IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE"

Transcript

1 INFORMATIVA N APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate I soggetti in possesso di specifici requisiti possono ottenere il rimborso e/o utilizzare in compensazione il credito IVA trimestrale presentando il mod. IVA TR. Si rammenta che: - il rimborso / compensazione è consentito anche in presenza di specifiche operazioni non soggette ad IVA ex artt. da 7 a 7- septies, DPR n. 633/72 effettuate nei confronti di soggetti UE / extraue per un importo superiore al 50% dell ammontare complessivo di tutte le operazioni; - in presenza di un importo superiore a è richiesta la preventiva presentazione del citato mod. IVA TR per poter utilizzare lo stesso in compensazione nel mod. F24.

2 IF n pagina 2 di 9 I contribuenti, come previsto dall art. 38-bis, comma 2, DPR n. 633/72, possono richiedere il rimborso e/o la compensazione nel mod. F24 del credito IVA trimestrale (primo, secondo e terzo trimestre), indipendentemente dalla periodicità di liquidazione adottata, a condizione che: 1 il credito IVA maturato sia di importo superiore a 2.582,28; 2 sia soddisfatto, nel singolo trimestre, uno dei requisiti di cui all art. 30, comma 3, lett. da a) a d), DPR n. 633/72. lett. a) lett. b) lett. c) lett. d) lett. e) Effettuazione, in via esclusiva o prevalente, di operazioni attive con aliquota media (aumentata del 10%) inferiore all aliquota media degli acquisti e importazioni. A tal fine vanno considerate tutte le operazioni registrate, ad esclusione di quelle relative ai beni ammortizzabili. Come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 37/E, le operazioni attive effettuate dalle imprese subappaltatrici nel settore edile che applicano il reverse charge ex art. 17, comma 6, DPR n. 633/72 sono considerate ad aliquota zero. Analoga considerazione vale anche per le altre ipotesi di applicazione del reverse charge, tra le quali le cessioni di immobili uso abitativo o strumentali ex art. 10, nn. 8-bis o 8-ter, DPR n. 633/72. Effettuazione di operazioni non imponibili (artt. 8, 8-bis e 9, DPR n. 633/72, art. 41, DL n. 331/93, ecc.) per un ammontare superiore al 25% delle operazioni effettuate. In merito alla verifica del requisito in esame ed in particolare dell importo da considerare al denominatore l Agenzia delle Entrate dovrà chiarire se tra le operazioni effettuate devono essere conteggiate anche le operazioni non soggette ad IVA ai sensi degli artt. da 7 a 7-septies, DPR n. 633/72 per i quali, in base al nuovo art. 21, dal 2013 è obbligatorio emettere fattura e in base all art. 20 le stesse assumono rilevanza per la determinazione del volume d affari. Effettuazione di acquisti e/o importazioni di beni ammortizzabili per un ammontare superiore ai 2/3 del totale degli acquisti/importazioni di beni e servizi imponibili. In tal caso il credito IVA da considerare riguarda esclusivamente l imposta afferente gli acquisti di beni ammortizzabili del trimestre. Come specificato dall Agenzia delle Entrate: l acquisizione di un bene ammortizzabile in leasing, non potendo essere annoverato tra i beni di proprietà dell utilizzatore, non dà diritto al rimborso in base al requisito in esame (Risoluzione , n. 392/E); in caso di acquisto di un fabbricato è necessario escludere l importo riferibile al costo (non ammortizzabile) dell area occupata dalla costruzione e di quella che ne costituisce pertinenza (Circolare , n. 8/E). Effettuazione delle seguenti operazioni non soggette IVA ex artt. da 7 a 7-septies, DPR n. 633/72 nei confronti di soggetti passivi non stabiliti in Italia: lavorazioni relative a beni mobili materiali; trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione; servizi accessori ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione; servizi creditizi, finanziari e assicurativi resi a soggetti extraue o relativi a beni da esportare; di importo superiore al 50% dell ammontare di tutte le operazioni effettuate. Anche con riferimento alla verifica del requisito in esame dovrà essere chiarita la rilevanza o meno delle fatture emesse relativamente alle altre operazioni non soggette ad IVA ai sensi dei citati artt. da 7 a 7-septies. Soggetti non residenti identificati direttamente in Italia ex art. 35-ter, DPR n. 633/72 ovvero con rappresentante fiscale in Italia, indipendentemente dalla verifica dei requisiti sopra specificati. La richiesta di rimborso e/o compensazione si riferisce solo al credito maturato nel trimestre e non può comprendere l eventuale credito del trimestre precedente.

3 IF n pagina 3 di 9 Un attenzione particolare va posta nei confronti dei contribuenti mensili che affidano a terzi (centri di elaborazione, studi professionali, società di servizi) la tenuta della contabilità e che, come previsto dall art. 1, comma 3, DPR n. 100/98, hanno optato per la liquidazione c.d. posticipata, ossia assumendo a riferimento, ai fini della determinazione della liquidazione periodica, le operazioni effettuate nel secondo mese precedente. Come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Risoluzione , n. 6/E, i predetti soggetti al fine di: verificare la sussistenza dei presupposti per la richiesta di rimborso / compensazione del credito IVA trimestrale; individuare l ammontare rimborsabile; devono avere riguardo all imposta relativa alle operazioni registrate nel trimestre di riferimento. Così, ad esempio, per il rimborso / compensazione del credito IVA relativo al primo trimestre 2013, non vanno considerate le operazioni dei mesi di dicembre 2012, gennaio e febbraio 2013 (utilizzate per le liquidazioni rispettivamente di gennaio, febbraio e marzo 2013) ma le operazioni registrate nei mesi di gennaio, febbraio e marzo LA PRESENTAZIONE DEL MOD. IVA TR Per ottenere il rimborso e/o utilizzare in compensazione il credito IVA trimestrale è necessario presentare in via telematica un apposita istanza tramite il mod. IVA TR (approvato dall Agenzia delle Entrate con il Provvedimento ) entro l ultimo giorno del mese successivo al trimestre. Credito IVA Termine di presentazione mod. IVA TR Primo trimestre Secondo trimestre Terzo trimestre Per l utilizzo in compensazione nel mod. F24 vanno riportati i seguenti codici tributo: 6036 CREDITO IVA 1 TRIMESTRE 6037 CREDITO IVA 2 TRIMESTRE 6038 CREDITO IVA 3 TRIMESTRE Va evidenziato che, analogamente a quanto previsto per il credito IVA annuale, l utilizzo in compensazione nel mod. F24 del credito IVA trimestrale per importi superiori a annui può essere effettuato: a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione dell istanza; esclusivamente attraverso i servizi telematici forniti dall Agenzia delle Entrate. Qualora l utilizzo del credito IVA trimestrale sia pari o inferiore a non è prevista alcuna limitazione alla compensazione e pertanto il contribuente può utilizzare in compensazione il credito IVA trimestrale di importo inferiore al predetto limite, senza attendere il giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione dell istanza. Esempio 1 La Zeta srl ha maturato, nel 1 trimestre 2013, un credito IVA pari a Tale credito è stato utilizzato il in compensazione tramite il mod. F24 (il relativo mod. IVA TR è stato inviato il ). Ipotizzando che il credito IVA del 2 trimestre sia pari ad 7.000: l utilizzo di ( ) può essere effettuato senza attendere il giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione del mod. IVA TR; l utilizzo dei restanti ( ) potrà avvenire soltanto a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione del mod. IVA TR.

4 IF n pagina 4 di 9 Esempio 2 La Alfa srl ha maturato, nel 1 trimestre 2013, un credito IVA pari a , che intende utilizzare interamente per il versamento delle ritenute d acconto operate. La società presenta il mod. IVA TR il Il credito può essere utilizzato in compensazione: - fino a dall ; - per il residuo ( 5.400) a decorrere dal L Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 1/E ha specificato che il limite ( 5.000) va calcolato distintamente a seconda che il credito IVA sia annuale o trimestrale. Di conseguenza, il contribuente che dispone sia di un credito IVA annuale che di crediti IVA trimestrali, sorti in 2 anni differenti, potrà utilizzare in compensazione tali crediti (annuale / trimestrali) nello stesso anno solare, in quanto dispone di 2 plafond distinti a cui attingere : il primo riferito al credito annuale; il secondo riferito ai crediti trimestrali. Esempio 3 La Gamma srl nel 2013 dispone dei seguenti crediti da utilizzare in compensazione: , risultante dal mod. IVA 2013; e , risultanti dal mod. IVA TR del secondo e terzo trimestre In tal caso sono individuati i seguenti plafond : il primo riferito al credito annuale ( ), utilizzabile in compensazione nel mod. F24 con il codice tributo 6099 (anno di riferimento 2012 ); il secondo riferito alla somma dei crediti trimestrali ( ), utilizzabile in compensazione nel mod. F24 rispettivamente con i codici tributo 6037 e 6038 (anno di riferimento 2013 ). Il credito trimestrale che si intende utilizzare in compensazione nel mod. F24 concorre al raggiungimento del limite annuo di ,90 (elevato a per le imprese subappaltatrici del settore edile con volume d affari dell anno precedente costituito per almeno l 80% da prestazioni rese a seguito di contratti di subappalto). Come precisato dall Agenzia delle Entrate nel Comunicato stampa , i crediti IVA trimestrali sono soggetti al limite di ,90 (o ) se utilizzati in compensazione, mentre non vi sono limiti se richiesti a rimborso. LA COMPILAZIONE DEL MOD. TR Il mod. IVA TR si compone di: un Frontespizio, nel quale oltre al periodo di riferimento (anno / trimestre) e ai dati identificativi del contribuente vanno indicate alcune informazioni collegate con la richiesta di rimborso / compensazione. In particolare nella casella Contribuenti ammessi all erogazione prioritaria del rimborso riservata ai soggetti ammessi all erogazione del rimborso IVA in forma accelerata, ossia entro 3 mesi dalla richiesta, va indicato il codice corrispondente alla categoria di appartenenza: imprese subappaltatrici del settore edile che applicano il reverse charge ex art. 17, comma 6, lett. a); soggetti che svolgono le attività individuate dal codice Atecofin recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici (codici Ateco e ); soggetti che svolgono le attività individuate dal codice Atecofin produzione di zinco, piombo e stagno e semilavorati (codice Ateco ); soggetti che svolgono le attività individuate dal codice Atecofin produzione di alluminio e semilavorati (codice Ateco );

5 IF n pagina 5 di 9 un modulo, comprendente i quadri TA, TB, TC e TD per l indicazione delle operazioni attive e passive del periodo, la determinazione del credito e l indicazione della sussistenza dei requisiti per il rimborso / compensazione, nonché di altri dati; un prospetto riepilogativo (quadro TE) riservato alla società/ente controllante per la richiesta di rimborso / compensazione del credito IVA di gruppo. QUADRO TA Vanno riportate le operazioni attive annotate o da annotare nel registro delle fatture emesse ovvero dei corrispettivi per il trimestre di riferimento. Rigo da TA1 a TA11 TA12 TA16 Descrizione Ammontare delle operazioni imponibili per le quali si è verificata l'esigibilità dell'iva, suddivise in base all aliquota IVA o alla percentuale di compensazione applicata, tenendo conto delle variazioni ex art. 26 (note di debito o di credito) riferite ad operazioni dello stesso trimestre (se riferite a periodi precedenti vanno indicate a rigo TA14, campo 1). Ammontare dell imponibile riferito alle ipotesi di applicazione, da parte dell acquirente / committente, del reverse charge, quali, ad esempio: cessioni di rottami ex art. 74, commi 7 e 8; cessioni di oro industriale, argento puro e oro da investimento imponibili a seguito di opzione ex art. 17, comma 5; prestazioni di servizi rese nel settore edile da subappaltatori ex art. 17, comma 6, lett. a); cessioni di fabbricati uso abitativo (dal ) e strumentali, imponibili IVA per opzione ex art. 10, nn. 8-bis e 8-ter; cessioni di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato destinati ad essere successivamente installati in prodotti destinati al consumatore finale ex art. 17, comma 6, lett. b) e c). In tale rigo devono essere inoltre ricomprese le operazioni non soggette ad IVA nei confronti dei terremotati e soggetti assimilati. Ammontare delle operazioni non imponibili quali, ad esempio: esportazioni ed operazioni assimilate e servizi internazionali ex artt. 8, 8-bis e 9, DPR n. 633/72 nonché le operazioni con lo Stato del Vaticano e San Marino e con organizzazioni internazionali ex artt. 71 e 72, DPR n. 633/72; cessioni di beni intraue ex artt. 41 e 58, DL n. 331/93; cessioni di beni intraue estratti da un deposito IVA con spedizione in altro Stato UE ex art. 50-bis, comma 4, lett. f) e g), DL n. 331/93;

6 IF n pagina 6 di 9 TA16 TA17 TA19 operazioni effettuate fuori dall UE da agenzie di viaggio e turismo che applicano il regime speciale ex art. 74-ter; esportazioni di beni usati e degli altri beni ex DL n. 41/95. In caso di esportazione di beni usati in tale rigo va ricompreso soltanto il margine non imponibile (la restante parte del corrispettivo va ricompresa a rigo TA17). Ammontare delle altre operazioni senza applicazione dell IVA, quali operazioni esenti e cessioni effettuate a favore di soggetti extraue ex art. 38-quater, nonché la parte che non costituisce margine delle cessioni imponibili e non imponibili di beni usati. Ammontare delle cessioni imponibili di beni ammortizzabili (già comprese nei righi precedenti). Tale rigo è utilizzato per determinare la relativa aliquota media (rigo TD1). QUADRO TB Vanno riportate le operazioni passive riferite al trimestre oggetto di richiesta di rimborso / compensazione. Rigo da TB1 a TB11 TB15 TB16 Descrizione Ammontare delle operazioni passive (acquisti interni, UE e importazioni imponibili) con IVA detraibile annotate nel registro degli acquisti per il trimestre di riferimento, suddivisi in base all aliquota IVA o alla percentuale di compensazione applicata, tenendo conto delle variazioni di ex art. 26 (note di debito o di credito) riferite ad operazioni registrate nello stesso trimestre (se riferite a periodi precedenti vanno indicate a rigo TB13, campo 1). Per gli acquisti con IVA detraibile in misura parziale, va indicata la quota di imponibile e di imposta detraibile. Così, ad esempio, con riferimento all acquisto di un telefono cellulare per IVA, a rigo TB11 va indicato 200 (imponibile) e 42 (imposta). Ammontare degli acquisti (interni, UE e importazioni) con IVA indetraibile. Nel caso di detrazione parziale dell IVA (ad esempio, telefono cellulare), va indicata la quota di imponibile corrispondente alla parte di IVA indetraibile, mentre la restante quota di imponibile e di imposta va riportata nei righi da TB1 a TB11. Con riferimento all esempio di cui sopra, a rigo TB15 va indicato 200. I soggetti per i quali opera la limitazione della detrazione dell IVA in base al pro-rata devono indicare la percentuale di detrazione applicabile nel 2013.

7 IF n pagina 7 di 9 TB17 TB18 Ammontare dell IVA ammessa in detrazione, corrispondente all importo di rigo TB14, ovvero, per i soggetti con pro-rata, all importo risultante dall applicazione della percentuale di detrazione (rigo TB16) all ammontare di rigo TB14. In caso di applicazione di criteri speciali di determinazione dell IVA detraibile, va indicata l imposta risultante in base al regime adottato. Tale importo potrebbe non coincidere con quanto indicato a rigo TB14. In caso di contabilità separate ex art. 36, va esposto l ammontare dell IVA detraibile, tenendo conto della presenza di eventuali attività per le quali vanno rispettati criteri speciali di determinazione dell IVA. Così, ad esempio, in presenza di 2 attività di cui una con pro-rata, l ammontare dell IVA detraibile va calcolato separatamente per ciascuna attività, indicando nel presente rigo la somma di tali importi. Ammontare degli acquisti di beni ammortizzabili imponibili (già compresi nei righi precedenti), con IVA detraibile. Il rigo in esame è utilizzato per determinare l aliquota media degli acquisti (rigo TD1). Con riferimento sia alle operazioni attive che a quelle passive, si evidenzia l indicazione delle variazioni e arrotondamenti d imposta, rispettivamente, a rigo TA14 e TB13. In particolare: a campo 1 va indicata, come accennato, l IVA relativa alle variazioni registrate nel trimestre di riferimento, relative ad operazioni / acquisti registrati in periodi precedenti; a campo 2 vanno indicate le differenze d imposta, già comprese a campo 1, derivanti dall indicazione, nei righi corrispondenti all aliquota più prossima, delle operazioni/acquisti imponibili con aliquote IVA o percentuali di compensazione non più presenti nel modello. QUADRO TC Vanno riportati i dati necessari alla determinazione del credito oggetto di rimborso / compensazione. Rigo TC1 TC2 Descrizione Ammontare dell IVA relativa alle operazioni imponibili, desumibile da rigo TA15. Ammontare dell IVA dovuta dall acquirente / committente o da soggetti operanti in particolari settori di attività per le provvigioni dagli stessi corrisposte, ossia, ad esempio, per le seguenti operazioni: acquisti di beni provenienti dallo Stato del Vaticano e da San Marino ex art. 71, DPR n. 633/72 per i quali l acquirente è tenuto al versamento dell imposta ex art. 17, comma 2, DPR n. 633/72; beni estratti da un deposito IVA ex art. 50-bis, DL n. 331/93 ai fini dell utilizzazione o in esecuzione di atti di commercializzazione sul territorio dello Stato; acquisti di beni intraue; acquisti di beni / servizi da soggetti non residenti per i quali l acquirente / committente deve emettere autofattura ex art. 17, comma 2, DPR n. 633/72; servizi c.d. generici ricevuti da soggetti passivi UE / extraue per i quali il committente ha integrato la fattura emessa dal prestatore UE (obbligo a decorrere dal ) ovvero ha emesso l autofattura; servizi resi nel settore edile da subappaltatori con applicazione del reverse charge ex art. 17, comma 6, lett. a), DPR n. 633/72; acquisti di immobili strumentali o uso abitativo (dal ) di cui al citato art. 10, nn. 8-bis e 8-ter; acquisti di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato destinati ad essere successivamente installati in prodotti destinati al consumatore finale ex art. 17, comma 6, lett. b) e c), DPR n. 633/72.

8 IF n pagina 8 di 9 TC4 TC5 TC6 TC7 Ammontare dell IVA ammessa in detrazione, desumibile da rigo TB17. Gli imprenditori agricoli che hanno effettuato cessioni non imponibili di prodotti agricoli compresi nella Tab. A/I, ai sensi degli artt. 8, comma 1, 38-quater e 72, DPR n. 633/72, nonché cessioni di prodotti agricoli intraue devono riportare l IVA teorica detraibile ex art. 34, comma 9. L importo da indicare va determinato applicando le percentuali di compensazione che sarebbero applicabili qualora le operazioni fossero state effettuate in Italia. IVA detraibile (rigo TC4 + rigo TC5). IVA a credito (rigo TC6 rigo TC3). Ai fini del rimborso / compensazione tale importo deve essere superiore a 2.582,28. QUADRO TD SEZIONE 1 Sussistenza dei presupposti Va barrata la casella (da TD1 a TD5) corrispondente alla situazione che consente la richiesta di rimborso e/o compensazione. Nel caso in cui la richiesta sia determinata dal requisito dell aliquota media ovvero della presenza di operazioni non imponibili, va riportata, rispettivamente, l aliquota media e la percentuale delle operazioni effettuate. SEZIONE 2 Rimborso e/o compensazione SEZIONE 3 Contribuenti virtuosi Va riportato l importo del credito maturato nel trimestre ed evidenziato a rigo TC7 che si richiede a rimborso e/o si intende utilizzare in compensazione. Mediante la sottoscrizione il contribuente attesta la sussistenza delle condizioni ex art. 38-bis, comma 7, lett. c), DPR n. 633/72 che esonerano dall obbligo di presentazione delle garanzie. Nel campo 1 di rigo TD8 va indicato l ammontare richiesto a rimborso senza garanzia. Il rimborso erogabile senza garanzia non può superare la media dei versamenti affluiti nel conto fiscale nel biennio precedente. In presenza di una richiesta di rimborso eccedente tale limite, il contribuente deve fornire la garanzia per tale maggiore importo. A tal fine nel predetto campo 1 va comunque indicata la parte del rimborso erogabile senza garanzia e a rigo TD6 l ammontare totale del rimborso richiesto.

9 IF n pagina 9 di 9 Esempio 4 La Alfa srl nel 1 trimestre 2013 ha registrato le seguenti operazioni: - cessioni interne (IVA 21%) - cessioni intraue (non imponibili ex art. 41, DL n. 331/93) - esportazioni (non imponibili ex art. 8, DPR n. 633/72) - acquisti interni (IVA 21%) - acquisti con dich. d intento Il mod. TR va così compilato: x TA16 / TA18 x 100 = / x %

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 17.02.2014 IVA: rimborso credito 2013 Normativa e procedure operative Categoria: Iva Sottocategoria: Rimborso Per i soggetti che si trovano

Dettagli

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale.

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale. Modello IVA TR Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale scadenze & more Ai sensi dell articolo 38-bis del DPR 633/1972, la richiesta

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi. OGGETTO: La compensazione/rimborso del credito IVA del 2 trimestre 2013

Ai gentili Clienti Loro sedi. OGGETTO: La compensazione/rimborso del credito IVA del 2 trimestre 2013 Roma 24/07/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La compensazione/rimborso del credito IVA del 2 trimestre 2013 Gentile Cliente, La presente per informarla che entro il prossimo 30 luglio 2013 va

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

ISTRUZIONI MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE ISTRUZIONI Gli articoli di legge richiamati nel modello e nelle istruzioni si riferiscono al D.P.R. 26 ottobre

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Circolare N. 24 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 29 marzo 2011 IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE In presenza dei necessari requisiti il credito IVA maturato in periodi

Dettagli

CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 9 aprile 2015. CIRCOLARE N. 7 / 2015. IL RIMBORSO / COMPENSAZIONE DEL CREDITO TRIMESTRALE I contribuenti possono richiedere, al sussistere di specifiche condizioni,

Dettagli

MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009

MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009 CODICE FISCALE MODELLO IVA 2010 Periodo d imposta 2009 MODELLO VR/2010 RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO AL 2009 CONTRIBUENTE Cognome, denominazione o ragione sociale Nome Data di nascita

Dettagli

Modello richiesta rimborsi IVA infrannuali (art. 38 bis comma 2)

Modello richiesta rimborsi IVA infrannuali (art. 38 bis comma 2) IVA infrannuali (art. 38 bis comma 2) MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE (Conforme al provvedimento Agenzia delle Entrate del 20 Marzo 2012 - Prot.

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

ISTRUZIONI MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE ISTRUZIONI Gli articoli di legge richiamati nel modello e nelle istruzioni si riferiscono al D.P.R. 26 ottobre

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 13 26.03.2012 Presentazione istanza rimborso o compensazione infrannuale Entro fine aprile 2012 si dovrà presentare

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI

DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI DOTTORI COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI Dott. M A U R O R O V I D A 16128 GENOVA - Via Corsica 2/18 Dott. F R A N C E S C A R A P E T T I Telef.: +39 010 876.641 Fax: +39 010 874.399 Dott. L U C A

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 N. 308 del 25.07.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 Entro il prossimo 31 luglio 2012, i contribuenti interessati ad ottenere il rimborso

Dettagli

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI

SEZIONE 1 AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 2014 TERRITORIO DELLO STATO, DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI E DELLE IMPORTAZIONI Sezione Ammontare degli acquisti effettuati nel territorio dello Stato, degli acquisti intracomunitari e delle importazioni SEZIONE AMMONTARE DEGLI ACQUISTI EFFETTUATI MODELLO NEL IVA 0 Periodo d imposta

Dettagli

UFFICIO COMPETENTE TIPO DI DICHIARAZIONE DATI DEL CONTRIBUENTE. Persone fisiche

UFFICIO COMPETENTE TIPO DI DICHIARAZIONE DATI DEL CONTRIBUENTE. Persone fisiche CODICE FISCALE MODELLO IVA 74-bis DICHIARAZIONE DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE NELLA FRAZIONE D ANNO ANTECEDENTE LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO O DI LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA AVVENUTA NELL ANNO 0

Dettagli

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015)

IVA 2015. 1. Dichiarazione annuale Iva per l anno d imposta 2014 (Modello Iva 2015) Circolare n. 1/2015 Pagina 1 di 9 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2015 del 23 gennaio 2015 (tutte le circolari sono consultabili anche sul nostro sito all indirizzo www.bdassociati.it ) Riferimenti

Dettagli

DATI DEL CONTRIBUENTE PARTITA IVA Indirizzo di posta elettronica. Persone fisiche

DATI DEL CONTRIBUENTE PARTITA IVA Indirizzo di posta elettronica. Persone fisiche CODICE FISCALE MODELLO IVA 74-bis DICHIARAZIONE DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE NELLA FRAZIONE D ANNO ANTECEDENTE LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO O DI LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA ANNO UFFICIO COMPETENTE

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 27 settembre 2004

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 27 settembre 2004 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA REVISORE CONTABILE Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione

Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Dichiarazione IVA 2010: Check List per la compilazione Informazioni e dati preliminari - frontespizio Contribuente I dati anagrafici sono aggiornati? Verificare (soggetti diversi dalle persone fisiche):

Dettagli

Modello IVA TR Richiesta di Rimborso o di utilizzo in compensazione del Credito IVA Trimestrale

Modello IVA TR Richiesta di Rimborso o di utilizzo in compensazione del Credito IVA Trimestrale Manuale Operativo Modello IVA TR Richiesta di Rimborso o di utilizzo in compensazione del Credito IVA Trimestrale UR1509156020 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA DICHIARAZIONE ANNUALE IVA In occasione della compilazione della Dichiarazione Annuale IVA 2014, relativa all anno di imposta 2013, siamo a fornire indicazioni per la compilazione del modello ministeriale

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012

1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 Circolare n. 3/2013 Pagina 1 di 10 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 3/2013 del 25 gennaio 2013 1) COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2012 2) DICHIARAZIONE ANNUALE IVA PER L ANNO

Dettagli

Expert Up Collegamenti da Contabilità a Dichiarazione Iva Trimestrale

Expert Up Collegamenti da Contabilità a Dichiarazione Iva Trimestrale Collegamenti da Contabilità a Dichiarazione Iva Trimestrale Versioni... VB e.net Tipo agg.to...dynet Rel. agg.to...08.04.00 Rel. docum.to...eu080415_rif Data docum.to...08/04/2015 Le configurazioni del

Dettagli

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dottori commercialisti revisori contabili dott. Roberto Bozzo dott. Giovanni Beniscelli In collaborazione con: dott. Giovanni Battista Raggi dott. Luca Leone Avvocati In collaborazione con: avv. Dante

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Protocollo n. 2013/5272 Approvazione delle istruzioni per la compilazione del modello di dichiarazione IVA 74-bis per il fallimento o per la liquidazione coatta amministrativa approvato con provvedimento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI QUALITÀ E SOLUZIONI Dott. PAOLO VIANO Dott. ROMINA BELLELLI Dott. ALESSANDRO BELTRAMI Dott. UMBERTO BARBOLINI Rag. DANIELA CAVALCA Dott. DANIELA GUALTIERI

Dettagli

CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013

CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013 SCHEDA INFORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013 DOCUMENTI DA ALLEGARE: CHIUSURA ANNUALE IVA ANNO 2013 COMPRENSIVA DI RIEPILOGHI (ACQUISTI, VENDITE, CORRISPETTIVI)

Dettagli

INDICE GUIDA OPERATIVA

INDICE GUIDA OPERATIVA INDICE GUIDA OPERATIVA MODELLI DI DICHIARAZIONE IVA RELATIVI ALL ANNO 2012 1 Premessa 1 Novità 1 Soggetti che presentano la dichiarazione IVA in via autonoma 2 Struttura dei modelli 3 Modalità e termini

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati

Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Dichiarazione annuale Iva 2012 per anno 2011 - Modello richesta dati Cliente N.ro Informazioni generali o Copia prospetto riepilogativo "dichiarazione Iva annuale per anno 2011" stampata da Vs. computer.

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 1. Introduzione... 11 2. L Iva Principali fonti normative... 11 3. Campo di applicazione... 12 3.1 Presupposto oggettivo Cessioni di beni... 13 3.2

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

MODELLO IVA BASE 2015

MODELLO IVA BASE 2015 BOZZA INTERNET del //0 MODELLO IVA BASE 05 Periodo d imposta 0 Informativa sul dei dati personali (art. D.lgs. n.9/00) Finalità del Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i

Dettagli

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011

1. COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA PER L ANNO D IMPOSTA 2011 Circolare n. 1 pagina 1 di 10 Achille Delmonte Alberto Bertani Mario Montepietra Anna Fantini Andrea Sassi Giacobbe Silvi Dottore Commercialista Revisore Contabile Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dettagli

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A.

SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. SEGUE DICHIARAZIONE I.V.A. Il quadro VJ è riservato all indicazione di particolari tipologie di operazioni, per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Cedente/prestatore soggetto passivo IVA Non residente ma con: stabile organizzazione rappresentante fiscale identificazione diretta.

Cedente/prestatore soggetto passivo IVA Non residente ma con: stabile organizzazione rappresentante fiscale identificazione diretta. Premessa PREMESSA Nella disciplina IVA è previsto l obbligo di documentare le operazioni (cessioni di beni e prestazioni di servizi) mediante l emissione della fattura. Ai sensi dell articolo 21, comma

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ

QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ 0 7 7 0 0 8 7 8 MODELLO IVA 0 Periodo d'imposta 00 QUADRO VA INFORMAZIONI SULL'ATTIVITÀ Mod. N. QUADRO VA Da compilare a cura del soggetto risultante da operazioni straordinarie INFORMAZIONI E DATI In

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI Sommario... 2 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA PRESENTAZIONE 28.02.2014... 3 DICHIARAZIONE ANNUALE I.V.A. 2014 ANNUALITÀ 2013... 5 VERIFICA DELLA PERIODICITA VERSAMENTI I.V.A.... 11 PERIODICITA

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI Sommario... 2 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA : SCADENZA PRESENTAZIONE 28.02.2015... 3 DICHIARAZIONE ANNUALE I.V.A. 2015 ANNUALITÀ 2014... 5 VERIFICA DELLA PERIODICITA VERSAMENTI I.V.A.... 11 PERIODICITA

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 09 DEL 02/04/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA COMUNICAZIONE CLIENTI FORNITORI 2014 PAG. 2 E LE RECENTI SEMPLIFICAZIONI DELL AGENZIA IN SINTESI: Entro

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

LA LETTRE FISCALE. Notiziario mensile N E W S 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011

LA LETTRE FISCALE. Notiziario mensile N E W S 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile N E W S CIRCOLARE INFORMATIVA Febbraio 2012 1. RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CREDITO IVA RELATIVO ALL ANNO 2011 Dallo scorso anno a seguito della soppressione del modello

Dettagli

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014

Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Periodico informativo n. 25/2014 Raccolta dati per compilazione Dichiarazione IVA 2014 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che Lo Studio è a disposizione per la compilazione e l invio telematico

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA 2014 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA 2014 PAG. 2 CIRCOLARE N. 07 DEL 05/02/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA 2014 PAG. 2 IN SINTESI: In alternativa all utilizzo del

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comunicazione Annuale Dati IVA

Comunicazione Annuale Dati IVA Comunicazione Annuale Dati IVA Il prospetto prodotto dal programma riporta i valori da inserire nelle seguenti sezioni del modello: Sez. II Dati relativi alle operazioni effettuate, limitatamente alle

Dettagli

LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE

LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE O C S E 1 LE NOVITA' IVA 2012 DICHIARAZIONE ANNUALE Francesco Campanile Dirigente Ministero Economia e Finanze Revisore dei conti CNSD Dottore commercialista Docente di Diritto Tributario internazionale

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE

DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE DICHIARAZIONE IVA E COMUNICAZIONE DATI IVA DICHIARAZIONE ANNUALE I soggetti passivi Iva anche se nel periodo di riferimento non hanno effettuato operazioni rilevanti ai fini del tributo, sono obbligati

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

Contributo di approfondimento

Contributo di approfondimento Commissione studio Area Tributaria Contributo di approfondimento SPESOMETRO 2013 Dott. Marco Pezzola Dott. Roberto Maggi Pagina 1 Premessa Con il provvedimento n. 2013/94908 del 2 agosto 2013 sono state

Dettagli

IVA per Cassa analisi novità

IVA per Cassa analisi novità Funzione già presente Funzione in corso di realizzazione RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 6 DPR 633/72, art. 7 DL 185/2008, art 32-bis DL 83/2012, DM 11.10.12 SOGGETTI INDIVIDUAZIONE Il nuovo regime di liquidazione

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari

Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari Le principali novità della dichiarazione IVA 2013 - Esame dei casi particolari Con il Provvedimento datato 15 gennaio 2013, provvedimento emanato in base a quanto viene previsto dall articolo 8 del D.P.R.

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n.

COMUNICAZIONE POLIVALENTE. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. COMUNICAZIONE POLIVALENTE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Nota Agenzia Entrate 19.11.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 20 marzo 2015 INDICE Scadenze

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014)

Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Periodico informativo n. 51/2015 Check-list raccolta dati dello spesometro 2015 (anno 2014) Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo ricordarle che il prossimo 10/20

Dettagli

INDICE. 5.2.1 Documentazione che l intermediario deve rilasciare al dichiarante... 8 5.2.2 Attestazione di ricevimento della comunicazione...

INDICE. 5.2.1 Documentazione che l intermediario deve rilasciare al dichiarante... 8 5.2.2 Attestazione di ricevimento della comunicazione... Informativa - ONB Comunicazione dati IVA relativa al 2013 - Modalità e termine di presentazione INDICE 1 Premessa... 3 2 Soggetti obbligati alla presentazione... 3 3 Soggetti esonerati dalla presentazione...

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA PRATICA LA DICHIARAZIONE ANNUALE DELL I.V.A. PER L ANNO 2008 Febbraio 2009 - DICHIARAZIONE MODELLO IVA 2009 - La presente guida pratica ha lo scopo di approfondirne la

Dettagli

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF INFORMATIVA N. 111 26 APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

IVA 2014: novità e dichiarazione annuale. Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma

IVA 2014: novità e dichiarazione annuale. Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma IVA 2014: novità e dichiarazione annuale Luca Fornaciari Università degli Studi di Parma Sommario Le novità del modello IVA 2014 La comunicazione dati IVA La comunicazione delle operazioni rilevanti IVA

Dettagli

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 33 30.01.2014 Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione L art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

Quanto sopra può essere così schematizzato:

Quanto sopra può essere così schematizzato: Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli - Commercialista Tel. 0586-891762 Rag. Michele Cinini - Commercialista Fax 0586-882512 Rag.

Dettagli

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI

GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI INFORMATIVA N. 241 27 OTTOBRE 2011 IVA GLI ULTIMI CHIARIMENTI PER I NUOVI ELENCHI CLIENTI/FORNITORI Art. 21, DL n. 78/2010 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2011, n. 24/E Documento Agenzia Entrate 11.10.2011

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012

IL NUOVO REGIME IVA PER CASSA - OPERATIVO DALL 1.12.2012 Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Avv. Marianovella Gianfreda Dott. Francesca Parravicini Dott. Fabio Salvagno Padova, 19 novembre

Dettagli