I fondamentali internazionali sulla crescita dell Oro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I fondamentali internazionali sulla crescita dell Oro"

Transcript

1 I fondamentali internazionali sulla crescita dell Oro Iscrizione elenco operatori professionali in Oro Banca d Italia n Capitale Sociale interamente versato 1

2 Obbligo di riservatezza e disclaimer Le informazioni contenute nel presente documento devono ritenersi strettamente confidenziali, e tutti i diritti di proprietà sono di Banco Metalli Preziosi da Investimento S.p.A., ove non diversamente specificato Al Lettore è pertanto richiesto di: non utilizzarlo per finalità diverse dalla valutazione dei contenuti non divulgarlo e a fare in modo che non venga divulgato direttamente o indirettamente a soggetti diversi dal personale coinvolto nella valutazione dello stesso non copiarlo, riprodurlo, duplicarlo, senza il preventivo consenso scritto da parte di Banco Metalli Preziosi da Investimento S.p.A. per qualsiasi scopo diverso dalla mera valutazione dei contenuti Il presente documento è redatto ad uso esclusivamente informativo sui prodotti ed i servizi offerti da BMPI S.p.A. Segnaliamo pertanto al nostro lettore che nessuno dei contenuti costituisce o può essere considerato in tutto o in parte come un servizio di consulenza finanziaria né costituisce in alcun modo sollecitazione al pubblico risparmio, ed in particolare: non costituisce un offerta di vendita, di sottoscrizione o di sollecitazione di qualsiasi natura ai fini di comprare o sottoscrivere strumenti finanziari non costituisce un consiglio o una raccomandazione finalizzata alla sottoscrizione di prodotti finanziari o servizi e attività di investimento non costituisce base di qualunque contratto e impegno Pag 2

3 Introduzione 1/2 Le valutazioni che seguono sono semplici riflessioni sulla storia dell oro nel recente passato e del suo ruolo nelle economie internazionali: si è cercato di valutare seppur in modo sintetico questo antichissimo mezzo di pagamento sul piano finanziario, politico e monetario. Le conclusioni sono le seguenti : Viviamo in un momento di particolare tensione finanziaria a livello mondiale, in un contesto la globalizzazione ha creato una situazione di integrazione e di correlazione tra le economie di tutto il mondo che è senza precedenti Le società evolute iniziano solo adesso a soffrire gli effetti nel sistema reale della crisi finanziaria (contrazione credito alle imprese, disoccupazione, diminuzione dei consumi) I fenomeni di social dislocation sono già in atto (Islanda, Grecia, Venezuela, tendopoli in USA, protezionismo Usa/Cina) L indebitamento degli stati occidentali ha raggiunto livelli difficilmente sostenibili in modo indolore per la società 3

4 Introduzione 2/2 I tassi di interesse hanno raggiunto i minimi storici negli ultimi 300 anni, anche questa variabile non potrà durare per molto La disoccupazione nei paesi occidentali è diventata un problema molto delicato, in una jobless recovery gli ammortizzatori sociali non potranno durare all infinito Le aggressioni finanziarie al debito sovrano dei paesi indebitati sono sempre più violente da parte della speculazione finanziaria, che ultimamente comincia sempre dai CDS L equilibrio geopolitico è in continuo aggiustamento, i nuovi player ricchi BRIC hanno un peso sempre più importante sul mercato finanziario globale ed è normale che presto lo abbiano anche su quello politico Il sistema finanziario moderno, la valuta di riserva mondiale e gli organismi di controllo internazionale sono stati progettati 50 anni fa, è normale aspettarsi significativi cambiamenti visto che il mondo è cambiato con un accelerazione senza precedenti Sul lato dell investimento finanziario questo significa 3 cose: rischio di credito, volatilità, e rischio valutario. Queste tre variabili, a nostro avviso, saranno gli elementi chiave per il risparmiatore nei prossimi dieci anni. 4

5 Perché investire in Oro? L Oro è a nostro avviso un valore che è necessario avere in un portafoglio di risparmio per i seguenti motivi: È l unico valore al mondo a non avere rischio controparte, rischio di stato o rischio politico È il bene più liquido e liquidabile che esista, gli scambi storicamente sono avvenuti anche in momenti di borsa chiusa Ha un trend di crescita di lungo periodo in termini di valore in continuo aumento È la valuta di riserva della banche centrali mondiali ed è l unico bene fisico accettato come mezzo di pagamento negli scambi tra stati Costa molto estrarlo ed è sempre più impegnativo; una miniera ha bisogno di circa 10 anni per essere produttiva e andare a regime Ha anche un valore industriale e ha una valenza e un utilizzo mondiale Ha la volatilità di lungo periodo più bassa di quella tipica del mercato azionario Tra gli asset fisici è l unico insieme alle pietre e gli altri metalli preziosi ad essere facilmente trasferibile e movibile, a differenza di case, terreni, ecc. E infatti la prima voce della ricchezza mobile tangibile; una casa non si muove, né un azienda o un terreno È il mezzo di pagamento più vecchio al mondo, da oltre 3000 anni E costantemente presente nei bilanci degli stati e delle banche centrali; in Europa è l unico valore finanziario che ha passato due guerre mondiali aumentando il suo valore 5

6 La storia dell Oro 1/3 Con l abbandono dell accordo di Bretton Woods, l Oro ha perso di importanza come mezzo di pagamento internazionale a favore degli scambi in valuta. In seguito a questo importante evento, investitori privati e istituzionali hanno perso interesse nel detenere risparmi in metalli preziosi privilegiando investimenti in strumenti cartacei (escluso le più attente banche centrali) La relazione riserva aurea/valore della valuta, viene abbandonata a favore delle fiat currencies (valute senza garanzia collaterale), ciò significa che la capacità economica e patrimoniale dello stato si sostituisce all Oro come garanzia di pagamento delle proprie obbligazioni L espansione esponenziale della quantità di dollari in circolazione (prima garantiti da Oro) come valuta di riserva mondiale è stata possibile grazie alla mancanza di vincoli oggettivi Oro/dollaro L aumento di massa monetaria è così diventata una decisione politica e strategica libera da ogni parametro oggettivo Vero è che l enorme quantità di dollari circolazione ha fornito al mondo la liquidità per crescere, ma la crescita forzata e le bolle speculative causate dalla grande liquidità hanno messo il mondo in una fase di serio squilibrio finanziario 6

7 La storia dell Oro 2/3 La relazione dollaro forte/oro debole è quella che ha dominato il mercato negli ultimi 30 anni, il concetto infatti che gli stati non hanno bisogno di Oro per garantire i propri impegni non può permettere ideologicamente la svalutazione della moneta contro l Oro Ciò metterebbe in crisi il modello economico e ideologico in cui gli stati non hanno bisogno di Oro per garantire la forza della propria valuta compromettendo pertanto la capacità di modificare la massa monetaria, i tassi di interesse e le altre variabili monetarie a proprio piacere In particolare in questa fase la correlazione inversa Oro/dollaro permette bassi tassi di interesse indispensabili per finanziare i passivi dei governi L Oro che funge da termometro della politica monetaria e della solidità valutaria ha quintuplicato il suo valore in soli dieci anni: non a caso è la valuta o il mezzo di pagamento più vecchio al mondo (ca anni) In realtà non è l Oro che si è rivalutato, l Oro ha difeso il proprio potere di acquisto verso le fiat currencies che hanno perso valore in modo proporzionale all espansione monetaria dei singoli paesi e dalla forza del loro bilancio Nei primi del 900 un vestito si acquistava con un oncia d oro (20 dollari) oggi si compra ancora con un oncia d Oro (1.100 dollari) questa relazione è semplice ed intuitiva del valore dell Oro contro la svalutazione delle valute 7

8 La storia dell Oro 3/3 Nel 1971 a seguito delle spese militari in Vietnam, il governo americano ha creato in pochi mesi nuova moneta per circa il 10%, trasferendo in Europa 22 miliardi di USD$ L inflazione è cresciuta significativamente, la Germania dell ovest è stato il primo paese a lasciare l accordo di Bretton Woods per non essere costretta a svalutare il marco tedesco, e dopo soli tre mesi il dollaro ha perso il 7,5% contro marco Nello stesso periodo a causa del pesante trade deficit Usa e dell aumento di base monetaria, alcuni paesi hanno chiesto la conversione dei dollari detenuti in Oro (la Svizzera per 50milioni, la Francia per 191milioni), cosa che creò una significativa tensione politica, e anche la Svizzera abbandonò l accordo di Bretton Woods Secondo la Scuola Austriaca e in particolare secondo Von Mises, la mancanza di credibilità del dollaro nasce da questo fatto cruciale (Nixon 1971) ed in particolare dall incapacità manifesta del governo USA di ridurre il budget ed il deficit di bilancio Al giorno d oggi, questa fase è a nostro avviso ancor più vera, e purtroppo tale ipotesi vale per tutte le fiat currencies dei paesi fortemente indebitati. I primari analisti, a 40 anni dalla decisione di Nixon, si aspettano una guerra valutaria per il controllo dei mercati finanziari e degli equilibri valutari di portata epocale. Tale guerra finanziaria è già iniziata utilizzando i CDS, come strumento di aggressione del debito sovrano dei paesi più esposti finanziariamente. Analogo problema nasce dagli imbalance commerciali e dalla valutazione del petrolio in dollari. I primi possono portare a forti politiche protezioniste ed il secondo a guerre locali o forti tensioni sociali dovute all impoverimento generale dei paesi e delle condizioni di vita 8

9 Motivazioni dei valori attuali dell Oro È opinione dei principali analisti del settore che l Oro stia entrando in un nuovo «secular Bull market» e che tale trend sia appena iniziato. Ciò è dovuto a vari motivi tra cui: Crescita esponenziale degli interessi in rapporto al GDP e del conseguente rischio di default degli stati Crescita smisurata del debito pubblico in tutti i paesi occidentali Crisi endemica del potere di acquisto del dollaro dal famoso «Nixon Shock» del 1971: da quando gli USA unilateralmente hanno abolito la diretta convertibilità del Dollaro US in Oro, la valuta USA ha perso quasi il 95 % del suo potere di acquisto Il valore del dollaro (e delle fiat currencies) è legato pertanto al merito di credito, è come l assegno di un azienda che ha sempre più debiti e deficit, e in momenti di necessità emette più assegni, come è successo nel 2009 Questa fase oggi è ancora più forte vista la difficoltà di valutazione degli asset pubblici e privati americani e di molte banche che, come noto, hanno cambiato totalmente il metodo di valutazione degli attivi (da mark to market a mark to model) Assicurazioni, fondi pensione, istituzioni internazionali che grazie alla globalizzazione hanno beneficiato di forti interrelazioni nelle transazioni finanziarie, oggi possono subire effetti domino molto pericolosi sul sistema finanziario mondiale 9

10 Il Mercato finanziario 1/4 Più recentemente l esplosione dei derivati ha risvegliato ulteriormente la necessità di punti di riferimento certi, quantitativamente autolimitanti: le valute, i titoli, la massa monetaria possono essere aumentate all'infinito, l Oro no. Questa è la base della decisione USA nel 1971: non avere limiti alla leva monetaria per coprire i costi della guerra in Vietnam e aumentare il budget generale La grande crisi emersa dal mercato dei derivati è stata causata, non dalla qualità degli strumenti, ma dall abuso incontrollato di tali strumenti. La mancanza di regolamenti ha permesso che tutti gli scambi siano OTC e il rischio gestito fuori bilancio, minimizzando l impatto sul patrimonio di vigilanza e sulla trasparenza delle banche Le cartolarizzazioni sono fallite, perché si è passati dal rischio puntuale al rischio statistico. Un ottimo esempio lo forniscono interi quartieri nell'area di Detroit o in California; statisticamente non era ritenuto possibile che 1000 abitazioni in un quartiere andassero in default contemporaneamente, invece è successo. Quando la disoccupazione arriva al 50% in fasce omogenee di consumatori, tutto il comparto è fallito Allo stesso modo il mercato dei CDS ha potenziato in modo enorme il p/l degli assicuratori senza la dovuta attenzione ai rischi patrimoniali. Il problema principale oggi è infatti la consistenza patrimoniale, non il conto economico (vaporizzazione degli asset) 10

11 Il Mercato finanziario 2/4 L effetto domino nella globalizzazione finanziaria ha amplificato la vulnerabilità del sistema finanziario mondiale grazie alla forte interdipendenza spesso fuori bilancio tra banche, assicurazioni, fondi Tali interdipendenze sono diventate così pesanti e complesse da imporre l intervento di quasi tutti gli stati evoluti per salvare il sistema bancario e assicurativo Il cambiamento del FASB in USA da market to market a market to model, è l esempio più eclatante di quello che, a parere nostro, sarà un peso finanziario enorme sulle generazioni future, i bilanci non rappresentano assolutamente la realtà patrimoniale del sistema finanziario L ultimo ventennio è stato caratterizzato da un esplosione di carta senza i limiti imposti da qualsiasi tipo di tangible asset, è avvenuto un vero e proprio cambio culturale nei modelli di riferimento Ad esempio: gli immobili sono stati venduti dalle compagnie di assicurazione e dalle banche, perché limitavano la capacità di crescita reddituale dell impresa, la illiquidità di questi attivi pesa sul patrimonio di vigilanza. Per più di duecento anni, invece, proprio la tangibilità di questi attivi è stata considerata una componente importante della solidità di un bilancio tipicamente finanziario, in quanto un immobile se pur illiquido ha sempre un valore residuo, un attivo finanziario no 11

12 Il Mercato finanziario 3/4 La crescita a qualsiasi costo è stato il culto del sistema finanziario, ogni azione è stata basata sul minor assorbimento possibile del patrimonio di vigilanza (gli immobili non servono più come garanzia, perché è meglio detenere senior note di una cartolarizzazione immobiliare con un rating AAA, l ufficio crediti diventa velocemente un ufficio statistico) Le mega fusioni sono la massima espressione di questa cultura, sono stati creati dei mostri ingovernabili più potenti degli stati, istituti con secoli di storia e tradizioni sopravvissuti a due guerre mondiali sono stati polverizzati in pochi anni perdendo identità e missione Conoscenza del territorio, usi, personalizzazione del rapporto con la clientela sono tutti valori andati persi in poco tempo L esempio più classico è l UBS, banca tradizionale orientata al private banking, che si è trovata sull orlo del fallimento grazie al comparto dei prodotti strutturati La separazione tra banca a medio termine, banca commerciale, banca di investimento che offriva delle barriere settoriali di rischio e di specializzazione spariscono, a favore del modello di banca universale La crescita si è fondata sull esplosione del credito che ha creato le famose bolle speculative in quasi tutti i comparti. Oggi stiamo attraversando la fase inversa. 12

13 Il Mercato finanziario 4/4 Le più grosse banche mondiali hanno sviluppato dei conduit enormi aumentando smisuratamente la redditività sul capitale investito grazie ad un assorbimento di pochi punti percentuali sul patrimonio di vigilanza: ovviamente i conduit sono stati gestiti fuori bilancio, unicamente per avere ulteriore leva Una qualsiasi banca tradizionale si è trovata pertanto a poter fare una massa di impieghi enormi in modo non correlato al proprio bilancio, ciò ha significato anche scaricare rischi di credito enormi sul mercato mantenendo il margine di intermediazione commissioni di strutturazione all interno. Ma il rischio scaricato sul mercato vuol dire che gli attivi di un altra controparte incorporano questi rischi intrinseci Questa filosofia operativa moltiplicata a livello mondiale ha creato uno squilibrio tra offerta di denaro e valore degli asset (va da sé che il valore delle case non poteva crescere all infinito così come i compratori di case nonostante l offerta illimitata di finanziamenti) Come è noto è stato solo grazie all intervento degli stati, delle banche centrali, e la creazione di nuovi criteri contabili che il sistema non è imploso Il rischio sociale e sistemico di una crisi finanziaria mondiale ha imposto agli stati un intervento stabilizzante, ma questo non ha risolto il problema, lo ha solo rimandato: l eccesso di credito non si risolve con ulteriore credito Cosa peggiore è che l economia reale non beneficia se non in minima parte di questo momentaneo rifinanziamento alle banche, meno che meno della discesa dei tassi Il credito per le piccole e medie imprese è diventato quasi impossibile e gli spread sui tassi ufficiali sono mantenuti alti a dismisura 13

14 Lending banche USA 14

15 Utili finanziari: spread trading govis/corporate e carry trade sulla curva dei govis 15

16 Il mercato finanziario All'apice della crisi finanziaria del 2008, le banche hanno bloccato letteralmente gli scambi sul mercato interbancario Il sistema di rifinanziamento a breve e a lungo termine era letteralmente paralizzato con effetti ancor più devastanti, dove gli impieghi a lungo erano finanziati con provvista a breve creando un ulteriore tensione di tesoreria Ricordiamo che questo problema è stato risolto solo grazie all intervento degli stati: Quantitative Easing vuol dire rifinanziare le banche per sopravvivere, nonostante questo in USA sono fallite 140 banche locali solo nel 2009 Va detto che se ciò non fosse avvenuto, le conseguenze sarebbero state sicuramente più devastanti per la vita sociale se una crisi sistemica fosse esplosa L enorme quantità di denaro fornita al sistema è servita per sostenerlo, non per creare nuovi investimenti o aumentare l efficienza economica Le banche hanno fatto utili record grazie: alla modifica dei criteri contabili, al carry trade sulla curva dei tassi e allo spread trade tra emittenti governativi e corporate. L economia reale non è ancora stata aiutata in modo concreto, il credito commerciale si è contratto Le banche centrali hanno finanziato il sistema con monetizzazione del debito e tassi di interesse reali negativi nella parte breve della curva I governi a loro volta hanno finanziato le banche con nuove emissioni di titoli Questi debiti sono l ipoteca futura in cui il debito pubblico procapite è esploso e in alcuni paesi raddoppiato in 18 mesi La domanda è chi pagherà questi debiti, anche se in ultima analisi il debito oggi è una semplice scrittura contabile in forma elettronica senza alcun vincolo oggettivo Chi pagherà la vaporizzazione di trilioni di dollari, che non esistono più nel sistema lasciando solo il passivo? 16

17 Crescita economica 2000/2009 La crescita ed il benessere dell'ultimo decennio è stata caratterizzata da tre elementi: Credito forzato e crescita real estate Economie emergenti Globalizzazione Diminuendo l impatto di uno di questi elementi difficilmente il prossimo decennio assomiglierà a quello passato, se le regole del gioco non cambiano. 17

18 Housing bubble vs real price 18

19 La bolla del Credito Il boom immobiliare mondiale (ricordiamo che questo settore è uno dei più importanti in termini di indotto sull'aggregato economico) è stato possibile grazie ad un credito illimitato. Acquista una casa nuova, la paghi con equity zero, la banca finanzia il mutuo, fra due anni la rivendi guadagnandoci!, è stato il motto della gran parte dei broker immobiliari mondiali La discesa dei tassi inoltre ha creato il mercato dei rifinanziamenti, in cui il cliente ha monetizzato l equity sulla casa, prontamente speso in maggior consumo Le cartolarizzazioni hanno aiutato; in questa fase i rischi passano direttamente dall erogante all investitore. I Financial Asset hanno quasi tutti raggiunto all time high, perché investitori istituzionali e hedge fund dovevano impiegare la liquidità in un sistema già lungo Il rapporto tra consumi reali di commodity e la speculazione ha raggiunto dei livelli fuori controllo. Questo si è visto nella fase di unwinding, riprova che non erano gli operatori commerciali a vendere, ma quelli finanziari L inflazione ben al di sopra dei tassi nominali si è scaricata grazie al credito negli asset durevoli, il rapporto tasso di rendimento reale inflazione appare evidentemente falsato Le tariffe sono aumentate, gli alimentari, le macchine, i beni durevoli, le sigarette, le case continuano a salire, si fa fatica a credere ai tassi ufficiali, visto che come è noto i tassi a breve sono controllati dalle banche centrali e i tassi a lungo dal mercato (quando non c è monetizzazione) 19

20 Espansione degli attivi bancari/gdp 20

21 Aumento della massa monetaria USA 21

22 Assorbimento mondiale di fondi 22

23 Proiezione del budget USA con politiche attuali 23

24 Rapporto consumi risparmi USA 24

25 Debito privato + debito pubblico 25

26 Una crisi sistemica evitata Ma cosa vuole dire crisi sistemica? Questo rischio che si ritiene sia stato evitato alla fine del primo trimestre 2009 grazie all intervento delle banche centrali può essere così ipotizzato: Bankholiday, le banche chiudono per 2/3 giorni, la gente fa la fila davanti agli sportelli per ritirare i propri risparmi, il sistema dei pagamenti è bloccato, dopo pochi giorni le merci iniziano a non circolare, le aziende non pagano gli stipendi, i fornitori non incassano i crediti, gli approvvigionamenti energetici si bloccano, gli ospedali finiscono le scorte, e inizia il caos sociale. Si è visto negli ultimi 10 anni in Islanda, Argentina, Venezuela Gli stati promulgano leggi di emergenza in cui i pagamenti essenziali vengono garantiti, il prelievo dai conti è limitato, il prelievo per contanti è quasi azzerato Può esserci una tassazione straordinaria o altri provvedimenti in nome della crisi Secondo varie correnti di pensiero il futuro deriva dall analisi dei cicli storici (Armstrong, Kondratieff, Gann, Elliott Wave), se ciò è vero gli estremi dello scenario che ci aspetta vanno dalla deflazione del 29 all iperinflazione di Weimar Riteniamo che questi scenari non siano verosimili nei paesi west, comunque viviamo in una situazione finanziaria internazionale senza precedenti in cui i beni rifugio (metalli preziosi) trovano il loro maggior significato 26

27 Gli effetti della crisi finanziaria 27

28 Economie emergenti Cina, il gdp cinese è meno delle metà di quello americano, ed è abbastanza difficile credere che nel breve la Cina sarà la nuova locomotiva del mondo, quando la capacità produttiva dei paesi west è ampiamente sottoutilizzata per la mancanza di domanda interna. Il 70% del gdp USA è costituito da consumi, la quasi totalità è finanziata con credito, e la gran parte della crescita sperata deriva dalla domanda pubblica I paesi emergenti, attuali finanziatori del debito USA, pretenderanno un nuovo ruolo nel governo economico mondiale (IMF) Primari analisti e studiosi sono certi che nei prossimi dieci anni assisteremo ad uno shift importante di ricchezza e di cultura da ovest a est; ciò comporterà ovviamente significativi cambiamenti nelle relazioni e negli equilibri politici 28

29 Politica internazionale e imbalance commerciali Gli imbalance commerciali sono aumentati in modo esponenziale a favore delle economie emergenti, i paesi west inoltre hanno tutti deficit di bilancio sempre più importanti, i paesi emergenti hanno sempre più surplus La ricchezza è passata dalle economie evolute ai paesi emergenti in modo netto e inequivocabile, la bilancia commerciale dei paesi emergenti è attiva con bilanci nazionali ricchi di valuta straniera I problemi valutari saranno quelli su cui si definiranno le guerre finanziarie e commerciali future Cosa significa politicamente imbalance commerciale: la Cina ad esempio vende prodotti agli Usa per circa 2trillioni dollari, i quali importano pagando in dollari che non hanno (ricordiamo che il 70% del Gdp Usa è costituito da consumi sostenuti in gran parte da credito di varia natura): per pagare le importazioni, gli USA si finanziano emettendo titoli sui mercati internazionali Questa enorme massa di debiti è stata certamente agevolata dal fatto che il dollaro ha beneficiato fino ad oggi del ruolo di valuta di riserva mondiale I cinesi oggi sono tra i maggiori creditori del governo Usa: il nodo politico nasce dal fatto che con gli stessi soldi, gli Usa finanziano l esercito più potente al mondo e presidiano il mare della Cina meridionale a protezione di eventuali pretese Cinesi La necessità di una nuova valuta di riserva mondiale è una priorità nelle agende di molti governi, che non possono permettersi di subire che le proprie economie interne siano in balia di eventi totalmente estranei ai propri spazi di manovra (Paesi del Golfo, Russia, America latina, Cina) Nessuno può sapere come e quando cambieranno questi equilibri, ma è certo che la parte più ricca del mondo si stia adoperando per nuove soluzioni: è evidente che l attuale sistema finanziario internazionale è stato concepito cinquanta anni fa in una situazione socio economica completamente diversa Non è un caso che si stia riparlando degli SDR come mezzo di pagamento internazionale, ma anche questa è una valuta sintetica e nostro avviso potrà solo essere una base di partenza e di riflessione 29

30 Il debito/gdp degli stati 30

31 I finanziatori USA 31

32 Ecco perché l Oro è salito In primo luogo per tutto ciò sopra esposto e in particolare per i seguenti motivi: C è una grossa differenza tra valore e denaro, il denaro è una banconota, un titolo ovvero una promessa di pagamento futura che ha un valore, l Oro è un valore per sua natura per questo è il mezzo di pagamento mondiale per eccellenza L Oro ha tremila anni di storia come mezzo di pagamento; le fiat currencies poco meno di quaranta ovvero da quando si sono scollegate dall Oro nel 1971 Dal quel momento la quantità di dollari e indirettamente delle altre valute è cresciuta in modo costante senza freni sino ad oggi, e le proiezioni sono allarmanti Il denaro ha sempre un emittente, ed è sempre una promessa L Oro non ha emittenti, non ha counterparty risk, viene consegnato L Oro è l unico valore accettato in tutto il mondo in ogni momento da 3000 anni La produzione d Oro è limitata e per avviare una miniera da zero ci vogliono circa 10 anni L Oro è l unico valore che non ha limitazioni nel tempo e nello spazio: non scade nel tempo, non deve essere ristampato, è uguale e compreso in ogni angolo del mondo Senza le unfunded liability, gli Usa hanno un debito/gdp superiore al 320%, anche se gli Usa dovessero avere una crescita del 4% la maggior parte delle risorse serviranno a coprire solo gli interessi passivi Vari studi indicano che gli Usa non potranno ripagare il debito se non con: tassazione, svalutazione del dollaro, nuove guerre o iperinflazione 32

33 Break out Oro, quota

34 Ecco perché l Oro è salito Come noto, l Oro dal 1971 (Nixon shock) in avanti è inversamente correlato al dollaro. Il Bull market è iniziato nei primi anni 2000 in modo proporzionale all aumento della massa monetaria e dell'espansione del credito Usa La relazione, in modo semplificato, è che all aumento smisurato di carta corrisponde un minus valore intrinseco di tale carta e un plus valore dell Oro che per sua natura ha un offerta limitata L Oro sale quando gli investitori non hanno fiducia nel dollaro e nella forza macroeconomica del paese L Oro è ed è sempre stato un barometro della qualità della politica monetaria adottata da uno stato: migliore e credibile è una politica monetaria, più basso è il valore dell Oro e viceversa Non è il valore dell Oro che sale, ma il valore delle valute che scendono La quota 1000, questa barriera tecnica e psicologica, è quella che ha innestato la seconda fase dell Oro: 1124, 1278, 1650, sono le attese di molti analisti 34

35 Perché comprare Oro? Unico valore mondiale da 3000 anni Non ha counterparty risk Indipendentemente dalle oscillazioni di prezzo ha sempre un valore di scambio Ha da sempre un trend di crescita di lungo periodo È facilmente trasportabile e negoziabile È un hedging, sia in fase di inflazione che di deflazione È un assicurazione sul patrimonio last resort Unica copertura contro rischio politico Le banche centrali west hanno circa il 10% delle riserve investite in Oro, le banche asiatiche e i paesi emergenti il 2% Seguendo le banche centrali certamente attente ai rischi e allo scenario finanziario chiunque sul pianeta dovrebbe avere una somma compresa tra il 5% e il 10% dei propri asset in Oro fisico Attualmente l Oro rappresenta circa l 1% degli investimenti mondiali L Oro è un eredità per le prossime generazioni, che non costa, non ha rischi, ed è facilmente trasferibile. L Oro serve per essere comprato nei momenti di ricchezza e venduto nei momenti di bisogno, è l unico asset che ha un mercato in ogni paese del mondo in ogni momento L unico scopo di detenere dell Oro è per la sua fisicità, che lo rende consegnabile in modo veloce, diversamente sarebbe un investimento finanziario come altri Le azioni aurifere sono un investimento, l Oro fisico è un assicurazione mondiale sul patrimonio 35

36 Valore storico dell Oro 36

37 L Oro nelle principali valute 37

38 Tutte le principali valute si svalutano contro l Oro 38

39 Un cambio storico Alla fine del 2008 le banche centrali hanno ripreso a comprare Oro. L India ha comprato 200 tonnellate dall'imf in un unica soluzione. Srilanka e Mauritius hanno comprato Oro dall IMF (20/40 tonnellate). La Russia ha acquistato 50 tonnellate dal mercato interno destinate alla vendita. Le banche centrali non hanno venduto gran parte delle quote contrattuali. ETF e GLD hanno raggiunto volumi record di Oro fisico Paulson, uno dei più famosi investitori e Money manager Usa, ha aperto un fondo dove ha investito personalmente per miliardi di Dollari US La Germania ha permesso la vendita d Oro retail in macchine automatiche La Cina ha permesso e stimolato l acquisto di Oro per tutta la popolazione La produzione di monete Usa si è fermata due volte per mancanza di lingotti fisici La diffusione della cultura dell'investimento in Oro è ancora molto bassa in particolare in Italia: siamo solo agli inizi 39

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 27 Settembre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro E opinione diffusa tra gli specialisti del mercato che il recente e brusco calo nei corsi dell Oro, e di tutto il comparto

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 25 Ottobre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 25 Ottobre 2011. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. Sintesi sul recente storno della quotazione dell Oro E opinione diffusa tra gli specialisti del mercato che il recente e brusco calo nei corsi dell Oro, e di tutto il comparto

Dettagli

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 15 Novembre 2011. Sintesi sul trend attuale dell Oro

Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 15 Novembre 2011. Sintesi sul trend attuale dell Oro Ufficio Studi BMPI S.p.A. BMPI - Market flash report 15 Novembre 2011 Sintesi sul trend attuale dell Oro L Oro continua il suo attuale trend di consolidamento tra i 1750$ OZ e i 1800$ OZ che hanno caratterizzato

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 18 Le crisi valutarie Hill, cap. 11, molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO 1 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento 2 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento Cos e il risparmio? Differenza tra totale entrate e uscite

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020

CAPITAL. Debiti sovrani nel 2020 K CAPITAL Debiti sovrani nel 2020 Debiti sovrani nel 2020 I rischi non sono necessariamente dove si pensa Dopo la crisi del 2008, le economie dei paesi sviluppati e di quelli emergenti hanno cominciato

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

UBS Gold Key Per trarre vantaggio dalle oscillazioni dell oro.

UBS Gold Key Per trarre vantaggio dalle oscillazioni dell oro. UBS Gold Key Per trarre vantaggio dalle oscillazioni dell oro. Protezione del capitale Ottimizzazione del rendimento Certificati Prodotti con effetto leva Puntate dritti all oro. Con UBS Gold Key gestite

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008

Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 LA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI Rotary Milano Giardini, 22 settembre 2008 1 I Titoli della CRISI 2 1 I titoli internazionali della Crisi 3 I titoli internazionali della Crisi 4 2 I Numeri della Crisi Perdite

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA. Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi 46 BASICS

OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA. Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi 46 BASICS 46 BASICS INVESTORS supplemento Salone del Risparmio 2015 OBBLIGAZIONI: AI CONFINI DELLA REALTÀ FINANZIARIA Il 16% dei titoli di stato mondiali offre rendimenti negativi Il problema principale che abbiamo

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Racconto di Due Città Giugno 2012

Racconto di Due Città Giugno 2012 Racconto di Due Città Giugno 2012 Oggi l attenzione degli investitori è concentrata sulla Grecia e sulla crisi dell'euro, con l'idea che occorre star fuori da questi pericoli e nascondersi in altre aree

Dettagli

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva

Info finanza. e previdenza. Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Allianz Suisse Casella postale 8010 Zurigo www.allianz-suisse.ch Info finanza 01 YDPPR267I e previdenza Edizione 01 / Marzo 2013 ECCEDENZE LPP Anche nel 2013 interessante remunerazione complessiva Senza

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp.

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. Finanza Aziendale Internazionale I Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 A) Il sistema monetario internazionale e la finanza aziendale

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso?

Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? Il QE2 sta finendo, cosa dobbiamo aspettarci adesso? 22 maggio, 2011 Cosa dice la Fed in merito alle possibilità future del dopo QE2? Ben Bernanke e la Federal Reserve hanno solo poco più di un mese prima

Dettagli

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale

Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Crisi dell Eurozona ed effetti sui mercati energetici: un approccio globale Ruggero de Rossi Partner, Chief Investment Officer Tandem Global Partners, New York Master SAFE Roma, 27 Gennaio 2012 Cause della

Dettagli

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015

Investment Insight. Il segmento High Yield in Europa nel 2016. Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Investment Insight Dal team European High Yield di AXA IM Dicembre 2015 Il segmento High Yield in Europa nel 2016 I mercati continuano ad essere nervosi a fine 2015, a causa di una serie di eventi risk-off.

Dettagli

Conviene ancora investire in Oro?

Conviene ancora investire in Oro? Conviene ancora investire in Oro? Il rallentamento cinese, la crisi in Europa, la forza del dollaro e, da ultimo, le recenti affermazioni del Governatore americano hanno contribuito alla progressiva diminuzione

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti

Banca nazionale e politica monetaria Fondazione e compiti. 1.3 Altri compiti Fondazione e compiti 1.3 Altri compiti In qualità di banca della Confederazione, la Banca nazionale svolge inoltre i seguenti compiti: si occupa dei pagamenti per la Confederazione amministra i titoli

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO

SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO SODDISFARE LE ESIGENZE DI REDDITO Amplia la ricerca di reddito Generare reddito è uno dei motivi principali per cui investire sui mercati finanziari. Che tu stia risparmiando per una vacanza o per pagare

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria sull uso dell oro come bene rifugio e come garanzia per i prestiti personali

L impatto della crisi finanziaria sull uso dell oro come bene rifugio e come garanzia per i prestiti personali Dipartimento di Economia e Finanza Cattedra: Fixed Income, Credit and Commodities Markets L impatto della crisi finanziaria sull uso dell oro come bene rifugio e come garanzia per i prestiti personali

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

CORSO BASE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA

CORSO BASE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA 1 CORSO BASE DI EDUCAZIONE FINANZIARIA 2 CAPITOLO I Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento 3 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento Cos e il risparmio? Differenza tra totale

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli

Santander Private Banking Italia

Santander Private Banking Italia Presentazione commerciale Settembre 2010 Italia Presentazione a A.N.P.E.C. 1 Presentación del Banco Messaggio pubblicitario con finalità promozionali Una banca di cui fidarsi* > Sono molte le ragioni per

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE

FONDITALIA. Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE FONDITALIA Fondo Comune d Investimento Lussemburghese a Compartimenti Multipli ADDENDUM AL PROSPETTO E AL REGOLAMENTO DI GESTIONE Questo addendum del 23 maggio 2016 fa parte del Prospetto e del Regolamento

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione c è una rotta fuori dai porti sicuri? Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione Giovanni Landi, Senior Partner Anthilia Capital Partners Anthilia Capital Partners

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli