Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno"

Transcript

1 Parte terza: Una visione dall interno del fenomeno 259

2 INDICE CAP. VI STUDI DI CASO E STORIE DI VITA PROFESSIONALI VI. 1) LA METODOLOGIA ADOTTATA VI.2) GLI STUDI DI CASO VI.3) LE STORIE DI VITA PROFESSIONALE CAP. VII - CONCLUSIONI VII.1) LO SCENARIO ATTUALE VII.2) IPOTESI DI CAMBIAMENTO VII.3) FOCUS SULLA VARIABILE FORMAZIONE

3 Cap. VI Studi di caso e storie di vita professionali VI. 1) La metodologia adottata Nella realizzazione dell indagine che si riferisce alle storie di vita professionale ed ai casi aziendali, si è ritenuto opportuno indirizzare la raccolta dei dati verso informazioni il più possibile oggettivabili, ricavabili attraverso uno specifico utilizzo di tale metodo, senza però che ne sia sminuita o cancellata l'importanza per quanto riguarda il singolo caso. Pertanto, gli stessi dati, utilizzati in chiave quantitativa, possono essere interpretati in chiave qualitativa seguendo altri percorsi di utilizzo e di lettura delle stesse informazioni. Poiché, com'è noto, una buona elaborazione delle informazioni dipende, in larga misura, da una corretta raccolta dati, in questa occasione è stata posta grande attenzione a costruire lo strumento di rilevazione qualitativo in modo che da esso fosse possibile derivare tutte le informazioni possibili e comunque tutto ciò che può apparire utile, per le finalità di elaborazione in chiave di situazioni oggettivabili. Da questa scelta discende anche l'introduzione nella griglia di intervista di alcuni "vincoli", vale a dire alcuni meccanismi di "specificazione" e di "strutturazione" dello strumento, capaci di restringere in modo significativo le "possibilità di fuga" dell'intervistato. Ciò al fine di indirizzare le risposte degli intervistati lungo canali predefiniti. In una condizione alternativa di totale autonomia dell'intervistato, infatti, il materiale qualitativo espresso tende difficilmente ad essere riconducibile a classi (o categorie di dati) ben definite, le variabili risultano troppo eterogenee, non confrontabili né omogeneizzabili, né riconducili a tipologie simili (evenienza molto frequente quando si privilegia l'uso di strumento di rilevazione qualitativa) con una polverizzazione di variabili ed una impossibilità assoluta di ipotizzare tendenze. Al contrario, là dove vengono posti alcuni "vincoli" è possibile operare in direzione di una riorganizzazione dei dati per "categorie omogenee". Il che permette poi, con maggiore facilità ed attendibilità, di quantificare eventuali "tendenze". Il risultato che intende raggiungere, quindi, questa fase di indagine è duplice:?? ottenere storie di vita confrontabili, sommabili e leggibili, in quanto questo consente poi di codificare ogni notizia secondo un codice definito; 261

4 ?? restituire informazioni largamente utilizzabili. Quanto più le informazioni seguono un modello chiaramente definito, lineare nel tempo, strutturato in tappe e situazioni precise, tanto maggiore risulta elevato il loro utilizzo. La metodologia di studio applicata ha previsto che le storie di vita professionali esaminate abbiano riguardato, in larga parte, lavoratori inseriti in contesti organizzativi che sono stati oggetto delle analisi di caso, utilizzando, perciò, strumenti sinergici tra queste due indagini al fine di potenziare, attraverso l'interfaccia tra i vari strumenti, le possibilità di tracciare tendenze evolutive rispetto alla domanda di lavoro interinale. Tenuto conto degli obiettivi della ricerca si è cercato di individuare gli strumenti di metodo più adeguati per entrare nei contesti di azione di interesse per l'indagine, comprenderne le dinamiche e recuperare le informazioni ed i dati utili. Sono state pertanto previste due tracce per la raccolta delle storie di vita, una da utilizzare nei colloqui con i lavoratori interinali e l'altra da utilizzare nei colloqui con gli imprenditori che sono a capo delle aziende nelle quali gli stessi operano e che saranno oggetto delle analisi di caso. Sono stati inoltre messi a punto gli strumenti per lo studio di caso privilegiando, in particolare, i due strumenti dell'intervista e dell'osservazione. Qui di seguito, vengono illustrate le finalità ed i contenuti degli strumenti di rilevazione rivolti alla definizione delle storie di vita professionale. Nel secondo paragrafo invece, sempre con l'approccio qualitativo e con l'utilizzo delle storie di vita, riferite questa volta all'imprenditore che sovente rappresenta, in aziende di piccole dimensioni, la raffigurazione delle competenze chiave dell'impresa, verranno descritti approcci e strumenti dell'analisi di caso. Le storie di vita professionale Poiché tutte le fasi del lavoro di analisi della domanda e dell'offerta di "lavoro atipico" nella provincia di Napoli hanno contribuito anche alla elaborazione di un documento sui principali profili professionali emergenti con previsione quinquennale si è ritenuto opportuno progettare le modalità di svolgimento delle 10 storie di vita professionali, da selezionare, secondo le indicazioni del progetto, tra le esperienze maggiormente significative dei settori/comparti ritenuti strategici mantenendole in stretto rapporto con i casi di studio previsti nell'indagine. E stato, quindi, previsto che almeno alcuni dei casi, indirizzati ad indagare realtà imprenditoriali locali, fossero rivolti a piccole e medie imprese del tessuto economico della provincia di Napoli al fine di consentire una elaborazione che ponga in relazione i 262

5 diversi elementi rappresentati da contesto imprenditoriale - contesto locale - contesto organizzativo - profilo professionale - fabbisogni professionali. Tale scelta è motivata dall ipotesi di fondo dell impianto metodologico che, sul versante delle teorie di riferimento per la ricognizione dei bisogni di formazione privilegia l approccio che mette al centro dell analisi le competenze professionali nella convinzione che l ampiezza concettuale e la duttilità dell impiego della nozione di competenza possa dar conto compiutamente delle molteplici variabili (da quelle soggettive a quelle organizzative e di contesto socioeconomico) che delineano i profili professionali di attori inseriti in ambiti lavorativi dotati delle caratteristiche sopra evidenziate; Le teorie sulle competenze professionali mettono in evidenza la loro caratteristica essenziale di comportamenti organizzativi osservabili. La competenza riguarda, infatti, gli individui e ciò che fanno in contesti d'azione organizzata e può essere descritta attraverso due dimensioni concettuali di fondo: la prima di tipo cognitivo, legata alle conoscenze; la seconda, di tipo esperienziale, legata alla pratica, a ciò che gli attori fanno in contesti d'azione concreti. Da questo punto di vista, le competenze non sono riconducibili ad una semplice descrizione o denominazione formale di acquisizioni di saperi, perché in questo caso rimarrebbero troppo astratte. Al contrario, sono delimitate da requisiti di base i quali, a loro volta, non sono solo conoscenze, ma anche saperi pratici, comportamenti. Lo schema di analisi delle competenze costruito traccia una tripartizione in competenze di base, tecniche e relazionali. Le competenze di base, sono quelle date dal curriculum di studi e corrispondono a quei requisiti minimi di saperi astratti (ma anche in qualche misura di saperi pratici) senza i quali non è possibile svolgere un compito ascrivibile ad una determinata prestazione professionale. Le competenze tecniche, sono quelle che riguardano l'esercizio concreto di una pratica professionale in un campo determinato, cioè le abilità tecniche di cui un operatore dispone e che è in grado di esercitare. Man mano che ci si allontana dall inizio dell inserimento lavorativo, ci si allontana anche da un grado elevato di astrazione, si va sempre più dentro la pratica. E estremamente difficile acquisire le competenze tecniche per via di apprendimenti formali poiché esse hanno un carattere irriducibilmente contestuale: sappiamo bene quanto l efficacia di una prestazione muta con il mutare del contesto applicativo. 263

6 Lo studio di caso Dal punto di vista metodologico vale la pena sottolineare che, pur essendo ricondotta nell'ambito della ricerca qualitativa, la strategia del case study ha un carattere essenzialmente pluralistico ed eclettico: in questo senso fa riferimento all'intero bagaglio di metodi e di tecniche d'indagine tipici della ricerca sociale. Non solo dunque strumenti di tipo qualitativo, ma anche strumenti di tipo quantitativo (e nella gran parte dei casi combinati insieme). La scelta, evidentemente, dipende dalle finalità e dagli orientamenti della ricerca, dalle disposizioni del ricercatore, dalle caratteristiche dell'oggetto d'indagine. In questo caso abbiamo ritenuto opportuno basare lo studio di caso essenzialmente sull'utilizzo di tre strumenti: la storia di vita dell'imprenditore, l'intervista e l'osservazione. Tra i vari tipi di intervista quella più utilizzata, e che proponiamo in questa ricerca, è l'intervista semi strutturata che si presenta in una forma stilizzata e si definisce man mano durante la realizzazione stessa dello studio, focalizzando gli ambiti di indagine da analizzare. L'intervista semi strutturata consente al ricercatore di adattare lo strumento alla realtà che ha di fronte e di modellarlo secondo le opportunità che la progressiva conoscenza del contesto gli rende disponibili. Parallelamente all'intervista semi strutturata, si propone l utilizzo del metodo dell'osservazione è quello in quanto più di altri permette, in una realtà socio-organizzativa determinata, di raccogliere dati ed informazioni su una varietà di dimensioni dell'agire che, per poter essere comprese, richiedono, appunto, un'osservazione (più o meno prolungata) da parte del ricercatore. Si tratta in genere di dati ed informazioni che riguardano i comportamenti (anche quelli non verbali) di attori in situazione, quei comportamenti, cioè che è possibile cogliere nel momento stesso in cui sono "prodotti" da coloro i quali ne sono i protagonisti. L'osservazione è solitamente utilizzata in indagini descrittive che si propongono di analizzare fenomeni e contesti d'azione che difficilmente potrebbero essere compresi soltanto attraverso la semplice registrazione di opinioni verbali raccolte tra i soggetti interessati. Da questo punto di vista, si può ben sostenere che l'osservazione integra ed arricchisce il quadro delle informazioni raccolte attraverso altri strumenti d'indagine (documenti, testimonianze indirette, interviste, ecc.) nella misura in cui consente di approfondire "in presa diretta" la conoscenza del fenomeno studiato. L'articolazione metodologica dello studio di caso che si propone distingue diverse fasi: 264

7 ?? uno o più incontri con l'imprenditore?? la raccolta di dati attraverso l'osservazione e la realizzazione di interviste?? l'analisi dei dati raccolti. La fase di rilevazione dei dati vede l'utilizzo alternato dell'osservazione e delle interviste. L'alternanza dei due strumenti consente una conoscenza progressiva dell'oggetto di analisi e l'individuazione sempre più approfondita delle variabili intervenienti nei processi. Il progressivo approfondimento permette inoltre un aggiustamento in itinere degli strumenti sulla base degli elementi riscontrati, aumentandone così l'efficacia. In questa fase possono emergere aspetti non considerati in precedenza che si rivelano strategici e che per questo influenzano l'andamento della rilevazione. Le competenze relazionali corrispondono alla capacità di essere insieme con gli altri in modo pertinente ed efficace. Molto spesso sono doti che ciascun attore porta con sé fin dalle prime esperienze di vita e sulle quali difficilmente si può incidere per via di apprendimenti formali. Per competenza potremmo quindi intendere l insieme delle conoscenze e delle capacità grazie alle quali un individuo è in grado di orientarsi in maniera adeguata e pertinente in un campo specifico di azione. Gli strumenti che verranno richiamati di seguito sono indirizzati pertanto sia ai lavoratori interinali che alle aziende presso le quali gli stessi (o alcuni di essi) attualmente sono impegnati. 265

8 VI.2) Gli studi di caso ALFANO S.P.A. RAFFAELE ALFANO Responsabile Risorse Umane L azienda Fondata nel 1972, l azienda rileva nel 1982 la ditta Emilio Alfano di Gennaro Alfano, già presente nel settore dal 1929.L azienda opera su tutto il territorio nazionale, ed è presente i 11 regioni e in 35 province con 31 sedi periferiche e 40 nuclei operativi composti da personale destinato alle attività di sviluppo, manutenzione e realizzazioni di reti per la distribuzione di energia elettrica. Serve oltre 400 clienti pubblici e privati, occupando una posizione di rilievo nel mercato dell impiantistica elettrica industriale e commerciale. Mercato di Riferimento Realizzazione, manutenzione e gestione di impianti elettrici Industriali e Civili; Illuminazione pubblica; Produzione di quadri elettrici MT/BT. La società garantisce tutti i servizi connessi alla costruzione di impianti di livello tecnologico e conformi alla vigente normativa CEI. Segue la realizzazione del progetto nelle seguenti fasi: 1. Studio di fattibilità tecnica e economica 2. Progettazione; Ingegneria di base e dettaglio 3. Approvvigionamento materiali 4. Realizzazione impianto 5. Manutenzione ordinaria e straordinaria Il rapporto con il mercato occupazionale interinale Impegnata nel mercato della distribuzione di energia elettrica, la Società, che opera attraverso commesse, fa della flessibilità la caratteristica principale della propria politica occupazionale, prediligendo commesse di lunga durata. Tale scelta aziendale, dettata da un esigenza di stabilizzazione dei rapporti di lavoro con i dipendenti e contemporanea fidelizzazione della clientela, consente all azienda una gestione non traumatica del 266

9 problematica relativa alla riconversione di manodopera impiegata per la singola commessa. In questo modo, si tende alla ottimizzazione della struttura, optando per commesse che consentono di calibrare le attività aziendali in modo efficace. Per la natura stessa delle attività di produzione, l azienda ricorre al mercato del lavoro interinale, procurandosi manodopera a tempo coerentemente all andamento della domanda. Oltre al tempo indeterminato, l interinale rappresenta lo strumento di assunzione maggiormente utilizzato. Le figure maggiormente richieste sono operai elettricisti oppure impiegati di funzione da utilizzare nella divisione Call Center per l assistenza tecnica al cliente. Il dato acquisisce una connotazione particolare, se si considera il fatto che la maggior parte dei dipendenti, prevalentemente operai, proviene da un esperienza di lavoro atipico/interinale (interinale o a tempo determinato). La percentuale di conversione dei rapporti di lavoro interinale in contratti a tempo indeterminato è pari al 10%: negli ultimi 3 anni, la stabilizzazione dei rapporti di lavoro ha, di fatto, coinvolto soltanto due dipendenti, su un totale di circa 20 lavoratori tra interinali, formazione lavoro e tempo determinato, complessivamente assunti. Per quanto riguarda la politica di reclutamento, l azienda si affida alle società interinali, facendo transitare presso di esse i candidati segnalati dall azienda stessa. A tal proposito, il Dott. Alfano, chiarisce la politica di selezione adottata, sostenendo di preferire un intervento diretto sul processo di selezione, recuperando i nominativi dei candidati dalla lista curriculum che arrivano direttamente in azienda. Si, evidenzia anche in questo caso, così come per la Meccanica Potenza, una gestione preventiva del processo di selezione, ricorrendo alla società interinale solo per una consulenza di tipo burocratico amministrativo. Il ruolo svolto dalle società interinali, risulta pertanto marginale in termini di attività di selezione, e prioritario nel garantire l assenza di vincoli e rischi dell imprenditore nei confronti del lavoratore. Difficilmente, l azienda affida alla società interinale un mandato per la ricerca di manodopera, soprattutto perché i profili ricercati attraverso il canale del lavoro interinale risultano per così dire generici o medio/bassi, e dunque facilmente reperibili attingendo direttamente al mercato occupazionale locale. Successivamente all individuazione dei candidati potenziali, viene chiesto loro di effettuare l iscrizione alla società interinale. A tale proposito è utile chiarire la posizione assunta dall Alfano S.p.A nei confronti dell utilità e dell efficacia propria delle società interinali: non è necessario ricorrere al mandato di agenzia in fatto di reclutamento e selezione di manodopera poco specializzata, poiché il mercato locale la mette facilmente a disposizione in qualunque momento. Le agenzie interinali non sono in grado di proporre per figure di massa, mentre risultano efficacissime nel caso di figure dal profilo medio alte. Tale affermazione è 267

10 giustificata soprattutto dall enorme pressione espressa dal mercato occupazionale locale; l azienda di fatto riceve circa 1000 curriculum all anno. Capiamo bene che in contesto particolarmente disagiato come quello campano, in cui giovani diplomati si candidano per ricoprire posizioni i cui è richiesta appena la terza media, l azienda non incontra alcuna difficoltà di reperimento, limitando il ruolo della società interinale alla sola funzione di tipo amministrativo/gestionale. Secondo quanto è emerso dall intervista, maggiori sono le capacità richieste al lavoratore più difficile risulterà la ricerca, e dunque in questo caso è opportuno affidarsi ad una società esterna di selezione per l individuazione delle competenze. L elemento che spinge l impresa ad instaurare rapporti con le società interinali è dettato da esigenze di carattere amministrativo e dall assenza di vincoli o responsabilità dirette nei confronti del lavoratore interinale. La possibilità di gestione flessibile del rapporto di lavoro rappresenta un punto di forza, forse l unico, dello strumento interinale, nonostante i maggiori costi. A questo si aggiunge inoltre la possibilità di testare il lavoratore ed eventualmente richiamarlo per un rinnovo della missione senza essere costretti ad investire nuovamente sulla formazione. Dal punto di vista del lavoratore, secondo quanto affermato dal Dott.re Alfano, l idea della flessibilità viene invece accettata essendo l unica possibilità disponibile fornita dal mercato; contemporaneamente l aspettativa è sempre quella di un assunzione a tempo indeterminato. Effettuando una doverosa differenziazione tra aziende in virtù del ciclo produttivo e dei settori di attività, il Dott.re Alfano chiarisce che in caso di condizioni di mercato favorevoli, tendenti cioè alla stabilizzazione, l azienda si orienta verso assunzioni a tempo indeterminato. L adozione di questa politica occupazionale risulta possibile nel momento in cui si preferisce accettare commesse stabili, anziché economicamente vantaggiose ma di breve durata. Il profilo medio del lavoratore interinale varia ovviamente a seconda della funzione di destinazione: in prevalenza ci troviamo di fronte operai tra i 18 e i 25 alla prima esperienza di lavoro; il titolo di studio non è importante, anche se sono gradite qualifiche o corsi di specializzazione. I lavoratori assunti provengono prevalentemente dal mercato occupazionale locale e ad essi viene richiesta grande mobilità essendo molto spesso chiamati ad effettuare commesse su tutto il territorio. In questo caso vengono loro pagate le trasferte; raramente si ricorre all assunzione di personale in loco per la commissione in trasferta. La durata media 268

11 delle missioni varia dai tre a sei mesi, dopo i quali il rapporto può decadere o essere prorogato in virtù della commessa 269

12 MECCANICA POTENZA RAFFAELE POTENZA Amministratore Delegato L azienda La Meccanica Potenza S.r.l. costituitasi l 11 maggio 1996, è composta da due soci: il sig. Raffaele Potenza e il sig. Raffaele Potenza. Opera nel campo della produzione di attrezzature meccaniche ed è specializzata nella fabbricazione di componenti per frigoriferi. E nata da un ramo della Fresmec Sud s.r.l, un azienda produttrice di stampi e macchinari speciali, con sede a Melito di Napoli, fondata nel 1972 dai genitori dei sigg. Potenza. La sede legale e lo stabilimento di produzione sono ubicati a Gricignano d Aversa (Zona Industriale ASI Aversa Nord, Caserta). Lo stabilimento occupa una superficie totale di 8000 mq di cui 4000 mq coperti. La forza lavoro è di 5 impiegati e 28 operai. La Meccanica Potenza, nel 2001 ha richiesto e attenuto la certificazione EN ISO Il mercato di riferimento La Meccanica Potenza S.r.l. ha un mercato di riferimento internazionale, i suoi clienti sono costituiti dalle aziende produttrici di: frigoriferi, banconi e vetrine frigo, celle frigorifero, quali: Merloni Elettrodomestici S.p.a. di Marinaro (CE); Merloni Elettrodomestici di Setubal (Portogallo); Silla (CE); Bundi di Busalla (GE). L azienda e il lavoratore in affitto Durante lo svolgimento dell intervista, è stata analizzata la relazione esistente tra la singola impresa e il mercato interinale di riferimento, con l obiettivo di ricostruire in profondità la politica occupazionale attuata dalla Meccanica Potenza negli ultimi anni. Laddove possibile, è stata tentata una focalizzazione dell oggetto d indagine, in modo da circoscrivere la politica aziendale ai rapporti con il solo mercato interinale. Nello specifico, dall intervista rilasciata dal Dott. Raffaele Potenza, Amministratore delegato della Meccanica Potenza, si evince un regolare e soddisfacente utilizzo di lavoratori in affitto, poiché garantiscono una maggiore flessibilità produttiva, vincolano in misura 270

13 minore l impresa e consentono un periodo di rodaggio, durante il quale i lavoratori temporanei vengono testati e formati direttamente in azienda. La durata media delle missioni attivate e di circa 5 mesi, mentre i profili maggiormente richiesti sono manutentori e operai generici impiegati prevalentemente nel settore della produzione. Trattandosi di un settore caratterizzato da ciclicità produttiva, l azienda manifesta una predisposizione, per così dire fisiologica, all utilizzo di lavoratori a tempo, raggiungendo in questo modo la massima produttività in qualunque momento dell anno. La flessibilità produttiva diventa di fatto così rilevante per l azienda, che l impatto dell interinale sul numero di dipendenti complessivamente assunti dalla Meccanica Potenza è assolutamente indicativo, tanto da far registrare una percentuale di conversione dei contratti interinali in contratti a tempo indeterminato o determinato piuttosto levata. A tal proposito, il Dott. Potenza ci ricorda che ben 10 lavoratori/operai assunti inizialmente come interinali hanno ottenuto, dopo un periodo di prova, il passaggio a tempo determinato. Considerando il profilo aziendale e l attività produttiva in cui la Meccanica Potenza è impegnata è facile ipotizzare una preferenza nei confronti di lavoratori dal profilo piuttosto basso: si richiede prevalentemente manodopera di sesso maschile, destinata alla produzione, per la quale non è rilevante il titolo di studio, con età compresa tra i 18 e i 30 anni. Nel settore amministrativo, coerentemente alle esigenze dell azienda, che ricordiamo ha una gestione per così dire a carattere familiare, trovano impiego esclusivamente lavoratori standard, assunti con contratto a tempo indeterminato e full time. Attualmente, l azienda ospita una stagista per attività amministrative, reclutata grazie all intermediazione di una società di fornitura di lavoro temporaneo. Complessivamente il giudizio espresso dalla dirigenza nei confronti della specifica tipologia contrattuale è assolutamente positivo, sia in termini di risultati che di utilità produttiva. Allo stesso tempo, viene però, sottolineata la grande difficoltà nel reperimento di lavoratori dal profilo professionale maggiormente specialistico, nello specifico: fresatori e disegnatori al Cad Cam. Questa difficoltà conferma l ipotesi di un funzionamento parziale e limitato dell interinale, i cui vincoli non ne consentono un utilizzo per così dire a 360 gradi. Il ricorso al mercato interinale, avviene per profili medio bassi e solitamente per un impresa che è alla ricerca di manodopera non specializzata da formare on the job, magari alla prima esperienza. Nel caso di profili medio alti o con esperienza, è difficile che l interinale possa fornire le stesse prestazioni, sia in termini di soddisfazione della azienda cliente che di reclutamento del personale; così come è difficile che la Meccanica ricorra all interinale per la 271

14 copertura ruoli gestionali di maggiore responsabilità. A detta dell intervistato, la difficoltà di recupero di manodopera specializzata è ascrivibile non solo al mercato interinale ma al mercato occupazionale locale nel suo complesso. A tal proposito, ricordiamo che la Meccanica Potenza ricorre esclusivamente al mercato occupazionale regionale, per cui le riflessioni e le difficoltà individuate sono riferibili esclusivamente alla realtà occupazionale provinciale. Di fatto, all interno dell azienda non ci registrano forme di mobilità dei lavoratori neppure per figure maggiormente specializzate e difficilmente reperibili sul territorio. L azienda e le Società di fornitura Nell analisi del rapporto tra azienda e mercato del lavoro interinale, il ruolo d intermediazione dell agenzia di fornitura assume una collocazione particolare. Proprio su questo aspetto, abbiamo concentrato gran parte dell intervista, poiché esso caratterizza la tipicità della relazione e fornisce interessanti elementi di riflessione sulle dinamiche di incontro tra impresa e società interinale. Nello specifico, ricorso al mercato interinale avviene attraverso l intermediazione di un unica società di fornitura di lavoro temporaneo, la Gevi, con cui la Meccanica Potenza ha instaurato negli ultimi quattro anni un rapporto, giudicato complessivamente positivo. Nel corso dell intervista, durante un fase di approfondimento delle dinamiche attraverso le quali l azienda entra in contatto con le Società di fornitura, è stato individuato un elemento insolito e caratterizzante la relazione in oggetto. A tal proposito, L intervistato dichiara che la maggior parte dei lavoratori interinali assunti negli ultimi anni, è stata indicata alla società dalla Azienda stessa, in modo da assicurare alla dirigenza non solo la gestione della fase finale del processo di selezione (colloquio di selezione) ma anche quella di reclutamento del personale. La particolarità sta nel fatto che i lavoratori interinali selezionati per il colloquio, vengono proposti alla Gevi direttamente dall Amministrazione della Società che dovrà poi assumerli. L anomalia riscontrata, rivela l esistenza di un meccanismo che L intervistato stesso definisce di tipo clientelare, poiché sfruttando una rete di conoscenze o di segnalazioni, propria di una rosa di candidati non ancora iscritti alla società interinale, viene individuato il lavoratore da assumere. Una volta individuato, l azienda richiede al lavoratore (ufficiosamente già assunto) l iscrizione alla Società di fornitura, che avvisata, invierà a colloquio esattamente quel candidato, alterando in questo modo quel meccanismo selettivo che dovrebbe garantire a tutti i possessori dei requisiti richiesti la stessa probabilità di partecipazione alla selezioni. Paradossale, risulta la situazione secondo cui la selezione 272

15 avviene prima del reclutamento dei candidati potenziali. Alla domanda sul perché, la Meccanica Potenza, nonostante si avvalga di una rete di conoscenze preesistenti, preferisca comunque non ricorrere all assunzione diretta, ma utilizzare in modo anomalo il canale interinale, L intervistato ha risposto, dichiarando l esistenza di necessità di tipo opportunistico legate all utilizzo di manodopera in affitto. La dinamica appena descritta, garantisce un doppio e reciproco vantaggio, sia per la società interinale che per l azienda che assume. In questo modo l agenzia di lavoro temporaneo, si assicura un guadagno per una consulenza in realtà non fornita, mentre l azienda che affitta il lavoratore, ufficialmente dipendete dell agenzia, non ha nei suoi confronti alcun vincolo, ma può avvalersi di una maggiore garanzia, entrando in contatto con lavoratori per così dire conosciuti. 273

16 GRUPPO AS SOLUZIONI INFORMATICHE GIUSEPPE ZIMBARDI Responsabile Centro Ricerche L azienda Il Gruppo AS è costituito da: AS Advanced Systems, fondata nel 1981 e con sede a Casalnuovo di Napoli (Napoli), è la Capofila Software House del Gruppo; SAI Sistemi Avanzati Informatici è stata fondata nel 1990 ed ha sede in Casalnuovo di Napoli (Napoli). E' impegnata nello sviluppo di software mediante le tecnologie più avanzate ed è specializzata in applicazioni multimediali e telematiche; SAIR Sisteme Avanzate Italo-Romena è una Società mista Italo-Romena, fondata nel 1992 e con sede a Bucarest (Romania). Oltre a sviluppare software per il mercato rumeno, rappresenta anche un laboratorio di supporto e una base commerciale dell'intero Gruppo AS per il mercato software dell'est Europeo. L azienda è dotata di un Centro Ricerca e Sviluppo, iscritto all Albo Nazionale dei Laboratori del MIUR (Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca) con D.D. N del 14/7/03 ed all omologo Albo Regionale della Campania, con D.D. n.342 del 6/6/03. Realizzato con fondi L.488 Ricerca del MURST nell anno 2000, il Centro AS Ricerca & Sviluppo vede impiegate a tempo pieno 15 unità, tra Ricercatori senior, Ricercatori junior e Tecnici di laboratorio, per lo svolgimento di attività di studio, progettazione e sviluppo di soluzioni informatiche, telematiche e multimediali d'avanguardia. Tra i vari progetti sviluppati ed in corso, molti sono quelli finanziati dal MIUR e dal MAP (L. 297, FIT, L. 488 Ricerca, L. 46, L. 140) e dalla Regione Campania (POP Misura , POR Misura 6.3, POR Misura 3.17), in collaborazione con varie Università Italiane e centri di Ricerca (Unisannio, RCOST, II Università di Napoli, Università di Pisa). La principale attività produttiva del gruppo è rivolta alla realizzazione di prodotti software generalizzati, di tipo direzionale e di prodotti software gestionali per grandi utenze (Banche, Concessionari Esattoriali, Enti...), sia per conto terzi che in proprio. Le tecniche di sviluppo software adottate concernono la progettazione di prodotti in cooperative processing, con utilizzo di terminali PC in ambiente GUI collegati in rete e/o ad host di qualsiasi marca e tipo. Il mercato di riferimento è perciò costituito sia da utenti dotati 274

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

Piano Integrato 2008/09

Piano Integrato 2008/09 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA LICEO SCIENTIFICO STATALE M. CIPOLLA P.le Placido Rizzotto Tel. 9-913 Fax. 9-9333 C. F. 117311 E-mail: liceoscientificocv@libero.it 91 CASTELVETRANO (TP) Autorità

Dettagli

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova

Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con problemi di disagio mentale organizzate dalla Provincia di Genova PROVINCIA DI GENOVA Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione Professional AREA 10 A-Servizio Formazione Professionale Attività d orientamento e formazione professionale rivolte a persone con

Dettagli

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2.1 IN GENERALE... 4 2.2 ESCLUSIONI... 4 3. PUBBLICITÀ

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale Indice PAG. 1. Procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale 2 2. Principi generali 2 3. Avvio della procedura 3 4. Pubblicizzazione della procedura 3 5. Selezione del personale a mezzo di

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 42/536 del 22.12.2010-1 - Art. 1 OGGETTO

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Formarsi è lavorare su se stessi crescere motivandosi spingere i desideri fino a realizzare se stessi La ricerca che viene qui proposta si inquadra

Dettagli

Automazione. Attraverso l incontro con l officina meccanica Nuova MG, dal progetto al processo APPLICAZIONI

Automazione. Attraverso l incontro con l officina meccanica Nuova MG, dal progetto al processo APPLICAZIONI Giovanni Albertario Automazione Automatizzare un processo produttivo significa non solo dotare di macchine utensili l officina, ma anche cogliere le opportunità offerte dai sistemi Cad per accelerare lo

Dettagli

L'outsourcing dalle origini al contratto di CATERING

L'outsourcing dalle origini al contratto di CATERING Stampa L'outsourcing dalle origini al contratto di CATERING admin in L outsouricing rappresenta quel processo che comporta le imprese a rivolgersi ad un fornitore esterno per affidargli al gestioni di

Dettagli

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA: PRIMO MONITORAGGIO SU COSA CAMBIA PER LE AGENZIE PER IL LAVORO E PER LE IMPRESE UTILIZZATRICI. Febbraio 2006 A cura di Giovanna Altieri, Cristina

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione La visione della qualità come concetto legato alla capacità di generare valore e soddisfazione per il cliente

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

I nuovi imprenditori atipici : individualisti, specializzati, ambiziosi, motivati e con forte propensione all autonomia

I nuovi imprenditori atipici : individualisti, specializzati, ambiziosi, motivati e con forte propensione all autonomia I nuovi imprenditori atipici : individualisti, specializzati, ambiziosi, motivati e con forte propensione all autonomia Un indagine CNA nel loisir a Rimini e nel terziario pubblico a Bologna 1. Obiettivi

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

MANUALE PER LA VALUTAZIONE

MANUALE PER LA VALUTAZIONE Allegato alla delibera n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO MANUALE PER LA VALUTAZIONE Valutazione della performance individuale ed organizzativa del personale dirigente INDICE Finalità della valutazione

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice Art. 1 - Premessa 1 Art. 2 - Ambito di applicazione 1 Art. 3 - Finalità 1 Art. 4 - Modalità di copertura di posizioni vacanti 1 Art. 5 -

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM44U

STUDIO DI SETTORE SM44U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM44U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE COMUNE DI TOANO (Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ ESTERNA DEL PERSONALE Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 93 del 17.10.2012 PARTE PRIMA - Passaggio diretto di personale Art. 1

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 7 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA. IL SETTORE ALBERGHIERO..

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/02/2015 Introduzione Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda Nucleo di valutazione interna RELAZIONE TECNICA In ordine Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda per l a.a. 2005/2006 Venezia, 17 febbraio 2005 1 Indice 1. Premessa...

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 15/14 1 Sommario CAPO I LINEE GUIDA... 3 Art. 1 - Principi generali... 3 Art.

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP A pochi anni dalla loro creazione, è possibile analizzare i primi risultati sugli Istituti Tecnici Superiori. Ad oggi si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A. MODIFICA APPROVATA DALL ASSEMBLEA DEL 10.12.2009 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.p.A.

Dettagli

ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA

ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA su incarico di Maggio 2014 L associazione Il Circolo Artistico Versiliese Acconciatori Misti o CAVAM, o più semplicemente ANAM Versilia, è associazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo Poli di Innovazione Decisione CE 2006/C/323/01; Decreto M.I.S.E. 27/3/2008 n. 87 POR FESR ABRUZZO 2007-2013 Attività I.1. Sostegno alla creazione dei Poli di innovazione Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Seminario LA PROVINCIA E LE MULTINAZIONALI: ATTORI, POLITICHE E SERVIZI PER L ATTRAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEGLI INVESTIMENTI ESTERI

Seminario LA PROVINCIA E LE MULTINAZIONALI: ATTORI, POLITICHE E SERVIZI PER L ATTRAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEGLI INVESTIMENTI ESTERI Seminario LA PROVINCIA E LE MULTINAZIONALI: ATTORI, POLITICHE E SERVIZI PER L ATTRAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEGLI INVESTIMENTI ESTERI Carlo Chiama Assessore al Lavoro, Formazione professionale, Orientamento

Dettagli

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO

LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO Rete delle Città IPI Istituto per la Promozione Industriale LEGGE 266/97 ART.14-INTERVENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE IN AREE DI DEGRADO URBANO 1 REPORT DI MONITORAGGIO ED ANALISI DEL PROCESSO DI

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

L applicazione della nuova normativa sui servizi pubblici locali. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici.

L applicazione della nuova normativa sui servizi pubblici locali. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. sui servizi pubblici locali Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. il

Dettagli

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it Nota n. 17-2009 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Il mondo dei lavoratori interinali, o in somministrazione o in affitto che

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Introduzione Il presente Regolamento definisce criteri e modalità a cui SSM SpA deve attenersi nel processo di

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

Contributo alla consultazione su Progetto di Regolamento generale di esenzione per categoria

Contributo alla consultazione su Progetto di Regolamento generale di esenzione per categoria Contributo alla consultazione su Progetto di Regolamento generale di esenzione per categoria Confcooperative costituisce la principale associazione di dimensione nazionale di rappresentanza, tutela e assistenza

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali. Approvato con delibera del CdA n.

Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali. Approvato con delibera del CdA n. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali Approvato con delibera del CdA n. 3 del 10/4/14 Sommario PARTE I - PREMESSE... 3 1. Oggetto... 3 2. Finalità...

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Il Portale Web del Comune di Roma

Il Portale Web del Comune di Roma IL PORTALE WEB DEL COMUNE DI ROMA on line PREMESSA Le trasformazioni conseguenti alla diffusione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (I.C.T.) contribuiscono in maniera sempre più determinante

Dettagli

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling Abilità di counselling abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Accompagnamento supporto orientativo offerto a un candidato da parte di un professionista

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 Risorse Umane Docenti qualificati 2 borse di studio Laboratori interattivi Stage + job placement con oggilavoro.com Esperto in Gestione delle Risorse

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Articolo 43) - Modalità di assunzione all impiego Costituzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato 1. Le procedure

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato

Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato Lavoratori non comunitari e lavoro in somministrazione a tempo determinato Roma, 26 ottobre 2006 Giovanna Altieri Emanuele Galossi Maria Mora I Lavoratori immigrati: una componente strutturale della nostra

Dettagli