50 anni di vita a Leverano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "50 anni di vita a Leverano"

Transcript

1 50 anni di vita a Leverano Da Cassa Rurale ed Artigiana a Banca di Credito Cooperativo BCC L e v e r a n o

2 Nuova sede: Piazza Roma 4 BCC L e v e r a n o

3 Presentazione I primi 50 anni raccontati in un volume per testimoniare alle future generazioni nello scenario di Leverano, gli anni della nascita, dei successivi anni della crescita, del radicamento sul territorio, delle scelte e del consolidamento della nostra Banca. Questa l idea cardine che il Consiglio di Amministrazione ha voluto attuare e sviluppare commissionando alla Cooperativa Il Sorriso di Leverano, la stesura dell opera. Nessuna commemorazione, bensì semplice ricordo, quasi storiografico e cronologico, del nostro trascorso senza tralasciare gli importanti obiettivi oggi raggiunti e le ambizioni di domani. Siamo certi che i protagonisti degli anni raccontati si rivedranno e s identificheranno nel narrato per rinsaldare le loro ragioni d attaccamento alla Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano. Per i giovani d oggi, futuri nostri clienti e soci, siamo convinti che sarà una miniera inesauribile d ispirazione per uno stile di vita, sempre tendente alla solidarietà ed alla mutualità. Principi, questi, che hanno ispirato la costituzione e hanno segnato la vita della nostra cooperativa, a baluardo da ogni insidia e da ogni senso di debolezza. Riteniamo che certamente Vi sarà gradita la lettura e auspichiamo che, anche in futuro altri volumi potranno documentare la presenza sempre fattiva della B.C.C. di Leverano. Con affetto e stima. Lorenzo Zecca Presidente 5

4 6

5 Introduzione Anzitutto, un avvertenza per il lettore. Questo volume, pubblicato per ricordare i primi cinquant anni di vita della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (ora Banca di Credito Cooperativo), non si limita solo a ricostruire le tappe fondamentali del lungo e impervio percorso storico del benemerito Istituto di Credito (fatto, di per sé, già altamente encomiabile), ma racconta anche - in forma sintetica e, insieme, puntuale la storia degli ultimi cinquant anni della nostra Leverano. Merito degli autori è stato quello di essere riusciti a intrecciare sapientemente le vicende della Cassa con la vita quotidiana, pulsante, dei Leveranesi. Da tale intreccio emerge con chiarezza come la Cassa Rurale ed Artigiana sia stata un autentico volano non solo per lo sviluppo economico, ma anche per la crescita sociale, civile e culturale del popolo leveranese. Il lettore troverà, dunque, in questo scritto, non solo la storia della Cassa, ma anche un pezzo della sua storia, di cui egli è stato, a vario titolo, protagonista. Celebrare i cinquant anni di vita di un Istituto di Credito, come la Cassa Rurale ed Artigiana, non è un puro atto formale, ossia una delle tante ricorrenze pubbliche, che lasciano spesso indifferenti, o a cui, chi partecipa, lo fa solo per un atto di cortesia o per dovere d ufficio. No! Ritengo che il ricordare i cinquant anni di attività della Cassa sia avvertito da tutti (dirigenti, personale, soci, cittadinanza) come un bisogno, più che come un dovere. E ciò perché ognuno sente la Cassa come qualcosa di familiare, come qualcosa di suo, ossia come qualcosa a cui si è legati da sempre e con cui si è cresciuti insieme. La ragione di questa fortissima valenza affettiva dei cittadini verso la Cassa risiede principalmente nel fatto che essa è un Istituto di Credito popolare e cooperativo. Ciò che è veramente popolare, il popolo lo avverte subito, lo considera come suo e quindi vi si affeziona. Ma oltre che dalla popolarità, la Cassa è caratterizzata anche dallo spirito cooperativo. Un carattere, quello della cooperazione, altamente morale e che, proprio per questo, dura fatica ad 7

6 affermarsi universalmente, soprattutto in un tempo come il nostro, in cui la massimizzazione del profitto è considerata, dai fautori del liberismo anarchico ed eslege, come l unico valore o, comunque, come il valore per eccellenza, a cui tutto deve essere sacrificato. Gli istituti di credito cooperativi (come ogni altra analoga iniziativa) rappresentano, in questo senso, un alternativa validissima all economicismo brutale, che oggi imperversa in tutto il mondo, proprio perché hanno saputo conciliare l ineludibile esigenza dell efficienza economica e gestionale con gli altrettanto ineludibili imperativi etici della giustizia e della solidarietà, in mancanza dei quali, la società umana si trasforma in una giungla. La Cassa ha un anima popolare e uno spirito cooperativo che la rendono familiare a tutto il popolo lavoratore. Per convincersi di ciò, è sufficiente scorrere l elenco dei soci fondatori: nomi a tutti familiari, nomi amici, nomi cari. Leggendoli, si respira aria di famiglia, aria di casa, aria di Leverano. Sono nomi che hanno contribuito attivamente a fare la storia di Leverano, in quest ultimo mezzo secolo. Nomi popolari. Di un popolo che finalmente si è scoperto essere il protagonista della storia e non più uno spettatore passivo, relegato ai margini della società, come purtroppo è accaduto per secoli. Certo, il cammino non è stato facile. Ma nulla di ciò che nella storia è valido e duraturo viene acquisito senza difficoltà, che talvolta possono essere anche grandi, enormi. Si pensi, ad esempio, alle difficoltà che incontrarono i primi soci fondatori, per superare il muro di indifferenza, incredulità e diffidenza che molti cittadini opponevano alla nuova realtà costituita dalla Cassa. Si trattava di cambiare una mentalità, intessuta di passività e soggezione, che si era radicata da secoli nella nostra gente. Un compito, quindi, estremamente difficile, ma che la costanza e la lungimiranza dei primi soci - aiutata certo dai radicali mutamenti sociali avvenuti nell Italia del secondo dopoguerra - riuscirono a portare felicemente a termine. E infatti, grazie alla ferrea volontà e determinazione dei primi soci, nonché all intelligenza e avvedutezza degli amministratori successivi, la Cassa, col passare degli anni, cominciò a farsi strada tra la nostra gente. I cittadini, cioè, cominciarono a capire l importanza che un tale istituto poteva avere sia per la crescita personale e familiare sia per lo sviluppo economico e sociale dell intera comunità. Già sul finire degli anni degli esordi e soprattutto nel periodo del boom economico (sotto la presidenza del compianto dott. Antonio Biasi ) la Cassa era diventata per i Leveranesi un punto di riferimen- 8 BCC L e v e r a n o

7 to economico imprescindibile. Com è attestato sia dall incremento dei depositi (che dal 1968 al 1982 aumentarono di ben dieci volte), sia dall aumento del numero dei soci (triplicato) sia, infine, dalla tumultuosa e straordinaria crescita del patrimonio sociale (passato dai circa 7 milioni di lire del 1968 agli oltre 2 miliardi del 1982). Un chiaro ed inequivocabile segno che la Cassa si era ormai affermata a livello cittadino e non solo. Questa linea di tendenza si consolidò nel decennio , sotto le Presidenze Zecca e Durante. Fu questo un periodo di profonde trasformazioni economiche e tecniche, come l introduzione della floricoltura, la coltivazione in serra, l attenzione alla qualità dei prodotti tradizionali (vino, olio, ortaggi ecc.), che hanno contribuito a fare di Leverano uno dei Comuni economicamente più floridi non solo della provincia di Lecce, ma dell intero Salento. Queste trasformazioni - che la Cassa, con la sua tradizionale politica, accompagnava e stimolava - fecero aumentare i depositi, nel volgere di un decennio, di ben Otto volte. Un risultato che gli amministratori seppero gestire con grande prudenza, oculatezza e lungimiranza, senza mai smarrire l anima cooperativistica dell Istituto, come dimostrano, ad esempio, i diversi interventi a sostegno della costruzione della prima casa; interventi che contribuirono, tra l altro, a far uscire dalla crisi i settori dell edilizia, dell artigianato e del commercio. Il benessere economico degli anni 80 generò (come nel resto dell Italia), anche a Leverano episodi incresciosi di disagio giovanile, cui gli amministratori della Cassa non rimasero insensibili. In particolare, nel periodo delle Presidenze Politano, Roselli, Zecca, nonostante i grossi problemi connessi alle trasformazioni strutturali negli anni , moltiplicarono le iniziative a favore non solo dei diversi settori economici (mutui agevolati alle aziende artigiane, agricole e cooperative), ma anche in ambito sociale, assistenziale, culturale e sportivo (borse e prestito di studio per i giovani, sussidi per l acquisto di computer, incentivi per la rivalutazione del Centro storico, iniziative a favore dei popoli del Terzo Mondo, sussidi alla Croce Rossa Italiana, alle strutture sanitarie oltre che a manifestazioni culturali e sportive. Come ho prima accennato, uno dei pregi di questo volume risiede nell intreccio, o meglio, nell amalgama, che gli autori hanno saputo ben realizzare, tra le vicende della Cassa e quelle del contesto sociale in cui essa è nata ed opera. Le due storie, per così dire, si fondono, diventano un unica storia: la storia dei Leveranesi negli ultimi cinquant anni. Una storia in cui i veri protagonisti sono i cit- 9

8 tadini, ossia la gente comune, il popolo. Una storia che dimostra non solo quanto ha fatto, ma anche quanto può fare lo spirito cooperativo, che in primis nella Cassa Rurale ed Artigiana e poi in altre realtà economiche locali (come la Cantina sociale, l oleificio, il mercato dei fiori, ecc.) ha trovato concreta incarnazione. Per queste ragioni, ritengo che il libro, qui rapidamente presentato, debba essere letto non solo dai soci della BCC, ma da tutte le famiglie di Leverano. Sono certo che la sua lettura contribuirà a rafforzare il senso civico e democratico della nostra comunità. Cosimo Quarta Docente Università di Lecce 10 BCC L e v e r a n o

9 Premessa storica Nel 1869, tra la diffidenza degli economisti tedeschi, Federic Raiffesen fondò la prima Cassa di Credito Cooperativo, una nuova istituzione che sembrava destinata all insuccesso, poiché voleva quasi contrastare la legge economica del profitto. Privilegiando nettamente le qualità personali rispetto alla titolarità dei beni e garanzie reali, le Casse miravano a favorire la formazione del piccolo risparmio, determinando una vera rivoluzione nell assetto organizzativo del credito. In questo va ricercato il merito storico delle Casse: una nuova concezione di fare banca, che cercava, attraverso la mutualità di colmare i vuoti lasciati dalle grandi istituzioni. Il modello Raiffesen fu ripreso da Leone Wallemborg, economista e uomo politico di stampo liberale, ministro delle finanze che, nel 1883, a Loreggia, in provincia di Padova, fondò la prima Cassa Rurale. Alla luce della Rerum Novarum di Leone XIII, furono i cattolici, laici ed ecclesiastici che, alla fine dell Ottocento, diventarono promotori e fondatori di numerose Casse Rurali in Italia. Esortati ad intraprendere nuove iniziative nel campo sociale, a favore delle classi rurali, videro nel Credito Cooperativo, un modo concreto per sostenere ed agevolare l agricoltura, titolare il risparmio e liberare i contadini dall ormai invalso ricatto dell usura. L idea della cooperazione venne recepita con fiducia dal mondo agricolo e le Casse Rurali fiorirono molteplici nella penisola, soprattutto nel Nord Est ed in Sicilia, secondo il proclama: promuovere, fondare istituzioni utili per la crescita socio-economica dei lavoratori e delle loro famiglie. In tutti gli statuti delle prime Casse Rurali veniva ribadito l impegno a fermarsi non solo alla soluzione dei problemi economici, ma anche a perseguire un miglioramento culturale, civile e morale delle comunità, nelle quali le istituzioni si trovavano ad operare. Le Casse Rurali ed Artigiane puntarono così, sin dalle origini, a determinare una sorta di rottura con la spirale del sottosviluppo e dell emarginazione socio-economica delle aree più deboli, cercando di valorizzare al meglio le risorse esistenti. L esperienza imprenditoriale delle B.C.C. è partita in sordina, pun- 11

10 tando più sulla logica dell evoluzione che su quella della rivoluzione, ma il risultato, a 120 anni di distanza dalla fondazione della prima Cassa cooperativa di prestiti nel 1883, è stato sorprendentemente positivo. Le B.C.C. oggi, contano 461 aziende con 3206 sportelli, sono direttamente presenti in 2208 Comuni e hanno operatività su 4000 Comuni. Esse rappresentano il terzo gruppo creditizio per diffusione territoriale. Nel 2002 le banche della categoria hanno accresciuto gli impieghi economici, che hanno superato i 57 miliardi di euro, e la raccolta diretta, che ha sfiorato i 76,5 miliardi di euro, con una dinamica decisamente più vivace rispetto alle altre banche, visto che il tasso di crescita degli impieghi è stato più che triplo rispetto a quello del resto del sistema e quello della raccolta circa il doppio di quello rilevato per le altre banche. La crescita continua ha dimostrato che la scelta del Credito Cooperativo era ed è vincente: una Banca inserita nel connettivo socioeconomico che si pone esclusivamente l obiettivo di lavorare per le comunità locali, promovendone la crescita. 12 BCC L e v e r a n o

11 Origini:

12 Nuova sede: ingresso 14 BCC L e v e r a n o

13 Dall ideazione alla costituzione A Leverano, il 6 luglio 1952, fu costituita la Cassa Rurale. Molti dei protagonisti,oggi, purtroppo non ci sono più, tuttavia ricorrendo alle fonti documentarie e alla viva testimonianza di molti soci, si può togliere la polvere dalla memoria e procedere ad una ricostruzione dei momenti salienti, che hanno segnato la vita della Banca. Nella fase preliminare compare la figura di un esperto conoscitore delle Casse Rurali, Michele Viterbo che, contando sull appoggio di alcuni notabili del posto, promosse l idea del credito cooperativo. Vi è poi il ricordo di un viaggio a Roma per acquisire le necessarie informazioni, a cui seguirono i primi incontri tra i soci fondatori in via Garibaldi, forse si era in17, nella sede del Consorzio. Nella prima assemblea, a cui parteciparono 61 soci, furono nominati il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale, che avrebbero accompagnato la Banca nella sua costituzione. È opinione diffusa che il dott. Antonio Biasi e don Vincenzo Zagà, tra i promotori, seguirono l iter della costituzione, con particolare determinazione e notevole impegno personale. Questa comune convinzione è rafforzata anche dai documenti. Infatti a pag. 11 dell Atto Costitutivo si legge: I detti comparenti mi dichiarano di voler costituire come con il presente costituiscono una Società Cooperativa a responsabilità limitata, sotto la denominazione: Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano, Società Cooperativa a responsabilità limitata con sede nel Comune di Leverano (Provincia di Lecce) in conformità dell approvazione di massima alla costituzione accordata dal Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio nella seduta del 14 marzo 1952 N Vig., diretta al sig. Biasi dott. Antonio, promotore della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano (Dall Atto Costitutivo) Già da questo primo atto emerge con chiarezza il ruolo svolto dal dott. Biasi, nella fase propositiva del progetto. Ed è proprio il dott. 15

14 Biasi, presidente della Cassa, che nel verbale d assemblea del 71, commemorando la scomparsa del parroco, don Zagà, ne ricorda l operato, ma soprattutto ne sottolinea l importanza per la costituzione dell Istituto di Credito: Signori soci, è doveroso da parte mia ricordare a tutti noi la figura del nostro benemerito socio don Vincenzo Zagà come pioniere ed iniziatore proprio del nostro Istituto; Lui non fu solo una dei soci fondatori, ma fu principalmente Colui che si prodigò, insieme ad un esigua schiera di amici, a realizzare la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano; si batté per la sua fondazione e finalmente nel 1950 ottenne il decreto ministeriale che autorizzò l apertura della Cassa Rurale ed Artigiana nella nostra città. Ricordo la Sua gioia e la Sua soddisfazione nel giorno dell inaugurazione della nostra prima Sede, ricordo gli auguri e gli auspici che ci fece perché la Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano progredisse e si affermasse, ricordo le Sue parole affettuose e di incitamento perché tutti collaborassimo nell interesse della nuova creatura che allora si affacciò alla realtà economica di Leverano. (Dal verbale d Assemblea del 1971) A tutti i soci promotori va, comunque, il merito di aver saputo, con grande lungimiranza, nella Cassa Rurale, al di là delle inevitabili difficoltà iniziali, una reale opportunità di crescita per tutta la comunità locale. Dott. ALDO VALENTINI NOTAIO ATTO COSTITUTIVO della Cassa Rurale ed Artigiana di Leverano Società Cooperativa a responsabilità limitata. Repubblica Italiana L anno millenovecentocinquantadue, addì sei del mese di Luglio in Leverano e nei locali della S.A.C.A.L.T. alla via Giuseppe Garibaldi, alle ore otto. Innanzi a me, dott. Aldo Valentini fu Gustavo Adolfo, Notaio residente in Lecce ed iscritto nel ruolo dei Distretti Notarili Riuniti di Lecce e Brindisi e dei testimoni idonei sigg. Giuseppe Paladini di Edoardo, impiegato nato e domiciliato in Leverano alla via Cesare Battista e Giovanni Rango fu Oronzo, proprietario nato a Galatina e domiciliato in Lecce, alla via Cesare Battisti o meglio alla via Luigi Scarambone, BCC L e v e r a n o

15 SI SONO COSTITUITI: 1) Il sig. Baffa dott. Giuseppe Tommaso. 2) Il sig. Biasi dott. Antonio. 3) Il sig. Biasi geom. Luigi. 4) Il sig. Cappello Carmine. 5) Il sig. Cirfeda Giovanni. 6) Il sig. D Agostino Antonio. 7) Il sig. D Agostino Placido. 8) Il sig. D Amanzo Paolo. 9) Il sig. Della Mamma Vincenzo. 10) Il sig. De Mitri Enrico. 11) Il sig. De Simone Francesco. 12) La sig.a Durante Maria. 13) Il sig. Durante dott. Francesco. 14) Il sig. Durante Rocco. 15) Il sig. Erroi Antonio di Francesco. 16) Il sig. Erroi Antonio di Vincenzo. 17) Il sig. Erroi Salvatore. 18) La sig.a Frassanito Cecilia. 19) Il sig. Frassanito Giovanni. 20) Il sig. Frassanito Luigi. 21) La sig. Frassanito Maria. 22) Il sig. Frassanito Oronzo. 23) Il sig. Giuranna rag. Rocco. 24) Il sig. Giuranna Opremio. 25) Il sig. Greco Rocco. 26) Il sig. Landolfo Raffaele. 27) Il sig. Landolfo avv. Sante. 28) Il sig. Landolfo Vincenzo. 29) Il sig Margapoti Donato. 30) Il sig Matino Giovanni. 31) Il sig. Miri Antonio. 32) Il sig. Muci Salvatore. 33) Il sig. Muia Santo. 34) Il sig. Musca Rocco. 35) Il sig. Negro dott. Eugenio. 36) Il sig. Nestola Pasquale. 37) Il sig. Perrone Francesco. 38) Il sig. Quarta Fernando. 39) Il sig. Romanello Costantino di Salvatore. 40) Il sig. Romanello Costantino fu Isaia. 41) Il sig. Romanello Emilio. 42) Il sig. Romanello Giuseppe. 43) Il sig. Romanello dott. Isaia. 44) Il sig. Romanello Isaia. 45) Il sig. Romanello Luigi. 17

16 46) Il sig. Romanello Rocco. 47) Il sig. Savina Grazio. 48) Il sig. Savina Carmelo. 49) Il sig. Trono prof. Vito. 50) Il sig. Zecca Antonio. 51) Il sig. Zecca Cosimo. 52) Il sig. Zecca Emanuele fu Francesco. 53) Il sig. Zecca Emanuele di Vito Salvatore. 54) Il sig. Zecca Giuseppe. 55) Il sig. Zecca Emanuele fu Salvatore. 56) Il sig. Zagà Rocco. 57) Il sig. Zagà Rosario. 58) Il sig. Zagà Vincenzo. 59) Il sig. Zecca Rocco Salvatore. 60) Il sig. Savina Raffaele. 61) Il sig. Tramacere Rocco Giuseppe. 62) Il sig. Russo Pompilio. 63) Il sig. Quarta Sebastiano. 64) Il sig. Cazzella avv. Temistocle. 65) Il sig. Leone inseg. Eufrasio. 66) Il sig. De Carlo Ercole. 67) Il sig. Trono prof. Francesco. 68) La sig.a Durante Agata fu Vito. 69) Il sig. Cazzella dott. Pietro. 70) Il sig. D Amanzo prof. Cosimo. 71) Il sig. Paladini geom. Egidio. 72) La sig.a Cappello Gloria. 73) Il sig. Cappello Giuseppe. 74) Il sig. Quarta Rocco. 75) Il sig. Quarta Antonio di Antonio. 76) Il sig. Cazzolla Francesco. 77) Il sig. Zagà Antonio. 78) Il sig. Quarta Antonio fu Alessandro. 79) Il sig. Fiore Ippazio. 80) Il sig. Quarta Antonio di Alessandro. 81) Il sig. Congedo dott. Enrico. 82) Il sig. Russo prof. Antonio. 83) Il sig. Quarta prof. Rocco. 84) La sig.a Calò Maria Addolorata. 85) Il sig. Velardi dott. Giuseppe. 86) Il sig. Miglietta ins. Antonio. 87) Il sig. Quarta Cosimo. 88) Il sig. Frisenda Mario. 89) Il sig. Giovanni Lecciso. 90) Il sig. Raganato Salvatore. 91) Il sig. Rizzo Giuseppe. 18 BCC L e v e r a n o

17 92) Il sig. Calò Rocco Angelo. 93) Il sig. Miri Antonio. 94) Il sig. Miri Rocco. 95) Il sig. Paladini Donato. 96) Il sig. Muci Cosimo. 97) Il sig. Sorino Vincenzo. 98) Il sig. Maffei dott. Antonio. 99) La sig.a D Andria Anna. Detti comparenti sono tutti cittadini italiani, di loro piena capacità giuridica e della cui identità personale io notaio sono personalmente certo. La società ha lo scopo di procurare il credito in primo luogo ai soci e di compilare le operazioni ed i servizi di banca consentiti dalla legge e dal presente statuto prevalentemente a favore degli agricoltori e degli artigiani, il miglioramento delle condizioni morali ed economiche dei quali costituisce la sua principale ragione di essere. La società si propone pure di fare opera di propaganda per il risparmio e la previdenza. La durata della società è fissata fino al trentuno dicembre 1970millenovecentosettanta, con facoltà di sciogliersi anche prima di detto termine, nonché di prorogarsi una o più volte dopo lo stesso. (Dall Atto Costitutivo) Titolo nominativo 19

18 Cariche sociali 1952 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE D AGOSTINO PLACIDO CAZZELLA TEMISTOCLE VELARDI GIUSEPPE LANDOLFO SANTO D AMANZO COSIMO NESTOLA PASQUALE ROMANELLO COSTANTINO COLLEGIO SINDACALE MARGAPOTI DONATO BIASI LUIGI ZAGA VINCENZO Presidente Vice Presidente Presidente Sindaco effettivo Sindaco supplente 20 BCC L e v e r a n o

19 Il Contesto Era il Leverano aveva vissuto con fervido impegno, volto alla difficile ricostruzione socio-economica, gli anni del dopoguerra, cercando di cancellare, dalle orecchie e dal cuore, l eco delle incursioni aeree, delle bombe e delle sirene. Lontana dai grandi problemi della guerra fredda e delle politiche internazionali, all indomani del referendum, la vita aveva ripreso il suo corso e si compiva nella quotidianità, fatta di lavoro, sacrificio, devozione, speranza. La popolazione, come si ricava dal Censimento del 51, era costituita da abitanti, residenti in case molto piccole, con scarsi servizi igienici e senza acqua potabile. L agricoltura costituiva la risorsa economica principale e la vita di gran parte dei cittadini leveranesi si svolgeva nei campi. La situazione fondiaria nel territorio di Leverano non differiva da quella dei comuni viciniori e che, del resto, era comune a gran parte del Sud: proprietà piccole e talvolta piccolissime, molto spesso insufficienti per soddisfa- Raccolta del tabacco 21

20 re le esigenze più elementari delle famiglie contadine, si affiancavano a proprietà estremamente estese, che si configuravano come veri e propri latifondi. Questo induceva sovente i piccoli proprietari a stipulare contratti di affitto, colonia o mezzadria. Le colture più diffuse erano quelle storiche della vite e dell olivo, che davano prodotti di buona qualità, quasi interamente assorbiti dal mercato locale. A queste si aggiungeva la coltura del tabacco, che era la grande protagonista delle campagne: dava una buona resa, grazie alla peculiare natura dei terreni e assicurava guadagni sicuri, con la consegna alle Manifatture che, peraltro, assorbivano gran parte della manodopera femminile locale. I seminativi, cereali e leguminose, occupavano i terreni poveri e superficiali ed erano coltivati a rotazione triennale: due anni di cereali e un anno di legumi, per sfruttare al meglio il terreno. Infatti l impiego di fertilizzanti era limitatissimo: si sopperiva in qualche modo ad essi con il letame degli animali. Ortaggi e verdura, invece, venivano coltivati in piccoli appezzamenti per soddisfare i bisogni familiari. Nell ottica dell economia di autosufficienza, veniva sempre riservato nei cortili delle case, uno spazio necessario per allevare galline, conigli e colombi, Dissodamento dei campi. 22 BCC L e v e r a n o

21 che fornivano carni e uova indispensabili nella dieta dei malati e delle puerpere. Ridenti giardini abbellivano con naturale semplicità l essenziale struttura delle abitazioni, fornivano melagrane, nespole e agrumi e altri frutti ormai scomparsi per il consumo domestico e costituivano una forte attrazione per i monelli di strada, che riuscivano sempre ad eludere la sorveglianza e a cogliere i primi frutti. Una coltura marginale, un tempo molto importante per l economia locale, era quella del cotone, che filato e tessuto veniva utilizzato per realizzare diversi capi di biancheria e di abbigliamento. Il pensiero costante dei contadini era rivolto ai fenomeni atmosferici da cui dipendevano inevitabilmente i raccolti e contro i quali nulla poteva la loro tenacia e la loro operosità. Le gelate, le piogge, talora troppo abbondanti o a volte del tutto assenti, pregiudicavano la produzione agricola e incidevano negativamente sull economia dell intero paese. Oltre che nella forza delle proprie braccia, il contadino poteva contare su un tradizionale corredo agricolo, che da generazioni veniva usato per strappare alla macchia terreni da coltivare. Alcuni disponevano, poi, dell aiuto del bestiame bovino ed equino che, allevato con premura, costituiva un vero capitale. Cavalli ed asini venivano alloggiati e custoditi in locali, adibiti a stalle, posti all interno delle case. Gli animali seguivano lo stesso ritmo delle famiglie contadine: duro lavoro nei campi nei giorni feriali, strigliate accurate e bardature a festa per il passeggio della domenica. Animali al lavoro 23

22 Diversi mestieri, oggi ormai scomparsi, erano legati alle attività agricole, come il maniscalco, che con solerzia e pazienza ferrava i cavalli, il mastro che riparava carri, traini e attrezzi agricoli, gli operatori di frantoi oleari e palmenti vinicoli. Maniscalco Singolare era il mercato dei fisculi (filtri usati nella spremitura delle olive), che testimoniava la grande attività nel settore oleario. La vita dei campi regolava anche il ritmo della vita civile: è sintomatico che il maggior numero dei matrimoni venisse celebrato in determinati mesi dell anno, soprattutto Novembre, poiché allora si poteva fare affidamento sul ricavato del raccolto. Il matrimonio era nella quasi totalità religioso e per questo sanciva un vincolo indissolubile, destinato a durare tutta la vita; comportava una cerimonia semplice, preparata con cura e vissuta intensamente anche dai familiari degli sposi. Il tradizionale pranzo di nozze per i compari ed i parenti e il rinfresco per tutti i conoscenti, a base di dolcetti, spumoni, rosoli e confetti, davano all evento una vasta risonanza nell universo locale. Guardando le foto ormai ingiallite dei giovani sposi, tornano alla mente le parole di Girolamo Marciano che inserisce, tra i prodotti della buona terra di Leverano, gli uomini e le donne. 24 BCC L e v e r a n o

23 Matrimonio negli Anni 50 Produce e genera questo paese uomini di natura piacevole, di costumi mansueti, e di senso buono, e non fallace, di volto allegro, e di colore vivace, di abito ottimo, di corpo agile, d ingegno, azione e parlare pronto, costumati, non bugiardi, non rapaci, non seduttori, non intemperanti, non desiderosi dell altrui, non ambiziosi, non ingiusti, non fraudolenti, ma veritieri, fedeli, parchi, liberali, contenti del proprio, ed uniti fra loro, serbando costanza ed integrità nell avversa e prospera fortuna. La bellezza delle figliole è naturale, non fucata, o ad arte abbellita, sono di aspetto grazioso, di volto bello, allegro e leggiadro, alquanto eburneo, brunetto e pieno di grazia; di statura mediocre, e corpo sano e vegeto, col ragionare dolce, piacevole, onesto,grazioso, le chiome e gli occhi neri, splendidi e fiammeggianti. (Descrizione, origine e successi della Provincia d Otranto) La società ruotava attorno alla famiglia, ancora patriarcale, con i nonni ed i padri che erano tenuti in estrema considerazione, i cui pareri erano ritenuti sacri. Le donne occupavano un ruolo marginale nella società, ma erano 25

24 tenute in grande considerazione e godevano di molto rispetto nell ambito familiare. Esse, non solo si dedicavano alla casa, ma in molti casi, contribuivano all economia familiare con occupazioni diverse. Molte in campagna, per lavori stagionali, come la vendemmia, la raccolta delle olive e del tabacco; altre, rimaste nella memoria collettiva, in attività commerciali, che gestivano con spirito d intraprendenza, cortesia e affabilità. Numerose erano inoltre le esperte sarte, le abili tessitrici e ricamatrici, che preparavano con perizia il corredo femminile, vanto di ogni giovane sposa. In un economia rurale, in cui trovava posto esclusivamente il prodotto pratico e resistente, i capi erano sobri e decorosi, realizzati con grande senso estetico. Le abitazioni del paese, progettate e costruite da esperti muratori, andavano assumendo una struttura più articolata rispetto alla pianta tradizionale casa, camera e cucina : un corridoio centrale disimpegnava le camere, secondo le impostazioni dell architettura razionalista. Accanto ai nuovi soffitti lineari rimanevano le volte a stella, a botte, a margherita, quali elementi architettonici che davano eleganza alla struttura. La facciata principale così come gli imbotti di porte e finestre erano adornati con sobria linearità da maestri scalpellini della pietra leccese. Numerosi gli artigiani che, con laboriosità ed arte, operavano negli anni 50, a Leverano; le botteghe, tramandate da padre in figlio, diventavano vere scuole per tanti giovani in apprendistato. Laboratorio di falegnameria 26 BCC L e v e r a n o

25 I falegnami fabbricavano mobilio di buona fattura e di ottimo gusto: tavoli robusti, comode credenze, capienti casse, armadi con specchi, costituivano l arredo di base, necessario per ogni famiglia. L abbigliamento semplice ed essenziale e le calzature comode e robuste, erano forniti da artigiani bravi, scrupolosi e pieni d inventiva, capaci di ricavare dal poco capi funzionali e resistenti. Spesso il sarto era anche barbiere e la sua bottega diventava luogo di incontro tra i compaesani, che si riunivano per commentare gli ultimi avvenimenti. Frequentatissimi erano i numerosi forni a legna, dove venivano cotti non solo il pane, ma anche frise, taralli e biscotti, preparati secondo ricette tramandate da generazioni dalla quasi totalità delle donne di casa. Una figura singolare era il banditore pubblico, che alla stregua del vecchio strillone, bannisciava (annunciava) le notizie di interesse collettivo: dall arrivo del pesce fresco al mercato, alla vendita del grano. Udite, udite! : era un modo sicuramente efficace, per mettere tutti al corrente delle notizie importanti. Le attività commerciali erano molto ridotte e legate al fabbisogno giornaliero della popolazione: accanto alle vecchie putee, botteghe di genere alimentare, vi erano negozi di tessuti, mercerie, drogherie, farmacie e piccoli empori. Per gli acquisti più importanti bisognava recarsi a Lecce con le macchine a noleggio o con la corriera, altrimenti biso- Macchina a noleggio 27

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO Valledolmo BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO Banca e Territorio Due nuove iniziative Lavora con noi per fare Crescere la Comunità L importanza di essere SOCIO Dalla BCC 4 milioni di euro per Imprese,

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009

Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato. Quirinale, 4 dicembre 2009 Intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Cerimonia celebrativa della giornata del volontariato Quirinale, 4 dicembre 2009 Saluto il Ministro Sacconi, il ministro Maroni, il sottosegretario

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri:

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA Proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri: Lorenzo Pellerano Aldo Siri avente ad oggetto: Norme per la disciplina del servizio di tagesmutter

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

RELAZIONE SULLATTIVITÀ

RELAZIONE SULLATTIVITÀ Senato della Repubblica - 79 - Camera dei deputati RELAZIONE SULLATTIVITÀ PAGINA BIANCA Senato della Repubblica - 81 - Camera dei deputati Allegato A Istituto nazionale di studi verdiani - Fondazione Bilancio

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti:

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti: Premessa Ethical Banking è il nome che la Bcc di Filottrano ha dato ad una nuova proposta di finanza etica locale per un utilizzo solidale del credito e del risparmio. Cos è e come funziona Ethical Banking

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS Elenco dei Soci aggiornato al 15 marzo 2007...2 Cariche sociali al 15 marzo 2007...2 Consenso al trattamento dei dati personali...2 Lettera ai Soci...3

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ************************************************************************************************ VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni La Casa del popolo di Faenza Presentazione del libro di Salvatore Banzola Vera Zamagni ripercorrere: Ci sono tre registri di lettura nel libro di Banzola che vorrei qui brevemente 1) I luoghi. I 35 cattolici

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235)

SCUOLA PRIMARIA. PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Pag. 1 di 5 SCUOLA PRIMARIA PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre 2007, n. 235) Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

Il caso della Scuola Oliver Twist

Il caso della Scuola Oliver Twist Il caso della Scuola Oliver Twist di Giorgio Vittadini C è un opinione che oggi va per la maggiore: quella secondo cui, per poter essere efficacemente impegnati nella realtà, occorre partire da una visione

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE)

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI COSTITUTIVI DI SOCIETÀ DI PERSONE (S.N.C./S.A.S.), DI CAPITALI (S.R.L./S.P.A.) E COOPERATIVE L intervento del Notaio nella fase costitutiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROGETTO

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 Il comitato di condotta ha individuato gli obiettivi principali da raggiungere nei prossimi quattro anni in relazione alle indicazioni dei programmi portati

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

PRENDI E LEGGI. Vademecum. Socio. Vantaggi e convenienza

PRENDI E LEGGI. Vademecum. Socio. Vantaggi e convenienza PRENDI E LEGGI Vademecum Socio Vantaggi e convenienza Vademecum Soci LA MIA BANCA È DIFFERENTE. DAL 1893. Perchè la BCC è una banca differente? Perchè è una banca cooperativa, mutualistica, locale. Società

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Assemblea Associazione Arché Venerdì 13 aprile 2012 Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Si inizia con la video presentazione della mission e dello spot 5xmille Cari Soci, Volontari,

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

STATUTO SCOPO PATRIMONIO. Art. 1

STATUTO SCOPO PATRIMONIO. Art. 1 STATUTO Art. 1 In memoria di Enrica Amiotti nata in Albonese l 11 ottobre 1885 ed ivi defunta il 20 agosto 1961, che per 47 anni si votò all insegnamento nella scuola elementare, è istituita la Fondazione

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF)

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Scuola dell Infanzia paritaria Clemente e Marina Benecchi PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Via Rabaglia, 32 43058 Coenzo Sorbolo (PR) 348 0388008 scuolabenecchi@gmail.com BREVE STORIA DELLA SCUOLA DELL

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Il trust operativo: un caso pratico. Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro

Il trust operativo: un caso pratico. Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro Il trust operativo: un caso pratico Savona, 5 dicembre 2007 Avv. Raffaella Sarro Occorre o meno un trust? Pag. 2 L obiettivo del cliente potrebbe essere soddisfatto mediante negozi sottoposti al diritto

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli