Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno"

Transcript

1 Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno 259

2 INDICE CAP. VI STUDI DI CASO E STORIE DI VITA PROFESSIONALI VI. 1) LA METODOLOGIA ADOTTATA VI.2) GLI STUDI DI CASO VI.3) LE STORIE DI VITA PROFESSIONALE CAP. VII - CONCLUSIONI VII.1) LO SCENARIO ATTUALE VII.2) IPOTESI DI CAMBIAMENTO VII.3) FOCUS SULLA VARIABILE FORMAZIONE

3 Cap. VI Studi di caso e storie di vita professionali VI. 1) La metodologia adottata Nella realizzazione dell indagine che si riferisce alle storie di vita professionale ed ai casi aziendali, si è ritenuto opportuno indirizzare la raccolta dei dati verso informazioni il più possibile oggettivabili, ricavabili attraverso uno specifico utilizzo di tale metodo, senza però che ne sia sminuita o cancellata l'importanza per quanto riguarda il singolo caso. Pertanto, gli stessi dati, utilizzati in chiave quantitativa, possono essere interpretati in chiave qualitativa seguendo altri percorsi di utilizzo e di lettura delle stesse informazioni. Poiché, com'è noto, una buona elaborazione delle informazioni dipende, in larga misura, da una corretta raccolta dati, in questa occasione è stata posta grande attenzione a costruire lo strumento di rilevazione qualitativo in modo che da esso fosse possibile derivare tutte le informazioni possibili e comunque tutto ciò che può apparire utile, per le finalità di elaborazione in chiave di situazioni oggettivabili. Da questa scelta discende anche l'introduzione nella griglia di intervista di alcuni "vincoli", vale a dire alcuni meccanismi di "specificazione" e di "strutturazione" dello strumento, capaci di restringere in modo significativo le "possibilità di fuga" dell'intervistato. Ciò al fine di indirizzare le risposte degli intervistati lungo canali predefiniti. In una condizione alternativa di totale autonomia dell'intervistato, infatti, il materiale qualitativo espresso tende difficilmente ad essere riconducibile a classi (o categorie di dati) ben definite, le variabili risultano troppo eterogenee, non confrontabili né omogeneizzabili, né riconducili a tipologie simili (evenienza molto frequente quando si privilegia l'uso di strumento di rilevazione qualitativa) con una polverizzazione di variabili ed una impossibilità assoluta di ipotizzare tendenze. Al contrario, là dove vengono posti alcuni "vincoli" è possibile operare in direzione di una riorganizzazione dei dati per "categorie omogenee". Il che permette poi, con maggiore facilità ed attendibilità, di quantificare eventuali "tendenze". Il risultato che intende raggiungere, quindi, questa fase di indagine è duplice:?? ottenere storie di vita confrontabili, sommabili e leggibili, in quanto questo consente poi di codificare ogni notizia secondo un codice definito; 261

4 ?? restituire informazioni largamente utilizzabili. Quanto più le informazioni seguono un modello chiaramente definito, lineare nel tempo, strutturato in tappe e situazioni precise, tanto maggiore risulta elevato il loro utilizzo. La metodologia di studio applicata ha previsto che le storie di vita professionali esaminate abbiano riguardato, in larga parte, lavoratori inseriti in contesti organizzativi che sono stati oggetto delle analisi di caso, utilizzando, perciò, strumenti sinergici tra queste due indagini al fine di potenziare, attraverso l'interfaccia tra i vari strumenti, le possibilità di tracciare tendenze evolutive rispetto alla domanda di lavoro interinale. Tenuto conto degli obiettivi della ricerca si è cercato di individuare gli strumenti di metodo più adeguati per entrare nei contesti di azione di interesse per l'indagine, comprenderne le dinamiche e recuperare le informazioni ed i dati utili. Sono state pertanto previste due tracce per la raccolta delle storie di vita, una da utilizzare nei colloqui con i lavoratori interinali e l'altra da utilizzare nei colloqui con gli imprenditori che sono a capo delle aziende nelle quali gli stessi operano e che saranno oggetto delle analisi di caso. Sono stati inoltre messi a punto gli strumenti per lo studio di caso privilegiando, in particolare, i due strumenti dell'intervista e dell'osservazione. Qui di seguito, vengono illustrate le finalità ed i contenuti degli strumenti di rilevazione rivolti alla definizione delle storie di vita professionale. Nel secondo paragrafo invece, sempre con l'approccio qualitativo e con l'utilizzo delle storie di vita, riferite questa volta all'imprenditore che sovente rappresenta, in aziende di piccole dimensioni, la raffigurazione delle competenze chiave dell'impresa, verranno descritti approcci e strumenti dell'analisi di caso. Le storie di vita professionale Poiché tutte le fasi del lavoro di analisi della domanda e dell'offerta di "lavoro atipico" nella provincia di Napoli hanno contribuito anche alla elaborazione di un documento sui principali profili professionali emergenti con previsione quinquennale si è ritenuto opportuno progettare le modalità di svolgimento delle 10 storie di vita professionali, da selezionare, secondo le indicazioni del progetto, tra le esperienze maggiormente significative dei settori/comparti ritenuti strategici mantenendole in stretto rapporto con i casi di studio previsti nell'indagine. E stato, quindi, previsto che almeno alcuni dei casi, indirizzati ad indagare realtà imprenditoriali locali, fossero rivolti a piccole e medie imprese del tessuto economico della provincia di Napoli al fine di consentire una elaborazione che ponga in relazione i 262

5 diversi elementi rappresentati da contesto imprenditoriale - contesto locale - contesto organizzativo - profilo professionale - fabbisogni professionali. Tale scelta è motivata dall ipotesi di fondo dell impianto metodologico che, sul versante delle teorie di riferimento per la ricognizione dei bisogni di formazione privilegia l approccio che mette al centro dell analisi le competenze professionali nella convinzione che l ampiezza concettuale e la duttilità dell impiego della nozione di competenza possa dar conto compiutamente delle molteplici variabili (da quelle soggettive a quelle organizzative e di contesto socioeconomico) che delineano i profili professionali di attori inseriti in ambiti lavorativi dotati delle caratteristiche sopra evidenziate; Le teorie sulle competenze professionali mettono in evidenza la loro caratteristica essenziale di comportamenti organizzativi osservabili. La competenza riguarda, infatti, gli individui e ciò che fanno in contesti d'azione organizzata e può essere descritta attraverso due dimensioni concettuali di fondo: la prima di tipo cognitivo, legata alle conoscenze; la seconda, di tipo esperienziale, legata alla pratica, a ciò che gli attori fanno in contesti d'azione concreti. Da questo punto di vista, le competenze non sono riconducibili ad una semplice descrizione o denominazione formale di acquisizioni di saperi, perché in questo caso rimarrebbero troppo astratte. Al contrario, sono delimitate da requisiti di base i quali, a loro volta, non sono solo conoscenze, ma anche saperi pratici, comportamenti. Lo schema di analisi delle competenze costruito traccia una tripartizione in competenze di base, tecniche e relazionali. Le competenze di base, sono quelle date dal curriculum di studi e corrispondono a quei requisiti minimi di saperi astratti (ma anche in qualche misura di saperi pratici) senza i quali non è possibile svolgere un compito ascrivibile ad una determinata prestazione professionale. Le competenze tecniche, sono quelle che riguardano l'esercizio concreto di una pratica professionale in un campo determinato, cioè le abilità tecniche di cui un operatore dispone e che è in grado di esercitare. Man mano che ci si allontana dall inizio dell inserimento lavorativo, ci si allontana anche da un grado elevato di astrazione, si va sempre più dentro la pratica. E estremamente difficile acquisire le competenze tecniche per via di apprendimenti formali poiché esse hanno un carattere irriducibilmente contestuale: sappiamo bene quanto l efficacia di una prestazione muta con il mutare del contesto applicativo. 263

6 Lo studio di caso Dal punto di vista metodologico vale la pena sottolineare che, pur essendo ricondotta nell'ambito della ricerca qualitativa, la strategia del case study ha un carattere essenzialmente pluralistico ed eclettico: in questo senso fa riferimento all'intero bagaglio di metodi e di tecniche d'indagine tipici della ricerca sociale. Non solo dunque strumenti di tipo qualitativo, ma anche strumenti di tipo quantitativo (e nella gran parte dei casi combinati insieme). La scelta, evidentemente, dipende dalle finalità e dagli orientamenti della ricerca, dalle disposizioni del ricercatore, dalle caratteristiche dell'oggetto d'indagine. In questo caso abbiamo ritenuto opportuno basare lo studio di caso essenzialmente sull'utilizzo di tre strumenti: la storia di vita dell'imprenditore, l'intervista e l'osservazione. Tra i vari tipi di intervista quella più utilizzata, e che proponiamo in questa ricerca, è l'intervista semi strutturata che si presenta in una forma stilizzata e si definisce man mano durante la realizzazione stessa dello studio, focalizzando gli ambiti di indagine da analizzare. L'intervista semi strutturata consente al ricercatore di adattare lo strumento alla realtà che ha di fronte e di modellarlo secondo le opportunità che la progressiva conoscenza del contesto gli rende disponibili. Parallelamente all'intervista semi strutturata, si propone l utilizzo del metodo dell'osservazione è quello in quanto più di altri permette, in una realtà socio-organizzativa determinata, di raccogliere dati ed informazioni su una varietà di dimensioni dell'agire che, per poter essere comprese, richiedono, appunto, un'osservazione (più o meno prolungata) da parte del ricercatore. Si tratta in genere di dati ed informazioni che riguardano i comportamenti (anche quelli non verbali) di attori in situazione, quei comportamenti, cioè che è possibile cogliere nel momento stesso in cui sono "prodotti" da coloro i quali ne sono i protagonisti. L'osservazione è solitamente utilizzata in indagini descrittive che si propongono di analizzare fenomeni e contesti d'azione che difficilmente potrebbero essere compresi soltanto attraverso la semplice registrazione di opinioni verbali raccolte tra i soggetti interessati. Da questo punto di vista, si può ben sostenere che l'osservazione integra ed arricchisce il quadro delle informazioni raccolte attraverso altri strumenti d'indagine (documenti, testimonianze indirette, interviste, ecc.) nella misura in cui consente di approfondire "in presa diretta" la conoscenza del fenomeno studiato. L'articolazione metodologica dello studio di caso che si propone distingue diverse fasi: 264

7 ?? uno o più incontri con l'imprenditore?? la raccolta di dati attraverso l'osservazione e la realizzazione di interviste?? l'analisi dei dati raccolti. La fase di rilevazione dei dati vede l'utilizzo alternato dell'osservazione e delle interviste. L'alternanza dei due strumenti consente una conoscenza progressiva dell'oggetto di analisi e l'individuazione sempre più approfondita delle variabili intervenienti nei processi. Il progressivo approfondimento permette inoltre un aggiustamento in itinere degli strumenti sulla base degli elementi riscontrati, aumentandone così l'efficacia. In questa fase possono emergere aspetti non considerati in precedenza che si rivelano strategici e che per questo influenzano l'andamento della rilevazione. Le competenze relazionali corrispondono alla capacità di essere insieme con gli altri in modo pertinente ed efficace. Molto spesso sono doti che ciascun attore porta con sé fin dalle prime esperienze di vita e sulle quali difficilmente si può incidere per via di apprendimenti formali. Per competenza potremmo quindi intendere l insieme delle conoscenze e delle capacità grazie alle quali un individuo è in grado di orientarsi in maniera adeguata e pertinente in un campo specifico di azione. Gli strumenti che verranno richiamati di seguito sono indirizzati pertanto sia ai lavoratori interinali che alle aziende presso le quali gli stessi (o alcuni di essi) attualmente sono impegnati. 265

8 VI.2) Gli studi di caso ALFANO S.P.A. RAFFAELE ALFANO Responsabile Risorse Umane L azienda Fondata nel 1972, l azienda rileva nel 1982 la ditta Emilio Alfano di Gennaro Alfano, già presente nel settore dal 1929.L azienda opera su tutto il territorio nazionale, ed è presente i 11 regioni e in 35 province con 31 sedi periferiche e 40 nuclei operativi composti da personale destinato alle attività di sviluppo, manutenzione e realizzazioni di reti per la distribuzione di energia elettrica. Serve oltre 400 clienti pubblici e privati, occupando una posizione di rilievo nel mercato dell impiantistica elettrica industriale e commerciale. Mercato di Riferimento Realizzazione, manutenzione e gestione di impianti elettrici Industriali e Civili; Illuminazione pubblica; Produzione di quadri elettrici MT/BT. La società garantisce tutti i servizi connessi alla costruzione di impianti di livello tecnologico e conformi alla vigente normativa CEI. Segue la realizzazione del progetto nelle seguenti fasi: 1. Studio di fattibilità tecnica e economica 2. Progettazione; Ingegneria di base e dettaglio 3. Approvvigionamento materiali 4. Realizzazione impianto 5. Manutenzione ordinaria e straordinaria Il rapporto con il mercato occupazionale interinale Impegnata nel mercato della distribuzione di energia elettrica, la Società, che opera attraverso commesse, fa della flessibilità la caratteristica principale della propria politica occupazionale, prediligendo commesse di lunga durata. Tale scelta aziendale, dettata da un esigenza di stabilizzazione dei rapporti di lavoro con i dipendenti e contemporanea fidelizzazione della clientela, consente all azienda una gestione non traumatica del 266

9 problematica relativa alla riconversione di manodopera impiegata per la singola commessa. In questo modo, si tende alla ottimizzazione della struttura, optando per commesse che consentono di calibrare le attività aziendali in modo efficace. Per la natura stessa delle attività di produzione, l azienda ricorre al mercato del lavoro interinale, procurandosi manodopera a tempo coerentemente all andamento della domanda. Oltre al tempo indeterminato, l interinale rappresenta lo strumento di assunzione maggiormente utilizzato. Le figure maggiormente richieste sono operai elettricisti oppure impiegati di funzione da utilizzare nella divisione Call Center per l assistenza tecnica al cliente. Il dato acquisisce una connotazione particolare, se si considera il fatto che la maggior parte dei dipendenti, prevalentemente operai, proviene da un esperienza di lavoro atipico/interinale (interinale o a tempo determinato). La percentuale di conversione dei rapporti di lavoro interinale in contratti a tempo indeterminato è pari al 10%: negli ultimi 3 anni, la stabilizzazione dei rapporti di lavoro ha, di fatto, coinvolto soltanto due dipendenti, su un totale di circa 20 lavoratori tra interinali, formazione lavoro e tempo determinato, complessivamente assunti. Per quanto riguarda la politica di reclutamento, l azienda si affida alle società interinali, facendo transitare presso di esse i candidati segnalati dall azienda stessa. A tal proposito, il Dott. Alfano, chiarisce la politica di selezione adottata, sostenendo di preferire un intervento diretto sul processo di selezione, recuperando i nominativi dei candidati dalla lista curriculum che arrivano direttamente in azienda. Si, evidenzia anche in questo caso, così come per la Meccanica Potenza, una gestione preventiva del processo di selezione, ricorrendo alla società interinale solo per una consulenza di tipo burocratico amministrativo. Il ruolo svolto dalle società interinali, risulta pertanto marginale in termini di attività di selezione, e prioritario nel garantire l assenza di vincoli e rischi dell imprenditore nei confronti del lavoratore. Difficilmente, l azienda affida alla società interinale un mandato per la ricerca di manodopera, soprattutto perché i profili ricercati attraverso il canale del lavoro interinale risultano per così dire generici o medio/bassi, e dunque facilmente reperibili attingendo direttamente al mercato occupazionale locale. Successivamente all individuazione dei candidati potenziali, viene chiesto loro di effettuare l iscrizione alla società interinale. A tale proposito è utile chiarire la posizione assunta dall Alfano S.p.A nei confronti dell utilità e dell efficacia propria delle società interinali: non è necessario ricorrere al mandato di agenzia in fatto di reclutamento e selezione di manodopera poco specializzata, poiché il mercato locale la mette facilmente a disposizione in qualunque momento. Le agenzie interinali non sono in grado di proporre per figure di massa, mentre risultano efficacissime nel caso di figure dal profilo medio alte. Tale affermazione è 267

10 giustificata soprattutto dall enorme pressione espressa dal mercato occupazionale locale; l azienda di fatto riceve circa 1000 curriculum all anno. Capiamo bene che in contesto particolarmente disagiato come quello campano, in cui giovani diplomati si candidano per ricoprire posizioni i cui è richiesta appena la terza media, l azienda non incontra alcuna difficoltà di reperimento, limitando il ruolo della società interinale alla sola funzione di tipo amministrativo/gestionale. Secondo quanto è emerso dall intervista, maggiori sono le capacità richieste al lavoratore più difficile risulterà la ricerca, e dunque in questo caso è opportuno affidarsi ad una società esterna di selezione per l individuazione delle competenze. L elemento che spinge l impresa ad instaurare rapporti con le società interinali è dettato da esigenze di carattere amministrativo e dall assenza di vincoli o responsabilità dirette nei confronti del lavoratore interinale. La possibilità di gestione flessibile del rapporto di lavoro rappresenta un punto di forza, forse l unico, dello strumento interinale, nonostante i maggiori costi. A questo si aggiunge inoltre la possibilità di testare il lavoratore ed eventualmente richiamarlo per un rinnovo della missione senza essere costretti ad investire nuovamente sulla formazione. Dal punto di vista del lavoratore, secondo quanto affermato dal Dott.re Alfano, l idea della flessibilità viene invece accettata essendo l unica possibilità disponibile fornita dal mercato; contemporaneamente l aspettativa è sempre quella di un assunzione a tempo indeterminato. Effettuando una doverosa differenziazione tra aziende in virtù del ciclo produttivo e dei settori di attività, il Dott.re Alfano chiarisce che in caso di condizioni di mercato favorevoli, tendenti cioè alla stabilizzazione, l azienda si orienta verso assunzioni a tempo indeterminato. L adozione di questa politica occupazionale risulta possibile nel momento in cui si preferisce accettare commesse stabili, anziché economicamente vantaggiose ma di breve durata. Il profilo medio del lavoratore interinale varia ovviamente a seconda della funzione di destinazione: in prevalenza ci troviamo di fronte operai tra i 18 e i 25 alla prima esperienza di lavoro; il titolo di studio non è importante, anche se sono gradite qualifiche o corsi di specializzazione. I lavoratori assunti provengono prevalentemente dal mercato occupazionale locale e ad essi viene richiesta grande mobilità essendo molto spesso chiamati ad effettuare commesse su tutto il territorio. In questo caso vengono loro pagate le trasferte; raramente si ricorre all assunzione di personale in loco per la commissione in trasferta. La durata media 268

11 delle missioni varia dai tre a sei mesi, dopo i quali il rapporto può decadere o essere prorogato in virtù della commessa 269

12 MECCANICA POTENZA RAFFAELE POTENZA Amministratore Delegato L azienda La Meccanica Potenza S.r.l. costituitasi l 11 maggio 1996, è composta da due soci: il sig. Raffaele Potenza e il sig. Raffaele Potenza. Opera nel campo della produzione di attrezzature meccaniche ed è specializzata nella fabbricazione di componenti per frigoriferi. E nata da un ramo della Fresmec Sud s.r.l, un azienda produttrice di stampi e macchinari speciali, con sede a Melito di Napoli, fondata nel 1972 dai genitori dei sigg. Potenza. La sede legale e lo stabilimento di produzione sono ubicati a Gricignano d Aversa (Zona Industriale ASI Aversa Nord, Caserta). Lo stabilimento occupa una superficie totale di 8000 mq di cui 4000 mq coperti. La forza lavoro è di 5 impiegati e 28 operai. La Meccanica Potenza, nel 2001 ha richiesto e attenuto la certificazione EN ISO Il mercato di riferimento La Meccanica Potenza S.r.l. ha un mercato di riferimento internazionale, i suoi clienti sono costituiti dalle aziende produttrici di: frigoriferi, banconi e vetrine frigo, celle frigorifero, quali: Merloni Elettrodomestici S.p.a. di Marinaro (CE); Merloni Elettrodomestici di Setubal (Portogallo); Silla (CE); Bundi di Busalla (GE). L azienda e il lavoratore in affitto Durante lo svolgimento dell intervista, è stata analizzata la relazione esistente tra la singola impresa e il mercato interinale di riferimento, con l obiettivo di ricostruire in profondità la politica occupazionale attuata dalla Meccanica Potenza negli ultimi anni. Laddove possibile, è stata tentata una focalizzazione dell oggetto d indagine, in modo da circoscrivere la politica aziendale ai rapporti con il solo mercato interinale. Nello specifico, dall intervista rilasciata dal Dott. Raffaele Potenza, Amministratore delegato della Meccanica Potenza, si evince un regolare e soddisfacente utilizzo di lavoratori in affitto, poiché garantiscono una maggiore flessibilità produttiva, vincolano in misura 270

13 minore l impresa e consentono un periodo di rodaggio, durante il quale i lavoratori temporanei vengono testati e formati direttamente in azienda. La durata media delle missioni attivate e di circa 5 mesi, mentre i profili maggiormente richiesti sono manutentori e operai generici impiegati prevalentemente nel settore della produzione. Trattandosi di un settore caratterizzato da ciclicità produttiva, l azienda manifesta una predisposizione, per così dire fisiologica, all utilizzo di lavoratori a tempo, raggiungendo in questo modo la massima produttività in qualunque momento dell anno. La flessibilità produttiva diventa di fatto così rilevante per l azienda, che l impatto dell interinale sul numero di dipendenti complessivamente assunti dalla Meccanica Potenza è assolutamente indicativo, tanto da far registrare una percentuale di conversione dei contratti interinali in contratti a tempo indeterminato o determinato piuttosto levata. A tal proposito, il Dott. Potenza ci ricorda che ben 10 lavoratori/operai assunti inizialmente come interinali hanno ottenuto, dopo un periodo di prova, il passaggio a tempo determinato. Considerando il profilo aziendale e l attività produttiva in cui la Meccanica Potenza è impegnata è facile ipotizzare una preferenza nei confronti di lavoratori dal profilo piuttosto basso: si richiede prevalentemente manodopera di sesso maschile, destinata alla produzione, per la quale non è rilevante il titolo di studio, con età compresa tra i 18 e i 30 anni. Nel settore amministrativo, coerentemente alle esigenze dell azienda, che ricordiamo ha una gestione per così dire a carattere familiare, trovano impiego esclusivamente lavoratori standard, assunti con contratto a tempo indeterminato e full time. Attualmente, l azienda ospita una stagista per attività amministrative, reclutata grazie all intermediazione di una società di fornitura di lavoro temporaneo. Complessivamente il giudizio espresso dalla dirigenza nei confronti della specifica tipologia contrattuale è assolutamente positivo, sia in termini di risultati che di utilità produttiva. Allo stesso tempo, viene però, sottolineata la grande difficoltà nel reperimento di lavoratori dal profilo professionale maggiormente specialistico, nello specifico: fresatori e disegnatori al Cad Cam. Questa difficoltà conferma l ipotesi di un funzionamento parziale e limitato dell interinale, i cui vincoli non ne consentono un utilizzo per così dire a 360 gradi. Il ricorso al mercato interinale, avviene per profili medio bassi e solitamente per un impresa che è alla ricerca di manodopera non specializzata da formare on the job, magari alla prima esperienza. Nel caso di profili medio alti o con esperienza, è difficile che l interinale possa fornire le stesse prestazioni, sia in termini di soddisfazione della azienda cliente che di reclutamento del personale; così come è difficile che la Meccanica ricorra all interinale per la 271

14 copertura ruoli gestionali di maggiore responsabilità. A detta dell intervistato, la difficoltà di recupero di manodopera specializzata è ascrivibile non solo al mercato interinale ma al mercato occupazionale locale nel suo complesso. A tal proposito, ricordiamo che la Meccanica Potenza ricorre esclusivamente al mercato occupazionale regionale, per cui le riflessioni e le difficoltà individuate sono riferibili esclusivamente alla realtà occupazionale provinciale. Di fatto, all interno dell azienda non ci registrano forme di mobilità dei lavoratori neppure per figure maggiormente specializzate e difficilmente reperibili sul territorio. L azienda e le Società di fornitura Nell analisi del rapporto tra azienda e mercato del lavoro interinale, il ruolo d intermediazione dell agenzia di fornitura assume una collocazione particolare. Proprio su questo aspetto, abbiamo concentrato gran parte dell intervista, poiché esso caratterizza la tipicità della relazione e fornisce interessanti elementi di riflessione sulle dinamiche di incontro tra impresa e società interinale. Nello specifico, ricorso al mercato interinale avviene attraverso l intermediazione di un unica società di fornitura di lavoro temporaneo, la Gevi, con cui la Meccanica Potenza ha instaurato negli ultimi quattro anni un rapporto, giudicato complessivamente positivo. Nel corso dell intervista, durante un fase di approfondimento delle dinamiche attraverso le quali l azienda entra in contatto con le Società di fornitura, è stato individuato un elemento insolito e caratterizzante la relazione in oggetto. A tal proposito, L intervistato dichiara che la maggior parte dei lavoratori interinali assunti negli ultimi anni, è stata indicata alla società dalla Azienda stessa, in modo da assicurare alla dirigenza non solo la gestione della fase finale del processo di selezione (colloquio di selezione) ma anche quella di reclutamento del personale. La particolarità sta nel fatto che i lavoratori interinali selezionati per il colloquio, vengono proposti alla Gevi direttamente dall Amministrazione della Società che dovrà poi assumerli. L anomalia riscontrata, rivela l esistenza di un meccanismo che L intervistato stesso definisce di tipo clientelare, poiché sfruttando una rete di conoscenze o di segnalazioni, propria di una rosa di candidati non ancora iscritti alla società interinale, viene individuato il lavoratore da assumere. Una volta individuato, l azienda richiede al lavoratore (ufficiosamente già assunto) l iscrizione alla Società di fornitura, che avvisata, invierà a colloquio esattamente quel candidato, alterando in questo modo quel meccanismo selettivo che dovrebbe garantire a tutti i possessori dei requisiti richiesti la stessa probabilità di partecipazione alla selezioni. Paradossale, risulta la situazione secondo cui la selezione 272

15 avviene prima del reclutamento dei candidati potenziali. Alla domanda sul perché, la Meccanica Potenza, nonostante si avvalga di una rete di conoscenze preesistenti, preferisca comunque non ricorrere all assunzione diretta, ma utilizzare in modo anomalo il canale interinale, L intervistato ha risposto, dichiarando l esistenza di necessità di tipo opportunistico legate all utilizzo di manodopera in affitto. La dinamica appena descritta, garantisce un doppio e reciproco vantaggio, sia per la società interinale che per l azienda che assume. In questo modo l agenzia di lavoro temporaneo, si assicura un guadagno per una consulenza in realtà non fornita, mentre l azienda che affitta il lavoratore, ufficialmente dipendete dell agenzia, non ha nei suoi confronti alcun vincolo, ma può avvalersi di una maggiore garanzia, entrando in contatto con lavoratori per così dire conosciuti. 273

16 GRUPPO AS SOLUZIONI INFORMATICHE GIUSEPPE ZIMBARDI Responsabile Centro Ricerche L azienda Il Gruppo AS è costituito da: AS Advanced Systems, fondata nel 1981 e con sede a Casalnuovo di Napoli (Napoli), è la Capofila Software House del Gruppo; SAI Sistemi Avanzati Informatici è stata fondata nel 1990 ed ha sede in Casalnuovo di Napoli (Napoli). E' impegnata nello sviluppo di software mediante le tecnologie più avanzate ed è specializzata in applicazioni multimediali e telematiche; SAIR Sisteme Avanzate Italo-Romena è una Società mista Italo-Romena, fondata nel 1992 e con sede a Bucarest (Romania). Oltre a sviluppare software per il mercato rumeno, rappresenta anche un laboratorio di supporto e una base commerciale dell'intero Gruppo AS per il mercato software dell'est Europeo. L azienda è dotata di un Centro Ricerca e Sviluppo, iscritto all Albo Nazionale dei Laboratori del MIUR (Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca) con D.D. N del 14/7/03 ed all omologo Albo Regionale della Campania, con D.D. n.342 del 6/6/03. Realizzato con fondi L.488 Ricerca del MURST nell anno 2000, il Centro AS Ricerca & Sviluppo vede impiegate a tempo pieno 15 unità, tra Ricercatori senior, Ricercatori junior e Tecnici di laboratorio, per lo svolgimento di attività di studio, progettazione e sviluppo di soluzioni informatiche, telematiche e multimediali d'avanguardia. Tra i vari progetti sviluppati ed in corso, molti sono quelli finanziati dal MIUR e dal MAP (L. 297, FIT, L. 488 Ricerca, L. 46, L. 140) e dalla Regione Campania (POP Misura , POR Misura 6.3, POR Misura 3.17), in collaborazione con varie Università Italiane e centri di Ricerca (Unisannio, RCOST, II Università di Napoli, Università di Pisa). La principale attività produttiva del gruppo è rivolta alla realizzazione di prodotti software generalizzati, di tipo direzionale e di prodotti software gestionali per grandi utenze (Banche, Concessionari Esattoriali, Enti...), sia per conto terzi che in proprio. Le tecniche di sviluppo software adottate concernono la progettazione di prodotti in cooperative processing, con utilizzo di terminali PC in ambiente GUI collegati in rete e/o ad host di qualsiasi marca e tipo. Il mercato di riferimento è perciò costituito sia da utenti dotati 274

17 di Personal Computer o Mini elaboratori, che da grandi clienti, quali Istituti di Credito, Enti, Industrie e quant'altri siano muniti di elaboratori di medie e grandi dimensioni. Un bacino di utenza piuttosto vasto, che copre non solo il territorio nazionale, ma anche quello estero (soprattutto per quanto riguarda i prodotti software generalizzati). Complessivamente il Gruppo conta oltre 80 dipendenti, costituiti per il 90% da personale tecnico specializzato. L azienda e il rapporto con il mercato del lavoro interinale Tra i molteplici casi aziendali, ricostruiti nel corso della stesura, è interessante proporre la testimonianza di un azienda che non si è rapportata positivamente al mercato del lavoro interinale e che manifesta chiaramente l intenzione di attingere ad un bacino di lavoratori soggetti a contratto standard e dotati dei comprovati requisiti. Il Responsabile del Centro Ricerche del Gruppo AS, Dr. Giuseppe Zimbardi, ha dichiarato che, rispetto al settore informatico di competenza dell azienda, non si ritiene opportuno utilizzare la cosiddetta manodopera in affitto in quanto essa non appare adeguatamente preparata e skillata per svolgere mansioni dall alto valore aggiunto. L azienda, infatti, è solita utilizzare lavoratori che siano immediatamente disponibili a portare il proprio contributo alla strategia di sviluppo aziendale e che possano apportare un giusto grado di creatività, innovazione e know-how. Il bacino della manodopera interinale, secondo il Dr. Zimbardi, non consente un simile impiego e non offre gli adeguati vantaggi che derivano, invece, da un suo utilizzo in realtà imprenditoriali dai contenuti tecnici meno specialistici. I profili si rivelano sovente mediobassi, adatti all impiego in periodi di particolare esigenza di risorse umane (come picchi stagionali di produzione), necessitanti di un previo percorso di formazione e privi delle dovute competenze. Vista la natura dell azienda e le mansioni svolte dagli impiegati, il ricorso al mercato del lavoro interinale non si manifesta vantaggioso, ma al contrario inadatto a rispondere ai bisogni aziendali e piuttosto rischioso. L universo dell atipicità, invece, compare nella politica aziendale sotto forma di contratti di collaborazione, oggi contratti a progetto; in tal caso, infatti, si richiede una comprovata esperienza nella capacità di realizzazione di un progetto e l operatività immediata. 275

18 In conclusione, la posizione assunta dal Gruppo AS, attraverso la testimonianza del Dr. Zimbardi, ci consente di affermare che l azienda non intende ricorrere all utilizzo di manodopera interinale per due motivazioni fondamentali: da un lato, il settore stesso in cui opera l azienda, che presuppone una partecipazione attiva ed una vera affiliazione del lavoratore all azienda e alla sua politica di sviluppo sul mercato; dall altro un giudizio negativo nei confronti della preparazione, maturità e competenza del lavoratore assunto con contratto di tipo interinale, manchevole delle dovuta capacità professionale. In sintesi, secondo il Dr. Zimbardi, il canale interinale, ad oggi attivo per i soli profili medio-bassi, si rivela uno strumento troppo rischioso e tendenzialmente oneroso per il settore come quello delle soluzioni informatiche in cui opera il Gruppo AS. 276

19 FNAC DR.SSA RAIA Responsabile Amministrativa L azienda La Federation National d Achat des Cadre (Fnac) nasce nel 1954 in qualità di gruppo d acquisto, ideato da Andrè Essel e Max Theret, con l intenzione di offrire sconti ai propri soci presso alcuni negozi specializzati. Nonostante fabbricanti e distributori non abbiamo mai apprezzato questa politica di vendita, l azienda ha continuato a perseguire una siffatta politica, tanto che per sua medesima ammissione, la storia della Fnac si fonda proprio sull alleanza con il consumatore. Durante il primo anno di vita, più di 50 negozi vengono coinvolti nella distribuzione e tre anni più tardi, nel 1957, la Fnac apre a Parigi il suo primo negozio specializzato nella vendita di prodotti per la fotografia e per il suono. Da allora ha continuato ad operare in Francia, estendendo la sua presenza in altri paesi incontrando il grande favore del pubblico. Nel 1994, la Fnac entra a far parte del gruppo Pinault Printemps Redoute, primo gruppo francese di distribuzione non alimentare, le cui attività raggruppano 4 settori: - Distribuzione al grande pubblico con Printemps, Conforma, La Redout, Fnac e Redcats - Business to Business con Rexel, Pinault Bois & Materiaux, Guilbert e Cfao - Credito al consume e servizi finanziari con Finaref - Lusso con Gucci Il Gruppo Pinault Printemps Redoute (PPR) è tra i leader mondiali nella distribuzione specializzata, vantando un organico composto da persone nel La Fnac arriva in Italia in joint-venture con il Gruppo Coin, leader nella distribuzione specializzata non alimentare con un fatturato consolidato nel 1999 di miliardi di lire e con un organico di persone. Come all estero, la Fnac in Italia propone una vasta gamma di libri, dischi, VHS, DVD e software, nonché una ricca selezione di prodotti tecnologici ( micro-informatica, telefonia, hi fi, tv, notebook, video, foto e profitti per l ufficio) 277

20 Inoltre, investendo costantemente sull attenzione al cliente e la comunicazione, è solita fornire soluzioni di intrattenimento dei soci, e non solo, curando appositi spazi per la realizzazione di eventi culturali e artistico/letterari. I Megastore Fnac, si trasformano in veri e propri punti d incontro e socializzazione, in cui trascorrere il proprio tempo libero senza necessariamente dover acquistare un prodotto. Lo store viene concepito come luogo aperto, dinamico e di scoperta, dove è possibile assistere ad una serie di showcase letterari, musicali di vario genere e soprattutto gratuitamente. Una siffatta politica volta contemporaneamente alla fidelizzazione della clientela e alla personalizzazione degli spazi, consentendo un percorso di intimizzazione del momento d acquisto, viene costantemente premiata dal grande successo di pubblico. In Italia è presente in molte città (Milano, Torino, Genova, Verona, Napoli). L azienda, presente a Napoli dal maggio 2003 con l apertura dello Store di Via Luca Giordano, sin dalla sua prima apparizione sulla scena locale ha adottato una politica occupazionale di stabilizzazione dei contratti di lavoro, prediligendo alle forme contrattuali atipico/interinali le assunzioni a tempo indeterminato. La propensione all utilizzo, comunque sporadico e circoscritto, di manodopera a tempo è dettata dalla necessità del singolo momento, non dipendendo in nessun caso da scelte di politica occupazionale adottate dall azienda sul lungo periodo. Da questo punto di vista, la posizione assunta sembra escludere lo strumento interinale da qualunque forma di pianificazione aziendale, non rientrando nella gamma di opportunità contrattuali cui la Fnac intende ricorre, salvo rare eccezioni, date dalla necessità di ricoprire un ruolo o svolgere un attività per la quale in quel momento non c è personale interno disponibile. La Fnac, attraverso quanto emerso dall intervista con la Dott.ssa Raia, ricorre dunque all interinale esclusivamente come strumento accessorio e di supporto ad attività che, rispetto al singolo caso, non possono essere espletate ricorrendo al personale dipendente stanziato sulla singola struttura. Coerentemente alla posizione assunta, raramente un lavoratore interinale ha ottenuto la trasformazione del contratto a tempo indeterminato, e quasi sempre il rapporto di lavoro si è interrotto al momento della conclusione della missione. Per quanto riguarda la realtà aziendale in oggetto, appare chiaro che oggi l utilizzo della leva del lavoro in affitto risulta fine a se stesso, non determinando quasi mai la possibilità di una transizione definitiva verso il mercato del lavoro standard. Questo perché l azienda attinge al bacino dell interinale solo quando ha bisogno di risorse low profile, immediatamente disponibili anche solo per un giorno o due, allo 278

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli