Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative"

Transcript

1 CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Conformità allo standard OAIS: criticità e soluzioni applicative MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica Work supported by the European Community under the Information Society Technologies (IST) program of the 7th FP for RTD project APARSEN, ref SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 1

2 LICENZA DI DIRITTO D AUTORE Questo materiale è rilasciato sotto licenza Creative Commons CC BY-NC-ND Questa licenza implica che: È possibile copiare e distribuire liberamente questo materiale, a patto che non vengano apportate modifiche e che vengano mantenute le indicazioni di chi è l'autore dell'opera. Ciò è però consentito esclusivamente quando avvenga per scopi non commerciali. Non è consentito di distribuire opere derivate, cioè contenenti qualsivoglia modifica rispetto al materiale originale. Per maggiori dettagli si rimanda direttamente alla licenza: Riassunto della licenza: Licenza completa: SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 2

3 le sezioni 1. Contesto originario ed evoluzione dello standard 2. La fortuna di OAIS 3. OAIS: le informazioni sulla conservazione 4. Applicare OAIS: la proposta di Archivematica 5. OAIS in Italia: lo standard UNISINCRO 6. OAIS in Italia: la proposta di regole tecniche sulla conservazione digitale

4 Sezione 1 Contesto originario, evoluzione e fortuna dello standard

5 la natura dello standard OAIS a fini operativi Il contesto di sviluppo storico di OAIS e la sua evoluzione successiva sono rilevanti al fine di gestire con (maggiore) efficacia l utilizzo dello standard in ambito applicativo La mancata comprensione di tale aspetto e delle motivazione all origine dello standard non ha facilitato un applicazione adeguata rispetto alle potenzialità di OAIS lo standard si sviluppa nella metà degli anni Novanta con il supporto degli specialisti di ICT (NASA) e delle istituzioni che conservano memorie digitali (NARA, RLG) al fine di assicurare l interoperabilità dei dati nella rete indipendentemente dalle architetture e soluzioni HW e SW la tempistica dello sviluppo del modello e l apertura dello standard hanno costituito elementi cruciali per il suo successo e per il suo futuro sviluppo: era indispensabile disporre di un vocabolario condiviso e convincente e di un architettura modello in grado di garantire coerenza e sistematicità e il superamento di concetti abusati quali metadati e archiviazione.

6 la prima fase di applicazione nei sistemi documentari Consortium Research Libraries - CURL, CEDARS Project (UK) Dspace Fedora US National Archives InterPARES Library of Congress METS Library of Congress - PREMIS Nedlib (British Library) Pandora (Australia)

7 concetti fondamentali per gli sviluppi applicativi Comunità di riferimento: un gruppo ben individuato di potenziali utenti che dovrebbero essere in grado di comprendere un particolare insieme di informazioni. Le sfide riguardano: assicurare che le informazioni digitali conservate siano comprensibili e utilizzabili in modo indipendente dalle piattaforme tecnologiche (autocontenute) e dalla presenza di persone esperte compatibilmente anche con il fatto che la base di conoscenza della comunità sia dinamica Il ruolo delle informazioni sulla rappresentazione: le informazioni che associano un oggetto-dati a concetti più significativi in modo che i bit conservati siano restituiti adeguatamente, utilizzati e compresi

8 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 1 Informazioni sui diritti di accesso (access rights information): sono previste come un nuovo elemento della Preservation Description Information da regolare nelle condizioni di versamento (Submission Agreement); includono le informazioni sulle restrizioni all accesso dell utente (consumer) i permessi per le operazioni di conservazione, fruizione e uso del contenuto informativo

9 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 2 Emulazione: la strategia era sottovalutata nella precedente versione (rispetto alle scelte di migrazione); il nuovo capitolo 5 tratta l emulazione in quanto strategia per conservare i servizi di accesso o mantenere l aspetto originario (look and feel) e analizza le diverse modalità di gestire l emulazione in relazione al modello OAIS Pianificazione della conservazione: il ruolo della pianificazione è cresciuto rispetto alla precedente versione (con riferimento alle attività di monitoraggio e di analisi dei rischi, alla definizione di raccomandazioni per l aggiornamento di AIP)

10 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 3 Autenticità e proprietà informative di trasformazione: si aggiunge (grazie al progetto CASPAR e alla riflessione condotta dall Università di Urbino anche in relazione ai requisiti di InterPARES) la definizione di autenticità (il grado con cui una persona o un sistema considera un oggetto con riferimento a ciò che presume di essere: l autenticità è valutata sulla base della capacità di darne prova); le modalità per provare l autenticità sono supportate dal nuovo concetto di transformational information properties un esempio riguarda il caso di migrazione di contenuti informativi per i quali sia previsto la modifica dei bit e/o della PDI di un AIP: si tratta di un operazione rischiosa che implica la possibilità di perdere informazioni rilevanti contenute in un AIP la definizione di transformational information properties implica la definizione precoce di quali proprietà debbano essere conservate dopo le modifiche: il mantenimento di tali proprietà costituisce un contributo operativo al mantenimento dell autenticità o meglio della possibilità di verificarla Il concetto di transformational information properties deve essere confrontata con quello di significant properties al fine di superarne le ambiguità

11 la nuova versione dello standard (2012): le modifiche principali - 3 Preservation perspectives: il capitolo affronta un tema rilevante ai fini della concreta implementazione dello standard ovvero la distinzione tra AIP version e AIP edition una nuova versione di AIP si determina nel caso in cui il contenuto informativo di un AIP o il relativo PDI abbiano subito una modifica (transformation) destinata a gestire la sostituzione di un AIP originario oggetto di migrazione digitale e l edizione di un AIP si determina nel caso in cui il contenuto informativo di un AIP o il relativo PDI acquisiscano nuove informazioni di miglioramento (upgraded or improved) non a fini di conservazione del contenuto ma di gestione dell AIP: in questo caso l AIP non è il risultato di una migrazione

12 Indicazioni bibliografie e siti web Reference Model for an Open Archival Information System (OAIS), CCSDS B-1 (2002), traduzione italiana a cura di G. Michetti, Open Archival Information System/Sistema informativo aperto per l archiviazione, Iccu, Istituto di studi per la tutela dei beni archivistici e librari dell Università degli studi di Urbino, Roma, 2007; Consultative Committee for Space Data Systems. (2012), Reference Model for an Open Archival Information System (OAIS), CCSDS B-2 (2012), nuova edizione, DPC Technology Watch Report on the OAIS model by Brian Lavoie (2004) Interagency Science Working Group, National Archives and Records Administration (NARA), Establishing trustworthy digital repositories: a discussion guide based on the ISO Open archival information system (OAIS) standard reference model, January D. Giaretta, Advanced digital preservation, Springer, Verlag, Berlin, Heidelberg, 2011

13 Sezione 2 La fortuna di OAIS 30/12/

14 OAIS standard di riferimento dei principali progetti internazionali Tutti i progetti europei di seconda generazione ( ) si basano sullo standard OAIS PLANETS, CASPAR, ENSURE, APARSEN, SCIDIP-ES (i principali progetti europei sulla conservazione digitale) hanno OAIS tra gli obiettivi di sviluppo operativo La call europea sull earchiving (2012) identifica OAIS come il modello di riferimento per lo sviluppo di infrastrutture di conservazione Gran parte dei progetti nazionali sulla conservazione digitale (inclusi i progetti sviluppati dai poli regionali italiani Parer e DAX) utilizzano il modello OAIS PREMIS è sviluppato nella forma di un dizionario coerente con OAIS Restano aperti gli interrogativi sui modi per assicurare e verificare la conformità allo standard

15 le ragioni del successo di OAIS - 1 Flessibilità e apertura del deposito modello open perché interoperabile con qualunque tipo di archivio modalità open di rappresentazione dell informazione se formalizzata e adatta alla comunicazione, interpretazione e trattamento anche in modalità automatiche definizione flessibile di conservazione a lungo termine ( l azione di mantenimento delle informazioni in una forma corretta e comprensibile in maniera autonoma e in grado di sostenere la verifica dell autenticità per un intervallo di tempo sufficientemente ampio da dover considerare l impatto prodotto sulle informazioni conservate da cambiamenti delle tecnologie ) flessibilità nella individuazione dei termini della conservazione: decenni, secoli ma anche pochi anni la specificità degli interventi conservativi è demandata alla comunità di riferimento ( un gruppo ben individuato di potenziali utenti in grado di comprendere un particolare insieme di informazioni, definita dal deposito OAIS in modalità da consentire modifiche nel tempo ed eventualità verifiche)

16 le ragioni del successo di OAIS - 2 Flessibilità e categorizzazione nella gestione dei metadati I metadati, espressi nella forma di RepInfo per gestire gli oggetti-dati o in quanto informazioni sulla conservazione (PDI), sono riconducibili ad alcune macro categorie finalizzate a gestire: la comprensione dei dati e la loro interpretazione (RepInfo): possono avere qualunque tipo di forma e natura (annotazione, dati strutturati o testuali) le origini (chi), il contesto (perché) e i controlli (come) (PDI: provenance context, reference, fixity, rights) il modo in cui i dati e i metadati sono raggruppati basati su una tassonomia delle informazioni di impacchettamento (SIP, AIP, DIP)

17 le ragioni del successo di OAIS - 3 Ricorsività e granularità Le informazioni sulla rappresentazione (RepInfo) possono essere a loro volta interpretate da altre RepInfo (reti di rappresentazione o Representation Information) e possono essere raggruppate per tipologie (strutturali, ad esempio in relazione ai formati; semantiche, ad esempio in relazione alle ontologie e ai dizionari utilizzati e altro ancora)

18 le ragioni del successo di OAIS - 4 Un esempio di ricorsività per descrivere il formato FITS (in D. Giaretta, Advanced Digital Preservation, Springer 2010, pp ) un file in formato FITS è facilmente utilizzabile da chi conosce il formato (un astronomo che opera negli anni ), ma non necessariamente da un esperto di altri settori o uno scienziato tra qualche decennio. In questo secondo caso per interpretare correttamente i dati è necessario aggiungere RepInfo relativa allo standard FITS: file pdf che descrive lo standard Acrobat reader per leggere il pdf oppure software FITS e software Java specifiche di dizionario FITS in XML specifiche di dizionario in unicode

19 le ragioni del successo di OAIS - 5 solido rapporto con gli standard, tra cui ad esempio: standard di interfaccia tra archivi OAIS standard per la metodologia di versamento (submission): PAIMAS, UN/CEFACT BRS, UniSincro standard per l uso di metadati relativi ai processi: ISO standard per l identificazione persistente di risorse digitali (cfr APARSEN, WP 22) standard per l uso dei formati: PRONOM standard per la gestione di documenti: RM standard per l accreditamento: ISO 16363

20 Sezione 3 OAIS: le informazioni sulla conservazione

21 centralità delle informazioni sulla conservazione Le informazioni sulla conservazione sono organizzate in 5 categorie, di cui quella sui diritti di accesso è stata creata nell ultima versione di OAIS In alcuni casi le informazioni sono dipendenti dal dominio, in altri sono trasversali Si tratta comunque di informazioni cruciali e costituiscono il nucleo di informazioni che ogni SIP e ogni AIP devono includere perché garantiscono self-documentation nei sistemi di conservazione: in particolare ogni SIP o AIP deve includere informazioni sulla conservazione (PDI) adeguate e sufficienti Meritano un approfondimento anche a fini di verifica della conformità a OAIS

22 PDI: informazioni sull integrità (fixity) Sono le informazioni che documentano i meccanismi di autenticazione e forniscono le chiavi di validazione utilizzate per evitare alterazioni non documentate L integrità è rilevante all interno del deposito o in fase di trasferimento ma non è facilmente garantita nel lungo periodo a causa dell obsolescenza tecnologica Gli algoritmi utilizzati (checksum, hash, object digest) sono di varia natura (SHA, CRC-32, ecc.) e diversamente sicuri, ma in ogni caso vulnerabili Si tratta di informazioni indipendenti dai domini disciplinari cui appartengono i contenuti informativi L integrità in ambito digitale non può essere intesa in quanto conservazione integra di bitstream originali: perdite e modifiche sono inevitabili e devono essere documentati

23 PDI: informazioni di identificazione (reference) Si tratta delle informazioni che individuano univocamente e possibilmente in modo persistente gli oggetti digitali (contenuti informativi, RepInfo, ecc.) e, se necessario, descrivono uno o più meccanismi di attribuzione di identificatori. Possono consentire a sistemi esterni di riferirsi in maniera non ambigua al contenuto informativo (ad esempio un codice ISBN o un codice DOI) In un sistema OAIS si tratta di informazioni spesso replicate nelle informazioni descrittive messe a disposizione degli utenti per avere accesso ai contenuti richiesti Gli identificatori devono essere persistenti (persistent identifier), unici, in grado di localizzare univocamente gli oggetti digitali e/o una copia di riferimento/sostitutiva (PID) E opportuno al fine di valutare la qualità di depositi OAIS compliant che le diverse categorie di identificatori siano interoperabili e standard si veda l analisi condotta da APARSEN (WP 22) finalizzata a fornire un quadro complessivo dei sistemi in uso e criteri di valutazione e a disegnare un modello di riferimento che garantisca l interoperabilità tra i sistemi e un modello di integrazione

24 PDI: informazioni sul contesto (context) Sono le informazioni che documentano le relazioni del contenuto informativo con l ambiente di riferimento (originario o di ri-uso), ivi incluse le modalità di formazione e le forme in cui si definiscono le relazioni con altri contenuti esistenti anche in sistemi diversi Il termine è definito in modo generico da OAIS che di fatto affida al concetto di RepInfo e ai pacchetti informativi il compito di specializzare le relazioni di contesto rilevanti a fini conservativi Un ulteriore elemento di ambiguità è determinato dal significato del termine provenienza non definito da OAIS con adeguata chiarezza e spesso sovrapponibile in tutto o in parte con il concetto di contesto e con i relativi metadati Si ritiene che i due termini possano essere disambiguati all interno di ciascun dominio

25 PDI: informazioni sulla provenienza (provenance) Le informazioni che documentano la storia del contenuto informativo comprendono: origine o fonte cambiamenti avvenuti storia e responsabilità della custodia Sono molteplici le modalità per rappresentare la provenienza sia dal punto di vista dei dizionari da utilizzare: PREMIS (per la conservazione: event, agent, object, right) CIDOC CRM (per la rappresentazione di relazioni semantiche) che dal punto di vista delle categorie di informazioni da descrivere: OPM Open provenance model EAD/EAC (utilizzato non solo in ambito archivistico) L interoperabilità è cruciale. Si tratta di informazioni che spesso è utile identificare con una propria RepInfo anche a fini di condivisione

26 PDI: informazioni sulla gestione dei diritti di accesso (access rights) Sono le informazioni che identificano i limiti di accesso al contenuto informativo, inclusa le restrizioni legali, i termini di licenza e i sistemi di controllo Includono le condizioni di accesso e disseminazione previste nell accordo di versamento in relazione sia alla conservazione da parte del deposito OAIS sia all uso da parte degli utenti finali Includono anche le specifiche per l applicazione di misure gestionali in questo ambito

27 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: indicazioni di metodo Le informazioni e la documentazione che assicurano la verifica dell autenticità sono sempre più rilevanti nella comunità di sviluppo di OAIS (grazie ai progetti CASPAR e APARSEN). Si riferiscono all esigenza di: assicurare precocemente il tracciamento delle informazioni relative a identità e integrità (in base al modello concettuale di InterPARES) gestire le informazioni di rappresentazione (RepInfo) e le informazioni di descrizione dell informazione (PDI) insieme ai contenuti informativi in modo da assicurare l autonomia dei pacchetti informativi di archiviazione dalle specifiche soluzioni tecnologiche

28 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: suggerimenti operativi Definire schemi XML di riferimento per lo sviluppo di pacchetti informativi di archiviazione (AIP) (ad esempio lo schema utilizzato dallo standard UNISiNCRO per AIP e AIC relativi a volumi di documenti sottoscritti digitalmente ai sensi della normativa italiana sulla conservazione digitale) Utilizzare dizionari standard per le informazioni (metadati) di conservazione (ad esempio PREMIS) o per la modellazione dei dati di provenienza (ad esempio le raccomandazioni Open Model Provenance) Ricorrere a standard di dominio per i metadati descrittivi specifici (ISAD/ISAAR in ambito archivistico)

29 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: responsabilità e processi Poiché non è possibile conservare i bitstream originari e poiché la conservazione è un processo dinamico (che implica attività e persone responsabili) le attività che incidono sulla modifica dei flussi di bitstream originari e sulla catena della conservazione devono essere identificate, descritte e documentate. Si tratta di identificare e descrivere chi, quando, come è intervenuto sugli oggetti digitali conservati A fini di interoperabilità è opportuno gestire il tracciamento in forme normalizzate con riferimento a: linee guida sulla descrizione dei processi (vedi progetto APARSEN e progetto SCIDIP-ES) procedure e flussi documentati nonché sviluppo di software di supporto (progetto Archivematica)

30 gestire l autenticità in un ambiente OAIS: l interoperabilità dei dati di provenienza I progetti europei APARSEN e SCIDIP-ES hanno disegnato strutture interoperabili di dati sulle attività di conservazione al fine di sviluppare un modello condiviso per documentare la catena della custodia con specifico riferimento agli eventi che incidono sull integrità e identità (capture, aggregation, extraction, ingestion) Gli eventi rilevanti sono descritti in un Authenticity evidence record AER (Aparsen) in grado di catturare e conservare in forma normalizzata le informazioni relative alle trasformazioni rilevanti Gli AER sono definiti mediante il data dictionary messo a disposizione dello standard PREMIS L insieme degli AER costituisce l Authenticity evidence history definito dal progetto APARSEN Documentare i processi sin dalla fase di formazione delle risorse digitali mediante workflow normalizzati e vocabolari condivisi e standardizzati è rilevante perché si garantisce l interoperabilità, si favoriscono processi di automazione e si riducono i costi

31 riferimenti bibliografici e siti web APARSEN, deliverable 24.1 e 24.2 Aparsen Project, Deliverable Report on authenticity and plan for interoperable authenticity evaluation system, 2012, Aparsen Project: Deliverable 24.2, Implementation and testing of an authenticity protocol on a specific domain, 2012, Open Provenance Model Core specification, PREMIS SCIDIP-ES intervento a cura di Luigi Briguglio, Mariella Guercio e Silvio Salza (ECLAP 2013)

32 Sezione 4 Applicare OAIS: la proposta di Archivematica 30/12/

33 il progetto ARCHIVEMATICA È un sistema completo di conservazione digitale basato sugli standard internazionali e sui principi archivistici definiti nell ambito del progetto InterPARES: free and open-source digital preservation system that is designed to maintain standards-based long-term access to collections of digital objects E sviluppato su base modulare al fine di fornire una suite integrata di strumenti open source che consentano ai depositi di gestire oggetti digitali di qualunque natura dalla fase di versamento a quelle di archiviazione e di distribuzione secondo il modello funzionale OAIS

34 le finalità Lo scopo è quello di offrire agli archivisti e ai bibliotecari che dispongano di mezzi tecnici e finanziari limitati gli strumenti, la metodologia e la capacità operativa per affrontare nell immediato la conservazione di oggetti digitali, sintetizzando i passi specifici del modello OAIS e sviluppandoli, se possibile, in strumenti software di facile utilizzo presenti all interno del sistema. Qualora l applicativo non supporti l automazione delle fasi, si possono incorporare e documentare i passaggi in una procedura manuale da realizzare a cura dell utente finale. In sostanza il sistema è concepito come un insieme integrato di tecnologia, risorse umane e procedure e non soltanto come un insieme di strumenti software

35 gli standard adottati Gli standard principali utilizzati sono: METS per la gestione dei pacchetti informativi su base OAIS PREMIS per i metadati di conservazione, Dublin Core per identificare e descrivere i singoli oggetti e le componenti digitali che li costituiscono e che formano i pacchetti di versamento e standard di metadati significativi per ciascun dominio (ad esempio lo standard EAD-EAC per descrivere archivi) standard per i formati sulla base di policy e dell analisi di caratteristiche significative dei formati medesimi

36 come funziona - 1 L applicativo si basa sulla creazione e integrazione per la funzione conservativa di micro-servizi indipendenti ma interoperabili, facili da sviluppare, migliorare o sostituire. La struttura fisica di un pacchetto informativo può contenere qualunque tipo di oggetto (file, checksum, log, metadati XML). Il meccanismo operativo è semplice: ogni micro-servizio è descritto in un file di configurazione XML e associato ad una directory definita sulla base di una catena di conservazione conforme a OAIS ; quando un pacchetto informativo viene trasferito in quella specifica directory, si attivano le procedure incluse nel micro-servizio correlato cui seguono ulteriori azioni e altri micro-servizi in una sequenza progressiva che concatena le directory trasformandole in workflow personalizzati.

37 come funziona - 2 E stato sviluppato un modello di base conforme a OAIS, ma gli utenti possono modificarlo in relazione alle loro specifiche esigenze. L installazione dell applicativo (open source e gratuito) può avvenire su qualunque tipo di macchina e di sistema operativo. Può limitarsi a una sola postazione o essere gestita in modalità distribuita anche per ambienti complessi.

38 la gestione dei formati Il sistema mantiene i formati originali di tutti i file acquisiti al fine di sostenere strategie diverse di migrazione o emulazione. Tuttavia la strategia principale utilizzata è basata sulla normalizzazione dei file originali migrati dopo il versamento in formati per la conservazione e la distribuzione, tutti conformi al requisito dei formati aperti. I formati sono raggruppati e gestiti per tipologia (testuale, audio, video, immagini vettoriali, ecc.). La scelta tiene anche conto delle buone pratiche specifiche di ciascuna comunità e delle caratteristiche peculiari di ogni categoria. L obiettivo è di dar vita a un registro online di policy per la gestione dei formati, opportunamente strutturato e interoperabile con i registri dei formati esistenti (PRONOM e UDFR Universal digital format registry).

39 Overview: INGEST Ingest AD1 Receive SIP (PDF) (OpenDocument) AD2 Audit SIP (PDF) (OpenDocument) AD3 Accept SIP for Ingest (PDF) (OpenDocument) AD4 Generate AIP (PDF) (OpenDocument) AD5 Transfer AIP to Archival Storage (PDF) (OpenDocument)

40 Overview: STORAGE Archival Storage AD6 Receive AIP (PDF) (OpenDocument) AD7 Store AIP (PDF) (OpenDocument) AD8 Provide AIP (PDF) (OpenDocument) AD9 Recover AIP (PDF) (OpenDocument)

41 Overview: DATA MANAGEMENT Data Management AD10 Update Database (PDF) (OpenDocument) AD11 Query Database (PDF) (OpenDocument)

42 Overview: ACCESS Access AD12 Request DIP (PDF) (OpenDocument) AD13 Deliver DIP (PDF) (OpenDocument) AD14 Provide Assistance (PDF) (OpenDocument) AD15 Collect Feedback (PDF) (OpenDocument)

43 Overview: ADMINISTRATION Administration AD16 Update Archival Information (PDF) (OpenDocument) AD17 Activate Requests (PDF) (OpenDocument) AD18 Monitor Data Submission Schedule (PDF) (OpenDocument) AD19 Negotiate Submission Agreement (PDF) (OpenDocument)

44 Istruzione Directory Descrizione Il produttore colloca il pacchetto di versamento (SIP) in una cartella condivisa (shared folder) [host]/sendsip/ Il produttore colloca sul suo computer gli oggetti in una determinata cartella definita in modo da inviare automaticamente i suoi contenuti in una cartella condivisa in (manuale) Archivematica. Il SIP appare nella cartella condivisa di Archivematica (auomatico) /1-receiveSIP/ La cartella condivisa è 1-receiveSIP. Quando si opera sul SIP l originale è lasciato in questa come backup in caso di possibili ripensamenti. L archivista copia il SIP nella cartella di revisione del SIP (SIP review folder) (manuale) /2-reviewSIP/ L archivista riesamina il SIP (manuale) /2-reviewSIP/ Il SIP viene controllato per assicurarsi che sia conforme all accordo di versamento. Se è incluso il file MD5checksum.txt, si clicca il testo destro del mouse e si seleziona Verify MD5 checksum. In caso contrario Archivematica aggiunge il checksum alla directory SIPlog e verifica il checksum in varie occasioni nel corso del processo di versamento. L archivista aggiunge i metadati descrittivi (manuale) /2-reviewSIP/ Il SIP viene aperto. Si clicca con il tasto destro del mouse e si seleziona dal menu Add Dublin Core XML. Si seleziona con il tasto destro del mouse dublincore.xml per aprirlo con Mousepad. Si aggiungono le informazioni descrittive appropriate e si salva il file. L archivista sposta il SIP nel settore di quarantena (manuale) /3-quarantineSIP/ Il SIP è in quarantena (automatica) /3-quarantineSIP/ Il SIP rimane nella cartella di quarantena per un periodo di tempo predefinito (ad esempio 30 giorni. Si estraggono tutti i file incorporati e/o compressi (automatica) /3-quarantineSIP/ I caratteri non consentiti sono rimossi dalla cartella e dalle denominazioni dei file (automatica) /3-quarantineSIP/ Archivematica rimuove gli spazi, le e commerciali e tutti i caratteri speciali dalla cartella e dai nomi dei file per consentire il trattamento in Linux. Viene generato un log di tutti i cambiamenti di nome. Il log è aggiunto nella cartella ingestlogs. Tutti gli oggetti SIP sono sottoposti all analisi anti-virus (automatica) /3-quarantineSIP/ Ogni file infetto viene rimosso e inserito nella cartella possiblevirii (automatica) /SIPerrors/possibleVirii/ Qualora si individuino file infetti, si produce una notifica e i file infetti sono isolati. Il trattamento del SIP continua sui file rimanenti. I contenutidel SIP sono identificati e validatiutilizzando FITS (automatica) /3-quarantineSIP/ FITS identifica i formati dei file, li valida rispetto alle specifiche pubblicate ed estrae i metadati tecnici. Tutte le suddette informazioni sono memorizzate nella directory ingestlogs e aggiunta al file METS.xml che descrive i contenuti dei pacchetti di archiviazione AIP. I file sono trasferiti nella cartella di valutazione del SIP (SIP appraisal) (automatica) /4-appraiseSIP/ L archivista valuta il SIP (manuale) /4-appraiseSIP/ L archivista ora ha accesso a tutti i metadati tecnici disponibili per completare la valutazione del SIP, ad esempio in termini di verifica della corrispondenza con l accordo di versamento o per la selezione a fini storici, legali, ecc. Se il SIP è rifiutato, l archivista lo colloca nella cartella rejection folder (manuale) /SIPerrors/rejectedSIPs/ Se il SIP è rifiutato, l archivista può notificare il risultato al produttore o intraprendere altre azioni previste dalla policy dell istituzione. Se il SIP è accettato, l archivista trasferisce il SIP nella cartella di preparazione del pacchetto di archiviazione AIP (AIP preparation folder) (manuale) /5-prepareAIP/

45 Sezione 5 OAIS in Italia: lo standard UNISiNCRO 30/12/

46 standard e raccomandazioni: lo standard UNI SINCRO Lo standard SInCRO è stato elaborato dalla Commissione UNI-DIAM e in particolare dal comitato sulla gestione dei documenti e degli archivi per iniziativa di fornitori preoccupati per la qualità nel tempo dei servizi offerti Ha la finalità di definire nel rispetto del modello OAIS una struttura di dati in XML (una sorta di AIP o meglio AIC) che consenta di predisporre sia le informazioni identificative minime (previste dal legislatore) che una infrastruttura generale in grado di gestire tutte le informazioni archivistiche necessarie al processo di formazione e tenuta dei documenti digitali in modo da assicurare l interoperabilità tra sistemi e la conservazione a lungo termine Il presupposto è il riconoscimento che l ottimizzazione del processo di conservazione presuppone una corretta analisi archivistica dei documenti da digitalizzare e conservare e un adeguato sistema di tenuta dei documenti negli archivi correnti

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine. Lo standard UNI SInCRO

Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine. Lo standard UNI SInCRO Il quadro normativo nazionale e le sue criticità per la conservazione a lungo termine Lo standard UNI SInCRO la conservazione anticipata e le sue criticità La normativa nazionale sulla conservazione sostitutiva

Dettagli

Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale

Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio

Dettagli

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO Testo tratto da S. PIGLIAPOCO, La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche. Requisiti, metodi e sistemi per la produzione, archiviazione e conservazione dei documenti informatici, Santarcangelo

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

MANUALE DI CONSERVAZIONE. Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento

MANUALE DI CONSERVAZIONE. Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento MANUALE DI CONSERVAZIONE Allegato 1 Normativa e Standard di riferimento Data 09-10-2014 Codice documento Allegato 1 al Manuale di Conservazione: Normativa e Standard di riferimento Versione 1.0 Il presente

Dettagli

Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione

Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione Brian F. Lavoie 1 I. Breve premessa... 1 II. La genesi del modello OAIS... 2 III. Il sistema informativo aperto per l archiviazione

Dettagli

Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it. http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html

Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it. http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html IL MODELLO OAIS Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html Se, tradizionalmente intesa, la conservazione consiste nell'assicurare la stabilità nel tempo dei

Dettagli

Il progetto InterPARES

Il progetto InterPARES CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il progetto InterPARES MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Dettagli

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 Argomenti Che cosa sono i metadati Criticità relative a definizione, indentificazione e classificazione

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

PEC - Posta Elettronica Certificata

PEC - Posta Elettronica Certificata CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE PEC - Posta Elettronica Certificata SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l

Dettagli

La conservazione digitale: studio di casi in ambito sanitario

La conservazione digitale: studio di casi in ambito sanitario CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE La conservazione digitale: studio di casi in ambito sanitario MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario

Dettagli

La nuova era della conservazione digitale

La nuova era della conservazione digitale La nuova era della conservazione digitale L informatica sta mutando le modalità di produzione, gestione, archiviazione e conservazione dei documenti sia nella Pubblica Amministrazione che nelle aziende

Dettagli

Conservazione di documenti digitali

Conservazione di documenti digitali Conservazione di documenti digitali Costantino Landino Roma, 25 Giugno 2015 1 Problematiche: proliferazione dei contenuti digitali 2 Problematiche: obsolescenza e evoluzione 3 Problematiche: leggibilità

Dettagli

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP)

MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) MODELLI DEI PACCHETTI DI ARCHIVIAZIONE (AIP) Data 06-10-2014 Codice documento Modelli dei pacchetti di archiviazione Versione 1.0 Il presente documento è rilasciato sotto la licenza Attribuzione-Non commerciale

Dettagli

LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI

LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI LA CONSERVAZIONE A LUNGO TERMINE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI: NORMATIVA ITALIANA E PROGETTI INTERNAZIONALI Maria Guercio Università di Urbino m.guercio@mclink.it 6/04/01 1 INTRODUZIONE 2 PERCHÉ LA CONSERVAZIONE

Dettagli

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile

Convegno Annuale AISIS. Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Convegno Annuale AISIS Cartella Clinica Elettronica Ospedaliera: indicazioni per un progetto sostenibile Milano, 23 novembre 2012 Nhow Hotel Gruppo di lavoro n 3 CCE: compliance, sicurezza, valore documentale

Dettagli

DIGITALE. Roma, 3 aprile 2007

DIGITALE. Roma, 3 aprile 2007 METADATI E CONSERVAZIONE DIGITALE Roma, 3 aprile 2007 Maria Guercio, Università di Urbino IL MONDO VOLATILE DEI METADATI Gli sviluppi degli ultimi anni sono caratterizzati da una proliferazione e continua

Dettagli

I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEL POLO ARCHIVISTICO DELL EMILIA- ROMAGNA

I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEL POLO ARCHIVISTICO DELL EMILIA- ROMAGNA I SERVIZI DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEL POLO ARCHIVISTICO DELL EMILIA- ROMAGNA ParER: missione e obiettivi Missione Essere la struttura di riferimento della Pubblica Amministrazione in Emilia-Romagna per

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI E DEGLI ARCHIVI DIGITALI

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI E DEGLI ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI E DEGLI ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Conservazione di contenuti informativi digitali Un contenuto informativo digitale è un

Dettagli

Digital library e repositori istituzionali

Digital library e repositori istituzionali CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Digital library e repositori istituzionali SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale

Dettagli

cura e conservazione digitale competenze specialistiche, conoscenze condivise

cura e conservazione digitale competenze specialistiche, conoscenze condivise cura e conservazione digitale competenze specialistiche, conoscenze condivise Mariella Guercio Sapienza Università di Roma 2015 23/03/2015 1 quale formazione per i curatori dei patrimoni digitali - 1 I

Dettagli

Regole tecniche sulla conservazione e modello OAIS

Regole tecniche sulla conservazione e modello OAIS Regole tecniche sulla conservazione e modello OAIS Gabriele Bezzi Varese, 6 marzo 2015 L amministrazione digitale italiana a dieci anni dal CAD (2005-2015): e poi? Temi Le nuove regole tecniche Modello

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI 11 Indice 1 2 INTRODUZIONE... DEFINIZIONI... 12 1 INTRODUZIONE Di seguito si riporta il glossario dei termini contenuti nelle regole tecniche di cui all articolo 71 del

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE

LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE Prof. Stefano Pigliapoco LA FORMAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE ANAI, Cagliari 6 marzo 2006 s.pigliapoco@fastnet.it L Amministrazione Pubblica Digitale Il complesso delle norme di recente

Dettagli

ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP

ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP Prof. Stefano Pigliapoco ARCHIVIAZIONE E CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI DEL SUAP s.pigliapoco@unimc.it Formazione, gestione e conservazione degli archivi La gestione dell archivio rappresenta per

Dettagli

INDICE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE LE FASI DEL PROCESSO DI CONSERVAZIONE

INDICE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE LE FASI DEL PROCESSO DI CONSERVAZIONE INDICE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE IL MODELLO OAIS LE FASI DEL PROCESSO DI CONSERVAZIONE GLI STANDARD, I FORMATI E I SUPPORTI I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE STRUTTURE

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT (THE PRESERVATION OF THE ELECTRONIC RECORDS WITHIN THE ITALIAN E-GOVERNMENT PROCEDURES) Maria Guercio Il quadro normativo

Dettagli

Manuale di Conservazione

Manuale di Conservazione Manuale di Conservazione di 1 EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Redazione 12/02/2016 Davide Coletto Verifica 17/02/2016 Approvazione 22/02/2016 Matteo Sisti - Andrea Lazzari Davide

Dettagli

Il futuro è adesso: pianificare oggi per conservare domani Modelli e spunti di riflessione per la conservazione dei documenti digitali

Il futuro è adesso: pianificare oggi per conservare domani Modelli e spunti di riflessione per la conservazione dei documenti digitali La scuola e la sfida della dematerializzazione Seminario di Formazione e Aggiornamento Liceo Classico M. D Azeglio di Torino - Via Parini, 8 Giovedì 2 Ottobre 2014 Il futuro è adesso: pianificare oggi

Dettagli

Una definizione di servizio pubblico di partenza può essere trovata in http://en.wikipedia.org/wiki/public_services. 3

Una definizione di servizio pubblico di partenza può essere trovata in http://en.wikipedia.org/wiki/public_services. 3 I LPROGETTO MAGAZZI NIDI GI TALI : PROVE DISPERI MENTAZI ONE GIOVANNI BERGAMIN BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI FIRENZE IL PROGETTO MAGAZZINI DIGITALI: PROVE DI SPERIMENTAZIONE 1 Quando si parla di conservazione

Dettagli

Manuale di Conservazione COMUNE DI MEZZANO

Manuale di Conservazione COMUNE DI MEZZANO COMUNE DI MEZZANO Via Roma nr. 87 - C.A.P. 38050 Tel. Nr. 0439/67019 - Fax nr. 0439/67461 e.mail : c.mezzano@comuni. infotn.it e-mail certificata (pec): comune@pec.comune.mezzano.tn.it Manuale di Conservazione

Dettagli

Manuale di Conservazione

Manuale di Conservazione Manuale di Conservazione di 1 EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Redazione 04/02/2015 Davide Coletto Verifica 04/02/2015 Approvazione 05/02/2015 Matteo Sisti - Andrea Lazzari Davide

Dettagli

Riusabilità dei contenuti

Riusabilità dei contenuti Istituto Nazionale Previdenza Sociale Gestione Dipendenti Pubblici Riusabilità dei contenuti E-Learning per la Pubblica Amministrazione - Sommario 1. Problema e soluzione 2. I Learning Object 3. Metadati

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE

SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE ALLEGATO 4 SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE 37 Indice 1 2 3 INTRODUZIONE... STRUTTURA DELL INDICE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE... VOCABOLARIO... 38 1 INTRODUZIONE Il presente allegato

Dettagli

Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali 1

Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali 1 Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali 1 1 Bozza del 2001-01-30 / preparata da A. Scolari, M. Messina, C. Leombroni, G. Cirocchi,

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE FIGURE PROFESSIONALI E RESPONSABILITÀ

LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE FIGURE PROFESSIONALI E RESPONSABILITÀ LA CONSERVAZIONE DELLA MEMORIA DIGITALE FIGURE PROFESSIONALI E RESPONSABILITÀ ANAI Marche, 3 marzo 2015 [Art. 5, c. 3, DPCM 3/12/2013] - Le pubbliche amministrazioni realizzano i propri processi di conservazione

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Il sistema di conservazione degli archivi digitali di Regione Toscana. Ilaria Pescini

Il sistema di conservazione degli archivi digitali di Regione Toscana. Ilaria Pescini Il sistema di conservazione degli archivi digitali di Regione Toscana Ilaria Pescini Fermo-ANAI 28 novembre 2012 La conservazione digitale D.Lgs. 82/2005 art 40: categorie di documenti amministrativi che

Dettagli

MANUALE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI

MANUALE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI Via Alberti 4 38033 CAVALESE tel. 0462-241311 fax 0462-241322 C.F. 91016130220 CASELLA POSTALE N. 95 (per la risposta o per l invio di documentazione) e-mail: info@comunitavaldifiemme.tn.it pec: comunita@pec.comunitavaldifiemme.tn.it

Dettagli

LE FIGURE PROFESSIONALI PER LA CONSERVAZIONE DEGLI ARCHIVI DIGITALI

LE FIGURE PROFESSIONALI PER LA CONSERVAZIONE DEGLI ARCHIVI DIGITALI LE FIGURE PROFESSIONALI PER LA CONSERVAZIONE DEGLI ARCHIVI DIGITALI ForumPA, 27 maggio 2015 Nuove regole tecniche per la conservazione digitale Le regole tecniche in materia di sistema di conservazione,

Dettagli

I servizi di ParER per la conservazione a norma dei documenti in formato digitale. Gabriele Bezzi 12 maggio 2011

I servizi di ParER per la conservazione a norma dei documenti in formato digitale. Gabriele Bezzi 12 maggio 2011 I servizi di ParER per la conservazione a norma dei documenti in formato digitale Gabriele Bezzi 12 maggio 2011 Visione Strategica > Missione: essere la struttura di riferimento della Pubblica Amministrazione

Dettagli

Allegato 4 SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE

Allegato 4 SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE Allegato 4 SPECIFICHE TECNICHE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE Pagina 1 di 12 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 STRUTTURA DELL INDICE DEL PACCHETTO DI ARCHIVIAZIONE... 5 3 VOCABOLARIO... 6 Pagina 2 di 12 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Dematerializzazione e Conservazione Digitale e Sostitutiva

Dematerializzazione e Conservazione Digitale e Sostitutiva Roma, 18 Maggio 2010 Dematerializzazione e Conservazione Digitale e Sostitutiva Fabrizio Ricci, Business Consultant Agorà Telematica Nata nel 1988, Agorà Telematica è un nome storico della Web Society

Dettagli

M.Gentilini M. Vitale

M.Gentilini M. Vitale D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa art. 50 La gestione dei documenti deve essere effettuata mediante sistemi

Dettagli

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE EVOCST.IT.DPMU14000 TITOLO DOCUMENTO: Evoluzione Piattaforma Conservazione a TIPO DOCUMENTO: Manuale Utente EMESSO DA: Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. DATA EMISSIONE N. ALLEGATI: STATO: 06/08/24

Dettagli

Gestione Archivi S.r.l. Giovanni Pellitteri MANUALE DI CONSERVAZIONE

Gestione Archivi S.r.l. Giovanni Pellitteri MANUALE DI CONSERVAZIONE 2014 Giovanni Pellitteri MANUALE DI CONSERVAZIONE Emissione del documento EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Firma I emissione 29/09/2009 Giovanni Pellitteri Responsabile della Conservazione

Dettagli

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE TITOLO DOCUMENTO: Evoluzione Piattaforma Conservazione a TIPO DOCUMENTO: Manuale Utente EMESSO DA: Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. DATA EMISSIONE N. ALLEGATI: STATO: 06/08/2014 0 REDATTO: VERIFICATO:

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Stefania Biagioni e Donatella Castelli Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A Faedo CNR stefania.biagioni@isti.cnr.it

Dettagli

Manuale di Conservazione. Schema31 S.p.a.

Manuale di Conservazione. Schema31 S.p.a. Manuale di Conservazione Schema31 S.p.a. EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Redazione 02/12/2014 Andrea Brancatelli Responsabile Conservazione Verifica 10/12/2014 Paolo Bertocci Responsabile

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo 22 maggio 2007 Andrea Valle Business Development Director Adobe Systems La Dematerializzazione in sintesi Documenti

Dettagli

Tema Gestione documentale Dematerializzazione delle tesi

Tema Gestione documentale Dematerializzazione delle tesi Tema Gestione documentale Dematerializzazione delle tesi Rapporto per Tavolo Tecnico 17/02/2011 I risultati della rilevazione effettuata Maria Guercio, Stefano Palagiano Premessa e principali nodi critici

Dettagli

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Rossella Caffo Direttore Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane Milano, 14

Dettagli

La conservazione fattore fondamentale. del Polo Archivistico Regionale. Alessandro Zucchini 16 settembre 2011

La conservazione fattore fondamentale. del Polo Archivistico Regionale. Alessandro Zucchini 16 settembre 2011 La conservazione fattore fondamentale per la dematerializzazione: l'esperienza del Polo Archivistico Regionale dell'emilia-romagna (ParER) Alessandro Zucchini 16 settembre 2011 Senza conservazione non

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Archiviazione e Conservazione Sostitutiva

Archiviazione e Conservazione Sostitutiva Archiviazione e Conservazione Sostitutiva AGENDA 1. L archiviazione elettronica semplice 2. La Conservazione Sostitutiva 3. La firma grafometrica Acquisizione: scansione Il documento scansito viene trasformato

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione RDA e Linked data: un binomio naturale. Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione Tiziana Possemato @Cult I dati delle biblioteche nel web semantico

Dettagli

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso SP1 Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso Il documento Sp1 rappresenta il manuale d'uso del prototipo software per lo storage dei contenuti multimediali. L'utente destinatario

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva U-GOV Conserva Il servizio di conservazione dei documenti informatici di CINECA White Paper Settembre 2013 CINECA Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Confronto con Offnet Febbraio 2013. Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati.

Confronto con Offnet Febbraio 2013. Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati. Confronto con Offnet Febbraio 2013 Copyright 2013 Siav S.p.A. Tutti i diritti riservati. Siav garantisce che alla data di pubblicazione le informazioni contenute in questo documento sono corrette ed accurate.

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Manuale di Conservazione. Schema31 S.p.a.

Manuale di Conservazione. Schema31 S.p.a. Manuale di Conservazione Schema31 S.p.a. EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Redazione 25/01/2016 Andrea Brancatelli Responsabile del Servizio di Conservazione Verifica 27/01/2016 Paolo

Dettagli

Manuale di Conservazione

Manuale di Conservazione Manuale di Conservazione EDOK SRL EMISSIONE DEL DOCUMENTO Azione Data Nominativo Funzione Redazione 29/10/2014 Fabio Zanni Responsabile Servizio di conservazione Verifica 27/01/2015 Studio Legale Lisi

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

Principali Norme ISO e UNI di interesse biblioteconomico. Norme ISO

Principali Norme ISO e UNI di interesse biblioteconomico. Norme ISO Principali Norme ISO e UNI di interesse biblioteconomico Norme ISO ISO 4 1984 Information and Documentation Rules for the abbreviations of the title words and title of pubblication. Regole per le abbreviazioni

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

Valore P.A. - Avviso di accreditamento di corsi di formazione 2015

Valore P.A. - Avviso di accreditamento di corsi di formazione 2015 Corso in PAPERLESS PA STRUMENTI, REGOLE E BEST PRACTICE PER GESTIONE DOCUMENTALE Valore P.A. - Avviso di accreditamento di corsi di formazione 2015 Tematica: Documento informatico, firma elettronica, PEC

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Nuove Regole Tecniche per la Conservazione in Ambiente Digitale. M. Lombardi

Nuove Regole Tecniche per la Conservazione in Ambiente Digitale. M. Lombardi Nuove Regole Tecniche per la Conservazione in Ambiente Digitale M. Lombardi Documento Testimonianza scritta di un fatto di natura giuridica, compilata con l'osservanza di determinate forme che conferiscono

Dettagli

Manuale della Conservazione

Manuale della Conservazione Manuale della Conservazione Archiva S.r.l Data: 02/12/14 Versione: 10 Codice: MdC_10 Emissione del Documento Azione Data Nominativo Funzione Redazione 02/12/14 Alberto Gazzani RdC Verifica 03/12/14 Giuliano

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11

Indice. 2. Conservazione digitale a Norma: requisiti e tempistiche ------------------------------------------------------------- 11 1 2 Indice 1.1 Cos è la Conservazione digitale a Norma? --------------------------------------------------------------------------------------------- 6 1.2 Quali sono le condizioni da rispettare, indipendentemente

Dettagli

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma documenti e archivi nella legislazione italiana 1900-2000: un secolo di

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

MU/NDOC-ESIB Manuale utente Esibizione a norma Legaldoc

MU/NDOC-ESIB Manuale utente Esibizione a norma Legaldoc LegalDoc Servizio di Conservazione a norma MU/NDOC-ESIB Manuale utente Esibizione a norma Legaldoc MU/NDOC-ESIB Manuale utente Esibizione a norma Legaldoc 1.1 del 28/05/2015 pag. 1 di 18 1.Introduzione

Dettagli

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013

ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 ISO/IEC 27001 Versioni a confronto: 2005 vs 2013 Introduzione Il primo ottobre 2015 la normativa ISO/IEC 27001: 2005 verrà definitivamente sostituita dalla più recente versione del 2013: il periodo di

Dettagli

Gianni Penzo Doria. La conservazione digitale

Gianni Penzo Doria. La conservazione digitale Gianni Penzo Doria La conservazione digitale Lendinara, 24 ottobre 2014 Una questione di metodo Per comprendere il documento in ambiente digitale è necessario il Codice civile Cambiano le metodologie e

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Digitalizzazione e interoperabilità

Digitalizzazione e interoperabilità Digitalizzazione e interoperabilità Ing. Gianfranco Pontevolpe Politecnico di Torino, 26 novembre 2010 European Interoperability Framework The European Interoperability Framework EIF v. 2 the interoperability

Dettagli

Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali. Versione 0 1

Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali. Versione 0 1 1 Appunti per la definizione di un set di metadati gestionali-amministrativi e strutturali per le risorse digitali. Versione 0 1 1 Versione 0 del 2002-05-03 / preparata da A. Scolari, M. Pepe, M. Messina,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Manuale della Conservazione di Documenti Digitali

Manuale della Conservazione di Documenti Digitali Manuale della Conservazione di Documenti Digitali Redatto da: Stefano Ciccarese 04012016 Resple Ufficio Archiviazione Documentale e PEC Data Verificato da: Dott Giancarlo Pala 07012016 Vice Direttore Resple

Dettagli

Clapps Invoice PA. scheda informativa

Clapps Invoice PA. scheda informativa Clapps Invoice PA scheda informativa 3 CLAPPS INVOICE PA La Finanziaria 2008 ha introdotto l obbligo della fattura elettronica nei rapporti con la PA. Dal 6 giugno 2014, Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti

Dettagli

Online Sessione AIDA

Online Sessione AIDA Online Sessione AIDA Londra 2 dicembre 2003 Roma 31 marzo 2004 Il content management per la ricerca e la didattica Paola Gargiulo gargiulo@caspur.it Sommario di cosa parliamo quando parliamo di content

Dettagli