Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04"

Transcript

1 Ivan Paris BRESCIA, AUTOMOBILI E BREVETTI DSS PAPERS STO 01-04

2

3 INDICE 1. Brescia leonessa dell auto : le prime competizioni... Pag Nasce la Coppa delle Mille Miglia: i tempi dell avventura L industria motoristica bresciana: effetto Mille Miglia? La Mille Miglia cambia il volto della città I brevetti come fonte storica Analisi dei brevetti bresciani I nomi dei protagonisti Distribuzione geografica dei brevetti Bibliografia Grafici e Tabelle Appendice Elenco dei brevetti... 46

4

5 1. Brescia leonessa dell auto : le prime competizioni. da secoli noi (bresciani) amiamo il ferro e l acciaio ( ) sappiamo la fatica del fucinatore piegato sul metallo per dargli forme e misure. Da anni ( ) costruiamo nelle officine della città e in quelle delle valli e ordigni. Forse abbiamo un poco la malattia del ferro e dell acciaio. (Augusto Turati) La Coppa Mille Miglia, la corsa automobilistica che diventerà leggenda, rappresentò per molti anni lo stato d animo di un intera città, fu l espressione dell orgoglio, della tenacia e della tradizione bresciana di ferro e fuoco che originava dal più lontano passato. Esattamente proprio quella malattia della quale parlava Augusto Turati, aveva fatto sì che agli inizi del Novecento Brescia si presentasse come una delle più importanti città del nord Italia, la seconda in Lombardia dopo Milano. Considerando un indice di sviluppo attendibile quale l impiego d energia elettrica, infatti, si scopre come nel 1911 il consumo bresciano raggiungesse il 13% dell intero consumo lombardo (40 mila candele su 300 mila totali). In quello stesso anno, poi, il primo censimento industriale registrò circa 32 mila addetti nel settore secondario, che salirono ad oltre 86 mila nel 1927, l anno della prima edizione della Coppa Mille Miglia. Nei primi anni del Novecento numerosi sono i nomi che spiccano nelle produzioni di pompe, turbine e motori: le Officine Meccaniche (OM), la Società Meccanica Bresciana, la Bianchi Camions Automobili, la Brixia Zust e molti altri ancora. Partendo da un simile sistema produttivo non c è da stupirsi del fatto che fu proprio Brescia a sviluppare una passione tale per le tanto che la città, benché superasse in quegli anni di poco i 100 mila abitanti, fu subito riconosciuta centro dell automobilismo italiano ed internazionale. Brescia, Brevetti, Automobili 5

6 Una qualifica riconducibile anche alla quantità e alla qualità di competizioni che la città stessa organizzava già dalla fine dell Ottocento, tra le prime dell intero continente. Risale al Marzo 1899, infatti, un evento fondamentale per la storia dell automobilismo, non solo bresciano: il giorno 14 si disputò un eccezionale sfida lungo un percorso che, partendo da Verona, toccava Brescia e Mantova, per poi ritornare nella città scaligera. Un successo che richiamò un pubblico numeroso lungo tutto il tragitto e che vide la partecipazione d illustri pionieri di questo nascente sport (tra i quali anche il cav. Giovanni Agnelli e il conte Carlo Biscaretti, poi fondatori della Fiat); ciononostante, non mancarono anche polemiche e vibrate proteste, nei confronti di quei tricicli rombanti, da parte di coloro che, all inizio del XX secolo, diffidavano ancora delle ben più silenziose e pacifiche biciclette. Il risultato fu così positivo che solo pochi mesi dopo, nel mese di Settembre, Brescia dedicò al nascente automobilismo ben quattro giornate, culminanti nella Grande corsa su strada dell 11 Settembre. Partendo e arrivando a Brescia, la competizione toccò Cremona, Mantova e Verona. Con questa prima corsa Brescia legò definitivamente il suo immediato futuro a quello dei motori, continuando a coltivare quel culto per il fuoco esplosivo che ora tuonava dagli scarichi di un automobile. Gli appuntamenti motoristici si susseguirono con frequenza. Il 1904 fu l anno della Settimana Bresciana di gare organizzata in concomitanza con la Grande Esposizione allestita in Castello, un occasione per poter presentare le maggiori novità artigianali e industriali del momento. Gli appassionati però attendevano con trepidazione la corsa che si sarebbe dovuta svolgere su un tracciato che avrebbe toccato Brescia, Mantova e Cremona. Il circuito, da ripetersi due volte, vide per primo sul traguardo Vincenzo Lancia (futuro fondatore dell omonima casa automobilistica) e segnò la partecipazione, tra gli 6 Brescia, Brevetti, Automobili

7 altri, dell armatore palermitano Vincenzo Florio il quale, rimasto affascinato dalla gara stessa, abbinò le prime due edizioni della Coppa Florio alle successive competizioni bresciane del 1905 e del 1907, svoltesi su differenti circuiti in occasione delle ormai classiche Settimane automobilistiche (che prevedevano anche corse motociclistiche e di canotti automobili). L impeccabile organizzazione, l enorme successo di pubblico e la partecipazione dei più importanti piloti del momento, procurarono alla gara bresciana la fama di competizione internazionale tra nazioni progredite nel campo automobilistico. Quello del 1907 fu però l ultimo grande appuntamento di rilievo fino a dopo la Grande Guerra: la frenesia motoristica della città guardava ora alle favoleggianti esibizioni dei pionieri del volo e così, nel 1909, la Settimana automobilistica fu sostituita dal Circuito aereo internazionale. Il successo di questa nuova manifestazione, che vide la partecipazione del pilota Gabriele D Annunzio e che si onorò della presenza del re d Italia Vittorio Emanuele III e di Franz Kafka tra il pubblico, fu un ulteriore dimostrazione dell ardimento motoristico della città. Dopo la tragedia della guerra perduta, il prestigio italiano affrontò un periodo di decadimento su tutti i fonti. Le prospettive erano sconsolanti, anche sul piano motoristico: l organizzazione di gare automobilistiche ristagnava in un malsano pantano e stava definitivamente pregiudicando lo sviluppo dell industria automobilistica italiana la quale, proprio grazie a queste competizioni, aveva cominciato a crescere. Il compito di riaccendere la nuova scintilla toccò ancora a Brescia che, nel 1921, tentò di rilanciare la sua tradizione di leonessa dell auto: tra il 4 e il 12 Settembre di quell anno si svolsero ben quattro competizioni automobilistiche (oltre ad altre motociclistiche e ad un Gran Premio d aviazione) all interno di un nuovo Brescia, Brevetti, Automobili 7

8 appuntamento settimanale. La presenza di due case automobilistiche ufficiali (l italiana Fiat e la francese Ballot) e di numerosi equipaggi provenienti da tutta Europa, marcò l inizio di una nuova era per il motorismo italiano ed europeo. All interno di questo nuovo appuntamento, la gara più importante fu certamente il Gran Premio d Italia che si disputava nella brughiera di Montichiari e rappresentava, unanimemente, la massima competizione sportiva italiana dedicata alle vetture di formula. Un fervore d iniziative che rivelava continuità con le corse del 1899 e che si proponeva quale trait d union con la futura prima Mille Miglia del Purtroppo la crisi del triennio rischiò ancora una volta di pregiudicare il futuro automobilistico della città: nell anno 1922, infatti, avvenne ciò che i bresciani non avrebbero mai voluto accadesse: il Gran Premio d Italia venne letteralmente scippato alla brughiera di Montichiari per essere consegnato nelle mani del nuovissimo autodromo di Monza. Realizzato all uopo a tempo di record dall Automobile club di Milano, l autodromo aveva come padre il bresciano Arturo Mercanti, già organizzatore delle settimane aeree e automobilistiche della sua città natale: un ulteriore schiaffo che Brescia faticò a digerire. Sebbene circolasse già da tempo, la notizia esplose come una bomba che lasciò la città allo sbando: non si corsero le gare della Settimana del 22 e la disputa di una competizione sul Circuito del Garda, nelle colline soprastanti Salò (per altro già organizzata l anno precedente), non attenuò lo sconforto e la delusione di una città che grazie a queste manifestazioni aveva potuto proiettarsi direttamente nel futuro, ubriacata da quel fervore motoristico che da anni ormai rifioriva periodicamente sul finire dell estate, per proseguire poi durante tutto il resto dell anno. Nemmeno l organizzazione nel 1923 di una nuova Settimana, disperato tentativo di rilanciare il prestigio di una città che da 8 Brescia, Brevetti, Automobili

9 sempre primeggiava in Italia e in Europa nell ambito delle manifestazioni automobilistiche, compensò la profonda crisi che ormai da anni tarpava le ali al motorismo bresciano. 2. Nasce la Coppa delle Mille Miglia: i tempi dell avventura. La Mille Miglia non poteva nascere che da noi Brescia non è per temperamento e per tradizione molto facile agli entusiasmi e alla passione travolgente. Il nostro carattere piuttosto rude e crudo, difficilmente si lascia andare a manifestazioni calorose Ma anche Brescia ha le sue passioni. Una di queste è certo il tifo del motore ( ) Brescia ama il motore per sé ( ) con una competenza che quasi sempre mi fa allibire a pensare se per caso non vi sia, nella città del ferro e delle armi, una tradizione meccanica istintiva. Da dove è nato tutto ciò? Io penso che sia in parte effetto di un orgoglio provinciale, per avere Brescia dato vita alle prime grandi competizioni del motore. (Augusto Turati). La situazione del motorismo bresciano era ormai preoccupante e la crisi sembrava irreversibile: la città non riusciva a riproporsi nel panorama motoristico internazionale, consolidando quel ruolo di protagonista conquistato in quasi trent anni di duro lavoro. Il centro di questo nuovo sport sembrava trasferito altrove e Brescia stava lentamente scivolando indietro. Una situazione inaccettabile per tutta la città e non solo per gli appassionati. Si doveva trovare qualcosa di nuovo, secondo le parole di Aymo Maggi (uno dei quattro fondatori di quella che il notissimo sportsman inglese Lord Lowen definì la più bella corsa del mondo), altrimenti più nessuno si sarebbe interessato all automobilismo e tutta la tradizione della città sarebbe stata presto dimenticata. Brescia, Brevetti, Automobili 9

10 Il compito di rilanciare il mito spettò a quattro giovani moschettieri: il già citato Maggi, Mazzotti, Castagneto e Canestrini. Abbandonata l idea di una corsa Brescia-Roma, la quale sarebbe andata ad esclusivo vantaggio della capitale lasciando ai bresciani solo l oneroso compito dell organizzazione, i quattro proposero un percorso che toccasse sì Roma, ma che poi ritornasse a Brescia per lì concludersi. Quest idea sarebbe piaciuta anche al Regime, la cui approvazione sarebbe stata assolutamente necessaria per la realizzazione definitiva della competizione. Mancava solo il nome, un nome che potesse ulteriormente compiacere il partito. Appurato che la lunghezza del percorso fosse di circa 1600 chilometri, e che questi equivalessero a circa mille miglia, Mazzotti sembrò avere risolto anche questa questione: la gara si sarebbe chiamata Coppa delle Mille Miglia. Dopotutto, anche il Regime avrebbe apprezzato: la diffidenza nell utilizzo di una definizione straniera, sconsigliabile in piena autarchia, sarebbe stata brillantemente superata da una felice coincidenza storica: il fatto che anche gli antichi romani misurassero le distanze in miglia avrebbe fatto restare la competizione in quel solco della romanità cui il Governo teneva tanto. La Coppa delle Mille Miglia, gara di fondo automobilistica da disputarsi in un unica soluzione sul percorso Brescia-Roma-Brescia, nacque così già adulta, fiore all occhiello di una tradizione mai perduta, nemmeno nei periodi più bui, che avrebbe nuovamente assegnato a Brescia il ruolo che le spettava di diritto, quello di leonessa dell auto. Questa nuova corsa, infatti, ricalcava la vecchia formula delle competizioni su strada, ormai fortemente messa in discussione da quelle su pista, che tuttavia poteva adeguarsi al rapido progresso motoristico in atto, tanto da divenire, già nel volgere delle primissime edizioni, un appuntamento fondamentale per le case 10 Brescia, Brevetti, Automobili

11 automobilistiche italiane ed internazionali che volevano testare e collaudare nuove vetture, da collocare poi sul mercato in piccola o grande serie. L annuncio ufficiale, il 4 Dicembre del 1926, suscitò però molte critiche e perplessità e anche la stampa non si mostrò molto ben disposta ad accogliere la nuova corsa. Le obiezioni più importanti giunsero direttamente dal senatore Silvio Crespi, presidente dell Automobile Club d Italia, di solito molto aperto a qualsiasi ardita iniziativa. Soltanto l appoggio di Augusto Turati, da poco diventato Segretario Generale del PNF, che sostenne da subito l iniziativa della sua città d adozione, fece sì che la competizione potesse finalmente vedere la luce. La buona disposizione del Regime fu quindi molto importante, anche se l atteggiamento del Duce fu alquanto contraddittorio: dal perentorio si ripeta!, recitato subito dopo l enorme successo della prima edizione, all altrettanto perentorio ed irripetibile voi bresciani, con la vostra Mille Miglia, mi avete rotto, recitato nel 39, in un momento storico nel quale le preoccupazioni erano indiscutibilmente diverse. Dopotutto, il Duce non fu mai mossiere a Brescia come lo fu invece a Monza, e tanto meno vi assistette quando vi parteciparono il figlio Vittorio, in compagnia del nipote, e il suo autista, nel 36 e nel 37. È però un fatto che la Mille Miglia riprese e continuò con successo anche dopo la guerra, a dimostrazione dell ottimo lavoro fatto dagli organizzatori, indipendentemente dai loro rapporti col precedente Governo. La Mille Miglia, dunque, restituì a Brescia il ruolo di capitale dell automobilismo, sanzionando in maniera visibile il passaggio in via di compimento dalla civiltà agricola a quella industriale. E non fu solo questo; sia quando nacque sia nell immediato dopoguerra, la Mille Miglia si dimostrò un insostituibile stimolo per la crescita dell industria automobilistica italiana e per Brescia, Brevetti, Automobili 11

12 il rilancio di tutta l economia nazionale, così come lo erano state altre manifestazioni sportive quali il Giro d Italia di ciclismo. Una corsa sportiva espressione del coraggio al servizio del progresso tecnico, ma estremamente popolare, sia per il pubblico sia per i partecipanti. La passione per i motori radunava ai bordi delle strade gente d ogni estrazione sociale, mentre in auto sedevano i collaudatori delle fabbriche accanto ai grandi piloti professionisti e ai nomi più importanti dell élite internazionale. Una corsa affascinante perché aveva il fascino delle cose desiderate, di un automobile che rappresentava ancora il privilegio di pochi e l aspirazione dei più. Una corsa strettamente legata alla città che la organizzava, in cui le auto erano meglio delle armi e delle tessili, poiché rappresentavano il nuovo che avanzava. Attorno alla Mille Miglia, Brescia arrivò a cementare una nuova identità grazie ad una manifestazione attraverso la quale riuscì a promuovere se stessa, a livello non solo nazionale, sfruttando il ruolo sempre più importante che le competizioni sportive arrivavano ad assumere in una società che si stava massificando e che proprio le automobili avrebbero contribuito a traghettare in questa nuova dimensione. 12 Brescia, Brevetti, Automobili

13 3. L industria motoristica bresciana: effetto Mille Miglia? nessun altra prova in pista poteva essere paragonata al responso della Mille Miglia su strada la Mille Miglia ha creato le nostre automobili e l automobilismo italiano: la Mille Miglia ci ha consentito di creare delle gran turismo che noi oggi vendiamo in tutto il mondo...la Mille Miglia ha dimostrato che le corse su strada fanno segnare passi decisivi nel progresso tecnico, che è progresso umano (Enzo Ferrari) 3.1. La Mille Miglia cambia il volto della città. Brescia già alla vigilia d ogni primavera cominciava a cambiare aspetto, con le più importanti case automobilistiche già in città per testare mezzi e provare il circuito. La presenza di numerosi giornalisti offriva alla città una ribalta unica ed invidiabile e i bresciani, ubriacati dagli odori dei carburanti e rapiti dal ruggito dei motori, non facevano altro che parlare d auto e velocità. L impatto della Mille Miglia sulla vita della città fu così forte da cambiarne le abitudini: nel periodo della corsa, era la norma vedere alberghi e botteghe aperti ad ogni ora del giorno e le strade trafficate anche di notte. Per l occasione nacquero anche nuovi giornali, in aggiunta ai quotidiani locali i quali non parlavano d altro; una città piena di gente nuova, di cartelloni pubblicitari, di rombi di motori, pervasa da una frenesia che travolgeva tutti, dai negozianti e albergatori fino alla gente comune, che fossero tifosi o semplici avventori, giovani o vecchi, donne o bambini scorrazzanti per le strade con le loro auto di latta, attraverso percorsi disegnati da tappi di bottiglia. Nei giorni della corsa la città assaporava il gusto di un mondo nuovo, incentrato sull auto e i suoi ritmi, diventando anch essa città dell automobile come altri importanti centri quali Milano, Torino e Genova, che organizzavano Brescia, Brevetti, Automobili 13

14 saloni e Gran Premi, che avevano autostrade e che potevano vantare la presenza d importanti case come Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Bianchi e Ansaldo. La Mille Miglia, dunque, cambiò il modo di vivere di tutta la città, mettendone in luce la passione, le capacità organizzative e la voglia di assaggiare quel futuro che l automobile stava soltanto anticipando. Brescia, però, le auto non le faceva solamente correre, ma le sapeva anche costruire. Numerosi, infatti, sono i nomi che spiccano nella produzione di pompe, turbine e motori. Su tutti quello delle Officine Meccaniche (OM) che, nate a Milano ma trasferitesi a Brescia (a Sant Eustacchio) nel 1917, dopo aver assorbito la bresciana Zust affiancarono alla produzione di autocarri e motori aeronautici anche quella di automobili. Le OM si aggiudicarono la Coppa delle Alpi nel 23 (con ben quattro auto ai primi quattro posti) e del 24, ma soprattutto tre OM 665 modello Superba, 2000 di cilindrata, 6 cilindri e 80 cavalli di potenza, si piazzarono ai primi tre posti della prima edizione della Coppa delle Mille Miglia, battendo nomi come Lancia, Fiat, Alfa Romeo, Isotta Fraschini, Ansaldo, Bugatti, Itala, e chiudendo la gara ad oltre 77 chilometri orari di media, dopo ben 21 ore di corsa. I successi della casa bresciana si ripeterono anche negli anni successivi: nel 28 e 29, gli anni dei primi trionfi Alfa Romeo, le OM si piazzarono al secondo posto, chiudendo definitivamente il ciclo nel 1931 con il terzo posto dell equipaggio Morandi- Rosa, prima di confluire nella Fiat per dedicarsi alla sola produzione di mezzi industriali. È, quindi, molto probabile che questa particolare competizione influenzò non soltanto il modo di vivere dei bresciani, ma anche l ingegno e le capacità imprenditoriali che fino a quel momento trovavano nelle pentole e nelle armi la loro principale valvola di sfogo. Dopotutto, la presenza di altri importanti nomi come la stessa Brixia Zust, la Bianchi Camions e Automobili, la Società 14 Brescia, Brevetti, Automobili

15 Meccanica Bresciana, tanto per citarne alcuni, non dimostrano altro che quello della OM non era un caso isolato I brevetti come fonte storica. Un modo per verificare questa tesi è osservare la produzione brevettuale bresciana nel settore automobilistico negli anni che vanno dal 1890 fino al La scelta di quest arco temporale, infatti, ci consente di poter tenere conto non solo dell eventuale effetto della Coppa Mille Miglia (nata nel 1927 e cancellata nel 1957 dopo la tragedia di Guidizzolo), ma anche di quello delle prime competizioni motoristiche organizzate in territorio bresciano tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento. Il brevetto come fonte storica, utile a spiegare l evoluzione della ricerca scientifica e dell innovazione tecnologica, ha attirato l interesse degli storici dell economia sin dalla metà del Novecento, quando il progresso tecnico veniva considerato da molti un fattore in grado di poter spiegare l evolversi dello sviluppo economico dei diversi paesi. Giuridicamente il brevetto non è altro che un privilegio e rappresenta il diritto riconosciuto ad un soggetto, persona fisica o giuridica, di realizzare in esclusiva e senza vincoli territoriali nazionali un invenzione o un innovazione, allo scopo di derivarne un profitto economico. Materialmente è costituito da un documento che, rilasciato da un apposito ufficio governativo, ne descrive l invenzione/innovazione la quale, per essere brevettata, deve garantire un apporto innovativo che consenta il superamento del monopolio imposto dai brevetti già esistenti in quel campo. Tutto ciò che viene brevettato, dunque, dovrebbe rappresentare una novità. L utilizzo del brevetto ritornò in auge anche negli anni Ottanta, parallelamente alla diffusione dell idea shumpeteriana dell innovazione quale motore del cambiamento. In questo decennio anche gli storici dell economia Brescia, Brevetti, Automobili 15

16 cominciarono ad interessarsi a questa massiccia fonte d informazioni, con diverse finalità; le serie brevettuali disponibili, infatti, potevano essere interpretate come proxy dell attività inventiva di una nazione o di un settore industriale. Pur essendo riconosciuto come un indicatore affidabile e versatile, più di un limite condiziona l utilizzo di questa fonte come misuratore delle capacità d innovazione tecnologica espressa da un sistema economico. Innanzitutto le serie brevettuali non identificano l intera attività innovativa, in quanto le innovazioni/invenzioni non vengono sempre brevettate. Tale scelta dipende da diversi fattori, quali le strategie innovative delle imprese o anche la dimensione delle stesse. Rimandando ad un altra occasione l approfondimento di queste questioni, si può però affermare con certezza che una minore attività brevettuale non è necessariamente indicatrice di un basso tasso innovativo. Un altra limitazione nell utilizzo delle privative, poi, è data dalla differenza delle legislazioni in materia tra i vari paesi e anche all interno di uno stesso stato. Ciò crea discontinuità che limitano sia il confronto sincronico tra nazioni, sia quello diacronico all interno dello stesso paese. Infine, la mera serie brevettuale non ci consente di poter verificare l evoluzione economica di un singolo brevetto, impedendo, di conseguenza, la misurazione del peso dello stesso all interno di un singolo settore o di un intera economia. Molte delle invenzioni/innovazioni brevettate, infatti, per diversi motivi non hanno alcuna speranza d impiego pratico, azzerando di conseguenza il loro impatto economico. La consapevolezza dei limiti di questo indicatore ha portato gli studiosi ad utilizzarlo con più attenzione, cercando di superarne i vincoli anche introducendo alcuni accorgimenti volti a limarne le imprecisioni. L utilizzo delle privative, comunque, resta fondamentale, almeno per poter ricostruire a 16 Brescia, Brevetti, Automobili

17 grandi linee le traiettorie tecnologiche seguite da interi paesi o da singoli settori industriali. La serie brevettuale, quindi, rappresenta anche la fonte primaria per questa breve indagine, che ha lo scopo di aggiungere qualche cosa in più allo studio dell evoluzione della produzione industriale novecentesca nella provincia bresciana, con particolare attenzione al settore automotoristico Analisi dei brevetti bresciani. L analisi dei brevetti è stata resa possibile dalla disponibilità di un database (realizzato dal Dipartimento di Studi Sociali dell Università degli Studi di Brescia) contenente l intera produzione brevettuale bresciana tra il 1860 e il 1960, dalla quale si è tentato di estrarre le privative riguardanti la produzione motoristica delle due e delle quattro ruote, con particolare attenzione a quest ultima. La selezione non è stata particolarmente semplice, in quanto la tassonomia utilizzata dalla pubblicazione ufficiale non poteva essere utilizzata. Il database, infatti, riportava numerose informazioni, tra le quali la vecchia e la nuova categoria Istat di riferimento. La presenza di una categoria quale quella rubricata come (già ), sembrava semplificare di molto l attività di selezione. Un attenta analisi della serie ci ha però mostrato come diverse privative, pur evidentemente legate anche alla produzione automobilistica, fossero classificate sotto altre voci. Non è stato infrequente, infatti, trovare brevetti riferiti ad alcune produzioni, come i motori a scoppio, catalogati dall Istat in voci diverse da quelle relative ai. Molto probabilmente ciò dipendeva dalla sottile linea che separava molte delle produzioni, soprattutto nel campo del motore, nella prima metà del Novecento. Dato che tecnicamente la differenza si presentava pressoché minima, un Brescia, Brevetti, Automobili 17

18 motore a scoppio poteva essere utilizzato non soltanto per un automobile, ma anche per un macchinario industriale. La collocazione in una piuttosto che in un altra categoria Istat dipendeva esclusivamente dalle intenzioni dell inventore, che ne menzionava l utilizzo primario nella descrizione del brevetto stesso. Nello specifico della nostra analisi, la serie brevettuale ottenuta è stata suddivisa in due gruppi principali, quello delle Due Ruote (DR) (app. 1) e quello delle Automobili (AU). La prima voce non è stata ulteriormente approfondita, ma è stata presa in considerazione in quanto alcune privative (soprattutto quelle riferite alle motociclette) rappresentavano un buon corollario alla spiegazione dell evoluzione della produzione motoristica bresciana. A titolo d esempio, infatti, si può citare il brevetto n 5056 del 1960, che tratta di un Dispositivo tergicristallo azionato da un mulinello a vento particolarmente adatto per motocicli in genere, scooters, motocarri e simili, oppure il n 439, del 1920, che descrive un Dispositivo per l applicazione di un motore a scoppio alle biciclette e, ancora, il n 1917 del 1948, che tratta una Forcella molleggiata per cicli, motocicli e simili. La voce Automobili, al contrario, è stata successivamente scorporata in altre sottovoci: Frenatura (FR) (app. 2) Illuminazione (IL) (app. 3) Motore/Organi Ausiliari (quali la distribuzione, la lubrificazione, il raffreddamento, l impianto elettrico e di accensione, ecc.) (MO) (app. 4) Sospensioni/Ammortizzatore (SA) (app. 5) Sterzo/Ruote (SR) (app. 6) Strumentazione/Dotazioni (SD) (app. 7) 18 Brescia, Brevetti, Automobili

19 Telaio/Carrozzeria (TC) (app. 8) Trasmissione (TR) (app. 9) Altro (AL) (app. 10) Veicoli Speciali (VS) (app. 11) La classificazione è stata estremamente semplice in quanto ha rispettato la stessa utilizzata da qualsiasi testo di preparazione agli esami per la patente di guida, alla quale sono state aggiunte tre voci: la voce Strumentazione/Dotazioni, inserita di forza in seguito alle numerose privative in oggetto raccolte; la voce Veicoli Speciali, che riprende quattro brevetti difficilmente collocabili negli altri sottogruppi; la voce Altro, che considera brevetti riferiti a strumenti diversi che non fanno parte direttamente della componentistica o della struttura dell auto, ma che sono ad essa strettamente legati (come i banchi di prova per i motori -brevetto n o gli strumenti per il gonfiaggio degli pneumatici -brevetto n 822). L analisi delle elaborazioni condotte sul database è iniziata con lo studio della serie storica completa. I dati raccolti nella tab. 1 sono stati presentati sia su base annuale, per una visione più dettagliata del loro andamento nel tempo, sia su base quinquennale, in modo da metterne in evidenza le linee di tendenza al di là delle diverse oscillazioni che si verificano annualmente. Osservando la dinamica generale annuale si può facilmente notare come fino al 1904 l attività brevettuale bresciana sia pressoché nulla, con un totale di 6 brevetti in oltre 40 anni di raccolta. Dal 1905, al contrario, comincia ad intravedersi una prima, flebile crescita. Questo può essere correlato allo svolgersi delle prime competizioni automobilistiche nel territorio bresciano a partire dal 1899, col la Corsa degli automobili del mese di Marzo e la Grande corsa su strada di Settembre, proseguite poi nel 1904, nel 1905 e nel 1907 in occasione delle Settimane automobilistiche bresciane. Osservando la dinamica Brescia, Brevetti, Automobili 19

20 quinquennale e aiutandoci col relativo grafico 1, si può vedere ancora più chiaramente come il totale dei brevetti vada aumentando costantemente nei primi tre lustri del Novecento, rallentando soltanto in occasione della prima guerra mondiale, per poi riprendere a crescere con costanza in quelli successivi (che videro nel 1927 la nascita della Coppa delle Mille Miglia), raggiungendo il numero di 33 nel quinquennio immediatamente precedente la seconda guerra mondiale. La costanza con la quale il numero di brevetti cresce in questi anni non fa però pensare ad una particolare influenza dell organizzazione di competizioni sportive sull attività brevettuale bresciana in campo automobilistico, anche se numerose sono le aziende operanti in questo settore. Tenendo conto delle problematiche che comporta l utilizzo di un indicatore come quello dei brevetti in un analisi di questo tipo e osservando i dati a nostra disposizione, si potrebbe pensare che tale attività segua, nella provincia, un andamento di crescita costante che rispecchia, anche nei periodi di crisi, le tendenze generali dell economia nazionale di quegl anni. Lo stesso andamento, infatti, è seguito anche della serie di tutti i brevetti bresciani, riportato nel grafico 2. Dunque, la serie brevettuale relativa alle privative riferite all automobile non sembrerebbe essere influenzata dalle competizioni automobilistiche organizzate in provincia. Ciò sembra rafforzato dal fatto che, esclusa la parentesi bellica della seconda guerra mondiale, il numero di brevetti cominci a crescere sensibilmente dal 1950 in avanti, in concomitanza con la ripresa italiana e l avviarsi del boom economico, nel quale l automobile rappresentò un elemento importante nel processo di massificazione del mercato. Nel lustro , infatti, si raggiunse il ragguardevole numero di 101 brevetti depositati. Ad ulteriore conferma, poi, c è la considerazione che anche la serie brevettuale relativa alle due ruote segue, se si esclude 20 Brescia, Brevetti, Automobili

Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul

Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul AUTOMOBILE CLUB BRESCIA TRADIZIONE SPORTIVA Un antico motto sosteneva che nelle vene dei bresciani scorra benzina al posto del sangue. L'innata passione per le corse prese vita in città già sul finire

Dettagli

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO

ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO Allegato 3 circ. n.10938 del 19/07/2013 ORGANICO SOSTEGNO 2013-14 SCUOLA DI I GRADO ORGANICO DI DIRITTO CATTEDRE PSICOFISICI ORGANICO DI FATTO CATTEDRE SENSORIALI UDITO CATTEDRE SENSORIALI VISTA Codici

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani

Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI. Giancarlo Reggiani Le più belle MASERATI DA!GARA DAL!1926 AD OGGI Giancarlo Reggiani 1 Le più belle MASERATI DA!GARA dal 1926 ad oggi Fotografie: Francesco e Giancarlo Reggiani Testi e progetto grafico: Giancarlo Reggiani

Dettagli

Tutto sulle automobili!

Tutto sulle automobili! Tutto sulle automobili! Da questa...... a questa Chi l' ha inventata... Nato a Karlsruhe nel 1844, Benz si diplomò ingegnere a vent'anni. Dopo le prime esperienze lavorative, iniziò a lavorare in proprio

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE ITC ABBA BALLINI. 0re 18.00 20.00

SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE SEDE ASSEMBLEA SCUOLE AGGREGATE ITC ABBA BALLINI. 0re 18.00 20.00 Foglio1 ITC ABBA BALLINI I.C. RONCADELLE 26/01/09 SMS FOSCOLO-VIRGILIO-PREALPINO - VIII CIRCOLO BRESCIA IC BOVEZZO IC NAVE SMS TRIDENTINA-KENNEDY-ROMANINO - V CIRCOLO BS SMS GUSSAGO - D.D. GUSSAGO - I.C.

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE AGRARIA 1 REGIONE AGRARIA 2 Comuni di: BERZO DEMO, CEDEGOLO, CEVO, CORTENO GOLGI, EDOLO, INCUDINE, MALONNO, MONNO, PAISCO LOVENO, PONTE DI LEGNO, SAVIORE

Dettagli

CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17

CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17 CODICI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A.S. 2016/17 Num Codice Comune Scuola CodPresid 1 BSMM802012 Vezza d'oglio Scuola Secondaria I di Vezza D'Oglio BSIC802001 2 BSMM802023 Ponte di Legno Scuola Secondaria

Dettagli

MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA

MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA MERCATI SETTIMANALI IN PROVINCIA DI BRESCIA WEEKLY MARKETS IN THE PROVINCE OF BRESCIA LUOGO/ PLACE DATA/DATE NOTE/NOTES BRESCIA E HINTERLAND BRESCIA Piazza Loggia BORGOSATOLLO BOTTICINO CASTELMELLA CASTENEDOLO

Dettagli

Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni I Trimestre 2014

Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni I Trimestre 2014 AREA SVILUPPO ECONOMICO Settore Lavoro e Formazione Professionale Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Brescia Report del mercato del lavoro in Provincia di Brescia Suddivisione per Comuni

Dettagli

CHI SIAMO. Studio Borsetti Eventi cura la regia logistica e organizzativa di tutte le manifestazioni e iniziative della Scuderia.

CHI SIAMO. Studio Borsetti Eventi cura la regia logistica e organizzativa di tutte le manifestazioni e iniziative della Scuderia. E V E N T I La Scuderia San Giorgio, certamente la più antica nel panorama italiano dello sport amatoriale, prese vita nel lontano 17 ottobre 1947 grazie alla grande passione e alla tenacia di quattordici

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori

Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori Consel Divisione Eventi per XX Coppa dei Tre Laghi e Varese Campo dei Fiori VARESE TERRA DI MOTORI Un grande evento sintesi di passione, lavoro e cultura tipici del territorio Varesino. A 80 anni dalla

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE.

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. Tutti i lati positivi della motorizzazione elettrica e solo i vantaggi di quella tradizionale. IL MEGLIO IN CIRCOLAZIONE. Minori consumi, più rispetto per l

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

LO SAPEVI? Tipologia carburante

LO SAPEVI? Tipologia carburante LO SAPEVI? Se stai pensando di CAMBIARE LA TUA AUTO, ti sarei reso conto di quanto sia diventata ampia la gamma di modelli automobilistici tra cui scegliere (benzina, diesel, Gpl, metano, ibride, elettriche).

Dettagli

BOLOGNA, CITTÀ DI CULTURA

BOLOGNA, CITTÀ DI CULTURA PASSIONE DI FAMIGLIA Ci sono cose che si tramandano all interno di una famiglia, come il cognome o il colore degli occhi. Poi ci sono passioni che vanno di padre in figlio, dando origine a una storia che

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 SINTESI DEI RISULTATI In questo primo capitolo sono racchiusi gli aspetti principali degli argomenti che verranno trattati nei

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2010

Informazioni Statistiche N 3/2010 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2009 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2010 NOVEMBRE 2010 Sindaco: Assessore ai Tributi e alla Statistica:

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

Referente per l'istruttoria della pratica: MARIA GRAZIA SIGALINI Tel. 030/3462438

Referente per l'istruttoria della pratica: MARIA GRAZIA SIGALINI Tel. 030/3462438 Regione Lombardia - Giunta PRESIDENZA COORDINAMENTO SIREG E STER SEDE TERRITORIALE DI BRESCIA Via Dalmazia, 92/94 25125 Brescia www.regione.lombardia.it bresciaregione@pec.regione.lombardia.it Tel 030

Dettagli

MUSEO DELLA MOTOCICLETTA FRERA

MUSEO DELLA MOTOCICLETTA FRERA MUSEO DELLA MOTOCICLETTA FRERA IL CENTRO FRERA A TRADATE ( POLO CULTURALE FRERA ) La facciata dell attuale Centro Frera (ex fabbrica delle motociclette FRERA nel XX secolo) A Tradate esisteva negli anni

Dettagli

MILLE MIGLIA DA COPERTINA

MILLE MIGLIA DA COPERTINA MILLE MIGLIA DA COPERTINA MUSA DI CARTA: MILLE MIGLIA DA COPERTINA Prima parte: dal 1927 al 1940 di Antonio Alessio Vatrano Foto: Archivio www.automobiliavatrano.it Pubblicazioni periodiche specializzate.

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

25 ORE DI MAGIONE 2013. 7à ENERGY SAVING RACE CIRCUIT AND ROAD

25 ORE DI MAGIONE 2013. 7à ENERGY SAVING RACE CIRCUIT AND ROAD L Automobile Club Perugia e l Autodromo dell Umbria comunicano che la 7 edizione della 25 ORE di Magione si svolgerà nei giorni 18 e 19 Maggio 2013. Inserita nell ambito del Perugia Green Days, festival

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Ho deciso di sostituire le parti economiche con altre di maggiore qualità sempre restando negli anni 50 in modo di valorizzare maggiormente la bici.

Ho deciso di sostituire le parti economiche con altre di maggiore qualità sempre restando negli anni 50 in modo di valorizzare maggiormente la bici. Bici corsa anno 1959 dal 1916 - Roma Quando sono entrato in contatto con la proprietaria di questa bici, la Sig.ra GABRIELLA, per fornirle una valutazione di mercato, non nascondo che desideravo avere

Dettagli

Un mondo dedicato a chi. cerca qualcosa di più. in un viaggio. di un viaggio

Un mondo dedicato a chi. cerca qualcosa di più. in un viaggio. di un viaggio Un mondo dedicato a chi in un viaggio cerca qualcosa di più di un viaggio Una mission che è una sfida Creare eventi unici, di grande impatto, dove nulla è lasciato al caso e con una cura del dettaglio

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

7. Uscita di Raffreddamento

7. Uscita di Raffreddamento 7. Uscita di Raffreddamento 7.1. L uscita di raffreddamento La figura 1 mostra due apparecchi molto simili. Si tratta di motori elettrici ai quali si possono allacciare diversi utensili. Uno trova ut i-

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Il garage Informazioni per il PD

Il garage Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/8 Compito Gli alunni imparano come funziona un moderno garage e che profili professionali hanno le persone che vi lavorano. Obiettivo Gli alunni conoscono un garage. Materiale

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

La vostra nuova migliore amica.

La vostra nuova migliore amica. www.kia.it 02 Un bel caratterino. Kia Picanto rinasce a nuova vita per stupire ancora una volta e confermarsi come l anima briosa della città. Design accattivante, stile inconfondibile e tanta tecnologia,

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 INDICE REPLAT: TRA GIUGNO E DICEMBRE LA DOMANDA RECUPERA IL +5,27% MA IL SETTORE CONTINUA A

Dettagli

Assicurazioni Veicoli Storici

Assicurazioni Veicoli Storici Assicurazioni Veicoli Storici Assicurazioni e Consulenze per Veicoli Storici Ufficio Veicoli Storici tel. 0382.1901562 Fax 0382.21324 Cellulare 3396914556 e.mail: storiche187@gmail.com convenzioni assicurative

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Da dove veniamo. giugno 2013, documento riservato. Orgoglio BiancoRosso

Da dove veniamo. giugno 2013, documento riservato. Orgoglio BiancoRosso Da dove veniamo Il Basket pesarese ha una Storia molto lunga e importante.una storia che ha attraversato gli anni 50, gli anni 60,gli anni 70, gli anni 80, gli anni 90 ed è arrivata fino ad oggi. Da dove

Dettagli

L inizio di una grande passione

L inizio di una grande passione Innanzitutto un saluto a tutti i nostri lettori che decideranno di intraprendere con noi questo viaggio all interno del mondo giallo-blu del Minardi Team e delle corse. In questi mesi cercheremo di conoscere

Dettagli

Intervento dell Avv. Franco Lucchesi - Presidente dell ACI

Intervento dell Avv. Franco Lucchesi - Presidente dell ACI Intervento dell Avv. Franco Lucchesi - Presidente dell ACI Desidero intanto ringraziare tutti voi per aver accolto l invito dell ACI a partecipare a questo incontro, che rappresenta un ritorno ad una tradizione

Dettagli

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION

www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com 2012 RANGE DESIGN INNOVATION PASSION www.gilera.com PIù DI 100 ANNI NEL SEGNO DELLA SPORTIVITà E DELLO STILE ITALIANO. Dagli epici pionieri degli inizi del XX secolo, la storia di Gilera

Dettagli

http://users.iol.it/debiasioandrea

http://users.iol.it/debiasioandrea CAP.3 -IL MOTORE http://users.iol.it/debiasioandrea e-mail: editodb@iol.it Pagine successive: ENTER o PG DOWN Pagine precedenti : PG UP Finestra principale Acrobat : ESC Modalità pieno schermo: CTRL +

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Popolazione italiana: milione più, milione meno.

Popolazione italiana: milione più, milione meno. Luciano Petrioli Popolazione italiana: milione più, milione meno. Che l ultimo censimento 21-22/10/2001 della popolazione italiana sia stato uno dei più travagliati non è un mistero. Ma che gli abitanti

Dettagli

COME ORGANIZZARE IN ORATORIO UN GRAN PREMIO MOTORATORIO

COME ORGANIZZARE IN ORATORIO UN GRAN PREMIO MOTORATORIO Dal mese di settembre 2011 il kit MOTORATORIO è passato alla gestione diretta di due oratori. Potete richiedere i KIT a : 1. ORATORIO SAN DOMENICO SAVIO SESTO SAN GIOVANNI (MI) scaricando gli appositi

Dettagli

affinché il prestigioso marchio di Borgo Panigale potesse uscire definitivamente

affinché il prestigioso marchio di Borgo Panigale potesse uscire definitivamente TME0009_162laprecisione_.qxd 5-09-2006 11:38 Pagina 162 DUCATI E TACCHELLA La precisione flessibile Sinonimo di tecnologia motociclistica d eccellenza, grazie a una produzione che unisce il meglio della

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2009

Informazioni Statistiche N 3/2009 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2008 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2009 AGOSTO 2009 Sindaco: Assessore alle Società ed Enti controllati

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Direzioni Gestionali Distrettuali DGD 1 DGD 2 DGD 3 DGD 4 DGD 5 DGD 6

Direzioni Gestionali Distrettuali DGD 1 DGD 2 DGD 3 DGD 4 DGD 5 DGD 6 Direzioni Gestionali Distrettuali DGD 1 DGD 2 DGD 3 DGD 4 DGD 5 DGD 6 5 11 4 12 6 7 2 1 3 10 8 9 98 sedi e recapiti DGD 1 > PAG. 102 Distretto n. 1 - BRESCIA Brescia, Collebeato DGD 2 > PAG. 105 Distretto

Dettagli

A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco. Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica

A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco. Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica A cura di: Barbagallo Valerio De Cicco Mario Di Fabio Ugo Fiorini Ivano Gemmiti Francesco Project Work di Comunicazione Tecnico Scientifica Sommario Il mito : storia e passione Chi siamo Vision & Mission

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA Sintesi di una ricerca Anni 2005-2014 Liana Benedetti - Jacopo Messina Agosto 2015 Indice Premessa Analisi generale Ipermercati Grandi superfici

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

proposta di legge n. 119

proposta di legge n. 119 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 119 a iniziativa del Consiglio provinciale di Pesaro e Urbino ai sensi dell articolo 30 dello Statuto e della l.r. 5 settembre 1974, n. 23 presentata

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015

IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 IL FUTURO GUARDA AL PASSATO L HERITAGE DI MASERATI NEI NUOVOI OROLOGI SS 2015 Maserati, brand italiano tra i più apprezzati nel mondo e icona del settore delle auto sportive di lusso, lancia per la Primavera

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli