Progetto Vivere in Italia seconda edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Vivere in Italia seconda edizione"

Transcript

1 Progetto Vivere in Italia seconda edizione ACCOMPAGNAMENTO ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEI DOCENTI INCARICATI NEI CORS DI 80/100 ORE DI LIVELLO A1/A2

2 14 gennaio 2013 Aspetti cognitivi nell apprendimento linguistico L organizzazione di una UdA

3 COME APPRENDIAMO?

4 L organizzazione del cervello

5 L organizzazione del cervello L emisfero sinistro: presiede il pensiero logico-matematico, formale, meccanico, analitico

6 L organizzazione del cervello L emisfero sinistro: presiede il pensiero logico-matematico, formale, meccanico, analitico L emisfero destro: presiede il pensiero emotivo, creativo, di comprensione globale

7 L organizzazione del cervello L emisfero sinistro: presiede il pensiero logico-matematico, formale, meccanico, analitico L emisfero destro: presiede il pensiero emotivo, creativo, di comprensione globale BIMODALITA CEREBRALE o LATERALIZZAZIONE

8 La bimodalità cerebrale nell APPRENDIMENTO LINGUISTICO entrambe le aeree vengono attivate nella gestione delle lingue ma con funzioni diverse: nell EMISFERO SINISTRO ha sede la rappresentazione formale della lingua: le regole linguistiche

9 La bimodalità cerebrale nell APPRENDIMENTO LINGUISTICO entrambe le aeree vengono attivate nella gestione delle lingue ma con funzioni diverse: nell emisfero sinistro ha sede la rappresentazione formale della lingua: le regole linguistiche l emisfero destro regola la comprensione, l elaborazione simultanea delle informazioni, l uso metaforico del linguaggio, gli aspetti prosodici (intonazione, accento, volume).

10 Nel processo di acquisizione linguistica è importante che l intera mente dell apprendente venga coinvolta

11 Il principio di direzionalità: da destra a sinistra prima abbiamo una percezione globale dell esperienza, poi analitica, infine vengono sistematizzati gli elementi acquisiti e ricomposti nella sintesi delle due modalità GLOBALITA - ANALISI - SINTESI

12 Il software dell acquisizione linguistica: LAD Language Acquisition Device

13 LAD: Language Acquisition Device Chomsky: meccanismo innato, predisposizione specifica dell uomo che consente di imparare le lingue Il LAD si attiva efficacemente solo ad alcune condizioni: rispettando l ordine naturale di acquisizione di una lingua altrimenti abbiamo solo apprendimento, non acquisizione

14 Apprendimento o acquisizione? Apprendimento: processo razionale governato dall emisfero sinistro; Caratteristiche: instabile memoria a breve termine lento da recuperare Si attiva quando non viene stimolata la parte destra del cervello

15 Apprendimento o acquisizione? APPRENDIMENTO: processo razionale governato dall emisfero sinistro; Caratteristiche: instabile, memoria a breve termine lento da recuperare ACQUISIZIONE: processo inconsapevole generato dall emisfero destro del cervello; Caratteristiche: stabile, memoria a lungo termine facile da recuperare Si attiva quando non viene stimolata la parte destra del cervello Si attiva quando viene attivato l emisfero destro

16 A scuola L insegnante deve lavorare per produrre acquisizione L apprendimento è temporaneo e non genera un comportamento linguistico autonomo Regola della dimenticanza: imparo meglio quando non so che sto imparando

17 L acquisizione di una lingua straniera

18 Come attivare l acquisizione? Offrire input comprensibile FOCUS sul significato dell input e non sulla sua forma (fonologica, morfo-sintattica, testuale)

19 Come attivare l acquisizione? Offrire input comprensibile Focus sul significato dell input e non sulla sua forma (fonologica, morfo-sintattica, testuale) Rispettare la zona di sviluppo prossimale: gradualità aggiungere un piccolo input nuovo alle competenze già acquisite. INPUT + 1

20 Il filtro affettivo un blocco nel sistema di acquisizione

21 FILTRO AFFETTIVO: meccanismo di autodifesa che impedisce l acquisizione; attivato nel nostro cervello da stimoli chimici In stato di serenità viene attivato un neurotrasmettitore che facilita la memorizzazione. Negli stati di stress si produce uno steroide che blocca la memorizzazione dell input Conflitto tra amigdala (la ghiandola che gestisce le emozioni, in particolare la paura) con l ippocampo, fondamentale nei processi di memorizzazione.

22 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante

23 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante ansia per la performance

24 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante ansia per la performance attività che mettono a rischio l immagine di sé

25 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante ansia per la performance attività che mettono a rischio l immagine di sé attività sbilanciate rispetto alle competenze: troppo difficili o troppo facili

26 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante ansia per la performance attività che mettono a rischio l immagine di sé attività sbilanciate rispetto alle competenze troppo difficili o troppo facili noia

27 Cosa attiva il filtro affettivo? rapporto troppo asimmetrico e giudicante alunno-insegnante ansia per la performance attività che mettono a rischio l immagine di sé attività sbilanciate rispetto alle competenze troppo difficili o troppo facili noia mancata comprensione dell obiettivo

28 Come rendere comprensibile l input? Rispettare sempre il principio di globalità-analisi-sintesi Rispettare principio di zona di sviluppo prossimale Sviluppare l expectancy grammar (grammatica dell anticipazione) = capacità di effettuare anticipazioni sull argomento, attivare le competenze pregresse, l Enciclopedia Esplicitare elementi testuali chi/dove/cosa/quando/perché Potenziare il paratesto Fare molti esempi concreti, vicini all esperienza vissuta Rispettare i ritmi di acquisizione e la fase del silenzio

29 Come organizzare una lezione? Si motiva all apprendimento coinvolgendo in maniera bimodale la dimensione affettiva (piacere di comunicare in un altra lingua, curiosità di fronte ad una cultura diversa: modalità destra) e quella logica (i bisogni linguistici, professionali, esistenziali: modalità sinistra) poi si presenta il materiale in modo contestualizzato, sensoriale, ricco di connotazioni culturali (modalità destra), per passare infine a formalizzare l analisi con tecniche associate alla modalità sinistra (esercizi strutturali, la riflessione sulla lingua, la spiegazioni di grammatica ) Balboni, Le sfide di babele

30 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo

31 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze

32 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi

33 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi Fare uso massiccio di attività ludiche, proporre contenuti in modo ludico

34 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi Fare uso massiccio di attività ludiche, proporre contenuti in modo ludico Allenare la capacità di comprensione globale

35 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi Fare uso massiccio di attività ludiche, proporre contenuti in modo ludico Allenare la capacità di comprensione globale Applicare il metodo induttivo

36 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi Fare uso massiccio di attività ludiche, proporre contenuti in modo ludico Allenare la capacità di comprensione globale Applicare il metodo induttivo Attivare la regola della dimenticanza

37 in concreto: Stabilire un obiettivo (linguistico, morfosintattico, comunicativo, culturale, fonetico ) e comunicarlo Individuare testi di diverso tipo vari adatti all obiettivo e alle competenze Stimolare tutti i sensi Fare uso massiccio di attività ludiche, proporre contenuti in modo ludico Allenare la capacità di comprensione globale Applicare il metodo induttivo Attivare la regola della dimenticanza Suddividere L UdA in 6 fasi, rispettose del principio della bimodalità.

38 Le sei fasi dell UdA MOTIVAZIONE GLOBALITÀ ANALISI SINTESI RIFLESSIONE CONTROLLO

39 Macro-obiettivo di un corso di italiano L2 per adulti potenziare l autonomia dell apprendente nella gestione dei contesti comunicativi quotidiani

40 PERCORSO DI APPRENDIMENTO (LINGUISITCO) METE EDUCATIVE METE LINGUISITCHE

41 METE EDUCATIVE: CULTURALIZZAZIONE: sviluppare il relativismo culturale e l acculturazione

42 METE EDUCATIVE: CULTURALIZZAZIONE: sviluppare il relativismo culturale e l acculturazione SOCIALIZZAZIONE: sviluppare le competenze pragmatiche e socioculturali, saper interpretare i linguaggi non verbali, cooperare

43 METE EDUCATIVE: CULTURALIZZAZIONE: sviluppare il relativismo culturale e l acculturazione SOCIALIZZAZIONE: sviluppare le competenze pragmatiche e socio-culturali, saper interpretare i linguaggi non verbali, cooperare AUTOPROMOZIONE: aiutare gli apprendenti a raggiungere i propri fini; sviluppare la competenza glottomatetica

44 FOCUS SULLE ABILITÀ VS CONTENUTI

45 METE LINGUISTICHE Saper fare lingua: padroneggiare le 6 abilità : comprensione orale/scritta produzione orale/scritta interazione orale/scritta

46 METE LINGUISTICHE Saper fare lingua: padroneggiare le 6 abilità : comprensione orale/scritta produzione orale/scritta interazione orale/scritta Sapere fare con la lingua:elementi socio-pragmatici

47 METE LINGUISTICHE Saper fare lingua: padroneggiare le 6 abilità : comprensione orale/scritta produzione orale/scritta interazione orale/scritta Sapere fare con la lingua:elementi socio-pragmatici Sapere la lingua: insieme delle competenze linguistiche: lessico, grammatica, ortografia, fonetica

48 I DOMINI PERSONALE: sfera privata: famiglia, casa, tempo libero PUBBLICO interazione sociale nel pubblico: uffici, ospedale, documenti OCCUPAZIONALE: interazioni legate al lavoro: contratto, strumenti, regolamenti, cv EDUCATIVO:formazione, autoformazione

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO GIORNATA DI FORMAZIONE SULL INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L2 PER MIGRANTI ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO Bolzano, sabato 17 novembre 2012 - L. Di Lucca Riflettete secondo

Dettagli

LA GLOTTODIDATTICA LUDICA NELL INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 AD ADULTI IMMIGRATI

LA GLOTTODIDATTICA LUDICA NELL INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 AD ADULTI IMMIGRATI UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA MASTER ITALS IN DIDATTICA DELLA LINGUA E CULTURA ITALIANA A STRANIERI X CICLO INDIRIZZO: L2 TESI LA GLOTTODIDATTICA LUDICA NELL INSEGNAMENTO DELL ITALIANO L2 AD ADULTI

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA APPROCCI E METODI (da Le sfide di Babele di P. Balboni Ed. UTET Univeristà)

TABELLA RIASSUNTIVA APPROCCI E METODI (da Le sfide di Babele di P. Balboni Ed. UTET Univeristà) TABELLA RIASSUNTIVA APPROCCI E METODI (da Le sfide di Babele di P. Balboni Ed. UTET Univeristà) APPROCCIO FORMALISTICO L approccio risale al XVIII secolo. La lingua è intesa come lingua scritta, per apprenderla

Dettagli

La grammatica in mente. Dai testi alle regole, dalle regole ai testi. Introduzione metodologica

La grammatica in mente. Dai testi alle regole, dalle regole ai testi. Introduzione metodologica La grammatica in mente. Dai testi alle regole, dalle regole ai testi. Introduzione metodologica Marco Mezzadri - Gaia Pieraccioni Il titolo di questa grammatica, còlto nella sua interezza, svela diverse

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA 1 LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NELLA PRIMA INFANZIA Comunicazione e linguaggio 2 Comunicazione: trasmissione di informazioni che tenga conto della sorgente e della destinazione codici comunicativi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI

PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI Università degli Studi di Brescia Centro Linguistico Interfacoltà PROFILI DI APPRENDENTI DI ITALIANO L2 E APPROCCI GLOTTODIDATTICI Silvia Gilardoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano 14 febbraio

Dettagli

Lingue straniere e dislessia

Lingue straniere e dislessia Lingue straniere e dislessia Approcci e metodologie per una glottodidattica accessibile Verusca Costenaro Università Ca Foscari, Venezia verusca.costenaro@libero.it Dislessia e lingua straniera: quale

Dettagli

LINGUE STRANIERE E DISLESSIA. Carlos Melero Università Ca Foscari Venezia melero@unive.it

LINGUE STRANIERE E DISLESSIA. Carlos Melero Università Ca Foscari Venezia melero@unive.it LINGUE STRANIERE E DISLESSIA Carlos Melero Università Ca Foscari Venezia melero@unive.it 1.Quadro linguistico 2.Quadro psicologico. 3.Piano Glottodidattico Personalizzato (PGP) 1. Quadro linguistico Cos

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento

Scuola dell infanzia in sintonia con le Linee Guida per il diritto alla studio degli alunni con disturbi specifici di apprendimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Tiraboschi Passaggio Rodari, 1 24030 Paladina (Bg) - 035 637559 035 633900 www.icpaladina.it Cod. Fisc. 95118520162

Dettagli

M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci

M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci M. Mezzadri, 2015, I nuovi ferri del mestiere, Manuale di glottodidattica, Loescher- Bonacci Capitolo 1 Apprendere e insegnare la lingua straniera nella storia 1.1 Introduzione 1.2 Apprendere e insegnare

Dettagli

L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA UMANISTICO - AFFETTIVA E. di Paola Begotti

L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA UMANISTICO - AFFETTIVA E. di Paola Begotti L ACQUISIZIONE LINGUISTICA E LA GLOTTODIDATTICA UMANISTICO - AFFETTIVA E FUNZIONALE di LABORATORIO ITALS DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL LINGUAGGIO UNIVERSITA CA FOSCARI - VENEZIA 1 Introduzione PARTE A: Acquisizione

Dettagli

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE

SCHEDA INFORMAZIONI DELLO STUDENTE ISTITUTO COMPRENSIVO A. FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace,17-40010 Sala Bolognese (Bo) Tel.051-6821302 Fax051-6822294 SCHEDA DI RILEVAZIONE B.E.S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Scuola Primaria e Secondaria

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO «Figlio della borghesia di stato, cresciuto in una famiglia affettuosa, senza conflitti, circondato da adulti responsabili

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Prot. n. 2807/B15 Lainate, 19.09.2013 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DA AVVISO

Prot. n. 2807/B15 Lainate, 19.09.2013 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DA AVVISO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA LAMARMORA LAINATE Via Lamarmora 20020 Lainate (MI) Tel 029371716 Fax 0293572010 Cod. MPI MIIC8BC004 CF 93528430155 e-mail: ellam@tiscali.it PEC: miic8bc004@pec.istruzione.it

Dettagli

Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico

Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico Corso on-line di preparazione alle prove di accesso ai Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico Formazione assistita (35 video-lezioni di 10 formatori spiegano i contenuti del programma)

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Corso propedeutico DITALS II

Corso propedeutico DITALS II Progetto Vivere in Italia. L'italiano per il lavoro e la cittadinanza Terza edizione. Convenzione di Sovvenzione n. 2012/FEI/PROG-104481 CUP ASSEGNATO AL PROGETTO E83D13000880007 Corso propedeutico DITALS

Dettagli

fp SCHEMA SECONDA LINGUA

fp SCHEMA SECONDA LINGUA fp SCHEMA SECONDA LINGUA 1 Definizione di alcuni termini: Fonologia: le unità minime del linguaggio. I fonemi: a - e - i - ch Lessico: le parole di una lingua Morfologia: le regole per la formazione delle

Dettagli

Corso in preparazione al DITALS I

Corso in preparazione al DITALS I APPROCCI E METODI NELLA GLOTTODIDATTICA: DALLE CARATTERISTICHE GENERALI ALLE RICADUTE NEI MANUALI DI ITALIANO L2 Corso in preparazione al DITALS I Cristina Bosisio Università Cattolica del Sacro Cuore

Dettagli

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale)

LINGUA INGLESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. ASCOLTO (comprensione orale) TRIENNIO: classe prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno : comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari descrive oralmente e

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Studenti di madrelingua non italiana SCHEDA PER IL PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1

Studenti di madrelingua non italiana SCHEDA PER IL PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1 Studenti di madrelingua non italiana SCHEDA PER IL PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1 COGNOME E NOME DATA DI NASCITA E PROVENIENZA MESE E ANNO DI ARRIVO IN ITALIA DATA DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA ISTITUTO

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE

Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia Fucili Dott.ssa Roberta Maltese 1 I Disturbi Specifici dell Apprendimento LESSIA

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO E CULTURE IN CLASSE. di Francesca della Puppa e Paola Vettorel

STILI DI APPRENDIMENTO E CULTURE IN CLASSE. di Francesca della Puppa e Paola Vettorel STILI DI APPRENDIMENTO E CULTURE IN CLASSE di Francesca della Puppa e Paola Vettorel LABORATORIO ITALS DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL LINGUAGGIO UNIVERSITA CA FOSCARI - VENEZIA 1 INDICE: PARTE A 1. L allievo

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA IL CURRICOLO DI SCUOLA LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA SCUOLA DELL INFANZIA - I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA PRIMARIA - LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA I GRADO - LINGUE COMUNITARIE - LINGUA

Dettagli

Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue

Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue Using languages to learn, learning to use languages Utilizzo delle lingue per imparare, imparando l utilizzo delle lingue Premessa Il Collegio Arcivescovile A. Volta intende potenziare l insegnamento della

Dettagli

C.T.P.- I.D.A. di Olgiate Comasco e Lomazzo Piano dell Offerta Formativa 2013/2014

C.T.P.- I.D.A. di Olgiate Comasco e Lomazzo Piano dell Offerta Formativa 2013/2014 C.T.P.- I.D.A. di Olgiate Comasco e Lomazzo Piano dell Offerta Formativa 2013/2014 1- Aspetti generali: Il CTP opera nel territorio dell olgiatese e del lomazzese, con un bacino d utenza superiore alle

Dettagli

METAFONOLOGICO: correlato con

METAFONOLOGICO: correlato con Proposte didattiche per i bambini della scuola dell infanzia Laives, 30 settembre 2010 Graziella Tarter Centro Studi Erickson - Trento Progetto Il mondo delle parole Ago-set 2010 Set 10 formazione teorica

Dettagli

MOTIVAZIONE ED AFFETTIVITA NELL ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA STRANIERA

MOTIVAZIONE ED AFFETTIVITA NELL ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA STRANIERA MOTIVAZIONE ED AFFETTIVITA NELL ACQUISIZIONE DI UNA LINGUA STRANIERA Paolo E. Balboni Università Ca Foscari, Venezia Associazione Nazionale Insegnanti Lingua Straniera (ANILS) Linee di guida alla struttura

Dettagli

Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico

Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico Corso on-line di preparazione alle prove di accesso ai Corsi universitari di specializzazione in Sostegno didattico 1.Formazione assistita (45 video-lezioni di 10 formatori spiegano i contenuti del programma)

Dettagli

Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia.

Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia. SELF COACHING 1 MODULO Il dialogo interiore Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia. 2 MODULO Lo stato emotivo Trovare dentro di noi lo stato emotivo

Dettagli

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa

S.I.S. Piemonte. Scrittura creativa S.I.S. Piemonte Scrittura creativa Specializzata: Olga Cotronei Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2005-2006 Contesto In questo lavoro vengono proposte quattro attività di scrittura creativa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI TERZE e QUARTE (RIM, Turismo) TERZA LINGUA STRANIERA a.s. 2013-2014 INDIRIZZI E ARTICOLAZIONI: TURISMO e RIM DISCIPLINA TERZA LINGUA COMUNITARIA- TEDESCO PROFILO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria

Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Progetto educativo per l'apprendimento naturale della lingua inglese per la Scuola dell' Infanzia e la Scuola Primaria Le lingue cui un soggetto è stato esposto entro i primi tre anni di vita vengono ritenute

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Istituto Comprensivo Arbe-Zara

Istituto Comprensivo Arbe-Zara Istituto Comprensivo Arbe-Zara S.M.S. FALCONE E BORSELLINO Viale Sarca - Milano A.S. 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI INGLESE DI LUISA MARIA ZUBELLI SITUAZIONE DELLA CLASSE CLASSE 3 C La classe è costituita

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti LA STIMOLAZIONE COGNITIVA PER IL BENESSERE DELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12 Dott.ssa Ilenia Zanotti COS E LA STIMOLAZIONE COGNITIVA La Stimolazione Cognitiva

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese Denominazione del progetto/laboratorio English time Responsabile di progetto D Aniello Michelina PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO Lingua Inglese SCUOLA Primaria

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO

UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione PROGETTIAMO E PARTIAMO Modello di preparazione di una visita sul territorio con analisi geostorica del sito e dei reperti/monumenti che contiene;

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

L ABILITÀ DI PRODUZIONE Tecniche didattiche e analisi di materiali, livelli di competenza. docente: Patrizia Guasco

L ABILITÀ DI PRODUZIONE Tecniche didattiche e analisi di materiali, livelli di competenza. docente: Patrizia Guasco L ABILITÀ DI PRODUZIONE Tecniche didattiche e analisi di materiali, livelli di competenza docente: Patrizia Guasco 28 febbraio 2011 Università degli Studi di Brescia Centro linguistico interfacoltà Le

Dettagli

Docente: Antonella d Angelo

Docente: Antonella d Angelo Progetto L2 a.s. 2011/2012 Casa dei Bambini M. Montessori GIOCHI PUPPETS GAME TOTAL PHYSICAL RESPONSE DRAMMATIZZAZIONI ROLE PLAY SKETCHES PLAYTIME! STORIE STORY TELLING MIME Docente: Antonella d Angelo

Dettagli

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni

Scuola primaria. Imparare ad imparare Comunicare Collaborare e partecipare Individuare collegamenti e relazioni classe 1^ L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

IC T. CROCI PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA INGLESE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria INGLESE Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria comprende brevi messaggi orali e scritti, relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice,

Dettagli

FRANCESE CLASSE PRIMA

FRANCESE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L allievo/a comprende semplici espressioni e frasi di uso quotidiano e identifica il tema generale di un discorso in cui si parla di argomenti conosciuti, se il messaggio è pronunciato chiaramente

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE ALUNNI

PROGETTO FORMAZIONE ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO Gen. Gonzaga Via Caduti di Bruxelles 84025 - EBOLI (SA) tel 0828 328154 - fax 0828 333444 mail: saic8bg00b@istruzione.it sito: www.icgonzagaeboli.gov.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA VII COMMISSIONE (Istruzione) SULL AFFARE ASSEGNATO SCUOLA Mercoledì 19 Novembre 2014 Documento a cura di Cecilia Pizzorno, Coordinamento Nazionale Nati per la Musica

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Indice. Introduzione 5. Unità 1 Ciao, io sono Anna. E tu? 9. Unità 2 Lavori o studi? 15. Unità 3 Una bottiglia d acqua, per favore.

Indice. Introduzione 5. Unità 1 Ciao, io sono Anna. E tu? 9. Unità 2 Lavori o studi? 15. Unità 3 Una bottiglia d acqua, per favore. Indice Introduzione 5 Unità 1 Ciao, io sono Anna. E tu? 9 Unità 2 Lavori o studi? 15 Unità 3 Una bottiglia d acqua, per favore. 20 Unità 4 Vado a piedi o prendo l autobus? 25 Unità 5 Dove abiti? 30 Unità

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

L ITALIANO L2 PER LE DISCIPLINE

L ITALIANO L2 PER LE DISCIPLINE Comune di Bologna Settore Istruzione e Politiche delle differenze CD/LEI L ITALIANO L2 PER LE DISCIPLINE Atti del corso di formazione Anno scolastico 2006-2007 Ufficio Scolastico Provinciale Bologna Provincia

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli