I GIOVANI IN PROVINCIA DI PISA Report di lettura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I GIOVANI IN PROVINCIA DI PISA Report di lettura"

Transcript

1 Servizio Sistemi Informativi, Studi e Statistica SETTORE POLITICHE GIOVANILI I GIOVANI IN PROVINCIA DI PISA Report di lettura Giovani da 12 a 14 anni Giovani da 15 a 19 anni Giovani da 20 a 24 anni Giovani da 25 a 34 anni

2 Indice PRESENTAZIONE... pag. 3 INTRODUZIONE... pag. 5 ALCUNI GRAFICI PER UNA LETTURA TRASVERSALE DELLE INDAGINI... pag. 9 INDAGINE ANNI Note di lettura... pag. 17 Tavole di dettaglio... pag. 19 INDAGINE ANNI Note di lettura... pag. 32 Tavole di dettaglio... pag. 35 INDAGINE ANNI Note di lettura... pag. 52 Tavole di dettaglio... pag. 57 INDAGINE ANNI Note di lettura... pag. 77 Tavole di dettaglio... pag. 82 APPENDICE METODOLOGICA... pag. 105

3 PRESENTAZIONE Essere liberi non vuol dire essere da soli nel mondo bensì riporre la propria fiducia in molte cose e persone.. Luhmann Le politiche giovanili devono far fronte alle aspettative dei giovani e allo stesso tempo incoraggiarli a contribuire attivamente allo sviluppo e alla crescita civile della società. Per raggiungere questi obiettivi è necessario capire il mondo dei giovani, sapere cosa si muove all interno delle loro dinamiche relazionali, quale è la loro percezione degli altri, della scuola, del mondo del lavoro. In questa linea di lavoro si è inserito il nostro patto sulle politiche giovanili che rappresenta la conclusione di un percorso di condivisione con gli assessori alle Politiche giovanili dei 39 comuni della Provincia con l aggiunta di Fucecchio - e con la Consulta provinciale dei giovani. Il patto ha puntato a valorizzare il diritto dei giovani ad un informazione completa ed affidabile e a costruire un sistema integrato mettendo a sistema tutte le azioni per i giovani che operano sul territorio, evitando frammentazioni e lavorando su piattaforme uniche e integrate che partono dagli enti locali coinvolgendo sia i gruppi informali che associativi giovanili. Il patto vuole essere anche la piattaforma per evitare sovrapposizioni e duplicazione di eventi, realizzando in sinergia operativa e nell integrazione dei territoriale in valore aggiunto della nostra offerta. Ma per poter fare questo occorre conoscere chi sono e cosa vogliono davvero i nostri ragazzi: è da questa necessità che è nata l idea di realizzare una indagine sul territorio. Attuata in collaborazione con gli Assessori alle Politiche Giovanili di tutti i Comuni del territorio, la ricerca offre in effetti uno spaccato importante sulla realtà così come percepita dalla popolazione locale compresa tra 12 e 34 anni. L indagine è stata realizzata dallo staff dell ufficio studi e statistica della Provincia, in sinergia col personale dell Ufficio politiche giovanili, che ha introdotto un sistema completamente informatizzato per lo svolgimento del lavoro. Ai fini della raccolta dei dati sono stati predisposti 4 questionari diversi in riferimento alle altrettante fasce di età individuate: anni, anni, anni e anni. Ogni questionario ha avuto lo scopo di indagare sui temi più importanti e significativi rispetto ad ogni intervallo anagrafico. Gli aspetti affrontati sono stati l istruzione (e quindi il rapporto con la scuola, con gli insegnanti e con i compagni), la famiglia, lo sport e il tempo libero, il rapporto con le tecnologie, la musica; e infine, relativamente alle ultime due fasce d età (20-24 e anni), le questioni riguardanti l Università, il lavoro, il futuro, la partecipazione politica e sociale nel territorio. Il quadro che risulta da questo report rappresenta uno spaccato interessante sulla realtà giovanile nel pisano, ed offre spunti importanti per la progettazione di interventi ed iniziative da promuovere sul territorio. Tra gli aspetti che emergono in modo più evidente, e che tra l altro accomunano ragazzi appartenenti a diverse fasce d età, ci sono sicuramente quello relativo alle modalità di comunicazione, alla percezione del mondo del lavoro e alla visione del futuro, ed il rapporto con gli Enti locali e la politica in genere ma il dettaglio dei risultati lo leggerete di seguito Quello

4 invece che voglio sottolineare è stata la massiccia partecipazione dei ragazzi e del campione che ha risposto: persone (di cui per le scuole medie 100% del campione, per le scuole superiori 84,2%, per la fascia anni 30% e per i anni 56,3%). E da questi numeri che voglio partire per sottolineare che ad emergere è la voglia ed il bisogno dei ragazzi di essere ascoltati e di intervenire quando davvero ci mettiamo in ascolto delle loro esigenze. In altri termini si tratta di creare, allestire e animare spazi e modi in cui i giovani abbiano la possibilità di rivestire un ruolo attivo e creativo; spazi in cui sollecitare il protagonismo e lo spirito creativo dei giovani partecipando ad esperienze innovative con un nuovo rapporto di interazione e dialogo tra gli Enti. Gli strumenti possono essere vari, come forum, consulte, consigli giovani finalizzati all assunzione condivisa delle strategie politiche in cui i giovani possano maturare le proprie decisioni ed essere ascoltati. Ma la vera scommessa per noi amministratori è creare un vero, effettivo e concreto canale di comunicazione con le giovani generazioni; anzi, spingere perché questa necessità non finisca, perché la spinta a frasi sentire sia sempre più marcata e forte. I risvegli ci sono, noi dobbiamo portarli avanti. L Assessore alle Politiche Giovanili Salvatore Sanzo 4

5 METODO E RISULTATI Il target di giovani oggetto dell indagine è formato da ragazzi di età compresa tra i 12 e i 34 anni. Si tratta evidentemente di giovani molto diversi e in situazioni diverse della loro vita, per questo sono stati costruiti quattro diversi strumenti di rilevazione e sono state realizzate, di fatto, quattro diverse indagini. Questo volume riporta i risultati distinti per le quattro ricerche (12-14 anni, anni, anni, anni) cercando, laddove è possibile, di effettuare confronti e di cogliere differenze e assonanze. L Osservatorio per le politiche sociali ha sperimentato per la prima volta una metodologia di compilazione on line dei questionari attraverso il software open source Lime Survey (http://www.limesurvey.org). I questionari sono stati anche distribuiti in versione cartacea presso alcune sedi comunali del territorio e successivamente caricati sul web. La notizia dell indagine è stata diffusa utilizzando una molteplicità di canali: facebook, mailing list, consulta provinciale dei giovani, centri giovanili, assessorati dei Comuni, sito web, etc. Questo lavoro di sensibilizzazione unito alla facilità di compilazione via web ha consentito il raggiungimento di un risultato eccezionale in termini di risposte; sono stati infatti compilati on line questionari così ripartiti: Questionari Età compilati scuole medie 615 scuole superiori anni Totale Per i dettagli sulle modalità di campionamento si rinvia all appendice metodologica. LE PRINCIPALI TENDENZE INTRODUZIONE RAPPORTO CON LA SCUOLA In generale emerge un buon rapporto con insegnanti e compagni. I giovani chiedono alla scuola principalmente due cose: il miglioramento degli arredi e delle attrezzature (mensa, bagni, armadietti personali, più spazi verdi, etc.) e una ricreazione un po più lunga per poter socializzare maggiormente con i compagni RAPPORTO CON LA FAMIGLIA giovani (medie e superiori) hanno un buon rapporto con i propri genitori. Si confidano soprattutto con la madre ma quando si tratta di chiedere aiuto si rivolgono principalmente agli amici. La metà circa dei giovani di queste fasce di età non ha nie nte da chiedere in più alla propria famiglia, circa un terzo chiede invece più libertà e autonomia nella proprie scelte. Nella fascia di età più alta il 22% ha figli e circa la metà vive ancora con la famiglia di origine. Nella maggioranza dei casi (66%) si tratta di una scelta obbligata da motivi economici e il 13% si sta attivando per andare a vivere da solo. Solo il 14% vive ancora con i genitori per scelta.

6 SPORT Si rileva una tendenza progressiva all abbandono della pratica sportiva con il crescere dell età. Questo fenomeno ha una connotazione più marcatamente femminile. In generale la scarsa frequenza è dovuta alla semplice pigrizia o alla mancanza di tempo. Alle strutture sportive i ragazzi chiedono più spazi attrezzati, più varietà di sport e soprattutto, con il crescere dell età, costi minori. TV La tv è più guardata dalle fasce più giovani. Al primo posto ci sono i film. I programmi di informazione sono seguiti molto di più dai giovani più grandi. I reality non sono al primo posto delle preferenze dei giovani: sono però seguiti dal 25% dei giovani fino a 20; e dal 10% degli altri. In generale la metà circa dei giovani guarda la TV da una a tre ore al giorno. Sia alle medie che alle superiori c è però addirittura circa un 15% di ragazzi che la guarda più di 4 ore al giorno. Nelle due fasce di età più alte invece circa il 44-46% non la guarda mai o meno di un ora, alle medie e superiori questa percentuale è invece intorno al 20%. COMUNICAZIONE L aspetto della comunicazione è fondamentale per capire attraverso quali canali le istituzioni possono raggiungere più facilmente i giovani ed in quale modo l impatto comunicativo risulta più efficace. Il rapporto con le tecnologie naturalmente cambia con l età, quindi anche le strategie di comunicazione delle istituzioni dovranno adeguarsi ai diversi stili di vita che si presentano all interno delle fasce di età. Quasi tutti hanno un pc a casa con collegamento a Internet (tra i anni si raggiunge il 96%), pertanto appare evidente e necessario investire maggiori risorse in questo canale ormai trasversalmente sviluppato ed utilizzato. La mail ad esempio è utilizzata molto poco nei giovani al di sotto dei 20 anni ed utilizzata sopratutto dai 25 anni in su, dato che rispecchia l ingresso nel mondo del lavoro ovvero l aumento dell utilizzo di questo canale come strumento di comunicazione privilegiato. I social networks come Facebook risultano più frequentati nella fascia dai 15 ai 24 anni, dopo se ne riscontra un calo, seppur lieve. L utilizzo del cellulare risulta proporzionalmente crescente in base all età, ma nello specifico gli sms vengono utilizzati sopratutto nella fascia intermedia (15-24 anni). DIPENDENZE: ALCOOL E DROGA Su questo tema, per facilitare le risposte, abbiamo scelto di evitare domande dirette. Abbiamo quindi chiesto ai giovani la loro opinione sull uso di alcool e droga da parte dei loro coetanei. E emerso che i giovani ritengono il consumo di alcool abbastanza o molto frequente nei loro coetanei con percentuali che salgono con il crescere dell età. A anni siamo intorno all 87%, nelle età successive al 95%. Anche il consumo di droghe è ritenuto abbastanza o molto frequente da percentuale alte di giovani: 68% (15-19), 84% (20-24), 82% (25-34). Per quanto riguarda la tipologia tutti indicano al primo posto l hashish, al secondo la cocaina e al terzo Ecstasy, MDMA; ketamina o simili. La cocaina però è più indicata (circa 37%) dai giovani sopra i 20 anni. I giovani delle scuole superiori, nel 40% dei casi, dicono di non sapere quale sia la droga più utilizzata. LAVORO A anni c è un 35% di giovani che già lavora. Di questi però il 12% sta anche studiando e il 6% cerca comunque un altro lavoro più soddisfacente. Si può supporre che i giovani già più stabilmente inseriti nel mercato del lavoro siano il 17%. Nella fascia di età successiva (25-34) i giovani che lavorano già stabilmente sono intorno al 37%. Quelli che invece studiano e basta sono il 36% nell età anni e il 10% dopo. Per trovare lavoro i giovani pensano che sia più utile, nell ordine, mandare curriculum alle aziende, partecipare a concorsi pubblici, contattare parenti, amici, conoscenti. INTRODUZIONE 6

7 PROFESSIONI Il lavoro più ambito dai giovani maschi delle scuole superiori è il calciatore, le femmine invece sognano di diventare avvocatesse o giornaliste. A anni già cambia la prospettiva: gli uomini sognano di diventare ingegneri, le donne di lavorare in azienda o di fare le giornaliste. A anni al primo posto sia per i maschi che per le femmine c è il lavoro nella Pubblica Amministrazione seguito, come nelle fasce più giovani, dal lavoro in aziende private e nel settore giornalistico. Ai rispondenti chi già lavorano o hanno avuto esperienze lavorative, ovvero la fascia di età più alta (20-34 anni), è stata inoltre chiesta la professione svolta. Tale fascia risulta composta in percentuale maggiore da impiegati, seguiti con leggero distacco principalmente da commessi/baristi, geometri, educatori e camerieri. POLITICA E ISTITUZIONI Questo tema è stato affrontato soltanto nelle fasce di età più alte: ( ). Ne emerge un giudizio non molto omogeneo: un giovane su 4 o non è interessato o addirittura disgustato (16%) dalla politica. Circa il 40% però dichiara di interessarsene, anche se senza un coinvolgimento diretto e il 12% considera la politica invece fondamentale per il benessere della società. Interessante anche la classifica delle istituzioni/categorie sociali di cui i giovani più si fidano: nelle prime due posizioni per tutti e due i gruppi ci sono i medici e le associazioni di volontariato. I giovani più giovani mettono però al primo posto gli scienziati, gli altri le forze dell ordine. Nelle ultime quattro posizioni, in entrambe le indagini troviamo Mass media, Partiti, Governo e Politici. IMPEGNO SOCIALE E stato affrontato anche il tema dell impegno sociale nonché politico. Nonostante le categorie sociali, quali ad esempio le associazioni di volontariato, abbiano in questa indagine ottenuto molta fiducia da parte dei giovani, la loro frequentazione in realtà non risulta essere particolarmente alta. Nello specifico è stata analizzata la partecipazione dei giovani durante il tempo libero alle attività di: associazioni di volontariato, gruppi in chiesa, movimenti cittadini, partiti e Caritas. Al primo posto si posizionano le associazioni di volontariato, frequentate però solo dal 17% dei giovani nella fascia e dal 15% nella fascia 25-34; seguono nell ordine i gruppi in chiesa, i partiti, i movimenti cittadini e la Caritas. E stato chiesto ai ragazzi in quale modo può essere migliorata la partecipazione dei giovani alla vita politica locale e come può essere incentivato il loro impegno sociale. Nei giovani dai 20 ai 24 anni risulta rilevante, a tali fini, una maggiore diffusione da parte delle istituzioni di quelle che sono le attività ed i progetti in essere per i giovani (57%), segue l importanza di sostenere i gruppi di giovani tramite spazi e finanziamenti (49%) ed infine creando e potenziando spazi web quali siti interattivi e forum (20%); mentre non è considerata particolarmente efficace la presenza delle istituzioni nei social networks, nonostante il loro utilizzo sempre più in crescita. Stesso trend per la fascia più adulta (25-34 anni), anche se ritengono più importante la creazione e il potenziamento della Consulte e/o di altri organismi rappresentativi, rispetto alla creazione di spazi web. E stato dato libero sfogo ai ragazzi attraverso una domanda aperta sulla partecipazione alla vita locale. Tramite un approfondita analisi di queste risposte, è risultato fondamentale per tutti potenziare innanzitutto il dialogo tra i giovani e le istituzioni, aumentando quindi le occasioni di confronto, gli eventi, i dibattiti, nonché introducendo termini e nozioni politiche fin dai primi anni scolastici, per stimolare interesse oltre che conoscenze più approfondite. Conferire ai giovani senso di responsabilità e fiducia, affinché questa possa essere ricambiata. Agire INTRODUZIONE 7

8 attraverso i canali di comunicazione più utilizzati dai giovani, così come tramite attività extra quali musica, teatro e sport; aumentare i finanziamenti e sviluppare progetti che vedano coinvolti i giovani insieme alle associazioni del territorio. FUTURO, SOGNI, PROGETTUALITA Su questo tema esiste una differenziazione tra i giovani a seconda delle età, con una progettualità che si fa più concreta man mano che i giovani crescono. Alle scuole medie i ragazzi sognano di poter avere sempre tanti amici, una famiglia, avere successo. Nelle altre fasce di età i giovani sognano di completare il percorso di studi, raggiungere la stabilità economica e lavorativa e di viaggiare. Il sogno più difficile da realizzare, per tutti, è quello del lavoro stabile. FRUIBILITA DELL INDAGINE Il rapporto è scaricabile dal sito web della Provincia di Pisa Sul web saranno scaricabili anche i quattro archivi contenenti tutti i dati in modo da consentire ad ogni comune di poter fare le elaborazioni relative al proprio territorio. In merito a questo l Osservatorio sociale garantirà il proprio supporto tecnico. INTRODUZIONE 8

9 ALCUNI GRAFICI PER UNA LETTURA TRASVERSALE DELLE INDAGINI 9

10 SCUOLA Vai a scuola volentieri? anni anni Rapporto con gli insegnanti anni anni Sì, sempre 9,4 16,7 Ottimo 6,5 17,3 Sì, quasi sempre No, non sempre 27,8 37,2 44,7 49,4 Buono Soddisfacente Abbastanza soddisfacente 17,6 21,0 21,4 29,9 34,0 40,1 No, mai 6,1 8,6 Non soddisfacente 3,6 8,6 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 Rapporto con i compagni Rapporto con i compagni stranieri 60,0 55, anni anni 60, anni anni 50,0 45,1 50,0 40,6 40,8 40,0 32,4 30,9 40,0 34,5 30,0 20,0 10,0 5,4 11,9 5,0 6,2 3,0 4,3 30,0 20,0 10,0 22,6 13,3 19,0 8,8 10,5 2,8 7,2 0,0 Ottimo Buono Soddisfacente Abbastanza soddisfacente Non soddisfacente 0,0 Ottimo Buono Soddisfacente Abbastanza soddisfacente Non soddisfacente

11 SCUOLA Come giudichi il tuo rendimento scolastico? (12-14 anni) Come giudichi il tuo rendimento scolastico? (15-19 anni) 60,0 50,0 59,2 44,92 Femmine Maschi 45,0 40,0 35,0 40,2 44,2 43,2 31,4 Femmine Maschi 40,0 30,0 31,48 20,4 30,0 25,0 20,0 16,3 20,0 10,0 0,0 0,3 2,62 Decisamente insufficiente 15,1 13,44 7,54 4,9 Insufficiente Sufficiente Discreto/buono Ottimo 15,0 10,0 5,0 0,0 3,0 3,5 Decisamente insufficiente 8,5 5,0 4,7 Insufficiente Sufficiente Discreto/buono Ottimo SPORT Percentuali di non praticanti sport su totale rispondenti (per sesso) Frequenza sport anni 20,7 30,4 Maschi Femmine 70,0 60, anni anni anni anni 62,0 50,8 20, anni 36,8 24, anni 39,3 20, anni 34,5 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 5,5 33,4 30,5 31,6 Lo pratico saltuariamente 26,0 12,6 24,5 21,7 Non pratico sport 10,8 6,5 6,0 6,6 Sì, una volta alla settimana 35,535,8 Sì, più volte alla settimana 11

12 TV E INTERNET Quante ore al giorno guardi la TV? Hai un pc a casa? 70,0 60,0 50,0 40,0 55,1 38,9 37,1 48,5 47,9 58, anni anni anni anni 100,0 90,0 80,0 70,0 60,0 50,0 95,0 96,6 93,1 88, anni anni anni anni 30,0 24,5 23,2 40,0 20,0 10,0 0,0 12,5 9,3 11,5 8,7 2,5 4,2 2,5 4,5 5,5 4,0 0,7 0,4 Mai Meno di 1 ora Tra 1 e 3 ore Tra 4 e 6 ore Più di 6 ore 30,0 20,0 10,0 0,0 4,1 1,1 0,7 2,4 No Sì, con connessione ad internet 7,1 3,9 2,8 4,5 Sì, ma senza connessione ad internet MUSICA Sai suonare uno strumento? Quante ore al giorno ascolti musica? 50,0 No, non mi interessa No, ma mi piacerebbe Sì, ma ho imparato da solo Sì, ho imparato in una scuola 15,3 13,5 12,8 13,1 9,6 21,4 28,7 24,8 24,1 33,4 41,7 61, anni anni anni anni 45,0 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 4,9 3,9 2,7 2,9 43,5 35,6 36,1 34,5 42,6 41,7 39,7 37,5 14,3 11,6 11,7 7,2 9,8 8,1 6,9 4, anni anni anni anni 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 0,0 Mai Meno di 1 ora Tra 1 e 3 ore Tra 4 e 6 ore Più di 6 ore 12

13 I GIOVANI E LA CITTA Quali spazi della città frequenti di più? La città che vorresti (15-19 anni) Associazioni/circoli Centri commerciali Piazze/strade in periferia Discoteche Impianti sportivi Cinema Pub, bar, etc. Piazze/strade in centro 11,1 9,1 10,3 16,9 8,7 20,0 22,6 26,2 20,5 16,9 22,9 20,1 22,2 18,5 25,9 30,0 34,6 28,5 48,8 44,4 54,5 50,7 53, anni anni anni 72,3 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 80,0 90,0 Con più piste ciclabili Con più zone pedonali Con piazze più vivibili e pulite Con meno traffico Con più rispetto delle regole da parte di tutti Con più centri commerciali Più sicura Più pulita Più verde Più spazi pubblici/punti ritrovo giovani 8,7 9,2 20,6 23,0 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 50,0 27,2 27,7 33,0 34,8 35,9 44,6 La città che vorresti (20-24 anni) La città che vorresti (25-34 anni) Con più zone pedonali 9,2 Con più centri commerciali 5,4 Con più piste ciclabili 14,0 Con più zone pedonali 13,5 Con più centri commerciali 14,7 Con piazze più vivibili e pulite 21,4 Con piazze più vivibili e pulite 23,3 Con più piste ciclabili 21,4 Con meno traffico Più sicura Più pulita Più verde Con più rispetto delle regole da parte di tutti Più spazi pubblici/punti ritrovo giovani 27,4 32,9 35,6 40,4 43,2 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 51,0 Con meno traffico Più sicura Più pulita Più verde Con più rispetto delle regole da parte di tutti Più spazi pubblici/punti ritrovo giovani 22,0 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 50,0 25,4 32,1 37,1 43,3 43,3 13

14 Atteggiamento nei confronti della politica POLITICA Come credi possa essere migliorata la partecipazione dei giovani alla vita politica locale? Credo che la politica sia inutile 0,9 1, anni anni Non credo che debba essere migliorata 4,0 3, anni anni Sono politicamente impegnato 8,7 8,3 Credo che giovani non parteciperanno mai alla vita politica 7,7 8,2 La politica non mi interessa 8,3 8,3 Attraverso la presenza delle istituzioni nei Social Forum 10,5 13,0 Bisogna lasciare la politica a persone che hanno più competenza di me 6,4 10,1 Creando o potenziando le Consulte e/o altri organismi rappresentativi 14,5 15,4 La politica è fondamentale per il benessere di una società 12,6 15,6 Creando o potenziando spazi web 15,5 20,5 La politica mi disgusta 18,2 17,3 Sostenendo i gruppi di giovani.)spazi, finanziamenti, etc( 46,4 49,0 Mi tengo al corrente nella politica, ma non vi partecipo 41,8 42,1 Più informazioni sulle attività e i progetti per i giovani 51,0 57,2 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 Istituzioni di cui hanno maggior fiducia i giovani (20-24 anni) FIDUCIA NELLE ISTITUZIONI Istituzioni di cui hanno maggior fiducia i giovani (25-34 anni) Scienziati Medici Associazioni di volontariato Ospedale UE Insegnanti ASL Università scuola Forze dell'ordine Comune Magistrati Consultorio Imprenditori Giornali locali Provincia Militari TV locali Banche Sindacalisti TV Sacerdoti Massmedia Partiti Governo Politici Forze dell'ordine Associazioni Medici Ospedale Fiducia insegnanti ASL Fiducia scuola Università Magistrati UE Scienziati Consultorio Comune Provincia Giornali locali Militari Imprenditori TV locali Sindacalisti Fiducia Banche TV Sacerdoti Massmedia Partiti Governo Politici

15 PARTECIPAZIONE ASSOCIAZIONI Con chi trascorri il tuo tempo libero? Frequenza partecipazione sociale Con associazioni 4,7 10,5 8,9 Caritas 0,4 1, Con il mio ragazzo/a 13,2 27,8 33,2 Partito 3,8 4,2 Da solo Con la famiglia Con il mio ragazzo/a e gli amici Con gli amici 13,5 17,8 13,5 24,2 20,5 16,9 21,9 29,6 37,7 42,1 49,3 62, anni anni anni Movimento cittadino Chiesa Associazioni di volontariato 1,4 3,6 5,4 5,1 0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0 16,0 18,0 20,0 15,1 16,8 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 DIPENDENZE Credi che il consumo di alcool sia frequente nei giovani della tua età? Credi che il consumo di droga sia frequente nei giovani della tua età? Sì, molto 45,8 49,3 63,7 Sì, molto 23,9 26,7 29,4 Sì, abbastanza No, non molto 1,4 5,0 5,1 33,5 43,9 48, anni 20-24anni anni Sì, abbastanza No, non molto 10,8 16,4 21,9 49,6 56,0 55, anni anni anni No, per niente 0,7 1,4 1,7 No, per niente 0,9 3,8 4,6 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 15

16 I RISULTATI DELLE 4 INDAGINI 16

17 SCUOLA: IL RAPPORTO CON GLI INSEGNANTI, I COMPAGNI, LE RICHIESTE Più della metà dei giovani va a scuola volentieri quasi sempre (48,9%) o sempre (16,6%), il 27,5% va a scuola non sempre volentieri. Il rapporto con gli insegnanti è considerato buono o addirittura ottimo dal 57,2% dei giovani, quello con i compagni è considerato buono o ottimo dall 85,4%, quello con compagni di nazionalità diversa da circa il 74% (Tavole 7, 9, 10, 11). Il 92% dei giovani non ha mai ripetuto una o più classi, il 5,9% solo una volta (Tavola 13). I giovani chiedono alla scuola: il miglioramento degli arredi e delle attrezzature scolastiche, una ricreazione più lunga per poter socializzare maggiormente con i compagni e più uscite programmate (Tavola 15, Figura 1). Il RAPPORTO CON I GENITORI: COMUNICAZIONE, LIBERTÀ, APPROVAZIONE Più della metà dei ragazzi ha un ottimo rapporto con i propri genitori (55,8%) e con i fratelli o sorelle (36,3%). (Tavola 16). Tendono a confidarsi di più con la mamma in particolar modo le femmine (64,7%). Quando però si tratta di chiedere aiuto al primo posto ci sono gli amici (indicati dal 61% delle femmine e dal 45% dei maschi) (Tavole 18,19). L approvazione da parte dei propri genitori è ritenuta più importante di quella degli amici: 68% contro 23%. Il 49% dei giovani percepisce abbastanza approvazione da parte dei propri genitori, il 35% molta (Tavole 22 e 25). Più della metà (54%) ritiene di avere libertà nella giusta misura, solo il 2,4% non si sente per niente libero (Tavola 24). In generale i giovani sentono di avere la fiducia dei propri genitori: il 44% molta e il 42% abbastanza (Tavola 26). Alla domanda aperta Cosa chiederesti in più alla tua famiglia? la metà quasi esatta dei giovani ha risposto Niente, la mia famiglia va bene così. Subito dopo troviamo però Libertà e autonomia intese più come possibilità di libertà nelle scelte, senza condizionamenti. Un concetto di libertà probabilmente diverso da quello della domanda di cui al punto precedente (Tavola 27, Figura 2). LO SPORT: FREQUENZA, RAPPORTO CON ISTRUTTORI, ATLETI E STRUTTURE Lo sport è praticato più volte a settimana dal 60,8% dei giovani. Il 25,5% non pratica mai sport e in questa categoria le ragazze sono più rappresentate. (30,4% contro il 20,7% dei maschi) (Tavola 28). Si rileva un ottimo rapporto sia con gli istruttori (36,6%) che con gli atleti (39,5%) (Tavole 29, 30). Le richieste rivolte alle strutture sportive riguardano soprattutto: più spazi attrezzati (26,5%), più varietà di sport (21%) e meno costi (17,9%) (Tavola 31) ANNI SCUOLA MEDIA 17

18 TV, INTERNET, NUOVE TECNOLOGIE La metà dei giovani guarda la TV tra 1 ora e 3 ore al giorno (51%), circa il 23% meno di un ora. I frequentatori più assidui (più di 4 ore) sono il 17%. I programmi più visti sono soprattutto film (65,0%), cartoni animati (37,4%), telefilm e serial (37,1%) (Tavole 32, 33). Le tecnologie utilizzate più volte al giorno sono nell ordine: il cellulare, gli sms, internet mentre quelle meno utilizzate sono blog ed (utilizzata mai o raramente da più della metà dei giovani) (Tavole 39a 39h). Più dell 80% dei giovani possiede un PC a casa con connessione ad internet (Tavola 40). IL RAPPORTO CON LA MUSICA I ragazzi ascoltano musica fino a 3 ore al giorno (70%) (Tavola 34). La musica viene maggiormente ascoltata attraverso l utilizzo di IPOD e l MP3 (61,5%) (Tavola 36). La musica preferita è quella pop straniera (47%) seguita da pop italiana (34%) e rock (33%) (Tavola 35). Più della metà dei ragazzi (65%) sa suonare uno strumento; il 56% ha imparato in una scuola e il 9% è autodidatta. Solo il 14% dice di non essere interessato (Tavola 37). Il 21% ha suonato in un gruppo almeno una volta, il 7% lo fa spesso (Tavola 38). IL FUTURO Il 68% dei giovani ha intenzione di iscriversi all Università. Come scuola superiore il 45% indica il Liceo, il 23% gli Istituti tecnici. Il 22% non ha ancora le idee chiare (Tavola 42). Le domande sui sogni erano in parte codificate e in parte lasciate alla libera espressione dei ragazzi. Alle domande codificate i ragazzi (sia maschi che femmine) hanno risposto di avere questi sogni: al primo posto Avere tanti amici, al secondo Avere una famiglia e dei figli al terzo Poter fare un lavoro che mi piace (Tavola 43). Nella classifica delle risposte libere troviamo al primo posto (35%) Avere successo nel mondo dello spettacolo o nello sport Essere famoso seguito da Poter fare il lavoro che voglio (20%) e da Avere soldi (12%) (Tavola 44, Figura 3) ANNI SCUOLA MEDIA 18

19 TAVOLE DI DETTAGLIO INDAGINE ANNI 19

20 TAVOLE 7 - Vai a scuola volentieri? No, mai ,2% 6,8% 6,0% No, non sempre ,5% 31,4% 27,5% Sì, quasi sempre ,6% 45,3% 48,9% Sì, sempre ,0% 15,2% 16,6% N.R ,7% 1,3% 1,0% TOT ,0% 100,0% 100,0% 8. Che difficoltà incontri? Nessuna difficoltà ,9% 37,5% 45,7% Mi annoio ,7% 23,0% 19,3% Ho paura di non essere sufficientemente preparato ,1% 8,7% 9,9% E' troppo faticoso ,2% 11,7% 8,5% Ho difficoltà di relazione con alcuni insegnanti ,6% 5,8% 4,7% Ho difficoltà di relazione con alcuni compagni ,6% 2,6% 2,6% Mi sento a disagio ,3% 1,9% 1,6% Mi sento giudicato ,9% 1,9% 2,4% Troppa competizione con i compagni ,0% 2,3% 1,6% Altro ,6% 4,5% 3,6% TOT ,0% 100,0% 100,0% 9 - Come giudichi il rapporto con i tuoi insegnanti? Non soddisfacente ,9% 4,2% 3,6% Abbastanza soddisfacente ,4% 21,7% 17,6% Soddisfacente ,3% 23,3% 21,3% Buono ,5% 37,5% 40,0% Ottimo ,9% 12,6% 17,2% N.R ,0% 0,6% 0,3% TOT ,0% 100,0% 100,0% 10 - Come giudichi il rapporto con i tuoi compagni? Non soddisfacente ,6% 2,3% 2,9% Abbastanza soddisfacente ,6% 4,2% 4,9% Soddisfacente ,9% 3,9% 5,4% Buono ,8% 34,0% 30,4% Ottimo ,5% 53,4% 55,0% N.R ,7% 2,3% 1,5% TOT ,0% 100,0% 100,0% 11 - Come giudichi il rapporto con i compagni che hanno una nazionalità diversa dalla tua? Non soddisfacente ,3% 3,2% 2,8% Abbastanza soddisfacente ,2% 8,1% 8,6% Soddisfacente ,8% 14,2% 13,0% Buono ,2% 40,5% 39,8% Ottimo ,3% 32,4% 33,8% N.R ,3% 1,6% 2,0% TOT ,0% 100,0% 100,0% 20

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI. SOS IL Telefono Azzurro Onlus www.azzurro.it

Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI. SOS IL Telefono Azzurro Onlus www.azzurro.it Sintesi BAMBINI E ADOLESCENTI IN ITALIA UN QUADRO DEGLI ULTIMI 10 ANNI 1 UNA SOCIETA CHE CAMBIA 1. PERCORSI E SVILUPPI DELLA FAMIGLIA ITALIANA Il lavoro che il Telefono Azzurro in collaborazione con l

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli