50 anni di vita a Leverano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "50 anni di vita a Leverano"

Transcript

1 50 anni di vita a Leverano Da Cassa Rurale ed Artigiana a Banca di Credito Cooperativo BCC L e v e r a n o

2 Nuova sede: Piazza Roma 4 BCC L e v e r a n o

3 Presentazione I primi 50 anni raccontati in un volume per testimoniare alle future generazioni nello scenario di Leverano, gli anni della nascita, dei successivi anni della crescita, del radicamento sul territorio, delle scelte e del consolidamento della nostra Banca. Questa l idea cardine che il Consiglio di Amministrazione ha voluto attuare e sviluppare commissionando alla Cooperativa Il Sorriso di Leverano, la stesura dell opera. Nessuna commemorazione, bensì semplice ricordo, quasi storiografico e cronologico, del nostro trascorso senza tralasciare gli importanti obiettivi oggi raggiunti e le ambizioni di domani. Siamo certi che i protagonisti degli anni raccontati si rivedranno e s identificheranno nel narrato per rinsaldare le loro ragioni d attaccamento alla Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano. Per i giovani d oggi, futuri nostri clienti e soci, siamo convinti che sarà una miniera inesauribile d ispirazione per uno stile di vita, sempre tendente alla solidarietà ed alla mutualità. Principi, questi, che hanno ispirato la costituzione e hanno segnato la vita della nostra cooperativa, a baluardo da ogni insidia e da ogni senso di debolezza. Riteniamo che certamente Vi sarà gradita la lettura e auspichiamo che, anche in futuro altri volumi potranno documentare la presenza sempre fattiva della B.C.C. di Leverano. Con affetto e stima. Lorenzo Zecca Presidente 5

4 6

5 Introduzione Anzitutto, un avvertenza per il lettore. Questo volume, pubblicato per ricordare i primi cinquant anni di vita della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (ora Banca di Credito Cooperativo), non si limita solo a ricostruire le tappe fondamentali del lungo e impervio percorso storico del benemerito Istituto di Credito (fatto, di per sé, già altamente encomiabile), ma racconta anche - in forma sintetica e, insieme, puntuale la storia degli ultimi cinquant anni della nostra Leverano. Merito degli autori è stato quello di essere riusciti a intrecciare sapientemente le vicende della Cassa con la vita quotidiana, pulsante, dei Leveranesi. Da tale intreccio emerge con chiarezza come la Cassa Rurale ed Artigiana sia stata un autentico volano non solo per lo sviluppo economico, ma anche per la crescita sociale, civile e culturale del popolo leveranese. Il lettore troverà, dunque, in questo scritto, non solo la storia della Cassa, ma anche un pezzo della sua storia, di cui egli è stato, a vario titolo, protagonista. Celebrare i cinquant anni di vita di un Istituto di Credito, come la Cassa Rurale ed Artigiana, non è un puro atto formale, ossia una delle tante ricorrenze pubbliche, che lasciano spesso indifferenti, o a cui, chi partecipa, lo fa solo per un atto di cortesia o per dovere d ufficio. No! Ritengo che il ricordare i cinquant anni di attività della Cassa sia avvertito da tutti (dirigenti, personale, soci, cittadinanza) come un bisogno, più che come un dovere. E ciò perché ognuno sente la Cassa come qualcosa di familiare, come qualcosa di suo, ossia come qualcosa a cui si è legati da sempre e con cui si è cresciuti insieme. La ragione di questa fortissima valenza affettiva dei cittadini verso la Cassa risiede principalmente nel fatto che essa è un Istituto di Credito popolare e cooperativo. Ciò che è veramente popolare, il popolo lo avverte subito, lo considera come suo e quindi vi si affeziona. Ma oltre che dalla popolarità, la Cassa è caratterizzata anche dallo spirito cooperativo. Un carattere, quello della cooperazione, altamente morale e che, proprio per questo, dura fatica ad 7

6 affermarsi universalmente, soprattutto in un tempo come il nostro, in cui la massimizzazione del profitto è considerata, dai fautori del liberismo anarchico ed eslege, come l unico valore o, comunque, come il valore per eccellenza, a cui tutto deve essere sacrificato. Gli istituti di credito cooperativi (come ogni altra analoga iniziativa) rappresentano, in questo senso, un alternativa validissima all economicismo brutale, che oggi imperversa in tutto il mondo, proprio perché hanno saputo conciliare l ineludibile esigenza dell efficienza economica e gestionale con gli altrettanto ineludibili imperativi etici della giustizia e della solidarietà, in mancanza dei quali, la società umana si trasforma in una giungla. La Cassa ha un anima popolare e uno spirito cooperativo che la rendono familiare a tutto il popolo lavoratore. Per convincersi di ciò, è sufficiente scorrere l elenco dei soci fondatori: nomi a tutti familiari, nomi amici, nomi cari. Leggendoli, si respira aria di famiglia, aria di casa, aria di Leverano. Sono nomi che hanno contribuito attivamente a fare la storia di Leverano, in quest ultimo mezzo secolo. Nomi popolari. Di un popolo che finalmente si è scoperto essere il protagonista della storia e non più uno spettatore passivo, relegato ai margini della società, come purtroppo è accaduto per secoli. Certo, il cammino non è stato facile. Ma nulla di ciò che nella storia è valido e duraturo viene acquisito senza difficoltà, che talvolta possono essere anche grandi, enormi. Si pensi, ad esempio, alle difficoltà che incontrarono i primi soci fondatori, per superare il muro di indifferenza, incredulità e diffidenza che molti cittadini opponevano alla nuova realtà costituita dalla Cassa. Si trattava di cambiare una mentalità, intessuta di passività e soggezione, che si era radicata da secoli nella nostra gente. Un compito, quindi, estremamente difficile, ma che la costanza e la lungimiranza dei primi soci - aiutata certo dai radicali mutamenti sociali avvenuti nell Italia del secondo dopoguerra - riuscirono a portare felicemente a termine. E infatti, grazie alla ferrea volontà e determinazione dei primi soci, nonché all intelligenza e avvedutezza degli amministratori successivi, la Cassa, col passare degli anni, cominciò a farsi strada tra la nostra gente. I cittadini, cioè, cominciarono a capire l importanza che un tale istituto poteva avere sia per la crescita personale e familiare sia per lo sviluppo economico e sociale dell intera comunità. Già sul finire degli anni degli esordi e soprattutto nel periodo del boom economico (sotto la presidenza del compianto dott. Antonio Biasi ) la Cassa era diventata per i Leveranesi un punto di riferimen- 8 BCC L e v e r a n o

7 to economico imprescindibile. Com è attestato sia dall incremento dei depositi (che dal 1968 al 1982 aumentarono di ben dieci volte), sia dall aumento del numero dei soci (triplicato) sia, infine, dalla tumultuosa e straordinaria crescita del patrimonio sociale (passato dai circa 7 milioni di lire del 1968 agli oltre 2 miliardi del 1982). Un chiaro ed inequivocabile segno che la Cassa si era ormai affermata a livello cittadino e non solo. Questa linea di tendenza si consolidò nel decennio , sotto le Presidenze Zecca e Durante. Fu questo un periodo di profonde trasformazioni economiche e tecniche, come l introduzione della floricoltura, la coltivazione in serra, l attenzione alla qualità dei prodotti tradizionali (vino, olio, ortaggi ecc.), che hanno contribuito a fare di Leverano uno dei Comuni economicamente più floridi non solo della provincia di Lecce, ma dell intero Salento. Queste trasformazioni - che la Cassa, con la sua tradizionale politica, accompagnava e stimolava - fecero aumentare i depositi, nel volgere di un decennio, di ben Otto volte. Un risultato che gli amministratori seppero gestire con grande prudenza, oculatezza e lungimiranza, senza mai smarrire l anima cooperativistica dell Istituto, come dimostrano, ad esempio, i diversi interventi a sostegno della costruzione della prima casa; interventi che contribuirono, tra l altro, a far uscire dalla crisi i settori dell edilizia, dell artigianato e del commercio. Il benessere economico degli anni 80 generò (come nel resto dell Italia), anche a Leverano episodi incresciosi di disagio giovanile, cui gli amministratori della Cassa non rimasero insensibili. In particolare, nel periodo delle Presidenze Politano, Roselli, Zecca, nonostante i grossi problemi connessi alle trasformazioni strutturali negli anni , moltiplicarono le iniziative a favore non solo dei diversi settori economici (mutui agevolati alle aziende artigiane, agricole e cooperative), ma anche in ambito sociale, assistenziale, culturale e sportivo (borse e prestito di studio per i giovani, sussidi per l acquisto di computer, incentivi per la rivalutazione del Centro storico, iniziative a favore dei popoli del Terzo Mondo, sussidi alla Croce Rossa Italiana, alle strutture sanitarie oltre che a manifestazioni culturali e sportive. Come ho prima accennato, uno dei pregi di questo volume risiede nell intreccio, o meglio, nell amalgama, che gli autori hanno saputo ben realizzare, tra le vicende della Cassa e quelle del contesto sociale in cui essa è nata ed opera. Le due storie, per così dire, si fondono, diventano un unica storia: la storia dei Leveranesi negli ultimi cinquant anni. Una storia in cui i veri protagonisti sono i cit- 9

8 tadini, ossia la gente comune, il popolo. Una storia che dimostra non solo quanto ha fatto, ma anche quanto può fare lo spirito cooperativo, che in primis nella Cassa Rurale ed Artigiana e poi in altre realtà economiche locali (come la Cantina sociale, l oleificio, il mercato dei fiori, ecc.) ha trovato concreta incarnazione. Per queste ragioni, ritengo che il libro, qui rapidamente presentato, debba essere letto non solo dai soci della BCC, ma da tutte le famiglie di Leverano. Sono certo che la sua lettura contribuirà a rafforzare il senso civico e democratico della nostra comunità. Cosimo Quarta Docente Università di Lecce 10 BCC L e v e r a n o

9 Premessa storica Nel 1869, tra la diffidenza degli economisti tedeschi, Federic Raiffesen fondò la prima Cassa di Credito Cooperativo, una nuova istituzione che sembrava destinata all insuccesso, poiché voleva quasi contrastare la legge economica del profitto. Privilegiando nettamente le qualità personali rispetto alla titolarità dei beni e garanzie reali, le Casse miravano a favorire la formazione del piccolo risparmio, determinando una vera rivoluzione nell assetto organizzativo del credito. In questo va ricercato il merito storico delle Casse: una nuova concezione di fare banca, che cercava, attraverso la mutualità di colmare i vuoti lasciati dalle grandi istituzioni. Il modello Raiffesen fu ripreso da Leone Wallemborg, economista e uomo politico di stampo liberale, ministro delle finanze che, nel 1883, a Loreggia, in provincia di Padova, fondò la prima Cassa Rurale. Alla luce della Rerum Novarum di Leone XIII, furono i cattolici, laici ed ecclesiastici che, alla fine dell Ottocento, diventarono promotori e fondatori di numerose Casse Rurali in Italia. Esortati ad intraprendere nuove iniziative nel campo sociale, a favore delle classi rurali, videro nel Credito Cooperativo, un modo concreto per sostenere ed agevolare l agricoltura, titolare il risparmio e liberare i contadini dall ormai invalso ricatto dell usura. L idea della cooperazione venne recepita con fiducia dal mondo agricolo e le Casse Rurali fiorirono molteplici nella penisola, soprattutto nel Nord Est ed in Sicilia, secondo il proclama: promuovere, fondare istituzioni utili per la crescita socio-economica dei lavoratori e delle loro famiglie. In tutti gli statuti delle prime Casse Rurali veniva ribadito l impegno a fermarsi non solo alla soluzione dei problemi economici, ma anche a perseguire un miglioramento culturale, civile e morale delle comunità, nelle quali le istituzioni si trovavano ad operare. Le Casse Rurali ed Artigiane puntarono così, sin dalle origini, a determinare una sorta di rottura con la spirale del sottosviluppo e dell emarginazione socio-economica delle aree più deboli, cercando di valorizzare al meglio le risorse esistenti. L esperienza imprenditoriale delle B.C.C. è partita in sordina, pun- 11

10 tando più sulla logica dell evoluzione che su quella della rivoluzione, ma il risultato, a 120 anni di distanza dalla fondazione della prima Cassa cooperativa di prestiti nel 1883, è stato sorprendentemente positivo. Le B.C.C. oggi, contano 461 aziende con 3206 sportelli, sono direttamente presenti in 2208 Comuni e hanno operatività su 4000 Comuni. Esse rappresentano il terzo gruppo creditizio per diffusione territoriale. Nel 2002 le banche della categoria hanno accresciuto gli impieghi economici, che hanno superato i 57 miliardi di euro, e la raccolta diretta, che ha sfiorato i 76,5 miliardi di euro, con una dinamica decisamente più vivace rispetto alle altre banche, visto che il tasso di crescita degli impieghi è stato più che triplo rispetto a quello del resto del sistema e quello della raccolta circa il doppio di quello rilevato per le altre banche. La crescita continua ha dimostrato che la scelta del Credito Cooperativo era ed è vincente: una Banca inserita nel connettivo socioeconomico che si pone esclusivamente l obiettivo di lavorare per le comunità locali, promovendone la crescita. 12 BCC L e v e r a n o

11 Origini:

12 Nuova sede: ingresso 14 BCC L e v e r a n o

13 Dall ideazione alla costituzione A Leverano, il 6 luglio 1952, fu costituita la Cassa Rurale. Molti dei protagonisti,oggi, purtroppo non ci sono più, tuttavia ricorrendo alle fonti documentarie e alla viva testimonianza di molti soci, si può togliere la polvere dalla memoria e procedere ad una ricostruzione dei momenti salienti, che hanno segnato la vita della Banca. Nella fase preliminare compare la figura di un esperto conoscitore delle Casse Rurali, Michele Viterbo che, contando sull appoggio di alcuni notabili del posto, promosse l idea del credito cooperativo. Vi è poi il ricordo di un viaggio a Roma per acquisire le necessarie informazioni, a cui seguirono i primi incontri tra i soci fondatori in via Garibaldi, forse si era in17, nella sede del Consorzio. Nella prima assemblea, a cui parteciparono 61 soci, furono nominati il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale, che avrebbero accompagnato la Banca nella sua costituzione. È opinione diffusa che il dott. Antonio Biasi e don Vincenzo Zagà, tra i promotori, seguirono l iter della costituzione, con particolare determinazione e notevole impegno personale. Questa comune convinzione è rafforzata anche dai documenti. Infatti a pag. 11 dell Atto Costitutivo si legge: I detti comparenti mi dichiarano di voler costituire come con il presente costituiscono una Società Cooperativa a responsabilità limitata, sotto la denominazione: Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano, Società Cooperativa a responsabilità limitata con sede nel Comune di Leverano (Provincia di Lecce) in conformità dell approvazione di massima alla costituzione accordata dal Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio nella seduta del 14 marzo 1952 N Vig., diretta al sig. Biasi dott. Antonio, promotore della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (Dall Atto Costitutivo) Già da questo primo atto emerge con chiarezza il ruolo svolto dal dott. Biasi, nella fase propositiva del progetto. Ed è proprio il dott. 15

14 Biasi, presidente della Cassa, che nel verbale d assemblea del 71, commemorando la scomparsa del parroco, don Zagà, ne ricorda l operato, ma soprattutto ne sottolinea l importanza per la costituzione dell Istituto di Credito: Signori soci, è doveroso da parte mia ricordare a tutti noi la figura del nostro benemerito socio don Vincenzo Zagà come pioniere ed iniziatore proprio del nostro Istituto; Lui non fu solo una dei soci fondatori, ma fu principalmente Colui che si prodigò, insieme ad un esigua schiera di amici, a realizzare la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano; si batté per la sua fondazione e finalmente nel 1950 ottenne il decreto ministeriale che autorizzò l apertura della Cassa Rurale ed Artigiana nella nostra città. Ricordo la Sua gioia e la Sua soddisfazione nel giorno dell inaugurazione della nostra prima Sede, ricordo gli auguri e gli auspici che ci fece perché la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano progredisse e si affermasse, ricordo le Sue parole affettuose e di incitamento perché tutti collaborassimo nell interesse della nuova creatura che allora si affacciò alla realtà economica di Leverano. (Dal verbale d Assemblea del 1971) A tutti i soci promotori va, comunque, il merito di aver saputo, con grande lungimiranza, nella Cassa Rurale, al di là delle inevitabili difficoltà iniziali, una reale opportunità di crescita per tutta la comunità locale. Dott. ALDO VALENTINI NOTAIO ATTO COSTITUTIVO della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano Società Cooperativa a responsabilità limitata. Repubblica Italiana L anno millenovecentocinquantadue, addì sei del mese di Luglio in Leverano e nei locali della S.A.C.A.L.T. alla via Giuseppe Garibaldi, alle ore otto. Innanzi a me, dott. Aldo Valentini fu Gustavo Adolfo, Notaio residente in Lecce ed iscritto nel ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di Lecce e Brindisi e dei testimoni idonei sigg. Giuseppe Paladini di Edoardo, impiegato nato e domiciliato in Leverano alla via Cesare Battista e Giovanni Rango fu Oronzo, proprietario nato a Galatina e domiciliato in Lecce, alla via Cesare Battisti o meglio alla via Luigi Scarambone, BCC L e v e r a n o

15 SI SONO COSTITUITI: 1) Il sig. Baffa dott. Giuseppe Tommaso. 2) Il sig. Biasi dott. Antonio. 3) Il sig. Biasi geom. Luigi. 4) Il sig. Cappello Carmine. 5) Il sig. Cirfeda Giovanni. 6) Il sig. D Agostino Antonio. 7) Il sig. D Agostino Placido. 8) Il sig. D Amanzo Paolo. 9) Il sig. Della Mamma Vincenzo. 10) Il sig. De Mitri Enrico. 11) Il sig. De Simone Francesco. 12) La sig.a Durante Maria. 13) Il sig. Durante dott. Francesco. 14) Il sig. Durante Rocco. 15) Il sig. Erroi Antonio di Francesco. 16) Il sig. Erroi Antonio di Vincenzo. 17) Il sig. Erroi Salvatore. 18) La sig.a Frassanito Cecilia. 19) Il sig. Frassanito Giovanni. 20) Il sig. Frassanito Luigi. 21) La sig. Frassanito Maria. 22) Il sig. Frassanito Oronzo. 23) Il sig. Giuranna rag. Rocco. 24) Il sig. Giuranna Opremio. 25) Il sig. Greco Rocco. 26) Il sig. Landolfo Raffaele. 27) Il sig. Landolfo avv. Sante. 28) Il sig. Landolfo Vincenzo. 29) Il sig Margapoti Donato. 30) Il sig Matino Giovanni. 31) Il sig. Miri Antonio. 32) Il sig. Muci Salvatore. 33) Il sig. Muia Santo. 34) Il sig. Musca Rocco. 35) Il sig. Negro dott. Eugenio. 36) Il sig. Nestola Pasquale. 37) Il sig. Perrone Francesco. 38) Il sig. Quarta Fernando. 39) Il sig. Romanello Costantino di Salvatore. 40) Il sig. Romanello Costantino fu Isaia. 41) Il sig. Romanello Emilio. 42) Il sig. Romanello Giuseppe. 43) Il sig. Romanello dott. Isaia. 44) Il sig. Romanello Isaia. 45) Il sig. Romanello Luigi. 17

16 46) Il sig. Romanello Rocco. 47) Il sig. Savina Grazio. 48) Il sig. Savina Carmelo. 49) Il sig. Trono prof. Vito. 50) Il sig. Zecca Antonio. 51) Il sig. Zecca Cosimo. 52) Il sig. Zecca Emanuele fu Francesco. 53) Il sig. Zecca Emanuele di Vito Salvatore. 54) Il sig. Zecca Giuseppe. 55) Il sig. Zecca Emanuele fu Salvatore. 56) Il sig. Zagà Rocco. 57) Il sig. Zagà Rosario. 58) Il sig. Zagà Vincenzo. 59) Il sig. Zecca Rocco Salvatore. 60) Il sig. Savina Raffaele. 61) Il sig. Tramacere Rocco Giuseppe. 62) Il sig. Russo Pompilio. 63) Il sig. Quarta Sebastiano. 64) Il sig. Cazzella avv. Temistocle. 65) Il sig. Leone inseg. Eufrasio. 66) Il sig. De Carlo Ercole. 67) Il sig. Trono prof. Francesco. 68) La sig.a Durante Agata fu Vito. 69) Il sig. Cazzella dott. Pietro. 70) Il sig. D Amanzo prof. Cosimo. 71) Il sig. Paladini geom. Egidio. 72) La sig.a Cappello Gloria. 73) Il sig. Cappello Giuseppe. 74) Il sig. Quarta Rocco. 75) Il sig. Quarta Antonio di Antonio. 76) Il sig. Cazzolla Francesco. 77) Il sig. Zagà Antonio. 78) Il sig. Quarta Antonio fu Alessandro. 79) Il sig. Fiore Ippazio. 80) Il sig. Quarta Antonio di Alessandro. 81) Il sig. Congedo dott. Enrico. 82) Il sig. Russo prof. Antonio. 83) Il sig. Quarta prof. Rocco. 84) La sig.a Calò Maria Addolorata. 85) Il sig. Velardi dott. Giuseppe. 86) Il sig. Miglietta ins. Antonio. 87) Il sig. Quarta Cosimo. 88) Il sig. Frisenda Mario. 89) Il sig. Giovanni Lecciso. 90) Il sig. Raganato Salvatore. 91) Il sig. Rizzo Giuseppe. 18 BCC L e v e r a n o

17 92) Il sig. Calò Rocco Angelo. 93) Il sig. Miri Antonio. 94) Il sig. Miri Rocco. 95) Il sig. Paladini Donato. 96) Il sig. Muci Cosimo. 97) Il sig. Sorino Vincenzo. 98) Il sig. Maffei dott. Antonio. 99) La sig.a D Andria Anna. Detti comparenti sono tutti cittadini italiani, di loro piena capacità giuridica e della cui identità personale io notaio sono personalmente certo. La società ha lo scopo di procurare il credito in primo luogo ai soci e di compilare le operazioni ed i servizi di banca consentiti dalla legge e dal presente statuto prevalentemente a favore degli agricoltori e degli artigiani, il miglioramento delle condizioni morali ed economiche dei quali costituisce la sua principale ragione di essere. La società si propone pure di fare opera di propaganda per il risparmio e la previdenza. La durata della società è fissata fino al trentuno dicembre 1970millenovecentosettanta, con facoltà di sciogliersi anche prima di detto termine, nonché di prorogarsi una o più volte dopo lo stesso. (Dall Atto Costitutivo) Titolo nominativo 19

18 Cariche sociali 1952 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE D AGOSTINO PLACIDO CAZZELLA TEMISTOCLE VELARDI GIUSEPPE LANDOLFO SANTO D AMANZO COSIMO NESTOLA PASQUALE ROMANELLO COSTANTINO COLLEGIO SINDACALE MARGAPOTI DONATO BIASI LUIGI ZAGA VINCENZO Presidente Vice Presidente Presidente Sindaco effettivo Sindaco supplente 20 BCC L e v e r a n o

19 Il Contesto Era il Leverano aveva vissuto con fervido impegno, volto alla difficile ricostruzione socio-economica, gli anni del dopoguerra, cercando di cancellare, dalle orecchie e dal cuore, l eco delle incursioni aeree, delle bombe e delle sirene. Lontana dai grandi problemi della guerra fredda e delle politiche internazionali, all indomani del referendum, la vita aveva ripreso il suo corso e si compiva nella quotidianità, fatta di lavoro, sacrificio, devozione, speranza. La popolazione, come si ricava dal Censimento del 51, era costituita da abitanti, residenti in case molto piccole, con scarsi servizi igienici e senza acqua potabile. L agricoltura costituiva la risorsa economica principale e la vita di gran parte dei cittadini leveranesi si svolgeva nei campi. La situazione fondiaria nel territorio di Leverano non differiva da quella dei comuni viciniori e che, del resto, era comune a gran parte del Sud: proprietà piccole e talvolta piccolissime, molto spesso insufficienti per soddisfa- Raccolta del tabacco 21

20 re le esigenze più elementari delle famiglie contadine, si affiancavano a proprietà estremamente estese, che si configuravano come veri e propri latifondi. Questo induceva sovente i piccoli proprietari a stipulare contratti di affitto, colonia o mezzadria. Le colture più diffuse erano quelle storiche della vite e dell olivo, che davano prodotti di buona qualità, quasi interamente assorbiti dal mercato locale. A queste si aggiungeva la coltura del tabacco, che era la grande protagonista delle campagne: dava una buona resa, grazie alla peculiare natura dei terreni e assicurava guadagni sicuri, con la consegna alle Manifatture che, peraltro, assorbivano gran parte della manodopera femminile locale. I seminativi, cereali e leguminose, occupavano i terreni poveri e superficiali ed erano coltivati a rotazione triennale: due anni di cereali e un anno di legumi, per sfruttare al meglio il terreno. Infatti l impiego di fertilizzanti era limitatissimo: si sopperiva in qualche modo ad essi con il letame degli animali. Ortaggi e verdura, invece, venivano coltivati in piccoli appezzamenti per soddisfare i bisogni familiari. Nell ottica dell economia di autosufficienza, veniva sempre riservato nei cortili delle case, uno spazio necessario per allevare galline, conigli e colombi, Dissodamento dei campi. 22 BCC L e v e r a n o

21 che fornivano carni e uova indispensabili nella dieta dei malati e delle puerpere. Ridenti giardini abbellivano con naturale semplicità l essenziale struttura delle abitazioni, fornivano melagrane, nespole e agrumi e altri frutti ormai scomparsi per il consumo domestico e costituivano una forte attrazione per i monelli di strada, che riuscivano sempre ad eludere la sorveglianza e a cogliere i primi frutti. Una coltura marginale, un tempo molto importante per l economia locale, era quella del cotone, che filato e tessuto veniva utilizzato per realizzare diversi capi di biancheria e di abbigliamento. Il pensiero costante dei contadini era rivolto ai fenomeni atmosferici da cui dipendevano inevitabilmente i raccolti e contro i quali nulla poteva la loro tenacia e la loro operosità. Le gelate, le piogge, talora troppo abbondanti o a volte del tutto assenti, pregiudicavano la produzione agricola e incidevano negativamente sull economia dell intero paese. Oltre che nella forza delle proprie braccia, il contadino poteva contare su un tradizionale corredo agricolo, che da generazioni veniva usato per strappare alla macchia terreni da coltivare. Alcuni disponevano, poi, dell aiuto del bestiame bovino ed equino che, allevato con premura, costituiva un vero capitale. Cavalli ed asini venivano alloggiati e custoditi in locali, adibiti a stalle, posti all interno delle case. Gli animali seguivano lo stesso ritmo delle famiglie contadine: duro lavoro nei campi nei giorni feriali, strigliate accurate e bardature a festa per il passeggio della domenica. Animali al lavoro 23

22 Diversi mestieri, oggi ormai scomparsi, erano legati alle attività agricole, come il maniscalco, che con solerzia e pazienza ferrava i cavalli, il mastro che riparava carri, traini e attrezzi agricoli, gli operatori di frantoi oleari e palmenti vinicoli. Maniscalco Singolare era il mercato dei fisculi (filtri usati nella spremitura delle olive), che testimoniava la grande attività nel settore oleario. La vita dei campi regolava anche il ritmo della vita civile: è sintomatico che il maggior numero dei matrimoni venisse celebrato in determinati mesi dell anno, soprattutto Novembre, poiché allora si poteva fare affidamento sul ricavato del raccolto. Il matrimonio era nella quasi totalità religioso e per questo sanciva un vincolo indissolubile, destinato a durare tutta la vita; comportava una cerimonia semplice, preparata con cura e vissuta intensamente anche dai familiari degli sposi. Il tradizionale pranzo di nozze per i compari ed i parenti e il rinfresco per tutti i conoscenti, a base di dolcetti, spumoni, rosoli e confetti, davano all evento una vasta risonanza nell universo locale. Guardando le foto ormai ingiallite dei giovani sposi, tornano alla mente le parole di Girolamo Marciano che inserisce, tra i prodotti della buona terra di Leverano, gli uomini e le donne. 24 BCC L e v e r a n o

23 Matrimonio negli Anni 50 Produce e genera questo paese uomini di natura piacevole, di costumi mansueti, e di senso buono, e non fallace, di volto allegro, e di colore vivace, di abito ottimo, di corpo agile, d ingegno, azione e parlare pronto, costumati, non bugiardi, non rapaci, non seduttori, non intemperanti, non desiderosi dell altrui, non ambiziosi, non ingiusti, non fraudolenti, ma veritieri, fedeli, parchi, liberali, contenti del proprio, ed uniti fra loro, serbando costanza ed integrità nell avversa e prospera fortuna. La bellezza delle figliole è naturale, non fucata, o ad arte abbellita, sono di aspetto grazioso, di volto bello, allegro e leggiadro, alquanto eburneo, brunetto e pieno di grazia; di statura mediocre, e corpo sano e vegeto, col ragionare dolce, piacevole, onesto,grazioso, le chiome e gli occhi neri, splendidi e fiammeggianti. (Descrizione, origine e successi della Provincia d Otranto) La società ruotava attorno alla famiglia, ancora patriarcale, con i nonni ed i padri che erano tenuti in estrema considerazione, i cui pareri erano ritenuti sacri. Le donne occupavano un ruolo marginale nella società, ma erano 25

24 tenute in grande considerazione e godevano di molto rispetto nell ambito familiare. Esse, non solo si dedicavano alla casa, ma in molti casi, contribuivano all economia familiare con occupazioni diverse. Molte in campagna, per lavori stagionali, come la vendemmia, la raccolta delle olive e del tabacco; altre, rimaste nella memoria collettiva, in attività commerciali, che gestivano con spirito d intraprendenza, cortesia e affabilità. Numerose erano inoltre le esperte sarte, le abili tessitrici e ricamatrici, che preparavano con perizia il corredo femminile, vanto di ogni giovane sposa. In un economia rurale, in cui trovava posto esclusivamente il prodotto pratico e resistente, i capi erano sobri e decorosi, realizzati con grande senso estetico. Le abitazioni del paese, progettate e costruite da esperti muratori, andavano assumendo una struttura più articolata rispetto alla pianta tradizionale casa, camera e cucina : un corridoio centrale disimpegnava le camere, secondo le impostazioni dell architettura razionalista. Accanto ai nuovi soffitti lineari rimanevano le volte a stella, a botte, a margherita, quali elementi architettonici che davano eleganza alla struttura. La facciata principale così come gli imbotti di porte e finestre erano adornati con sobria linearità da maestri scalpellini della pietra leccese. Numerosi gli artigiani che, con laboriosità ed arte, operavano negli anni 50, a Leverano; le botteghe, tramandate da padre in figlio, diventavano vere scuole per tanti giovani in apprendistato. Laboratorio di falegnameria 26 BCC L e v e r a n o

25 I falegnami fabbricavano mobilio di buona fattura e di ottimo gusto: tavoli robusti, comode credenze, capienti casse, armadi con specchi, costituivano l arredo di base, necessario per ogni famiglia. L abbigliamento semplice ed essenziale e le calzature comode e robuste, erano forniti da artigiani bravi, scrupolosi e pieni d inventiva, capaci di ricavare dal poco capi funzionali e resistenti. Spesso il sarto era anche barbiere e la sua bottega diventava luogo di incontro tra i compaesani, che si riunivano per commentare gli ultimi avvenimenti. Frequentatissimi erano i numerosi forni a legna, dove venivano cotti non solo il pane, ma anche frise, taralli e biscotti, preparati secondo ricette tramandate da generazioni dalla quasi totalità delle donne di casa. Una figura singolare era il banditore pubblico, che alla stregua del vecchio strillone, bannisciava (annunciava) le notizie di interesse collettivo: dall arrivo del pesce fresco al mercato, alla vendita del grano. Udite, udite! : era un modo sicuramente efficace, per mettere tutti al corrente delle notizie importanti. Le attività commerciali erano molto ridotte e legate al fabbisogno giornaliero della popolazione: accanto alle vecchie putee, botteghe di genere alimentare, vi erano negozi di tessuti, mercerie, drogherie, farmacie e piccoli empori. Per gli acquisti più importanti bisognava recarsi a Lecce con le macchine a noleggio o con la corriera, altrimenti biso- Macchina a noleggio 27

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 : L UFFICIO CAMBIO E IL SERVIZIO ESTERO Il Veneto è tra le regioni italiane che più contribuirono ad alimentare un rilevante flusso migratorio

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 «VITA NOSTRA» Il periodico «Vita Nostra» venne istituito, con delibera del Consiglio di amministrazione, per celebrare il 60 anniversario della

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

PENSIERO DI LEONE WOLLEMBORG

PENSIERO DI LEONE WOLLEMBORG PENSIERO DI LEONE WOLLEMBORG Fonte: Leone Wollemborg, L ordinamento delle Casse di Prestiti, pp. 251-258. La Cassa Cooperativa di Prestiti di Loreggia, società cooperativa a responsabilità illimitata,

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4586 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LA MALFA, TABACCI, PATRIA, LEO Modifiche al testo unico delle leggi in materia bancaria e

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

anataleilregaloè solidale

anataleilregaloè solidale anataleilregaloè solidale Da cinquant anni il Gruppo Abele coltiva futuro, accogliendo persone in difficoltà, aiutando le donne vittime di tratta e violenza, dando una mano concreta alle famiglie e ai

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

POLITICA AGRARIA NAZIONALE

POLITICA AGRARIA NAZIONALE Capitolo POLITICA AGRARIA NAZIONALE 6.1 La Politica Agraria Nazionale dal secondo dopoguerra La fase precedente la sottoscrizione del Trattato di Roma e l avvio dell esperienza della PAC si caratterizzò

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Adozione. Assicurazione obbligatoria

Adozione. Assicurazione obbligatoria Adozione L. 4 maggio 1983, n. 184. Diritto del minore ad una famiglia... Pag. 11 Convenzione di Strasburgo del 24 aprile 1967 sull adozione dei minori...» 68 Convenzione de L Aja del 25 ottobre 1980 sugli

Dettagli

Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI

Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI Associazione CENTRO GIOVANILE DON GIOVANNI MACCANI Largo Fermo Stella, 3 23100 - Sondrio Bilancio dell anno 2013 Caro Socio, anche quest anno, come previsto dallo statuto vigente, la nostra Associazione

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza.

Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza. Il ruolo della Pianificazione e del Controllo di Gestione nelle imprese assicuratrici. Il punto di vista della Vigilanza. di Marcello Morvillo Capo della Sezione Azionariato, Partecipazioni e Gruppi ISVAP

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/ FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo degli usi e costumi della gente trentina a colloquio con Giovanni Kezich http://www.museosanmichele.it/ Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA CARTA DEI SERVIZI CASA DI RIPOSO MARIA LUISA COSENTINO Casa di Riposo M. L. Cosentino Via Napoli 85042 Lagonegro (PZ) Tel. 0973/21356 0973/41330 Fax 0973/21930

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Marthashof da sempre un luogo di ritiro e di intimità

Marthashof da sempre un luogo di ritiro e di intimità Marthashof da sempre un luogo di ritiro e di intimità Rapida crescita, poco spazio ed enormi differenze sociali contrassegnavano Berlino, la cui popolazione aumentava ogni anno di 50.000 persone. Servitori

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

!! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" +

!!    # $ ! %& ' (  # ))' * * * +! + !! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" + , $ "!$ " " - )." $ -! $-$ ) / / " )/ 0 1 +, %" " --!/ + 2 /!" "-! - " ".!! $ # 3 # ""!"! % 4 + - " " 5 6 6 7 8& - $ -)" 9! %+! " #! $ % 4 + : ;, < = > 0 " )"

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 DEL 04 APRILE 2011 OGGETTO: PATRIMONIO CONCESSIONE IN COMODATO D USO GRATUITO ALL ASSOCIAZIONE CULTURALE CORO GENZIANELLA DI

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO

LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO LA RICERCA DELLA FELICITA : SPUNTI E RIFLESSIONI SUI GIOVANI D OGGI E IL MONDO DEL LAVORO PREMESSA Lo scorso mese di novembre le quinte classi dei corsi IGEA e MERCURIO del nostro Istituto hanno partecipato

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 78 Del 02-08-2013 Oggetto: Festeggiamenti 100 anni Sig.ra De Rosa Antonia L'anno duemilatredici il giorno due

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS.

Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS. Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS. Mi chiamo Maria Marongiu e provengo da una famiglia religiosa: ho avuto due zii vescovi, alcuni sacerdoti e alcune zie suore, pie donne e dame di carità

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone

FAMIGLIA E DIVORZIO. di Roberto Cirone FAMIGLIA E DIVORZIO di Roberto Cirone Difesa della famiglia e possibilità di divorzio sembrano i termini di una contrasto irrisolvibile. In realtà il divorzio può costituire una necessità, se è vero che

Dettagli

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE)

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI COSTITUTIVI DI SOCIETÀ DI PERSONE (S.N.C./S.A.S.), DI CAPITALI (S.R.L./S.P.A.) E COOPERATIVE L intervento del Notaio nella fase costitutiva

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Il Progetto Parella di Manital

Il Progetto Parella di Manital Il Progetto Parella di Manital Dalla capacità imprenditoriale di Manital, dal proprio spirito innovativo e dal profondo legame con il territorio, nasce un progetto che affonda le proprie radici nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Tempo libero nell 800 italiano

Il Tempo libero nell 800 italiano Il Tempo libero nell 800 italiano Il tempo libero dell 800 A partire dall 800, il tempo libero diviene elemento NON secondario dell organizzazione sociale La sua evoluzione è percepibile attraverso alcuni

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

Giornata Mondiale del Risparmio

Giornata Mondiale del Risparmio ACRI Associazione fra le Casse di Risparmio Italiane Giornata Mondiale del Risparmio BANCHE E RISPARMIO: DALLA RACCOLTA DEI DEPOSITI ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE Intervento del Presidente dell

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Casa Rosa Gattorno - Asmara Comunità d accoglienza di bambine e fanciulle orfane PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE proposto da Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Dicembre 2012 Introduzione Casa Rosa

Dettagli

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a 1 Un occasione in più È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a continuare a scegliere Scrigno del

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Lettura del territorio

Lettura del territorio Lettura del territorio Il Comune di Arconate, situato geograficamente a nord-ovest di Milano, sulla sponda meridionale del canale Villoresi, nella pianura compresa tra i fiumi Ticino e Olona, costituisce

Dettagli

Landolfi Studio Legale Associato. Landolfi Studio Legale Associato è stato fondato nel 1936 dall Avv. Prof.

Landolfi Studio Legale Associato. Landolfi Studio Legale Associato è stato fondato nel 1936 dall Avv. Prof. Landolfi Studio Legale Associato Landolfi Studio Legale Associato è stato fondato nel 1936 dall Avv. Prof. Antonio Landolfi e da allora svolge la sua attività con sede in Napoli, oggi guidato dall Avv.

Dettagli

È la mia vita in Piazza Grande

È la mia vita in Piazza Grande È la mia vita in Piazza Grande Dal 1940 a oggi i modenesi raccontano PROGETTO PARTECIPATO SUL SITO UNESCO DI MODENA PERIODO: ottobre 2013 - maggio 2014 ENTE PROMOTORE: Comune di Modena, Ufficio coordinamento

Dettagli

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ASMARA, 22 SETTEMBRE 2013 LA BEATA ROSA GATTORNO Madre Rosa nacque a Genova il 14 ottobre 1831. Fin dal principio

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli