media-varianza Seα 1 èlaquotadellaricchezzadestinataall acquistodeltitolo1eα 2 èla quota impiegata nell acquisto del titolo 2, il

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Tempo e rischio Tempo Rischio

Tempo e rischio Tempo Rischio Il Valore Attuale Tempo e rischio Tempo: i 100 euro di oggi valgono di meno dei 100 euro di domani perché i primi possono essere investiti nel mercato dei capitali e fruttare un tasso di interesse r. Rischio:

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06

Quanti centesimi mancano per avere 1 unità se ho 30 centesimi?... E se ne ho 35?... E se ne ho 73?... 0,5 1,4 3,2 7,4 0,7 0,78 1,12 1,06 I NUMERI DECIMALI Calcolo rapido Rispondi alle segenti domande. Qanti decimi occorrono per fare 1 nità?... E mezza nità?... Qanti decimi mancano per avere 1 nità intera se ho 7 decimi?... E se ne ho 6?...

Dettagli

Esercitazioni 2013/14

Esercitazioni 2013/14 Esercitazioni 2013/14 Esercizio 1 Due ditte V e W partecipano ad una gara di appalto per la costruzione di un tratto di autostrada che viene assegnato a seconda del prezzo. L offerta fatta dalla ditta

Dettagli

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA)

AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI (o DI POTENZA) OLO 6 MLFO E GND SEGNL (o D OENZ) 6. ntrodzione Finora si è parlato di amplificatori lineari che, se pr progettati a diverse freqenze, erano comnqe amplificatori a piccoli segnali. Lo stdio dell'elaborazione

Dettagli

Esercizi svolti in aula

Esercizi svolti in aula Esercizi svolti in aula 23 maggio 2012 Esercizio 1 (Esercizio 1 del compito di matematica finanziaria 1 (CdL EA) del 16-02-10) Un individuo vuole accumulare su un conto corrente la somma di 10.000 Euro

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

Osservatorio Credito e Risparmio Adiconsum Tassi Effettivi Globali Medi 1.7.1997-30.9.09

Osservatorio Credito e Risparmio Adiconsum Tassi Effettivi Globali Medi 1.7.1997-30.9.09 Incremento/ Decremento 1.7.2009-30.9.2009 1.7.09-1.4.09 1.4.2009-30.6.2009 1.1.2009-31.12.2009 1.10.2008-31.12.2008 1.7.2008-30.9.2008 11,59 17,385-0,200-0,300 11,79 17,69 12,27 18,41 13,27 19,91 12,97

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità Statistica Applicata all edilizia: Alcune distribuzioni di probabilità E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 7 marzo 20 Indice Indici di curtosi e simmetria Indici di curtosi e simmetria 2 3 Distribuzione Bernulliana

Dettagli

Il modello media-varianza con N titoli rischiosi. Una derivazione formale. Enrico Saltari

Il modello media-varianza con N titoli rischiosi. Una derivazione formale. Enrico Saltari Il modello media-varianza con N titoli rischiosi. Una derivazione formale Enrico Saltari La frontiera efficiente con N titoli rischiosi Nel caso esistano N titoli rischiosi, con N 2, il problema della

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI

INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI INTRODUZIONE: IL CONTESTO DEI SISTEMI Il mondo reale è per sa natra complesso e le organizzazioni mane lo sono in modo particolare. Per potere comprendere e gestire la realtà è indispensabile svilppare

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2010/2011. Esercizi di stima puntuale, intervalli di confidenza e test T 2 = 1 2 X

Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2010/2011. Esercizi di stima puntuale, intervalli di confidenza e test T 2 = 1 2 X Esercitazioni del corso di Statistica Prof. Mortera a.a. 2010/2011 Esercizi di stima puntuale, intervalli di confidenza e test 1. Si consideri il campione (X 1, X 2, X 3, X 4 ) composto da variabili i.i.d.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 22 gennaio 2015

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 22 gennaio 2015 MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 22 gennaio 2015 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008. Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 13 06 2008 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA

MultiMath. Matematica finanziaria CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA Paolo Baroncini Roberto Manfredi MltiMath Matematica finanziaria LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA MATEMATICA MltiMath Matematica finanziaria Ambiente edcativo Digitale Libro digitale sfogliabile

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Autovalori e Autovettori

Autovalori e Autovettori Daniela Lera Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Matematica e Informatica A.A. 2008-2009 Autovalori e Autovettori Definizione Siano A C nxn, λ C, e x C n, x 0, tali che Ax = λx. (1) Allora

Dettagli

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5)

Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Le scelte del consumatore in condizione di incertezza (cap.5) Che cos è il rischio? Come possiamo indicare le preferenze del consumatore riguardo al rischio? C è chi acquista assicurazione (non ama il

Dettagli

Scelta di portafoglio

Scelta di portafoglio Scelta di portafoglio Appunti per il corso di conomia dei mercati monetari e finanziari A.A. 2002/2003 duardo Rossi Università di Pavia 1 Scelta di portafoglio Individuo avverso al rischio con funzione

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Statistical Process Control

Statistical Process Control Statistical Process Control ESERCIZI Esercizio 1. Per la caratteristica di un processo distribuita gaussianamente sono note media e deviazione standard: µ = 100, σ = 0.2. 1a. Calcolare la linea centrale

Dettagli

Economia politica: prezzo di riserva, scambio e conflitto distributivo. Problema Economico Andare alle Maldive?

Economia politica: prezzo di riserva, scambio e conflitto distributivo. Problema Economico Andare alle Maldive? Problema Economico Andare alle Maldive? E razionale andare alle Maldive? Scarsità Rinunciare a tutte le cose alternative 1) Il denaro del viaggio può essere speso altrimenti 2) Il tempo del viaggio può

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009. Cognome e Nome... C.d.L... Matricola n... Firma...

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009. Cognome e Nome... C.d.L... Matricola n... Firma... MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 26 febbraio 2009 Cognome e Nome... C.d.L.... Matricola n.... Firma... Cattedra: prof. Pacati prof. Renò dott. Quaranta dott. Falini dott. Riccarelli Fornire le risposte

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istitto Speriore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istitto non sono responsabili per l so che pò essere fatto delle informazioni

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio:

Dato il Mercato, è possibile individuare il valore e la duration del portafoglio: TEORIA DELL IMMUNIZZAZIONE FINANZIARIA Con il termine immunizzazione finanziaria si intende una metodologia matematica finalizzata a neutralizzare gli effetti della variazione del tasso di valutazione

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi.

Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi. Scelta di un progetto di investimento Un investimento è un operazione che dà luogo a costi immediati in vista di ricavi attesi. La sua utilità economica è valutata sulla base del confronto tra le risorse

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilità con Elementi di Statistica Matematica

Esercizi di Calcolo delle Probabilità con Elementi di Statistica Matematica Esercizi di Calcolo delle Probabilità con Elementi di Statistica Matematica Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche 1. Esercizio. Siano X ed Y due variabili

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia, Assisi, a.a. 2013/14 Esercitazione n. 4 A. Si supponga che la durata in giorni delle lampadine prodotte

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

ESERCIZI DI RIEPILOGO 2. 7 jj(addi

ESERCIZI DI RIEPILOGO 2. 7 jj(addi ESERCIZI DI RIEPILOGO 2 ESERCIZIO 1 Da un comune mazzo di 52 carte francesi (13 carte per ognuno dei quattro semi: picche, cuori, fiori e quadri) viene estratta casualmente una carta. Definiti gli eventi:

Dettagli

MATEMATICA 5 PERIODI

MATEMATICA 5 PERIODI BAC EUROPEO 2008 MATEMATICA 5 PERIODI DATA 5 giugno 2008 DURATA DELL ESAME : 4 ore (240 minuti) MATERIALE AUTORIZZATO Formulario delle scuole europee Calcolatrice non grafica e non programmabile AVVERTENZE

Dettagli

PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 2009/2010. 0 altrimenti.

PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 2009/2010. 0 altrimenti. PROVE D'ESAME DI CPS A.A. 009/00 0/06/00 () (4pt) Olimpiadi, nale dei 00m maschili, 8 nalisti. Si sa che i 4 atleti nelle corsie centrali hanno probabilità di correre in meno di 0 secondi. I 4 atleti delle

Dettagli

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward

Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Studio empirico per la dinamica della curva dei tassi d interesse forward Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Daniela Cavaldesi Relatore:

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 20 gennaio 2014. Cattedra: prof. Pacati (SI) prof. Renò (SI) dott. Quaranta (GR).

MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 20 gennaio 2014. Cattedra: prof. Pacati (SI) prof. Renò (SI) dott. Quaranta (GR). MATEMATICA FINANZIARIA Appello del 20 gennaio 2014 Cognome e Nome................................................................... C.d.L....................... Matricola n................................................

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli