(tasso di conversione xxxeur/valuta nazionale) A INFORMAZIONI GENERALI SULLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(tasso di conversione xxxeur/valuta nazionale) A INFORMAZIONI GENERALI SULLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA"

Transcript

1 Modello di Rapporto di Monitoraggio per Strumenti di Ingegneria Finanziaria diversi dai Fondi di partecipazione SCHEMA II (tasso di conversione xxxeur/valuta nazionale) A INFORMAZIONI GENERALI SULLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA A.1 Nome dello Strumento di Ingegneria Finanziaria (SIF) A.2 Attribuibile all'art.44 primo paragrafo (a), (b) o (c) del Reg. (CE) n.1083/2006? Ambito geografico del Fondo di Partecipazione A.3 (FP) (nazionale/regionale) A.4 Breve descrizione del SIF Breve descrizione della strategia di investimento A.5 complessiva (strumenti, settori target e precettori previsti) A.6 Soggetto gestore del SIF A.7 Procedure di selezione del Soggetto gestore del SIF (breve descrizione) A.8 Data della firma dell'accordo (di finanziamento) con il FP o con l'adg B CONTRIBUTI ALLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA (DIVERSI DAI FP) B.1 B.1.1 B.1.2 CONTRIBUTI RICEVUTI DAL FP (in caso in cui una struttura di FP sia implementata) e dei contributi del FP impegnati nell'accordo di Finanziamento (AF) o equivalenti accordi contrattuali con il FP (in mln di e dei contributi del FP effetivamente ricevuti dal FP (in mln di B.2 CONTRIBUTI DEL PROGRAMMA OPERATIVO/I (quando una struttura di FP non è implementata) e Nome del Programma Operativo Priorità 1 Priorità 2 Priorità Importo FESR impegnato nell'af (in mln di Risorse FESR Importo FESR effettivamente versato al SIF (in mln di Importo FSE impegnato in nell'af (in mln di Risorse FSE (se presenti) Importo FSE effettivamente versato al SIF (FI) (in mln di Cofinanziamento pubblico impegnato nell'af (in mln di Cofinanziamento pubblico effettivamente versato al SIF (in mln di Cofinanziamento pubblico nazionale * di cui effettivamente versato al SIF in contanti (in mln di EUR, versato da) * di cui effettivamente versato al SIF in natura (in mln di EUR, versato da) Cofinanziamento privato impegnato nell'af (in mln di Cofinanziamento privato effettivamente versato al SIF (in mln di Cofinanziamento privato nazionale * di cui effettivamente versato al SIF in contanti (in mln di EUR, versato da) * di cui effettivamente versato al SIF in natura (in mln di EUR, versato da) B.3 RISORSE AGGIUNTIVE (LEVA FINANZIARIA) VERSATE AL SIF (DIVERSI DAI FP) Pagina 1/5

2 B.3.1 Importo totale delle risorse (leva finanziaria) legalmente impegnate al SIF (in RISORSE AGGIUNTIVE (LEVA B.3.2 Importo totale delle risorse (leva finanziaria) effettivamente versate al SIF (in FINANZIARIA) VERSATE A LIVELLO DEL B.3.3 * Effettivamente versate dal settore pubblico (in mln di EUR, versato da) SIF (OLTRE I CONTRIBUTI DEI B.3.4 * Effettivamente versate dal settore privato (in mln di EUR, versato da) PROGRAMMI OPERATIVI) B.3.5 Natura ed origine delle risorse (leva finanziaria) versate al SIF (breve descrizione) B.4 TOTALI B.4.1 Volume totale dei contributi al SIF come stabilito nell'af o equivalenti accordi contrattuali (in mln di B.4.2 e dei contributi effettivamente ricevuti dal SIF (in mln di C C.1 C.1.1 Nome del programma o prodotto --- C.1.2 Tipologia di precettori finali individuati (breve descrizione) --- C.1.3 Procedura per la selezione dei precettori finali (breve descrizione) --- C.1.4 Programma o prodotto disponibile fino (indicare la data) --- C.1.5 Numero di cotratti di prestito firmati con i precettori finali C.1.6 Importo totale di prestiti impegnato in contratti con i precettori finali (in mln di C.1.7 Numero di prestiti erogati (interamente o parzialmente) ai precettori finali Utilizzazione effettiva (prestiti erogati) C.1.8 Importo totale dei prestiti effettivamente erogati ai precettori finali (in mln di C.2 INVESTMENTI / PRODOTTI FINANZIARI FORNITI AI PRECETTORI FINALI (per prodotto finanziario) PRESTITI FORNITI AI PRECETTORI FINALI (se applicabile) e GARANZIE IMPEGNATE PER PRECETTORI FINALI (se applicabil) e C.2.1 Nome del programma o prodotto --- C.2.2 Percettori finali individuati (breve descrizione) --- C.2.3 Procedura per la selezione dei percettori finali (breve descrizione) --- C.2.4 Programma o prodotto disponibile fino (indicare la data) --- C.2.5 Copertura media delle garanzie fornite dal programma o prodotto (in relazione al prestito correlato, in %) --- C.2.6 Numero di cotratti di garanzia firmati con i percettori finali C.2.7 Importo totale impegnato per i contratti di garanzia firmati (in mln di C.2.8 Numero di finanziamenti da erogare in relazione ai contratti di garanzia (in mln di C.2.9 Ammontare totale dei prestiti da erogare in relazione ai contratti di garanzia (in mln di C.2.10 Moltiplicatore previsto (= rapporto tra ammontare impegnato per garanzie / ammontare dei prestiti da erogare in relazione ai contratti di garanzia) Pagina 2/5 Programma o prodotto di prestiti 1 Programma o prodotto di garanzie 1 Programma o prodotto Programma o prodotto di prestiti 2 di prestiti. Programma o prodotto Programma o prodotto di garanzie 2 di garanzie

3 C.2.11 C.2.12 C.2.13 C.2.14 C.3 C.3.1 Nome del programma o prodotto --- C.3.2 Percettori finali individuati (breve descrizione) --- C.3.3 Procedura per la selezione dei percettori finali (breve descrizione) --- C.3.4 Programma o prodotto disponibile fino (indicare la data) --- C.3.5 Numero di accordi tra gli azionisti [shareholder agreements] firmati con i precettori finali C.3.6 Importo totale degli investimenti impegnati in linea con gli accordi (in mln di C.3.7 Numero di investimenti effettuati in linea con gli accordi firmati C.3.8 C.3.9 Importo totale investimenti effettivamente realizzati in linea con gli accordi firmati (in mln di Stima degli investimenti totali effettuati (in mln di EUR, data di stima) programma o prodotto di programma o prodotto di programma o prodotto di capitale /capitale di capitale /capitale di capitale /capitale di rischio 1 rischio 2 rischio C.4 ALTRI PRODOTTI FORNITI AI PRECETTORI FINALI (se applicabile) e Programma o prodotto 1 Programma o prodotto 2 Programma o prodotto. C.4.1 Nome del programma o prodotto --- C.4.2 Tipologia di percettori finali individuati (breve descrizione) --- C.4.3 Procedura per la selezione dei percettori finali (breve descrizione) --- C.4.4 Programma o prodotto disponibile fino (indicare la data) --- C.4.5 Numero di prodotti legalmente impegnati ai percettori finali C.4.6 Importo totale impegnato nei contratti con i percettori finali (in mln di C.4.7 Numero di prodotti effettivamente forniti ai percettori finali Utilizzazione effettiva (prestiti erogati) C.4.8 Importo totale effettivamente erogato ai percettori finali (in mln di C.5 C.5.1 C.5.2 C.5.3 TOTALI Numero totale di transazioni (num. di contratti o accordi firmati con i percettori finali) Importo totale delle risorse SIF legalmente impegnate per i percettori finali (in mln di Importo totale effettivamente corrisposto ai percettori finali (in mln di D RENDIMENTI & RIUTILIZZI D.1 PRESTITI (se applicabile) Programma o prodotto 1 Programma o prodotto 2 Programma o prodotto. D.1.1 Ammontare totale di garanzie effettivamente impegnate per prestiti erigati in linea con i contratti firmati (in mln di Numero di prestiti effettivamente erogati in relazione a contratti di garanzia (in mln di Utilizzazione effettiva (garanzie impegnate / Ammontare totale dei prestiti effettivamente erogati in relazione a contratti di garanzia (in mln di prestiti erogati) Moltiplicatore previsto (= rapporto tra capitale allocato a garanzie effettivamente impegnate o fornite per prestiti erogati / ammontare totale dei prestiti effettivamente erogati in relazione a contratti di garanzia) CAPITALE / CAPIALE DI RISCHIO FORNITO AI PERCETTORI FINALI (se applicabie) e Utilizzazione effettiva Numero totale dei prestiti erogati rimborsati Pagina 3/5

4 D.1.2 D.1.3 D.1.4 D.4.1 D.4.2 D.4.3 D.5 D.5.1 Prestiti (in conformità con la sezione C.1) Importo totale dei rimborsi dei prestiti erogati, completamente o parzialmente (totale del valore capitale del prestito, in mln di Importo complessivo dei prestiti erogati non rimborsati Importo complessivo dei prestiti erogati non rimborsati (capitale totale dei prestiti, in mln di D.1.5 Importo complessivo degli interessi effettivamente pagati al SIF (in mln di D.1.6 Importo complessivo di tutte le altre entrate effettivamente pagate al SIF (in mln di D.2 GARANZIE (se applicabile) D.2.1 Numero totale delle garanzie fornite (periodo di rimborso per i relativi prestiti scaduti) D.2.2 Importo complessivo impegnato per le garanzie fornite (in mln di D.2.3 * Importo complessivo impegnato per le garanzie fornite e non attivate (in mln di D.2.4 * Importo complessivo impegnato per le garanzie fornite e attivate a causa di un prestito non Garanzie (in conformità con la sezione C.2) rimborsato (in mln di D.2.5 Importo complessivo delle commissioni per le garanzie o oneri equivalenti effettivamente pagati al SIF da parte del percettore finale (in mln di D.2.6 Importo complessivo delle altre entrate effettivamente pagate al SIF dai precettori finali (in mln di D.3 CAPITALE/CAPITALE DI RISCHIO (se applicabile) D.3.1 Numero complessivo delle uscite totali o parziali dagli investimenti Ammontare totale delle uscite totali o parziali dagli investimenti, venduto e realizzato (in mln di D.3.2 Capitale/Capitale di rischio (in conformità con la * del quale il seguente ammontare è qualificato come entrate, reddito o dividendi (che eccedono sezione C.3) D.3.3 l'ammontare iniziale dell'investimento) ripagati dagli investimenti ed effettivamente realizzati dal SIF (in mln di Ammontare totale di svalutazioni su investimenti in capitale (in mln D.4 ALTRI PRODOTTI (se applicabile) Ammontare totale ripagato al SIF dai percettori finali (in mln Ammontare totale di spese effettivamente pagate al SIF dai percettori finali (in mln Altri prodotti (in conformità con la sezione C.4) Ammontare totale di tutte le altre entrate effettivamente pagate al SIF dai percettori finali (in mln TOTALS Ammontare totale di rimborsi al SIF: D D D D.4.1) Pagina 4/5

5 COFINANZIAMENTO NAZIONALE E RISORSE (LEVA FINANZIARIA) FORNITE A LIVELLO DEL PERCETTORE FINALE E Programma o prodotto 1 Programma o prodotto 2 Programma o prodotto. E.1.1 E.1.2 E.1.2 E.2.1 E.2.2 E.2.3 E.3.1 E.3.2 E.3.3 E.3.4 F F.1 G G.1 Cofinanziamento pubblico nazionale a livello del percettore finale (relativo al PO) Cofinanziamento privato nazionale a livello del percettore finale (relativo al PO) Risorse aggiuntive (leva finanziaria) mobilizzate a livello del percettore finale (non ricadenti nell'ambito del PO) Importo del cofinanziamento pubblico nazionale effettivamente versato a livello del percettore finale in coerenza con il relativo PO (in mln di * di cui effettivamente versato in contanti ( in mln di EUR, versato da) * di cui effettivamente versato in natura ( in mln di EUR, versato da) Importo del cofinanziamento privato nazionale effettivamente versato a livello del percettore finale in coerenza con il relativo PO (in mln di * di cui effettivamente versato in contanti ( in mln di EUR, versato da) * di cui effettivamente versato in natura ( in mln di EUR, versato da) Importo complessivo delle risorse (leva finanziaria) mobilizzate a livello del percettore finale ( in mln di * importo mobilizzato dal settore pubblico (in mln di EUR, versto da) * importo mobilizzato dal settore privato (in mln di EUR, versto da) Natura e origini delle risorse (leva finanziaria) mobilizzate a livello di percettori finali (breve descrizione) COSTI DI GESTIONE E COMMISSIONI Importo complessivo dei costi di gestione e/o commissioni effettivamente pagate al SIF (in mln di USCITE DAL SIF Importo totale delle uscite liquidate ed effettivamente rimborsate al SIF o all'adg (in mln di

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 CCI N 2007 IT 051 PO 002 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6711 del 17 dicembre 2007 MANUALE

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE APPROCCIO DEL MODELLO AUDIT: Fase 2 AUDIT DELL ORGANIZZAZIONE DELLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE APPROCCIO DEL MODELLO AUDIT: Fase 2 AUDIT DELL ORGANIZZAZIONE DELLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA APPROCCIO DEL MODELLO AUDIT: Fase 2 AUDIT DELL ORGANIZZAZIONE DELLO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA OBIETTIVI 31/7/2011 Come particolarmente sottolineato dalla nota di orientamento COCOF del 2011 sull

Dettagli

Strumento Finanziario per il sostegno a progetti urbani (SFU) Jessica Marche. Lo sviluppo urbano nel Programma operativo FESR Marche 2007-2013

Strumento Finanziario per il sostegno a progetti urbani (SFU) Jessica Marche. Lo sviluppo urbano nel Programma operativo FESR Marche 2007-2013 Strumento Finanziario per il sostegno a progetti urbani (SFU) Jessica Marche Lo sviluppo urbano nel Programma operativo FESR Marche 2007-2013 Le fasi del processo regionale FASE 1 SELEZIONE DEI PROGETTI

Dettagli

Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna

Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna Fondo per lo sviluppo del Sistema Cooperativistico in Sardegna 1. Il Fondo in sintesi Fondo per lo sviluppo del sistema cooperativistico in Sardegna Obiettivi Tipologia di intervento Destinatari Dotazione

Dettagli

Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica

Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica Strumenti e politiche finanziarie a sostegno dell efficienza energetica Milano, 20 marzo 2014 Mauro Conti BIT Servizi per l investimento sul territorio, chi è? Società di servizi tecnico-finanziari per

Dettagli

7. Stato di attuazione degli Strumenti finanziari del POR FESR Marche 14 20. Senigallia 24 Maggio 2016

7. Stato di attuazione degli Strumenti finanziari del POR FESR Marche 14 20. Senigallia 24 Maggio 2016 7. Stato di attuazione degli Strumenti finanziari del POR FESR Marche 14 20 Senigallia 24 Maggio 2016 Strumenti Finanziari a sostegno delle imprese nel POR FESR Marche (OT1 e OT3) Quanto «indicativamente»

Dettagli

Sommario. Sintesi della valutazione ex-ante strumenti finanziari pag. ii

Sommario. Sintesi della valutazione ex-ante strumenti finanziari pag. ii Valutazione ex ante degli strumenti finanziari della Regione Toscana da attivare nell ambito della programmazione del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Sintesi Sommario Introduzione...iii

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Premium Plan Fund 2 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO Mediolanum International Life Ltd., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al GRUPPO MEDIOLANUM,

Dettagli

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali)

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Ingegneria finanziaria Articolo 44 Strumenti di ingegneria finanziaria Nell'ambito di un programma operativo, i Fondi strutturali possono finanziare spese

Dettagli

Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico. Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A.

Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico. Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A. Dal Patto dei Sindaci agli investimenti nel settore energetico Cristina Boaretto Responsabile Team Energia Sinloc Sistema Iniziative Locali S.p.A. 1 Presentazione di Sinloc Sinloc è una società di riferimento

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Italy, Malta, Portogallo, Spagna Italia e Malta Il Direttore Bruxelles, 03/07/2009 5563 Unit G.3 D(2009) FM.ml/860288 Ministero dello Sviluppo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Trio Fund 1 Trio Fund 2 Trio Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla vita appartenente al

Dettagli

Analisi dei finanziamenti

Analisi dei finanziamenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei finanziamenti Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Analisi dei finanziamenti: l approccio dinamico 2. Analisi dei finanziamenti:

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Nota orientativa sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria ai sensi dell Articolo 44 del Regolamento del Consiglio (CE) No.

Nota orientativa sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria ai sensi dell Articolo 44 del Regolamento del Consiglio (CE) No. Versione finale del 21/02/2011 COCOF 10-0014-04-EN COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE Nota orientativa sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria ai sensi dell Articolo 44 del Regolamento

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP

SELEZIONE FIA PRIVATE DEBT OTTOBRE 2015. QUESTIONARIO - RfP Requisiti di partecipazione Per FIA si intende lo OICR in fase raccolta che viene proposto. Per GEFIA (di seguito per brevità SOCIETA o GEFIA) si intende il soggetto che ha costituito e gestirà il FIA.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Riccardo Banfi Milano - 10 settembre 2014 Programma Definizioni Ammissibilità della spesa Opzioni di semplificazione dei costi Sistemi di controllo Definizioni (1)

Dettagli

Nota di Orientamento sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria modificata 1 ai sensi dell articolo 44 del Regolamento (CE) n. 1083/2006.

Nota di Orientamento sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria modificata 1 ai sensi dell articolo 44 del Regolamento (CE) n. 1083/2006. COCOF 10-0014-05-EN 21/02/2011 VERSIONE RIVISTA DELL 08.02.2012 COMMISSIONE EUROPEA DG per la POLITICA REGIONALE Nota di Orientamento sugli Strumenti di Ingegneria Finanziaria modificata 1 ai sensi dell

Dettagli

PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020. ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014)

PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020. ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014) PERFORMANCE FRAMEWORK, RESERVE E REVIEW NELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 ROMA, 25 FEBBRAIO 2014 (update 14 APRILE 2014) OBIETTIVI E STRUMENTI Il quadro di riferimento dell attuazione (performance framework)

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE P.O. F.S.E. Regione Siciliana 2007-2013 PISTA DI

Dettagli

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa N. 34 - L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa La presente nota fornisce un quadro generale e sintetico della programmazione e della

Dettagli

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI GESTIONE FINANZIARIA

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI GESTIONE FINANZIARIA SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI GESTIONE FINANZIARIA 1 Registro documenti...2 2 Autocertificazioni trimestrali...5 3 Rendicontazione progetti formativi...6 3.1 Visualizzazione dei documenti relativi

Dettagli

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014

I programmi di garanzia europei. Firenze, 27 febbraio 2014 I programmi di garanzia europei Firenze, 27 febbraio 2014 Programmi europei 2014-2010 > Programmi della Commissione europea - SME Guarantee Facility (COSME) - HORIZON 2020 (Innovation) - Microfinanza (garanzie/finanziamenti)

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE

CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO ED OBBLIGHI DELLA SOCIETÀ AIG Foundation Investments (di seguito il Contratto ) è un Contratto di assicurazione sulla vita di tipo Unit Linked a

Dettagli

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1

DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELL'ISTRUZIONE FSE Mis. C1 INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI COFINANZIABILI CON IL FONDO SOCIALE EUROPEO OBIETTIVO 3 ANNO 2002 DISPOSITIVO AZIONI DI SISTEMA - RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Alternative Fund 1 Alternative Fund 2 Alternative Fund 3 ART. 1) ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO MEDIOLANUM INTERNATIONAL LIFE LTD., Compagnia di Assicurazioni sulla

Dettagli

Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE

Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente

Dettagli

100 COMUNI EFFICIENTI E SOSTENIBILI

100 COMUNI EFFICIENTI E SOSTENIBILI 100 COMUNI EFFICIENTI E SOSTENIBILI PIANIFICAZIONE STRATEGICA CRISI ECONOMICA IL CONTESTO Bando Audit 2006-2008 Bando «PAES» 2010-2012 + Riduzione delle risorse a disposizione degli enti pubblici Difficoltà

Dettagli

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI

«THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI «THIN CAP»: TECNICHE di VERIFICA CONSISTENZA e REMUNERAZIONE MEDIA FINANZIAMENTI dei SOCI Analisi del meccanismo antielusivo ex art. 98 del Tuir, atto a contrastare quei finanziamenti che aggirano le norme

Dettagli

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori

Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Key Investor Information Documents (KIID) Informazioni chiave per gli investitori Fidelity Active STrategy Febbraio 2015 - Italia Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo industriale Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti di sviluppo

Dettagli

ABC News del 09.02.2011

ABC News del 09.02.2011 ABC News del 09.02.2011 A cura della Redazione Entro il 28.02.2011 vanno rilasciate le certificazioni degli utili Entro il prossimo 28 febbraio 2011 scade il termine per il rilascio ai percettori della

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. POLITICHE COMUNITARIE - AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 74/POC DEL 11/06/2012

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. POLITICHE COMUNITARIE - AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 74/POC DEL 11/06/2012 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. POLITICHE COMUNITARIE - AUTORITA DI GESTIONE FESR E FSE N. 74/POC DEL 11/06/2012 Oggetto: D.G.R. 718 del 24/05/2012 - Invito alla presentazione di progetti di sviluppo,

Dettagli

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione

La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione La liquidazione societaria: Bilanci e tassazione Finalità della liquidazione Trasformazione in denaro delle attività Estinzione delle passività Distribuzione tra i soci dell attivo netto residuo Cause

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo Studio PROGRAMMA OPERATIVO FSE 2007 2013 FONDO

Dettagli

3. ORGANISMI INTERMEDI

3. ORGANISMI INTERMEDI PON Governance e Azioni di Sistema FSE 2007-2013 Descrizione dei Sistemi di gestione e controllo ex art. 21, Reg. (CE) n.1828/2006 Allegato XII 3. ORGANISMI INTERMEDI 3.1 Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

Informazioni sul Conto economico

Informazioni sul Conto economico Informazioni sul Conto economico Ricavi 5.a Ricavi delle vendite e delle prestazioni - Euro 327,6 milioni I Ricavi delle vendite e delle prestazioni sono così composti: Vendita di energia - 374,4 (374,4)

Dettagli

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies

Pioneer Funds - Absolute Return Currencies INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Sì, in quanto, le finalità della norma sono assolte attraverso l apertura di un unico conto di base ordinario.

Sì, in quanto, le finalità della norma sono assolte attraverso l apertura di un unico conto di base ordinario. 1) È corretta l interpretazione della Convenzione secondo la quale non sembra che il medesimo consumatore possa aprire più conti di base "ordinari" presso diversi Prestatori di Servizi di Pagamento (di

Dettagli

Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE

Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE Politica di Coesione 2014-2020 PROGRAMMARE e VALUTARE Il Sistema di Gestione e Controllo: la nuova complessità dr. Antonio BERNARDO Napoli 16 Novembre 2011 Centro Congressi Federico II Proposte di regolamento

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

JPMorgan Investment Funds Global Bond Fund (EUR) (il Comparto )

JPMorgan Investment Funds Global Bond Fund (EUR) (il Comparto ) JPMorgan Investment Funds Global Bond Fund (EUR) (il Comparto ) prospetto semplificato agosto 2006 Comparto di JPMorgan Investment Funds (il Fondo ), SICAV costituita ai sensi della legislazione del Granducato

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

DOCUMENTO SU STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA NELLA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI in progress

DOCUMENTO SU STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA NELLA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI in progress DOCUMENTO SU STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA NELLA PROGRAMMAZIONE DEI FONDI STRUTTURALI in progress Bozza del 9 novembre 2012 INDICE INTRODUZIONE Pag. 2 FASE COSTITUZIONE Pag. 3 Processo decisionale

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.10.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 276/21 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) BANCA CENTRALE EUROPEA INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE 5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE PRIVATO La nuova fase di programmazione, attivata dal QCS 2000-2006, impegna tutti i soggetti coinvolti

Dettagli

ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010

ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010 ACCORDO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA ED IL FINANZIAMENTO DEL FONDO PER LE RISORSE DECENTRATE ANNO 2010 L'Amministrazione Comunale di Castelfiorentino, in nome e per conto della quale interviene la Delegazione

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA n. 4/2004

NOTA INFORMATIVA n. 4/2004 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dott. MINO CASTELLANI dott. CLAUDIO UBINI dott. ALBERTO CASTAGNETTI STUDIO Dottori Commercialisti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009.

COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009. COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A.: il Consiglio d Amministrazione ha approvato il bilancio dell esercizio 2009. Ricavi a 56,1 milioni di Euro (+3,8% vs 54 mln di Euro al 31/12/2008), EBITDA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON" Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A.

Dettagli

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI

OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLEGATO n.1 OPERAI AGRICOLI E FLOROVIVAISTI MINIMI SALARIALI MENSILI DI AREA IN VIGORE DAL 1 gennaio 2011 AREE PROFESSIONALI MINIMI AREA 1a 1.200,00 AREA 2a 1.100,00

Dettagli

Gli strumenti di ingegneria finanziaria

Gli strumenti di ingegneria finanziaria Gli strumenti di ingegneria finanziaria Definizione (art. 2, lett.r, Reg. 966/2012) "controllo", qualsiasi misura adottata al fine di garantire con ragionevole sicurezza l'efficacia, l'efficienza e l'economia

Dettagli

ManagEnergy Workshop

ManagEnergy Workshop ManagEnergy Workshop Alberto Eichholzer Il Programma Jessica a supporto della programmazione integrata 10 maggio 2013 1 Il ruolo di Equiter Chi è? Equiter, società del Gruppo Intesa Sanpaolo, investe capitali

Dettagli

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate Il contesto L emarginazione sociale è un fenomeno che affligge

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM PREMIUM PLAN NEW EDITION. prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked.

Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM PREMIUM PLAN NEW EDITION. prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked. Offerta pubblica di sottoscrizione di MEDIOLANUM PREMIUM PLAN NEW EDITION prodotto finanziario-assicurativo di tipo Unit Linked Scheda Sintetica è un prodotto di Retro di copertina 1/5 INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

L interpretazione del cash flow

L interpretazione del cash flow L interpretazione del cash flow PROF. MARCO ALLEGRINI Università di Pisa indice della lezione 1 Strumenti di interpretazione 2 I margini e risultati intermedi segni e valori attesi risposte alle domande

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Comparto. Non si tratta di un documento

Dettagli

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche

Scheda Bandi. Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Invitalia- Contratto di Sviluppo Programma di sviluppo di attività turistiche Normativa Ente gestore Data chiusura DM 29/12/2014 Sui Contratti di Sviluppo DM 14/02/2015 N 97 Riforma disciplina del contratti

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

Scheda per l'iscrizione ai corsi Fon.Coop Avviso 25 Piani formativi settoriali concordati

Scheda per l'iscrizione ai corsi Fon.Coop Avviso 25 Piani formativi settoriali concordati Scheda per l'iscrizione ai corsi Fon.Coop Avviso 25 Piani formativi settoriali concordati Da inviare compilata a formazione@cgm.coop entro il 10.04.2015 Per iscriversi ai corsi è necessario che la propria

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "MEDIOCREDITO TRENTINO ALTO ADIGE S.p.A. OBBLIGAZIONI ZERO COUPON" Mediocredito Trentino Alto Adige S.p.A.

Dettagli

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013

Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 Linee guida per l'attuazione delle azioni di Informazione e Pubblicità per il periodo di programmazione 2007/2013 CCI:2007IT162PO001 INDICE INDICE... 1 PREMESSA... 2 1. OBIETTIVI E DESTINATARI DELLE AZIONI

Dettagli

ALLEGATO 1 AMMONTARE DEL DEBITO DATI DI BILANCIO AMMONTARE DEL DEBITO AI FINI DEL PATTO DATI DI PREVISIONE

ALLEGATO 1 AMMONTARE DEL DEBITO DATI DI BILANCIO AMMONTARE DEL DEBITO AI FINI DEL PATTO DATI DI PREVISIONE AMMONTARE DEL DEBITO AI FINI DEL PATTO DATI DI PREVISIONE AMMONTARE DEL DEBITO DATI DI BILANCIO ALLEGATO 1 IMPORTI IMPORTI D Iniz. Debito al 31/12 anno precedente D iniz. Debito al 31/12 anno precedente

Dettagli

Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità

Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità Energie rinnovabili - Nuovi scenari ed opportunità Alberto Eichholzer Presentazione dell iniziativa Jessica 10 ottobre 2012 1 Il ruolo di Equiter Chi è? Equiter, società del Gruppo Intesa Sanpaolo, investe

Dettagli

Circolare n. 10. Oggetto: Decreto fare, novità in tema di responsabilità solidale negli appalti per le ritenute dei

Circolare n. 10. Oggetto: Decreto fare, novità in tema di responsabilità solidale negli appalti per le ritenute dei Milano, 4 settembre 2013 Circolare n. 10 Oggetto: Decreto fare, novità in tema di responsabilità solidale negli appalti per le ritenute dei dipendenti e per i versamenti IVA. La conversione del D.L. 21

Dettagli

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte :

Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : Regolamento Unico di Gestione dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti appartenenti al Sistema Risposte : LINEA TEAM Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

THE EMERGING WORLD FUND

THE EMERGING WORLD FUND In caso di dubbi circa il contenuto del presente Supplemento, si invitano gli investitori a contattare il proprio agente di cambio, direttore di banca, consulente legale, commercialista od un altro consulente

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa sul Programma BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio,15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento

Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Allegato Tecnico: Informazioni essenziali per la selezione preliminare di potenziali opportunità di investimento Settore: Dimensione: infrastrutture di vario tipo incluse quelle impiantistiche e immobiliari.

Dettagli