50 anni di vita a Leverano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "50 anni di vita a Leverano"

Transcript

1 50 anni di vita a Leverano Da Cassa Rurale ed Artigiana a Banca di Credito Cooperativo BCC L e v e r a n o

2 Nuova sede: Piazza Roma 4 BCC L e v e r a n o

3 Presentazione I primi 50 anni raccontati in un volume per testimoniare alle future generazioni nello scenario di Leverano, gli anni della nascita, dei successivi anni della crescita, del radicamento sul territorio, delle scelte e del consolidamento della nostra Banca. Questa l idea cardine che il Consiglio di Amministrazione ha voluto attuare e sviluppare commissionando alla Cooperativa Il Sorriso di Leverano, la stesura dell opera. Nessuna commemorazione, bensì semplice ricordo, quasi storiografico e cronologico, del nostro trascorso senza tralasciare gli importanti obiettivi oggi raggiunti e le ambizioni di domani. Siamo certi che i protagonisti degli anni raccontati si rivedranno e s identificheranno nel narrato per rinsaldare le loro ragioni d attaccamento alla Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano. Per i giovani d oggi, futuri nostri clienti e soci, siamo convinti che sarà una miniera inesauribile d ispirazione per uno stile di vita, sempre tendente alla solidarietà ed alla mutualità. Principi, questi, che hanno ispirato la costituzione e hanno segnato la vita della nostra cooperativa, a baluardo da ogni insidia e da ogni senso di debolezza. Riteniamo che certamente Vi sarà gradita la lettura e auspichiamo che, anche in futuro altri volumi potranno documentare la presenza sempre fattiva della B.C.C. di Leverano. Con affetto e stima. Lorenzo Zecca Presidente 5

4 6

5 Introduzione Anzitutto, un avvertenza per il lettore. Questo volume, pubblicato per ricordare i primi cinquant anni di vita della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (ora Banca di Credito Cooperativo), non si limita solo a ricostruire le tappe fondamentali del lungo e impervio percorso storico del benemerito Istituto di Credito (fatto, di per sé, già altamente encomiabile), ma racconta anche - in forma sintetica e, insieme, puntuale la storia degli ultimi cinquant anni della nostra Leverano. Merito degli autori è stato quello di essere riusciti a intrecciare sapientemente le vicende della Cassa con la vita quotidiana, pulsante, dei Leveranesi. Da tale intreccio emerge con chiarezza come la Cassa Rurale ed Artigiana sia stata un autentico volano non solo per lo sviluppo economico, ma anche per la crescita sociale, civile e culturale del popolo leveranese. Il lettore troverà, dunque, in questo scritto, non solo la storia della Cassa, ma anche un pezzo della sua storia, di cui egli è stato, a vario titolo, protagonista. Celebrare i cinquant anni di vita di un Istituto di Credito, come la Cassa Rurale ed Artigiana, non è un puro atto formale, ossia una delle tante ricorrenze pubbliche, che lasciano spesso indifferenti, o a cui, chi partecipa, lo fa solo per un atto di cortesia o per dovere d ufficio. No! Ritengo che il ricordare i cinquant anni di attività della Cassa sia avvertito da tutti (dirigenti, personale, soci, cittadinanza) come un bisogno, più che come un dovere. E ciò perché ognuno sente la Cassa come qualcosa di familiare, come qualcosa di suo, ossia come qualcosa a cui si è legati da sempre e con cui si è cresciuti insieme. La ragione di questa fortissima valenza affettiva dei cittadini verso la Cassa risiede principalmente nel fatto che essa è un Istituto di Credito popolare e cooperativo. Ciò che è veramente popolare, il popolo lo avverte subito, lo considera come suo e quindi vi si affeziona. Ma oltre che dalla popolarità, la Cassa è caratterizzata anche dallo spirito cooperativo. Un carattere, quello della cooperazione, altamente morale e che, proprio per questo, dura fatica ad 7

6 affermarsi universalmente, soprattutto in un tempo come il nostro, in cui la massimizzazione del profitto è considerata, dai fautori del liberismo anarchico ed eslege, come l unico valore o, comunque, come il valore per eccellenza, a cui tutto deve essere sacrificato. Gli istituti di credito cooperativi (come ogni altra analoga iniziativa) rappresentano, in questo senso, un alternativa validissima all economicismo brutale, che oggi imperversa in tutto il mondo, proprio perché hanno saputo conciliare l ineludibile esigenza dell efficienza economica e gestionale con gli altrettanto ineludibili imperativi etici della giustizia e della solidarietà, in mancanza dei quali, la società umana si trasforma in una giungla. La Cassa ha un anima popolare e uno spirito cooperativo che la rendono familiare a tutto il popolo lavoratore. Per convincersi di ciò, è sufficiente scorrere l elenco dei soci fondatori: nomi a tutti familiari, nomi amici, nomi cari. Leggendoli, si respira aria di famiglia, aria di casa, aria di Leverano. Sono nomi che hanno contribuito attivamente a fare la storia di Leverano, in quest ultimo mezzo secolo. Nomi popolari. Di un popolo che finalmente si è scoperto essere il protagonista della storia e non più uno spettatore passivo, relegato ai margini della società, come purtroppo è accaduto per secoli. Certo, il cammino non è stato facile. Ma nulla di ciò che nella storia è valido e duraturo viene acquisito senza difficoltà, che talvolta possono essere anche grandi, enormi. Si pensi, ad esempio, alle difficoltà che incontrarono i primi soci fondatori, per superare il muro di indifferenza, incredulità e diffidenza che molti cittadini opponevano alla nuova realtà costituita dalla Cassa. Si trattava di cambiare una mentalità, intessuta di passività e soggezione, che si era radicata da secoli nella nostra gente. Un compito, quindi, estremamente difficile, ma che la costanza e la lungimiranza dei primi soci - aiutata certo dai radicali mutamenti sociali avvenuti nell Italia del secondo dopoguerra - riuscirono a portare felicemente a termine. E infatti, grazie alla ferrea volontà e determinazione dei primi soci, nonché all intelligenza e avvedutezza degli amministratori successivi, la Cassa, col passare degli anni, cominciò a farsi strada tra la nostra gente. I cittadini, cioè, cominciarono a capire l importanza che un tale istituto poteva avere sia per la crescita personale e familiare sia per lo sviluppo economico e sociale dell intera comunità. Già sul finire degli anni degli esordi e soprattutto nel periodo del boom economico (sotto la presidenza del compianto dott. Antonio Biasi ) la Cassa era diventata per i Leveranesi un punto di riferimen- 8 BCC L e v e r a n o

7 to economico imprescindibile. Com è attestato sia dall incremento dei depositi (che dal 1968 al 1982 aumentarono di ben dieci volte), sia dall aumento del numero dei soci (triplicato) sia, infine, dalla tumultuosa e straordinaria crescita del patrimonio sociale (passato dai circa 7 milioni di lire del 1968 agli oltre 2 miliardi del 1982). Un chiaro ed inequivocabile segno che la Cassa si era ormai affermata a livello cittadino e non solo. Questa linea di tendenza si consolidò nel decennio , sotto le Presidenze Zecca e Durante. Fu questo un periodo di profonde trasformazioni economiche e tecniche, come l introduzione della floricoltura, la coltivazione in serra, l attenzione alla qualità dei prodotti tradizionali (vino, olio, ortaggi ecc.), che hanno contribuito a fare di Leverano uno dei Comuni economicamente più floridi non solo della provincia di Lecce, ma dell intero Salento. Queste trasformazioni - che la Cassa, con la sua tradizionale politica, accompagnava e stimolava - fecero aumentare i depositi, nel volgere di un decennio, di ben Otto volte. Un risultato che gli amministratori seppero gestire con grande prudenza, oculatezza e lungimiranza, senza mai smarrire l anima cooperativistica dell Istituto, come dimostrano, ad esempio, i diversi interventi a sostegno della costruzione della prima casa; interventi che contribuirono, tra l altro, a far uscire dalla crisi i settori dell edilizia, dell artigianato e del commercio. Il benessere economico degli anni 80 generò (come nel resto dell Italia), anche a Leverano episodi incresciosi di disagio giovanile, cui gli amministratori della Cassa non rimasero insensibili. In particolare, nel periodo delle Presidenze Politano, Roselli, Zecca, nonostante i grossi problemi connessi alle trasformazioni strutturali negli anni , moltiplicarono le iniziative a favore non solo dei diversi settori economici (mutui agevolati alle aziende artigiane, agricole e cooperative), ma anche in ambito sociale, assistenziale, culturale e sportivo (borse e prestito di studio per i giovani, sussidi per l acquisto di computer, incentivi per la rivalutazione del Centro storico, iniziative a favore dei popoli del Terzo Mondo, sussidi alla Croce Rossa Italiana, alle strutture sanitarie oltre che a manifestazioni culturali e sportive. Come ho prima accennato, uno dei pregi di questo volume risiede nell intreccio, o meglio, nell amalgama, che gli autori hanno saputo ben realizzare, tra le vicende della Cassa e quelle del contesto sociale in cui essa è nata ed opera. Le due storie, per così dire, si fondono, diventano un unica storia: la storia dei Leveranesi negli ultimi cinquant anni. Una storia in cui i veri protagonisti sono i cit- 9

8 tadini, ossia la gente comune, il popolo. Una storia che dimostra non solo quanto ha fatto, ma anche quanto può fare lo spirito cooperativo, che in primis nella Cassa Rurale ed Artigiana e poi in altre realtà economiche locali (come la Cantina sociale, l oleificio, il mercato dei fiori, ecc.) ha trovato concreta incarnazione. Per queste ragioni, ritengo che il libro, qui rapidamente presentato, debba essere letto non solo dai soci della BCC, ma da tutte le famiglie di Leverano. Sono certo che la sua lettura contribuirà a rafforzare il senso civico e democratico della nostra comunità. Cosimo Quarta Docente Università di Lecce 10 BCC L e v e r a n o

9 Premessa storica Nel 1869, tra la diffidenza degli economisti tedeschi, Federic Raiffesen fondò la prima Cassa di Credito Cooperativo, una nuova istituzione che sembrava destinata all insuccesso, poiché voleva quasi contrastare la legge economica del profitto. Privilegiando nettamente le qualità personali rispetto alla titolarità dei beni e garanzie reali, le Casse miravano a favorire la formazione del piccolo risparmio, determinando una vera rivoluzione nell assetto organizzativo del credito. In questo va ricercato il merito storico delle Casse: una nuova concezione di fare banca, che cercava, attraverso la mutualità di colmare i vuoti lasciati dalle grandi istituzioni. Il modello Raiffesen fu ripreso da Leone Wallemborg, economista e uomo politico di stampo liberale, ministro delle finanze che, nel 1883, a Loreggia, in provincia di Padova, fondò la prima Cassa Rurale. Alla luce della Rerum Novarum di Leone XIII, furono i cattolici, laici ed ecclesiastici che, alla fine dell Ottocento, diventarono promotori e fondatori di numerose Casse Rurali in Italia. Esortati ad intraprendere nuove iniziative nel campo sociale, a favore delle classi rurali, videro nel Credito Cooperativo, un modo concreto per sostenere ed agevolare l agricoltura, titolare il risparmio e liberare i contadini dall ormai invalso ricatto dell usura. L idea della cooperazione venne recepita con fiducia dal mondo agricolo e le Casse Rurali fiorirono molteplici nella penisola, soprattutto nel Nord Est ed in Sicilia, secondo il proclama: promuovere, fondare istituzioni utili per la crescita socio-economica dei lavoratori e delle loro famiglie. In tutti gli statuti delle prime Casse Rurali veniva ribadito l impegno a fermarsi non solo alla soluzione dei problemi economici, ma anche a perseguire un miglioramento culturale, civile e morale delle comunità, nelle quali le istituzioni si trovavano ad operare. Le Casse Rurali ed Artigiane puntarono così, sin dalle origini, a determinare una sorta di rottura con la spirale del sottosviluppo e dell emarginazione socio-economica delle aree più deboli, cercando di valorizzare al meglio le risorse esistenti. L esperienza imprenditoriale delle B.C.C. è partita in sordina, pun- 11

10 tando più sulla logica dell evoluzione che su quella della rivoluzione, ma il risultato, a 120 anni di distanza dalla fondazione della prima Cassa cooperativa di prestiti nel 1883, è stato sorprendentemente positivo. Le B.C.C. oggi, contano 461 aziende con 3206 sportelli, sono direttamente presenti in 2208 Comuni e hanno operatività su 4000 Comuni. Esse rappresentano il terzo gruppo creditizio per diffusione territoriale. Nel 2002 le banche della categoria hanno accresciuto gli impieghi economici, che hanno superato i 57 miliardi di euro, e la raccolta diretta, che ha sfiorato i 76,5 miliardi di euro, con una dinamica decisamente più vivace rispetto alle altre banche, visto che il tasso di crescita degli impieghi è stato più che triplo rispetto a quello del resto del sistema e quello della raccolta circa il doppio di quello rilevato per le altre banche. La crescita continua ha dimostrato che la scelta del Credito Cooperativo era ed è vincente: una Banca inserita nel connettivo socioeconomico che si pone esclusivamente l obiettivo di lavorare per le comunità locali, promovendone la crescita. 12 BCC L e v e r a n o

11 Origini:

12 Nuova sede: ingresso 14 BCC L e v e r a n o

13 Dall ideazione alla costituzione A Leverano, il 6 luglio 1952, fu costituita la Cassa Rurale. Molti dei protagonisti,oggi, purtroppo non ci sono più, tuttavia ricorrendo alle fonti documentarie e alla viva testimonianza di molti soci, si può togliere la polvere dalla memoria e procedere ad una ricostruzione dei momenti salienti, che hanno segnato la vita della Banca. Nella fase preliminare compare la figura di un esperto conoscitore delle Casse Rurali, Michele Viterbo che, contando sull appoggio di alcuni notabili del posto, promosse l idea del credito cooperativo. Vi è poi il ricordo di un viaggio a Roma per acquisire le necessarie informazioni, a cui seguirono i primi incontri tra i soci fondatori in via Garibaldi, forse si era in17, nella sede del Consorzio. Nella prima assemblea, a cui parteciparono 61 soci, furono nominati il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale, che avrebbero accompagnato la Banca nella sua costituzione. È opinione diffusa che il dott. Antonio Biasi e don Vincenzo Zagà, tra i promotori, seguirono l iter della costituzione, con particolare determinazione e notevole impegno personale. Questa comune convinzione è rafforzata anche dai documenti. Infatti a pag. 11 dell Atto Costitutivo si legge: I detti comparenti mi dichiarano di voler costituire come con il presente costituiscono una Società Cooperativa a responsabilità limitata, sotto la denominazione: Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano, Società Cooperativa a responsabilità limitata con sede nel Comune di Leverano (Provincia di Lecce) in conformità dell approvazione di massima alla costituzione accordata dal Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio nella seduta del 14 marzo 1952 N Vig., diretta al sig. Biasi dott. Antonio, promotore della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (Dall Atto Costitutivo) Già da questo primo atto emerge con chiarezza il ruolo svolto dal dott. Biasi, nella fase propositiva del progetto. Ed è proprio il dott. 15

14 Biasi, presidente della Cassa, che nel verbale d assemblea del 71, commemorando la scomparsa del parroco, don Zagà, ne ricorda l operato, ma soprattutto ne sottolinea l importanza per la costituzione dell Istituto di Credito: Signori soci, è doveroso da parte mia ricordare a tutti noi la figura del nostro benemerito socio don Vincenzo Zagà come pioniere ed iniziatore proprio del nostro Istituto; Lui non fu solo una dei soci fondatori, ma fu principalmente Colui che si prodigò, insieme ad un esigua schiera di amici, a realizzare la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano; si batté per la sua fondazione e finalmente nel 1950 ottenne il decreto ministeriale che autorizzò l apertura della Cassa Rurale ed Artigiana nella nostra città. Ricordo la Sua gioia e la Sua soddisfazione nel giorno dell inaugurazione della nostra prima Sede, ricordo gli auguri e gli auspici che ci fece perché la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano progredisse e si affermasse, ricordo le Sue parole affettuose e di incitamento perché tutti collaborassimo nell interesse della nuova creatura che allora si affacciò alla realtà economica di Leverano. (Dal verbale d Assemblea del 1971) A tutti i soci promotori va, comunque, il merito di aver saputo, con grande lungimiranza, nella Cassa Rurale, al di là delle inevitabili difficoltà iniziali, una reale opportunità di crescita per tutta la comunità locale. Dott. ALDO VALENTINI NOTAIO ATTO COSTITUTIVO della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano Società Cooperativa a responsabilità limitata. Repubblica Italiana L anno millenovecentocinquantadue, addì sei del mese di Luglio in Leverano e nei locali della S.A.C.A.L.T. alla via Giuseppe Garibaldi, alle ore otto. Innanzi a me, dott. Aldo Valentini fu Gustavo Adolfo, Notaio residente in Lecce ed iscritto nel ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di Lecce e Brindisi e dei testimoni idonei sigg. Giuseppe Paladini di Edoardo, impiegato nato e domiciliato in Leverano alla via Cesare Battista e Giovanni Rango fu Oronzo, proprietario nato a Galatina e domiciliato in Lecce, alla via Cesare Battisti o meglio alla via Luigi Scarambone, BCC L e v e r a n o

15 SI SONO COSTITUITI: 1) Il sig. Baffa dott. Giuseppe Tommaso. 2) Il sig. Biasi dott. Antonio. 3) Il sig. Biasi geom. Luigi. 4) Il sig. Cappello Carmine. 5) Il sig. Cirfeda Giovanni. 6) Il sig. D Agostino Antonio. 7) Il sig. D Agostino Placido. 8) Il sig. D Amanzo Paolo. 9) Il sig. Della Mamma Vincenzo. 10) Il sig. De Mitri Enrico. 11) Il sig. De Simone Francesco. 12) La sig.a Durante Maria. 13) Il sig. Durante dott. Francesco. 14) Il sig. Durante Rocco. 15) Il sig. Erroi Antonio di Francesco. 16) Il sig. Erroi Antonio di Vincenzo. 17) Il sig. Erroi Salvatore. 18) La sig.a Frassanito Cecilia. 19) Il sig. Frassanito Giovanni. 20) Il sig. Frassanito Luigi. 21) La sig. Frassanito Maria. 22) Il sig. Frassanito Oronzo. 23) Il sig. Giuranna rag. Rocco. 24) Il sig. Giuranna Opremio. 25) Il sig. Greco Rocco. 26) Il sig. Landolfo Raffaele. 27) Il sig. Landolfo avv. Sante. 28) Il sig. Landolfo Vincenzo. 29) Il sig Margapoti Donato. 30) Il sig Matino Giovanni. 31) Il sig. Miri Antonio. 32) Il sig. Muci Salvatore. 33) Il sig. Muia Santo. 34) Il sig. Musca Rocco. 35) Il sig. Negro dott. Eugenio. 36) Il sig. Nestola Pasquale. 37) Il sig. Perrone Francesco. 38) Il sig. Quarta Fernando. 39) Il sig. Romanello Costantino di Salvatore. 40) Il sig. Romanello Costantino fu Isaia. 41) Il sig. Romanello Emilio. 42) Il sig. Romanello Giuseppe. 43) Il sig. Romanello dott. Isaia. 44) Il sig. Romanello Isaia. 45) Il sig. Romanello Luigi. 17

16 46) Il sig. Romanello Rocco. 47) Il sig. Savina Grazio. 48) Il sig. Savina Carmelo. 49) Il sig. Trono prof. Vito. 50) Il sig. Zecca Antonio. 51) Il sig. Zecca Cosimo. 52) Il sig. Zecca Emanuele fu Francesco. 53) Il sig. Zecca Emanuele di Vito Salvatore. 54) Il sig. Zecca Giuseppe. 55) Il sig. Zecca Emanuele fu Salvatore. 56) Il sig. Zagà Rocco. 57) Il sig. Zagà Rosario. 58) Il sig. Zagà Vincenzo. 59) Il sig. Zecca Rocco Salvatore. 60) Il sig. Savina Raffaele. 61) Il sig. Tramacere Rocco Giuseppe. 62) Il sig. Russo Pompilio. 63) Il sig. Quarta Sebastiano. 64) Il sig. Cazzella avv. Temistocle. 65) Il sig. Leone inseg. Eufrasio. 66) Il sig. De Carlo Ercole. 67) Il sig. Trono prof. Francesco. 68) La sig.a Durante Agata fu Vito. 69) Il sig. Cazzella dott. Pietro. 70) Il sig. D Amanzo prof. Cosimo. 71) Il sig. Paladini geom. Egidio. 72) La sig.a Cappello Gloria. 73) Il sig. Cappello Giuseppe. 74) Il sig. Quarta Rocco. 75) Il sig. Quarta Antonio di Antonio. 76) Il sig. Cazzolla Francesco. 77) Il sig. Zagà Antonio. 78) Il sig. Quarta Antonio fu Alessandro. 79) Il sig. Fiore Ippazio. 80) Il sig. Quarta Antonio di Alessandro. 81) Il sig. Congedo dott. Enrico. 82) Il sig. Russo prof. Antonio. 83) Il sig. Quarta prof. Rocco. 84) La sig.a Calò Maria Addolorata. 85) Il sig. Velardi dott. Giuseppe. 86) Il sig. Miglietta ins. Antonio. 87) Il sig. Quarta Cosimo. 88) Il sig. Frisenda Mario. 89) Il sig. Giovanni Lecciso. 90) Il sig. Raganato Salvatore. 91) Il sig. Rizzo Giuseppe. 18 BCC L e v e r a n o

17 92) Il sig. Calò Rocco Angelo. 93) Il sig. Miri Antonio. 94) Il sig. Miri Rocco. 95) Il sig. Paladini Donato. 96) Il sig. Muci Cosimo. 97) Il sig. Sorino Vincenzo. 98) Il sig. Maffei dott. Antonio. 99) La sig.a D Andria Anna. Detti comparenti sono tutti cittadini italiani, di loro piena capacità giuridica e della cui identità personale io notaio sono personalmente certo. La società ha lo scopo di procurare il credito in primo luogo ai soci e di compilare le operazioni ed i servizi di banca consentiti dalla legge e dal presente statuto prevalentemente a favore degli agricoltori e degli artigiani, il miglioramento delle condizioni morali ed economiche dei quali costituisce la sua principale ragione di essere. La società si propone pure di fare opera di propaganda per il risparmio e la previdenza. La durata della società è fissata fino al trentuno dicembre 1970millenovecentosettanta, con facoltà di sciogliersi anche prima di detto termine, nonché di prorogarsi una o più volte dopo lo stesso. (Dall Atto Costitutivo) Titolo nominativo 19

18 Cariche sociali 1952 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE D AGOSTINO PLACIDO CAZZELLA TEMISTOCLE VELARDI GIUSEPPE LANDOLFO SANTO D AMANZO COSIMO NESTOLA PASQUALE ROMANELLO COSTANTINO COLLEGIO SINDACALE MARGAPOTI DONATO BIASI LUIGI ZAGA VINCENZO Presidente Vice Presidente Presidente Sindaco effettivo Sindaco supplente 20 BCC L e v e r a n o

19 Il Contesto Era il Leverano aveva vissuto con fervido impegno, volto alla difficile ricostruzione socio-economica, gli anni del dopoguerra, cercando di cancellare, dalle orecchie e dal cuore, l eco delle incursioni aeree, delle bombe e delle sirene. Lontana dai grandi problemi della guerra fredda e delle politiche internazionali, all indomani del referendum, la vita aveva ripreso il suo corso e si compiva nella quotidianità, fatta di lavoro, sacrificio, devozione, speranza. La popolazione, come si ricava dal Censimento del 51, era costituita da abitanti, residenti in case molto piccole, con scarsi servizi igienici e senza acqua potabile. L agricoltura costituiva la risorsa economica principale e la vita di gran parte dei cittadini leveranesi si svolgeva nei campi. La situazione fondiaria nel territorio di Leverano non differiva da quella dei comuni viciniori e che, del resto, era comune a gran parte del Sud: proprietà piccole e talvolta piccolissime, molto spesso insufficienti per soddisfa- Raccolta del tabacco 21

20 re le esigenze più elementari delle famiglie contadine, si affiancavano a proprietà estremamente estese, che si configuravano come veri e propri latifondi. Questo induceva sovente i piccoli proprietari a stipulare contratti di affitto, colonia o mezzadria. Le colture più diffuse erano quelle storiche della vite e dell olivo, che davano prodotti di buona qualità, quasi interamente assorbiti dal mercato locale. A queste si aggiungeva la coltura del tabacco, che era la grande protagonista delle campagne: dava una buona resa, grazie alla peculiare natura dei terreni e assicurava guadagni sicuri, con la consegna alle Manifatture che, peraltro, assorbivano gran parte della manodopera femminile locale. I seminativi, cereali e leguminose, occupavano i terreni poveri e superficiali ed erano coltivati a rotazione triennale: due anni di cereali e un anno di legumi, per sfruttare al meglio il terreno. Infatti l impiego di fertilizzanti era limitatissimo: si sopperiva in qualche modo ad essi con il letame degli animali. Ortaggi e verdura, invece, venivano coltivati in piccoli appezzamenti per soddisfare i bisogni familiari. Nell ottica dell economia di autosufficienza, veniva sempre riservato nei cortili delle case, uno spazio necessario per allevare galline, conigli e colombi, Dissodamento dei campi. 22 BCC L e v e r a n o

21 che fornivano carni e uova indispensabili nella dieta dei malati e delle puerpere. Ridenti giardini abbellivano con naturale semplicità l essenziale struttura delle abitazioni, fornivano melagrane, nespole e agrumi e altri frutti ormai scomparsi per il consumo domestico e costituivano una forte attrazione per i monelli di strada, che riuscivano sempre ad eludere la sorveglianza e a cogliere i primi frutti. Una coltura marginale, un tempo molto importante per l economia locale, era quella del cotone, che filato e tessuto veniva utilizzato per realizzare diversi capi di biancheria e di abbigliamento. Il pensiero costante dei contadini era rivolto ai fenomeni atmosferici da cui dipendevano inevitabilmente i raccolti e contro i quali nulla poteva la loro tenacia e la loro operosità. Le gelate, le piogge, talora troppo abbondanti o a volte del tutto assenti, pregiudicavano la produzione agricola e incidevano negativamente sull economia dell intero paese. Oltre che nella forza delle proprie braccia, il contadino poteva contare su un tradizionale corredo agricolo, che da generazioni veniva usato per strappare alla macchia terreni da coltivare. Alcuni disponevano, poi, dell aiuto del bestiame bovino ed equino che, allevato con premura, costituiva un vero capitale. Cavalli ed asini venivano alloggiati e custoditi in locali, adibiti a stalle, posti all interno delle case. Gli animali seguivano lo stesso ritmo delle famiglie contadine: duro lavoro nei campi nei giorni feriali, strigliate accurate e bardature a festa per il passeggio della domenica. Animali al lavoro 23

22 Diversi mestieri, oggi ormai scomparsi, erano legati alle attività agricole, come il maniscalco, che con solerzia e pazienza ferrava i cavalli, il mastro che riparava carri, traini e attrezzi agricoli, gli operatori di frantoi oleari e palmenti vinicoli. Maniscalco Singolare era il mercato dei fisculi (filtri usati nella spremitura delle olive), che testimoniava la grande attività nel settore oleario. La vita dei campi regolava anche il ritmo della vita civile: è sintomatico che il maggior numero dei matrimoni venisse celebrato in determinati mesi dell anno, soprattutto Novembre, poiché allora si poteva fare affidamento sul ricavato del raccolto. Il matrimonio era nella quasi totalità religioso e per questo sanciva un vincolo indissolubile, destinato a durare tutta la vita; comportava una cerimonia semplice, preparata con cura e vissuta intensamente anche dai familiari degli sposi. Il tradizionale pranzo di nozze per i compari ed i parenti e il rinfresco per tutti i conoscenti, a base di dolcetti, spumoni, rosoli e confetti, davano all evento una vasta risonanza nell universo locale. Guardando le foto ormai ingiallite dei giovani sposi, tornano alla mente le parole di Girolamo Marciano che inserisce, tra i prodotti della buona terra di Leverano, gli uomini e le donne. 24 BCC L e v e r a n o

23 Matrimonio negli Anni 50 Produce e genera questo paese uomini di natura piacevole, di costumi mansueti, e di senso buono, e non fallace, di volto allegro, e di colore vivace, di abito ottimo, di corpo agile, d ingegno, azione e parlare pronto, costumati, non bugiardi, non rapaci, non seduttori, non intemperanti, non desiderosi dell altrui, non ambiziosi, non ingiusti, non fraudolenti, ma veritieri, fedeli, parchi, liberali, contenti del proprio, ed uniti fra loro, serbando costanza ed integrità nell avversa e prospera fortuna. La bellezza delle figliole è naturale, non fucata, o ad arte abbellita, sono di aspetto grazioso, di volto bello, allegro e leggiadro, alquanto eburneo, brunetto e pieno di grazia; di statura mediocre, e corpo sano e vegeto, col ragionare dolce, piacevole, onesto,grazioso, le chiome e gli occhi neri, splendidi e fiammeggianti. (Descrizione, origine e successi della Provincia d Otranto) La società ruotava attorno alla famiglia, ancora patriarcale, con i nonni ed i padri che erano tenuti in estrema considerazione, i cui pareri erano ritenuti sacri. Le donne occupavano un ruolo marginale nella società, ma erano 25

24 tenute in grande considerazione e godevano di molto rispetto nell ambito familiare. Esse, non solo si dedicavano alla casa, ma in molti casi, contribuivano all economia familiare con occupazioni diverse. Molte in campagna, per lavori stagionali, come la vendemmia, la raccolta delle olive e del tabacco; altre, rimaste nella memoria collettiva, in attività commerciali, che gestivano con spirito d intraprendenza, cortesia e affabilità. Numerose erano inoltre le esperte sarte, le abili tessitrici e ricamatrici, che preparavano con perizia il corredo femminile, vanto di ogni giovane sposa. In un economia rurale, in cui trovava posto esclusivamente il prodotto pratico e resistente, i capi erano sobri e decorosi, realizzati con grande senso estetico. Le abitazioni del paese, progettate e costruite da esperti muratori, andavano assumendo una struttura più articolata rispetto alla pianta tradizionale casa, camera e cucina : un corridoio centrale disimpegnava le camere, secondo le impostazioni dell architettura razionalista. Accanto ai nuovi soffitti lineari rimanevano le volte a stella, a botte, a margherita, quali elementi architettonici che davano eleganza alla struttura. La facciata principale così come gli imbotti di porte e finestre erano adornati con sobria linearità da maestri scalpellini della pietra leccese. Numerosi gli artigiani che, con laboriosità ed arte, operavano negli anni 50, a Leverano; le botteghe, tramandate da padre in figlio, diventavano vere scuole per tanti giovani in apprendistato. Laboratorio di falegnameria 26 BCC L e v e r a n o

25 I falegnami fabbricavano mobilio di buona fattura e di ottimo gusto: tavoli robusti, comode credenze, capienti casse, armadi con specchi, costituivano l arredo di base, necessario per ogni famiglia. L abbigliamento semplice ed essenziale e le calzature comode e robuste, erano forniti da artigiani bravi, scrupolosi e pieni d inventiva, capaci di ricavare dal poco capi funzionali e resistenti. Spesso il sarto era anche barbiere e la sua bottega diventava luogo di incontro tra i compaesani, che si riunivano per commentare gli ultimi avvenimenti. Frequentatissimi erano i numerosi forni a legna, dove venivano cotti non solo il pane, ma anche frise, taralli e biscotti, preparati secondo ricette tramandate da generazioni dalla quasi totalità delle donne di casa. Una figura singolare era il banditore pubblico, che alla stregua del vecchio strillone, bannisciava (annunciava) le notizie di interesse collettivo: dall arrivo del pesce fresco al mercato, alla vendita del grano. Udite, udite! : era un modo sicuramente efficace, per mettere tutti al corrente delle notizie importanti. Le attività commerciali erano molto ridotte e legate al fabbisogno giornaliero della popolazione: accanto alle vecchie putee, botteghe di genere alimentare, vi erano negozi di tessuti, mercerie, drogherie, farmacie e piccoli empori. Per gli acquisti più importanti bisognava recarsi a Lecce con le macchine a noleggio o con la corriera, altrimenti biso- Macchina a noleggio 27

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli