Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04"

Transcript

1 Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04

2

3 INDICE 1. Brescia leonessa dell auto : le prime competizioni... Pag Nasce la Coppa delle Mille Miglia: i tempi dell avventura L industria motoristica bresciana: effetto Mille Miglia? La Mille Miglia cambia il volto della città I brevetti come fonte storica Analisi dei brevetti bresciani I nomi dei protagonisti Distribuzione geografica dei brevetti Bibliografia Grafici e Tabelle Appendice Elenco dei brevetti... 46

4

5 1. Brescia leonessa dell auto : le prime competizioni. da secoli noi (bresciani) amiamo il ferro e l acciaio ( ) sappiamo la fatica del fucinatore piegato sul metallo per dargli forme e misure. Da anni ( ) costruiamo nelle officine della città e in quelle delle valli e ordigni. Forse abbiamo un poco la malattia del ferro e dell acciaio. (Augusto Turati) La Coppa Mille Miglia, la corsa automobilistica che diventerà leggenda, rappresentò per molti anni lo stato d animo di un intera città, fu l espressione dell orgoglio, della tenacia e della tradizione bresciana di ferro e fuoco che originava dal più lontano passato. Esattamente proprio quella malattia della quale parlava Augusto Turati, aveva fatto sì che agli inizi del Novecento Brescia si presentasse come una delle più importanti città del nord Italia, la seconda in Lombardia dopo Milano. Considerando un indice di sviluppo attendibile quale l impiego d energia elettrica, infatti, si scopre come nel 1911 il consumo bresciano raggiungesse il 13% dell intero consumo lombardo (40 mila candele su 300 mila totali). In quello stesso anno, poi, il primo censimento industriale registrò circa 32 mila addetti nel settore secondario, che salirono ad oltre 86 mila nel 1927, l anno della prima edizione della Coppa Mille Miglia. Nei primi anni del Novecento numerosi sono i nomi che spiccano nelle produzioni di pompe, turbine e motori: le Officine Meccaniche (OM), la Società Meccanica Bresciana, la Bianchi Camions Automobili, la Brixia Zust e molti altri ancora. Partendo da un simile sistema produttivo non c è da stupirsi del fatto che fu proprio Brescia a sviluppare una passione tale per le tanto che la città, benché superasse in quegli anni di poco i 100 mila abitanti, fu subito riconosciuta centro dell automobilismo italiano ed internazionale. Brescia, Brevetti, Automobili 5

6 Una qualifica riconducibile anche alla quantità e alla qualità di competizioni che la città stessa organizzava già dalla fine dell Ottocento, tra le prime dell intero continente. Risale al Marzo 1899, infatti, un evento fondamentale per la storia dell automobilismo, non solo bresciano: il giorno 14 si disputò un eccezionale sfida lungo un percorso che, partendo da Verona, toccava Brescia e Mantova, per poi ritornare nella città scaligera. Un successo che richiamò un pubblico numeroso lungo tutto il tragitto e che vide la partecipazione d illustri pionieri di questo nascente sport (tra i quali anche il cav. Giovanni Agnelli e il conte Carlo Biscaretti, poi fondatori della Fiat); ciononostante, non mancarono anche polemiche e vibrate proteste, nei confronti di quei tricicli rombanti, da parte di coloro che, all inizio del XX secolo, diffidavano ancora delle ben più silenziose e pacifiche biciclette. Il risultato fu così positivo che solo pochi mesi dopo, nel mese di Settembre, Brescia dedicò al nascente automobilismo ben quattro giornate, culminanti nella Grande corsa su strada dell 11 Settembre. Partendo e arrivando a Brescia, la competizione toccò Cremona, Mantova e Verona. Con questa prima corsa Brescia legò definitivamente il suo immediato futuro a quello dei motori, continuando a coltivare quel culto per il fuoco esplosivo che ora tuonava dagli scarichi di un automobile. Gli appuntamenti motoristici si susseguirono con frequenza. Il 1904 fu l anno della Settimana Bresciana di gare organizzata in concomitanza con la Grande Esposizione allestita in Castello, un occasione per poter presentare le maggiori novità artigianali e industriali del momento. Gli appassionati però attendevano con trepidazione la corsa che si sarebbe dovuta svolgere su un tracciato che avrebbe toccato Brescia, Mantova e Cremona. Il circuito, da ripetersi due volte, vide per primo sul traguardo Vincenzo Lancia (futuro fondatore dell omonima casa automobilistica) e segnò la partecipazione, tra gli 6 Brescia, Brevetti, Automobili

7 altri, dell armatore palermitano Vincenzo Florio il quale, rimasto affascinato dalla gara stessa, abbinò le prime due edizioni della Coppa Florio alle successive competizioni bresciane del 1905 e del 1907, svoltesi su differenti circuiti in occasione delle ormai classiche Settimane automobilistiche (che prevedevano anche corse motociclistiche e di canotti automobili). L impeccabile organizzazione, l enorme successo di pubblico e la partecipazione dei più importanti piloti del momento, procurarono alla gara bresciana la fama di competizione internazionale tra nazioni progredite nel campo automobilistico. Quello del 1907 fu però l ultimo grande appuntamento di rilievo fino a dopo la Grande Guerra: la frenesia motoristica della città guardava ora alle favoleggianti esibizioni dei pionieri del volo e così, nel 1909, la Settimana automobilistica fu sostituita dal Circuito aereo internazionale. Il successo di questa nuova manifestazione, che vide la partecipazione del pilota Gabriele D Annunzio e che si onorò della presenza del re d Italia Vittorio Emanuele III e di Franz Kafka tra il pubblico, fu un ulteriore dimostrazione dell ardimento motoristico della città. Dopo la tragedia della guerra perduta, il prestigio italiano affrontò un periodo di decadimento su tutti i fonti. Le prospettive erano sconsolanti, anche sul piano motoristico: l organizzazione di gare automobilistiche ristagnava in un malsano pantano e stava definitivamente pregiudicando lo sviluppo dell industria automobilistica italiana la quale, proprio grazie a queste competizioni, aveva cominciato a crescere. Il compito di riaccendere la nuova scintilla toccò ancora a Brescia che, nel 1921, tentò di rilanciare la sua tradizione di leonessa dell auto: tra il 4 e il 12 Settembre di quell anno si svolsero ben quattro competizioni automobilistiche (oltre ad altre motociclistiche e ad un Gran Premio d aviazione) all interno di un nuovo Brescia, Brevetti, Automobili 7

8 appuntamento settimanale. La presenza di due case automobilistiche ufficiali (l italiana Fiat e la francese Ballot) e di numerosi equipaggi provenienti da tutta Europa, marcò l inizio di una nuova era per il motorismo italiano ed europeo. All interno di questo nuovo appuntamento, la gara più importante fu certamente il Gran Premio d Italia che si disputava nella brughiera di Montichiari e rappresentava, unanimemente, la massima competizione sportiva italiana dedicata alle vetture di formula. Un fervore d iniziative che rivelava continuità con le corse del 1899 e che si proponeva quale trait d union con la futura prima Mille Miglia del Purtroppo la crisi del triennio rischiò ancora una volta di pregiudicare il futuro automobilistico della città: nell anno 1922, infatti, avvenne ciò che i bresciani non avrebbero mai voluto accadesse: il Gran Premio d Italia venne letteralmente scippato alla brughiera di Montichiari per essere consegnato nelle mani del nuovissimo autodromo di Monza. Realizzato all uopo a tempo di record dall Automobile club di Milano, l autodromo aveva come padre il bresciano Arturo Mercanti, già organizzatore delle settimane aeree e automobilistiche della sua città natale: un ulteriore schiaffo che Brescia faticò a digerire. Sebbene circolasse già da tempo, la notizia esplose come una bomba che lasciò la città allo sbando: non si corsero le gare della Settimana del 22 e la disputa di una competizione sul Circuito del Garda, nelle colline soprastanti Salò (per altro già organizzata l anno precedente), non attenuò lo sconforto e la delusione di una città che grazie a queste manifestazioni aveva potuto proiettarsi direttamente nel futuro, ubriacata da quel fervore motoristico che da anni ormai rifioriva periodicamente sul finire dell estate, per proseguire poi durante tutto il resto dell anno. Nemmeno l organizzazione nel 1923 di una nuova Settimana, disperato tentativo di rilanciare il prestigio di una città che da 8 Brescia, Brevetti, Automobili

9 sempre primeggiava in Italia e in Europa nell ambito delle manifestazioni automobilistiche, compensò la profonda crisi che ormai da anni tarpava le ali al motorismo bresciano. 2. Nasce la Coppa delle Mille Miglia: i tempi dell avventura. La Mille Miglia non poteva nascere che da noi Brescia non è per temperamento e per tradizione molto facile agli entusiasmi e alla passione travolgente. Il nostro carattere piuttosto rude e crudo, difficilmente si lascia andare a manifestazioni calorose Ma anche Brescia ha le sue passioni. Una di queste è certo il tifo del motore ( ) Brescia ama il motore per sé ( ) con una competenza che quasi sempre mi fa allibire a pensare se per caso non vi sia, nella città del ferro e delle armi, una tradizione meccanica istintiva. Da dove è nato tutto ciò? Io penso che sia in parte effetto di un orgoglio provinciale, per avere Brescia dato vita alle prime grandi competizioni del motore. (Augusto Turati). La situazione del motorismo bresciano era ormai preoccupante e la crisi sembrava irreversibile: la città non riusciva a riproporsi nel panorama motoristico internazionale, consolidando quel ruolo di protagonista conquistato in quasi trent anni di duro lavoro. Il centro di questo nuovo sport sembrava trasferito altrove e Brescia stava lentamente scivolando indietro. Una situazione inaccettabile per tutta la città e non solo per gli appassionati. Si doveva trovare qualcosa di nuovo, secondo le parole di Aymo Maggi (uno dei quattro fondatori di quella che il notissimo sportsman inglese Lord Lowen definì la più bella corsa del mondo), altrimenti più nessuno si sarebbe interessato all automobilismo e tutta la tradizione della città sarebbe stata presto dimenticata. Brescia, Brevetti, Automobili 9

10 Il compito di rilanciare il mito spettò a quattro giovani moschettieri: il già citato Maggi, Mazzotti, Castagneto e Canestrini. Abbandonata l idea di una corsa Brescia-Roma, la quale sarebbe andata ad esclusivo vantaggio della capitale lasciando ai bresciani solo l oneroso compito dell organizzazione, i quattro proposero un percorso che toccasse sì Roma, ma che poi ritornasse a Brescia per lì concludersi. Quest idea sarebbe piaciuta anche al Regime, la cui approvazione sarebbe stata assolutamente necessaria per la realizzazione definitiva della competizione. Mancava solo il nome, un nome che potesse ulteriormente compiacere il partito. Appurato che la lunghezza del percorso fosse di circa 1600 chilometri, e che questi equivalessero a circa mille miglia, Mazzotti sembrò avere risolto anche questa questione: la gara si sarebbe chiamata Coppa delle Mille Miglia. Dopotutto, anche il Regime avrebbe apprezzato: la diffidenza nell utilizzo di una definizione straniera, sconsigliabile in piena autarchia, sarebbe stata brillantemente superata da una felice coincidenza storica: il fatto che anche gli antichi romani misurassero le distanze in miglia avrebbe fatto restare la competizione in quel solco della romanità cui il Governo teneva tanto. La Coppa delle Mille Miglia, gara di fondo automobilistica da disputarsi in un unica soluzione sul percorso Brescia-Roma-Brescia, nacque così già adulta, fiore all occhiello di una tradizione mai perduta, nemmeno nei periodi più bui, che avrebbe nuovamente assegnato a Brescia il ruolo che le spettava di diritto, quello di leonessa dell auto. Questa nuova corsa, infatti, ricalcava la vecchia formula delle competizioni su strada, ormai fortemente messa in discussione da quelle su pista, che tuttavia poteva adeguarsi al rapido progresso motoristico in atto, tanto da divenire, già nel volgere delle primissime edizioni, un appuntamento fondamentale per le case 10 Brescia, Brevetti, Automobili

11 automobilistiche italiane ed internazionali che volevano testare e collaudare nuove vetture, da collocare poi sul mercato in piccola o grande serie. L annuncio ufficiale, il 4 Dicembre del 1926, suscitò però molte critiche e perplessità e anche la stampa non si mostrò molto ben disposta ad accogliere la nuova corsa. Le obiezioni più importanti giunsero direttamente dal senatore Silvio Crespi, presidente dell Automobile Club d Italia, di solito molto aperto a qualsiasi ardita iniziativa. Soltanto l appoggio di Augusto Turati, da poco diventato Segretario Generale del PNF, che sostenne da subito l iniziativa della sua città d adozione, fece sì che la competizione potesse finalmente vedere la luce. La buona disposizione del Regime fu quindi molto importante, anche se l atteggiamento del Duce fu alquanto contraddittorio: dal perentorio si ripeta!, recitato subito dopo l enorme successo della prima edizione, all altrettanto perentorio ed irripetibile voi bresciani, con la vostra Mille Miglia, mi avete rotto, recitato nel 39, in un momento storico nel quale le preoccupazioni erano indiscutibilmente diverse. Dopotutto, il Duce non fu mai mossiere a Brescia come lo fu invece a Monza, e tanto meno vi assistette quando vi parteciparono il figlio Vittorio, in compagnia del nipote, e il suo autista, nel 36 e nel 37. È però un fatto che la Mille Miglia riprese e continuò con successo anche dopo la guerra, a dimostrazione dell ottimo lavoro fatto dagli organizzatori, indipendentemente dai loro rapporti col precedente Governo. La Mille Miglia, dunque, restituì a Brescia il ruolo di capitale dell automobilismo, sanzionando in maniera visibile il passaggio in via di compimento dalla civiltà agricola a quella industriale. E non fu solo questo; sia quando nacque sia nell immediato dopoguerra, la Mille Miglia si dimostrò un insostituibile stimolo per la crescita dell industria automobilistica italiana e per Brescia, Brevetti, Automobili 11

12 il rilancio di tutta l economia nazionale, così come lo erano state altre manifestazioni sportive quali il Giro d Italia di ciclismo. Una corsa sportiva espressione del coraggio al servizio del progresso tecnico, ma estremamente popolare, sia per il pubblico sia per i partecipanti. La passione per i motori radunava ai bordi delle strade gente d ogni estrazione sociale, mentre in auto sedevano i collaudatori delle fabbriche accanto ai grandi piloti professionisti e ai nomi più importanti dell élite internazionale. Una corsa affascinante perché aveva il fascino delle cose desiderate, di un automobile che rappresentava ancora il privilegio di pochi e l aspirazione dei più. Una corsa strettamente legata alla città che la organizzava, in cui le auto erano meglio delle armi e delle tessili, poiché rappresentavano il nuovo che avanzava. Attorno alla Mille Miglia, Brescia arrivò a cementare una nuova identità grazie ad una manifestazione attraverso la quale riuscì a promuovere se stessa, a livello non solo nazionale, sfruttando il ruolo sempre più importante che le competizioni sportive arrivavano ad assumere in una società che si stava massificando e che proprio le automobili avrebbero contribuito a traghettare in questa nuova dimensione. 12 Brescia, Brevetti, Automobili

13 3. L industria motoristica bresciana: effetto Mille Miglia? nessun altra prova in pista poteva essere paragonata al responso della Mille Miglia su strada la Mille Miglia ha creato le nostre automobili e l automobilismo italiano: la Mille Miglia ci ha consentito di creare delle gran turismo che noi oggi vendiamo in tutto il mondo...la Mille Miglia ha dimostrato che le corse su strada fanno segnare passi decisivi nel progresso tecnico, che è progresso umano (Enzo Ferrari) 3.1. La Mille Miglia cambia il volto della città. Brescia già alla vigilia d ogni primavera cominciava a cambiare aspetto, con le più importanti case automobilistiche già in città per testare mezzi e provare il circuito. La presenza di numerosi giornalisti offriva alla città una ribalta unica ed invidiabile e i bresciani, ubriacati dagli odori dei carburanti e rapiti dal ruggito dei motori, non facevano altro che parlare d auto e velocità. L impatto della Mille Miglia sulla vita della città fu così forte da cambiarne le abitudini: nel periodo della corsa, era la norma vedere alberghi e botteghe aperti ad ogni ora del giorno e le strade trafficate anche di notte. Per l occasione nacquero anche nuovi giornali, in aggiunta ai quotidiani locali i quali non parlavano d altro; una città piena di gente nuova, di cartelloni pubblicitari, di rombi di motori, pervasa da una frenesia che travolgeva tutti, dai negozianti e albergatori fino alla gente comune, che fossero tifosi o semplici avventori, giovani o vecchi, donne o bambini scorrazzanti per le strade con le loro auto di latta, attraverso percorsi disegnati da tappi di bottiglia. Nei giorni della corsa la città assaporava il gusto di un mondo nuovo, incentrato sull auto e i suoi ritmi, diventando anch essa città dell automobile come altri importanti centri quali Milano, Torino e Genova, che organizzavano Brescia, Brevetti, Automobili 13

14 saloni e Gran Premi, che avevano autostrade e che potevano vantare la presenza d importanti case come Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Bianchi e Ansaldo. La Mille Miglia, dunque, cambiò il modo di vivere di tutta la città, mettendone in luce la passione, le capacità organizzative e la voglia di assaggiare quel futuro che l automobile stava soltanto anticipando. Brescia, però, le auto non le faceva solamente correre, ma le sapeva anche costruire. Numerosi, infatti, sono i nomi che spiccano nella produzione di pompe, turbine e motori. Su tutti quello delle Officine Meccaniche (OM) che, nate a Milano ma trasferitesi a Brescia (a Sant Eustacchio) nel 1917, dopo aver assorbito la bresciana Zust affiancarono alla produzione di autocarri e motori aeronautici anche quella di automobili. Le OM si aggiudicarono la Coppa delle Alpi nel 23 (con ben quattro auto ai primi quattro posti) e del 24, ma soprattutto tre OM 665 modello Superba, 2000 di cilindrata, 6 cilindri e 80 cavalli di potenza, si piazzarono ai primi tre posti della prima edizione della Coppa delle Mille Miglia, battendo nomi come Lancia, Fiat, Alfa Romeo, Isotta Fraschini, Ansaldo, Bugatti, Itala, e chiudendo la gara ad oltre 77 chilometri orari di media, dopo ben 21 ore di corsa. I successi della casa bresciana si ripeterono anche negli anni successivi: nel 28 e 29, gli anni dei primi trionfi Alfa Romeo, le OM si piazzarono al secondo posto, chiudendo definitivamente il ciclo nel 1931 con il terzo posto dell equipaggio Morandi- Rosa, prima di confluire nella Fiat per dedicarsi alla sola produzione di mezzi industriali. È, quindi, molto probabile che questa particolare competizione influenzò non soltanto il modo di vivere dei bresciani, ma anche l ingegno e le capacità imprenditoriali che fino a quel momento trovavano nelle pentole e nelle armi la loro principale valvola di sfogo. Dopotutto, la presenza di altri importanti nomi come la stessa Brixia Zust, la Bianchi Camions e Automobili, la Società 14 Brescia, Brevetti, Automobili

15 Meccanica Bresciana, tanto per citarne alcuni, non dimostrano altro che quello della OM non era un caso isolato I brevetti come fonte storica. Un modo per verificare questa tesi è osservare la produzione brevettuale bresciana nel settore automobilistico negli anni che vanno dal 1890 fino al La scelta di quest arco temporale, infatti, ci consente di poter tenere conto non solo dell eventuale effetto della Coppa Mille Miglia (nata nel 1927 e cancellata nel 1957 dopo la tragedia di Guidizzolo), ma anche di quello delle prime competizioni motoristiche organizzate in territorio bresciano tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento. Il brevetto come fonte storica, utile a spiegare l evoluzione della ricerca scientifica e dell innovazione tecnologica, ha attirato l interesse degli storici dell economia sin dalla metà del Novecento, quando il progresso tecnico veniva considerato da molti un fattore in grado di poter spiegare l evolversi dello sviluppo economico dei diversi paesi. Giuridicamente il brevetto non è altro che un privilegio e rappresenta il diritto riconosciuto ad un soggetto, persona fisica o giuridica, di realizzare in esclusiva e senza vincoli territoriali nazionali un invenzione o un innovazione, allo scopo di derivarne un profitto economico. Materialmente è costituito da un documento che, rilasciato da un apposito ufficio governativo, ne descrive l invenzione/innovazione la quale, per essere brevettata, deve garantire un apporto innovativo che consenta il superamento del monopolio imposto dai brevetti già esistenti in quel campo. Tutto ciò che viene brevettato, dunque, dovrebbe rappresentare una novità. L utilizzo del brevetto ritornò in auge anche negli anni Ottanta, parallelamente alla diffusione dell idea shumpeteriana dell innovazione quale motore del cambiamento. In questo decennio anche gli storici dell economia Brescia, Brevetti, Automobili 15

16 cominciarono ad interessarsi a questa massiccia fonte d informazioni, con diverse finalità; le serie brevettuali disponibili, infatti, potevano essere interpretate come proxy dell attività inventiva di una nazione o di un settore industriale. Pur essendo riconosciuto come un indicatore affidabile e versatile, più di un limite condiziona l utilizzo di questa fonte come misuratore delle capacità d innovazione tecnologica espressa da un sistema economico. Innanzitutto le serie brevettuali non identificano l intera attività innovativa, in quanto le innovazioni/invenzioni non vengono sempre brevettate. Tale scelta dipende da diversi fattori, quali le strategie innovative delle imprese o anche la dimensione delle stesse. Rimandando ad un altra occasione l approfondimento di queste questioni, si può però affermare con certezza che una minore attività brevettuale non è necessariamente indicatrice di un basso tasso innovativo. Un altra limitazione nell utilizzo delle privative, poi, è data dalla differenza delle legislazioni in materia tra i vari paesi e anche all interno di uno stesso stato. Ciò crea discontinuità che limitano sia il confronto sincronico tra nazioni, sia quello diacronico all interno dello stesso paese. Infine, la mera serie brevettuale non ci consente di poter verificare l evoluzione economica di un singolo brevetto, impedendo, di conseguenza, la misurazione del peso dello stesso all interno di un singolo settore o di un intera economia. Molte delle invenzioni/innovazioni brevettate, infatti, per diversi motivi non hanno alcuna speranza d impiego pratico, azzerando di conseguenza il loro impatto economico. La consapevolezza dei limiti di questo indicatore ha portato gli studiosi ad utilizzarlo con più attenzione, cercando di superarne i vincoli anche introducendo alcuni accorgimenti volti a limarne le imprecisioni. L utilizzo delle privative, comunque, resta fondamentale, almeno per poter ricostruire a 16 Brescia, Brevetti, Automobili

17 grandi linee le traiettorie tecnologiche seguite da interi paesi o da singoli settori industriali. La serie brevettuale, quindi, rappresenta anche la fonte primaria per questa breve indagine, che ha lo scopo di aggiungere qualche cosa in più allo studio dell evoluzione della produzione industriale novecentesca nella provincia bresciana, con particolare attenzione al settore automotoristico Analisi dei brevetti bresciani. L analisi dei brevetti è stata resa possibile dalla disponibilità di un database (realizzato dal Dipartimento di Studi Sociali dell Università degli Studi di Brescia) contenente l intera produzione brevettuale bresciana tra il 1860 e il 1960, dalla quale si è tentato di estrarre le privative riguardanti la produzione motoristica delle due e delle quattro ruote, con particolare attenzione a quest ultima. La selezione non è stata particolarmente semplice, in quanto la tassonomia utilizzata dalla pubblicazione ufficiale non poteva essere utilizzata. Il database, infatti, riportava numerose informazioni, tra le quali la vecchia e la nuova categoria Istat di riferimento. La presenza di una categoria quale quella rubricata come (già ), sembrava semplificare di molto l attività di selezione. Un attenta analisi della serie ci ha però mostrato come diverse privative, pur evidentemente legate anche alla produzione automobilistica, fossero classificate sotto altre voci. Non è stato infrequente, infatti, trovare brevetti riferiti ad alcune produzioni, come i motori a scoppio, catalogati dall Istat in voci diverse da quelle relative ai. Molto probabilmente ciò dipendeva dalla sottile linea che separava molte delle produzioni, soprattutto nel campo del motore, nella prima metà del Novecento. Dato che tecnicamente la differenza si presentava pressoché minima, un Brescia, Brevetti, Automobili 17

18 motore a scoppio poteva essere utilizzato non soltanto per un automobile, ma anche per un macchinario industriale. La collocazione in una piuttosto che in un altra categoria Istat dipendeva esclusivamente dalle intenzioni dell inventore, che ne menzionava l utilizzo primario nella descrizione del brevetto stesso. Nello specifico della nostra analisi, la serie brevettuale ottenuta è stata suddivisa in due gruppi principali, quello delle Due Ruote (DR) (app. 1) e quello delle Automobili (AU). La prima voce non è stata ulteriormente approfondita, ma è stata presa in considerazione in quanto alcune privative (soprattutto quelle riferite alle motociclette) rappresentavano un buon corollario alla spiegazione dell evoluzione della produzione motoristica bresciana. A titolo d esempio, infatti, si può citare il brevetto n 5056 del 1960, che tratta di un Dispositivo tergicristallo azionato da un mulinello a vento particolarmente adatto per motocicli in genere, scooters, motocarri e simili, oppure il n 439, del 1920, che descrive un Dispositivo per l applicazione di un motore a scoppio alle biciclette e, ancora, il n 1917 del 1948, che tratta una Forcella molleggiata per cicli, motocicli e simili. La voce Automobili, al contrario, è stata successivamente scorporata in altre sottovoci: Frenatura (FR) (app. 2) Illuminazione (IL) (app. 3) Motore/Organi Ausiliari (quali la distribuzione, la lubrificazione, il raffreddamento, l impianto elettrico e di accensione, ecc.) (MO) (app. 4) Sospensioni/Ammortizzatore (SA) (app. 5) Sterzo/Ruote (SR) (app. 6) Strumentazione/Dotazioni (SD) (app. 7) 18 Brescia, Brevetti, Automobili

19 Telaio/Carrozzeria (TC) (app. 8) Trasmissione (TR) (app. 9) Altro (AL) (app. 10) Veicoli Speciali (VS) (app. 11) La classificazione è stata estremamente semplice in quanto ha rispettato la stessa utilizzata da qualsiasi testo di preparazione agli esami per la patente di guida, alla quale sono state aggiunte tre voci: la voce Strumentazione/Dotazioni, inserita di forza in seguito alle numerose privative in oggetto raccolte; la voce Veicoli Speciali, che riprende quattro brevetti difficilmente collocabili negli altri sottogruppi; la voce Altro, che considera brevetti riferiti a strumenti diversi che non fanno parte direttamente della componentistica o della struttura dell auto, ma che sono ad essa strettamente legati (come i banchi di prova per i motori -brevetto n o gli strumenti per il gonfiaggio degli pneumatici -brevetto n 822). L analisi delle elaborazioni condotte sul database è iniziata con lo studio della serie storica completa. I dati raccolti nella tab. 1 sono stati presentati sia su base annuale, per una visione più dettagliata del loro andamento nel tempo, sia su base quinquennale, in modo da metterne in evidenza le linee di tendenza al di là delle diverse oscillazioni che si verificano annualmente. Osservando la dinamica generale annuale si può facilmente notare come fino al 1904 l attività brevettuale bresciana sia pressoché nulla, con un totale di 6 brevetti in oltre 40 anni di raccolta. Dal 1905, al contrario, comincia ad intravedersi una prima, flebile crescita. Questo può essere correlato allo svolgersi delle prime competizioni automobilistiche nel territorio bresciano a partire dal 1899, col la Corsa degli automobili del mese di Marzo e la Grande corsa su strada di Settembre, proseguite poi nel 1904, nel 1905 e nel 1907 in occasione delle Settimane automobilistiche bresciane. Osservando la dinamica Brescia, Brevetti, Automobili 19

20 quinquennale e aiutandoci col relativo grafico 1, si può vedere ancora più chiaramente come il totale dei brevetti vada aumentando costantemente nei primi tre lustri del Novecento, rallentando soltanto in occasione della prima guerra mondiale, per poi riprendere a crescere con costanza in quelli successivi (che videro nel 1927 la nascita della Coppa delle Mille Miglia), raggiungendo il numero di 33 nel quinquennio immediatamente precedente la seconda guerra mondiale. La costanza con la quale il numero di brevetti cresce in questi anni non fa però pensare ad una particolare influenza dell organizzazione di competizioni sportive sull attività brevettuale bresciana in campo automobilistico, anche se numerose sono le aziende operanti in questo settore. Tenendo conto delle problematiche che comporta l utilizzo di un indicatore come quello dei brevetti in un analisi di questo tipo e osservando i dati a nostra disposizione, si potrebbe pensare che tale attività segua, nella provincia, un andamento di crescita costante che rispecchia, anche nei periodi di crisi, le tendenze generali dell economia nazionale di quegl anni. Lo stesso andamento, infatti, è seguito anche della serie di tutti i brevetti bresciani, riportato nel grafico 2. Dunque, la serie brevettuale relativa alle privative riferite all automobile non sembrerebbe essere influenzata dalle competizioni automobilistiche organizzate in provincia. Ciò sembra rafforzato dal fatto che, esclusa la parentesi bellica della seconda guerra mondiale, il numero di brevetti cominci a crescere sensibilmente dal 1950 in avanti, in concomitanza con la ripresa italiana e l avviarsi del boom economico, nel quale l automobile rappresentò un elemento importante nel processo di massificazione del mercato. Nel lustro , infatti, si raggiunse il ragguardevole numero di 101 brevetti depositati. Ad ulteriore conferma, poi, c è la considerazione che anche la serie brevettuale relativa alle due ruote segue, se si esclude 20 Brescia, Brevetti, Automobili

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel.

by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. www.schiel. www.schiel.biz by marktgerecht.jm.ohg strategische markenführung www.marktgerecht.com ADIOS VENTILOS! Perché si sono estinte le valvole. Adios Ventilos! o Perché si sono estinte le valvole. Editore: Schiel

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com

THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... www.fast-concept.com THE PAST IS THE PAST, THE PRESENT WON T LAST, BUT THE FUTURE IS IN OUR HANDS... SINTESI DELLA RIVOLUZIONARIA TECNOLOGIA DI RIDLEY Basta il suono della parola velocità (FAST), perché il battito del vostro

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Z750 Z750 ABS Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Premessa Per una efficiente spedizione dei veicoli Kawasaki, prima dell imballaggio questi vengono parzialmente smontati. Dal momento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli