Frontiere migratorie. Governance della mobilità e trasformazioni della cittadinanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Frontiere migratorie. Governance della mobilità e trasformazioni della cittadinanza"

Transcript

1 Carmelo Buscema Alessandro Corrado Mariafrancesca D Agostino Frontiere migratorie Governance della mobilità e trasformazioni della cittadinanza

2 Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 a/b Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: ottobre 2009

3 Migrazioni per lo sviluppo. Modelli di cooperazione e politiche di co-sviluppo di Alessandra Corrado Introduzione Il riferimento alle migrazioni in associazione ai temi della sicurezza, dell ordine pubblico, della gestione dei flussi è diventato sempre più ricorrente nel discorso politico ed anche in quello dei mass media, cassa di risonanza delle posizioni dominanti e di linee governative e partitiche. L ostilità crescente da parte dell opinione pubblica verso migranti di diversa provenienza e appartenenza, rifugiati, rom o nomadi, è il prodotto di una macchina tautologica della paura, alimentata, oltre che dal discorso politico e dalle cronache dei media, da un diritto speciale riservato ai migranti, ovvero da una produzione normativa finalizzata a definire in categorie specifiche e particolari le persone straniere, non nazionali o extracomunitarie (Dal Lago 1999). Tale meccanismo ha contribuito alla progressiva stigmatizzazione, criminalizzazione e clandestinizzazione delle migrazioni, al crescere di nuove e vecchie forme di discriminazione e di razzismo (Anderson 2004; Bojadzijev et al. 2004; Crush J. e Ramachandran 2009; Lunaria 2009; Palidda 2009), in maniera funzionale all attuale riorganizzazione del sistema economico e sociale. Tuttavia, la più recente analisi scientifica sulle migrazioni sembra sempre di più preferirne l associazione ai temi dello sviluppo, non concependo però la problematica come relativa solo 49

4 50 Alessandra Corrado alle dinamiche di cambiamento che interessano i paesi di provenienza o neppure, in seconda battuta, in termini di effetti prodotti in quelli di arrivo. In un mondo sempre più integrato, per effetto dei processi di globalizzazione, dove le divisioni Nord- Sud, Centro-Periferia vengono interpretate in maniera sfumata, la questione dello sviluppo è letta in termini di global policy issue, divenendo oggetto di strategie e politiche di governance da parte delle Istituzioni Internazionali. Mobilità e migrazioni e- mergono come fattori chiave per l integrazione dell economia globale e per il perseguimento di dinamiche di crescita positive e sostenute. D altra parte, la stessa letteratura ha oramai ben e- videnziato l ineluttabilità, inarrestabilità e la crescente autonomizzazione dei processi migratori, apprezzandone il carattere transnazionale, pure adottando spesso interpretazioni funzionaliste, interessate a cogliere più le connessioni che non il carattere destrutturante di tali processi, oppure semplicemente rispondenti all interesse politico-istituzionale per un governo ottimale delle migrazioni (Castles 2008a). Ora, intento di questo lavoro è, dapprima, operare una sintesi delle innovazioni analitiche prodotte riguardo alla relazione tra migrazioni e sviluppo, che negli ultimi anni sembra aver trovato una sintesi in un concetto, quello di co-sviluppo, accreditatosi negli ambienti politici e della cooperazione internazionale. Si procederà poi con l analizzare l utilizzo del concetto nel campo del politico, guardando a diversi livelli: quello nazionale, quello europeo e quello territoriale. A ciascun livello corrispondono approcci di cooperazione e dispositivi diversi. L ipotesi è che, apprezzata la capacità trasformativa ed innovativa delle migrazioni, il potenziale delle forme di socialità da queste prodotte, la strumentalità politica (oltre che economica) della mobilità, la tendenza sia quella di articolare un sistema di governance basato sulla selezione, sulla formalizzazione delle forme organizzative e di socialità delle migrazioni, al fine di responsabilizzare le stesse per lo sviluppo delle comunità e dei territori di origine, il controllo della mobilità, l integrazione nell economia transnazionale.

5 Migrazioni per lo sviluppo 51 L evoluzione del rapporto tra migrazioni e sviluppo Il rapporto tra migrazioni e sviluppo è stato oggetto di studi e di interpretazioni che, a partire dagli anni 50 e 60, hanno visto contrapporsi visioni ispirate alla teoria economia neoclassica e quelle invece di matrice storico-strutturalista. Nel modello neo-classico, il migrante è un individuo che compie una scelta razionale calcolando costi e benefici relativi al rimanere nel contesto di appartenenza oppure al partire. Le sue considerazioni pesano soprattutto vantaggi/svantaggi economici in termini di condizioni salariali ed opportunità di impiego. La teoria neoclassica interpreta le migrazioni inizialmente quelle rurali verso i contesti urbani in stressa relazione con i processi di modernizzazione e di sviluppo che, nel lungo periodo, perverranno alla rimozione degli stessi fattori migratori. Questo modello interpretativo è collocato entro il paradigma funzionalista dell analisi sociale dal momento che, sulla base del pareggiamento del prezzo dei fattori (factor price equalization) i- gnorando l esistenza di imperfezioni di mercato o di ogni tipo di condizionamento strutturale si assume che le forze economiche tendano automaticamente ad un equilibrio. Le migrazioni sono parte di questo ingranaggio che, migliorando gli squilibri di mercato, i differenziali di reddito, l allocazione dei fattori produttivi, non può che contribuire allo sviluppo dei paesi di partenza. Gli assunti qui sintetizzati sono alla base degli approcci push-pull, per cui fattori di spinta e di attrazione presiedono all origine e organizzazione delle migrazioni. Tale visione, giudicata astorica, individualista ed eurocentrica, ha trovato un opposizione critica nell elaborazione dell approccio storicostrutturalista, che affonda invece le sue radici nell analisi neomarxista dello sviluppo ed in particolare nelle teoria della dipendenza, elaborata a partire dagli anni 60 dagli studiosi della CEPAL (Comisión Económica para América Latina y el Caribe). Questo approccio legge le migrazioni come il prodotto delle condizioni di sottosviluppo determinate dall espansione capitalistica, che nel suo progredire ha strutturato una economia mondo, con un centro (sede dei processi di accumulazione) e

6 52 Alessandra Corrado delle periferie (in cui avviene l estrazione di risorse). Le migrazioni sono interpretate come escrescenza naturale delle distruzioni e dislocazioni intrinseche al processo dell accumulazione capitalistica: la penetrazione capitalistica nelle periferie e la sussunzione delle forme di riproduzioni preesistenti sono alla base dei processi di proletarizzazione. Le migrazioni sono lette come la modalità attraverso la quale mobilitare forza lavoro a basso costo da immettere nel sistema della valorizzazione e, allo stesso tempo, riprodurre le condizioni di scambio ineguale e dunque di sottosviluppo, con cui le periferie sono incorporate nell economia mondo. Questo processo di drenaggio delle risorse è evidentemente l opposto del pareggiamento o del riequilibrio ipotizzato dalla teoria neoclassica: invece di circolare nella direzione opposta a quella del capitale, come predetto dalla teoria neo-classica, l idea in questo caso è che il lavoro segua la direzione del capitale. L approccio strutturalista è stato a sua volta criticato per il carattere deterministico e rigido, soprattutto nell interpretare i migranti come vittime o pedine mosse dalle forze di mercato, completamente assoggettate al capitale, in grado di farne ciò che vuole. Aspetto, questo, che ha fatto anche parlare di un funzionalismo implicito alla teoria strutturalista delle migrazioni (Cohen cit. in Sivini 2000). Pertanto, volendo sintetizzare, se l approccio di matrice neo-classica legge il rapporto migrazioni-sviluppo nei termini di circolo virtuoso, di contro l approccio di matrice neo-marxista lo legge nei termini di circolo vizioso (Castles 2008b). Nel corso degli anni, molti studi sono stati prodotti, tutti per lo più riconducili ai due paradigmi principali (quello funzionalista e quello strutturalista), ai quali sono stati apportati elementi correttivi nel tentativo di renderli più aderenti alla realtà e soprattutto di adeguarli ai cambiamenti intervenuti in seguito alla crisi economica scoppiata negli anni 70 e alla ristrutturazione capitalistica intervenuta a livello globale realizzata attraverso la delocalizzazione produttiva, l organizzazione di zone di libero scambio, l implementazione di politiche neoliberiste ed il coinvolgimento di nuove aree geografiche e popolazioni nei processi di valorizzazione economica. Gli approcci della causa-

7 Migrazioni per lo sviluppo 53 zione cumulativa, delle reti, dei sistemi migratori, insieme con quelle definite come teorie della transizione (transitional teories) (de Haas 2008) in virtù del tentativo di collegare la mobilità ai processi di sviluppo e di integrazione economica hanno cercato e in parte sono riusciti ad apportare significativi aggiustamenti alle analisi formulate sulla base dei due paradigmi dominanti (Massey et al. 1998; Castels e Miller 2003; Sivini 2000, 2005), sostanzialmente collegando le dinamiche dei processi migratori con i contesti di origine e di destinazione, con i cambiamenti del sistema capitalistico, con lo sviluppo progressivo di relazioni e interconnessioni di vario tipo a livello globale. Presi insieme, essi ci sono di aiuto a comprendere come la migrazione evolve nel tempo e cambia nella sua natura, magnitudine, destinazione e selettività ed è reciprocamente collegata al più ampio processo di sviluppo. Questa prospettiva teorica è fondamentalmente in conflitto con e superiore rispetto agli statici e astorici approcci pushpull, neo-classico e strutturalista, i quali focalizzano tutti sulla erronea statica nozione per cui migrazione e sviluppo sono sostituiti piuttosto che complementi (de Haas 2008). Gli studi sulla new economics of labour migration (NELM), sulle condizioni di vita e sul transnazionalismo sono invece collocati all interno di un più ampio cambio paradigmatico relativo all analisi sociale: dai due paradigmi dominanti, quello strutturalista e quello funzionalista, ad approcci più ibridi e plurali, tendenti ad armonizzare i rapporti fra attori sociali e struttura. Questo cambiamento paradigmatico è visto all origine del sostanziale ottimismo relativo al potenziale di sviluppo delle migrazioni, e ciò in virtù: dell abilità di individui, famiglie e comunità di fronteggiare i condizionamenti strutturali; del carattere transnazionale assunto dalle migrazioni contemporanee considerandone la capacità di connessioni e l appartenenza molteplici, così come il coinvolgimento in contesti diversi e plurali attraverso una mobilità sempre più circolare ed un impiego sempre più flessibile. Tuttavia, questo cambiamento a livello

8 54 Alessandra Corrado analitico riflette in parte la svolta occorsa a livello delle politiche di sviluppo in un ottica neoliberista. De Haas ricostruisce la successione storica degli orientamenti rispetto al rapporto tra migrazione e sviluppo distinguendo a partire dal secondo dopoguerra, quattro diversi periodi: il primo fino al 1973, dominato dalle teorie della modernizzazione e neoclassica, caratterizzato da un sostanziale ottimismo rispetto alla relazione migrazione-sviluppo; il secondo, dal 1973 al 1990, contrassegnato invece dalla diffusione delle teorie strutturaliste e neomarxiste, e da un sostanziale pessimismo; il terzo, dal 1990 al 2001, che vede ancora un pessimismo persistente e la rielaborazione delle politiche di immigrazione; il quarto, dal 2001 in poi, caratterizzato da un nuovo ottimismo, in seguito al boom di studi condotti nel solco di nuovi approcci (come quello della NELM) e di un cambio di paradigma. La nuova ondata di interesse (Newland 2007) rispetto al rapporto tra migrazioni e sviluppo, soprattutto da parte delle organizzazioni sovranazionali e internazionali 1, deriva in primo luogo dall apprezzamento dei trasferimenti di risorse di tipo finanziario, ma anche sociale e cognitivo, veicolato attraverso le migrazioni. Si è così nutrita una crescente aspirazione anche da parte di governi nazionali e agenzie di sviluppo ad andare oltre le rimesse (Newland and Patrick 2004) e a supportare l impegno transnazionale di individui e collettività migranti per lo sviluppo dei paesi di origine, a mobilitare i migranti per la cooperazione allo sviluppo. 1 Per una rassegna dei principali interventi e programmi promossi dalle Istituzioni Internazionali per l analisi delle connessioni tra migrazioni e sviluppo e l implementazione di progetti di cooperazione ad hoc si veda de Haas Tra le iniziative più significative è in ogni caso possibile citare il programma Migration for Development in Africa (MIDA), lanciato nel 2001dall OIM in collaborazione con l Organization of African Unity (OAU); a partire dalla fine del 2003, è poi promossa la Global Commission on International Migration (GCIM), organismo indipendente supportato da un core group di 32 stati e incaricato di formulare raccomandazioni per la governance delle migrazioni internazionali; e poi, ancora, il United Nation High Level Dialogue on Migration and Development.

9 Migrazioni per lo sviluppo 55 Il nuovo consenso intorno al nesso migrazioni-sviluppo Un nuovo consenso intorno al nesso migrazioni-sviluppo si è progressivamente affermato (Nyberg-Sørensen et al. 2002). Vi hanno contribuito: il carattere transnazionale delle pratiche migranti, la crescita esponenziale delle rimesse, la mobilitazione e l impegno delle diaspore spesso organizzate in forme associative. Questi fattori hanno prodotto una svolta transnazionale anche nelle analisi (Levitt e Nyberg-Sørensen 2004), facendo ritenere che i migranti e le loro organizzazioni possano essere importanti partners nell implementazione di iniziative di sviluppo e di cooperazione. L accezione originaria della prospettiva transnazionale da conto del processo mediante il quale i migranti costruiscono campi sociali che legano insieme il paese d origine e quello di insediamento (Glick Schiller et al., 1992: 1), ponendo al centro i legami, gli spostamenti e le attività che connettono i migranti con i luoghi d origine e con altri terminali dei movimenti di persone e famiglie. Il transnazionalismo porta così alla luce le innovazioni prodotte dai migranti attraverso il loro coinvolgimento simultaneo in più contesti. La portata dell approccio può essere apprezzata valutando non tanto la dimensione spaziale e l evidenza data alle connessioni prodotte dalle migrazioni, quanto la produzione autonoma di attività e processi che riescono a trasformare le condizioni strutturali, ovvero ad erodere le strategie di potere e di controllo delle differenze proprie degli stati nazione (Castles 2004). Tuttavia, nell interpretazione progressivamente elaborata nell ambito della new economics of labor migrations, l intersezione tra transazionalismo e sviluppo è ricavata soprattutto nell investimento e nel commercio veicolati dai migranti, quali fattori critici per la crescita e la modernizzazione. Orozco et al. (2005) derivano la definizione di una integrazione transnazionale, dando evidenza della funzionalità del lavoro migrante, della mobilità all interno dell economia globale, di cui il migrante diviene collante, proprio in virtù della capacità di partecipazione, di consumo e di investimento.

10 56 Alessandra Corrado All interno di questo framework, le rimesse sono appunto interpretate come una manifestazione di una più ampia integrazione economica a livello globale. Gli studi prodotti hanno poi evidenziato la maggiore efficacia delle rimesse ai fini della redistribuzione del reddito, della riduzione della povertà e della crescita economica soprattutto a confronto con i mastodontici e burocratici programmi di aiuti allo sviluppo. In breve, le rimesse dei migranti sono valutate sempre più come una forma ideale di finanza ed innovazione per lo sviluppo dal basso. Secondo Kapur (2003), le migrazioni e le rimesse sono attualmente percepite dalle diverse organizzazioni, internazionali, governative e non governative come il nuovo mantra dello sviluppo, con un euforia tale da giustificarsi come reazione ai fallimenti dei precedenti strumenti come fu già per i flussi di capitali privati a metà degli anni 90. Lo stesso evidenzia come tale enfasi sulle rimesse si iscriva in un approccio comunitario, da terza via, rispecchiando il principio del self-help: i migranti si configurano così come nuovi donors di una forma privata di aiuto estero. Tuttavia, questo ottimismo risulta fortemente ideologico, considerandone la coerenza con il pensiero neoliberista dominante, e chiede piuttosto di interrogarsi sugli effetti destabilizzanti che anche le rimesse possono avere a livello globale. Il modello win-win al quale si ispira l approccio delle Istituzioni Internazionali e sempre più anche quello dell Unione Europea (CEC 2005) tralasciando le cause originarie, in sostanza postula che le migrazioni producano benefici, sia per i paesi di partenza, sia per quelli di arrivo. Il legame tra migrazioni e sviluppo si baserebbe sull attivazione del circolo virtuoso delle 3R: reclutamento, rimesse e ritorni. La prospettiva della migrazione circolare (Agunias 2006) dovrebbe ispirare le politiche degli stati e ad essa dovrebbe essere costretta l'esperienza dei migranti, ovvero la mobilità dovrebbe essere regolata in rapporto ai vincoli ed alle potenzialità di movimento del capitale produttivo e in funzione della crescita economica. Secondo Vitale (2005), questo è l assunto principale di un modello di regolazione che ha come finalità il controllo della riproduzione del proletariato mondiale e la trasformazione delle migrazioni in

11 Migrazioni per lo sviluppo 57 forza valorizzatrice del capitale. Ad ispirarlo vi sarebbe la nuova teoria della crescita economica della Banca Mondiale, fondata sulla produttività del lavoro e sul capitale finanziario (Collier e Dollar 2003). Sulla base della prospettiva delle 3R possono dunque meglio comprendersi i regimi delle politiche migratorie-di sviluppo, implementati attraverso le politiche nazionali o gli accordi transnazionali. I discorsi sugli skills e sul braindrain giustificano, da un lato, la chiusura all immigrazione dequalificata (almeno regolare), l incentivazione a quella selezionata e temporanea (si vedano le riforme di legge promosse in USA e Francia) e, dall altro, la previsione del ritorno nei paesi di origine. Per le rimesse, invece, si incoraggia l investimento produttivo o la canalizzazione produttiva da ciò anche il sostegno alla bancarizzazione delle stesse. L apertura alle migrazioni è perciò interpreta dall analisi strutturalista come rispondente ad una nuova divisione internazionale del lavoro funzionale all istanza imperiale di crescita globale (Vitale 2005). Nel contempo, paradossalmente, le politiche migratorie nazionali continuano a produrre condizioni di irregolarità e contribuiscono ad una clandestinizzazione a livello sociale. Il risultato è quindi uno scenario complesso in cui, se da una parte si incentiva la valorizzazione economica di una mobilità selezionata e qualificata, dall altra si producono condizioni di invisibilizzazione sociale e di discriminazione delle migrazioni. Il co-sviluppo come campo del politico All interno di questo modello, il concetto di co-sviluppo è stato progressivamente assunto a sottolineare il ruolo delle migrazioni per lo sviluppo, tanto dei paesi di origine che per quelli di destinazione. Utilizzato per decifrare le forme di cooperazione e di organizzazione collettiva spontaneamente prodotte dalle migrazioni per sovvenire ai propri bisogni (Daum 1994, 1997, 1998; Sivini 2000; Quiminal 1992, 1994) e definibili in termini di innovazione sociale, il concetto di co-sviluppo è stato progressivamente appropriato dalla retorica politico-

12 58 Alessandra Corrado istituzionale, per indicare forme di cooperazione diverse, che si iscrivono invece nel disegno di un sistema di governance articolato attraverso politiche, programmi e dispositivi specifici. La natura e gli obiettivi di questi strumenti di co-sviluppo differiscono in funzione del livello di messa in opera. A livello degli Stati, il co-sviluppo si iscrive per lo più nella strategia globale di controllo dei flussi; a livello delle collettività locali, invece, esso può mirare: a) all inserimento delle popolazioni migranti nel territorio di accoglienza; b) all internazionalizzazione o integrazione economica dei territori coinvolti. Guardando alle esperienze europee, se la Gran Bretagna tenta di integrare le migrazioni nella sua politica di cooperazione allo sviluppo, sono la Spagna, l Italia e dapprima la Francia ad avere esplicitamente adottato il co-sviluppo in una prospettiva di gestione dei flussi migratori, ma a sperimentare anche forme di cooperazione decentrata nei territori locali. L esempio francese fa scuola Il concetto di co-sviluppo fu introdotto in Francia nel corso degli anni 70, nei circoli terzomondisti del partito socialista. Dal 1977 al 1986, l obiettivo di queste politiche è stato quello di ridurre la popolazione immigrata stimolandone il ritorno attraverso programmi di aiuto al ritorno (aide au retour, ) e di aiuto al reinserimento (aide à la réinsertion, fino al 1983). I principali strumenti utilizzati consistevano in bonus concessi ai migranti per promuovere nuove condizioni di esistenza oppure nell offerta di formazione professionale prima del ritorno. Tuttavia, pochi migranti hanno partecipato a questi programmi e per la maggior parte si è trattato di portoghesi e spagnoli rientrati nei rispettivi paesi in seguito ai processi di democratizzazione e di rilancio economico. Progressivamente, le politiche esplicite di ritorno sono state abbandonate e dal 1986 i discorsi politici si sono focalizzati sull aiuto allo sviluppo come strumento utile per ridurre la pressione migratoria nei paesi di origine. Tuttavia, sebbene il ritorno non si configura più come il principale strumento di intervento, la prospettiva sottostante resta quella di ridurre le migrazioni strumentalizzando l aiuto. Un

13 Migrazioni per lo sviluppo 59 ruolo nuovo viene così attribuito alle associazioni della diaspora orientate ai problemi dello sviluppo le OSIM (Organisations de Solidarité Internationale Issues des Migrations) la cui cooperazione nelle politiche di sviluppo viene giudicata necessaria al fine di governare i flussi migratori 2. Nel 1991, viene nominato un responsabile inter-ministeriale per il reinserimento e la cooperazione all interno dell ufficio del Primo Ministro e, nel 1995, viene lanciato il Programme Développement Local Migration (PDLM), come prima misura concreta nella prospettiva odierna delle politiche di co-sviluppo. Il Programma che si ispira in particolare al significativo contributo della migrazione senegalese e maliana allo sviluppo a- gricolo nella valle del fiume Senegal si propone di facilitare progetti di sviluppo locale e di offrire aiuto, individuando e raccordando partners progettuali come le OSIM, municipalità gemellate e Ong di sviluppo. Un secondo asse del programma prevede supporto tecnico e finanziario per progetti individuali di ritorno. Questi programmi hanno promosso il ritorno di migranti senegalesi e maliani, fornendo assistenza per il reinserimento, nella forma di crediti per l investimento economico o di programmi di formazione, ecc. (Raunet 2005). La novità dei PDLM deriva dunque dall aver sostituito, come finalità delle politiche migratorie e di sviluppo, il rientro dei migranti nei paesi di origine ovvero l inversione dei flussi migratori con l arresto delle migrazioni stesse attraverso lo sviluppo. Queste politiche si basano infatti sul presupposto per cui lo sviluppo delle zone di partenza può fornire un alternativa all emigrazione e perciò contribuire alla diminuzione dei flussi (Daum 1998). Le debolezze di questo programma derivano non solo delle limitate risorse messe a disposizione, quanto soprattutto dall ignorare il fatto che lo sviluppo e le trasformazioni socio-economiche prodotte tendono ad essere associate ad un 2 Il Forim è il risulato di questa visione. Si tratta di una piattaforma associativa di OSIM creata nel 2001 e incaricata di rappresentare le organizzazioni di migranti di fronte a partners pubblici e privati.

14 60 Alessandra Corrado aumento delle migrazioni stesse, almeno del breve-medio periodo (Lacroix 2009). È nel 1997 che, nell ambito della missione interministeriale Migratoins et codéveloppement, il rapporto prodotto da Samir Nair da al termine co-sviluppo l accezione corrente. Lo studioso chiarisce che il co-sviluppo non ha per obiettivo il ritorno dei migranti e che non vi è da aspettarsi il governo dei flussi attraverso lo sviluppo dei paesi di origine. L aspetto principale posto in evidenza è invece il ruolo del migrante come attore consapevole di sviluppo. Il rapporto contiene i fermenti di una politica multiforme di aiuto, finalizzata soprattutto a rafforzare l integrazione in Francia pur favorendo la solidarietà attiva con i paesi di origine, a creare le condizioni sociali per aiutare i potenziali migranti a rimanere (Nair 1997: 3). Viene così definita una politica sfaccettata, che include non solo l amministrazione centrale, ma anche le collettività territoriali, le associazioni, le imprese e le università. Sulla base delle raccomandazioni del rapporto Nair, è creata la MICOMI (Mission Interministérielle Codéveloppement et Migrations Internationales) incaricata di realizzare i dispositivi della nuova politica. Tuttavia, a partire dal 1998, l azione di quest organismo viene minata nella sua credibilità soprattutto di fronte alle OSIM dal momento che il governo incarica lo stesso di accompagnare il ritorno dei respinti dell onda di regolarizzazione occorsa nello stesso anno (ne è lo strumento il Contrat de Réinsertion dans le Pays d Origine, CRPO). Nel 2002, il nuovo governo rimpiazza la MICOMI con un Ambasciatore al co-sviluppo, incaricato di negoziare l organizzazione di nuovi dispositivi con i paesi di origine. Collegato amministrativamente alla segreteria generale del Ministero degli Affari Esteri, egli ha un ruolo di progettazione, coordinazione, di dialogo con le associazioni dei migranti; la realizzazione dei progetti è assicurata attraverso i servizi del ministero. Nel 2003, il governo fissa le linee generali della nuova politica di co-sviluppo. Essa è strutturata intorno a tre assi: a) l appoggio ai progetti di sviluppo promossi dai migranti nei paesi di origine (con o senza il ritorno da parte degli interessati); b) la mobilitazione delle competenze dei migranti qualificati; c)

15 Migrazioni per lo sviluppo 61 la mobilitazione del risparmio dei migranti facilitando i trasferimenti monetari 3. Nel 2006, la creazione di un nuovo Ministero dell Immigrazione, dell Identità Nazionale e del Co-sviluppo (poi tramutato in Sviluppo Solidale), da parte di Nicolas Sarkozy, è l ultima tappa di questa evoluzione della politica francese di co-sviluppo, esplicitamente finalizzata ad una migliore gestione dei flussi migratori (MIINDS 2009). I fallimenti della politica nazionale di co-sviluppo sono però denunciati dallo stesso Nair, constatando soprattutto i limiti alla libertà di circolazione: Nous avions promis aux Etats africains de construire avec eux une telle politique, fondée sur des mécanismes précis: le financement des microprojets, une relative liberté de circulation pour certaines catégories de population, l'augmentation du nombre de visas pour les étudiants et la possibilité pour eux de retourner dans leur pays d'origine sans perdre le droit de revenir en France. Il s'agissait aussi de former des travailleurs dans des secteurs correspondant à l'intérêt de ces pays : l'hôtellerie, le tourisme... L'idée était de fixer, en concertation avec les pays d'origine, des contingents de personnes qui viendraient se former et qui repartiraient chez eux, mais en conservant la possibilité de revenir en France 4. Bayart (2007) va oltre, definendo la nozione di co-sviluppo nei termini di una finzione, in quanto: tiene a distanza i migranti assegnandogli uno spazio, quello dello sviluppo del loro villaggio, e interdicendogli altri spazi, quelli della cittadinanza nella loro società di accoglienza e dell accumulazione nell economia globale; indigenizza l Africa; funge da ingranaggio dell amministrazione indiretta del limes maghrebino e saheliano dell Europa, verso il quale la stessa esternalizza la sua politica anti-immigrazione con un briciolo di carità interessata ; asservisce l aiuto al ministero degli Interni. In pratica, per Bayart, si tratta di una compensazione ruffiana che si concede 3 In quest ottica, il ministero della cooperazione ha promosso la creazione di un sito internet (www.envoidargent.fr) per fornire informazioni relative al trasferimento di denaro. 4 «Sami Naïr Les migrations, une chance pour l'économie», Le Monde, 26 novembre 2006.

16 62 Alessandra Corrado ad un domestico divenuto importuno perché si allontani senza chiasso. Il co-sviluppo nella politica europea di gestione delle migrazioni A partire dall entrata in vigore del Trattato di Amsterdam nel 1999, anche il dibattito politico europeo volto a conciliare le politiche migratorie con le politiche di sviluppo ha conosciuto una profonda evoluzione. In occasione del Consiglio Europeo straordinario di Tampere il concetto di co-sviluppo viene introdotto a livello europeo, menzionato nell ambito delle cinque linee del new comprehensive approach che caratterizza la nuova politica migratoria europea nell ottica della costruzione di uno spazio comune di libertà, giustizia e sicurezza : a) nuovi canali per l immigrazione legale; b) lotta all immigrazione illegale; c) politiche di immigrazione a largo spettro; d) partnership con i paesi di origine; e) ammissione per ragioni umanitarie. Su queste basi è costruita la Fortezza Europa e orientata la nuova politica di cooperazione allo sviluppo. Il pacchetto partenariato comprende difatti un doppio fine: una gestione concertata dei flussi, con facilitazioni per le migrazioni economiche e forme di cooperazione allo sviluppo. I paesi partners sono così investiti del controllo delle migrazioni illegali come paesi di transito o di partenza attraverso la firma di accordi di rimpatrio. La maggior parte dei finanziamenti per i programmi relativi alle migrazioni riguarda tuttavia essenzialmente la gestione dei flussi. A quel tempo, nell ambito del Consiglio prevaleva ancora l idea che l emigrazione economica fosse essenzialmente una conseguenza della povertà. Ne derivava un root causes approach a fondamento delle azioni di cooperazione allo sviluppo, finalizzate in sostanza ad una riduzione della pressione migratoria. Nell arco di meno di dieci anni, il root causes approach è stato gradualmente integrato dalla tesi del migration hump, secondo la quale lo sviluppo (nelle sue fasi iniziali) non riduce, ma piuttosto favorisce la crescita dei flussi migratori. È solo nel lungo periodo, e quando i differenziali di sviluppo si riducono

17 Migrazioni per lo sviluppo 63 significativamente, che i flussi decrescono. Il root causes approach non viene abbandonato, ma orientato piuttosto sul lungo periodo. Se si analizzano inoltre i documenti della Commissione (a partire dal 2002) sono individuabili tre punti di vista: il primo prevede che il controllo della migrazione non deve pervadere l intera politica di sviluppo della Commissione Europea; il secondo prevede che le quote di immigrazione legale vengano considerate uno strumento di mobilità per ridurre le pressioni migratorie illegali; il terzo considera la mobilità come una essenziale risorsa per lo sviluppo e a tal proposito incoraggia la previsione di politiche che stimolano quanto più possibile la circolarità della migrazione (Caso 2007). Soppesate non solo le opportunità di sviluppo per i paesi di provenienza, ma soprattutto l esigenza di una stabilità economica in un contesto di declino demografico come quello europeo, il dibattito sulle politiche migratorie e di cooperazione passa quindi da una logica di riduzione della pressione migratoria (more development for less migration) a una logica di massimizzare dell impatto positivo delle migrazioni, sia negli stati di provenienza che in quelli di destinazione (better migration for more developmen) (Pastore 2007). La comunicazione della Commissione sul rapporto tra migrazioni e sviluppo del settembre 2005 lascia di fatto emergere una precisa consapevolezza in merito alla stretta relazione tra mobilità (interna e internazionale) delle persone e sviluppo socio-economico. Le cooperazione europea, rielaborata nell ottica donordonor, adotta pertanto due principali strumenti: la politica europea di vicinato (PEV) e la politica di co-sviluppo. LA PEV ha come obiettivo quello di far condividere ai paesi vicini, a est e a sud dell Unione Europea, i benefici dell allargamento, al fine di «rinforzare la stabilità, la sicurezza ed il benessere dell insieme delle popolazioni interessate» sulla base di un impegno reciproco in favore di valori comuni (good governance, rispetto dei diritti dell uomo, promozione dei principi dell economia di mercato, ecc.). La PEV rappresenta il quadro strategico per l intensificazione della cooperazione con i paesi prossimi, so-

18 64 Alessandra Corrado prattutto nei campi dell immigrazione e dell asilo politico, di fatto permettendo di realizzare un sistema di cogestione delle frontiere basato sulla delocalizzazione dei controlli all esterno delle frontiere UE, sui territori vicini. La politica di co-sviluppo è invece rivolta ai paesi in via di sviluppo, nel tentativo di evidenziare una rottura con il carattere unilaterale che tradizionalmente ha caratterizzato la cooperazione europea (si vedano in proposito anche gli Accordi di Cotonou siglati nel 2000 con i paesi ACP). A partire dal 2006, sono state così organizzate numerose conferenze governative tra rappresentanti dell UE e dei paesi del Sud, intorno alla tematica migrazioni e sviluppo. Tuttavia, nonostante l evoluzione della posizione delle Istituzioni comunitarie, ridefinita nell ottica di un approccio globale sulle migrazioni 5 e coerentemente con dell approccio del triple win così come proposto dalle Nazioni Unite 6, le questioni legate alla sicurezza delle frontiere occupano un posto preponderante nelle relazioni che l UE intende strutturare con i paesi di provenienza delle migrazioni 7. Il piano di azione adottato a Rabat nel 2006, nel corso del primo di questi incontri, è composto di tre assi: a) la promozione dello sviluppo, attraverso strumenti finanziari che favoriscono il co-sviluppo; b) la migrazione legale, attraverso la promozione di programmi di cooperazione; c) la repressione dell immigrazione irregolare, attraverso il rafforzamento della capacità di controllo delle frontiere nazionali dei paesi di transito e di partenza. 5 European Commission s Communication The Global Approach to Migration one year on: Towards a comprehensive European migration policy (COM(2006) 735 final) e European Commission s Communication Strengthening the Global Approach to Migration: Increasing Coordination, Coherence and Synergies (COM(2008) 611/3). 6 L espressione triple win venne utilizzata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, in occasione del High-Level Dialogue of the General Assembly on International Migrations and Development, tenutosi a New York nel Settembre 2006, per sottolineare i benefici derivanti dale migrazioni: per i paesi di origine e per quelli di arrive, ma anche per il migrante stesso. 7 Dall analisi delle prospettive finanziarie emerge che la componente di controllo dei flussi resta ancora prevalente: gli stanziamenti in materia di spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia sono oggi attribuiti per oltre il 60% al Fondo per le frontiere esterne (Caso 2007).

19 Migrazioni per lo sviluppo 65 In questo quadro, il dialogo politico permette di includere le condizionalità sotto forma di pacchetti globali win-win o di partenariati donor-donor, che in realtà mascherano veri e propri atteggiamenti ricattatori, strumentalizzando di fatto il sostegno allo sviluppo e gli accordi commerciali (Duvell 2004: 34-35), ma soprattutto sempre più offuscando le questioni relative al riconoscimento dei diritti, ovvero il trattamento riservato a migranti, rifugiati politici e richiedenti asilo catturati, imprigionati o deportati 8. Gli approcci delle politiche nazionali di Italia, Spagna e Gran Bretagna L approccio europeo appare recepito nei suoi aspetti di gestione delle frontiere da due dei paesi membri tra quelli maggiormente interessati dai nuovi processi migratori e dagli arrivi irregolari via mare: Spagna e Italia. Entrambi i paesi promuovono politiche di co-sviluppo a livello sia centrale che territoriale, ma evidenziando differenze sostanziali. In Spagna, l amministrazione centrale percepisce il cosviluppo come uno strumento di governo dei flussi, ma anche di sviluppo delle regioni di origine e di aiuto al ritorno. Alcune misure sono infatti orientate verso i paesi di provenienza (ritorno, utilizzazione razionale dei trasferimenti di denaro, rafforzamento dell investimento produttivo). L integrazione è una tematica assente dai dispositivi predisposti a livello nazionale. Tra i prodotti più significativi dell approccio nazionale spagnolo vi sono gli accordi promossi con il Senegal. Dopo una lunga negoziazione, alla fine del 2006, il governo senegalese ha infatti accettato un accordo di cooperazione nell ambito della gestione dei flussi migratori, comprendente la riammissione dei senegalesi arrivati alle isole Canarie. Allo stesso tempo vi si prevede la 8 Si vedano in particolare le critiche mosse alla Direttiva rimpatri approvata dalla Commissione Europea nel giugno 2008 e definita anche direttiva della vergogna. Uno dei punti più allarmanti è l apertura alla possibilità di deportazione dei migranti irregolari nei paesi di transito, ai quali l Unione Europea si impegna a corrispondere stanziamenti per blindare le frontiere e per la successiva deportazione verso i paesi di provenienza (Cfr La Cimade 2009).

20 66 Alessandra Corrado realizzazione di un dispositivo di controllo delle coste senegalesi, tanto nel quadro delle operazioni dell agenzia europea Frontex responsabile del coordinamento delle attività dei corpi di polizia degli stati membri per il controllo dei confini esterni dell Unione europea che nel quadro di accordi bilaterali. In cambio, il governo spagnolo ha messo a disposizione un credito di 20 milioni di euro di aiuto allo sviluppo che il presidente Abdoulaye Wade ha orientato verso il piano Reva (Retour vers l agriculture). Questo piano prevede anche il ritorno dei migranti senegalesi presenti in Spagna e in Europa per contribuire a sviluppare l agricoltura del paese. Annunciato con grande enfasi dal presidente Wade in piena campagna elettorale presidenziale, con la promessa di nuovi posti di lavoro, questo piano di sviluppo ha dunque anche il fine di rafforzare la politica emigrazione clandestina zero, in virtù del suo condizionamento ad azioni più restrittive nella gestione dei flussi migratori. Tra gli accordi di cooperazione siglati dall Italia, invece, quello con la Libia, in cui la lotta alle migrazioni irregolari o clandestine e dunque la gestione delle frontiere appaiono essere strumenti di scambio fondamentali, è di certo il più significativo. L accordo, inizialmente promosso dal governo di centrosinistra guidato da Prodi, venne siglato nel 2007 dall allora ministro Amato, prevedendo: la cessione temporanea alla Libia di sei navi della Guardia di Finanza, l impegno congiunto di una task force italo-libica per contrastare l immigrazione clandestina nelle acque territoriali libiche, l istituzione di un comando operativo interforze per coordinare gli interventi di pattugliamento 9. Alla fine del mese di agosto 2008, un ulteriore e ben più articolato accordo è stato definito dall incontro tra Berlusconi e Gheddafi, con il pretesto formale di chiudere il contenzioso sul risarcimento del colonialismo in Tripolitania e Cirenaica. In base a questo accordo, l Italia si è impegnata per un ammontare di 5 miliardi di dollari, da erogare in 25 anni, per fi- 9 Gheddafi aveva già ottenuto dall Italia un impegno per la revoca dell embargo da parte dell Unione Europea, arrivata poi nel 2004.

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Migrazione e sviluppo: la politica europea

Migrazione e sviluppo: la politica europea P P Comunicazione Raffaele Caso Migrazione e sviluppo: la politica europea L attenzione in Italia e all estero sul tema delle migrazioni è cresciuta notevolmente negli ultimi anni. In seno alle Nazioni

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 SERVIZI NON FINANZIARI A SUPPORTO DELLA CREAZIONE D IMPRESA IN GHANA E SENEGAL DA PARTE DI IMMIGRATI REGOLARMENTE RESIDENTI IN ITALIA Codice di riferimento: MIDA- 01- BDS

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale

Corso di Laurea Magistrale LM59. Scienze della comunicazione pubblica e sociale Corso di Laurea Magistrale LM59 Scienze della comunicazione pubblica e sociale Insegnamento: Cooperazione sanitaria internazionale Conoscenze e abilità da conseguire L evoluzione degli scenari economici

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana.

Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Flussi migratori ed internazionalizzazione dell economia italiana. Marina Murat Prof. di Economia Internazionale Università di Modena e Reggio Emilia marina.murat@unimore.it Migrazioni, immigrati, emigrati.

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Diritti, comunità e collaborazione tra cinema sociale e arti performative 9a edizione speciale per l Anno

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-04-2013 (punto N 6 ) Delibera N 299 del 29-04-2013 Proponente ENRICO ROSSI DIREZIONE GENERALE PRESIDENZA Pubblicita /Pubblicazione

Dettagli

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana.

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Premessa Con il presente documento, le Organizzazioni aderenti al CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali - desiderano

Dettagli

FINALITÀ E STRATEGIE 1

FINALITÀ E STRATEGIE 1 Associazione europea per la solidarietà e la cooperazione internazionale con il Sud del mondo FINALITÀ E STRATEGIE 1 PREMESSA L'approccio di Fratelli dell'uomo e delle organizzazioni sociali con cui l'associazione

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

DICHIARAZIONE MONDIALE SULLA COOPERAZIONE DI LAVORO ASSOCIATO

DICHIARAZIONE MONDIALE SULLA COOPERAZIONE DI LAVORO ASSOCIATO Organizzazione Internazionale delle Cooperative di Produzione Industriale, dell Artigianato e dei Servizi Organizzazione settoriale dell Alleanza Cooperativa Internazionale (ICA) DICHIARAZIONE MONDIALE

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Da Lampedusa alla coscienza europea. Dopo il naufragio di Lampedusa avvenuto il 3 ottobre 2013, dove persero la vita circa 366 migranti, il governo italiano

Dettagli

The PURPLE revolution?

The PURPLE revolution? La nuova disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo Legge n.25 del 4 agosto 204 Legge agosto 204, n. 25. The PURPLE revolution? B www.bolodewo.com 2 Una riforma lunga 30 anni

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol DIREZIONE VITA E FINANZA I valori del Prodotto Vita Unipol valori Unipol 1 Indice SEZIONE ASPETTI GENERALI 4 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4 2. VALORI UNIPOL 5 2.1. VALORE DEL PRODOTTO 5 2.2. EQUITÀ 6 2.3.

Dettagli

L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo

L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo Promuovere il Co-sviluppo nella Cooperazione Internazionale della Regione Toscana Firenze, 19 aprile 2011 L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo Anna Ferro CeSPI Centro Studi Politica Internazionale

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione

Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione Le nuove strade della cooperazione per costruire i processi di cosviluppo nella lotta alla povertà e il ruolo dell immigrazione di Michele Candotti e Laura Ciacci 1 Negli ultimi anni, la cooperazione ha

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 CORSO INTENSIVO DI ALTA FORMAZIONE MEDIAZIONE INTERCULTURALE E GESTIONE DEI SERVIZI PER L IMMIGRAZIONE CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 DA LUNEDÌ 25 A VENERDÌ 29 MAGGIO 2015 in partnership

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli