Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative"

Transcript

1 CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica Work supported by the European Community under the Information Society Technologies (IST) program of the 7th FP for RTD project APARSEN, ref SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 1

2 LICENZA DI DIRITTO D AUTORE Questo materiale è rilasciato sotto licenza Creative Commons CC BY-NC-ND Questa licenza implica che: È possibile copiare e distribuire liberamente questo materiale, a patto che non vengano apportate modifiche e che vengano mantenute le indicazioni di chi è l'autore dell'opera. Ciò è però consentito esclusivamente quando avvenga per scopi non commerciali. Non è consentito di distribuire opere derivate, cioè contenenti qualsivoglia modifica rispetto al materiale originale. Per maggiori dettagli si rimanda direttamente alla licenza: Riassunto della licenza: Licenza completa: SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 2

3 le sezioni 1. Contesto originario ed evoluzione dello standard 2. La fortuna di OAIS 3. OAIS: le informazioni sulla conservazione 4. Applicare OAIS: la proposta di Archivematica 5. OAIS in Italia: lo standard UNISINCRO 6. OAIS in Italia: la proposta di regole tecniche sulla conservazione digitale

4 Sezione 1 Contesto originario, evoluzione e fortuna dello standard

5 la natura dello standard OAIS a fini operativi Il contesto di sviluppo storico di OAIS e la sua evoluzione successiva sono rilevanti al fine di gestire con (maggiore) efficacia l utilizzo dello standard in ambito applicativo La mancata comprensione di tale aspetto e delle motivazione all origine dello standard non ha facilitato un applicazione adeguata rispetto alle potenzialità di OAIS lo standard si sviluppa nella metà degli anni Novanta con il supporto degli specialisti di ICT (NASA) e delle istituzioni che conservano memorie digitali (NARA, RLG) al fine di assicurare l interoperabilità dei dati nella rete indipendentemente dalle architetture e soluzioni HW e SW la tempistica dello sviluppo del modello e l apertura dello standard hanno costituito elementi cruciali per il suo successo e per il suo futuro sviluppo: era indispensabile disporre di un vocabolario condiviso e convincente e di un architettura modello in grado di garantire coerenza e sistematicità e il superamento di concetti abusati quali metadati e archiviazione.

6 la prima fase di applicazione nei sistemi documentari Consortium Research Libraries - CURL, CEDARS Project (UK) Dspace Fedora US National Archives InterPARES Library of Congress METS Library of Congress - PREMIS Nedlib (British Library) Pandora (Australia)

7 concetti fondamentali per gli sviluppi applicativi Comunità di riferimento: un gruppo ben individuato di potenziali utenti che dovrebbero essere in grado di comprendere un particolare insieme di informazioni. Le sfide riguardano: assicurare che le informazioni digitali conservate siano comprensibili e utilizzabili in modo indipendente dalle piattaforme tecnologiche (autocontenute) e dalla presenza di persone esperte compatibilmente anche con il fatto che la base di conoscenza della comunità sia dinamica Il ruolo delle informazioni sulla rappresentazione: le informazioni che associano un oggetto-dati a concetti più significativi in modo che i bit conservati siano restituiti adeguatamente, utilizzati e compresi

8 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 1 Informazioni sui diritti di accesso (access rights information): sono previste come un nuovo elemento della Preservation Description Information da regolare nelle condizioni di versamento (Submission Agreement); includono le informazioni sulle restrizioni all accesso dell utente (consumer) i permessi per le operazioni di conservazione, fruizione e uso del contenuto informativo

9 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 2 Emulazione: la strategia era sottovalutata nella precedente versione (rispetto alle scelte di migrazione); il nuovo capitolo 5 tratta l emulazione in quanto strategia per conservare i servizi di accesso o mantenere l aspetto originario (look and feel) e analizza le diverse modalità di gestire l emulazione in relazione al modello OAIS Pianificazione della conservazione: il ruolo della pianificazione è cresciuto rispetto alla precedente versione (con riferimento alle attività di monitoraggio e di analisi dei rischi, alla definizione di raccomandazioni per l aggiornamento di AIP)

10 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 3 Autenticità e proprietà informative di trasformazione: si aggiunge (grazie al progetto CASPAR e alla riflessione condotta dall Università di Urbino anche in relazione ai requisiti di InterPARES) la definizione di autenticità (il grado con cui una persona o un sistema considera un oggetto con riferimento a ciò che presume di essere: l autenticità è valutata sulla base della capacità di darne prova); le modalità per provare l autenticità sono supportate dal nuovo concetto di transformational information properties un esempio riguarda il caso di migrazione di contenuti informativi per i quali sia previsto la modifica dei bit e/o della PDI di un AIP: si tratta di un operazione rischiosa che implica la possibilità di perdere informazioni rilevanti contenute in un AIP la definizione di transformational information properties implica la definizione precoce di quali proprietà debbano essere conservate dopo le modifiche: il mantenimento di tali proprietà costituisce un contributo operativo al mantenimento dell autenticità o meglio della possibilità di verificarla Il concetto di transformational information properties deve essere confrontata con quello di significant properties al fine di superarne le ambiguità

11 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 3 Preservation perspectives: il capitolo affronta un tema rilevante ai fini della concreta implementazione dello standard ovvero la distinzione tra AIP version e AIP edition una nuova versione di AIP si determina nel caso in cui il contenuto informativo di un AIP o il relativo PDI abbiano subito una modifica (transformation) destinata a gestire la sostituzione di un AIP originario oggetto di migrazione digitale e l edizione di un AIP si determina nel caso in cui il contenuto informativo di un AIP o il relativo PDI acquisiscano nuove informazioni di miglioramento (upgraded or improved) non a fini di conservazione del contenuto ma di gestione dell AIP: in questo caso l AIP non è il risultato di una migrazione

12 Indicazioni bibliografie e siti web Reference Model for an Open Archival Information System (OAIS), CCSDS B-1 (2002), traduzione italiana a cura di G. Michetti, Open Archival Information System/Sistema informativo aperto per l archiviazione, Iccu, Istituto di studi per la tutela dei beni archivistici e librari dell Università degli studi di Urbino, Roma, 2007; Consultative Committee for Space Data Systems. (2012), Reference Model for an Open Archival Information System (OAIS), CCSDS B-2 (2012), nuova edizione, DPC Technology Watch Report on the OAIS model by Brian Lavoie (2004) Interagency Science Working Group, National Archives and Records Administration (NARA), Establishing trustworthy digital repositories: a discussion guide based on the ISO Open archival information system (OAIS) standard reference model, January D. Giaretta, Advanced digital preservation, Springer, Verlag, Berlin, Heidelberg, 2011

13 Sezione 2 La fortuna di OAIS 30/12/

14 OAIS standard di riferimento dei principali progetti internazionali Tutti i progetti europei di seconda generazione ( ) si basano sullo standard OAIS PLANETS, CASPAR, ENSURE, APARSEN, SCIDIP-ES (i principali progetti europei sulla conservazione digitale) hanno OAIS tra gli obiettivi di sviluppo operativo La call europea sull earchiving (2012) identifica OAIS come il modello di riferimento per lo sviluppo di infrastrutture di conservazione Gran parte dei progetti nazionali sulla conservazione digitale (inclusi i progetti sviluppati dai poli regionali italiani Parer e DAX) utilizzano il modello OAIS PREMIS è sviluppato nella forma di un dizionario coerente con OAIS Restano aperti gli interrogativi sui modi per assicurare e verificare la conformità allo standard

15 le ragioni del successo di OAIS - 1 Flessibilità e apertura del deposito modello open perché interoperabile con qualunque tipo di archivio modalità open di rappresentazione dell informazione se formalizzata e adatta alla comunicazione, interpretazione e trattamento anche in modalità automatiche definizione flessibile di conservazione a lungo termine ( l azione di mantenimento delle informazioni in una forma corretta e comprensibile in maniera autonoma e in grado di sostenere la verifica dell autenticità per un intervallo di tempo sufficientemente ampio da dover considerare l impatto prodotto sulle informazioni conservate da cambiamenti delle tecnologie ) flessibilità nella individuazione dei termini della conservazione: decenni, secoli ma anche pochi anni la specificità degli interventi conservativi è demandata alla comunità di riferimento ( un gruppo ben individuato di potenziali utenti in grado di comprendere un particolare insieme di informazioni, definita dal deposito OAIS in modalità da consentire modifiche nel tempo ed eventualità verifiche)

16 le ragioni del successo di OAIS - 2 Flessibilità e categorizzazione nella gestione dei metadati I metadati, espressi nella forma di RepInfo per gestire gli oggetti-dati o in quanto informazioni sulla conservazione (PDI), sono riconducibili ad alcune macro categorie finalizzate a gestire: la comprensione dei dati e la loro interpretazione (RepInfo): possono avere qualunque tipo di forma e natura (annotazione, dati strutturati o testuali) le origini (chi), il contesto (perché) e i controlli (come) (PDI: provenance context, reference, fixity, rights) il modo in cui i dati e i metadati sono raggruppati basati su una tassonomia delle informazioni di impacchettamento (SIP, AIP, DIP)

17 le ragioni del successo di OAIS - 3 Ricorsività e granularità Le informazioni sulla rappresentazione (RepInfo) possono essere a loro volta interpretate da altre RepInfo (reti di rappresentazione o Representation Information) e possono essere raggruppate per tipologie (strutturali, ad esempio in relazione ai formati; semantiche, ad esempio in relazione alle ontologie e ai dizionari utilizzati e altro ancora)

18 le ragioni del successo di OAIS - 4 Un esempio di ricorsività per descrivere il formato FITS (in D. Giaretta, Advanced Digital Preservation, Springer 2010, pp ) un file in formato FITS è facilmente utilizzabile da chi conosce il formato (un astronomo che opera negli anni ), ma non necessariamente da un esperto di altri settori o uno scienziato tra qualche decennio. In questo secondo caso per interpretare correttamente i dati è necessario aggiungere RepInfo relativa allo standard FITS: file pdf che descrive lo standard Acrobat reader per leggere il pdf oppure software FITS e software Java specifiche di dizionario FITS in XML specifiche di dizionario in unicode

19 le ragioni del successo di OAIS - 5 solido rapporto con gli standard, tra cui ad esempio: standard di interfaccia tra archivi OAIS standard per la metodologia di versamento (submission): PAIMAS, UN/CEFACT BRS, UniSincro standard per l uso di metadati relativi ai processi: ISO standard per l identificazione persistente di risorse digitali (cfr APARSEN, WP 22) standard per l uso dei formati: PRONOM standard per la gestione di documenti: RM standard per l accreditamento: ISO 16363

20 Sezione 3 OAIS: le informazioni sulla conservazione

21 centralità delle informazioni sulla conservazione Le informazioni sulla conservazione sono organizzate in 5 categorie, di cui quella sui diritti di accesso è stata creata nell ultima versione di OAIS In alcuni casi le informazioni sono dipendenti dal dominio, in altri sono trasversali Si tratta comunque di informazioni cruciali e costituiscono il nucleo di informazioni che ogni SIP e ogni AIP devono includere perché garantiscono self-documentation nei sistemi di conservazione: in particolare ogni SIP o AIP deve includere informazioni sulla conservazione (PDI) adeguate e sufficienti Meritano un approfondimento anche a fini di verifica della conformità a OAIS

22 PDI: informazioni sull integrità (fixity) Sono le informazioni che documentano i meccanismi di autenticazione e forniscono le chiavi di validazione utilizzate per evitare alterazioni non documentate L integrità è rilevante all interno del deposito o in fase di trasferimento ma non è facilmente garantita nel lungo periodo a causa dell obsolescenza tecnologica Gli algoritmi utilizzati (checksum, hash, object digest) sono di varia natura (SHA, CRC-32, ecc.) e diversamente sicuri, ma in ogni caso vulnerabili Si tratta di informazioni indipendenti dai domini disciplinari cui appartengono i contenuti informativi L integrità in ambito digitale non può essere intesa in quanto conservazione integra di bitstream originali: perdite e modifiche sono inevitabili e devono essere documentati

23 PDI: informazioni di identificazione (reference) Si tratta delle informazioni che individuano univocamente e possibilmente in modo persistente gli oggetti digitali (contenuti informativi, RepInfo, ecc.) e, se necessario, descrivono uno o più meccanismi di attribuzione di identificatori. Possono consentire a sistemi esterni di riferirsi in maniera non ambigua al contenuto informativo (ad esempio un codice ISBN o un codice DOI) In un sistema OAIS si tratta di informazioni spesso replicate nelle informazioni descrittive messe a disposizione degli utenti per avere accesso ai contenuti richiesti Gli identificatori devono essere persistenti (persistent identifier), unici, in grado di localizzare univocamente gli oggetti digitali e/o una copia di riferimento/sostitutiva (PID) E opportuno al fine di valutare la qualità di depositi OAIS compliant che le diverse categorie di identificatori siano interoperabili e standard si veda l analisi condotta da APARSEN (WP 22) finalizzata a fornire un quadro complessivo dei sistemi in uso e criteri di valutazione e a disegnare un modello di riferimento che garantisca l interoperabilità tra i sistemi e un modello di integrazione

24 PDI: informazioni sul contesto (context) Sono le informazioni che documentano le relazioni del contenuto informativo con l ambiente di riferimento (originario o di ri-uso), ivi incluse le modalità di formazione e le forme in cui si definiscono le relazioni con altri contenuti esistenti anche in sistemi diversi Il termine è definito in modo generico da OAIS che di fatto affida al concetto di RepInfo e ai pacchetti informativi il compito di specializzare le relazioni di contesto rilevanti a fini conservativi Un ulteriore elemento di ambiguità è determinato dal significato del termine provenienza non definito da OAIS con adeguata chiarezza e spesso sovrapponibile in tutto o in parte con il concetto di contesto e con i relativi metadati Si ritiene che i due termini possano essere disambiguati all interno di ciascun dominio

25 PDI: informazioni sulla provenienza (provenance) Le informazioni che documentano la storia del contenuto informativo comprendono: origine o fonte cambiamenti avvenuti storia e responsabilità della custodia Sono molteplici le modalità per rappresentare la provenienza sia dal punto di vista dei dizionari da utilizzare: PREMIS (per la conservazione: event, agent, object, right) CIDOC CRM (per la rappresentazione di relazioni semantiche) che dal punto di vista delle categorie di informazioni da descrivere: OPM Open provenance model EAD/EAC (utilizzato non solo in ambito archivistico) L interoperabilità è cruciale. Si tratta di informazioni che spesso è utile identificare con una propria RepInfo anche a fini di condivisione

26 PDI: informazioni sulla gestione dei diritti di accesso (access rights) Sono le informazioni che identificano i limiti di accesso al contenuto informativo, inclusa le restrizioni legali, i termini di licenza e i sistemi di controllo Includono le condizioni di accesso e disseminazione previste nell accordo di versamento in relazione sia alla conservazione da parte del deposito OAIS sia all uso da parte degli utenti finali Includono anche le specifiche per l applicazione di misure gestionali in questo ambito

27 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: indicazioni di metodo Le informazioni e la documentazione che assicurano la verifica dell autenticità sono sempre più rilevanti nella comunità di sviluppo di OAIS (grazie ai progetti CASPAR e APARSEN). Si riferiscono all esigenza di: assicurare precocemente il tracciamento delle informazioni relative a identità e integrità (in base al modello concettuale di InterPARES) gestire le informazioni di rappresentazione (RepInfo) e le informazioni di descrizione dell informazione (PDI) insieme ai contenuti informativi in modo da assicurare l autonomia dei pacchetti informativi di archiviazione dalle specifiche soluzioni tecnologiche

28 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: suggerimenti operativi Definire schemi XML di riferimento per lo sviluppo di pacchetti informativi di archiviazione (AIP) (ad esempio lo schema utilizzato dallo standard UNISiNCRO per AIP e AIC relativi a volumi di documenti sottoscritti digitalmente ai sensi della normativa italiana sulla conservazione digitale) Utilizzare dizionari standard per le informazioni (metadati) di conservazione (ad esempio PREMIS) o per la modellazione dei dati di provenienza (ad esempio le raccomandazioni Open Model Provenance) Ricorrere a standard di dominio per i metadati descrittivi specifici (ISAD/ISAAR in ambito archivistico)

29 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: responsabilità e processi Poiché non è possibile conservare i bitstream originari e poiché la conservazione è un processo dinamico (che implica attività e persone responsabili) le attività che incidono sulla modifica dei flussi di bitstream originari e sulla catena della conservazione devono essere identificate, descritte e documentate. Si tratta di identificare e descrivere chi, quando, come è intervenuto sugli oggetti digitali conservati A fini di interoperabilità è opportuno gestire il tracciamento in forme normalizzate con riferimento a: linee guida sulla descrizione dei processi (vedi progetto APARSEN e progetto SCIDIP-ES) procedure e flussi documentati nonché sviluppo di software di supporto (progetto Archivematica)

30 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: l interoperabilità dei dati di provenienza I progetti europei APARSEN e SCIDIP-ES hanno disegnato strutture interoperabili di dati sulle attività di conservazione al fine di sviluppare un modello condiviso per documentare la catena della custodia con specifico riferimento agli eventi che incidono sull integrità e identità (capture, aggregation, extraction, ingestion) Gli eventi rilevanti sono descritti in un Authenticity evidence record AER (Aparsen) in grado di catturare e conservare in forma normalizzata le informazioni relative alle trasformazioni rilevanti Gli AER sono definiti mediante il data dictionary messo a disposizione dello standard PREMIS L insieme degli AER costituisce l Authenticity evidence history definito dal progetto APARSEN Documentare i processi sin dalla fase di formazione delle risorse digitali mediante workflow normalizzati e vocabolari condivisi e standardizzati è rilevante perché si garantisce l interoperabilità, si favoriscono processi di automazione e si riducono i costi

31 riferimenti bibliografici e siti web APARSEN, deliverable 24.1 e 24.2 Aparsen Project, Deliverable Report on authenticity and plan for interoperable authenticity evaluation system, 2012, Aparsen Project: Deliverable 24.2, Implementation and testing of an authenticity protocol on a specific domain, 2012, Open Provenance Model Core specification, PREMIS SCIDIP-ES intervento a cura di Luigi Briguglio, Mariella Guercio e Silvio Salza (ECLAP 2013)

32 Sezione 4 Applicare OAIS: la proposta di Archivematica 30/12/

33 il progetto ARCHIVEMATICA È un sistema completo di conservazione digitale basato sugli standard internazionali e sui principi archivistici definiti nell ambito del progetto InterPARES: free and open-source digital preservation system that is designed to maintain standards-based long-term access to collections of digital objects E sviluppato su base modulare al fine di fornire una suite integrata di strumenti open source che consentano ai depositi di gestire oggetti digitali di qualunque natura dalla fase di versamento a quelle di archiviazione e di distribuzione secondo il modello funzionale OAIS

34 le finalità Lo scopo è quello di offrire agli archivisti e ai bibliotecari che dispongano di mezzi tecnici e finanziari limitati gli strumenti, la metodologia e la capacità operativa per affrontare nell immediato la conservazione di oggetti digitali, sintetizzando i passi specifici del modello OAIS e sviluppandoli, se possibile, in strumenti software di facile utilizzo presenti all interno del sistema. Qualora l applicativo non supporti l automazione delle fasi, si possono incorporare e documentare i passaggi in una procedura manuale da realizzare a cura dell utente finale. In sostanza il sistema è concepito come un insieme integrato di tecnologia, risorse umane e procedure e non soltanto come un insieme di strumenti software

35 gli standard adottati Gli standard principali utilizzati sono: METS per la gestione dei pacchetti informativi su base OAIS PREMIS per i metadati di conservazione, Dublin Core per identificare e descrivere i singoli oggetti e le componenti digitali che li costituiscono e che formano i pacchetti di versamento e standard di metadati significativi per ciascun dominio (ad esempio lo standard EAD-EAC per descrivere archivi) standard per i formati sulla base di policy e dell analisi di caratteristiche significative dei formati medesimi

36 come funziona - 1 L applicativo si basa sulla creazione e integrazione per la funzione conservativa di micro-servizi indipendenti ma interoperabili, facili da sviluppare, migliorare o sostituire. La struttura fisica di un pacchetto informativo può contenere qualunque tipo di oggetto (file, checksum, log, metadati XML). Il meccanismo operativo è semplice: ogni micro-servizio è descritto in un file di configurazione XML e associato ad una directory definita sulla base di una catena di conservazione conforme a OAIS ; quando un pacchetto informativo viene trasferito in quella specifica directory, si attivano le procedure incluse nel micro-servizio correlato cui seguono ulteriori azioni e altri micro-servizi in una sequenza progressiva che concatena le directory trasformandole in workflow personalizzati.

37 come funziona - 2 E stato sviluppato un modello di base conforme a OAIS, ma gli utenti possono modificarlo in relazione alle loro specifiche esigenze. L installazione dell applicativo (open source e gratuito) può avvenire su qualunque tipo di macchina e di sistema operativo. Può limitarsi a una sola postazione o essere gestita in modalità distribuita anche per ambienti complessi.

38 la gestione dei formati Il sistema mantiene i formati originali di tutti i file acquisiti al fine di sostenere strategie diverse di migrazione o emulazione. Tuttavia la strategia principale utilizzata è basata sulla normalizzazione dei file originali migrati dopo il versamento in formati per la conservazione e la distribuzione, tutti conformi al requisito dei formati aperti. I formati sono raggruppati e gestiti per tipologia (testuale, audio, video, immagini vettoriali, ecc.). La scelta tiene anche conto delle buone pratiche specifiche di ciascuna comunità e delle caratteristiche peculiari di ogni categoria. L obiettivo è di dar vita a un registro online di policy per la gestione dei formati, opportunamente strutturato e interoperabile con i registri dei formati esistenti (PRONOM e UDFR Universal digital format registry).

39 Overview: INGEST Ingest AD1 Receive SIP (PDF) (OpenDocument) AD2 Audit SIP (PDF) (OpenDocument) AD3 Accept SIP for Ingest (PDF) (OpenDocument) AD4 Generate AIP (PDF) (OpenDocument) AD5 Transfer AIP to Archival Storage (PDF) (OpenDocument)

40 Overview: STORAGE Archival Storage AD6 Receive AIP (PDF) (OpenDocument) AD7 Store AIP (PDF) (OpenDocument) AD8 Provide AIP (PDF) (OpenDocument) AD9 Recover AIP (PDF) (OpenDocument)

41 Overview: DATA MANAGEMENT Data Management AD10 Update Database (PDF) (OpenDocument) AD11 Query Database (PDF) (OpenDocument)

42 Overview: ACCESS Access AD12 Request DIP (PDF) (OpenDocument) AD13 Deliver DIP (PDF) (OpenDocument) AD14 Provide Assistance (PDF) (OpenDocument) AD15 Collect Feedback (PDF) (OpenDocument)

43 Overview: ADMINISTRATION Administration AD16 Update Archival Information (PDF) (OpenDocument) AD17 Activate Requests (PDF) (OpenDocument) AD18 Monitor Data Submission Schedule (PDF) (OpenDocument) AD19 Negotiate Submission Agreement (PDF) (OpenDocument)

44 Istruzione Directory Descrizione Il produttore colloca il pacchetto di versamento (SIP) in una cartella condivisa (shared folder) [host]/sendsip/ Il produttore colloca sul suo computer gli oggetti in una determinata cartella definita in modo da inviare automaticamente i suoi contenuti in una cartella condivisa in (manuale) Archivematica. Il SIP appare nella cartella condivisa di Archivematica (auomatico) /1-receiveSIP/ La cartella condivisa è 1-receiveSIP. Quando si opera sul SIP l originale è lasciato in questa come backup in caso di possibili ripensamenti. L archivista copia il SIP nella cartella di revisione del SIP (SIP review folder) (manuale) /2-reviewSIP/ L archivista riesamina il SIP (manuale) /2-reviewSIP/ Il SIP viene controllato per assicurarsi che sia conforme all accordo di versamento. Se è incluso il file MD5checksum.txt, si clicca il testo destro del mouse e si seleziona Verify MD5 checksum. In caso contrario Archivematica aggiunge il checksum alla directory SIPlog e verifica il checksum in varie occasioni nel corso del processo di versamento. L archivista aggiunge i metadati descrittivi (manuale) /2-reviewSIP/ Il SIP viene aperto. Si clicca con il tasto destro del mouse e si seleziona dal menu Add Dublin Core XML. Si seleziona con il tasto destro del mouse dublincore.xml per aprirlo con Mousepad. Si aggiungono le informazioni descrittive appropriate e si salva il file. L archivista sposta il SIP nel settore di quarantena (manuale) /3-quarantineSIP/ Il SIP è in quarantena (automatica) /3-quarantineSIP/ Il SIP rimane nella cartella di quarantena per un periodo di tempo predefinito (ad esempio 30 giorni. Si estraggono tutti i file incorporati e/o compressi (automatica) /3-quarantineSIP/ I caratteri non consentiti sono rimossi dalla cartella e dalle denominazioni dei file (automatica) /3-quarantineSIP/ Archivematica rimuove gli spazi, le e commerciali e tutti i caratteri speciali dalla cartella e dai nomi dei file per consentire il trattamento in Linux. Viene generato un log di tutti i cambiamenti di nome. Il log è aggiunto nella cartella ingestlogs. Tutti gli oggetti SIP sono sottoposti all analisi anti-virus (automatica) /3-quarantineSIP/ Ogni file infetto viene rimosso e inserito nella cartella possiblevirii (automatica) /SIPerrors/possibleVirii/ Qualora si individuino file infetti, si produce una notifica e i file infetti sono isolati. Il trattamento del SIP continua sui file rimanenti. I contenutidel SIP sono identificati e validatiutilizzando FITS (automatica) /3-quarantineSIP/ FITS identifica i formati dei file, li valida rispetto alle specifiche pubblicate ed estrae i metadati tecnici. Tutte le suddette informazioni sono memorizzate nella directory ingestlogs e aggiunta al file METS.xml che descrive i contenuti dei pacchetti di archiviazione AIP. I file sono trasferiti nella cartella di valutazione del SIP (SIP appraisal) (automatica) /4-appraiseSIP/ L archivista valuta il SIP (manuale) /4-appraiseSIP/ L archivista ora ha accesso a tutti i metadati tecnici disponibili per completare la valutazione del SIP, ad esempio in termini di verifica della corrispondenza con l accordo di versamento o per la selezione a fini storici, legali, ecc. Se il SIP è rifiutato, l archivista lo colloca nella cartella rejection folder (manuale) /SIPerrors/rejectedSIPs/ Se il SIP è rifiutato, l archivista può notificare il risultato al produttore o intraprendere altre azioni previste dalla policy dell istituzione. Se il SIP è accettato, l archivista trasferisce il SIP nella cartella di preparazione del pacchetto di archiviazione AIP (AIP preparation folder) (manuale) /5-prepareAIP/

45 Sezione 5 OAIS in Italia: lo standard UNISiNCRO 30/12/

46 standard e raccomandazioni: lo standard UNI SINCRO Lo standard SInCRO è stato elaborato dalla Commissione UNI-DIAM e in particolare dal comitato sulla gestione dei documenti e degli archivi per iniziativa di fornitori preoccupati per la qualità nel tempo dei servizi offerti Ha la finalità di definire nel rispetto del modello OAIS una struttura di dati in XML (una sorta di AIP o meglio AIC) che consenta di predisporre sia le informazioni identificative minime (previste dal legislatore) che una infrastruttura generale in grado di gestire tutte le informazioni archivistiche necessarie al processo di formazione e tenuta dei documenti digitali in modo da assicurare l interoperabilità tra sistemi e la conservazione a lungo termine Il presupposto è il riconoscimento che l ottimizzazione del processo di conservazione presuppone una corretta analisi archivistica dei documenti da digitalizzare e conservare e un adeguato sistema di tenuta dei documenti negli archivi correnti

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo]

Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8. [Preambolo] www.diritto24.ilsole24ore.com/lex24/ Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 novembre 2014 Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 12 gennaio 2015, n. 8 Regole tecniche in materia di formazione,

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

D2.1 Rapporto: indagine sulle opportunità formative e modello di valutazione

D2.1 Rapporto: indagine sulle opportunità formative e modello di valutazione DOCUMENTO Acronimo del progetto: DigCurV Numero del progetto: 510023 Titolo del progetto: Digital Curator Vocational Education Europe Tipo di disseminazione: Pubblica D2.1 Rapporto: indagine sulle opportunità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

La fattura elettronica e sua conservazione

La fattura elettronica e sua conservazione La fattura elettronica e sua conservazione Che cos è la FatturaPA? La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli